Sei sulla pagina 1di 81

www.mondoforex.

com
1
www.mondof
orex.com
1. CAPITOLO UNO

1.1 COS'E' IL FOREX? pag. 6

1.2 BREVE STORIA DEL FOREX pag. 6


1.3 QUALI STRUMENTI FINANZIARI SI USANO NEL FOREX pag. 7
1.4 PERCHE' FARE TRADING NEL FOREX? pag. 8
1.5 I RISCHI pag. 9
1.6 LE VALUTE PIU' SCAMBIATE NEL FOREX pag. 10
1.7 GLI INDICI E LE MATERIE PRIME TRATTATE NEL FOREX pag. 10
1.8 L'ORARIO DEI MERCATI pag. 12
1.9 I PIPS pag. 12
1.10 LA VOLATILITA' pag. 13
1.11 LA CICLICITA' pag. 16
1.12 CALCOLARE IL PROFITTO pag. 17

2 CAPITOLO DUE

2.1 I GRAFICI NEL FOREX pag. 19


2.2 IMPARARE A LEGGERE I GRAFICI pag. 23
2.3 SUPPORTI E RESISTENZE pag. 27
2.4 LE FIGURE DEI GRAFICI pag. 29
2.5 LE FIGURE DI INVERSIONE DEL TREND pag. 34
2.6 LE FIGURE DI CONTINUAZIONE DEL TREND pag. 39
2.7 QUAL'E' LA TIMELINE IDEALE? pag. 41
2.8 GLI INDICATORI DI MERCATO pag. 43

3 CAPITOLO TRE
3.1 IMPARARE A PREVEDERE I SEGNALI DEL MERCATO pag. 49
3.2 FOREX E PSICOLOGIA pag. 50
3.3 FOREX: LE TEORIE pag. 51
3.4 INTRADAY TRADING pag. 55

www.mondoforex.com
2
www.mondof
orex.com
3.5 LO SCALPING pag. 55
3.6 COME APRIRE UN ORDINE FOREX E TIPI DI ORDINE pag. 56
3.7 L'EFFETTO LEVA pag. 57
3.8 STRUMENTI FINANZIARI pag. 58
3.9 QUANDO CONVIENE ENTRARE IN UNA TRANSAZIONE? pag. 59
3.10 QUANDO CONVIENE USCIRE DA UNA TRANSAZIONE? pag. 60
3.11 I PIVOT POINT pag. 60

4 CAPITOLO QUATTRO
4.1 I TRADER, QUALI SONO E COME SCEGLIERE QUELLO IDEALE pag. 64

5 CAPITOLO CINQUE
5.1 FOREX: GLOSSARIO DEI TERMINI PIU' USATI pag. 70
5.2 GUADAGNARE AL FOREX pag. 77
5.3 SULL'IMPORTANZA DELLO STOP LOSS pag. 78
5.4 UN ESEMPIO DI TRANSAZIONE pag. 79

www.mondoforex.com
3
www.mondof
orex.com
PREFAZIONE

Questa guida vuole essere un aiuto a tutti quelli che vogliono iniziare ad operare in questo nuovo
mercato, ma allo stesso tempo vuole fornire delle informazioni e dei “trucchi del mestiere” a chi già
mastica di Forex.

La domanda è: perché dovreste voler operare nel Forex?

Ognuno ha diversi motivi: c'è chi vuole farlo perché ama il rischio, chi lo fa per provare a trarre un
profitto, chi lo fa per vivere. Indipendentemente da quale sia la vostra motivazione, benvenuti in
questo affascinante mondo, che non mancherà di stupirvi, di farvi esultare e di farvi, si spera,
guadagnare.

Il nostro consiglio è quello di non fare mai le cose di fretta e di ragionare il più possibile. Studiate,
restate sempre informati su quello che accade nel mondo (perché, come leggerete in seguito, gli
andamenti del mercato del Forex sono influenzati da tantissime variabili) e, soprattutto, non
investite mai nel Forex del denaro che vi è strettamente necessario (come quello che vi serve per
pagare una rata del mutuo, ad esempio).

Restate, quindi, sempre aggiornati: sul nostro sito, www.mondoforex.com, trovate ogni giorno
degli articoli sempre freschi e le nostre personali previsioni sull’andamento delle principali valute.

Detto questo, non resta che augurarvi buona lettura e buon Forex!

Stefano Brighenti
Amministratore Mondoforex Network

www.mondoforex.com
4
www.mondof
orex.com
www.mondoforex.com
5
www.mondof
orex.com
COS'E' IL FOREX?
Forex è l'acronimo di Foreign Exchange
Market e, sostanzialmente, indica il mercato
delle valute. E' senza dubbio il più grande
mercato del mondo come valore delle
transazioni effettuate giornalmente. Si
stima, infatti, che ogni giorno nel mercato
del Forex vengano scambiati quasi 2.000
miliardi di dollari.

Al suo interno operano diversi tipi di


operatori, come le grosse banche, gli
speculatori finanziari, i governi, nonché i
piccoli investitori. Questi ultimi, però,
possono partecipare solo attraverso degli intermediari finanziari autorizzati, chiamati broker.

Le caratteristiche principali del mercato del Forex sono:

 volume degli scambi, calcolato in miliardi di dollari al giorno;


 grande liquidità degli scambi;
 possibilità di fare Forex ovunque nel mondo;
 mercato aperto 24 ore su 24;
 tassi di cambio delle valute influenzati da tantissimi fattori.

BREVE STORIA DEL FOREX

Il Forex è un mercato che è stato creato nel 1971, con l'apparire dei tassi di cambio fluttuanti. Prima di
questa data il Bretton Woods Agreement, un accordo su scala internazionale, impediva la contrattazione
sulle valute e, di conseguenza, la speculazione valutaria.

www.mondoforex.com
6
www.mondof
orex.com
L'origine di questi accordi è da ricercare nel 1944, stilati per evitare la fuga di capitali tra le nazioni, alla fine
della seconda guerra mondiale, e quindi aiutare la stabilizzazione delle valute.

Nel tempo la necessità di questi accordi venne meno, tanto da essere aboliti definitivamente. Nel 1980 i
movimenti di scambio tra le valute conobbero una forte accelerazione grazie ai computer.

Se in precedenza il Forex era sostanzialmente un mercato interbancario, ovvero rivolto prevalentemente


agli istituti di credito, proprio la possibilità di operare via internet in tempo reale ha fatto sì che il Forex
conoscesse un'espansione assolutamente incredibile.

Ad oggi il più grosso mercato di Forex del mondo è quello di Londra. Il fatturato totale giornaliero di questo
mercato è di circa 3,2 trilioni di dollari

QUALI STRUMENTI FINANZIARI SI USANO NEL FOREX


Gli strumenti finanziari usati nel mercato
del Forex sono diversi:

 Forward Transaction, ovvero un


contratto con il quale il denaro
non passa di mano fino ad una
certa data futura. Venditore e
compratore si accordano il tasso
di cambio futuro. Il lucro sta nella
differenza tra i due tassi di
cambio. La durata di questa
operazione può essere,
indifferentemente, di giorni, mesi
o anni;
 Futures, sono degli accordi che hanno ad oggetto una scambio di una certa quantità di denaro
prestabilita ad una data, anch'essa prestabilita. Solitamente la durata del contratto è di 3 mesi.

www.mondoforex.com
7
www.mondof
orex.com
 Swap, due parti si scambiano un certo ammontare di valuta con l'accordo di invertire nuovamente
le posizioni entro una certa data futura.
 Spot, è una forma di scambio simile ai Futures, ma con la differenza che dura solitamente solo 2
giorni.

PERCHE' FARE TRADING NEL FOREX?


La prima cosa da sapere è che in Italia le
valute acquistate con il Forex sono tassate
e tassabili solo se mantenute per almeno
7 giorni lavorativi e se l'importo supera le
vecchie 100 milioni di lire. Se quindi
volete fare Forex per divertimento o per
provare, andate pure tranquilli.

In secondo luogo, andiamo ad analizzare


quali sono le principali ragioni che
possono spingere a fare Forex.

La prima grande ragione è, senza dubbio, il fatto che con il Forex puoi guadagnare anche quando il
mercato è in discesa.

Puoi infatti aprire nuove posizioni in Buy o in Sell. Nel primo caso, voi "scommettete" sul fatto che quel
dato indice o valuta salirà e, quindi, se sale guadagnate denaro. Nel secondo caso, invece, voi
"scommettete" sul fatto che quel dato indice o valuta scenderà e, se scende, guadagnate. Finché andrete
nella giusta direzione di mercato, potrete sempre realizzare dei profitti.

La seconda ragione è l'operatività del Forex, aperto 24 ore su 24 dal lunedì al venerdì. Questo vi permette
di fare trading quando preferite.

La terza ragione è la leva, che dà al broker la possibilità di fare grandi profitti mantenendo al minimo il
rischio sul capitale investito. Ad esempio, una leva di 200 a 1 significa che per acquistare un paniere di

www.mondoforex.com
8
www.mondof
orex.com
10.000 dollari, dovete investirne solo 50 reali. L'ammontare della leva dipende dal broker con cui decidete
di operare e che operazione volete fare, in quanto la leva sugli indici può essere diversa da quella sulle
valute.

La quarta ragione è senza dubbio la facilità con cui potete avvicinarvi al mercato del Forex. Tutti i broker
on line danno la possibilità di provare la loro piattaforma con un conto di prova, a volte di 50.000 dollari,
altre di 100.000 . Grazie a questo conto di prova, ma basato sui reali andamenti di mercato, riuscirete
senz'altro a capire se il Forex può fare per voi e se ne siete portati. Quando siete pronti a fare sul serio,
potete aprire il vostro conto anche con un minimo investimento iniziale di100 dollari, sempre a seconda del
broker con cui decidete di operare.

La quinta ed ultima ragione è che non si paga alcuna commissione sulle operazioni effettuate, in quanto il
broker guadagna dallo spread bid-ask, ovvero dalla differenza tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita di
una valuta o di un indice.

I RISCHI
Il Forex, come tutti i mercati legati alle
azioni, è un mercato non esente da rischi.
Quali sono quelli maggiori?

Senza dubbio i rischi legati alla


fluttuazione del cambio, se magari non va
nella direzione da noi prevista.
Il secondo rischio è quello legato alle
differenze tra i tassi di interesse dei paesi
delle valute trattate.
L'ultimo possibile rischio riguarda i
governi dei paesi delle valute trattate, in
quanto la situazione globale di un paese
influisce, a volte anche notevolmente, sulla forza della valuta e, di conseguenza, sui tassi di cambio della
stessa contro altre valute.

www.mondoforex.com
9
www.mondof
orex.com
LE VALUTE PIU' SCAMBIATE NEL FOREX
Uno dei mercati principali in cui vi
ritroverete ad operare con il Forex è
sicuramente quello delle valute. Dovrete,
ad esempio, intuire se il Dollaro scende
rispetto alla Sterlina, oppure se lo Yen
Giapponese sale rispetto all'EURO.

Proprio le valute sono un aspetto molto


interessante da considerare. Per prima
cosa, occorre sapere che, a seconda del
broker con cui decidete di operare,
potrete avere la possibilità di operare con
più o meno valute. Quelle essenziali, però,
ci sono sempre: Dollaro Statunitense, Sterline inglese, Euro e Yen Giapponese.

Tra le valute aggiuntive potrete anche trovare il Dollaro Canadese o il Franco Svizzero.

Il momento migliore per fare trading EUR/USD e GBP/USD è durante la fine della sessione di Tokyo e
l'apertura della sessione di Londra, mentre il momento migliore per fare trading USD/JPY è durante la
sessione di Tokyo.

GLI INDICI E LE MATERIE PRIME TRATTATE NEL FOREX

Oltre alle valute, il Forex ti dà anche la possibilità di operare sugli indici e sulle materie
prime.

Gli indici rappresentano l'andamento delle principali borse del mondo. Il valore di un
indice è formato da un determinato numero di titoli, che varia a seconda dell'indice e che
sono quotati nella borsa del paese. Ad esempio, l'indice FTSE 100 è rappresentato dai

www.mondoforex.com
10
www.mondof
orex.com
titoli azionari delle 100 maggiori aziende quotate nella borsa di Londra. L'andamento di questo indice
rappresenta l'andamento della borsa di Londra. Senza entrare nel dettaglio, se l'indice è in positivo,
significa che la maggior parte dei titoli che lo rappresentano sono saliti, se invece l'indice è in negativo,
significa che la maggior parte dei titoli che lo rappresentano sono scesi.

Nel mercato del Forex è possibile trattare gli indici, ma la loro contrattazione è limitata agli orari di apertura
della borsa nel paese di riferimento.

Tra gli indici più importanti, sui quali è possibile investire, ci sono:

 CAC 40, è l'indice della borsa di Parigi;


 DAX 30, è l'indice della borsa di Francoforte;
 FTSE 100, come abbiamo già visto è l'indice della borsa di Londra;
 NASDAQ 100, è l'indice della borsa Statunitense di Wall Street, New York.

Oltre agli indici e alle valute, alcuni broker ti danno anche la possibilità di operare nel settore delle materie
prime. E' un settore senza dubbio molto interessante, che può costituire una valida alternativa a fare
trading sulle valute o sugli indici. Per qualcuno, invece, può essere anche il settore prevalente.

