Sei sulla pagina 1di 35

Laboratorio del Dipartimento di

Metodi e Modelli Matematici per le Scienze Applicate

A.A. 2007/2008

Introduzione a MATLAB
INTRODUZIONE A MATLAB 1

Indice
1 Introduzione 1
1.1 Caratteristiche di MATLAB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2 Accesso a MATLAB da windows . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.3 Regole Generali in MATLAB . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3

2 Primi passi 4
2.1 Operazioni di base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
2.2 Formato di output: il comando format . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.3 Il punto e virgola ; sulla riga di comando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2.4 Costanti e Variabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6

3 Salvare e leggere dati in/da un file 7

4 Matrici e vettori 9
4.1 Elementi di matrici e di vettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
4.2 Funzioni per la costruzione di matrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
4.3 Notazione dei due punti : . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4.4 Matrici estratte e matrici a blocchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.4.1 Matrici estratte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.4.2 Matrici a Blocchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.5 Operazioni Matriciali e Puntuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
4.6 Risoluzione di Sistemi di Equazioni Lineari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
4.7 Altre operazioni sulle matrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
4.7.1 Operazioni sulle righe e sulle colonne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18

5 Grafici 21
5.1 Grafici in 2D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
5.2 Grafici in 2D multipli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
5.3 Cambiare i grafici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
5.4 Grafici in 3D . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24

6 Programmazione 25
6.1 Regole Generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
6.2 Tipi di m-files . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
6.2.1 Files di comandi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
6.2.2 Files di funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
6.3 Strutture di controllo del flusso del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
6.3.1 Istruzione for . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
6.3.2 Istruzione if . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
6.3.3 Istruzione while . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
6.4 Operatori logici e operatori relazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

7 Bibliografia 33
1 INTRODUZIONE 1

1 Introduzione

MATLAB = MATrix LABoratory

1.1 Caratteristiche di MATLAB

Programma di Calcolo Numerico e Calcolo Simbolico.


Si puo considerare come una calcolatrice programmabile molto
potente.
Programma molto popolare tra studenti, ingegneri, tecnici e
ricercatori per le sue caratteristiche:
Programma interattivo.
Capacita Grafiche potenti e semplici.
Possiede un gran numero di Funzioni di tutti i tipi.
Linguaggio di programmazione di alto livello simile a
Fortran, C, Pascal o Basic, pero piu facile da imparare.
Esistono versioni del programma MATLAB da piccoli PC fino a
supercomputers.
1 INTRODUZIONE 2

1.2 Accesso a MATLAB da windows

1. Cliccare due volte con il bottone sinistro del mouse sullicona di


Matlab nel Desktop.
2. Apparira una finestra con il prompt :

>>

3. Creare una directory sulla penna USB (che supponiamo in E)

>> mkdir E:\nome_directory


>> cd E:\nome_ directory
1 INTRODUZIONE 3

1.3 Regole Generali in MATLAB

MATLAB distingue tra maiuscole e minuscole

>> min(2,3)

NON e lo stesso di:

>> MIN(2,3) % errore

Gli spazi HANNO significato in matlab = separano elementi


distinti in una matrice;

>> 12
>> 10e-12

non e lo stesso di

>> 1 2 % errore
>> 10 e-12 % errore

Le PARENTESI TONDE ( ) e le PARENTESI QUA-


DRATE [ ] hanno significati diversi.
Le Frecce: y permettono di recuperare comandi.
Le Frecce: y permettono di correggere gli errori.
Per avere AIUTO nellambiente MATLAB si utilizza il comando
help:

>> help help


>> help for
>> help plot
2 PRIMI PASSI 4

2 Primi passi
2.1 Operazioni di base

+ addizione
exp log log10
- sottrazione
sin cos tan
* moltiplicazione
asin acos atan
^ potenza
abs sqrt sign
\ divisione a sinistra
round floor ceil
/ divisione a destra

Esempi
' $

>> 2 + 3 >> 2 * 2
ans = ans =
5 4

>> 2/6 >> 2\6


ans = ans =
0.3333 3

>> 3*(log10(14.7) - 4/6)/atan(2.3)


ans =
1.2940

>> 1+2i >> abs(4+3j)


ans = ans =
1.0000+2.0000i 5
& %
2 PRIMI PASSI 5

2.2 Formato di output: il comando format

Possiamo cambiare il modo in cui i risultati numerici sono presentati


usando il comando format.

