Sei sulla pagina 1di 334

N.

VOLUME TO1R7-I-00

ZX classe 110 -3 • 120 -3 • 135US -3


Manuale Tecnico
Principio di funzionamento

ESCAVATORE IDRAULICO
ZX
Classe 110-3

MANUALE TECNICO
110-3 •110M-3
Classe 120-3

PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO
120K-3 •130K-3 •130L-3
Classe 135US-3
Hitachi Construction Machinery
URL: http://www.hitachi-c-m.com
135US-3 •135USK-3 •135USL-3
Escavatore idraulico
TO1R7-I-00

Il Manuale di manutenzione è composto dal seguente N. parte separato


Manuale Tecnico (Principio di funzionamento) : Vol. N. TO1R7-I
Manuale Tecnico (Risoluzione dei problemi) : Vol. N. TT1R7-I
PRINTED IN EUROPE (YE) 2008.03 Manuale dell’officina (Manuale d’officina solo in inglese) : Vol. N. W1R7-E
INTRODUZIONE

PER IL LETTORE
• Questo manuale è destinato a tecnici esperti ed è • Per quesiti o commenti, o in caso di identificazione
stato scritto per fornire le informazioni tecniche di errori nel contenuto del manuale, utilizzare il
necessarie per la manutenzione e la riparazione “Modulo di richiesta revisione manuale di
della macchina. manutenzione” al fondo del manuale e inviarlo
all’indirizzo riportato di seguito.
• Leggere il manuale per intero al fine di apprendere (Nota: Non strappare la pagina del modulo. Per
le informazioni sul prodotto e le procedure corrette utilizzarla, farne delle fotocopie):
di manutenzione. Publications Marketing & Product Support
Hitachi Construction Machinery Co. Ltd.
TEL: 81-29-832-7084
FAX: 81-29-831-1162
E-mail: dc@hitachi-kenki.com

ULTERIORE MATERIALE
DI CONSULTAZIONE
• Oltre al presente manuale, si prega di consultare gli
altri materiali (manuale dell’operatore, catalogo
ricambi, documentazione tecnica relativa al motore,
materiale di addestramento Hitachi, ecc.).

COMPOSIZIONE DEL MANUALE


• Il presente manuale è composto dal Manuale tecnico • Il Manuale d’officina tratta i seguenti aspetti:
e dal Manuale d’officina. informazioni tecniche necessarie per la
manutenzione e riparazione della macchina,
• Il Manuale tecnico tratta i seguenti aspetti: attrezzi e dispositivi necessari per la manutenzione
informazioni tecniche necessarie per la e riparazione, standard di manutenzione e
riconsegna e la consegna, il funzionamento e procedure di rimozione/installazione e montaggio/
l’attivazione di tutti i dispositivi e impianti, le smontaggio.
verifiche delle prestazioni operative e le procedure
di ricerca guasti.

NUMERI DI PAGINA
• Ciascuna pagina dispone di un numero, situato in
basso al centro sulla pagina, e ogni numero contiene
le seguenti informazioni:

Esempio: T 1-3-5

Numeri di pagina progressivi per ciascun gruppo


Numero gruppo
Numero sezione
T: Manuale tecnico W: Manuale d’officina

IN-01
INTRODUZIONE

SIMBOLO INDICANTE LE AVVERTENZE


DI SICUREZZA E NOTE DI INTESTAZIONE
In questo manuale vengono usati il seguente simbolo • ATTENZIONE:
indicante le AVVERTENZE DI SICUREZZA e le indica una situazione potenzialmente pericolosa che,
seguenti diciture riportate sulla segnaletica di sicurezza se non evitata, può comportare lesioni personali
per richiamare l’attenzione del lettore sul rischio di o addirittura il decesso.
lesioni personali o danni alla macchina.
• IMPORTANTE:
Questo è il simbolo indicante le AVVERTENZE DI indica una situazione che, se non si seguono
SICUREZZA. Esso indica il rischio di lesioni personali. le istruzioni, può provocare danni alla macchina.
Seguire sempre le istruzioni di sicurezza che
accompagnano il simbolo indicante le AVVERTENZE • NOTA:
DI SICUREZZA. indica informazioni tecniche supplementari o di know-
Il simbolo indicante le AVVERTENZE DI SICUREZZA how.
viene utilizzato anche per richiamare l’attenzione sul
peso di componenti/parti.
Per evitare lesioni e danni, adottare tecniche e
dispositivi adeguati per il sollevamento di parti pesanti.

UNITÀ DI MISURA USATE


• In questo manuale vengono utilizzate unità di misura Esempio: 24,5 MPa (250 kgf/cm2)
del sistema SI (International System of Units).
Subito dopo le unità di misura del sistema SI A titolo di riferimento, di seguito è riportata una
vengono riportate tra parentesi anche le unità del tabella per la conversione di unità SI in unità di altri
sistema MKSA. sistemi.

Conversione Fattore di Conversione Fattore di


Quantità In Quantità In
da conversione da conversione
Lunghezza mm in (pollici) 0,03937 Pressione MPa kgf/cm2 10,197
mm ft (piedi) 0,003281 MPa psi 145,0
Volume US gal 0,2642 Potenza 1,360
L (galloni kW PS
USA)
US qt (quarti 1,057 1,341
L kW HP
USA)
m3 yd3 (iarde 1,308 Temperatura
°C °F
°C×1,8+32
cubiche)
Peso 2,205 Velocità mph 0,6214
kg lb (libbre) km/h
(miglia/h)
Forza N kgf 0,10197 min-1 giri/min 1,0
0,2248 Portata US gpm 0,2642
lbf (libbre-
N L/min (galloni
forza)
USA/min)
Coppia N·m kgf·m 1,0197 mL/giro cc/giro 1,0
lbf·ft (libbre- 0,7375
N·m
forza piede)

IN-02
SEZIONE 1 GENERALE
INDICE SEZIONI E GRUPPI
Gruppo 1 Specifiche
Gruppo 2 Disposizione dei componenti
Gruppo 3 Specifiche dei componenti
SEZIONE 2 SISTEMA
Gruppo 1 Dispositivo di comando
MANUALE TECNICO
Gruppo 2 Sistema di comando
(Principio di
funzionamento) Gruppo 3 Sistema ECM
Gruppo 4 Impianto idraulico
Gruppo 5 Impianto elettrico
SEZIONE 3 FUNZIONAMENTO
COMPONENTE
Gruppo 1 Dispositivo pompa
Gruppo 2 Dispositivo di rotazione
Gruppo 3 Distributore
Gruppo 4 Valvola pilota
Gruppo 5 Dispositivo di traslazione
Gruppo 6 Valvola controllo segnale
Gruppo 7 Altro (Torretta)
Gruppo 8 Altro (Sottocarro)
Tutte le informazioni, le figure e le MANUALE TECNICO (Ricerca guasti)
specifiche contenute in questo manuale
SEZIONE 4 VERIFICA DELLE SEZIONE 5 RICERCA GUASTI
si basano sulle informazioni più recenti PRESTAZIONI Gruppo 1 Procedura diagnostica
sul prodotto disponibili al momento della OPERATIVE Gruppo 2 Unità monitor
pubblicazione. La Casa si riserva il diritto Gruppo 1 Introduzione Gruppo 3 Dr. ZX
Gruppo 2 Standard Gruppo 4 Pala elettronica
di apportare modifiche in qualunque Gruppo 3 Verifica motore Gruppo 5 Disposizione
momento senza preavviso. Gruppo 4 Verifica dell’escavatore dei componenti
Gruppo 5 Verifica componenti Gruppo 6 Ricerca guasti A
Gruppo 6 Regolazione Gruppo 7 Ricerca guasti B
Gruppo 8 Controllo impianto elettrico

COPYRIGHT (C) 2007


Hitachi Construction Machinery Co., Ltd.
Tokyo, Giappone
Tutti i diritti riservati
MANUALE D’OFFICINA
SEZIONE 1 INFORMAZIONI SEZIONE 3 SOTTOSTRUTTURA
GENERALI Gruppo 1 Cuscinetto volvente
Gruppo 1 Precauzioni per lo smontaggio Gruppo 2 Dispositivo di traslazione
e il montaggio Gruppo 3 Giunto centrale
Gruppo 2 Coppia di serraggio Gruppo 4 Dispositivo di regolazione cingoli
Gruppo 3 Verniciatura Gruppo 5 Tendicingolo anteriore
Gruppo 4 Spurgo aria dal serbatoio Gruppo 6 Rullo superiore e inferiore
olio idraulico Gruppo 7 Cingolo
SEZIONE 2 TORRETTA SEZIONE 4 ATTREZZO ANTERIORE
Gruppo 1 Cabina Gruppo 1 Attrezzo anteriore
Gruppo 2 Contrappeso Gruppo 2 Cilindro
Gruppo 3 Telaio principale
Gruppo 4 Dispositivo pompa
Gruppo 5 Distributore
Gruppo 6 Dispositivo di rotazione
Gruppo 7 Valvola pilota
Gruppo 8 Elettrovalvola di neutralizza-
zione circuito di pilotaggio
Gruppo 9 Valvola controllo segnale
Gruppo 10 Gruppo elettrovalvola a 2
bobine
Gruppo 11 Motore
SEZIONE 1
GENERALE

INDICE
Gruppo 1 Specifiche
Specifiche......................................................... T1-1-1
Gamme di esercizio (Pattini a costole)............. T1-1-5

Gruppo 2 Disposizione dei componenti


Componente principale .................................... T1-2-1
Impianto elettrico (Panoramica) ....................... T1-2-3
Impianto elettrico (In cabina)............................ T1-2-5
Impianto elettrico (Supporto posteriore)........... T1-2-7
Impianto elettrico (Quadro comandi)................ T1-2-9
Impianto elettrico (Relè) ................................. T1-2-10
Motore .............................................................T1-2-11
Dispositivo pompa.......................................... T1-2-12
Dispositivo di rotazione .................................. T1-2-13
Valvola controllo segnale ............................... T1-2-13
Distributore..................................................... T1-2-13
Gruppo elettrovalvola a 2 bobine ................... T1-2-13
Dispositivo di traslazione................................ T1-2-14
Valvola controllo lama (Opzionale)................. T1-2-14

Gruppo 3 Specifiche dei componenti


Motore .............................................................. T1-3-1
Accessori motore ............................................. T1-3-4
Componente idraulico ...................................... T1-3-5
Componenti elettrici ......................................... T1-3-9

1R7T-1-1
(Pagina vuota)

1R7T-1-2
GENERALE / Specifiche

SPECIFICHE
ZX110-3, 110M-3

Modello ZX110-3 ZX110M-3


Tipo di attrezzo anteriore Braccio di penetrazione da 2,26 m
Capacità benna (a colmo) PCSA 0,45 m3, CECE 0,4 m3
Peso operativo 10.900 kg 13.100 kg
Peso macchina base 8.400 kg 10.700 kg
ISUZU AJ-4JJ1XYSA-03 66 kW/1.800 min-1 (90 PS/1.800 giri/min.)
Motore
(Modalità HP: 69 kW/2.000 min-1 (94 PS/2.000 giri/min.))
A: Larghezza complessiva
2.490 mm 2.690 mm
(Specchi retrovisori esclusi)
B: Altezza cabina 2.740 mm 2.950 mm
C: Raggio di rotazione posteriore 2.130 mm
D: Distanza minima da terra * 440 mm * 595
E: Distanza contrappeso * 890 mm * 1.100
F: Altezza carter motore * 2.050 mm * 2.260
G:Larghezza complessiva torretta 2.460 mm
H: Lunghezza sottocarro 3.340 mm 3.790 mm
I: Larghezza sottocarro 2.490 mm 2.690 mm
J: Da centro ingranaggio a centro
2.620 mm 2.990 mm
ingranaggio folle
500 mm 700 mm
K: Larghezza pattini cingoli
(Pattini a costole) (Pattini a costole)
Pressione al suolo 37 kPa (0,38 kgf/cm2) 28 kPa (0,29 kgf/cm2)
Velocità di rotazione 13,9 min-1 (giri/min.)
Velocità di traslazione
5,5/3,6 km/h 4,2/2,4 km/h
(rapida/lenta)
Pendenza massima superabile 35° (tanθ = 0,70)

NOTA: “*” Le dimensioni non comprendono l’altezza delle costole dei pattini.

T1-1-1
GENERALE / Specifiche

ZX120-3, 130K-3, 130L-3

ZX130K-3
Modello ZX 120-3 Qualità ZX130L-3
Standard
superiore
2,52 m
2,52 m
2,52 m Braccio
Tipo di attrezzo anteriore Braccio
Braccio K di penetrazione
di penetrazione
rinforzato
Capacità benna (a colmo) PCSA 0,5 m3, CECE 0,45 m3
Peso operativo 12.100 kg 12.600 kg 13.100 kg 13.800 kg
Peso macchina base 9.400 kg 9.700 kg 10.200 kg 11.100 kg
Motore ISUZU AJ-4JJ1XYSA-03 66 kW/1.800 min-1 (90 PS/1.800 giri/min.)
(Modalità HP: 69 kW/2.000 min-1 (94 PS/2.000 giri/min.))
A: Larghezza complessiva
2.490 mm
(Specchi retrovisori esclusi)
B: Altezza cabina 2.740 mm 2.870 mm 2.950 mm
C: Raggio di rotazione posteriore 2.130 mm
D: Distanza minima da terra * 440 mm * 595
E: Distanza contrappeso * 890 mm * 1.100
F: Altezza carter motore * 2.050 mm * 2.260
G:Larghezza complessiva torretta 2.460 mm
H: Lunghezza sottocarro 3.580 mm 3.790
I: Larghezza sottocarro 2.490 mm
J: Da centro ingranaggio a centro
2.880 mm 2.990
ingranaggio folle
K: Larghezza pattini cingoli 500 mm (Pattini a costole)
38 kPa 39 kPa 41 kPa 41 kPa
Pressione al suolo
(0,39 kgf/cm2) (0,40 kgf/cm2) (0,42 kgf/cm2) (0,42 kgf/cm2)
Velocità di rotazione 13,7 min-1 (giri/min.)
Velocità di traslazione
5,5/3,4 km/h 4,9/2,7 km/h
(rapida/lenta)
Pendenza massima superabile 35° (tanθ = 0,70)

NOTA: “*” Le dimensioni non comprendono l’altezza delle costole dei pattini.

T1-1-2
GENERALE / Specifiche

ZX135US-3, 135USK-3

Modello ZX135US-3 ZX135USK-3


Tipo di attrezzo anteriore Braccio di penetrazione da 2,52 m Braccio K da 2,52 m
Capacità benna (a colmo) PCSA 0,50 m3, CECE 0,45 m3
Peso operativo 13.400 kg 14.600 kg
Peso macchina base 10.800 kg 11.800 kg
Motore ISUZU AJ-4JJ1XYSA-03 66 kW/1.800 min-1 (90 PS/1.800 giri/min.)
(Modalità HP: 69 kW/2.000 min-1 (94 PS/2.000 giri/min.))
A: Larghezza complessiva
2.500 mm
(Specchi retrovisori esclusi)
B: Altezza cabina 2.740 mm 2.820 mm
C: Raggio di rotazione posteriore 1.480 mm 1.530 mm
D: Distanza minima da terra * 440 mm
E: Distanza contrappeso * 860 mm
F: Altezza carter motore * 2.100 mm
G:Larghezza complessiva torretta 2.480 mm
H: Lunghezza sottocarro 3.580 mm
I: Larghezza sottocarro 2.490 mm
J: Da centro ingranaggio a centro
2.880 mm
ingranaggio folle
500 mm
K: Larghezza pattini cingoli
(Pattini a costole)
Pressione al suolo 42 kPa (0,43 kgf/cm2) 46 kPa (0,47 kgf/cm2)
Velocità di rotazione 13,7 min-1 (giri/min.)
Velocità di traslazione
5,5/3,3 km/h
(rapida/lenta)
Pendenza massima superabile 35° (tanθ = 0,70)

NOTA: “*” Le dimensioni non comprendono l’altezza delle costole dei pattini.

T1-1-3
GENERALE / Specifiche

ZX135USL-3

Modello ZX135USL-3
Tipo di attrezzo anteriore Braccio di penetrazione rinforzato da 2,52 m
Capacità benna (a colmo) PCSA 0,50 m3, CECE 0,45 m3
Peso operativo 15.000 kg
Peso macchina base 12.300 kg
Motore ISUZU AJ-4JJ1XYSA-03 66 kW/1.800 min-1 (90 PS/1.800 giri/min.)
(Modalità HP: 69 kW/2.000 min-1 (94 PS/2.000 giri/min.))
A: Larghezza complessiva
2.500 mm
(Specchi retrovisori esclusi)
B: Altezza cabina 2.950 mm
C: Raggio di rotazione posteriore 1.480 mm
D: Distanza minima da terra * 595 mm
E: Distanza contrappeso * 1.060 mm
F: Altezza carter motore * 2.300 mm
G:Larghezza complessiva torretta 2.480 mm
H: Lunghezza sottocarro 3.790 mm
I: Larghezza sottocarro 2.490 mm
J: Da centro ingranaggio a centro
2.990 mm
ingranaggio folle
500 mm
K: Larghezza pattini cingoli
(Pattini a costole)
Pressione al suolo 45 kPa (0,46 kgf/cm2)
Velocità di rotazione 13,7 min-1 (giri/min.)
Velocità di traslazione
4,9/2,7 km/h
(rapida/lenta)
Pendenza massima superabile 35° (tanq = 0,70)

NOTA: “*” Le dimensioni non comprendono l’altezza delle costole dei pattini.

T1-1-4
GENERALE / Specifiche

GAMME DI ESERCIZIO
(PATTINI A COSTOLE)
ZX110-3

Terna Pala

Modello ZX110-3
Categoria Braccio di penetrazione Braccio di penetrazione Braccio di penetrazione
da 1,96 m da 2,26 m da 2,81 m
Voce Terna Pala Terna Pala Terna Pala
A: Sbraccio massimo
7.490 7.640 7.760 7.910 8.240 8.390
mm
B: Profondità massima
4.780 4.930 5.080 5.230 5.630 5.780
di scavo mm
C: Altezza massima
7.940 8.140 8.110 8.310 8.360 8.570
di taglio mm
D: Altezza massima
5.530 5.620 5.700 5.800 5.960 6.060
di scarico mm
E: Altezza
2.740 2.740 2.740 2.740 2.740 2.740
di trasporto mm
F: Lunghezza
complessiva 7.280 7.280 7.280 7.280 7.300 7.300
di trasporto mm
G:Raggio di rotazione
2.370 2.370 2.400 2.400 2.660 2.660
minimo mm

NOTA: Le dimensioni non comprendono l’altezza delle costole dei pattini (eccetto la voce E).

T1-1-5
GENERALE / Specifiche

ZX110M-3

Terna Pala

Modello ZX110-3
Categoria Braccio di penetrazione Braccio di penetrazione Braccio di penetrazione
da 1,96 m da 2,26 m da 2,81 m
Voce Terna Pala Terna Pala Terna Pala
A: Sbraccio massimo
7.490 7.640 7.760 7.910 8.240 8.390
mm
B: Profondità massima
4.580 4.730 4.880 5.020 5.430 5.570
di scavo mm
C: Altezza massima
8.140 8.340 8.320 8.520 8.570 8.770
di taglio mm
D: Altezza massima
5.730 5.820 5.910 6.010 6.170 6.260
di scarico mm
E: Altezza
2.950 2.950 2.950 2.950 2.950 2.950
di trasporto mm
F: Lunghezza
complessiva 7.260 7.260 7.260 7.260 7.280 7.280
di trasporto mm
G:Raggio di rotazione
2.370 2.370 2.400 2.400 2.660 2.660
minimo mm

NOTA: Le dimensioni non comprendono l’altezza delle costole dei pattini (eccetto la voce E).

T1-1-6
GENERALE / Specifiche

ZX120-3

Terna Pala

Modello ZX110-3
Categoria Braccio di penetrazione Braccio di penetrazione Braccio di penetrazione
da 2,10 m da 2,52 m da 3,01 m
Voce Terna Pala Terna Pala Terna Pala
A: Sbraccio massimo
7.960 8.110 8.320 8.460 8.790 8.920
mm
B: Profondità massima
5.150 5.300 5.570 5.710 6.060 6.200
di scavo mm
C: Altezza massima
8.370 8.560 8.570 8.770 8.900 9.100
di taglio mm
D: Altezza massima
5.960 6.080 6.160 6.250 6.490 6.570
di scarico mm
E: Altezza
2.740 2.740 2.740
di trasporto mm
F: Lunghezza
complessiva 7.660 7.650 7.660 7.670
di trasporto mm
G:Raggio di rotazione
2.370 2.390 2.640
minimo mm

NOTA: Le dimensioni non comprendono l’altezza delle costole dei pattini (eccetto la voce E).

T1-1-7
GENERALE / Specifiche

ZX130K-3, 130L-3

Terna Pala

Modello ZX130K-3 ZX130L-3


Categoria Braccio di penetrazione rinforzato
Braccio K da 2,52 m
da 2,52 m
Voce Terna Pala Terna Pala
A: Sbraccio massimo
8.320 8.460 8.320 8.460
mm
B: Profondità massima
5.570 5.710 5.360 5.500
di scavo mm
C: Altezza massima
8.570 8.770 8.780 8.980
di taglio mm
D: Altezza massima
6.160 6.250 6.370 6.460
di scarico mm
E: Altezza Standard 2.740
2.950
di trasporto mm Qualità superiore 2.870
F: Lunghezza
complessiva 7.660 7.660
di trasporto mm
G:Raggio di rotazione
2.390 2.390
minimo mm

NOTA: Le dimensioni non comprendono l’altezza delle costole dei pattini (eccetto la voce E).

T1-1-8
GENERALE / Specifiche

ZX135US-3

Terna Pala

Modello ZX110-3
Categoria Braccio di penetrazione Braccio di penetrazione Braccio di penetrazione
da 2,10 m da 2,52 m da 3,01 m
Voce Terna Pala Terna Pala Terna Pala
A: Sbraccio massimo
8.020 8.170 8.380 8.530 8.850 9.000
mm
B: Profondità massima
5.120 5.260 5.530 5.680 6.020 6.170
di scavo mm
C: Altezza massima
8.960 9.110 9.240 9.390 9.630 9.790
di taglio mm
D: Altezza massima
6.500 6.810 6.780 7.060 7.180 7.440
di scarico mm
E: Altezza
2.780 2.780 2.780
di trasporto mm
F: Lunghezza
complessiva 7.360 7.370 7.370 7.380
di trasporto mm
G:Raggio di rotazione
1.990 2.100 2.440
minimo mm

NOTA: Le dimensioni non comprendono l’altezza delle costole dei pattini (eccetto la voce E).

T1-1-9
GENERALE / Specifiche

ZX135USK-3, 135USL-3

Terna Pala

Modello ZX130K-3 ZX130L-3


Categoria Braccio di penetrazione rinforzato
Braccio K da 2,52 m
da 2,52 m
Voce Terna Pala Terna Pala
A: Sbraccio massimo
8.380 8.530 8.380 8.530
mm
B: Profondità massima
5.530 5.680 5.330 5.480
di scavo mm
C: Altezza massima
9.240 9.390 9.440 9.590
di taglio mm
D: Altezza massima
6.780 7.060 6.980 7.260
di scarico mm
E: Altezza
2.870 2.950
di trasporto mm
F: Lunghezza
complessiva 7.370 7.470
di trasporto mm
G:Raggio di rotazione
2.100 2.100
minimo mm

NOTA: Le dimensioni non comprendono l’altezza delle costole dei pattini (eccetto la voce E).

T1-1-10
GENERALE / Disposizione dei componenti

COMPONENTE PRINCIPALE
Classe ZX110-3, classe 120-3

1 - Cilindro benna 8 - Gruppo elettrovalvola a 2 15 - Radiatore 21 - Filtro aria


bobine
2 - Cilindro braccio 9 - Serbatoio olio idraulico 16 - Batteria 22 - Giunto centrale
di penetrazione
3 - Cilindro braccio 10 - Filtro / Valvola di sicurezza 17 - Dispositivo di traslazione 23 - Dispositivo di regolazione
di sollevamento circuito di pilotaggio cingoli
4 - Cuscinetto volvente 11 - Dispositivo pompa 18 - Radiatore combustibile 24 - Elettrovalvola di neutralizza-
zione circuito di pilotaggio
5 - Dispositivo di rotazione 12 - Motore 19 - Radiatore olio 25 - Valvola pilota traslazione
6 - Serbatoio combustibile 13 - Intercooler 20 - Valvola controllo segnale 26 - Valvola pilota attrezzo
anteriore / rotazione
7 - Distributore 14 - Condensatore climatizzatore

T1-2-1
GENERALE / Disposizione dei componenti

Classe ZX135US-3

1 - Cilindro benna 7 - Serbatoio combustibile 13 - Intercooler 18 - Filtro aria


2 - Cilindro braccio 8 - Serbatoio olio idraulico 14 - Condensatore climatizzatore 19 - Radiatore olio
di penetrazione
3 - Cilindro braccio 9 - Dispositivo di rotazione 15 - Radiatore 20 - Valvola pilota attrezzo
di sollevamento anteriore / rotazione
4 - Valvola controllo segnale 10 - Dispositivo pompa 16 - Batteria 21 - Elettrovalvola di neutralizza-
zione circuito di pilotaggio
5 - Gruppo elettrovalvola 11 - Motore 17 - Radiatore combustibile 22 - Valvola pilota traslazione
a 2 bobine
6 - Distributore 12 - Giunto centrale

T1-2-2
GENERALE / Disposizione dei componenti

IMPIANTO ELETTRICO (PANORAMICA)


Classe ZX110-3, classe 120-3

Relè (Vedere
T1-2-10.)

1 - Sensore combustibile 6 - Antenna di comunicazione 10 - Sensore temperatura aria 14 - Motorino tergicristalli


aspirata
2 - Sensore temperatura olio 7 - Batteria 11 - ECM 15 - Unità monitor
idraulico
3 - Gruppo elettrovalvola 8 - Antenna GPS (Sistema di 12 - Sensore pressione 16 - Avvisatore acustico
a 2 bobine posizionamento globale) atmosferica
4 - Pompa elettrovalvola 9 - Interruttore filtro aria ostruito 13 - Elettrovalvola di neutralizza- 17 - Luce di lavoro
zione circuito di pilotaggio
5 - Telecamera vista posteriore

T1-2-3
GENERALE / Disposizione dei componenti

Classe ZX135US-3

Relè (Vedere
T1-2-10.)

1 - Gruppo elettrovalvola 6 - Telecamera vista posteriore 11 - Batteria 15 - Motorino tergicristalli


a 2 bobine
2 - Sensore combustibile 7 - Antenna di comunicazione 12 - ECM 16 - Unità monitor
3 - Sensore temperatura olio 8 - Antenna GPS (Sistema di 13 - MC 17 - Avvisatore acustico
idraulico posizionamento globale)
4 - Pompa elettrovalvola 9 - Interruttore filtro aria ostruito 14 - Elettrovalvola di neutralizza- 18 - Luce di lavoro
zione circuito di pilotaggio
5 - Sensore pressione 10 - Sensore temperatura aria
atmosferica aspirata

T1-2-4
GENERALE / Disposizione dei componenti

IMPIANTO ELETTRICO (IN CABINA)


Classe ZX110-3, classe 120-3
Supporto posteriore
(Vedere T1-2-7.)

Quadro comandi
(Vedere T1-2-9.)

1 - Interruttore di arresto motore 2 - Radio

T1-2-5
GENERALE / Disposizione dei componenti

Classe ZX135US-3
Supporto posteriore
(Vedere T1-2-8.)

Quadro comandi
(Vedere T1-2-9.)

1 - Interruttore di arresto motore 2 - Radio

T1-2-6
GENERALE / Disposizione dei componenti

IMPIANTO ELETTRICO
(SUPPORTO POSTERIORE)
Classe ZX110-3, classe 120-3

1 - MC (Dispositivo di comando 6 - Relè sicurezza (R5) 11 - Relè di neutralizzazione 16 - Relè luci 2 (R8)
principale) circuito di pilotaggio (R12)
2 - Scatola fusibili 7 - Relè di esclusione motorino 12 - Relè scarico (R1) 17 - Relè principale ECM (Modu-
di avviamento (R4) lo comando motore) (R14)
3 - Connettore Dr. ZX (Connet- 8 - Relè OFF (Climatizzatore) 13 - Relè tergicristalli (R6) 18 - Relè lavacristalli (R9)
tore a scaricamento a funzio- (R12)
namento combinato)
4 - ICF (Dispositivo di comando 9 - Relè avvisatore acustico 14 - Relè luci 1 (R7) 19 - Relè avvisatore acustico
informazioni) di sicurezza (R3) (R10)
5 - Terminale di telecomunica- 10 - Relè climatizzatore (R11) 15 - Relè MAX HI
zione via satellite (Opzionale) (Climatizzatore) (R13)

T1-2-7
GENERALE / Disposizione dei componenti

Classe ZX135US-3

1 - Terminale di telecomunica- 6 - Relè luci 1 (R7) 11 - Relè avvisatore acustico 15 - Relè avvisatore acustico
zione via satellite (Opzionale) (R10) di sicurezza (R3)
2 - Connettore Dr. ZX 7 - Relè MAX HI 12 - Relè sicurezza (R5) 16 - Relè climatizzatore (R11)
(Connettore a scaricamento (Climatizzatore) (R13)
a funzionamento combinato)
3 - Scatola fusibili 8 - Relè luci 2 (R8) 13 - Relè di esclusione motorino 17 - Relè di neutralizzazione
di avviamento (R4) circuito di pilotaggio (R2)
4 - ICF (Dispositivo di comando 9 - Relè principale ECM 14 - Relè OFF (Climatizzatore) 18 - Relè scarico (R1)
informazioni) (Modulo comando motore) (R12)
(R14)
5 - Relè tergicristalli (R6) 10 - Relè lavacristalli (R9)

T1-2-8
GENERALE / Disposizione dei componenti

IMPIANTO ELETTRICO
(QUADRO COMANDI)

1 - Interruttore tergicristalli / 4 - Interruttore regime minimo 6 - Selettore modalità 8 - Interruttore lavacristalli


lavacristalli automatico traslazione tettuccio (Opzionale)
2 - Selettore luci di lavoro 5 - Selettore modalità regime 7 - Commutatore di avviamento 9 - Interruttore tergicristalli
motore tettuccio (Opzionale)
3 - Selettore di regolazione
regime motore

T1-2-9
GENERALE / Disposizione dei componenti

IMPIANTO ELETTRICO (RELÈ)

1 - Batteria 3 - Collegamento fusibile (45 A) 5 - Sensore temperatura aria 7 - Relè candela


esterna a incandescenza
2 - Collegamento fusibile (65 A) 4 - Relè batteria 6 - Relè motorino di avviamento

T1-2-10
GENERALE / Disposizione dei componenti

MOTORE

1 - Valvola EGR (Ricircolo 5 - Interruttore surriscaldamento 8 - Sensore temperatura 11 - Sensore pressione olio
dei gas di scarico) di sovralimentazione idraulico
2 - Candela a incandescenza 6 - Iniettore 9 - Sensore pressione Common 12 - Sensore temperatura
Rail combustibile
3 - Sensore angolo eccentrico 7 - Sensore pressione 10 - Sensore velocità albero 13 - Attuatore pompa
di sovralimentazione motore alimentazione
4 - Sensore temperatura liquido
refrigerante

T1-2-11
GENERALE / Disposizione dei componenti

DISPOSITIVO POMPA

Pompa lama (Opzionale)

1 - Pompa circuito di pilotaggio 4 - Sensore pressione di 7 - Sensore pressione 9 - Sensore pressione


comando pompa 1 di comando pompa 2 di mandata pompa 1
2 - Pompa 2 5 - Elettrovalvola comando 8 - Sensore pressione 10 - Pompa lama (Opzionale)
coppia di mandata pompa 2
3 - Pompa 1 6 - Elettrovalvola comando di
limitazione portata massima
pompa 2

T1-2-12
GENERALE / Disposizione dei componenti

DISPOSITIVO DI ROTAZIONE DISTRIBUTORE

VALVOLA CONTROLLO SEGNALE GRUPPO ELETTROVALVOLA A 2 BOBINE

1 - Sensore pressione 4 - Valvola di sicurezza 6 - Sensore pressione 8 - Gruppo elettrovalvola (SC)


(Attrezzo anteriore) principale (Rotazione)
2 - Valvola di sicurezza 5 - Sensore pressione 7 - Sensore pressione 9 - Gruppo elettrovalvola (SI)
rotazione (Sollevamento braccio (Traslazione)
di sollevamento)
3 - Sensore pressione
(Ritrazione braccio
di penetrazione)

T1-2-13
GENERALE / Disposizione dei componenti

DISPOSITIVO DI TRASLAZIONE VALVOLA CONTROLLO LAMA


(OPZIONALE)

1 - Valvola di 2 - Valvola di sicurezza 3 - Valvola limitatrice del


controbilanciamento traslazione sovraccarico (Lama)

T1-2-14
GENERALE / Specifiche dei componenti

MOTORE
Costruttore ...................................................... ISUZU
Modello ........................................................... 4JJ1XYSA-03
Tipo ................................................................. Diesel, 4 tempi, raffreddato ad acqua, valvole in testa, iniezione
diretta, sovralimentato a gas di scarico
N° Cil.- Alesaggio × Corsa .............................. 4-95,4 mm × 104,9 mm
Cilindrata ......................................................... 2.999 cm3
Potenza sviluppata.......................................... 67,5 kW/1.800 min-1 (92 PS/1.800 giri/min.)
Modalità HP: 69,5 kW/2.000 min-1 (94 PS/2.000 giri/min.)
Rapporto di compressione .............................. 17,5
Peso a secco .................................................. 320 kg
Ordine di accensione ...................................... 1-3-4-2
Direzione di rotazione ..................................... Senso orario (Visto dal lato ventola)

IMPIANTO DI RAFFREDDAMENTO
Ventola di raffreddamento ............................... Diam. 650 mm, 5 lame, tipo ad aspirazione, resina sintetica,
con guarnizione ventola e griglia di sicurezza
Rapporto puleggia ventola .............................. Rapporto rotazione comandata da cinghia: 0,87
Termostato ...................................................... Temperatura di intervento a pressione atmosferica: 92 °C
Pompa acqua .................................................. tipo centrifugo

IMPIANTO DI LUBRIFICAZIONE
Tipo pompa di lubrificazione ........................... Pompa a ingranaggi
Filtro olio ......................................................... Tipo ad elemento di carta a flusso completo con by-pass
Radiatore olio.................................................. Tipo integrale raffreddato ad acqua

IMPIANTO DI AVVIAMENTO
Motorino .......................................................... Tipo magnetico a riduzione con pignone
Tensione / Uscita............................................. 24 V / 4 kW

IMPIANTO DI PRERISCALDAMENTO
Metodo di preriscaldamento............................ Candela a incandescenza (Tipo 24V, QOS II)

SISTEMA DI ARRESTO MOTORE


Metodo di arresto ............................................ Interruzione flusso combustibile (Controllo elettronico)

T1-3-1
GENERALE / Specifiche dei componenti

ALTERNATORE
Tipo ................................................................. Tipo CA con regolatore integrato, senza spazzole
Tensione / Uscita............................................. 24 V / 50 A (senza spazzole)

SISTEMA DI SOVRALIMENTAZIONE
Tipo .................................................................... Turbocompressore a gas di scarico tipo RHF5 senza waste gate

IMPIANTO DI ALIMENTAZIONE
Tipo ................................................................. Common Rail tipo HP3
Regolatore ...................................................... Regolazione elettronica di tutti i regimi motore
Ugello iniettore ............................................... Tipo elettrico multiforo

PRESTAZIONI

IMPORTANTE: Questo elenco illustra le specifiche di progettazione, che non sono gli standard di
manutenzione.
Rapporto consumo combustibile..................... 217 g/kW/h (295 g/PS·h) a 69,5 kW /
(a pieno carico: 2.000 min-1)
215 g/kW/h (292 g/PS·h) a 67,5 kW /
(a carico di lavoro: 1.800 min-1)
Coppia uscita massima ................................... 375±19 N·m (38±2 kgf·m)
a circa 1.600 min-1
Pressione di compressione............................. 3 MPa (31 kgf/cm2) a 200 min-1
Gioco valvole (Aspirazione / Scarico) ............. 0,15 / 0,15 mm (a freddo)
Velocità in assenza di carico........................... Bassa: (a pieno carico: 800±20 min-1)
Alta: (a pieno carico: 2.000±20 min-1)
(a carico di lavoro: 1.800±20 min-1)

T1-3-2
GENERALE / Specifiche dei componenti

Curva delle prestazioni motore (4JJ1XYSA-03)

Condizione di verifica: 1. In conformità a JIS D1005 (Metodo di verifica delle prestazioni per motori diesel in
macchinari per costruzioni) a pressione atmosferica standard.
2. Dotazione di ventola e alternatore.

Coppia (N·m)

Uscita
(kW)

Rapporto consumo
combustibile (g/KW·h)

Regime motore min-1 (giri/min.)

