Sei sulla pagina 1di 64

L A T E X

CHE PASSIONE!!

MANUALE DI BASE

Daniele Caon

Typeset by L A T E X2 ε

c 2003 Daniele Caon Permission is granted to copy, distribute and/or modify this document under the terms of the GNU Free Documentation License, Version 1.1 or any later version published by the Free Software Foundation; with the Invariant Sections being Ringraziamenti, with the Front-Cover Texts being:

“Latex Che Passione!! Manuale di base Daniele Caon” and anything before this section, following the title itself. There are no Back-Cover Texts. A copy of the license is included in the section entitled GNU Free Documentation License.

Ringraziamenti

Ringrazio il mio carissimo amico Paolo Lulli, per avermi fatto conoscere Linux e il L A T E X .

Prefazione

Ho conosciuto il L A T E X quando un giorno un mio amico, Paolo Lul-

li, mi disse che aveva installato il sistema operativo Linux. Mi diceva

che questo “editor” era qualcosa di favoloso, quindi incuriosito andai a casa sua e mi fece vedere. Fui veramente sorpreso: non esistevano pul-

santi, il mouse non si utilizzava ma bisognava solamente scrivere. Vidi che praticamente bisognava imparare un tipo particolare di linguaggio di “programmazione”.

A quel tempo nel mio computer avevo solamente un sistema operativo

e scrivevo i miei documenti con un word processor. Con questo word processor facevo le mie relazioni universitarie e trovavo che la cosa più

noiosa era quella di immettere grafici, scrivere formule matematiche, fare

gli indici e le note a pié di pagina. Era un vero supplizio, il word processor

si comportava come se vivesse di vita propria, spesso non faceva quello

che pensavo.

Poi un giorno decisi di installare il sistema operativo Linux per impara- re a scrivere con il L A T E X. Devo dire che all’inizio ero molto scoraggiato, non ero abituato a dare comandi tramite tastiera, il mouse praticamente

mi aveva viziato.

Cominciai a scaricare qualche manuale e, piano piano, armato di buona volontà producevo i miei primi documenti in L A T E X. Non era difficile ma bisognava ricordarsi i comandi, che poi sono molto intuitivi. Da qui il bisogno sempre più impellente di conoscere tutte le potenzial-

ità del programma, ma la ricerca di manuali su internet era veramente

faticosa, specialmente in italiano; quindi ho deciso di scrivere questo manuale, che spero sia di aiuto a tutti coloro che si sono stufati dei soliti word processor e a chi vuole stampare quello che pensa.

Questo manuale è adatto a tutti: per chi vuole scrivere una tesi di lau- rea bella da presentare, scientifica o umanistica che sia; per le dispense dei professori; per scrivere libri (avete mai visto un libro o un manuale scritto con un word processor?) ecc.

Il L A T E X non è un programma esclusivo per Unix o Linux ma è anche

disponibile per Windows, Mac ecc.

Per tutti coloro che vorrebbero provare a scrivere con il L A T E X che però

iii

non posseggono Linux o perché scaricare il programma risultasse molto noioso, sulle riviste dedicate a Linux a volte escono cd con le demo di Linux; cioè sistemi operativi che partono direttamente da cd. Per qualsiasi chiarimento o consiglio potete contattarmi via e-mail all’all’indirizzo:

dcaon2@libero.it

Indice

Ringraziamenti

 

i

Prefazione

ii

Elenco figure

v

Elenco tabelle

vi

1 Il primo documento

1

1.1 Si inizia! .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

1

1.2 Classi del documento

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

2

1.3 Pacchetti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

3

1.4 Correzione errori .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

4

2 Come si scrive il testo

 

5

2.1 Caratteri speciali

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

5

2.2 Capitoli, sezioni, ecc.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

5

2.3 Indice

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

6

2.4

Note

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

7

2.4.1 Note a pié di pagina

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

7

2.4.2 Note a margine

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

7

2.5 Interruzioni

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

8

2.6 Stile e corpi dei caratteri

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

8

2.7 Allineamento paragrafi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

9

2.8

Versi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

10

2.9

Come scrivere i comandi L A T E X nel documento

 

