Sei sulla pagina 1di 17

Short e Leva Intraday

Leva Plus

Short .......................................................................................................................... 1
Short Intraday ........................................................................................................... 3
Leva ........................................................................................................................... 7
Leva Intraday ............................................................................................................. 7
Leva Plus ................................................................................................................. 11
FAQ .......................................................................................................................... 17

Short

La vendita allo scoperto (short selling) è una strategia operativa che consente di operare al ribasso in
un’ottica di trading infra-giornaliero o pluri-giornaliero. Consiste, infatti, nel vendere i titoli di cui ci si
attende una diminuzione di prezzo per ricomprarli successivamente e lucrare sul differenziale di prezzo
fra vendita e riacquisto. Se l’orizzonte temporale della vendita allo scoperto è inferiore a un giorno, si
parla di Short Intraday, altrimenti, con una prospettiva temporale pluri-giornaliera, si parla di Short
Multiday.
Per poter aprire posizioni short è sufficiente impartire un ordine di vendita per un quantitativo maggiore a
quello presente in portafoglio.
La vendita allo scoperto può essere effettuata con effetto leva (servizi Leva Intraday o Leva Plus
descritti di nei paragrafi successivi).
La chiusura della posizione può essere effettuata mediante esecuzione di un ordine di acquisto sullo
stesso dossier titoli e strumento finanziario.
L’ordine d’acquisto può essere impartito anche per un quantitativo superiore alla posizione short
permettendo di passare velocemente da una strategia ribassista ad una rialzista.

Esempio 1:
Posizione iniziale: 8.000 azioni acquistate al prezzo medio di 5,60 €

Prezzo Medio P/L


tipo posizione posizione Prezzo Mercato
Lordo Potenziale

Long 8.000 5,60 5,40 -1.600,00

Dove con “P/L Potenziale” si intende il Profit (profitto) / Loss (perdita) Potenziale, ossia che si otterrebbe

Short/Leva 1
Versione maggio 2017
indicativamente in caso di chiusura posizione.

Inserito ordine N1 di vendita di 10.000 azioni al prezzo di eseguito di 5,50 €

Profitti e Perdite

Prezzo Prezzo
Ordine Quantità P/L Reale1
Apertura Chiusura

N1 8.000 5,60 5,50 -800,00

Portafoglio titoli dopo la chiusura

Prezzo Medio P/L


tipo posizione posizione Prezzo Mercato
Lordo Potenziale2

-2.000 5,50 5,42 160,00

Esempio 2
Inserito ordine N2 di acquisto 6000 a 5,42 €

Profitti e Perdite

Prezzo Prezzo
Ordine Quantità P/L Reale
Apertura Chiusura

N1 2.000 5,50 5,42 160,00

Portafoglio titoli dopo la chiusura

Prezzo Medio P/L


tipo posizione posizione Prezzo Mercato
Lordo Potenziale

4.000 5,42 5,42 0,00

1
“P/L Potenziale” = Profit (profitto) / Loss (perdita) Potenziale, ossia risultato economico che si potrebbe conseguire
con una ipotetica chiusura della posizione al prezzo di mrecato corrente.
2
“P/L Reale” = Profit (profitto) / Loss (perdita) Reale, ossia risultato economico conseguito in seguito alla chiusura
della posizione.

Short/Leva 2
Versione maggio 2017
Short Intraday

La vendita allo scoperto Short Intraday è la strategia operativa che consente di negoziare al ribasso in
un’ottica di trading intra-giornaliero.

Per abilitarsi al servizio, è necessario rivolgersi alla Succursale per la firma del contratto.

L’elenco degli strumenti finanziari abilitati al servizio può essere consultato nella sezione “Servizi”/
“Avvisi” alla voce “Titoli abilitati a Short e Leva” – “Short Intraday” o essere richiesto alla Succursale. La
Banca si riserva il diritto di modificare l’elenco di titoli abilitati, dandone comunicazione sul sito internet.

