Sei sulla pagina 1di 19

Limputabilit

Lezione del 27 aprile 2017

Dott.ssa Elena Mariani

Cattedra di Diritto penale


Prof. Fabio Basile
Nella sistematica del reato

Limputabilit si colloca tra gli elementi che


fondano (e graduano) la COLPEVOLEZZA
del soggetto autore di reato e, quindi, la
possibilit di muovergli un rimprovero
personale per la condotta tenuta
Capacit dintendere e di volere
(art. 85 c.p.)

Nessuno pu essere punito per un fatto preveduto


dalla legge come reato, se, al momento in cui lo ha
commesso, non era imputabile.
imputabile chi ha la capacit dintendere e di
volere.
Capacit

di intendere di volere
+

capacit di capacit di libera


comprendere il autodeterminazione,
significato sociale e potere di controllo
le conseguenze dei dei propri impulsi
propri atti (momento volitivo)
(momento intellettivo)
Capacit

Al momento del
+ In relazione a
fatto quello specifico
fatto di reato
Cause che possono escludere la
capacit

Particolari condizioni del soggetto riguardanti:

alterazioni delle sue condizioni fisio-psichiche (artt. 88,


89 e 96 c.p.)

alcuni casi di intossicazione da alcool o da sostanze


stupefacenti (artt. 91, 93 e 95 c.p.)

et (artt. 97 e 98 c.p.)
1) Vizio di mente
Vizio totale di mente Vizio parziale di mente
(art. 88 c.p.) (art. 89 c.p.)

Non imputabile chi, Chi, nel momento in


nel momento in cui ha cui ha commesso il
commesso il fatto, era, fatto, era, per infermit,
per infermit, in tale stato in tale stato di mente da
di mente da escludere la scemare grandemente,
capacit dintendere o di senza escluderla, la
capacit dintendere o
volere di volere, risponde del
reato commesso; ma la
pena diminuita
Nozione di infermit
Condizione che ha agito con meccanismo morboso

interpretazione evolutiva: da malattia mentale in senso


stretto (alterazione mentale su base organico-cerebrale)
fino a comprendere anche i disturbi della personalit o
comunque tutte quelle anomalie psichiche non inquadrabili
nel ristretto novero delle malattie mentali classificate
nosograficamente, purch siano di consistenza, intensit e
gravit tali da incidere concretamente sulla capacit
(sentenza Cass., S.u., 25.1.2005, n. 9163, Raso)

nesso eziologico fra il disturbo mentale e il fatto di reato


2) Sordomutismo
Sordomutismo
(art. 96 c.p.)

Non imputabile il sordomuto che, nel momento in cui ha


commesso il fatto, non aveva, per causa della sua infermit, la
capacit dintendere o di volere.
Se la capacit dintendere o di volere era grandemente
scemata, ma non esclusa, la pena diminuita.

Accertamento caso per caso

(A norma dellart. 1, c. 1, l. 20.2.2006, n. 95, il termine sordomuto sostituito con


lespressione sordo ma, ai fini dellart. 96 c.p., non rilevano la sola sordit o il solo
mutismo. Possibile valutazione ai sensi degli artt. 88 e 89 c.p.)
3) Intossicazione da alcool o da
sostanze stupefacenti
Ubriachezza derivata da caso fortuito o da forza maggiore
(art. 91 c.p.)

Non imputabile chi, nel momento in cui ha commesso


il fatto, non aveva la capacit dintendere o di volere, a
cagione di piena ubriachezza, derivata da caso fortuito o
da forza maggiore.
Se lubriachezza non era piena, ma era tuttavia tale da
scemare grandemente, senza escluderla, la capacit
dintendere o di volere, la pena diminuita.

Art. 93 c.p. azione di sostanze stupefacenti


Cronica intossicazione da alcool o da sostanze
stupefacenti (art. 95 c.p.)

Per i fatti commessi in stato di cronica


intossicazione prodotta da alcool ovvero da
sostanze stupefacenti, si applicano le disposizioni
contenute negli articoli 88 e 89.