10

2.10Elenchi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

11

2.11Tabelle

. 2.11.1Ambiente tabular .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

12

13

 

. 2.11.3Tabelle in più pagine

2.11.2Ambiente table

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

16

17

2.12Inserimento di grafici ed immagini

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

18

2.13Frontespizio

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

19

2.14Bibliografia

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

20

INDICE

v

 

2.15Indice analitico

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

21

3

Intestazioni e pié di pagina

23

3.1 Intestazioni e pié di pagina standard

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

23

3.2 Il pacchetto fancyhdr

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

24

3.2.1 Intestazioni e pié di pagina fissi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

24

3.2.2 Intestazioni e pié di pagina variabili

 

24

4

L A T E X & matematica

26

4.1 Modalità testo

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

26

4.2 Modalità matematica

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

26

4.3 Operazioni

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

27

4.4 Pacchetti amsmath amssymb e wasysym

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

29

4.4.1 Formule allineate .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

30

4.4.2 Parentesi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

31

4.4.3 Array

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

32

split

4.4.4 .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

32

4.4.5 Matrici

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

33

4.4.6 Integrali

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

34

4.4.7 Fonti in modalità matematica

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

35

4.5 Simboli matematici

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

35

A

Finezze

A.1

A.2

. Grafiche per le intestazioni dei capitoli

.

Nuovi font

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

37

37

37

A.3

. Altri paccheti per la modalità matematica

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

38

B

39

 

B.1

DVIPS

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

39

B.2

PS2PDF

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

39

B.3

Stampare in A5

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

39

B.4

B.5

. Il vostro documento su internet

Makefile

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

39

40

C

L A T E X & Emacs

41

D

GNU Free Documentation License

42

Elenco delle figure

2.1

Esempio figura

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

19

Elenco delle tabelle

2.1 Caratteri speciali più ricorrenti

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

5

2.2 Comandi di sezionamento

 

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

5

2.3 Tabella con titolo .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

16

2.4 Tabella su due pagine .

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

18

2.5 Voci indice analitico

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

21

Capitolo 1

Capitolo 1 Il primo documento Prima di iniziare bisogna dire due parole su come è architettato
Capitolo 1 Il primo documento Prima di iniziare bisogna dire due parole su come è architettato

Il primo documento

Prima di iniziare bisogna dire due parole su come è architettato un sorgente L A T E X. Diciamo che il sorgente è sezionato in due parti:

il preambolo;

il documento.

Nel preambolo si trovano i comandi che caricano le estensioni, che si trova tra \documentclass e \begin{document}. Nel documento si trova il documento vero e proprio ed è compreso tra \begin{document} e \end{document}. Ricordate che ogni comando va preceduto da un backslash \”.

1.1 Si inizia!

Aprite un editor di testo qualunque e scrivete:

\documentclass[a4paper,11pt]{article}

\usepackage[T1]{fontenc}

\usepackage[italian]{babel}

\begin{document}

Il mio primo documento

\end{document}

A questo punto salvate come prova.tex e compilate, scrivendo nella linea di comando

latex prova.tex

Per vedere quello che avete scritto, aprite il file prova.dvi con xdvi o kdvi.

2

Il primo documento

1.2 Classi del documento

Il comando \documentclass va messo all’inizio della stesura del sor- gente e serve a determinare il formato della pagina da stampare, la grandez- za del carattere e altre opzioni che descriverò tra non molto. Inoltre definisce la “classe” cioè il tipo di impaginazione del documen- to: articolo, libro, lucidi, ecc.

La

sintassi è la seguente:

\documentclass[opzioni]{classe}

Di

seguito sono riportate le opzioni e le classi.