L’apertura di posizioni di vendita allo scoperto può essere effettuata se il Cliente dispone sul “Bilancio”
della piattaforma di trading di liquidità disponibile sufficiente per coprire il margine a garanzia
dell’operazione determinato in base alla modalità di inserimento dell’ordine di seguito descritte. Il calcolo
della liquidità vincolata per l’operatività è effettuato con un algoritmo che richiede la liquidità minima
necessaria per garantire la copertura della posizione in essere effettiva (ossia costituita da ordini eseguiti)
e potenziale (determinata dagli ordini già inseriti ma non ancora eseguiti).
Per maggiori dettagli sul metodo di calcolo della liquidità e sulla visualizzazione della liquidità vincolata, si
rimanda al paragrafo “Bilancio” del manuale.

Caratteristiche del servizio:


Gli ordini di vendita allo scoperto possono essere impartiti con o senza effetto leva. Nel primo caso
il margine richiesto a garanzia è pari al controvalore dell’ordine moltiplicato per la percentuale di
margine (quantità x prezzo x % margine3), mentre nel secondo caso è richiesto il 100% del
controvalore dell’ordine (quantità x prezzo). Per potere impartire ordini allo scoperto con effetto
leva è necessario essere abilitati al servizio Leva Intraday.
Il corrispettivo ricavato all’esecuzione dell’ordine di vendita scoperta non viene reso disponibile sino
alla chiusura della posizione scoperta, ossia con l’esecuzione di un’operazione di riacquisto dei titoli.
Il controvalore di un singolo ordine di vendita allo scoperto (quantità x prezzo4) e della posizione
sul singolo titolo (somma delle posizioni e degli ordini inseriti short valorizzati al prezzo di controllo)
non possono superare i valori indicati nella sezione in cui è riportato l’elenco dei titoli abilitati al

3
Nel caso in cui il titolo sia un’obbligazione, il controvalore dell’ordine viene conteggiato comprendendo anche ratei
e ritenute.

Se il titolo quota in una divisa diversa da quella del conto corrente, il margine viene sempre valorizzato nella
divisa del conto corrente applicando lo stesso cambio adottato per le normali operazioni di trading.

4
In caso di obbligazioni nel calcolo del controvalore viene conteggiato il solo prezzo di quotazione (secco o tel quel).
Il conteggio viene sempre effettuato nella divisa di negoziazione del titolo.

Short/Leva 3
Versione maggio 2017
servizio.
Gli ordini allo scoperto possono essere impartiti con limite di prezzo o, se il titolo ha già scambiato,
al meglio. Gli ordini di vendita “prenotati” con effetto leva, invece, devono essere inseriti con limite
di prezzo.
Tutte le tipologie di strategia che sono messe a disposizione dalla SellaXtrading, dal semplice stop
order, agli ordini a tempo o alle strategie OCO, possono essere impostate anche con ordini di
vendita allo scoperto.

Gli orari di negoziazione short sono i seguenti:


invio ordini fino alle ore 17:20:00 per i titoli Italia/Europa
obbligo di chiusura delle posizioni short entro le ore 17:20:00
dopo questi orati la Banca inoltra al mercato la richiesta di revoca degli ordini di vendita scoperta
già inviati al mercato e non ancora totalmente eseguiti e procede con la chiusura d’ufficio delle
posizioni short

La chiusura d’ufficio avviene come segue:


Normalizzazione: la Banca provvede a normalizzare le posizioni Short con i titoli eventualmente
disponibili sul dossier5 (cioè non vincolati da altri ordini di vendita o posti a garanzia).
Acquisto a mercato:
- la Banca provvede alla cancellazione di tutti gli ordini di acquisto inviati che hanno un numero
di titoli non ancora eseguito per un quantitativo maggiore o uguale alla quantità scoperta,
partendo dall’ultimo ordine inserito
- invia uno o più ordini d’acquisto al meglio a copertura della posizione short intraday ancora
presente. Qualora il titolo sia abilitato alla Best Execution, l’ordine viene impartito con tale
modalità.
In caso di chiusura d’ufficio mediante invio di un ordine di acquisto a ricopertura della posizione
scoperta, per ogni posizione (strumento finanziario) sarà applicata una penale.

Attenzione: si invita a provvedere autonomamente alla chiusura delle proprie posizioni evitando che sia
la banca ad agire d’ufficio per conto del Cliente.

Esempio 1
Inserito ordine di vendita scoperta di 1000 azioni a 4,9€, margine 20%
Il Cliente non dispone sul dossier dei titoli per cui la banca richiede una garanzia in cash per la vendita
Margine richiesto: 1000 x 4,9 x 20% = 980€

5
Questa casistica si può verificare in caso di ritiro di titoli da risposta premi o giro titoli da altro conto effettuati
durante la seduta di borsa successivamente all’apertura della posizione scoperta.

