Sei sulla pagina 1di 19

“Failure Analysis” (Analisi dei Meccanismi di Guasto):

La FA si è evoluta a partire dagli anni ’60: è stata usata nei programmi spaziali e nei
programmi militari, come tecnica di analisi e predizione dei meccanismi di guasto.

La FA si occupa di analisi dei guasti correlati a:


Progetto
Produzione
Testing
Uso
Manutenzione

1
L’affidabilità è la capacità di un sistema di operare nel modo dovuto, senza
malfunzionamenti o guasti.
Come definire l’affidabilità di un sistema?

 Definizione vaga: “Questo sistema non si deve rompere”.

 Definizione corretta: “Il sistema composto da (...) deve funzionare senza guasti
per almeno tre anni, operando in condizioni normali”.

... La definizione stessa di guasto è però ambigua

Si possono distinguere tre classi di guasto:


• Tipo 1: blocco totale del sistema.
E’ necessaria l’assistenza e/o parti di ricambio per ripristinare il sistema.
• Tipo 2: bloccaggio temporaneo del sistema.
E’ sufficiente un ripristino da personale non qualificato (... basta fare un RESET...)
• Tipo 3: difetti leggeri nelle funzionalità del sistema che si ripristinano senza
l’intervento di alcuno. 2
MTBF esprime il tempo medio di guasto del sistema.
La definizione corretta di affidabilità data prima per il nostro sistema di esempio
contiene tutti i dati per calcolare MTBF.
In dettaglio:

‘’Condizioni di utilizzo normali’’ nel nostro esempio possono significare:

10h al giorno per 300 giorni/anno = 3000 h/anno

per 3 anni = 9000 h complessive

Per le parti ridondanti, queste possono avere una vita dalle 2 alle 5 volte la MTBF, in
quanto si può accettare che qualcuno di questi si guasti entro i primi tre anni di vita
utile in ‘’condizioni normali’.

Per le parti critiche del sistema, cioè quelle che non si devono guastare nei primi 3
anni in ‘’condizioni normali’’, in prima approssimazione si può scegliere una vita utile
10 volte quella attesa, cioè 90.000 ore. 3
Tasso di guasto (l): 1° esempio di calcolo

1. Tempo non operativo = somma tempi non operativi di n (per esempio n = 50)
componenti, di cui si sono guastati una sottoparte ( per esempio 4 componenti).
Storico dei guasti: Comp. 1: non operativo per 2000-1200=800 ore
Comp. 2: non operativo per 2000-1450=550 ore
Comp. 3: non operativo per 2000-1720=280 ore
Comp. 4: non operativo per 2000-1905=95 ore

2a. Tempo di funzionamento = T totale – T non operativo =


= (50 * 2000) – (800+550+280+95) = 98275 ore
2b. Tempo di funzionamento = somma dei tempi operativi di n=50 componenti:
= (46 * 2000) + (1200+1450+1720+1905) = 98275 ore

Tasso di guasto (l) = (Numero dei guasti / Tempo di funzionamento) =


= 4 guasti/ 98275 ore = 4,1x10-5 [guasti / ora]

... l è un parametro che descrive componenti sia riparabili, sia non riparabili 4
Per componenti riparabili:

Il Tempo medio fra i guasti (MTBF = Mean Time Between Failure)


si misura in [ore/guasto], ed è il reciproco del tasso di guasto l [guasti / ora]

 MTBF = 1 / l

Per componenti non riparabili:

Tempo medio al guasto (MTTF = Mean Time To Failure)

... MTBF e MTTF definiscono la durata media fra due guasti successivi per
componenti riparabili e la vita media per componenti non riparabili

... MTBF e MTTF sono parametri più immediati rispetto a l: ci dicono quante ore un
componente, in media, può funzionare, senza che si verifichino dei guasti.

5
Esempio:

Per un componente avente un l = 4,1x10-5 [guasti / ora]


Si ha:
MTBF = 1 / (4,1x10-5 [guasti / ora]) = 24390.24 [ ore/ guasto]

... in media, ci si deve aspettare un guasto ogni 24390.24 ore ~ 2 anni e 10 mesi

6
2° Esempio:
20 componenti vengono accesi tutti insieme: Durata del test = 2000 h ~ 83 giorni
... n°componenti ‘’bruciati’’ = 5

componente ore
1 700
2 750
3 1000
4 1200
5 1800

... un primo componente si brucia dopo 700 ore, un secondo si brucia dopo 750 ore,
un terzo dopo 1000 ore, ecc..

l = Numero totale di avarie riscontrate / Numero totale di ore di funzionamento


= 5 / (700+750+1000+1200+1800+15x(2000)) = 1.4104 x (10)-4 [guasti / h]

MTBF = 1 / l = 1 / (1.4104 x (10)-4 [guasti / h]) = 7090,19 ore ~ 295 giorni 7


8
9
10
In altre parole, ldt considera la probabilità di guasto non di
N @ t = 0, bensì di N @ t > 0.
Ovvero, rispetto a quanti sono ancora funzionanti @ t > 0 11
Esempio:
Misura di affidabilità su un campione di N(t=0) = 16 repliche di oggetti uguali

Ng = Numero dei guasti

F = Ng(t) / N(0) = (2+3+4) / 16 = 9 / 16 = 56%

R = N(t) / N(0) = [N(0) - Ng(t)] / N(0) = (16 – 9) / 16 = 7 /16 = 44%

7
16 % (… % …) 12
(… % …) Ng = Numero dei guasti

13
14
(… % …)
15
(… % …)

16
17
18
t
 R(t )  exp[  l (t )dt ] 19
0