Sei sulla pagina 1di 1

suoi genitori allestiscono una il decesso. Il laghetto è l’Italia.

l’Italia. L’errore, scoperto con ore di bambino - era stato condannato, della Procura di Bologna, la
bancarella per il mercato circondato da una recinzione ritardo, è stato corretto: i maggiori disagi nel maggio 2005 dal Tribunale di Bologna, a stessa Cassazione - nel 2007 - dispose un
settimanale. Poco dopo le 13, alta più di due metri e sul treno che sarebbe dovuto andare due anni e sei mesi di reclusione e a nuovo e più approfondito processo. Nel
quando il padre ha iniziato a nessuno ha visto come sono nella città elvetica, che è stato fatto corrispondere alla ex moglie G. M. 2008 l’appello bis ha convalidato
Avvenire 08/17/2010
smontare il banco per
rientrare a casa si è accorto
andate le cose. I carabinieri
della Compagnia di Venafro
Copy Reduced
tornare indietro toe ha
57% from
raggiunto la originaluna
destinazione finale con tre ore di ritardo.
toprovvisionale
fit letter page
di 25 mila euro ed una di
15 mila in favore del minore. Sul bimbo non
Page : A13
l’innocenza del padre con la formula
«perchè il fatto non sussiste», bocciando le
dell’assenza del figlio. Con la hanno aperto un indagine per Il portavoce delle Ferrovie svizzere Jean- sono mai state trovate tracce di violenza di perizie svolte sul minore «dirette a
moglie ha iniziato a cercarlo accertare la dinamica della Louis Scherz ha ammesso che «una cosa alcun tipo, come hanno confermato oltre indagare i rapporti tra i genitori piuttosto
in ogni angolo del paese, tragedia. del genere non era mai successa». alla madre anche i parenti materni più che i comportamenti del bambino».

L’ALTRA Rocco Rispoli: non sono un


eroe. Ho fatto solo il mio
muro dell’omertà, un
segno forte contro le
CALABRIA dovere. Il sindaco Macrì: cosche. Così abbiamo
andava premiato, ha rotto il pensato di premiarlo

Fa arrestare gli usurai


E il Comune lo assume
Locri, denuncia gli strozzini e ottiene posto di lavoro
DI PAOLO M. ALFIERI guzzini, usurai che lo stavano «consu- me è nata una decisione così forte- Una decisione che nella terra dell’o-
mando dentro», come spiega ad Avve- mente simbolica: «Rispoli andava aiu- micidio Fortugno è tutt’altro che scon-
o non mi sento una star, ma nire. Nel 2007 Rispoli segnala cinque tato, premiato: ha rotto il muro dell’o- tata. E che però, proprio dopo il caso
«I una persona normale. Tut-
ti mi parlano di questo co-
raggio, ma io ho fatto solo quello che
persone, ma saranno in tutto venticin-
que, nel settembre 2009, a finire dietro
le sbarre. Uomini legati al clan Cordì,
mertà denunciando i propri usurai. Co-
sì abbiamo pensato di assumerlo: un
segnale forte contro la criminalità or-
Rispoli, è più frequente. «Il suo esem-
pio è positivo, altri stanno denuncian-
do», rivela il sindaco Macrì. Tanto che
era giusto fare». Te le dice così, Rocco una delle ’ndrine dominanti nella Lo- ganizzata». Rispoli dovrebbe in futuro occuparsi
Rispoli, quelle parole che potrebbero cride. Usura, estorsioni, riciclaggio: è L’ingresso di Rispoli in Comune, in for- anche di uno sportello antiracket. «A
cambiare il senso della lotta alla mafia l’operazione "Shark" coordinata dalla za all’ufficio tecnico, avverrà il primo Bovalino sette commercianti hanno di
in Calabria. E cioè denunciare i suoi a- Dda di Reggio Calabria. settembre. Ovvero proprio il giorno in recente denunciato due persone – rac-
È quel che segue, però, ad avere un ca- cui inizierà a Reggio Calabria il pro- conta Rispoli – La gente ha capito che
rattere straordinario. Perché è il momento di reagire». «La
Rispoli, ormai senza più un ’ndrangheta si mangia tutto –
FONDAZIONI ANTIUSURA lavoro, è stato assunto ieri dal Un anno fa l’operazione che dice ancora – Sai chi sono, li ve-
Comune di Locri. Un’assun- portò in carcere 25 esponenti di. Eppure, dopo la denuncia,
zione per chiamata diretta e io non volevo andar via, a vi-
UN PREZIOSO STRUMENTO Fondazione». L’ascolto è finalizzato alla che si è concretizzata facendo del clan Cordì. Ieri la cerimonia vere da solo nell’anonimato:
PRESENTE SUL TERRITORIO comprensione: dell’effettiva situazione di Rispoli un soggetto appar- nel capoluogo della Locride sarebbe stato come il carcere».
Per sostenere chi è colpito dagli strozzini, debitoria delle persone, del nucleo familiare tenente alle categorie protet- Grazie alle istituzioni, Rispoli
sul territorio sono presenti, da tempo, le o dell’azienda; della reale capacità di reddito; te. Una prima assoluta, possibile gra- cesso contro i suoi ex aguzzini. Rispo- resterà qui. Con un lavoro vero e sen-
fondazioni anti usura sostenute dalle diocesi. dell’eventuale rete familiare o amicale di zie alla collaborazione tra la Prefettura li non vede l’ora di ricominciare una za la scorta, che non ha voluto. «No-
«Il primo ascolto delle persone che ne sostegno, dei percorsi di recupero possibili. di Reggio Calabria e il Comune di Lo- vita che a un certo punto gli sembrava nostante il dramma vissuto mi ritengo
hanno fatto richiesta – si legge nel sito Se l’iter dell’istruttoria si conclude cri. un incubo: «Investendo un milione di una persona fortunata – conclude – Le
antiusura.it – si svolge in modo decentrato, positivamente, la richiesta di prestito viene La stipula del contratto è avvenuta nel euro avevo aperto con un socio un a- istituzioni mi sono state vicine. Ora ho
per consentire un approfondimento inviata ad uno degli istituti bancari corso di una cerimonia in Comune, griturismo – racconta –. Ma i soldi non davanti a me il processo, dovrò rivede-
maggiormente legato alle singole realtà convenzionati, il quale – anche in presenza presente anche il vescovo di Locri-Ge- bastavano e mi sono rivolto agli usurai. re quella gente. Ma soprattutto potrò
territoriali. Ove ciò non è possibile, si delle garanzie – svolge un suo autonomo race, monsignor Giuseppe Fiorini Mo- Mi hanno portato via tutto, ero de- continuare a vivere nella terra in cui
realizza direttamente presso la sede della lavoro istruttorio. rosini. È il sindaco del capoluogo, Fran- presso, così ho chiesto aiuto alle forze sono nato. E dove cresceranno anche i
cesco Macrì, a spiegare ad Avvenire co- dell’ordine». miei figli».

