Sei sulla pagina 1di 8

Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n.

46)
art. 1, comma 1, NO/TORINO, n. 4 - 2020 - Tassa Pagata - Taxe Perçue
Anno 47 - Aprile 2020 - n. 4

Caccia: in Piemonte si torna al Medioevo


te. Appena conosciute le intenzioni della
Giunta, Pro Natura Piemonte ha diramato
il testo di un appello, che si limitava a chie-
Gli uomini d’onore pagano sempre i propri ultimi anni), mentre non esistono dati sulla dere il non ampliamento della possibilità di
debiti. E la Giunta Regionale del Piemonte consistenza numerica della lepre variabile, prelievo venatorio alle quindici specie di
è senz’altro costituita da persone integerri- che è certamente molto ridotta: in queste cui sopra. Basta, tutto lì. L’appello è stato
me, che non vogliono mancare alla parola condizioni un banale ed ovvio principio di diffuso alle Associazioni ambientaliste, ma
data. Beh, quasi sempre: eravamo presenti precauzione suggerirebbe il blocco imme- anche a quelle scientifiche, venatorie ed
quando il Governatore Cirio, dopo la sua diato di ogni prelievo venatorio. alle organizzazioni professionali agricole.
elezione, ci garantì nel modo più assoluto Numerose specie sono particolarmente Risultato: le Associazioni ambientaliste ed
che la sua Giunta mai avrebbe modificato tutelate a livello comunitario: pavoncella, animaliste hanno aderito praticamente tut-
la legge regionale sulla caccia….. combattente e moriglione sono classificate te, la risposta di quelle scientifiche è stata
Ma torniamo ai debiti: durante la campagna come Specie di Interesse Conservazionisti- più tiepida (hanno aderito soltanto la Sta-
elettorale i partiti di centro-destra fecero co di livello 2 (specie la cui popolazione zione Teriologica Piemontese e Torino Bir-
grande affidamento sui cacciatori, garan- globale è concentrata in Europa, dove pre- dwatching/EBN).
tendo interventi a loro favore se eletti. Cosa senta uno stato di conservazione sfavorevo- Il Gruppo Piemontese Studi Ornitologici
che si sta puntualmente verificando. È in- le) mentre canapiglia, codone, marzaiola, GPSO e l’Associazione Naturalistica Pie-
fatti stata presentata una proposta di legge mestolone, frullino, allodola risultano esse- montese ANP hanno prodotto un loro do-
che definire vergognosa è riduttivo. In pra- re SPEC 3 ( specie la cui popolazione glo- cumento critico; le Associazioni venatorie
tica, tutte le modifiche restrittive apportate bale non è concentrata in Europa, ma che in non hanno risposto (con l’eccezione del
durante la precedente legislatura dall’allora Europa presenta uno stato di conservazione Conseil International de la Chasse, che ci
Assessore Giorgio Ferrero vengono cancel- sfavorevole). ha detto, che il divieto di caccia a specie a
late, Anzi si va ben oltre. Esistono numerose pubblicazioni scien- rischio di estinzione “non rientra tra i loro
Gli aspetti più deleteri della proposta del- tifiche che dimostrano lo stato di declino obiettivi”). Soprattutto abbiamo registrato il
la giunta sono l’inserimento di 15 specie di quasi tutte le specie oggetto di amplia- silenzio delle Organizzazioni agricole. Col-
nell’elenco di quelle cacciabili, un for- mento del carniere, e il prelievo venatorio è diretti, Confagricoltura e CIA hanno infatti
tissimo ridimensionamento del legame considerato una delle cause più importanti deciso salomonicamente di non sporcarsi
cacciatore-territorio, l’estensione anche di tale situazione. Eppure, la Regione Pie- le mani su un tema lacerante, ma anche di
ad orari notturni della caccia di selezione monte, pur di accontentare una esigua mi- fondamentale importanza, come la caccia.
agli ungulati, l’agevolazione dell’arrivo in noranza di cacciatori non esita a sacrificare Caccia, ribadiamo, non a cinghiali o lepri,
Piemonte di cacciatori provenienti da altre una delle sue più preziose risorse. ma a allodole e pernici bianche! Un atteg-
Regioni (ora limitato tra il 5% e il 10% del Ricordiamo ancora che nessuna delle 15 giamento incomprensibile, che fa sorgere
totale), la possibilità di liberare animali specie è responsabile di danni all’agricol- molti dubbi sulla attenzione all’ambiente
d’allevamento “pronta caccia” tutto l’anno, tura o ad altre attività antropiche degni di che l’agricoltura si vanta di aver intrapreso
la cancellazione della norma che avrebbe rilievo: il loro prelievo venatorio, quindi, in questi ultimi tempi.
consentito ai proprietari dei fondi di vietare assume unicamente finalità di tipo ludico. Ovviamente faremo tutto il possibile affin-
la caccia sui propri terreni, divieto ritenuto A margine di queste tristi note ancora una ché questo obbrobrio non venga approvato.
peraltro legittimo dalla Corte Costituziona- considerazione, forse ancora più desolan- Piero Belletti
le, superando così quanto previsto dall’art.
842 del Codice Civile.
Come detto l’aspetto più vergognoso della
proposta di legge è l’abrogazione del com-
“Freccia rossa 1000” sui binari della Val Susa
ma 5 dell’articolo 2 della Legge Regionale Molto in sordina, senza annunci enfatici, 1000” viaggerà in sei ore sulla tratta Mi-
n. 5/2018 e il conseguente ripristino della da qualche mese il “Freccia rossa 1000”, lano-Parigi dal prossimo mese di giugno,
possibilità di cacciare ben 15 specie, quasi il modello più avanzato della serie di treni con un tempo inferiore a quello del TGV,
tutte di uccelli: fischione, canapiglia, me- Alta Velocità italiani, porta i turisti, spe- che attualmente impiega circa sette ore per
stolone, codone, marzaiola, folaga, porci- cie gli sciatori in questi mesi invernali, a percorrere i 900 chilometri.
glione, frullino, pavoncella, combattente, Bardonecchia con fermata a Oulx, per una Ci domandiamo quanto tempo si potrà
moriglione, allodola, merlo, pernice bian- coincidenza con i bus che portano a Se- risparmiare se si farà il tunnel di 57 km
ca, lepre variabile. striere, Sauze d’Oulx e Cesana. previsto nel progetto della Torino-Lione
L’iniziativa è del tutto fuori luogo e priva Risulta che si tratti di una linea ancora e crediamo che a questo punto il rapporto
di alcuna giustificazione. Si tratta infatti di sperimentale, che partendo da Napoli rag- costo-benefici ci dia ragione a non volere
uccelli di piccole dimensioni e con abitu- giunge Milano, poi Torino per fermarsi, al la nuova linea. Infatti anche lo scambio del-
dini alimentari prevalentemente insettivore, momento, a Bardonecchia, nei fine setti- le le merci fra Italia e Francia, in continua
utili quindi a tenere sotto controllo la pro- mana a tutto il mese di marzo 2020 e alla diminuzione sia su ferrovia che su strada,
liferazione di specie dannose per le colture domenica compie il viaggio di ritorno sullo può continuare a passare sulla linea attuale
agricole. Emblematico il caso dell’allo- stesso percorso. destinando a opere più necessarie i tanti mi-
dola, piccolo uccello insettivoro che pesa Noi crediamo che la dinamica del “Freccia liardi previsti per costruire la nuova opera.
meno della cartuccia con cui verrebbe di- rossa 1000” sia adattissima a compiere un
sintegrato, la cui popolazione in Piemon- percorso che comprende tratti di monta- Sede di Pro Natura
te negli ultimi 20 anni si è dimezzata. In gna, cosa che da anni fa il TGV francese
altri casi le specie oggetto della proposta unendo Milano a Parigi, passando a Torino nel periodo pasquale 2020
esibiscono carattere migratorio e sono co- e percorrendo la linea della Val Susa con
munque presenti nella nostra Regione con l’attuale traforo del Frejus, rimodernato re- La sede di via Pastrengo 13, Torino
numeri estremamente ridotti. La pernice centemente per la parte italiana.. rimarrà chiusa
bianca è specie in sofferenza su tutto l’arco Ora apprendiamo che, secondo i piani del- venerdì 10 e martedì 14 aprile
alpino (con effettivi quasi dimezzati negli le Ferrovie dello Stato, il “Freccia rossa 1
Energia e clima: proposte sintetiche di azioni
Promuovere impianti di teleriscaldamen-
to con bilancio ambientale positivo
Promuovere gli impianti di teleriscalda-
In vista dell’approvazione da parte del della realizzazione di impianti mini e mi- mento solo se caratterizzati da un saldo di
Consiglio Regionale del nuovo Piano cro idroelettrici soprattutto sui piccoli corsi emissioni climalteranti e inquinanti sempre
Energetico Ambientale Regionale (PEAR) d’acqua naturali, della combustione dei ri- positivo, anche a livello locale.
e su invito della Regione stessa nell’ambito fiuti, ecc. Prevedere che gli edifici debbano consegui-
del Progetto Interreg “Prospect 2030”, lo Evitare nuove trivellazioni re una buona efficienza termica prima di
scorso 13 febbraio Pro Natura Piemonte ha Evitare nuove trivellazioni finalizzate alla potersi collegare al teleriscaldamento, con
depositato una serie di proposte sintetiche estrazione di combustibili fossili di qualsi- finanziamento a carico del gestore del tele-
di schede di azione, condivise con Legam- asi tipo Parere negativo a tutte le procedure riscaldamento.
