Sei sulla pagina 1di 22
LA CHITARRA puerta carouso soL st MI LE CORDE Sono sei e di diverso spessore. La prima, la pil sottle, & il cantino o prima corda. La seconda @ il Si Laterza il Sol La quarta @ il Re La quinta il La La sesta é il Mi (la pill grossa) Icantino o prima corda, nella posizione per suonare risulta in basso; gliallievi percid si abituino a contare le corde dal basso, come i piani di una casa. La tastiera della chitarra @ divisa da sbarrette; ogni spazio tra le sbarrette @ un tasto. Su quest tasti vengono pigiate le corde per la formazione degli accordi. Le note sulla chitarra si producono con la corda libera e con la corda premuta sul tasto. Perottenere il suono dalla corda premuta bisogna che la corda sia ben pigiata sul tasto ‘con un dito della mano sinistra e toccata contemporaneamente presso la buca con un dito della destra 0 con il plettro o stecca. FUNZIONI DELLA MANO SINISTRA SULLA CHITARRA. Per consuetudine si assegna un numero ad ogni dito. ‘Aldito indice corrisponde itn. 1 ‘Ai medio il ne Altanulare il ng eal mignoto il n4 Il pollice serve solo come appoggio. MODO DI USARE IL PRONTUARIO DEGLI ACCORD! Per ogni accordo che compare nel metodo abbiamo riprodotto lo schema delle sei corde contrassegnando con puntini ner il posto in cui, per realizzarlo, debbono essere premute le dita della mano sinistra. 'numeri a fianco dello schema indicano le dita da usare e cio’: 1= INDICE 2=MEDIO 3 = ANULARE 4=MIGNOLO |! cerchietto bianco significa corda vuota il cui suono concorre alla formazione dell'accordo senza che sia premuta Le corde che non recano alcun segno, non vanno suonate. Quando un dito deve premere pitt corde contemporaneamente, dicesi BARRE. Sichiama Barré o capotasto la pressione del dito indice disteso sututte le corde dello stesso tasto. € di particolare difficolta, e solo un lungo esercizio pud portare alla sua esecuzione. Sichiama invece Piccolo barré la pressione del dito indice disteso su alcune corde dello stesso tasto. E meno difficile del barré, ma presenta ugualmente una certa dificott. ‘MODO DI USARE IL PRONTUARIO DEGLI ACCORD! PER GL! STRUMENTI A TASTIERA. Perindicare gli accordi da realizzare sul pianoforte, sull'organo o su ognialtra tastiera, ‘abbiamo riprodotto lo schema della tastiera segnando con dei puntini’ tasti da battere (bianchi sui tasti neri, neri su quelli bianchi). Lo schema si iferisce alla mano sinistra e la numerazione corrispondente alle dita da usare é la seguente: 1=POLLICE INDICE, 3=MEDIO 4= ANULARE, 5 =MIGNOLO Perla mano destra la numerazione @ la stessa; chiaramente per iniziare la formazione diun accordo si partira con il pollice (dito 1) e non con il mignolo come awviene per la mano sinistra. ACCORDATURA DELLA CHITARRA Lachitarra pud essere suonata se emette a corde libereisuonimi, si, sol, re, la, mi. Accordatura