Sei sulla pagina 1di 5

ITALIACAMP:

 LE  IDEE  FINALISTE  DELLA  SECONDA  TAPPA  DEL  PROGETTO


(LECCE  20  NOVEMBRE  2010)

LAVORO  E  IMPRESA  
Internet  per  il  successo  del  turismo  enogastronomico  di  Pasquale  Stefanizzi

L’idea  è  quella  di  sviluppare  un  portale  web  che  funga  da  pia9aforma  di  incontro  tra  domanda  ed  offerta  di  
prodo<   di   turismo   enogastronomico.   Lo   scopo   è   agevolare   l’incontro   tra   domanda  e   offerta.  Il   turismo  
enogastronomico  è  una  nicchia   di  mercato  che  vale  ben   cinque  miliardi  e  si   conferma,  anno  dopo   anno,  il  
vero  motore  della  vacanza  Made  in  Italy,  considerato  che  il  nostro  Paese  è  l’unico  nel  mondo  a  poter  offrire  
ben   176  denominazioni  di  origine  riconosciute   a  livello   comunitario   e   4.396   specialità  tradizionali  censite  
dalle  regioni,  mentre  sono  477  i  vini  DOC  (senza  parlare  poi  delle  numerose  eOche9e  IGT).  Il  portale  serve  
proprio   a   conce9ualizzare   e   professionalizzare   la   funzione   di   promozione   dei   prodo<   di   turismo  
enogastronomico   (in   primis  verso   i  mercaO   esteri)   offrendo  la  necessaria  visibilità.   Di  quante  strade   del  
vino,   strade   del   gusto   e   dei   sapori   non   si   conosce   nemmeno   l’esistenza?   Il   portale   ha   l’obie<vo   di  
restringere  e,  dove  possibile,  colmare  il  gap  informaOvo.  Il  turismo  enogastronomico  è  un  nuovo   modo  di  
viaggiare  che   sta  conquistando   un   numero   sempre   crescente   di  appassionaO,   alla  ricerca  di   sapori  e  di  
tradizioni  autenOche.  In  questo  contesto,  infa<,   il  cibo   assume  un  ruolo   nuovo,  diventando  il  medium  di  un  
territorio,  di  una  cultura  e  dei  valori  legaO  alla  terra  ed  alle  proprie  radici.  I  tour  enogastronomici,  in  Italia,  
sono  all’incirca  tanO   quanO   sono  le  località  e  le  mille  combinazioni  possibili  che  possono  collegarli,  visto  
l’enorme  patrimonio  di  prodo<  Opici  e  di  rice9e  regionali.

RICERCA  E  SCIENZA
PiaLaforma   Avanzata   di   Simulazione   e   Training   per   la   Chirurgia   Laparoscopica   Pediatrica   di   Giovanni  
Aloisio

Obie<vo   del   proge9o   è   sviluppare   una   pia9aforma   avanzata   che   possa   fornire   supporto   al   chirurgo  
impegnato   in   una   procedura   chirurgica   mini-­‐invasiva   non   solo   nella   diagnosi   e   la   pianificazione  
preoperatoria,   ma  anche  nel  training  chirurgico  uOlizzando  un  simulatore  virtuale.  La  chirurgia  miniinvasiva  
consiste  in   un  insieme  di  tecniche  chirurgiche  che  consentono   di  raggiungere  un  organo   senza  ricorrere  
all'incisione  chirurgica  classica.  Ci  si   avvale  di  sonde   di  piccolo  calibro  (da  3  a  5  mm.)  e  fibre  o<che   dotate  
di   microtelecamere   inserite   nell'organismo   a9raverso   incisioni  di   piccole   dimensioni,   de9e   "porte",   che  
consentono   di   eseguire   l’operazione   dall’esterno,   guardando   un   monitor.   La   pia9aforma   digitale   dovrà  
perme9ere  di  costruire  in  modelli  3D  degli  organi  dei  diversi  pazienO  partendo  dalle  loro  immagini  mediche  
e   di   inserire   tali  modelli   nel   simulatore   virtuale  per  perme9ere   al   chirurgo   di   effe9uare   l’operazione  in  
ambiente  virtuale  prima  di  farla  sul  paziente  reale.  Tale  simulatore,  pertanto,  differirà  da  quelli  commerciali  
in  quanto  sarà  permesso  al  chirurgo  di  addestrarsi  in  ambiente  virtuale   sui  casi  clinici  che  dovrà  operare  e  
non  su  casi  generici  come  nel   training   con   i  simulatori  commerciali   disponibili   sul  mercato.   MolO   sono   i  
vantaggi   per   il  paziente:  l'intervento  è   meno  cruento  e  devastante,   le  fasce  e   i  muscoli  vengono   punO   e  
divaricaO  invece   di  essere  tagliaO,  si  consente  un  rapido  recupero  clinico  e  psicologico  del  paziente  ed  una  
notevole  riduzione  del  tempo  di  degenza  ospedaliera,  con  significaOvo  abba<mento  dei  cosO.