Short/Leva 4
Versione maggio 2017
Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Vendita Short Intraday 980,00

Liquidità disponibile 9.020,00

All’esecuzione dell’ordine la liquidità vincolata continua ad essere quella indicata nella tabella

Esempio 2:
Inserito ordine di vendita scoperta di 1000 azioni a 4,9€, margine 20%. Il Cliente non dispone dei titoli
sul dossier.
Margine richiesto: 1000 x 4,9 x 20% = 980€

Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Vendita Short Intraday 980,00

Liquidità disponibile 9.020,00

Inserito un nuovo ordine di acquisto dello stesso titolo sullo stesso dossier per 1200 azioni a 5€
Controvalore acquisto: 1200 x 5 = 6.000€
La nuova operazione, richiedendo una liquidità d’importo superiore alla vendita scoperta, costituisce uno
scenario peggiore del precedente. La nuova liquidità vincolata è pertanto:

Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Acquisto Titoli 6.000,00

Vendita Short Intraday

Liquidità disponibile 4.000,00

Caso A: con l’esecuzione dell’acquisto la situazione non cambia.


Alla successiva esecuzione della vendita short, poiché a questo punto la vendita è garantita dai titoli
precedentemente acquistati, la situazione di bilancio è la seguente:

Short/Leva 5
Versione maggio 2017
Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Acquisto Titoli 6.000,00

Vendita Titoli 4.900,00

Vendita Short Intraday

Liquidità disponibile 8.900,00

Caso B: esecuzione della vendita


In questo caso l’acquisto è in parte a copertura della vendita short (1.000 azioni) e in parte in apertura di
una posizione lunga (200 azioni). La situazione del bilancio è la seguente:

Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Acquisto Titoli 1.000,00

Vendita Titoli

Vendita Short Intraday 980,00

Liquidità disponibile 8.020,00

Alla successiva esecuzione dell’acquisto, poiché a questo punto la vendita è garantita dai titoli acquistati,
la situazione di bilancio è la seguente:

Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Acquisto Titoli 6.000,00

Vendita Titoli 4.900,00

Vendita Short Intraday

Liquidità disponibile 8.900,00

Short/Leva 6
Versione maggio 2017
Leva

Leva Intraday

Questo servizio consente di operare con effetto leva, ossia di acquistare dei titoli impegnando solo una
parte della liquidità necessaria per effettuare l’operazione e usufruendo di un “finanziamento
temporaneo” per la restante parte della liquidità. Impartendo operazioni di vendita allo scoperto o di
acquisto con effetto leva, pertanto, si può vincolare solo una parte della liquidità richiesta a garanzia
dell’operazione.
Questo tipo di operatività consente di guadagnare (o perdere) con un effetto moltiplicatore in quanto il
“capitale investito” nell’operazione è costituito dal solo margine vincolato, mentre il risultato economico
conseguito è riferito al controvalore effettivo dell’operazione.

Esempio 1:
acquisto 1.000 azioni a 5 €, margine 20 %
controvalore ordine = 1.000 x 5 € =5.000 €
liquidità finanziata = 1.000 x 5 € x (100 - 20 )% = 4.000 €
liquidità vincolata = (5.000 – 4.000 ) =1.000 €

Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Acquisto Titoli 5.000,00

Finanziamento Leva Intraday 4.000,00

Liquidità disponibile 9.000,00

Esempio 1.1:
vendo le 1.000 azioni a 5,2€
guadagno operazione = 1.000 x (5,2 – 5)€ = 200€
guadagno % = guadagno operazione / liquidità investita x 100 = 200 / 1.000 x 100 = 20%

Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Acquisto Titoli 5.000,00

Short/Leva 7
Versione maggio 2017
Vendita titoli 5.200,00

Finanziamento Leva Intraday -

Liquidità disponibile 10.200,00

Se l’operazione fosse stata eseguita senza effetto leva, si sarebbe ottenuto il seguente risultato:
guadagno % = guadagno operazione / liquidità investita x 100 = 200 / 5.000 x 100 = 4%

Per abilitarsi al servizio, è necessario rivolgersi alla Succursale per la firma del contratto.