T1-3-3
GENERALE / Specifiche dei componenti

ACCESSORI MOTORE
COMPLESSIVO RADIATORE
Tipo ................................................................. Tipo parallelo
Peso................................................................ 42 kg

Radiatore Radiatore olio


Capacità .......................................................... 6,1 L 8,4 L
Pressione di verifica ermeticità ....................... 100 kPa (1,0 kgf/cm2) 1.500 kPa (15 kgf/cm2)
Pressione apertura tappo................................ 49 kPa (0,5 kgf/cm2) –

Intercooler
Capacità .......................................................... 7,5 L
Pressione prova ermeticità ............................. 250 kPa (2,6 kgf/cm2)
Pressione apertura tappo................................ –

RADIATORE COMBUSTIBILE
Peso................................................................ 0,7 kg
Tipo massa radiante........................................ Alette ondulate
Capacità .......................................................... 0,2 L

BATTERIA
Tipo ................................................................. 80D26R-MF
Capacità .......................................................... 55 Ah (5 ore)
Tensione.......................................................... 12 V
Peso................................................................ 17,7 kg × 2

POMPA ELETTROVALVOLA
Numero di fabbricazione del prodotto ............. B6952B-00-00
Tensione nominale .......................................... 24 V CC

T1-3-4
GENERALE / Specifiche dei componenti

COMPONENTE IDRAULICO
POMPA PRINCIPALE
Tipo ................................................................. Pompa a disco oscillante, stantuffo assiale a cilindrata variabile
HPK055AT-RH17A

REGOLATORE
Tipo ................................................................. Azionamento a pressione idraulica

POMPA CIRCUITO DI PILOTAGGIO


Tipo ................................................................. Pompa a ingranaggi a cilindrata fissa

POMPA LAMA (OPZIONALE)


Tipo ................................................................. Pompa a ingranaggi a cilindrata fissa

DISTRIBUTORE
Tipo ................................................................. Azionamento a pressione pilota (4 bobine + 5 bobine)
Pressione di impostazione
valvola di sicurezza principale .................... Normale: 34,3 MPa (350 kgf/cm2) a 80 L/min
Pressione di impostazione
valvola limitatrice del sovraccarico.............. 37,3 MPa (380 kgf/cm2) a 50 L/min
(Braccio di sollevamento, ritrazione braccio di penetrazione,
ritrazione benna)
39,2 MPa (400 kgf/cm2) a 50 L/min
(Estensione braccio di penetrazione, estensione benna)

VALVOLA CONTROLLO LAMA (OPZIONALE)


Tipo ................................................................. Azionamento a pressione pilota
Pressione di impostazione
valvola limitatrice del sovraccarico.............. 27,5 MPa (280 kgf/cm2) a 50 L/min
39,2 MPa (400 kgf/cm2) a 50 L/min

VALVOLA DI SICUREZZA PRINCIPALE LAMA (OPZIONALE)


Pressione di impostazione .............................. 20,6 MPa (210 kgf/cm2) a 34,4 L/min

T1-3-5
GENERALE / Specifiche dei componenti

DISPOSITIVO DI ROTAZIONE
Tipo ................................................................. Rotismo epicicloidale riduttore a due stadi
Rapporto ingranaggio riduzione...................... 16.155

MOTORINO DI ROTAZIONE
Tipo ................................................................. Motorino a disco oscillante, stantuffo assiale a cilindrata fissa

GRUPPO VALVOLA
Tipo ................................................................. Senza valvola di controbilanciamento
Pressione di impostazione
valvola di sicurezza..................................... 31,3 MPa (320 kgf/cm2)

FRENO DI STAZIONAMENTO ROTAZIONE


Tipo ................................................................. Multidisco in bagno d’ olio con inserimento a molla e sblocco
idraulico
Pressione di sblocco ....................................... 1,87 MPa (19,1 kgf/cm2): Pressione di intervento
2,52 MPa (25,7 kgf/cm2): Apertura completa

DISPOSITIVO DI TRASLAZIONE
Tipo ................................................................. Rotismo epicicloidale riduttore a due stadi
Rapporto ingranaggio di riduzione .................. 48.846 (ZX110-3/120-3)
57.263 (ZX135US-3)

MOTORINO DI TRASLAZIONE
Tipo ................................................................. Motorino a stantuffo assiale a cilindrata variabile, a disco
oscillante

VALVOLA FRENO TRASLAZIONE


Tipo ................................................................. Valvola di controbilanciamento
Pressione di impostazione
valvola di sicurezza..................................... 34,8+2,00 MPa (355+200 kgf/cm2) a 40 L/min-1

FRENO DI STAZIONAMENTO TRASLAZIONE


Tipo ................................................................. Multidisco in bagno d’ olio con inserimento a molla e sblocco
idraulico

T1-3-6
GENERALE / Specifiche dei componenti

CILINDRO
ZAXIS110-3: Braccio Braccio Benna
di sollevamento di penetrazione
Diametro stelo................................................. 70 mm 75 mm 65 mm
Alesaggio cilindro............................................ 95 mm 105 mm 95 mm
Corsa .............................................................. 942 mm 1.040 mm 875 mm
Lunghezza completamente ritratto.................. 1.428 mm 1.525 mm 1.350 mm
Spessore placcatura ....................................... 30 µm 30 µm 30 µm
Peso................................................................ 98 kg 123 kg 91 kg

ZAXIS120-3: Braccio Braccio Benna


di sollevamento di penetrazione
Diametro stelo................................................. 70 mm 80 mm 70 mm
Alesaggio cilindro............................................ 105 mm 115 mm 100 mm
Corsa .............................................................. 941 mm 1.135 mm 875 mm
Lunghezza completamente ritratto.................. 1.448 mm 1.650 mm 1.350 mm
Spessore placcatura ....................................... 30 µm 30 µm 30 µm
Peso................................................................ 107 kg 155 kg 100 kg

ZAXIS135US-3: Braccio Braccio Benna


di sollevamento di penetrazione
Diametro stelo................................................. 70 mm 80 mm 70 mm
Alesaggio cilindro............................................ 105 mm 115 mm 100 mm
Corsa .............................................................. 995 mm 1.127 mm 875 mm
Lunghezza completamente ritratto.................. 1.503 mm 1.650 mm 1.350 mm
Spessore placcatura ....................................... 30 µm 30 µm 30 µm
Peso................................................................ 107 kg 155 kg 100 kg

Cilindro lama (Opzionale)


Diametro stelo................................................. 70 mm
Alesaggio cilindro............................................ 100 mm
Corsa .............................................................. 220 mm
Lunghezza completamente ritratto.................. 658 mm
Spessore placcatura ....................................... 30 µm
Peso................................................................ 49 kg

VALVOLA PILOTA ATTREZZO ANTERIORE


Modello ........................................................... HVP06J-040-101

VALVOLA PILOTA TRASLAZIONE


Modello ........................................................... HVP05S-040-101

VALVOLA PILOTA LAMA (OPZIONALE)


Modello ........................................................... RCV8C1030

T1-3-7
GENERALE / Specifiche dei componenti

GRUPPO ELETTROVALVOLA A 2 BOBINE


Funzione ......................................................... · SC : Comando di rigenerazione braccio di penetrazione
· SI : Comando angolo di inclinazione motorino di traslazione

VALVOLA CONTROLLO SEGNALE


Modello ........................................................... KVSS-10-H

VALVOLA DI NEUTRALIZZAZIONE CIRCUITO DI PILOTAGGIO


Tipo ................................................................. Elettrovalvola ON/OFF

VALVOLA DI NON RITORNO BY-PASS RADIATORE OLIO


Pressione di intervento ................................... 392±78 kPa (4±0,8 kgf/cm2) a 5 L/min

FILTRO
Filtro olio motore ............................................. ISUZU 8973243861
Filtro combustibile ........................................... ISUZU 8980945460

Filtrazione
Filtro aria ......................................................... –
Filtro a portata totale............................................ β10≥3,0
Filtro aspirazione............................................. 177 µm (80 maglie)
Filtro ................................................................ 10≥1,4

T1-3-8
GENERALE / Specifiche dei componenti

COMPONENTI ELETTRICI
RELÈ BATTERIA
Numero categorico.......................................... ISUZU 8943795431
Tensione / Corrente......................................... 24 V / 100 A

RELÈ ESCLUSIONE MOTORINO DI AVVIAMENTO


Numero categorico.......................................... ISUZU 89800056310
Tensione.......................................................... 24 V

RELÈ CANDELA A INCANDESCENZA


Numero categorico.......................................... ISUZU 8944607060
Tensione.......................................................... 24 V

SENSORE TEMPERATURA OLIO IDRAULICO


Temperatura di esercizio................................. da -30 a 120 °C

INTERRUTTORE FILTRO ARIA OSTRUITO


Pressione di esercizio ..................................... 62,2±0,60 kPa

AVVISATORE ACUSTICO
Tensione / Corrente......................................... 24 V·2,5+0,5-1 A
Pressione acustica.......................................... 113±5 dB (A) a 2 m

ILLUMINAZIONE
Specifiche........................................................ Luci di lavoro: alogene 24V, 70 W / 60 W
Luce cabina: 24 V, 10 W

T1-3-9
GENERALE / Specifiche dei componenti

CLIMATIZZATORE
Liquido refrigerante ......................................... 134 a
Capacità di raffreddamento............................. 19,3 MJ/h (4.600 kcal/h) o superiore
Portata aria fredda .......................................... 550 m3/h o superiore
Capacità di riscaldamento............................... 21,0 MJ/h (5.000 kcal/h) o superiore
Portata aria calda ............................................ 500 m3/h o superiore
Sistema regolazione temperatura ................... Tipo elettronico
Quantità liquido refrigerante............................ 850±50 g
Quantità olio compressore .............................. 210 cm3

T1-3-10
MEMO

....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
MEMO

....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
SEZIONE 2
SISTEMA

INDICE
Gruppo 1 Dispositivo di comando Gruppo 5 Impianto elettrico
Caratteristiche generali .................................... T2-1-1 Caratteristiche generali.....................................T2-5-1
CAN (Rete fornita per la macchina) ................. T2-1-2 Circuito principale .............................................T2-5-2
MC: Dispositivo di comando principale ............ T2-1-4 Circuito di potenza
ECM: Modulo comando motore ..................... T2-1-20 (Commutatore di avviamento: OFF) ..............T2-5-4
ICF: Dispositivo di comando informazioni ...... T2-1-22 Circuito ausiliario ..............................................T2-5-6
Caratteristiche generali .................................. T2-1-25 Circuito di avviamento
(Commutatore di avviamento: START) .......... T2-5-8
Gruppo 2 Sistema di comando Circuito di carica
Caratteristiche generali .................................... T2-2-1 (Commutatore di avviamento: ON) ..............T2-5-10
Comando motore ............................................. T2-2-4 Circuito di prevenzione della sovratensione ...T2-5-14
Comando pompa............................................ T2-2-26 Circuito di neutralizzazione circuito di pilotaggio
Comando valvola ........................................... T2-2-40 (Commutatore di avviamento: ON) ..............T2-5-16
Altri comandi .................................................. T2-2-54 Circuito di bloccaggio di sicurezza..................T2-5-18
Circuito di arresto motore
Gruppo 3 Sistema ECM (Commutatore di avviamento: OFF) ............T2-5-20
Caratteristiche generali .................................... T2-3-1 Circuito avvisatore acustico di sicurezza ........T2-5-22
Comando iniezione combustibile ..................... T2-3-2 Circuito luce di lavoro .....................................T2-5-24
Comando avviamento motore ........................ T2-3-10 Circuito tergicristalli.........................................T2-5-26
Comando EGR
(Ricircolo dei gas di scarico) ....................... T2-3-12
Correzione quantità
di combustibile iniettata............................... T2-3-14
Comando arresto motore ............................... T2-3-16

Gruppo 4 Impianto idraulico


Caratteristiche generali .................................... T2-4-1
Circuito di pilotaggio......................................... T2-4-2
Circuito principale........................................... T2-4-12

1R7T-2-1
(Pagina vuota)

1R7T-2-2
SISTEMA / Dispositivo di comando

CARATTERISTICHE GENERALI •

I dispositivi di comando sono disponibili per ogni


comando.
Ogni dispositivo di comando viene collegato usando la
linea CAN (rete fornita per la macchina) al fine di
visualizzare i dati sull’ unità monitor all’ interno della
cabina oppure il monitoraggio delle condizioni
complessive della macchina, incluso il motore.

• MC: Dispositivo di comando principale

• ECM: Modulo comando motore

• ICF: Dispositivo di comando informazioni

• Unità monitor

Terminale ICF Dr. ZX


via satellite
(Opzionale)

ECM Unità monitor

Linea CAN Bus


MC

NOTA: CAN (Linea CAN Bus)

T2-1-1
SISTEMA / Dispositivo di comando

CAN (RETE FORNITA PER LA MACCHINA)


MC, ECM, ICF e unità monitor vengono collegati
utilizzando la linea CAN Bus e si comunicano i segnali
e i dati gli uni con gli altri.

La linea CAN Bus consiste di due fili, CAN alta e CAN


bassa.
Ciascun dispositivo di comando determina il livello della
linea CAN Bus in base alla differenza potenziale tra
CAN alta e CAN bassa.
Ciascun dispositivo di comando dispone il livello della
linea CAN Bus e invia il segnale e i dati agli altri
dispositivi di comando.
Terminale ICF Dr. ZX
via satellite
(Opzionale)

ECM Unità monitor

Linea CAN Bus

MC

T2-1-2
SISTEMA / Dispositivo di comando

(Pagina vuota)

T2-1-3
SISTEMA / Dispositivo di comando

MC: DISPOSITIVO DI COMANDO


PRINCIPALE
Descrizione della funzione
Comando motore
• Comando selettore di regolazione regime motore • Comando modalità E (Economy)
L’ MC invia il segnale all’ ECM in base alla Condizioni:
posizione del selettore di regolazione regime Pressione di comando pompa e pressione di
motore e comanda il regime motore. mandata pompa media: entrambe basse
Quando tutte le leve di comando sono in folle con Pressione di comando pompa e pressione di
il selettore di regolazione regime motore nella mandata pompa media: entrambe alte
posizione di minimo accelerato, l’ MC invia il Pressione di comando pompa: bassa, e pressione
segnale all’ ECM e riduce il regime motore di di mandata pompa media: alta
100 min-1 rispetto al regime di minimo accelerato. Selettore di regolazione regime motore: impostare
il regime motore a 1.800 min-1 o superiore.
• Comando modalità HP Selettore modalità regime motore: posizione
Pressione di mandata media pompe 1 e 2: alta modalità E
Selettore di regolazione regime motore: impostare Nelle suddette condizioni, l’ MC invia il segnale all’
il regime motore a 1.500 min-1 o superiore. ECM e riduce il regime motore al di sotto del
Selettore modalità regime motore: posizione valore impostato del selettore di regolazione
modalità HP regime motore.
Quando si aziona il sollevamento del braccio di Pressione di comando pompa: alta, e pressione di
sollevamento e la ritrazione del braccio di mandata pompa media: bassa
penetrazione nelle suddette condizioni, l’ MC invia Nelle suddette condizioni, l’ MC invia il segnale all’
il segnale all’ ECM e aumenta il regime motore ECM e aumenta il regime motore di 200 -1 oltre il
oltre il valore impostato del selettore di valore impostato del selettore di regolazione
regolazione regime motore, in modo da regime motore.
aumentare la potenza del motore.

• Comando modalità HP traslazione


Pressione di mandata media pompe 1 e 2: alta
Selettore di regolazione regime motore: posizione
minimo accelerato
Selettore modalità traslazione: veloce
Quando si aziona la traslazione nelle suddette
condizioni, l’ MC invia il segnale all’ ECM
e aumenta il regime motore oltre il valore imposta-
to del selettore di regolazione regime motore, in
modo da aumentare la velocità di traslazione.
Quando si aziona l’ attrezzo anteriore contempo-
raneamente, questo comando diventa inattivo.

T2-1-4
SISTEMA / Dispositivo di comando

Selettore di regolazione
regime motore

Selettore modalità
regime motore
Linea CAN Bus
Modalità HP

Modalità E All’ IC, unità monitor

Selettore modalità Segnale regime motore


traslazione

(Veloce)
ECM
Sensore pressio- Sensore pressione
ne di mandata di mandata pompa 1
pompa 2

Sensore pressione
Traslazione
Attrezzo anteriore

Sollevamento
braccio di Sensore pressione di
sollevamento comando pompa 2
Ritrazione braccio di
penetrazione
Sensore pressione di
comando pompa 1

T2-1-5
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Controllo regime minimo automatico • Comando di aumento velocità funzionamento


Tutte le leve di comando: posizione di folle attrezzo (Opzionale)
Interruttore regime minimo automatico: ON Dr. ZX: imposta il regime ad una velocità di
Nelle suddette condizioni, l’ MC invia il segnale all’ funzionamento più alta (+) dell’ attrezzo in
ECM e imposta il regime motore al valore di modalità manutenzione.
minimo automatico. Selettore di regolazione regime motore: posizione
Quando si aziona il selettore di regolazione regime minimo accelerato
motore, spostando il selettore modalità regime Selettore modalità regime motore: modalità HP
motore (da E a P oppure da P a E) o azionando Quando l’ attrezzo viene azionato nelle suddette
l’ attrezzo anteriore/traslazione, il controllo regime condizioni, l’ MC invia i segnali all’ ECM.
minimo automatico viene disattivato. L’ ECM aumenta il regime motore al regime di
funzionamento dell’ attrezzo impostato con Dr. ZX.
• Comando riscaldamento automatico temperatura
olio idraulico • Comando di aumento velocità funzionamento
Per 12 minuti dopo l’ avviamento del motore attrezzo (Opzionale)
oppure quando la temperatura dell’ olio idraulico Dr. ZX: imposta il regime ad una velocità di
è inferiore a 0° C, l’ MC invia i segnali all’ ECM in funzionamento più bassa (-) dell’ attrezzo in
base ai segnali provenienti dal commutatore di modalità manutenzione.
avviamento e dal sensore temperatura olio Quando l’ attrezzo viene azionato nelle suddette
idraulico. condizioni, l’ MC invia i segnali all’ ECM.
L’ ECM aumenta il regime motore portandolo al L’ ECM aumenta il regime motore al regime di
regime di riscaldamento automatico della funzionamento dell’ attrezzo impostato con Dr. ZX.
temperatura olio idraulico.

• Comando riscaldamento automatico temperatura


liquido refrigerante radiatore
Dopo l’ avviamento del motore, l’ ECM invia all’
MC i segnali corrispondenti alla temperatura del
liquido refrigerante del radiatore.
L’ MC invia il segnale all’ ECM.
L’ ECM aumenta il regime motore portandolo al
regime di riscaldamento automatico della
temperatura del liquido refrigerante del radiatore.

• Regolazione riscaldamento
Temperatura del liquido refrigerante: inferiore
a 5° C
Pressione di comando pompa delle pompe 1 e 2:
0,5 Mpa (5,1 kgf/cm2) o inferiore
Selettore di regolazione regime motore: posizione
minimo accelerato
Quando il motore si avvia nelle suddette
condizioni, l’ MC invia il segnale all’ ECM
e aumenta il regime motore oltre il valore di
minimo accelerato.

T2-1-6
SISTEMA / Dispositivo di comando

Commutatore di avviamento

Selettore di regolazione regime motore

Sensore temperatura
olio idraulico
Interruttore regime minimo automatico

Selettore modalità regime motore


Modalità HP Linea CAN Bus

Modalità E
All’ ICF

Impostato da Dr. ZX
Modalità P (attraverso ICF)

Segnale regime motore

Sensore temperatura liquido


refrigerante
EMC

Sensore pressione
Traslazione
Attrezzo anteriore

Funzione ausiliaria
(Opzionale) Sensore
Segnale
pressione
temperatura
di comando
liquido
pompa 2
refrigerante
Sensore pressione
di comando
pompa 1

T2-1-7
SISTEMA / Dispositivo di comando

Comando pompa
• Controllo rilevamento velocità • Comando di limitazione portata pompa 2
L’ MC calcola la differenza tra il regime motore (Opzionale)
impostato dal selettore di regolazione regime Quando l’ attrezzo (principalmente il martello
motore e il regime motore effettivo rilevato dall’ demolitore) viene utilizzato, l’ MC comanda
ECM. L’ MC invia il segnale all’ elettrovalvola l’ elettrovalvola comando di limitazione portata
comando coppia al fine di controllare l’ olio di massima pompa 2 in base al segnale proveniente
mandata del circuito di pilotaggio al regolatore dal sensore pressione (ausiliario) e riduce la
della pompa. La portata di mandata pompa viene portata massima della pompa 2.
cambiata in base al regime motore in modo che la
potenza del motore possa essere utilizzata • Comando di limitazione portata pompa 3
efficacemente. (Opzionale)
Per quanto riguarda le macchine equipaggiate con
• Comando aumento coppia di traslazione la pompa 3, l’ MC comanda l’ elettrovalvola
Quando il regime motore impostato dal selettore di comando coppia in base al segnale proveniente
regolazione regime motore è lento, l’ MC calcola il dal sensore pressione di mandata pompa 3, riduce
valore usando i segnali provenienti dal sensore la portata di mandata delle pompe 1 e 2
pressione traslazione e dai sensori pressione di e comanda la potenza di azionamento delle
mandata pompa 1, 2. L’ MC invia il segnale all’ pompe 1, 2, 3 (coppia della pompa) al fine di non
elettrovalvola comando coppia al fine di superare la potenza motore.
controllare l’ olio di mandata del circuito di
pilotaggio al regolatore della pompa. Quando una
portata di mandata pompa aumenta, le portate di
mandata di entrambe le pompe diventano uguali.
Di conseguenza, la deviazione viene impedita
durante l’ operazione di traslazione singola.

• Comando riduzione coppia pompa attrezzo


(Opzionale)
Quando il comando della coppia pompa attrezzo
è attivo su Dr. ZX, l’ attrezzo (frantumatore
secondario o frantumatore primario) viene
azionato e la pressione di mandata pompa media
diventa alta, l’ MC comanda l’ elettrovalvola
comando coppia in base al segnale proveniente
dai sensori pressione di mandata pompa 1, 2. La
pressione circuito di pilotaggio dall’ elettrovalvola
comando coppia riduce la portata di mandata della
pompa 1 e 2 e comanda la potenza di
azionamento della pompa 1 e 2 (coppia della
pompa) al fine di non superare la potenza motore.
Questo comando impedisce l’ aumento della
temperatura dell’ olio idraulico quando viene
utilizzato l’ attrezzo.

• Comando di limitazione portata pompa 1


(Opzionale)
Quando l’ attrezzo (principalmente il martello
vibrante) viene utilizzato con la leva comando
traslazione in folle, l’ MC comanda l’ elettrovalvola
comando di limitazione portata massima pompa 1
in base al segnale proveniente dal sensore
pressione (ausiliario) e riduce la portata massima
della pompa 1.

T2-1-8
SISTEMA / Dispositivo di comando

Linea CAN Bus


Selettore di regolazione
regime motore
Unità monitor, ICF

Sensore
pressione Impostato da Dr. ZX
Funzione (attraverso ICF)
ausiliaria

Traslazione
Sensore pressione di
mandata pompa 1
ECM Sensore pressione Sensore pressione
di mandata pompa 2 di mandata pompa 3

Regime motore
effettivo

Elettrovalvola
comando coppia

Elettrovalvola comando
di limitazione portata
massima pompa 2

Elettrovalvola comando
di limitazione portata
massima pompa 1

T2-1-9
SISTEMA / Dispositivo di comando

Comando valvola
• Comando di rigenerazione braccio di penetrazione
Condizioni:
Pressione di mandata pompa 1, 2: o l’ una
o l’ altra è bassa
Funzionamento combinato di rotazione oppure
sollevamento braccio di sollevamento e ritrazione
braccio di penetrazione
Nelle suddette condizioni, l’ MC comanda il
gruppo elettrovalvola (SC) in base ai segnali
provenienti dai sensori pressione di mandata
pompa 1 e 2 e dai sensori pressione (rotazione,
ritrazione braccio di penetrazione e sollevamento
braccio di sollevamento), invia la pressione
circuito di pilotaggio e sposta la valvola di
rigenerazione e la valvola comando portata del
braccio di penetrazione.
La valvola di rigenerazione braccio di
penetrazione chiude il circuiti di ritorno al serbatoio
olio idraulico dal lato dello stelo cilindro braccio di
penetrazione e fornisce l’ olio di mandata al lato
fondo del cilindro. Di conseguenza, la velocità di
ritrazione del braccio di penetrazione aumenta
e vengono impediti gli arresti momentanei durante
il funzionamento della ritrazione del braccio di
penetrazione.
La valvola comando portata del braccio di
penetrazione controlla l’ olio di mandata al circuito
parallelo braccio di penetrazione 2, fornisce l’ olio
di mandata alla bobina del braccio di sollevamento
1 e mantiene la velocità di sollevamento del
braccio di sollevamento.
(Vedere SISTEMA / Sistema di comando.)

T2-1-10
SISTEMA / Dispositivo di comando

Linea CAN Bus

All’ ICF, unità monitor

Dalla pompa circuito


di pilotaggio

Sensore pressione
Rotazione
Sollevamento brac-
cio di sollevamento Alla valvola di rigenerazione
Ritrazione braccio braccio di penetrazione
di penetrazione (Distributore)
Alla valvola comando portata
braccio di penetrazione
(Distributore)

Sensore Sensore
pressione di pressione di
mandata pompa 2 mandata pompa 1

T2-1-11
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Controllo angolo di inclinazione motorino di


traslazione
Condizioni:
Pressione di mandata pompa 1, 2: o l’ una
o l’ altra è bassa
Pressione di comando pompa 1, 2: o l’ una
o l’ altra è alta
Selettore modalità traslazione: veloce
Quando si aziona la traslazione nelle suddette
condizioni, l’ MC comanda il gruppo elettrovalvola
(SI) in base ai segnali provenienti dal sensore
pressione (traslazione), dai sensori pressione di
mandata pompa 1 e 2 e dai sensori pressione di
comando pompa 1 e 2.
Quando la pressione circuito di pilotaggio dal
gruppo elettrovalvola (SI) agisce sulla valvola
controllo angolo di inclinazione del motorino di
traslazione, riduce l’ angolo di inclinazione del
motorino di traslazione e aumenta la velocità di
traslazione.

T2-1-12
SISTEMA / Dispositivo di comando

Selettore modalità traslazione

Veloce

Sensore pressione
Traslazione

All’ ICF

Linea CAN Bus

Dispositivo di traslazione
Gruppo Dalla
elettrovalvola pompa
circuito di
pilotaggio

Valvola controllo angolo


Sensore pressione di inclinazione
di mandata pompa 2 Sensore pressione
di mandata pompa 1

Sensore pressione
di comando pompa 2

Sensore pressione
di comando pompa 1

T2-1-13
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Comando martello demolitore HSB (Opzionale)


Per quanto riguarda le macchine equipaggiate con
martello demolitore HSB, quando il martello
demolitore 1 viene selezionato sull’ unità monitor
oppure viene impostato mediante Dr. ZX, l’ MC
comanda l’ elettrovalvola comando valvola
selettrice e l’ elettrovalvola comando pressione di
scarico pilota secondaria.
La pressione circuito di pilotaggio dall’
elettrovalvola comando valvola selettrice sposta la
valvola selettrice e collega il circuito di ritorno nel
martello demolitore al serbatoio dell’ olio idraulico.
La pressione circuito di pilotaggio dall’
elettrovalvola comando pressione di scarico pilota
secondaria sposta la valvola comando pressione
di scarico pilota secondaria e riduce la pressione
di scarico impostata nel circuito del martello
demolitore.

• Comando martello demolitore NPK (Opzionale)


Per quanto riguarda le macchine equipaggiate con
martello demolitore NPK, quando il martello
demolitore 2 viene selezionato sull’ unità monitor
oppure viene impostato mediante Dr. ZX, l’ MC
comanda l’ elettrovalvola comando valvola
selettrice e l’ elettrovalvola comando
accumulatore.
La pressione circuito di pilotaggio dall’
elettrovalvola comando valvola selettrice sposta la
valvola selettrice e collega il circuito di ritorno nel
martello demolitore al serbatoio dell’ olio idraulico.
La pressione circuito di pilotaggio dall’
elettrovalvola comando accumulatore sposta la
valvola comando accumulatore, collega
l’ accumulatore ai circuiti sul lato stelo e sul lato
fondo del cilindro del martello demolitore, riduce
l’ urto della pressione olio e le vibrazioni durante
l’ uso del martello demolitore.

T2-1-14
SISTEMA / Dispositivo di comando

Valvola comando
Martello demolitore accumulatore
Unità monitor
Accumulatore

Valvola selettrice
• Segnale selezione attrezzo Valvola
• Segnale regolazione di pressione di
precisione della portata scarico pilota
pompa 2 secondaria

• Segnale selezione
attrezzo Dal distributore

Valvola comando
pressione di scarico
ICF pilota secondaria
Dalla pompa circuito
Dr. ZX Linea
di pilotaggio
CAN
Bus
Elettrovalvola comando
pressione di scarico pilota
secondaria

Elettrovalvola comando
valvola selettrice

Elettrovalvola comando accumulatore

Elettrovalvola limitazione portata


massima pompa 2

NOTA: La portata dell’ elettrovalvola limitazione


portata massima pompa 2 può essere
regolata di precisione sull’ unità monitor.

T2-1-15
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Comando frantumatore secondario (Opzionale)


Per quanto riguarda le macchine equipaggiate con
frantumatore secondario, quando il frantumatore se-
condario 1 viene selezionato nell’ unità monitor oppu-
re viene impostato mediante Dr. ZX, l’ MC comanda l’
elettrovalvola combinatore di flusso supplementare.
Quando si aziona il frantumatore secondario, la pres-
sione circuito di pilotaggio proveniente dalla valvola
pilota dell’ attrezzo sposta la valvola di neutralizza-
zione by-pass e il combinatore di flusso supplemen-
tare attraverso l’ elettrovalvola combinatore di flusso
supplementare. L’ olio di mandata della pompa 1 si
combina con l’ olio di mandata della pompa 2 attra-
verso il combinatore di flusso supplementare. Pertan-
to, l’ olio di mandata combinato scorre alla bobina au-
siliaria e la velocità di funzionamento del
frantumatore secondario aumenta.
Quando si attiva il funzionamento combinato di
estensione braccio di penetrazione, estensione brac-
cio di penetrazione + sollevamento braccio di solle-
vamento, rotazione o traslazione e frantumatore se-
condario, l’ MC comanda l’ elettrovalvola comando
portata supplementare in base ai segnali provenienti
dai sensori pressione (funzione ausiliaria, estensione
braccio di penetrazione, sollevamento braccio di sol-
levamento, rotazione o traslazione) in modo che l’
olio di mandata al frantumatore secondario viene ri-
dotto.
• Comando frantumatore primario (Opzionale)
Per quanto riguarda le macchine equipaggiate con
frantumatore primario, quando il frantumatore pri-
mario 1 viene selezionato sull’ unità monitor oppure
viene impostato mediante Dr. ZX, l’ MC comanda l’
elettrovalvola combinatore di flusso supplementare.
Quando si aziona il frantumatore primario, la pres-
sione circuito di pilotaggio proveniente dalla valvola
pilota dell’ attrezzo sposta la valvola di neutralizza-
zione by-pass e il combinatore di flusso supplemen-
tare attraverso l’ elettrovalvola combinatore di flus-
so supplementare. L’ olio di mandata della pompa 1
si combina con l’ olio di mandata della pompa 2 at-
traverso il combinatore di flusso supplementare.
Pertanto, l’ olio di mandata combinato scorre alla
bobina ausiliaria e la velocità di funzionamento del
frantumatore primario aumenta.
Quando si attiva il funzionamento combinato di
estensione braccio di penetrazione, estensione
braccio di penetrazione + sollevamento braccio di
sollevamento, rotazione o traslazione e frantumato-
re primario, l’ MC comanda l’ elettrovalvola coman-
do portata supplementare in base ai segnali prove-
nienti dai sensori pressione (funzione ausiliaria,
estensione braccio di penetrazione, sollevamento
braccio di sollevamento, rotazione o traslazione) in
modo che l’ olio di mandata al frantumatore prima-
rio viene ridotto.
Poiché il frantumatore primario è più pesante del
frantumatore secondario, quando si attiva il funzio-
namento combinato di estensione braccio di pene-
trazione o estensione braccio di penetrazione + sol-
levamento del braccio di sollevamento e
frantumatore primario, l’ MC riduce ulteriormente la
portata dell’ elettrovalvola comando portata supple-
mentare, e dà la priorità all’ operazione di estensio-
ne del braccio di penetrazione o estensione del
braccio di penetrazione + sollevamento del braccio
di sollevamento.

T2-1-16
SISTEMA / Dispositivo di comando

Unità monitor • Cilindro frantumatore


secondario

Valvola selettrice

Dalla pompa 1
Combinatore di
• Segnale selezione attrezzo flusso supplemen-
• Segnale regolazione di tare
precisione elettrovalvola Distributore
comando portata supple-
mentare

• Segnale selezione
attrezzo

ICF

Linea
Dr. ZX CAN
Bus

Elettrovalvola
Sensore pressione comando portata Dalla pom-
supplementare pa circuito
Traslazione
di pilotag-
Rotazione gio

Sollevamento braccio di
sollevamento Valvola comando portata
Estensione braccio di supplementare
penetrazione
Funzione ausiliaria

Valvola di neutralizzazione
by-pass
Dalla
valvola
pilota
Dalla
attrezzo Elettrovalvola pompa 2
combinatore di
flusso supple-
mentare

NOTA: L’ illustrazione mostra il circuito del


frantumatore secondario 1.

T2-1-17
SISTEMA / Dispositivo di comando

Altri comandi
• Comando selezione display monitoraggio
posteriore
L’ MC passa l’ unità monitor alla visualizzazione
dell’ area posteriore in base al segnale
proveniente dal sensore pressione (traslazione)
oppure dall’ interruttore monitoraggio posteriore
(opzionale).

• Comando allarme di traslazione (Opzionale)


Quando l’ MC riceve il segnale dal sensore
pressione (traslazione), l’ MC invia il segnale al
sistema di allarme traslazione e fa suonare il
cicalino.

• Comando allarme di rotazione (Opzionale)


Quando l’ MC riceve il segnale dal sensore
pressione (rotazione), l’ MC invia il segnale al
sistema di allarme rotazione, fa suonare il cicalino
e accende il faro rotante.

T2-1-18
SISTEMA / Dispositivo di comando

Unità monitor

Interruttore
monitoraggio
posteriore
(Opzionale)

All’ ICF
Vista
posteriore

Linea CAN Bus

Sistema allarme di Interruttore disattivazione cicalino


traslazione (Opzionale) (Opzionale)
Sensore
pressione
Traslazione

Rotazione

Cicalino
(Opzionale)

Relè allarme
di rotazione
(Opzionale)

Cicalino
(Opzionale)

Faro rotante
(Opzionale)

T2-1-19
SISTEMA / Dispositivo di comando

ECM: MODULO COMANDO MOTORE


Descrizione della funzione
• Comando iniezione combustibile
L’ ECM rileva le condizioni di funzionamento del
motore in base ai segnali provenienti da ciascun
sensore e dall’ MC, quindi comanda l’ iniezione
del combustibile.

• Comando avviamento motore


L’ ECM comanda la durata dell’ alimentazione
a corrente elettrica per la candela a incandescen-
za in base alla temperatura del liquido refrigeran-
te, e migliora l’ avviamento del motore.

• Comando EGR
L’ ECM determina la quantità di gas EGR in base
al regime motore, alla portata del combustibile,
alla temperatura del liquido refrigerante, alla
pressione atmosferica e alla temperatura dell’ aria
aspirata.
L’ ECM apre la valvola EGR e mette in ricircolo il
gas di scarico, la cui quantità è pari alla quantità di
gas EGR, nel collettore di aspirazione. Il gas EGR
viene combinato con l’ aria aspirata, cosicché la
temperatura della combustione si abbassa e le
emissioni di NOx si riducono.

• Correzione quantità di combustibile iniettata


L’ ECM regola la quantità di combustibile iniettata
in base al segnale del sensore pressione
atmosferica.

• Comando arresto motore


Quando l’ interruttore di arresto di emergenza
viene girato su ON, l’ ECM interrompe l’ iniezione
di combustibile dell’ iniettore e arresta il motore.

T2-1-20
SISTEMA / Dispositivo di comando

ECM
Sensore velocità albero motore
Pulsante
di arresto di
Dal terminale #5 Sensore angolo eccentrico
emergenza
nel commutatore
di avviamento Sensore pressione atmosferica

Sensore temperatura combustibile


Scatola fusibili
Sensore temperatura liquido
refrigerante
Sensore temperatura aria aspirata
All’ ICF, unità Sensore pressione
motorino di sovralimentazione
Sensore temperatura
di sovralimentazione
Linea CAN Bus Sensore pressione olio motore
Sensore di posizione
motorino EGR
Dalla batteria Motorino
EGR
MC

Sensore pressione
Relè candela Common Rail
a incandescenza

Common Rail

Pompa di alimentazione
Candela
a incandescenza
Serbatoio
combustibile

Iniettore

T2-1-21
SISTEMA / Dispositivo di comando

ICF: DISPOSITIVO DI COMANDO


INFORMAZIONI
Descrizione della funzione
• Gestione ore di funzionamento
Un orologio integrato viene fornito per l’ ICF.
L’ ICF invia i dati dell’ orologio integrato all’ unità
monitor utilizzando la linea CAN Bus.

• Allarme, memoria codice di guasto


L’ ICF memorizza l’ allarme e il codice di guasto
proveniente da ciascun dispositivo di comando
utilizzando la linea CAN Bus nella serie temporale.
L’ allarme e il codice di guasto memorizzati
vengono inviati al server centrale dal terminale via
satellite (opzionale).
L’ allarme pressione olio motore e l’ allarme
surriscaldamento vengono inviati al server
centrale ogni volta che si verificano. Gli altri allarmi
e codici di guasto vengono inviati al server
centrale una volta al giorno.

• Display codici di guasto


L’ ICF visualizza il codice di guasto inviato da
ciascun dispositivo di comando utilizzando la linea
CAN Bus su Dr. ZX.

• Storia degli interventi di manutenzione


Quando il tasto della manutenzione sull’ unità
monitor viene premuto, il tempo viene registrato.

• Elenco dati report giornalieri


L’ ICF registra le ore di funzionamento, il livello
e la quantità di combustibile utilizzato durante il
funzionamento giornaliero, e fornisce quindi i dati
report giornalieri.
I dati report giornalieri possono essere inviati al
server centrale usando il terminale via satellite
(opzionale).

• Elenco dati distribuzione frequenza


L’ ICF produce i dati distribuzione frequenza ogni
100 ore.
I dati distribuzione frequenza possono essere
inviati al server centrale usando il terminale via
satellite (opzionale).

• Registrazione ore di funzionamento complessive


L’ ICF registra tutte le ore di funzionamento della
macchina.
Le ore di funzionamento complessive possono
essere scaricate su Dr. ZX.

• Produzione dati messaggi inviati (Opzionale)


L’ ICF registra i messaggi inviati dall’ unità monitor
e li invia al server centrale attraverso il terminale
via satellite.

T2-1-22
SISTEMA / Dispositivo di comando

Linea CAN Bus ICF

MC Comunicazione

• Orologio
integrato

ECM

Terminale via
satellite
(Opzionale)
• GPS

Unità monitor

Server centrale

Dr. ZX

T2-1-23
SISTEMA / Dispositivo di comando

(Pagina vuota)

T2-1-24
SISTEMA / Dispositivo di comando

CARATTERISTICHE GENERALI
Descrizione della funzione
Schermata principale

Macchina con allarme sovraccarico


(opzionale) collegato

1 - Display modalità operativa 7 - Display modalità operativa 13 - Indicatore consumo 18 - Selezione informazioni
combustibile (Opzionale)
2 - Display regime minimo 8 - Contaore 14 - Orologio 19 - *Selezione gru ML
automatico (Opzionale)
3 - *Display gru ML o display 9 - *Display gru ML (Opzionale) 15 - Selezione vista posteriore 20 - Selezione modalità operativa
allarme sovraccarico
(Opzionale)
4 - Funzione ausiliaria 10 - Indicatore combustibile 16 - Menu 21 - Ritorno alla schermata
principale
5 - Funzione ausiliaria 11 - Display informazioni 17 - Selezione funzione ausiliaria 22 - Indicatore temperatura
(Opzionale) liquido refrigerante
6 - Display candela 12 - Funzione ausiliaria
a incandescenza

NOTA: *Il display gru ML e la selezione gru ML sono disponibili soltanto sul mercato interno giapponese.

T2-1-25
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Display dei contatori


I dati da visualizzare su ciascun contatore vengono Modalità operativa
visualizzati sull’ unità monitor in base al segnale in
entrata proveniente dal sensore, al segnale ricevuto
utilizzando la CAN e ai dati interni dell’ unità monitor.

Voci da visualizzare
1. Indicatore temperatura liquido refrigerante
(Segnale in entrata dal sensore temperatura
liquido refrigerante)
2. Contaore (Dati interni dell’ unità monitor)
3. Indicatore consumo combustibile (Segnale in
entrata dal sensore combustibile)
4. Orologio (Segnale ricevuto dall’ ICF tramite la
CAN)

• Display modalità operativa


Gli attrezzi impiegati vengono visualizzati in base ai
segnali ricevuti dall’ MC utilizzando la CAN.

Modalità scavo

Modalità attrezzo
Martello demolitore

Polverizzatore

Frantumatore

Martello vibrante

Altro

NOTA: Le voci sull’ unità monitor e il modello


HITACHI sono le stesse.
Unità monitor Modello HITACHI
Martello demolitore 1 Martello demolitore
idraulico 1
Martello demolitore 2 Martello demolitore
idraulico 2
Polverizzatore 1 Frantumatore secondario 1
Frantumatore 1 Frantumatore primario 1

T2-1-26
SISTEMA / Dispositivo di comando

Sensore combustibile

Sensore temperatura liquido refrigerante

Linea CAN Bus


MC

Attrezzo

Orologio
ICF
Linea CAN Bus

T2-1-27
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Display regime minimo automatico (1)


Quando l’ interruttore regime minimo automatico sul
quadro comandi viene girato su ON, i dati vengono
visualizzati.
Quando il commutatore di avviamento viene girato
su ON con l’ interruttore regime minimo automatico
anch’ esso su ON, i dati lampeggiano per
10 secondi.

• Display allarme sovraccarico (2)

Il sistema rileva il carico sospeso in base al segnale


proveniente dal sensore pressione del fondo nel
cilindro braccio di sollevamento. Quando viene
rilevato un sovraccarico, il sistema visualizza un
allarme.
(Vedere T2-1-44.)

• Display candela a incandescenza (3)


Mentre l’ ECM fornisce corrente alla candela
a incandescenza, i dati vengono visualizzati in base
al segnale proveniente dall’ ECM.

• Display indicatore consumo combustibile (4)


IMPORTANTE: I valori sull’ indicatore di livello
combustibile sono di riferimento e,
pertanto, sono diversi dai valori
rilevati.
Il consumo di combustibile viene visualizzato in base
al segnale proveniente dall’ ECM, che viene ricevuto
attraverso l’ MC utilizzando la linea CAN.

T2-1-28
SISTEMA / Dispositivo di comando

Interruttore regime minimo automatico


OFF
ON

Candela
a incandescenza:
Consumo combustibile continuità

MC

Linea CAN
Consumo Bus
combustibile

Candela a incande-
scenza: continuità con-
sumo combustibile Linea CAN Bus

Dal terminale #5 nel commutatore


ECM di avviamento

Dalla batteria

Relè candela
a incandescenza

Candela
a incandescenza

T2-1-29
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Display errore sensore combustibile


Quando il sensore combustibile è guasto oppure se il Display errore sensore tem- Display errore sensore
cablaggio tra il sensore combustibile e l’ unità peratura liquido refrigerante combustibile
monitor è in circuito aperto, i dati vengono
visualizzati sull’ indicatore di livello combustibile.

• Display errore sensore temperatura liquido


refrigerante
Quando il sensore temperatura liquido refrigerante
è guasto, i dati vengono visualizzati sull’ indicatore
temperatura liquido refrigerante.

• Display allarme e relativa contromisura


Le indicazioni di allarme vengono visualizzate nella
parte inferiore della schermata in base ai segnali di
allarme ricevuti da: leva di neutralizzazione circuito di
pilotaggio, interruttore surriscaldamento, sensore
combustibile, interruttore di allarme filtro olio idraulico
(opzionale), interruttore filtro aria ostruito,
alternatore, sistema batteria ed ECM e ai segnali di
allarme ricevuti tramite la linea CAN Bus. La
contromisura per ciascun allarme viene visualizzata
mediante l’ azionamento dei tasti.

Display allarme

Contromisura relativa all’ allarme

T2-1-30
SISTEMA / Dispositivo di comando

Leva di neutralizzazione
circuito di pilotaggio

Sensore Display errore sensore combustibile, display allarme livello combustibile


combustibile

Display allarme leva


di neutralizzazione
Sensore Display errore sensore temperatura liquido refrigerante circuito di pilotaggio
temperatura
liquido
refrigerante

Interruttore Display allarme surriscaldamento


surriscalda-
mento
Interruttore di
Display allarme filtro olio idraulico
allarme filtro
olio idraulico
(Opzionale)
Display allarme filtro aria ostruito
Interruttore fil-
tro aria ostruito

Display allarme
motore

ECM

Display allarme
Spia pressione olio alternatore
motore
Dal terminale M
nel commutatore
Display allarme modalità di avviamento
operativa
Al terminale B
Linea CAN Bus nel commutatore
di avviamento
Batteria

MC Linea CAN Bus


Relè batteria

Al terminale B nel motorino di avviamento

Al terminale R nel relè motorino di avviamento 2

Alternatore

T2-1-31
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Ricerca guasti
Questa schermata visualizza i codici di guasto in
base ai segnali ricevuti da ciascun dispositivo di
comando utilizzando la linea CAN.

Display codici di guasto


• Versione centralina
Questa schermata visualizza la versione ricevuta
dall’ MC, ICF sul dispositivo di comando utilizzando
la linea CAN Bus e la versione dell’ unità monitor.
NOTA: La versione dell’ ECM non viene
visualizzata.