Tra le materie prime sulle quali è possibile operare, ci sono senza dubbio le principali e famose: petrolio,
oro e argento. Oltre a queste ci sono anche altre possibilità, come ad esempio il caffè, il cotone, la seta.
Molto, in quest'ultimo caso, dipende da che possibilità ci dà la nostra piattaforma di broker.

www.mondoforex.com
11
www.mondof
orex.com
L'ORARIO DEI MERCATI

Il Forex è un mercato aperto 24 ore su 24. I mercati mondiali, però, non restano aperti per 24 ore su 24,
ma hanno degli orari di apertura e di chiusura ben precisi. Secondo gli orari GMT (quelli di Greenwich), il
mercato di Tokyo apre al mezzanotte e chiude la mattina alle 8, il mercato di Londra apre alle 8 di mattina e
chiude alle 16, mentre il mercato statunitense apre alle 13 e chiude alle 21. Per calcolare il relativo orario in
Italia, basta aggiungere un'ora di fuso orario. Ecco un chiaro grafico che riporta gli orari di contrattazione.

I PIPS
Il pip è l'unità di prezzo più piccola
relativa ad un indice, una valuta o una
materia prima. Il concetto di pip viene
usato per calcolare la differenza di prezzo
di una valuta, un indice o una materia
prima in due momenti diversi.

Ad esempio, se il prezzo del cambio


EUR/GBP alle 9:00 è 1,5000 e alle 10:00 è
1,5010 , la differenza tra i due valori è di
dieci pips. Ogni pip ha un dato valore. Nel
cambio valute è solitamente pari a 50
centesimi di dollaro.

www.mondoforex.com
12
www.mondof
orex.com
LA VOLATILITA'
La volatilità è una delle caratteristiche principali del mercato del Forex. Tra gli aggettivi che vengono usati
per definirlo, infatti, si usa spesso anche il termine volatilità. Ma cos'è in realtà?

Per volatilità si intende l'ampiezza del cambiamento di prezzo in un determinato periodo di tempo.
Maggiore è l'ampiezza del movimento del prezzo, più grande sarà la volatilità, e viceversa.

Riportiamo con un esempio grafico un momento in cui il Forex è molto volatile e uno in cui ha una bassa
volatilità.

Come possiamo vedere, nel momento di


alta volatilità il prezzo subisce grandi
variazioni, mentre nel momento di bassa
volatilità resta abbastanza stabile.

La volatilità presenta alcune caratteristiche


che è bisogna sempre ricordare:

 Ciclicità : La volatilità tende a


muoversi a cicli. Aumenta fino al
suo punto di massimo, quindi si
inverte fino a raggiungere il suo
punto di minimo per poi
riprendere il ciclo. C’è anche chi afferma che la volatilità sia uno strumento più prevedibile rispetto
al puro prezzo e, per questo motivo, hanno ideato delle strategie che hanno proprio la volatilità
come base.

 Persistenza : La persistenza è la caratteristica della volatilità di continuare il movimento che ha


avuto nel giorno precedente. Ad esempio, se ieri la volatilità era in salita, probabilmente lo sarà
anche oggi, e viceversa. Se il mercato è stato ieri molto volatile, probabilmente anche oggi sarà
volatile.

 Regressione verso la media. Significa sostanzialmente che, dopo aver raggiunto i suoi punti di
minimo e di massimo, la volatilità tende a normalizzarsi e a raggiungere dei valori entro la media.

www.mondoforex.com
13
www.mondof
orex.com
Studiamo due ulteriori concetti di volatilità:

 Volatilità storica, ovvero l’ampiezza dei movimenti del prezzo in un periodo passato;
 Volatilità implicita, ovvero la volatilità futura che viene calcolata dagli operatori del mercato,
secondo delle precise stime.

Il concetto di volatilità è molto importante da sapere, perché inevitabilmente ci troveremo a che fare con
periodi di alta volatilità e quindi dovremo sapere come poter operare con successo. Quando un mercato è
molto volatile significa che è instabile, è quindi più difficile riconoscere con esattezza se ha già raggiunto il
suo massimo (e quindi possiamo aprire un’operazione in vendita) oppure il suo minimo (e quindi possiamo
aprire un’operazione in acquisto).

Ci sono però degli strumenti utili per calcolare il livello attuale di volatilità del mercato, in maniera da poter
attuare delle precise strategie che sfruttano proprio la volatilità.

Calcolare la volatilità

Andiamo ad analizzare in che maniera possiamo calcolare la volatilità. Esistono due metodi principali, il
True Range e il metodo sulla deviazione
standard annuale.

Il metodo del True Range è stato introdotto


per la prima volta da Welles Wilder. Il True
Range è costituito dal valore più grande tra:

 il prezzo massimo e il prezzo minimo


di oggi;
 il prezzo di chiusura della giornata di
ieri e il massimo di oggi;
 il prezzo di chiusura di ieri e il minimo
di oggi.

Il True Range considera anche i prezzi della


giornata di ieri e il massimo e il minimo della giornata di oggi. Per questo motivo è un indicatore che
considera anche eventuali gap che dovessero realizzarsi.
Le informazioni che riusciamo ad ottenere dal calcolo del True Range sono:

www.mondoforex.com
14
www.mondof
orex.com
 calcolare quanto è volatile un titolo o un indice;
 individuare con la maggior precisione possibile i punti di stop-loss e di take-profit.

Il secondo metodo di calcolo della volatilità usa la deviazione standard annuale. Per calcolarla, viene usata
la formula della volatilità storica applicata per 256 giorni di trading (che sono i giorni effettivi in cui è
possibile operare nel Forex in un anno).

La formula è:

Volatilità storica = deviazione standard(logn(close/close di ieri),lunghezza) * 100 * √ 256.

Gli indicatori di volatilità

Nel Forex ci sono due indicatori principali che sono usati per calcolare la volatilità.

Il primo di questi indicatori è formato dall'ID e dal NR4. Le sigle stanno per Internal Day e per
Narrow Range, mentre il 4 è il numero di barre considerate.

Con questo indicatore, rappresentato nella figura a sinistra, vogliamo intendere il caso in cui la barra
attuale (quella di oggi) sia completamente contenuta in quella appena precedente. Per fare questo,
bisogna che il minimo di oggi sia maggiore del minimo di ieri, mentre il massimo di oggi sia minore del
massimo di ieri. Avere una barra ID significa che il mercato è in diminuzione di volatilità.

L'indicatore NR4, il cui grafico è riportato a destra, invece, si ha quando il movimento di una barra è
inferiore rispetto a quello delle 4 barre precedenti. Non devono necessariamente verificarsi, in quest'ultimo
caso, anche le condizioni viste prima circa l’ID. La barra NR4 indica che la volatilità è in diminuzione e
fornisce un segnale più forte rispetto a quello dato dalla barra ID.

Potrebbe anche verificarsi la particolare condizione nella quale una barra rispetti contemporaneamente le
condizioni di ID e di NR4. In questo caso avremo una diminuzione di volatilità ancora più elevata.

www.mondoforex.com
15
www.mondof
orex.com
Se volessimo avere un indicatore ancora più preciso, ma di meno frequente realizzazione, potremmo
considerare un NR7, ovvero 7 barre precedenti a quella da noi considerata.

Il secondo indicatore che andremo a considerare è il Volatility Ratio, alla cui base c'è l'ipotesi che il mercato
abbia una volatilità a breve periodo inferiore del 50% rispetto alla volatilità a lungo periodo. Questo è un
chiaro sintomo di diminuzione di volatilità del mercato.

Studiare con precisione questi indicatori di volatilità ci permette di intuire l’andamento del mercato e ci fa
prendere migliori decisioni in merito all’entrata o all’uscita da una nuova posizione.

LA CICLICITA'
Il Forex, così come la borsa in generale, è un mercato
ciclico. Significa che si muove a cicli, ovvero che il valore
assunto in passato da un dato indice o da una data
valuta tornerà ad essere nuovamente assunto in futuro.
Di seguito un grafico che rappresenta la ciclicità di un
indice o di una valuta.

Occorre fare, però, alcune precisazioni:

 i cicli non sono mai regolari;


 la distanza tra massimo e minimo è più irregolare rispetto alla volatilità stessa;
 il trend legato al nostro ciclo, a volte, è così forte da rendere difficile l'individuazione della parte
periodica del ciclo stesso.

Tutte e tre queste considerazioni sono assolutamente normali, in quanto stiamo analizzando e "giocando"
con variabili economiche.

www.mondoforex.com
16
www.mondof
orex.com
E' molto importante studiare i cicli perché sono una delle basi del Forex. Ad esempio, dai cicli dipende la
volatilità. Prima, infatti, abbiamo detto che una delle caratteristiche della volatilità è proprio il suo essere
ciclica.

Esistono diversi indicatori che studiamo la ciclicità di un mercato. Senza dubbio il più importante tra questi
sono le onde di Elliott, che verranno analizzate più approfonditamente nella parte relative alle Teorie del
Forex. Per ora ci basti sapere che, grazie all'applicazione delle sue onde Elliott aveva previsto la ripresa del
mercato americano dopo la grande crisi del 1929, andando in contro-tendenza ai maggiori analisti
dell'epoca.

CALCOLARE IL PROFITTO
Quando si opera nel Forex l'obiettivo
principale è, ovviamente, di guadagnare
denaro. Il guadagno (o la perdita) deriva
dalla differenza tra il prezzo di acquisto e
quello di vendita.

Poniamo ad esempio che si decida di


aprire un posizione long, ovvero in
acquisto, di EUR/USD a 1,5320 e, dopo un
certo periodo di tempo, lo si rivenda al
prezzo di 1,5340 . La differenza di 20 pips
è il guadagno che abbiamo ottenuto dalla
transazione. Se, invece, il prezzo finale
fosse stato di 1,5300 , la differenza di 20 pips è la nostra perdita.

www.mondoforex.com
17
www.mondof
orex.com
www.mondoforex.com
18
www.mondof
orex.com
I GRAFICI NEL FOREX
Sicuramente avrete visto qualche volta in che maniera sono riportati gli andamenti dei titoli azionari su
carta: con dei grafici. I grafici sono una componente essenziale del mercato finanziario, quindi anche del
Forex. Non a caso, qualunque programma di broker decidiate di usare per fare Forex, la parte centrale e più
grande della schermata del vostro computer sarà occupata dal grafico.

Non avere un grafico ci rende ciechi verso questo mondo, in quanto non riusciamo a renderci conto in che
direzione sta andando e, quindi, come poter investire. Per tutti questi motivi, è assolutamente importante
imparare a leggere correttamente i grafici e ad interpretare i segnali che il grafico ci fornisce.

Una delle prime da notare quando si va ad analizzare un grafico, è il valore di acquisto e quello di vendita di
una valuta o di un indice. A seconda della valuta, può esserci più o meno scarto tra i due valori. Questo
scarto è chiamato pip. In linea di massima, maggiori sono i pip tra i due valori, più è difficile guadagnare, ma
in realtà molto dipende dal tipo di valute su cui andiamo ad operare e dalla situazione del mercato. Nel
Forex esistono sostanzialmente tre tipi di grafici: bar, line e candlestick.

Il grafico a barre è sostanzialmente simile al grafico a


candele ma il corpo centrale è costituito da una linea e
non da una candela. Anche nel grafico a barre viene
messo in evidenza il punto di massimo e di minimo
raggiunto dall'indice o dalla valuta nel periodo di
tempo considerato.
Il prezzo di apertura della transazione è evidenziato
con una piccola barra orizzontale verso sinistra, quello
di chiusura con una barra orizzontale verso destra.

Il grafico lineare, invece, è il più semplice per


evidenziare l'andamento di un titolo, ma è anche
quello che riesce a fornirci meno indicazioni. Sull'asse
orizzontale è rappresentato il tempo, sull'asse
verticale, invece, i valori raggiunti dall'indice o dalla
valuta.

www.mondoforex.com
19
www.mondof
orex.com
Il grafico candlestick è senza dubbio uno
dei grafici più usati nel mercato
finanziario e del Forex. E' come un grafico
a barre, ma leggendolo bene se ne
possono ricavare molte più informazioni.

Come dice il nome stesso, la parte


principale del grafico è formata da delle
barre, solitamente colorate, chiamate
"candele", o "candle line". Ogni candela
rappresenta l'andamento del titolo o della
valuta in un dato intervallo di tempo.

I primi usi storici del grafico candlestick si ebbero addirittura tre secoli fa, in Giappone, quando i mercanti
usavano tecniche simili al candlestick per studiare l'andamento del prezzo nel mercato del riso. Per questo
motivo il grafico candlestick è chiamato anche a candele giapponesi.

Possiamo decidere, a seconda della nostra strategia di trading e di ciò che vogliamo analizzare, se
visualizzare una candela ogni "tot" intervallo di tempo, ad esempio ogni ora o ogni minuto.

Sostanzialmente, ogni barra è formata da un corpo


centrale, colorato, e da delle linee verticali, sopra e
sotto il corpo.

La parte centrale indica l'andamento reale del titolo


nell'intervallo di tempo considerato. Il punto più alto
dove termina la candela, è detto punto di massimo,
mentre il punto più basso è detto punto di minimo. Il
colore del corpo della candela varia a seconda se
l'andamento sia positivo (ovvero il massimo sia
maggiore del minimo), o negativo (ovvero il massimo sia minore del minimo). Se l'andamento è positivo, la
candela sarà colorata di verde o di bianco, a seconda del software di broker on line che utilizziamo. Se
invece l'andamento è negativo, il colore della candela sarà rosso o nero. Maggiore è la grandezza del corpo
della candela, maggiore saranno i volumi trattati in quel dato intervallo di tempo.