Principali caratteristiche dell’operatività con effetto leva intraday:


Possono essere oggetto di operatività con effetto leva una selezione di titoli, il cui elenco può
essere consultato alla sezione: “Servizi” - “Avvisi” alla voce “Titoli abilitati a Short e Leva” – “Leva
Intraday” o essere richiesto alla Succursale. La Banca si riserva il diritto di modificare l’elenco di
titoli abilitati, dandone comunicazione sul sito internet.
Possono utilizzare la funzionalità che consente l’effetto leva intraday solo i Clienti abilitati, cioè che
abbiano firmato e consegnato l’apposito modulo di adesione al servizio.
L’importo impegnato nel momento in cui viene inserito un ordine con effetto leva è una percentuale
del controvalore dell’ordine (margine), consultabile alla sezione in cui sono elencati gli strumenti
abilitati al servizio. La percentuale è stabilita e periodicamente aggiornata dalla Banca in relazione
alle caratteristiche dei singoli titoli. In caso di titoli obbligazionari il controvalore è calcolato
considerando ratei e fiscalità. Se il titolo quota in una divisa diversa da quella del conto corrente il
controvalore è valorizzato applicando il cambio adottato per tutte le altre operazioni di
negoziazione.
Il calcolo della liquidità vincolata per l’operatività è effettuato con un algoritmo che determina la
liquidità minima necessaria per garantire la copertura della posizione in essere effettiva (ossia
costituita da ordini eseguiti) e potenziale (determinata dagli ordini già inseriti ma non ancora
eseguiti).
A fronte di ogni operazione d’acquisto con effetto leva nella pagina “Bilancio” alla voce “Acquisto
Titoli” viene vincolato l’intero controvalore dell’operazione, mentre alla voce “Fin. Leva Intraday”
viene reso disponibile l’importo temporaneamente finanziato dalla banca al Cliente”, ossia che deve
essere “restituito” entro il termine previsto per lo specifico strumento finanziario mediante vendita
dei titoli stessi o normalizzazione della posizione (es.: in caso di acquisto di 1000 azioni a 5€,
margine 20%, vengono vincolati 1000 x 5 = 5000 € e finanziati (1-20%) x 5000 = 4000€). In caso
di portafogli complessi, cioè costituiti da posizioni lunghe e corte sullo stesso strumento, l’algoritmo
di calcolo ottimizzato della liquidità potrebbe far visualizzare un importo finanziato minore, rispetto
a quello della singola posizione lunga, a fronte di un minor vincolo di liquidità per le posizioni corte.
In quest’ultimo caso, infatti, una vendita di tipo Leva Intraday che manda scoperta la posizione,
presenta una liquidità vincolata alla voce “Vendita Short Intraday” pari al solo margine

Short/Leva 8
Versione maggio 2017
corrispondente al controvalore della vendita (es.: in caso di vendita di 1000 azioni a 5€, margine
4%, vengono vincolati 1000 x 5 x 4% = 200€).
Il controvalore di un singolo ordine d’acquisto con leva (quantità x prezzo) e della posizione in leva
sul singolo titolo (somma delle posizioni e degli ordini d’acquisto inseriti con leva valorizzati al
prezzo di controllo) non possono superare i valori indicati unitamente all’elenco dei titoli abilitati al
servizio6.
Gli ordini d’acquisto con leva possono essere impartiti con limite di prezzo o, se il titolo ha già
scambiato, al meglio.
Tutte le tipologie di strategia che sono messe a disposizione dalla SellaXtrading possono essere
impostate anche con ordini con effetto leva.
La posizione lunga in leva si chiude automaticamente in conseguenza dell’esecuzione di un ordine
di vendita (anche se impartito precedentemente all’ordine d’acquisto con leva) sullo stesso dossier
e strumento finanziario.
Il Cliente può trasformare in tutto o in parte una posizione lunga con effetto leva in normale,
integrando la liquidità impegnata dall’ordine stesso, tramite la procedura di normalizzazione
(pagina Portafoglio). Dopo la normalizzazione della posizione la voce “Fin. Leva Intraday” presente
in bilancio si riduce dell’importo normalizzato.
La posizione aperta con effetto leva deve essere chiusa in giornata entro gli orari definiti per lo strumento
finanziario negoziato, ossia:
invio ordini fino alle ore 17:20:00 per i titoli Italia/Europa, alle 21:30:00 per i titoli USA
obbligo di chiusura delle posizioni short entro le ore 17:20:00 (21:30:00)
dopo questi orari Banca invia al mercato la richiesta di revoca ordini d’acquisto con Leva già inviati
al mercato e non ancora totalmente eseguiti e procede con la chiusura d’ufficio delle posizioni
aperte in leva.