biente e presentate da Gian Piero Godio, che riguardano estrazioni di combustibili Utilizzo della legna come combustibile
che riguardano gli aspetti che la nostra as- fossili sull’intero territorio regionale. Consentire l’uso esclusivamente termico
sociazione ritiene più importanti per quan- Stesura appropriata del “PITESAI”, il Pia- della legna, solo in impianti moderni ed
to riguarda le scelte energetiche e il clima. no nazionale per la Transizione Energetica efficienti per sistemi di piccolo teleriscal-
Sufficienza Sostenibile delle Aree Idonee. damento, solo in stagione invernale, o in
Sensibilizzazione e informazione dei cit- Sostituzione coperture in eternit generatori domestici di nuova concezione e
tadini sugli effetti delle scelte personali Incentivazione della bonifica delle coper- a servizio di edifici già coibentati e dotati
riguardanti gli stili di vita e di consumo e ture in eternit accompagnata dalla coiben- di solare termico, non dotati di altri sistemi
l’adozione di un approccio di sufficienza. tazione e impianti solari fotovoltaici e ter- di riscaldamento, solo con utilizzo di legno
Isolamento termico degli edifici mici. proveniente da filiera locale, tracciata ed
Controlli diffusi sugli effetti reali degli in- Sensibilizzazione di cittadini e aziende. emersa e, in prospettiva, obbligatoriamente
terventi sugli edifici, e presentazione pub- Creazione e gestione di sportelli tecnico- certificata per sostenibilità forestale.
blica dei risultati. burocratoci a livello locale. Non consentire l’utilizzo della legna per la
Assistenza tecnica e burocratica ai cittadini Dare priorità a questa azione puntando a generazione elettrica. Non consentire l’uti-
e ai condomini. Agevolazioni per cittadini completarla prima di promuovere la realiz- lizzo della legna in impianti domestici inef-
con basso reddito. zazione di impianti fotovoltaici a terra in ficienti o a servizio di edifici non coiben-
Sensibilizzazione e informazione ai citta- aree degradate. tati. Informare sulle emissioni inquinanti
dini sugli effetti economici e ambientali Evitare gli impianti idroelettrici sui pic- connesse alla combustione della legna e
legati al miglioramento dell’isolamento coli corsi d’acqua naturali sulla scelta dei generatori domestici.
termico degli edifici. Evitare nuove autorizzazioni di impianti Sensibilizzazione e informazione sul valore
Gestione del suolo mini e micro idroelettrici sui piccoli corsi ambientale, naturalistico e di accumulo di
Incentivazione e informazione sulle mo- d’acqua naturali, su canali che comportino carbonio rappresentato dalla gestione selvi-
dalità di gestione appropriata del suolo e un aumento della captazione annuale dal colturale naturalistica dei boschi.
delle foreste finalizzata a ridurne i consumi corso d’acqua naturale corrispondente. La ricerca per la sostenibilità
energetici diretti e indiretti e ad aumentarne Per i corsi d’acqua tutelati e ad elevata qua- Studio e introduzione di un bilancio ener-
il contenuto di carbonio, la naturalità e la lità ambientale il divieto di nuove capita- getico e del carbonio in agricoltura a cui
biodiversità. zioni a scopo idroelettrico non deve preve- legare l’erogazione di fondi FEASR/PSR.
Ricerca sulle modalità più appropriate ed dere deroghe per nessun tipo di strategicità. Studio aggiornato dell’impatto dei cicli di
efficaci. Scoraggiare le colture agricole a solo sco- vita dei vari sistemi energetici. Ricerca su
Ampliamento del patto dei sindaci po energetico sistemi produttivi caratterizzati dalla mini-
Creazione di una cabina di regia regionale Disincentivare le coltivazioni agricole uni- mizzazione delle necessità energetiche.
in grado di garantire dati, loro aggiorna- camente finalizzate a scopo energetico per Studi su soluzioni trasportistiche che mini-
mento e consulenza tecnica. biocombustibili o biocarburanti, il cui ci- mizzino l’impatto ambientale e climatico
Definizione di incisivi criteri premiali nei clo di vita risulta insostenibile. Studi per nuovi sistemi di riciclo e riuso
finanziamenti agli Enti pubblici in relazio- Incentivare e promuovere l’utilizzo energe- Creare un luogo unico di riferimento, a li-
ne alla loro adesione al Patto. tico “a umido” degli scarti agricoli e dei vello regionale, che metta in collegamento
Introduzione di una “contabilità climatica” reflui zootecnici, con conversione a biome- tutti gli enti e attori attuali della ricerca per
nelle Amministrazioni Pubbliche piemon- tano. la sostenibilità.
tesi in virtù della quale sia obbligatorio re-

A Gamalero (AL) i giovani propongono azioni


gistrare e rendere pubblici i consumi ener-
getici di edifici e servizi pubblici.
Comunicazione ai cittadini.
Comunità energetiche appropriate Aria di cambiamenti a Gamalero (provincia locale: “I ragazzi di Gamalero e dintorni
Supporto e indirizzo alle Comunità energe- di Alessandria). A soli dieci chilometri colpiscono ancora, con una nuova
tiche nascenti per orientare correttamente circa dal capoluogo, sulla storica strada campagna, di loro spontanea iniziativa,
la transizione. Incentivare il preventivo au- statale del Colle di Cadibona, quella per dare il via alle feste natalizie e al nuovo
mento dell’efficienza nei consumi. che ha visto passare prima gli eserciti anno, con una serie di “raccomandazioni”
Accumuli di rete romani a confronto con Celti e Liguri, da seguire: tre punti base per ridurre gli
Incentivazione degli accumuli per la rete poi innumerevoli transiti fra “militare” e sprechi ed aiutare, più o meno direttamente,
elettrica preferendoli agli accumuli dome- “commerciale” dall’alto Medio Evo fino il mondo che ci circonda. 1) Ridurre gli
stici che implicano un significativo consu- al Millesettecento. Con magnifiche chiese, sprechi di corrente elettrica. 2) Diminuire il
mo di materie prime e ritorni economici anche romaniche, di molto anteriori al numero di involucri di carta e di molti altri
scarsi per l’utente residenziale. Mille, palazzi principeschi e, tra gli altri, i materiali. 3) Riusare un vecchio giocattolo
Promozione dell’accumulo distribuito sod- luoghi di origine e prosperità dei Marchesi o altri soprammobili per preparare delle
disfatto dalla diffusione di veicoli elettrici. del Monferrato. palline per il tuo albero” .
Promozione di piani di recupero di batte- Bene proprio qui dove è passato, tra i Come si può notare, idee chiare, efficacia
rie per la mobilità giunte a fine vita utile moltissimi, anche Napoleone Bonaparte, comunicativa, capacità di aggregazione.
(potenza residua <80%) al fine di un loro opera da ormai più di un decennio un Che ritroviamo nella proposta per il primo
reimpiego per accumuli di rete. gruppo molto affiatato, legato a Pro Natura giorno di primavera, che qui riprendiamo,
Privilegiare le fonti rinnovabili Alessandria, particolarmente interessato sempre da uno dei volantini promozionali:
più appropriate agli aspetti educativi e promozionali legati Vogliamo la natura e non la spazzatura.
Graduare il sostegno alle fonti rinnovabili all’ambiente. E’ qui che è stato realizzato il Torniamo a pulire il nostro Paese: vieni
in funzione della loro produzione energeti- primo “Parco dei Frutti” (con essenze della anche tu sabato 21 marzo 2020, alle ore
ca netta e dell’impatto del loro ciclo di vita, tradizione contadina) a livello nazionale. 10 in piazza Bongiovanni a Gamalero. Noi
con approccio “Life Cycle Thinking”. E’ sempre qui che si tengono annualmente forniremo sacchi e guanti per la raccolta
Privilegiare le “Sinergie positive”, la boni- iniziative molto partecipate di “educazione differenziata dei rifiuti. Se il mondo vuoi
fica delle coperture in Eternit con coibenta- ambientale”. Fra queste, cronologicamente, salvare la spazzatura devi riciclare.
zione e solare fotovoltaico e termico. quelle portate a termine a fine anno 2019 Una buona continuazione di una attività
Porre attenzione normativa ai possibili e, in conclusione, un invito per la fine di meritoria che sta cambiando in meglio
effetti collaterali negativi, come nel caso marzo 2020. il paese (circa 2000 persone) e tutto il
2 della combustione di biomasse vegetali, Infatti, recita un volantino promozionale territorio della Bassa Val Bormida.