' $

>> pi >> format long


ans = >> pi
3.1416 ans =
3.14159265358979

>> format short e >> format long e


>> pi >> pi
ans = ans =
3.1416e+00 3.141592643589793e+00

>> format bank >> format


>> pi >> pi
ans = ans =
3.14 3.1416
& %

2.3 Il punto e virgola ; sulla riga di comando

Sulla riga di comando si usa il punto e virgola ; alla fine di una


istruzione affiche MATLAB non scriva sullo schermo il risultato cor-
rispondente. Questo NON vuol dire che loperazione non sia stata
eseguita.
2 PRIMI PASSI 6

2.4 Costanti e Variabili

Regole

Possiamo definire costanti e variabili mediante nomi.


Il nome consiste in una lettera seguita da altre lettere, cifre o
sottolinee, fino a un massimo di 31 caratteri in tutto.
MATLAB distigue tra MAIUSCOLE e minuscole.
Le variabili si possono cancellare con clear nome.

Esempi
' $

>> a = 2; A = 3;
>> alfa = 30; conf = pi/180;

>> sin(conf*alfa+A*a)
ans =
0.2381

>> ans^2
ans =
0.0567
& %

Se non diamo un nome a una espressione si crea automaticamente la


variabile ans con cui si possono eseguire operazioni posteriormente.
3 SALVARE E LEGGERE DATI IN/DA UN FILE 7

3 Salvare e leggere dati in/da un file

Il comando

save fname1 x y z

salva le variabili x, y e z in un file (binario) di nome fname1.mat


(MAT-files).
Il comando

load fname2 a b

legge le variabili a e b da un file (binario) di nome fname2.mat. In


fname2.mat potrebbero essere presenti altre variabili oltre ad a e b.
E possibile anche salvare/leggere dati in/da files ASCII: si veda al
proposito lopzione -ascii dei comandi load e save.

Esempio
' $
>> x = 0:pi/5:2*pi;
>> y = sin(x.^2);
>> t = [ x y ];
>> save io.mat t
>> clear t
>> x = t(:,1);
??? Undefined function or variable t.
>> load io
>> x = t(:,1);
>> y = t(:,2);
& %
>> plot(x,y)
3 SALVARE E LEGGERE DATI IN/DA UN FILE 8

Il comando diary

Il comando
diary nomefile
si usa per creare un diario della sessione di MATLAB nel file (ASCII)
nomefile. A partire da questo comando fino alla introduzione sulla riga
di comando del comando
diary off
tutti i comandi che eseguiamo, cos come i risultati che fornisce MATLAB
(salvo i grafici) saranno salvati nel file nomefile. Dopo, e possibile aprire
tale file e modificarlo con un qualsiasi editor di testo.
4 MATRICI E VETTORI 9

4 Matrici e vettori

Matrice: Collezione di numeri ordinati per file


e per colonne.

Le matrici si definiscono con parentesi quadrate [ ].


Gli elementi di una stessa riga si separano con virgole o spazi.
Per indicare la fine di una riga e linizio della seguente si usa il
punto e virgola.
Un vettore riga di n elementi e una matrice 1 n.
Un vettore colonna di n elementi e una matrice n 1.
Uno scalare e una matrice 1 1.
' $
>> A = [ 1 2 3; 4 5 6; 7 8 9 ]

A =
1 2 3
4 5 6
7 8 9

>> v1=[ 1, 2, 3, 4 ]

v1=
&1 2 3 4 %
4 MATRICI E VETTORI 10

' $

>> v2=[ 1; 2; 3 ]
v2 =
1
2
3

>> size(A) >> size(v1)


ans = ans =
3 3 1 4

>> size(v2) >> length(v1)


ans = ans =
3 1 4

& %

4.1 Elementi di matrici e di vettori

Per estrarre lelemento Aij da una matrice A si scrive


A(i,j).
Per estrarre lelemento vk di un vettore v si scrive v(k).