significa produzione di questi suoni, ottenuti awvitando | piroli che mettono in tensione le corde. Occorre procurarsi un piccolo strumento, il corista, che emette la nota LA. Usando il corista o il diapason, corrispondenti alla nota LA, si accorda prima di tutto la 5* corda (LA). Premendo il 5° capotasto di tale corda (5° spazio definito dalle due striscioline di metallo), si ottiene il RE, con il quale si accorda la 48 corda (RE). Premendo il 5° capotasto del RE (sulla 4* corda), si ottiene il SOL, con il quale si accorda la 3" corda (SOL). 14° capotasto del SOL (sulla 3° corda) ci da il SI, con il quale si accorda la 28 corda (SI). Premendo il 5° capotasto del SI (sulla 2# corda) avremo il Ml con il quale accorderemo la 1 corda (mi). Con Ia 1 corda (MI alto) si accorda la 6* corda (MI basso). © . sce . NESS } Dom I , Dos ALOE TAT WAN An) AM TA ae ! Pt | | Sea ] | AUT | 6 3 = = Dows+ Dom7 321 20 ° 5° 3 Do dim le . Dos+ ors - 4 ere 4 3} i a Do ran au ges a 8 a wav on eer JE fl Hn asian Co _—_— — —— oon Rebs, 3 aE A 7 svn eo . . } Re may 7 } Rem } Re wT La Remo te s3 : iE He 3 IUCN) ane ni ‘m7 } = | W200 0 a a aT A Mibs _ - i 3h 1 Mib6 Mibm H 2 3 Mib mag: 1 1 5 3| 4 meet wn Ce o,__Mimane Mim Mi6 8 18 i i 3 3 3| 3 i 2 i Ol ol CU TL ES 2 Be OQHU TAN, AQ tt) nn Fa mag Fam Fa6 t 1 1 1 1 1 2] 1 2} 3} 3} o} QU AANA Ua) Uc a we THUAN, (AAU I ae : IE ao : . WA 000, U0 00) mee (uli) getty So. . ae saibe : } Ee Ul a wi nian us — Hl = REE 1B nue nt gin ya IEE EEE WE Aan gt Hn S ‘Sol mag } = (QU, cana Aa Vf COL Ge ee GE wy we ma is (Qn nn) AU an S Labm 1 Labmagg on Solym Labs 1 { t 2 { I 3 3 1 wna HL ih wu IE Waren vain Labm7. Solgm7 Labls+ Fy 1 Lab: | 1 1 1 1 1 1 a Labm? Solgm7 | j | | | : sittitel |i ii} 5a et LabSe wena a = ES ES Be nn Ml win IE | CL BSE Ee EE We HN a AU IU e v 7” rH = | Lam? Soy— \g 4 | A SWNT Ee 4 I Su 4 2 3 1 Sib dim CC Si mage Sim sie 1 1 4 4 2 4 . 3 4 4 2 3 4 1 1 1 UTA) AU A, HL ET, SE TES (uuniat)—_(untee } } |B MUA) I UE) AT Mie man) UL A Giri armonici in tutti i toni Giro di oe (Pe Lam-Rem- Sol 7) i i um M HW Lam Rem uu 5 3 0 53 } WH Giro di SOL (Sol-Mim-Lam -Re7) uth muni Wu KE cn 3000 — =000. ad on000 en \ f ONO —, - iu Onaes Giro di RE (Re-Sim-Mim-La7) at = IE WATE Ca) NLT ri yt Giro di LA (La-Fa#m i Mit ie QU EQ 00) MQ00 A000 HEE tue magn, Giro di MI (Mi-Do# m-Fa#m-Si7) Mi mage Dofm Fafm 2, 2 1 9 3 = 1 1 i 1 3 2 3 2| 4 0 Mi may 3] i Si7 | | os at Giro di FA (Fa-Rem-Solm-Do 7) Fa mage Rem ! wee I Solm 1 1 1 4 3] 1 ‘Solm 53 iT uN min QE Giro di SI (Si-Sol#m-Do#m-Fa#7) ae ue el QU U8) ree, LLL Es nH A ii wie vi UI (AAA AT A a 32: Fam 1 1 1 4 3 1 Lab ma ge QU EE AEE TOE Ue I wen Giro di SOL» (Solb (Fat) -Mibm-La»m-Re> 7) re Mibm Soone~ oeae Solb Fay Mibm Labm Labm wie eg 5 3 1 Reb7 net Giro di REb (Reb -Sibm-Mib m-Lab 7) Rebmagg Sibm . Rebmagg, Sib Lab? A Mibm MM 3 Mibm MT