Sei sulla pagina 1di 41

Analisi comparata decessi SARS-CoV-2

NUOVI RISCHI E RISPOSTE POSSIBILI


Rapporto contagi/decessi
in Italia

Al 15 luglio 2020
in Italia
Distribuzione decessi
regioni italiane
Molise
Basilicata
Umbria
Calabria
Sardegna
Valle d'Aosta
Bolzano
Sicialia
Friuli venezia Giulia
trento
campania
abruzzo
Puglia
lazio
marche
toscana
liguria
veneto
Piemonte
Emilia Romagna
Lombardia
0.00% 10.00% 20.00% 30.00% 40.00% 50.00% 60.00%

Dati al 09/07/2020 su un campione di 34.026 deceduti positivi a SARS-CoV-2


Rapporto contagi/decessi
regioni italiane Dati aggiornati al 16/07/2020

letalità % contagi morti


Molise Percentuale letalità 1 Lombardia 17,60% 95236 16765
Umbria
per Regione 2 Liguria 15,54% 10042 1561
Basilicata
3 Emilia Romagna 14,73% 28989 4271
Calabria
4 Marche 14,50% 6805 987
trento
5 Abruzzo 14,02% 3331 467
campania
6 Piemonte 13,07% 31515 4118
Sicialia
7 Valle d'Aosta 12,21% 1196 146
Sardegna
lazio
8 Puglia 12,05% 4541 547
Friuli venezia Giulia 9 Bolzano 10,91% 2677 292
veneto 10 Toscana 10,90% 10338 1127
toscana 11 Veneto 10,51% 19441 2043
Bolzano 12 Friuli Venezia Giulia 10,33% 3339 345
Puglia 13 Lazio 10,11% 8376 847
Valle d'Aosta 14 Sardegna 9,74% 1376 134
Piemonte 15 Sicilia 9,09% 3115 283
abruzzo 16 Campania 9,02% 4787 432
marche 17 Trento 8,30% 4881 405
Emilia Romagna 18 Calabria 7,96% 1218 97
liguria
19 Basilicata 6,67% 405 27
Lombardia
20 Umbria 5,51% 1452 80
0.00% 2.00% 4.00% 6.00% 8.00% 10.00% 12.00% 14.00% 16.00% 18.00% 20.00% 21 Molise 5,16% 446 23
Rapporto contagi/decessi
nel mondo Dati aggiornati al 16/07/2020

casi decessi % letalità Paesi con virus maggiormente letale


1 Yemen 1.526 433 28,4%
2 Belgium 63.039 9792 15,5% 30.0%
3 United Kingdom 293.469 45138 15,4%
4 Italy 243.506 34997 14,4% 25.0%
5 France 210.568 30123 14,3%
6 Hungary 4.279 595 13,9% 20.0%
7 Netherlands 51.570 6156 11,9%
8 Mexico 317.635 36906 11,6%
15.0%
9 Spain 257.494 28413 11,0%
10 Bahamas 119 11 9,2%
11 Chad 885 75 8,5% 10.0%
12 Canada 110.693 8857 8,0%
13 Ecuador 70.329 5158 7,3% 5.0%
14 Sweden 76.877 5593 7,3%
15 Ireland 25.683 1748 6,8% 0.0%
16 Barbados 104 7 6,7%
17 Sudan 10.527 668 6,3%
18 Niger 1.100 69 6,3%
19 Andorra 862 52 6,0%
20 Trinidad and Tob 133 8 6,0%
Fonte:
Rapporto contagi/decessi
nel mondo Dati aggiornati al 16/07/2020