La chiusura d’ufficio avviene come segue:


Priorità vendita: la Banca
provvede alla cancellazione di tutti gli ordini di vendita inviati che hanno un numero di titoli
non ancora eseguito per un quantitativo maggiore o uguale alla quantità dei titoli acquistati
con leva, partendo dall’ultimo ordine inserito;
invia un ordine di vendita al meglio a copertura dell’intera posizione leva intraday;
in caso di impossibilità di chiusura dei titoli al mercato provvede a normalizzare la posizione
vincolando la liquidità disponibile in piattaforma.

Priorità normalizzazione: la Banca


provvede prioritariamente a normalizzare le posizioni di acquisto con Leva con la liquidità
disponibile sul Bilancio relativamente al conto corrente su cui è abilitata l’operatività. Per
calcolare la liquidità necessaria per la normalizzazione la procedura utilizza il prezzo medio di

6
In caso di obbligazioni nel calcolo del controvalore viene conteggiato il solo prezzo di quotazione (secco o tel quel).
Il conteggio viene sempre effettuato nella divisa di negoziazione del titolo.

Short/Leva 9
Versione maggio 2017
carico della posizione (questo prezzo potrebbe differire dal prezzo di eseguito del singolo
ordine);
cancella gli ordini di vendita inviati che hanno un numero di titoli non ancora eseguito per un
quantitativo maggiore o uguale alla quantità dei titoli acquistati con leva, partendo dall’ultimo
ordine inserito;
invia un ordine di vendita al meglio a copertura della posizione eventualmente rimasta
scoperta.

Qualora il titolo sia abilitato alla Best Execution, l’ordine di chiusura d’ufficio viene impartito
con tale modalità.

In caso di ordini di vendita scoperta impartiti con effetto leva, le regole applicate per la chiusura
d’ufficio sono quelle descritte al paragrafo dedicato al servizio Short Intraday.

In caso di chiusura d’ufficio mediante invio di un ordine di vendita a ricopertura della posizione
scoperta, per ogni posizione sarà applicata una penale.

Attenzione: si invitano i Clienti a provvedere autonomamente alla chiusura delle proprie posizioni
evitando che sia la banca ad agire d’ufficio per conto del Cliente.

Short/Leva 10
Versione maggio 2017
Leva Plus

La Leva Plus è l’evoluzione del servizio Leva Intraday e come questo servizio può essere applicato sia
sulle posizioni long (in acquisto) che short (vendita scoperta).
Rispetto a questo servizio la Leva Plus permette di:
inserire ordini in acquisto o vendita scoperta con un effetto leva più elevato, ossia vincolando in
Bilancio una liquidità inferiore (es. margine del 5% anziché 20%);
trasformare in leva titoli presenti in portafoglio acquistati in precedenza senza effetto leva,
cioè generare nuova liquidità per trading intraday in proporzione al valore del titolo e del suo
margine (es. rendere disponibile per il trading una liquidità pari al 95% del controvalore della
posizione trasformata in leva);
operare con una liquidità sulla SellaXtrading aumentata o ridotta dei guadagni e delle perdite
potenziali relative all’operatività Leva Plus ad integrazione di quelli relativi all’eventuale
operatività in IPOmarginazione derivati.

Questo tipo di operatività consente di guadagnare (o perdere) con un elevato effetto


moltiplicatore in quanto il “capitale investito” nell’operazione è costituito dal solo margine vincolato,
mentre il risultato economico conseguito è riferito al controvalore effettivo totale dell’operazione.
Rispetto al servizio Leva Intraday, permettendo di operare con una leva molto più elevata, il servizio è da
considerarsi più rischioso.