' $

>> A(2,3) >> v1(2)


ans = ans =
6 2
& %
4 MATRICI E VETTORI 11

4.2 Funzioni per la costruzione di matrici

eye(n) matrice identita di dimensioni n n


zeros(m,n) matrice di zeri di dimensioni m n
ones(m,n) matrice di 1 di dimensioni m n
diag(v) matrice diagonale con diagonale {vk }k=1...n
rand(m,n) matrice di numeri random di dimensioni m n

Esempi
' $

>> a=eye(2)
a =
1 0
0 1

>> b=zeros(2,5)
b =
0 0 0 0 0
0 0 0 0 0

>> c=rand(2,2)
c =
0.0579 0.8132
0.3529 0.0099

>> d=diag([-1, 1])


d =
-1 0
0 1

& %
4 MATRICI E VETTORI 12

4.3 Notazione dei due punti :

Loperatore : e uno dei piu importanti in MATLAB. Appare in diversi


contesti:
Per creare una riga di elementi equidistanti:

>> v1= 1:10


v1 =
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

>> v2= 100:-7:50


v2 =
100 93 86 79 65 58 51

>> v3= 0:pi/4:pi


v3 =
0 0.7854 1.5708 2.3562 3.1416

Per estrarre la riga iesima di una matrice A si scrive


A(i,:).
Per estrarre la colonna jesima di una matrice A si scrive
A(:,j).
Per eliminare la riga (colonna) iesima di una matriz A si
scrive A(i,:)=[] (A(:,i)=[]).
Per scrivere una matrice A di dimensioni mn come un vettore
colonna di mn elementi si scrive A(:)
4 MATRICI E VETTORI 13

4.4 Matrici estratte e matrici a blocchi

4.4.1 Matrici estratte

Il comando

A([i1, i2, ..., ir ], [j1, j2, ..., js])

estrae la matrice formata dalle righe i1, i2,. . ., ir e le colonne j1,


j2,. . ., js della matrice A.
Il comando A([i1, i2, ..., ir ],:) estrae la matrice formata dalle
righe i1, i2,. . ., ir della matrice A.
Il comando A(:,[j1, j2, ..., js]) estrae la matrice formata dalle
colonne j1, j2,. . ., js della matrice A.

' $

>> A = [1:2:5 ; 1:4:9 ; 1:0.1:1.2]


A =
1.0000 3.0000 5.0000
1.0000 5.0000 9.0000
1.0000 1.1000 1.2000

>> B=A(1:2,[2 3]) >> C=A([2 1],:)


B = C =
3 5 1 5 9
5 9 1 3 5
& %
4 MATRICI E VETTORI 14

4.4.2 Matrici a Blocchi

Supponiamo di avere una matrice A di dimensioni m n definita a


blocchi, per esempio,
 
A11 A12
A= ,
A21 A22
dove A11, A12, A21 y A22 sono blocchi di dimensioni p r, p s, q r
e q s rispettivamente, tali che p + q = m e r + s = n. Supponiamo
anche di aver gia definito questi blocchi in MATLAB e di averli salvati
nelle variabili A11, A12, A21 e A22 rispettivamente. Allora, possiamo
scrivere la matrice A come

>> A=[ A11, A12; A21, A22 ];

Esempi
' $

>> A11 = [ 1 2; 3 4]; A12 = eye(2);

>> A21 = [ -1 0; 0 -1]; A22=ones(2);

>> A = [ A11 A12; A21 A22 ]


A =
1 2 1 0
3 4 0 1
-1 0 1 1
0 -1 1 1
& %
4 MATRICI E VETTORI 15

4.5 Operazioni Matriciali e Puntuali

Operatori Matriciali Operatori Puntuali


+ somma + somma
differenza differenza
moltiplicazione . moltiplicazione
/ divisione a destra ./ divisione a destra
\ divisione a sinistra .\ divisione a sinistra
potenza . potenza
trasposta

Gli operatori matriciali sono quelli definiti in Algebra


Lineare.
Gli operatori puntuali agiscono elemento per elemento.
Operano tra matrici con le stesse dimensioni. Il risultato e
un altra matrice della stessa grandezza.