casi decessi % letalità casi decessi % letalità


21 San Marino 699 42 6,0% 36 Indonesia 81.668 3873 4,7%
22 Switzerland 33.290 1969 5,9% 37 Angola 576 27 4,7%
23 Slovenia 1.897 111 5,9% 38 Gambia 64 3 4,7%
24 Guyana 313 18 5,8% 39 North Macedonia 8.530 393 4,6%
25 Romania 35.003 1971 5,6% 40 Denmark 13.325 610 4,6%
26 China 85.314 4644 5,4% 41 Germany 201.288 9086 4,5%
27 Belize 39 2 5,1% 42 Finland 7.293 328 4,5%
28 Burkina Faso 1.038 53 5,1% 43 Guatemala 32.074 1350 4,2%
29 Iran 267.061 13608 5,1% 44 Japan 23.496 984 4,2%
30 Algeria 20.770 1040 5,0% 45 Lithuania 1.902 79 4,2%
31 Mali 2.433 121 5,0% 46 Tanzania 509 21 4,1%
32 Greece 3.910 193 4,9% 47 Poland 39.054 1605 4,1%
33 Liberia 1.056 51 4,8% 48 Iraq 86.148 3522 4,1%
34 Syria 458 22 4,8% 49 Antigua and Barb 74 3 4,1%
35 Egypt 84.843 4067 4,8% 50 US 3.499.771 137420 3,9%
Fonte:
Rapporto contagi/decessi
nel mondo Dati aggiornati al 16/07/2020

casi decessi % letalità casi decessi % letalità


51 Sierra Leone 1.668 64 3,8% 66 Bosnia and Herzegovi 7.681 240 3,1%
52 Brazil 1.966.748 75366 3,8% 67 Uruguay 1.009 31 3,1%
53 Tunisia 1.327 50 3,8% 68 Somalia 3.083 93 3,0%
54 Colombia 159.898 5969 3,7% 69 Croatia 4.039 120 3,0%
55 Bolivia 52.218 1942 3,7% 70 Mauritius 343 10 2,9%
56 Austria 19.270 711 3,7% 71 Norway 9.011 254 2,8%
57 Peru 337.751 12417 3,7% 72 Honduras 30.036 825 2,7%
58 Monaco 109 4 3,7% 73 El Salvador 10.957 298 2,7%
59 Bulgaria 7.877 289 3,7% 74 Libya 1.589 43 2,7%
60 Cuba 2.438 87 3,6% 75 Albania 3.851 104 2,7%
61 Portugal 47.765 1679 3,5% 76 Philippines 61.266 1643 2,7%
62 Estonia 2.016 69 3,4% 77 Mauritania 5.564 149 2,7%
63 Moldova 20.040 662 3,3% 78 Czechia 13.475 355 2,6%
64 Afghanistan 35.070 1113 3,2% 79 Latvia 1.179 31 2,6%
65 Nicaragua 3.147 99 3,1% 80 India 968.876 24915 2,6%
Fonte:
Rapporto contagi/decessi
nel mondo Dati aggiornati al 16/07/2020

casi decessi % letalità casi decessi % letalità


81 Ukraine 57.640 1462 2,5% 101 South Sudan 2.153 41 1,9%
82 Turkey 215.940 5419 2,5% 102 Sao Tome and Pr 737 14 1,9%
83 Cameroon 15.173 359 2,4% 103 Benin 1.378 26 1,9%
84 Congo (Kinshasa) 8.199 193 2,4% 104 Montenegro 1.287 24 1,9%
85 Chile 321.205 7186 2,2% 105 Kenya 11.673 217 1,9%
86 Serbia 19.334 429 2,2% 106 Cyprus 1.025 19 1,9%
87 Nigeria 34.259 760 2,2% 107 Argentina 111.146 2050 1,8%
88 Zambia 1.895 42 2,2% 108 Senegal 8.481 156 1,8%
89 Comoros 321 7 2,2% 109 Zimbabwe 1.089 20 1,8%
90 Luxembourg 5.122 111 2,2% 110 Diamond Princes 712 13 1,8%
91 Kosovo 5.237 112 2,1% 111 Armenia 33.559 607 1,8%
92 Korea, South 13.612 291 2,1% 112 Thailand 3.236 58 1,8%
93 Brunei 141 3 2,1% 113 Ethiopia 8.181 146 1,8%
94 Suriname 849 18 2,1% 114 Burma 337 6 1,8%
95 Congo (Brazzaville) 2.222 47 2,1% 115 Equatorial Guinea 3.071 51 1,7%
96 Pakistan 257.914 5426 2,1% 116 Malawi 2.614 43 1,6%
97 Haiti 6.902 145 2,1% 117 Russia 751.612 11920 1,6%
98 Togo 740 15 2,0% 118 Morocco 16.424 260 1,6%
99 Panama 49.243 982 2,0% 119 Taiwan* 451 7 1,6%
100 Dominican Re 47.671 929 1,9% 120 Lebanon 2.542 38 1,5%
Fonte:
Rapporto contagi/decessi
nel mondo Dati aggiornati al 16/07/2020

