Sei sulla pagina 1di 1

Anime in plexiglass

Prende quota il ritmo della notte


fra tamburi e canti di guru

e sotto, sotto, sotto, sotto, sotto, sotto


c'è quel movimento clandestino di cantine blues.

Una volta, qui c'era il Bar Mario:


l'han tirato giu' tanti anni fa

e i vecchi, i vecchi, i vecchi, i vecchi, i vecchi, i vecchi,


sono ancora lì che dicono che senza non si fa oooh.

E, su, il controllo sembra un tempio ooh,


non sanno che siamo quaggiu' oooh.
Il plexiglas sarà l'esempio e noi rischiamo
molto, ma, qua proprio non se ne può piu'.

Le anime in plexiglas stanno ballando un tango.


Le anime in plexiglas stan dimostrando come si fa uno
show.
Le anime in plexiglas stan trasudando fango.

Le anime in plexiglas stanno insegnando:


sgarrare non si può, sgarrare non si può, sgarrare non si
può.

Camminando nel condotto sette


si arriva nella New Carboneria:

è qua, è qua, è qua, è qua, è qua, è qua


che si può far l'amore certi che la ronda non ci sia.

E poi c'è il capo che ci riempie l'aria


con la Gibson che ha rubato lui
e sopra, sopra, sopra, sopra, sopra, sopra
vanno avanti con lo show che è destinato pure a noi ooh.

E su, il controllo, sono tranquilli ooh,


che replicanti non ce n'è ooh.
I vigilantes sono svegli: è dura stare al mondo nel 2123.
Rit.
(Strumentale) Rit.
Rit. +1