Sei sulla pagina 1di 11
DOVE LA CARITA E VERA Musica di Marco Frisina Do-ve la ca-ti- -ve a cat - ta Do-ve la cari - ta @ ve-raesin Jee-ra ce ta 0 vome sinjce-ra, lao @ ve-raesin-co-rala Di - ©, do-ve la cand - aad +] t@ per-do-na e ta per-do-na e | 8 per-do-na e ta per-do-na & fr ae (Gass =s5 oe tut-to sop-por = ta, 7 = 1 Be-ni-gna com + pren- de © non si Pee fee oe ee ee Sie een eee tut-to sop-por = | ta | Do = ve la ca-m- ta be-ni-gna com | pron - dee non si oo = 7 = SS oe f oS fut-to sop-por =| ta Do - ve la cari -| ta bo-ni-gna com - pren- de © non si SS eS tut-to sop-por = ta Do = ve la ca-fi- t& —be-ni-gna com - pren- de © non si ‘© FSP, Roma 2004, Tut i dirt riservat + to cre-de ed van - ta tut- to cre-de ed a-mae tut-to spe - @ la w-raca- A - th Fr SS t gia-mo-ci in We ee to + mia-mo ed a + mia-mo il Di-o wi- rj ed a - mia-mo-ci ta no-i con cuo-resin - co - Pree Pee ar 2 ve-rae sin - co - ra, z : Do - ve Ia ca-d- 7 2 sve ta can -| ® verre sin = co - Do-ve la ca-i- 8 ve-raesin- co - ra, la feet SSS : ; is o t Sora veel * {a per-do-nae | tut-to sop-por = ta, | Do-ve la ca-fi- {& Bo-ni-gna com - pren-de enon si ¢ i = ===: © 2 i a ee owe ta per-do-na e |tut-to sop-por = =| @ Do-ve la ca-fi-|t& be-ni-gna com + pren-de © non si 1 fp re Se SSS = ® Se = = ae ass ta per-do-na @ Do ve ta ca-ri + t&_becnisgna com | pren-de enon si = : Sa see chee ta per-do-na @ tut-to sop-por = ta Dove M4 ea-ri - ta be-ni-gna com - pren-de @ non si Ore © FSP, Roma 2004, Tutt i diitirservati 12 2.Quan-do tut - ti in - sie-me noi ci ra-du - nia - Wi-gi - lia-mo che non sian di - [bocca chiusa] [bocca ehiusa] vos si i nosti cu - = ty non piu fi - ti, non pid dis - si-di.e con-te-se ma- a i Se = = one, ma sia sem- pre inmez-20.a no - I Cri-sto Si- gro - - = 14 (© FSP, Roma 2004. Tutti i dist riservat ta per-do-na € ta per-de-na @ tut-to sop-por tut-to sop-por =) Beeti-gna com | pron-de @ non si carr =/ta be-ni-gna com + pren-de e non si ca-ri | t&_ be-ni-gna com | pren-de @ non si ca-ri = ta be-ni-gna com - pren-de @ nen si 15 van > ta, tut = to ce-de ed a+ mae tut-to spe - ra la ve = aca - ni vol-to in-sio-me.ai be - 3.Nol ve-dre-mo in| sie-me con tut - -| sie-me con tut = tli be fut-tii be-a- til two 3.Nol ve-dre-mo in - sie-me con tut-tii be-@ - = = = th mel-ia glo-ria t tuo P 2 tr rr eri? rrrr © FSP, Roma 2004. Tut i dirt eservat ‘lo =a il tuo vol glo-ria il tuo vol-to, Ge cn = sto bi ——— sto, sara gio-laim - BP cononnieasooxw 7 pero -tor - ni-ta dei se = = co-h, «A men ca -/tk per-do-na, caf -|t& per-do-na cera a oe cari -|ta per-do-na ve-raesin-co- 1a i ce on. (© FSP, Roma 2004. Tut dit rservat 18 (ets = 14 I o-* jo Be-ni-gna com - pren - de © non si ae tut-to sop-por = ta. Do - ve Ia ca-ni - tutto sop-por - + t& —besni-gna com 4 pren - de © non si =| ta be-ni-gna com + pren = de @ non si tut-to sop-por - ta Do - ve la ca-f - t& —be-ni-gna com - pren- de © non si tut - to cre-de DOVE LA CARITA E VERA Testo di Marco Frisina Dove la carita @ vera e sincera, la c’é Dio. Dove la carita perdona @ tutto sopporta. Dove la carta benigna comprende e non si vanta, tutto crede ed ama e tutto spera la vera carit 41. Ci ha riuniti in uno famore Gi Cristo: esultiamo e rallegriamoci in lui, temiamo ed amiamo il Dio vivente ed amiamoci tra noi con cuore sincero. 2, Quando tutti insieme noi ci raduniamo vigiiamo che non sian divist i nostr cuori, non pi it, non pli Gissiaie contese maligne, ima sia sempre in mezzo a noi Cristo Signore. 3. Noi vedremo insieme con tutti i beati nella gloria il tuo votto, Gesu Cristo Dio, gioia immensa, gioia vera noi vivreo per eternita infinita dei secoll. Amen bi ew ote ee Tope rownum Chi ame ae ed Feminine women SS a oe E ae a 1 Tne dmc De ve = aN YB ex corde db lcgimnt nor vin: 10 Icanto doffertorio della Messa pomeridiana del Giovedi Santo ci riorda e ci spiega il significato profondo dell’a- ‘more di Cristo che la comunita cristiana rivive nel rito della Lavanda dei pied II testo paolino del capitolo 13 della lettera ai Corinti esplicita molto bene la verita dellamore di Cristo: 6 la sublime carita che la Chiesa @ chiamata a vivere per essere una sola cosa can il Signore. canto vuole esprimere amore gioioso della Chiesa che celebra il mistero della sua comunione; la tradizione vuole che sia questo il canto che la Chiesa intona ogni volta che vuole chiedere la grazia della comunione delamore. ‘© FSP, Roma 2004, Tut i dirt eservai