casi decessi % letalità casi decessi % letalità


121 Georgia 1.006 15 1,5% 141 Madagascar 6.089 53 0,9%
122 Slovakia 1.951 28 1,4% 142 Israel 44.714 380 0,8%
123 South Africa 311.049 4453 1,4% 143 Tajikistan 6.695 56 0,8%
124 New Zealand 1.548 22 1,4% 144 Jordan 1.201 10 0,8%
125 Guinea-Bissau 1.842 26 1,4% 145 Paraguay 3.198 25 0,8%
126 Malaysia 8.737 122 1,4% 146 Gabon 6.121 46 0,8%
127 Eswatini 1.489 20 1,3% 147 Belarus 65.623 485 0,7%
128 Kyrgyzstan 12.498 167 1,3% 148 Kuwait 57.668 402 0,7%
129 Malta 674 9 1,3% 149 Mozambique 1.330 9 0,7%
130 Jamaica 763 10 1,3% 150 Cote d'Ivoire 13.403 87 0,6%
131 Azerbaijan 26.165 334 1,3% 151 West Bank and Gaza 7.412 47 0,6%
132 Bangladesh 196.323 2496 1,3% 152 Guinea 6.276 38 0,6%
133 Central African 4.362 53 1,2% 153 United Arab Em 55.848 335 0,6%
134 Liechtenstein 84 1 1,2% 154 Kazakhstan 65.188 375 0,6%
135 Lesotho 256 3 1,2% 155 Ghana 25.430 139 0,5%
136 Djibouti 4.985 56 1,1% 156 Iceland 1.911 10 0,5%
137 Australia 10.810 113 1,0% 157 Maldives 2.831 14 0,5%
138 Cabo Verde 1.837 19 1,0% 158 Uzbekistan 14.991 73 0,5%
139 Saudi Arabia 243.238 2370 1,0% 159 Oman 62.574 290 0,5%
140 Venezuela 10.428 100 1,0% 160 Costa Rica 8.986 40 0,4%
Elaborazione su dati

Rapporto contagi/decessi
Paesi fra 200mila/300mila contagi aggiornati al 16/07/2020

letalità virus in Paesi con contagi fra 200mila / 300mila


18.00%
letalità virus in Paesi con contagi fra 200mila / 300mila
16.00%
casi decessi % letalità
14.00%
1 United Kingdom 293.469,00 45138 15,38%
2 Italy 243.506,00 34997 14,37% 12.00%
3 France 210.568,00 30123 14,31% 10.00%
4 Mexico 317.635,00 36906 11,62%
8.00%
5 Spain 257.494,00 28413 11,03%
6 Iran 267.061,00 13608 5,10% 6.00%

7 Germany 201.288,00 9086 4,51% 4.00%


8 Peru 337.751,00 12417 3,68% 2.00%
9 Turkey 215.940,00 5419 2,51%
0.00%
10 Chile 321.205,00 7186 2,24%
Analisi dei differenti indici di letalità
SARS-CoV-2 è l’80% meno letale
in Perù, Turchia e Cile rispetto a Uk, Italia e Francia
% letalità

