Sei sulla pagina 1di 70

D.L. 353/2003 (conv. in L.27/02/2004 n46) art.1, comma 2, DCB Forl.

Tariffa Associazioni Senza Fini Di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale -
2017 Numero 2

VISIONI

PentagrammB
Il vero Rosacroce
In cammino con Paolo
Il campo di respirazione
In viaggio... verso dove?
Lectorium Rosicrucianum
Abraham Lambsprinck: La pietra dei saggi
Locchio e il testimone
Niccol Cusano

SAGGIO
Il bello e il sublime

COLONNA
Essere pellegrino

SIMBOLO
La Croce in Tau

2017 Numero 2

Il cammino delle stelle


La rivista Pentagramma esce Indirizzo della redazione Abbonamenti: Stampata dalla tipografia:
quattro volte allanno nelle italiana: . 25.00 abbonamento annuale, ATENA.NET S.r.l.
seguenti lingue: Italiano, Bul- Via Montepaolo 29, . 7.00 a copia, Via del Lavoro, 22
garo, Francese, Greco, Tedesco, 47013 Dovadola (FC) . 7.00 copia arretrata. 36040 Grisignano VI
Inglese, Spagnolo, Ungherese, Tel.0543 934721
Olandese, Polacco, Portoghese, pentagramma@rosacroce.info Proprietario: Associazione Autorizzazione del Tribunale
Russo, Slovacco, Svedese. Lectorium Rosicrucianum di Forl n.16/99 dell11/05/99

pentagramma
Amministrazione e
Redazione: abbonamenti: Editore: Per concessione della
Pentagramma, Lectorium Rosicrucianum, S.A.S. Edizioni Rozekruis Pers, Olanda.
Maartensdijkseweg I, Via Montepaolo 29, Lectorium Rosicrucianum
NL - 3723 MC Bilthoven. Dovadola, Forl. Tribunale competente per
e-mail: info@rozekruispers.com www.rosacroce.info Direttore responsabile: qualsiasi controversia:
Eva Cristina Casciello Tribunale di Forl.
2017 numero 2 pentagramma

Il vero Rosacroce

Ha trionfato su tre animali:


Il leone, da qui la sua pazienza;
lorso, da qui la sua amicizia;
il serpente della natura inferiore, ed perci privo di gelosia e dinvidia.
Ha imparato tre virt essenziali:
la fede nel proprio sapere, confidando nella promessa del Re;
una speranza vera, con la sua conoscenza della Legge e il riconoscimento
del buono in ogni cosa;
lamore, anche per la giustizia; non giudica quindi mai gli errori altrui e
non spreca il tempo in chiacchiere.
Poich sa di essere egli stesso uno strumento di Dio, non se ne vanter mai.
Poich ha giurato obbedienza al Re interiore, sapr quando tacere.
Poich si sforza di adempiere i suoi obblighi e poich lelevazione della
sua anima si riflette allesterno, non si trover alcun disordine in lui.
Poich pi incline ad avere un parere favorevole piuttosto che sfavorevole
sugli altri, cercher in ogni cosa ci che buono.
Cosciente che ogni circostanza pu dargli la possibilit di crescere
interiormente, non potr mai pensare male degli altri.
Essendo egli stesso impassibile, cerca anche di non influenzare gli altri, e
non arrogante.
D di pi per il benessere degli altri che per la propria felicit, si oppone a
ogni interesse personale ed libero da egoismi.
La sua fede, basata sul riconoscimento della verit interiore, non pu
essere ingannata dalle illusioni della materia, cosicch libero da ogni
risentimento.
La sofferenza non in grado di sconfiggerlo, perch la sua forza cresce
attraverso le ostilit.
Copertina Rimane per sempre legato al gruppo di coloro che mettono in pratica la
Cielo notturno in California (anonimo) verit.

1
Sommario

3 Immagini dal mondo [13, 21, 41]


Testi di Niccol Cusano

4 Le Visioni dei Santi


A. Gadal

8 In cammino con Paolo

14 Il campo di respirazione

18 In viaggio... verso dove?

23 Il Bello e il Sublime
Saggio

36 Locchio e il testimone

43 La Pietra dei Saggi


Trattato del nobile filosofo tedesco Abraham Lambsprinck
Unopera del diciassettesimo secolo sullalchimia interiore

66 La Croce in Tau
Simbolo

68 Essere pellegrino
Colonna

2
Immagini dal mondo

Luniverso non ha n un centro n una circonferenza, una linea di demarcazione fisica, non in nostro potere
perch se ci fossero un centro e una circonferenza comprendere luniverso il cui centro e la circonferenza
dovrebbe quindi esserci qualcosa al di fuori del mondo, sono Dio. E anche se luniverso non pu essere infinito,
cosa che abbastanza vicina alla verit. Dato che non pu tuttavia essere visto come finito, perch non ci
impossibile che luniverso sia definito da un centro e da sono confini entro i quali pu essere delimitato.
Niccol Cusano (1401-1464)

3
A. GADAL giunto il momento in cui n su questo monte, n in Gerusalemme
adorerete il Padre. [] Ma giunto il momento, ed questo, in cui i
veri adoratori adoreranno il Padre in Spirito e in Verit.
Ges nel Vangelo di Giovanni 4, 21-23

4
Le Visioni dei Santi
gni tanto, in una giornata con liesmon, con il chrismon, con lie-

O
ESTRATTO DA:
soleggiata, il Vegliardo viene smon-resch, con lieschrismon-resch, SUL CAMMINO
allErmite. Conduce Matheus, con il Cerchio dellEternit, con lAlfa e DEL SANTO GRAAL
Guilhelm e alcuni dei loro lOmga, con il luminoso Pentalfa o
compagni fino alla grotta Stella dei Magi, con il Microcosmo, con il
Grand-Pre (Grande Padre), aggirando lo Macrocosmo; con i segni di riconosci-
sperone montagnoso che si trova dietro mento dei primi cristiani, dei cristiani
allErmite. La grotta Grand-Pre piccola, delle sette Chiese dAsia, dei cristiani
di forma circolare, con le pareti tappez- greci, africani e romani, con la crittogra-
zate di graffiti e segni misteriosi: un vero fia apostolica, con i monogrammi, con i
gioiello. Si trova in fondo a un grande diagrammi, con i trigrammi, con le sigle
cerchio druidico, con corridoio coperto, crittografiche; con i diversi e numerosi
e possiede numerosi ambienti separati. simboli dei primi secoli dellera cristiana
Sulla piattaforma superiore a forma di e con le sigle anteriori allera cristiana.
mezzaluna c ancora la Tavola, Egli segue avidamente il suo Maestro che,
ricoperta di segni incisi, pregni di signi- attraversando le rocce, risale fino al
ficato, e le sedie di pietra degli uditori. Il Grand-Pre dove proclama lImmortalit
Vegliardo mostra loro anche un bel Pen- dellAnima:
tacolo scavato nella roccia, che non pare lEterno, nella sua manifestazione Maschile;
molto antico. lEterno, nel suo Femminino;
Qui il mio Anziano incominci la sua lAlbero della Vita a sette rami, la cui unione
Missione dice inginocchiandosi davanti perfetta costituisce lEssere Supremo;
alla Tavola con le mani aperte stese sulla il perpetuo Sacrificio di questo atto
pietra sacra, pregando a lungo in silen- cosmo-creatore in cui lEssere Supremo
zioso raccoglimento. simmola;
Non dimenticate mai aggiunge poi di il Padre (lEterno Maschile);
venire qui ogni tanto per attingervi la Madre (lEterno Femminino);
nuove forze. il Figlio (lAlbero della Vita), il Verbo
Sembra difficile, a prima vista, separare i Creatore;
segni che sintersecano su tutte le pareti la Tri-Unit: A U M.
del Grand-Pre. Il Vegliardo, per, tanto Dopo queste belle lezioni lo spirito di
abile ed esperto in questi studi, tanto Matheus prende il volo, vive lunghe ore:
sicuro di s, che Matheus meravigliato con Rama sul Monte Albori;
nel vederlo manipolare la bacchetta con con Krishna, sul Monte Meru;
cui si aiuta nelle dimostrazioni e si con Ermete, nelle grotte profonde di
entusiasma nellascoltarlo. Menfi o Tebe;
Familiarizza velocemente con il resch, con Mos, sulle rocce del Serbal;

5
con Orfeo, sul Monte Kaoukaion;
con Pitagora, a Delfi;
con Platone, nella sua Accademia,
per poi unirsi nuovamente sulla monta-
gna a Ges, il divino Maestro.
Altre volte va ancora oltre, perch si com-
piace di entrare con meditazioni sempre
pi profonde nelle visioni celebri:

Visione di Rama, sotto la quercia della radura.


Rama dorme. LUomo maestoso, vestito
di bianco, ha una bacchetta su cui arro-
tolato un serpente e un falcetto doro;
egli porge a Rama un ramo di vischio,
poi la Torcia e la Coppa del Genio.
Sente le parole del Genio: Rama, vedi
questa Torcia? il Fuoco Sacro del Divino
Spirito.
Vedi questa Coppa? Dai la Torcia alluomo
e la Coppa alla donna, poich la Coppa
della Vita e dellAmore.

Visione di Krishna, nella capanna del centenario


Vasichta, nel bel mezzo della foresta sacra.
Matheus si sente trasportato fino al set-
timo cielo dei Deva, verso il Padre degli
Esseri; vede Devaki, la Vergine Madre, che
riunisce in uno sguardo dAmore il
Figlio, la Parola, il Verbo Creatore.

Visione di Ermete, nella cripta segreta, circondato


dagli Ierofanti e dai Magi.
Matheus vede Osiride, la sovrana Intelli-
genza: i sette raggi del Verbo-Luce Vista panoramica sulla valle dellArige da una grotta di Ussat-Ornolac
corrispondenti a una fase della vita delle
Anime; i sette Geni della Luna, di Mercu- Visione di Mos, sulla cima del Sinai, allentrata Madre, Demiurgo del quale
rio, di Venere, del Sole, di Marte, di della caverna protetta dai terebinti; Dioniso il figlio; segue
Giove, di Saturno. vede lAngelo solare, il raggio degli Elo- nella grotta di Persefone il
Sente e riconosce la voce della Luce; him; sente la voce perdersi nello spazio verbo della bella tessitrice
vede dentro il Libro dei Morti degli infinito: Io sono Colui che ! Maia, vergine divina; nella
Egizi, dove le Anime navigano nella sua memoria simprime que-
barca di Iside pi o meno a lungo verso Visione di Orfeo, sommo sacerdote del Tempio del sta riflessione di Orfeo:
questa Luce, secondo lo stato della loro Monte Kaoukaion. Come aspro il Cammino
purificazione (dalle colpe delluomo- Beve le sue parole che proclamano un che conduce ai Cieli.
materia, il bruco). solo Essere, Sposo e Sposa divini, Padre e Riflessione che egli traduce:

6
duro il Cammino del Santo Graal. Luomo medievale univa a una
grande sensibilit un pensiero
Visione di Pitagora, a Crotone, sulla collina dei intuitivo ricco dimmaginazione. I
concetti pi astratti erano tra-
terebinti e degli ulivi.
smessi utilizzando lantico
Segue le prove diniziazione tratte linguaggio simbolico dellinizio
dalliniziazione egizia, chiave del Cosmo; del cristianesimo e dei tempi che
diventa tuttuno con i quattro elementi: lhanno preceduto. Questi sim-
Terra, Aria, Acqua, Fuoco e afferra il boli si potrebbero anche denire
quinto elemento eterico, il fluido con il termine di caratteri, in
cosmico, la luce astrale, lAnima del confronto con la scrittura cinese.
Come esempio possiamo citare
Mondo. la linea verticale, il Resch, che si
riferisce allimpulso divino
Visione di Platone, nella sua Accademia di Atene. discendente. Resch signica Dio,
Dopo aver compreso i filosofi dellAsia o testa, nel senso di coscienza
Minore, dEgitto, dellItalia meridionale, divina. Quando il Resch era rap-
ove gi Pitagora aveva fatto buona scuola. presentato con la lettera
maiuscola P, allora signicava Dio
Con lui studia i Numeri Sacri, la Cosmo-
il Figlio, se era disegnato inver-
gonia esoterica, la dottrina dellAnima, il tito, allora voleva dire Dio il
Microcosmo, il Macrocosmo, il periplo Padre. Noi vediamo il segno
dellanima umana e divina, il Vero, il ebraico Ain, che signica anche
Bello, il Bene; infine, segue questo Mae- Serve aggiungere che Matheus comple- Ain Soph, il cerchio delleternit.
stro nei Misteri dEleusis. tamente trasformato? Inoltre troviamo i segni X e C, ed
Il Vegliardo se ne rende conto e gli entrambi si riferiscono al Cristo.
Il segno M rinvia alla Mater, la
Visione di Ges. annuncia: Presto riceverai la conoscenza Materia, la Madre; il segno S o
Matheus qui si dimostra gi uno spirito della legge che governa lAcqua simbo- Soter, che signica salvatore o
pi elevato; deve solo mettere insieme, lica, per possedere il dono di divinazione liberatore; A o Alfa e o Omega
riunire, i suoi ricordi. e di profezia. e, naturalmente, il pentacolo, la
In Egitto, i sacerdoti con il grande La gioia di Matheus al colmo; stella a cinque punte, che si rife-
Sacerdote Ahmosi in testa avevano comprende che sta per ricevere lOrdina- risce alla rinascita della statura
dellanima.
annunciato che la fenice sarebbe rinata zione, la Perfezione.
Formando continuamente altre
dalle sue ceneri. Manca ancora la purificazione con lAc- combinazioni si potrebbe spie-
Il Battista, poich sapeva che il suo com- qua la Fount Santa, la Fonte Sacra e gare ogni volta un nuovo
pito stava per finire, disse parlando di un ritiro di quaranta giorni per terminare aspetto.
Ges: Egli deve crescere e io invece con la morte della Materia nella Tomba:
diminuire. Bethlem, la Porta Mistica... e sar un Ini-
Ges inizi un periodo di raccoglimento, ziato, un Puro, un Perfetto!
si ritir in solitudine, digiun per qua- Che bel sogno!
ranta giorni e cerc un nido daquila
nella grotta di Engaddi, ove trov le
Meditazioni dei Profeti, un po dacqua
fresca, delle noci e dei fichi.
E come il Divino Maestro, Matheus
esclama estasiato:
A me la croce! Che sia salvato il
mondo!

7
Quando andiamo in vacanza
abbandoniamo la vita di tutti i
giorni, e ci permette di vedere e
sperimentare le cose da posti
nuovi e da una diversa prospet-
tiva. Una visione pi ampia si
offre allora a noi, perch in terre
lontane, in paesi stranieri,
facciamo parte di un insieme
molto pi vasto e di una storia
molto pi grande.

n Sud Africa tu sei il bianco. A

I Bali, il coloniale. Negli Stati


Uniti, il complice. In India, il cer-
catore delleterna verit
universale. E in Francia o in Italia
si parte pragmatica di un continente
che sta cercando. Cos, quando si viag-
gia, si pu fare lesperienza improvvisa
e profonda che gli uomini e i gruppi di
individui sono tutti interconnessi, e
allo stesso tempo imprigionati insieme
in un groviglio inestricabile. Le razze, i
gruppi e i paesi determinano reciproca-
mente la loro storia e il loro destino.
Talvolta in senso positivo, spesso in
modo nefasto.
Quando si viaggia, si vedono e si sen-
tono uomini e donne che lavorano
duramente tutto il giorno in cerca di
un po di felicit, di un futuro migliore
per i loro figli o per il loro paese, di
una vita che abbia un senso.

8
In cammino con Paolo

Brahma Vihara lunico tempio buddhista sullisola di Bali. Il tempio talvolta chiamato il piccolo Boroboudur

9
Osservando e ascoltando con atten-
zione, ci rendiamo conto che solo le Fin dallinizio dei tempi,
temporanee circostanze esteriori ci
fanno credere che vi siano delle diffe- impressioni di bellezza, di bont
renze tra noi e gli altri. Durante il
viaggio, improvvisamente ci perce-
e di verit divina entrarono nel
piamo come cosmopoliti, cittadini
delluniverso.
nostro campo visivo e furono
chiaro che siamo tutti nella stessa
barca. E il nostro occhio spirituale vede
incise nel nostro essere
che abbiamo gi percorso insieme un
cammino straordinariamente lungo di che il nostro essere nel tempo sia eseguono quotidianamente
storia comune. giunto a un apice. La nostra civilt, ini- delle cerimonie nel tempio
Ci sono voluti milioni di anni alluma- ziata circa 10.000 anni fa, ha avuto un di casa o in quelli del villag-
nit per raggiungere lo stato di homo periodo di sviluppo iniziale lento. Ma gio, al fine di onorare i loro
sapiens, luomo dotato di ragione, con- dopo il fiorire della civilt dellantica antenati e predisporre favo-
dizione che condividiamo da qualche Grecia siamo stati progressivamente revolmente i numerosi dei,
migliaio di anni. In questa storia incre- abbandonati a noi stessi. Siamo diven- oppure per adorare
dibilmente lunga non siamo mai stati tati via via i padroni del nostro destino; Brahman con delle
abbandonati, anche se spesso ci non e ora che i saggi, i grandi, sono relegati preghiere. Ogni giorno
era evidente. in secondo piano, non possiamo conti- consacrato con dei riti.
In tutti i momenti difficili siamo sem- nuare a negare la nostra responsabilit. I legami familiari, la comu-
pre stati accompagnati da gerarchie Non tocca n ai nostri genitori, n ai nit del villaggio, le
superiori che dirigevano i processi nostri leader, n alle circostanze e ancor tradizioni secolari e i rituali
cosmici e le fasi di sviluppo della meno a Dio. nostra la responsabilit determinano il modo di
coscienza. di diventare adulti. E un giorno, mossi pensare e di vivere. Lindi-
Molti messaggeri della Luce sono scesi dal vento della nostra responsabilit, da pendenza individuale
tra di noi, apportando speranza e qualche parte troveremo leterno, ci sembra meno importante.
offrendo magnifiche prospettive prove- che per noi inalienabile. Non improbabile che ci
nienti dai campi di vita che ci cambi in un prossimo
attendono. Spiriti luminosi hanno illu- Ci che ci insegna Bali futuro.
minato i nostri cammini. Fin In vacanza a Bali possibile sperimen- Il numero degli abitanti
dallinizio dei tempi, impressioni di tare le differenze di sviluppo della islamici sta aumentando. Ed
bellezza, di bont e di verit divina coscienza. quasi inevitabile che il
entrarono nel nostro campo visivo e I Balinesi sono fieri dei loro culti reli- senso pratico e le ambizioni
furono incise nel nostro essere giosi: una fusione di culto degli sociali e politiche dei mus-
attraverso leggende, dipinti o musica. antenati e di Induismo tradizionale. La sulmani prevalgano sulle
E sempre vi furono uomini pronti a religione predominante in tutta la tradizioni balinesi,
donare se stessi agli altri. loro vita. Ogni giorno le donne trascor- rendendo obbligatoria la
Ma oggi, nellepoca moderna cio da rono ore a fabbricare oggetti per le scelta tra adattarsi o scom-
alcuni secoli sembra davvero di essere offerte: oggetti finemente intrecciati e parire. Questo tragico e,
entrati in un periodo di accelerazione e riccamente decorati. Donne e uomini se accadesse, causerebbe