Display versione dispositivo


• Monitoraggio di comando
Questa schermata visualizza i dati sulla temperatura
e la pressione ricevuti da ogni dispositivo di
comando utilizzando la linea CAN Bus.
Mediante l’ azionamento dei tasti, i dati visualizzati
vengono mantenuti.

Schermata Monitoraggio

• Condizioni di funzionamento
Questa schermata visualizza il tasso di consumo
combustibile calcolato dall’ unità monitor secondo le
ore di funzionamento macchina, registrate proprio
dall’ unità monitor in base all’ uso di combustibile
e alle ore di funzionamento macchina ricevuti dall’
ECM attraverso la linea CAN Bus.

Schermata Condizioni di funzionamento

T2-1-32
SISTEMA / Dispositivo di comando

Linea CAN Bus

MC

Linea CAN Bus Linea CAN Bus

ECM

Linea CAN Bus

ICF

T2-1-33
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Regolazione portata pompa 2


(Solo macchine equipaggiate con componenti
opzionali)
Quando si usano gli attrezzi, regolare di precisione la
portata della pompa 2 mediante i tasti 1 e 2.
I segnali dall’ unità di monitoraggio vengono inviati
all’ MC utilizzando la linea CAN Bus.
Quando si utilizza il martello demolitore 1 o 2, l’ MC
regola la portata della pompa 2 controllando
l’ elettrovalvola comando di limitazione portata
massima pompa 2. Quando si utilizza il
polverizzatore 1 o il frantumatore 1, l’ MC regola la tasto 1
portata dell’ olio di mandata che va dalla pompa 2 al
polverizzatore o frantumatore controllando tasto 2
l’ elettrovalvola comando portata supplementare.
(Vedere Sistema di comando). Quando si utilizza il martello demolitore 1

NOTA: Quando il circuito selettore 2 velocità è su


OFF, la portata della pompa 2 può essere
regolata controllando l’ elettrovalvola
comando di limitazione portata massima
pompa 2. Quando il circuito selettore 2
velocità è su ON, la portata dell’ olio di
mandata che scorre dalla pompa 2 agli
attrezzi può essere regolata controllando
l’ elettrovalvola comando portata
supplementare. tasto 1
La seguente tabella indica l’ impostazione di
vari fattori al momento della consegna della
tasto 2
macchina dalla fabbrica.
Quando si utilizza il polverizzatore 1

Tipo di attrezzi Circuito selet- Circuito valvola Circuito accu- Circuito selet- Comando Comando
tore 2 velocità selettrice mulatore tore scarico portata pom- portata sup-
idraulico se- pa 2 plementare
condario
Martello OFF al serbatoio OFF ON ON OFF
demolitore 1 olio idraulico
Martello OFF al serbatoio ON OFF ON OFF
demolitore 2 olio idraulico
Polverizzatore 1 ON al distributore OFF OFF OFF ON
Frantumatore 1 ON al distributore OFF OFF OFF ON

NOTA: Le voci sull’ unità monitor e il modello


HITACHI sono le stesse.
Unità monitor Modello HITACHI
Martello demolitore 1 Martello demolitore
idraulico 1
Martello demolitore 2 Martello demolitore
idraulico 2
Polverizzatore 1 Frantumatore secondario 1
Frantumatore 1 Frantumatore primario 1

T2-1-34
SISTEMA / Dispositivo di comando

MC

Linea CAN Pompa 2


Bus

Elettrovalvola comando
di limitazione portata
massima pompa 2

Distributore

Valvola comando
portata supplementare

MC

Linea CAN Bus

Dalla
pompa
circuito di
pilotaggio

Elettrovalvola comando Dalla pompa 2


portata supplementare

T2-1-35
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Selezione attrezzo
(Solo macchine equipaggiate con componenti
opzionali)
Selezionare la modalità scavo e la modalità attrezzo
impostata da Dr. ZX in questa schermata.

Quando viene selezionata la modalità attrezzo, l’ unità


monitor invia il segnale all’ MC usando la linea CAN
Bus. L’ MC comanda l’ elettrovalvola impostata
mediante la modalità attrezzo.

NOTA: Nella modalità attrezzo, le seguenti cinque


modalità sono impostate al momento della
consegna della macchina dalla fabbrica.
1 - Scavo
2 - Martello demolitore 1 (Martello demolitore
HSB) Schermata Attachment Selection (Selezione attrezzo)
3 - Martello demolitore 2 (Martello demolitore
NPK)
4 - Polverizzatore 1
5 - Frantumatore 1

NOTA: Le voci sull’ unità monitor e il modello


HITACHI sono le stesse.
Unità monitor Modello HITACHI
Martello demolitore 1 Martello demolitore
idraulico 1
Martello demolitore 2 Martello demolitore
idraulico 2
Polverizzatore 1 Frantumatore secondario 1
Frantumatore 1 Frantumatore primario 1

• Quando viene selezionato il martello demolitore 1


(Martello demolitore HSB):
(Vedere Comando martello demolitore HSB in
Sistema di comando.)

Valvola comando pressione


di scarico pilota secondaria
Valvola pressione
Martello demolitore
di scarico pilota
secondaria
MC
Linea
CAN Bus

Valvola
selettrice
Dal distributore

Elettrovalvola
Elettrovalvola comando pressione
comando valvo- di scarico pilota
la selettrice secondaria
Dalla pompa
circuito di
pilotaggio

T2-1-36
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Quando viene selezionato il martello demolitore 2


(Martello demolitore NPK):
(Vedere Comando martello demolitore NPK in
Sistema di comando.)
Martello Valvola Accumulatore
demolitore comando (Alta pressione)
accumulatore

MC
Linea
CAN Bus

Valvola
selettrice
Accumulatore
(Bassa
Dal distributore pressione)

Elettrovalvola
Elettrovalvola comando
comando accumulatore
valvola selettrice Dalla pompa
circuito di
pilotaggio

• Quando viene selezionato il polverizzatore 1:


(Vedere Comando polverizzatore NPK in Sistema di
comando.)
Dalla pompa 1

Combinatore di flusso
supplementare
Cilindro polverizzatore

Distributore

Valvola
selettrice

Valvola comando
portata supplementare
Linea CAN Bus

Elettrovalvola comando
portata supplementare
MC

Dalla pompa
circuito di pilotaggio

Elettrovalvola
combinatore di flusso
supplementare Valvola di neutraliz-
zazione by-pass

Dalla pompa 2
Dalla valvola pilota attrezzo

T2-1-37
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Quando viene selezionato il frantumatore 1:


(Vedere Comando frantumatore in Sistema di
comando.)

Dalla pompa 1
Combinatore di flusso
supplementare
Cilindro polverizzatore
Distributore

Valvola
selettrice

Valvola comando
portata supplementare
Linea CAN Bus

Elettrovalvola comando
portata supplementare
MC
Dalla pompa circuito
di pilotaggio

Elettrovalvola
combinatore di flusso
supplementare Valvola di neutraliz-
zazione by-pass

Dalla pompa 2
Dalla valvola pilota attrezzo

T2-1-38
SISTEMA / Dispositivo di comando

(Pagina vuota)

T2-1-39
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Impostazioni monitor posteriore


Mediante l’ azionamento dei tasti può essere
impostata la visualizzazione immagine ON e OFF del
comando automatico, per cambiare l’ immagine sul
monitor posteriore durante la traslazione.

IMPORTANTE: La telecamera vista posteriore viene


impostata nella modalità immagine
specchio.

Vista posteriore
Quando il comando automatico è ON:

Sensore pressione Immagine


traslazione

MC

Linea CAN Bus

T2-1-40
SISTEMA / Dispositivo di comando

(Pagina vuota)

T2-1-41
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Impostazioni della manutenzione


Questa schermata visualizza le ore rimanenti fino
alla sostituzione successiva, ricevute dall’ ICF
utilizzando la linea CAN Bus.
Poiché le voci da sostituire vengono visualizzate in
un elenco, registrare la sostituzione effettuata
selezionando una voce dall’ elenco.

• Impostazioni ON/OFF intervallo


Viene impostato l’ intervallo per ciascuna voce da
sostituire.

• Voci incluse nelle impostazioni della manutenzione


Olio motore
Filtro olio motore Schermata Impostazione manutenzione
Olio idraulico
Filtro pilota olio idraulico
Filtro a portata totale per olio idraulico
Olio trasmissione pompa
Olio dispositivo di traslazione
Olio dispositivo di rotazione
Grasso ralla
Filtro aria
Cinghia a V climatizzatore/motore
Filtro combustibile
Filtro condizionatore aria

• Impostazioni lingua
Selezionare una lingua da usare nelle schermate
scegliendola tra quelle preimpostate, in base all’ Schermata Impostazioni ON/OFF intervallo
ambiente di lavoro.

• Informazioni
(Funzione opzionale)
Invia richieste, come per esempio richieste generali,
di rifornimento combustibile o di manutenzione, e le
inoltra mediante la schermata dell’ interruttore
informazioni.
I contenuti delle informazioni vengono registrati nell’
ICF e inviati al server centrale mediante il terminale
via satellite.

Schermata Impostazione lingua

Schermata Interruttore informazioni

T2-1-42
SISTEMA / Dispositivo di comando

ICF Ore

Linea CAN Bus

T2-1-43
SISTEMA / Dispositivo di comando

• Allarme sovraccarico
(Solo macchine equipaggiate con componenti
opzionali) Allarme

IMPORTANTE: Quando si utilizza l’ allarme


sovraccarico, rendere questo
allarme disponibile usando Dr. ZX.

Il sistema misura il carico sospeso dalla pressione


sul fondo del cilindro del braccio di sollevamento. Se
viene rilevato un sovraccarico, un messaggio di
allarme viene visualizzato e si sente un cicalino.

1. Se il carico sospeso diventa un sovraccarico, il


sensore pressione fondo braccio di sollevamento
(opzionale) invia un segnale all’ MC.

2. Se l’ interruttore ON/OFF allarme sovraccarico


(opzionale) viene posizionato su ON, l’ unità Schermata principale
monitor visualizza un messaggio di allarme
e attiva un cicalino in base al segnale proveniente Interruttore ON/OFF allarme
dall’ MC usando la linea CAN Bus. sovraccarico (Opzionale)

3. Se il sovraccarico del carico sospeso viene


eliminato, il messaggio di allarme sparisce e il
cicalino smette di suonare.

NOTA: Anche se il lavoro viene svolto mentre si


visualizza una schermata diversa dalla
schermata principale, quando si raggiunge
una condizione di sovraccarico, lo schermo
dell’ unità monitor passa alla schermata
principale, viene visualizzato un messaggio
di allarme e si attiva un cicalino.
Anche dopo che l’ allarme sovraccarico si
disattiva, l’ unità monitor mantiene la
visualizzazione della schermata principale
senza tornare alla schermata presente
durante l’ esecuzione del lavoro.

T2-1-44
SISTEMA / Dispositivo di comando

Interruttore ON/OFF di
allarme sovraccarico: ON

Sensore pressione
fondo braccio di
sollevamento

MC

Linea CAN Bus

Cicalino

Dalla batteria

T2-1-45
SISTEMA / Dispositivo di comando

(Pagina vuota)

T2-1-46
SISTEMA / Sistema di comando

CARATTERISTICHE GENERALI
Il dispositivo di comando principale (MC) viene usato L’ MC invia i segnali equivalenti al regime motore target
per comandare le operazioni della macchina. I segnali all’ ECM (Modulo comando motore) utilizzando la
vengono inviati dal selettore di regolazione regime comunicazione CAN per comandare il motore. (Vedere
motore, dai vari sensori e interruttori all’ MC, e vengono SISTEMA / Sistema ECM). L’ MC attiva il gruppo
elaborati nel circuito logico. elettrovalvola e l’ elettrovalvola comando coppia per
comandare la pompa e la valvola.

Segnale in entrata Segnale in uscita


Comando motore (ECM)
• Selettore di regolazione regime motore → Comando selettore di regolazione regime
motore
• Sensore pressione di comando pompa 1 → Comando modalità HP
• Sensore pressione di comando pompa 2 → Comando modalità HP traslazione
Comando modalità e (Economy)
• Sensore pressione di mandata pompa 1 → Controllo regime minimo automatico
• Sensore pressione di mandata pompa 2 → Comando riscaldamento automatico
• Sensore pressione di mandata pompa 3 temperatura olio idraulico
(Opzionale) → Comando riscaldamento automatico
temperatura liquido refrigerante radiatore
Regolazione riscaldamento
• Sensore pressione (Traslazione) → * Comando di aumento velocità funzionamento
MC attrezzo
• Sensore pressione * Comando di limitazione velocità funzionamento
(Attrezzo anteriore) → attrezzo

• Sensore pressione Comando pompa (Elettrovalvola comando coppia)


(Sollevamento braccio di sollevamento) →
• Sensore pressione Controllo rilevamento velocità
(Ritrazione braccio di penetrazione) →
• Sensore pressione (ausiliario) Comando aumento coppia di traslazione
(Opzionale) → * Comando riduzione coppia pompa attrezzo
• Sensore pressione (Estensione braccio di * Comando di limitazione portata pompa 1
penetrazione) (Opzionale) → * Comando di limitazione portata pompa 2
• Sensore temperatura olio idraulico → * Comando riduzione coppia pompa 3
• Interruttore regime minimo automatico →

Segue a pagina T2-2-2

NOTA: *Questo comando serve solo per la


macchina equipaggiata con componenti
opzionali.

T2-2-1
SISTEMA / Sistema di comando

Segue da pagina T2-2-1

Segnale in entrata Segnale in uscita


• Selettore modalità regime motore (HP/E/P)→ Comando valvola (Gruppo elettrovalvola)
• Selettore modalità traslazione Comando di rigenerazione braccio di
(Veloce/Lento) → penetrazione

• Commutatore di avviamento → Controllo angolo di inclinazione motorino


di traslazione
• Interruttore ON/OFF allarme sovraccarico * Comando martello demolitore HSB
(Opzionale)
• Interruttore monitoraggio posteriore * Comando martello demolitore NPK
(Opzionale)

• Sensore pressione fondo * Comando frantumatore secondario


braccio di sollevamento (Opzionale) → * Comando frantumatore primario
• Sensore pressione stelo
braccio di sollevamento (Opzionale) →
MC
• Sensore angolo braccio
di penetrazione (Opzionale) →
• Sensore angolo braccio
i sollevamento (Opzionale) → Altri comandi
Comando selezione display monitoraggio
posteriore
Comando modalità lavoro
* Comando allarme di traslazione
* Comando allarme di rotazione
Comunicazione CAN
• Regime motore effettivo (dall’ ECM) →
• Modalità operativa (Scavo / Attrezzo)
(Dall’ unità monitor) →
• Temperatura liquido refrigerante radiatore
(dall’ ECM) →

NOTA: *Questo comando serve solo per la


macchina equipaggiata con componenti
opzionali.

T2-2-2
SISTEMA / Sistema di comando

(Pagina vuota)

T2-2-3
SISTEMA / Sistema di comando

COMANDO MOTORE
Il comando motore consta delle seguenti funzioni.

• Comando selettore di regolazione regime motore


• Comando modalità HP
• Comando modalità HP traslazione
• Comando modalità E (Economy)
• Controllo regime minimo automatico
• Comando riscaldamento automatico temperatura
olio idraulico
• Comando riscaldamento automatico temperatura
liquido refrigerante radiatore
• Regolazione riscaldamento
• * Comando di aumento velocità funzionamento
attrezzo
• * Comando di limitazione velocità funzionamento
attrezzo

NOTA: *Questo comando serve solo per la


macchina equipaggiata con componenti
opzionali.

T2-2-4
SISTEMA / Sistema di comando

Disposizione del sistema di comando motore


Sensore temperatura
olio idraulico

Sensore pressione
Traslazione
Attrezzo anteriore
Rotazione
Commutatore di avviamento
Sollevamento braccio di sollevamento
Ritrazione braccio di penetrazione
Funzione ausiliaria (Opzionale)
Estensione braccio di penetrazione (Opzionale)
Selettore di regolazione Comunicazione CAN
regime motore
Unità monitor

Interruttore regime
minimo automatico

Selettore Modalità scavo Modalità


modalità attrezzo 1 a 5
regime motore

Modalità HP

Modalità E

Modalità P Sensore
pressione di Sensore pressione
mandata pompa 2 di mandata pompa 1

Sensore pressione di Sensore pressione


comando pompa 2 di comando pompa 1

T2-2-5
SISTEMA / Sistema di comando

Comando selettore di regolazione regime motore

Scopo: Controlla il regime motore in base all’ angolo di


rotazione del selettore di regolazione regime Regime
motore Il regime motore viene ridotto
motore. di 100 min-1 quando le leve di
Riduce il regime motore di 100 min-1 al fine di comando sono in folle.
contenere il consumo di combustibile e il livello
di rumorosità quando tutte le leve di comando
sono in folle.

Funzionamento:
1. L’ MC invia all’ ECM i segnali corrispondenti al
regime motore target utilizzando la comunicazione
CAN, in base all’ angolo di rotazione del selettore
di regolazione regime motore. Posizione
2. L’ ECM controlla il regime motore in base alla Minimo lento Minimo selettore di
comunicazione CAN. accelerato regolazione
3. Quando il selettore di regolazione regime motore regime motore
è nella posizione minimo accelerato e tutte le leve
di comando sono girate sulla posizione di folle
(sensori pressione (traslazione, attrezzo
anteriore): OFF), l’ MC invia il segnale all’ ECM
utilizzando la comunicazione CAN dopo un
secondo.
4. L’ ECM riduce il regime motore di 100 min-1 dal
minimo accelerato (regime motore in modalità P).

NOTA: Il regime motore viene ridotto dal regime di


minimo accelerato (regime motore in
modalità P) di 100 min-1. Per esempio, se il
regime motore impostato dal selettore di
regolazione regime motore è già più lento
del minimo accelerato di 100 min-1, il regime
motore non varia.
Questo comando viene eseguito
indipendentemente dal fatto se il controllo
regime minimo automatico venga eseguito
oppure no.
Il regime di minimo accelerato (regime
motore nella modalità P) del motore può
essere corretto con Dr. ZX.

IMPORTANTE: Dr. ZX disattiva temporaneamente


o permanentemente il comando
nelle fasi 3, 4 del funzionamento.

T2-2-6
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione

Traslazione
Attrezzo anteriore

Selettore di
regolazione Comunicazione CAN
regime
motore

T2-2-7
SISTEMA / Sistema di comando

Comando modalità HP

Scopo: Aumenta leggermente la potenza di scavo,


come ad esempio il funzionamento di ritrazione Regime
motore
braccio di penetrazione durante l’esecuzione di
scavi profondi. 1.650 min-1 Aumento della
gamma del
minimo
Funzionamento: 1.500 min-1 accelerato
1. Quando il selettore modalità regime motore è nella
posizione modalità HP e sono presenti tutte le
condizioni sotto riportate, l’ MC invia all’ ECM
i segnali corrispondenti al regime motore target
utilizzando la comunicazione CAN.
2. L’ ECM aumenta leggermente il regime impostato
dal selettore di regolazione regime motore al fine
di aumentare la potenza del motore. Posizione
selettore di
Minimo lento Minimo
regolazione
Condizioni: accelerato
regime motore
• Selettore di regolazione regime motore: impostato
su 1.500 min-1 o superiore.
• Operazione di sollevamento braccio di Aumento della gamma del minimo accelerato
sollevamento o ritrazione braccio di penetrazione:
eseguita 200 min-1
• Pressione di mandata media pompe 1 e 2: alta
(Riferimento: 25 Mpa (255 kgf/cm2))

NOTA: Il comando HP può essere reso operativo


o inoperativo da Dr. ZX. Benché il
commutatore di avviamento sia girato su
OFF, l’ impostazione viene mantenuta.

T2-2-8
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione

Sollevamento braccio di sollevamento


Ritrazione braccio di penetrazione

Selettore di
regolazione Comunicazione CAN
regime motore

Selettore
modalità
regime motore

Modalità HP

Sensore pressione di Sensore pressione di


mandata pompa 2 mandata pompa 1

T2-2-9
SISTEMA / Sistema di comando

Comando modalità HP traslazione

Scopo: Aumenta il regime motore e si sposta più


velocemente durante la traslazione singola. Regime
motore
1.800 min-1 Aumento della
Funzionamento: gamma del
1. Quando il selettore modalità traslazione è nella minimo
posizione di minimo accelerato e sono presenti 1.750 min-1 accelerato
tutte le condizioni sotto riportate, l’ MC invia all’
ECM i segnali corrispondenti al regime motore
target utilizzando la comunicazione CAN.
2. L’ ECM aumenta il regime motore di 200 min-1
rispetto al regime impostato dal selettore di
regolazione regime motore, ed esegue la
traslazione più velocemente.
Posizione
Minimo lento Minimo selettore di
Condizioni: accelerato regolazione
1. Selettore di regolazione regime motore: Impostare regime motore
il regime motore nella posizione di minimo
accelerato.
2. Operazione di traslazione: eseguita Aumento della gamma del minimo accelerato
3. Funzionamento dell’ attrezzo anteriore: non
azionato (all’ inizio della traslazione) 200 min-1
4. Pressione di mandata pompe 1 e 2: la pressione
di mandata di una delle pompe è alta.
(Riferimento: 19 Mpa (195 kgf/cm2))

T2-2-10
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione
Traslazione

Selettore di
regolazione Comunicazione CAN
regime motore

Sensore pressione Sensore pressione


di mandata pompa 2 di mandata pompa 1

Selettore modalità
traslazione

T2-2-11
SISTEMA / Sistema di comando

Comando modalità E (Economy)

Scopo: Riduce il regime motore impostato dal selettore Regime motore


di regolazione regime motore in base alla impostato dal
Fasi 1, 2 del
Regime comando
pressione di comando pompa e alla pressione motore funzionamento
modalità E
media di mandata pompa per ridurre il Aumento del regime
consumo combustibile. motore di 200 min-1.
Fasi 3 e 4 del
Funzionamento: funzionamento
1. Quando il regime richiesto dal selettore di
regolazione regime motore è più alto del regime
impostato dal comando modalità E (Economy) e il
selettore modalità regime motore è nella posizione
modalità E, e se la pressione di comando pompa Velocità
e la pressione di mandata media della pompa modalità P
rientrano nelle condizioni sotto riportate, l’ MC Posizione selettore
invia i segnali corrispondenti al regime motore di regolazione
Minimo lento Minimo regime motore
target all’ ECM utilizzando la comunicazione CAN. accelerato
2. L’ ECM riduce il regime motore rispetto al regime
motore richiesto impostato dal selettore di
regolazione regime motore. Regime motore impostato
3. Se la pressione di comando pompa è elevata e la Velocità modalità P
dal comando modalità E
pressione di mandata media della pompa è bassa,
l’ MC invia all’ ECM il segnale corrispondente al 1.600 min-1 1.800 min-1
regime motore target utilizzando la comunicazione
CAN.
4. L’ ECM aumenta il regime motore di 200 min-1.

Condizioni:
• Il regime motore viene ridotto al di sotto del regime
richiesto dal selettore di regolazione regime moto-
re:
Pressione di comando pompa 1 o 2: l’ una o l’ altra
bassa (Riferimento: 3 MPa (31 kgf/cm2)
o inferiore) e pressione di mandata media pompa:
alta (Riferimento: 9,8 MPa (100 kgf/cm2))

Pressione di comando pompa 1 o 2: l’ una o l’ altra


bassa (Riferimento: 3 MPa (31 kgf/cm2) o inferio-
re) e pressione di mandata media pompa: bassa
(Riferimento: Inferiore a 9,8 MPa (100 kgf/cm2))

Pressione di comando pompa 1 o 2: l’ una o l’ altra


alta (Riferimento: 3 MPa (31 kgf/cm2) o inferiore)
e pressione di mandata media pompa: alta (Riferi-
mento: 9,8 MPa (100 kgf/cm2))

• Il regime motore viene aumentato alla velocità


della modalità P:
Pressione di comando pompa 1 o 2: l’ una o l’ altra
alta (Riferimento: 3 MPa (31 kgf/cm2) o superiore)
e pressione di mandata media pompa: bassa
(Riferimento: Inferiore a 9,8 MPa (100 kgf/cm2))

T2-2-12
SISTEMA / Sistema di comando

Selettore di
regolazione Comunicazione CAN
regime motore

Selettore modalità
regime motore

Modalità E

Sensore pressione Sensore pressione


di mandata pompa 2 di mandata pompa 1

Sensore Sensore pressione


pressione di di comando pompa 1
comando pompa 2

T2-2-13
SISTEMA / Sistema di comando

Controllo regime minimo automatico

Scopo: Riduce il regime motore quando tutte le leve di Il regime motore viene
comando sono in folle per ridurre il consumo di Regime
ridotto al regime
motore
combustibile e il livello di rumorosità. minimo automatico
dopo 3,5 secondi.
Funzionamento: Minimo
accelerato
1. Circa 3,5 secondi dopo che la leva di comando
è stata girata su folle con l’ interruttore regime
minimo automatico su ON, l’ MC invia all’ ECM Regime
i segnali corrispondenti al regime minimo minimo
automatico utilizzando la comunicazione CAN. automatico
2. L’ ECM cambia il regime motore nel regime 1.200 min-1
minimo automatico.
3. Non appena si muove una delle leve di comando Posizione
(sensori pressione (traslazione, attrezzo Minimo lento Minimo
selettore di
anteriore): ON), l’ MC riporta i segnali inviati all’ regolazione
accelerato
regime motore
ECM trasformandoli in quelli corrispondenti al
regime motore target impostato dal selettore di
regolazione regime motore.
4. L’ ECM riporta il regime motore al regime motore
originale.

Requisiti di disattivazione del regime minimo


automatico:
• Leva di comando: azionata (sensore pressione
(traslazione o attrezzo anteriore): ON)
• Selettore modalità regime motore: Quando si
passa dalla modalità E alla modalità P o dalla
modalità P alla modalità E
• Selettore di regolazione regime motore: Quando il
regime motore varia

NOTA: Il regime minimo automatico può essere


regolato con Dr. ZX.

T2-2-14
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione
Traslazione
Attrezzo anteriore

Selettore di
regolazione Comunicazione CAN
regime motore

Interruttore
regime minimo
automatico

Selettore modalità
regime motore

Modalità E

T2-2-15
SISTEMA / Sistema di comando

Comando riscaldamento automatico temperatura


olio idraulico
Regime
Scopo: Riscalda automaticamente l’ impianto idraulico. motore
(simile alla bobina di arresto automatico sulle
vetture)
Minimo
Funzionamento: accelerato
1.400 min-1
1. Per 12 minuti dopo l’ avviamento del motore,
Regime di
oppure quando la temperatura dell’ olio idraulico riscaldament
è inferiore a 0° C, l’ MC invia i segnali equivalenti o automatico
al regime motore target all’ ECM utilizzando la temperatura Aumento
comunicazione CAN in base ai segnali provenienti olio idraulico velocità
dal commutatore di avviamento e dal sensore Minimo lento Posizione
temperatura olio idraulico. selettore di
2. L’ ECM aumenta il regime motore portandolo al regolazione
Minimo lento Minimo regime mo-
regime di riscaldamento automatico della accelerato tore
temperatura olio idraulico.

IMPORTANTE: Se i comandi del riscaldamento


automatico della temperatura olio
idraulico e della temperatura liquido
refrigerante vengono azionati
contemporaneamente, l’ MC
seleziona il comando col quale il
regime motore risulta più elevato,
e invia il segnale all’ ECM usando la
comunicazione CAN.

IMPORTANTE: Al momento di regolare il regime di


minimo automatico, disattivare il
comando riscaldamento automatico
temperatura olio idraulico
utilizzando Dr. ZX. Inoltre, prima
della regolazione, riscaldare il
motore in modo che la temperatura
dell’ olio idraulico sia oltre 2° C e la
temperatura del liquido refrigerante
radiatore sia oltre 50° C.
Il comando riscaldamento
automatico temperatura olio
idraulico può essere disattivato
temporaneamente con Dr. ZX.
Una volta girato il commutatore su
OFF, il comando riscaldamento
automatico temperatura olio
idraulico è di nuovo azionabile.

IMPORTANTE: Il regime di riscaldamento automati-


co temperatura olio idraulico può
essere regolato con Dr. ZX.

T2-2-16
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore temperatura
olio idraulico

Commutatore di
avviamento

Selettore di
regolazione Comunicazione CAN
regime motore

T2-2-17
SISTEMA / Sistema di comando

Comando riscaldamento automatico temperatura


liquido refrigerante radiatore 1.400 min-1
(La temperatura del liquido
Scopo: Riscalda automaticamente il motore. refrigerante del radiatore
è inferiore a 25° C.)
1.200 min-1
Funzionamento: Regime
(La temperatura del liquido refrige-
1. Dopo l’ avviamento del motore, l’ ECM invia all’ motore
rante del radiatore è superiore
MC i segnali corrispondenti alla temperatura del a 25° C e inferiore a 50° C.)
Minimo
liquido refrigerante del radiatore attraverso la accelerato
comunicazione CAN.
Regime di ri-
2. L’ MC invia all’ ECM i segnali corrispondenti al scaldamento
regime motore target utilizzando la comunicazione automatico
CAN in base al segnale CAN della temperatura temperatura
liquido refri-
liquido refrigerante radiatore dall’ ECM. gerante radia- Aumento
3. L’ ECM aumenta il regime motore portandolo al tore velocità
regime di riscaldamento automatico della Minimo lento
Posizione
temperatura del liquido refrigerante del radiatore. selettore di
Minimo Minimo regolazione
IMPORTANTE: Se i comandi del riscaldamento au- lento accelerato regime
tomatico della temperatura olio motore
1.050 min-1
idraulico e della temperatura liqui- (La temperatura del liquido
do refrigerante vengono azionati refrigerante del radiatore
contemporaneamente, l’ MC selezio- è di 50° C o superiore.)
na il comando col quale il regime Regime
motore risulta più elevato, e invia il motore
segnale all’ ECM usando la comuni- (min-1)
cazione CAN.

IMPORTANTE: Il regime di riscaldamento automati-


co della temperatura del liquido re- 1.400
frigerante radiatore varia in base 1.200
alla temperatura del liquido.
1.050
Anche se il motore è impostato al
regime di minimo lento con la tem-
peratura del liquido refrigerante del Temperatura
radiatore oltre i 50° C e la tempera- refrigerante
tura diminuisce, il regime motore radiatore
aumenta di nuovo.

IMPORTANTE: Il comando riscaldamento automatico


temperatura liquido refrigerante radia-
tore può essere disattivato temporane-
amente o in modo permanente con Dr.
ZX.
Quando il comando riscaldamento au-
tomatico della temperatura liquido refri-
gerante radiatore è disattivato, contatta-
re il responsabile della manutenzione.
Quando il comando riscaldamento au-
tomatico della temperatura olio idrauli-
co viene disattivato temporaneamente,
anche il comando riscaldamento auto-
matico della temperatura liquido refri-
gerante radiatore si disattiva. Dopo che
il commutatore di avviamento viene gi-
rato su OFF, il comando riscaldamento
automatico della temperatura olio
idraulico e il comando riscaldamento
automatico della temperatura liquido
refrigerante radiatore sono di nuovo
azionabili.

T2-2-18
SISTEMA / Sistema di comando

Commutatore di
avviamento

Segnale CAN temperatura liquido


refrigerante radiatore

Comunicazione CAN

Sensore temperatura liquido


refrigerante

T2-2-19
SISTEMA / Sistema di comando

Regolazione riscaldamento

Scopo: Aumenta la velocità di aumento della


temperatura riscaldamento in cabina mentre Regime
motore
aumenta il regime motore alle basse
Aumento della
temperature. gamma del
minimo
Funzionamento: accelerato
1. In presenza delle condizioni sotto riportate e all’
avviamento del motore, l’ MC invia all’ ECM
i segnali corrispondenti al regime motore target
utilizzando la comunicazione CAN.
2. L’ ECM aumenta il regime motore oltre il minimo
accelerato.
Posizione
Condizioni: Minimo lento Minimo accelerato
selettore di
• Selettore di regolazione regime motore: Impostare regolazione
il regime motore nella posizione di minimo regime motore
accelerato.
• Temperatura del liquido refrigerante: inferiore
a 5° C.
• Sensori pressione comando pompa 1, 2: pressioni
di comando per entrambe le pompe: 0,5 MPa Aumento della gamma del minimo accelerato
(5,1 kgf/cm2) o inferiore. 200 min-1
• Leva di neutralizzazione circuito di pilotaggio: su
(Elettrovalvola di neutralizzazione circuito di
pilotaggio: OFF)

T2-2-20
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione

Traslazione
Attrezzo anteriore
Commutatore di
avviamento

Selettore di
regolazione
regime motore

Comunicazione CAN

Sensore temperatura liquido


refrigerante

Sensore pressione di Sensore pressione di


comando pompa 2 comando pompa 1

T2-2-21
SISTEMA / Sistema di comando

Comando di aumento velocità funzionamento


attrezzo (Solo macchine equipaggiate con
componenti attrezzo)
Regime
motore Se sussistono tut-
Scopo: Aumenta il regime motore massimo portandolo te le condizioni, il
al regime motore operativo dell’attrezzo regime motore
(martello demolitore idraulico, frantumatore massimo viene
secondario, frantumatore primario o martello aumentato al valo-
re impostato con
vibrante) impostato mediante Dr. ZX quando Dr. ZX.
l’attrezzo viene azionato.

Funzionamento:
1. Quando sussistono le condizioni seguenti e l’
attrezzo viene azionato, l’ MC invia all’ ECM
i segnali corrispondenti al regime motore target Posizione
impostato con Dr. ZX utilizzando la comunicazione Minimo Minimo
selettore di
CAN. regolazione
lento accelerato regime motore
2. L’ ECM aumenta il regime motore al regime di
funzionamento dell’ attrezzo impostato con Dr. ZX.
NOTA: Quando il regime motore in modalità P viene
Condizioni: preimpostato a un regime più lento nella
• Dr. ZX: Impostare il regime motore massimo a una modalità di manutenzione di Dr. ZX, il
velocità di funzionamento più elevata (+) regime motore massimo non verrà
dell’attrezzo (martello idraulico, frantumatore aumentato quando si aziona l’attrezzo.
secondario, frantumatore primario o martello
vibrante) in modalità manutenzione.
• Selettore di regolazione regime motore: Impostare
il regime motore nella posizione di minimo
accelerato.
• Selettore modalità regime motore: modalità HP
• Funzione ausiliaria: azionata
• Modalità operativa: modalità attrezzo
L’ attrezzo selezionato mediante l’ unità monitor
nella modalità attrezzo viene impostato su (+) con
Dr. ZX.

T2-2-22
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione

Funzione ausiliaria (Opzionale)


Selettore di
regolazione Comunicazione CAN
regime motore Unità monitor

Modalità attrezzo 1 a 5

Selettore
modalità regime
motore

Modalità HP

T2-2-23
SISTEMA / Sistema di comando

Comando di limitazione velocità funzionamento


attrezzo (Solo macchina equipaggiata con
componenti attrezzo)
Regime
motore
Scopo: Riduce il regime motore massimo al regime
motore operativo dell’attrezzo (martello Se sussistono tut-
te le condizioni, il
demolitore idraulico, frantumatore secondario, regime motore
frantumatore primario o martello vibrante) massimo viene ri-
impostato mediante Dr. ZX quando la modalità dotto al valore im-
attrezzo viene selezionata. postato da Dr. ZX.

Funzionamento:
1. Quando sussistono le condizioni seguenti e l’
attrezzo viene azionato, l’ MC invia all’ ECM
i segnali corrispondenti al regime motore target Posizione
impostato con Dr. ZX utilizzando la comunicazione Minimo lento Minimo
selettore di
CAN. regolazione
accelerato
regime motore
2. L’ ECM aumenta il regime motore al regime di
funzionamento dell’ attrezzo impostato con Dr. ZX.

Condizioni:
• Dr. ZX: Impostare il regime motore massimo a un
regime operativo più lento (-) dell’attrezzo
(martello demolitore idraulico, frantumatore
secondario, frantumatore primario o martello
vibrante) in modalità di manutenzione.
• Modalità operativa: modalità attrezzo
L’ attrezzo selezionato utilizzando l’ unità monitor
viene impostato su (-) con Dr. ZX.

T2-2-24
SISTEMA / Sistema di comando

Comunicazione CAN
Unità monitor

Modalità attrezzo 1 a 5

T2-2-25
SISTEMA / Sistema di comando

COMANDO POMPA
Il comando pompa consta delle seguenti funzioni.

• Controllo rilevamento velocità


• Comando aumento coppia di traslazione
• * Comando riduzione coppia pompa attrezzo
• * Comando di limitazione portata pompa 1
• * Comando di limitazione portata pompa 2
• * Comando riduzione coppia pompa 3

NOTA: *Questo comando serve solo per la


macchina equipaggiata con componenti
opzionali.

T2-2-26
SISTEMA / Sistema di comando

Disposizione del sistema di comando pompa

Sensore pressione
Traslazione
Attrezzo anteriore

Funzione ausiliaria (Opzionale)


Selettore
di regola-
zione re-
gime mo-
tore
Unità monitor

Sensore pressione
di mandata pompa 1
Sensore pressione
Sensore pressione di mandata pompa 3
di mandata pompa 2 (Opzionale)

Elettrovalvola comando coppia

Elettrovalvola comando di limita-


zione portata massima pompa 2

Elettrovalvola comando di
limitazione portata massima della
pompa 1 (Opzionale)

T2-2-27
SISTEMA / Sistema di comando

Controllo rilevamento velocità

Scopo: Controlla la portata pompa in risposta alle


variazioni di regime motore dovute alle
variazioni del carico, cosicché la potenza
sviluppata dal motore può essere utilizzata in
modo più efficiente. Lo stallo del motore viene
prevenuto quando la macchina opera in
condizioni avverse, per esempio ad alta quota.

Funzionamento:
1. Il regime motore target viene impostato mediante il
selettore di regolazione regime motore. Portata
2. L’ MC calcola la differenza di velocità tra il regime Curva P-Q pompa
motore target e il regime motore effettivo rilevato
dall’ ECM mediante la comunicazione CAN.
Quindi, l’ MC invia segnali all’ elettrovalvola
comando pompa.
3. In risposta ai segnali inviati, l’ elettrovalvola
comando coppia eroga pressione circuito di
pilotaggio al regolatore pompa, e controlla la
portata di mandata della pompa stessa.
4. Se il carico motore aumenta e il regime motore
effettivo diventa inferiore a quello target, l’ angolo
di inclinazione della pompa viene ridotto in modo
da ridurre la portata pompa. Pertanto, il carico
motore viene ridotto per impedire lo stallo. Pressione
5. Se il regime motore effettivo diventa superiore
a quello target, l’ angolo di inclinazione della
pompa aumenta, in modo da aumentare la portata
di mandata della pompa e sfruttare in modo più
efficiente la potenza del motore.

T2-2-28
SISTEMA / Sistema di comando

Selettore
di regola-
zione re- Comunicazione CAN
gime mo-
tore

Sensore pressione di Sensore pressione di


mandata pompa 2 mandata pompa 1

Elettrovalvola comando coppia

T2-2-29
SISTEMA / Sistema di comando

Comando aumento coppia di traslazione


(Solo classe ZX110-3, classe 120-3)

Scopo: Esegue in modo efficace il comando durante la


traslazione singola. Quando viene eseguita un’
operazione di traslazione con il motore che gira Portata
a basso regime, di solito la pompa idraulica
eroga olio di mandata alla portata che
corrisponde al punto A sulla curva P-Q Curva P-Q coppia
aumentata
raffigurata a destra. Quindi, se ci sono
differenze tra la portata pompa 1 e 2, la
macchina devia. Per prevenire la deviazione, la
curva P-Q viene aumentata in modo che,
quando la macchina esegue una traslazione
con il motore che gira a basso regime, la
pompa eroga olio di mandata alla portata che
corrisponde al punto B (portata massima). Curva P-Q normale
Quando viene eseguita l’ operazione di
traslazione con il motore che gira a regime
elevato, la curva P-Q della pompa viene
aumentata per migliorare la funzione di Pressione
traslazione.

Funzionamento:
1. Quando il regime motore impostato dal selettore di
regolazione regime motore è al minimo lento, l’MC
elabora i segnali provenienti dal sensore
pressione traslazione e dai sensori pressione di
mandata pompa 1 e 2, e invia i segnali
all’elettrovalvola comando coppia.
2. L’ elettrovalvola comando coppia eroga una
pressione circuito di pilotaggio, corrispondente ai
segnali ricevuti, al regolatore e aumenta la portata
di mandata della pompa.

T2-2-30
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione
Traslazione
Attrezzo anteriore

Selettore
di regola-
zione re-
gime mo-
tore

Sensore pressione Sensore pressione


di mandata pompa 2 di mandata pompa 1

Elettrovalvola comando coppia

T2-2-31
SISTEMA / Sistema di comando

Comando riduzione coppia pompa attrezzo (Solo


macchina equipaggiata con componenti attrezzo)

Scopo: Quando la pressione di mandata pompa media


diventa elevata mentre si aziona l’ attrezzo
(frantumatore secondario o frantumatore
primario), la coppia di comando delle pompe 1,
2 diminuisce e la pressione di mandata della
pompa viene ridotta per prevenire l’ aumento
della temperatura olio idraulico durante il
funzionamento dell’ attrezzo.

Funzionamento:
1. Quando sussistono le condizioni sotto riportate
e la pressione di mandata pompa media diventa
elevata, i sensori pressione di mandata delle
pompe 1,2 inviano il segnale all’ MC.
2. L’ MC aziona l’ elettrovalvola comando coppia
e riduce la portata di mandata delle pompe 1, 2.
3. Pertanto, la coppia di comando (coppia della
pompa) delle pompe 1, 2 è comandata in modo da
non superare la potenza sviluppata dal motore
e viene impedito alla temperatura dell’ impianto
idraulico di salire durante il funzionamento dell’
attrezzo.