La farfalla no-tav fa litigare gli scienziati
Per la conservazione dei chirotteri forestali
più esigenti e minacciati occorre altro: per-
seguire gli obiettivi dell’incremento della
La polissena (Zerynthia polyxena) è una del passato, ha un valore naturalistico. … Il disponibilità di rifugi arborei (cavità arbo-
farfalla diffusa in quasi tutta Europa, an- progetto sostiene che il Lepidottero sia una ree e cortecce sollevate) e dell’incremento,
che se piuttosto rara, tanto da essere con- “specie ombrello”, la cui tutela aiuterebbe qualitativo e quantitativo, degli insetti e
siderata dall’Unione Europea come specie la conservazione di chirotteri (pipistrelli), degli altri artropodi che il bosco produce
che richiede una protezione rigorosa. Le roditori arboricoli e insetti saproxilici (cioè (fra i quali ci sono molte specie-preda dei
sue ali, la cui apertura raggiunge 5-6 cm, degli insetti che, per lo meno in uno stadio pipistrelli). Tali obiettivi si realizzano tute-
sono di colore giallo, con caratteristiche del loro ciclo vitale, dipendono dal legno di lando la flora propria del luogo, evitando
macchie nere, rosse e blu. Poiché le larve tronchi o rami marcescenti). Sta di fatto che l’asportazione del legno morto e lasciando
si nutrono di piante appartenenti al genere gli interventi in progetto consistono nell’a- invecchiare i popolamenti: misure, queste,
Aristolochia, che sono velenose, diventano pertura di radure, e come il taglio del bosco che davvero producono un effetto positivo
esse stesse tossiche se ingerite. La vistosa possa favorire animali arboricoli o che ne- più generale sulla biodiversità forestale...
colorazione delle ali sembra quindi proprio cessitano di legno è cosa difficile da com- In conclusione, la comunicazione veico-
un segnale per potenziali predatori. prendere. … Inoltre, con la realizzazione lata da TELT-Università di Torino attri-
Una delle pochissime aree in cui essa è di radure e diradamenti, soprattutto se gli buisce all’intervento di realizzazione del
presente in Piemonte si trova in val di Susa interventi interessano boschi fitti e giovani, corridoio ecologico una valenza, quella
(La Maddalena, comune di Chiomonte), si può ottenere un incremento locale della rispetto alla biodiversità, che esso non ha
proprio in un’area collegata al cantiere per presenza di pipistrelli, ma si tratta preva- e che andrebbe perseguita in altro modo”.
la linea TAV Torino-Lione. Per salvaguarda- lentemente di esemplari di specie comuni. p.b.
re il raro Lepidottero, la TELT (la società
italo-francese responsabile della realizza-
zione della sezione transfrontaliera della
linea ferroviaria) ha commissionato ad un
Recensioni
folto gruppo di ricerca, coordinato dall’U-
niversità di Torino, uno studio in grado di Daniel Tarozzi bito e di credito, nata nel 2009 dall’idea di
proporre valide soluzioni. In sintesi, il pro- Una moneta chiamata fiducia 5 giovani imprenditori sardi per aiutare le
getto elaborato dai ricercatori prevede la aziende in difficoltà: sembrava un’utopia
compensazione degli habitat che andranno edizioni Chiarelettere, Milano, 2019 ma ha funzionato e si sta ancora diffonden-
perduti con la realizzazione dell’infrastrut- pag. 182, euro 17,00 do, con sedi e uffici non solo in Sardegna,
tura con la creazione di condizioni idonee dove vi sono 4000 imprese coinvolte, ma
alla vita dell’insetto in aree attualmente per A tutti sarà capitato di domandarsi se quello anche in altre 12 Regioni italiane, tra cui
lei inospitali. In questo modo, inoltre, si attuale sia l’unico modello economico pos- il Piemonte, e nel mondo. Si tratta di una
potrebbero mettere a contatto aree e popo- sibile: basato sull’aumento costante della moneta virtuale, diversa da altre perchè
lazioni della polissena attualmente isolate, produzione (di materie prime, di merci, di non si presta a speculazioni, che all’occor-
facilitando gli spostamenti degli individui case, di strutture) in un mondo con riser- renza può essere trasformata in euro, così
e quindi migliorandone le condizioni di so- ve invece non illimitate. Questo libro è in come in euro si pagano le tasse. Si tratta di
pravvivenza. Se sull’idea sono tutti d’ac- grado di dare una risposta, e di infondere un sistema che può essere esportato ovun-
cordo, sulle modalità di raggiungimento ottimismo. L’autore, Daniel Tarozzi, è un que, con il vantaggio che non permette di
dell’obiettivo i parerei sono però discordan- giornalista cofondatore di “Italia che cam- accumulare riserve di valore, che devono
ti. Lo studio citato prevede infatti la realiz- bia”, associazione di promozione sociale e invece essere spese a beneficio della rete
zazione di una decina di radure nel bosco, testata giornalistica. locale, e che porta a spendere per servizi o
di estensione intorno a 500 metri quadrati, A proposito della crescita e dei mercati fi- esperienze più che per oggetti materiali. “Ti
distanti una ventina di metri l’una dall’altra, nanziari, viene citato a proposito un celebre do perchè tu possa dare agli altri”: aumenta
in cui impiantare artificialmente esemplari discorso di Bob Kennedy del 1968, dove così il senso di comunità. Oltre alla passio-
di Aristolochia. Tale strategia viene però aveva sottolineato come il PIL crescesse an- ne e all’entusiasmo, si è anche creata una
messa in discussione da Elena Patriarca, che con l’aumentare di armi e inquinamen- necessaria e precisa regolamentazione del
della Stazione Teriologica Piemontese, se- to, e aveva concluso affermando che era un sistema, un supporto garantito alle imprese,
condo la quale “lungo la Dora Riparia, indicatore in grado di misurare tutto tranne fino alla creazione di prodotti finanziari con
asse fluviale della Valle di Susa, sono pre- “ciò che rende la vita veramente degna di obiettivi specifici, sempre comunque rivolti
senti aree degradate, aperte o semiaperte essere vissuta”. Per arrivare poi alla de- all’economia di prossimità. Dietro Sardex
e caratterizzate dalla dominanza di specie crescita di Papa Francesco, con l’enciclica non ci sono solo i fondatori ma decine di
vegetali alloctone. Con interventi gestiona- “Laudato sì” del 2015. persone che lavorano, e sono retribuiti per
li volti al recupero della naturalità, in esse Il libro si divide in due parti: la prima farlo, per far funzionare il circuito. C’è una
sarebbe possibile incrementare il valore “Un’altra economia è possibile” racconta la piattaforma web molto complessa e in con-
ambientale per la polissena senza rischiare storia, molto interessante, delle esperienze tinuo aggiornamento. Sembra che funzioni,
di interferire negativamente su altre specie, di finanza etica nelle varie regioni d’Italia; a distanza di 10 anni, anche se gli ideatori
anzi, producendo effetti positivi più gene- la seconda “Un nuovo capitale umano. L’e- del Sardex non erano esperti di economia,
rali sulla biocenosi. Al contrario, le aree sperienza vincente di Sardex” spiega più nel e in ogni caso questo libro, che si legge con
prescelte dallo studio dell’Università sono dettaglio in che cosa consiste questa moneta partecipazione, racconta in modo circostan-
occupate da vegetazione forestale che, per basata sulla fiducia. Il Sardex è una sorta di ziato come dall’utopia possano nascere pro-
quanto segnata dagli interventi antropici moneta locale, o meglio un circuito di de- getti molto concreti. (m.m.)

Cinque per mille a Pro Natura: Brucio anch’io


nessun onere per il contribuente La mostra “Brucio anch’io”, che è già stata
presentata in varie zone del Piemonte, sarà
Con la denuncia dei redditi, gli italiani potranno scegliere di devolvere il 5 per mille inaugurata giovedì 7 maggio, alle ore 20,45
dell’imposta alle organizzazioni non profit. Compilando la denuncia dei redditi, si dovrà alla Cascina Roccafranca, in via Edoardo
indicare il codice fiscale dell’ente che si intende sostenere. Indichiamo le Associazioni Rubino 45, Torino.
aderenti a Pro Natura Piemonte che possono ricevere il 5 per mille. Il periodo di apertura si protrarrà sino al 22
Burchvif (Borgolavezzaro): 01330150036 maggio e si spera in una numerosa presenza
L’Arca del Re Cit: 94023380010 degli allievi dei vari ordini scolastici.
Pro Natura Cuneo: 96025270040 La mostra, relativa ai gravi incendi boschi-
Pro Natura Novara: 00439000035 vi, è frutto della sensibilità della naturalista
Pro Natura Torino: 80090150014 Federica Caprioglio e del biologo Marco
Demaria, entrambi illustratori, che hanno
Raccomandiamo di scrivere solo il numero di codice fiscale e di firmare nell’apposito ideato e realizzato il progetto coinvolgendo
spazio. Il 5 per mille verrà detratto dalla tassa pagata, come già avviene per l’8 per gli allievi del corso di disegno di Cristina
mille. Chiedete anche ai vostri parenti e amici di sostenere Pro Natura. Girard, chiedendo loro di fermare in imma-
gini gli istanti di quei drammatici eventi. 3
Il Parco Minipo spazzato via dal Torrente Orba
rente Orba nei Comuni di Casal Cermelli e
Frugarolo). A fronte di tale richiesta, è per-
venuto un diniego da parte degli Uffici re-
Sin dal gennaio 2019, si è costituito il Co- Da quanto risultava al Comitato, la Regio- gionali competenti che hanno contestato la
mitato “Torrente Orba”, formato da privati ne, nel considerare questa parte di territo- ricostruzione dei fatti e le criticità segnalate
cittadini di Casal Cermelli e Frugarolo, per rio, non solo aveva recepito e inserito nelle dal Comitato supportato dai suoi Tecnici.