20
Un aspetto molto importante dei grafici candlestick è formato da quelle linee verticali che si trovano sopra
e sotto il corpo centrale della candela, chiamate ombre,. La linea al di sopra del corpo indica il punto di
massimo che, in quel dato periodo di tempo, il nostro indice o la nostra valuta ha raggiunto, per poi
ridiscendere fino all'inizio della candela. Al contrario, la linea al di sotto del corpo indica il punto di minimo
che, in quello stesso periodo di tempo, è stato raggiunto, per poi risalire fino al punto più basso del corpo
della candela.

Ora che conosciamo esattamente come è formato un grafico candlestick, occorrerà imparare ad
interpretare i segnali che il grafico ci fornisce e applicarli nella realtà.

I trend

Prima di entrare in maniera più


approfondita nell'analisi dei grafici Forex,
dobbiamo studiare cosa sono i trend. Più
avanti studieremo come poter prevedere
un trend e come poter trarre profitto da
un trend.

A livello di definizione, il trend è


l'andamento di un prezzo. Questo prezzo
può riguardare una valuta, un indice,
un'azione.

E' possibile sviluppare i concetti di trend di breve, di medio e di lungo periodo, a seconda dell'orizzonte
temporale lungo il quale il trend stesso si sviluppa e prende forma. Non esistono dei parametri di tempo
ben definiti e standard per definire il breve, il medio e il lungo periodo. Nella pratica del Forex, quasi tutto
dipende dall'esperienza del trader.

Diciamo che, in linea generale, un trend può essere considerato di lungo periodo se analizza un arco di
tempo superiore all'anno. Un trend può essere di medio periodo se dura da 3 settimane fino ad un anno.
Infine, un trend è di breve periodo se ha una durata inferiore a tre settimane.

www.mondoforex.com
21
www.mondof
orex.com
Ovviamente, sono solo dei tempi indicativi,in quanto un trend di 6 mesi può essere considerato di lungo
periodo, così come uno di 2 settimane può essere considerato di medio periodo. Dipende dall'osservazione
dei grafici: se solitamente osserviamo i grafici intraday, ovvero che contengono informazioni sui trend solo
del giorno in corso, allora anche 2 settimane possono essere per noi un medio periodo.

I volumi

I volumi sono una delle variabili


fondamentali da analizzare quando si
vuole fare trading sul Forex. Studiare i
volumi significa studiare la dimensione
degli scambi in relazione al movimento e
alla tendenza dei prezzi.

I volumi possono essere considerati come


la forza dei movimenti dei prezzi. Se, ad
esempio, il volume di un trend in salita è
molto alto, significa che molti più trader
hanno comprato rispetto a quelli che hanno venduto. Viceversa, se il volume in salita è basso o nullo,
significa che le quantità comprate dai trader si equivalgono, o quasi, a quelle vendute.

Secondo la teoria classica, i volumi devono confermare il trend. Questo significa che, se un trend è in salita,
gli scambi devono essere sempre maggiori se si acquista più di quello che si vende, devono invece essere
sempre minori (o non aumentare) se invece si vende più di quello che si acquista. Vedremo,
successivamente, che non è sempre così e che, prima di trarre conclusioni affrettate, bisogna studiare con
attenzione i segnali che ci vengono dati dai grafici.
Una considerazione molto importante: i volumi non sono mai considerati come valori assoluti. Pertanto,
quando si parla di volumi crescenti, ci si riferisce al livello dei volumi attuali confrontato con il livello dei
volumi passati.

www.mondoforex.com
22
www.mondof
orex.com
Come fare per capire, da un grafico, se i volumi sono alti o bassi?

E' più semplice di quello che si pensa. Consideriamo un grafico candlestick che, ripetiamo, è il più usato nel
settore finanziario e del Forex. Più il corpo della candela è ampio, maggiori volumi saranno stati scambiati
nell'intervallo di tempo considerato.

Riportiamo un esempio grafico di alti volumi


scambiati.

Come si vede dal grafico, l'ampiezza del corpo della


candela è notevole. Significa che molti più compratori
hanno acquistato rispetto a quelli che hanno venduto.
In questo caso ci troviamo in una fase di forte salita
del mercato.

Quest'altro grafico, invece, indica dei bassi volumi


scambiati.

Come si vede dal grafico, il corpo della candela è quasi


inesistente. Questo significa che le quantità acquistate
sono molto simili a quelle vendute. In questo caso ci
troviamo in una fase di indecisione del mercato.

IMPARARE A LEGGERE I GRAFICI

Dobbiamo sapere che dai grafici candlestick possiamo trarre tante informazioni, per decidere come
impostare la nostra campagna di Forex.

Quando andiamo a studiare i grafici del Forex, parliamo di formazioni. Ovvero, di come si stanno
comportando le candele. Così, ad esempio, esistono le formazioni a triangolo (quando diverse candele,

www.mondoforex.com
23
www.mondof
orex.com
vicine le une alle altre, ricordano la figura di un triangolo) e le formazioni a rettangolo (se invece ricordano
la forma di un rettangolo).

Studieremo nel prosieguo di questa guida le formazioni più importanti che un grafico può assumere, ivi
comprese le due già citate: triangolo e rettangolo.

Per prima cosa, dobbiamo vedere quanti tipi di figure possono assumere le candele giapponesi.

Long black or white body

Quando una candela ha un grande corpo centrale, indica che il mercato si sta spostando
fortemente in quella direzione. Ad esempio, se il corpo della candela è bianco, significa che il
mercato sta fortemente puntando a risalire, mentre se il corpo è nero, significa che il
mercato sta fortemente puntando a scendere. E' un segnale altamente positivo o negativo, a
seconda se il corpo è bianco o nero.

Short black or white e spinning top

Quando si ha un corpo poco ampio e le ombre superiore ed inferiore sono corte e


della stessa grandezza, ci troviamo in una fase di stallo del mercato. Se invece il corpo
centrale della candela è piccolo ma le ombre sono allungate (spinning top) ci troviamo
in una fase di forte indecisione del mercato, tanto maggiore quanto è grande la
lunghezza delle ombre.

Long black or white e marubozu line

Quando si ha una candela con un grande corpo centrale e un'ombra,


ci troviamo in una situazione di forte segnale rialzista o ribassista.
Come potete osservare nell'immagine a sinistra, deve esserci solo un
ombra, superiore o inferiore, o anche nessuna ombra. Questo indica
che il punto di massimo o di minimo del corpo della candela
corrisponde proprio con il massimo o il minimo raggiunto durante il
periodo di tempo considerato.

www.mondoforex.com
24
www.mondof
orex.com
Black or white upper shadow e Black or white lower shadow

Se abbiamo una candela simile alle prime due dell'immagine di sinistra,


ovvero con un corpo molto piccolo e una grande ombra superiore, ci
troviamo in una fase tendenzialmente ribassista del mercato.
Se invece ci troviamo in una situazione come quella delle candele 3 e 4 del
grafico a sinistra, ovvero un corpo piccolo e una lunga ombra inferiore, ci
troviamo in una fase tendenzialmente rialzista del mercato.

Linee Doji

La situazione che si vede nell'immagine a sinistra è molto particolare, in quanto il prezzo di


apertura coincide esattamente con il prezzo di apertura. La candela Doji è una delle più
significative tra tutte le candele. Il significato di questa candela è quello di una forte indecisione
del mercato e potrebbe anche significare un'inversione del mercato stesso.

Quali segnali ci può dare una candela Doji?

Se dopo un lungo trend ci troviamo di fronte ad una candela Doji, potremmo


trovarci di fronte ad un forte segnale che il trend potrebbe essere giunto alla sua
fine. I giapponesi dicono che una candela Doji fa sempre notizia. Inoltre, se ci si trova di fronte ad una Doji
dopo un trend in forte salita, bisogna vendere immediatamente. Se invece ci si trova di fronte ad una Doji
dopo un trend in discesa, occorre aspettare una conferma successiva.

Bisogna prestare molta attenzione alle candele Doji che seguono una candela con un grande corpo
centrale, quasi esagerato rispetto alla media degli altri movimenti. La Doji potrebbe infatti essere il segnale
che il trend potrebbe essersi esaurito con l'ultima grande spinta finale.

www.mondoforex.com
25
www.mondof
orex.com
Le dinamiche Doji

E' fondamentale, per l'importanza che rivestono, studiare a fondo le dinamiche Doji, ovvero le varie
possibilità che possiamo avere quando ci troviamo di fronte ad una candela Doji.

Le candele Doji sono una particolare formazione del grafico, molto affidabile nei segnali che ci rimanda.

Doji Star

Quando il corpo della candela è nullo e ci sono grandi ombre sia sopra che sotto allo stesso, è un
forte segnale di inversione di tendenza.

Long-legged Doji

Quando le ombre di una candela Doji sono molto lunghe, sopra o sotto al corpo, significa che i
prezzi si sono mossi violentemente in entrambe le direzioni, per poi concludersi allo stesso
prezzo di apertura. E' un chiaro segnale di indecisione del mercato.

Gravestone Doji

Se una candela Doji ha una sola ombra, nella parte superiore del corpo, si parla di Gravestone
Doji. Se abbiamo questa candela alla fine di un trend rialzista, è un forte segnale di inversione
di tendenza.

www.mondoforex.com
26
www.mondof
orex.com
Dragonfly Doji

Questa candela Doji è l'esatto opposto della Gravestone Doji, in quanto la candela stessa ha
una sola ombra, nella parte inferiore del corpo. Se questa candela si trova alla fine di un
trend ribassista, è un forte segnale di previsione di un trend rialzista.

La candela Doji ci dà lo spunto per parlare delle figure di inversione, ovvero quei segnali che ci indicano che
un trend è finito e ne sta per iniziare un altro.

SUPPORTI E RESISTENZE
Sia i supporti che le resistenze sono due punti cardine e ben precisi dei grafici Forex che bisogna conoscere
molto bene, dato che possono essere indicatori ben precisi di previsione del movimento di un trend.

I supporti

I supporti sono quei livelli di prezzo in


corrispondenza del quale il prezzo non
scenderà. La figura seguente evidenzia
con precisione un livello di supporto.

Come si vede dal grafico, i prezzi oscillano


costantemente ma non riescono mai a
rompere il livello di supporto, tranne alla
fine.

www.mondoforex.com
27
www.mondof
orex.com
Cosa succede quando il prezzo riesce a rompere un livello di supporto?

Molto probabilmente, il trend continuerà


la sua discesa. Il grafico seguente ci
mostra come è andata in realtà.

In questo caso, come potevamo


aspettarci, il trend ha continuato il suo
andamento negativo, confermando con
successo le nostre previsioni e
permettendoci di realizzare un buon
guadagno.

Le resistenze

Le resistenze sono, esattamente al contrario dei supporti, dei livelli di prezzo al di sopra dei quali il prezzo
corrente non andrà.

I prezzi oscillano ma non riescono mai ad andare


oltre il livello di resistenza, pur avvicinandosi molto in
due occasioni. Alla fine, il prezzo rompe la resistenza,
questo ci fa prevedere un trend in ascesa.

Al lato un grafico che mostra un livello di resistenza.

Il grafico seguente, invece, ci fa vedere cosa succede


quando il prezzo riesce a rompere la resistenza.

www.mondoforex.com
28
www.mondof
orex.com
Anche in questo caso, come nei supporti prima, il trend ha continuato la sua ascesa, come ci faceva
prevedere la rottura del livello di resistenza.In definitiva, possiamo dire che i livelli di supporto e di
resistenza sono degli indicatori di andamento di un trend. Dobbiamo però fare attenzione a prendere un
periodo di tempo sufficientemente lungo prima di fissare un possibile livello di supporto o di resistenza,
perché altrimenti si rischia di trarne false indicazioni. Comunque, per più sicurezza, il consiglio è quello di
verificare il reale andamento del trend prima di aprire una posizione, sia in acquisto o in vendita.

LE FIGURE DEI GRAFICI

I triangoli
Una formazione particolare che un grafico può
assumere è il triangolo, ovvero quando i movimenti del
trend assumono mano a mano ampiezze sempre
minori, fino a formare un triangolo. La figura al lato è
un ottimo esempio di triangolo.

Quando il grafico forma la figura di un triangolo siamo in una fase di indecisione del mercato. In questi
momenti, alcuni broker protendono per un'inversione del trend, altri invece protendono per una
continuazione del trend in atto.

Poiché, però, entrambe le situazioni possono potenzialmente verificarsi, se si vuole operare con successo
quando si verifica un triangolo, senza dover attendere l'inizio e l'eventuale conferma del nuovo trend,
conviene aprire delle posizioni long al di sopra del prezzo corrente e delle posizioni short al di sotto dello
stesso. In questa maniera avremo una posizione aperta in direzione giusta. Ovviamente, quando avremo
verificato il corso del nuovo trend, chiuderemo la posizione che non si è realizzata e manterremo aperta
l'altra.

Esistono potenzialmente diverse possibilità di realizzazione di un triangolo. Per questo motivo, si parla di
triangolo ascendente o di triangolo discendente.

Il triangolo ascendente si verifica nella figura seguente.

www.mondoforex.com
29
www.mondof
orex.com
Come si vede, il prezzo ha un livello di resistenza,
rappresentato dalla linea rossa orizzontale. I
compratori stanno spingendo affinché il valore
assunto da questa valuta rompa il livello di resistenza
e lo superi.

Nella maggior parte dei casi, questa figura è preludio


ad un trend in salita, in quanto molte persone stanno
comprando. Poiché, però, non è mai detta l'ultima
parola, potrebbe accadere anche il contrario: ovvero che la resistenza è molto forte e i compratori non
riescono ad acquistare tanto da romperla.

Anche in questo caso, per essere sicuri, piazzeremo due ordini: uno short appena al di sotto del prezzo
attuale, uno long appena al di sopra del prezzo attuale.