1 United Kingdom 15,38%


2 Italy 14,37%
3 France 14,31% Perù, Turchia e Cile
4 Mexico 11,62% hanno Sistemi Sanitari che hanno
5 Spain 11,03% saputo rispondere meglio riuscendo a
Iran 5,10%
In Perù, Turchia e Cile
6 far morire meno contagiati SARS-CoV-2
7 Germany 4,51% si sono diffusi ceppi di SARS-CoV-2
rispetto a Uk, Italia e Francia
8 Peru 3,68% meno aggressivi o mutati rispetto a
9 Turkey 2,51% quelli che si sono diffusi in
10 Chile 2,24% Uk, Italia e Francia

I dati diffusi sono non completi


o non veritieri
Virus più letale in alcuni Paesi per…
… Sistemi Sanitari inadeguati?
I 10 Paesi [con range: 200mila/300mila casi]
% letalità in cui il virus è stato più letale:
1 UK 15,38% EUROPA
2 Italy 14,37% EUROPA • 60% Paesi dell’Europa
3 France 14,31% EUROPA
• 30% Paesi del Sud America
4 Mexico 11,62% SUD AMERICA
• 10% Paesi dell’Asia
5 Spain 11,03% EUROPA
6 Iran 5,10% ASIA
7 Germany 4,51% EUROPA
Virus più letale in Paesi con
8 Peru 3,68% SUD AMERICA Sistemi Sanitari avanzati
9 Turkey 2,51% EUROPA
10 Chile 2,24% SUD AMERICA

Avuti più decessi perché i


Sistemi Sanitari non hanno retto?
Virus più letale in alcuni Paesi per…
…ceppo virale più aggressivo?
https://academic.oup.com/nsr/article/7/6/1012/5775463

• …questi due ceppi sembra si siano diffusi spazio


temporalmente in maniera differente…
• …il ceppo L più aggressivo ha aggredito la citta di Wuhan
e la regione di Hubei, dove la letalità è risultata più alta
nella prima fase dell’epidemia che ancora non vede
coinvolta l’Italia…

• …il ceppo S meno aggressivo si é diffuso fuori da Hubei, e


dal 7 gennaio era diventato dominante nella diffusione del
contagio… Avuti più decessi per diversa diffusione
• …chi contrae il ceppo S sembra sviluppare una semplice ceppi virali in Italia/Europa?
influenza, di qui l errore che ha indotto la comunità
scientifica a sottostimare SARS-CoV-2…
Dati

Patologie croniche nei deceduti in Italia

• Queste più comuni patologie croniche


preesistenti (diagnosticate prima di contrarre
l’infezione da SARS-CoV-2) nei pazienti
deceduti (campione di 3857 cartelle cliniche
analizzate al 09/04/2020)

• il 22% dei pazienti deceduti SARS-CoV-2 positivi


seguiva una terapia con ACEinibitori
• il 15% una terapia con Sartani (bloccanti del
recettore per l'angiotensina).
Dati

Patologie croniche nei deceduti in Italia


Decessi per fascia di età Dati al 09/07/2020 su un campione di 34.026 deceduti positivi a SARS-CoV-2

Deceduti con meno di 50 anni: 385 su 34.026 casi totali (1,1%)


Deceduti con meno di 40 anni: 86 (0,25% del totale)
Dati

Sintomi dei deceduti SARS-CoV-2


L’indagine ISTAT su cause mortalità
• Elaborato congiuntamente da Istat e Istituto Superiore di
Sanità è una analisi approfondita delle malattie presenti sulle
schede di morte di soggetti con tampone positivo a SARSCoV2

• Non studia l’impatto della pandemia sui livelli di mortalità


totale ma aspetti epidemiologici legati alla presenza di
malattie o gruppi di malattie che hanno contributo al decesso