10
senza dubbio molto smarrimento e
dolore, ma allo stesso tempo una tale
fase sembra necessaria per uno
sviluppo verso lo stato adulto, processo
nel quale siamo tutti coinvolti in
quanto partecipi dellumanit.
Si potrebbe pensare che ci che accade
a Bali sia molto lontano da noi. Tuttavia,
per quel che ci riguarda, valido anche
per noi a un livello pi profondo; si
tratta tuttal pi di una differenza di
spirali. Uno scarto di un centinaio di
anni non ha allora alcuna importanza.
Siamo tutti, nel corso del tempo, con-
dotti sino alle fondamenta della nostra
esistenza.
Le tendenze di polarizzazione, partico-
larmente visibili e percettibili, dividono
gli uomini e i gruppi di uomini. Per
presto o tardi a livello spirituale, ci
ritroveremo tutti. Nella nostra vita
siamo in grado di testimoniare processi
simili. In quanto uomini occidentali
individualizzati, lottiamo contro le
nostre tendenze puerili, langoscia, il
fatto di essere completamente definiti
dal mondo e dai suoi poteri. Anche noi
incontriamo temi e problematiche anti-
che che si possono ridurre a sentimenti
arcaici. Essi vengono spesso originati da
esperienze di insicurezza, di esclusione,
di perdita e di solitudine. Sono dei
riflessi, e da una prospettiva
notevolmente ridotta, delle ripetizioni
dellunica e grande esperienza: la
caduta dal paradiso. Questa esperienza

Scultura nel complesso del tempio di


Brahma Vihara. Brahma Vihara si riferisce
ai quattro stati di uno spirito che ha
trovato la pace: Amore, compassione,
serenit e gioia per la felicit degli altri

11
fondamentale come una ferita che esistenza che possiamo scoprire e lo trova la Scuola Spirituale,
non pu essere risanata, come una vediamo anche intorno a noi che ma anche con ogni essere
carenza che ognuno porta in s; nessun non siamo soli. umano che attraversa il
uomo ne immune. C un filo unico che ci unisce e ci nostro percorso di vita.
Al fine di sopportare questa sofferenza, guida verso luscita. Una voce soave Siamo buoni servitori
ci lasciamo continuamente sedurre sussurra la soluzione, una dolce emo- quando, come Paolo, siamo
dalle tre classiche tentazioni nel zione ci chiama: Vieni e seguimi. infiammati dallo Spirito,
deserto, che ci promettono gloria, Come nella citazione precedente, Paolo indipendenti e integri.
potere e ricchezza. Classiche perch ancora oggi molto presente nella Quando comprendiamo
sono descritte in modo molto esplicito nostra immaginazione, ed con il cuore e nello stesso
e con semplicit infantile nella Bibbia, evidentemente per delle buone ragioni. tempo con la testa, e
il libro della Saggezza per eccellenza. Egli era ricolmo dello Spirito infiam- viviamo a partire da questa
Scegliendo di seguirle, in quanto uma- mato dalla verit e dallamore; sapeva e comprensione generosa e
nit affondiamo sempre pi nella viveva della Gnosi. Proprio come noi benefica. La certezza inte-
dipendenza e smarriamo progressiva- cerchiamo di fare oggi. Paolo aveva rag- riore ci sufficiente e ha
mente la via interiore. giunto lo stato raro e maestoso della ancora molte cose da dirci.
vera et adulta. Ecco perch era Siamo buoni servitori
Non siamo soli indipendente nel pensiero e quando in modo sveglio e
Chi legato alla Rosacroce sa intima- nellazione, e instancabile nello sforzo attento ci connettiamo al
mente che c un modo per annullare per respingere tutto ci che non era nostro ambiente e a tutte le
la rottura fondamentale: riunirsi di essenziale. persone che incontriamo,
nuovo e definitivamente allo spirito Paolo era un riformatore coraggioso, sulla base di uno stato
damore e di libert che fa parte del ma non era orgoglioso e vedeva in danima libero e illuminato,
cuore microcosmico. Solo cos la ferita maniera penetrante la propria ristret- in modo da poterle cono-
potr essere guarita e potremo perve- tezza mentale quale uomo nato dalla scere e avvicinare davvero.
nire allet adulta di cui parla Paolo nel natura. Queste sono le caratteristiche Questo apportare un
capitolo 13 della prima lettera ai dello stato adulto. Ma ci che realmente sostegno, e curarsi di ci
Corinzi: Quandero bambino, parlavo gli ha dato questa maestosa maturit che possibile.
da bambino, pensavo da bambino, non era solo lessere autonomo, intelli- Naturalmente, questo esige
ragionavo da bambino. Divenuto uomo, gente e vivo grazie ad una conoscenza che siamo disposti a
ho eliminato ci che da bambino. interiore, ma bens il suo legame pro- trovarci pienamente dispo-
Adesso noi vediamo in modo confuso, fondo con le persone. nibili in quel momento, in
come in uno specchio; allora invece Egli era interessato a loro senza modo da porre in primo
vedremo faccia a faccia. Adesso conosco renderle dipendenti da lui. Si fidava piano linteresse altrui.
in modo imperfetto, ma allora cono- della loro forza danima ed era orien- Ecco, questo lAmore.
scer perfettamente, come anchio tato soltanto su quello che era possibile
sono conosciuto. o sarebbe potuto esserlo.
Nel nostro tempo, tutto messo in Cos potrebbero essere i nostri legami
discussione e numerosi sono quelli con il nostro ambiente e i nostri simili.
che cercano disperatamente un nuovo E ci probabilmente accade di tanto in
principio di vita. Ed proprio quando tanto. Non in senso astratto, e non sol-
siamo giunti nel nadir della nostra tanto con chi consapevolmente cerca e

12
Immagini dal mondo

Non c saggezza nelleloquenza o nei libri voluminosi, sinora consideravate importante e diventerete cos umili
bens lasciando da parte queste cose intellettuali e volgen- che nessuna particella di arroganza o altro vizio potr
dosi verso cose pi semplici e pi innite. Scoprirete come dimorare in voi. Assaggiata questa saggezza, rimarrete
riceverle in un tempio privo di difetti, e si uniranno a voi in indissolubilmente legati a un cuore casto e puro.
un fervente amore, afnch gustiate e vediate com Preferireste piuttosto abbandonare questo mondo e tutto
dolce ci che sopra di ogni dolcezza. ci che non conforme a questa saggezza, per morire
Quando lavrete gustata, troverete ridicolo tutto ci che con la gioia indicibile di vivere. Niccol Cusano

13
Il campo di respirazione
Inspirazione: Ogni vita umana comincia con una inspira-
zione profonda, spesso seguita da un forte grido. La vita di
ciascuno di noi cosiddetta autonoma dipende
interamente dalla respirazione. Cos come la terra circon-
data da uno strato daria o atmosfera, allo stesso modo noi
viviamo allinterno della nostra piccola atmosfera o campo di
respirazione. Questo campo di respirazione microcosmico
un campo di vita, unatmosfera astrale molto personale la cui
struttura e funzione sono identiche a quelle del grande
campo di respirazione cosmico.

I
Il respiro conduce tutto alla vita, a una trasformazione costante, a una
metamorfosi continua. Questa forza di vita misteriosa conosciuta da
sempre ed chiamata: prna dagli Ind, pneuma dai Greci; chi dai
Cinesi e spiritus vitalis dai Romani, per definire questessenza vitale a
tutti i livelli di espressione della vita stessa.
Il respiro regola la struttura della materia e la sua degradazione. Ma anche
la transizione verso un nuovo livello di vita molto diverso, pi elevato.
Un botanico ispirato dal taoismo lo descrisse poeticamente cos: Tutto il
paesaggio esteriore simbolo del paesaggio interiore delluomo. Tutto
incluso nel medesimo processo cosmico naturale. allo stesso tempo un
processo spirituale dallalto verso il basso ispirato dal chi al quale parte-
cipa il cosmo intero e nel quale luomo occupa un posto modesto,
bench possa comunque parteciparvi con lanima e il cuore, di modo che
tutte le separazioni tra grande e piccolo spariscano. Inoltre, egli soste-
neva: Come delle grotte nascoste profondamente nel paesaggio si aprono
verso lo spazio immenso, la liberazione e limmortalit giacciono nel
segreto delluomo interiore. E ogni volta questapparente contraddizione

Installazione di Jim Lambie in the Fruitmarket Gallery, Edinburgh 2014,


Foto. Ruth Clark. Courtesy of the Fruitmarket Gallery

15
contiene il miracolo dellUno, il miracolo delloccasione perfetta per libe-
rarsi, il miracolo di un cammino che va sempre pi lontano, di una sfera
di vita infinita. Tuttavia, Jan van Rijckenborgh afferma nel Nykthemeron:
Non c nessun uomo sia dialettico, sia divino che possa sfuggire alla
direzione delle forze magnetiche del suo campo di respirazione.
Unasserzione molto categorica che ci induce a considerare la situazione
nella quale ci troviamo dalla prospettiva del campo respiratorio.
Ogni essere umano che arriva su questa terra nasce in un campo di respi-
razione, una sfera che contiene leredit delle sue numerose vite
precedenti. Cominciamo la nostra esistenza in una magnifica stanza del
tesoro, o in una prigione oscura o in tutto quello che concepibile tra
questi due estremi.
Ogni atmosfera determinante. Se favorevole, molto male pu essere
cambiato in bene. La qualit di una sfera o di un campo determinata
dalle forze che vi sono concentrate. Cos i Rosacroce classici si sapevano
proteggere tramite la concentrazione di forze ignee nel loro campo di
respirazione. Essi ponevano consapevolmente il loro lavoro sotto la prote-
zione di questa forza, allombra delle tue ali.
Ogni uomo obbligato a respirare. solamente per un certo lasso di
tempo che possiamo trattenere il nostro respiro o accelerare la nostra
respirazione. Chi vuole forzare luno o laltra perde coscienza e i centri
respiratori assumono allora il controllo. Cos la respirazione continua
durante il sonno o il coma.
In modo analogo, anche impossibile influenzare la respirazione magnetica
o astrale con la nostra volont. In unintervista, qualche tempo fa, una per-
sona dichiar che aveva provato durante gli anni a disfarsi di una
tendenza profondamente radicata di cui soffriva enormemente. Disse di
essere arrivato finalmente alla conclusione che non aveva raggiunto niente
con la sua volont. La sola cosa diceva che potevo fare con la mia
volont, era di decidere di guardare questa tendenza per percepirla il pi
obiettivamente possibile.
Karl von Eckartshausen considerava ci come la prima tappa nella perce-
zione interiore; e consiste nel prendere, interiormente e con la massima
attenzione, una certa distanza. Distaccarsi e dedicare tutta la propria atten-
zione potrebbe sembrare contraddittorio. tuttavia latteggiamento di chi
arrivato a un limite, ma sa che esiste un cammino che conduce pi lon-
tano. Con questo atteggiamento, una certa calma si stabilisce nel campo di
respirazione e diventa quindi possibile assimilare altre forze magnetiche.

16
Chi, in questa calma e con questo comportamento, entra in un Tempio della Scuola
Spirituale, sa che gli dato per un momento di assimilare, sulla base del soffio di Dio,
il nutrimento, i santi alimenti di Luce che illuminano lo spazio creato nel suo campo
di respirazione e spezzano i fili del Destino, creando larmonia nel caos e rinforzando
la pace nel suo essere. Il soffio di Dio non solamente un irradiamento. anche una
sostanza che penetra tutto e che, circolando attraverso lo spazio, in grado di
cambiarlo interamente. La conseguenza innegabile il cambiamento della
respirazione magnetica. Essa diventa allora pi silenziosa nel campo di respirazione e
la coscienza si fa pi chiara. Con questo lavoro, luomo si libera progressivamente
della zavorra astrale. C sempre pi spazio per lanima, ed essa aumenta in splendore
e, lentamente ma sicuramente, nel campo di respirazione latmosfera cambia.
Karl von Eckartshausen chiama ci il risultato della confluenza tra la vita meditativa e
la vita attiva. La Scuola Spirituale insegna a mantenersi sul tappeto con una fede
incrollabile, un desiderio intenso e uno sforzo continuo. Queste sono le condizioni
per cambiare finalmente la respirazione magnetica e aprire il campo di respirazione
alle forze del puro campo astrale. In un primo momento, noi viviamo in unatmosfera
chiusa nella quale si produce una serie apparentemente priva di senso di costru-
zioni e di demolizioni, e dove non sembra esserci spazio per una fuga. Con un
comportamento di vita meditativo, con unapertura continua favorevole allapprofon-
dimento, al rinnovamento e allelevazione, e con latto che ne consegue, si
contribuisce alla felicit e alla preservazione del mondo e dellumanit, e dallatmo-
sfera senza limiti del Grande Soffio discende unatmosfera sottile, sempre pi eterica,
nel nostro campo di respirazione.
Si produce allora la situazione descritta da Jan van Rijckenborgh nel Nykthemeron: Il
fuoco magico delluniverso, in cui si trova ogni vita, non ha pi bisogno, ora, di
penetrare per i fili intricati della tela del Destino per andare nel campo di respirazione.
Il fuoco originale pu entrare direttamente nel sistema microcosmico e concentrarsi
esclusivamente e interamente nel campo di respirazione, dal quale il candidato va a
nutrire il suo essere di questo fuoco ermetico. Quella qui descritta una situazione
estremamente misericordiosa, di cui tutti potranno rallegrarsi e nella quale ciascuno
potr riconoscersi. Perch lidea di una realt elevata data allora a questuomo, affin-
ch lo conduca sul cammino pi breve possibile, il cammino del servizio allumanit.
Questa visione lo nutre e lo protegge interamente, perch non pi la sua volont
che lo muove, ma lanima che vive con lo Spirito.
Quando le cose stanno cos non perch ci pensiamo o che lo vogliamo, ma perch i
tempi degli sforzi ansiosi sono compiuti allora il campo di respirazione un campo
santificato, e inevitabilmente linsieme di tutti i nostri pensieri, sentimenti e azioni
sar dedicato alla felicit e alla salvaguardia del mondo e dellumanit.

17
In viaggio... verso dove?
on si vedeva molto intorno, nel piccolo parcheggio dove il nostro

N gruppo attendeva la partenza. Siamo stati informati di ci che ci aspet-


tava, ma non siamo sicuri di dove stiamo andando.
Mi guardai intorno furtivamente. Gli altri sembravano cos sicuri di s!
Portavano zaini, scarpe da passeggio e bottiglie dacqua. Penso che tutti
avessero seguito i corsi di sopravvivenza o qualcosa di simile, perch tutti
conoscevano i termini tecnici. Chiacchieravano con i responsabili come se avessero
gi fatto molti viaggi del genere. Per me, tutto era nuovo. Non avevo fatto che ascol-
tare, per cos dire, a bocca aperta. Era come se tutta la vita avessi aspettato questo
momento. Molti interrogativi mi venivano in mente, eppure, senza indicazioni pre-
cise, essi hanno ricevuto delle risposte. Quando mi hanno chiesto se volevo
viaggiare, fui sorpreso di essere stato ammesso, e nello stesso tempo ero cosciente
che niente avrebbe potuto fermarmi. Tutti gli inconvenienti perch cerano e molto
evidenti erano stati vagliati.
Per me tutto era semplicemente irresistibile. Gi da qualche tempo provavo un intenso
sentimento di speranza, senza sapere cosa aspettavo. Un vecchio mi aveva semplice-
mente rivolto un sorriso, e mi aveva dato la sensazione di essere sulla strada giusta: era
incomprensibile, ma non equivoco.
Poi ho incontrato questo gruppo di viaggiatori. Una notevole collezione di personalit
diverse... E io ero una nuova recluta, anche se gi di mezza et. Curiosamente, i pi
equilibrati erano anche i pi disinvolti. Hanno lasciato trascorrere una serata di prepa-
razione a causa di un gioco cui volevano partecipare. Naturalmente, ne sapevano gi
tanto! Ehi, cosa sta succedendo. Questi ragazzi con i loro zaini se ne stanno gi
andando, o solo unillusione? S, se ne andavano. Poi sono ritornati, anche se ritor-
nare non dovrebbe mai essere la rotta, perch non c modo di tornare indietro.
I responsabili vennero verso di noi per augurarci buon viaggio. Una stretta di mano e
poi mi sono ritrovato completamente solo. Potreste obiettare che ci non era possibile
allinterno di un piccolo gruppo, e invece fu proprio cos. Con me avevo una bussola,
ma non ne conoscevo il funzionamento. Poich non sapevo dove andare, ho iniziato a
camminare, il che mi si addiceva perfettamente. La zona era magnifica e regolarmente
incontravo qualche compagno di viaggio; a volte era qualcuno che conoscevo, talvolta
qualcuno che era in viaggio gi da molto tempo. Tutti seguivamo la nostra bussola
personale, ma probabilmente esse erano differenti, perch nessuno camminava al mio
fianco, n dietro di me, e quando guardavo non vedevo nessuno.
Ero cos felice di essere in cammino che mi misi quasi a saltellare. Bench fossimo
stati avvertiti riguardo agli ostacoli spiacevoli, finora non cera nulla da segnalare. A
volte vedevo una persona fermarsi, preoccupata, e ne ho anche trovata una distesa per

18
Riflessioni su un viaggio, un gruppo, la gioia di essere in cammino,
una roccia sulla strada, limmagine di un uccello e il lavoro