Il triangolo discendente, invece, è rappresentato nella figura a inizio pagina successiva.

Questa figura è l'esatto opposto di quella analizzata


prima. La linea rossa orizzontale rappresenta un livello
di supporto. Poiché vediamo che, mano a mano, i
massimi delle singole candele si avvicinano al valore
del supporto, significa che in molti stanno vendendo.
Questo prelude ad un probabile trend in discesa, non
appena le vendite saranno abbastanza forti da poter
rompere il supporto. Anche in questo caso, poiché non
è certo, conviene aprire due posizioni: una short
appena al di sotto del prezzo attuale ed una long
appena al di sopra del prezzo attuale.

I rettangoli

I rettangoli sono una particolare figura dei grafici Forex che sta ad indicare una forte indecisione di
mercato. Sostanzialmente, il prezzo si muove all'interno di due linee parallele. Quella superiore è nota

www.mondoforex.com
30
www.mondof
orex.com
come resistenza, quella inferiore è nota invece come supporto. La figura seguente rappresenta un'ottima
indicazione di rettangolo.

Una variabile discriminante della figura rappresentata


sopra è la distanza tra le linee di resistenza e di
supporto. Non c'è una distanza predefinita, molto
infatti dipende dal nostro modo di fare Forex e
dall'esperienza acquisita. In ogni caso, è sempre bene
non sceglierla troppo stretta, altrimenti rischiamo di
ottenere falsi segnali da questa figura.

Quello che dobbiamo osservare in questa figura è la


rottura, ovvero il momento in cui il prezzo diventerà
superiore della resistenza o inferiore del supporto. Quando questo succede, è una chiara indicazione del
trend che il mercato sta per prendere. Più lungo sarà il rettangolo, maggiore sarà il momento di indecisione
che il mercato ha appena vissuto, di conseguenza più forte sarà il trend seguente.

Riuscire a studiare in maniera corretta i rettangoli, ci permette di diminuire i rischi legati ad un


cambiamento improvviso del trend, in quanto il rettangolo è una figura molto forte.
Dobbiamo inoltre sapere che esistono tre modi per fare trading sfruttando le informazioni che ci derivano
dai rettangoli.

Il primo modo è quello di sfruttare il breakout superiore o quello inferiore. Affinché un breakout sia
realmente indicativo, occorre che, se il breakout stesso è positivo, il livello dei prezzi raggiunga un’altezza
superiore alla linea più alta del rettangolo, pari all’ampiezza del rettangolo stesso, se invece il breakout è
negativo il livello dei prezzi deve raggiungere un’altezza inferiore alla linea più alta del rettangolo, pari
all’ampiezza del rettangolo stesso.

Un secondo modo è quello di attendere fino al primo ritracciamento seguente il breakout e aprire una
posizione solo dopo tale ritracciamento. In questo caso perderemo le fase iniziali del trend e, quindi, alcuni
punti di guadagno, ma avremo la conferma del movimento del trend.

Il terzo modo è utilizzabile solo se la distanza tra le linee di resistenza e di supporto è molto larga, in quanto
è una tecnica parecchio aggressiva. In pratica, quando il grafico è vicino alla linea del supporto si compra

www.mondoforex.com
31
www.mondof
orex.com
con uno stop abbastanza stretto. Quando il prezzo è invece vicino alla linea della resistenza si vende. Se il
rettangolo è abbastanza grande si possono sfruttare economicamente le oscillazioni del prezzo all'intero
del rettangolo stesso.

Double Top

La figura double top si forma quando il mercato ha


due punti di massimo in poco tempo.

Solitamente, nella teoria classica del Forex, dopo una


salita c'è sempre una discesa. Questo significa che,
dopo il punto di massimo, il grafico dovrebbe
scendere. A volte capita invece che la discesa
seguente al minimo è molto piccolo e, di conseguenza,
si forma in breve tempo un altro punto di massimo. I
due punti indicati nel grafico, sono i due massimi.
Solitamente, dopo il secondo punto di massimo, c'è una discesa dei prezzi. Quella del double top è una
figura molto forte. Solitamente, il double top si ha alla fine di forte trend positivo.

Double Bottom
La figura double bottom è opposta a quella del double
top.

Si forma quando il mercato ha due punti di minimo in


poco tempo. I due punti indicati nel grafico sono i due
minimi. Solitamente, dopo il secondo punto di
minimo, c'è una salita dei prezzi. Quella del double
bottom, al pari del double top, è una figura molto
forte. Solitamente, il double bottom si ha alla fine di
forte trend negativo.

Head and Shoulders


La figura head and shoulders si ha in previsione di una inversione a breve del trend. Sostanzialmente,
questa figura è formata da un punto di massimo (prima spalla), quindi una piccola discesa e un punto di

www.mondoforex.com
32
www.mondof
orex.com
massimo più alto del primo (testa), quindi ancora una discesa e un nuovo punto di massimo pari all'incirca
al primo (seconda spalla).

Nel grafico si notano entrambe le spalle e


la testa. Si vede come la prima spalla si ha
dopo un trend positivo e si nota anche
come, dopo la seconda spalla, il trend
cambi andamento. La linea in fuxia è nota
come neckline. In questa figura,
piazzeremo uno short in entrata appena
sotto la neckline. Calcolando la distanza
tra il punto più alto della testa e la
neckline otterremo la distanza di quanto
andrà lontano il prezzo dopo aver rotto la
neckline in discesa.

Reverse Head and Shoulders


La figura reserve head and shoulders è esattamente l'opposto della figura head and shoulders. Questa
figura è formata da un punto di minimo (prima spalla), quindi una piccola salita e un punto di minimo più
basso del primo (testa), quindi ancora una salita e un nuovo punto di minimo pari all'incirca al primo
(seconda spalla). Il grafico seguente è
esauriente circa la figura Reverse Head
and Shoulder.

Nel grafico si notano entrambe le spalle e


la testa. Si vede come la prima spalla si ha
dopo un trend negativo e si nota anche
come, dopo la seconda spalla, il trend
cambi andamento. La linea in fuxia è nota
come neckline. In questa figura, al
contrario di quella analizzata
precedentemente, piazzeremo un long
appena sopra la neckline. Calcolando la distanza tra il punto più alto della testa e la neckline otterremo la
distanza di quanto andrà lontano il prezzo dopo aver rotto la neckline in discesa.

www.mondoforex.com
33
www.mondof
orex.com
Le bandiere
Le bandiere sono una figura di continuazione del trend, significa che quando ci troviamo in presenza di una
bandiera molto probabilmente il trend continuerà nella direzione intrapresa.

La figura della bandiera si caratterizza per il fatto di avere due distinte fasi di sviluppo. La prima è costituita
da una forte crescita o da una forte diminuzione dei prezzi (se, rispettivamente, il trend in corso è positivo o
negativo) e da una seconda fase con dei movimenti oscillatori limitati da un minimo e da un massimo.

LE FIGURE DI INVERSIONE DEL TREND

Le figure basilari per determinare un inversione di trend sono:

 Hamging- man e hammer

 Doji line

 Enguifing Pattern

 Dark- Cloud Cover

 Piercing Pattern

 Barra di esaurimento, tra cui ci sono le barre pinocchio

 Inversione a due barre di esaurimento

www.mondoforex.com
34
www.mondof
orex.com
Hanging Man e Hammer

Questo pattern di inversione è costituito da una sola candela, chiamata


appunto hammer se rialzista (seconda candela a sinistra), hanging man se
ribassista (prima candela a sinistra). Il segnale di riconoscimento di questo
pattern di inversione è formato da un'ombra molto lunga e dal corpo tutto
nella parte superiore o inferiore. Se c'è anche un'ombra dall'altra parte del
corpo della candela, non dovrebbe essere più grande di oltre il 10% circa
rispetto al corpo. Il colore del corpo è di secondaria importanza, quello che più
conta è la grande lunghezza dell'ombra rispetto allo stesso.

Linea Doji

Ne abbiamo già parlato prima, qui confermiamo che la Doji è uno dei più forti
pattern di inversione che possiamo avere.

Engulfing Line Bearish e bullish

I segnali bullish e bearish, data la loro particolare


importanza, verranno analizzati più
approfonditamente in seguito. Si ha un bearish o un
bullish quando, prese due candele continue, la
seconda ha colore opposto rispetto alla prima, e la
seconda include totalmente la prima, compresi
corpo ed ombre. Si parla di Bearish quando si ha
un'inversione della tendenza rialzista, si parla di
Bullish quando invece si ha un'inversione di tendenza
ribassista.

www.mondoforex.com
35
www.mondof
orex.com
Dark- Cloud Cover

Si ha un Dark - Cloud Cover se ci sono due candele successive di colore opposto e


con un ampio corpo centrale. La chiusura della candela nera deve essere inferiore
rispetto alla chiusura della candela bianca e la seconda candela deve avere un
corpo più ampio. Il Dark - Cloud Cover indica un nuovo trend ribassista. Il segnare
sarà più forte se c'è ampia dimensione delle due candele ed ampio gap rispetto
alla chiusura della prima candela.

Piercing Pattern

La figura del Piercing Pattern è opposta a quella del Dark Cloud Cover. Allo
stesso modo, la chiusura della candela nera deve essere inferiore rispetto alla
chiusura della candela bianca e la seconda candela deve avere un corpo più
ampio. Il Piercing Pattern indica un nuovo trend rialzista. Il segnale sarà più
forte se c'è ampia dimensione delle due candele ed ampio gap rispetto alla
chiusura della prima candela.

La barra di esaurimento

Le barre di esaurimento sono una delle formazioni più attendibili in termini di inversione del trend.

www.mondoforex.com
36
www.mondof
orex.com
Solitamente, possiamo trovare una barra di esaurimento alla fine di un trend. In questo caso indica con
molta probabilità un'inversione.

La barra di esaurimento è quella candela indicata dalla


freccia rossa. Come possiamo vedere dal grafico, la
candela si trova alla fine di un trend negativo. La
particolarità della candela è quella di avere un minimo
molto inferiore rispetto alla chiusura. La chiusura,
inoltre, si trova nella metà superiore della candela.

La barra di esaurimento è quella candela indicata dalla


freccia rossa. Come possiamo vedere dal grafico, la
candela si trova alla fine di un trend negativo. La
particolarità della candela è quella di avere un minimo molto inferiore rispetto alla chiusura. La chiusura,
inoltre, si trova nella metà superiore della candela.

Questa candela indica che il prezzo è sceso molto, ma è risalito anche di molto, senza continuare nella
discesa.

Per poter avere un’inversione di tendenza efficace bisogna che ci siano tre fattori:

 ampiezza della barra molto grande, significa un movimento delle quotazioni molto deciso;

 chiusura superiore all’apertura, se il trend è positivo, mentre se negativo apertura superiore alla
chiusura;

 la chiusura deve essere situata nella parte superiore della barra per avere un’inversione rialzista,
nella metà inferiore della barra per avere, al contrario, un’inversione ribassista.

Due considerazioni: maggiore è la grandezza della barra e minore è il corpo della candela, più forte sarà
questa figura di inversione.

Le barre pinocchio

www.mondoforex.com
37
www.mondof
orex.com
Le barre pinocchio sono una particolare formazione delle barre di esaurimento. Questa particolare
tipologia di barra ha un nome curioso, derivante dal fatto che il trend sembra voler salire o scendere in
maniera forte, ad un certo punto ha una brusca flessione, creando così una figura a forma di naso lungo.

La barra di pinocchio si caratterizza per avere l’apertura e la chiusura


dentro la barra precedente, mentre la linea che sta al di sopra o al di
sotto del corpo è molto lunga. Ovviamente, il discorso delle barre di
pinocchio vale sia in caso di trend in salita che in caso di trend in
discesa.

Come sempre, il consiglio è quello di verificare le indicazioni della barra pinocchio prima di aprire una
posizione, per essere sicuri che il trend si trovi effettivamente alla fine.

L'inversione a due barre di esaurimento

Oltre alla figura di inversione ad una barra, c'è ne anche una che considera due candele, che assolvono la
funzione di barre di esaurimento.

La prima delle due barre mantiene il corso del trend principale, mentre l'altra sarà totalmente opposta, a
causa di un qualche meccanismo psicologico scattato nei trader che fa cambiare totalmente il corso del
trend.

Questa figura di inversione è meno applicabile e meno frequente rispetto a quella ad una barra, in quanto
presuppone che il trend sia molto lungo e che il range delle due barre di esaurimento sia più grande
rispetto alla media.

www.mondoforex.com
38
www.mondof
orex.com
LE FIGURE DI CONTINUAZIONE DEL TREND
Oltre alle figure che ci indicano l'inversione di un trend, ci sono anche delle figure che ci aiutano a
determinare la continuazione del trend. Queste sono:

 Rising three methods


 Falling three methods

Rising three methods

Questa particolare formazione ci indica la continuazione di un trend positivo. E' formato da cinque candele,
tutte seguenti le une alle altre, di cui la prima e l'ultima sono positive, mentre le tre al centro sono
negative.
La figura a sinistra rappresenta la formazione del rising three methods. Come vediamo, la
prima e l'ultima candela sono positive, le tre centrali sono negative.

In particolare, per il verificarsi di questa particolare formazione, occorre che:

 la prima candela deve essere cioè positiva;

 le tre candele seguenti devono essere negative e devono avere un prezzo di chiusura maggiore
rispetto alla chiusura della candela successiva. Quindi le tre candele devono scendere l’una rispetto
all’altra;

 il massimo di ognuna delle tre candele negative interne non deve essere superiore rispetto al
massimo della prima candela;

 il minimo di ogni candela negativa deve essere maggiore rispetto all’apertura della candela
successiva;

 l’ultima candela deve essere positiva e deve avere una chiusura maggiore rispetto alla chiusura
della prima candela.