Condizioni:
• Modalità operativa: Selezionare i frantumatori
secondari 1 a 5 o i frantumatori primari 1 a 5 nella
modalità attrezzo.
• Il comando coppia della pompa attrezzo è reso
effettivo con Dr. ZX.

T2-2-32
SISTEMA / Sistema di comando

Selettore
di regola-
zione re- Modalità attrezzo
Comunicazione CAN Selezionare il frantumatore secondario
gime mo-
tore o il frantumatore primario.
Unità monitor

Sensore pressione Sensore pressione


di mandata pompa 2 di mandata pompa 1

Elettrovalvola comando coppia

T2-2-33
SISTEMA / Sistema di comando

Comando di limitazione portata pompa 1 (Solo


macchine equipaggiate con componenti attrezzo)

Scopo: Limita la portata pompa 1 per compensare la


portata pompa per il funzionamento dell’
attrezzo quando quest’ ultimo è in uso
(principalmente un martello vibrante) e la
portata pompa 2 è insufficiente.

Funzionamento:
1. Quando viene usato l’ attrezzo con la leva di
comando traslazione in folle, l’ MC riceve i segnali
dal sensore pressione (ausiliario) (opzionale).
2. In risposta al funzionamento del comando
attrezzo, l’ MC aziona l’ elettrovalvola comando
limitazione portata massima della pompa 1
(opzionale) e controlla la portata pompa 1.

NOTA: L’ angolo di inclinazione minimo impostato


della pompa sull’ unità monitor per
l’ attrezzo (martello demolitore idraulico 1
a 5, frantumatore secondario 1 a 5,
frantumatore primario 1 a 5 o martello
vibrante 1 a 5) può essere impostato nella
modalità manutenzione di Dr. ZX.

T2-2-34
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione
Traslazione

Funzione ausiliaria (Opzionale)

Attrezzo in modalità operativa


(Principalmente martello vibrante)

Unità monitor

Elettrovalvola comando di limita-


zione portata massima pompa 1

T2-2-35
SISTEMA / Sistema di comando

Comando di limitazione portata pompa 2 (Solo


macchine equipaggiate con componenti attrezzo)

Scopo: Limita la portata massima della pompa 2 quan-


do viene utilizzato l’ attrezzo (principalmente un
martello demolitore idraulico). Portata La portata massima viene ridotta.

Funzionamento:
1. Quando viene utilizzato l’ attrezzo, l’MC riceve
i segnali dal sensore pressione (ausiliario) Curva P-Q pompa normale
(opzionale).
2. In risposta al funzionamento del comando
attrezzo, l’ MC aziona l’ elettrovalvola comando
limitazione portata massima della pompa 2
e riduce la portata massima della pompa.
3. Quando l’ elettrovalvola combinatore di flusso
supplementare si arresta, è possibile regolare di
precisione la portata pompa 2 attraverso l’ unità
monitor.
Pressione
NOTA: La portata massima della pompa viene
ridotta in proporzione al funzionamento del
comando attrezzo. L’ angolo di inclinazione
minimo impostato della pompa sull’ unità
monitor per l’ attrezzo (martello demolitore
idraulico 1 a 5, frantumatore secondario 1
a 5, frantumatore primario 1 a 5 o martello
vibrante 1 a 5) può essere impostato nella
modalità manutenzione di Dr. ZX.

T2-2-36
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione
Traslazione

Funzione ausiliaria (Opzionale)

Attrezzo in modalità operativa


(Principalmente martello demolitore idraulico)

Unità monitor

Elettrovalvola comando di limita-


zione portata massima pompa 2

Elettrovalvola combinatore
di flusso supplementare

T2-2-37
SISTEMA / Sistema di comando

Comando riduzione coppia pompa 3 (Solo


macchina equipaggiata con componenti opzionali)

Scopo: Riduce la coppia di comando delle pompe 1 e 2 Portata La curva P-Q viene controllata
in proporzione alla pressione
per prevenire lo stallo del motore, utilizzando la di mandata pompa 3.
potenza motore in modo efficiente quando la
coppia di comando della pompa 3 (opzionale)
aumenta, proprio come per la macchina
equipaggiata con la pompa 3 (opzionale). Curva P-Q normale

Funzionamento:
1. Quando l’ MC riceve i segnali dal sensore
pressione di mandata della pompa 3 (opzionale),
l’ MC aziona l’ elettrovalvola comando coppia.
2. L’ elettrovalvola comando coppia riduce la portata
delle pompe 1, 2.
3. Pertanto, la coppia di comando (coppia della
pompa) totale delle pompe 1, 2 e 3 viene Pressione
mantenuta in modo da non superare la potenza
motore, utilizzando quest’ultima in modo efficiente.

T2-2-38
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione
di mandata pompa 3

Elettrovalvola comando coppia

T2-2-39
SISTEMA / Sistema di comando

COMANDO VALVOLA
Il comando valvola consta delle seguenti funzioni.

• Comando di rigenerazione braccio di penetrazione


• Controllo angolo di inclinazione motorino di
traslazione
• * Comando martello demolitore HSB
• * Comando martello demolitore NPK
• * Comando frantumatore secondario
• * Comando frantumatore primario

NOTA: *Questo comando serve solo per la


macchina equipaggiata con componenti
opzionali.

T2-2-40
SISTEMA / Sistema di comando

Disposizione del sistema di comando valvola


Sensore pressione Unità monitor
Traslazione
Commutatore Attrezzo anteriore
di avviamento
Rotazione
Sollevamento brac-
cio di sollevamento
Ritrazione braccio di Sensore pressione
penetrazione Sensore pressione
Funzione ausiliaria di mandata pompa 2 di mandata pompa 1
Selettore di regola- (Opzionale)
zione regime motore

Sensore
tempera-
tura olio

Selettore modalità
traslazione

Rapida
Sensore pressione
Lenta di comando pompa 2

Sensore pressione di
comando pompa 1
Gruppo Valvola di sicurezza principale
elettrovalvola

Elettrovalvola
comando portata
supplementare
(Opzionale)

Valvola comando
portata
supplementare

Motorino di traslazione

Valvola comando angolo


Valvola di rigenerazione
di oscillazione
braccio di penetrazione

T2-2-41
SISTEMA / Sistema di comando

Comando di rigenerazione braccio di penetrazione

Scopo: Aumenta la velocità di ritrazione del braccio di


penetrazione per impedire un arresto
momentaneo del braccio di penetrazione
stesso durante la ritrazione.

Funzionamento:
1. L’ MC attiva il gruppo elettrovalvola (SC) in modo
tale che il gruppo elettrovalvola (SC) eroghi la
pressione circuito di pilotaggio quando i segnali
provenienti dai sensori pressione di mandata
pompa 1, 2, dal sensore pressione di rotazione,
dal sensore pressione di ritrazione braccio di
penetrazione e dal sensore pressione di
sollevamento braccio di sollevamento soddisfano
le seguenti condizioni.
2. Questa pressione circuito di pilotaggio sposta la
valvola di rigenerazione braccio di penetrazione,
e il circuito di ritorno dal lato stelo del cilindro
braccio di penetrazione al serbatoio olio idraulico
viene chiuso.
3. Quindi, l’ olio di ritorno dal lato stelo del cilindro
braccio di penetrazione viene combinato con l’olio
di mandata della pompa e viene inviato al fondo
del cilindro, accelerando la ritrazione del braccio di
penetrazione e impedendo l’arresto momentaneo
del braccio stesso. (Vedere FUNZIONAMENTO
COMPONENTE / gruppo Distributore).

Condizioni:
(Classe ZX110-3 / classe 120-3)
• Sensori pressione di mandata pompa 1 e 2:
La pressione di mandata della pompa 1 o della
pompa 2 è bassa. (Il braccio di penetrazione non
richiede una grande potenza per funzionare.)
(Riferimento: 11,8 MPa (120 kgf/cm2) o inferiore)
• Sensore pressione ritrazione braccio di
penetrazione: segnale in uscita alto. (La corsa
della leva di comando del braccio di penetrazione
è ampia.) (Riferimento: 1,47 MPa (15 kgf/cm2)
o superiore)
• Sensore pressione sollevamento braccio di
sollevamento o rotazione:
Emissione del segnale in uscita

(Classe ZX135US-3)
• Sensore pressione di mandata pompa 2:
La pressione di mandata della pompa 2 è bassa.
(Il braccio di penetrazione non richiede una
grande potenza per funzionare.) (Riferimento:
13,8 MPa (140 kgf/cm2) o inferiore)
• Sensore pressione ritrazione braccio di
penetrazione: segnale in uscita alto. (La corsa
della leva di comando del braccio di penetrazione
è ampia.) (Riferimento: 1,47 MPa (15 kgf/cm2)
o superiore)
• Sensore pressione sollevamento braccio di
sollevamento o rotazione:
Emissione del segnale in uscita

T2-2-42
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione

Rotazione
Sollevamento brac-
cio di sollevamento
Ritrazione braccio Sensore pressione
di penetrazione Sensore pressione
di mandata pompa 2 di mandata pompa 1

Cilindro braccio
di sollevamento

Dalla
pompa 1

Braccio di
solleva-
Cilindro braccio mento 1
di penetrazione Braccio di
solleva-
mento 2

Braccio di
penetra-
zione 1

Braccio di pe-
netrazione 2

Dalla pompa 2

Valvola di rigenerazione braccio di penetrazione

T2-2-43
SISTEMA / Sistema di comando

Controllo angolo di inclinazione motorino


di traslazione

Scopo: Comanda la modalità traslazione.

Funzionamento:
• Velocità bassa
Quando il selettore modalità traslazione è nella
posizione SLOW, l’angolo di inclinazione motorino
di traslazione è mantenuto al massimo in modo
che la velocità di traslazione sia bassa.
• Velocità alta
1. Quando il selettore modalità traslazione è nella
posizione HIGH e l’ MC riceve i segnali dal
sensore pressione di traslazione, dai sensori
pressione di mandata delle pompe 1 e 2 e dai
sensori pressione di comando delle pompe 1 e 2
nelle condizioni sotto riportate, l’ MC sposta il
gruppo elettrovalvola (SI).
2. Quando il gruppo elettrovalvola (SI) viene
spostato, la pressione circuito di pilotaggio agisce
sulla valvola controllo angolo di inclinazione
motorino di traslazione, riducendo l’ angolo di
inclinazione al minimo in modo che la velocità di
traslazione aumenti.

Condizioni:
• Sensore pressione di traslazione: emissione di
segnale
• Sensore pressione attrezzo anteriore: OFF
• Sensori pressione di mandata pompa 1, 2. La
pressione di mandata di una delle pompe è bassa.
(Riferimento: 15 MPa (150 kgf/cm2) o inferiore)
• Sensori pressione di mandata pompa 1, 2: La
pressione di comando di una delle pompe è alta.
(Riferimento: 1,3 MPa (13 kgf/cm2) o superiore)

NOTA: (Classe ZX110-3 / classe 120-3)


Quando un cingolo laterale è staccato da
terra e gira, la pressione di comando pompa
di tale lato aumenta, cosicché il cingolo
sollevato gira ad alta velocità.
Quando la macchina sta eseguendo la
traslazione ad alta velocità, anche se
l’attrezzo anteriore viene azionato (sensore
pressione attrezzo anteriore: ON) la
modalità traslazione rimane sulla velocità
elevata.
(Classe ZX135US-3)
Quando un cingolo laterale è staccato da
terra, la modalità di traslazione viene
mantenuta a velocità bassa
indipendentemente dal funzionamento dell’
attrezzo anteriore.

T2-2-44
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione
Traslazione
Attrezzo
anteriore

Sensore pressione
di mandata pompa 2 Sensore pressione
di mandata pompa 1

Selettore modalità
traslazione

Rapida
Sensore pressione
di comando pompa 2

Sensore pressione di comando


pompa 1
Gruppo elettrovalvola

SI

Valvola controllo angolo


di inclinazione

T2-2-45
SISTEMA / Sistema di comando

Comando martello demolitore HSB (Opzionale)

IMPORTANTE: Il martello demolitore HSB


è impostato su martello demolitore 1
della modalità attrezzo sull’ unità
monitor quando la macchina esce
dallo stabilimento.
Per usare il martello demolitore 3 a 5,
eseguire l’ impostazione con Dr. ZX.

Funzionamento:
1. Quando si seleziona il martello demolitore 1 sull’
unità monitor, l’ MC aziona l’ elettrovalvola
comando della valvola selettrice.
2. L’ olio di mandata dalla pompa del circuito di
pilotaggio scorre attraverso l’ elettrovalvola
comando della valvola selettrice, sposta la valvola
selettrice, e il circuito di ritorno nel martello
demolitore viene collegato al serbatoio olio
idraulico.
3. Contemporaneamente, l’ MC aziona
l’ elettrovalvola comando scarico secondario.
4. L’ olio di mandata proveniente dalla pompa del
circuito di pilotaggio scorre fino all’ elettrovalvola
comando pressione di scarico pilota secondaria,
sposta la valvola comando pressione di scarico
pilota secondaria, e riduce la pressione di scarico
impostata nel circuito del martello demolitore.
5. Quando l’ elettrovalvola comando di limitazione
portata massima della pompa 2 viene azionata
sull’ unità monitor, è possibile regolare con
precisione la portata pompa 2.

T2-2-46
SISTEMA / Sistema di comando

Martello demolitore

Unità monitor

Elettrovalvola comando
pressione di scarico pi-
lota secondaria Valvola comando pressione
di scarico pilota secondaria

Valvola selettrice

Valvola di scarico
pressione circuito di
Bobina ausiliaria pilotaggio secondaria

Elettrovalvola
comando valvola
selettrice

Dalla pompa
circuito di
Valvola pilota pilotaggio
dell’ attrezzo
Elettrovalvola co-
mando di limita-
zione portata
massima pompa 2

Dalla valvola
comando
portata pompa
2 nella valvola
controllo
segnale Pompa 2

T2-2-47
SISTEMA / Sistema di comando

Comando martello demolitore NPK (Opzionale)

IMPORTANTE: Il martello demolitore NPK


è impostato su martello demolitore
2 della modalità attrezzo sull’ unità
monitor quando la macchina esce
dallo stabilimento.
Per usare il martello demolitore 3
a 5, eseguire l’ impostazione con Dr.
ZX.

Funzionamento:
1. Quando si seleziona il martello demolitore 2 sull’
unità monitor, l’ MC aziona l’ elettrovalvola
comando della valvola selettrice.
2. L’ olio di mandata dalla pompa del circuito di
pilotaggio scorre attraverso l’ elettrovalvola
comando della valvola selettrice, sposta la valvola
selettrice, e il circuito di ritorno nel martello
demolitore viene collegato al serbatoio olio
idraulico.
3. Contemporaneamente, l’ MC aziona
l’ elettrovalvola comando accumulatore.
4. L’ olio di mandata dalla pompa del circuito di
pilotaggio scorre fino all’ elettrovalvola comando
accumulatore e sposta la valvola comando
accumulatore.
5. L’ accumulatore viene messo in collegamento con
il lato alta pressione o con il lato bassa pressione
nel martello demolitore e riduce l’ urto della
pressione olio durante l’ uso del martello
demolitore.
6. Quando l’ elettrovalvola comando di limitazione
portata massima della pompa 2 viene azionata
sull’ unità monitor, è possibile regolare con
precisione la portata pompa 2.

T2-2-48
SISTEMA / Sistema di comando

Martello
demolitore Valvola comando Accumulatore
accumulatore (Alta pressione)

Unità monitor

Elettrovalvola comando valvola selettrice Accumulatore


(Bassa pressione)

Valvola
selettrice

Bobina ausiliaria
Elettrovalvola
comando
accumulatore

Dalla pompa
circuito di
Valvola pilota
pilotaggio
dell’ attrezzo
Elettrovalvola co-
mando di limitazio-
ne portata massi-
ma pompa 2

Dalla valvola
comando
portata pompa
2 nella valvola
controllo Pompa 2
segnale

T2-2-49
SISTEMA / Sistema di comando

Comando frantumatore secondario (Opzionale)

IMPORTANTE: Il frantumatore secondario 1 Durante il funzionamento combinato


è impostato su frantumatore
secondario 1 della modalità attrezzo Funzionamento:
sull’ unità monitor quando la 1. Quando sussistono le condizioni sotto riportate,
macchina esce dallo stabilimento. l’ MC aziona l’ elettrovalvola comando portata
Per usare il frantumatore supplementare e comanda la portata limitata dell’
secondario 2 a 5, eseguire elettrovalvola comando portata supplementare
l’ impostazione con Dr. ZX. riducendo l’ olio di mandata che scorre fino al
frantumatore secondario attraverso la bobina
Scopo: Aumenta la velocità di funzionamento del ausiliaria dalla pompa 2.
frantumatore secondario. 2. Man mano che aumenta l’ olio di mandata che
Riduce la portata nella bobina ausiliaria scorre dalla pompa 2 per eseguire l’ estensione
e migliora il funzionamento del braccio di del braccio di penetrazione, l’ estensione del
penetrazione, del braccio di sollevamento, della braccio di penetrazione + sollevamento del
rotazione o della traslazione durante il braccio di sollevamento, la rotazione o la
funzionamento combinato dell’ estensione traslazione, l’ operazione di estensione del braccio
braccio di penetrazione, dell’ estensione di penetrazione, estensione braccio di
braccio di penetrazione + sollevamento braccio penetrazione + sollevamento del braccio di
di sollevamento, della rotazione o della sollevamento, rotazione o traslazione migliora.
traslazione e del frantumatore secondario.
Condizioni:
Funzionamento: • Sensore pressione supplementare: emissione del
1. Quando si seleziona il frantumatore secondario 1 segnale
sull’ unità monitor, l’ MC aziona l’ elettrovalvola Sensore pressione estensione braccio di
combinatore di flusso supplementare. penetrazione: emissione del segnale
2. Quando si aziona il frantumatore secondario, l’ olio • Sensore pressione supplementare: emissione del
di mandata proveniente dalla valvola pilota scorre segnale
attraverso l’ elettrovalvola combinatore di flusso Sensori pressione estensione braccio di
supplementare e sposta la valvola di penetrazione e sollevamento braccio di
neutralizzazione by-pass e il combinatore di flusso sollevamento: emissione del segnale
supplementare. • Sensore pressione supplementare: emissione del
3. Mentre il circuito neutro sul lato a 4 bobine segnale
è bloccato dalla valvola di neutralizzazione by- Sensore pressione rotazione: emissione del
pass, l’ olio di mandata dalla pompa 1, attraverso il segnale
combinatore di flusso supplementare, viene • Sensore pressione supplementare: emissione di
combinato con l’ olio di mandata proveniente dalla segnale
pompa 2, cosicché alla bobina ausiliaria viene Sensore pressione di traslazione: emissione di
alimentato olio di mandata combinato. Pertanto, la segnale
velocità di funzionamento del frantumatore
secondario aumenta.
4. La portata dell’ elettrovalvola comando portata
supplementare può essere regolata di precisione
sull’ unità monitor.

T2-2-50
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione Cilindro frantumatore secondario

Traslazione
Rotazione
Sollevamento braccio
di sollevamento
Unità monitor Estensione braccio di pene-
trazione
Funzione ausiliaria

Elettrovalvola Combinatore di
comando portata flusso supplementare Dalla pompa 1
supplementare
Bobina ausiliaria

Valvola pilota
dell’ attrezzo

Dalla pompa
circuito di pilotaggio

Valvola comando
portata
supplementare

Dalla pompa 2 Valvola di neutra-


lizzazione by-pass

Elettrovalvola combinatore
di flusso supplementare

T2-2-51
SISTEMA / Sistema di comando

Comando frantumatore primario (Opzionale)

IMPORTANTE: Il frantumatore 1 è impostato su Durante il funzionamento combinato


frantumatore 1 della modalità attrez- Funzionamento:
zo sull’ unità monitor quando la 1. Quando sussistono le condizioni sotto riportate,
macchina esce dallo stabilimento. l’ MC aziona l’ elettrovalvola comando portata sup-
Per usare il frantumatore primario 2 plementare. L’ MC comanda la portata limitata dell’
a 5, eseguire l’ impostazione con Dr. elettrovalvola comando portata supplementare
ZX. e riduce l’ olio di mandata che scorre fino al frantu-
Scopo: Aumenta la velocità di funzionamento del matore primario attraverso la bobina ausiliaria dal-
frantumatore primario. la pompa 2.
Riduce la portata nella bobina ausiliaria 2. Dato che il frantumatore primario è più pesante del
e migliora il funzionamento del braccio di frantumatore secondario, la portata limitata della
penetrazione, del braccio di sollevamento, della valvola comando portata supplementare aumenta
rotazione o della traslazione durante il e dà la precedenza all’ estensione del braccio di
funzionamento combinato dell’ estensione penetrazione o estensione del braccio di penetra-
braccio di penetrazione, dell’ estensione zione + sollevamento braccio di sollevamento du-
braccio di penetrazione + sollevamento braccio rante il funzionamento combinato dell’ estensione
di sollevamento, della rotazione o della del braccio di penetrazione o dell’ estensione
traslazione e del frantumatoreprimario. braccio di penetrazione + sollevamento braccio di
sollevamento e frantumatore primario.
Funzionamento:
1. Quando si seleziona il frantumatore 1 sull’ unità Condizioni:
monitor, l’ MC aziona l’ elettrovalvola combinatore • Sensore pressione supplementare: emissione del
di flusso supplementare. segnale
2. Quando si aziona il frantumatore primario, l’ olio di Sensore pressione estensione braccio di penetra-
mandata proveniente dalla valvola pilota dell’ zione: emissione del segnale
attrezzo scorre attraverso l’ elettrovalvola • Sensore pressione supplementare: emissione del
combinatore di flusso supplementare e sposta la segnale
valvola di neutralizzazione by-pass e il Sensori pressione estensione braccio di penetra-
combinatore di flusso supplementare. zione e sollevamento braccio di sollevamento:
3. Mentre il circuito neutro sul lato a 4 bobine emissione del segnale
è bloccato dalla valvola di neutralizzazione by- • Sensore pressione supplementare: emissione del
pass, l’ olio di mandata dalla pompa 1, attraverso il segnale
combinatore di flusso supplementare, viene Sensore pressione rotazione: emissione del
combinato con l’ olio di mandata proveniente dalla segnale
pompa 2, cosicché alla bobina ausiliaria viene • Sensore pressione supplementare: emissione del
alimentato olio di mandata combinato. Pertanto, la segnale
velocità di funzionamento del frantumatore Sensore pressione di traslazione: emissione di
primario aumenta. segnale
4. La portata dell’ elettrovalvola comando portata
supplementare può essere regolata di precisione
sull’ unità monitor.

T2-2-52
SISTEMA / Sistema di comando

Sensore pressione Cilindro frantumatore primario


Traslazione
Rotazione
Sollevamento braccio
di sollevamento
Unità monitor Estensione braccio di pe-
netrazione
Funzione ausiliaria

Combinatore di flus-
Elettrovalvola
so supplementare
comando portata Dalla pompa 1
supplementare

Valvola pilota
dell’ attrezzo

Dalla pompa
circuito di pilotaggio

Valvola comando
portata
supplementare

Dalla pompa 2 Valvola di neutra-


lizzazione by-pass

Elettrovalvola combinatore
di flusso supplementare

T2-2-53
SISTEMA / Sistema di comando

ALTRI COMANDI
Comando selezione display monitoraggio
posteriore

Scopo: Cambia la visualizzazione dell’ unità monitor


passando a visualizzare l’ immagine del
monitor vista posteriore.
Funzionamento:
1. Quando l’ interruttore di selezione schermo
posteriore sull’ unità monitor viene premuto, il
display passa all’ immagine del monitor vista
posteriore.
2. Quando l’ MC riceve il segnale proveniente dal
sensore pressione di traslazione con la selezione
automatica monitor vista posteriore ON, l’ MC
invia il segnale per selezionare la visualizzazione
sull’ unità monitor utilizzando la comunicazione
CAN.
3. L’ unità monitor cambia l’ immagine del monitor
vista posteriore.

NOTA: La funzione di selezione automatica monitor


vista posteriore nell’ unità monitor
è impostata su OFF quando la macchina
viene consegnata.

T2-2-54
SISTEMA / Sistema di comando

Monitor vista posteriore

Immagine

Sensore pressione
traslazione
Unità monitor
Comunicazione CAN

Menu impostazione Interruttore di selezione


schermo posteriore

T2-2-55
SISTEMA / Sistema di comando

Comando modalità operativa


Le modalità operative includono lo scavo e l’ attrezzo
1 a 5 e vengono selezionate mediante la schermata
della modalità operativa sull’ unità monitor.

• Modalità scavo:
Viene eseguito il controllo normale.

• Modalità attrezzo:
Funziona solo quando viene azionato l’ attrezzo del
kit opzionale.
In risposta al funzionamento dell’ attrezzo, vengono
controllati l’ aumento o la diminuzione del regime
motore (vedere T2-2-22, 24.), l’ aumento o la dimi-
nuzione della portata pompa (vedere T2-2-32, 34,
36.) e la selezione della valvola (vedere T2-2-46
a 53).
Le impostazioni di comando del regime motore
e della portata pompa sono eseguite tramite Dr. ZX.

NOTA: Come modalità attrezzo, si possono


selezionare da una a cinque modalità:
martello demolitore 1 a 5, frantumatore
secondario 1 a 5, frantumatore 1 a 5
e martello vibrante 1 a 5, utilizzando Dr. ZX

T2-2-56
SISTEMA / Sistema di comando

Comando allarme di traslazione (Solo macchina


equipaggiata con componenti opzionali)

Scopo: Attiva il cicalino (opzionale) durante la


traslazione.

Funzionamento: L’ MC riceve i segnali dal sensore


pressione di traslazione quando viene
effettuata un’ operazione di
traslazione. Finché l’ MC riceve questo
segnale, invia i segnali corrispondenti
al dispositivo allarme di traslazione
e fa suonare il cicalino (opzionale).

NOTA: Dopo una traslazione continua di oltre


13 secondi, il cicalino (opzionale) può
essere disattivato con l’ apposito interruttore
(opzionale).

Sensore pressione
Traslazione

Dispositivo allarme
di traslazione
(Opzionale)

Interruttore
disattivazione cicalino
(Opzionale)

Cicalino
(Opzionale)

T2-2-57
SISTEMA / Sistema di comando

Comando allarme di rotazione (Solo macchine


equipaggiate con componenti opzionali)

Scopo: Attiva il cicalino (opzionale) e accende il faro


rotante durante l’ operazione di rotazione.

Funzionamento: L’ MC riceve i segnali dal sensore


pressione di rotazione quando viene
effettuata un’ operazione di rotazione.
Finché l’ MC riceve questo segnale,
invia i segnali corrispondenti al
dispositivo allarme di rotazione, fa
suonare il cicalino (opzionale)
e accende il faro rotante.

NOTA: Il cicalino (opzionale) può essere spento


tramite il relativo interruttore di
disattivazione (opzionale).

Sensore pressione

Rotazione

Interruttore
disattivazione
cicalino (Opzionale)
Relè allarme di
rotazione (Opzionale)

Cicalino
(Opzionale)

Faro rotante
(Opzionale)

T2-2-58
SISTEMA / Sistema ECM

CARATTERISTICHE GENERALI
Il Modulo comando motore (ECM) riceve i segnali dai • La pompa di alimentazione è azionata dal motore
sensori e dall’ MC. ed eroga combustibile ad alta pressione.
L’ ECM elabora i segnali e aziona la valvola a due vie, • Il Common Rail distribuisce combustibile ad alta
la valvola comando aspirazione e il motorino EGR per pressione per mezzo della pompa di
comandare la pompa di alimentazione, gli iniettori e la alimentazione all’ iniettore di ciascun cilindro del
valvola del ricircolo gas di scarico (EGR). motore.
• L’iniettore inietta combustibile ad alta pressione
• Comando iniezione combustibile dal Common Rail.
• Comando avviamento motore
• Comando EGR
• Correzione quantità di combustibile iniettata
• Comando arresto motore

Sensore velocità albero motore

Sensore angolo eccentrico

Sensore pressione atmosferica

Sensore temperatura combustibile

Sensore temperatura liquido refrigerante

Sensore temperatura aria aspirata

Sensore pressione di sovralimentazione

Sensore temperatura di sovralimentazione

Sensore pressione olio motore


Sensore di posizione motorino EGR

Motorino EGR

Valvola a due vie


Sensore
pressione
Common Rail

Valvola comando
aspirazione

Common Rail

Pompa di
alimentazione

Serbatoio Iniettore
combustibile

T2-3-1
SISTEMA / Sistema ECM

COMANDO INIEZIONE COMBUSTIBILE


L’ ECM rileva la condizione di funzionamento del
motore in base ai segnali provenienti da ciascun
sensore e dall’ MC, e controlla la quantità di
combustibile iniettata e la pressione, la messa in fase
e la velocità dell’ iniezione.

La valvola a due vie svolge le


seguenti funzioni: Sensore velocità albero motore
• Comando quantità di
Sensore angolo eccentrico
combustibile iniettata
• Comando messa in fase
Sensore pressione atmosferica
iniezione combustibile
• Comando velocità iniezione Sensore temperatura combustibile
combustibile
La valvola comando aspirazione Sensore temperatura liquido refrigerante
svolge la seguente funzione:
• Comando pressione iniezione Sensore temperatura aria aspirata
combustibile
Sensore pressione di sovralimentazione

Sensore temperatura di sovralimentazione

Sensore pressione olio motore


Sensore di posizione motorino EGR

Motorino EGR

Sensore
pressione Valvola a due vie
Common Rail

Valvola
comando
aspirazione
Common Rail

Pompa di
alimentazione

Serbatoio Iniettore
combustibile

T2-3-2
SISTEMA / Sistema ECM

(Pagina vuota)

T2-3-3
SISTEMA / Sistema ECM

Comando quantità di combustibile iniettata

Scopo: Comanda la più idonea quantità di combustibile


iniettata.

Funzionamento:
1. L’ ECM rileva il regime motore in base ai segnali
provenienti dal sensore velocità albero motore
e dal sensore angolo eccentrico.
2. L’ MC calcola il regime motore target in base ai
segnali provenienti dal selettore di regolazione
regime motore, dai sensori e interruttori, e invia
i segnali all’ ECM utilizzando la comunicazione
CAN.
(Vedere SISTEMA / Sistema di comando.)
3. L’ ECM comanda principalmente la quantità di
combustibile iniettata attivando/disattivando la
valvola a due vie nell’ iniettore in base al regime
motore e ai segnali provenienti dall’ MC.

T2-3-4
SISTEMA / Sistema ECM

Sensore pressione
Traslazione Sensore velocità
Attrezzo anteriore albero motore
Sensore angolo
Rotazione eccentrico
Sollevamento braccio di sollevamento Sensore pressione
Ritrazione braccio di penetrazione atmosferica
Sensore temperatura
Funzione ausiliaria (Opzionale) combustibile
Sensore temperatura
Selettore di liquido refrigerante
regolazione Sensore temperatura
regime motore aria aspirata
Interruttore
Sensore pressione
regime minimo
di sovralimentazione
automatico
Sensore temperatura
di sovralimentazione
Sensore pressione olio
motore
Sensore di posizione
motorino EGR

Motorino EGR
Selettore modalità
regime motore

Modalità HP

Modalità E Sensore pressione Valvola a due vie


Common Rail
Modalità P

Unità monitor
Common Rail

Modalità Modalità
scavo attrezzo

Sensore pressione
di mandata pompa 2

Serbatoio Pompa di Iniettore


combustibile alimentazione

Sensore pressione
di mandata pompa 1
Sensore temperatura
olio idraulico
Sensore pressione
di comando pompa 1

Sensore pressione
di comando pompa 2

T2-3-5
SISTEMA / Sistema ECM

Comando pressione iniezione combustibile

Scopo: Comanda la pressione d’ iniezione del


combustibile in base alla pressione nel
Common Rail.

Funzionamento:
1. L’ ECM calcola la quantità di combustibile iniettata
in base al regime motore e invia i segnali dall’ MC
utilizzando la comunicazione CAN. (Vedere
Comando quantità di combustibile iniettata.)
2. Il sensore pressione Common Rail invia all’ ECM
i segnali in base alla pressione nel Common Rail.
3. L’ ECM calcola la migliore pressione combustibile
nel Common Rail in base al regime motore, alla
quantità di combustibile iniettata e ai segnali
relativi alla pressione Common Rail. L’ ECM
aziona la valvola comando aspirazione nella
pompa di alimentazione ed eroga la migliore
quantità di combustibile al Common Rail.
4. Il combustibile, in base alla pressione combustibile
presente nel Common Rail, viene inviato all’
iniettore dal sistema Common Rail, cosicché la
pressione d’ iniezione del combustibile viene
controllata.

T2-3-6
SISTEMA / Sistema ECM

Sensore pressione
Traslazione Sensore velocità
albero motore
Attrezzo anteriore Sensore angolo
Rotazione eccentrico
Sollevamento braccio di sollevamento Sensore pressione
atmosferica
Ritrazione braccio di penetrazione Sensore temperatura
Funzione ausiliaria (Opzionale) combustibile
Sensore temperatura
Selettore di liquido refrigerante
regolazione Sensore temperatura
Interruttore regime motore aria aspirata
regime minimo Sensore pressione
automatico di sovralimentazione
Sensore temperatura
di sovralimentazione
Sensore pressione olio
motore
Sensore di posizione
motorino EGR

Motorino EGR
Selettore modalità
regime motore

Modalità HP
Sensore pressione
Modalità E Common Rail Valvola a due vie

Modalità P

Unità monitor Common Rail

Valvola comando
Modalità Modalità aspirazione
scavo attrezzo

Sensore pressione di
mandata pompa 2

Serbatoio Pompa di Iniettore


combustibile alimentazione

Sensore pressione
di mandata pompa 1
Sensore temperatura
olio idraulico
Sensore pressione di
comando pompa 1
Sensore pressione di
comando pompa 2

T2-3-7
SISTEMA / Sistema ECM

Comando messa in fase iniezione combustibile

Scopo: Calcola la migliore messa in fase dell’ iniezione


combustibile.

Funzionamento:
1. l’ ECM calcola la messa in fase dell’ iniezione
combustibile in base al regime motore e alla
quantità di combustibile iniettata.
2. L’ ECM comanda la valvola a due vie nell’ iniettore
attivandola/disattivandola in base alla messa in
fase dell’ iniezione combustibile.

Comando velocità iniezione combustibile

Scopo: Migliora la combustione nel cilindro motore.

Funzionamento:
1. L’ iniettore inietta dapprima una piccola quantità di
combustibile (iniezione pilota), che si accende.
2. Dopo l’ accensione, l’ iniettore inietta il
combustibile (iniezione principale). L’ ECM
comanda la messa in fase dell’ iniezione e la
quantità di combustibile iniettata attivando/
disattivando la valvola a due vie nell’ iniettore.

Iniezione del combustibile


1. L’ ugello nell’ iniettore è sempre sotto pressione.
2. Quando la bobina elettromagnetica nella valvola
a due vie viene attivata, il combustibile ad alta
pressione nella camera di comando ritorna al
serbatoio combustibile attraverso l’ orifizio 1.
3. Pertanto, il pistone di pressione idraulica si solleva
e l’ ugello si apre, cosicché ha inizio l’ iniezione.
4. Quando la bobina elettromagnetica nella valvola
a due vie viene disattivata, la valvola si chiude e il
circuito che porta al serbatoio del combustibile
viene chiuso. Il combustibile ad alta pressione dal
Common Rail scorre fino alla camera di comando
attraverso l’ orifizio 2.
5. Pertanto, quando il combustibile ad alta pressione
scorre alla camera di comando, il pistone di
pressione idraulica si abbassa per la differenza di
pressione dovuta al movimento, cosicché
l’ iniezione s’ interrompe.

T2-3-8
SISTEMA / Sistema ECM

1. Valvola a due vie: ON 2. Inizio dell’ iniezione


Dall’ ECM Dall’ ECM

Bobina elettromagnetica Valvola a due vie Valvola a due vie

Valvola

Ritorno al serbato- Ritorno al serbatoio


Dal sistema Dal sistema
io combustibile combustibile
Common Rail Common Rail
Orifizio 1

Camera di
comando
Pistone di pressione
idraulica
Molla

Ugello Ugello

3. Valvola a due vie: OFF 4. Arresto dell’ iniezione

Dall’ ECM Dall’ ECM

Bobina elettromagnetica
Valvola a due vie Valvola a due vie
Valvola

Dal sistema Dal sistema


Common Rail Common Rail
Camera di
comando

Orifizio 2

Pistone di pressione Pistone di pressione


idraulica idraulica

Ugello Ugello

T2-3-9
SISTEMA / Sistema ECM

COMANDO AVVIAMENTO MOTORE


Scopo: Comanda la durata dell’ alimentazione a cor- Sensore Dal terminale #5
rente elettrica della candela a incandescenza in temperatura liquido nel commutatore
base alla temperatura del liquido refrigerante refrigerante di avviamento
e migliora l’ avviamento del motore.

Funzionamento:
1. Il sensore temperatura liquido refrigerante invia all’
ECM i segnali in base alla temperatura del liquido
refrigerante. Scatola fusibili
2. L’ ECM collega il circuito di massa del relè candela
a incandescenza in base ai segnali e controlla la
durata dell’ alimentazione a corrente elettrica della
candela suddetta.

Dalla batteria

Relè candela
a incandescenza

Candela
a incandescenza

T2-3-10
SISTEMA / Sistema ECM

(Pagina vuota)

T2-3-11
SISTEMA / Sistema ECM

COMANDO EGR (RICIRCOLO DEI GAS DI


SCARICO)
Scopo: Mette in ricircolo una parte dei gas di scarico
nel collettore di aspirazione e la combina con
l’ aria aspirata. Pertanto, la temperatura della
combustione si abbassa e la produzione di
NOx viene tenuta sotto controllo.

Funzionamento:
• Comando della quantità di gas EGR
1. L’ ECM determina la quantità di gas EGR in base
al regime motore, alla portata del combustibile,
alla temperatura del liquido refrigerante, alla
pressione atmosferica e alla temperatura dell’ aria
aspirata.
2. L’ ECM aziona il motorino EGR, apre la valvola
EGR e invia il gas EGR al collettore di aspirazione
in risposta alla condizione del motore, cosicché il
gas EGR viene combinato con l’ aria aspirata.
3. Contemporaneamente, l’ ECM rileva l’ entità dell’
apertura della valvola EGR utilizzando il sensore
di posizione del motorino EGR.

• Raffreddamento dei gas EGR


I gas EGR vengono raffreddati dall’ impianto di
raffreddamento nel condotto dei gas EGR.
Il gas EGR raffreddato viene combinato con l’ aria
aspirata, cosicché la temperatura della combustione si
abbassa e viene generato NOx in quantità minore di
quanto non accadeva con una temperatura normale del
gas EGR.

T2-3-12
SISTEMA / Sistema ECM

All’ intercooler

Scarico
Dal filtro aria

Uscita del liquido refrigerante

Impianto di raffreddamento
Motore

Entrata del liquido refrigerante

Valvola EGR

Collettore di
aspirazione Sensore di posizione
motorino EGR
Aspirazione dall’
intercooler Motorino EGR

Sensore velocità albero motore

Sensore angolo eccentrico

Sensore temperatura liquido refrigerante

Sensore pressione atmosferica

Sensore temperatura aria aspirata

Sensore pressione Common Rail

T2-3-13
SISTEMA / Sistema ECM

CORREZIONE QUANTITÀ
DI COMBUSTIBILE INIETTATA
Sensore pressione atmosferica
Funzionamento:
1. Il sensore pressione atmosferica invia all’ ECM
i segnali in base alle condizioni atmosferiche.
2. L’ ECM calcola la pressione atmosferica in base ai
segnali ricevuti, comanda la valvola a due vie nell’
iniettore e corregge la quantità di combustibile
iniettata.

Valvola
a due vie

T2-3-14
SISTEMA / Sistema ECM

(Pagina vuota)

T2-3-15
SISTEMA / Sistema ECM

COMANDO ARRESTO MOTORE


Funzionamento:
1. Quando si porta su ON l’ interruttore di arresto di
emergenza, dalla batteria la corrente elettrica
viene erogata al terminale #1-47 dell’ ECM
attraverso il fusibile #8 e il relè principale dell’
ECM.
2. L’ ECM interrompe l’ iniezione dell’ iniettore
e arresta il motore.
3. L’ ECM viene disattivato dopo che il relè principale
dell’ ECM è stato disinserito.

T2-3-16
SISTEMA / Sistema ECM

Commutatore di avviamento

Fusibile #8

Relè
principale
ECM

Interruttore
di arresto motore

T2-3-17
SISTEMA / Sistema ECM

(Pagina vuota)

T2-3-18
SISTEMA / Impianto idraulico

CARATTERISTICHE GENERALI
L’ impianto idraulico è composto dal circuito principale
e dal circuito di pilotaggio.

Circuito principale:
Alimentazione Dispositivo di comando Attuatore
Pompa principale → Distributore → Motorino
Cilindro
Attrezzo anteriore (opzionali)

Circuito di pilotaggio:
Alimentazione Dispositivo di comando Circuito di pilotaggio
Pompa circuito Valvola pilota → Circuito di comando funzionamento
di pilotaggio → Regolatore pompa Circuito di comando pompa
Gruppo elettrovalvola Circuito di comando valvola
Valvola controllo segnale Circuito di disinnesto freno di stazionamento
rotazione
Circuito controllo angolo di inclinazione motorino
di traslazione

T2-4-1
SISTEMA / Impianto idraulico

CIRCUITO DI PILOTAGGIO
Caratteristiche generali:
• L’ olio di mandata proveniente dalla pompa del
circuito di pilotaggio viene usato per azionare il
circuito di comando funzionamento, il circuito di
comando pompa, il circuito di comando valvola, il
circuito di sblocco del freno di stazionamento
rotazione e il circuito di comando dell’ angolo di
inclinazione del motorino di traslazione.