la tutela del territorio e della salute, all’in- nuove fasce del Piano di Assetto Idrogeo- L’Amministrazione di Frugarolo, ha de-
domani della presentazione dell’istanza di logico le modificazioni poste in essere dal ciso di predisporre delle osservazioni da
VIA (Valutazione di Impatto Ambientale) Comune di Casal Cermelli, ma aveva esteso presentare, in seguito, al procedimento di
del Progetto “Filippa 2”: l’ennesima disca- questo nuovo assetto anche all’adiacente e VIA, relativo all’approvazione del progetto
rica prevista per colmare i vuoti lasciati, in confinante territorio ubicato nel Comune di di discarica; queste osservazioni sono state
passato, dall’attività di estrazione di ghiaia Frugarolo, sulla sponda del Torrente Orba, anticipate nel maggio 2019 nel corso di un
in alcune cave, in zona vicina al Torrente eliminando, a valle del ponte di Casal Cer- consiglio comunale, aperto al pubblico, a
Orba, tra i comuni di Casal Cermelli e Fru- melli, la previsione di fascia B di progetto. mezzo delle relazioni di Tecnici incarica-
garolo, in provincia di Alessandria. E’ da considerare inspiegabile il fatto che i ti che hanno esposto gli esiti di verifiche
In una nota pubblica resa agli Enti com- suddetti Comuni non avessero presentato, tecniche preliminari inerenti, oltre all’i-
petenti, a titolo di preventiva segnalazio- come consentito dalla procedura, osserva- nidoneità del sito per vincoli urbanistici
ne delle criticità del progetto, il Comitato zioni al Piano, ma si siano disinteressati esistenti, alle rilevanti criticità idrauliche
aveva comunicato: della situazione. della zona compresa tra il Torrente Orba e
1) A seguito dell’approvazione della va- 3) In data 20 dicembre 2018 la società “La la Roggia Acquanera.
riante al Piano Regolatore del Comune di Filippa 2.0”, con sede in Genova, ha presen-
Casal Cermelli (AL), avvenuta in data 8 tato alla Provincia di Alessandria il “Nuovo Osservazioni di Associazioni e cittadini.
maggio 2015, la zona al confine con il Co- progetto di sistemazione complessiva di Successivamente, alla ripresa dell’iter di
mune di Frugarolo (AL), in località Casci- aree di cava e di discarica e loro predispo- VIA nel frattempo sospeso dal Proponen-
na Pitocca, era stata immotivatamente de- sizione (attraverso discarica di soli rifiuti te, sono state presentate numerose osser-
classata, in termini di pericolosità alluvio- non pericolosi a servizio dell’economia vazioni contrarie all’impianto da parte di
nale, da classe III a classe II, benché non sia circolare) per il riutilizzo a fini turistico privati cittadini, residenti, altri comitati e
intervenuta alcuna modifica strutturale del ricreativi”, da ubicarsi in località Pitocca gruppi ambientalisti quali Legambiente
territorio. Tale zona è notoriamente inon- nei Comuni di Casal Cermelli e Frugarolo (che fin da subito ha supportato il Comi-
dabile dalle acque del Torrente Orba e, in (AL), caso strano, sugli stessi mappali og- tato) e Pro Natura, nonché da parte del Co-
misura minore, da quelle provenienti dalla getto di variante al Piano Regolatore. mitato “Torrente Orba”. Non sono mancate
Roggia Acquanera (Rio dell’Acqua) e era Si trattava di una discarica di rifiuti avente anche osservazioni a favore del progetto,
stata interessata da almeno tre gravissime capacità di oltre 1.000.000 di metri cubi, su inspiegabilmente provenienti da esponen-
alluvioni: nel 1977, nel 1987 e nel 2014. circa 330.000 metri quadrati, a circa 300 ti locali di partiti di ispirazione ecologista
Nei primi due casi si erano verificati gravi metri di distanza dal Torrente Orba e a circa e da esponenti della Ficlu (Club Unesco).
danni agli edifici (alcuni dei quali sono stati 80 metri dal Rio dell’Acqua in zona attual- Questi ultimi, anziché attivarsi per tutelare
ricostruiti ex novo) ed alle aziende agricole. mente inondabile. l’ambiente e il patrimonio culturale e archi-
Varie osservazioni erano state presentate al Il parco denominato “Minipo”, che si vole- tettonico locale (Cascina Torre è infatti sot-
Comune di Casal Cermelli, nell’anno 2013, va creare sulla discarica, è un vero “spec- toposta a vincolo della Soprintendenza alle
durante il procedimento amministrativo chietto per le allodole” la cui previsione Belle Arti), hanno pensato di appoggiare il
che ha condotto alla variante, ma non sono serviva solo a consentire un innalzamento progetto. Gli organismi da loro rappresen-
state accolte. del livello della discarica fino a 8 metri dal tati hanno poi specificato che sono interve-
Le alluvioni e le esondazioni erano state piano di campagna; tale progetto non tene- nuti a titolo personale…
causate, non dalla rottura degli argini in lo- va conto delle limitazioni urbanistiche vi-
calità Cascina Pitocca, ma da quelli posti a genti, né delle varie condizioni di esclusio- L’inchiesta pubblica.
monte: nei Comuni di Fresonara, Predosa ne del sito, viste le peculiarità del territorio. Le osservazioni presentate in Provincia
e Bosco Marengo (in località Cascina San 4) In data 8 gennaio 2019 le Associazioni sono confluite nell’ambito della procedura
Michele), che continuano a presentare gra- ambientaliste e i vari Comitati della zona di Inchiesta Pubblica, chiesta da Legam-
vi elementi di pericolosità. (già interessata da un numero spropositato biente, Pro Natura e da altre Associazioni e
Tale declassamento, inoltre, era stato fatto di discariche autorizzate negli anni passati) Comitati, concessa dalla Provincia di Ales-
sulla base di relazioni tecniche, commis- hanno diffuso un comunicato-stampa in ar- sandria, le cui audizioni erano state fissate
sionate dal Comune di Casal Cermelli, che gomento e si sono fatti portavoce delle pre- il 29 novembre 2019. La riunione non si è
contenevano elementi e rilievi non condivi- occupazioni della popolazione locale. mai tenuta in quanto il giorno precedente,
sibili nè completi, in quanto non tenevano 5) In data 14 gennaio 2019 la società pro- con motivazioni del tutto avulse dalla real-
conto delle condizioni di dissesto nascenti ponente “La Filippa” ha comunicato che tà, il Proponente ha ritirato il progetto.
al di fuori del territorio comunale. avrebbe chiesto la sospensione del proce- Tra le surreali motivazioni non si riportava,
Il Comune di Frugarolo, i cui territori sono dimento e atteso ad avviare la procedura di infatti, la circostanza che tra il 22 e 23 ot-
confinanti con quelli suindicati, aveva VIA per meglio spiegare e comunicare le tobre, nonché tra il 23 e 24 novembre due
mantenuto la classe di rischio preesistente, proprie intenzioni. violentissime alluvioni hanno pesantemen-
e relativa normativa, per cui si era creata 6) La discarica sarebbe stata ubicata su una te colpito il sud alessandrino e pure le va-
un’evidente e insensata disomogeneità ur- importante ed unica falda idrica cui attingo- sche di cava che avrebbero dovuto ospitare
banistica del territorio. no numerosi pozzi agricoli ed idropotabili, l’impianto e che sono state ripetutamente
In sostanza: sebbene non siano state esegui- ricadente in una zona ad elevata permeabi- inondate, allagate ed erose dalla piena con-
te opere di messa in sicurezza e non si siano lità, come riconosciuto dalla pianificazione giunta delle acque del Torrente Orba e della
verificate mutazioni sostanziali del territo- idrogeologica regionale. Roggia Acquanera. Lo scenario di piena ed
rio e/o nuove opere di difesa, le alluvioni esondazione alluvionale si è svolto come
si sono ripetute e verificate con cadenza Il Comitato ha, nel frattempo, reso edot- ampiamente previsto dai Tecnici del Comi-
almeno decennale e nonostante persistesse ti i cittadini, a mezzo di assemblee pub- tato e del Comune di Frugarolo, negli studi
grave pericolo di alluvioni il Comune di bliche, della grave situazione di pericolo precedentemente resi pubblici e presentati
Casal Cermelli aveva inspiegabilmente ri- e di emergenza che si era venuta a creare nella fase delle osservazioni. Dopo di che è
tenuto di diminuire la classe di pericolosità per i motivi sopra specificati, che aveva calato il sipario sul progetto Minipo.