LA CONFERENZA STAMPA
Palermo «In due anni presi seimila mafiosi»
DA PALERMO tratti inoltre alle cosche 32.799 beni Stato al fianco della società civile, mi- ri – dice don Luigi Ciotti, presidente di
ALESSANDRA TURRISI per un valore complessivo di quasi 15 nistri e uomini delle forze dell’ordine Libera – sono un grande segno di spe-
miliardi di euro (tra sequestrati e con- si sono trasferiti al centro di Corleo- ranza, perché offrono lavoro. E solo la
rima hanno snocciolato i nu- fiscati). Balzato a 2,2 miliardi di euro ne, per tagliare il nastro della “Botte- speranza può sconfiggere la paura».
P meri del successo dello Stato
nella lotta alla mafia e poi han-
no passeggiato con disinvoltura tra le
il Fondo unico giustizia alimentato dai
depositi bancari e postali sequestrati
alle cosche. «Speriamo – ha osserva-
ga dei saperi e dei sapori” realizzata in
una palazzina confiscata ai familiari
dell’ex numero uno di Cosa nostra,
All’interno dell’edificio ci sono cin-
quanta quadri di Gaetano Porcasi, che
ricordano cento anni di violenza ma-
sagome di Riina e Provenzano, di Fal- to Maroni – che entro fine anno que- Bernardo Provenzano. In Cortile Col- fiosa, e le sagome di personaggi della
cone e Dalla Chiesa, simulando un ste risorse vengano distribuite ai mi- letti 2 è partita la sfida di Corleone che mafia e dell’antimafia donate dallo
combattimento con i più feroci boss nisteri di Interno e Giustizia per com- vuole diventare capitale dell’antima- scrittore Carlo Lucarelli.
di Cosa nostra. È stato un Ferragosto
di festa e riflessione quello dei mini-
pensare i tagli determinati dalla ma-
novra finanziaria». Da parte sua, Al-
fia. All’interno, oltre a trovare i pro-
dotti delle terre confiscate, è sorto un
Un clima di festa su cui è piombato
Salvatore Provenzano, fratello del ca- 6.483 I MAFIOSI ARRESTATI
stri dell’Interno e della Giustizia, Ro-
berto Maroni ed
Angelino Alfano,
fano ha ricordato «l’importante se-