TECNOLOGIA
1. REMOCEAN  –  Remote  Sensing  of  Ocean  Waves  di  Francesco  Serafino

I  ricercatori  dell'IREA-­‐CNR  hanno  sviluppato  una  innovaOva  metodologia  per  la  sOma  accurata  delle  correnO  
superficiali   anche   nel   caso   più   complesso   di   immagini   acquisite   da   navi   in   movimento,   o   in   condizioni  
atmosferiche  estreme,  di  no9e  o   con  scarsa  visibilità.  L'dea  imprenditoriale  si  basa  sul  sistema,  denominato  
REMOCEAN,  che  consente  l'accesso   in  tempo  reale  ai  parametri  che  cara9erizzano   lo  stato  del  mare  e  che  
possono   rappresentare   un   uOle   ausilio   alla   navigazione.   I   principali   campi   di   applicazione   del   sistema  
REMOCEAN  sono:   •  Navigazione:  il  sistema   REMOCEAN   rappresenta  un  uOle  supporto  alla  navigazione  sia  
per  le  imbarcazioni  militari  che  civili.  Per  le  navi  di  grandi  dimensioni,  sarà  in  grado  di  sfru9are  appieno  la  
tecnologia  e  le  competenze  sviluppate  per  il  monitoraggio   di  un  largo  numero  di  parametri;  per  le  piccole  si  
prevede   una   versione   "light"   della   versione   completa,   di   basso   costo   e   rivolta   specificamente   ad  
imbarcazioni  che  non  posseggono  una  tecnologia   radar   sofisOcata;  •   Energia:  REMOCEAN  come   sistema  di  
generazione   di   energia  ele9rica   che   sfru9a  la   presenza   delle   correnO   marine,   rappresentando   un   uOle  
strumento   sia  nella  fase  della  scelta  dei  siO   di  istallazione  sia  nel  monitoraggio  dei  siO  stessi.  •   TrasporO:  
REMOCEAN  può  essere  usato   per   le  navi  da  crociera  ,  per  imbarcazioni  di  grandi  dimensioni,  per   migliorare  
la  sicurezza  a  bordo  di  flo9e  di  pescherecci,   per  la  navigazione  di  cargo  e  navi  porta-­‐container.  •  Militare:  il  
sistema   REMOCEAN   può   essere   uOlizzato   per   la   navigazione,   l'aiuto   alla   pianificazione   delle   ro9e,   per  
manovre  complesse  in  mare  e  in   generale  in  condizioni  di  mare  estremo  e  di  scarsa  visibilità  o  per  facilitare  
le   operazioni   di   a9erraggio   e   il   decollo   dei   velivoli   nelle   portaerei.   •   Sicurezza   off-­‐shore:   REMOCEAN  
consente   di   segnalare   la  presenza  e   avvicinamento   di  onde  anomale  e  di   monitorare   lo   stato   del   mare  
durante  le  mareggiate  consentendo  di  a<vare  i  sistemi  di  evacuazione  e  di  sicurezza.  •  Sicurezza  cosOera:  il  
sistema  REMOCEAN  installato  su  postazioni  fisse  di  terra  in  prossimità  di  porO  o  in  punO  strategici  perme9e  
di   monitorare   le   aree   sogge9e   a   rischi   di   onde  anomale   e/o   mareggiate   e   può   rappresentare  un   uOle  
supporto   per  le  manovre  di  grandi  navi  all'interno  e  all'esterno  del  porto.   •  Ricerca  naufraghi:   REMOCEAN  
consta  di  una  estensione  dell'applicazione   che   ha  lo  scopo  di   fornire  uOli   informazioni  per  l'individuazione  
di  ogge<  e/o  persone  disperse  in  mare.  UOle  supporto  durante  gli  intervenO  di  soccorso.
•   Pesca  ed  acquacoltura:  REMOCEAN,  fornendo   le  mappe  di  corrente  superficiale,  può  rappresentare  un  
uOle  strumento  per  la  messa  a  punto   di  modelli  di  gesOone  della  pesca  e  per  individuare  e  monitorare  i  siO  
di  istallazione  delle  vasche  per  l'acquacoltura.