T2-4-2
SISTEMA / Impianto idraulico

Circuito di comando funzionamento Circuito di disinnesto freno


di stazionamento rotazione

Valvola pilota Valvola pilota Valvola pilota Valvola pilota Valvola pilota Motorino di
lama sinistra traslazione destra supplementare rotazione

Circuito di comando pompa

Elettrovalvola co-
mando di limitazione Elettrovalvola
portata massima comando coppia
pompa 2

Valvola di neutra-
lizzazione circui-
to di pilotaggio
Valvola controllo segnale

Elettrovalvola comando di
limitazione portata massima
Alla bobina del distributore pompa 1 (Opzionale)

Elettrovalvola combinatore di
flusso supplementare (Quando Valvola co-
viene usata la bobina ausiliaria.) Combinatore
mando por-
Valvola selet- di flusso Regolatore
tata benna
trice segnale
della lama Valvola anti-deriva braccio
di sollevamento
Valvola anti-deriva braccio
di penetrazione
Elettrovalvola comando portata
supplementare (Quando viene usata Combinatore di flusso
la bobina ausiliaria.) supplementare

Valvola di neutralizzazione
by-pass Serbatoio
Valvola comando portata olio idraulico
Circuito di supplementare
comando
valvola Valvola di rigenerazione
braccio di penetrazione
Filtro
aspirazione
Distributore
Circuito controllo
Gruppo angolo di inclinazione
elettrovalvola motorino di traslazione
Valvola di Pompa circuito
Motorino di Motorino di sicurezza di pilotaggio
traslazione traslazione

Filtro

T2-4-3
SISTEMA / Impianto idraulico

Circuito di comando funzionamento


1. La valvola pilota comanda l’ olio di mandata
proveniente dalla pompa del circuito di pilotaggio
e sposta la bobina nel distributore.
2. La valvola controllo segnale si trova tra la valvola
pilota e il distributore. La valvola antiurto (nel
circuito di abbassamento braccio di sollevamento)
integrata nella valvola controllo segnale attenua il
movimento rapido della bobina nel distributore.
(Vedere FUNZIONAMENTO COMPONENTE /
gruppo Valvola controllo segnale).

T2-4-4
SISTEMA / Impianto idraulico

Valvola pilota lama Valvola pilota Valvola pilota Valvola pilota


(Opzionale) traslazione sinistra destra
Valvola pilota
supplementare
(Opzionale)

Valvola antiurto

Valvola controllo
segnale

Distributore

Valvola con-
trollo lama
(Opzionale)

Pompa circuito
di pilotaggio

1 - Sollevamento braccio 5 - Rotazione sinistra 9 - Traslazione sinistra in avanti 13 - Funzione ausiliaria


di sollevamento
2 - Abbassamento braccio 6 - Rotazione destra 10 - Traslazione sinistra indietro 14 - Funzione ausiliaria
di sollevamento
3 - Estensione braccio 7 - Ritrazione benna 11 - Traslazione destra in avanti 17 - Sollevamento lama
di penetrazione
4 - Ritrazione braccio 8 - Estensione benna 12 - Traslazione destra indietro 18 - Abbassamento lama
di penetrazione

T2-4-5
SISTEMA / Impianto idraulico

Circuito di comando pompa (Vedere


FUNZIONAMENTO COMPONENTE / gruppo
Dispositivo pompa.)

• Comando portata di mandata pompa tramite


pressione di comando portata Pi
1. La pressione circuito di pilotaggio proveniente
dalla valvola pilota viene selezionata dalla valvola
navetta nella valvola controllo segnale, cosicché la
valvola comando portata pompa 1 o la valvola
comando portata pompa 2 nella valvola controllo
segnale viene spostata.
2. La pressione circuito di pilotaggio dalla pompa
circuito di pilotaggio viene fornita alla pompa
principale 1 o 2 sotto forma di pressione di
comando portata Pi, spostando la valvola
comando portata pompa 1 o la valvola comando
portata pompa 2.

NOTA: Durante l’ azionamento del sollevamento/


abbassamento braccio di sollevamento,
estensione/ritrazione braccio di penetrazio-
ne, ritrazione/estensione benna e traslazio-
ne (destra), la pressione di comando portata
Pi viene fornita alla pompa principale 1.
Durante l’ azionamento del sollevamento
braccio di sollevamento, ritrazione/estensio-
ne braccio di penetrazione, rotazione de-
stra/sinistra, traslazione (sinistra) e funzione
ausiliaria (opzionale), la pressione di co-
mando portata Pi viene fornita alla pompa
principale 2.

• Comando pompa (a rilevamento di velocità) tramite


elettrovalvola comando coppia
1. La pressione circuito di pilotaggio proveniente
dalla pompa circuito di pilotaggio viene controllata
dall’ elettrovalvola comando coppia e viene fornita
alle pompe principali 1 e 2 sotto forma di
pressione a rilevamento di velocità Ppc.

T2-4-6
SISTEMA / Impianto idraulico

Braccio di Braccio di Funzione


Traslazione Traslazione penetra- solleva- ausiliaria
(sinistra) (destra) Rotazione zione mento Benna (Opzionale)

Valvola con-
trollo segnale

Valvola comando Valvola comando


portata pompa 1 portata pompa 2

Distributore

Elettrovalvola
comando coppia
Pompa 2 Pompa 1
Pompa circuito
di pilotaggio

T2-4-7
SISTEMA / Impianto idraulico

Circuito comando valvola (Vedere FUNZIONAMEN-


TO COMPONENTE / gruppo Distributore.)
• Le seguenti valvole sono controllate dalla pressione
circuito di pilotaggio proveniente dalla valvola pilota,
dal gruppo elettrovalvola (SC), dalla bobina di
comando combinatore di flusso nella valvola
controllo segnale e dalla bobina di comando valvola
comando portata benna.

• Pressione circuito di pilotaggio abbassamento


braccio di sollevamento: valvola anti-deriva
braccio di sollevamento
• Pressione circuito di pilotaggio ritrazione braccio
di penetrazione: valvola anti-deriva braccio di
penetrazione
• Pressione circuito di pilotaggio ausiliaria:
Combinatore di flusso supplementare, valvola di
neutralizzazione by-pass (Quando viene usata la
bobina ausiliaria.)
• Gruppo elettrovalvola SC: Valvola rigenerazione
braccio di penetrazione
• Elettrovalvola comando portata supplementare:
Valvola comando portata supplementare (Quando
viene usata la bobina ausiliaria.)
• Elettrovalvola selettrice combinatore di flusso
supplementare: pressione circuito di pilotaggio
braccio di sollevamento, braccio di penetrazione
e benna
• Bobina di comando combinatore di flusso:
Combinatore di flusso
• Bobina di comando valvola comando portata
benna: Valvola comando portata benna
• Pressione circuito di pilotaggio lama: Valvola
selettrice segnale lama, valvola di
neutralizzazione by-pass
• Valvola selettrice segnale lama: Combinatore di
flusso

T2-4-8
SISTEMA / Impianto idraulico

Abbassamento
Ritrazione braccio braccio di Funzione ausiliaria
Lama (Opzionale) Traslazione (destra) di penetrazione sollevamento (Opzionale)

Bobina di coman-
do valvola coman-
do portata benna

Bobina di coman-
do del combinato-
re di flusso

Valvola
controllo
segnale
Valvola
selettrice
segnale lama Elettrovalvola selettri-
(Opzionale) ce combinatore di
flusso supplementare
(Opzionale)
Valvola coman-
do portata sup- Combinatore di flusso
plementare supplementare

Elettrovalvo- Combinatore di flusso


la comando
portata sup-
plementare
(Opzionale)

Valvola comando
portata benna

Valvola
anti-deri-
va brac-
cio di pe-
netrazione
Valvola anti-deriva
Gruppo braccio di
elettrovalvola sollevamento

Valvola di neutralizza-
zione by-pass

Pompa Distributore
circuito di
pilotaggio
Valvola di rigenerazione
braccio di penetrazione
(Valvola selettrice)

T2-4-9
SISTEMA / Impianto idraulico

Circuito di disinnesto freno di stazionamento


rotazione (Vedere FUNZIONAMENTO
COMPONENTE / gruppo Dispositivo di rotazione.)
1. Durante l’ azionamento dell’ attrezzo anteriore
o della rotazione, la pressione circuito di pilotaggio
viene selezionata dalla valvola navetta nella
valvola controllo segnale e sposta la bobina di
sblocco del freno di stazionamento rotazione.
2. Di conseguenza, la pressione del segnale di
sblocco viene fornita al motorino di rotazione e il
freno di stazionamento rotazione viene sbloccato.

Circuito controllo angolo di inclinazione motorino


di traslazione (Vedere FUNZIONAMENTO
COMPONENTE / Gruppo Dispositivo di
traslazione.)
1. La pressione circuito di pilotaggio dal gruppo
elettrovalvola SI comanda la valvola controllo
angolo di inclinazione motorino di traslazione.

T2-4-10
SISTEMA / Impianto idraulico

Braccio di Braccio di Funzione


Traslazione penetra- solleva- ausiliaria
(sinistra) Rotazione zione mento Benna (Opzionale)

Valvola controllo
segnale

Bobina di sblocco del freno


di stazionamento rotazione
Motorino
di traslazione
Gruppo Motorino
elettrovalvola di rotazione

Pompa circuito Valvola controllo


di pilotaggio angolo di inclinazione

T2-4-11
SISTEMA / Impianto idraulico

CIRCUITO PRINCIPALE
Caratteristiche generali:
1. Le pompe principali (1 e 2) e la pompa della lama
aspirano l’olio idraulico dal relativo serbatoio. La
pompa 1 eroga olio di mandata al lato a 4 bobine
del distributore. La pompa 2 eroga olio di mandata
al lato a 5 bobine nel distributore. La pompa della
lama eroga olio di mandata alla valvola comando
lama (opzionale).
2. L’ olio di mandata erogato viene alimentato al
motorino e al cilindro in base al funzionamento
della bobina nel distributore.
3. L’ olio di ritorno dal motorino o dal cilindro ritorna
al serbatoio olio idraulico attraverso il distributore
e il radiatore olio.
NOTA: l’ olio di ritorno dalla valvola comando lama
(opzionale) ritorna direttamente al serbatoio
olio idraulico senza passare dal radiatore
olio.
4. Se la temperatura dell’ olio è bassa (con un’
elevata viscosità) e la resistenza al flusso nel
radiatore olio è grande, la valvola di non ritorno di
by-pass si apre e l’ olio idraulico ritorna
direttamente al serbatoio olio idraulico.

T2-4-12
SISTEMA / Impianto idraulico

Motorino di traslazione Motorino di traslazione


(sinistra) (destra)

Cilindro benna

Attrezzi

Distributore Cilindro braccio


di sollevamento

Lato a 4
Cilindro braccio
bobine
di penetrazione
Traslazione Traslazione
(sinistra) (destra)

Funzione ausiliaria Benna

Braccio di Braccio di
sollevamento 2 sollevamento 1
Braccio di Braccio di Cilindro lama
penetrazione 1 penetrazione 2 (Opzionale)

Rotazione

Lato a 5
bobine

Valvola di non
ritorno by-pass
Valvola controllo lama
Motorino di (Opzionale)
rotazione
Radiatore Pompa Pompa Pompa lama
olio principale 2 principale 1 (Opzionale)

Filtro Serbatoio olio


aspirazione idraulico

T2-4-13
SISTEMA / Impianto idraulico

Circuito neutro
• Con la leva di comando in folle, l’ olio di mandata
proveniente dalla pompa principale ritorna al
serbatoio olio idraulico attraverso il distributore.

Circuito di funzionamento singolo


• L’ olio di mandata proveniente dalla pompa 1
scorre fino a ciascuna delle bobine della
traslazione destra, della benna, del braccio di
sollevamento 1 e del braccio di penetrazione 2
attraverso il distributore lato a 4 bobine.
• L’ olio di mandata proveniente dalla pompa 2
scorre fino a ciascuna delle bobine di rotazione,
del braccio di penetrazione 1, del braccio di
sollevamento 2, della funzione ausiliaria e della
traslazione sinistra attraverso il distributore lato
a 5 bobine.
• Il braccio di sollevamento e il braccio di
penetrazione sono azionati dall’ olio di mandata
proveniente da due pompe e l’ olio di mandata
proveniente da ciascuna pompa viene combinato
con l’ altro ed erogato congiuntamente.

T2-4-14
SISTEMA / Impianto idraulico

Motorino Motorino
di traslazione di traslazione
(sinistra) (destra)

Distributore

Trasla-
zione (si- Traslazio-
Attrezzo
nistra) ne (de-
stra)

Cilindro benna

Funzione
ausiliaria

Benna
Cilindro braccio
di penetrazione Braccio di
solleva-
mento 2 Braccio di sol- Cilindro braccio
levamento 1 di sollevamento

Motorino
di rotazione

Braccio di
penetra- Braccio di pe-
zione 1 netrazione 2

Rotazione
Lato a 4 bobine

Lato a 5 bobine

Pompa 2 Pompa 1

T2-4-15
SISTEMA / Impianto idraulico

Circuito lama (Opzionale)

Circuito neutro
• Con la leva di comando in folle, l’ olio di mandata
proveniente dalla pompa della lama ritorna al
serbatoio olio idraulico attraverso la valvola
comando lama.

Circuito di funzionamento singolo


1. Quando si aziona la leva di comando, la valvola
selettrice segnale lama e la valvola di
neutralizzazione by-pass vengono spostate.
2. Quando la valvola selettrice segnale lama viene
spostata, la pressione circuito di pilotaggio dalla
valvola selettrice segnale lama sposta il
combinatore di flusso.
3. Quando il combinatore di flusso viene spostato,
l’olio di mandata combinato della pompa 1 si
combina con quello della pompa 2 nel distributore
e scorre alla valvola comando lama.
4. Dopo che l’olio di mandata della pompa della lama
si combina con quello della pompa 1 e 2 nella
valvola comando lama, l’olio di mandata
combinato scorre al cilindro lama.
5. A causa della suddetta operazione, la velocità di
funzionamento del cilindro lama aumenta.
NOTA: Quando si effettua l’operazione combinata
con la lama, si deve ottenere una velocità
attuatore diversa da quella del cilindro lama.
Pertanto, nel circuito del combinatore di
flusso olio dalla pompa 1 e 2 è presente un
orifizio.

T2-4-16
SISTEMA / Impianto idraulico

Pressione circuito di
pilotaggio da valvola
selettrice segnale lama
Orifizio

Distributore

Cilindro
lama

Valvola di
neutralizza-
zione by-
pass

Valvo-
la co-
man-
do
lama

Pompa 2 Pompa 1

Pompa della
lama
Pressione circuito di pilotaggio
da valvola pilota lama

T2-4-17
SISTEMA / Impianto idraulico

Circuito di funzionamento combinato


• Funzionamento di rotazione e sollevamento braccio
di sollevamento
1. Quando il braccio di sollevamento viene sollevato
durante la rotazione, la pressione circuito di
pilotaggio sposta le bobine di rotazione, braccio di
sollevamento 1 e braccio di sollevamento 2.
2. L’ olio di mandata dalla pompa 1 scorre fino al
cilindro del braccio di sollevamento dalla bobina
del braccio di sollevamento 1 attraverso il circuito
parallelo, provocando il sollevamento del braccio
di sollevamento.
3. L’ olio di mandata proveniente dalla pompa 2
scorre fino al motorino di rotazione attraverso la
bobina di rotazione, ed esegue la rotazione.
4. Contemporaneamente, l’ olio di mandata scorre
fino al cilindro del braccio di sollevamento dalla
bobina del braccio di sollevamento 2 attraverso il
circuito parallelo, si combina con l’ olio di mandata
proveniente dalla pompa 1 e solleva il braccio di
sollevamento.

T2-4-18
SISTEMA / Impianto idraulico

Circuito
parallelo

Braccio di
solleva- Cilindro braccio
mento 2 Brac-
di sollevamento
cio di
solle-
vamen-
to 1

Motorino di rotazione

Rotazione
Circuito
parallelo

Pompa 2 Pompa 1

T2-4-19
SISTEMA / Impianto idraulico

• Funzionamento di traslazione e ritrazione braccio di


penetrazione
1. Quando il braccio di penetrazione viene ritratto
durante la traslazione, la pressione circuito di
pilotaggio sposta le bobine di traslazione, dei
bracci di penetrazione 1 e 2.
2. Allo stesso tempo, la pressione circuito di
pilotaggio traslazione destra sposta la bobina di
comando del combinatore di flusso nella valvola
controllo segnale. L’olio di mandata proveniente
dalla bobina di comando del combinatore di flusso
viene inviato al combinatore di flusso,
spostandolo.
3. L’ olio di mandata proveniente dalla pompa 1
aziona il motorino di traslazione destra attraverso
la relativa bobina.
4. Contemporaneamente, l’ olio di mandata aziona il
motorino di traslazione sinistra attraverso il
combinatore di flusso e la bobina di traslazione
sinistra.
5. L’ olio di mandata dalla pompa 2 scorre fino al
cilindro del braccio di penetrazione attraverso la
bobina del braccio di penetrazione 1, spostando il
braccio stesso.
6. Di conseguenza, l’olio di mandata proveniente
dalla pompa 2 viene usato per azionare il braccio
di penetrazione. L’olio di mandata proveniente
dalla pompa 1 viene inviato in parti uguali ai
motorini di traslazione destra e sinistra, così la
macchina effettua una traslazione in linea retta.

T2-4-20
SISTEMA / Impianto idraulico

Motorino di Motorino di
traslazione (sinistra) traslazione (destra)
Pressione circuito di pilotag-
gio dalla bobina di comando
combinatore di flusso nella
valvola controllo segnale

Trasla-
zione (si- Trasla-
nistra) zione
(destra)

Cilindro braccio
di penetrazione

Braccio
di pene-
trazio-
ne 1

Lato a 5 bobine Lato a 4 bobine

Pompa 2 Pompa 1

T2-4-21
SISTEMA / Impianto idraulico

Circuito ausiliario
1. Quando l’ attrezzo, come un martello demolitore NOTA: Durante il funzionamento del sollevamento/
idraulico, viene azionato, la pressione circuito di abbassamento del braccio di sollevamento,
pilotaggio proveniente dalla valvola pilota per l’ ritrazione/estensione del braccio di
attrezzo sposta il combinatore di flusso penetrazione, ritrazione/estensione della
supplementare e la valvola di neutralizzazione by- benna e traslazione destra/sinistra, la
pass. pressione circuito di pilotaggio proveniente
2. Di conseguenza, il circuito neutro sul lato a 4 dalla valvola controllo segnale viene fornita
bobine viene bloccato dalla valvola di alla porta SN e il combinatore di flusso
neutralizzazione by-pass. L’ olio di mandata dalla supplementare non viene spostato.
pompa principale 1 attraverso il combinatore di (Vedere SISTEMA / Sistema di comando.)
flusso supplementare viene fornito alla bobina
ausiliaria.

T2-4-22
SISTEMA / Impianto idraulico

Pressione circuito di pilotaggio


dalla valvola pilota per l’ attrezzo

Elettrovalvola selettrice combinatore


di flusso supplementare
Pressione circuito di
Combinatore di flusso pilotaggio dalla valvola
supplementare controllo segnale

Attrezzo

Circuito neutro

Funzione
ausiliaria

Valvola di
neutralizzazione
by-pass

Pompa 2 Pompa 1

T2-4-23
SISTEMA / Impianto idraulico

(Pagina vuota)

T2-4-24
SISTEMA / Impianto elettrico

CARATTERISTICHE GENERALI
Il circuito elettrico è diviso in circuito principale, circuito
di monitoraggio e circuito di comando.

• Circuito principale
E’ il circuito relativo al funzionamento di motore
e accessori.

• Circuito di monitoraggio
E’ composto da monitor, sensori e interruttori
e visualizza lo stato operativo della macchina.

• Circuito di comando (Vedere SISTEMA / Sistema di


comando.)
Questo circuito controlla il motore, la pompa e le
valvole. Ciascun circuito comprende: l’ attuatore,
come ad esempio l’ elettrovalvola, l’ MC (Dispositivo
di comando principale), l’ ECM (Modulo comando
motore), la cassetta interruttori, il sensore e il
pressostato.

T2-5-1
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO PRINCIPALE
I circuiti e le funzioni più importanti del circuito
principale sono i seguenti.

• Circuito di potenza: questo circuito fornisce la


corrente elettrica a tutti gli impianti elettrici su
questa macchina. [Commutatore di avviamento,
batterie, fusibili (scatole fusibili, collegamenti
fusibili), relè batteria]

• Circuito ausiliario
Viene azionato quando il commutatore di
avviamento viene girato su ACC.

• Circuito di avviamento
Questo circuito avvia il motore. [Commutatore di
avviamento, motorino di avviamento, relè motorino
di avviamento]

• Circuito di carica
Questo circuito ricarica le batterie. [Alternatore,
(Regolatore)]

• Circuito di prevenzione della sovratensione


Questo circuito impedisce che si verifichi
sovratensione quando il motore viene arrestato.
[Relè scarico]

• Circuito di neutralizzazione circuito di pilotaggio


(Commutatore di avviamento: ON)
Fornisce olio di mandata alla valvola pilota dalla
pompa circuito di pilotaggio per mezzo dell’
elettrovalvola di neutralizzazione circuito di
pilotaggio.

• Circuito di bloccaggio di sicurezza


Interrompe la corrente elettrica per l’ avviamento
dal commutatore di avviamento in base ai segnali
provenienti dal sistema di allarme esterno o dall’
unità monitor.

• Circuito di arresto motore (Commutatore di


avviamento: OFF)
Questo circuito arresta il motore mediante l’ ECM.
(MC, ECM)

• Circuito avvisatore acustico di sicurezza


Aziona l’ avvisatore acustico di sicurezza in base
ai segnali provenienti dal sistema di allarme
esterno o dall’ unità monitor.

• Circuito luce di lavoro


Accende la luce di lavoro e la luce cabina.

• Circuito tergicristalli
Aziona il funzionamento intermittente del
tergicristalli e del lavacristalli.

T2-5-2
SISTEMA / Impianto elettrico

(Pagina vuota)

T2-5-3
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO DI POTENZA (COMMUTATORE


DI AVVIAMENTO: OFF)
Il terminale negativo della batteria viene messo
a massa sul cassone. La corrente dal terminale positivo
della batteria scorre come mostrato qui di seguito quan-
do il commutatore di avviamento viene girato su OFF.

Batteria →Relè batteria


→ Relè candela →Terminale #8: Relè principale ECM
↓ a incandescenza (Alimentazione)
(Alimentazione) →Terminale #9: Radio (Alimentazione di riserva)
Collegamento fusibile → Commutatore di Avvisatore acustico di sicurezza
avviamento (B) (Alimentazione)
→ Relè scarico Relè avvisatore acustico di
→ Scatola fusibili sicurezza (Alimentazione)
→Terminale #10: MC (Alimentazione), ICF
(Alimentazione)
→Terminale #11: Relè avvisatore acustico
(Alimentazione)
→Terminale #19: Unità monitor (Alimentazione)
→Terminale #20: Opzionale

T2-5-4
SISTEMA / Impianto elettrico

Commutatore di avviamento

Collegamento
fusibile

Batteria

Motorino Relè di esclusio-


di avviamento ne del motorino
di avviamento

Relè scarico

Relè avvisatore
acustico
Alternatore

Relè candela
a incandescenza
Relè principale ECM
Opzionale
Radio, avvisatore acustico di sicurezza,
relè avvisatore acustico di sicurezza
Candela
a incandescenza
MC, ICF
Unità monitor

T2-5-5
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO AUSILIARIO
1. Con il commutatore di avviamento su ACC, il
terminale B viene collegato al terminale ACC del
commutatore stesso.

2. La corrente proveniente dal terminale ACC del


commutatore di avviamento raggiunge la radio
(#12), la luce cabina (#12), l’ accendisigari (#13)
e la funzione ausiliaria (#15) attraverso la scatola
fusibili e rende funzionante ciascun accessorio.

T2-5-6
SISTEMA / Impianto elettrico

Commutatore di avviamento

Batteria

Scatola fusibili

Radio, luce cabina

Accendisigari

Funzione
ausiliaria

T2-5-7
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO DI AVVIAMENTO
(COMMUTATORE DI AVVIAMENTO:
START)
1. Con il commutatore di avviamento su START, il 6. Di conseguenza, il relè motorino di avviamento si
terminale B viene collegato ai terminali M ed ST attiva e così il motorino di avviamento inizia
del commutatore stesso. a girare.

2. Quando la corrente del terminale M eccita il relè 7. Dall’ altra parte, la corrente dal terminale M del
batteria, la corrente di quest’ultima viene inviata al commutatore di avviamento raggiunge l’ MC,
terminale B del motorino di avviamento e al l’ ICF, l’ unità monitor e l’ ECM attraverso il fusibile
terminale B del relè motorino di avviamento #18 sotto forma di segnale che indica che il
attraverso il relè batteria. commutatore di avviamento è in posizione ON
o START.
3. La corrente dal terminale ST arriva al terminale S
del relè motorino di avviamento 2 attraverso il relè 8. Non appena l’ ECM riceve questo segnale, l’ ECM
di esclusione del motorino di avviamento. attiva il relè principale dell’ ECM.

4. La corrente scorre alla bobina del relè motorino di 9. La corrente proveniente dalla batteria arriva all’
avviamento e quest’ ultimo si attiva. ECM attraverso il fusibile #8 e il relè principale
dell’ ECM e l’ alimentazione principale dell’ ECM
5. Pertanto, la corrente scorre al terminale S del viene attivata.
motorino di avviamento dal terminale C del relè
motorino di avviamento. 10. L’ ECM crea le condizioni per l’ avviamento del
motore.

T2-5-8
SISTEMA / Impianto elettrico

Commutatore di avviamento

Relè di esclusione del


motorino di avviamento

Batteria

Relè batteria
Motorino di
avviamento

Relè motorino
di avviamento

Relè
principale
ECM

Unità
monitor

T2-5-9
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO DI CARICA (COMMUTATORE


DI AVVIAMENTO: ON)
1. Una volta avviato il motore e rilasciato il Unità monitor
commutatore di avviamento, questo si sposta su ON.

2. Il terminale B del commutatore di avviamento


è collegato ai terminali ACC ed M del
commutatore di avviamento quando il
commutatore è posizionato su ON.

3. Quando l’alternatore inizia a generare elettricità


mentre il motore gira, la corrente passa dal
terminale B dell’alternatore alle batterie attraverso
il relè batteria, caricandole.

4. La corrente dal terminale L dell’ alternatore arriva


all’ unità monitor, fa spegnere l’ allarme dell’
alternatore e raggiunge l’ ICF.
Allarme alternatore
NOTA: L’ unità monitor rileva la carica dell’
alternatore in base all’ alimentazione
proveniente dall’ alternatore, e spegne
l’ allarme dell’ alternatore stesso.

T2-5-10
SISTEMA / Impianto elettrico

Commutatore di avviamento

All’ unità
Batteria
monitor,
ICF

Relè
batteria

Alternatore

T2-5-11
SISTEMA / Impianto elettrico

Funzionamento dell’ alternatore


• L’ alternatore è composto da bobina di campo FC, • All’ inizio, la corrente non scorre attraverso la
bobina dello statore SC e diodo D. Il regolatore bobina di campo FC. Quando il rotore inizia
è composto da transistor (T1 e T2), diodo Zener a girare, una corrente alternata viene generata
ZD e resistenze (R1 ed R2). nella bobina dello statore SC dal magnetismo
residuo del rotore.
• Il terminale B dell’alternatore è collegato alla base
B del transistor T1 attraverso il circuito [B → R • Quando la corrente inizia a passare attraverso la
→ RF → (R) → (R1)]. bobina di campo FC, il rotore viene ulteriormente
magnetizzato, in questo modo la tensione di
• Quando il relè batteria è su ON, la tensione della generazione aumenta. Di conseguenza, la
batteria viene applicata alla base B del transistor corrente che passa attraverso la bobina di campo
T1; in questo modo il collettore C viene collegato FC aumenta e la tensione di generazione aumenta
all’ emettitore E, e la bobina di campo FC viene ulteriormente per caricare le batterie.
messa a massa attraverso il transistor T1.

Alternatore
Regolatore

Relè batteria

Batteria

T2-5-12
SISTEMA / Impianto elettrico

Funzionamento del regolatore


• Quando la tensione di generazione supera la • Quando la tensione di generazione scende al di
tensione impostata del diodo Zener ZD, la sotto della tensione impostata del diodo Zener ZD,
corrente arriva alla base B del transistor T2, e il il transistor T2 viene disattivato e il transistor T1
collettore C viene collegato all’ emettitore E. viene nuovamente attivato.

• La corrente che era convogliata alla base B del • La corrente scorre attraverso la bobina di campo
transistor T1 scompare a causa del FC e la tensione di generazione nella bobina dello
funzionamento del transistor T2, cosicché il statore SC aumenta. La suddetta operazione
transistor T1 viene disattivato. viene ripetuta in modo che la tensione di
generazione dell’ alternatore resti costante.
• Pertanto, nella bobina di campo FC non passa
corrente, e la tensione di generazione sulla bobina
dello statore SC diminuisce.

Relè batteria

Batteria

T2-5-13
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO DI PREVENZIONE DELLA


SOVRATENSIONE
1. Quando il motore viene arrestato (commutatore di 4. Quando l’ alternatore genera elettricità, la corrente
avviamento: OFF), la corrente del terminale M del di generazione proveniente dal terminale L dell’
commutatore di avviamento viene scollegata, e il alternatore arriva al terminale #C-7 dell’ unità
relè batteria viene disattivato. monitor che a sua volta collega a massa il
terminale #A-12.
2. Subito dopo aver posizionato su OFF il
commutatore di avviamento, il motore continua 5. La corrente attraversa quindi il circuito di
a girare per forza di inerzia; in questo modo eccitazione del relè scarico e attiva il relè.
l’ alternatore continua a generare elettricità.
6. Di conseguenza, anche se il commutatore di av-
3. Poiché la corrente di generazione non può viamento viene girato su OFF durante la rotazione
raggiungere la batteria, nel circuito si verifica una del motore, la corrente della batteria continua
sovratensione che può danneggiare componenti a eccitare il relè batteria mediante il relè scarico.
elettronici come il dispositivo di comando. Il Finché l’alternatore non arresta la generazione di
circuito di prevenzione della sovratensione ha la corrente, il relè batteria resta su ON.
funzione di impedire questo fenomeno.

T2-5-14
SISTEMA / Impianto elettrico

Commutatore di avviamento

Batteria

Relè batteria

Relè
scarico

Alternatore

Unità monitor

T2-5-15
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO DI NEUTRALIZZAZIONE
CIRCUITO DI PILOTAGGIO
(COMMUTATORE DI AVVIAMENTO: ON)
1. Quando la leva di neutralizzazione circuito di
pilotaggio viene portata su ON, l’ unità monitor
collega il circuito di massa del relè di
neutralizzazione circuito di pilotaggio e il relè di
esclusione del motorino di avviamento, cosicché il
relè di neutralizzazione circuito di pilotaggio e il
relè di esclusione del motorino di avviamento
vengono attivati.

2. Quando il relè di neutralizzazione circuito di


pilotaggio viene attivato, il circuito di massa dell’
elettrovalvola di neutralizzazione circuito di
pilotaggio viene collegato, la corrente dal fusibile
#4 attiva l’ elettrovalvola di neutralizzazione
circuito di pilotaggio e l’ olio di mandata
proveniente dalla pompa circuito di pilotaggio
viene inviato alla valvola pilota.

3. Quando il relè di esclusione del motorino di


avviamento viene attivato, il terminale ST del
commutatore di avviamento viene scollegato dal
terminale S del relè motorino di avviamento 2.
Pertanto, anche se il commutatore di avviamento
si sposta su START, il motore non si avvia.

T2-5-16
SISTEMA / Impianto elettrico

Commutatore di avviamento

Relè di esclusione del


motorino di avviamento

Batteria

Relè batteria
Motorino di
avviamento

Relè
motorino di
avviamento

Relè di Leva di neutra-


sicurezza lizzazione circui-
to di pilotaggio

Relè di
neutralizzazi
one circuito
di pilotaggio

Elettrovalvola di
neutralizzazione Unità
circuito di monitor
pilotaggio

T2-5-17
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO DI BLOCCAGGIO
DI SICUREZZA
1. L’ unità monitor collega il circuito di massa del relè
di sicurezza e il relè di esclusione del motorino di
avviamento in base al segnale di allarme esterno
o all’ errore di immissione della password, e il relè
di sicurezza e il relè di esclusione del motorino di
avviamento vengono attivati.

2. Quando il relè di sicurezza è attivato, dato che il


circuito di massa dell’ elettrovalvola di
neutralizzazione circuito di pilotaggio è scollegato,
l’ elettrovalvola di neutralizzazione circuito di
pilotaggio è disattivata cosicché l’ olio di mandata
che dalla pompa circuito di pilotaggio arriva alla
valvola pilota viene bloccato.

3. Quando il relè di esclusione del motorino di


avviamento viene attivato, il terminale ST del
commutatore di avviamento viene scollegato dal
terminale S del relè motorino di avviamento 2.
Pertanto, anche se il commutatore di avviamento
si sposta su START, il motore non si avvia.

T2-5-18
SISTEMA / Impianto elettrico

Commutatore di avviamento

Relè di esclusione del


motorino di avviamento

Batteria

Relè batteria
Motorino di
avviamento

Relè
motorino di
avviamento

Relè di Leva di neutra-


sicurezza lizzazione circui-
to di pilotaggio

Relè di
neutralizzazi
one circuito
di pilotaggio

Elettrovalvola di
neutralizzazione Unità
circuito di monitor
pilotaggio

T2-5-19
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO DI ARRESTO MOTORE


(COMMUTATORE DI AVVIAMENTO: OFF)
1. Quando il commutatore di avviamento passa da
ON a OFF, la corrente del segnale che indica che
il commutatore di avviamento è su ON smette di
passare dal terminale M al terminale #1-24
dell’ECM.

2. L’ ECM interrompe l’ iniezione dell’ iniettore


e arresta il motore.

3. Quando il motore si arresta, l’ ECM disattiva il relè


principale dell’ ECM.

T2-5-20
SISTEMA / Impianto elettrico

Commutatore di avviamento

Batteria

Relè principale
ECM

Unità
monitor

T2-5-21
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO AVVISATORE ACUSTICO


DI SICUREZZA
Dalla batteria
1. L’ unità monitor collega il circuito di massa del relè
avvisatore acustico di sicurezza in base al segnale
di allarme esterno proveniente dall’ ICF o all’ Fusibile #9
errore di immissione della password, cosicché il
relè avvisatore acustico di sicurezza viene
attivato.
Segnale dall’ ICF
2. Quando il relè avvisatore acustico di sicurezza
viene attivato, la corrente dal fusibile #9 aziona
l’ avvisatore acustico di sicurezza.

Unità monitor

Avvisatore
acustico di
sicurezza

Relè avvisatore
acustico di
sicurezza

T2-5-22
SISTEMA / Impianto elettrico

(Pagina vuota)

T2-5-23
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO LUCE DI LAVORO


Circuito della luce di lavoro e della luce cabina
1. Quando il selettore luci di lavoro si sposta in
posizione 1, il terminale #B-20 dell’ unità monitor
riceve il segnale.
2. L’ unità monitor collega il circuito di massa del relè
luci 1.
3. La corrente dal fusibile #1 attiva il relè luci 1
e accende la luce di lavoro e la luce cabina.

Circuito della luce braccio di sollevamento


1. Quando il selettore luci di lavoro si sposta in
posizione 2, il terminale #A-6 dell’ unità monitor
riceve il segnale.
2. L’ unità monitor collega il circuito di massa del relè
luci 2.
3. La corrente dal fusibile #1 attiva il relè luci 2
e accende la luce del braccio di sollevamento.

T2-5-24
SISTEMA / Impianto elettrico

Segnale in entrata luce


braccio di sollevamento Unità monitor

Selettore luci
di lavoro

Segnale in entrata
Dalla batteria
luce di lavoro

Fusibile #1

Relè luci 1 Relè luci 2

Luce cabina

Luce di
lavoro

Luce braccio di
sollevamento

T2-5-25
SISTEMA / Impianto elettrico

CIRCUITO TERGICRISTALLI
Funzionamento intermittente

Scopo: Aziona il tergicristalli agli intervalli impostati con


l’ interruttore tergicristalli / lavacristalli.
Velocità alta
Funzionamento:
1. L’ interruttore tergicristalli / lavacristalli invia il
segnale elettrico corrispondente alla posizione
INT. in risposta agli intervalli impostati sull’ unità
monitor. Velocità
2. L’ unità monitor collega il circuito di massa agli media
intervalli impostati con l’ interruttore tergicristalli / Velocità
lavacristalli e il relè tergicristalli si attiva. bassa
3. Quando il relè tergicristalli viene attivato, il circuito
di massa del motorino tergicristalli viene collegato.
4. La corrente dal fusibile #2 aziona il motorino
tergicristalli e il tergicristalli si muove.

Funzionamento del lavacristalli Posizione INT. Tempo impostato


Bassa 8 secondi
Scopo: Aziona il lavacristalli. Media 6 secondi
Alta 3 secondi
Funzionamento:
1. Quando si preme l’ interruttore tergicristalli /
lavacristalli, l’ unità monitor riceve il segnale
elettrico dall’ interruttore tergicristalli / lavacristalli.
2. L’ unità monitor collega il circuito di massa del relè
lavacristalli e il relè lavacristalli si attiva.
3. Quando il relè lavacristalli è attivato, la corrente
dal fusibile #2 aziona il motorino lavacristalli e il
liquido lavacristalli viene spruzzato.

T2-5-26
SISTEMA / Impianto elettrico

Dalla batteria
Interruttore tergicristalli /
lavacristalli Tergicristalli

Fusibile #2

Unità monitor
Rondella

Relè lavacristalli Motorino


tergicristalli

Motorino lavacristalli

Relè tergicristalli

T2-5-27
SISTEMA / Impianto elettrico

(Pagina vuota)

T2-5-28
MEMO

....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
MEMO

....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
SEZIONE 3
FUNZIONAMENTO COMPONENTE

INDICE
Gruppo 1 Dispositivo pompa Gruppo 4 Valvola pilota
Caratteristiche generali .................................... T3-1-1 Caratteristiche generali.....................................T3-4-1
Pompa principale ............................................. T3-1-2 Funzionamento .................................................T3-4-4
Regolatore........................................................ T3-1-4 Funzione antiurto
Elettrovalvola.................................................. T3-1-20 (Solo per valvola pilota traslazione).............T3-4-12
Pompa lama (Opzionale) ............................... T3-1-22
Pompa circuito di pilotaggio ........................... T3-1-22 Gruppo 5 Dispositivo di traslazione
Sensore pressione di mandata pompa .......... T3-1-22 Caratteristiche generali.....................................T3-5-1
Sensore pressione di comando pompa.......... T3-1-22 Riduttore di traslazione .....................................T3-5-2
Motorino di traslazione......................................T3-5-3
Gruppo 2 Dispositivo di rotazione Freno di stazionamento .................................... T3-5-4
Caratteristiche generali .................................... T3-2-1 Controllo modalità traslazione ..........................T3-5-6
Ingranaggio di riduzione rotazione ................... T3-2-2 Valvola freno traslazione.................................T3-5-10
Motorino di rotazione........................................ T3-2-3
Freno di stazionamento rotazione.................... T3-2-4 Gruppo 6 Valvola controllo segnale
Gruppo valvole ................................................. T3-2-6 Caratteristiche generali.....................................T3-6-1
Porta pilota........................................................T3-6-2
Gruppo 3 Distributore Valvola navetta .................................................T3-6-4
Caratteristiche generali .................................... T3-3-1 Valvola antiurto .................................................T3-6-6
Circuito idraulico............................................. T3-3-10 Valvole comando portata pompa 1
Combinatore di flusso .................................... T3-3-16 e pompa 2......................................................T3-6-8
Valvola di sicurezza principale ....................... T3-3-18 Bobina di comando valvola comando
Valvola limitatrice del sovraccarico ................ T3-3-20 portata benna, bobina di comando
Valvola di rigenerazione ................................. T3-3-22 combinatore di flusso, bobina sblocco
Valvola anti-deriva.......................................... T3-3-24 freno di stazionamento rotazione.................T3-6-10
Valvola comando portata................................ T3-3-26
Combinatore di flusso supplementare
e valvola di neutralizzazione by-pass.......... T3-3-28

1R7T-3-1
Gruppo 7 Altro (Torretta)
Elettrovalvola di neutralizzazione circuito
di pilotaggio ................................................... T3-7-1
Elettrovalvola.................................................... T3-7-3
Valvola di sicurezza circuito di pilotaggio ......... T3-7-6

Gruppo 8 Altro (Sottocarro)


Cuscinetto volvente.......................................... T3-8-1
Giunto centrale................................................. T3-8-2
Dispositivo di regolazione cingoli ..................... T3-8-4

1R7T-3-2
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

CARATTERISTICHE GENERALI
Il dispositivo pompa consiste di: pompa principale La pompa principale è del tipo a stantuffo assiale
[pompa 1 (1), pompa 2 (2)], pompa circuito di pilotaggio a cilindrata variabile, a disco oscillante. La pompa 1 (1)
(3) e pompa lama (4) (opzionale). La potenza in uscita e la pompa 2 (2) sono integrate come due unità in un
del motore viene trasmessa all’ albero (9) attraverso il alloggiamento.
giunto (10) e comanda la pompa 1 (1), la pompa 2 (2), La pompa circuito di pilotaggio (3) e la pompa lama (4)
la pompa circuito di pilotaggio (3) e la pompa lama (4) (opzionale) sono pompe a ingranaggi. I sensori
(opzionale). pressione di mandata della pompa (11, 12) e i sensori
pressione di comando pompa (5, 6) servono per
controllare la pompa e la valvola.