declassandola da tre a due. destato molte preoccupazioni. Ha, inoltre, Comitato “Torrente Orba
2) A seguito dell’evento del 2014, che tra chiesto di potere partecipare, come sogget-
l’altro ha visto la consueta dinamica di al- to avente personalità giuridica, ai sensi de-
lagamento dell’Orba, che ha oltrepassato gli art. 7 e seguenti della Legge 241/1990 Non buttate nei rifiuti
la Strada Provinciale da Casal Cermelli a e successive modifiche al procedimento l’involucro di
Frugarolo, come da testimonianze dei resi- amministrativo relativo alla variante del
denti, nell’anno 2016 l’Autorità di bacino e Piano di Assetto Idrogeologico, motivando “Obiettivo ambiente”
la Regione Piemonte avevano iniziato l’iter la sua richiesta sulla base delle citate e di ma mettetelo nella
finalizzato alla predisposizione di un nuovo altre osservazioni (che si è riservato di pre-
Piano di Assetto Idrogeologico con revisio- sentare), per quanto atteneva alla parte di plastica riciclabile
4 ne delle fasce di esondabilità. interesse del medesimo (zona fluviale Tor-
Ambornetti: una borgata di Ostana che rinasce
parte delle acque prima che vengano resti-
tuite all’ambiente e tratterà in loco tutti i ri-
fiuti prodotti. Ancora: una totale autonomia
Dopo la variante al piano regolatore di ti erano circa 1300. Recentemente è stato a livello di approvvigionamento energetico
Ostana (CN), è stato pubblicato online il pubblicato online il progetto preliminare e si pone l’obiettivo, a regime, di generare
progetto per la realizzazione del restauro per la rinascita dell’intera borgata Ambor- una produzione annua da fonti rinnovabili
della borgata Ambornetti, abbandonata da netti, situata alla quota di 1500 metri. (soprattutto massimizzando l’energia sola-
circa 70 anni, le cui case sono quasi del tut- L’imprenditore interessato al ricupero della re) superiore al reale fabbisogno di energia
to diroccate. Si prevede l’ospitalità turistica borgata, capofila di questo ambizioso pro- elettrica della struttura. La produzione in
e anche spazi dedicati al lavoro, agricoltu- getto, opera nel settore tecnologia e ricerca. eccesso sarà accumulata con un sistema
ra, residenzialità. L’obiettivo contrastare lo Il suo obiettivo non è solo quello di realiz- misto idrogeno-batterie utilizzabile al mo-
spopolamento della montagna, con partico- zare una struttura per l’ospitalità turistica: mento del bisogno. Si progetta con tecno-
lare attenzione alla sostenibilità. Si prevede si punta infatti a ristabilire un insediamento logie esclusive e impiego di energie rinno-
di creare di una ventina di posti di lavoro. permanente “unendo il valore della ricerca vabili, che prevedono l’utilizzo di materiali
All’inizio del 2018 era avvenuto l’acqui- scientifica alla qualità architettonica”. locali. La volontà è anche quella di creare
sto, da parte di un imprenditore, saluzzese Il progetto si pone l’obiettivo di “cambiare posti di lavoro (una ventina) e sostenere la
d’origine, di una dozzina di baite diroccate, il trend di spopolamento della montagna, filiera artigianale, riattivando percorsi di
messe all’asta dall’Amministrazione co- nel corso del processo che ha allontanato sviluppo locale che reinterpretano le atti-
munale, guidata da Giacomo Lombardo, sempre più dalle zone montane per scende- vità più tradizionali in chiave contempora-
sindaco sino al maggio 2019. Attualmente re verso valle”. In che modo? “Inserendosi nea per dar vita ad un processo di rinascita
sindaco è Silvia Rovere, ma Lombardo, che idealmente in quella corrente contempora- di questi luoghi. Il progetto “Ambornetti
per legge non poteva fare altri mandati da nea, che supera le latitudini, in cui si rico- Monviso Retreat”, come spiegano i respon-
sindaco, fa parte della Giunta, quindi l’Am- nosce chi vuole mettere il proprio impegno sabili, sorgerà nel territorio di un comune
ministrazione opera in continuità con quan- civile e professionale nella riscoperta dei considerato un laboratorio del nuovo abita-
to fatto negli ultimi 15 anni. luoghi montani”. re alpino. Anche per la mobilità si prevede
Sotto la guida di Lombardo Ostana ha ot- L’imprenditore che intende realizzare il l’istituzione di una navetta che colleghi “a
tenuto finanziamenti europei per restaurare progetto collabora un gruppo di professio- chiamata” il capoluogo alla borgata.
molti edifici e costruire strutture per l’o- nisti, supportati da un polo d’eccellenza
spitalità e per eventi culturali. Attualmente come il Politecnico di Torino, che ha forni-
Ostana può fregiarsi del riconoscimento di to appoggio sia in campo scientifico che in
uno dei borghi più belli d’Italia e grazie alle campo progettuale.
iniziative attuate dalla Amministrazione Si ragiona su “un’idea di sostenibilità a tut-
comunale il numero di abitanti, che si era
ridotto a 5, è salito a 81 con una tendenza
to tondo: economica, sociale e ambienta-
le”. Alcuni esempi: grazie all’applicazione
Ancora sulle Olimpiadi
alla crescita. All’inizio del 1900 gli abitan- di tecnologie esclusive si riutilizzerà gran dello sci del 2006
“La Stampa” di metà febbraio 2020 è uscita
Pillole di alimentazione con un titolo apparentemente sorprendente:
“Torino 2006, la Corte dei Conti indaga
sulle strutture abbandonate a se stesse”.
La rivincita del latte intero rivati nella nostra alimentazione, ma ci pos- Dopo l’ammucchiata di dichiarazioni e di
articoli in favore della proposta di ripetere
sono stare. Come tutti i prodotti di origine
Non mi è mai successo di vedere un sog- animale hanno un costo ambientale mag- le Olimpiadi dello sci nel 2026, questo ci
getto obeso o in sovrappeso, che quindi giore (in termini di uso del suolo, emissio- ha riportato finalmente alla realtà. Due anni
facilmente ha già tentato alcune strade per ne di gas serra, consumo di acqua e di ener- fa avevamo sentito che quella di rifare le
perdere peso, che non usasse dolcificanti gia) rispetto a quelli di origine vegetale: per Olimpiadi nel 2026 era una occasione da
e latte scremato, oltre a tentare con scarso questo motivo, ed anche per qualità e quan- non perdere perché nel 2006 si erano con-
successo di bere 2,5 litri d’acqua al gior- tità dei grassi contenuti (che favoriscono cluse con un bilancio economico positivo,
no. Uno schema duro a morire, spesso au- la sintesi di colesterolo nel nostro corpo), lasciando impianti che rappresentavano un
tosomministrato, la cui efficacia è tutta da sono da usare con moderazione. rilancio e che avrebbero potuto essere riu-
verificare. Ormai ci sono in commercio molte bevande tilizzati.
Che usare i dolcificanti al posto dello zuc- di origine vegetale, per chi è vegano oppu- In realtà le Olimpiadi di Torino erano co-
chero non servisse a dimagrire, e più in ge- re intollerante al lattosio, che contengono state 4,1 miliardi di dollari, le più care del-
nerale non fosse utile per la salute, è stato di regola meno grassi e zuccheri, salvo che la storia tra le olimpiadi invernali, quasi il
infatti più volte ipotizzato ed oggetto di stu- non siano aggiunti (possono essere aggiunti doppio di quelle di Vancouver che sono al
di. Incredibile, ma alla fine del 2019 è stata zuccheri oppure oli vegetali, leggere sem- secondo posto, come dimostra uno studio
anche pubblicata sulla rivista ufficiale degli pre l’etichetta!) ma non hanno vitamina dell’università di Oxford, pubblicato da “La
specialisti americani di Scienza dell’A- B12: ne basta poca ma è presente solo nei Stampa” il 16 dicembre 2014. Soldi che per
limentazione una revisione dei numerosi prodotti di origine animale. 1,5 miliardi di euro si sono volatilizzati in
studi dove si fosse anche considerata la re- Come valutare le considerazioni dello stu- spese improduttive secondo un conto detta-
lazione tra sovrappeso e consumo di latte dio canadese? Di sicuro l’uso di latte par- gliato che avevamo dato noi su “Obiettivo
intero nei bambini, con la quale è emerso zialmente scremato non è associato alla di- Ambiente” di marzo del 2009.
che per controllare il peso non è meglio il minuzione del peso: in più della metà degli Ora la Corte dei Conti apre una indagine
latte scremato, anzi. studi analizzati si è visto che il consumo di su 850 milioni di impianti demoliti o da
La prima cosa che viene da pensare è che latte intero è addirittura associato ad una demolire o comunque ormai inutilizzabili:
usa il latte scremato chi è in sovrappeso ed minore prevalenza di sovrappeso e obesità. ma c’è da aggiungere l’immenso debito del
ha avuto che fare con raccomandazioni sul- Si è provato a spiegare con varie eventua- comune di Torino che di colpo si è trasfor-
la dieta, mentre chi usa il latte intero vive lità: il latte intero indurrebbe un maggior mata nella città più indebitata d’Italia, ha
tranquillo, si muove abbastanza e mangia senso di sazietà, così che se ne consuma di dovuto tagliare radicalmente dipendenti e
di tutto. Certo, il latte vaccino è un alimen- meno, e all’opposto l’uso di latte scremato servizi, e vendere il territorio per far co-
to: nelle nostre abitudini usato soprattutto a si assocerebbe ad un maggior consumo sia struire grattacieli.
colazione, oppure a merenda, oppure come di latte che di bibite zuccherate; poi, come Ma non basta ancora. La Corte dei Conti
ingrediente nei pasti. Un bicchiere di latte abbiamo accennato sopra, il latte screma- si chiede perché questo patrimonio di im-
intero fornisce circa 100 Calorie (come un to fa già quasi sempre parte delle abitudini pianti ed edifici sia stato lasciato marcire.
cucchiaio d’olio), ripartite tra grassi, pro- di una famiglia con genitori in sovrappeso, La spiegazione è semplice: perché non ave-
teine e lattosio, quindi non è come acqua che è un possibile fattore confondente. Ser- vano comunque un utilizzo e la cosa più
fresca, da bere in qualunque momento della viranno ulteriori studi, ma probabilmente il economica era farne nulla.
giornata. Un bicchiere di latte parzialmente latte scremato o parzialmente scremato in Non ci voleva un mago a prevederlo: nel-
scremato fornisce circa un terzo delle calo- futuro non sarà più tra le prime raccoman- la lunga serie di incontri con i responsabili
rie in meno, la stessa proporzione di protei- dazioni per perdere peso. del Comitato Organizzatore, noi avevamo
ne e di lattosio, meno della metà dei grassi. Margherita Meneghin portato montagne di carta per dimostrarlo
Non è obbligatorio comprendere latte e de- medico specialista in Scienza dell’Alimentazione e glielo avevamo detto. 5
Passeggiate sui sentieri collinari
Sabato 16 maggio: “Tra Collina e Po”.