2. Jenuinō  truly  what  something  is  said  to  be,  authenYc  di  Giacomo  Bracci
Jenuinō  è  un  movimento   culturale  nato   dal  basso  che  risponde  ai   bisogni  di  un  consumatore  sempre  più  
esigente  nell'essere  informato  su  ciò  che  acquista  e  mangia.  Jenuinō  non  fa  commercio,  ma  e  una  società  di  
consulenza   di  service  design  e  un'associazione  culturale  senza  scopo  di  lucro  impegnata  nel  riportare   cibo  
sano,  stagionale,  arOgianale,  localizzato  e  tracciabile   al  100%  sulle  tavole  dei  consumatori,  coinvolgendoli  
dire9amente  in  tu9e  le  fasi  di  lavorazione,  dalla  sua  creazione  fino  ad   apprezzarne  la  cultura,  le  persone  e  i  
luoghi  dove  tali  prodo<   prendono  vita.  La  nostra  missione  e  quindi  quella  di  partecipare  allo   sviluppo  di  un  
futuro  sano  e  sostenibile,  aiutando  a  colOvare  cibo  con  integrità  morale  ed  eOca  mediante  la  partecipazione  
a<va   della   nostra   comunità.   Intendiamo   fornire   agli   agricoltori   gli   strumenO   per   essere,   nel   prossimo  
futuro,  totalmente  indipendenO,  anche  da  jenuinō.  L'approccio  'dal  basso',  intende  “bypassare”  la  filiera  dei  
supermercaO   con   le   loro   spese   di   markeOng,   packaging   e   adverOsing   offrendo   un'alternaOva,  
posizionandoci  come  facilitatori  tra  piccole   fa9orie  orientate   alla  qualità  e  consumatori  che  siano  in  grado  
di   riconoscerla   e   apprezzarla.   Jenuinō   funge   da   ponte   fra   famiglie   che   producono   e   famiglie   che  
consumano,   senza   intermediari,   accorciando   al   minimo   la   filiera   e   garantendo   la   qualità   dei   prodo<.  
Investendo  alla   fonte  e   provvedendo  a  garanOre  un   mercato  a9raverso  vendite  pre-­‐pagate,  i  consumatori  
abbassano  drasOcamente  il   costo   dei  generi  alimentari  da  loro   acquistaO   e  aiutano  a  creare  una  stabilità  
finanziaria   nelle  operazioni  delle  fa9orie  consorziate  lasciando   ai   fa9ori  il  solo  compito  di  concentrarsi  su  
una  produzione  di   qualità  che  è  ovviamente  limitata.  Mediante  la  creazione   del  primo  consorzio  di  fa9orie  
design-­‐driven   e  crowd-­‐funded,  è  possibile  sviluppare   una  community   creaOva  di  amanO  del  cibo  in   Italia.   I  
trasporO  seguono  una  logica  di  sostenibilità;  faremo  parOre  i  nostri  furgoni  a  GPL  solamente  a  pieno  carico,  
rifornendo   così   un  elevato   numero  di  famiglie   e   riducendo   al  minimo  l'impa9o  ambientale.  E'   meglio   un  
solo   furgone  che   consegna  a  tante  famiglie  in  un  solo  giorno   o  lasciare  che  quest'ulOme  vadano   a  fare  la  
spesa  con  i  propri  mezzi,  con  stress  e  dispendio   di  energie  che  ne  conseguono?  Anche  i   contenitori   sono  
pensaO   e   realizzaO   per   essere   riuOlizzaO;   al   momento   della   consegna   riOreremo   bara9oli,   confezioni   e  
panieri,   che   riuOlizzeremo   per   l'ordine   successivo.   Il   territorio   di   riferimento   è   l’area   economicamente  
depressa  della  Maremma  Toscana,  in  Provincia   di  Grosseto,  a  sud  della  Toscana.   Il  proge9o  prevede  circa  
12  mesi  per  il  totale  sviluppo.

