You are on page 1of 2

ATTIVITA

Descrivi alcuni approcci metodologici innovativi

Ambiente alternativo dapprendimento

E un ambiente alternativo finalizzato alla didattica innovativa, uno spazio grande, a disposizione di tutta la
scuola, dove le attivit didattiche svolte siano centrate sullo studente che apprende, sul gruppo, sulla
cooperazione, sul benessere e il comfort dellindividuo e del gruppo; un ambiente inteso come uno spazio
integrato nel quale possano organizzarsi attivit diversificate in modo modulare e flessibile.
Anche nella scuola in cui lavoro da questanno stato organizzato un ambiente alternativo, denominato
Aula 71, strutturato con arredi mobili e modulari che permettono lo svolgimento di attivit didattiche
differenti, sia frontali che attive, di classe, individuali e di gruppo. Laula fornita di LIM e un certo numero
di notebook convertibili in tablet con interfaccia operativa Chrome sempre connessi al cloud di Google
(Chromebook).
Laula si presta a diverse attivit ed approcci metodologici quali: didattica di tipo costruttivista (jigsaw
puzzle, flipped classroom; group work, ..)
Gli alunni, in questo spazio, attraverso un lavoro cooperativo mirato ad unautonomia despressione,
possono produrre contenuti digitali e coniugare conoscenze e abilit, al fine di maturare progressivamente
competenze in un ambiente di apprendimento dove lagire in autonomia, la collaborazione, il confronto e
lassunzione di responsabilit sono la base per lo sviluppo delle competenze chiave, prime fra tutte
limparare ad imparare, e il pensiero critico attraverso un percorso di meta-riflessione.

Flipped Classroom o classe capovolta

Con la metodologia Flipped Classroom si adottano nuove strategie didattiche, si ribaltano i tempi e luoghi
della didattica e dello studio, si sperimenta il ruolo attivo dellalunno nel processo di apprendimento. Gli
studenti diventano protagonisti della propria evoluzione socio-culturale, non sono pi semplici contenitori
dinformazioni utilizzando il solo vecchio libro di testo, ma ora lalunno interagisce, si informa, propone,
discute.
La flipped classroom si configura dunque come:
Ambiente dove gli studenti assumono la responsabilit del loro apprendimento
Classe in cui la lezione tradizionale perde la sua centralit a favore di unottica costruttivista che vede tutti
gli studenti coinvolti nel processo di acquisizione delle competenze attraverso lesperienza diretta
Luogo in cui ad ogni studente offerta la possibilit di ricevere unistruzione personalizzata
Classe dove i contenuti relativi ad aree fondamentali sono permanentemente archiviati e utilizzabili per
revisione e recupero.
La classe ribaltata permette ai ragazzi di conoscere largomento delle lezioni anche attraverso la tecnologia.
Uno degli strumenti maggiormente utilizzati sono i video: semplici, interattivi e ricchi di spunti. La video-
lezione vista a casa permette agli insegnanti di concentrarsi su altri aspetti della didattica: in classe si ha pi
tempo disponibile per effettuare esercitazioni in gruppo, laboratori, compiti, studio di casi, ricerche; inoltre, i
docenti hanno pi tempo materiale per seguire i ragazzi con bisogni educativi speciali. Il ruolo principale del
docente quello di guida che incoraggia gli studenti alla ricerca personale e alla collaborazione e
condivisione dei saperi appresi.
Google Classroom

Questo strumento interattivo permette a studenti e insegnanti di rimanere in contatto pi facilmente,


all'interno e all'esterno della scuola. Gli insegnanti, dopo aver creato un ambiente classe virtuale,
assegnano un compito e danno una scadenza, ma possono anche semplicemente condividere materiale e,
tramite dei report, controllarne leffettivo svolgimento, visualizzandone poi lesecuzione. Studenti e
insegnanti ricevono notifiche quando hanno nuovi contenuti da condividere, mantenendo sempre attivo il
contatto reciproco. Gli insegnanti inoltre possono inviare annunci e avviare discussioni con la classe e gli
studenti possono condividere risorse tra di loro, lavorare allo stesso documento, ricevere suggerimenti
dallinsegnante. Lambiente di lavoro virtuale ha una grafica intuitiva e facilmente individuabile, e si pu
raggiungere attraverso il computer, lo smartphone o il tablet. I materiali vengono salvati sul cloud Google
Drive e sono disponibili da diverse postazioni.

Finalit ed obiettivi comuni:

- diffusione delle potenzialit dei media digitali.


- potenziamento della didattica attiva e laboratoriale attraverso il rinforzo dellinteresse e dellattenzione
- creare un ambiente di apprendimento in cui si privilegi unautonomia di espressione per la costruzione
attiva di contenuti digitali .
- differenziare strategie di intervento, che permettano una migliore ricerca e rielaborazione delle
informazioni ;
- facilitare la fruizione di materiale digitale per sviluppare un percorso che metta in gioco conoscenze,
capacit, attitudini e competenze in un prospettiva di problem solving cooperativo.

Prof.ssa Monica Ibba