Camminata con i bastoncini proposta da
Walking Center Piemonte, con un istrut-
Anche per l’anno 2020 il Coordinamento Venerdì 1 maggio: “Cammino DiVino”. tore/guida escursionistica ambientale, in
sentieri della Collina torinese ha predi- Camminare Lentamente, in collaborazio- un tratto dell’Anello Verde: Reaglie, Parco
sposto un ricco calendario di passeggiate ne con la Pro Loco di Buttigliera d’Asti, Ottolenghi, Pian Gambino, Basilica di Su-
organizzate dalle varie Associazioni che ne propone, in occasione de “Le Contrade del perga, Valle di Costa Parigi, Parco del Mei-
fanno parte. Copie del’opuscolo, stampate Freisa”, una passeggiata di 7 km con visita sino, Madonna del Pilone. Sviluppo totale
in forma economica ma chiara, sono dispo- alla chiesa di San Grato a Bausone e pos- km 17. Pranzo al sacco a Superga. Ritro-
nibili presso la sede di Pro Natura Torino sibilità di merenda sinoira finale presso lo vo ore 9,30, fermata bus linea 30 piazzale
(capofila del Coordinamento) e presso le stand della Pro Loco. Ritrovo a Buttigliera Marco Aurelio angolo via Boccaccio. Con-
varie Associazioni. Lo stesso programma è d’Asti presso il Comune, piazza Vittorio tributo: 5 euro, munirsi di biglietto per bus
consultabile sul sito di Pro Natura Torino Veneto 3 e partenza alle 14,30. Quota di urbano. Gratuità fino ad anni 12. L’uscita
(torino.pro-natura.it) e sui siti di varie As- partecipazione da definire (gratis fino a 18 verrà effettuata con un numero minimo di
sociazioni componenti il Coordinamento. anni). Informazioni ed iscrizioni (entro il cinque partecipanti ed annullata in caso di
Dal 17 al 19 aprile: “Cammino del Roma- 29 aprile): 349.7210715, 380.6835571. pioggia. Informazioni entro le 13 di venerdì
nico”, un percorso di più giorni su strade Domenica 10 maggio 2020: “Tra colline, 15 maggio: tel. 392.4258175.
minori e sentieri proposto dall’associazio- chiese e antiche ville”. Lungo anello con Sabato 16 maggio: “San Bernardino di
ne di Castelnuovo Don Bosco. notevole varietà di paesaggi e panorami. Trana, Giardino Botanico Rea, con Pro Na-
Si partirà il venerdì mattina da Andezeno. Ritrovo in piazza Ceriana di San Genesio tura Torino. Vedere riquadro nella pagina
Dopo aver visitato le pievi di San Giorgio, ore 9,15; al termine dell’escursione verso Da venerdì 15 a domenica 17 maggio:
di Santa Maria dei Morti a Marentino e di le 16 possibilità di consumare merenda si- “Percorso Superga-Crea”. Itinerario di 3
San Lorenzo a Mombello si ammireran- noira in occasione della festa patronale or- giorni e circa 70 km dalla Basilica di Su-
no le chiese romaniche di Castelnuovo, ganizzata dalla Società Cattolica Agricolo- perga al Sacro Monte di Crea. Contributo
Sant’Eusebio e Santa Maria di Cornareto, Operaia. Prenotazioni: Silvio 349.8092209, di partecipazione: 6 euro per i soci CAI, 33
in posizione panoramica per raggiungere Gianmaria Capello 331.6040886. per i non soci (per l’assicurazione). La de-
l’Abbazia di Vezzolano e la chiesa di San Domenica 10 maggio: “Camminata alla scrizione del percorso, il costo dei pernot-
Pietro ad Albugnano, dove si cenerà e per- cascata del Rio Crivella, Val Garavaglia, tamenti e di eventuale bus di appoggio sa-
notterà. Cordova, la Madonnina”. Il gruppo Amici ranno specificati su programma dettagliato.
Sabato partenza da Albugnano per raggiun- Ambiente Baldissero organizza un percor- Informazioni e prenotazione obbligatoria
gere Aramengo e visitare la chiesa di San so ad anello tra Baldissero e Castiglione (entro mercoledì 29 aprile): CAI Moncalie-
Giorgio, poi Tonengo, con la chiesa di San Torinese, alla scoperta di una delle rare ri 331.3492048, il lunedì dalle 18 alle 19, il
Michele, e arrivo nel pomeriggio all’abba- cascate naturali della zona. Ritrovo ore 9 mercoledì dalle 21 alle 23.
zia di Santa Fede di Cavagnolo e a Brozolo. strada provinciale 117 per Cordova, a 100 Domenica 17 maggio: “A piedi o in bici-
Pernottamento. metri dal bivio per strada della Rezza. Du- cletta da Mombello di Torino al museo del
Domenica 19 aprile trasferimento in auto a rata della gita 6 ore. Il ritorno é previsto alle Paesaggio Sonoro di Riva presso Chieri”
Montiglio; in cammino dalla pieve di San ore 16 circa. Informazioni e prenotazioni: proposta delle Associazioni “Animamon-
Lorenzo per raggiungere Piovà Massaia e Mario 335.6064800. do”, “CioCheVale” e dal comune di Mom-
Casaglio, frazione di Cerreto d’Asti, con la Domenica 10 maggio: “Alla scoperta del- bello di Torino, in collaborazione con la
chiesa romanica di Sant’Andrea, Gallereto le colline di Castiglione” a cura di Società rivista di promozione del territorio “Pic-
e Piea; termine del trekking a Cortazzone Operaia di Mutuo Soccorso di Castiglione, chioverde”. Ritrovo alle 9,45 a Mombello
(pieve romanica di San Secondo). Una na- Associazione Agrimercato di Torino e Col- di Torino, piazza Mazzini; ore 12,30 circa,
vetta riporterà i partecipanti ad Andezeno. diretti di Castiglione Torinese. Sesta cam- pranzo nei prati antistanti il santuario del-
Per info e iscrizioni (entro il 30 marzo, con minata enogastronomica: ritrovo alle 14,30 la Madonna della Fontana di Riva presso
acconto di 80 euro): nella piazzetta antistante la chiesa di S. Chieri, con visita alla Chiesa (picnic orga-
349.7210715, 380.6835571 Rocco di Castiglione Torinese. Percorso di nizzato dall’associazione “Animamondo”).
Quota di partecipazione: 150 euro non soci, circa 6 km su carrarecce e sentieri boschi- Ore 14: visita al civico museo del Paesag-
140 euro soci. Comprensiva di: accompa- vi (scarpe adeguate). Al termine del primo gio Sonoro di Riva presso Chieri; ore 16 vi-
gnamento, assicurazione, tessera “Cam- percorso merenda con i prodotti “km 0”. sita alla casa natia di san Domenico Savio,
minare lentamente” e tessera “Basic sport Ritorno e distribuzione di fragolata a tutti nella frazione di San Giovanni. Alle 18,30
Endas”, cene e pernotto venerdì e sabato i partecipanti. Costo: euro 7 (a offerta per i circa rientro a Mombello, dove chi lo desi-
sera, colazione sabato e domenica, rientro bambini sino a 10 anni). dera potrà concludere la giornata con un’A-
con navetta ad Andezeno. Prenotazioni al 340.5274984 (Valerio). pericena in piazza (costo 5 euro, gratis per
i bambini fino a 10 anni). La partecipazio-
QUATTRO PASSI ne, comprensiva di copertura assicurativa,
Sabato 16 maggio: San Bernardino di Trana, Giardino Botanico Rea è gratuita. Prenotazione entro giovedì 14
Ritrovo alle ore 14 in corso Stati Uniti angolo corso Re Umberto al capolinea del bus maggio al 328.0183882; 333.8881858.
blu GTT per Giaveno, meglio già con biglietto andata e ritorno (6 euro). Visita del Sabato 23 maggio: “Camminando tra pi-
Giardino Botanico, nato nel 1961. selli e chiese”. L’ASD Pro Casalborgone,
Contributo di partecipazione 3 euro + 5 euro comprensivi dell’entrata al Giardino, della visita con il patrocinio del comune di Casalbor-
guidata e dell’assicurazione contro infortuni. Prenotazione telefonica obbligatoria entro giovedì gone e in collaborazione con la Pro Loco
14 maggio allo 011.5096618 dalle ore 14 alle 19. di Casalborgone, organizza una camminata
alla scoperta di chiese nel territorio loca-
Domenica 24 maggio: Anello Verde, tratto collinare, seconda parte le. Percorso di 11 km; sosta con pranzo al
Ritrovo alle 8,45 alla fermata di Reaglie del bus 30 (linea Torino-Chieri). Partenza alle sacco presso la chiesa di Sant’Andrea. Ri-
9,15 per strada Forni e Goffi, strada d’j Arsete, col d’Arsete, Eremo, Faro della Vitto- trovo in piazza Bruna 14 a Casalborgone di
ria. Discesa per il percorso dei parchi su corso Moncalieri (parco Leopardi). Durata fronte al Comune alle ore 10. Prenotazioni
cammino: 6 ore. entro il 18 maggio: Mauro 342.3536555,
Contributo di partecipazione 3 euro, comprensivo di assicurazione infortuni. Munirsi di biglietto Deborah 348.9180574. Iscrizione alla par-
bus GTT. Prenotazione obbligatoria entro giovedì 21 maggio: 011.5096618 dalle ore 14 alle 19. tenza: 13 euro, assicurazione e brindisi di
fine camminata con vino e stuzzichini.