Se tutte queste condizioni vengono rispettate, allora molto probabilmente il trend positivo continuerà.

www.mondoforex.com
39
www.mondof
orex.com
Falling three methods

Questa particolare formazione, esattamente opposta rispetto a quella precedente del Rising Three
Methods, ci indica la continuazione di un trend negativo. E' formato da cinque candele, tutte seguenti le
une alle altre, di cui la prima e l'ultima sono negative, mentre le tre al centro sono positive.

La figura a sinistra rappresenta la formazione del Falling three methods. Come vediamo, la
prima e l'ultima candela sono negative, le tre centrali sono positive.

In particolare, per il verificarsi di questa particolare formazione, occorre che:

 la prima candela negativa;


 le tre candele situate nel mezzo devono essere invece positive. La chiusura di queste candele
centrali deve essere minore rispetto alla chiusura della candela immediatamente successiva, quindi
le tre candele devono salire l’una rispetto all’altra;
 il valore massimo delle tre candele bianche all’interno deve essere in ogni caso maggiore rispetto al
valore di chiusura della prima candela;
 il minimo di ogni candela bianca nel mezzo deve essere inferiore rispetto al valore di apertura della
candela successiva;
 l’ultima candela deve essere negativa, come la prima, e deve avere una chiusura minore rispetto
alla chiusura della prima candela nera.

Se tutte queste condizioni vengono rispettate, allora molto probabilmente il trend negativo continuerà.

www.mondoforex.com
40
www.mondof
orex.com
QUAL'E' LA TIMELINE IDEALE?
Quando ci si appresta a fare Forex,
soprattutto le primissime volte, uno dei
dubbi che si potrebbe avere è: qual'è la
timeline ideale? Sappiamo che il grafico
Forex ci dà diverse alternative temporali,
a partire da una candela ogni minuto, fino
ad una candela ogni settimana.

A seconda dell'impostazione di questa


timeline cambia l'impostazione del
grafico.
Non esiste una timeline ideale per tutti, molto dipende da che tipo di investimenti si vogliono fare e dal
nostro modo di fare Forex.

Per prima cosa dividiamo i tipi di grafici in tre:

 long term;
 short term;
 intraday.

I grafici long term si basano su una timeline giornaliera o settimanale. In questi casi, i grafici settimanali
vengono usati per stabilire l'andamento del trend, mentre quello giornaliero per capire il momento migliore
per entrare in un trend. Chi usa questa tipologia di grafico, solitamente, lascia aperte le posizioni per mesi o
per anni.

Il vantaggio principale di questa tipologia di operatività sul Forex è che non si guardano i grafici ogni giorno.
Lo svantaggio principale è dovuto al fatto che, per poter effettuare proficuamente questa tipologia di
trading, bisogna avere a disposizione un capitale abbastanza ampio, perché, non controllando giornalmente
l'andamento delle nostre transazioni, potrebbero essere frequenti dei periodi di grande perdita.

www.mondoforex.com
41
www.mondof
orex.com
I grafici short term, invece, sono impostati con una candela per ogni ora. In questo caso puoi aprire
numerose posizioni e i periodi di perdita diminuiscono notevolmente. Il grande rischio è di non sapere cosa
succede quando non si può essere davanti al nostro programma di broker on line.

I grafici intraday, invece, sono grafici che impostano una candela per ogni periodo inferiore al giorno, ad
esempio una candela ogni 15 minuti. Il grande vantaggio è che si possono fare tante transazioni e ci sono
poche probabilità di subire grandi perdite. Non c'è rischio di lasciare aperte le posizioni senza sapere
l'andamento del mercato perché, quando non si può stare davanti al computer, le posizioni aperte vengono
chiuse. I profitti sono ovviamente più limitati, ma se si riescono a fare numerose transazioni positive,
comunque a fine giornata si riesce a portare a casa un buon guadagno complessivo.

Qualunque tipologia di operatività Forex voi scegliate e quindi qualunque tipo di grafico
scegliate di seguire, il consiglio è che, se scegliete di operare intraday, non escludete a priori i
grafici che coprono una durata maggiore, perché possono darvi un'idea migliore
dell'andamento che il mercato sta assumendo in quel dato momento.

Usate al massimo due o tre tipologie di grafico, in quanto un numero maggiore può confondervi. Usate il
periodo maggiore come trend principale e i periodi inferiori come trend minori.

Ad esempio, potete usare queste ottime combinazioni:

 1 minuto, 5 minuti e 30 minuti;


 5 minuti, 30 minuti e 4 ore;
 15 minuti, 1 ora e 4 ore;
 1 ora, 4 ore e un giorno;
 4 ore, un giorno e una settimana.

www.mondoforex.com
42
www.mondof
orex.com
GLI INDICATORI DI MERCATO

Il Forex è per definizioni un mercato molto volatile, quindi non è sempre facile prevedere i trend del
mercato. Per tentare di ovviare a questo problema, e quindi riuscire a fare delle previsioni il più possibile
attendibili, sono stati realizzati determinati indicatori di mercato. Questi indicatori vengono costruiti
partendo dai grafici, secondo modalità ben precise. Applicando e interpretando i risultati forniti da questi
indicatori, possiamo senza dubbio ottenere un eccezionale strumento per prevedere i trend di mercato.

Nel mercato del Forex esistono tanti tipi di indicatori, alcuni più facili da calcolare, altri meno. Alcuni più
facili da mettere in pratica, altri meno. Alcuni riescono inoltre a fornirci maggiori indicazioni rispetto ad
altri. Andiamo ad analizzare i principali.

Le medie mobili

Analizzando le medie mobili da un punto di vista statistico, vediamo che sono uno strumento usato per
l'analisi delle serie storiche.

Esistono quattro diversi tipi di medie mobili, a seconda delle modalità di calcolo applicate per il suo
calcolo. Ogni media mobile, quindi, ci fornirà dei segnali che sono più o meno sensibili alle variazioni dei
prezzi.

La media mobile semplice è la più usata. E' detta anche media aritmetica. Viene calcolata sommando i dati
di un dato periodo e dividendo il risultato per il numero dei dati considerati.

La media mobile ponderata è stata creata per ovviare a qualche problema di ponderazione della media
mobile semplice.

La media mobile esponenziale si calcola dando un peso ai prezzi dei vari periodi.

www.mondoforex.com
43
www.mondof
orex.com
La media mobile adattiva va a coprire quelle lacune di tutte le altre tipologie di medie mobili, dovute al
fatto che è difficile stabilire con esattezza il periodo da prendere in considerazione. La media mobile
adattiva, quindi, si adatta alla velocità del mercato.

Le medie mobili ponderate ed esponenziali danno più valore all'ultimo prezzo, che quindi assume un
maggior peso nel risultato finale.

L'alligator
L'indicatore alligator è un indicatore che
usa la geometria frattale e le dinamiche
non lineari. Parte dal presupposto che
nella maggior parte del tempo il mercato
è fermo. Si muove solo per un 30% del
tempo totale. E' proprio durante questo
periodo che il broker realizza il suo
guadagno.

Per calcolare l'alligator, vengono usate


per convenzione tre linee, indicate con i
colori blu, rosso e verde. La linea blu (mascella del coccodrillo) è la media mobile del periodo considerato.
La linea rossa (denti del coccodrillo) è la media mobile nel timeframe precedente. La linea verde (labbra del
coccodrillo) è la media mobile calcolata nel timeframe più basso.

Quando queste tre linee si avvicinano, il mercato è fermo, quindi non bisogna entrarvi, ma piuttosto uscirvi
se stiamo realizzando dei profitti. Se le linee tendono ad allontanarsi, allora è il momento buono per
investire.

www.mondoforex.com
44
www.mondof
orex.com
L'analisi frattale

L'indicatore frattale è molto importante. E' infatti uno dei cinque indicatori che formano il Trading System
di Bill William. Gli altri quattro indicatori che lo costituiscono sono l'AO (Awesome Oscillator), l'AC
(Accelerator/Decelerator Oscillator), le zone e la Base Line.

Un indicatore frattale è composto da cinque barre, con il punto massimo al centro e i minimi alle due
estremità di questa serie di cinque barre.

L'indicatore frattale per poter essere


realmente utile, deve essere filtrato
tramite l'indicatore alligator. Se
l'indicatore frattale è più basso del denti
del coccodrillo, il mercato tende a salire.
Se l'indicatore frattale è più alto dei denti
del coccodrillo, il mercato tende a
scendere. Ricordiamo che la linea dei
denti del coccodrillo è quella color rosso.

AC, Accelerator/Decelerator Oscillator

L'indicatore AC misura la velocità del


trend. Consideriamo come base una linea
orizzontale, pari al valore zero. Quando
l'indicatore è sullo zero, significa le forze
sono bilanciate. Se l'indicatore è sopra la
linea dello zero, il trend tenderà ad essere
positivo, se invece l'indicatore è sotto lo
zero, allora il trend tenderà ad essere
negativo.

Un altro aspetto da considerare è il colore


dell'indicatore. Se è verde, non si vende. Se è rosso, non si compra. Senza dare peso al fatto che l'indicatore
possa trovarsi sopra o sotto

www.mondoforex.com
45
www.mondof
orex.com
ATR, Average True Range

L'ATR è un indicatore molto importante che mostra quanto un mercato possa essere volatile. Quando il
valore di questo indicatore è basso, significa che il mercato si sta muovendo lateralmente.

Leading indicators e Lagging indicators

Continuiamo la nostra analisi degli indicatori di mercato analizzando i leading indicators e i lagging
indicators. I primi ci forniscono un segnale prima che un trend si formi, mentre i secondi ci forniscono dei
segnali dopo l'inizio del trend stesso. Tra i due indicatori, i più proficui da un punto di vista economico sono
sicuramente i leading indicators, perché ci permettono di puntare su un trend prima ancora che esso inizi.
Proprio per questo motivo, però, occorre stare molto attenti ai segnali falsi che potrebbero darci. Facendo
questa considerazione, potrebbe essere più prudente puntare sui lagging indicators che sono senza dubbio
più attendibili, anche se ci danno meno guadagno potenziale.

I leading indicators sono noti anche come oscillatori. Gli oscillatori si muovono tra due punti del nostro
grafico. Importante è capire quando termina un segnale per iniziarne un altro, ovvero quando un trend ha
terminato la sua corsa e può ripartire in direzione opposta.

I lagging indicator, al contrario, indicano l'andamento di un trend quando questo è già iniziato.

I ritracciamenti
Il ritracciamento è connesso in maniera molto stretta ai trend. I ritracciamenti
indicano, infatti, l'esistenza di una relazione quantitativa tra il trend principali
e trend secondi del mercato stesso. Per chiarirci con un esempio, poniamo il
caso di avere un trend ascendente. Dall'inizio alla fine di questo trend
ascendente, noteremo certamente che ci sono dei trend secondari,
solitamente di segno contrario, che "correggono" il trend principale.

Proprio questo percorrere al contrario il trend principale, è noto come


ritracciamento. Secondo Charles Dow, i livelli di ritracciamento sono tre: 1/3,
50% e 2/3. Questi numeri stanno a significare che il trend, dopo un primo

www.mondoforex.com
46
www.mondof
orex.com
rialzo, la salita correttiva, ovvero il ritracciamento, sarà lungo 1/3, il 50% o addirittura i 2/3 del trend
principale.

Anche in questo caso, se guardiamo con attenzione, noteremo una connessione con i numeri della
successione di Fibonacci: 23.6%, 38.2%, 50%, 61.8% .

Nello specifico, il significato della correzione è diverso a seconda della grandezza dello stesso. In questa
maniera, una correzione pari ad un 1/3 è una dinamica espansiva molto forte, una correzione del 50% è una
crescita equilibrata, mentre una correzione dei 2/3 significa che la forza del trend in ascesa è quasi esaurita.

Tra i vari tipi di ritracciamento, sono senza dubbio da preferire quelli più forti, perché stanno a significare
un aumento più forte. Quando una valuta o un indice ha avuto un ritracciamento molto forte, nel mercato
si crea una situazione di deciso squilibrio. I compratori sono ansiosi di comprare, i venditori più paurosi
escono. Se il nostro obiettivo è quello di fare grandi profitti in poco tempo, potremo sfruttare questi
momenti favorevoli.

www.mondoforex.com
47
www.mondof
orex.com
www.mondoforex.com
48
www.mondof
orex.com
IMPARARE A PREVEDERE I SEGNALI DEL MERCATO

Uno dei segreti per una ottimale riuscita nel Forex, con tanto di guadagni, bisogna anche
studiare e restare sempre informati sulle situazioni economiche dei paesi, perché
l'andamento di una valuta è indissolubilmente legato alle sorti economiche di un paese.

Le variabili che dobbiamo andare a studiare sono quelle di maggiore importanza, come il PIL, i tassi di
interesse, i tassi di inflazione. Queste variabili sono dette "fondamentali". In linea generale, quando questi
valori fondamentali sono solidi, tendono a far aumentare l'importanza e il valore di una valuta.