Esempio 1:
acquisto 1.000 azioni al prezzo di 5 €, margine 4% (effetto leva x25)
controvalore ordine = 1.000 x 5 € =5.000 €
liquidità finanziata = 1.000 x 5 € x (100 - 4)% = 4.800 €
liquidità vincolata = (5.000 – 4.800 ) =200 €

Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Acquisto Titoli 5.000,00

Finanziamento Leva Intraday 4.800,00

Liquidità disponibile 9.800,00

Esempio 1.1:
vendo le 1.000 azioni al prezzo di 5,3€
guadagno operazione = 1.000 x (5,3 – 5) € = 300€
guadagno % = guadagno operazione / liquidità investita x 100 = 300 / 200 x 100 = 150%

Short/Leva 11
Versione maggio 2017
Se l’operazione fosse stata eseguita senza effetto leva, si sarebbe ottenuto il seguente risultato:
guadagno % = guadagno operazione / liquidità investita x 100 = 300 / 5.000 x 100 = 6%

Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Acquisto Titoli 5.000,00

Vendita titoli 5.300,00

Finanziamento Leva Intraday -

Liquidità disponibile 10.100,00

Esempio 2:
trasformazione del portafoglio in Leva Plus:
il Cliente ha in portafoglio 10.000 azioni AAA acquistate un anno fa al prezzo di 10€
Prezzo di mercato oggi : 6€
Margine strumento: 4% (leva x 25)
Liquidità generata dalla trasformazione in leva = 10.000 x 6 x (100 - 4)% = 57.600€ (liquidità
aggiuntiva resa disponibile in piattaforma per disporre altre operazioni di trading)

Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Acquisto Titoli

Vendita titoli

Finanziamento Leva Intraday 57.600,00

Liquidità disponibile 67.600,00

Esempio 2.1:
trasformazione del portafoglio in Leva Plus costituito in parte in giornata in parte in passato:
10.000 azioni AAA acquistate a 10€ 1 anno fa
6.000 azioni AAA acquistate oggi senza effetto leva a 6€
Prezzo medio di carico delle azioni AAA: 8,5€
Prezzo di mercato corrente: 6,3€
Margine strumento: 4% (leva x 25)

Trasformo in Leva Plus l’intero portafoglio. La liquidità generata viene calcolata come segue:

Short/Leva 12
Versione maggio 2017
Posizione: 16.000 x 6,3 x (100 – 4)% = 96.768€ (liquidità aggiuntiva resa disponibile in
piattaforma per disporre altre operazioni di trading)

Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Acquisto Titoli

Vendita titoli

Finanziamento Leva Intraday 96.768,00

Liquidità disponibile 106.768,00

Esempio 3:
Calcolo liquidità disponibile:
Portafoglio – posizioni Leva Plus:

Prezzo Prezzo di P/L Leva Finanziamento


Titolo Quantità
posizione Mercato Potenziale % Leva Intraday

AAA 1.000 10,00 10,30 300,00 5% 9.500,00

BBB -2.000 6,00 6,10 -200,00 4%

totale 100,00 9.500,00

In questa casistica la liquidità disponibile per il trading è incrementata di 100€.

Liquidità Importo

Liquidità destinata 10.000,00

Acquisto Titoli 10.000,00

Finanziamento Leva Intraday 9.500,00

Vendita Short Intraday 480,00

Profitti/Perdite Potenziali LevaPlus 100,00

Liquidità disponibile 9.120,00

Dove:
Acquisto titoli = 1.000 azioni AAA x 10,00€ di prezzo d’acquisto = -10.000,00€
Finanziamento Leva Intraday = 1.000 azioni AAA x prezzo acquisto 10,00 x (1-5%) = +9.500,00€
Vendita Short Intraday = 2.000 azioni BBB x prezzo vendita 6,000€ x 4% = -480,00€

Short/Leva 13
Versione maggio 2017
Profitti/Perdite Potenziali LevaPlus = somma di:
1.000 azioni AAA x (prezzo mercato 10,30 - prezzo posizione 10,00) = +300€
2.000 azioni BBB x (prezzo posizione 6,00 - prezzo mercato 6,10) = -200€

Per abilitarsi al servizio, è necessario rivolgersi alla Succursale per la firma del contratto.