Sabato 23 maggio: “Pulizia dei sentieri
APPUNTAMENTO di Moncalieri”. Il CAI di Moncalieri pro-
Sabato 18 aprile 2020, alle ore 16, nella Sala “Biblioteca” dell’Educatorio della pone la pulizia dei sentieri della collina
Provvidenza, corso Trento 13, Torino (zona pedonale Crocetta - Politecnico) Claudio moncalierese. Per informazioni su orario e
Bosticco presenterà immagini a colori sul tema: modalità organizzative rivolgersi alla sede
del CAI di Moncalieri (entro il mercoledì
Benin e Togo precedente): 331.3492048, il lunedì dalle
affacciati nel Golfo di Guinea, uniti in un indimenticabile itinerario, un’immersione 18 alle 19, il mercoledì dalle 21 alle 23.
totale in un’Africa sconosciuta ma vera, infinitamente ricca di tradizioni e colori. Domenica 24 maggio: “Anello Verde, trat-
Soci, familiari e amici sono cordialmente invitati. to collinare, seconda parte” con Pro Natura
6 Torino. Vedere riquadro nella pagina.
Coronavirus 1 Quando l’emergenza sarà finita e torne-
remo a quel clima misero e puerile della
Una società di questo tipo saprà garantire
anche le proprie “difese immunitarie” con-
In un articolo di Bassiano Moro pubblica-
politica italiana di ogni giorno, proviamo tro i pericoli, interni ed esterni, che posso-
to su Azione Nonviolenta.it (01/03/2020)
a ricordare i giorni in cui abbiamo capito no minacciarla, sviluppando l’uso corretto
viene scritto che la diffusione di epidemie
cosa sia davvero importante. Di quanto sia del potere da parte di ciascuno, le capacità
generate da virus di origine animale sono
fragile la vita e quanto per essa siano im- di autogoverno e di resilienza, nonché for-
anche frutto della violenza degli alleva-
portanti cose che diamo per scontate e trat- me organizzate di difesa popolare nonvio-
menti intensivi di maiali, mucche, galline,
tiamo quasi con fastidio. Per una volta, una lenta che i movimenti per la pace da tempo
ecc… allevamenti che tra l’altro producono
volta almeno, proviamo a non dimenticare. propongono.
un notevole danno ambientale al territorio.
Emilio Mola Angela Dogliotti
Le stesse argomentazioni si ritrovano in
un articolo di Mario Tozzi (“La Stampa”
04/03/2020) che titola “Deforestazione e Coronavirus 3 Portaerei nel mondo
allevamenti intensivi: I danni all’ambiente All’emergenza climatica e a quella di mi- Sono poche le nazioni che possiedono por-
fanno esplodere i virus”. lioni di rifugiati in fuga dalle devastazioni taerei in attività, ma in questa classifica non
La risposta nonviolenta ce la suggerisce prodotte dalle guerre e dagli effetti del ri- siamo all’ultimo posto … bensì al secondo
l’articolo di Bassiano Moro in cui occorre scaldamento globale si è aggiunta in questi posto
ripensare eticamente il rapporto umano con ultimi mesi quella sanitaria della pandemia Cina: 1 portaerei in attività; 2 in costruzione
gli animali e l’ambiente in cui viviamo. da COVID19. Francia: 1 portaerei in attività
Come una goccia che fa traboccare il vaso, India: 1 portaerei in attività
quest’ultima ha messo in evidenza tutte le Italia: 2 portaerei in attività
Coronavirus 2 fragilità delle nostre società opulente, dis- Russia: 1 portaerei in attività; 1 in costru-
Quando ci saremo lasciati tutto questo alle sipatrici, diseguali, aggressive verso ogni zione
spalle, e torneranno a difendere gli evasori forma di rifiuto del sistema militare, indu- Regno Unito: 1 portaerei in attività
fiscali trattandoli (tutti) come povere vitti- striale, scientifico dominato dal profitto e Stati Uniti: 11 portaerei in attività; 1 in co-
me perché buoni elettori, ricordiamoci dei dal mercato senza regole. struzione
cittadini onesti che le tasse le hanno sempre Un concetto messo in discussione è quello La portaerei francese e quelle statunitensi
pagate. Perché è grazie a loro che abbiamo di difesa: siamo abituati a pensare che la di- sono a propulsione nucleare, tutte le altre a
ricevuto le migliori cure del mondo, senza fesa sia “naturalmente” affidata alle armi e propulsione convenzionale. Come classifi-
sganciare un centesimo. Evasori inclusi. che la nostra “sicurezza” si difenda alzando cazione le due portaerei italiane sono clas-
Quando torneranno a dirci che la priorità muri, chiudendo porti e confini, ben pattu- sificate “porta aeromobili” (portaelicotteri)
del Paese è fermare qualche barca di dispe- gliati da eserciti e sistemi militari. in quanto il trattato di pace del 1947 vietava
rati, ricordiamoci di questi giorni in cui a Ma di fronte a questo nemico invisibile le all’Italia di dotarsi di portaerei.
essere trattati da appestati siamo stati noi. armi non servono. Anzi, si può osservare L’Esercito Italiano doveva essere limitato
Quando torneranno a dirci che la priorità è che proprio l’aver destinato grandi risorse a un massimo di 250.000 uomini (compre-
smantellare lo Stato Sociale perché bisogna alle spese militari, sottraendole ad esempio si 65.000 carabinieri), con non più di 200
lasciare quei soldi nelle tasche dei più ric- alla sanità e alla ricerca, ci rende più sco- carri armati. L’Aeronautica Militare doveva
chi con la flat tax al 15%, ricordiamoci di perti e indifesi. essere ridotta a un massimo di 200 caccia e
cosa la Sanità Pubblica ha fatto per tutti noi Scopriamo, infatti, che nei confronti di que- ricognitori e di 150 aerei da trasporto, con
in questi giorni. sta emergenza il nostro sistema sanitario un organico massimo di 25.000 uomini.
E ricordiamoci dell’opera straordinaria di universalistico, che pure è uno dei migliori Le restrizioni riguardanti la Marina Mili-
migliaia di medici, infermieri, operatori al mondo, vacilla e lamenta la mancanza di tare (articolo 59) vietavano la costruzio-
socio sanitari, tutti, che in Italia sono pa- attrezzature, medici, strutture. Non siamo ne, l’acquisto e la sostituzione di navi da
gati meno che altrove, sono precari più che in grado di difenderci da questa aggressio- battaglia, oltre all’utilizzazione e alla spe-
altrove, ma che hanno dato tutto, tutto, no- ne perché ci siamo attrezzati a difenderci da rimentazione di unità portaerei, naviglio
nostante tutto. altri “nemici”, drenando risorse importanti subacqueo, motosiluranti e mezzi d’assalto
Quando torneranno a dirci che le ONG che ora ci mancano. di qualsiasi tipo. Il dislocamento totale del
sono bande di criminali senza scrupoli e Il COVID19 ci insegna dunque che il modo naviglio militare in servizio e in costruzio-
dedite ai loro interessi, ricordiamoci di migliore di creare sicurezza è avere una ne, eccettuate le navi da battaglia, non do-
quando quello stesso partito ha chiesto in società organizzata in modo tale da rispon- veva superare le 67.500 tonnellate, mentre
Lombardia aiuto alle ONG per affrontare dere ai bisogni di tutti, a partire dalle fasce il personale effettivo non poteva eccedere
l’emergenza. più deboli ed esposte. le 25.000 unità.
Quando torneranno a dirci che gli africa-
ni ci portano le malattie e che per questo
bisogna ributtarli in mare, ricordiamoci di ...accadeva a aprile
quando siamo stati respinti noi. E ricor- 3 aprile 1991: muore Jean Goss, presidente onorario del MIR, un autentico apostolo della
diamoci di quell’italiano che ha portato il nonviolenza.
coronavirus in Africa. E in Africa è stato 4 aprile 1968: a Memphis , Stati Uniti, viene assassinato Martin Luther King.
ricoverato e curato. 9 aprile 1945: Dietrich Bonhoffer viene impiccato a Flossemburg dalle SS.
Quando torneranno a dirci che “loro” di- 13 aprile 2016: a Firenze muore Pietro Pinna, ricordato come primo obiettore di coscienza
fendono la Patria e la dignità dell’Italia, nell’Italia del dopoguerra e fondatore del Movimento Nonviolento.
ricordiamoci delle interviste che hanno ri- 19 aprile 1940: 26 Testimoni di Geova sono condannati dal tribunale speciale fascista a
lasciato in mezza Europa contro il gover- complessivi 190 anni di carcere: fra le motivazioni le loro posizioni pacifiste.
no italiano, per far credere che non stesse 20 aprile 1993: a Molfetta muore don Tonino Bello, il vescovo dei poveri e della pace.
fronteggiando al meglio l’emergenza pur di 22 aprile 1974: per la prima volta in Italia 30 obiettori iniziano il servizio civile in sosti-
lucrare qualche voto. Danneggiandoci spa- tuzione di quello militare.
ventosamente agli occhi del mondo. 26 aprile 1986: in U.R.S.S. scoppia il reattore nucleare di Chernobyl.
E ricordiamoci di chi era in montagna a 28 aprile 1945: Leonard Dallasega, soldato delle SS viene fucilato ad Ala (TN) per essersi
mangiare prosciutto e formaggio e chi nelle rifiutato di sparare a un prete.
Istituzioni e negli ospedali a lavorare gior-
no e notte per la salvezza del paese. APPUNTAMENTI
Quando torneranno a dirci che finanziare 21 aprile ore 17,30: presso l’Associazione radicale Adelaide Aglietta in via San
la Ricerca e l’Istruzione non è importante Dalmazzo 9 bis-b, Torino, presentazione del libro di Andrea Maori “Partito Radicale
e che quei soldi è meglio usarli altrove, ri- immagini di una storia” Trattasi di un libro fotografico con un percorso storico fatto di
cordiamoci di questi giorni. E dei risulta- immagini tratte da vari archivi tra cui l’archivio fotografico del Movimento Nonviolen-
ti ottenuti in silenzio dai nostri ricercatori to. Con l’autore interverrà Silvia Manzi.
precari. 7
Pertanto sui tabelloni sono stati riporta-
Notizie in breve ti dati numerici per evidenziare la misura
dell’emergenza ambientale nella quale ci
troviamo.
