Sei sulla pagina 1di 68

Appunti di

Meccanica Quantistica 11
di V. Formato

A.A. 2007/2008 9 crediti

1 dalle lezioni di L. Biferale


Ringraziamenti
Desidero ringraziare le seguenti persone che mi sono state di grande aiuto nella realizzazione di questo
lavoro:

Prof. Luca Biferale e Dott.ssa Giulia Maria De Divitiis, per le lezioni, gli esercizi e i vari chiarimenti.

Claudia Antolini, Daniele Belardinelli e Marco Pascucci per laiuto nella revisione e nella correzione.

Copyright c 2008 Valerio Formato. Permission is granted to copy and distribute this document under the terms of the GNU Free Documentation
License, Version 1.2 or any later version published by the Free Software Foundation; with no Invariant Sections, no Front-Cover Texts, and no
Back-Cover Texts.

1
Indice

1 Richiami di Fisica Classica 4


1.1 Potenziali assiali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1.2 LHamiltoniana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.3 Parentesi di Poisson . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.3.1 Propriet`a delle parentesi di Poisson . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.3.2 Simmetrie dellHamiltoniana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7

2 Introduzione Storica 8
2.1 Il corpo nero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2.2 Leffetto fotoelettrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.3 La natura ondulatoria della materia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9

3 La Meccanica Quantistica 12
3.1 Postulati della Meccanica Quantistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
3.2 Osservabili quantistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
3.3 Lo Spettro Continuo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
3.4 Loperatore Posizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
3.5 Equazione di Schr odinger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
3.6 Stati stazionari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
3.7 Loperatore impulso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
3.8 Principio di indeterminazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21

4 Potenziali unidimensionali 22
4.1 La particella libera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
4.2 Propriet`a dellequazione di Schrodinger . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
4.3 Densit`
a di corrente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
4.4 Moti unidimensionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
4.4.1 Gradino e Buca di potenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
4.4.2 Oscillatore Armonico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30

5 Il formalismo di Dirac 35
5.1 Bra e Ket . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
5.2 Relazione di completezza e proiettori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36

6 Momento Angolare 38
6.1 Autofunzioni del momento angolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
6.1.1 Regole di selezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
6.2 Composizione di momenti angolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
6.2.1 Caso particolare: l1 = 2, l2 = 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
6.3 Spin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
6.3.1 Lesperimento di Stern Gerlach . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
6.4 Rappresentazioni dello spin/momento angolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

7 Particelle identiche 47

8 Latomo didrogeno 49

2
9 Teoria delle perturbazioni 53
9.1 Perturbazioni non dipendenti dal tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
9.1.1 Sistemi non degeneri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
9.1.2 Sistemi degeneri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
9.2 Applicazioni allatomo di idrogeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
9.2.1 Effetto Stark . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
9.2.2 Interazione spin-orbita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
9.2.3 Effetto Zeeman . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
9.3 Perturbazioni dipendenti dal tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60

A Formule 63
A.1 Oscillatore armonico unidimensionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
A.2 Armoniche Sferiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
A.3 Latomo di idrogeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64

B Dimostrazioni 65
B.1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
B.2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
B.3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
B.4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
B.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
B.6 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
B.7 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
B.8 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
B.9 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67

3
Capitolo 1

Richiami di Fisica Classica

Possiamo tranquillamente pensare che alla base di tutta la meccanica classica vi sia la seconda legge di
Newton:
F = ma (1.1)
In casi particolari, in cui il campo di forze F `e conservativo, `e possibile esprimere la forza come gradiente
di una qualche funzione scalare detta energia potenziale, ovvero nello specifico:

F = V = ma

E facile vedere come in questi casi, se V non dipende esplicitamente dal tempo, lenergia totale E = T +V
sia conservata.
Su queste basi si pu`
o anche definire una funzione Lagrangiana:

L(q, q,
t) = T V (1.2)

o in particolare
1
L(q, q,
t) =
m(q) 2 V (q) (1.3)
2
e dalla lagrangiana si pu`
o definire un funzionale azione
Z t2
S[q]r1 ,r2 = L(q, q,
t) dt (1.4)
t1

il quale dipende unicamente dalla particolare traiettoria considerata (che abbia come estremi q(t1 ) e q(t2 )).
La stazionariet` a dellazione si ottiene solo per quelle traiettorie che soddisfano la 1.1.
Infatti se chiamiamo tale traiettoria q0 possiamo esprimere ogni altra traiettoria vicina a q0 come

q(t) = q0 (t) + (t)
con (t1 ) = (t2 ) = 0 e << 1
q(t)
= q0 (t) + (t)

e possiamo sviluppare S come


2

S 21 S
S[q, ] = S[q, 0] + + +
=0 2 2 =0
ma Z Z  
t2 t2
L L
S[q, ] = L(q + ; q + ;
t) dt = L(q; q;
t) + + dt
t1 t1 q q
e in particolare Z  
t2
L L
S[q, ] = S[q, 0] + + dt
t1 q q
integrando il secondo addendo per parti otteniamo
"Z   t2 Z t2   #
t2
L L L
S[q, ] = S[q, 0] + dt + (t) (t) dt =
t1 q q t1 t1 t q

4
ma il secondo termine `e identicamente nullo, quindi
Z t2  
L L
S[q, ] = S[q, 0] + (t) dt
t1 q t q

Affinche S sia stazionaria occorre che lintegrale sia nullo (t) quindi si ha:

L L
=0 (1.5)
q t q
Se poniamo
1
L= 2 V (q)
m(q)
2
allora
L L
= q V (q) = mq
q q
ed otteniamo, in effetti, le equazioni del moto:
d
(mq)
= q V (q)
dt
e la generalizzazione al caso in pi`
u variabili segue in maniera ovvia.
Vale la pena notare che:
L d L d
=0 =0 pi = 0
qi dt qi dt
ovvero che se la lagrangiana non dipende esplicitamente da una coordinata, allora limpulso lungo quella
coordinata stessa `e conservato.

1.1 Potenziali assiali


Analizziamo il caso di potenziali con simmetria assiale, passando quindi ad una descrizione in coordinate
cilindriche: (, , z).
r = + z z
r = + + z z
=
Calcoliamo la lagrangiana in questo sistema di coordinate:
1 2 1  
L= m (r) V () = m 2 + 2 2 + z 2 V ()
2 2
e calcoliamo gli impulsi generalizzati:
L L L
= m,
= m2 , = mz
z
e otteniamo facilmente le equazioni del moto:
d
dt mz = 0
d
m2 = 0 m2 = cost. = L
dtd 2
dt m = m V

da cui otteniamo:
d L2
m = V + = (V + Vef f )
dt m3
2
L
dove nellultima espressione V = 21 m 2 `
e il cosiddetto potenziale centrifugo sentito dalla particella che non
consente il collasso del sistema per 0.
La trattazione per potenziali centrali `e del tutto simile.

5
1.2 LHamiltoniana
Una formulazione equivalente a quella Lagrangiana `e la formulazione Hamiltoniana.
A partire da una Lagrangiana L(q, q,
t) `e possibile definire una funzione H(q, p, t) tramite loperazione di
trasformata di Legendre 1
Xn
H(q, p, t) = pi qi L(q, q,
t) (1.6)
i=1
L
con pi = qi . Notiamo che lHamiltoniana non dipende dalle qi poiche

H L
= pi =0
qi qi
Ora ricaviamo il principio variazionale tramite H:
Z Z
S = dt L = dt (p q H)

ora come nel caso lagrangiano costruiamo delle traiettorie variate:



q(t) = q0 (t) + (t)
p(t) = p0 (t) + (t)

con (t) e (t) funzioni nulle agli estremi delle traiettorie.


Z
S = dt (q + )(p + ) H(q + , p + , t) =

Z Z   Z  
H H
= dt (qp
H)|=0 + dt q + dt p

p q
ma integrando per parti possiamo ricavare che:
Z Z
t
= (p)|t21 dt p
dt p

quindi: Z Z     
H H
S= dt (qp
H)|=0 + dt q + p
p q
quindi in questo caso, affinche lazione sia stazionaria dobbiamo avere

H
q = p



(1.7)


H
p =
q
Ma chi `e fisicamente H?
1 1
H(q, p, t) = pq L(q, q, 2 + V (q) = m(q)
t) = pq m(q) 2 + V (q) = E
2 2
infatti possiamo notare che se H non dipende esplicitamente dal tempo otteniamo la conservazione
dellenergia del sistema:
d H H H H H H
H= q + p = =0
dt q p q p p q
1 vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Trasformata di Legendre