Le funzioni di MATLAB (sin, cos, tan, exp, log, sqrt,


abs, ...) quando applicate ad una matrice operano elemento
per elemento.
4 MATRICI E VETTORI 16

4.6 Risoluzione di Sistemi di Equazioni Lineari

A Matrice Quadrata n n. (e invertibile!)

x=A\b = Soluzione di A x = b (x e b vettori colonna)

x=b/A = Soluzione di x A = b (x e b vettori riga)

' $

>> A = [ 1, 3, 0; -1, 2, 1; 2, 5, 4 ];

>> b = [ 7; 3 ; 12 ];

>> x = A \ b
x =
1
2
0
& %
4 MATRICI E VETTORI 17

4.7 Altre operazioni sulle matrici

inv(A) inversa della matrice quadrata A


pinv(A) pseudoinversa (Moore-Penrose) di A
det(A) determinante della matrice quadrata A
rank(A) rango della matrice A
[n,m] = size(A) dimensioni della matrice A
tril(A) parte triangolare inferiore di A
triu(A) parte triangolare superiore di A
trace(A) traccia della matrice A
null(A) base ortogonale del nucleo di A
orth(A) base ortogonale della immagine di A
[L,U,P] = lu(A) fattorizzazione LU di A: P*A = L*U
R=chol(A) fattorizzazione Cholesky di A: A = R*R
[S,D] = eig(A) autovettori/autovalori di A: A*S = S*D
poly(A) coefficienti del polinomio caratteristico
[U,T]=schur(A) fattorizzazione Schur di A: A = U*T*U
[Q,R] = qr(A) fattorizzazione QR di A: Q*R = A
[U,S,V] = svd(A) SVD de A: U*S*V = A
norm(A,p) norma p=1,2 de A
norm(A,inf) norma de A
norm(A,fro) norma di Frobenius di A
cond(A,p) fattore di condizionamiento in norma p di A
4 MATRICI E VETTORI 18

4.7.1 Operazioni sulle righe e sulle colonne

Per scambiare le righe iesima e jesima di una matrice A


si scrive

>> A([i j],:) = A([j i],:);

Per scambiare le colonne iesima e jesima di una matrice


A si scrive

>> A(:,[i j]) = A(:,[j i]);

Per inserire una riga vr (vettore riga) tra le righe kesima e


(k + 1)esima di una matrice A m n si scrive

>> A = [ A(1:k,:); vf; A(k+1:m,:)];

Per inserire una colonna vc (vettore colonna) tra la colonna


kesima e (k + 1)esima di una matrice A mn si scrive

>> A = [ A(:,1:k), vc, A(:,k+1:n)];


4 MATRICI E VETTORI 19

Esempi con vettori

' $

>> a = [1 2]; b = [3 4];


>> a+b
>> a-b
>> a-1
>> b-2
>> 3*a
>> a/2
>> c = a*b
??? Error using ==> *
Inner matrix dimensions must agree.
>> c = a.*b
c =
3 8
>> d = a*b
d =
11
& %

Esercizi
Definire due vettori riga a e b di 3 elementi.

1. Confronta a.b ab
2. Confronta a\b a/b a.\b a./b
3. Confronta a*b b*a
4 MATRICI E VETTORI 20

Esempi con matrici

' $

>> A = [ 1 2; 3 4];
>> B = [ 5 6; 7 8];

>> C = A*B >> D = A.*B


C = D =
19 22 5 12
43 50 21 32

>> E = B.^A >> F = A.^3


D = F =
5 36 1 8
343 4096 27 64

>> G = [ 0 pi/6; pi/2 pi];


>> H = sin(G)
H =
0.0000 0.5000
1.0000 0.0000
& %

Esercizi
Definire una matrice A 22 e un vettore colonna x di 2 elementi.

1. Confronta A.2 A2 A*x x*A


2. Calcola sin(A) cos(x)*(A+1)
3. Confronta A\x x/A
5 GRAFICI 21

5 Grafici

5.1 Grafici in 2D

Rappresentazione dei vettori x e y.


>> plot(x,y)

Esempio:


>>x=-4:.01:4; y=sin(x); plot(x,y)




0.8

0.6

0.4

0.2

0.2

0.4

0.6

0.8

1
4 3 2 1 0 1 2 3 4

Provare con:
#

2
y = ex sullintervallo [1.5, 1.5]
x = cos(3t), y = sen(2t) con t [0, 2].
" !