Visioni di Luce

19
terra. Volevo sollevarla ma non ne fui addormentarmi. oltremodo importante colori. pazzesco, ma mi
capace, e lei mi rassicur dicendo che non addormentarsi, perch mi hanno avvicino sempre di pi a lui e
sarebbe riuscita a cavarsela. informato che il risveglio sarebbe allora infine lo raggiungo. Sul suo
Certo, a volte pioveva e spesso faceva molto difficile. dorso trovo un comodo
freddo o, al contrario, molto caldo, ma Mi siedo su uno sperone roccioso e posto per sedere. Nel fruscio
nel complesso la mia passeggiata fu pia- rifletto ancora una volta sui metodi che delle ali abbaglianti voliamo
cevole e veloce. Improvvisamente giunsi ho gi utilizzato. Eppure ci deve essere un insieme attraverso i cieli,
a un confine. Non lavevo notato, e me ne modo! Di tanto in tanto, qualcosa total- quando improvvisamente mi
accorsi mentre lo oltrepassavo. Finora mente al di fuori della mia coscienza si ricordo del viaggio. Forse
tutto era nuovo e sconosciuto. Ora cam- rivela nella mia mente, ma quando voglio anche lui era diretto verso
minavo con maggior cautela, esitando a coglierla, gi sparita. lalto?
volte nella scelta di andare a sinistra o a Lunica cosa veramente interessante qui Luccello gira la testa verso di
destra. Trovai dei crepacci che dovetti sal- intorno una specie di grande uccello me e il suo sguardo quello
tare pericolosamente. Bisognava scalare posato sul blocco gi da un certo tempo. di un vecchio amico, ma chi
delle vette elevate e impegnative, percor- A parte lui, non ho visto alcun altro ani- ? La sua voce bassa e alta
rere sentieri tortuosi, terribilmente ripidi male. una strana bestia che mi guarda allo stesso tempo, dolce e
e scivolosi a causa della pioggia. Eppure di sbieco. Mi sento talmente solo che chiara: Prima verso lalto,
non ho mai desiderato di essere a casa, sarei tentato di parlare con lui, ma si poi dobbiamo atterrare, al
perch casa mia era qui, in ogni momento. tratta di una vera sciocchezza! A volte si lavoro.
allontana un po, per tornare poi allo Coraggiosamente scendiamo
Adesso, gi da settimane o da mesi sono stesso posto. Sarebbe bello se anchio al punto in cui mi trovavo
davanti a questa roccia enorme e non so potessi volare, pensavo, potrei volare prima. Dov la roccia?
pi molto bene cosa fare. Ho provato sopra la roccia dove forse luccello vive.
tutto: ho spinto, tirato, cercato di farla Ora vola di nuovo, ancora pi in alto di
scivolare, di romperla; mi sono scagliato prima e io lo seguo con gli occhi. Vola
contro, mi sono arrampicato e di nuovo sempre pi in alto ed meraviglioso
sceso. Intorno non c nessuno e non rie- vedere come le ali sottili si stagliano con-
sco ad andare oltre. Ho raccolto tutte le tro il cielo blu. Intorno a lui c un
mie forze, ma non vuole cedere. Non rie- cerchio di luce e mi rendo conto che
sco neppure a vedere cosa c dietro, n vola esattamente tra me e il sole, comple-
ai lati. Tornare indietro impossibile, tamente orientato verso la luce.
inutile provarci. Tuttavia non posso rima- Ho dimenticato la roccia e lascio il mio
nere sempre qui! cuore volare con lui, cos delizioso, leg-
Ho fame e sete e sono disposto a tentare gero e libero. Nessuna parte del viaggio
qualsiasi cosa; se almeno potessi spostare pu uguagliare questo volo e mi sembra
questo blocco! Ma pi mi sforzo, pi mi che luccello abbia una corona di luce
affatico e non voglio assolutamente bianca ornata di pietre preziose di tutti i

20
Immagini dal mondo

Ora vedo ancora la vita eterna come in uno specchio, in Vuoi inammarmi nellamore donando amore; e nutren-
una scultura, in un enigma, perch lo sguardo domi cos risveglio il mio desiderio, e destandolo mi fai
benedetto con cui non hai mai smesso di guardarmi con bere la felicit, e bevendola mi immergo in una fonte di
tanto amore, sino nei luoghi pi segreti della mia anima. vita e immergendomi si prolunga e accresce tutto. come
Vedere cos con Te la vita, tutto dono; Tu non fai altro condividere la Tua immortalit Ed il massimo di ogni
che donare ininterrottamente lamore pi dolce. desiderio ragionevole, non c nulla di pi grande.
Niccol Cusano

21
Albert Bierstadt, panorama della Yosemite Valley, California 1865

22
Il bello
e il sublime
Il sublime rappresenta nellestetica la qualit della
grandezza dal punto di vista fisico, morale, intellettuale,
metafisico, estetico, spirituale e artistico. Fa riferimento a
un tipo di grandezza al di fuori di ogni calcolo, misurazione
o imitazione.

ellantichit esso conferiva alla forza del bello un valore spi-

N rituale in grado di elevare lanima. Nel corso dei secoli


questo valore ha mantenuto la sua fondatezza, essendo gli
organi di senso ritenuti s necessari per sperimentare il
bello ma poco attendibili per i valori spirituali. Tuttavia, in
tutti i tempi la valutazione della Venere come quintessenza della bellezza
sempre stata unanime. Venere, come simbolo della bellezza, universale,
mentre la natura della bellezza non n da capire, n da possedere in
modo duraturo. Nel XVI secolo un poeta italiano defin il vero
incantamento della bellezza di Venere un non so che.
Lattenzione per il sublime si svilupp in tempi successivi e acquis il suo
significato solo nel corso della storia. Nellalchimia, Jan van Ruysbroeck
descrisse, forse per la prima volta, il grande calore che si lega al processo
interiore delle Nozze spirituali e defin sublime leffetto dello Spirito.
Nella tradizione alchemico-spirituale lo stadio della sublimatio una fase
importante nel processo spirituale di trasmutazione. Il desiderio di
immortalit (del divenire immortale dellanima) trov la sua ispirazione
nella fascinazione suscitata dalla bellezza, nellirradiamento definito
divino prodotto da Venere.
Nel Romanticismo il rapporto tra la nostra percezione sensoriale
nellesperire il sublime e lesperienza del bello si rivela conflittuale. Un
contrasto che termina solo nella trasfigurazione quando, con il fuoco
dionisiaco, riusciamo a condurre il nostro processo alchemico fino alle
sublimi Nozze alchemiche.

23
In una preghiera dei Mandei, una comu-
nit di pensiero giovannita che Il miraggio del bello e linganno
considerava centrale la purezza e lazione
della luce, c un passaggio in cui si illusorio del bene, entrambi
chiede a Dio di poter scorgere con i pro-
pri occhi soltanto la bellezza del mondo fanno emergere la bruttezza
e della realt, senza vederne gli orrori.
Non per imparare a riconoscere il bello
ma per regolare gli occhi a scorgere solo lo affatto, come prima reazione non lo
il bello e a trasmetterlo alla coscienza. volete accettare. Ma allo stesso modo, a
Come se si volesse cambiare il codice mano a mano che andate avanti, la realt
degli organi sensoriali affinch vi fossero del brutto vi schiaccia. Ci significa
riflessi solamente i valori della purezza e immergersi nellapparenza e corrompersi
delleffetto luminoso. tramite lapparenza. Il miraggio del bello
Se ci fosse realizzabile, sarebbe fanta- e linganno illusorio del bene, entrambi
stico. E forse una parte della grandiosa fanno emergere la bruttezza.
legge dellAmore consiste nel Possiamo allora dedurre da quanto sopra
riconoscere la bellezza della creazione, che la vera bellezza si pu sperimentare
ma soprattutto nellincontrare senza lotta solo nel sublime?
questa meravigliosa natura e allo stesso
tempo nel nascondere il brutto col man- Ci sono persone che affermano di aver
tello dellAmore. provato in qualche modo unesperienza
Tuttavia, possiamo permetterci di negare sublime: unesperienza estrema, un
una parte della realt? Con ci vogliamo attimo di illuminazione, un momento di
dire: imparare a stimare entrambi, il crescita fuori da se stessi,* accompagnato
bello e il brutto, non una fase necessa- dalla serena sensazione di unit e
ria da attraversare per chi percorre il dallesperienza del suono, del colore,
cammino? Non forse importante della forma e del contenuto in un
vedere con lucidit la bellezza sullo rapporto perfetto. Gli organi di senso e la
sfondo della bruttezza? Proprio come Jan coscienza possono singolarmente o
van Rijckenborgh e Catharose de Petri lo insieme percepire il sublime. Larmonia
descrivono nel libro La Gnosi Cinese e cio nelle relazioni pu essere elevata,
come sconcertante scoperta che la brut- profonda e toccante e pu evocare le
tezza la dimostrazione che la bellezza idee del buono, del bello e del vero dei
ingannevole. Citiamo: Lessere umano Greci. Non esiste in greco una parola per
indicibilmente povero di bellezza, di vera sublime. Tuttavia il sublime ha natural-
bellezza e per questo ama la luce. Ed mente unorigine linguistica.
essendo cos infelice, mente per scacciare Etimologicamente passa dal latino nel-
la bruttezza. Tuttavia questo processo non lAntico-francese e nel Medio-inglese in
riesce, perch chi costruisce la propria un periodo tra il 1200 e il 1500. Sublime
vita sullapparenza, sullirrealt, richiama sub limes significa in latino sotto la
delle reazioni opposte e contrarie molto soglia e successivamente trovarsi in alto,
forti. Quando scoprite che una in aria o sollevare in aria, elevato. La
situazione, definita precedentemente parola non ha un equivalente greco ma il
bella, a voce alta e con convinzione, non valore sentimentale del bello, buono e

24
vero descritto da Platone si avvicina lideale classico del bello e dellunit. Il nellarte e nella scienza non
molto al concetto di sublime. Il bello neoplatonico Plotino lo relaziona pu esistere? E che il brutto
aveva per i Greci un valore assoluto, avvi- allUno. Jan van Ruysbroeck fa uso della infatti la dimostrazione che
cinandosi pertanto al significato odierno. parola per descrivere la coscienza che si la bellezza solo apparenza?
Il sublime come vissuto sembra invece eleva, per descrivere lesperienza di uno Un filosofo di un periodo
provenire da unepoca posteriore, anche stato dessere illuminato, come un fuoco successivo, Spinoza, descrisse
se nel famoso mito di Platone si ricono- interiore intenso e forte, come un un processo simile: abbando-
sce unesperienza simile. Il successivo immenso calore (la sublimit delle nare ogni desiderio di
sviluppo del termine mostra un crescente Nozze spirituali). In questo modo le ricchezza, di onore e di pia-
appiattimento del significato. come se Nozze diventano un processo interiore, cere, per poter elevare il
la parola si fosse inabissata a causa del alchemico. proprio stato dessere. Come
suo stesso peso, diventando uniperbole Ermete, egli impresse questa
al pari di favoloso, mega, super. Per Lanima esperienza nel suo animo. La
quanto riguarda la banalizzazione del Lelevarsi dello spirito, riconoscibile sublimit in Spinoza corri-
significato, i termini ultimativo e sublime si attraverso lanima che vede il proprio sponde alla ragione superiore
contendono il primato. Hans den Hartog cambiamento, lo incontriamo in Ermete e assomiglia al Vero di Pla-
Jager scrive nel suo libro Het Sublieme che Trismegisto, dove questa sublime espe- tone.
questa parola si talmente caricata di un rienza unita allo spegnersi di tutti i
senso di esagerazione e di una mancanza sensi corporali. Ermete: Un giorno, mentre Esperire il sublime con gli
di significato oggettivo che pu ancora riflettevo sulle cose essenziali e il mio cuore il organi di senso?
essere usata senza ironia solamente dai mio stato dessere si elevava, i miei sensi cor- Nel corso del tempo, a par-
giornalisti sportivi e dai giovani con un porali si assopirono completamente, come accade tire allincirca dal 1750 in
vocabolario da TV. Secondo lautore, a chi, dopo un pasto troppo abbondante o a causa poi, la tendenza a credere
sublime diventato un vocabolo che di una grande fatica fisica, viene sorpreso da un nellimpossibilit di esperire
esprime impotenza spirituale e mancanza profondo sonno. il sublime con gli organi di
di sottigliezza. A ben vedere, questa non una difesa senso andata calando.
della sensibilit, bens un esempio per Durante lIlluminismo e il
Lesperienza del Sublime permettere alla comprensione profana di Romanticismo si scoperto
In questa tendenza va vista una ripresa aprirsi al sublime. Labbinamento dellin- come nondimeno la bellezza
dellanima, ripresa che prosegue nel dole che si eleva con laddormentarsi dei perfetta pu essere ricono-
significato elevato, tendente verso sensi viene percepito da noi come strano, sciuta e come questa, con
lalto e persino, nel peggiore dei casi, perch ci chiediamo come il bello, in laiuto degli organi di senso,
ambizioso.** quanto valore assoluto nellarte e nella in grado di trasmettere alla
Nella mistica di Meister Eckhart, come scienza, possa essere esperito se non percezione unesperienza
pure nella filosofia di Ficino e Cusano, il attraverso gli organi di senso. Non forse elevata che concorda con
tendente verso lalto lo incontriamo questa la prova che il bello come compo- quella del bello astratto di
soprattutto nellaspirazione a vivere nente del sublime, come valore assoluto Platone.

25
Durante il Romanticismo si afferm divino (Pitagora) e pi tardi, con Plo-
laspetto emozionale di ci che si tino splendore divino e il divino era
riteneva essere il concetto greco del considerato dai Greci sublime.
bello: gli antichi valori classici che nel come se la bellezza fosse diventata
Rinascimento erano stati indagati da un intoccabile e di un chiarore abbagliante,
punto di vista razionale, anche allora si ma la perfetta armonia produce una bel-
esprimevano gi nel sentimento. Allini- lezza statica, cos come la proiezione di
zio il bello era ancora perfetta armonia in un cielo come spazio vitale perfetto pu
misura, numero, forma, colore e architet- respingere molti a causa di una supposta
tura. Un artista era, in base a dei canoni noia, poich non sarebbe pi fonte di A sinistra: Tempio dellarmonia,
universali, un grande creatore di ordine ispirazione e non causerebbe nessuna Agrigento, 440-430 a.C. circa
A destra: James Turrel ha ideato delle
secondo il proprio vissuto. Il caos emozione, come se la vita vi si fosse installazioni colorate che moltiplicano
divenne il cosmo nellesperienza sublime allontanata. le percezioni, come questa realizzata
del bello. Per i Greci il bello era ordine nel museo Guggenheim, 2013

26
Romanticismo Nella natura il bello richiama sentimenti
Dopo lesperienza mentale della perfe- di armonia, serenit e pace ma si Nella
zione nel numero e nella misura, possono provare anche esperienze caoti-
ricercata nel Rinascimento e nel Barocco, che e sorprendenti, tendenti a produrre esperienza
il Romanticismo and alla ricerca del
bello nella natura, per essere afferrati
sbigottimento, disordine e paura, ma
nello stupore si apre anche la possibilit sublime del
dal carattere selvaggio e incolto della
natura e dalla pi alta sollecitazione ner-
del manifestarsi del sublime.
Friedrich Schiller, nel suo trattato Intorno bello, il caos
vosa del pericolo (come ad es. per il
pittore William Turner) per vivere piena-
al sublime (1801), descrive il sentimento
per il sublime come una mescolanza di divenne il
mente lassoluta crudezza di questa
natura. Nel XVIII secolo questa fu anche
dolore che si esprime in unaltissima ele-
vazione come fremito e gioia che pu cosmo
una conseguenza della separazione tra il svilupparsi sino allestasi. Jacob Bhme
bello e il sublime. descrive questo dolore come una lotta

27
cavalleresca che dobbiamo accettare La Natura sorprendente e indomita: Le nozze (alchemiche) di Ermes e di
allinterno di noi. Lestasi non confu- unesperienza sublime Erse in una rappresentazione
di Giovanni Jacopo Caraglio ispirato
sione dei sensi poich nella fase dello In alcuni momenti, quando la volont a una tessitura di Flamant Willem de
stupore i sensi hanno un ruolo impor- umana messa fuori gioco insieme al Pannemaker, 1570 circa
tante. E bench non si tratti di un piacere, suo preteso controllo, i fenomeni naturali
per le anime elevate il sentimento diventano per noi sublimi. Stiamo par-
ampiamente preferito a quello dei sensi. lando della Natura nella sua potenza
Sembra che anche Ermete e Spinoza cer- selvaggia e imponente, non manipolata
chino di farci comprendere questo. da volont umana, la Natura come appare
nei dipinti di Turner: una tempesta,

28
loceano che infuria, uragani, vulcani, Mozart ha messo in musica le Nozze Alche-
vette, scogliere, fiumi impetuosi. Con la miche di Cristiano Rosacroce. In effetti, tutte
sua sola presenza, la Natura scuote gli le arti, letteratura compresa, nel periodo
umani sensi in una dimensione in cui romantico hanno cercato di rendere, rap-
naturale e umano si fondono generando presentare, comunicare lesperienza del
uno stato di oblio di s di abbandono sublime.
di s. Questo stato lesperienza
dellunione con la Natura. Lesperienza Come mettere ordine nel caos?
di questa unione restituisce alla Natura Certamente i tentativi romantici di speri- Tutte le arti,
quel carattere indistruttibile di realt in mentare il sublime nellinatteso,
cui siamo radicati e di cui viviamo.*** nellimprovviso, differiscono dalla mis- nel periodo
Ma prima che tutto ci possa accadere,
indispensabile rendersi conto della com-
sione che aveva animato i greci
dellAntichit: fare del caos un ordine, romantico,
binazione di sentimenti opposti, unit e
separazione, che mettono a nudo lillu-
un cosmo. Nella descrizione di Chronos
(il Tempo) che mangia tutti i suoi figli, hanno
sione della nostra autonomia morale
riportandola a un sentimento di unit.
Platone cerca una soluzione per colmare
il divario tra il mondo cos com e il cercato di
Una tale esperienza ci rivela che la perce-
zione del sublime non necessariamente
mondo come potrebbe essere se coinci-
desse con il mondo delle Idee in cui comunicare
data dalla pienezza dei sensi, che le leggi
della natura non sono necessariamente
regnano la Bellezza, la Verit e il Bene.
Allinterno di questo mondo sublunare, lesperienza
uguali a quelle umane, e che siamo in
possesso di un principio autonomo, indi-
gli esseri umani non sono in grado di
capire il mondo perch ricordano il del sublime
pendente da tutte le emozioni morali. mondo delle Idee. Sar importante
vedere come lumanit continuer e cosa
Alchimia far di due concezioni opposte, due
Quanto abbiamo detto apparir con mag- visioni del mondo (separazione/unit)
giore chiarezza se confrontiamo le che sono diventate ormai dati storici e se
precedenti affermazioni con alcune fasi riuscir a ottenere un nuovo risultato.
alchemiche: Solutio, Coagulatio e Conjunctio. Riusciremo, al di l di Chronos, a met-
Solutio: abbandono di s, la dissoluzione, tere ordine nel caos ispirandoci alle forze
la consapevolezza della goccia nelloceano. provenienti da Urano, il pianeta dellin-
Coagulatio: il collegamento dellessenza tuizione e del genio, il maestro
spirituale con la goccia nel mare. dellAcquario? Potr lumanit, dopo le
Conjunctio: la fusione degli elementi nello creazioni del Romanticismo, avvicinarsi
Spirito unico e indipendente. al Sublime come nuova realt di vita,
lasciandosi guidare dalle influenze dei
Il Romanticismo e il Sublime in altre pianeti Urano e Nettuno e generando
espressioni artistiche una nuova esperienza del sublime con
Beethoven, Chopin, Mahler, Debussy, gli accenti di una Nuova Era? Nel ventu-
Arvo Prt (e altri ancora) sono composi- nesimo secolo, il Sublime potrebbe
tori che hanno lasciato risuonare la diventare il risultato di unalchimia spi-
natura imponente e selvaggia, lo stato di rituale autentica che aprir un sublime
pacificazione e la dissoluzione nella loro secolo doro?
musica romantica. Nel suo Flauto magico,

