Sei sulla pagina 1di 4

CHEZ NOUS, …LE CIRQUE!

COOPERATIVA SOCIALE SPORTIVA DILETTANTISTICA O.N.L.U.S.


http://www.museodelcirco.it/
  
Via di Lupo Parra Sud, 151 - 56021 Navacchio, Cascina (PISA)
Telefono: (+39) 331 57 65 253
Mail: info@museodelcirco.it - coop@pec.museodelcirco.it
Cod. Fisc. e P. IVA.: 02150150502
Numero REA: PI - 185027
Iscrizione Albo Società Cooperative n° C103921

IL CIRCO A SCUOLA, … LA SCUOLA AL CIRCO!


Progetto di Scuola di Circo per la valorizzazione e
l’integrazione sociale e delle diversabilità

1. Introduzione: la Cooperativa “Chez nous, …le cirque!”


La Cooperativa Sociale Sportiva Dilettantistica “CHEZ NOUS, …LE CIRQUE!” O.N.L.U.S. nasce
nel 2014 come naturale proseguimento dell’Associazione Sportiva dilettantistica e culturale “Chez
nous, ... le cirque!”, affiliata UISP, nata nel 2005 per diffondere e promuovere la cultura e le arti
circensi, attraverso conferenze, seminari, progetti scolastici, proiezioni audiovisive, stage, corsi di
formazione, spettacoli e, soprattutto, attraverso la sua Scuola di Circo ed il suo Museo, l’unico in
Italia interamente dedicato al circo.
La biblioteca del Museo è in continuo ampliamento e conta attualmente oltre centocinquanta tra
monografie, saggi e testi d’epoca, oltre ad un corposo fondo di manifesti e locandine originali; la
videoteca offre più di cento titoli tra documentari, interviste, spettacoli integrali e pellicole
cinematografiche dedicate al circo ed ai suoi artisti.
Dal 2007, l’Associazione ha dato vita al progetto “A Scuola di Circo!”, un’introduzione pratica alle
arti circensi attraverso l’insegnamento dei fondamenti degli elementi scenici del circo, clownerie,
giocoleria, equilibrismo ed acrobatica, con lezioni dedicate a bambini e ragazzi e, dal 2008, anche
agli adulti.
Dal 2011 “Chez nous, … le cirque!” si occupa intensamente anche di progetti per la valorizzazione
e l'integrazione sociale delle diversabilità. Ad oggi la Scuola di Circo conta fra i propri allievi circa
il 15% di bambini e ragazzi con disturbi e disagi di vario genere ed entità; nel territorio della
provincia di Pisa seguiamo inoltre progetti per l'integrazione sia nelle scuole, a partire sin dalla
scuola dell'infanzia, sia in centri polifunzionali.
La Cooperativa si propone di proseguire il percorso intrapreso, estendendone il respiro e
coinvolgendo un numero crescente di realtà del territorio, associazioni e singoli cittadini, in modo
da arginare il lento processo di oblio di cui il circo è vittima troppo spesso impotente.
1
2. Il circo, una spettacolare “scuola di vita”
Il circo, nella sua denominazione più ampia, è al centro di un paradosso storico: seppur da sempre
parte integrante della storia europea e non solo, esso è oggi relegato ad un ruolo marginale sotto
ogni punto di vista.
Al contrario, riteniamo che il circo, grazie ai suoi profondi legami con il nostro territorio, sia non
solo un patrimonio artistico e culturale, ma anche umano ed educativo, e per questo debba essere
tutelato e diffuso.
Da questa convinzione nasce il progetto che qui presentiamo alla Vostra attenzione, nella speranza
che possa contribuire ad avvicinare ed integrare tutti i cittadini, ma soprattutto i giovani, ad un
mondo immenso, profondo, gioioso e dinamico ma spesso dimenticato, duro e persino
drammatico…
Sarebbe forse eccessivo definire per questo il circo una metafora dell’esistenza umana, ma
certamente esso è una realtà complessa e composita che non può e non deve essere dimenticata, un
contributo efficace alla formazione ed alla crescita psico-fisica di persone più aperte e disponibili
verso sé e verso gli altri, ed in grado di armonizzare e valorizzare le varie individualità, con le loro
peculiarità.