Il funzionamento del servizio Leva Plus, rispetto al servizio Leva Intraday, ha le seguenti peculiarità:
Possono essere oggetto di operatività con effetto leva una selezione di titoli, il cui elenco può
essere consultato alla sezione: “Servizi” - “Avvisi” voce “Titoli abilitati a Short e Leva” – “Leva
Plus” o essere richiesto alla Succursale. La Banca si riserva il diritto di modificare l’elenco di
titoli abilitati, dandone comunicazione sul sito internet.
Il servizio Leva Plus può essere attivato in modo permanente o attivato e disattivato a
richiesta, ossia durante la seduta di borsa. Dal momento in cui il servizio è attivo tutti gli ordini
impartiti con effetto leva sono considerati automaticamente Leva Plus, indipendentemente dal
fatto che l’ordine sia già eseguito o soltanto impartito. Il servizio può essere disattivato a
richiesta del Cliente in qualunque momento solo se non sono presenti ordini o posizioni di tipo
Leva Plus7.
La liquidità disponibile per il trading alla voce “Bilancio” è incrementata o ridotta in tempo reale
dai guadagni/perdite potenziali relativi all’operatività in Leva Plus e IpoMarginazione
derivati.
Se il Cliente lo richiede, è possibile trasformare in Leva una parte o l’intero portafoglio
entro i limiti previsti per il servizio. La liquidità temporaneamente finanziata è visibile nella voce
“Fin. Leva Intraday” del Bilancio e può essere impiegata per eseguire altre operazioni di trading
tramite la piattaforma.
Le posizioni Leva Plus, sia in acquisto che in vendita scoperta, sono soggette al controllo relativo
ai seguenti limiti operativi: massimo controvalore per ordine, massima esposizione per conto,
massima esposizione Banca per titolo e complessiva.
Il portafoglio può essere trasformato in Leva Plus solo se il titolo è già stato scambiato durante
la seduta di borsa corrente. Il prezzo di valorizzazione del finanziamento intraday è dato dalla
quotazione del titolo nel momento della trasformazione della posizione in Leva Plus.

7
Per poter disattivare il servizio Leva Plus il Cliente deve prima chiudere eventuali posizioni eseguite o potenziali Leva
Plus, ossia:
- cancellare gli ordini inviati al mercato con modalità Leva non ancora eseguiti;
- normalizzare le posizioni Leva Plus vincolando la liquidità o, nel caso di posizioni lunghe, vendere i titoli /
riacquistarli in caso di posizioni in vendita scoperta;
- trasformare in Leva Multiday o in Short Multiday le posizioni lunghe o corte in essere se si desidera mantenere le
posizioni aperte con orizzonte pluri giornaliero e il Cliente/titolo sono abilitati al servizio. Si sottolinea come in
caso di posizioni Short di tipo Leva Plus la richiesta di trasformazione in Short Multiday debba essere richiesta
esplicitamente dal Cliente a differenza delle posizioni di tipo Short con o senza effetto leva per le quali la
trasformazione avviene in automatico negli orari previsti per il mercato.

Short/Leva 14
Versione maggio 2017
Chiusure d’ufficio per perdite potenziali
Il portafoglio Leva Plus è soggetto ad un controllo costante da parte della piattaforma SellaXtrading che
valuta il rapporto tra la liquidità disponibile in “Bilancio” e il guadagno/perdita potenziale delle
posizioni di tipo Leva Plus e IpoMarginazione Derivati (se presenti). Qualora la liquidità destinata
all’operatività, nel rispetto dei limiti operativi assegnati, divenga insufficiente a coprire i margini e le
perdite potenziali, la Banca ha la facoltà contrattuale di intervenire d’ufficio, cancellando gli ordini
inviati su strumenti abilitati alla Leva Plus e IpoMarginazione Derivati e/o chiudendo parzialmente o
totalmente la posizioni in essere, secondo criteri a proprio insindacabile giudizio (cd Margin Call).
La sezione “Bilancio” della piattaforma calcola in tempo reale la liquidità disponibile considerando anche i
profitti e le perdite potenziali derivati dall’operatività IpoMarginazione Derivati e Leva Plus, in modo che il
Cliente possa verificare la sua situazione e intervenire tempestivamente sulla sua operatività al fine di
evitare chiusure d’ufficio da parte della Banca.
Nei conteggi effettuati per la valutazione di eventuali chiusure d’ufficio, viene considerata esclusivamente
la liquidità destinata al trading nella Piattaforma, escludendo quella destinata all’operatività in CFD ed
eventuale liquidità residua disponibile sul Conto Corrente.
La mancanza di liquidità, tale da non consentire il mantenimento delle posizioni di tipo IpoMarginazione
Derivati e Leva Plus può essere evidenziata al Cliente tramite messaggi in piattaforma e notifiche via
mail.
Inoltre, in piattaforma alla sezione “Bilancio” nella voce “Percentuale copertura margine IPO e Leva
Plus”, il Cliente può verificare in tempo reale la percentuale di copertura dei margini IPO e Leva Plus.
Qualora il valore percentuale riportato divenisse inferiore a 100 (evidenziato in rosso) questo
indicherebbe che la liquidità destinata all’operatività non è più sufficiente a coprire i margini e le eventuali
perdite potenziali. Da quel momento la Banca ha la facoltà contrattuale di cancellare ordini e/o chiudere
d’ufficio le posizioni a proprio sindacabile giudizio.
La chiusura d’ufficio prevede l’addebito di penali. Il Cliente può ovviare alla chiusura d’ufficio integrando
la liquidità disponibile in Bilancio o procedendo in autonomia alla cancellazione di ordini e/o alla chiusura
di posizioni.