Obiettivo dell’indagine

https://www.istat.it/it/files/2020/07/Report
«Comprendere in quanti casi COVID-19 sia
_ISS_Istat_Cause-di-morte-Covid.pdf stato effettivamente la causa principale,
direttamente responsabile del decesso e quale
Pubblicato il 16 luglio 2020
sia stato il ruolo di altre malattie»
L’indagine ISTAT: i risultati
Covid-19 è causa diretta di morte nell'89% dei
decessi di persone positive al test tampone
Anche in presenza di altre malattie/condizioni
(comorbilità) è stato il virus a determinare il decesso

Le complicanze di SARS-CoV-2 che portano al decesso sono:

• polmonite (79% dei casi)


https://www.istat.it/it/files/2020/07/Report • l'insufficienza respiratoria (55%)
_ISS_Istat_Cause-di-morte-Covid.pdf • shock (6%)
Pubblicato il 16 luglio 2020 • sindrome da distress respiratorio acuto (6%)
• complicanze cardiache (3%)
• sepsi e le infezioni non specificate (3%)
L’indagine ISTAT: i risultati
Nell’11% dei decessi di pazienti positivi a SARS-CoV-2
la causa principale del decesso non è stata il virus

• malattie cardiovascolari (4,6%)


• tumori (2,4%)
• malattie del sistema respiratorio (1%)
• diabete (0,6%)
• demenze e malattie dell'apparato
digerente (0,6% e 0,5%)
https://www.istat.it/it/files/2020/07/Report
_ISS_Istat_Cause-di-morte-Covid.pdf

Pubblicato il 16 luglio 2020


Patologie e condizioni croniche
L’indagine ISTAT: i risultati
nel 28,2% dei decessi analizzati
non ci sono concause di morte
non vi è indicazione da parte del medico della presenza
di altre cause che possano aver contributo al decesso

https://www.istat.it/it/files/2020/07/Report SARS-CoV-2 «può rivelarsi fatale


_ISS_Istat_Cause-di-morte-Covid.pdf
anche in assenza di concause»
Pubblicato il 16 luglio 2020
L’indagine ISTAT: i limiti
«è bene tenere a mente quali sono le caratteristiche di questa
fonte di dati per comprendere meglio le informazioni che essa
fornisce. Innanzitutto, è importante notare che sulla scheda di
morte sono riportate le condizioni che hanno avuto un ruolo
nel determinare il decesso (sono cause di morte), quindi non
sono necessariamente riportate tutte le malattie di cui il
deceduto era affetto. Inoltre, la certificazione deve avvenire entro
24 ore dall’evento e il medico deve compilare la scheda secondo
scienza e coscienza sulla base delle informazioni possedute al
momento della compilazione. È quindi possibile che alcune
informazioni rilevanti o dettagli utili a migliorare la specificità delle
https://www.istat.it/it/files/2020/07/Report
_ISS_Istat_Cause-di-morte-Covid.pdf
cause riportate non siano note al certificatore al momento della
compilazione»
Pubblicato il 16 luglio 2020
(pag. 14)
Mortalità in Italia nel periodo della pandemia
«Un lavoro appena pubblicato su JAMA Internal Medicine
fa il punto sui decessi in Italia, evidenziando il devastante
impatto del COVID-19 sulla mortalità generale. Numeri su
cui riflettere di fronte alle incognite che ancora
permangono.

