Sei sulla pagina 1di 3
sina018 ‘to aziendal pi sconto per le imprese Sole 24 ORE “OL ORE DOSSIER IN. TARTICOLL Motor /Flotteenolegaioinascesa Auto aziendali, pit: sconto per le imprese Al Luca De Stefanl | 4 genni 208 Laumento del 3% dei costi chilometrici Aci per il calcolo del fringe benefit da tassare nel 2018 in capo a dipendenti e amministratori per le auto aziendali in uso promiscuo, anche per pochi giorni (si veda il Quotidiano del Fisco di ieri), non aumentera la deduzione, per l'impresa, del 70% dei costi delle vetture dei dipendenti per la «maggior parte del periodo d’imposta». Ma aumentera la deduzione dei costi delle auto date agli amministratori (anche per pochi giorni): in questo caso, i costi si deducono al 100%, nel limite del fringe benefit tassato, mentre l'eccedenza é deducibile al 20% se lutilizzo & promiscuo 0 @ indeducibile se Truso @ solo personale. Auto ai dipendenti Le spese e gli altri componenti negativi dei «veicoli dati in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo d'imposta» (pitt di 183 giorni I'anno), cio? per scopi sia aziendali (ad esempio, visita a clienti) sia personali (ad esempio, tragitto casa-lavoro o viaggi nel weekend o in ferie), sono deducibili al 70% dall'impresa (90% fino al 2012), senza considerare alcun limite di costo del veicolo, come quello dei 18.075,99 euro applicabile agli acquisti di vetture, Non occorre né che tale utili continuativo né che il veicolo sia utilizzato da uno stesso dipendente. Se I’autovettura ¢ acquistata nel corso delt’anno e viene data in uso promiscuo ai dipendenti, 1a maggior parte del periodo si calcola dal momento dell'acquisto fino al termine del periodo d'imposta. zo avvenga in modo La deduzione del 70% é su tutti i costi effettivi di bilancio (come ammortamento, canoni di leasing 0 noleggio, manutenzione, bollo auto, assicurazione, custodia, carburante) del veicolo, cio’ non solo a quelli che eccedono il fringe benefit tassato al lavoratore. Auto agli amministratori Le regole di tassazione del fringe benefit in capo al dipendente si applicano «anche con riferimento ai redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente», come quelli degli amministratori delle societa: l'articolo 34 della legge 342/2000 ha assimilato il trattamento fiscale dei redditi da rapporti di collaborazione coordinata € continuativa con quello dei redditi di lavoro dipendente. Ma l’assimilazione non vale per «tutti gli effetti di legen, come ad esempio capita per la deduzione del costo dal reddito di impresa (circolare 1/F/2007, paragrafo 17-1): Varticolo 164, comma 1, lettera b-bis, Tuir continua a consentire la deduzione agevolata al ‘70% solo per i veicoli «dati in uso promiscuo ai dipendenti» (circolare 5/E/2001). htptwmsle2Aore.comvartincrme-o-ibut2018-01-Otauto-manager.piu-scont--azionda-095340 shin! Ruud=AETepnaD&retrash_co=1 18 sian ‘ufo aziendal pit sconto pe le imprese- I Sole 24 ORE Quindi, per gli amministratori i costi da bilancio delle vetture loro assegnate (anche per pochi giorni) si deducono al 100%, nel limite del fringe benefit tassato (che @ al netto dell’eventuale rimborso pagato dall'amministratore, comprensivo di Iva); l'eccedenza é deducibile al 20% se I'uso & promiscuo 0 & indeducibile se I'uso é solo personale. Iva La detrazione Iva sui costi delle autovetture rimane al 40% anche in caso di uso promiscuo da parte dei dipendenti, tranne quando I'azienda addebita a questi ultimi un corrispettivo (naturalmente, fatturato con Iva, circolare 326/E/1997, paragrafo 2.3.2.1 € risoluzione 25/E/2000) per l'uso personale (si ritiene almeno 2 integralmente detraibile pari al fringe benefit tassato). Quindi, I’Iva pagata per il loro acquisto e utiliz; (risoluzione 