ENERGIA  E  AMBIENTE
Realizzazione   di   un   impianto   industriale   per   il   riuYlizzo   di   ceneri   volanY   di   carbone   ammalorate   di  
Gianluca  InYni

Un   impianto   nella  zona  industriale  di  Brindisi  per  tra9are   le  ceneri  della  locale  centrale  termoele9rica  e  
renderle  uOlizzabili  nell’industria  del  cemento.  L’impianto  uOlizzerà  un’innovaOva  procedura  di  tra9amento  
delle  ceneri  che  consenOrà  di  mantenere  un  loro  residuo  carbonioso  compaObile  con  le  norme  europee  UNI  
EN.   L’impianto  fornirà,  inoltre,  alcuni  servizi  aggiunOvi,   tra  i  quali  lo  stoccaggio   delle  ceneri.   La  posizione  
della   stru9ura   consenOrebbe   di   abba9ere   i   cosO   di   trasporto   delle   ceneri,   trovandosi   questa   ad   una  
distanza  rido9a,  rispe9o  ai  potenziali  uOlizzatori  delle  risorse  prodo9e  dall’impianto.

INFRASTRUTTURE
“System   design”   applicato   alla   progeLazione   di   filiere   agro   –   energeYche:   recupero   di   residui   e  
miYgazione  dei  cambiamenY  climaYci  di  Massimo  Monteleone

Ado9ando  i  criteri  del  “system  design”,   l’idea  (nata  da  un  gruppo  di  ricercatori  dell’Universita`  di  Foggia)  ha  
l’obie<vo   di   valutare   e   definire   efficienO   condizioni   tecnologiche   che   consentano   il   recupero,   la  
trasformazione   e   l’impiego   produ<vo   di   materiali   di   scarto,   o9enuO   come   residuo   dei   processi  
termochimici  o  biochimici  per  la  generazione  di  energia  a  parOre  da  biomasse  agro-­‐forestali.
Pertanto,   s’intende   proporre   una   significaOva   estensione   ed   arOcolazione   di   due   differenO   Opologie   di  
filiere   agro-­‐energeOche,   le   quali   provvedono   alla   colOvazione,   raccolta,   condizionamento,   trasporto   ed  
uOlizzo   energeOco   delle   biomasse.   In   parOcolare,   si   vuole   prefigurare  un   processo   di   riciclo  integrale  (o  
tendenzialmente   tale)   dei   flussi   di   materia   nonché   l’a<vazione   di   processi   produ<vi   supplementari,  
integraO   a   quelli   di   Opo   principale,   in   grado   d’impiegare   proficuamente   materia   ed   energia   residuali,  
altrimenO  inuOlizzaO  ed  ogge9o  di  onerose  procedure  di  smalOmento.
La   presente   proposta   intende   rispondere   all’esigenza   di   contribuire   ad   una   generazione   d’energia  
rinnovabile  secondo  un  modello  produ<vo  di  Opo   “distribuito”,  incentrato  sulla  “piccola  scala”  (o   minima  
potenza   generaOva)   nonché   sulla   dire9a   prossimità   fra   punto   di   produzione   energeOco   e   punto   di  
uOlizzazione  finale.  In  conformità  alla  logica  di  una  filiera   agro-­‐energeOca  “corta”  ed  “integrata”,   l’azienda  
agro-­‐forestale  è  essa   stessa  responsabile   dell’approvvigionamento   delle   biomasse   desOnate   all’impianto,  
detentrice   dell’impianto   di   produzione   d’energia   e   produ9rice   finale   dell’energia,   desOnata  
all’autoconsumo  o  alla  vendita.