Basta guardare il grafico da poco uscito su una prestigiosa


https://www.medicalfacts.it/2020/07/23/ rivista, che mostra quante persone sono morte in ben 1.689
coronavirus-non-si-scherza-con-i-numeri/ comuni italiani (più del 20% del totale) nei primi mesi degli
anni dal 2015 fino al 2020. Come potete vedere, fino alla
settimana del 23 febbraio 2020 le persone morivano
“Non si scherza con i numeri. Il virus è pronto a esattamente nella stessa misura degli anni precedenti. Da
ripartire come ha fatto in Spagna”. È il monito del quel momento il numero dei morti si è impennato. Negli
virologo Roberto Burioni che in un articolo pubblicato anni precedenti morivano mediamente 4-5000 persone a
su Medical Fcts commenta uno studio pubblicato su settimana; dal 15 al 28 marzo abbiamo superato i diecimila
Jama Internal Medicine sui decessi in Italia nel decessi a settimana. Il fatto che questi morti in eccesso siano
periodo più duro dell’emergenza Covid-19. stati per lo più uomini e siano stati concentrati in Lombardia
suggerisce fortemente che questo eccesso di morti sia legato
al coronavirus»
Lo studio JAMA Internal Medicine su
mortalità in Italia nel periodo della pandemia
JAMA Intern Med. Published online July 20,
2020
doi:10.1001/jamainternmed.2020.2543

https://jamanetwork.com/journals/jamainterna
lmedicine/article-abstract/2768649 /
Attività quotidiane e rischio contagio
Un gruppo di ricercatori negli Stati Uniti ha ideato un
elenco di attività classificate in relazione al
rischio di contrarre il Covid-19.

I ricercatori della Task Force Covid-19 della Texas


Medical Association (TMA) e del Comitato TMA
sulle malattie infettive hanno classificato una serie di
attività in questo modo: basso rischio, rischio basso-
moderato, rischio moderato, rischio medio-alto e
rischio elevato.

Aprire la posta e ricevere cibo d'asporto da un


ristorante figurano tra le attività elencate nella
sezione a basso rischio, mentre mangiare a un
buffet, andare per locali e partecipare a eventi con
una grande folla come un concerto sono considerati
ad alto rischio.

https://www.texmed.org/TexasMedicineDetail.aspx?id=53977
Attività quotidiane a basso rischio contagio
Attività quotidiane a moderato rischio contagio
Attività quotidiane a alto rischio contagio
Attuale situazione / i contagi
• Continua l'aumento di • In Basilicata aumentano i positivi
isolamenti fiduciari per la maggior parte dei casi
• Focolai che si accendono lungo bengalesi trasferiti in Basilicata
tutta Italia Sud compreso dalla Sicilia, dopo il loro sbarco
• in Campania crescita dei casi
• Crescono i casi di coronavirus in • in Spagna focolai di coronavirus.
Veneto La maggior parte dei nuovi
• Emilia Romagna passa in testa positivi sono collegati ad attività
nella classifica dei nuovi casi di raccolta della frutta, oltre a
• Nel Lazio salgono circa la metà luoghi in cui le misure di
https://www.lastampa.it/cronaca/2020/07/22/news/coronavirus sono casi di importazione prevenzione vengono allentate,
-in-italia-impennata-dei-contagi-l-emilia-romagna-supera-la- come gli ambienti familiari e le
lombardia-focolai-anche-in-basilicata-1.39112349
discoteche
Attuale situazione / i contagi

… una cena a base di pesce crudo, al "Best Sushi" di Savona, a innescare una catena che ha chiuso in casa 1.580
persone. Tante sono le ordinanze di sorveglianza attiva emesse dall'Asl 2 in una sola settimana. I numeri riportano ai
giorni neri di marzo e aprile, anzi superano di gran lunga le 1.273 quarantene del 24 aprile. A un tale numero di
isolamenti corrispondono "solo" 7 ricoveri in ospedale (comunque uno in più di martedì), mentre tutte le altre persone
stanno bene e sono in prevalenza asintomatiche…
Attuale situazione / i contagi