Opzioni

10pt, 11pt, 12pt : dimensione del carattere (per default 10pt);

a4paper, a5paper, letterpaper, b5paper, legalpaper, executivepaper : di- mensioni del foglio (per default letterpaper);

openright : apre il capitolo nella pagina destra (questo è settato per default). Funziona solamente per la classe book;

openany : apre il capitolo sulla pagina successiva. Funziona solo per la classe book;

twocolumn : documento su due colonne;

twoside, oneside : documento a doppia o singola facciata. Per default le classi report e article sono a singola facciata, mentre la classe book a doppia facciata;

leqno : numerazione formule sulla sinistra (per default sulla destra);

fleqn : formule allineate sulla sinistra (per default sono centrate)

1.3 Pacchetti

3

Classi

slides : serve per generare i lucidi, cioè si hanno caratteri grandi in sans serif;

article : serve per relazioni, riviste, articoli, ecc.;

report : per tesi di laurea, tesine, ecc.;

book : per libri (stile fronte-retro).

Esempio:

per generare il documento che state leggendo ho usato:

\documentclass[openany,a4paper,12pt]{book}

come potete vedere le opzioni vanno separate da una virgola 1 .

1.3

Pacchetti

I pacchetti servono al L A T E X per fare alcune funzioni che da “solo” non farebbe. Essi si trovano tra \documentclass e \begin{document}. La sintassi è la seguente:

\usepackage[opzioni]{pacchetto}

Le opzioni sono facoltative o quasi, invece il pacchetto no. Non de- scriverò in questa sezione i singoli pacchetti, perché questi vanno scelti di volta in volta quando se ne sente la necessità. I pacchetti essenziali per scrivere in italiano sono i seguenti:

\usepackage[italian]{babel}

\usepackage[T1]{fontenc}

Il pacchetto babel con l’opzione italian permette al L A T E X la divisione delle parole a fine riga e di scrivere in italiano: “Capitolo”, “Indice”, ecc. al posto di “Chapter”, “Index”, ecc. Il pacchetto fontenc con l’opzione T1 fa si che tutte le lettere accen- tate che avete sulla tastiera possano essere immesse da essa. Infatti per “stampare” la lettera è sarà sufficiente premerla da tastiera e non scrivere sul sorgente il comando \‘e.

1 La sequenza non è importante

4

Il primo documento

1.4 Correzione errori

Se non avete scritto bene qualche comando, vi appare un messaggio d’errore del tipo:

! Undefined control sequence. l.113 \sectio

{Correzione errori}

?

Il ritorno a capo dice dove è l’errore e il numero 113 a quale riga. Dopo il punto interrogativo si può premere x interrompendo la compilazione; oppure si può premere r per farla continuare.

Capitolo 2

Capitolo 2 Come si scrive il testo 2.1 Caratteri speciali Per tutti i caratteri disponibili vi
Capitolo 2 Come si scrive il testo 2.1 Caratteri speciali Per tutti i caratteri disponibili vi

Come si scrive il testo

2.1 Caratteri speciali

Per tutti i caratteri disponibili vi consiglio di cercare su internet: Guida locale all’uso di L A T E X, dove potrete soddisfare tutte le vostre esigenze. Nella tabella 2.1 sono riportati i caratteri più o meno ricorrenti.

Effetto

Comando

Effetto

Comando

Effetto

Comando

Effetto

Comando

ò

\‘o

ó

\’o

ô

\^o

õ

\~o

\=o

\.o

ö

\"o

ç

\c c

\u o

\v o

\H o

\c o

o

\d o

o

\b o

œ

\oe

Œ

\OE

.

¯

æ

\ae

Æ

\AE

Ø

\O

ø

\o

Ł

\L

ı

\i

‡

\j

¡

!‘

¿

?‘

\dag

\ddag

§

\S

c

\copyright

\P

£

\pounds

\ldots

‘‘

’’

--

---

Tabella 2.1: Caratteri speciali più ricorrenti

2.2 Capitoli, sezioni, ecc.

Se volete scrivere un libro, una tesi di laurea, articoli ecc. avete bisog- no di inserire nel documento capitoli, sezioni, sottosezioni, paragrafi e ap- pendici; con il L A T E X è molto semplice, basta scrivere i seguenti comandi (tabella 2.2):