29
Dioniso e Apollo Mondriaan, lo Stile (De Stijl) e il Sublime
Questo possibile, come ha detto Nietz- Durante il periodo turbolento a cavallo
sche pi di cento anni fa, grazie alla tra fine 800 e inizi 900, appare una
trasfigurazione, in modo che il campo nuova proposta di un modello di armo-
della vita spirituale sia governato dalle nia: quella, tra gli altri, del pittore
forze apollinee e dionisiache. Dioniso il Mondriaan, e De Stijl, il movimento arti-
principio del fuoco alchemico che libera stico di Theo van Doesburg. Entrambi
consumando le forze ignee caotiche sono attratti dal richiamo della natura,
il sublime nascosto, permettendo a que- della sua armonia e dei suoi modelli. Si
ste forze impure, inconsapevoli, di potrebbe pensare a una riformulazione
trasfigurare nello stato apollineo o divino. del barocco e a una critica allapplicazione
Non si tratta della contemplazione di una rigorosa dei numeri e delle misure lor-
bellezza statica superiore, n degli sforzi dine rigido di Saturno. Un approccio
per raggiungere una perfetta armonia: si quantitativo e razionale alla natura allon-
tratta di un processo di trasmutazione, un tanerebbe la possibilit di incontrare
processo interiore, un processo di lesperienza del sublime e forse anche
trasmutazione della coscienza. quella di riconoscere nella natura stessa il
Nietzsche, che ha vissuto ancora nella modello della vita.
scia del romanticismo, esprime con cer- La ricerca della semplicit e del
tezza la convinzione che questo processo fondamento della Natura, in un elemento
interiore si compia attraverso lazione, culturale come un dipinto, regala mag-
attraverso atti forti. Questa trasfigura- giore profondit allesperienza e
zione pu essere realizzata solo da noi in permette di sperimentare la sensazione di
prima persona senza proiettarne la re- sublimit. Ci era vero non solo per i
sponsabilit su altri o sul mondo. In al- quadri di Mondriaan, ma anche per le
chimia, questa la fase della Coagulatio, opere di Rothko, Newton e James Turrell.
lattivit autonoma su di s, e della Subli- Opere spesso realizzate in bianco e nero e
matio, larte di liberare dalle limitazioni e astratte, opere che interiorizzano allinfi-
dagli attaccamenti grossolani lo spirito nito e attraggono, come se parlassero. La
nascosto (Chronos o Saturno). bellezza pu essere percepita in unastra-
Questa attivit in autonomia o Coagulatio zione apparentemente semplicistica che
anche conosciuta come: il lavoro. Per ci tocca profondamente. In questa sem-
evitare che questo lavoro si concentri su plicit sembra quasi di sentire,
altri o sul mondo esterno, Nietzsche enigmaticamente, lunit degli opposti.
afferma: Dedicatevi al combattimento in Cos abbiamo potuto s! percepire il
voi stessi!, dirigendo cos lenergia sul sublime attraverso i sensi.
processo interiore della trasfigurazione.
Questa probabilmente la forma attiva Il rifiuto della bellezza
del famoso invito Uomo, conosci te Tuttavia, un nuovo concetto si guada-
stesso dei greci dellAntichit. gnato il centro della scena nei primi anni
Due comandamenti che, di fatto, non del XX secolo. Nella pittura e nelle arti
si escludono, essendo paradossali e com- plastiche si posta la questione se la bel-
plementari, nel senso di rappresentare lezza e lesperienza della bellezza non
insieme la completezza. fossero di ostacolo al sublime.
Alla fine del secolo diciottesimo,

30
Edmund Burke, nel suo libro Sul essere attirati dalla suggestione del
Sublime, ci lascia una spiegazione pura- sublime, dellassoluto, dellessere auten-
mente estetica della bellezza e del tico, che ci potrebbe ricondurre al Bello
sublime. il processo di percezione a assoluto. In effetti, se c una cosa colle-
provocare il suo effetto sullo spettatore: gata alla bellezza il declino, la
la bellezza diffonde armonia ed equili- decadenza; quindi la bellezza non pu
brio, il sublime invece il risultato di un essere una caratteristica del Bene assoluto
sentimento molto doloroso o spiacevole o della Verit assoluta. La bellezza e
causato dallesperienza della propria pic- resta ambigua, affascinante e insidiosa.
colezza o insignificanza rispetto a
qualcosa di grande. Turner nei suoi La bellezza del brutto
dipinti stato il primo a dare Cos abbiamo rivalutato il brutto, com-
espressione a questo punto di vista. presa lidea che qualcosa possa essere
Durante la prima guerra mondiale, la apprezzato per la sua bruttezza, che sia la
linea di separazione tra la bellezza e il decadenza, la putrefazione, la rovina, ci
sublime diventata ancora una volta pi che volgare, abbozzato, laido, naive o
ampia grazie a Marcel Duchamp che artificiale.
dichiara guerra alla bellezza e allarmo- Larchitetto Ashok Bhalotra ha sperimen-
nia. Anche la musica, dopo Debussy, si tato la costruzione di habitat fatiscenti, in
molto allontanata da unarmonia tonale rovina. Forse ci riavviciniamo al romanti-
sia pur complessa e ancora considerata cismo di Turner? Come nel racconto de
universale. Ci porta alla nascita di un La Bella e la Bestia, Belle riconosce ci che
nuovo genere musicale, concepito quasi autentico nella Bestia, e ci sentiamo
per arginare e cancellare la musica conso- collegati a entrambi gli aspetti visto che
nante, armoniosa e melodiosa. Si tratta la bellezza insieme gioia e dolore, come
della musica atonale, una forma musicale il paradiso che vicino e irraggiungibile.
priva di un centro tonale fisso.
I suoi principali rappresentanti, come Luniverso insensibile
Schoenberg, Stockhausen o Hindemith, Si ritorna cos allapprezzamento della
hanno cercato quasi di rompere i legami bellezza serena nellarte. Nella vita emo-
con lAnima, con linteriore, volendo can- tiva si nasconde una trappola sottile alla
cellare lesperienza sentimentale nellarte. percezione del sublime. Come nel
Lidea centrale in questo caso suggerisce Bolero di Ravel con il suo effetto ipno-
un totale disprezzo per lestetica, dive- tizzante. la stessa ispirazione che si fa
nuto necessario per il fatto che trascinare dalla disarmonia, dallingiu-
lesperienza della bellezza e la bellezza stizia, nella giungla della devastazione
stessa intesa come perfezione e armo- come nelle composizioni invasive di
nia della forma esteriore abbiano
ostacolato la percezione del sublime.
Il fondamento di questa idea si pu tro-
vare nella constatazione che la bellezza
la bellezza non pu essere una
solo apparenza e che la bruttezza la caratteristica del Bene assoluto
prova della natura apparente e illusoria
della bellezza. Ma respingendo e allonta- o della Verit assoluta
nando la bellezza, non sarebbe possibile

31
Galina Ustvolskaya, percepite come
artigli nellanima. Questa
compositrice ha sofferto sul serio del
fatto che alla sua denuncia e al suo urlo
primordiale il mondo sia rimasto
indifferente, indifferente a una vita ini-
qua persa nella distesa oscura;
probabilmente questo grido nasce dal-
lincapacit dellautrice di vedere la
bellezza delluniverso.
Quella bellezza che ha sconvolto gli
astronauti quando hanno visto la terra
dallesterno. Essi hanno provato unemo-
zione estetica autentica: Quanto bella
questa nostra Terra, nel mezzo del vasto
spazio ci d un senso di solidariet e di
unit.
La linea sottile verso la sublimit provata
emozionalmente va di pari passo con
laccurata riabilitazione
dellapprezzamento per la bellezza.
Nel 1946, il pittore americano Robert Larchitetto Ashok Bhalotra ha
Motherwell ritiene che lestetica svolge
la funzione di un medium, un mezzo sperimentato la costruzione di
nellinfinito sfondo di emozioni per dare
loro la densit di un oggetto osservabile. habitat fatiscenti, in rovina
La percezione della bellezza come incar-
nazione di una possibilit di trasfigurare
ci che vediamo. dellessere umano nello spazio-tempo: Nato da polvere di stelle
ritorner ad essere polvere di stelle nellindifferenza delluniverso.
Occorrono elementi contrari per speri- Come nel caso di Ustvolskaya, questa indifferenza delluniverso al suo
mentare il sublime? grido primordiale lo riempie dangoscia. La descrizione che van Doorn fa
Lopinione dello scrittore Manfred van del sublime quella di unintensa forma di coscienza simile al gioioso
Doorn che la presenza di condizioni stupore che si prova quando sofferenza e piacere sono simultaneamente
discordanti sia necessaria allesperienza presenti e trascesi (dominati e vinti) nello stesso istante.
perturbante della sublimit: Limmen-
sit della profonda tenebra delluniverso, Il bagliore improvviso del sublime
incommensurabile e maestoso, il vuoto Il nostro autore definisce questo istante come un bagliore improvviso del
dello spazio cosmico, inospitale e terri- sublime nellesperienza di unit degli opposti: Il bagliore improvviso
bile, sul cui sfondo si staglia in contrasto come un flash emanato da una carica elettrica di sublimit, che si libera
il tenue e delicato azzurro del pianeta quando il contatto tra il positivo e il negativo fa sprigionare una scintilla.
Terra col suo sottile velo di atmosfera e la Questo paragone fa capire che a noi occorrono elementi contrapposti o
sua luce splendente. Ci che lautore polarit contrarie per giungere a sperimentare il sublime. In presenza di
descrive o raffigura esprime limportanza uno solo dei due poli la scintilla non viene prodotta.
relativa, marginale e insignificante Gli elementi contrari ben noti, allorigine dellesperienza del sublime,

32
sono il bello e il brutto, la gioia e lango- definitivamente trasformata, non ha biso- Renovatur Integra, I.N.R.I.) la
scia, il finito e linfinito. Serie che van gno di attriti. ci che si verifica quando Forza cristica manifesta in
Doorn arricchisce con spazio-tempo, siamo integrati nella realt di unit- noi il due in uno dinamico
vuoto-pieno, ordine-caos, materia-spi- libert-amore, in una corrente interiore di uno stato illuminato e
rito, soggetto-oggetto, lio-laltro, che non richiede pi di essere interrotta. senza contrasti, proprio di
causa-effetto. Tuttavia, egli pensa che si Conservare un tale stato damore supe- una dialettica divina. Jan van
potrebbe anche trattare della presenza di riore e sublime non pi un processo Ruysbroeck parla di un
una bellezza tale che, per poter essere che dipende dalle opposizioni. Lamore ornamento di un matrimonio
pienamente colta, richiede la partecipa- sublime lamore dellanima immortale, spirituale, dello splendido
zione di tutte le nostre forze. Sembra cos un uccello di fuoco sublime... abito della duplice unit.
che la bellezza sia, a volte, un elemento
fondamentale per accedere allesperienza Il fuoco cosmico interiore Il sublime tredicesimo eone
del sublime. Jan van Ruysbroeck spiega che lanima La bellezza gioca ugualmente
sperimenta un calore incredibilmente un ruolo cruciale nelle Nozze
In quale luce la tenebra non pu intenso nel momento in cui si avvicina alchemiche di Cristiano Rosacroce,
esistere? alle profondit del senza fondo. tale dove viene rappresentata
Esiste un pericolo nellaffermare che il stato che egli qualifica come sublime. come la Venere meravigliosa
sublime condizionato dalla necessit Il fuoco interiore da quel momento e inviolabile. Una straordina-
esistenziale di sperimentare gli opposti. divenuto fuoco cosmico, un fuoco che ria bellezza che CRC pu
Una moderna tendenza di pensiero della unisce il microcosmo al cosmo, un fuoco osservare, bench ci non
psicologia delle relazioni asserisce che, moderato e inestinguibile. il fuoco del fosse del tutto conforme alle
in virt delle dinamiche di vita, lamore rinnovamento del divenire nella conti- regole...
necessiti dellodio come la disperazione nuit dellessere. Laddove, nel mondo umano,
della speranza. La cosa pi difficile in La luce di questo fuoco non muta. Que- odio e male sono elementi
una relazione quella di preservare sto amore non ha alcun bisogno della terribili, ma reali s, vera-
lamore dellinizio. Poich a volte presenza dellodio. Le fiamme dellodio mente spaventoso ci che gli
occorre che sia molto buio per ricordare non hanno alcuna presa sullAmore, poi- esseri umani si infliggono
che esiste la luce. ch non si trovano sullo stesso livello; nella realt superiore
Pitagora testimonia tuttavia di una luce lAmore di una qualit differente; dellanima immortale la
nella quale non pu esistere alcuna oscu- lodio e il male non possono mai far coscienza attraversa tutti gli
rit. Nessuno che provi una qualche parte del sublime, non potendo accedere strati degli arconti e degli
forma di amore desidera lodio e per un al suo livello. Lodio e il male possono eoni, a loro insaputa, per ele-
tale amore la speranza una fase prece- attecchire nelle nostre profondit, ma varsi nel sublime tredicesimo
dente che non dipende da una qualche non hanno alcuna loro radice nel fondo eone. La bellezza che
disperazione. Che amore sarebbe allora senza fondo, nellUngrund. lanima immortale sfugge a
quello relativo al sublime? tali forze e potenze, poich
Quale splendore luminoso, quale calore Lornamento di un matrimonio spiri- appartiene a un livello supe-
accompagnano il sublime? Sarebbe lo tuale riore; il suo rango quello
splendore del fuoco dellelevazione? Si attraverso un particolare processo di della Venere dei misteri che
dice che sia lAmore impersonale ed infi- fuoco che il Sublime venuto a formarsi svela la sua perfetta nudit (e
nito ad essere unito a ci che vi di nel matrimonio dei contrari. Non pu che cio la sua realt), perfetta e
nobile nel sublime. Per trovarsi nello ornarsi della bellezza dei due in uno, indescrivibilmente bella, e di
stato di continuit dellessere, colui che offerta grazie alla forza di Colui che dai una natura talmente sovran-
realmente risvegliato, che ammesso due fa lUno. Come la natura si rinnova naturale e irrinunciabile che
nellunit del tutto con una coscienza per mezzo del fuoco (Igne Natura CRC come inchiodato al

33
Il fatto che non sia possibile dire della bellezza che
esiste, non significa che non esista di fatto. Il posto
che occupa si trova tra il qualcosa e il niente
suolo, cos come viene descritto nel nista, non nega lesistenza del fascino
quinto giorno delle Nozze alchemiche. invisibile tipico del femminile e delle
opere darte. Accade come per la situa-
La bellezza di Venere zione dello stato amoroso: se ne pu
Come spiegare che ci che perfetto, di certamente far lesperienza, ma non riu-
una bellezza indescrivibile, sovrannatu- scire a conoscerlo, poich non di
rale, intangibile, non possa essere se non natura intellettuale, non appartiene al
un intermediario che conduce al fine dominio della ragione, incomprensi-
sublime, la settima fase del processo bile e inspiegabile.
alchemico, lunione dei contrari, la Con- Nel XX secolo, il filosofo francese Vladi-
junctio, lo stato di trasfigurazione? mir Janklvitch si spinge a difendere la
Per lessere umano moderno, che vive bellezza, contro la quale non si dovrebbe
nellattuale fase culturale, ci non con- insorgere, poich non saprebbe essere
fonti:
cepibile. Cos, misconoscendo la bellezza, oggetto di rifiuto. Anche se si ha - Le ali della malinconia, un appello
la rifiuta persino consciamente, incline coscienza che la vera bellezza non pu per la bellezza, Francis Smets,
com ad apprezzare la decadenza, a essere attinta, non per questo occorre Deystere uitgeverij 2014
ricercare la disarmonia e ad estromettere combatterla o ridurla a vana apparenza. - Gnosi Cinese, Jan van Rijckenborgh
il bello nellarte. Il fatto che non sia possibile dire della e Catharose de Petri, cap. 2 Wu-Wei.
- Il sublime, la ne della bellezza e un
bellezza che esiste, non significa che non
nuovo inizio, Hans Hartog De Jager,
Bellezza e amore inspiegabili esista di fatto. Il posto che occupa si Atheneum Polak 2015
Il rifiuto del bello non era ancora in trova tra il qualcosa e il niente. Non - Le Nozze Alchemiche di CRC,
vigore nella precedente fase culturale, potr mai essere percepita direttamente; parte II, Jan van Rijckenborgh
quando Agnolo Firenzuola, poeta e scri- non possiamo incontrarla che sotto le - Lampi di sublime,
tore italiano, redigeva nel 1548 Della sue molteplici forme e apparenze. Non Manfred van Doorn
- Io non so che cosa, Francis Smets
bellezza delle donne, un dialogo sulla traspare che attraverso le cose e,
- L'elevazione delle nozze spirituali
bellezza femminile che si apre con decine pertanto, sempre sotto differenti forme. o incontro intimo con Cristo,
di pagine consacrate alla bellezza decli- Incontrarla pu essere prezioso come Jan van Ruysbroeck,
nata sotto tutti i suoi aspetti. primo passo e come pietra da Lannoo/ Tielt/Amsterdam, 1977.
Lautore constata in fin dei conti che ci costruzione in vista del sublime. - LAlchimia come Cammino
che costituisce il fascino della bellezza Una tale comprensione era ancora molto interiore, Dagmar Uecker 2007, DRP
Rosenkreuz Verlag
femminile nulla ha a che vedere con viva nel corso di un recente periodo della * La coincidenza degli opposti,
tutto ci che ne stato scritto con ammi- storia. Limpressionista francese Paul Cusano (Nicolas de Cues) la denisce
razione e stupore. Poich, egli sostiene, il Czanne sostiene che sia ormai la settima fase dellalchimia
vero fascino della bellezza di Venere non scomparsa quella forza che ci renderebbe la conjunctio
nulla di tutto ci, ma piuttosto un non capaci di elevarci fino alla bellezza ** Glossario conciso di Latino,
F. Muller e E.H.Renkema
so che. Ma non che un modo di (intendendo, con tale forza, Eros), ma
*** Christa Anbeek,
affrontare la questione. che il senso della nostra ricerca di ritro- Overlevingskunst (L'arte della soprav-
Montesquieu, pensatore francese illumi- varne lessenza, ci che vi di pi vivenza), cap. Bello e Sublime

34
interiore nella bellezza, e di ristabilirla. dellAmore nel grande campo di forza-
Larte, ogni arte, pu tentare la restitu- calore nominato pi sopra.
zione di tale essenza: attraverso forme Lavorare con questa energia fa fondere
semplici, o mezzi tecnici avanzati, attra- lalbero come viene detto nelle Nozze
verso operazioni di idealit astratte o di alchemiche. Quando la fusione nel nucleo
coinvolgimento sociale; ma ci che conta interiore sar compiuta quella della tra-
che il bello in quanto intermediario ha sformazione alchemica che opera come
bisogno di una riflessione interiore. sintesi Venere si risveglier e diverr
Venere deve essere interiorizzata perch madre di un re, come testimoniano le
possa aver luogo la sorpresa-stupore Nozze alchemiche. Lanthropos sublime, il
del sublime simile a uneterna illumina- prete-re, finalmente risvegliato. Allora
zione. Tale acquisizione interiore non esaudita la preghiera ispirata dalla
Iceberg bloccato da uno scoglio.
significa pertanto nulla di pi che lavo- bellezza, quella di vedere con gli occhi Disegnato dal capitano Back durante
rare con la forza infinita e impersonale dellamore! una spedizione sul ume MacKenzie
nel 1824-1826

35
Locchio e il testimone

Studio di Michelangelo

36
Unidea diffusa che la personalit svanisca completamente dopo la morte. Pertanto, chi muore
prima della morte, non muore al momento della morte e diviene testimone di un processo
miracoloso che conduce allarmonia. A lui o lei si rivela, come una stella remota, la sorgente
della sua esistenza e lui o lei divengono Uno con essa. Jacob Bhme spiega quindi che la sua
anima diventa un occhio che percepisce.

ltre alla nostra nascita in que- documenti di viaggio originali, quelli che il nostro microcosmo ricevette