… per la prima volta dal 18 giugno i nuovi casi di coronavirus tornano a sforare quota 300, esattamente 306 nelle
ultime 24 ore. Erano 129 solo due giorni fa. A favorire l’escalation la miriade di focolai che accendono oramai in tutta
Italia, tant’è che oggi solo la Valle d’Aosta può segnare casi alla casella dei nuovi contagi. Poche settimane fa la metà
delle regioni era Covid free. Salgono di poco i decessi da 9 a 10. Esplosione di contagi a Trento, che dai 20 di eri balza a
30 oggi. Due giorni fa se ne contavano un paio.…
Attuale situazione / nelle imprese

https://www.corriere.it/economia/professionisti/20_luglio_20/contagi-posto-lavoro-
giugno-quasi-50-mila-dati-dell-inail-880500f6-ca6a-11ea-b15c-cd9b33ddf899.shtml

Secondo gli ultimi dati Inail alla data del 30 giugno sono 49.986 gli infetti, 965 in più rispetto al monitoraggio del 15
giugno. I casi mortali sono 252 (+16), concentrati soprattutto tra gli uomini (82,5%) e nelle fasce 50-64 anni (69,8%) e over
64 anni (19,5%), con un’età media dei deceduti di 59 anni. Mentre se si guarda ai contagi le più colpite sono le donne: il
71,6% con un’ età media di 47 anni. Resta ancora aperta la questione relativa al contagio come infortunio sul lavoro.

Se si guardano i dati a livello territoriale emerge come più di otto denunce su 10 siano concentrate nell’Italia
settentrionale: il 56,2% nel Nord-Ovest e il 24,2% nel Nord-Est, seguiti da Centro (11,8%), Sud (5,7%) e Isole (2,1%)
Attuale situazione / i test

Promossa da Ministero della Salute […]per scoprire quante persone nel nostro Paese hanno sviluppato anticorpi al coronavirus, per
realizzarla il Governo ha stanziato circa 4,5 milioni di euro. Partita il 25 maggio, si è conclusa ieri con un risultato al di sotto delle
aspettative di ideatori e organizzatori. All’appello, infatti, ha risposto circa la metà del campione individuato - centocinquantamila
persone in duemila comuni.

Sebbene molto al di sotto delle aspettative, il risultato raggiunto - circa 75.000 test effettuati - è ritenuto comunque utile a definire
un campione rappresentativo per individuare la percentuale di quanti hanno sviluppato gli anticorpi al coronavirus anche in
assenza di sintomi e stimare l’estensione dell’infezione per modulare le misure di contenimento del contagio.
La risposta / Strategia e Sistemi integrati
Progetto #aziendefreecovid
#aziendefreecovid / Come è nato il progetto
Nelle settimane di lockdown un gruppo di professionisti
pugliesi - coordinati dal direttore della struttura speciale di
coordinamento Health Marketplace Felice Ungaro - ha
approfondito le evidenze scientifiche sul nuovo
Coronavirus e ha immaginato una risposta integrata che
permettesse alle aziende di continuare le proprie attività
lavorative mantenendo i più alti standard di sicurezza in
tema di prevenzione anche nell’ottica di affrontare
diversamente un’eventuale ripresa della pandemia.
Il lavoro del virtual tank ha dato vita ad una Strategia per
la gestione della Fase in atto della pandemia elaborata
sulle evidenze scientifiche delle principali pubblicazioni a
tema SARS-CoV-2 e contenute nel diagramma Dataflow
costituito da oltre 300 pubblicazioni. La Strategia in atto ha
trovato applicazione pratica nel progetto
#aziendefreecovid / Dataflow
Il progetto e la strategia che lo ha
ispirato sono stati determinati
dall’analisi di centinaia di
pubblicazioni scientifiche
a tema SARS-CoV-2