Le variabili che influenzano maggiormente i tassi di cambio, quindi, sono:

 i tassi di interesse, perché più sono alti i tassi di interesse del paese di una valuta, più sarà
conveniente tenerla. Pertanto sarà più alta la sua quotazione;
 i tassi di inflazione, perché un tasso di inflazione che cresce indica un rialzo dei tassi di interesse e
l'aumento del valore della valuta;
 il tasso di crescita del PIL, perché se un paese ha un PIL elevato la valuta potrebbe risentirne in
maniera positiva;
 il deficit commerciale, perché se il deficit è alto significa che un paese, per potersi sostenere, è
costretto ad acquistare valuta. Se lo fa, significa che il valore della sua valuta è debole, quindi il
valore ne risente in maniera negativa.

www.mondoforex.com
49
www.mondof
orex.com
Ovviamente non bisogna fare l'errore di analizzare questi dati singolarmente, ma per poterne apprezzare le
reali potenzialità "di previsione" occorre studiare nel contesto economico generale del paese. Infine, anche
la situazione socio-politica di un paese influisce sul valore della valuta.

FOREX E PSICOLOGIA
Abbiamo appena visto che, poiché il Forex
è un mercato molto ampio e aperto, il
valore dei prezzi è influenzato da una
serie notevole di variabili, non solo
puramente economiche, ma anche
sociologiche e psicologiche. Proprio in
quest'ultimo ambito, andiamo a vedere
come la psicologia influisce sul Forex.
Analizziamo quindi il concetto di soglia
psicologica.

Per soglia psicologica intendiamo quel livello di prezzo che riveste un'importanza notevole per gli operatori
del mercato. Una violazione della soglia psicologica da parte del prezzo potrebbe significare un forte
cambiamento nel trend in essere.

La soglia psicologica può essere considerata come un supporto se si trova al di sotto del livello corrente dei
prezzi. In questo caso, la violazione della soglia psicologica è indice di un'inversione negativa del mercato o,
se il trend è già in discesa, di un accelerazione del trend negativo.

Al contrario, se il livello di soglia psicologica è al di sopra di quello dei prezzi correnti, forma una resistenza.
L'eventuale rottura della resistenza ha effetti positivi sul mercato, con un inversione in positivo del trend o,
se già positivo, con un incremento del trend positivo.

Solitamente la soglia psicologica di un prezzo corrisponde ad una cifra tonda. Ad esempio, l'euro ha una
soglia psicologica di 1,50 dollari , oppure il petrolio ha una soglia psicologica a 100 dollari al barile.

www.mondoforex.com
50
www.mondof
orex.com
FOREX: LE TEORIE

Il Forex, così come in generale anche altri rami della finanza e dell'economia, ha diverse teorie che sono
state elaborate in passato dai "guru" della materia. Queste teorie analizzano, da un punto di vista più o
meno classico, il Forex stesso e lo studio dei grafici.

La teoria di Gann

Le regole studiate da Gann approcciano al Forex in


maniera molto classica. Gann ha usato diversi approcci
per l'elaborazione delle sue teorie, a partire da quello
matematico, geometrico, astronomico, per finire
addirittura a quello biblico.

Le applicazioni pratiche che Gann stesso fece della


sua teoria sono sorprendenti, anche nelle operazioni
quotidiane. E’ però una teoria estremamente
complicata, per cui lo stesso autore invitò chi volesse far uso ugualmente delle teoria, ad applicarla solo per
metà ed evitare i punti più difficili.

La base di questa teoria si riferisce alle operazioni di mercato delle persone che vi lavorano. Secondo Gann
ci sono due capitali, uno monetario ed uno psicologico. Tra i due, il secondo è molto più importante, perché
se per qualche ragione lo si dovesse perdere, in breve tempo si perderà anche il capitale monetario.

Gann afferma che i cambiamenti nei trend minori arrivano ogni 7, 9, 11.25, 14, 18, 21, 22.5 giorni, i
cambiamenti nei trend intermedi ogni 120, 144, 180, 240, 270, 288 e 360 giorni, mentre i cambiamenti nei
trend lunghi ogni 3.5, 7, 11.25, 15, 22.5, 30, 45, 60, e 90 anni.

www.mondoforex.com
51
www.mondof
orex.com
Gann afferma che, in un mercato con un trend infinito, è possibile tracciare delle rette angolari partendo
da un punto di minimo o di massimo accuratamente scelto. Questa retta angolare deve essere costruita da
un punto di massimo e da un punto di minimo.

Dopo che sono passate tre sedute consecutive è possibile affermare con sicurezza che il livello dal quale il
ribasso è partito è un massimo, oppure che il livello dal quale il rialzo è partito è un minimo. La durata di
queste tre sedute varia a seconda dell’orizzonte temporale scelto.

La linea più importante per Gann è quell a 45°. Una rottura al rialzo di questa linea è un forte segnale di
trend rialzista, la rottura al ribasso è invece un forte segnale di trend ribassista.

La serie di Fibonacci

La famosa serie di Fibonacci è una sequenza di numeri


naturali nella quale il terzo numero è la somma dei due
numeri precedenti. I primi numeri della sequenza di
Fibonacci sono: 0, 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55 .
Fibonacci fu un matematico italiano nato a Pisa nel
1170 e morto a Pisa nel 1250.

La serie di Fibonacci viene ritrovata in diversi ambiti,


da quello matematico a quello fisico, passando anche
per quello economico e, di conseguenza, nel Forex. Possiamo infatti vedere alcune applicazioni che è
possibile fare nel Forex considerando la serie di Fibonacci.

Partiamo considerando queste due serie di numeri:

Price Retracement Levels

0, 0.236, 0.382, 0.500, 0.618, 0.764

Price Extension Level

0, 0.382, 0.618, 1.000, 1.382, 1.618

www.mondoforex.com
52
www.mondof
orex.com
La serie di Price Retracement Levels è utile quando vogliamo trovare il prezzo di ritracciamento, ovvero
quando il prezzo sale e scende un po’. E’ molto utile per calcolare con esattezza i supporti e le resistenze. La
serie di numeri Price Extension Leves indica invece dei “traguardi”, ovvero livelli di prezzo che possono
essere raggiunti.

Per poter usare in pratica la successione di Fibonacci bisogna individuare le oscillazioni alte e basse. Si ha
un’oscillazione alta quando una candela alta è affiancata da due candele basse, mentre un’oscillazione
bassa si ha quando una candela bassa è affiancata da due candele più alte.

La serie di Fibonacci, applicata praticamente al Forex, può essere un ottimo indicatore per prevedere gli
andamenti del mercato.

La teoria di Elliott

Ralph Nelson Elliott fu un autore e un ingegnere


americano, nato in Kansas nel 1871 e morto nel 1948.
Secondo Elliott "tutte le manifestazioni e le situazioni
registrabili dall'andamento dei prezzi di un titolo o di
un indice sono riconducibili ad un ciclo, che viene
regolato al suo interno da leggi naturali ben
strutturate, secondo la stessa armonia di base che è
riscontrabile anche in natura."

Proprio come l'uomo è in continua evoluzione, anche i mercati lo sono. La teoria di Elliott può essere vista
anche come un'analisi psicologica o sociologica del mercato. Nonostante sia una teoria sviluppata oltre un
secolo fa, per i contenuti che propone, è molto innovativa ancora oggi.

La teoria di Elliott afferma che il riconoscimento di un movimento dei prezzi nel mercato non è riconoscibile
solo dal grafico, ma anche da tutto quello che sta intorno al grafico, ovvero gli investitori. Ogni movimento
di mercato, infatti, corrisponde ad una certa aspettativa degli investitori.

www.mondoforex.com
53
www.mondof
orex.com
La teoria sviluppata da Elliott si basa su una considerazione di base: il mercato è destinato a salire, infatti si
possono riconoscere nel mercato stesso cinque onde al rialzo e tre al ribasso.

Ogni onda impulsiva principale è formata da un cinque onde minori, che si muovono nella stessa direzione
del trend principale. Mentre ogni onda compulsiva principale è formata da tre onde minori, che si muovono
nella stessa direzione.

L'uso delle onde di Elliott ha come scopo finale quello di identificare sei segnali di entrata e di uscita dal
mercato, al fine di massimizzare il guadagno. Per evitare di ottenere segnali sbagliati dalle onde, bisogna
sempre tenere a mente cinque condizioni necessarie di utilizzo.

1. l'onda 2 NON ritraccia mai il 100% dell'onda uno;


2. l'onda 4 NON ritraccia mai il 100% dell'onda tre;
3. l'onda 3 finisce sempre al di sopra dell'onda uno;
4. l'onda 5 finisce sempre al di sopra dell'onda tre;
5. l'onda 3 è la più lunga tra tutte le onde di impulso considerate.

Facciamo altre piccole considerazioni utili per capire il futuro andamento di un trend. Se il movimento
correttivo dell'onda numero 2, probabilmente l'onda 4 avrà una correzione laterale. Al contrario, se l'onda
due ha una correzione laterale, probabilmente l'onda 4 avrà una correzione molto veloce.

www.mondoforex.com
54
www.mondof
orex.com
INTRADAY TRADING

Con il termine di intraday trading ci si riferisce all'apertura e alla chiusura di una transazione all'interno di
uno stesso giorno. Non è una tecnica operativa molto semplice, in quanto bisogna costantemente
osservare l'andamento dei grafici forex, avere spirito di osservazione e intuito.

Nell'intraday trading è molto importante guardare cosa succede nei trenta minuti successivi l'apertura
della transazione, poiché sono molto delicati, in quanto solitamente ci dicono se abbiamo avuto l'intuizione
giusta o meno.

Solitamente, per poter operare nell'intraday si tiene presente un'indicazione generale di massima:
comprare se il trend è positivo, vendere se è negativo.

Dobbiamo inoltre tenere a mente questi tre punti, ricordando che però possono esserci delle eccezioni:

1. se l'indice nella giornata di ieri ha avuto un "inside day", cioè il suo massimo è stato più basso del
massimo del giorno precedente e il suo minimo è stato più alto del minimo del giorno precedente,
probabilmente continuerà nella stessa direzione;
2. se l’indice ha aperto sotto il prezzo di chiusura del giorno precedente e il suo prezzo supera, nel
corso della giornata, quello della chiusura del giorno precedente allora probabilmente continuerà
nella stessa direzione;
3. se l’indice si è mosso inizialmente in discesa, quindi sotto il prezzo di apertura e poi torna sopra il
prezzo di apertura, probabilmente continuerà nella stessa direzione.

LO SCALPING
Lo scalping è una tipologia particolare di operazione che si fa all'interno della "macrotipologia" di trading
intraday. Solitamente, le operazioni di scalping hanno una durata variabile tra i cinque e i dieci minuti.

Il principale svantaggio di queste operazioni è che ogni operazioni ci porta un guadagno potenzialmente
basso, d'altro canto anche le eventuali perdite risulterebbero limitate. Data la velocità di apertura e

www.mondoforex.com
55
www.mondof
orex.com
chiusura di ogni operazione, riusciamo ad aprire diverse operazioni in uno stesso giorno, quindi a fine
giornata il guadagno può essere notevole.

Una regola da tenere sempre a mente quando si fa scalping, è di non aprire più di due operazioni
contemporaneamente, altrimenti si rischia di non riuscire a seguirle più e, di conseguenza, perdere gli
attimi importanti per chiudere un'operazione e trarne vantaggio economico.

COME APRIRE UN ORDINE FOREX E TIPI DI ORDINE

Nel mercato del Forex è possibile aprire gli ordini, attraverso la piattaforma stessa, semplicemente
cliccando sul pulsante "Vendi" o "Acquista". L'esecuzione dell'ordine è istantaneo, quindi significa che nel
momento stesso in cui cliccate il pulsante, l'ordine viene aperto.

Che tipi di ordini possono essere aperti sul Forex?

Vediamo gli ordini limit, ovvero l'ordine di comprare o di vendere quando una valuta o un indice hanno
raggiunto un certo prezzo. Solitamente, questo tipo di ordine prevede due variabili: prezzo e durata,
ovvero il prezzo di apertura dell'ordine e per quanto tempo quest'ordine dovrà rimanere aperto. In questo
senso, riconosciamo il GTC (Good Till Cancelled) e GFD (Good For the Day). L'ordine GTC resta aperto fino a
che l'operatore stesso non decide di cancellarlo. L'ordine GFD, invece, resta aperto fino alla fine del giorno
di negoziazione, che corrisponde alle 12:00 GMT o all'1:00 ora dell'Europa Centrale.

Ci sono poi gli ordini stop, ovvero piazzato per vendere o per comprare ad un determinato prezzo. Anche in
questo caso, l'ordine ha la variabile del prezzo e quella della durata. E' una tipologia di ordine fatta per
cautelarsi da eventuali errori di valutazione. Ad esempio, se ipotizziamo che il cambio EUR/GBP sia a 1.5020
e crediamo che possa salire, allora facciamo un'operazione di Buy, ovvero compriamo valuta. Fissiamo però

www.mondoforex.com
56
www.mondof
orex.com
uno stop loss a 1.5000. Questo stop loss ci cautela nel caso avessimo sbagliato previsione e chiude
automaticamente l'operazione qualora il rapporto EUR/GBP arrivi a 1.5000, limitando la nostra perdita a 20
pips.

Infine c'è l'ordine OCO (Order Cancels Order), ovvero due ordini limit e stop eseguiti in contemporanea. Nel
momento in cui uno dei due ordini viene eseguito, l'altro è subito cancellato.

L'EFFETTO LEVA
La leva è un sistema che sostanzialmente
consente di aprire delle posizioni ad un
prezzo notevolmente inferiore a quello
reale. Facciamo subito un esempio.
Ipotizziamo che volessimo aprire una
posizione del valore di 5.000 dollari in
scambio di valuta EUR/GBP. Il nostro
broker ci propone, per le valute, una leva
di 100:1 (si legge 100 a 1). Significa che,
per aprire una posizione del valore di 5.000
dollari, dobbiamo pagarne solo la
centesima parte, ovvero 50 dollari.
Nonostante questo, il guadagno che
faremo sarà proporzionato ai 5.000 dollari
aperti. Stesso discorso per le perdite.