1 - Pompa 1 5 - Sensore pressione 8 - Elettrovalvola comando di 11 - Sensore pressione


di comando pompa 2 limitazione portata massima di mandata pompa 1
pompa 2
2 - Pompa 2 6 - Sensore pressione 9 - Albero 12 - Sensore pressione
di comando pompa 1 di mandata pompa 2
3 - Pompa circuito di pilotaggio 7 - Elettrovalvola comando 10 - Attacco
coppia
4 - Pompa lama (Opzionale)

T3-1-1
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

POMPA PRINCIPALE
La pompa principale fornisce l’ olio di mandata per Quando il monoblocco (1) gira, lo stantuffo (2) al suo
azionare i componenti idraulici come il motorino interno oscilla a causa dell’ inclinazione del disco
o i cilindri. Ogni pompa principale è provvista di un oscillante (4). pertanto, l’ olio idraulico viene scaricato
regolatore che controlla la portata di mandata. L’ albero ed erogato. Quando l’ angolo di inclinazione del disco
(5) è collegato al monoblocco (1) in ogni pompa, in oscillante (4) varia per mezzo del pistone servoassistito
modo che i due componenti girano insieme. 1 (3) e 2 (6), la corsa dello stantuffo (2) aumenta o si
riduce, così la portata di mandata della pompa
principale viene controllata.

1 - Monoblocco 3 - Pistone servoassistito 1 5 - Albero 7 - Leva di feedback


(2 utiliz.)
2 - Stantuffo 4 - Disco oscillante 6 - Pistone servoassistito 2 8 - Leveraggio

T3-1-2
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Aumento e riduzione della portata di mandata


L’ angolo di inclinazione del disco oscillante (4) varia
a causa dei movimenti del pistone servoassistito 1 (3)
e 2 (6). Il regolatore regola i movimenti dei pistoni
servoassistiti. L’ angolo di inclinazione del disco
oscillante viene rinviato al regolatore attraverso la leva
di feedback (7) e il leveraggio (8).

NOTA: Per il funzionamento del regolatore vedere


le seguenti pagine.

• Funzionamento del controllo angolo di inclinazione


Il centro dell’inclinazione del disco oscillante si trova
nel punto A, come illustrato a destra. La pressione
circuito di pilotaggio viene fornita costantemente al
pistone servoassistito 2 (6). Quando il circuito dal
pistone servoassistito 1 (3) viene collegato al
serbatoio olio idraulico, il disco oscillante (4) ruota in Angolo di
senso orario attorno al punto A. Poiché vi sono due inclinazione minimo:
pistoni servoassistiti 1 (3), quando la pressione
circuito di pilotaggio viene fornita sia al pistone
servoassistito 1 (3) che 2 (6), il disco oscillante (4)
ruota in senso antiorario accanto al punto A.

• Operazione di feedback
L’ estremità della leva di feedback (7) è inserita nella
sporgenza sul lato del disco oscillante (4). Quando il
disco oscillante (4) ruota, anche la sporgenza ruota
e, contemporaneamente si muove la leva di
feedback (7). per esempio, quando il disco oscillante
(4) ruota dal minimo al massimo il centro della leva di Angolo di
feedback (7) si muove da B a C come mostrato inclinazione Alloggiamento
a destra. pertanto. Il leveraggio (8) viene spostato massimo:
dalla leva di feedback (7) e il movimento viene
rinviato al regolatore.

Sporgenza Alloggiamento

T3-1-3
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

REGOLATORE
Il regolatore controlla la portata della pompa principale
in risposta ai vari segnali di comando relativi alla pres-
sione, cosicché la potenza di comando della pompa non
supera la potenza del motore. La pompa 1 e la pompa 2
sono provviste di un regolatore ciascuna. Le parti princi-
pali del regolatore sono la molla (1), il manicotto 1 (2), il
manicotto 2 (7), la bobina 1 (3), la bobina 2 (6), il pistone Circuito
di spur-
(4), il pistone di carico (5), la molla interna (8) e la molla go aria
esterna (9). A seconda dei segnali di comando relativi
alla pressione, il regolatore apre o chiude il circuito ver-
so il pistone servoassistito 1 (10), l’ angolo di inclinazio-
ne del disco oscillante (11) varia, e questo permette di
comandare la portata della pompa.

NOTA: La pressione circuito di pilotaggio viene


costantemente fornita al pistone
servoassistito 2 (12).
Aumento Riduzione

Angolo di inclinazione

Pd1 - Pressione di mandata Pi - Pressione di comando


pompa 1 pompa
Pd2 - Pressione di mandata Pps - Pressione di comando
pompa 2 coppia
Dr - Ritorno al serbatoio olio Pg - Pressione circuito di pilo-
idraulico taggio primaria (dalla pom-
pa circuito di pilotaggio)

T3-1-4
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

1 - Molla 4 - Pistone 7 - Manicotto 2 10 - Pistone servoassistito 1


2 - Manicotto 1 5 - Pistone di carico 8 - Molla interna 11 - Disco oscillante
3 - Bobina 1 6 - Bobina 2 9 - Molla esterna 12 - Pistone servoassistito 2

T3-1-5
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Funzione di comando del regolatore


Il regolatore svolge le quattro funzioni di comando
sotto riportate.

• Comando mediante la pressione di comando pompa Portata (Q)


Quando viene azionata una leva di comando, la
valvola comando portata pompa nella valvola
controllo segnale regola la pressione di comando
pompa Pi in risposta alla corsa della leva. Quando il
regolatore riceve la pressione di comando pompa Pi,
comanda la portata di mandata pompa in
proporzione alla pressione di comando pompa Pi.
Quando una leva di comando viene azionata, la
pressione di comando pompa Pi aumenta e il
regolatore aumenta la portata di mandata pompa. Pressione di comando pompa (Pi)
Quando la leva di comando viene riportata in folle, la
pressione di comando pompa Pi diminuisce, pertanto
il regolatore riduce la portata di mandata pompa.
Quando la leva di comando viene riportata in folle, la
pressione di comando pompa Pi diminuisce, pertanto
il regolatore riduce la portata di mandata pompa.

• Controllo mediante pressione di mandata pompa Portata (Q)


propria o antagonista Aumento di pressione
Al regolatore arriva la pressione di mandata pompa
del circuito proprio Pd1 e la pressione di mandata Riduzione portata
pompa del circuito antagonista Pd2 come pressioni
del segnale di comando. Se le due pressioni medie
aumentano oltre la soglia P-Q impostata, il regolatore
riduce entrambe le portate di mandata delle pompe
e la potenza totale delle pompe ritorna alla soglia
P-Q impostata. La soglia P-Q ha l’ obiettivo di
regolare congiuntamente il funzionamento di Pressione (P)
entrambe le pompe, ed entrambe le portate di
mandata delle pompe vengono regolate in modo
quasi uguale l’ una rispetto all’ altra. Di
conseguenza, benché la pompa dal lato con la
pressione più alta abbia un carico maggiore della
pompa dal lato con la pressione più bassa, la
potenza totale delle pompe equivale alla potenza del Portata (Q)
motore. (Comando della potenza totale)

• Comando mediante la pressione circuito di pilotaggio


proveniente dall’ elettrovalvola comando coppia
Il dispositivo di comando principale (MC) funziona sia
sulla base dei dati in ingresso del regime target del
motore, sia sulla base dei segnali relativi alle
informazioni sul regime effettivo, ed invia in uscita
i segnali all’ elettrovalvola comando coppia. In
risposta ai segnali provenienti dall’ MC, Pressione (P)
l’ elettrovalvola comando coppia eroga una
pressione circuito di pilotaggio comando coppia Pps
al regolatore. Al ricevimento della pressione circuito
di pilotaggio Pps, il regolatore riduce la portata di
mandata pompa. (Comando riduzione potenza
a rilevamento di velocità)
(Vedere Sistema di comando.)

T3-1-6
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

• Comando mediante la pressione circuito di pilotaggio


proveniente dall’ elettrovalvola comando di Portata (Q)
limitazione portata massima della pompa
(Solo lato pompa 2)
Quando riceve i segnali dall’ interruttore modalità
operativa, dal sensore pressione [ausiliario] o dall’
interruttore modalità attrezzo (opzionale), il
dispositivo di comando principale (MC) invia i segnali
all’ elettrovalvola comando di limitazione portata
massima della pompa. Quindi, in risposta ai segnali
dall’MC, l’ elettrovalvola comando limitazione portata
massima della pompa riduce la pressione di Pressione (P)
comando pompa Pi. pertanto, la portata di mandata
pompa massima viene limitata. (Comando Portata (Q)
limitazione portata pompa).
(Vedere Sistema di comando.)

Pressione di comando pompa (Pi)

Circuito
di spur-
go aria

Aumento Riduzione

Inclinazione disco oscillante

Pd1 - Pressione di mandata Pi - Pressione di comando


pompa 1 pompa
Pd2 - Pressione di mandata Pps - Pressione di comando
pompa 2 coppia
Dr - Ritorno al serbatoio olio Pg - Pressione circuito di pilo-
idraulico taggio primaria (dalla pom-
pa circuito di pilotaggio)

T3-1-7
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Comando mediante la pressione di comando


pompa Portata (Q)

• Aumento della portata


1. Quando viene azionata una leva di comando, la
valvola comando portata nella valvola controllo
segnale viene spostata, e la pressione di comando
pompa Pi aumenta.
2. Il pistone (4) spinge la bobina 1 (3) e la molla (1),
cosicché la bobina 1 (3) viene spostata in
direzione della freccia.
3. Quindi, il circuito del pistone servoassistito 1 (10) Pressione di comando pompa (Pi)
viene collegato al serbatoio olio idraulico.
4. Poiché la pressione circuito di pilotaggio viene
applicata sempre al pistone servoassistito 2 (12) il
disco oscillante (11) si inclina verso la direzione di
aumento della portata.
5. Il movimento del disco oscillante (11) viene
trasmesso al manicotto 1 (2) attraverso il
leveraggio/leva di feedback (13). Il manicotto 1 (2)
si sposta verso il movimento della bobina 1 (3).
6. Quando il manicotto 1 (2) viene spostato dalla me-
desima corsa che ha azionato la bobina 1 (3), il
circuito dal pistone servoassistito 1 (10) al serba-
toio olio idraulico viene chiuso, cosicché il pistone
servoassistito 1 (10) si arresta, completando
l’ operazione di aumento della portata.

Circuito
di spur-
go aria

Aumento Riduzione

Angolo di inclinazione

1- Molla 10 - Pistone servoassistito 1


2- Manicotto 1 11 - Disco oscillante
3- Bobina 1 12 - Pistone servoassistito 2
4- Pistone 13 - Feedback Leva / Leveraggio

Pd1 - Pressione di mandata Pi - Pressione di comando


pompa 1 pompa
Pd2 - Pressione di mandata Pps - Pressione di comando
pompa 2 coppia
Dr - Ritorno al serbatoio olio Pg - Pressione circuito di pilo-
idraulico taggio primaria (dalla pom-
pa circuito di pilotaggio)

T3-1-8
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Al serbatoio olio Pressione circuito di


idraulico pilotaggio primaria
Pressione di
comando pompa Pi

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

Al serbatoio olio Pressione circuito di


idraulico pilotaggio primaria
Pressione di
comando pompa Pi

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

T3-1-9
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

• Riduzione della portata


1. Quando viene azionata una leva di comando, la Portata (Q)
valvola comando portata nella valvola controllo
segnale viene spostata, e la pressione di comando
pompa Pi diminuisce.
2. Il pistone (4) e la bobina 1 (3) sono spinte dalla
molla (1), cosicché la bobina 1 (3) viene spostata
in direzione della freccia.
3. La pressione circuito di pilotaggio è applicata
anche al pistone servoassistito 1 (10).
4. Sono presenti due pistoni servoassistiti 1 (10),
cosicché il disco oscillante (11) viene ruotato nella Pressione di comando pompa (Pi)
direzione della riduzione portata.
5. Il movimento del disco oscillante (11) viene
trasmesso al manicotto 1 (2) attraverso il
leveraggio/leva di feedback (13). Il manicotto 1 (2)
si sposta verso il movimento della bobina 1 (3).
6. Quando il manicotto 1 (2) viene spostato dalla me-
desima corsa che ha azionato la bobina 1 (3), la
pressione circuito di pilotaggio al pistone servoas-
sistito 1 (10) viene bloccata, cosicché il pistone Circuito
servoassistito 1 (10) si arresta, completando di spur-
l’ operazione di riduzione della portata. go aria

Aumento Riduzione

Angolo di inclinazione

1- Molla 10 - Pistone servoassistito 1


2- Manicotto 1 11 - Disco oscillante
3- Bobina 1 12 - Pistone servoassistito 2
4- Pistone 13 - Feedback Leva / Leveraggio

Pd1 - Pressione di mandata Pi - Pressione di comando


pompa 1 pompa
Pd2 - Pressione di mandata Pps - Pressione di comando
pompa 2 coppia
Dr - Ritorno al serbatoio olio Pg - Pressione circuito di pilo-
idraulico taggio primaria (dalla pom-
pa circuito di pilotaggio)

T3-1-10
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Al serbatoio olio Pressione circuito di


idraulico pilotaggio primaria
Pressione di
comando pompa Pi

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

Al serbatoio olio Pressione circuito di


idraulico pilotaggio primaria
Pressione di
comando pompa Pi

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

T3-1-11
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Controllo mediante pressione di mandata pompa


propria o antagonista Portata (Q)

• Riduzione della portata


1. Quando la pompa viene caricata azionando una
delle leve di comando, la pressione di mandata
Pd1 o la pressione di mandata Pd2 aumenta.
(Durante il funzionamento, la pressione di
comando pompa Pi continua a mantenersi su
livelli più elevati.)
2. Il pistone di carico (5) sposta la bobina 2 (6) e le
molle interna ed esterna (8 e 9) in modo che la Pressione (P)
bobina 2 (6) si sposta in direzione della freccia.
3. In seguito a questo spostamento, la pressione
circuito di pilotaggio è applicata al pistone
servoassistito 1 (10).
4. Sono presenti due pistoni servoassistiti 1 (10),
cosicché il disco oscillante (11) viene ruotato nella
direzione della riduzione portata.
5. Questo movimento del disco oscillante (11) viene Circuito
trasmesso al manicotto 2 (7) attraverso il di spur-
go aria
leveraggio/leva di feedback (13). Il manicotto 2 (7)
si sposta verso il movimento della bobina 2 (6).
6. Quando il manicotto 2 (7) viene spostato dalla me-
desima corsa che ha azionato la bobina 2 (6), la
pressione circuito di pilotaggio al pistone servoas-
sistito 1 (10) viene bloccata, cosicché il pistone
servoassistito 1 (10) si arresta, completando
l’ operazione di riduzione della portata.

Aumento Riduzione

Angolo di inclinazione

5- Pistone di carico 10 - Pistone servoassistito 1


6- Bobina 2 11 - Disco oscillante
7- Manicotto 2 12 - Pistone servoassistito 2
8- Molla interna 13 - Feedback Leva / Leveraggio
9- Molla esterna

Pd1 - Pressione di mandata Pi - Pressione di comando


pompa 1 pompa
Pd2 - Pressione di mandata Pps - Pressione di comando
pompa 2 coppia
Dr - Ritorno al serbatoio olio Pg - Pressione circuito di pilo-
idraulico taggio primaria (dalla pom-
pa circuito di pilotaggio)

T3-1-12
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Al serbatoio olio Pressione circuito di


idraulico pilotaggio primaria
Pressione di
comando pompa Pi

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

Al serbatoio olio Pressione circuito di


idraulico pilotaggio primaria
Pressione di
comando pompa Pi

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

T3-1-13
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

• Aumento della portata


1. Quando il carico pompa viene ridotto, la pressione Portata (Q)
di mandata Pd1 o la pressione di mandata Pd2
diminuisce. (Durante il funzionamento, la
pressione di comando pompa Pi continua
a mantenersi su livelli più elevati.)
2. Il pistone di carico (5) sposta la bobina 2 (6) e le
molle interna ed esterna (8 e 9) in modo che la
bobina 2 (6) si sposta in direzione della freccia.
3. Quindi, il circuito del pistone servoassistito 1 (10)
viene collegato al serbatoio olio idraulico.
4. Poiché la pressione circuito di pilotaggio viene Pressione (P)
applicata sempre al pistone servoassistito 2 (12) il
disco oscillante (11) si inclina verso la direzione di
aumento della portata.
5. Il movimento del disco oscillante (11) viene
trasmesso al manicotto 2 (7) attraverso il
leveraggio/leva di feedback (13). Il manicotto 2 (7)
si sposta verso il movimento della bobina 2 (6).
6. Quando il manicotto 2 (7) viene spostato della me- Circuito
desima corsa della bobina 2 (6), la parte aperta tra di spur-
la bobina 2 (6) e il manicotto 2 (7) viene chiusa e il go aria
circuito dalla camera grande del pistone servoas-
sistito 1 (10) verso il serbatoio olio idraulico viene
chiuso. Pertanto, il pistone servoassistito 1 (10)
viene arrestato e l’ operazione di aumento della
portata viene completata.

Aumento Riduzione

Angolo di inclinazione

5- Pistone di carico 10 - Pistone servoassistito 1


6- Bobina 2 11 - Disco oscillante
7- Manicotto 2 12 - Pistone servoassistito 2
8- Molla interna 13 - Feedback Leva / Leveraggio
9- Molla esterna

Pd1 - Pressione di mandata Pi - Pressione di comando


pompa 1 pompa
Pd2 - Pressione di mandata Pps - Pressione di comando
pompa 2 coppia
Dr - Ritorno al serbatoio olio Pg - Pressione circuito di pilo-
idraulico taggio primaria (dalla pom-
pa circuito di pilotaggio)

T3-1-14
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Al serbatoio olio Pressione circuito di


idraulico pilotaggio primaria
Pressione di
comando pompa Pi

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

Al serbatoio olio Pressione circuito di


idraulico pilotaggio primaria
Pressione di
comando pompa Pi

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

T3-1-15
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Comando mediante la pressione circuito di


pilotaggio proveniente dall’ elettrovalvola Portata (Q)
comando coppia

• Riduzione della portata


1. Quando l’ elettrovalvola comando coppia viene
attivata dai segnali provenienti dal dispositivo di
comando principale (MC), la pressione di
comando della coppia Pps aumenta.
2. La pressione di comando della coppia Pps e la
pressione di mandata Pd1 della pompa del circuito
proprio, oppure la pressione di mandata Pd2 della Pressione (P)
pompa del circuito antagonista, vengono
combinate ed applicate al pistone di carico (5).
3. Il pistone di carico (5) sposta la bobina 2 (6) e le
molle interna ed esterna (8 e 9) in modo che la
bobina 2 (6) si sposta in direzione della freccia.
4. In seguito a questo spostamento, la pressione
circuito di pilotaggio è applicata al pistone
servoassistito 1 (10). Circuito
5. Sono presenti due pistoni servoassistiti 1 (10), di spur-
go aria
cosicché il disco oscillante (11) viene ruotato nella
direzione della riduzione portata.
6. Questo movimento del disco oscillante (11) viene
trasmesso al manicotto 2 (7) attraverso il
leveraggio/leva di feedback (13). Il manicotto 2 (7)
si sposta verso il movimento della bobina 2 (6).
7. Quando il manicotto 2 (7) viene spostato dalla me-
desima corsa che ha azionato la bobina 2 (6), la
pressione circuito di pilotaggio al pistone servoas-
sistito 1 (10) viene bloccata, cosicché il pistone Aumento Riduzione
servoassistito 1 (10) si arresta, completando Angolo di inclinazione
l’ operazione di riduzione della portata.

5- Pistone di carico 10 - Pistone servoassistito 1


6- Bobina 2 11 - Disco oscillante
7- Manicotto 2 12 - Pistone servoassistito 2
8- Molla interna 13 - Feedback Leva / Leveraggio
9- Molla esterna

Pd1 - Pressione di mandata Pi - Pressione di comando


pompa 1 pompa
Pd2 - Pressione di mandata Pps - Pressione di comando
pompa 2 coppia
Dr - Ritorno al serbatoio olio Pg - Pressione circuito di pilo-
idraulico taggio primaria (dalla pom-
pa circuito di pilotaggio)

T3-1-16
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Al serbatoio olio Pressione circuito di


idraulico pilotaggio primaria
Pressione di
comando pompa Pi

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

Al serbatoio olio Pressione circuito di


idraulico pilotaggio primaria
Pressione di
comando pompa Pi

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

T3-1-17
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Comando mediante la pressione circuito di


pilotaggio proveniente dall’ elettrovalvola Portata (Q)
comando portata

• Comando portata limite superiore


1. L’ elettrovalvola comando limitazione portata
massima della pompa nel circuito della pressione
di comando pompa Pi viene attivata dai segnali
provenienti dall’ MC (dispositivo di comando
principale).
2. L’ elettrovalvola comando limitazione portata
Pressione (P)
massima della pompa funziona come una valvola
di riduzione della pressione in quanto regola la
pressione di comando pompa Pi. Portata (Q)
3. Il pistone (4) spinge la bobina 1 (3) e la molla (1),
cosicché la bobina 1 (3) viene spostata in
direzione della freccia.
4. Quindi, il circuito del pistone servoassistito 1 (10)
viene collegato al serbatoio olio idraulico.
5. Poiché la pressione circuito di pilotaggio viene
applicata sempre al pistone servoassistito 2 (12) il
disco oscillante (11) si inclina verso la direzione di
aumento della portata.
6. Il movimento del disco oscillante (11) viene
trasmesso al manicotto 1 (2) attraverso il Pressione di comando pompa (Pi)
leveraggio/leva di feedback (13). Il manicotto 1 (2)
si sposta verso il movimento della bobina 1 (3).
7. Quando il manicotto 1 (2) viene spostato dalla
medesima corsa che ha azionato la bobina 1 (3), il
circuito dal pistone servoassistito 1 (10) al
serbatoio olio idraulico viene chiuso, cosicché il
pistone servoassistito 1 (10) si arresta,
completando l’ operazione di aumento della
portata. Circuito
8. Man mano che la pressione di comando della di spur-
pompa Pi viene limitata, la portata massima viene go aria
ridotta più del normale.

Aumento Riduzione

Angolo di inclinazione

1- Molla 10 - Pistone servoassistito 1


2- Manicotto 1 11 - Disco oscillante
3- Bobina 1 12 - Pistone servoassistito 2
4- Pistone 13 - Feedback Leva / Leveraggio

Pd1 - Pressione di mandata Pi - Pressione di comando


pompa 1 pompa
Pd2 - Pressione di mandata Pps - Pressione di comando
pompa 2 coppia
Dr - Ritorno al serbatoio olio Pg - Pressione circuito di pilo-
idraulico taggio primaria (dalla pom-
pa circuito di pilotaggio)

T3-1-18
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Al serbatoio olio Pressione circuito di Pressione di


idraulico pilotaggio primaria comando pompa Pi
regolata dall’
elettrovalvola
comando portata
massima pompa

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

Al serbatoio olio Pressione circuito di


idraulico pilotaggio primaria Pressione di
comando pompa Pi
regolata dall’
elettrovalvola
comando portata
massima pompa

Pressione
di comando
coppia Pps

Pressione
di mandata
Pd1 della
pompa 1

Pressione
di mandata
Pd2 della
pompa 2

T3-1-19
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

ELETTROVALVOLA
L’ elettrovalvola comando coppia e l’ elettrovalvola
comando di limitazione portata pompa 2 sono installate
sul regolatore della pompa 2. L’ elettrovalvola comando
coppia eroga la pressione di comando della coppia Pps
ai regolatori della pompa 1 e della pompa 2 e la portata
di mandata della pompa diminuisce. L’ elettrovalvola
comando di limitazione portata massima della pompa 2
riduce la pressione di comando pompa al regolatore
della pompa 2, cosicché la portata di mandata pompa al
limite superiore viene regolata.

Funzionamento
1. Quando in folle, la porta P è collegata alla porta di
uscita attraverso l’ intaglio sulla bobina.
2. Quando arriva corrente al solenoide dall’ MC
(dispositivo di comando principale), il solenoide
viene eccitato e spinge la molla 1.
3. Quindi, la molla 1 spinge la bobina cosicché la
porta di uscita è collegata alla porta T attraverso
l’ intaglio sulla bobina.
4. Pertanto, la pressione alla porta di uscita inizia
a diminuire.
5. Dato che il diametro (A) della bobina lato sinistro
è più grande del diametro (B) della bobina lato
destro, la bobina ritorna sul lato sinistro.

T3-1-20
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

Stato folle:
Elettrovalvola Molla 1 Molla 2 Manicotto Bobina

Porta P Porta T

Porta di uscita

Stato operativo:
Elettrovalvola Molla 1 Molla 2 Manicotto Bobina

Porta P Porta T

Porta di uscita

T3-1-21
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo pompa

POMPA LAMA (OPZIONALE)


Porta di ingresso
POMPA CIRCUITO DI PILOTAGGIO
L’ingranaggio conduttore (1) viene azionato dal motore
mediante l’albero nella pompa principale, che a sua
volta fa ruotare l’ingranaggio condotto (2) quando i due
ingranaggi si innestano.

1 - Ingranaggio conduttore 2 - Ingranaggio condotto

Luce di scarico

SENSORE PRESSIONE DI MANDATA


POMPA
Questo sensore rileva le pressioni di mandata della
pompa, che vengono utilizzate per comandare diverse
operazioni. Quando la pressione dell’ olio viene
applicata sul diaframma (9), il diaframma (9) si
deforma. La deformazione del diaframma (9) viene
rilevata sotto forma di segnali elettrici.

6 - Massa 8 - Alimentazione (5V)


7 - Uscita 9 - Area sottoposta a pressione
(Diaframma)

SENSORE PRESSIONE DI COMANDO


POMPA
Questo sensore rileva le pressioni di comando della
pompa, che vengono utilizzate per comandare diverse
operazioni. Quando la pressione dell’ olio viene
applicata sul diaframma (10), il diaframma (10) si
deforma. La deformazione del diaframma (10) viene
rilevata sotto forma di segnali elettrici.

10 - Area sottoposta a pressione 12 - Uscita


(Diaframma)
11 - Massa 13 - Alimentazione (5V)

T3-1-22
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di rotazione

CARATTERISTICHE GENERALI
Il dispositivo di rotazione è composto dal gruppo L’ ingranaggio di riduzione rotazione fa girare il
valvole, dal motorino di rotazione e dall’ ingranaggio di motorino di rotazione con coppia ampia a velocità
riduzione rotazione. bassa, facendo ruotare la torretta.
Il gruppo valvole impedisce la cavitazione nel circuito
motorino di rotazione e protegge il circuito da
sovraccarichi.
Il motorino di rotazione è di tipo a stantuffo assiale
a disco oscillante (con freno di stazionamento
incorporato), viene azionato dall’olio di mandata dalla
pompa, e la rotazione viene trasmessa all’ingranaggio
di riduzione rotazione.

Gruppo valvole

Motorino di rotazione

Ingranaggio di
riduzione rotazione

T3-2-1
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di rotazione

INGRANAGGIO DI RIDUZIONE ROTAZIONE


L’ ingranaggio di riduzione rotazione è di tipo epicicloi- L’albero si ingrana con l’ingranaggio interno del
dale a due stadi. La corona dentata è costruita in modo cuscinetto volvente fissato al sottocarro, provocando la
monolitico con l’ alloggiamento fissato alla torretta rotazione della torretta.
e non consente la rotazione. L’ albero del motorino di
rotazione fa ruotare l’ ingranaggio centrale di primo sta-
dio, la cui coppia di rotazione viene trasmessa all’ ingra-
naggio centrale di secondo stadio tramite il rotismo epi-
cicloidale di primo stadio e il portasatelliti di primo
stadio. L’ ingranaggio centrale di secondo stadio fa ruo-
tare l’ albero tramite il rotismo epicicloidale di secondo
stadio e il portasatelliti di secondo stadio.

Albero motorino di rotazione


Portasatelliti di primo stadio

Ingranaggio centrale di primo stadio Rotismo epicicloidale di primo stadio

Ingranaggio centrale di Corona dentata


secondo stadio
Portasatelliti di secondo stadio Rotismo epicicloidale di secondo stadio

Albero
Ingranaggio interno
del cuscinetto volvente

T3-2-2
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di rotazione

MOTORINO DI ROTAZIONE
Il motorino di rotazione consiste di disco oscillante, Quando l’ olio di mandata viene erogato dalla pompa, lo
rotore, stantuffo, piastra valvola, alloggiamento e freno stantuffo viene spinto. Poiché il pattino sull’ estremità
di stazionamento (molla disco, pistone freno, piastra dello stantuffo scorre lungo il disco oscillante
e piatto di attrito). L’ albero è calettato al rotore nel inclinandolo, il rotore ruota. L’ estremità dell’ albero
quale è inserito lo stantuffo. è calettata all’ ingranaggio centrale di primo stadio nell’
ingranaggio di riduzione rotazione. Pertanto, la
rotazione dell’ albero viene trasmessa all’ ingranaggio
di riduzione rotazione.

Molla del disco

Pistone
Piastra valvola

Piatto di attrito
Rotore

Alloggiamento Piastra

Pattino Stantuffo

Fermo

Disco oscillante

Albero

T3-2-3
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di rotazione

FRENO DI STAZIONAMENTO ROTAZIONE


Il freno di stazionamento rotazione è di tipo multidisco
a bagno d’ olio ed ha un meccanismo negativo che
sblocca il freno quando la pressione di sblocco freno
agisce nella camera del pistone freno.
La pressione di sblocco freno viene fornita dalla pompa
circuito di pilotaggio solo se vengono azionati la
rotazione o l’ attrezzo anteriore.
Negli altri casi (compreso l’ arresto del motore), la
pressione di sblocco freno ritorna al serbatoio olio
idraulico, in modo che il freno possa essere inserito
automaticamente per mezzo della molla del disco.

Quando il freno viene inserito Quando il freno viene sbloccato


1. Quando la leva di comando della rotazione o dell’ 1. Quando le leve di comando della rotazione o dell’
attrezzo anteriore ritorna nella posizione di folle, la attrezzo anteriore vengono azionate, la bobina di
bobina di sblocco del freno di stazionamento sblocco del freno di stazionamento rotazione nella
rotazione nella valvola controllo segnale viene valvola controllo segnale viene spostata.
riportata in posizione di folle e la pressione circuito Successivamente, la pressione circuito di
di pilotaggio alla porta SH scompare. pilotaggio proveniente dalla pompa circuito di
2. La valvola di non ritorno viene chiusa e la pilotaggio viene applicata alla porta SH.
pressione di sblocco freno attraverso l’ orifizio 2. La pressione circuito di pilotaggio sulla porta SH
nella bobina viene inviata alla porta del serbatoio provoca l’ apertura della valvola di non ritorno
olio idraulico. e agisce sulla camera del pistone del freno.
3. Di conseguenza, la forza della molla agisce sul 3. Di conseguenza, man mano che il pistone del
piatto di attrito che si innesta con la circonferenza freno viene spinto verso l’ alto, la piastra e il piatto
esterna del rotore e sulla piastra che si innesta di attrito si liberano l’ una dall’ altro, cosicché il
con l’ interno dell’ alloggiamento attraverso il freno viene sbloccato.
pistone freno. Pertanto, la circonferenza esterna
del rotore viene fissata con la forza di attrito.
Quando il motore si arresta, il freno viene inserito
automaticamente dato che la pressione non viene
applicata al circuito del segnale pilota.

T3-2-4
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di rotazione

Quando il freno viene inserito

Molla del disco

Pistone freno
Al pistone freno

Porta SH
(Pressione
di sblocco
del freno)

Valvola di non
ritorno
Piatto di attrito
Al serbatoio olio
Bobina idraulico Orifizio
Piastra

Quando il freno viene sbloccato

Molla del disco

Pistone freno
Al pistone freno

Porta SH
(Pressione
di sblocco
del freno)

Valvola di non
ritorno
Piatto di attrito
Al serbatoio olio
Bobina idraulico Orifizio
Piastra

T3-2-5
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di rotazione

GRUPPO VALVOLE
Il gruppo valvole è composto da valvole di riempimento
e valvole di sicurezza.
La valvola di riempimento impedisce la cavitazione nel Valvola di
circuito mentre la valvola di sicurezza impedisce la so- sicurezza
vrapressione proteggendo il circuito dai sovraccarichi.

Valvola di riempimento Valvola di


Durante l’ arresto della rotazione, il motorino di riempimento
rotazione viene azionato dalla forza d’ inerzia della
torretta. Il motorino di rotazione è fatto girare
forzatamente con la pressione dell’ olio in eccesso
proveniente dalla pompa, in modo che potrebbe Porta M
generarsi cavitazione nel motorino.
Per evitare la cavitazione, quando la pressione nel
circuito motorino di rotazione scende al di sotto di Distributore
quella del circuito di ritorno (porta M), il supporto
verticale si apre per aspirare olio idraulico,
compensando la mancanza di alimentazione d’ olio.

Valvola di sicurezza

Supporto verticale

Valvola di riempimento Valvola di riempimento

Porta M

Distributore

T3-2-6
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di rotazione

Valvola di sicurezza
Durante l’ avvio o l’ arresto della rotazione, la
pressione olio nel circuito motorino di rotazione
aumenta. La valvola di sicurezza impedisce alla
pressione del circuito di superare la pressione
impostata.

Funzionamento:
1. La pressione nella porta HP (circuito motorino
di rotazione) viene applicata al supporto
verticale.
2. Quando la pressione alla porta HP raggiunge la
forza impostata della molla, il supporto verticale
si apre e l’ olio di mandata scorre alla porta LP.
3. Di conseguenza, la pressione nel circuito
motorino di rotazione si riduce.
4. Quando la pressione nella porta HP diventa
inferiore alla forza impostata della molla, il
supporto verticale viene chiuso dalla forza della
molla.

Stato folle:
Supporto verticale Molla

HP

Stato operativo:

Supporto verticale Molla

HP

T3-2-7
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di rotazione

(Pagina vuota)

T3-2-8
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

CARATTERISTICHE GENERALI
Il distributore controlla la pressione dell’ olio, la portata La disposizione delle bobine, vista dalla parte frontale
e la direzione del flusso nel circuito idraulico. Le parti della macchina, è riportata di seguito.
principali del distributore sono la valvola di sicurezza Lato a 4 bobine: traslazione destra, benna, braccio di
principale, le valvole limitatrici del sovraccarico, il sollevamento 1 e braccio di penetrazione 2
combinatore di flusso, la valvola anti-deriva, la valvola Lato a 5 bobine: traslazione sinistra, funzione ausiliaria,
comando portata, la valvola di rigenerazione, il braccio di sollevamento 2, braccio di penetrazione 1,
combinatore di flusso supplementare, la valvola di rotazione
neutralizzazione by-pass e la bobina. La bobina viene
azionata dalla pressione dell’ olio pilota idraulico.

Distributore
Rotazione
Braccio di penetrazione 1
Braccio di sollevamento 2

Funzione ausiliaria

Traslazione sinistra

Braccio di penetrazione 2

Braccio di sollevamento 1
Lato a 5 bobine
Benna

Traslazione destra

Lato anteriore
macchina
ZX135US-3
ZX135USK-3
ZX135USL-3

Lato anteriore
macchina
ZX110-3
Lato a 4 bobine ZX110M-3
ZX120-3
ZX130K-3
ZX130L-3

Valvola comando lama


(Opzionale)

Lato anteriore
della macchina

T3-3-1
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Schema
Motorino di traslazione (sinistra) Motorino di traslazione (destra)

Funzione Cilindro benna


ausiliaria

Cilindro braccio
di sollevamento
Cilindro braccio di
penetrazione

Cilindro lama
(Opzionale)

Motorino di rotazione

Pompa
principale
Pompa lama
(Opzionale)

1- Valvola di non ritorno carico (cir- 11 - Valvola di rigenerazione benna 21 - Valvola di neutralizzazione by- 31 - Valvola di rigenerazione braccio di
cuito tandem traslazione) pass penetrazione (Valvola selettrice)
2- Valvola di non ritorno carico (cir- 12 - Valvola limitatrice del sovraccari- 22 - Valvola limitatrice del sovraccari- 32 - Valvola di rigenerazione braccio
cuito parallelo traslazione) co (Benna: lato stelo) co (Lama: Lato stelo) (Opzionale) di penetrazione
3- Valvola di non ritorno (Circuito di 13 - Valvola limitatrice del 23 - Valvola limitatrice del 33 - Valvola limitatrice del
sicurezza principale) sovraccarico (Benna: lato fondo) sovraccarico (Lama: Lato fondo) sovraccarico (Braccio di
(Opzionale) penetrazione: lato fondo)
4- Valvola di sicurezza principale 14 - Valvola di non ritorno carico 24 - Valvola di non ritorno carico 34 - Valvola limitatrice del
(Circuito parallelo braccio (Lama) (Opzionale) sovraccarico (Braccio di
di sollevamento 1) penetrazione: lato stelo)
5- Valvola di non ritorno (Circuito di 15 - Valvola di rigenerazione braccio 25 - Valvola di non ritorno carico (Cir- 35 - Valvola anti-deriva braccio di pe-
sicurezza principale) di sollevamento cuito tandem lama) (Opzionale) netrazione (Valvola di non ritorno)
6- Combinatore di flusso 16 - Valvola limitatrice del 26 - Valvola di sicurezza principale 36 - Valvola anti-deriva braccio
sovraccarico (Braccio di (Lama) (Opzionale) di penetrazione (Valvola
sollevamento: lato fondo) selettrice)
7- Valvola di non ritorno (Circuito 17 - Valvola limitatrice del 27 - Valvola di non ritorno (Orifizio) 37 - Valvola di non ritorno carico
combinatore di flusso) sovraccarico (Braccio di (Circuito parallelo braccio di (Circuito parallelo braccio
sollevamento: lato stelo) penetrazione 2) di sollevamento 2)
8- Combinatore di flusso 18 - Valvola anti-deriva braccio 28 - Valvola di non ritorno carico 38 - Valvola comando portata
supplementare di sollevamento (Valvola di non (Circuito parallelo braccio di supplementare (Supporto
ritorno) penetrazione 1) verticale)
9- Valvola comando portata benna 19 - Valvola anti-deriva braccio 29 - Valvola di non ritorno carico (Circuito 39 - Valvola comando portata supple-
(Valvola selettrice) di sollevamento (Valvola selettrice) tandem braccio di penetrazione 1) mentare (Valvola selettrice)
10 - Valvola comando portata benna 20 - Valvola di non ritorno carico 30 - Valvola di non ritorno carico 40 - Valvola di non ritorno carico
(Supporto verticale) (Circuito tandem braccio (Circuito motorino di rotazione) (Circuito parallelo benna)
di penetrazione 2)

T3-3-2
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Distributore

Lato anteriore
macchina
ZX135US-3
ZX135USK-3
ZX135USL-3

Lato anteriore
macchina
ZX110-3
ZX110M-3
ZX120-3
ZX130K-3
ZX130L-3

Lato anteriore
macchina
ZX135US-3
Lato anteriore ZX135USK-3
macchina ZX135USL-3
ZX110-3
ZX110M-3
ZX120-3
ZX130K-3
ZX130L-3

T3-3-3
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Motorino di traslazione (sinistra) Motorino di traslazione (destra)

Funzione Cilindro benna


ausiliaria

Cilindro braccio
di sollevamento
Cilindro braccio di
penetrazione

Cilindro lama
(Opzionale)

Motorino di rotazione

Pompa
principale
Pompa lama
(Opzionale)

1- Valvola di non ritorno carico (cir- 11 - Valvola di rigenerazione benna 21 - Valvola di neutralizzazione by- 31 - Valvola di rigenerazione braccio di
cuito tandem traslazione) pass penetrazione (Valvola selettrice)
2- Valvola di non ritorno carico (cir- 12 - Valvola limitatrice del sovraccari- 22 - Valvola limitatrice del sovraccari- 32 - Valvola di rigenerazione braccio
cuito parallelo traslazione) co (Benna: lato stelo) co (Lama: Lato stelo) (Opzionale) di penetrazione
3- Valvola di non ritorno (Circuito di 13 - Valvola limitatrice del sovraccari- 23 - Valvola limitatrice del sovraccari- 33 - Valvola limitatrice del sovraccari-
sicurezza principale) co (Benna: lato fondo) co (Lama: Lato fondo) (Opziona- co (Braccio di penetrazione: lato
le) fondo)
4- Valvola di sicurezza principale 14 - Valvola di non ritorno carico 24 - Valvola di non ritorno carico 34 - Valvola limitatrice del
(Circuito parallelo braccio di (Lama) (Opzionale) sovraccarico (Braccio di
sollevamento 1) penetrazione: lato stelo)
5- Valvola di non ritorno (Circuito di 15 - Valvola di rigenerazione braccio 25 - Valvola di non ritorno carico (Cir- 35 - Valvola anti-deriva braccio di pe-
sicurezza principale) di sollevamento cuito tandem lama) (Opzionale) netrazione (Valvola di non ritorno)
6- Combinatore di flusso 16 - Valvola limitatrice del 26 - Valvola di sicurezza principale 36 - Valvola anti-deriva braccio di
sovraccarico (Braccio di (Lama) (Opzionale) penetrazione (Valvola selettrice)
sollevamento: lato fondo)
7- Valvola di non ritorno (Circuito 17 - Valvola limitatrice del 27 - Valvola di non ritorno (Orifizio) 37 - Valvola di non ritorno carico
combinatore di flusso) sovraccarico (Braccio di (Circuito parallelo braccio di (Circuito parallelo braccio di
sollevamento: lato stelo) penetrazione 2) sollevamento 2)
8- Combinatore di flusso 18 - Valvola anti-deriva braccio di 28 - Valvola di non ritorno carico 38 - Valvola comando portata
supplementare sollevamento (Valvola di non (Circuito parallelo braccio di supplementare (Supporto
ritorno) penetrazione 1) verticale)
9- Valvola comando portata benna 19 - Valvola anti-deriva braccio di 29 - Valvola di non ritorno carico 39 - Valvola comando portata
(Valvola selettrice) sollevamento (Valvola selettrice) (Circuito tandem braccio di supplementare (Valvola
penetrazione 1) selettrice)
10 - Valvola comando portata benna 20 - Valvola di non ritorno carico 30 - Valvola di non ritorno carico 40 - Valvola di non ritorno carico
(Supporto verticale) (Circuito tandem braccio di (Circuito motorino di rotazione) (Circuito parallelo benna)
penetrazione 2)