Orari di termine del servizio


La posizione aperta in modalità Leva PLus deve essere chiusa in giornata entro gli orari definiti per lo
strumento finanziario negoziato, ossia entro le 17:20:00 per i titoli italiani ed europei e le ore 21:30:00
per i titoli USA.
Dopo questi orari la Banca:
inoltra al mercato la richiesta di revoca degli ordini d’acquisto o vendita scoperta di tipo Leva Plus
già inviati al mercato e non ancora eseguiti;
procede con la chiusura d’ufficio delle posizioni in vendita short di tipo Leva Plus mediante inoltro di
ordini d’acquisto d’ufficio;
in base alla priorità prescelta dal Cliente, normalizza le posizioni in acquisto di tipo Leva Plus
con la liquidità presente in Bilancio o invia ordini di vendita d'ufficio al mercato fino a chiusura della
posizione.

Short/Leva 15
Versione maggio 2017
Attenzione: si invitano i Clienti a provvedere autonomamente alla chiusura delle proprie posizioni entro i
termini indicati evitando che sia la banca ad agire d’ufficio per conto del Cliente. Si ricorda inoltre che le
chiusure d’ufficio sono soggette al pagamento di una penale costituita da una maggiorazione
commissionale.

Short/Leva 16
Versione maggio 2017
FAQ

Dove trovo l’elenco dei titoli abilitati al servizio?


Alla sezione “Servizi” – “Avvisi” - “Titoli abilitati Short e Leva”.

Come faccio a sapere entro quando devo chiudere la posizione in leva o short?
Gli orari sono riportati in questo manuale e nella sezione “Servizi” – “Avvisi” - “Titoli abilitati Short
e Leva”.

Come faccio a sapere qual è il controvalore massimo del singolo ordine short o leva o
della singola posizione?
Alla sezione “Servizi” – “Avvisi” - “Titoli abilitati Short e Leva”, per ogni titolo sono riportati i singoli
valori.

Come faccio a sapere se ho una posizione aperta in acquisto con leva?


Consultando il “Portafoglio”, le posizioni aperte in leva sono identificate da un’icona “L”. E’ inoltre
possibile visualizzare ulteriori dettagli visualizzando le colonne opzionali del portafoglio.

Come faccio a sapere se ho una posizione aperta in Leva Plus?


Consultando il “Portafoglio”, le posizioni aperte in leva sono identificate da un’icona “L+” o “S+” in
base al segno della posizione. E’ inoltre possibile visualizzare ulteriori dettagli visualizzando le
colonne opzionali del portafoglio.

Come faccio a chiudere una posizione d’acquisto in leva?


Vendendo i titoli oppure normalizzando la posizione, ossia vincolando la liquidità temporaneamente
“Finanziata” dalla banca cliccando sull’icona “L” presente nel portafoglio titoli.

Come faccio a chiudere una posizione in vendita scoperta con effetto leva?
Analogamente alle posizioni scoperte senza effetto leva, la posizione si chiude ri-acquistando i titoli
sul mercato. La funzione di normalizzazione dell’effetto leva incrementa il margine richiesto a
garanzia della posizione scoperta mantenendo la posizione allo scoperto.

Short/Leva 17
Versione maggio 2017