\part{

}

\subsubsection{

 

}

\chapter{

}

\paragraph{

}

\section{

}

\subparagraph{

}

\subsection{

}

\appendix

Tabella 2.2: Comandi di sezionamento

6

Come si scrive il testo

vanno usati solo per le clas-

si book e report; il comando \appendix non richiede l’argomento. La numerazione dei capitoli, sezioni ecc. è automatica! Infatti per scrivere questo capitolo con le prime due sezioni ho scritto:

\chapter{Come si scrive il testo} \section{Caratteri speciali} Per tutti i caratteri disponibili

I comandi \part{

}

e \chapter{

}

\section{Capitoli, sezioni, ecc.} Se volete scrivere

In questo modo potete aggiungere nuovi capitoli o sezioni nel vostro documento senza preoccuparvi della nuova numerazione, ci pensa a tutto lui. Il L A T E X però non fa automaticamente il rientro subito dopo le sezioni o i capitoli; per far ciò si deve usare il pacchetto indentfirst nel preambolo, cioè dovete scrivere nel preambolo:

\usepackage{indentfirst}

2.3

Indice

Per creare l’indice basta inserire il comando 1

\tableofcontents

subito dopo \begin{document}, oppure prima di \end{document} e com- pilare due volte. Aggiungendo * nel comando, si generano titoli che non compaiono nell’indice e non numerati nel documento, cioè:

Per esempio:

\chapter*{

}

\section*{

}

\chapter*{Capitolo senza numero}

genera:

1 È chiaro che per fare l’indice devono esserci i capitoli le sezioni ecc. nel documento.

Capitolo senza numero

e:

\section*{Sezione senza numero}

genera:

Sezione senza numero

2.4

Note

2.4.1 Note a pié di pagina

Per inserire una nota a pié di pagina 2 bisogna scrivere, dove si vuol mettere la nota, il comando:

per esempio:

\footnote{

}

Per inserire una nota a pié di pagina\footnote{Come

2.4.2 Note a margine

Per le note a margine la sintassi è la seguente:

\marginpar[] o \marginpar{}

Dove con le parentesi [] si immette la nota a margine a sinistra e con le parentesi {} si immette la nota a margine a destra. Per esempio:

\marginpar[nota a margine]

2 Come questa

8

Come si scrive il testo

Non per confondervi le idee, ma per i documenti fronte-retro, come questo documento che usa la classe book, le note sono invertite nelle pagine pari. Se nel documento non dovete mettere le note a margine, allora con- viene inserire il pacchetto vmargin nel preambolo; consiglio vivamente di metterlo per la classe book. Questo non è il suo utilizzo principale, in- fatti serve per ridimensionare le pagine, che comunque consiglio di non modificare.

2.5 Interruzioni

\newpage: inizia una nuova pagina;

\newline o \\: inizia una nuova riga senza rientro;

linea bianca: nuovo paragrafo con rientro;

\hspace{larghezza} e \vspace{larghezza}: rispettivamente spazio orizzontale e verticale;

Nei comandi \hspace e \vspace la larghezza va espressa in:

mm millimetri;

cm centimetri;

in pollici;

pt punti.

Per esempio:

\vspace{4cm}

2.6 Stile e corpi dei caratteri

Stili

\emph{} testo enfatizzato;

\textbf{} testo in grassetto;

\texttt{} testo come macchina da scrivere;

\textsc{} TESTO MAIUSCOLO (premendo lo shift si hanno i caratteri più grandi: ESEMPIO);

\textsf{} testo in sans serif;

\textit{} testo italico;

\textsl{} testo corsivo;

2.7 Allineamento paragrafi

9

Corpi

\tiny Esempio;

\scriptsize Esempio;

\footnotesize Esempio;

\normalsize Esempio;

\large Esempio;

\Large Esempio;

\LARGE Esempio;

\huge Esempio;

\Huge Esempio;

Se si vuole scrivere solo una parte del documento con un corpo diver- so, è meglio inserire il comando in un ambiente, cioè per esempio:

\begin{Large} La notte era piena di stelle \end{Large}

produce: La notte era piena di stelle

Infatti se si utilizza il comando \Large il resto del documento avrà il carattere grande.