6
1.3 Parentesi di Poisson
Definiamo le parentesi di Poisson nel seguente modo:
X  F G F G

{F, G} =
i
qi pi pi qi

Dato losservabile F (q, p, t) allora:


d F X F F F X F H F H
F (q, p, t) = + qi + pi = +
dt t i
qi pi t i
qi pi pi qi
ovvero:
d F
F (q, p, t) = + {F, H}
dt t
ed in particolare se F non dipende esplicitamente dal tempo, allora
d
F (q, p, t) = {F, H}
dt
ed F `e integrale primo {F, H} = 0. Diremo quindi che H genera levoluzione temporale di F .

1.3.1 Propriet`
a delle parentesi di Poisson

{F, G} = {G, F }
{F, k} = 0 kR
{F, A + B} = {F, A} + {F, B}
{A, BC} = {A, B}C + {A, C}B
{qi , pj } = ij
{qi , qj } = 0
{pi , pj } = 0

1.3.2 Simmetrie dellHamiltoniana


Vogliamo mostrare che nel caso di simmetria del potenziale per traslazioni, allora {H, P } = 0.
Prendiamo il caso di due corpi soggetti ad un potenziale che dipende solo dalla differenza delle loro
coordinate V (q1 q2 ). Se definiamo P = P1 + P2 limpulso totale.
 2 
P1 P2 2
{H, P } = + + V (q1 q2 ), P1 + P2
2m 2m
notiamo che
{Pi 2 , Pi } = 2Pi {Pi , Pi } = 0
quindi:
{H, P } = {V (q1 q2 ), P1 } + {V (q1 q2 ), P2 }
Ora calcoliamo {V (q1 q2 ), P1 }:
V P1 V P1 V P1 V P1 V
{V (q1 q2 ), P1 } = + =
q1 p1 p1 q1 q2 p2 p2 q2 q1
quindi:
V V V (q1 q2 ) V (q1 q2 )
{H, P } = + = + =
q1 q2 (q1 q2 ) q1 (q1 q2 ) q2
V V
= =0
(q1 q2 ) (q1 q2 )
In particolare per un qualunque osservabile F
n n
X P F P F X F
{P, F } = =
i=1
q i p i p i q i i=0
qi

come nel caso di H diremo quindi che limpulso genera le traslazioni del sistema.

7
Capitolo 2

Introduzione Storica

Alla fine del 1800 la fisica classica riusciva a spiegare un vasto insieme di fenomeni ed osservazioni per
mezzo delle sue teorie, ed il quadro era ormai quasi completo. Rimanevano solo pochi fenomeni inspiegati,
per i quali non sembrava esservi soluzione in termini delle allora attuali teorie. Questi fenomeni erano:
La stabilit`
a dellatomo di idrogeno.
Lo spettro di emissione del corpo nero.
Leffetto fotoelettrico.

2.1 Il corpo nero


Per ogni corpo fisico si possono definire due funzioni E(, T ) e A(, T ) chiamate Potere di emissione e
Potere di assorbimento, ed `e dimostrabile che la frazione EA `e una funzione universale 1 per ogni corpo.
2
In particolare definiamo corpo nero un corpo per cui A(, T ) 1, in tal caso si pu` o ricavare sperimen-
talmente una stima di E(, T ). Dal momento che la densit`a di energia u(, T ) = 4 c E(, T ) deve essere
anche essa una funzione universale si stim`o che u fosse del tipo u(, T ) = 5 f (, T ) con f opportuna
funzione universale.
Difatti dei plot sperimentali del tipo uT 5 vs. T mostravano sempre la stessa curva a prescindere
dal corpo in esame. Sorgeva quindi il problema di calcolare u(, T ).
Attraverso calcoli di meccanica statistica Lord Rayleigh ottenne una stima classica di u(, T ):
8 2
u(, T ) = kT (2.1)
c3
ma tale curva si adattava bene ai dati sperimentali solo per frequenze molto basse. Con linnalzarsi della
frequenza la legge di Rayleigh prevede che lenergia irradiata tenda verso linfinito.
Max Planck ripete gli stessi calcoli, ma sotto lipotesi che lenergia potesse essere quantizzata in multipli
di ununit`
a fondamentale, ed ottenne per u(, T ) la seguente espressione:
8 2 h
u(, T ) = h (2.2)
c3 e kT 1
che, al contrario della (2.1), era perfettamente in accordo con i dati sperimentali.