ECONOMIA,  FINANZA  E  MERCATI


1. Centro  Studi  e  Analisi  sui  Confidi(CeSAC)  di  Stefano  Dell’A^
Realizzare  un  centro  studi  e  analisi  sui  confidi  all’interno  dell’Università  degli  Studi  di  Foggia,  per  offrire  le  
competenze  necessarie  a  gesOre  al  meglio  le  problemaOche  di  organizzazione,   gesOone  delle  garanzie  e  dei  
servizi   dei   confidi,   a   vantaggio   sia   degli   stessi   che   delle   piccole   e   medie   imprese   richiedenO   credito.  
Pertanto,   i  prodo<   dell'a<vità  del  CeSAC   sono  rappresentaO  dagli  strumenO  di  divulgazione  scienOfica  dei  
risultaO  delle  ricerche   condo9e  (pubblicazioni,  incontri,  convegni)  e  da  specifici   proge<  di  ricerca,  percorsi  
di  alta  formazione  desOnaO  ai  confidi  e  alle  imprese  del  territorio.

2. Banche,  migranY  e  imprese:  una  relazione  da  costruire  di  Angela  Stefania  BerganYno  
Il   proge9o,   promosso   da   un   gruppo   di   docenO   dell’Università   di   Bari   “Aldo   Moro”,   può   essere   fa9o  
rientrare   nell’ambito   dei   proge<   di   cosidde9o   “welcome   banking”,   espressione   che   viene  uOlizzata  per  
indicare   realtà  bancarie  tese  all’accoglienza  verso   i   migranO   e  verso   le  enOta`   unbanked,   ovvero   quelle  
fasce  sociali  che   per   diverse   ragioni  non   hanno   accesso   ai   servizi   bancari.   L’idea   proge9uale   è   dunque  
quella  di  creare,  con  il  supporto   scienOfico   dell’Università  e   d’accordo   con   uno   o   più   isOtuO   bancari,   dei  
centri   interculturali   di   mediazione   finanziaria   con   compiO   di   supporto   amministraOvo   consulenziale,  
diffusione  delle  informazioni  e  formazione  per  la  clientela  dei  migranO.  Il  centro  avrebbe  un  duplice  target,  
la   clientela   business   e   la   clientela   family:   con   riferimento   all’imprenditori   dei   migranO,   l’idea   di   base  
consiste  nell’offrire  servizi  di  consulenza  a  supporto  delle  categorie  target  di  migranO   individuate  sulla  base  
di   cara9erisOche   geografiche   e   socio-­‐demografiche.   All’interno   di   tali  centri   di   consulenza,   gli   operatori  
dovranno   essere   adeguatamente   formaO   alle   discipline   economiche,   bancarie   e  d’azienda,   e  potrebbero  
rappresentare   un   “ponte”   tra   banche   e   migranO   per   offrire   mediazione   presso   gli   isOtuO   di   credito  
interessaO   all’iniziaOva.  Con  riferimento  alle  famiglie  di  migranO  presenO  sul  territorio,  i  centri  dovrebbero  
occuparsi  di   svolgere  un   ruolo  di   “facilitatori”  al  fine  di  bancarizzare   segmenO   di  clientela   unbanked  ma  
potenzialmente   reddiOzi   dal   lato   bancario.   Il   fine  ulOmo   sarebbe  quello   di   perme9ere  la  nascita  di   una  
relazione   posiOva  tra  migranO   e  banche,   con   ricadute   posiOve  in  termini  di  inclusione  sociale.  Tali   centri  
dovrebbero  perme9ere  lo   sviluppo   di  un   prodo9o  di  garanzia  complementare  a   quello  bancario   classico,  
ispirandosi  ai  criteri  del  microcredito,  e  coinvolgendo,  oltre  agli  isOtuO   di  credito,  associazioni  di  categoria  e  
associazioni  di  migranO.