Maroni e Alfano snocciolano


mina legislativa,
con l’approva-
laboratorio antimafia, animato dal
Consorzio Sviluppo e legalità, che rac-
coglie otto Comuni della provincia di
pomafia ergastolano Binnu, che ha
protestato con i giornalisti, definendo
il fratello «un capro espiatorio» e af- 32.799 I BENI SEQUESTRATI
domenica a Pa-
lermo per una se-
duta in trasferta
del Comitato na-
i risultati raccolti nella lotta
alla criminalità: sequestrati
zione del più
grande sistema
normativo con-
tro la criminalità
Palermo, e dalle cooperative Lavoro e
non solo, Placido Rizzotto e Pio La Tor-
re. «Quei frutti realizzati dai volonta-
fermando: «Quella casa è mia, l’ho co-
struita io col sudore del mio lavoro in
Germania».
2,2 MILIARDI IL FONDO UNICO GIUSTIZIA
zionale per l’or- beni per oltre15 miliardi, organizzata dai
dine e la sicurez- tempi di Falcone
26 superlatitanti in manette
za con i vertici
delle forze di po-
lizia, i direttori
delle Agenzie
e lo abbiamo fat-
Pd e Idv: «Merito dei giudici» to senza che il
giorno prima vi
fosse stata una
Caserta Disperato, spara al suo estortore
informazioni e sicurezza. All’incontro strage». E a chi ha criticato l’operato
hanno partecipato anche il sottose- dell’esecutivo in questo settore, ci- DA CASERTA siede e lavora a Pesaro Urbino, stato vittima di un agguato di ca- l’uomo per costringerlo a paga-
gretario alla presidenza del Consiglio tando la mancata ammissione del VALERIA CHIANESE ha raccontato di essere strema- morra da parte di due sicari di re tangenti.
Gianni Letta, il presidente della com- pentito Gaspare Spatuzza nel pro- to dalle continue richieste estor- un clan rivale che viaggiavano a Mosca, esacerbato, ha affronta-
missione affari costituzionali del Se- gramma di protezione o gli elogi allo ra ancora scioccato Anto- sive del giovane Zammariello - bordo di una moto. Ma le testi- to allora Zammariello domenica
nato Carlo Vizzini, il procuratore na-
zionale antimafia Piero Grasso e il di-
rettore dell’Agenzia nazionale dei be-
stalliere Mangano, il Guardasigilli ha
opposto «l’antimafia dei fatti: provve-
dimenti legislativi e arresti non sono
E nio Mosca quando i carabi-
nieri di Aversa lo hanno tro-
vato ieri mattina alle 6,30 dopo
ritenuto dagli inquirenti tra gli
esattori del gruppo Schiavone
del clan dei Casale-
monianze raccolte dai carabi-
nieri hanno contraddetto questa
tesi. A ferirlo grave-
sera, durante una sagra paesana
in località Campo Mauro di San
Marcellino, e gli ha sparato con-
ni sequestrati e confiscati, Mario Mor- opinioni». una breve fuga e una notte di ri- si - e che infine, e-
cone. Critiche sono arrivate dall’opposizio- cerche. Seduto nella sua auto, sasperato, si è fatto L’aguzzino è in gravi mente era stato in-
fatti Antonio Mo-
tro, alla presenza di numerose
persone, ferendolo in modo gra-
I ministri hanno evidenziato i risulta- ne al «trionfalismo» di Maroni e Alfa- un’Audi A6, guardava con occhi giustizia da solo. condizioni: da mesi sca, come in effetti ve all’addome ed alle gambe.
ti raggiunti dal governo Berlusconi in no: «I successi dello Stato nella lotta al- spenti la pistola poggiata sul se- In un primo mo- appurato dalle suc- L’imprenditore è stato arrestato
materia di lotta alla criminalità, gra- la mafia sono dei magistrati e delle dile accanto e con cui aveva spa- mento, quando assillava la vittima, cessive indagini. con l’accusa di tentato omicidio
zie al pacchetto sicurezza e al piano forze dell’ordine» hanno sottolineato rato undici colpi contro Mauri- Zammariello era che ieri ha reagito L’imprenditore, se- e condotto al carcere di Santa
straordinario contro le mafie. In due il senatore Pd Giuseppe Lumia, com- zio Zammariello, 22 anni. Con- giunto quasi in fin condo quanto han- Maria Capua Vetere mentre
anni sono stati arrestati 6.483 mafio- ponente della Commissione antima- dotto in caserma. l’imprendito- di vita all’ospedale no accertato i cara- Zammariello, che è ancora rico-
si, in media 8 al giorno, e 26 superla- fia, Massimo Donadi (Idv) e Walter Vel- re edile 43enne originario di San San Giuseppe Moscati di Aversa, binieri del comando territoriale verato in prognosi riservata al
titanti tra i 30 più pericolosi, in media troni in visita alla casa di Peppino Im- Marcellino - piccolo Comune colpito da diversi proiettili, si e- di Aversa, era da tempo nel mi- Moscati di Aversa, è piantonato
uno al mese. I detenuti al 41 bis sono pastato a Cinisi. dell’agro aversano in provincia ra pensato che il 22enne, an- rino del giovane che minacciava perché ritenuto responsabile di
diventati 681, mentre sono stati sot- E per testimoniare la presenza dello di Caserta -, ma che da tempo ri- ch’egli di San Marcellino, fosse di continuo anche i familiari del- estorsione aggravata.

Copyright (c) Avvenire August 17, 2010 3:32 pm / Powered by TECNAVIA / HIT-M