La quantit`a fondamentale di energia ipotizzata da Planck viene chiamata quanto denergia ed ha valore
h, dove h venne ricavata da Planck tramite il fit con i dati sperimentali ottenendo
h = 6, 55 1027 erg s
oggi il valore accettato di h `e
h = 6, 6262 1027 erg s
Sovente si utilizza al posto di h la costante
h
h=
1 1027 erg s
2
1 Una funzione universale non dipende dal particolare corpo che si sta analizzando
2 vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Corpo nero

8
Figura 2.1: Confronto tra la legge di Rayleigh e la legge di Planck

Vale la pena notare che la (2.1) si ottiene dalla (2.2) nel limite in cui h 0.
Normalmente non siamo in grado di accorgerci degli effetti di quantizzazione dellenergia, infatti basta
notare che per una lampadina da 100W che emette nello spettro del visibile, il numero di quanti emessi
per unit`a di tempo `e circa di 1021 , decisamente troppi perche il nostro occhio possa accorgersene.

2.2 Leffetto fotoelettrico


Leffetto fotoelettrico `e quelleffetto per il quale un metallo, colpito da unopportuna radiazione elettro-
magnetica, emette elettroni. Le peculiarit` a del fenomeno sono le seguenti:

Lemissione o meno di un elettrone non dipende dallintensit`


a della radiazione, ma solo dalla sua
frequenza.

Il numero di elettroni emessi `e proporzionale allintensit`


a della radiazione.

Lenergia degli elettroni emessi non dipende dallintensit`


a della radiazione, ma solo dalla sua fre-
quenza.

Sotto lipotesi di Planck della quantizzazione dellenergia, Einstein spieg`o molto brevemente il fenomeno.
Lelettrone nel metallo ha una sua energia di legame W . Se la luce incidente `e composta da tanti quanti
h, che chiameremo fotoni, solo quelli con energia maggiore di W riusciranno ad estrarre lelettrone dal
metallo, mentre gli altri fotoni, nellurto con lelettrone non riusciranno a cedere abbastanza energia
affinche lelettrone esca dal metallo.
Quindi lemissione di elettroni avviene solo a frequenze maggiori di una certa frequenza limite 0 = W h e
lenergia degli elettroni risulter`
a essere E = h W .
Tale spiegazione fu una delle principali conferme allipotesi di Planck e uno dei primi passi verso
unipotesi particellare della luce.

2.3 La natura ondulatoria della materia.


Abbiamo appena visto come lenergia possa essere quantizzata. Di fatto possiamo affermare che ogni
valore di energia sia multiplo del valore fondamentale

E = n h

ma sappiamo anche che per una particella relativistica lenergia pu`


o essere espressa in funzione del
momento p
E = cp

9
Per un singolo fotone abbiamo
h h
h = cp p= =
c
Lultima relazione `e dovuta a Louis de Broglie, il quale ipotizz`o che anche ad una particella materiale
di momento p pu` o essere associata una lunghezza donda . Lipotesi venne dimostrata con esperimenti
diversi da quello che analizzeremo, anche per il motivo che tale esperimento `e realizzabile solo da pochi
anni.
Supponiamo di porre un emettitore di elettroni di fronte ad una parete con due sottili fenditure, e di
avere dalla parte opposta uno schermo rilevatore. Se ora chiudiamo una delle due fenditure e attiviamo
lemettitore, dopo poco tempo vedremo che il numero di elettroni che hanno colpito lo schermo in un dato
punto seguir`a landamento in figura ()

e-

mentre chiudendo laltra fenditura avremo un pattern simmetrico:

e-

Ma se aprissimo entrambe le fenditure quello che vedremmo sarebbe:

e-

Questo esperimento `e inspiegabile dal punto di vista classico, ma questa non `e lunica novit`a. Lesper-
imento avrebbe lo stesso esito se lemettitore emettesse un elettrone ogni 15 minuti: dopo un tempo
sufficientemente lungo avremmo lo stesso pattern dinterferenza.