T3-3-4
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Sezione A

Sezione B Sezione C
Traslazione Traslazione Funzione
(destra) (sinistra) Benna ausiliaria

T3-3-5
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Motorino di traslazione (sinistra) Motorino di traslazione (destra)

Funzione Cilindro benna


ausiliaria

Cilindro braccio
di sollevamento
Cilindro braccio di
penetrazione

Cilindro lama
(Opzionale)

Motorino di rotazione

Pompa
principale
Pompa lama
(Opzionale)

1- Valvola di non ritorno carico 11 - Valvola di rigenerazione benna 21 - Valvola di neutralizzazione by- 31 - Valvola di rigenerazione braccio di
(circuito tandem traslazione) pass penetrazione (Valvola selettrice)
2- Valvola di non ritorno carico 12 - Valvola limitatrice del 22 - Valvola limitatrice del sovraccari- 32 - Valvola di rigenerazione braccio
(circuito parallelo traslazione) sovraccarico (Benna: lato stelo) co (Lama: Lato stelo) (Opzionale) di penetrazione
3- Valvola di non ritorno (Circuito di 13 - Valvola limitatrice del 23 - Valvola limitatrice del 33 - Valvola limitatrice del
sicurezza principale) sovraccarico (Benna: lato fondo) sovraccarico (Lama: Lato fondo) sovraccarico (Braccio di
(Opzionale) penetrazione: lato fondo)
4- Valvola di sicurezza principale 14 - Valvola di non ritorno carico 24 - Valvola di non ritorno carico 34 - Valvola limitatrice del
(Circuito parallelo braccio di (Lama) (Opzionale) sovraccarico (Braccio di
sollevamento 1) penetrazione: lato stelo)
5- Valvola di non ritorno (Circuito di 15 - Valvola di rigenerazione braccio 25 - Valvola di non ritorno carico (Cir- 35 - Valvola anti-deriva braccio di pe-
sicurezza principale) di sollevamento cuito tandem lama) (Opzionale) netrazione (Valvola di non ritorno)
6- Combinatore di flusso 16 - Valvola limitatrice del 26 - Valvola di sicurezza principale 36 - Valvola anti-deriva braccio di
sovraccarico (Braccio di (Lama) (Opzionale) penetrazione (Valvola selettrice)
sollevamento: lato fondo)
7- Valvola di non ritorno (Circuito 17 - Valvola limitatrice del 27 - Valvola di non ritorno (Orifizio) 37 - Valvola di non ritorno carico
combinatore di flusso) sovraccarico (Braccio di (Circuito parallelo braccio di (Circuito parallelo braccio di
sollevamento: lato stelo) penetrazione 2) sollevamento 2)
8- Combinatore di flusso 18 - Valvola anti-deriva braccio di 28 - Valvola di non ritorno carico 38 - Valvola comando portata
supplementare sollevamento (Valvola di non (Circuito parallelo braccio di supplementare (Supporto
ritorno) penetrazione 1) verticale)
9- Valvola comando portata benna 19 - Valvola anti-deriva braccio di 29 - Valvola di non ritorno carico 39 - Valvola comando portata
(Valvola selettrice) sollevamento (Valvola selettrice) (Circuito tandem braccio di supplementare (Valvola
penetrazione 1) selettrice)
10 - Valvola comando portata benna 20 - Valvola di non ritorno carico 30 - Valvola di non ritorno carico 40 - Valvola di non ritorno carico
(Supporto verticale) (Circuito tandem braccio di (Circuito motorino di rotazione) (Circuito parallelo benna)
penetrazione 2)

T3-3-6
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Sezione D Braccio di Braccio di


solleva- solleva-
mento 1 mento 2

Sezione E Sezione F
Braccio di Braccio di
penetrazione 2 penetra- Rotazione
zione 1

T3-3-7
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Motorino di traslazione (sinistra) Motorino di traslazione (destra)

Funzione Cilindro benna


ausiliaria

Cilindro braccio
di sollevamento
Cilindro braccio di
penetrazione

Cilindro lama
(Opzionale)

Motorino di rotazione

Pompa
principale
Pompa lama
(Opzionale)

1- Valvola di non ritorno carico 11 - Valvola di rigenerazione benna 21 - Valvola di neutralizzazione 31 - Valvola di rigenerazione braccio di
(circuito tandem traslazione) by-pass penetrazione (Valvola selettrice)
2- Valvola di non ritorno carico 12 - Valvola limitatrice del 22 - Valvola limitatrice del sovraccari- 32 - Valvola di rigenerazione braccio
(circuito parallelo traslazione) sovraccarico (Benna: lato stelo) co (Lama: Lato stelo) (Opzionale) di penetrazione
3- Valvola di non ritorno (Circuito 13 - Valvola limitatrice del 23 - Valvola limitatrice del 33 - Valvola limitatrice del sovraccari-
di sicurezza principale) sovraccarico (Benna: lato fondo) sovraccarico (Lama: Lato fondo) co (Braccio di penetrazione: lato
(Opzionale) fondo)
4- Valvola di sicurezza principale 14 - Valvola di non ritorno carico (Cir- 24 - Valvola di non ritorno carico 34 - Valvola limitatrice del sovraccari-
cuito parallelo braccio di solleva- (Lama) (Opzionale) co (Braccio di penetrazione: lato
mento 1) stelo)
5- Valvola di non ritorno (Circuito 15 - Valvola di rigenerazione braccio 25 - Valvola di non ritorno carico (Cir- 35 - Valvola anti-deriva braccio di pe-
di sicurezza principale) di sollevamento cuito tandem lama) (Opzionale) netrazione (Valvola di non ritorno)
6- Combinatore di flusso 16 - Valvola limitatrice del 26 - Valvola di sicurezza principale 36 - Valvola anti-deriva braccio di
sovraccarico (Braccio di (Lama) (Opzionale) penetrazione (Valvola selettrice)
sollevamento: lato fondo)
7- Valvola di non ritorno (Circuito 17 - Valvola limitatrice del 27 - Valvola di non ritorno (Orifizio) 37 - Valvola di non ritorno carico
combinatore di flusso) sovraccarico (Braccio di (Circuito parallelo braccio di (Circuito parallelo braccio di
sollevamento: lato stelo) penetrazione 2) sollevamento 2)
8- Combinatore di flusso 18 - Valvola anti-deriva braccio di 28 - Valvola di non ritorno carico 38 - Valvola comando portata
supplementare sollevamento (Valvola di non (Circuito parallelo braccio di supplementare (Supporto
ritorno) penetrazione 1) verticale)
9- Valvola comando portata benna 19 - Valvola anti-deriva braccio di 29 - Valvola di non ritorno carico 39 - Valvola comando portata
(Valvola selettrice) sollevamento (Valvola selettrice) (Circuito tandem braccio di supplementare (Valvola
penetrazione 1) selettrice)
10 - Valvola comando portata benna 20 - Valvola di non ritorno carico 30 - Valvola di non ritorno carico 40 - Valvola di non ritorno carico
(Supporto verticale) (Circuito tandem braccio di (Circuito motorino di rotazione) (Circuito parallelo benna)
penetrazione 2)

T3-3-8
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Valvola controllo lama (Opzionale)

Sezione X-X

T3-3-9
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

CIRCUITO IDRAULICO
Circuito principale
L’ olio di mandata dalla pompa 1 scorre alla valvola
comando lato 4 bobine e l’ olio di mandata dalla pom-
pa 2 scorre alla valvola comando lato 5 bobine. I cir-
cuiti principali destro e sinistro sono provvisti di circuiti
paralleli che rendono possibile il funzionamento com-
binato. I circuiti del braccio di sollevamento e del brac-
cio di penetrazione sono provvisti di circuito combina-
tore di flusso, in modo che l’ olio di mandata dalle
pompe 1 e 2 si combina durante l’ operazione singola.

La valvola di sicurezza principale è presente nel


circuito principale (tra la pompa e l’ attuatore). Essa
impedisce l’ aumento della pressione nel circuito
principale oltre la pressione impostata quando la
bobina viene azionata (quando la leva di comando
viene azionata).
La valvola limitatrice del sovraccarico è presente nei
circuiti attuatori (tra il distributore e l’ attuatore) del
braccio di sollevamento, del braccio di penetrazione
e della benna. La valvola limitatrice del sovraccarico
evita che la sovrapressione causata da carichi esterni
nel circuito attuatore superi la pressione impostata
quando la bobina è in posizione di folle (con la leva di
comando in posizione di folle).

T3-3-10
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Motorino di Motorino di
traslazione (sinistra) traslazione (destra)
Valvola di sicurezza Circuito parallelo
principale lato a 4 bobine

Lato a 5 bobine Lato a 4 bobine

Funzione
ausiliaria

Cilindro
benna

Valvola
limitatrice del
sovraccarico

Cilindro braccio
di penetrazione Valvola limitatrice
del sovraccarico

Motorino
di rotazione
Cilindro braccio
di sollevamento

Circuito combi-
natore di flusso

Circuito parallelo
lato a 5 bobine Pompa 2 Pompa 1

T3-3-11
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Circuito lama (Opzionale)

Circuito neutro
• Con la leva di comando in folle, l’ olio di mandata
proveniente dalla pompa della lama ritorna al
serbatoio olio idraulico attraverso la valvola
comando lama.

Circuito di funzionamento singolo


• La valvola interruttore segnale lama e la valvola di
neutralizzazione by-pass vengono spostate in
base al funzionamento della lama.
• Quando la valvola interruttore segnale lama viene
spostata, la sua pressione circuito di pilotaggio
sposta il combinatore di flusso.
• Quando il combinatore di flusso viene spostato,
l’olio di mandata della pompa 1 si combina con
quello della pompa 2 nel distributore e scorre nella
valvola comando lama.
• Dopo che l’olio di mandata della pompa della lama
si combina con quello della pompa 1 e 2 nella
valvola comando lama, l’olio di mandata
combinato scorre al cilindro lama.
• A causa della suddetta operazione, la velocità di
funzionamento del cilindro lama aumenta.

NOTA: Nel circuito combinatore di flusso dell’ olio di


mandata pompa 1 e 2 è presente un orifizio
che permette di ottenere una velocità attuato-
re diversa da quella del cilindro lama durante
il funzionamento combinato con la lama.

T3-3-12
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Pressione circuito
di pilotaggio da valvola
interruttore segnale lama
Orifizio

Distributore

Combinatore
di flusso

Cilindro
lama
Valvola di
neutraliz-
zazione
by-pass

Valvola
coman-
do
lama

Pompa 2 Pompa 1

Pompa della
lama
Pressione circuito di
pilotaggio da valvola
pilota lama

T3-3-13
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Circuito di pilotaggio Circuito controllo pressione olio pilota esterna


L’ olio di mandata (indicato con dei numeri) • La valvola di rigenerazione braccio di
proveniente dalla valvola pilota agisce sulla bobina nel penetrazione (valvola interruttore) viene spostata
distributore e muove la bobina. dalla pressione circuito di pilotaggio erogata dal
Nei seguenti funzionamenti, l’ olio di mandata muove gruppo elettrovalvola (SC).
la bobina e agisce sulle valvole interruttore nel modo • La valvola comando portata della benna viene
seguente. spostata dalla pressione circuito di pilotaggio
• Durante il funzionamento della ritrazione braccio erogato dalla bobina di comando della valvola
di penetrazione (4), l’ olio di mandata muove la comando portata benna nella valvola controllo
bobina del braccio di penetrazione e sposta la segnale.
valvola interruttore della valvola anti-deriva • Il combinatore di flusso viene spostato dalla
braccio di penetrazione. pressione circuito di pilotaggio della bobina di
• Durante il funzionamento dell’ abbassamento comando del combinatore di flusso nella valvola
braccio di sollevamento (2), l’ olio di mandata controllo segnale.
muove la bobina del braccio di sollevamento
e sposta la valvola interruttore della valvola anti- Attrezzo (Opzionale):
deriva braccio di sollevamento. • Il combinatore di flusso supplementare e la valvola
di neutralizzazione by-pass vengono spostate
Il circuito di spurgo aria è posizionato nella sezione dalla pressione circuito di pilotaggio attrezzo.
superiore del distributore e provvede ad eliminare • La valvola comando portata supplementare viene
automaticamente l’ aria presente all’ interno. spostata dalla pressione circuito di pilotaggio
proveniente dall’ elettrovalvola comando portata
supplementare.
Lama (Opzionale):
• Il combinatore di flusso viene spostato dalla
pressione circuito di pilotaggio proveniente dalla
valvola interruttore segnale lama.
• La valvola di neutralizzazione bypass viene spo-
stata dalla pressione circuito di pilotaggio lama.
(Vedere SISTEMA / Sistema di comando.)

T3-3-14
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Pressione circuito di pilotaggio da bobina di comando


combinatore di flusso nella valvola controllo segnale
Combinatore di flusso supplementare e nella valvola interruttore segnale lama (Opzionale)
Pressione circuito di pilotaggio attrezzo (Opzionale)
Combinatore di flusso Pressione circuito di pilotaggio dalla bobina di
comando valvola comando portata benna nella
valvola controllo segnale

Valvola
Pressione comando
circuito di pi- portata benna
lotaggio dall’
elettrovalvo-
la comando
portata sup-
plementare
(Opzionale)

Valvola co-
mando por-
tata supple-
mentare

Valvola anti-de-
riva braccio di
penetrazione
Valvola anti-
deriva brac-
Pressione cio di solle-
circuito di vamento
pilotaggio
dal gruppo
elettroval-
vola (SC)

Pressione
Valvola di circuito di
rigenerazione pilotaggio
braccio di Circuito di attrezzo
penetrazione spurgo aria (Opzionale)
(Valvola
interruttore)

Valvola di
neutralizzazione by-pass

1- Sollevamento braccio 4- Ritrazione braccio 7- Ritrazione benna 10 - Traslazione sinistra indietro


di sollevamento di penetrazione
2- Abbassamento braccio 5- Rotazione sinistra 8- Estensione benna 11 - Traslazione destra in avanti
di sollevamento
3- Estensione braccio di penetrazione 6 - Rotazione destra 9- Traslazione sinistra in avanti 12 - Traslazione destra indietro

T3-3-15
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

COMBINATORE DI FLUSSO
1. Normalmente, l’olio di mandata della pompa 1
spinge la valvola di non ritorno attraverso il foro B
sulla bobina del combinatore di flusso in modo da
riportarla in sede.
2. Durante il funzionamento combinato di attrezzo
anteriore e traslazione, la pressione circuito di pi-
lotaggio traslazione destra sposta la bobina di co-
mando combinatore di flusso nella valvola control-
lo segnale e la pressione circuito di pilotaggio
sposta la bobina del combinatore di flusso.
3. Quindi, l’olio di mandata della pompa 1 entra nel
foro A, fa uscire dalla sua sede la valvola di non
ritorno e scorre nella bobina traslazione sinistra.
4. Di conseguenza, l’olio di mandata della pompa 1
viene diretto contemporaneamente alla bobina
traslazione destra e sinistra, permettendo all’olio
di mandata della pompa 2 di scorrere alle bobine
di attrezzo anteriore e rotazione. Di conseguenza,
durante il funzionamento combinato di traslazione,
attrezzo anteriore e rotazione, la macchina
effettua traslazioni in linea retta.

Motorino di Motorino di
traslazione (sinistra) traslazione (destra)
Pressione circuito di pilotaggio
Combinatore di flusso dalla bobina di comando
combinatore di flusso nella
valvola controllo segnale

Pompa 1

T3-3-16
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Stato folle: Stato operativo:


Al serbatoio olio idraulico Al serbatoio olio idraulico

Valvola di
A bobina non ritorno A bobina Valvola
traslazione traslazione di non
sinistra Foro B sinistra ritorno

Olio di mandata Olio di mandata


dalla pompa 1 dalla pompa 1
Foro A Foro A

Bobina Bobina

Olio di mandata
A bobina di co- circuito di pilotaggio
mando combina- da bobina di comando
tore di flusso combinatore di flusso

T3-3-17
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

VALVOLA DI SICUREZZA PRINCIPALE


La valvola di sicurezza principale impedisce alla
pressione olio nel circuito principale e nel circuito lama
di superare la pressione prevista durante l’azionamento
degli attuatori, come motorini e cilindri. Così vengono
evitati le perdite di olio dai tubi flessibili e dalle giunzioni
dei tubi e il danneggiamento degli attuatori.

NOTA: Il funzionamento delle valvole di sicurezza


principali nel circuito principale e nel circuito
lama (opzionale) è lo stesso.

Funzionamento Circuito lama (Opzionale)


1. La pressione nella porta HP (circuito principale)
agisce sul supporto verticale pilota attraverso Supporto
l’ orifizio A nel supporto verticale principale Manicotto verticale pilota
e l’ orifizio B nella sede. Condotto A Molla B
2. Quando la pressione nella porta HP raggiunge la
Molla A
forza di impostazione della molla B, il supporto
verticale pilota si apre e l’ olio di mandata scorre
fino alla porta LP (serbatoio olio idraulico)
attraverso il condotto A e la circonferenza esterna
del manicotto.
3. A questo punto si verifica una differenza di
pressione tra la porta HP e la camera della molla,
dovuta all’ orifizio A.
4. Quando questa differenza di pressione raggiunge Sedile
la pressione di impostazione della molla A, il Orifizio A
supporto verticale principale si apre e l’ olio di Orifizio B
Supporto Camera della
mandata proveniente dalla porta HP scorre fino verticale molla
alla porta LP. principale
5. Pertanto, la pressione del circuito attuatore
diminuisce.
6. Se la pressione del circuito attuatore scende al di
sotto della pressione specificata, il supporto
verticale principale viene chiuso dalla forza della
molla A.

T3-3-18
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Circuito principale

Stato normale:
Supporto verticale
principale Orifizio A Orifizio B Sedile Condotto A Molla B

Manicotto Camera della molla Molla A Supporto verticale pilota

Stato di sicurezza:
Supporto verticale
principale Orifizio A Orifizio B Sedile Condotto A Molla B

Manicotto Camera della molla Molla A Supporto verticale pilota

T3-3-19
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

VALVOLA LIMITATRICE
DEL SOVRACCARICO
(con funzione di riempimento) Funzione di riempimento
1. Quando la pressione nella porta HP (circuito
La valvola limitatrice del sovraccarico è ubicata nei attuatore) diventa inferiore alla pressione nella
circuiti del braccio di sollevamento, della benna e della porta LP (serbatoio olio idraulico) la valvola di
lama (opzionale). Essa impedisce che la pressione nel riempimento (lama: manicotto) viene spostata
circuito dell’ attuatore aumenti eccessivamente quando verso sinistra.
gli attuatori vengono azionati da carichi esterni. Inoltre, 2. L’ olio idraulico alla porta LP scorre verso la porta
quando la pressione del circuito attuatore si riduce, la HP per impedire la cavitazione.
valvola limitatrice del sovraccarico aspira olio idraulico 3. Quando la pressione nella porta HP supera la
dal relativo serbatoio e impedisce che si verifichi pressione specificata, la valvola di riempimento
cavitazione (funzione di riempimento). (lama: manicotto) viene chiusa dalla forza della
molla C.
NOTA: Il funzionamento delle valvole limitatrici del
sovraccarico nel braccio di sollevamento,
nel braccio di penetrazione, nella benna Circuito lama (Opzionale)
e nella lama (opzionale) è lo stesso.
Supporto verticale
Funzionamento di sicurezza Molla C Manicotto Molla A principale
1. Braccio di sollevamento, braccio di penetrazione Sedile
Orifizio A
e benna:
La pressione nella porta HP (circuito attuatore)
spinge sul supporto verticale pilota attraverso
l’ orifizio A nel supporto verticale principale
e l’ orifizio B nella sede.
Lama:
La pressione nella porta HP (circuito attuatore)
agisce sul supporto verticale pilota attraverso
l’ orifizio A nella valvola.
Molla B Supporto Condotto A Camera Valvola
2. Quando la pressione nella porta HP raggiunge la verticale della molla
forza di impostazione della molla B, il supporto pilota
verticale pilota si apre e l’ olio di mandata scorre
fino alla porta LP (serbatoio olio idraulico)
attraverso il condotto A e la circonferenza esterna
del manicotto.
3. A questo punto si verifica una differenza di
pressione tra la porta HP e la camera della molla,
dovuta all’ orifizio A.
4. Quando questa differenza di pressione raggiunge
la pressione di impostazione della molla A, il
supporto verticale principale si apre e l’ olio di
mandata proveniente dalla porta HP scorre fino
alla porta LP.
5. Pertanto, la pressione del circuito attuatore
diminuisce.
6. Se la pressione del circuito attuatore scende al di
sotto della pressione specificata, il supporto vertica-
le principale viene chiuso dalla forza della molla A.

T3-3-20
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Braccio di sollevamento, braccio di penetrazione,


benna

Stato normale: Supporto


Valvola di verticale
Manicotto riempimento principale Orifizio A Orifizio B Sedile Condotto A Molla B

Molla C Camera della molla Molla A Supporto verticale pilota


Stato di sicurezza:
Manicotto Supporto verti- Orifizio A Orifizio B Sedile Condotto A Molla B
cale principale

Camera della molla Molla A Supporto verticale pilota


Funzione di riempimento:
Valvola di riempimento

Molla C

T3-3-21
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

VALVOLA DI RIGENERAZIONE
Le valvole di rigenerazione sono ubicate nei circuiti di Olio di mandata dalla pompa 1
abbassamento braccio di sollevamento, ritrazione
braccio di penetrazione e ritrazione benna; accelerano
la velocità di funzionamento dei cilindri, impediscono ai
cilindri di fermarsi momentaneamente durante la loro
corsa e migliorano la controllabilità della macchina.
Cilindro
NOTA: Il principio di funzionamento delle valvole di benna
rigenerazione è identico. Pertanto, per la
spiegazione si prenderà come esempio la
valvola di rigenerazione benna.

Funzionamento
1. Quando la benna è ritratta, l’ olio di ritorno dal lato
stelo del cilindro (lato fondo nel caso del cilindro del Valvola di non ritorno
braccio di sollevamento) viene diretto verso la val-
vola di non ritorno attraverso il foro A della bobina.
2. A questo punto, se la pressione nel lato fondo del
cilindro (lato stelo nel caso del cilindro del braccio
di sollevamento) è più bassa di quella nel lato
stelo, la valvola di non ritorno esce dalla sua sede.
3. Di conseguenza, l’ olio di ritorno dal lato stelo del
cilindro scorre verso il fondo, si combina all’ olio di
mandata proveniente dalla pompa e viene erogato
al lato fondo del cilindro per attivare il funziona-
mento di rigenerazione dell’ olio di mandata di ri-
torno. Quindi la velocità di funzionamento del cilin-
dro aumenta.
4. Quando il cilindro ha effettuato la corsa completa
o i carichi di scavo aumentano, la pressione nel
circuito lato fondo del cilindro diventa superiore
a quella del lato stelo. In questo modo, la valvola
di non ritorno torna alla sua sede e si interrompe
l’ operazione di rigenerazione.

NOTA: Funzionamento della valvola di rigenerazio-


ne braccio di penetrazione
La valvola di rigenerazione braccio di pene-
trazione (valvola interruttore) viene spostata
dalla pressione circuito di pilotaggio del
gruppo elettrovalvola (SC), in modo che il
circuito olio di ritorno dal lato stelo cilindro
viene bloccato (Solo la valvola di rigenera-
zione braccio di penetrazione. Vedere SI-
STEMA / Sistema di comando.)

T3-3-22
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Stato folle: Stato operativo:

Cilindro Cilindro
benna benna

Bobina Bobina

Foro A Foro A

Valvola di Valvo-
non ritorno la di
non ri-
torno

T3-3-23
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

VALVOLA ANTI-DERIVA
La valvola anti-deriva è ubicata nel circuito lato fondo
del cilindro braccio di sollevamento e nel circuito lato
stelo del cilindro braccio di penetrazione ed evita lo
spostamento per inerzia dei cilindri.

NOTA: La struttura delle valvole anti-deriva del Cilindro


braccio di sollevamento e del braccio di braccio di
sollevamento
penetrazione è identica.

Funzionamento di tenuta
1. Quando la leva di comando (la bobina) è in folle, la
valvola anti-deriva (valvola interruttore) non viene
spostata.
2. Pertanto, l’olio sul lato fondo cilindro braccio di
sollevamento (lato stelo cilindro braccio di
penetrazione) viene applicato alla valvola di non
ritorno della valvola anti-deriva attraverso la
valvola interruttore.
3. Di conseguenza, la valvola di non ritorno viene
riportata in sede, cosicché il circuito dell’ olio di
ritorno dal cilindro viene bloccato, riducendo il
moto per inerzia del cilindro stesso. Valvola anti-deriva Valvola anti-deriva
(Valvola interruttore) (Valvola di non ritorno)
Funzionamento di rilascio Cilindro
Olio di mandata dalla Al serbatoio olio braccio di
1. Quando si ritrae il braccio di penetrazione o si pompa 1 idraulico sollevamento
abbassa il braccio di sollevamento, l’ olio di
mandata dalla valvola pilota sposta la valvola anti-
deriva (valvola interruttore).
2. L’ olio di mandata nella camera della molla della
valvola di non ritorno torna al serbatoio olio
Dalla
idraulico attraverso l’ orifizio della valvola valvola
interruttore. pilota
3. Pertanto, la valvola di non ritorno esce dalla sua
sede, consentendo all’ olio di ritorno proveniente
dal lato fondo del cilindro del braccio di
sollevamento (lato stelo del cilindro del braccio di
penetrazione) di scorrere verso la bobina. Al serbatoio
olio idraulico

Valvola anti-deriva Valvola anti-deriva


(Valvola interruttore) (Valvola di non ritorno)

T3-3-24
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Stato di tenuta:

Cilindro
braccio di
sollevamento

Verso valvola pilota

Valvola interruttore

Manicotto

Molla B
Sedile

Molla A

Valvola di non ritorno

Alla bobina

Stato di sblocco:
Scarico

Cilindro
braccio di
sollevamento

Dalla valvola pilota

Valvola interruttore

Manicotto

Olio di Molla B
mandata da Sedile
pompa
Molla A

Valvola di non ritorno

Alla bobina

T3-3-25
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

VALVOLA COMANDO PORTATA


La valvola comando portata è installata nei circuiti della
benna e della funzione ausiliaria. Durante il
funzionamento combinato, essa limita la portata dell’
olio in modo che venga data priorità agli altri attuatori.
Supporto
verticale Olio di mandata
NOTA: La valvola comando portata benna limita la dalla pompa 1 Al serbatoio olio
idraulico
portata olio del circuito benna quando si ef-
fettua il funzionamento combinato di solle-
vamento braccio di sollevamento
e rotazione braccio di penetrazione. La val-
vola comando portata supplementare limita
la portata olio del circuito ausiliario quando Valvola Cilindro
viene eseguita un’operazione combinata interrut- benna
con l’ attrezzo anteriore. Qui viene spiegata tore
la valvola comando portata benna.

Quando si esegue l’operazione singola (funzione


ausiliaria) benna:
Pressione circuito di pilo-
1. L’ olio di mandata dalla pompa 1 spinge sulla taggio dalla bobina di co-
valvola di non ritorno nel supporto verticale mando valvola comando
attraverso la porta P1. portata benna (Pressio-
2. Normalmente, la valvola interruttore viene ne circuito di pilotaggio
mantenuta aperta in modo che l’olio di mandata sollevamento braccio Olio di mandata
di sollevamento) Al serbatoio olio
dalla pompa 1
della pompa 1 fa uscire dalla sua sede il supporto idraulico
verticale e scorre verso la bobina principale
tramite la valvola interruttore.
3. Pertanto, il supporto verticale viene aperto e l’ olio
di mandata scorre verso la bobina della benna.
Valvola Cilindro
Quando si esegue l’operazione combinata di interrut- benna
benna (funzione ausiliaria), sollevamento braccio tore
di sollevamento e ritrazione braccio di
penetrazione:
1. Durante l’ operazione combinata di sollevamento
braccio di sollevamento e ritrazione braccio di
penetrazione, la bobina di comando valvola
comando portata benna nella valvola controllo
segnale viene spostata. La valvola interruttore
nella valvola comando portata benna viene
spostata dalla pressione circuito di pilotaggio
sollevamento braccio di sollevamento.
2. Quindi, la contropressione del supporto verticale
aumenta, procurando la forza per chiudere il
supporto verticale stesso.
3. Di conseguenza, l’apertura del supporto verticale
viene ridotta in modo che la portata olio alla
bobina della benna viene limitata, consentendo
all’olio di mandata di dirigersi verso il lato di alta
pressione del circuito di sollevamento del braccio
di sollevamento.

T3-3-26
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Funzionamento normale:
Supporto Valvola di non
verticale ritorno Molla A
Molla B

A bobina principale

Al serbatoio olio
idraulico

Olio di mandata
da pompa Valvola
principale 1 interruttore

Pressione
circuito di
pilotaggio
sollevamento
braccio di
A bobina principale sollevamento

Tappo 2

Funzionamento di comando della portata:


Supporto Valvola di non
verticale ritorno Molla A
Molla B

A bobina principale

Al serbatoio olio
idraulico

Olio di mandata Valvola


da pompa interruttore
principale 1

Pressione
circuito di
pilotaggio
sollevamento
A bobina principale braccio di
sollevamento

Tappo 2

T3-3-27
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

COMBINATORE DI FLUSSO Durante il funzionamento singolo


SUPPLEMENTARE E VALVOLA Quando l’ attrezzo è in funzionamento singolo, l’ olio di
DI NEUTRALIZZAZIONE BY-PASS mandata dalle pompe 1 e 2 viene combinato. Pertanto,
la velocità di funzionamento dell’ attrezzo aumenta.
Il combinatore di flusso supplementare è ubicato
a monte del circuito lato 4 bobine. La valvola di 1. Quando l’ attrezzo è in funzionamento singolo, la
neutralizzazione by-pass è ubicata a valle del circuito pressione circuito di pilotaggio dell’ attrezzo agi-
lato 4 bobine. Queste valvole funzionano in modo sce sulle porte SM e SJ, quindi le bobine nel com-
diverso quando l’ attrezzo è in operazione singola o in binatore di flusso supplementare e nella valvola di
operazione combinata. neutralizzazione by-pass vengono spostate.
2. Quando viene spostata la valvola di
neutralizzazione by-pass, il circuito di folle nel lato
a 4 bobine viene bloccato.
3. A questo punto, a seguito dello spostamento della
bobina nel combinatore di flusso supplementare,
l’ olio di mandata nel lato a 4 bobine (pompa 1)
scorre fino alla bobina ausiliaria attraverso il
combinatore di flusso supplementare.
4. Di conseguenza, l’ olio di mandata nelle pompe 1
e 2 viene combinato in maniera tale che la velocità
di funzionamento dell’ attrezzo aumenti.

Valvola controllo
segnale
Combinatore di
flusso supple- Valvola pilota
mentare dell’ attrezzo
Elettrovalvola coman-
do combinatore di flus-
Porta SN Porta SM so supplementare

Attrezzo

Circuito neutro

Porta SJ

Valvola di neutra-
lizzazione by-pass
Lato a 5 bobine Lato a 4 bobine

Pompa 2 Pompa 1
Valvola pilota lama
(Opzionale)

T3-3-28
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Stato folle:

Combinatore di flusso supplementare Valvola di neutralizzazione by-pass


Molla Bobina Circuito neutro di
folle lato a 4 bobine
Porta SN

Molla B
Alla bobina
ausiliaria
Valvola di
non ritorno
Olio di
mandata dalla
pompa 1

Ritorno al
serbatoio
olio
Bobina idraulico

Porta SJ
Molla A

Porta SM

Stato operativo:
Porta SN
Molla Bobina Circuito neutro di
Molla B folle lato a 4 bobine
Alla bobina
ausiliaria
Valvola di
non ritorno
Olio di
mandata dalla
pompa 1

Ritorno al
Bobina serbatoio
olio
idraulico

Molla A

Porta SM Porta SJ

T3-3-29
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Distributore

Durante il funzionamento combinato


Durante il funzionamento combinato dell’ attrezzo Combinatore di flusso supplementare
e del braccio di sollevamento, del braccio di penetra-
zione, della benna o della traslazione, il combinatore
di flusso supplementare non viene spostato. In questo Porta SN
modo, si mantiene la velocità di funzionamento del
braccio di sollevamento, del braccio di penetrazione, Molla B
Alla bobina
della benna e della traslazione. ausiliaria
Valvola di
1. Quando l’ attrezzo viene azionato, la pressione non ritorno
circuito di pilotaggio dell’ attrezzo agisce sulla Olio di
mandata dalla
porta SM nel combinatore di flusso pompa 1
supplementare.
2. Quando il braccio di sollevamento, il braccio di
penetrazione, la benna o la traslazione vengono
azionati contemporaneamente, la pressione
circuito di pilotaggio proveniente dalla valvola Bobina
controllo segnale agisce sulla porta SN.
3. L’ olio di mandata proveniente dalla porta SM
agisce sulla direzione di apertura della bobina nel
combinatore di flusso supplementare, mentre
l’ olio di mandata proveniente dalla porta SN e la Molla A
forza della molla A agiscono sulla direzione di
chiusura della bobina nel combinatore di flusso
supplementare. Porta SM
4. Poiché la forza che agisce sulla bobina nella
direzione di chiusura è maggiore, la bobina resta
chiusa.

T3-3-30
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

CARATTERISTICHE GENERALI
La valvola pilota invia l’ olio di mandata pilota per NOTA: Per quanto riguarda le valvole pilota dell’
muovere la bobina nel distributore. La valvola pilota attrezzo anteriore/rotazione e della
invia la pressione in base alla corsa della leva di traslazione, la struttura dell’ eccentrico per
comando grazie alla funzione PPC (Distributore spingere il dispositivo di spinta è differente
proporzionale alla pressione) e sposta la bobina nel e quella della valvola di riduzione della
distributore. pressione è identica.
Le valvole pilota a 4 porte per l’ attrezzo anteriore/
rotazione e per la traslazione sono parte dell’
equipaggiamento standard.
La valvola pilota a 2 porte serve per la funzione
ausiliaria (opzionale) e per la lama (opzionale).

• Valvola pilota attrezzo anteriore / rotazione


No. Configurazione Configurazione
porta di comando ISO Hitachi
1 Estensione benna ←
Abbassamento
2 braccio di ←
sollevamento
DX
3 Ritrazione benna ←
Sollevamento
4 braccio di ←
sollevamento
Rotazione destra Ritrazione
1 braccio di
penetrazione
Estensione braccio Rotazione
2
di penetrazione destra
SX
Rotazione sinistra Estensione
3 braccio di
penetrazione
Ritrazione braccio Rotazione
4
di penetrazione sinistra

Simbolo
idraulico

T3-4-1
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

• Valvola pilota traslazione


No. porta
1 Traslazione (destra indietro)
2 Traslazione (destra in avanti)
3 Traslazione (sinistra in avanti)
4 Traslazione (sinistra indietro)

Simbolo
idraulico

Vista B

• Valvole pilota funzione ausiliaria / lama


No. porta
1 Aprire
Funzione ausiliaria
2 Chiudere
1 Abbassare
Lama
2 Sollevare

T3-4-2
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

(Pagina vuota)

T3-4-3
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

FUNZIONAMENTO
• Valvole pilota attrezzo anteriore / rotazione
e traslazione
La testa della bobina (6) viene a contatto con la
superficie superiore della guida della molla (3) che
viene tenuta sollevata dalla molla di ritorno (5).

Stato folle (Curva di uscita: da A a B):


1. In posizione folle, la bobina (6) blocca
completamente l’ olio di mandata dalla porta P
(dalla pompa circuito di pilotaggio). La porta di Pressione
uscita viene aperta verso la porta T (serbatoio olio circuito di
pilotaggio
idraulico) attraverso il condotto interno della
bobina (6).
2. Di conseguenza, la pressione nella porta di uscita
è uguale alla pressione nella porta T.
3. Se la leva di comando viene leggermente
inclinata, l’ eccentrico (1) viene inclinato e il Corsa della leva
dispositivo di spinta (2) viene spinto. Il dispositivo
di spinta (2) e la guida della molla (3) comprimono
la molla di ritorno (5) e si spostano insieme verso il
basso.
4. In questa fase, poiché la pressione nella porta di
uscita è uguale a quella nella porta T, la bobina (6)
si sposta verso il basso e contemporaneamente la
superficie inferiore della testa della bobina (6)
è mantenuta a contatto con la guida molla (3).
5. Questo stato permane finché il foro (7) sulla
bobina (6) non viene aperto verso la porta P.

T3-4-4
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

Valvola pilota attrezzo anteriore / rotazione

Porta T

Porta P

Porta di uscita

Porta T Porta T

Porta P Porta P

Porta di uscita Porta di uscita

Valvola pilota traslazione

Porta T

Porta P

Porta di uscita

Porta T Porta T

Porta P Porta P

Porta di uscita Porta di uscita

1 - Eccentrico 3 - Guida molla 5 - Molla di ritorno 7 - Foro


2 - Dispositivo di spinta 4 - Molla di equilibratura 6 - Bobina

T3-4-5
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

Durante il dosaggio o la decompressione


(Curva di uscita: da C a D)
1. Quando la leva di comando viene inclinata
ulteriormente per spostare maggiormente il
dispositivo di spinta (2) verso il basso, il foro (7)
sulla bobina (6) viene aperto verso la porta P,
consentendo all’ olio di mandata nella porta P di
Pressione
scorrere nella porta di uscita. circuito di
2. La pressione nella porta di uscita agisce sulla pilotaggio
superficie inferiore della bobina (6); in questo
modo la bobina (6) viene spinta in alto.
3. Fino a quando la forza verso l’ alto che agisce
sulla superficie inferiore della bobina (6) non
supera la forza della molla di equilibratura (4), la
Corsa della leva
molla di equilibratura (4) non viene compressa
cosicché la bobina (6) non viene sollevata e la
pressione nella porta di uscita aumenta.
4. Poiché la pressione nella porta di uscita aumenta,
la forza per spingere la bobina verso l’ alto (6)
aumenta. Quando questa forza supera la forza
della molla di equilibratura (4), la molla di
equilibratura (4) viene compressa e la bobina (6)
si muove verso l’ alto.
5. Mentre la bobina (6) si sposta verso l’ alto, il foro
(7) si chiude, cosicché l’ olio di mandata
proveniente dalla porta P smette di scorrere nella
porta di uscita, e la pressione nella porta di uscita
smette di aumentare.
6. Mentre la bobina (6) viene spostata verso il basso
e la molla di equilibratura (4) viene compressa, la
pressione che agisce sulla superficie inferiore
della bobina (6) aumenta finché la pressione non
si bilancia con la forza crescente della molla.
Questa pressione in aumento diventa la pressione
alla porta di uscita.

T3-4-6
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

Valvola pilota attrezzo anteriore / rotazione

Porta T Porta T

Porta P Porta P

Porta di uscita Porta di uscita

Valvola pilota traslazione

Porta T Porta T

Porta P Porta P

Porta di uscita Porta di uscita

1 - Eccentrico 3 - Guida molla 5 - Molla di ritorno 7 - Foro


2 - Dispositivo di spinta 4 - Molla di equilibratura 6 - Bobina

T3-4-7
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

Corsa completa (Curva di uscita: da E a F)


1. In presenza di una corsa completa della leva di
comando, il dispositivo di spinta (2) viene spostato
verso il basso finché tale dispositivo di spinta (2)
sulla valvola pilota attrezzo anteriore / rotazione
non entra in contatto con il bordo della scatola, Pressione
oppure finché l’ eccentrico (1) sulla valvola pilota circuito di
pilotaggio
traslazione non viene a contatto con la scatola.
2. A questo punto, la bobina (6) viene spinta
direttamente dalla superficie inferiore del
dispositivo di spinta (2). Pertanto, nonostante
l’ aumento di pressione alla porta di uscita, il foro
(7) della bobina (6) rimane aperto. Corsa della leva
3. Di conseguenza, la pressione nella porta di uscita
è uguale alla pressione nella porta P.

NOTA: La corsa completa delle leve di comando


attrezzo anteriore / rotazione è determinata
dalle dimensioni della corsa (E) del
dispositivo di spinta (2). La corsa completa
della leva di comando traslazione
è determinata dalle dimensioni della corsa
(E) dell’ eccentrico (1).