La leva è senza dubbio una cosa molto positiva, perché permette di operare sul Forex, anche per somme
importanti, senza averle a disposizione. Ma non bisogna mai abusarne, per la frase che abbiamo scritto
appena sopra. Se, da un lato, la leva ci consente di avere guadagni importanti, dall'altro potrebbe causarci
anche delle perdite notevoli.

La leva viene calcolata considerando tre elementi:

 importo versato a garanzia;


 importo dell’operazione da compiere sul mercato;
 margine dell’intermediario.

www.mondoforex.com
57
www.mondof
orex.com
STRUMENTI FINANZIARI

Nel Forex è possibile usare con successo una diversa tipologia di strumenti finanziari. Di seguito diamo una
chiara ed esaustiva spiegazione dei più usati.

Forward Transactions

Le forward transactions sono uno strumento molto usato per diminuire i rischi legati ad una transazione.
Sostanzialmente, il denaro non passa di mano fino ad una data futura prestabilita tra compratore e
venditore. Le due parti si accordano su un tasso di cambio ad una certa data futura, solitamente di tre o più
giorni successivi alla data di accordo. All'arrivo della data accordata, la transazione si verifica sui tassi di
cambio accordati, indipendentemente dai tassi di cambio effettivi.

Lo strumento finanziario del Forward Transaction è usato per scopi di hedging e speculazione.

Futures

I futures su valute estere sono delle transazioni che sono caratterizzate da importi e scadenza standard. I
futures sono contratti standardizzati e scambiati in un mercato ad hoc. La durata media di questa tipologia
di contratto è di 3 mesi.

www.mondoforex.com
58
www.mondof
orex.com
Swap

Gli swap sono una delle tipologie di contratti più usate nel mondo del Forex. Tramite lo swap, due parti si
accordano per scambiarsi le valute per un certo periodo di tempo e si accordano di fare una transazione
inversa ad una determinata scadenza.

Spot

Una transazione spot, invece, è come un contratto simile ai futures, ma si differenzia da questi per la
scadenza molto breve (circa due giorni).

QUANDO CONVIENE ENTRARE IN UNA TRANSAZIONE?


Non è mai facile prevedere o stabilire quando potrebbe essere il momento ideale
per entrare in una transazione.

Il momento ideale per eccellenza sarebbe poter entrare esattamente quando una
transazione è al suo minimo o al suo massimo, e "puntare" sull'inversione, in
maniera da poter guadagnare se tutta la transazione. Purtroppo, però, non è così semplice.

Per riuscire a capire quand'è il momento migliore per entrare in una transazione dobbiamo basarci sui
grafici e sul loro studio ed interpretazione, ma anche sulla nostra esperienza e, perché no, sull'intuito.

Sicuramente un buon momento per entrare in una transazione è di attendere che si verifichi una delle
figure di inversione analizzate prima.

State sempre attenti perché, per quanto un segnale di inversione possa essere forte, ad esso potrebbe non
seguire un'inversione effettiva. Per questo motivo, potrebbe essere una buona abitudine attendere un
primo segnale di conferma di inversione prima di entrarvi.

www.mondoforex.com
59
www.mondof
orex.com
QUANDO CONVIENE USCIRE DA UNA TRANSAZIONE?
Allo stesso modo con cui bisogna analizzare attentamente quando entrare in una
transazione, è importante studiare il momento ideale per uscire da una
transazione.

Quando rilevate un segnale di inversione di tendenza è sicuramente un momento da considerare, magari


panche prima che inizi la tendenza opposta.

Anche qui state attenti al fatto che il segnale di inversione potrebbe non essere confermato in seguito.

Sicuramente, un buon momento potrebbe essere alla fine di un grande spostamento dei volumi. Ovvero,
se vedete che una candela aumenta il corpo centrale di tanto in poco tempo, significa che si stanno
movimentando grandi volumi.

Tenete presente che molto probabilmente c'è l'effetto "molla". Se il trend subisce una forte discesa, subito
dopo molto probabilmente risalirà, anche all'interno della stessa candela. Il discorso vale allo stesso, ma
ovviamente invertito, per i trend in salita.

I PIVOT POINT

I Pivot Point sono livelli di prezzo che sono calcolati sul prezzo massimo, sul prezzo minimo e sulla chiusura
della sessione precedente. I punti di Pivot possono essere usati nel Forex intraday, ma anche
settimanalmente o mensilmente.

www.mondoforex.com
60
www.mondof
orex.com
Per calcolare i Pivot Point bisogna considerare i tre livelli di prezzo precedentemente analizzati, dai quali si
ottengono 3 livelli di resistenza (R1, R2, R3), 3 livelli di supporto (S1, S2, S3) e un valore di Pivot.

A livello pratico bisogna prendere in considerazione l'ipotesi di acquistare quando il prezzo supera il livello
di resistenza R1 con obiettivo R2, oppure prendere in considerazione l'ipotesi di vendere se il prezzo supera
in rottura il livello di supporto S1 con obiettivo S2.

Quando il prezzo è incluso nei livelli R1 e S1, indica che il mercato è in una fase di indecisione. Non appena
il prezzo supera in rottura il livello R2 o il livello S2, significa che il mercato ha preso una direzione ben
precisa, al rialzo o al ribasso.

Come si fa per calcolare i Pivot point?

Per convenzione, diamo al prezzo massimo il simbolo "H", al prezzo minimo il simbolo "L" e al prezzo di
chiusura il simbolo "C". Generalmente, vengono considerati i prezzi riferiti al giorno precedente, ma nulla
ci vieta di calcolare i pivot point considerando prezzi settimanali o anche mensili. Calcoliamo il prezzo
medio (simbolo "PM") con questa formula: PM = (H + L + C) / 3 .
Ora calcoliamo il primo livello di resistenza (simbolo "R1") e il primo livello di supporto (simbolo "S1").

R1 = (2 x AP) – L S1 = (2 x AP) – H

www.mondoforex.com
61
www.mondof
orex.com
Ora, invece, calcoliamo il secondo livello di resistenza (simbolo "R2") e il secondo livello di supporto
(simbolo "S2").

R2 = (AP - S1) + R1 S2 = AP - (R1 - S1)

Calcoliamo, infine, il terzo livello di resistenza (simbolo "R3") e il terzo livello di supporto (simbolo "S3").

R3 = R2+ (High - Low ) S3 = S2 - ( High - Low )

www.mondoforex.com
62
www.mondof
orex.com
www.mondoforex.com
63
www.mondof
orex.com
I TRADER, QUALI SONO E COME SCEGLIERE QUELLO IDEALE

Se avete deciso di operare seriamente nel mondo del Forex, allora dovete servirvi di un partner con cui
poter lavorare e sperimentare tutte le tecniche e i consigli che avete appreso in questa guida.

In termini tecnici, il broker è un intermediario che si pone tra noi e il mercato del Forex ed esegue per conto
nostro le azioni che vogliamo eseguire nel settore del Forex. In rete esistono tantissimi broker, bisogna
ovviamente scegliere quello più affidabile.

Come fa un broker a guadagnare? Lo spread.

Il guadagno che i broker traggono dalle operazioni sta tutto nella differenza di pips tra prezzo di vendita e
prezzo di acquisto. Questa differenza di prezzo di chiama spread.

Per le valute più comuni lo spread tra i due prezzi è solitamente di 3 o 4 pips. Ovviamente, maggiore è la
differenza, più sarà "difficile" guadagnare da una transazione Forex. Per questo motivo, il nostro consiglio è
di optare per i broker che, oltre ad essere sicuri ed affidabili, offrono uno scarto in termini di pips che sia il
più basso possibile.

Analizziamo nel dettaglio tre tra i migliori Broker di Forex che attualmente ci sono in internet: eToro,
Clickforex e Metatrader.

eToro
eToro è senza dubbio la piattaforma migliore per chi approccia al
Forex per le prime volte, perché permette di fare trading
divertendosi. E' una piattaforma molto user-friendly ed intuitiva, che
fa del divertimento il suo punto di forza, senza però nulla togliere alla
completezza.
Gli sviluppatori di eToro hanno fatto davvero un ottimo lavoro, integrando alla perfezione il Forex, che è lo
scopo centrale della piattaforma, con una community di appassionati che animano la piattaforma stessa.

www.mondoforex.com
64
www.mondof
orex.com
Una delle particolarità della community è la possibilità di confrontarsi con altri trader, con un premio in
denaro per il trader più bravo, sulla base di una classifica di guadagni: è la sezione Championship, dove
tutti i trader si sfidano e il migliore può vincere dei premi in contante. I trader possono anche parlare tra di
loro in una chat room.

La piattaforma ha cinque aree principali:

 Investitore Globe;
 Tendenza Forex;
 Forex Marathon;
 Grafici Forex;
 Casella dello scambio.

L'area Investitore Globe permette di visualizzare tutto il mondo e di aprire facilmente delle transazioni con
una valuta contro un’altra. La mappa incoraggia i trader a preferire la valuta di uno Stato piuttosto che un
altro basandosi anche sull’influenza di quello stato, sulla sua economia nonché sulle relazioni finanziarie.

L'area di tendenza Forex permette di scegliere una valuta principale e di farla competere contro una o più
valute, fino ad un massimo di quattro contemporaneamente, potendo decidere se è in salita o in discesa
contro di esse.

L'area Maratona Forex è la più divertente. Scegliamo la valuta che vogliamo acquistare o che vogliamo
vendere e apriamo lo scambio. A questo punto vedremo dei personaggi disegnati, che rappresentano la
valuta del loro paese, che iniziano a correre su una pista di atletica, mentre nella parte bassa dello schermo
visualizzeremo il nostro guadagno o la nostra perdita. In qualunque momento possiamo chiudere il
confronto con le valute, anche magari con una per volta. Tra i personaggi ci sono il contadino, che
rappresenta il dollaro americano, il lottatore di sumo, che rappresenta lo Yen Giapponese, l'uomo d'affari,
che rappresenta l'Euro.

www.mondoforex.com
65
www.mondof
orex.com
L'area dei grafici Forex è la più classica delle aree descritte fino ad ora, poiché ci mostra mostra il grafico
dell’andamento delle valute.
L'area della casella di scambio è anch’essa molto classica e riprende le classiche piattaforme di trading, con
la possibilità di vedere i tassi di cambio delle valute e aprire scambi per coppie di valute.

L’importo minimo che è possibile accreditare sul nostro conto è di 50 dollari, fino ad un massimo di 1.000
dollari in un versamento unico, e di 5.000 dollari come versamento mensile.

eToro è senza dubbio una piattaforma di trading che “spiazza” quelle tradizionali. Grazie all’interfaccia
amichevole, permette di avvicinarsi in maniera divertente a questo mondo, tanto che non ci sarebbe da
stupirsi se qualcuno decidesse di avvicinarsi al Forex quasi esclusivamente per la piattaforma.

Prova il broker

Clickforex
Clickforex è uno dei primi broker che sono stati aperti, per questo
motivo è sinonimo di sicurezza ed affidabilità. E' inoltre un broker
svizzero, che si distingue per la serietà e della professionalità dei
servizi offerti.

E' un broker che si contraddistingue per la privacy assoluta e per la


sicurezza di investimento che offre, soprattutto verso clienti VIP e investimenti di un certo livello.

Per chi vuole aprire un account di prova, ClickForex offre un conto demo con 10.000 euro di accredito. Per
chi invece volesse aprire un conto reale, offre tre opportunità: conto Standard, conto Oro e conto VIP.

Le differenze tra i vari conti si notano soprattutto quando confrontiamo quello VIP con gli altri: questi ultimi
hanno una leva fino a 200:1, contro il 100:1 degli altri due conti e degli spread da 2 a 4 punti, mentre gli
altri due conti hanno uno spread da 3 a 4 punti.

La piattaforma di trading, a primo impatto, si presenta diversa da quelle realizzate dagli altri broker. I
grafici non sono sulla sinistra, bensì in basso a destra, mentre a sinistra sono stati impostati i valori per ogni
valuta, con la possibilità di aprire una posizione. Scendendo troviamo il riquadro degli strumenti, che ci dà

www.mondoforex.com
66
www.mondof
orex.com
la possibilità di procedere con gli ordini e di attivare il Voice Broker, ovvero la funzione vocale della
piattaforma. In basso a sinistra abbiamo le ultime news, per restare sempre aggiornato su ciò che sta
accadendo nel mondo della finanza in generale. In alto a destra, infine, abbiamo lo stato attuale del nostro
account, con un riepilogo di tutti gli ordini aperti.

L’assistenza è operativa 24 ore su 24 e, tramite il comodo servizio di richiamata, si viene solitamente


ricontattati entro poco tempo.

In definitiva, senza dubbio un broker che ispira fiducia e professionalità, a partire dall’organizzazione del
sito web fino alla piattaforma di trading e all’assistenza offerta, ma resta comunque l’impressione che, chi è
alle prime armi, possa trovarsi meglio con un altro broker.

Prova il broker

Forexyard
Forexyard è un servizio di trading che si caratterizza per l'assoluta
serietà e professionalità.

Il sito web del broker è ben fatto, navigabile e facilmente consultabile.


E' possibile, come di consuetudine tra i vari broker, aprire un conto di
prova e provare le nostre conoscenza di Forex.

Per chi invece vuole operare con soldi veri, ForexYard offre due possibilità: un conto Supermini e un conto
Standard. Il conto Supermini permette di iniziare ad operare versando inizialmente solo 100 dollari. E' un
conto senza dubbio utile a chi inizia a muovere i primi passi nel Forex e non vuole rischiare grosse somme di
investimento. Consigliato a conti di importo inferiore a 1.000 dollari.