PRO NATURA NOVARA LA PROTESTA DEI PESCI DI FIUME La visita alla mostra si concludeva nel-
la sala attigua con la proiezione di alcuni
Segnaliamo i prossimi appuntamenti di Pro Sabato 25 gennaio si è svolta a Vignolo filmati che mostravano la bellezza di fon-
Natura Novara, presso la sala polifunzionale (CN) la manifestazione per la difesa dei tanili, corsi d’acqua, stagni, lanche e le
dell’ex Consiglio di Quartiere di Porta Mor- canali irrigui minacciati da interventi di numerose specie animali e vegetali che le
tara, via Monte San Gabriele 19/C, Novara. cementificazione per realizzare centraline abitano.
Mercoledì 8 aprile 2020, ore 17: “Svolaz- idroelettriche. Oltre cento persone, fra i Per l’allestimento sono stati utilizzati ma-
zando di palo in frasca. Rarità e curiosità quali numerosi soci di Pro Natura Cuneo, teriali di recupero e materie prime di ori-
delle nostre farfalle”. Conversazione con hanno partecipato alla passeggiata lungo i gine vegetale.
Cecilio Uglietti. tre canali (Roero, Miglia e Morra) che, a
Mercoledì 22 aprile 2020, ore 17: “Verde livelli diversi, scorrono nella ripa del fiume UN’INTESA CONTRO GLI SPRECHI
in città. Situazione attuale e alcune propo- Stura in un paesaggio ancora conservato.
ste”. A cura dei soci. La manifestazione era stata organizzata a L’assessore al Welfare della Regione Pie-
Mercoledì 13 maggio 2020, ore 17: “La livello nazionale dalle associazioni ambien- monte ha sottoscritto, insieme ai Centri
forza dell’acqua. La resilienza del bosco”. taliste e dei pescatori per salvare la biodi- Servizi per il Volontariato del Piemonte,
Conversazione con Mariano Rognoni. versità acquatica, oggi fortemente a rischio l’addendum al Protocollo relativo alle
Evento presso la saletta Fondazione Farag- in conseguenza dei cambiamenti climatici iniziative anti-spreco portate avanti dalla
giana, via Bescapè 12, Novara: già in atto e del proliferare di centraline Regione insieme ai territori.
Mercoledì 27 maggio 2020, ore 17: “Le idroelettriche che sottraggono importanti Vengono così incrementate di 30mila euro
acque del Ticino e lo sviluppo delle colture quantità di acqua ai fiumi, ai torrenti e ai le risorse finalizzate al potenziamento
risicole: note storiche e problemi attuali”. rii montani, col rischio di scomparsa dei delle misure per la riduzione dello spre-
Escursioni e visite: pochi ecosistemi fluviali naturali rimasti. co alimentare, favorendo le progettualità
virtuose.
Domenica 10 maggio 2020, ore 10: “Bio Un grave danno a fronte di un contributo di
I Centri Servizi per il Volontariato si im-
blitz - Alla scoperta dell’altro mondo. Un energia rinnovabile irrisorio, redditizia solo
pegnano a collaborare con la Regione alla
viaggio con i naturalisti, gli erpetologi, gli grazie agli incentivi pubblici a favore di chi presentazione dei progetti anti-spreco, da
ornitologi per osservare fauna e flora del gestisce tali impianti realizzare sul territorio piemontese.
nostro territorio”. L’iniziativa si colloca a completamento
Ritrovo al Vivaio Euland, Cascina Fornace, LA TERRA CHIEDE AIUTO del Protocollo che prevede la collabora-
Romentino. In collaborazione con Euland, Sabato 15 e domenica 16 febbraio al Gra- zione tra Regione Piemonte e Centri Ser-
Fondazione Faraggiana. naio di Palazzo Longoni di Borgolavezzaro vizi per il Volontariato, anche attraverso il
Patrocinio dell’Ente di Gestione delle Aree si è tenuta la mostra “SOS: La terra chiede supporto alla costruzione di reti tra i di-
Protette del Ticino e del lago Maggiore e aiuto” organizzata dal Burchvif. versi partners previsti dalla Legge Regio-
del Comune di Romentino. L’iniziativa aveva lo scopo di sensibilizza- nale 12/2015 “Promozione di interventi di
Iscrizione entro il 3/5/2020 a bioblitz.eu- re i visitatori su temi quali il cambiamento recupero e valorizzazione dei beni inven-
land@gmail.com, indicando il numero di climatico, la desertificazione, la perdita di duti”, e lo svolgimento di attività di coor-
partecipanti. biodiversità, il consumo di acqua e plastica, dinamento dei possibili destinatari di pro-
Pranzo sociale sabato 23 maggio 2020, molta della quale finisce in mare. getti finanziabili dalla Regione Piemonte.
ore 12,30. Informazioni e prenotazioni en-
tro lunedì 18 maggio al 335.6454091.
Informazioni: sito www.pronaturanovara.it,
oppure scrivendo a novara@pro-natura.it Come salvare gli animali selvatici feriti
CONFERENZE DI PRO NATURA CUNEO Dal mese di febbraio 2020 è attivo “Salvia- Animali Non Convenzionali) di Grugliasco
moli insieme on the road”, un nuovo servi- gli animali rinvenuti o se, invece, occorre
Si segnala la prossima conferenza in pro- zio di recupero, soccorso sanitario e cura un intervento diretto da parte di personale
gramma di Pro Natura Cuneo, che si terrà degli animali selvatici trovati in difficoltà o specializzato, in grado di curare in manie-
alle ore 21 al cinema Monviso, in via XX feriti e di successiva riabilitazione e libera- ra corretta animali che non sono abituati al
settembre, Cuneo. zione in natura. Ilservizio opera sul territo- contatto con l’uomo e possono subire danni
Mercoledì 6 maggio 2020: Domenico rio della Città Metropolitana di Torino. gravi a seguito di un intervento errato.
Sanino tratterà il tema “Azzorre, paesaggi Il numero da chiamare è il 349.4163385 ed Il servizio è a cura di: Città Metropolitana
mozzafiato e natura incontaminata”. è attivo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, almeno di Torino, Struttura Didattica Speciale Ve-
Le conferenze fanno parte del corso di ag- per tutto il 2020. Il servizio è valido solo terinaria dell’Università degli Studi di To-
giornamento per insegnanti organizzato da per gli animali feriti compresi nei gruppi: rino e ASL TO3.
Pro Natura Cuneo e dall’I.T.C. “Bonelli” di mammiferi, rapaci diurni e notturni, ofidi e Un centro di recupero vicino al territo-
Cuneo. specie esotiche. rio delle Aree protette del Po torinese è il
Risponde con un operatore specializzato C.R.A.S. (Centro Recupero Animali Sel-
L’ARCA DEL RE CIT del Dipartimento di Scienze Veterinarie vatici), dell’Associazione Centro Cicogne
Segnaliamo i prossimi appuntamenti delle dell’Università di Torino che dà consigli e Anatidi di Racconigi, con cui è possibi-
attività sociali de “L’Arca del Re Cit”. su come comportarsi in attesa dell’inter- le prendere contatti in caso di necessità: si
Venerdì 1 maggio 2020: “Tinche gobbe a vento dei sanitari veterinari, valuta se, nei occupa di uccelli e appartiene alla rete dei
S.Stefano Roero”. Consueto appuntamento casi meno gravi, può essere cura del citta- Centri Regionali del Piemonte riconosciuti
per degustare le famose tinche gobbe alla dino portare direttamente al CANC (Centro ai sensi della legge regionale n. 5/2018.
trattoria Occhetti di San Lorenzo, nelle vi-

Pro Natura Notiziario


cinanze dell’Oasi Costa Suragni.
Eventuale possibilità di una breve passeg-

obiettivo ambiente
giata. L’orario di partenza sarà concordato
telefonicamente, in base alle previsioni del
tempo; partenza con bus da corso Stati Uni-
ti angolo corso Re Umberto, Torino. Organo delle Associazioni aderenti e-mail: torino@pro-natura.it
Domenica 24 maggio 2020: “Grignasco - a Pro Natura Piemonte e alla e-mail: pronatura.torino@pec.it
grotte di Ara”. Escursione su sentiero da Federazione nazionale Pro Natura.
Internet: torino.pro-natura.it
Grignasco, nella zona del Monte Fenera, Registrazione del Trib. di Torino n. 2523 del 1-10-1975.
nelle Aree Protette della Valle Sesia, fino al Redatto presso:
Giardino delle Grotte di Ara Zona ricca di Pro Natura Torino ONLUS Gli articoli possono essere riprodotti citando la fonte.
testimonianze preistoriche. Via Pastrengo 13 - 10128 Torino Direttore responsabile ai sensi di legge: Valter Giuliano.
Partenza con bus riservato alle ore 7 da Tel. 011/50.96.618 due linee r.a.
c.c.p. 22362107 Redazione: Emilio Delmastro, Margherita Meneghin,
corso Stati Uniti angolo corso Re Umberto, Zaira Zafarana.
Segreteria:
Torino.
8 Dal lunedì al venerdì dalle 14 alle19. Stampa: La Terra Promessa, 10092 Beinasco (TO)
Info: Piero Gallo 336.545611.
Chiuso in redazione il 16 marzo 2020