Alterazione patologica permanente ed irreversibile a


base organica
4) Minore et
Minore degli anni Minore degli anni
quattordici (art. 97 c.p.) diciotto (art. 98 c.p.)

Non imputabile chi, E imputabile chi, nel


momento in cui ha
nel momento in cui ha
commesso il fatto, aveva
commesso il fatto, non compiuto i quattordici
aveva compiuto i anni, ma non ancora i
quattordici anni diciotto, se aveva
capacit dintendere e di
volere: ma la pena
Presunzione assoluta
diminuita ()
maturit
Accertamento caso per caso
La maturit

un concetto di elaborazione giurisprudenziale e


dottrinale

Ha avuto ampiezza e contenuti diversi nei vari


periodi storici, a seconda delle scelte di politica
criminale attuate nei confronti dei minorenni

Va valutata caso per caso, non c una presunzione


di capacit come per ladulto
Per la valutazione della sua sussistenza vanno considerati:

aspetti psicologici e fisici personali del minore


contesto familiare
condizioni socio-ambientali
et del minore
reato commesso (diverso grado di percepibilit del disvalore)

necessario valutare se sia stato completato il processo di


maturazione fisico, psichico (comprendente sia la componente
emotiva che quella cognitiva) e sociale; se sia stata raggiunta la
capacit di interagire con i propri simili e di interiorizzare o,
almeno, di accettare le norme super-individuali
Rapporti tra infermit ed immaturit
infermit totale esclusione dellimputabilit ex art. 88 c.p.
(inutile indagine sulla capacit di intendere e di volere in conseguenza dellet)

vizio di mente parziale rilievo della maturit

linfermit ha influito, ritardandolo, sul normale sviluppo


psicofisico del minore esclusione dellimputabilit per
immaturit ex art. 98 c.p.

linfermit non ha influito imputabilit, ma seminfermit ex


art. 89 c.p.
(doppia diminuzione di pena: per la minore et e per la seminfermit)
Situazioni che non possono escludere
la capacit

stati emotivi o passionali (art. 90 c.p.)


intossicazione da alcool o da sostanze
stupefacenti (artt. 92, 93 e 94 c.p.)
1) Stati emotivi o passionali
Stati emotivi o passionali
(art. 90 c.p.)

Gli stati emotivi o passionali non escludono n


diminuiscono limputabilit.

Per la giurisprudenza e la dottrina pi recenti: a meno


che non siano la manifestazione esterna di un vero e
proprio squilibrio mentale, anche transitorio, di
carattere patologico tale da integrare gli estremi
dellinfermit mentale
2) Intossicazione da alcool o da
sostanze stupefacenti
Ubriachezza volontaria o colposa Ubriachezza abituale (art. 94 c.p.)
(...) (art. 92 c.p.)
Quando il reato commesso
Lubriachezza non derivata da caso in stato di ubriachezza, e questa
fortuito o da forza maggiore non abituale, la pena aumentata.
esclude n diminuisce la Agli effetti della legge penale,
imputabilit (...) considerato ubriaco abituale chi
dedito alluso di bevande
Art. 93 c.p. azione di sostanze stupefacenti alcooliche e in stato frequente
di ubriachezza.
Laggravamento di pena
Responsabilit per reato doloso o colposo stabilito nella prima parte di
commesso (principio di legalit) questo articolo si applica anche
quando il reato commesso
Finzione di imputabilit a fini di difesa sotto lazione di sostanze
sociale stupefacenti da chi dedito
alluso di tali sostanze.
Stato preordinato dincapacit
(c.d. actio libera in causa)
Stato preordinato Ubriachezza (...)
dincapacit dintendere o preordinata
di volere (art. 92 c.p.)
(art. 87 c.p.)

(...) Se lubriachezza era


La disposizione della preordinata al fine di
prima parte dellarticolo commettere il reato, o di
85 non si applica a chi si prepararsi una scusa, la
messo in stato dincapacit pena aumentata.
dintendere o di volere al
Art. 93 c.p. azione di sostanze
fine di commettere il stupefacenti
reato, o di prepararsi una
scusa.