I vantaggi di aprire un conto reale sono:

 possibilità di versare fondi tramite carta di credito per iniziare ad operare immediatamente;
 spread di mercato fissi;
 ampia scelta tra valute, petrolio, oro e argento;
 nessuno slippage, ovvero differenza tra prezzo di esecuzione e prezzo quotato;
 non c’è possibilità di avere un bilancio negativo, in quanto prima che ciò accada tutte le posizioni
vengono chiuse in maniera automatica.

www.mondoforex.com
67
www.mondof
orex.com
La piattaforma è davvero completa e non manca niente del necessario. La finestra principale è tutta
dedicata ai grafici, in maniera da tenerli sempre sott'occhio. A scelta, è possibile installare sul proprio
computer la piattaforma di trading ForexYard oppure usare quella Java direttamente dal loro sito web.

L’assistenza clienti è davvero professionale e può essere contattata tramite e-mail, chat live, un servizio di
richiamata e tramite telefono. Manca purtroppo un numero verde per l’Italia.

In definitiva, dà l’impressione di essere un servizio maggiormente dedicato a chi sa come muoversi nel
mondo del Forex, piuttosto che dedicato a chi voglia iniziare ad operare, pur offrendo servizi dedicati ad
utenti base, come un conto demo o il mini conto, che sono però oramai degli standard di mercato più che
dei servizi aggiuntivi.

Prova il broker

www.mondoforex.com
68
www.mondof
orex.com
www.mondoforex.com
69
www.mondof
orex.com
FOREX: GLOSSARIO DEI TERMINI PIU' USATI

Ask
Termine inglese che significa prezzo richiesto dalla domanda.

Back office
Il dipartimento e le procedure che servono alla registrazione e sistemazione delle transazioni finanziarie
delle negoziazioni quotidiane.

Base currency
Valuta base, la prima delle due valute di un cross valutario.

BCE (Banca Centrale Europea)


Banca con sede a Francoforte.

Bid
Termine inglese che significa prezzo richiesto dall’offerta.

Bidirezionalità
Opportunità di prendere una posizione sul mercato sia rialzista che ribassista.

www.mondoforex.com
70
www.mondof
orex.com
BOE (Bank Of England)
Banca d’Inghilterra.

BOJ (Bank Of Japan)


Banca del Giappone.

Book
Insieme degli ordini in attesa di esecuzione.

Broker
Istituzioni creditizie o enti parabancari abilitati alla negoziazione tra diverse controparti.

Cable
Nome in gergo del cambio Sterlina Inglese / Dollaro Americano. Deriva dal fatto che originariamente le
quotazioni GBP/USD venivano trasmesse, fin da metà del 1800, tra USA ed Europa attraverso la cablatura
che attraversava l’Oceano Atlantico.

Candela giapponese
Metodo di rappresentazione grafica dell’andamento dei prezzi che segnala valore di apertura, chiusura,
massimo e minimo di un determinato lasso di tempo.

Capital gain
Guadagno realizzato sul capitale investito.

Cross rate
Tasso di cambio.

Dollaro
Valuta di riferimento degli Stati Uniti d’America.

www.mondoforex.com
71
www.mondof
orex.com
Euro
Valuta di riferimento dell’Unione Europea.

FED (Federal Reserve)


L’istituto che unisce le 12 banche dei dipartimenti finanziari americani.

Figura
La somma di 100 movimenti minimi su ogni cross valutario.
Esempio: nel cambio Euro/Dollaro una figura è paragonabile ad 1 centesimo.

Flat
Assenza di posizioni aperte.

Forex (Foreign Exchange Market)


Mercato degli scambi di valuta straniera.

Franco
Valuta di riferimento della Svizzera.

Gap
Distanza mancante tra il prezzo di chiusura e la nuova apertura di un mercato. Il prezzo salta certi valori
sulla propria scala di riferimento. Nel forex è un evento che accade raramente e soltanto la domenica
notte.

Gestori
Persone che operano sul mercato secondo intuizioni personali.

Hedging
Impegnarsi in un attività d’investimento al fine di coprire le perdite di un’altra. Lo scopo è quello di ridurre
la volatilità.

Indice ISM
Indice macroeconomico americano che rileva l’andamento dell’industria manifatturiera nazionale.

www.mondoforex.com
72
www.mondof
orex.com
Indice PMI
Indice macroeconomico americano che rileva l’andamento dell’industria manifatturiera.

Intermediazione
Attività volta al miglioramento delle condizioni di operatività sul mercato per ottenere il massimo da una
negoziazione.

Leva finanziaria
Moltiplicatore del capitale investito che permette di investire soltanto un margine di garanzia rispetto al
totale investito.

Liquidità
Disponibilità di trovare in modo agevole una controparte per concludere una negoziazione.

Long
Posizione aperta in acquisto, con ottica rialzista.

Obbligazione
Titolo mobiliare in cui una parte si impegna a prestare danaro a scadenza ad un’altra previo interesse.

Obbligazione zero coupon


Obbligazione in cui gli interessi vengono pagati interamente a scadenza, presenta all’acquisto un prezzo
scontato degli interessi.

Operazioni overnight
Posizioni che rimangono aperte durante la notte e necessitano l’attività di rollover: chiusura e riapertura
immediata.

Operazioni spot o intraday


Operazioni che si chiudono entro la giornata.

www.mondoforex.com
73
www.mondof
orex.com
OTC (Over The Counter) o Interbank
A causa del fatto che le transazioni sono condotte tra due controparti o via telefono o via network
elettronico.

PIP (Performance Index Paper)


Il più piccolo incremento possibile per un tasso di cambio.
Esempio: Nel cambio Euro/Dollaro è pari ad un decimillesimo (0,0001).

Posizione
Il pensiero di un gestore espresso tramite un’operazione eseguita sul mercato.

Posizione aperta
Operazione sul mercato in corso.

Posizione di fondo
Operazione sul mercato in corso con ottica di lungo termine.

Rating
Giudizio tecnico espresso sulla solvibilità di un prodotto finanziario. Elaborato in 3 caratteri alfabetici da
AAA a seguire.

Resistenza
Soglia di prezzo dove i venditori fanno invertire un mercato in ascesa.

Rischio cambio
Rischio di subire delle perdite in caso di cambiamento del tasso di cambio.

Rollover
Regolamento di una transazione aperta durante la notte. Si riconduce ad un altra data di regolazione in
funzione del differenziale tra i tassi di sconto differenziale delle due monete del cross.

www.mondoforex.com
74
www.mondof
orex.com
Scalping
Operazioni veloci e ripetute più volte nel corso della giornata.

Scorrelazione
Assenza di legame tra l’andamento di due mercati differenti.

Short
Posizione aperta in vendita, con ottica ribassista.

Spread
Differenza di prezzo tra la domanda e l’offerta.

Sterlina
Valuta di riferimento della Gran Bretagna.

Stop loss
Ordine eseguito per limitare le perdite di un’operazione sbagliata sul mercato.

Stop profit
Ordine eseguito per incassare il guadagno di un’operazione profittevole sul mercato.

Supporto
Soglia di prezzo dove i compratori fanno invertire un mercato in discesa.

Target profit
Soglia di prezzo dove un gestore crede di dover chiudere un’operazione.

Tick
Movimento minimo del prezzo di uno strumento quotato.

Trading
Attività di negoziazione.

www.mondoforex.com
75
www.mondof
orex.com
Trend
Tendenza, direzione, andamento, evoluzione.

Volatilità
Misura statistica dei movimenti di prezzo in un mercato rispetto al tempo.

Volume
L’ammontare degli scambi totali su un determinato strumento quotato.

UIC (Ufficio Italiano Cambi)


Organo di riferimento italiano sulle valute in seno alla Banca d’Italia.

Warrant
Si definisce Warrant uno strumento finanziario, quotato in Borsa, consistente in un contratto a termine che
conferisce la facoltà di sottoscrivere, l’acquisto (detti Warrant Call) o la vendita (detti Warrant Put) di una
certa attività finanziaria sottostante (underlying) ad un prezzo (detto strike price o prezzo d’esercizio) e ad
una scadenza stabilita.Il prezzo d’acquisto del warrant prende il nome di premio.
Si distinguono due tipologie di warrant:

Warrant in senso stretto, che hanno come attività sottostante esclusivamente azioni e Covered warrant,
che possono avere come attività sottostante azioni, obbligazioni, indici azionari o obbligazionari o anche
panieri di titoli, valute o tassi di interesse.
Il valore teorico di un warrant è dato da numero delle azioni per il valore base di ogni singola azione meno il
prezzo di esercizio.

Yen
Valuta di riferimento del Giappone.

Yuan
Valuta di riferimento della Repubblica popolare Cinese.

www.mondoforex.com
76
www.mondof
orex.com
GUADAGNARE AL FOREX
Quando vi avvicinate al Forex, l'obiettivo è
ovviamente quello di guadagnare del
denaro. A volte si potrebbe anche
desiderare di diventare milionari in
pochissimo tempo, magari applicando le
strategie usate dai trader più grandi e
famosi. Non c'è nulla di più sbagliato,
perché è vero che nel Forex si possono
guadagnare grandi somme, ma bisogna
fare le cose con calma, un passo alla volta.

Il primo punto da tenere sempre a mente è che non esiste una strategia di trading infallibile, così come
non ne esiste una perfetta per tutti. Ognuno da noi ha una strategia preferita, che dipende magari dalla
nostra propensione al rischio o dal nostro approccio psicologico con il Forex e con la piattaforma di trading.

Ma esistono dei punti fondamentali per guadagnare con il Forex?

Si e no, per il discorso che abbiamo fatto prima. In ogni caso, possiamo senza dubbio considerare queste
basi come molto importanti:

 non cambiare mai la nostra metodologia di fare trading, a meno che non siamo ancora riusciti a
trovare quella ideale per noi;
 non aprire mai una posizione senza aver fissato, prima, i punti di entrata e di uscita dalla stessa;
 non avere la pretesa di chiudere in positivo tutte le transazioni;
 limitate le perdite delle transazioni sbagliate, ovvero di quelle che non sono andate esattamente
come speravate;
 conservate il vostro capitale, non investite mai oltre il 5% dello stesso. Il motivo è semplice: se
chiudete una posizione in perdita, avrete tutto il tempo di recuperare;
 informatevi sempre su ciò che accade nel mondo, perché potrebbe influirne sui prezzi nel Forex.

www.mondoforex.com
77
www.mondof
orex.com
Seguendo questi piccoli punti e ricordando di essere sempre molto prudenti e di non fare mai mosse
azzardate, allora potrete vincere e guadagnare al Forex.

SULL'IMPORTANZA DELLO STOP LOSS


Lo Stop Loss è senza dubbio uno strumento
indispensabile nello sfortunato caso in cui la vostra
posizione iniziasse ad andare troppo male.

Si tratta, sostanzialmente, di uno strumento diffuso su


tutte le principali piattaforme di trading che, in parole
povere, vi permette di impostare il limite di chiusura
automatico della vostra posizione, nel caso in cui si
scendesse al di sotto di una certa soglia di perdita.

Se la vostra transazione dovesse scendere sotto


questo valore, determinato liberamente da voi, il programma chiuderebbe automaticamente la vostra
posizione, arginando le perdite.

Lo stop loss è quindi indispensabile, specialmente perché non vi sarà possibile restare sempre davanti al
computer a monitorare l’andamento di una vostra transazione: assicuratevi, quando scegliere il vostro
broker, che metta a disposizione questo strumento.

www.mondoforex.com
78
www.mondof
orex.com
UN ESEMPIO DI TRANSAZIONE

Di seguito proponiamo qualche esempio di transazione Forex, a partire dai dati reali (ovvero quelli stiamo
guardando sul grafico), passando per le nostre previsioni fino a realizzazione pratica dell'apertura della
transazione e della relativa chiusura.

Scenario
Probabile diminuzione dei tassi di interesse negli USA

Previsione dell'investitore
Il valore del dollaro americano (USD) diminuirà nei confronti dell'euro (EUR).

Prezzo corrente delle valute considerate


1,3910 EUR contro 1 USD

Operazione da effettuare
Apertura di una posizione in acquisto

Importo dell'operazione
100.000 USD

Margine impiegato per aprire la posizione


100.000 / 100 (leva) = 1.000 USD

L'operatore decide di aprire una posizione per un valore di 100.000 USD, usando un margine di 1.000
dollari americani. In questo caso, ci sarà un guadagno se il rapporto EUR/USD salirà oltre il prezzo di 1.3910,
in caso contrario ci sarà una perdita.

www.mondoforex.com
79
www.mondof
orex.com
Supponiamo che la previsione sia giusta e che il rapporto tra EUR e USD salga a 1,4218 . In questo caso, la
differenza di 308 pips è tutto guadagno per l'operatore.

Il risultato dell'operazione sarà data dalla moltiplicazione dell'importo dell'operazione con la differenza in
pips tra prezzo di apertura e prezzo di chiusura, ovvero:

100.000 x 0,0308 = 3.080 USD .

In sostanza, l'operatore ha incassato 3.080 USD, con un guadagno netto di 2.080 USD (tolti i 1.000 USD che
aveva usato come margine per aprire l'operazione.

La percentuale di profitto che ha ricavato da questa operazione è del 308%.

Nel momento della chiusura di un'operazione, il margine impiegato viene "liberato" e può essere usato per
nuove operazioni.

www.mondoforex.com
80
www.mondof
orex.com
www. MondoForex.com
www.mondoforex.com
81
www.mondof
orex.com