O sto mondo, due momenti


sono importanti da un punto
di vista superiore, cosmico,
per colui che appartiene alla
Scuola Spirituale. Il primo il suo
ingresso, vale a dire il primo contatto con
la Scuola. il momento in cui il suo
quanto intraprese il suo Grande Viaggio.
Il secondo momento importante quello in cui si lasciano le contrade
terrestri. Non impossibile che, oltrepassando la frontiera, ci si ritrovi a
casa, nel paese di partenza. questo un caso particolarmente felice perch
noi possiamo allora, potentemente inspirati dagli impulsi dello Spirito,
proseguire il nostro lavoro, in qualit di nuove personalit trasfigurate.
Pu anche darsi che noi non abbiamo preso coscienza del confine nel
cuore toccato e si apre a questa scono- corso del nostro quarto dora di ricreazione sulla terra. In questo caso,
sciuta che la Gnosi. Si tratta di una una volta usciti, nulla cambiato per noi; tutte le circostanze continuano
legge della Luce, e le leggi della Luce non ad essere identiche e lo stesso anche i problemi, lo stesso per tutte le
variano. anche il momento in cui regole che noi seguivamo sulla terra. Se una situazione senza via di
luomo dice con sicurezza: S questo, uscita, noi pensiamo che sia proprio cos. Nei primi tempi, le persone
ecco ci che attendevo da cos tanto care di quaggi forse ci mancano. Ma possiamo star sicuri che le persone
tempo. Questo significa essere toccati. nascono, vivono e si reincarnano per gruppi. Dopo un tempo pi o meno
sottoscrivere la verit che viene espressa lungo, noi dunque ci ritroveremo.
in una poesia molto semplice ma molto Tuttavia in questo secondo caso, c comunque qualcosa di cambiato: non
significativa di Catharose de Petri, tratta va pi bene nulla. Dallaltra parte della frontiera noi non possiamo pi
dal suo piccolo libro Sette Voci parlano: agire. Certo, impariamo a vedere in tuttaltro modo secondo un processo
Ora che lIo perduto nelle sabbie del deserto, ora di effetto retrospettivo e di disgregazione, ma non c modo di cambiare
che non sono pi nulla, eccomi eletto. La Luce mi ci che . un tempo di riposo, contrassegnato da un che di eterno,
ha trovato in questi luoghi desolati e da simile alla quiete del Lete dantesco, il fiume dellOblio. Qundi tutto si dis-
questaridit mi chiama verso il Fiume Divino. solve lentamente. Vi ricordate di essere stati attivi, energici; ora siete
diventati il testimone di ci che sembra riguardarvi personalmente. Tutto
Quando si veramente fatto lesperienza scorre dinnanzi a voi e voi rivivete sia la benevolenza sia il disaccordo di
di questo momento eccezionale, si esi- cui stato oggetto il vostro prossimo. Giustizia fatta. E la Luce dice:
stenzialmente collegati al campo di vita Come ho insegnato a No, a te ora insegno. Queste leggi sono
cosmico. L una stella si messa a brillare invarianti. Pu essere utile a volte essere messi di fronte alla nostra realt.
e qui si come nati interiormente. Di
quel campo si ignora tutto, alla stessa Essere testimoni
maniera di un neonato che non percepi- Essere testimoni, ecco una bella espressione per dire che si partecipi.
sce ancora nulla in modo cosciente del Essere allievi anche una forma di testimonianza, nel senso che essere
mondo che lo circonda. Ebbene, nel partecipi nello specifico significa essere inclusi in ci che sta allorigine.
campo di vita planetario una Luce si Diciamo pure che lessenziale del cammino. Lallievo coinvolto, cir-
accesa. Unonda di aiuto piena damore condato dalla Luce, testimone dellazione della Luce in lui.
si liberata da quel campo che Infatti, la morte dellallievo avviene prima; egli muore mentre vive. Il pro-
corrisponde a quello dei nostri cesso che egli attraversa assomiglia alla dissoluzione degli abiti che

37
sopraggiunge normalmente dopo il
decesso. Questa dissoluzione si compie Se lanima potesse conoscere Dio
seguendo le linee maestre della vita pla-
netaria valevoli per tutti. Ma nel caso senza il mondo allora il mondo
dellallievo, c una tale differenza!
Egli non ha bisogno di considerare il non sarebbe stato creato per lei
modo in cui i suoi veicoli si dissolvono,
egli vede unaltra cosa; egli vede come i
processi elementari della vita mentale,
astrale ed eterica si armonizzano. impresso sulla fronte di coloro che nel tempo si manifestano. Il prescelto
La pacificazione del suo essere interiore non tale solo per un istante, ma lobiettivo da migliaia di anni e nasce
dovuta al fatto che tutto si spegne preco- nel tempo della grande annata per rendere manifeste le meraviglie che
cemente, vale a dire le tempeste infiam- Dio immagina. Da moltissimo tempo si preparano la fine e linizio di una
mate dei sentimenti, le forze vitali che nuova era per il genere umano e tale il momento in cui ci troviamo
attraversano come lampi il campo aurale attualmente.
riducendo in polvere la sua aspirazione Il cercatore serio che si interessa alle vicissitudini degli uomini e delle
di pace, la lotta tra i sensi di colpa, i donne di Dio incontrer molte testimonianze di questo genere. Ma
dubbi alternati alla presunta sicurezza, fermiamoci un attimo accanto a questo calzolaio della Slesia.
tutte le ben note lotte mentali, tutti i fuo- La risposta di Bhme suscit una controversia tale che tutti di l a poco si
chi e le fiamme... Tutto ci che consu- misero a discuterne. Si voleva mettere in risalto il fatto che Bhme stesse
mava le forze vitali ritrova un equilibrio. diffondendo un messaggio molto diverso da quello delle Sacre Scritture.
Lo stato di equilibrio quello che ri- Alcuni lo trattarono come un personaggio pericoloso ed eretico. Altri gli
chiede la minor energia. Lallievo parte- rimproverarono di non rifiutare n fuggire questo mondo come avevano
cipe non perde quindi la sorgente fatto alcuni santi della storia della Chiesa, ma al contrario di ricercarlo, e gli
dellenergia concessa alla sua esistenza. obiettarono: Noi sappiamo che se lanima vuole conoscere Dio, deve fug-
Questa sorgente sorta come un sole. gire dal mondo. Bhme, combattivo, replicava loro: Se lanima potesse
Egli fa lesperienza dellavvicinarsi dei conoscere Dio senza avere bisogno del mondo, il mondo non sarebbe stato
fuochi della grazia sotto forma di una creato per lei. Non c motivo di fuggire dal mondo, occorre preservarlo.
nuova lucidit e di una crescente certezza Una giovane voce comprensiva esclam: Come potrebbe allora un essere
interiore. Egli si sente potente, equili- umano irradiare tutte le sue meravigliose propriet senza incontrare la
brato, pronto a mettersi allopera. Si stu- resistenza del mondo? Lonore, lamore, il coraggio hanno lucentezza per-
pisce e si domanda cosa ha potuto fare di ch il mondo vi oppone la sua oscurit.
lui un eletto, cosa gli ha permesso di vi- A questa discussione prendeva parte Balthazar Walter, famoso per essere
vere questa meravigliosa leggerezza inte- uno scettico, un uomo infelice e inquieto che percorreva il mondo in
riore, questa semplicit, questa quiete. cerca della verit. La sua parola metteva soggezione. Ed ecco che egli
incontrava qualcuno che testimoniava la verit con forza e sicurezza, una
Fuggire il mondo persona che lasciava discendere e sondare la sua lancia cos
Un giorno dei maestri posero divertiti profondamente da incontrare il principio originale medesimo della crea-
questa domanda a Jacob Bhme: Sei ben zione. Walter dichiar: In nessun luogo e con nessun sapiente, mi sono
certo, ciabattino, che Dio ci ha prescelti? mai sentito cos rallegrato come in questo momento. Fino ad oggi igno-
Bhme rispose: I prescelti non hanno ravo che il sapere interiore potesse rendere cos felici.
labitudine di vantarsene, soprattutto Bhme, il quale vedeva interiormente lanima agitata di questuomo
un modo di rivelarsi nella temporalit errante, e provava per costui una grande simpatia, cos gli rispose: La
delle cose che colmo dei dolori del gioia ci che c di pi divino per luomo. Infatti, non appena luomo
parto e di pericoli. C il sigillo di Dio nuovo risvegliato, la sua forma parimenti riempita di gioia. Cos come

38
luomo esteriore vede il mondo esteriore, proviene lanima? Dove respira? Come giunge nel corpo? Quali sono i
luomo rinato vede allo stesso tempo il corpi gloriosi che essa conoscer? Bhme dovette sospirare alquanto, ma
mondo divino in cui lui abita. Lo spirito rispose a ciascuna di queste domande, poich colui che chiede ha diritto
divino, nel suo giubilo, non vede lora di a una risposta ed questo che rende la rivelazione possibile. Non che
condurre lanima nella scuola divina di noi ne sapessimo pi di un altro, ma ci concesso di rispondervi disse
saggezza dove essa potr imparare pi Bhme al fine di ricevere pi chiarezza nei nostri pensieri, nella since-
che in tutte le scuole del mondo. rit della nostra ricerca e nellaspirazione del nostro cuore.
Questa scuola non si limita solo alla La quinta domanda di B. Walter era: A cosa assomiglia lanima e come si
Scuola Spirituale, ma coincide con essa e forma? E la risposta di J. Bhme: Allimmagine di un ramo che cresce
abbraccia tutte le vere scuole. Esse hanno da un albero e prende la forma dellalbero; sul modello di un bambino
un focolaio comune che lessere che limmagine di sua madre, lanima ha, nel suo principio primo, la
nucleare del Cristo. forma di una bolla o di una sfera; esattamente come loriginale, essa ha la
Le nostre anime sono istruite e noi ne forma di un occhio. Non pu essere altrimenti poich non c nulla che
siamo i testimoni. le possa donare unaltra forma. Nondimeno essa duplice come un cuore
La saggezza unita a noi e noi ne siamo i nel quale vi la croce.
testimoni. Inoltre, nel suo secondo principio, lanima uno spirito, essa unimma-
Le nostre anime crescono, diventano gine perfetta come lo luomo esteriore. In aggiunta a ci, lanima, nel
mature, e noi ne siamo i testimoni sor- suo terzo principio, uno specchio del mondo intero, di tutto ci che c
presi e meravigliati. in cielo e sulla terra; ogni propriet di ogni creatura vi contenuta; giac-
Cosa fa di pi Cristiano Rosacroce oltre a ch questo specchio come il firmamento e le stelle.
essere testimone durante i sette giorni Essa simile a una corona dove la cifra del corso della vita delluomo
del suo viaggio? Meravigliato osserva il esteriore inscritta, cos come il termine della sua esistenza, comprese
processo delle Nozze Alchemiche e ne tutte le gioie e le disgrazie che gli si possono presentare.
gioisce enormemente. E quando, arrivato In questo modo noi vediamo lanima come un occhio che osserva, uno
alla fine, pensa di dover assumere lindo- spirito che dirige e uno specchio di tutte le forze del mondo. in questa
mani il ruolo del guardiano della soglia, triplice via che luomo si situa. Ciascuno dei tre princpi un mistero,
egli rientrato in Lui. dice Bhme, o un arcano, un segreto per gli altri due, e ciascun mistero
desidera gli altri due; esattamente questo lo scopo della creazione. E
Quaranta domande rivolte allanima lUno Assoluto, il creatore infinito, la sostanza celeste, desidera questo
Lo stesso Balthazar Walter, nel 1620, pose specchio perch questo mondo visto nella sua triplicit di una
quaranta domande a Jacob Bhme. Tutte somiglianza assoluta con lessere di Dio e la sua sostanza. Non potenzial-
riguardavano lanima. Tutte erano formu- mente ma in realt, la divinit manifesta in una parvenza terrestre, ci
late dalla ragione umana. Da dove dice Bhme. Poich impossibile che il gran miracolo dellarcano, o il

39
mistero nascosto, possa essere accessibile Infatti, luomo creato, generato al fine di rivelare questo grande
nel mondo degli angeli, essendo questo mistero triplice e portare il prodigio alla luce, donargli forma, secondo la
completamente interiore e nato saggezza eterna. cos che Bhme lha espresso. Queste mirabili parole
dallAmore. Ci che interiore e respira non sono fortemente simili a quella della Rosacroce classica, dellOrdine?
in questo Amore conosce solamente la come se, da uno sguardo e un sapere differenti, ci fosse concesso di
beatitudine, ma non la forza del deside- avere un colpo docchio del tempio funerario mentre i fratelli della Rosa-
rio, non pu dunque che irradiare croce scoprivano il corpo intatto di Cristiano Rosacroce in qualit di
lAmore divino e assistere cos i regni matrice dellUomo Nuovo.
inferiori. Mentre in questo mondo terre- Forti della scoperta di questo tesoro, restiamo essenzialmente pragmatici.
stre, dove sono mescolati lamore e la Nel mezzo di un mondo lacerato, noi vediamo ben poco di questa glo-
collera, il miracolo possibile! Qui un riosa e armoniosa immagine. Lo stesso era per Bhme che visse durante la
uomo pu nascere due volte! devastante guerra dei Trentanni. Del resto lui stesso, la sua opera e la sua
Bhme prosegue: Nella doppia nascita persona furono bersaglio di ripetuti attacchi lungo tutto il corso della sua
possibile, l il miracolo si pu produrre. vita. Nonostante ci, egli non smise di ricondurre le persone alle realt
Poich tutto lesteriore aspira intensa- spirituali e di testimoniare delle verit profonde in merito allesistenza e
mente allinteriore, ricerca la sua imma- al Reame, il grande e il piccolo mondo.
gine originale e desidera la libert, Quanto a noi, eleviamoci al di sopra della mischia e di tutte le sue disar-
desidera essere libero dalla sua limita- monie nel rispetto dei tre princpi seguenti:
zione che lignoranza degli altri due. 1. sufficiente osservare, vale a dire essere testimoni.
Come se Jacob Bhme comprendesse che 2. C uno spirito guida, un principio mille volte pi sicuro e ben pi pervaso
ci troppo complesso per noi, egli damore del nostro spirito personale, il quale in esso totalmente incluso.
arriva in fin dei conti a spiegarlo cos: 3. Lo specchio pu riflettere lo splendore della creazione nella misura in
Voi comprendete pur sempre che nella cui lalchimista che noi siamo, in quanto allievi dello Spirito, lascia fon-
natura tutte le forme aspirano alla Luce dere armoniosamente tutte le forze.
poich da questo desiderio proviene Dopo la nostra rinascita interiore, la Scuola Spirituale vuole in primo
lolio (egli vuole dire: la sostanza) nel luogo aiutarci per mezzo del suo corpo vivente. Essa ci attira magnetica-
seno del quale la Luce pu essere cono- mente nel suo mistero. In seguito e come contropartita, essa conta
sciuta, poich essa procede interamente su di noi nella misura in cui noi facciamo discendere la
originariamente dalla misericordia. sonda della nostra ricerca fino al nostro abisso originale. In questo Ungrund
Dobbiamo innanzitutto conoscere la (senza fondo), noi non sperimentiamo pi il positivo e il negativo, n i
nostra vita, la quale si situa in mezzo al fuochi della grazia e quelli dellopposizione come un vincolo
fuoco poich la vita brucia nel fuoco. angosciante, ma come le forze costitutive della creazione. Colui che
E poi bisogna rafforzarsi nel desiderio guarda in questo specchio vede il Divino, le sorgenti delle forze eterne
dellAmore e verso lAmore, che origina- che bruciano anche in lui stesso.
riamente emana dalla Parola e si dispiega Cos, infine, noi accediamo allidea nuova che questa particolare vita ter-
nel pi alto dei cieli, nella sfera degli restre creata per essere interamente immersa nel prodigio del reame, sia
angeli, delle anime pure in cui il cuore di interiormente sia esteriormente, in alto come in basso; noi ora lo
Dio dirige verso di noi il suo grande sappiamo, questo reame trino, cos come lo sono la nostra anima e il
desiderio per trarci nel suo mistero. nostro microcosmo.
Trarre, cos che lo esprime Bhme. un occhio che osserva. uno spirito che dirige e governa. Ed uno
Infine, noi dobbiamo studiare, sondare il specchio di tutte le forze del mondo.
reame magico di questo mondo che Ricreate il mondo, il nostro, per mezzo della magia triplice del reame.
brucia anche in noi e ci immerge con Rendete compiuta la vostra vita. Non tra poco n altrove, ma nelleternit
forza nei suoi splendori, perch questo delloggi.
reame vuole manifestarsi! Pensate che in lontananza una stella brilla serenamente e veglia su di noi.

40
Immagini dal mondo

Coloro che pensano che la saggezza non sia altro che ci trasformazione della terra e del cielo da parte dellindu-
che possiamo comprendere, che la felicit non sia altro che stria e della societ possono essere intenzionali oppure
ci che pu essere realizzato, sono ancora lontani dalla semplicemente la conseguenza involontaria dellimpatto
vera ed eterna saggezza. La saggezza pi alta consiste nel umano su un ambiente fragile. Il mio lavoro una risposta
sapere questo: ci che inaccessibile per lintelletto pu e uninterpretazione del mondo, ma anche una sensa-
essere comunque conseguito in un modo che al di l di zione ansiosa che proviene dalla condizione odierna del
ogni comprensione intellettuale. Niccol Cusano paesaggio e della natura nel nostro mondo. Cerco di
Nel prossimo numero del Pentagramma apparir creare una risposta fittizia a un fenomeno osservato, una
un articolo completo su Niccol Cusano metafora impregnata di un misto di eccitazione, di
apprensione e di dubbi circa il nostro posto nel mondo
Immagini dal mondo I miei paesaggi provengono da naturale. In questo modo, questo lavoro pu fare riferi-
siti attraenti visivamente ma anche colmi di implicazioni di mento al passato ed essere simultaneamente una
uso, di sviluppo e di propriet, afferma Philip Govedare. proiezione nel futuro. I miei dipinti sono una risposta al
Le caratteristiche del paesaggio come la luce, il colore, la paesaggio in cui viviamo, con tutta la sua complessit e i
consistenza e latmosfera danno significato al luogo. La suoi significati disposti a strati sovrapposti.
Philip vive e lavora a Seattle, Stati Uniti;
www.philipgovedare.com

41
La Pietra dei Saggi
Gli alchimisti iniziarono a illustrare i loro trattati alla fine del Medioevo, TRATTATO DEL
e in modo pi sistematico nel Rinascimento. Allinizio in modo un po NOBILE FILOSOFO
timido e dilettantesco, poi con sempre maggior talento immaginativo e TEDESCO ABRAHAM
LAMBSPRINCK
artistico. In particolare, nel XVI e XVII secolo, troviamo sugli scaffali UNOPERA DEL
delle librerie alchemiche autentiche perle. Una prosperit tardiva, DICIASSETTESIMO
disperata, perch appena un secolo dopo l'alchimia si va disfacendo SECOLO
drammaticamente, e il secolo successivo dichiarata morta dalla SULLALCHIMIA
nuova fisica e quasi dimenticata. INTERIORE

U
Una di queste perle il Trattato di cui parleremo qui. Esso comprende, oltre al fronte-
spizio e allo stemma dellautore, 15 incisioni splendidamente eseguite, ognuna delle
quali rappresenta un tema del lavoro alchemico. Inoltre, ogni stampa accompagnata
da un testo esplicativo, molto leggibile e quindi alquanto accessibile per un primo
approccio allalchimia.