Gli estratti dalle riviste scientifiche


internazionali (oltre 300
pubblicazioni consultate)
Periodo: marzo / giugno 2020
Sono sintetizzate in questo
diagramma denominato DATAFLOW
#aziendefreecovid / in sintesi
il Progetto Sperimentale #aziendefreecovid permette alle
imprese di migliorare la sicurezza fra i lavoratori e le
lavoratrici in tema di contagio da SARS-CoV-2.
Il Progetto nella fase sperimentale, operativo entro un paio di
settimane e della durata di due mesi, coinvolge 1.000
lavoratori provenienti da Aziende di tutte le province
pugliesi, con una rappresentatività maggiore per la provincia
di Taranto. Il progetto propone all’interno dei luoghi di lavoro
Sistemi tecnologici integrati per la prevenzione attiva del
contagio fra lavoratori e lavoratrici ed un percorso di
screening per la ricerca di anticorpi SARS-CoV-2 al fine di
individuare precocemente casi positivi asintomatici e/o
paucisintomatici ed indagare tempestivamente i contatti che
questi hanno avuto negli spazi aziendali cosi da individuare
eventuali nuovi focolai.
#aziendefreecovid / Flusso operativo
Il Progetto prevede - previo consenso da parte del lavoratore
e della lavoratrice e del suo datore di lavoro - che ogni due
settimane e per due mesi all’interno di uno spazio aziendale
allestito allo scopo secondo tutte le norme di sicurezza,
igiene e prevenzione del contagio - gruppi fissi di lavoratori
vengono sottoposti a test sierologici rapidi (pungidito)
attraverso un prelievo di sangue capillare dal polpastrello e
alla raccolta quotidiana e registrazione dei parametri clinici
e/o vitali del lavoratore (Triage) mediante la compilazione di
questionari dedicati, connessi ad apposita APP, in grado di
registrare quotidianamente e in maniera del tutto volontaria
i dati rilevati da effettuarsi ad ogni ingresso a lavoro.
La particolarità della sperimentazione ha destato anche
l’interesse dell’Inail Puglia che ha aderito al progetto con
una sua rappresentanza.
#aziendefreecovid / Flusso operativo
In caso di test negativo il lavoratore è ammesso a
lavoro ed invitato ad indossare i DPI e dispositivi a
radiofrequenza che segnalano e memorizzano i
contatti troppo ravvicinati fra lavoratori.
In caso di esito positivo, ovvero in caso di presenza
di anticorpi IgM e/o IgG per SARS-CoV-2, il Medico
aziendale dispone l’allontanamento temporaneo
dall’attività lavorativa del soggetto interessato, il
quale si sottoporrà a tampone naso-faringeo al fine
di confermare o escludere infezione in atto.

Inoltre, al fine di migliorare la sicurezza del dato, la


memorizzazione dei risultati è affidata a tecnologie
blockchain permissionless, gestendo i dati raccolti in
modo rispettoso della riservatezza e della privacy
#aziendefreecovid / Il valore aggiunto
Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano ribadisce che “il
valore aggiunto della Sperimentazione sta nell’applicazione di un
metodo integrato, dal questionario-Triage online, al test sierologico a
sistemi tecnologici innovativi come “l’App del lavoratore/ce” al fine di
tutelare al meglio i timori e paure del lavoratore e della lavoratrice e
far convivere concretamente la salute con l’economia, evitando che si
verifichino casi di nuovi focolai come quelli registrati in questi giorni in
Italia d in altri Paesi europei».
A questo scopo è strumento utilissimo, già integrato nel Progetto, l’APP
Immuni per tracciare in maniera del tutto volontaria i contatti a rischio.
«La Sperimentazione consentirà, inoltre una indagine epidemiologica,
in perfetta sintonia con quella avviata a livello nazionale, sulla
diffusione dell’infezione da Coronavirus a livello regionale, dati utili non
solo al proprio Sistema economico regionale ma alla comunità che
attende con urgenza regole semplici ed efficaci e che permettano di
lavorare in maggiore sicurezza”.
#aziendefreecovid / Strategia sistemica
Il Progetto è il risultato dell’applicazione di una

Strategia sistemica e di un metodo integrato

Sanitario Economico

Sociale