2.7 Allineamento paragrafi

Per allineare i paragrafi si usano gli ambienti flushleft center flushright che rispettivamente allineano il testo a sinistra, centro e destra. Per in- terrompere le linee usare \\. Esempi:

\begin{flushleft} Testo allineato\\ a sinistra \end{flushleft}

Testo allineato a sinistra

\begin{center}

Testo\\centrato

\end{center}

10

Come si scrive il testo

Testo

centrato

\begin{flushright} Testo allineato\\a destra \end{flushright}

Testo allineato a destra

2.8 Versi

Per i versi si possono usare due ambienti: quote e verse dove quote può servire per citazioni brevi, invece verse è usato per le poesie e la divisione delle linee viene fatta con \\. Esempi:

\begin{quote} Quando la nebbia si dissolse il mio sguardo si rivolse verso la casa dei miei genitori \end{quote}

Quando la nebbia si dissolse il mio sguardo si rivolse verso la casa dei miei genitori

\begin{verse} Nel mezzo del cammin di nostra vita\\ mi ritrovai per una selva oscura,\\ ché la diritta via era smarrita. \end{verse}

Nel mezzo del cammin di nostra vita mi ritrovai per una selva oscura, ché la diritta via era smarrita.

2.9 Come scrivere i comandi L A T E X nel docu- mento

Se si vuole scrivere un manuale per un qualche linguaggio di pro- grammazione si ha la necessità di inserire nel documento dei caratteri che il L A T E X interpreta come comandi, a questo problema ci viene in aiuto il comando \verb++ e l’ambiente \begin{verbatim} \end{verbatim}. Infatti, come potete vedere, per scrivere tutti i comandi che ho scritto ho usato i suddetti. Usando questi comandi il testo viene stampato di- rettamente, con tutti gli spazi e le interruzioni di linea senza che venga

2.10 Elenchi

11

interpretato.

Esempi:

\begin{verbatim} testo scritto alla lettera \end{verbatim}

Se si vuole inserire qualche comando all’interno del paragrafo si può usare

\verb+testo+.

2.10

Elenchi

Per fare degli elenchi L A T E X usa vari ambienti che possono anche essere nidificati. Gli ambienti sono:

itemize;

enumerate;

description.

L’ambiente itemize genera delle liste puntate, l’ambiente enumerate genera delle liste numerate e l’ambiente description genera delle liste con la prima parola in grassetto. Si possono cambiare, nell’ambiente itemize, i pallini con delle liniette o altri oggetti. Vediamo qualche esem- pio:

\begin{itemize} \item pallino \item[-] linietta \item[*] asterisco \end{itemize}

pallino

- linietta

* asterisco

\begin{enumerate} \item primo punto \item secondo punto \item terzo punto \end{enumerate}

1. primo punto

12

Come si scrive il testo

2. secondo punto

3. terzo punto

\begin{description} \item[Prima] descrizione \item[Seconda] descrizione \item[terza] descrizione \end{description}

Prima descrizione

Seconda descrizione

Terza descrizione

Per nidificare le liste basta fare:

\begin{enumerate} \item primo punto \begin{itemize} \item pallino \item[-] linietta \end{itemize} \item secondo punto \end{enumerate}

1. primo punto

pallino

- linietta

2. secondo punto

2.11

Tabelle

Per fare le tabelle il L A T E X usa due ambienti concettualmente diversi, ma il risultato è “quasi” lo stesso; dunque, sono:

tabular

table

2.11 Tabelle

13

2.11.1 Ambiente tabular

Facciamo subito un esempio:

\begin{tabular}{ccc}

& anno & giorno\\

gennaio & 2000 & lunedí\\ febbraio & 2000 & sabato\\ \end{tabular}

Mese

Mese

anno

giorno

gennaio

2000

lunedí

febbraio

2000

sabato

Come funziona: come potete vedere \begin{tabular} è seguito da tre parametri; questi parametri sono importanti in quanto stabiliscono di quante colonne deve essere formata la tabella e il tipo di giustificazione del testo all’interno della colonna; gli “&” sono i separatori tra le colonne. I parametri sono:

l (left) testo nella colonna allineato a sinistra;

c (center) testo nella colonna allineato al centro;

r (right) testo nella colonna allineato a destra.