10
Quindi in qualche modo, non `e possibile associare una traiettoria allelettrone, ovvero non `e possibile
assegnare allelettrone una posizione ed una velocit` a ben definite poiche la traiettoria deve essere unica.
Bisogna quindi supporre che il concetto di traiettoria ideale perda senso per una particella.
Ammettiamo quindi che lelettrone non abbia una traiettoria definita, e assumiamo che abbia un com-
portamento ondulatorio3 . Essendo per` o lelettrone localizzato quando effettuiamo una misura possiamo
solo supporre che il suo comportamento sia governato da una funzione (o onda) di probabilit` a.
Questo spiega lesperimento: anche il singolo elettrone `e governato da una funzione donda, ma il fatto
sorprendente `e che al momento della misurazione la funzione donda, che fino a quel momento era rimasta
un fenomeno non localizzato, collassa in un unico punto rivelando lelettrone in ununica posizione.
Quindi se `e la funzione donda associata allelettrone, definiamo la probabilit`a di trovare lelettrone
nellintervallo (x, x + dx) come:
P [(x, x + dx)] = ||2 dx
Unaltra conferma dellassenza di una traiettoria ben definita `e portata dal risultato dei tentativi di
misurazione della posizione di una particella. Supponiamo infatti di voler misurare la posizione di un
elettrone con un microscopio elettronico.

-
e hn
x

Dallottica classica sappiamo che in un sistema ottico del genere lincertezza su x `e circa x sin . Il
modo migliore per osservare lelettrone `e quello di illuminarlo con un fotone di energia h. Il fotone urter`
a
con lelettrone, e verr`
a osservato al microscopio purch`e rientri nel cono di visuale della lente, quindi non
conosciamo limpulso del fotone ma solo il fatto che rientra nel cono di visuale. Lincertezza sullimpulso
del fotone implica quindi anche unincertezza sullimpulso dellelettrone.
h
px sin
c
h
x px sin = h
sin c
Questultima relazione `e una conseguenza del Principio di indeterminazione di Heisenberg 4 .
Ma cosa succede se nellesperimento delle due fenditure poniamo un rilevatore proprio davanti una
delle due fenditure?

Dp
a
e-

Per poter dire in quale delle due fenditure `e passato lelettrone abbiamo bisogno di misurarne la
posizione con incertezza x a, da cui discende che lincertezza relativa sullimpulso `e:
p h
=
p ap a

e limprecisione che si propaga sullo schermo `e di circa d a che `e esattamente la distanza tra le frange di
interferenza sullo schermo.
3 questo `
e ben diverso dallaffermare che lelettrone `
e unonda
4 vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Principio di indeterminazione

11
Capitolo 3

La Meccanica Quantistica

3.1 Postulati della Meccanica Quantistica


Come tutte le teorie fisiche, anche la meccanica quantistica si fonda su dei postulati:

Ad ogni stato fisico `e associata una funzione donda (q) definita a meno di una costante complessa
arbitraria
(q) ei (q)

La probabilit`
a di trovare lo stato nellintervallo di posizioni(q, q + dq) `e

|(q)|2 dq

La misurazione di unosservabile sullo stato fisico `e una forma bilineare del tipo1
Z
dq dq (q)(q, q )(q)(q q )

dove `e loperatore che definisce loperazione di misura sullo stato .

Ogni stato fisico realmente realizzabile deve essere normalizzabile, di modo che
Z
dq ||2 = 1

Se E1 (q) `e lo stato fisico in cui misuro con certezza il valore E1 e E2 (q) lo stato in cui misuro con
certezza il valore E2 , allora in uno stato

(q) = cE1 (q) + dE2 (q)

misurer`o con certezza o il valore E1 o il valore E2 .

3.2 Osservabili quantistiche


Abbiamo appena definito loperazione di misura di unosservabile come lapplicazione di un certo operatore
f, associato alla particolare grandezza misurata, sullo stato .
Supponiamo di avere un qualche osservabile fisico (ad esempio lenergia) che sia quantizzato, e consid-
eriamo linsieme dei possibili valori di una misura di quellosservabile.

fn = {Insieme dei possibili valori della misurazione di f}

Se un generico fn `e il risultato della misurazione di f allora devo supporre che esista una n (q) per la
quale se effettuiamo una misurazione di f sullo stato n (q) otteniamo con certezza il valore fn . Queste
particolare n (q) sono chiamate autofunzioni di f, e fn `e lautovalore di f relativo a n (q).
1 Qualora non specificato, lintegrazione `
e fatta su tutti i possibili valori delle coordinate generalizzate dq