3. L'attività circense
Il progetto che qui presentiamo si propone di utilizzare le arti circensi come strumento per
implementare il movimento, l'integrazione e la valorizzazione delle diverse abilità di ogni
individuo; non ci prodighiamo per uniformarle alle capacità più diffuse, ma le esaltiamo per
potenziarle e superarle.
Verrà rivolta un'attenzione particolare ai partecipanti con special needs, come individui con
difficoltà psicofisiche e comportamentali, in modo che essi possano partecipare alle attività
seguendo il proprio ritmo di apprendimento.
Altrettanto importante è favorire l'apprendimento e la crescita di tutti i componenti del gruppo,
secondo i principi di comprensione, rispetto e valorizzazione della diversità, sia essa sociale,
psicofisica o di altra natura.
L'attività circense, che è per definizione collettiva, insegna la costruzione di una comunità, in cui
tutti sono importanti in egual misura, seppur con ruoli diversi.

3.1 Finalità generali dell'attività circense


Le lezioni pratiche mirano a favorire crescita e maturazione psico-fisica degli allievi, sollecitandone
ed esercitandone la concentrazione, la creatività, la coordinazione, l’equilibrio, l’autostima, la
costanza e l’ironia, nella continua armonizzazione delle diversabilità e delle diverse abilità.
2
Rispetto ad attività sportive di tipo agonistico e competitivo, viene privilegiato l’aspetto ludico,
educando alla collaborazione ed alla cooperazione per un fine comune, che viene conseguito
necessariamente attraverso la comunicazione, il rispetto reciproco e l’integrazione delle diverse
abilità e caratteristiche.
Nello specifico, gli obiettivi immediati delle lezioni, indipendentemente dall’età dei partecipanti,
sono:
 educazione all’espressione di sentimenti e disagi, con una spinta costante al superamento
delle proprie difficoltà in un contesto sociale e solidale;
 educazione all’apprendimento di schemi alternativi di pensiero, con un aumento della
capacità di condivisione e socializzazione;
 sviluppo delle capacità psicomotorie di base ed avanzate, con esercizi e giochi di
coordinazione, concentrazione ed equilibrio;
 potenziamento delle capacità sociali, educazione alla collaborazione e sensibilizzazione
verso le diversità come elementi di arricchimento;
 educazione alla tolleranza ed al rispetto, conoscenza e comprensione dell’altro e
valorizzazione ed integrazione della diversità come risorsa per il bene comune;
 sviluppo della creatività, educazione all’espressione, anche attraverso elementi teatrali e di
espressione non verbale.

3.2. Metodi e contenuti


Il progetto consiste in una introduzione alle arti circensi, alla clownerie, alla giocoleria,
all’equilibrismo e all’acrobatica, in cui tutti siano messi sullo stesso piano, al fine di fornire ai
partecipanti un completamento della loro formazione educativa ed introdurre un linguaggio nuovo e
antico al tempo stesso, con cui essi possano esprimersi o arricchire il proprio bagaglio culturale.
Il circo, dunque, diviene luogo ideale dove sviluppare ed accrescere le proprie competenze e le
proprie attitudini sociali, in cui esercizio fisico e sviluppo psichico si compenetrano e si integrano a
vicenda, nel rispetto e nella cooperazione comune per il bene della collettività.
Le lezioni prevedono un lavoro mirato con esercizi e giochi di coordinazione, equilibrio e
concentrazione, attraverso cui gli allievi apprenderanno come lavorare con e sul proprio corpo e, nel
contempo, ad utilizzare in maniera creativa oggetti ed attrezzi. Saranno forniti, in funzione dell’età
degli allievi, anche elementi di crescente difficoltà in acrobatica, clowneria e giocoleria, con
progressivi elementi di teatralità.
Nell’ambito delle lezioni, gli allievi saranno accompagnati nella sfida dei propri limiti sempre
nell’ottica del divertimento, ed invitati anche all’autoironia, in modo che non dimentichino
l’importanza dei proprio errori, che saranno visti come momenti costruttivi di apprendimento e
miglioramento, e non come fonte di vergogna o dileggio.

3
In dettaglio, le lezioni prevedono:
•Esercizi di concentrazione, coordinazione e di creazione del gruppo
•Esercizi per stimolare la percezione di sé e dello spazio
•Manipolazione creativa di oggetti
•Giochi di fiducia e relazione
•Elementi di equilibrismo ed acrobatica
•Elementi di clowneria
•Elementi di giocoleria
•Improvvisazione teatrale

Il progetto può essere adattato per le Scuole dell'Infanzia, della Scuola Primaria e della Scuola
Secondaria di Primo Grado.
Sono previsti 10 incontri di un'ora ciascuno a classe, a cadenza settimanale.

I corsi sono tenuti da personale qualificato della Cooperativa Sociale Sportiva Dilettantistica
“CHEZ NOUS, …LE CIRQUE!” O.N.L.U.S.

Cristiano Masi
A.D. Soc. Cooperativa Sociale Sportiva Dilettantistica
CHEZ NOUS, LE CIRQUE! ONLUS
info@museodelcirco.it
www.museodelcirco.it