CULTURA  E  SOCIALE
Oikos  il  progeLo  per  uno  sYle  di  vita  sostenibile  di  KaYa  Manca

L’idea  mira  a  promuovere  e  valorizzare  uno  sOle  di  vita  lento,  raccontando  il  territorio,  la  bellezza  della  sua  
natura,   i   suoi   abitanO   e   le   sue   economie   sostenibili.   Il   proge9o   intende   promuovere   la   nascita   di   una  
Comunità  Di  PraOca  capace  di  incidere  sulle  scelte  significaOve  del  territorio  anche  a9raverso  proge9ualità  
e   iniziaOve   legate   alla  economia  della  cultura.  L'obie<vo  è  quello  di  promuovere  la  cultura  della  lentezza  
per  vivere,  tutelare  e  valorizzare  il  territorio,  contribuendo  in  questo  modo   allo  sviluppo  sostenibile  locale,  
regionale   e  nazionale.   Il   proge9o   è  supportato   da  una  rivista  (Oikos   Sostenibile),   legata  ad   una  serie  di  
a<vità   di   promozione   e   comunicazione   (e   quindi   di   Opo   cartaceo,   online   e   sul   campo)   delle   praOche  
quoOdiane   sostenibili   e   me9endo   in   valore   le   esperienze   e   le   buone   praOche   presenO   sul   territorio  
salenOno,  ma  non  solo.

POLITICA,  ISTITUZIONI  E  PUBBLICA  AMMINISTRAZIONE


Programma   Scuole:   una   proposta   dell’ANCE   per   la   Riqualificazione   delle   InfrastruLure   ScolasYche   di  
Maria  Grazia  Esposito  

L’idea  propone  di  dare  una  risposta,  a9raverso   un  ruolo   a<vo   dell’imprenditoria,   all’inadeguatezza   delle  
risorse  pubbliche  disponibili  rispe9o  al  grave  e  diffuso  degrado   delle  Scuole  del  Paese.  Si  tra9a,  pertanto,  di  
un  Programma  nazionale  di  PPP  per  la  sostanziale  riqualificazione  delle  infrastru9ure  scolasOche  pubbliche  
gesOte  dai   Comuni   e  dalle  Province,   allo   scopo   di   garanOrne   la   massima  sicurezza,   funzionalità  per   una  
moderna  dida<ca,  sostenibilità  ambientale  e  qualità  edilizia,  innovando  anche  il  modello  di  servizio  offerto  
dalla  polarità  scolasOca  al  territorio.   L’idea  nasce  su  iniziaOva  dell’ANCE,   la  quale  (a  parOre   dal  2008)   ha  
sviluppato,   a9raverso   la   propria   rete   di   associazioni   territoriali   e   imprese,   un   modello   innovaOvo  
d’intervento  sul  parco  edilizio,  che  vede  la  centralità  di  arOcolate  formule  di  Partenariato  Pubblico  Privato  e  
che   prospe9a  con   decisione  l’istanza  della   sosOtuzione   edilizia  degli   edifici.   Il   Programma   si   propone  di  
intervenire  in  tu9e  le  aree  del  Paese,  con  una  diversa  modulazione  del  modello  d’intervento  a  seconda  dei  
parametri  economici  e  della  capacità  d’offerta  del  territorio  in  cui  si  sviluppa  l’iniziaOva.