12
Supponiamo di avere uno stato (q) e di voler effettuare una misurazione di f. Per il principio di
sovrapposizione lo stato (q) pu`
o essere descritto come
X
(q) = an n (q)
n

ma questo implica anche che le n (q) formano una base per lo spazio delle funzioni donda.
La condizione necessaria affinche (q) appartenga allo spazio delle funzioni donda `e che (q) sia
normalizzabile. Dobbiamo inoltre supporre che |an |2 sia la probabilit`
a di ottenere fn come valore di una
misurazione2 . Ma allora, dato che la funzione donda `e normalizzabile, lo devono essere anche gli an .
Z X
|(q)|2 dq = 1 |an |2 = 1
n
Z X
(q)(q) dq = |an |2
n
P
ma (q) = n an n (q), quindi
X Z X
an n (q)(q) dq = an an
n n
Z
an = n (q)(q) dq
R
oppure, se decidiamo di interpretare la forma (; ) = (q)(q) dq come il prodotto interno nello
spazio delle funzioni donda, possiamo riscrivere molto semplicemente

an = (n ; )

Il valor medio di f `e definito come X


f = fn |an |2
n

riottenibile attraverso la forma Z  


(; f) = (q) f (q) dq (3.1)

con f operatore lineare. Dimostriamolo.


Per definizione di autostato fn (q) = fn n (q), quindi
X X
f(q) = an fn (q) = an fn n (q)
n n

sostituendo nellespressione di f otteniamo


Z X ! ! Z
X XX
f =
am m (q) an fn n (q) dq = am an fn m (q)n (q) dq
m n m n

per riottenere laltra formula dovremmo avere che


Z
m (q)n (q) dq = mn

ovvero che le n (q) siano ortogonali.


Oppure una dimostrazione alternativa si ottiene partendo da
Z XZ X Z

f = dq (q)(f (q)) =
dq (q) an fn n (q) = an fn dq (q)n (q)
n n

ma Z Z
an = dq n (q)(q) an = dq (q)n (q)

2 ci`
o `
e coerente con la definizione di n (q)

13
e quindi X
f = an an fn
n

Dal momento che f `e il valore di aspettazione dellosservabile f dobbiamo necessariamente richiedere


che sia reale, ovvero che f = f .
Z Z
f = dq (q) (f(q)) f = dq (q) (f (q))

Prima di procedere ulteriormente, definiamo loperatore trasposto ft come loperatore per cui vale la
seguente propriet`
a:
(; f) = ( ; ft )
Quindi possiamo riscrivere f come: Z
f = dq (q)(ft (q))

da cui ricaviamo che


f = f ft = f f = (ft ) = f
ovvero che f `e autoaggiunto. Una propriet` a degli operatori autoaggiunti `e quella di avere tutti gli autovalori
reali, il che nel caso delle osservabili f significa che ognuno degli fn `e reale.
Inoltre sappiamo dallalgebra lineare che se gli autovalori di un operatore sono tutti distinti allora i
relativi autovettori formano una base ortonormale, altrimenti se qualche autovalore ha una molteplicit` a
algebrica ma > 1 il relativo autospazio ammette una base ortonormale formata da autovettori di f.
Ora supponiamo di avere due osservabili fisiche f e g misurabili contemporaneamente. Allora il processo
di misura sulln-esimo autostato fornir` a:

fn (q) = fn n (q)
gn (q) = gn n (q)

il che ci dice che ogni autostato di f `e anche autostato di g. Allora

f(
g n ) = f(gn n ) = gn (fn ) = gn fn n
f g = g f
g(fn ) = g(fn n ) = fn (
g n ) = fn gn n

ovvero che [f; g] = 0. Se invece le misure di f e g non hanno un valore contemporaneamente determinato,
allora f g non `e unosservabile, e quindi non `e autoaggiunto. Infatti:

(f g) = g f = g f 6= f g

Dati tre operatori f, g e h


vale la seguente relazione:

[f g; h]
= [f; h]
g + f[
g ; h]

3.3 Lo Spettro Continuo


Abbiamo finora considerato la situazione in cui
X
(q) = an n (q) fn (q) = fn n (q)
n

e abbiamo detto che in questo caso losservabile f `e quantizzato. Ma non `e sempre cos`: esistono osservabili
che possono assumere qualsiasi valore nel continuo, per le quali dobbiamo supporre

ff (q) = f f (q) con f [fmin ; fmax ]