5.2 Grafici in 2D multipli

1a FORMA
' $

>>x=0:.01:2*pi; y1=sin(x);
>>y2=sin(2*x);y3=sin(4*x);
>>plot(x,y1,x,y2,--,x,y3,.)
& %
5 GRAFICI 22

0.8

0.6

0.4

0.2

0.2

0.4

0.6

0.8

1
0 1 2 3 4 5 6 7

2a FORMA
 

>>x=0:.01:2*pi; Y=[sin(x),sin(2*x),sin(4*x)];
>>plot(x,Y)
 

Opzioni
hold on permette la modifica dellultimo grafico.
hold off disattiva questa opzione.

Esempio:
' $

>>x=0:.01:2*pi;
>>y1=sin(x);y2=sin(2*x);y(3)=sin(4*x);
>>plot(x,y1)
>>hold on
>>plot(x,y2)
>>plot(x,y3)
>>hold off
& %
5 GRAFICI 23

5.3 Cambiare i grafici

Cambiare stile di linea, colore, ecc.:


' $

>>x=0:.01:2*pi; y1=sin(x);
>>y2=sin(2*x);y3=sin(4*x);
>>plot(x,y1,--,x,y2,:,x,y3,+)
& %

Digitare help plot per info su stili di linea e di colore

grid disegna un reticolato quadrato sul grafico.


Estremi della finestra grafica:
axis([xmin,xmax,ymin,ymax])
axis fissa gli estremi attuali.
Scrivendo axis auto torniamo agli estremi di default.
Aggiungere titoli ed etichette:

title titolo del grafico


xlabel etichetta dellasse x
ylabel etichetta dellasse y
gtext testo posizionato interattivamente
text testo posizionato mediante coordinate

Esempi:
1. Scrivere: title(Titolo)
2. Scrivere: gtext(Curva 1) e cliccare con il mouse dove si vuole
che sia posizionato il testo
5 GRAFICI 24

5.4 Grafici in 3D

meshgrid(xx,yy) crea un reticolato a partire dai vettori xx e yy


mesh(xx,yy,z) rappresenta la funzione z(xx, yy) sul reticolato

Esempio:
2 y 2
Graficare z = ex sul dominio [2, 2].

1a FORMA
' $

>>xx=-2:0.1:2;
>>yy=xx;
>>[x,y]=meshgrid(xx,yy);
>>z=exp(-x.^2-y.^2);
>>mesh(z)
& %

2a FORMA
' $

>>[x,y]=meshgrid(-2:0.1:2);
>>z=exp(-x.^2-y.^2);
>>mesh(z)
& %



Altre funzioni per graficare in 3D: plot3, mesh, surf.
6 PROGRAMMAZIONE 25

6 Programmazione

MATLAB permette lesecuzione di files di comandi detti m-


files.
nome.m

6.1 Regole Generali

I file devono essere in formato ASCII.


MAI formato Word, WordPerfect, Write, ecc.
MATLAB deve sapere la directory di lavoro (dove stanno i files).
A tal proposito usare il comando:

>> cd nome_directory

Il simbolo di percentuale % si usa per commenti. E importante


commentare i files indicando il loro scopo.

6.2 Tipi di m-files

Files di Comandi
Files di Funzioni
6 PROGRAMMAZIONE 26

6.2.1 Files di comandi

Sequenza di comandi dentro un m-file.


Per eseguirne uno chiamato nome.m:

>> nome

Sono molto utili, infatti permettono di depurare y riutilizzare


sequenze di comandi facilmente.
Le righe di commenti % saranno mostrate se si scrive:

>> help nome


Esempio : File figura.m
' $

% File esempio di m-file


% Genera la figura di 5.2

x=0:.01:2*pi;y1=sin(x);

y2=sin(2*x);y3=sin(4*x);

plot(x,y1,x,y2,--,x,y3,.)

xlabel(X); ylabel(Y)
title(Grafico multiplo)

& %
 


>> figura 
6 PROGRAMMAZIONE 27
6.2.2 Files di funzioni

Questi files creano nuove funzioni definite dallutente.


Una volta create, si possono utilizzare come una funzione
interna di MATLAB.

Regole e Consigli

File ASCII con estensione .m (m-file).