Se vogliamo che la prima colonna, dell’esempio precedente, sia allinea- ta a sinistra, si avrà:

\begin{tabular}{lcc}

& anno & giorno\\

gennaio & 2000 & lunedí\\ febbraio & 2000 & sabato\\ \end{tabular}

Mese

Mese

anno

giorno

gennaio

2000

lunedí

febbraio

2000

sabato

Per avere delle caselle nella tabella basta separare i parametri del \begin{tabular}{ccc} con delle pipe, cioè:

\begin{tabular}{|c|c|c|}

& anno & giorno\\

gennaio & 2000 & lunedí\\ febbraio & 2000 & sabato\\ \end{tabular}

Mese

Mese

anno

giorno

gennaio

2000

lunedí

febbraio

2000

sabato

Per avere le linee orizzontali si inserisce il comando \hline, così si ha:

14

Come si scrive il testo

\begin{tabular}{|c|c|c|}

\hline

& anno & giorno\\

\hline \hline gennaio & 2000 & lunedí\\ \hline febbraio & 2000 & sabato\\ \hline \end{tabular}

Mese

Mese

anno

giorno

gennaio

2000

lunedí

febbraio

2000

sabato

Per centrare la tabella basta includerla tra \begin{center} e \end{center}.

Se il testo all’interno di una casella è molto lungo, la tabella viene “stampata” fuori dai margini del foglio, allora per questo problema ci ven- gono in aiuto dei parametri che stabiliscono la lunghezza della casella, per esempio:

\begin{tabular}{|p{9cm}|p{3cm}|}

\hline \centering \textbf{Esempi di applicazione del vuoto} & \textbf{Intervallo di pressione (Pa)}\\ \hline \hline Simulazione spaziale & $10^5\div 10^{-4}$\\ Preparazione di film sottili & $10^{-1}\div 10^{-8}$\\ Tubi elettronici & $10^{-1}\div 10^{-6}$\\ Metallurgia & $10^5\div 10^{-1}$\\ Macchine acceleratrici di particelle & $10^{-4}\div 10^{-11}$\\ Fisica dei plasmi e macchine per fusione nucleare & $10^5\div 10^{-8}$\\ Studio di superficie (struttura, composizione) & $10^{-4}\div 10^{-9}$\\ Catalisi eterogenea & $10^{-4}\div 10^{-9}$\\ Liofilizzazione & $10^1\div 10^{-1}$\\ Isolamento termico & $10^{-1}\div 10^{-3}$\\ \hline \end{tabular}

2.11 Tabelle

15

Esempi di applicazione del vuoto

Intervallo

di

pressione (Pa)

Simulazione spaziale Preparazione di film sottili Tubi elettronici Metallurgia Macchine acceleratrici di particelle Fisica dei plasmi e macchine per fusione nucleare Studio di superficie (struttura, compo- sizione) Catalisi eterogenea Liofilizzazione Isolamento termico

10 5 ÷ 10 4 10 1 ÷ 10 8 10 1 ÷ 10 6 10 5 ÷ 10 1 10 4 ÷ 10 11 10 5 ÷ 10 8

10 4 ÷ 10 9

10 4 ÷ 10 9 10 1 ÷ 10 1 10 1 ÷ 10 3

Se si vuole una tabella mista con una colonna di larghezza definita e, ad esempio, le rimanenti colonne con larghezza non definita, si aggiunge il parametro *{n}{formato}. Esempio:

\begin{tabular}{||p{4cm}||*{2}{c|}|}

\hline

\hline

\hline

& Contenuto & Quantità \\

\textbf{Heineken}

& 33 cl

& 10

\\

\hline

\textbf{Guinnes}

& 1 pinta

& 5

\\

\hline \textbf{Kr\"onenbourg} & 33 cl \hline \end{tabular}

& 0

\\

 