L'identit dell'autore, che si denisce Lambsprinck, non nota. Non sappiamo esattamente
quando visse e quando scrisse il trattato su La Pietra dei Saggi. Sappiamo che il trattato di Lam-
bsprincks fu scritto in tedesco, e che prima di essere stampato esisteva gi come manoscritto
illustrato. Lucas Jenning pubblic i testi con le illustrazioni nel 1625 in un compendio titolato
Museo Hermeticum. Nello stesso anno Jennings fece anche stampare una versione in tedesco.
Leditore successivo del Museo Hermeticum, Hermann Sande, pubblic il trattato di Lambsprinck
nel 1677. Ed proprio questa edizione latina del Museo Hermeticum del 1677 che abbiamo uti-
lizzato per la nostra traduzione. Siamo quasi certi che lautore delle bellissime incisioni stato
Mathieu Merian, che avrebbe anche realizzato le 50 incisioni di Atalanta Fugiens e le illustrazioni
delle opere di Robert Fludd. Ma questo non del tutto certo. Siccome possedeva un blasone, si
ipotizzato che Lambsprinck fosse un orafo oppure un nobile. Ma, a mio parere, si tratterebbe
piuttosto di un'interpretazione simbolica del suo nome, come "lAgnello di Dio" dei fratelli Van
Eyck, stemma su cui si vede l'immagine dell'agnello e la fonte della vita di fronte a lui.

43
I quattro elementi
Di solito noi immaginiamo i quattro elementi tradizionali come una sorta di stati di
aggregazione; una disposizione del genere presentata anche nella Turba Philosophorum,
il pi antico testo alchemico conosciuto: la terra solida, lacqua liquida, laria gas-
sosa e il fuoco eterico. Ma c anche una disposizione che risale ai primi miti della
creazione, e rappresenta la maggior parte del caos iniziale come un mare infinito, una
massa di acqua o oceano. In questo caos la creazione crea lordine. La terra e laria
separano le acque sotto a esse, e sopra il firmamento. Il sole e le stelle del firmamento
sono il fuoco. in questo modo che Lambsprinck utilizza i quattro elementi nella
classificazione delle sue illustrazioni e dei suoi testi.
Lautore di questo articolo ha copiato le illustrazioni e fatto delle schede separate per
cercare di ordinarle con saggezza. venuto fuori il seguente schema, che ricorda lo
scettro dello ierofante contenuto nei Tarocchi: una croce con tre barre trasversali. In
basso, lacqua rappresentata come un mare con due pesci. Poi c un uomo che
combatte con un drago. il passaggio dallacqua alla terra. La terra raccontata dalla
barra pi in basso. Vediamo tre immagini che rappresentano ciascuna una foresta con
due animali che vivono sulla terra: un cervo e un unicorno, due leoni, un cane e un
lupo. Segue poi un drago che si morde la coda. Il drago rappresenta il passaggio dalla
terra allaria. Lelemento aria lo vediamo in due immagini con gli uccelli. Nella prima,
si vede un albero con un nido, nella seconda due uccelli che combattono. Poi, come
figura centrale dello schema, c il re sul suo trono. Egli costituisce il coronamento del
piccolo lavoro e la formazione della pietra bianca. La salamandra che viene cucinata
la porta verso lelemento fuoco. Nelle rappresentazioni successive non compaiono pi
animali, ma solo figure umane. Queste portano al coronamento del grande lavoro e
alla formazione della tintura e della pietra rossa, la Pietra dei Saggi.

Mercurio
Di tutti i metalli noti nellantichit, il mercurio (definito anche argento vivo)
lunico che pu passare allo stato liquido a una temperatura ambiente pi bassa del
normale. instabile, forma delle palline quando versato su una superficie liscia ed
evapora rapidamente. Nellalchimia, il mercurio il materiale di base di tutti i metalli,
dovuto al fatto caratterizzante che i metalli sono solubili ad alte temperature, e pren-
dono la forma che il mercurio assume gi a temperatura normale.
In alchimia, lessenza del mercurio il cambiamento rapido tra lo sciogliere e il coa-
gulare, tra il volatile e il solido. Molte metafore sono collegate ad esso. Il volatile si
eleva, si diffonde; centrifugo e si apre. Il solido sottoposto alla gravit; si contrae, si
comprime, centripeto e autocentrante. Queste propriet rendono il mercurio molto
appropriato per una metafora della vita psichica. Esso si concentra su due movimenti
della nostra attenzione. Da un lato lascesa totale, perdersi in una percezione o in un
sentimento, dallaltro il potere di concentrarsi e di conservare questa impressione.
Quando siamo in grado di riunire questi due movimenti dellattenzione, apparente-
mente opposti, nasce una sintesi tra istinto e intuizione, tra sentimento e pensiero.
Elevarsi totalmente in una percezione e serbare il sottile concentrato di
unimpressione, pu rivelare in noi, miracolosamente, uno spazio, uno spazio inte-
riore in cui possiamo sostare spiritualmente. Questo spazio pieno di significato, ma

44
I
L
15
G pietra rossa
R
A
N 14
D tintura
E

L 11-12-13
A quinta essentia
V
O
R 10
O fuoco

7-8-9
aria
I
L
6
P pietra bianca
I
C
C
3-4-5
O
L terra
O

L 2
A putrefazione
V
O 1
R acqua
O
senza parole; in qualche modo paragonabile a un sogno molto lucido. pi di una barlume di consapevolezza
visione, lispirazione. E possiamo attingere in essa finch siamo in grado di mante- piena.
nerla. un processo sottile che esige di non essere distratti da immagini o associazioni Questa spiaggia, questa riva
di pensieri, altrimenti la fonte si chiude e lispirazione scompare. unarte imparare eterna con questo grano di
come aprire questa fonte, come mantenerla e scoprire i domini a essa collegati. coscienza di sabbia da qual-
Il principio di afferrare lispirazione da fonti diverse e di connettersi a una certa idea, che parte sepolta nel ventre
il principio della formazione della Pietra dei Saggi. Mercurio (il pianeta) ambi- come una scintilla di vita,
valente, ha una doppia natura che si esprime nei concetti di zolfo e mercurio, Sole una vitalit profonda e indi-
e Luna, uomo e donna, fuoco e acqua, anima e spirito. Il mercurio (il metallo struttibile. il culmine del
argento vivo) ambivalente perch esiste grazie a una certa sensibilit di percezione, metabolismo, in cui la mate-
e a un nucleo solido di comprensione, lo zolfo in cui e attorno al quale il soggetto ria trasformata in vita, in
percepito, lispirazione, riorientata, trattenuta e condotta a una certa forma: il sale. corpo. Come esperienza
Senza un tale solido nucleo centrale di comprensione in cui focalizzata lattenzione, una forma dintensit, di
la lucidit intuitiva evapora e non sar pi di alcuna utilit. Cos il Mercurio, lo Zolfo e sensibilit, di vitalit e anche
il Sale formano gli elementi di base del mercurio. Vedremo questa teoria spesso appli- dinquietudine.
cata nel trattato di Lambsprinck. Il simbolo del mercurio (metallo) il segno del Per la coscienza la perples-
pianeta Mercurio. composto anche di tre simboli posti uno sullaltro: una luna sit. il punto pi profondo
distesa sopra un sole con un punto nel mezzo, e il sole stesso sopra una croce. della nostra incarnazione in
La luna, una tazza aperta rivolta verso lalto, esprime il principio ricettivo. In alchi- un corpo.
mia il mercurio. Il pi delle volte liquido, oppure volatile. Il sole, un cerchio con
un punto nel mezzo, il principio della concentrazione, dellorientamento sul
punto. In alchimia, lo zolfo. Esso associato al calore e al fuoco, al solido e alla per-
severanza. La croce il sale. ci che si forma e cristallizza sotto lazione e la
collaborazione del mercurio e dello zolfo. Il mercurio, lo zolfo e il sale formano
insieme una tri-unit che chiamiamo mercurio (metallo). Con la Prima Materia
alla base della Pietra dei Saggi.
Qui vediamo la Monas Hieroglyphica illustrata da John Dee. Per lui, questo simbolo
stato la sintesi del lavoro alchemico e anche di pi. anche il simbolo del pianeta
Mercurio, con sotto il simbolo dellAriete, un segno di fuoco. La luna, il sole e la
croce formano il vaso ermetico in cui si realizzer il lavoro di trasmutazione, con sotto
il fuoco.

Prima Materia
difficile spiegare ci che la Prima Materia. Essa descritta come qualcosa di poco Lambsprinck gli d il nome
valore, qualcosa di semplice che si trova anche nella polvere della strada. Eppure la di un mare con due pesci. I
cosa pi preziosa che ci sia. Allinizio c un caos. Dobbiamo discendere nelle viscere pesci sono i due nuclei di
della terra per trovarla. qualcosa su cui lo sguardo sorvola, nascosta profondamente coscienza nelloceano dellin-
nel caos del nostro cuore e il poeta lo esprime cos: Sono un granello di sabbia su conscio, spirito e anima in
una spiaggia infinita. uno stadio elementare.
La coscienza si trova alla frontiera della sensibilit e dellessere. L dove la vita si tra- Nel momento in cui
sforma in Materia. L dove la coscienza e lessere, dunque lo spirituale o il lato nasciamo tutto : il mondo,
interiore della vita, va verso la materia, verso lesteriore. Si tratta di un nucleo istintivo il cosmo. Lo percepiamo
profondo che pu essere descritto come la prima impressione che il mondo provoca nella sua interezza e senza
in noi, quando vediamo il giorno. Questo nucleo istintivo profondo come un mare alcuna restrizione.
in cui la nostra coscienza ordinaria sta annegando dopo aver afferrato lultimo Tutte le influenze, vicine o

46
Il mare il corpo; ci sono due 1
pesci: lo Spirito e l'Anima
I saggi dicono che allinizio
ci sono due pesci nel nostro mare,
completamente privi di carne e ossa.
Si devono cuocere nella loro acqua.
Da essi un mare smisurato sar creato,
che nessun essere umano sar in grado di
descrivere.

I filosofi dicono questo:


i due pesci sono uno, vero,
essi sono due, tuttavia una cosa sola,
Corpo, Spirito e Anima.
Ora io ve lo dico con certezza:
cucinate questi tre insieme,
affinch il mare sia molto grande.
Pi tardi vi sar evidente,
quando sarete cresciuti abbastanza.

Cuocete accuratamente lo zolfo con lo zolfo,


e su questo fate un piccolo discorso.
Tacete e conservate queste cose
per il vostro benessere,
cos sarete liberati di ogni povert.
Meditate le vostre parole,
affinch il vostro lavoro non sia visibile a chiunque.

lontane, raggiungono simultaneamente la Con queste limitazioni siamo in grado di da un drago di stress latente
nostra coscienza assolutamente aperta. contenere e di ordinare delle impressioni, che si annida nei nostri corpi
Ma non possiamo contenerle perch non soprattutto di ci che ci circonda. Ma la e nelle nostre viscere. Quello
abbiamo ancora nulla per contenerle. Pu prima impressione complessiva e inte- che era una fonte dispira-
reagire soltanto il sistema nervoso simpa- grale perduta. Quindi, con leducazione zione e di creativit
tico gi completamente sviluppato, che da un lato, ma anche a poco a poco con la diventato intimidazione che
regola le funzioni di base del nostro frustrazione. La vita ci inganna. La nostra ostacola la nostra iniziativa e
corpo. Questo cambier rapidamente con fiducia tradita, il nostro amore ferito, il ci consegna come uno schiavo
lazione del cibo e delleducazione. nostro equilibrio naturale annullato. alle influenze esteriori.
Saranno cos create e distribuite delle Il nostro potere di cogliere le prime Ci sono come delle cicatrici
brocche e delle giare per contenere tutto impressioni incapsulato. Queste incise nei nostri centri di
ci che percepiamo. impressioni sono divorate da un rospo o sensibilit, dei sigilli che non

47
si possono praticamente rompere. C impediscono di vedere direttamente la fondamentale scendere in
anche una fonte di creativit che funziona luce della sorgente, siamo sempre nella profondit, perch altri-
sempre: negli organi sessuali la creativit loro ombra. menti potremmo liberarci di
continua a manifestarsi, la nostra ripro- La nostra Fonte di vita racchiusa alcuni sigilli ma rimanere
duzione fisica assicurata. dietro questi sigilli e lacqua della vita imprigionati da altri che
Questa prima volta, questa prima impres- condotta da alcuni canali di restrizioni continuano a sfruttarci.
sione di esserci, di essere, nella sua e gestita da poteri che schiavizzano la La prima impressione della
totalit, una monade che si specchia nostra vitalit e la utilizzano per il pro- nascita una metafora che
nelluniverso. Si tratta di unesperienza prio profitto. Per liberare di nuovo la tutti possono in qualche
del pi profondo livello. Questo il fonte dobbiamo rompere questi Sigilli. modo comprendere. Infatti,
motivo per cui la trasformazione spiri- Si tratta di unimpresa quasi impossibile. le condizioni di quel
tuale deve iniziare con questa esperienza Delle circostanze molto speciali sono momento sono ancora pre-
vitale primaria. radicata in noi come necessarie affinch ci possa accadere. senti qui e ora. possibile
una prima esperienza, sigillata e chiusa Dobbiamo penetrare il carattere di ogni essere illuminati qui e ora.
dalleducazione, dai condizionamenti e sigillo e lintimidazione che esso eser- Ora qui. Proprio adesso!
dalle esperienze traumatiche. cita, e distruggere la possibilit di In questo luogo! Sulla terra e
I sigilli del mondo intorno a noi sono esserne colpiti. nella mia vita. Leternit
delle immagini pensiero nei pianeti, e Solo allora si libera lenergia che noi lora del cosmo. Questi
quindi nei diversi metalli. Dei sigilli sono chiamiamo prima materia, che pu essere due coincidono, sono uno e
apposti, poich siamo colpiti da certi nobilitata sino allo stato di piena com- lo stesso. Tra ora e eter-
poteri e da certe forze e perdiamo quindi prensione. Liberarsi cos sempre sov- nit ci sono io con i miei
la nostra iniziativa: non siamo pi in versivo perch contrasta la legge del ostacoli che posso trasfor-
grado di dare forma alle nostre mondo in generale, e il corso ordinario mare per farli diventare delle
sensazioni. Questi sono gli ostacoli che ci delle cose che ci tiene prigionieri. opportunit, dei poteri, delle
qualit di percezione, di
apertura e dintelligenza.
Questo dovrebbe essere lobiettivo di una scuola dei misteri, creare le circostanze nelle quali le
Qui si accorda la formazione
persone possano riunirsi e rimuovere le intimidazioni imposte loro dal mondo, in modo che pos-
sano essere se stesse e non la loro professione, la loro funzione, le loro mancanze, oppure la loro
e lo sviluppo dei vari corpi
classe sociale o qualsiasi altra cosa. Allora i 12 tipi di personalit dello zodiaco astrologico potreb-
sottili. A questo livello
bero esprimersi liberamente ed essere connessi come esseri umani. necessario un certo tipo di
Sarebbe un inizio della vera frammassoneria. Chi viene nella scuola deve deporre la sua persona- lavoro interiore. Inizia qui il
lit mondana. Egli non pu imporla agli altri e neppure lui stesso non pi condizionato da essa. lavoro alchemico. Nella
Qualcosa deve essere in grado di svilupparsi nella libert che esiste nel gruppo, ma che anche lo misura in cui il lavoro pro-
trascende. Senza il desiderio di vincere, lintelligenza e la competenza di ciascuno viene alla luce, cede, sorgono nuove
come scontato che sia. Questa la base delle possibilit di un gruppo. possibilit di sensazione, di
Quando i dodici segni astrologici si incontrano e non sono pi ostacolati dalle intimidazioni delle percezione e di comprensione.
differenti sfere planetarie, un irraggiamento pu avvenire attraverso il loro cerchio. Unatmosfera Un linguaggio si crea per
pi pura nasce, e questa nuova radiazione diventa tangibile. Ci allo stesso tempo nuovo e registrare e interpretare tutto
familiare. Perch esiste da sempre. Tuttavia, continuamente mescolato con le impurit della vita questo.
ordinaria, che contaminano lenergia sottile con la fantasia e la dissipazione.
Nella sua forma pi pura questa energia mostra le essenze dei segni zodiacali, e con quelle il
carattere e il signicato del cerchio. I partecipanti possono interpretare ci che hanno ricevuto in
base alla loro essenza. Sono specchi gli uni per gli altri e si completano a vicenda. Insieme for-
mano una immagine perfetta dei mondi superiori. Cos, quando il cerchio sufcientemente
stabile, inizia unaltra attivit. Un altro piano si svela, unaltra direzione, una evoluzione possibile.

48
Putrefazione 2

Il saggio dice ora che c una bestia selvaggia


nella foresta,
completamente avvolta di un colore nero.
Se qualcuno le taglia la testa,
allora essa lascia cadere tutto il nero,
e accetta il colore bianco pi eclatante.
Voi volete la vera comprensione di questo.
Il nero chiamato la testa del corvo.
E quando scompare,
il colore bianco immediatamente appare.
Con diritto si chiama cos una cosa senza testa.
Quando la nuvola nera scompare, credetemi,
I filosofi accoglieranno questo dono nella loro
anima.
Essi la nascondono con la massima cura,
affinch nessun sciocco lo sappia.
Tuttavia, ai loro figli essi ne hanno,
per grandezza danimo,
rivelato qualcosa negli scritti,
cosa che per loro certamente un dono di Dio.
In tal modo essi ottengono questo dono,
e nessuno pu capire la cosa,
se Dio vuole che essa sia a lui nascosta.

Quando la prima materia spogliata e La fase nera entrata in vigore. Il rospo


colpita, appare il drago che la sorveglia. che divora le nostre prime impressioni,
la fase di putrefactio o putrefazione. prima ancora che ne siamo consapevoli,
Dobbiamo tagliare la testa del drago sputa ora i quattro elementi con i quali
mentre dorme, ma deve essere ancora lalchimista pu lavorare. Una miriade di
sufficientemente sveglio perch la pietra impressioni, di immagini, di ricordi, di
nobile soltanto se contiene ancora un rapporti, di approfondimenti, si agitano
po dellanima del drago, ed lodio del nella coscienza. Il mercurio ancora
mostro che si accorge di morire. molto caotico e instabile e deve essere
Una quantit colossale e incredibile di controllato e ordinato.
stress e di tensione appare e sommerge la
coscienza delladepto.

49
Nel corpo la foresta si trovano 3
l'Anima (il cervo) e lo Spirito (l'unicorno)
I saggi dicono espressamente che due animali si
nascondono in questa foresta; uno degno di un
inno di lode, bello e flessibile, un cervo grande e
forte... Poi il saggio mostra un unicorno.
Entrambi sono ben nascosti nella foresta.

Ma beato sar luomo che li catturer in una


rete e se ne occuper. I maestri ci hanno fatto
conoscere in parole chiare che qui e ovunque
questi due animali vagano nelle foreste (com-
prendi, tuttavia, che la foresta una cosa sola).
Quando facciamo ricerche approfondite su questo
argomento, la foresta prende il nome di corpo.

