Sei sulla pagina 1di 2

1. Il mercato italiano dellInformation Technology, rappresentato da circa 100.

000
imprese, che danno lavoro a circa 400.000 addetti, di cui il circa il 95% composto
piccole aziende con bassi margini operativi, forse uno dei settori pi frammentati
presenti nel nostro territorio e rappresenta uno dei pi importanti poli IT in Europa.

2. tante sono le operazioni di M&A che si cominciano a registrare, ma non per forza
dettate da vincoli dimensionali o per quote di mercato, anzi principalmente per tre
motivi:

Il mercato molto frammentato con crescenti opportunit di crescita che le


attuali aziende, prese individualmente, non sono in grado di soddisfare. Le
acquisizioni servono quindi per consentire una crescita esogena altrimenti non
realizzabile solo con le proprie forze
Acquisizioni di tecnologia, know-how e competenze. In questo caso osserviamo
anche grandi colossi comprare delle piccole societ (si pensi alle App)
Digitalizzazione di aziende tradizionali

Le operazioni di M&A Digital possono avere ad oggetto imprese simili con i


medesimi obiettivi di crescita, piuttosto che aziende operanti in ambiti digitali
diversi ma che vogliono integrare la propria offerta, fino ad arrivare ad acquisizioni
da parte di aziende tradizionali che vogliono innovare il proprio modello di business
grazie alle nuove ed innovative tecnologie digitali.

Le operazioni di M&A rappresentano un significativo acceleratore per lo sviluppo di


tecnologie digitali e crescita con quote di mercato, a partire dai grandi Player
internazionali come Google, che tra il 2005 e il 2015 ha effettuato 185 acquisizioni
e ha investito in oltre 300 startup attraverso il proprio fondo di Venture Capital, ma
anche per il comparto italiano, attraverso la progressiva concentrazione di attori
per dare vita a soggetti di caratura internazionale e la creazione di opportunit per
la nascita di nuovi soggetti.

Gli ambiti nei quali si visto il maggior numero di operazioni sono il mondo del
software e eCommerce. Viceversa operazioni di M&A nel comparto dei produttori di
hardware tradizionali registrano una contrazione, mentre cresce linteresse verso
soluzioni applicative Cloud e Mobile, oltre ad una crescente attenzione verso ambiti
innovativi quali Internet of Things, Wearable e 3D Printing.

3. Le imprese investono sempre di pi in ICT ed cambiata la qualit della domanda,


ora pi attenta alle potenzialit per innovare servizi, prodotti e processi, in particolare
attraverso Cloud, IoT, applicazioni in Mobilit, Big Data, Piattaforme per il web e la
Sicurezza

4. Document management (DM): fondamentale per chi necessit di gestire un grande


flusso di documenti e lintero ciclo di gestione passiva. In primis banche, assicurazioni
ma anche pubblica amministrazione e sanit.

5. Chi era leader nel settore delle stampe da qualche anno ha cominciato a rivedere il
proprio modello di business ampliando il proprio perimetro alla document
management. E.g. Canon ha acquisito IDM (Integra Document Management) e Ricoh
ha acquisito NPO Sistemi e offre servizi documentali.
6. Nella DM un ruolo importante lo ricopre chi pu servire offrire servizi di
archiviazione legale sostitutiva, presumibilmente questo servizio diventer sempre di
pi importante sia in ambito business che privato/quotidiano.

7. il cloud: di fatto un nuovo modo di pensare lIT, basato sulla fruizione anzich sul
possesso delle risorse. Pu portare vantaggi in termini di risparmio e di efficienza ed
offrire lopportunit di innovare prodotti e servizi, tramite modelli scalabili e misurabili
che si prestano allo sviluppo di nuovi business. Big Data e Analytics crescono di
importanza al crescere della disponibilit di informazioni, La capacit di raccoglierle,
trattarle e interpretarle sta diventando una leva di vantaggio competitivo, perch
aumenta la capacit di leggere i mercati, focalizzarsi alla clientela e prendere decisioni
pi rapide ed efficaci.

8. sebbene il mercato IT riservi da un lato ottime opportunit di crescita, daltra parte


costituisce uno dei maggiori temi di discussione per quanto concerne le intrusioni
informatiche. Da un recente studio promosso da Kroll e Banca dItalia si evidenzia
come nonostante limpiego di sistemi anti-intrusione da un crescente numero di
societ, continuano a crescere i casi di intrusione e furto di dati. Il progresso dellIT
non deve essere rallentato, ma probabilmente nei prossimi anni assisteremo a
crescenti operazioni di M&A nellambito della cyber-security