Contenuto

Quantità

Heineken

33

cl

10

Guinnes

1 pinta

5

Krönenbourg

33

cl

0

Quindi il parametro *{n}{format} dichiara n volte format, nell’esem- pio precedente {c||}. Per etichettare due o più colonne contemporaneamente si usa il co- mando \multicolumn{numero}{formato}{testo}. Esempio:

\begin{tabular}{|c|c|} \hline

\multicolumn{2}{|c|}{Etichetta}\\

\hline primo & secondo\\

16

Come si scrive il testo

\hline

\end{tabular}

Etichetta

Etichetta

primo

secondo

2.11.2 Ambiente table

A differenza dell’ambiente tabular, il table permette di inserire un titolo alla tabella e un riferimento; in più l’ambiente table è un oggetto “mobile”, nel senso che il L A T E X decide la posizione migliore all’interno della pagina. Quest’ultima caratteristica può, in certi casi, dare fastidio. All’interno dell’ambiente table va nidificato l’ambiente tabular. Esem- pio:

\begin{table}[!htbp] \begin{center} \begin{tiny} \begin{tabular}{|c|c|} \hline Denominazione & Intervallo di pressione in $Pa$\\ \hline Basso vuoto & $10^5 \div 10^2$\\ Vuoto medio & $10^2\div 10^{-2}$\\ Alto vuoto & $10^{-2}\div 10^{-6}$\\ Ultra-Alto vuoto & $<10^{-6}$\\ Vuoto estremo & $<10^{-10}$\\ \hline \end{tabular} \caption{Tabella con titolo}

\label{tab1}

\end{tiny}

\end{center}

\end{table}

Denominazione

Intervallo di pressione in P a

Basso vuoto

10 5 ÷ 10 2 10 2 ÷ 10 2

Vuoto medio

Alto vuoto

10 2 ÷ 10 6

Ultra-Alto vuoto

< 10 6

Vuoto estremo

< 10 10

Tabella 2.3: Tabella con titolo

Dal sorgente si vede che \begin{table} è seguito da delle opzioni, esse significano:

h

here nel punto esatto dove compare il testo (per piccoli oggetti mobili);

p

page in una pagina contenente solo oggetti mobili;

2.11 Tabelle

17

b

bottom in fondo ad una pagina;

t

top in cima ad una pagina;

! non considera ad esempio il numero massimo di oggetti mobili in una pagina.

Per default è settato [tbp] quindi conviene precisare [htbp] se si vuole, per quanto possibile, avere la tabella laddove appare nel testo. Il comando \caption{} serve a dare il nome alla tabella, in questo caso \caption{Tabella con titolo} ed il comando \label{}, che va posto subito dopo \caption{}, permette di fare riferimento alla tabella, cioè sel nel documento voglio riferimi a questa tabella, e quindi al suo numero, richiamo la tabella con il comando ~\ref{}, in questo caso ~\ref{tab1}; allora avrò tabella 2.3. Questo comando è molto utile, in quanto se si aggiungono nuove tabelle la numerazione cambia e quindi potrebbe di- ventare stressante cambiare a mano la numerazione volta per volta. Il comando ~\pageref{} è simile a ~\ref{} solamente che indica la pagina dove è situata la tabella. Per esempio:

La tabella~\ref{tab1} a pagina~\pageref{tab1}

La tabella 2.3 a pagina 16

Per fare in modo che i comandi abbiano effetto, bisogna compilare due volte; altrimenti si avranno dei punti interrogativi laddove andrebbero i numeri. Usando l’ambiente table si può ottenere un indice delle tabelle, come l’indice analitico, con il comando:

\listoftables

che va inserito alla fine del documento, prima di \end{document}, o all’inizio del documento, dopo \begin{document}.

2.11.3 Tabelle in più pagine<