Si dovr anche scoprire con certezza e verit che


lunicorno lo spirito.
Il cervo non aspira ad alcun altro nome che
quello di anima, e non gli sar tolto da nes-
suno. Ora necessario che chi vuole essere
chiamato maestro, li conduca nel bosco e li
faccia accoppiare affinch rimangano uniti.
Dobbiamo concedergli giustamente che ha con-
quistato il Vello dOro e che trionfa in tutte le
cose. Inoltre, egli comanda persino il grande
Augusto.

Ora non siamo pi nel mare, lelemento Un nucleo solido di attenzione, di con- Quando lunicorno consa-
acqua. Il corpo ora una foresta sulla centrazione tenace, necessario; attorno pevole della purezza della
terra, lelemento terra. Il cervo, consa- al quale la comprensione e lintelligenza vergine, pone il suo corno in
crato alla dea Diana la luna lanima, si organizzano e possono concentrarsi. grembo e si addormenta.
il mercurio volatile, limmersione nella Questo principio simboleggiato Cos i cacciatori lo catturano.
presa di coscienza, i ricordi, ecc. Le corna dallunicorno. Il suo corno la concen- Lunicorno centripeto, lo
del cervo rivolte verso lalto simboleg- trazione orientata sul punto focale zolfo, il principio solido. Il
giano lapertura e lorientamento verso intorno a cui il caos ordinato e placato. cervo e lunicorno formano
lesteriore dellattenzione e del divenire Il cervo braccato dai cacciatori e fugge: insieme il mercurio (metallo)
cosciente. Se non v nulla di solido, tutte il principio volatile, il mercurio. nella sua prima fase, ancora
le prese di coscienza scompaiono come La cattura dellunicorno si compie sedu- volatile, della vista, della
unebbrezza invasiva subito dimenticata. cendolo con una vergine immacolata. visione.

50
Fare di due leoni uno solo, 4
il prodigio pi grande che ci sia
Fedelmente i saggi insegnano
che due leoni possenti vagano.
Uno maschile, laltra femminile,
in una valle orribile e buia.

Essi si nascondono,
e a chi spetta larte di catturarli
con il loro aspetto atroce e feroce,
rapidi come sono, indomabili e sanguinari.

Chi, con saggezza e astuzia,

li attirer in una trappola,


li guider e sottometter.
E che li porter nella foresta,
vincer a pien diritto,

La corona e la gloria ottenute, molto tempo fa,


prima degli altri,
e anche la gloria che egli ha estorto ai sapienti
di quei tempi.

Leffetto di essere liberato della prima Tutta la vita dei sentimenti, con le sue Lanima ora in grado di
materia prosegue ulteriormente nella vita emozioni, dissolta e come morta. giudicare obiettivamente le
emotiva. Vediamo due leoni in una fore- Ci che reale ed parte di noi si rige- idee e le rivelazioni prove-
sta. Il leone maschio il Leone Rosso, lo nerer e germoglier di nuovo. La vecchia nienti dalla fase del Cervo e
zolfo; la leonessa il Leone Verde, il mer- vita sentimentale, che era un vaso pieno dellUnicorno. Lanima ora
curio. Il leone il simbolo della di emozioni contrastanti, ormai dive- anche una coscienza.
vigilanza, il guardiano della porta, ma nuta unanima, uno spazio silenzioso
come re degli animali anche lonest dove si pu veramente sentire.
che tutto vede. A questo livello, la vita dei Le emozioni ci bloccano; un sentimento
sentimenti spogliata di tutte le false reale nasce ed una fonte di percezione
emozioni che essa ha ereditato dalle di qualit, di conoscenza e di delicate
influenze del mondo circostante. sfumature.

51
Mortificazione, salificazione imbibizione 5
del corpo unito allAnima e allo Spirito
Alessandro scrisse dalla Persia
Che un lupo e un cane sono formati di questa
argilla.
Tuttavia, i saggi ci spiegano
che luno e laltro hanno una sola origine.

Il lupo viene certamente da Oriente,


e il cane ha la sua origine in Occidente.
Essi sono pieni di odio,
rabbiosi, furiosi e del tutto fuori di s.

Uno priva laltro della sua vita,


ed emana da essi un gran veleno.

Ma se ritornano in vita,
si impegnano allora nella verit.

Il rimedio supremo il migliore antidoto


che ci sar mai sulla terra,
e fortifica i sapienti di quel tempo,
e porter onore e lode a Dio.

Mortificazione (uccisione) salificazione (sbian- fedelt, ma disprezzato per il suo servi- a volte necessario. Il lupo,
camento) e imbibizione (penetrazione) del corpo lismo. Il lupo, invece, la natura istintiva che viene dallOriente dove
unito allanima e allo spirito. delluomo che non risparmia nulla, man- sorge il sole, lo zolfo; il
Ma lazione della prima materia va gia tutto, anche la terra se ha fame. cane il mercurio,
ancora pi in profondit e pi lontano. Il cane e il lupo sono a volte consacrato alla luna.
Il cane e il lupo rappresentano i nuclei violentemente in conflitto luno con lal- Il lupo, nella tradizione degli
dellistinto e della volont. Il cane era una tro e combattono fino alla morte. sciamani della Siberia, il
volta un lupo. Ma nel corso del tempo A volte un uomo deve fare delle scelte custode della razza umana ed
stato addomesticato e si adattato difficili, soprattutto quando si scontrano stato addomesticato volon-
alluomo, al suo mondo di vivere e alla con i valori e le opinioni di chi lo tariamente al fine di
sua cultura. il guardiano dei beni del circonda. Per scegliere in favore della sua adempiere questo compito.
suo padrone. apprezzato per la sua natura originale, un coraggio incosciente Le tre scene di animali nella

52
Mercurio chimicamente 6
sublimato
foresta rappresentano lelemento terra. La
foresta il corpo, con allinteriore lo spi-
rito e lanima. Gli animali formano
insieme la purificazione della prima
materia agendo su tre centri, tre modi
in cui il mercurio si manifesta: nel pen-
siero (il cervo e lunicorno), nel
sentimento (il leone rosso e verde), nella
volont (il cane e il lupo).
Insieme, questi tre centri formano anche
un mercurio. Il mercurio che riceve
il pensiero intelligente; quello di mezzo
che ordina lo zolfo dellanima. La deci-
sione registrata nel centro della volont
e dellistinto, il sale.
I tre centri formano insieme un mercurio
autonomo: un uomo che ha costruito
uno spazio interiore, che ha edificato
uno spazio di lavoro interiore o un tem-
pio in se stesso, che pu agire in modo
autonomo, indipendente dalle influenze
del mondo che lo circonda. In questo
luogo di vita interiore possibile rom-
pere i sigilli che sono stati applicati
allanima dagli arconti.

Un terribile drago vive nella foresta, tossico al dal suo veleno nasce un ottimo
massimo grado, e ha tutto per piacere. rimedio.

Quando scorge i raggi del sole e la luce Improvvisamente egli mangia il


splendente diffonde il suo veleno, e il suo volo suo veleno, divorando la
cos unico che nessun altro animale rimane propria coda avvelenata.
vivo davanti a lui, in un modo che neanche il Ecco perch da lui fluisce un
Basilico stesso pu eguagliare. balsamo prezioso.

Chi ha imparato a uccidere con abilit eviter Tutti i saggi infine approveranno
tutti i pericoli. Tutti i suoi vasi sanguigni e i le sue forze e nello stupore
suoi colori si mescolano nella sua morte, si rallegreranno.

53
Mercurio precipita chimicamente in modo Poi luomo si eleva attraverso la forza di coesione delle sfere;
giusto o sublimato. al primo cerchio abbandona la forza di crescere e decrescere;
LOuroboros indica che un ciclo termi- al secondo cerchio, labilit nel compiere il male e lastuzia divenuta impotente;
nato. Un processo che ovviamente al terzo cerchio, lillusione dei desideri, ormai senza forze;
devessere ripetuto molte volte, ma sem- al quarto cerchio, la vanit di dominare, che non pu pi essere soddisfatta;
pre in modo diverso. Un ciclo che si al quinto cerchio, laudacia empia e lavventatezza insolente;
compie tra il drago sputa fuoco e lOuro- al sesto cerchio, lattaccamento alle ricchezze ormai prive di effetto;
boros. Nello gnosticismo lOuroboros era al settimo cerchio, la menzogna insidiosa.
il serpente del mondo, il "Leviatano", che Cos, spogliato di tutto ci che proveniva dalla forza di coesione delle sfere, egli
racchiudeva il mondo materiale, cio le entra nellottava natura possedendo solo la propria forza; con tutti gli esseri l
sfere dei sette pianeti conosciuti del presenti canta inni di lode al Padre e tutti si rallegrano con lui per la sua presenza.
nostro sistema solare. Insieme, questi for-
Corpus Hermeticum 1, 63-64
mano il mondo della materia. Oltre c il
cerchio dei dodici segni dello zodiaco, in
Il viaggio dellanima dopo la morte attraverso le sfere dei pianeti divenne,
cui si trova il paradiso terrestre della in alchimia, un viaggio interiore per unanima in questa vita, con lo scopo di
Genesi, con l'albero della vita al suo liberare i sette sigilli planetari.
interno. LOuroboros rappresenta il conne tra il mondo di soggezione alla materia, e il
Secondo alcuni miti gnostici luomo mondo superiore, il cerchio dello zodiaco e il luogo del Paradiso.
stato plasmato dagli Arconti dei sette pia-
neti. Essi hanno creato un umano, una
sorta di golem, con argilla e polvere.
Questi reggenti del mondo materiale non
potevano, tuttavia, creare la vita. Perci
dovevano sedurre con astuzia il vero
creatore, lAgathodaimon, affinch una
vita gloriosa potesse discendere ai golem
creati da loro. Cos, l'uomo si svegli alla
vita, dominato tuttavia dalle peculiarit
assegnate a lui dagli arconti.
compito dell'adepto imparare a distin-
guere la differenza tra la gloriosa vita
reale e le catene che lo tengono prigio-
niero degli arconti. Questi pensieri
provengono dai rituali dei morti dellan-
tico Egitto, in cui l'anima del defunto
abbandonava le sfere terrene
attraversando le sfere degli arconti di
guardia alle porte che conducono al
cielo. Di ogni porta, un arconte era il
responsabile. Bisognava conoscere il
nome del guardiano della porta, ci che
egli rappresentava e prendere le distanze
dalle propriet negative di quella sfera,
rompendo cos il sigillo.

54
Si narra di due uccelli 7
nella foresta
Nella foresta c un nido
dove sono i figli di Ermes.
Uno cerca continuamente di volare,
laltro contento di rimanere nel nido,
e non lo abbandona.

Il secondo impedisce il primo in modo


che entrambi sono costretti a rimanere nel nido,
come un uomo legato
a sua moglie con il matrimonio.

Ci rallegriamo quindi
perch abbiamo scelto laquila femminile.

Pertanto preghiamo Dio Padre


affinch ci possa avvenire felicemente.

Nella prima rappresentazione


dellelemento aria c un albero con un
nido. lalbero dei filosofi, la versione Lelemento aria apre una sfera sottile e Le cose che possono essere
alchemica dellalbero della vita del para- intelligente nella regione mentale. Que- definite astratte nel mondo
diso. Nel nido ci sono due uccelli: uno sta sfera deve essere aperta ed esplorata ordinario sono qui molto
pu volare ed elevarsi per cercare ispira- prima che possa funzionare. Per entrare concrete, dirette e sperimen-
zione nei mondi superiori, laltro allinterno di questa sfera si deve in pra- tate. una sfera di
ancora nel nido con le ali contratte. Egli tica abbandonare il proprio corpo, allo comprensione senza parole.
si assicura che il primo ritorni di nuovo stesso modo che si lasciano le scarpe Qui appreso il linguaggio
nel nido. Luccello volante il Mercurio, fuori della porta prima di entrare in un degli uccelli. La lumaca sotto
quello che non vola lo Zolfo. Insieme luogo sacro. Per la mente cos purificata lalbero simboleggia la nuova
producono luovo filosofico, da cui e per la coscienza chiara, ci che si relazione: il livello materiale
nato il Filius Philosophorum il giovane svolge in questo luogo molto tangibile come una lumaca che stri-
Ermes, il nuovo uomo interiore. e intenso. scia lentamente sul terreno.

55
Ci sono due uccelli nobili 8
e preziosi
C in India una gradevole foresta
in cui due uccelli vivono insieme,
uno bianco e laltro rosso.
Essi si combattono lun laltro, luno logorando
laltro.
Entrambi, per, sono trasformati in bianche
colombe.
Dalla nuova colomba nasce una Fenice,
che respinge il buio, la puzza e la morte,
al fine di poter cos iniziare una nuova vita.

In questa immagine vediamo due uccelli


che si affrontano: luccello rosso posto
al di sopra del bianco. Qui si completa il
lavoro sulla pietra bianca e inizia il
grande lavoro della pietra rossa. Nel testo
questi uccelli si mutano prima in due
colombe bianche e poi in Fenice.
Le due colombe bianche simboleggiano
la purezza, la spiritualit, la leggerezza e
il candore. Le colombe non hanno la armoniose dodici volte il giorno, e brucia completamente.
cistifellea e quindi non hanno la malin- lodando lo splendore del Creatore e del Rimane solamente una specie
conia che lega lanima alla terra. Le Sole. Dopo mille anni, la Fenice intuisce di verme bianco, un bruco
colombe sono per eccellenza gli abitanti che giunto il tempo di morire per rin- che dopo tre giorni diventa
simbolici dellelemento aria. novarsi. Lascia il Paradiso e vola verso la una nuova Fenice. Questa
La Fenice attua il collegamento e la tran- terra, in un paese il cui nome si riferisce prende il volo verso il Para-
sizione tra laria e il fuoco. Secondo a lei: La Fenice, situata nellodierna Siria. diso, per i mille anni a
Lattanzio, la Fenice abita uno spazio Qui giunta, fa il suo nido nella palma pi venire. La Fenice si muove
senza malattia o morte o altre alterazioni. alta utilizzando solo erbe aromatiche, poi nellelemento aria, ma svi-
Questo luogo sempre verde e lacqua si adagia nel nido per morire. Questo luppa lintensit
della vita scorre in abbondanza. La processo cos intenso che lei si dellelemento successivo: il
Fenice, dal pi alto albero, canta melodie infiamma in una combustione spontanea fuoco.

56
Il Signore delle foreste ha preso 9
possesso del suo regno
Ascolta ora il racconto di un atto ammirevole,
perch voglio insegnarti grandi cose!
Come il re si eleva sopra il suo popolo.
Ascolta dunque ci che il nobile Signore delle
foreste dice: Ho sconfitto i miei nemici,
ho calpestato il drago velenoso,
e sono un grande re glorioso sulla terra.

Nessuno pi grande di me,


tra tutti gli esseri viventi,
figlio di un artista oppure della natura,
posso fare tutto ci che un uomo pu desiderare;
dono potere, salute durevole
e anche oro, argento e gioielli,
e la panacea per le grandi e piccole malattie.
Allinizio ero plebeo di nascita,
fino a quando sono stato posto in un luogo elevato.
Raggiungere questo vertice
mi stato concesso da Dio e dalla natura.
Cos dal basso salii al pi alto rango
su questo trono glorioso.
E grazie alla mia sovranit regale,
mi chiamano Ermes, il signore delle foreste.

La realizzazione di questa parte del Opera compiuta, la pietra cubica allelemento aria, ci rap-
lavoro simboleggiata dal Re, il Signore bianca formata. Il re la figura centrale presentato nelle immagini
delle Foreste, che ha preso possesso del dello schema. Alla stessa altezza ci sono le seguenti da esseri alati (11 e
suo trono. I suoi piedi poggiano sul due immagini con gli uccelli che rappre- 12).
drago, un pesce il suo bracciolo, la sentano lelemento aria. Ci che poi
scala che conduce al suo trono di forma segue la Grande Opera sulla Pietra
cubica comprende sette scalini che rap- Rossa. La piccola opera il lavoro di un
presentano i metalli. Il processo individuo su se stesso, il microcosmo. La
passato dalla fase nera a quella bianca, Grande Opera sulla Pietra Rossa lavo-
attraverso i sette colori della coda del rare in un contesto pi ampio con il
pavone, la Cauda Pavonis. macrocosmo, o il cosmo superiore.
Queste fasi sono ultimate, la Piccola Elevarsi dallelemento terra conduce

57
Lascensione 10

Tutte le storie ci raccontano che la salamandra


nata dal fuoco,
in cui trova nutrimento e vita;
questo le dato dalla natura.

Tuttavia, lei vive in una montagna profonda,


dove ardono molti fuochi Tuttavia, tutto questo si traduce in qualcosa di I saggi ne hanno tratto la loro
nei quali si lava la salamandra. buono per lei in ogni caso: scienza, e hanno perci ricevuto
riceve col suo sangue la vita eterna un dono celeste
Il primo fuoco pi piccolo del secondo, e non pu pi morire di alcuna morte. chiamato la Pietra dei Saggi,
il terzo il pi grande, il quarto il pi forte. a cui le forze del mondo intero
Il suo sangue il rimedio pi prezioso che ci sono sottomesse.
La salamandra li percorre tutti e diviene pura. sia sulla terra.
per questo che si affretta verso la sua tana. I saggi ci donano questo per pura
Niente lo pu eguagliare perch il suo sangue generosit,
Durante questo viaggio catturata e picchiata, elimina ogni malattia di tutti i metalli e di affinch noi ci ricordiamo di
affinch muoia e che la vita defluisca col suo tutti i corpi degli animali e delle persone. loro continuamente.
sangue.

58
Lintensit del fuoco agisce in ogni fibra,
in ogni atomo, in ogni livello del corpo.
Il corpo rinnovato, ricreato

Lintensit impetuosa del fuoco e la sua colonna vertebrale, sotto forma di due
forza che pervadono tutti i livelli e tutti i serpenti che zigzagano verso lalto e si
veicoli, le vediamo qui rappresentate intersecano in ogni principale centro psi-
dalla scena seguente: un alchimista fa chico del sistema simpatico, per finire nel
arrostire una salamandra sul fuoco. Nel centro situato sopra la testa.
testo si dice che la salamandra attraversa Da ora, poche figure umane appaiono
molti fuochi di intensit diversa. Arrivata nelle immagini, molto di pi gli animali.
al punto pi elevato, essa uccisa; in Un giovane re, il Filius Philosophorum
alchimia il simbolo della fissazione o affiancato dal vecchio Re della Foresta e
precipitazione di Mercurio nel mercurio da un Mercurius Senex alato. Lanziano
(argento vivo). Mercurio vuole portare il giovane Ermes
Lintensit del fuoco opera a tutti i livelli sulla montagna pi alta per
del corpo e in ogni fibra, in ogni atomo. liniziazione finale. Il Vecchio Re, che ama
Il corpo rigenerato, ricreato, o come suo figlio di tutto cuore vuole impedir-
dicono i Rosacroce: trasfigurato. Lunica gli di andare: Senza di te io muoio. Il
cosa con la quale abbiamo potuto con- Figlio si affranca dal Padre, il Signore
frontarla quella che in Asia chiamata delle Foreste che svolge ora un ruolo
kundalini: laumento dellenergia a par- passivo e sceglie di seguire la guida.
tire dai chakra di base al di sotto della

59
Il Padre e il Figlio sono riuniti 11
grazie alla guida
Il Padre, un uomo anziano originario di Israele,
ha un unico figlio che ama con tutto il cuore.