T3-4-8
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

Valvola pilota attrezzo anteriore / rotazione

Porta T

Porta P

Porta di uscita

Valvola pilota traslazione

Porta T

Porta P

Porta di uscita

1 - Eccentrico 3 - Guida molla 5 - Molla di ritorno 7 - Foro


2 - Dispositivo di spinta 4 - Molla di equilibratura 6 - Bobina

T3-4-9
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

• Valvole pilota funzione ausiliaria / lama

Stato folle (Curva di uscita: da A a B) Durante il dosaggio o la decompressione


1. Quando il pedale di comando è in folle, la bobina (Curva di uscita: da C a D)
(7) blocca completamente l’ olio di mandata 1. Quando il pedale di comando viene premuto
proveniente dalla porta P. ulteriormente, il foro sulla bobina (7) viene
2. Dato che la porta di uscita è collegata con la porta collegato all’ intaglio.
T attraverso il condotto (7) nella bobina, la 2. L’ olio di mandata nella porta P scorre nella porta
pressione nella porta di uscita è uguale a quella di uscita attraverso l’ intaglio e il foro sulla bobina
nel serbatoio olio idraulico. (7), e la pressione nella porta di uscita aumenta.
3. Se si preme leggermente il pedale di comando e si 3. La pressione nella porta di uscita agisce sulla
sposta l’ eccentrico (1), il dispositivo di spinta (2) superficie inferiore della bobina (7) e la bobina (7)
e la guida molla (4) comprimono la molla di ritorno viene spostata verso l’ alto.
(6) e si spostano insieme verso il basso. 4. Fino a quando la forza che sposta la bobina (7)
4. A questo punto, la bobina (7) viene spinta dalla verso l’ alto non supera la forza della molla di
molla di equilibratura (5), e si sposta verso il basso equilibratura (5), la molla di equilibratura (5) non
finché il gioco nella parte (A) non equivale a zero. viene compressa.
5. Durante questo movimento, la porta di uscita 5. Pertanto, dato che la porta P viene mantenuta
è collegata alla porta T, pertanto l’ olio di mandata collegata alla porta di uscita, la pressione nella
non viene fornito alla porta di uscita. porta di uscita continua ad aumentare.
6. Quando la pressione nella porta di uscita aumenta
NOTA: Mentre la pressione in corrispondenza della ulteriormente, aumenta anche la forza di
dimensione (A) diventa zero, la corsa del spostamento della bobina (7) verso l’ alto.
pedale presenta un gioco. 7. Quando questa forza supera quella della molla di
equilibratura (5), la bobina (7) comprime la molla
di equilibratura (5) e si sposta verso l’ alto.
8. Mentre la bobina (7) si sposta verso l’ alto,
l’ intaglio si chiude. Poiché l’ olio di mandata dalla
porta P smette di scorrere verso la porta di uscita,
la pressione nella porta di uscita smette di
aumentare.
9. Mentre la bobina (7) viene spostata verso l’ alto
e la molla di equilibratura (5) viene compressa, la
pressione che agisce sulla superficie inferiore
della bobina (7) aumenta finché la pressione non
si bilancia con la forza in aumento della molla.
Questa pressione in aumento diventa la pressione
alla porta di uscita.

Pressione
circuito di
pilotaggio

Corsa del pedale

T3-4-10
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

Stato folle (Curva di uscita: da A a B) Durante il dosaggio o la decompressione


(Curva di uscita: da C a D)

Porta T
Porta T

Porta P
Porta P
Foro Foro

Condotto
Porta di uscita
Porta di uscita

Porta T

Porta P

Porta di uscita

1 - Eccentrico 3 - Piastra 5 - Molla di equilibratura 7 - Bobina


2 - Dispositivo di spinta 4 - Guida molla 6 - Molla di ritorno

T3-4-11
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola pilota

FUNZIONE ANTIURTO
(SOLO PER VALVOLA PILOTA Smorzatore Perno a molla Pedale di traslazione
TRASLAZIONE)
La valvola pilota traslazione dispone di uno smorzatore
che permette di smorzare gli urti dovuti ai cambi di Leva di traslazione
velocità attraverso la leva di traslazione.
Lo smorzatore consiste di supporto, ingranaggio 1 e 2. Supporto
L’ ingranaggio 1 è collegato al supporto.
Il supporto è fissato alla staffa mediante un perno
molla. La leva di traslazione e il pedale di traslazione Staffa
sono fissati alla staffa.
Perno
Pertanto, il supporto ruota trasversalmente attorno al
perno in linea con il movimento della leva di traslazione.
Ingranaggio 2
Funzionamento
1. Se la leva di traslazione viene rilasciata durante la Ingranaggio 1
traslazione, la forza della molla di ritorno riporta la
leva di traslazione nella posizione di folle.
2. A questo punto gli ingranaggi 1 e 2 all’ interno
dello smorzatore ricevono una forza opposta
a causa dell’ attrito.
3. Pertanto, man mano che la leva di traslazione
gradualmente ritorna nella posizione di folle,
l’ impatto di arresto improvviso al momento del
rilascio repentino della leva di traslazione viene
smorzato.

Sezione A-A Perno a molla

Smorzatore

Supporto

Perno

T3-4-12
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

CARATTERISTICHE GENERALI
Il dispositivo di traslazione è composto dal motorino di Il riduttore di traslazione è di tipo a rotismo epicicloidale
traslazione, dal riduttore di traslazione e dalla valvola a due stadi, converte la potenza rotativa trasmessa dal
freno traslazione. Il motorino di traslazione è un motorino di traslazione in un’ ampia coppia lenta
motorino a stantuffo assiale a cilindrata variabile del e induce la rotazione della ruota dentata e del cingolo. La
tipo a disco oscillante, equipaggiato con freno di valvola freno traslazione previene il sovraccarico del cir-
stazionamento (di tipo negativo multidisco in bagno d’ cuito motorino di traslazione e impedisce la cavitazione.
olio). Il motorino di traslazione è azionato dall’ olio di
mandata proveniente dalla pompa e trasmette la
propria potenza rotativa al riduttore di traslazione.
Valvola freno traslazione Riduttore di traslazione

Motorino di traslazione

T3-5-1
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

RIDUTTORE DI TRASLAZIONE
Il riduttore di traslazione è di tipo epicicloidale a due L’ alloggiamento (11) nel motorino di traslazione
stadi. Il motorino di traslazione fa girare l’ albero di tra- è fissato al telaio cingolo e al portasatelliti di secondo
smissione (5). Questa rotazione viene trasmessa alla stadio (2) attraverso il mozzo (8). La corona dentata (1)
corona dentata (1) attraverso il rotismo epicicloidale di è fissata al tamburo (10) e alla ruota dentata (9). Di
primo stadio (6), il portasatelliti di primo stadio (4), conseguenza, quando la corona dentata (1) ruota,
l’ ingranaggio centrale (3), il rotismo epicicloidale di se- ruotano anche il tamburo (10) e la ruota dentata (9).
condo stadio (7) e il portasatelliti di secondo stadio (2).

1 - Corona dentata 4 - Portasatelliti di primo stadio 7 - Rotismo epicicloidale 10 - Tamburo


di secondo stadio
2 - Portasatelliti di secondo 5 - Albero di trasmissione 8 - Mozzo 11 - Alloggiamento
stadio
3 - Ingranaggio centrale 6 - Rotismo epicicloidale 9 - Ruota dentata
di primo stadio

T3-5-2
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

MOTORINO DI TRASLAZIONE
Il motorino di traslazione consiste di piastra valvola, I pattini all’ estremità degli stantuffi scorrono lungo la
disco oscillante, rotore, stantuffo e albero. L’ albero superficie del disco oscillante a causa dell’ inclinazione
è calettato al rotore nel quale sono inseriti gli stantuffi. del disco oscillante e il rotore gira.
Quando l’ olio di mandata viene erogato dalla pompa,
gli stantuffi vengono spinti.
Albero Rotore Pattino Disco oscillante

Piastra valvola Stantuffo

T3-5-3
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

FRENO DI STAZIONAMENTO
Il freno di stazionamento è del tipo multidisco in bagno
d’ olio. Il freno è di tipo negativo, quindi viene sbloccato
solo quando l’ olio di mandata per lo sblocco freno
viene inviato alla camera del pistone freno. Il freno di
stazionamento viene inserito automaticamente a meno
che non sia attiva la funzione di traslazione. I piatti di
attrito e le piastre sono calettati all’ alloggiamento
rispettivamente nel motorino di traslazione e nel rotore.

Sblocco del freno Inserimento del freno


1. Quando si aziona la leva di traslazione, l’ olio di 1. Quando la leva di traslazione ritorna in posizione
mandata dalla pompa principale viene convogliato folle, la bobina della valvola di controbilanciamen-
alla porta AM o BM nel motorino di traslazione to nella valvola freno traslazione viene riportata in
attraverso il distributore. folle.
2. Quest’ olio di mandata sposta la bobina della 2. Man mano che l’ olio di mandata che agisce sul
valvola di controbilanciamento nella valvola freno pistone freno viene rimandato nel circuito di
traslazione e agisce sul pistone del freno scarico dall’ orifizio, il pistone freno lentamente
attraverso l’ intaglio sulla bobina. viene spinto indietro dalla molla del disco.
3. Di conseguenza, man mano che il pistone del 3. Di conseguenza, la forza della molla viene
freno viene spinto, le piastre e i piatti di attrito si applicata alle piastre che si impegnano sulla
liberano le une dagli altri, cosicché il freno viene superficie esterna del rotore e ai piatti di attrito che
sbloccato. si impegnano sulla superficie interna dell’
alloggiamento del motorino attraverso il pistone
freno, e la superficie esterna del rotore viene
bloccata dalla forza di attrito.

T3-5-4
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

Inserimento del freno: Sblocco del freno:


Piatto di attrito Piatto di attrito

Piastra Piastra

Molla del disco


Molla del disco Pistone freno Pistone freno
Orifizio

Al pistone freno

Bobina della valvola


di controbilanciamento

Porta BM Porta AM

T3-5-5
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

CONTROLLO MODALITÀ TRASLAZIONE


L’ angolo di inclinazione del disco oscillante (7) viene
modificato dal movimento del pistone (8) per
selezionare la modalità di traslazione.

• Modalità di traslazione lenta


1. Quando il selettore modalità traslazione è nella
posizione SLOW, l’ MC (dispositivo di comando
principale) non invia i segnali al gruppo
elettrovalvola (SI), cosicché la pressione circuito di
pilotaggio non viene inviata alla porta pilota (1). La
bobina (3) viene tenuta sollevata dalla molla (4).
2. Pertanto, poiché l’ olio di mandata non agisce sul
pistone (8), l’ angolo di inclinazione viene
mantenuto al massimo. Quindi, la corsa dello
stantuffo (6) aumenta e il motorino di traslazione
gira a bassa velocità.

T3-5-6
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

1 - Porta pilota 3 - Bobina 5 - Orifizio 7 - Disco oscillante


2 - Valvola navetta comando 4 - Molla 6 - Stantuffo 8 - Pistone
pistone

T3-5-7
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

• Modalità di traslazione rapida


1. Quando il selettore modalità di traslazione è nella
posizione FAST, l’ MC invia segnali al gruppo
elettrovalvola (SI) in risposta ai carichi di
traslazione. (Vedere SISTEMA / Sistema di
comando / Controllo angolo di inclinazione
motorino di traslazione.) La pressione circuito di
pilotaggio viene inviata dalla porta pilota (1)
e sposta la bobina (3) verso il basso.
2. L’ olio di mandata nella porta del motorino di alta
pressione (AM o BM) agisce sul pistone (8)
attraverso l’ orifizio (5).
3. Il pistone (8) spinge il disco oscillante (7) in modo
che l’ angolo di inclinazione del disco oscillante (7)
si riduce. Quindi, poiché la corsa dello stantuffo (6)
si riduce, il motorino di traslazione gira ad alta
velocità.

T3-5-8
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

1 - Porta pilota 3 - Bobina 5 - Orifizio 7 - Disco oscillante


2 - Valvola navetta comando 4 - Molla 6 - Stantuffo 8 - Pistone
pistone

T3-5-9
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

VALVOLA FRENO TRASLAZIONE


La valvola freno traslazione è ubicata sulla testa del
motorino di traslazione ed è composta dalle valvole
sotto riportate.

Valvola di controbilanciamento:
Rende scorrevoli le operazioni di partenza e arresto
della traslazione, impedisce alla macchina di prendere
velocità in discesa e convoglia l’ olio di mandata per
l’ azionamento del motorino di traslazione nella porta ad
alta pressione (AV o BV) verso il freno di
stazionamento.

Valvola di non ritorno:


Contribuisce al funzionamento della valvola di
controbilanciamento e previene la cavitazione nel
circuito del motorino.

Valvola limitatrice del sovraccarico:


Previene i sovraccarichi e l’ insorgenza di
sovrapressione nel circuito del motorino e riduce
i carichi da urto che si sviluppano quando si arresta il
funzionamento della traslazione.

Valvola navetta:
Convoglia l’ olio di mandata ad alta pressione per
l’ azionamento del motorino di traslazione nella porta ad
alta pressione (AM o BM) verso il pistone lato bassa
velocità o lato alta velocità, cosicché il pistone viene
controllato.

Valvola controllo angolo di inclinazione motorino di


traslazione:
Eroga l’ olio di mandata inviato dalla valvola navetta
comando pistone al pistone lato bassa o alta velocità.

Orifizio:
Rende scorrevole il controllo della modalità di
traslazione (controllo angolo di inclinazione).

T3-5-10
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

Valvola di controbilanciamento

Valvola di non ritorno

Valvola navetta Orifizio


Valvola limitatrice Valvola controllo angolo
del sovraccarico di inclinazione motorino
di traslazione

T3-5-11
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

Durante la traslazione: In discesa:


1. Quando entra nella porta BV (8), l’ olio di mandata 1. Quando si scende lungo una pendenza, il
proveniente dal distributore scorre attorno alla motorino di traslazione viene fatto ruotare a forza
superficie esterna della bobina (9), fa uscire dalla dal peso macchina, cosicché il motorino funziona
sede la valvola di non ritorno BC (7) e scorre come una pompa.
quindi fino alla porta BM (6) del motorino. 2. Se il motorino di traslazione aspira olio, la
2. Dall’altro lato, l’olio di ritorno dal motorino di trasla- pressione dell’ olio nella porta BV (8) e nella
zione viene diretto alla porta AM del motorino (4). camera B (10) diminuisce. La bobina (9) si sposta
Tuttavia, il circuito viene bloccato dalla valvola di verso sinistra, cosicché l’ olio di ritorno dal
non ritorno AC (3) e dalla bobina (9). motorino di traslazione viene limitato.
3. Se la pressione nella porta BV (8) aumenta 3. Pertanto, la pressione nella porta AM (4) del
ulteriormente, l’ olio di mandata viene inviato alla motorino aumenta e aziona il freno motorino di
camera B (10) attraverso l’ orifizio (f) nella bobina traslazione.
(9); di conseguenza la bobina (9) si sposta verso 4. Una volta che l’ olio di mandata è stato limitato, la
destra. pressione nella porta BV (8) del motorino aumenta
4. L’ olio di ritorno dal motorino di traslazione scorre nuovamente e sposta verso destra la bobina (9).
quindi verso la porta AV (1) attraverso l’ intaglio (h) La ripetizione di questa operazione
sulla bobina (9). Quindi, l’ olio di mandata può (funzionamento della frenata idraulica) impedisce
scorrere in modo tale che il motorino di traslazione alla macchina di prendere velocità.
inizia a girare.
5. Quando la leva di traslazione viene riportata in Operazione di protezione del circuito:
folle, la bobina (9) ritorna nella posizione originale 1. Quando la pressione nel circuito aumenta oltre la
sotto l’ azione della forza della molla, bloccando il pressione di impostazione della valvola limitatrice
condotto dell’ olio cosicché la rotazione del del sovraccarico (5), la valvola limitatrice del
motorino di traslazione viene arrestata. sovraccarico (5) si apre e l’ olio di mandata ad alta
pressione si scarica verso il lato bassa pressione,
cosicché il motorino di traslazione viene protetto
dai sovraccarichi.
2. Inoltre, la valvola limitatrice del sovraccarico (5)
riduce i carichi d’ urto che si sviluppano a causa
della forza d’ inerzia quando si arresta il motorino
di traslazione.
3. Se il motorino di traslazione aspira olio come una
pompa, la valvola di non ritorno BC (7) esce dalla
sede (operazione di riempimento), cosicché la
cavitazione viene impedita.

T3-5-12
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

1 - Porta AV 4 - Porta AM del motorino 7 - Valvola di non ritorno BC 9 - Bobina (Valvola


di controbilanciamento)
2 - Camera A 5 - Valvola limitatrice del 8 - Porta BV 10 - Camera B
sovraccarico
3 - Valvola di non ritorno AC 6 - Porta BM del motorino

T3-5-13
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Dispositivo di traslazione

(Pagina vuota)

T3-5-14
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola controllo segnale

CARATTERISTICHE GENERALI
La valvola controllo segnale si trova nel circuito di
pilotaggio tra la valvola pilota e il distributore,
e comanda la pressione del segnale pilota per regolare
le pompe e diversi tipi di valvole.
I componenti principali della valvola controllo segnale
sono le valvole navetta, la valvola antiurto, la valvola
comando portata pompa 1, la valvola comando portata
pompa 2, la bobina di comando del combinatore di
flusso, la bobina di comando della valvola comando
portata benna e la bobina di sblocco del freno di
stazionamento rotazione.

Lato valvola pilota

Sezione A-A

Valvola antiurto

Funzione ausiliaria Valvola comando portata benna

Valvola comando portata pompa 1 Valvola comando portata pompa 2

Bobina di sblocco del freno di Bobina di comando del


stazionamento rotazione combinatore di flusso

T3-6-1
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola controllo segnale

PORTA PILOTA
Lato valvola pilota

Lato valvola pilota

Lato valvola pilota


Nome porta Collega a Nota
Porta A Valvola pilota destra Pressione circuito di pilotaggio sollevamento braccio
di sollevamento
Porta B Valvola pilota destra Pressione circuito di pilotaggio abbassamento braccio
di sollevamento
Porta C Valvola pilota sinistra Pressione circuito di pilotaggio estensione braccio
di penetrazione
Porta D Valvola pilota sinistra Pressione circuito di pilotaggio ritrazione braccio
di penetrazione
Porta E Valvola pilota sinistra Pressione circuito di pilotaggio rotazione sinistra
Porta F Valvola pilota sinistra Pressione circuito di pilotaggio rotazione destra
Porta G Valvola pilota destra Pressione circuito di pilotaggio ritrazione benna
Porta H Valvola pilota destra Pressione circuito di pilotaggio estensione benna
Porta I Valvola pilota traslazione Pressione circuito di pilotaggio traslazione sinistra in avanti
Porta J Valvola pilota traslazione Pressione circuito di pilotaggio traslazione sinistra indietro
Porta K Valvola pilota traslazione Pressione circuito di pilotaggio traslazione destra in avanti
Porta L Valvola pilota traslazione Pressione circuito di pilotaggio traslazione destra indietro
Porta M Valvola pilota supplementare Pressione circuito di pilotaggio supplementare
(Opzionale)
Porta N Valvola pilota supplementare Pressione circuito di pilotaggio supplementare
(Opzionale)
Porta SA Regolatore pompa 1 Pressione di comando pompa 1
Porta SB Regolatore pompa 2 Pressione di comando pompa 2
Porta PI Valvola di neutralizzazione Pressione circuito di pilotaggio primaria
circuito di pilotaggio
Porta PH – Tappo
Porta SH Freno di stazionamento rotazione Pressione sblocco freno
Porta DF Serbatoio olio idraulico Ritorno al serbatoio olio idraulico

T3-6-2
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola controllo segnale

Lato distributore

Sensore pressione
(Rotazione)

Lato distributore

Sensore pressione
(Traslazione)

Lato distributore
Nome porta Collega a Nota
Porta 1 Distributore Pressione circuito di pilotaggio sollevamento braccio
di sollevamento
Porta 2 Distributore Pressione circuito di pilotaggio abbassamento braccio
di sollevamento
Porta 3 Distributore Pressione circuito di pilotaggio estensione braccio
di penetrazione
Porta 4 Distributore Pressione circuito di pilotaggio ritrazione braccio
di penetrazione
Porta 5 Distributore Pressione circuito di pilotaggio rotazione sinistra
Porta 6 Distributore Pressione circuito di pilotaggio rotazione destra
Porta 7 Distributore Pressione circuito di pilotaggio ritrazione benna
Porta 8 Distributore Pressione circuito di pilotaggio estensione benna
Porta 9 Distributore Pressione circuito di pilotaggio traslazione sinistra in avanti
Porta 10 Distributore Pressione circuito di pilotaggio traslazione sinistra indietro
Porta 11 Distributore Pressione circuito di pilotaggio traslazione destra in avanti
Porta 12 Distributore Pressione circuito di pilotaggio traslazione destra indietro
Porta 13 Distributore Pressione circuito di pilotaggio supplementare
Porta 14 Distributore Pressione circuito di pilotaggio supplementare
Porta SE – Tappo
Porta SM Serbatoio olio idraulico Ritorno al serbatoio olio idraulico
Porta SN – Tappo
Porta SP Gruppo elettrovalvola Ritorno al serbatoio olio idraulico
Porta SL Distributore Pressione di comando combinatore di flusso
Porta SK Distributore Pressione di comando valvola comando portata benna

T3-6-3
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola controllo segnale

VALVOLA NAVETTA
La valvola navetta seleziona la pressione circuito di pi-
lotaggio utilizzata per eseguire ogni operazione e la in-
via alle valvole comando portata corrispondenti e/o alle
bobine di comando. Le valvole comando portata e/o le
bobine di comando corrispondenti a ogni operazione
sono le seguenti:
Valvola comando Valvola comando Bobina di comando Bobina di comando Bobina di sblocco
portata pompa 1 portata pompa 2 del combinatore di valvola comando del freno di stazio-
flusso portata benna namento rotazione
Sollevamento
braccio di { { − − {
sollevamento
Abbassamento
braccio di { − − − {
sollevamento
Estensione braccio
di penetrazione { { − − {
Ritrazione braccio
di penetrazione { { − { {
Ritrazione benna { − − − {
Estensione benna { − − − {
Rotazione destra − { − − {
Rotazione sinistra − { − − {
Traslazione destra { − { − −
Traslazione sinistra − { − − −
Funzione ausiliaria
(Opzionale) − { − − {

Traslazione Traslazione Rota- Braccio di Braccio di Funzione


sollevamen-
sinistra destra zione penetrazione to Benna ausiliaria

Valvola comando Valvola comando Bobina di coman- Bobina di coman- Bobina di sblocco del
portata pompa 1 portata pompa 2 do valvola coman- do del combinato- freno di stazionamento
do portata benna re di flusso rotazione

T3-6-4
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola controllo segnale

Lato valvola pilota

Sezione B-B

1 - Traslazione sinistra 6 - Braccio di sollevamento / 11 - Braccio di sollevamento / 16 - Rotazione / Funzione


Braccio di penetrazione / Braccio di penetrazione / ausiliaria (Opzionale)
Benna / Traslazione destra Benna
2 - Traslazione sinistra / 7 - Braccio di sollevamento / 12 - Braccio di sollevamento / 17 - Funzione ausiliaria
Traslazione destra Braccio di penetrazione Braccio di penetrazione / (Opzionale)
Benna / Rotazione / Funzione
ausiliaria (Opzionale)
3 - Traslazione destra 8 - Braccio di sollevamento 13 - Braccio di penetrazione /
Braccio di sollevamento / Sol-
levamento / Rotazione / Fun-
zione ausiliaria (Opzionale)
4 - Braccio di sollevamento / 9 - Braccio di penetrazione / 14 - Benna
Braccio di penetrazione / Sollevamento braccio
Benna / Traslazione destra di sollevamento
5 - Braccio di penetrazione 10 - Sollevamento braccio 15 - Rotazione
di sollevamento / Braccio
di penetrazione / Benna /
Traslazione sinistra /
Rotazione / Funzione
ausiliaria (Opzionale)

T3-6-5
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola controllo segnale

VALVOLA ANTIURTO
La valvola antiurto si trova nel circuito di sollevamento
del braccio di sollevamento ed è operativa durante l’
operazione di abbassamento del braccio di
sollevamento.

Durante l’ operazione di sollevamento del braccio Durante l’ operazione di abbassamento del


di sollevamento: braccio di sollevamento (funzione di riduzione
1. La pressione circuito di pilotaggio sollevamento degli urti)
braccio di sollevamento viene convogliata dalla 1. Quando il braccio di sollevamento viene
porta A e agisce sulla bobina. abbassato, l’ olio di ritorno proveniente dalla
2. Subito dopo che è iniziata l’ operazione, l’ olio di bobina di sollevamento del braccio di
mandata pilota a bassa pressione scorre fino alla sollevamento nel distributore viene inviato alla
porta 1 attraverso il gioco C tra la bobina e l’ porta 1.
alloggiamento, e il condotto interno 2. 2. Poiché la bobina blocca il condotto dell’ olio tra la
3. La forza impostata della molla A è più debole di porta 1 e la porta A, l’ olio di ritorno non può
quella della molla B. Pertanto, quando la scorrere direttamente verso la porta A.
pressione circuito di pilotaggio aumenta, la bobina 3. La porta 1 è collegata al lato della molla A nella
viene spostata verso sinistra. bobina attraverso il condotto interno 1 e alla
4. Mentre la bobina si sposta, la porta A viene camera dell’ olio attraverso il condotto interno 2.
collegata alla porta 1, e la pressione nella porta 1 4. L’ olio di mandata nella camera olio scorre dal
aumenta, cosicché la bobina nel distributore viene gioco C tra la bobina e l’ alloggiamento, e la
spostata. pressione nella camera si riduce. La bobina viene
spostata verso destra dalla pressione sul lato della
molla A. Quindi, il gioco C tra bobina
e alloggiamento viene chiuso e il flusso di olio di
mandata viene interrotto.
5. Quando il gioco C viene chiuso, la pressione nella
camera olio aumenta e la bobina si muove verso
sinistra. Pertanto, il gioco C si apre di nuovo e l’
olio di mandata scorre alla porta A.
6. Man mano che le operazioni dei punti (4 e 5)
vengono ripetute, l’ olio di mandata viene
gradualmente rimandato alla porta A; in questo
modo, la bobina di comando torna lentamente in
posizione.

T3-6-6
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola controllo segnale

Lato valvola pilota

Porta A
Condotto interno 1 Bobina Molla B

Molla A Condotto interno 2 Camera olio

Porta 1

Lato distributore

T3-6-7
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola controllo segnale

VALVOLE COMANDO PORTATA POMPA 1


E POMPA 2
La valvola comando portata pompa eroga la pressione
di comando pompa Pi al regolatore pompa in risposta
alla pressione circuito di pilotaggio dalla valvola pilota.

1. La pressione circuito di pilotaggio dalla valvola


pilota viene inviata al lato della camera della molla
nella valvola comando portata della pompa 1 o 2
dopo essere stata selezionata dalle valvole
navetta nella valvola controllo segnale.
2. La bobina viene spostata verso destra e la
pressione circuito di pilotaggio primaria scorre
nella porta SA oppure SB.
3. Di conseguenza, la pressione nella porta SA o SB
aumenta.
4. L’ olio di mandata sulla porta SA o SB agisce
sull’estremità destra della bobina e questa si
sposta di nuovo verso sinistra, finché la pressione
sulla porta SA o SB non si bilancia con la
pressione circuito di pilotaggio nella camera della
molla. Di conseguenza, la pressione nella porta
SA o SB smette di aumentare.

NOTA: La valvola comando portata pompa 1


è operativa in caso di azionamento del
braccio di sollevamento (sollevamento
o abbassamento), del braccio di
penetrazione (ritrazione o estensione), della
benna (ritrazione o estensione) e della
traslazione (destra). La valvola comando
portata pompa 2 è operativa in caso di
azionamento del braccio di sollevamento
(sollevamento), del braccio di penetrazione
(ritrazione o estensione), della rotazione
(destra o sinistra), della funzione ausiliaria
(opzionale) e della traslazione (sinistra).

T3-6-8
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola controllo segnale

Porta SA, SB
Molla Bobina

Pressione circuito di pilotaggio


primaria

Pressione circuito di pilotaggio

Valvola navetta

T3-6-9
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Valvola controllo segnale

BOBINA DI COMANDO VALVOLA


COMANDO PORTATA BENNA, BOBINA
DI COMANDO COMBINATORE DI FLUSSO,
BOBINA SBLOCCO FRENO DI
STAZIONAMENTO ROTAZIONE
Bobina di comando valvola comando portata benna:
Pressione circuito di
NOTA: Le bobine suddette hanno lo stesso Al serbatoio pilotaggio sollevamento
principio di funzionamento. olio idraulico braccio di sollevamento
Bobina Molla
La bobina di comando della valvola comando portata
benna viene spostata dalla pressione circuito di
pilotaggio ritrazione del braccio di penetrazione ed
eroga la pressione circuito di pilotaggio sollevamento
braccio di sollevamento alla valvola comando portata
benna nel distributore.
La bobina di comando del combinatore di flusso viene
Pressione circuito Alla valvola comando
spostata dalla pressione circuito di pilotaggio di pilotaggio ritra- portata benna
traslazione destra ed eroga la pressione circuito di zione braccio di
pilotaggio primaria al combinatore di flusso nel penetrazione
distributore.
La bobina di sblocco del freno di stazionamento Bobina di comando combinatore di flusso:
rotazione viene spostata dalla pressione circuito di Pressione circuito
pilotaggio del braccio di sollevamento, del braccio di Al serbatoio di pilotaggio
penetrazione, della benna o della funzione ausiliaria olio idraulico primaria
(opzionale), ed eroga la pressione circuito di pilotaggio Bobina Molla
primaria al motorino di rotazione.

Pressione circuito Al combinatore


di pilotaggio di flusso
traslazione destra

Bobina di sblocco freno di stazionamento rotazione:


Pressione circuito
Al serbatoio di pilotaggio
olio idraulico primaria
Bobina Molla

Pressione Al freno di
circuito di stazionamento
pilotaggio rotazione

T3-6-10
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Altro (Torretta)

ELETTROVALVOLA
DI NEUTRALIZZAZIONE CIRCUITO Sezione Z-Z
DI PILOTAGGIO
L’ elettrovalvola di neutralizzazione circuito di pilotaggio
è una valvola interruttore azionata da un’ elettrovalvola. Alle porte
La bobina nell’ elettrovalvola di neutralizzazione circuito A1 - A4
di pilotaggio viene spostata dalla leva di
neutralizzazione circuito di pilotaggio, e attiva
Dalla pompa
o disattiva l’ invio di olio di mandata pilota alla valvola circuito di
pilota e alla valvola controllo segnale. pilotaggio

Alle porte
T1 - T4

Bobina

A1 - Valvola pilota destra A4 - Valvola controllo segnale T1 - Valvola pilota traslazione T3 - Valvola pilota destra
(Porta PI)
A2 - Valvola pilota traslazione P - Pressione circuito di T2 - Valvola pilota sinistra T4 - Serbatoio olio idraulico
pilotaggio primaria
A3 - Valvola pilota sinistra

T3-7-1
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Altro (Torretta)

• Leva di neutralizzazione circuito di pilotaggio:


posizione LOCK
1. Quando la leva di neutralizzazione circuito di
pilotaggio è nella posizione LOCK, il relè di
neutralizzazione circuito di pilotaggio viene
disattivato e l’ elettrovalvola di neutralizzazione
circuito di pilotaggio viene disinserita. (Vedere
SISTEMA / Impianto elettrico.)
2. L’ olio di mandata proveniente dalla pompa circuito
di pilotaggio viene bloccato dalla bobina nell’
elettrovalvola di neutralizzazione circuito di
pilotaggio.
3. L’ olio di mandata sui lati della valvola pilota
e della valvola controllo segnale raggiunge il
serbatoio olio idraulico.
4. Pertanto, benché venga azionata la leva di
comando/traslazione, la valvola pilota non viene
azionata.
Leva di neutralizzazione circuito di
• Leva di neutralizzazione circuito di pilotaggio: pilotaggio: posizione UNLOCK
posizione UNLOCK
1. Quando la leva di neutralizzazione circuito di
pilotaggio è nella posizione UNLOCK, il relè di
neutralizzazione circuito di pilotaggio viene Alle porte
attivato e l’ elettrovalvola di neutralizzazione A1 - A4
circuito di pilotaggio viene inserita. (Vedere
SISTEMA / Impianto elettrico). Dalla pompa
2. Pertanto, il circuito di scarico viene bloccato dalla circuito di
bobina nella valvola di neutralizzazione circuito di pilotaggio
pilotaggio.
3. L’ olio di mandata proveniente dalla pompa circuito Alle porte
di pilotaggio scorre fino alla valvola pilota e alla T1 - T4
valvola controllo segnale.
4. Di conseguenza, quando viene azionata la leva di
comando/traslazione, la valvola pilota viene
azionata.

Bobina

T3-7-2
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Altro (Torretta)

ELETTROVALVOLA
L’ elettrovalvola è composta dal gruppo elettrovalvola
a 2 bobine per il comando della valvola e dal gruppo
elettrovalvola a 2 bobine (opzionale) per il comando
portata supplementare.

Gruppo elettrovalvola a 2 bobine


Comanda il distributore e la valvola nel motorino di
traslazione per mezzo del segnale proveniente dall’
MC (dispositivo di comando principale). (Vedere
SISTEMA / Sistema di comando). Il gruppo
elettrovalvola a 2 bobine è composto da elettrovalvole
proporzionali (SC ed SI).

• SC: Comanda la valvola di rigenerazione braccio


di penetrazione e la valvola comando portata
braccio di penetrazione 2 (valvola interruttore)
nel distributore
• SI: Comanda la valvola controllo angolo di
inclinazione del motorino di traslazione.

Gruppo elettrovalvola a 2 bobine (Opzionale)


Il gruppo elettrovalvola a 2 bobine è composto dal Elettrovalvola Elettrovalvola
combinatore di flusso supplementare e dall’ combinatore di comando
flusso portata
elettrovalvola comando portata supplementare. supplementare supplementare
L’ elettrovalvola combinatore di flusso supplementare
è del tipo ON/OFF. Quando l’ attrezzo anteriore viene
selezionato usando l’ unità monitor, questa
elettrovalvola si attiva e sposta il combinatore di flusso
supplementare nel distributore.
(Vedere SISTEMA / Sistema di comando.)
L’ elettrovalvola comando portata supplementare è del
tipo proporzionale. La valvola comando portata sup-
plementare (valvola interruttore) nel distributore viene
spostata mediante il segnale proveniente dall’ MC.

T3-7-3
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Altro (Torretta)

Elettrovalvola proporzionale

L’ elettrovalvola proporzionale viene controllata per


mezzo di un segnale di corrente elettrica proveniente
dall’ MC ed eroga pressione in proporzione al grado di
corrente elettrica.

• Stato folle: • Stato di eccitazione:


1. La bobina (1) viene spinta verso destra dalla molla 1. L’ elettrovalvola (3) spinge la bobina (1) verso
(2) e la porta di uscita (S) viene collegata alla porta sinistra di una distanza proporzionale alla corrente
del serbatoio (T). elettrica che passa nell’ elettrovalvola (3) stessa.
2. La pressione dell’ olio pilota dalla porta P scorre
verso la porta di uscita S e la pressione alla porta
di uscita S aumenta.
3. La pressione alla porta di uscita S agisce sulla
parte gradinata a della bobina (1).
La bobina (1) viene spinta verso destra a causa
della differenza di pressione nell’ area soggetta
a pressione della parte gradinata.
4. Quando la pressione alla porta di uscita S
aumenta e la forza di spinta della bobina (1) verso
destra supera la forza di spinta della bobina (1)
verso sinistra esercitata dall’ elettrovalvola (3), la
bobina (1) si sposta tornando al lato destro e il
condotto tra la porta di uscita S e la porta P viene
chiuso. Pertanto, la pressione alla porta S smette
di aumentare.

1 - Bobina 2 - Molla 3 - Elettrovalvola

T3-7-4
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Altro (Torretta)

Elettrovalvola ON/OFF

L’ elettrovalvola ON/OFF commuta la pressione circuito


di pilotaggio spostando l’ interruttore freno e ogni
interruttore di comando.

• Stato folle
La bobina (1) viene spinta verso destra dalla molla (2).
La porta di uscita (S) viene collegata alla porta del
serbatoio (T).

• Stato operativo
Poiché l’ elettrovalvola (3) viene eccitata, la bobina (1)
si muove verso sinistra. La porta pilota (P) viene
collegata alla porta di uscita (S) e la porta del serbatoio
(T) viene bloccata.

1 - Bobina 2 - Molla 3 - Elettrovalvola

T3-7-5
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Altro (Torretta)

VALVOLA DI SICUREZZA CIRCUITO


DI PILOTAGGIO Valvola di
sicurezza circuito
Porta P di pilotaggio
La valvola di sicurezza circuito di pilotaggio ha un filtro
incorporato.
La valvola di sicurezza circuito di pilotaggio entra in
funzione per regolare la pressione della pompa circuito
di pilotaggio convogliata verso la porta P ad un valore Filtro
specifico.

T3-7-6
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Altro (Sottocarro)

CUSCINETTO VOLVENTE
Il cuscinetto volvente sostiene il peso della torretta
e rende uniforme la sua rotazione.
Il cuscinetto volvente è un cuscinetto a sfere di tipo
a fila singola ed è composto da pista esterna (1), pista
interna (3), sfera (6), supporto (5) e guarnizioni (2, 4).
La pista esterna (1) è fissata alla torretta e la pista
interna (3) è fissata al sottocarro. I denti interni della
pista interna (3) si innestano con l’ albero di uscita dell’
ingranaggio di riduzione rotazione.

1 - Pista esterna 3 - Pista interna 5 - Supporto 6 - Sfera


2 - Guarnizione 4 - Guarnizione

T3-8-1
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Altro (Sottocarro)

GIUNTO CENTRALE
Il giunto centrale ruota a 360°. Quando la torretta ruota, L’ olio idraulico scorre ai motorini di traslazione destra
il giunto centrale evita la torsione dei tubi flessibili e sinistra e al cilindro lama (opzionale) attraverso il
e consente all’ olio idraulico di scorrere ai motorini di fusello e le porte olio del cassone. Le guarnizioni
traslazione e al cilindro lama (opzionale). Il fusello impediscono le perdite di olio tra il fusello e il cassone.
è fissato alla torretta e il cassone è fissato al centro del
sottocarro.

Motorino di
Motorino di Motorino di Motorino di traslazione
traslazione traslazione destra traslazione sinistra destra (in
sinistra (indietro) (in avanti) (in avanti) avanti)
Motorino di tra- Motorino di Motorino di tra- Motorino di
slazione sinistra traslazione destra slazione sini- traslazione de-
(in avanti) (indietro) stra (indietro) stra (indietro)

Fusello
Pressione circuito di
pilotaggio per controllo Pressione
circuito di
modalità traslazione Scarico pilotaggio
per control-
lo modalità
traslazione

Cassone

Scarico

Scarico
Guarnizione

Scarico

: In avanti
: Indietro
: Pressione circuito di
pilotaggio per controllo
modalità traslazione

T3-8-2
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Altro (Sottocarro)

Macchina equipaggiata con lama (Opzionale)

Motorino di traslazio- Motorino di tra-


slazione destra
ne sinistra (in avanti) (in avanti)
Motorino di tra-
Motorino di traslazio- slazione destra
ne sinistra (indietro) (indietro)

Motorino di trasla- Motorino di trasla-


zione sinistra (in zione destra (in
Traslazione in avanti / avanti) avanti) Abbas- Scarico
sollevamento lama Motorino di tra- Motorino di tra- samen- Fusello
Traslazione indietro / slazione sini- slazione destra to lama
abbassamento lama stra (indietro) (indietro) Cas-
Solle-
Pressione sone
vamen-
circuito di to lama Guar-
Scarico pilotaggio nizio-
ne
Abbas-
Solleva- samen-
mento to lama
Abbassa- Solleva-
mento lama
mento lama
lama

Scarico

T3-8-3
FUNZIONAMENTO COMPONENTE / Altro (Sottocarro)

DISPOSITIVO DI REGOLAZIONE CINGOLI


Il dispositivo di regolazione cingoli ubicato sul telaio
laterale consiste di molla (5) e cilindro (6). La molla (5)
assorbe i caricati applicati al tendicingolo anteriore. Il
cilindro dispositivo di regolazione (6) regola il
cedimento dei cingoli.

• Il grasso viene applicato attraverso il nipplo di


ingrassaggio nella parte (a) del cilindro dispositivo
Nipplo di
di regolazione (6), spinge la biella (8) e riduce il ingrassaggio
cedimento del cingolo.

• Allentare la valvola (1) da 1 a 1,5 giri in senso


antiorario e far uscire del grasso per aumentare il
cedimento del cingolo.

ATTENZIONE: Non allentare la valvola (1)


troppo rapidamente o eccessivamente, in
quanto il grasso ad alta pressione presente nel
cilindro dispositivo di regolazione (6) può
fuoriuscire violentemente. Foro di scarico grasso
Tenere il viso e il corpo lontani dalla valvola (1)
e allentare la valvola (1).
Non allentare il nipplo di ingrassaggio.

1 - Valvola 3 - Rondella 5 - Molla 7 - Flangia


2 - Dado 4 - Distanziale 6 - Cilindro dispositivo 8 - Biella
di regolazione

T3-8-4
MEMO

....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
MEMO

....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
....................................................................................................................................................................................
Hitachi Construction Machinery Co. Ltd N. rif. Hitachi
Attn: Publications, Marketing & Product Support
Tel: 81-29-982-7084
Fax: 81-29-831-1162
E-mail: dc@hitachi-kenki.com
MODULO DI RICHIESTA REVISIONE MANUALE DI MANUTENZIONE

NOME SOCIETÀ: MODELLO:


N° PUBBLICAZIONE:
(Situato nell’angolo superiore destro della copertina)
NOME SCRIVENTE: N° PAGINA:
DATA: (Situato in calce al centro della pagina. Per richiedere due o più
FAX: revisioni usare la colonna dei commenti)
E-mail:

COMMENTI / SUGGERIMENTI:
Allegare foto o schema, se necessario.
Se occorre maggiore spazio usare un altro foglio.

RISPOSTA:

(Per l’utilizzo, fare una copia di questo modulo)