Cominciare sempre con commenti (%).
La prima parola dopo i commenti deve essere:
function
Il nome della funzione deve essere lo stesso nome del file senza
estensione .m
I parametri di ingresso devono essere gli argomenti della
funzione, chiusi tra parentesi ().
I parametri di uscita vanno davanti al nome della funzione.
Si possono mettere righe in bianco dovunque.
Le variabili definite dentro il file sono locali, cioe, valgono solo
dentro la funzione, fuori non esistono.
I nomi dei parametri di ingresso e di uscita sono variabili mute,
cioe, il loro nome puo essere qualsiasi.
6 PROGRAMMAZIONE 28

Esempio 1
' $
% File: rand10.m
% rand10(m,n) produce una matrice m x n
% di numeri random interi tra 0 e 9

function a = rand10(m,n)
a = floor(10*rand(m,n));
& %

Chiamata
 

 
>> matrice=rand10(3,4)

Esempio 2
' $
% File: sr2.m
% Funzione esempio con parametri
% di ingresso e di uscita.
% I due parametri di ingresso x e y sono due numeri.
% I due di uscita s e r sono la somma e la differenza
% dei loro quadrati, rispettivamente.
% [s,r]=sr2(x,y)

function [out1,out2] = sr2(in1,in2)


out1=in1.^2+in2.^2;
& %
out2=in1.^2-in2.^2;

Chiamata
 

 
>> [s,r]=sr2(3,4)
6 PROGRAMMAZIONE 29

6.3 Strutture di controllo del flusso del programma

Permettono di cambiare lordine di esecuzione sequenziale dei


comandi (uno dietro laltro) in un programma.

6.3.1 Istruzione for

Ripete un insieme di comandi un determinato numero di volte.


for i= vettore riga di indici
istruzioni(i)
end

' $

x =[]; for i = 1:n, x(i)=i^2, end


oppure

x = [];
for i = 1:n
x(i) = i^2;
end
& %

Loop concentrici

for i = 1:m
for j = 1:n
H(i, j) = 1/(i+j-1);
end
end
6 PROGRAMMAZIONE 30

6.3.2 Istruzione if

I comandi verranno eseguiti solo se la relazione e vera


if relazione
comandi
end

Espressioni piu complicate

if n < 0
parita = 0;
elseif rem(n,2) == 0
parita = 2;
else
parita = 1;
end

6.3.3 Istruzione while

Esegue dei comandi Ejecuta fintanto che la relazione e vera.

while relazone
comandi
end
6 PROGRAMMAZIONE 31

6.4 Operatori logici e operatori relazionali

Operatori relazionali

< minore di > maggiore di


<= minore uguale di >= maggiore uguale di
== uguale ~= diverso.

Operatori Logici

& e | o ~ non

Si usano con for, if e while.


Si possono usare con scalari o matrici.
Quando se usano matrici, l operatore attua componente a
componente.
' $
>> A =rand10(3,5)
A =
1 6 7 2 0
8 8 9 4 4
5 3 1 6 1

>> B= A < 5*ones(3,5)


B =
1 0 0 1 1
0 0 0 1 1
0 1 1 0 1

>> p= sum(B(:))/length(A(:))
p =
0.5333
& %
6 PROGRAMMAZIONE 32

Programma Esempio
' $

function P = mult(A,B)

% P = mult(A,B) calcola il prodotto di


% matrici P = A*B, con A e B di dimensioni
% adeguate (se no, si ottiene un messaggio di
% errore)

[mA,nA] = size(A);
[mB,nB] = size(B);

if nA~=mB
error(Matrici di dimensioni inadeguate)
else
P = zeros(mA,nB);
flops(0);
for i=1:mA
for j=1:nB
for k=1:nA
P(i,j) = P(i,j) + A(i,k)*B(k,j);
end
end
end
& %
7 BIBLIOGRAFIA 33

7 Bibliografia

D. Hanselman and B. Littefield, The Student edition of MATLAB:


version 4, Prentice-Hall, 1995.
A. Biran and M. Breiner, Matlab for Engineers, Addison-Wesley,
1995.
Eva Part-Enander, Anders Sjoberg, Bo Melin and Pernilla Isaksson,
The Matlab Handbook, Addison-Wesley, 1996.