A lui la sofferenza imposta sulla sofferenza


perch la guida desidera
portare lunico figlio in ogni luogo.

La guida si rivolta al figlio con queste parole:


Sono venuto qui per condurti ovunque,
sulla vetta pi alta della montagna pi elevata,
affinch tu apprenda tutte le scienze del mondo;
e che tu possa scoprire la grandezza del mondo
e del mare,
e sperimentare cos una grande gioia.

Ti porter quindi nel luogo pi elevato,


fino alle porte del pi alto dei cieli.

Il figlio obbedisce alla guida,


e parte con lui.

Contempla cos il trono celeste,


di una magnificenza incommensurabile.
Dopo aver visto tutte queste cose
si ricord di suo padre e sospir.

Provava compassione per suo Padre a causa


del suo grande dolore. Nella forza dellelemento fuoco nasce un Il Figlio (spirito, zolfo)
Ecco perch decise di ritornare verso il suo cuore. nuovo uomo interiore, un figlio dei decide di lasciare suo padre
filosofi, e un altro essere di fuoco, una (corpo, sale) e andare con la
I saggi ci offrono questo per pura generosit, guida spirituale diventa visibile. Questi guida (anima, mercurio). La
affinch ci ricordiamo di loro continuamente. ha condotto il figlio dei filosofi verso guida lo porta su un alto
uniniziazione nellultima coniunctio monte e gli mostra le pi
oppositorum, la visione pi elevata. grandi meraviglie.

60
Unaltra montagna originaria 12
dellIndia appare nel vaso
Il figlio disse alla guida:
Lasciami andare da mio Padre,
perch egli non pu essere o vivere senza di me,
e mi supplica e mi chiama senza tregua.

La Guida rispose al figlio con queste parole:


Non ti lascer andare da solo.
Ti ho tolto dal grembo di tuo Padre;
e ti riporter l ancora una volta,
affinch egli gioisca ancora e viva,
a lui doneremo queste forze.

Senza indugiare quindi si alzarono,


e ritornarono alla casa del Padre.
Quando il padre vide il figlio avvicinarsi,
pianse forte e disse: (pag. 62)

Questa situazione pu essere paragonata


con linizio del Pimandro, il primo libro
del Corpus Hermeticum, una raccolta di
testi scritti in lingua greca attribuiti a
Ermete Trismegisto. Citazione:
Un giorno, mentre riflettevo sulle cose
essenziali e il mio cuore il mio stato Pimandro rispose il Nos, che ha in senza limiti.
dessere si elevava, i miei sensi corpo- s la sua ragion dessere. Conosco tutti i La citazione molto signifi-
rali si assopirono completamente, come tuoi desideri e sono ovunque con te. E cativa. Il re-padre il corpo
accade a chi, dopo un pasto troppo io gli dissi: Desidero essere istruito addormentato, passivo. Il
abbondante o a causa di una grande sulle cose essenziali, comprenderne la figlio Ermes, il pensiero
fatica fisica, viene sorpreso da un pro- natura, conoscere Dio. Questo desidero concentrato che contempla,
fondo sonno. Mi parve allora di vedere profondamente! Ed egli rispose: Fissa la coscienza che medita su un
un essere immenso, di forma indefinita, bene nella tua coscienza ci che desideri tema, un pensiero germe.
che mi chiam per nome e mi disse: apprendere e io ti istruir. Mentre pro- E la guida Pimandro, che
Cosa desideri vedere e udire, cosa vuoi nunciava queste parole il suo aspetto simultaneamente una sorta di
imparare e conoscere nel profondo del cambiava ed ecco che, allistante, tutto sentinella della coscienza
tuo cuore? Chi sei? gli dissi. Sono mi fu rivelato, come in una visione umana (il guardiano) e il

61
sapere autentico, la fonte della vera cono-
scenza che scorre per essere presente in
ogni uomo e che rivela queste visioni
Il Padre inghiotte il figlio 13
finali alla coscienza che interroga.
Cosa c nella visione? In Pimandro, c
la creazione dei mondi della luce e delle
tenebre. Nel trattato di Lamsbsprinck
questo lultima oppositorum conjun-
ctio, perch dalla vetta della loro
montagna, il figlio e la guida vedono
bene sia il sole sia la luna, la luce del
giorno e loscurit della notte. Al figlio, la
coesione cosmica rivelata e resa com-
prensibile, e anche come tutto dipende
da tutto; gli viene anche mostrato il
luogo che egli occupa personalmente,
tutto questo percepito molto
chiaramente.
Possiamo leggere negli scritti Ermetici
ci che implicito nella visione di
Pimandro. Queste parole sono prive din-
teresse per noi. Ci che importante lo
stato in cui si trova il giovane Ermes; la
possibilit che egli ha di aprire la sua
mente e di ricevere una prospettiva o una
visione definitiva.
A cosa si rapporta questa visione? Indub-
biamente al microcosmo e al suo legame
con il macrocosmo: Ci che in alto
come ci che in basso, affinch i mira-
coli delluno si realizzino.
Ora lEternit. Lintensit dellOra
ormai cos grande che si estende sino a
giungere nellEternit. Ogni ispirazione O figlio, durante la tua assenza ero come morto
proviene da questo momento ultimo ero in grande pericolo di morte.
dilluminazione. Con questa ispirazione Ora che tu sei qui io rivivo,
si possono riempire migliaia di bibliote- perch il tuo ritorno mi porta gioia.
che. Ma il vero valore di tutto questo
solo per chi vive effettivamente il Quando il figlio veramente
momento ultimo. entra nella casa del padre,
questi gli prese le mani
e con una gioia eccessiva lo inghiott
con la sua stessa bocca.

Poi il Padre sudava copiosamente.

62
Il Padre chiama di nuovo il figlio a s.
Lintensit del momento ultimo non pu
durare troppo a lungo, altrimenti il
La vera tintura 14
corpo fisico morirebbe. Il corpo chiama a
s i suoi spiriti vitali. Il padre inghiotte
dei saggi
il figlio interamente. Troviamo qui un
tema ricorrente: lessere dellorigine che
ha fatto un atto proibito, ed ritornato
nei gironi della vecchia bestia! Divo-
rato e rinato con un aspetto che forma
una sintesi fruttuosa e accettabile. Si
potrebbe anche interpretare il vecchio re
come lantica tradizione che ha vissuto
ed diventata sterile. Il figlio del re si
stacca dal suo abbraccio e parte per con-
dividere le esperienze di altri; cos
facendo trasgredisce rigidi tab.
Poi il figliol prodigo ritorna di nuovo
nei gironi di suo padre. Ritorna nella
vecchia tradizione, ma egli lha ora rin-
novata dallinteriore, in modo che essa
sia ancora una volta feconda e possa pro-
seguire. cos che la sintesi ottenuta.
Per continuare una tradizione si deve, in
modo assai paradossale, iniettarla e vivifi-
carla senza tregua da una prospettiva del
tutto nuova. Questo perch tutto il mate-
riale di base necessario per il lavoro
contenuto nella tradizione.

Qui il Padre suda a causa del Figlio. Questa pioggia era feconda e
Allo stesso tempo prega Dio dal profondo del colorata di argento.
suo cuore, Essa inzupp il corpo del Padre e
di ricondurre il Figlio fuori del suo corpo lo rese tenero.
e che possa continuare la vita di un tempo.
Sostienici ora, Dio,
Dio ascolta le preghiere, affinch possiamo essere penetrati
e ordina al Padre di sdraiarsi e dormire. dalla tua grazia.
Durante il sonno del Padre, Dio fece cadere
una pioggia che scese sulla terra attraverso le
stelle scintillanti.

63
14. Qui il Padre suda abbondantemente;
da lui fluisce lolio e la vera tintura dei
saggi. Il ritorno del figlio nel padre, o
Qui il Padre e il Figlio 15
dello spirito nel corpo, ha un effetto
molto suggestivo sul corpo. Se noi pos-
sono Uno per l'eternit
siamo considerare il viaggio del figlio
con la guida verso la cima della monta-
gna, e la visione dellultima coniunctio
oppositorum come uniniziazione nei
segreti pi elevati, e allo stesso tempo pi
profondi, che la natura reca in s, allora
la traspirazione del Padre la precipita-
zione e lazione di un evento spirituale su
di un corpo.
Questazione una penetrazione totale;
addolcisce il corpo del Padre e cambia il
tutto in acqua chiara (tintura). La tintura
il potere di aumentare a volont e
allinfinito il risultato del lavoro. la
possibilit di ritornare in qualsiasi
momento allo stato interiore dellispira-
zione ultima della coniunctio
oppositorum sulla cima della montagna,
e di realizzare l il lavoro di costruzione
necessario. Infine, il Padre, il Figlio e la
Guida, dunque il corpo, lanima e lo spi-
rito, si siedono sul trono insieme come
partecipanti di pari valore (Figura 15) e
governano il loro regno; insieme for-
mano il simbolo di Mercurio: la Pietra
Rossa preparata.

Inutile dire che il grande lavoro pu autentico, il Nos in noi.


avvenire solo se il piccolo lavoro prima Essere orientato sulla ispira-
portato a una buona fine. Il piccolo zione un processo che
lavoro il lavoro di un individuo su se pu essere appreso. Tuttavia,
stesso. Il grande lavoro il lavoro su scala non lo si pu imparare da
pi ampia, che va oltre le cose e gli inte- nessuna parte. Attraverso lo
ressi limitati di un individuo. Questi sviluppo di un lavoro o di
allora collegato a una rete dispirazione un lavoro della vita, lartista
pi ampia, che potrebbe essere definita della vita deve lui stesso
con il nome di genialit. aprire i giusti canali per non
La Prima Materia, sulla quale ci intrat- essere sviato dalla seduzione
teniamo gi da tempo, concerne il sapere della gloria. Chi si misura in

64
Qui il Padre sonnecchia, Qual oggi il risultato del Grande Lavoro?
completamente trasformato in acqua chiara,
e dalla forza dellacqua, Troviamo la Prima Materia (figure 1 e 2) La Grande Opera si pro-
un grande bene stato ottenuto, nei nostri piani istintivi, l dove la vita duce nel dominio del fuoco
nello stesso tempo un nuovo Padre stato creato, si fonde organicamente con il mondo (figura 10). Il fuoco
forte e bello, circostante. una corrente intensa di distrugge la materia e per
e crea cos un nuovo Figlio. vitalit che, dalle trasformazioni partico- ricevere il dominio del
lari che lalchimista esegue, diventa il fuoco, il corpo - la parte
Il Figlio rimane per sempre nel Padre mercurio, la coscienza chiara che come materiale devessere reso
e il Padre nel Figlio: una radiazione piena dispirazione gli passivo, oppure come
Accade cos che essi producono molti frutti d una visione della materia di cui lui morto. Nella forza dellele-
in cose differenti, stesso e il mondo sono formati. Questo mento fuoco nasce un nuovo
le quali non periscono mai. principio di apertura di un centro di uomo interiore, un figlio
consapevolezza e di coscienza chiara dei filosofi, e un altro essere
Nessuna morte potr farli morire, ripetuto molte volte. di fuoco, una guida spirituale
rimarranno sempre per la grazia di Dio, Il Mercurio sublimato nella regione diventa visibile (figura 11).
e insieme trionferanno in un regno luminoso. mentale (figura 3) e precipita, purificato, Questo ha condotto il Figlio
aprendo la vita affettiva (figura 4) e gli dei filosofi a uniniziazione
Il Padre e il Figlio sono seduti su un Unico trono, istinti (figura 5). Con questo una parte nellultima coniunctio
al centro si trova il vecchio maestro, del lavoro terminato (figura 6). La oppositorum, la visione pi
vestito di un mantello color sangue. natura pi bassa delladepto purificata alta (figura 12). Il figlio
e, allo stesso tempo, egli ne ha ricevuto la comunica cos le sue espe-
comprensione e il controllo. Lalchimista rienze a ci che in basso,
ha bisogno di questo controllo sulla sua il corpo (figura 13), che cos
volont, sui suoi sentimenti e sulla sua si purifica e trasforma perfet-
comprensione per poter fare il passo suc- tamente (figura 14). Infine, il
cessivo: lo sviluppo di una sensibilit e di Padre, il Figlio e la Guida,
grandezza con le muse trasformato in un potere di orientamento nel dominio dunque il corpo, lanima e lo
un corvo gracchiante! intuitivo pi puro, il dominio dellaria. spirito, si siedono sul trono
Qui anche il Mercurio si estende sino a assieme come partecipanti di
divenire un mare di coscienza (figure 7 e pari valore (figura 15) e
8). Quando il filosofo ermetico padro- governano il loro regno.
neggia questo potere, il titolo di Re Insieme formano il simbolo
della Foresta concesso a lui da Ermes di Mercurio: la Pietra
(figura 9). Egli ha allora ottenuto un per- Rossa preparata.
fetto controllo su se stesso e sugli
elementi acqua, terra e aria. la fine della
prima parte: la Piccola Opera stata
completata, la Pietra Bianca preparata.

65
Simbolo

La Croce in Tau
a T, o Tau, formata dalla cifra 7 (qui una T o un 7 diritto), cifra

L che si rapporta alla vita divina, la vita che proviene dallo Spirito set-
templice, e dalla (gamma), il simbolo della Terra (gaia). Il
simbolo Tau unisce quindi in s la vita divina e la vita terrestre. Se si
toglie la parte superiore dal simbolo Ankh, resta il Tau. Lo si
potrebbe interpretare come la prima lettera del tifone (domato), cio la libera-
zione dal male, da satana.
La croce di Tau era popolare anche presso i Druidi. Il Tau era da loro conside-
rato come il simbolo druidico di Giove. Il loro Tau consisteva spesso in una
quercia imponente alla quale erano stati tolti tutti i rami, ad eccezione di due o
tre. Questi erano stati sfrondati in modo che, visti dalla corona, assomigliassero
a due braccia orizzontali.
Si pu ancora leggere che il Tau era utilizzato nelle zone druidiche per delimi-
tare la frontiera tra i gruppi di differenti guide religiose.
C ancora unaltra spiegazione della croce in Tau, e consiste nel considerarla
come una tappa nello sviluppo dellumanit. La prima fase non conosce ancora
la croce, bens un palo, un simbolo fallico. Si riferisce allo sviluppo della
coscienza del bacino la fertilit allo stato bruto nella quale la coscienza del-
luomo si trova ancora allo stadio del sogno.
Il palo diviene poi una T, una croce, un Tau, per indicare che le emozioni si
risvegliano, e con esse i desideri senza limiti, poich manca ancora una dire-
zione. Luomo non ancora in grado di controllarsi. Chi guarda la croce in Tau
potrebbe immaginare di vedere un uomo senza testa. La sua intersezione il
cuore, la sede dei sentimenti. La croce che noi ben conosciamo possiede una
testa. Essa rappresenta lo sviluppo della coscienza della testa, lindividuo che
pu compiere delle scelte. La testa pu governare o dirigere il desiderio. La
tappa successiva quella della croce delle rose, nella quale linfluenza della
rosa o del loto ancorata nel cuore umano.

67
Colonna
Essere pellegrino

D apprima ci fu il lavoro per disciplinare la propria


vita. Ahim, il mestiere ideale, il partner perfetto,
la vita furono superati dal demone della realt.
Domani, allora. Lindomani per non giunse mai perch
il presente ostruiva il passaggio.
labirinto interiore ad essere dolorosi, ma soprattutto
quel sassolino nella scarpa chiamato Ego. Tu cerchi il
Cammino, quello di cui parlano i grandi maestri, ma
non trovi che la tua personale via, quella stessa che trac-
cia il tuo particolare percorso e gi tu osservi: non si
Si dovette allora prendere unaltra strada: questa via e poi tratta di imitare la loro vita ma di cercare quel che
quella e finalmente il tuo personale cammino e la tappa hanno scoperto durante il loro pellegrinaggio.
che conduce dalla vita esteriore alla vita interiore. Nessuna strada praticabile, bench, ogni tanto e in
Lego te lo diceva gi da anni; quando tutto crolla, ecco il modo abbastanza sorprendente, ci siano comunque delle
riposo. Lanima lo sa: solamente quando la pace arriva porte: la Porta del lasciar andare perch certe cose pesano
dentro di te che tutto svanisce. In senso letterale e meta- davvero troppo per portarsele appresso. La Porta della
forico ne hai davvero voglia? Ne hai il coraggio? Hai conoscenza di s attraverso la quale tu appari in tutta la
sufficiente fiducia? tua imperfezione con il compito di non temere limper-
Chi ti sta vicino ti suggerisce in tutte le maniere possibili: fezione. La Porta del legame tramite la quale entriamo in
mantieni saldamente i piedi per terra; ma questo un risonanza sia con la realt conflittuale dellumanit, sia
pessimo modo di procedere. con la profonda gioia dellessere parte del Tutto.
Riceviamo ogni giorno dalla banca della Vita 86.400 Sette Porte sette missioni sette mandati sette doni.
secondi da utilizzare, e quelli che non sfruttiamo ci ven- Sette spirali sinnalzano nella ricerca del pellegrino.
gono tolti alla fine della giornata non si pu Dalla personalit verso il cercatore, dal cercatore verso
economizzare il tempo. Inoltre, sulla nostra testa pende la lanima, dallanima verso lo Spirito.
spada di Damocle (c sempre il rischio di morire): il Straordinario evento: il cercatore che partito non pi
nostro conto nella banca della Vita pu estinguersi da un il pellegrino che arriva. La strada cambia a seconda del
percorso e a sua volta cambia il pellegrino. Ogni passo
falso esercita i suoi muscoli spirituali. Sulla montagna del
Evento prodigioso: il cercatore che compimento ogni tappa gli offre una visione mozzafiato.
partito non pi il pellegrino che arriva In fin dei conti sembra che il pellegrino stesso pervenga
ad una trasformazione. Dopo la fase della ricerca, del
momento allaltro. Che cosa succeder dunque con la sto- riconoscimento del cammino, del raggiungimento della
ria incompiuta del libro della mia vita? Se non parto per comprensione, delle scelte da fare, arriva il momento in
il viaggio, si rimarr al primo capitolo, che comincio a cui si spietatamente in cammino, e ci in senso sia let-
conoscere gi fin troppo bene Se il domani non arriva terale che metaforico. Ogni tappa un lasciar andare
mai, allora partiamo, anche oggi, per questo pellegrinaggio. qualcosa e ogni volta che lo si fa, si riceve qualcosaltro.
Con il cappello del coraggio, il tascapane della perseve- Perdendo il proprio mondo si ottiene lUniverso.
ranza e il mantello del pellegrino tessuto con la nostra
aspirazione. In effetti non so pi tanto bene chi io sia, 1. Estratto da Umilt di Vridanc, poeta menestrello del XII secolo.
n dove io debba andare.1

Essere pellegrini: perdersi nella buona direzione; vivere


nella certezza dell incertezza consapevolmente accettata,
e non sono gli ostacoli che si incontrano nel nostro

68