6/DPF/2008). Cid, per®, vale solo per le assegnazioni ai dipendenti e non per quelle agli amministratori, per le quali la detrazione & sempre del 40% (Direzione regionale Entrate della Lombardia, n. 904-472/2014). DOSSIER |N. TARTICOLI Motor /Flotte enolegglo in ascesa La versione business sbarca nell’88% delle flotte “ai Vincenzo Comte 127 giugne 207 Ai fleet manager piace business. Non @ il titolo del remake di un successo cinematografico di qualche anno fa, ma, in estrema sintesi, il risultato di una rilevazione condotta dall’Osservatorio Gvo di Arval Italia insieme ad Econometrica, che analizza la diffusione dei veicoli con allestimenti business nelle flotte aziendali ¢ la percezione che di questi hanno i fleet manager italiani. Un doveroso incipit: da qualche anno sempre pitt frequentemente le case automobilistiche, al momento dell'uscita di un nuovo modello, propongono sin da subito un allestimento dedicato ai flottisti con tutti quei dispositivi che dovrebbero essere utili a chi usal’auto per lavoro, allestimento comunemente denominato business. Ma cosa pensano gli addetti ai lavori di questi allestimenti dedicati? Dalla rilevazione emerge che sono conosciuti dal 98% dei fleet manager, sono gia presenti nell’88% delle flotte (con una incidenza media che si attesta al 53% sul totale dei veicoli del parco) e che sono accolti in maniera molto favorevole dai driver. Oltre a vantaggi economici, I’85% dei fleet manager si attende dalle versioni business un'attenzione particolare sul fronte sicurezza - preferita nettamente alla componente estetica - attraverso I'adozione di dispositivi di ultima generazione. Nell'allestimento business ideale, infatti, per i fleet manager non devono mancare il ripartitore elettronico di frenata, il controllo di stabilita dinamica, il navigatore satellitare integrato, la frenata automatica d’emergenza, 'awviso di possibile collisione e il controllo di trazione, «Oggi per i fleet manager ~ sottolinea Alessandro Torchio, Head of consulting & Corporate vehicle observatory di Arval Italia - i modelli con allestimento business devono presentare caratteristiche importanti anche in tema di riduzione dei consumi ed emissioni, mantenendo alta I’attenzione alla sicurezza. Ecco perché si sta aprendo una nicchia per le vetture ibride, 11 diesel resta comungue la scelta preferita per un uso professionale e le versioni business in listino sono offerte in maniera preponderante con questo tipo di htptwmsle2Aore.comvartincrme-o-ibut2018-01-Otauto-manager.piu-scont--azionda-095340 shin! Ruud=AETepnaD&retrash_co=1 sian ‘ufo aziendal pit sconto pe le imprese- I Sole 24 ORE ‘Tornando al fattore risparmio, il 30,6% dei fleet manager interpellati percepisce che il vantaggio economico di una versione business @ incluso in una forbice che va dal 6 al 10%. I] 24% crede che si collochi tra P11 il 20% € il 18,4% pensa che si possa collocare tra lo zero e il 5%. A seguire, con percentuali minori, i fleet manager che credono che il vantaggio economico vada dal 21 al 30% e quelli che credono che sia superiore al 30%. Questo per cid che riguarda il vantaggio percepito. Ma, invece, quale dovrebbe essere il risparmio garantito da una versione business (rispetto all’acquisto separato dei singoli optional che la compongono)? Secondo la media dei gestori flotte interpellati, la percentuale ideale il 25,7%. Dalla rilevazione emerge un grande interesse e un apprezzamento diffuso nei confronti delle versioni business, anche se vi sono aree in cui si pud lavorare per migliorare ancora. TAS, Senndsate Svienabity ad Favs cette . Groterevsiee dimesronoy — Al htptwmsle2Aore.comvartincrme-o-ibut2018-01-Otauto-manager.piu-scont--azionda-095340 shin! Ruud=AETepnaD&retrash_co=1