Riassumiamo ora le propriet`


a di unosservabile discretizzato per poi confrontarle con quelle di unosserv-
abile a valori continui:
Principio di sovrapposizione X
(q) = an n (q)
n

14
Autovalori ed autofunzioni
fn (q) = fn n (q)

Probabilit`a di misurare fn
P (fn ) = |an |2

Normalizzazione della probabilit`


a X
|an |2 = 1
n

Coefficienti della sovrapposizione Z


an = dq n (q)(q)

Ortogonalit`a delle autofunzioni


(m ; n ) = mn

Vediamo ora come cambiano queste formule quando f ha uno spettro di valori continuo:
Principio di sovrapposizione Z
(q) = df a(f )f (q)

Autovalori ed autofunzioni
ff (q) = f f (q)

Probabilit`a di misurare un valore tra f e f + df

P (f ; f + df ) = |a(f )|2 df

Normalizzazione della probabilit`


a Z
df |a(f )|2 = 1

Coefficienti della sovrapposizione Z


a(f ) = dqf (q)(q)

Ortogonalit`a delle autofunzioni


(f ; f ) = (f f )
Dallultima considerazione notiamo che cade la propriet` a di normalizzabilit`a delle autofunzioni di f,
infatti: ZZ Z Z
a(f ) = dq df f a(f )f (q) = df a(f ) dq f (q)f (q)

a per cui lultima relazione sia vera, `e che valga3


Lunica possibilit`
Z
dq f (q)f (q) = (f f )

Notiamo che c`e una certa simmetria tra (q) e a(f ):


Z
(q) = df a(f )f (q)
Z
a(f ) = dq f (q)(q)

Ci sono osservabili che ammettono spettro sia discreto che continuo, un esempio in alcuni casi pu`
o
essere lenergia, per cui avremmo
n
X Z Emax
(q) = ai i (q) + dE a(E)E (q)
i=0 Emin

3 Basta
R
ricordare che dalla definizione della delta di Dirac: f (x0 ) = dx f (x)(x x0 )

15
3.4 Loperatore Posizione
Abbiamo postulato che per una particella rappresentata da una funzione donda (q), la probabilit`
a di
rilevarla in una posizione compresa tra q e q + dq `e

|(q)|2 dq

quindi, dal punto di vista statistico, possiamo calcolare q:


Z Z
q = dq q|(q)|2 = dq (q) (q(q))

Ricordiamo ora come `e definito il valor medio di un operatore (3.1) per poter identificare come agisce
loperatore posizione:
q(q) = q(q) (3.2)
e se x (q) `e autofunzione di q di autovalore x allora deve soddisfare la seguente relazione per ogni valore
di q:
qx (q) = xx (q) qx (q) = xx (q) x (q) = (q x)
quindi le autofunzioni delloperatore posizione hanno tutte lespressione di una Delta di Dirac.
Z
x (q) = (q x) (q) = dx a(x)(q x)

Ma |a(x)|2 per definizione `e la probabilit`


a di ottenere x come risultato di una misura di posizione, ma
allora per quanto abbiamo postulato:
Z
|a(x)|2 = |(x)|2 (q) = dx (x)(q x)

il che `e ancora corretto, per la definizione di Delta di Dirac.

3.5 Equazione di Schr


odinger
La Meccanica Quantistica ci ha fornito finora i mezzi per calcolare la probabilit`
a di ottenere un certo valore
dalla misura di unosservabile fisica in termini di una funzione donda che descrive lo stato del sitema fisico.
Per sapere come tale probabilit` a evolve nel tempo, occorre quindi sapere come evolve nel tempo la (q).
Per semplicit` a ipotizziamo che la dipendenza temporale sia del 1 ordine, o meglio, ipotizziamo che sia
regolata dalla seguente equazione:

i
h (q; t) = H(q; t) (3.3)
t
dove H `e loperatore hamiltoniano associato al sistema. Analogamente possiamo scrivere lequazione per
la
(q; t)
i
h (q; t) = H (3.4)
t
La (3.3) `e chiamata equazione di Schr odinger dal nome del fisico che la ricav`
o.
La presenza dellhamiltoniana potrebbe destare la nostra curiosit`a.
In effetti potremmo chiederci chi sia loperatore hamiltoniano di un sistema. Iniziamo col ricordare
come `e espressa in meccanica classica la variazione temporale di unosservabile f :
df f
= + {f ; H}
dt t
ovvero in assenza di dipendenza esplicita dal tempo, levoluzione temporale di f `e determinata da
{f ; H}.
Cercheremo ora di ottenere una relazione simile, assumendo che valga la (3.3), nel caso quantistico.
Iniziamo
R col considerare che essendo ||2 dq una probabilit`
a, dovremo avere che la relazione

dq (q)(q) = 1 vale per ogni istante di tempo, per cui
Z Z
d
0= dq (q)(q) = dq[(t ) + ( t )]
dt

16
Utilizziamo ora le (3.3) e (3.4) per ottenere:
Z   Z
i i i ) (H)]

0 = dq (H ) (H) = dq [(H
h
h h

ma per definizione di operatore trasposto:


Z Z
i t i t H)]

0= dq (H ) (H) = dq [(H
h
h
`e unosservabile, deve essere autoaggiunto H
infatti, se H t H
= 0.

Ora, dato un operatore f voglio definirne la derivata rispetto al tempo, che denoteremo con f, tale
che valga la seguente propriet` a:
 
f f
f = f oppure =
t t

Iniziamo col calcolare f:


Z Z
d
f = dq (f) = dq {t (f) + [(t f)] + [f(t f)]}
dt
Utilizziamo ancora lequazione di Schrodinger per ottenere:
Z Z Z
i )f i
f = dq [(t f)] + dq (H dq (fH)

h h
`e autoaggiunto, quindi:
ma H
Z Z Z
i f) i
f = dq [(t f)] + dq (H dq (fH)

h h
possiamo quindi concludere che:
Z  
i
f = f =
dq (q, t) t f + [H; f ] (q, t)
h


e allora lespressione che cercavamo per f `e:

i
f = t f + [H; f] (3.5)
h
in analogia al caso classico.
Notiamo quindi che se t f = 0 allora f `e conservato se e solo se f commuta con loperatore hamilto-
niano.

3.6 Stati stazionari


Dora in poi ci porremo sempre nel caso in cui per un operatore non vi sia dipendenza esplicita dal tempo
(t f = 0), e verr`
a specificato in caso contrario.
Ne discende automaticamente
Definiamo allora stato stazionario ogni autostato dellhamiltoniana H.
che gli stati stazionari sono le soluzioni della seguente equazione:
n (q) = En n (q)
H (3.6)

Ci occuperemo ora di calcolare qual `e levoluzione temporale delle n (q). Iniziamo dallequazione di
Schrodinger:
i n (q, t) = En n (q, t)
ht n (q, t) = H
i
n (q, t) = n (q, t0 )e h En (tt0 ) (3.7)
allora la n (q, t) lo `e ad ogni istante, dato che
`e interessante notare che se n (q, t0 ) `e un autostato di H
i due stati differiscono solo di un fattore di fase. Ma questo non significa che levoluzione della (q, t) sia

17
banale come quella degli stati stazionari, infatti dal momento che il principio di sovrapposizione vale per
ogni t allora
X
X i
(q, t) = an n (q, t) (q, t) = an e h En t n (q, 0)
n=0 n=0

Verifichiamo ora la validit`a dellequazione di Schrodinger (ci riferiremo sempre al caso t0 = 0 per
semplicit`
a):

X En i En t i X i
(q, t) = an n (q, 0)i e h = an n (q, 0)En e h En t
t n=0
h
h
n=0

X i
i
h t = an n (q, 0)En e h En t
n=0

daltra parte !

X
X
i i
=H
H an n (q, 0)e En t
h
= n (q, 0) =
an e h En t H
n=0 n=0

X i
= an n (q, 0)En e h En t
n=0

quindi

X i
i
h t =
an n (q, 0)En e h En t = H
n=0

Quindi, se per il principio di sovrapposizione abbiamo


"
#
i i i
X i
h
E0 t h
E1 t h
E0 t (En E0 )t
h
= a0 0 e + a1 1 e + = e an n e
n=0

levoluzione della non `e semplice come quella degli autostati, perche dipende dalle differenze nei livelli
energetici dei singoli autostati.
Unaltra propriet`a interessante degli stati stazionari `e che la probabilit`
a di misurare En al tempo t `e
i

an e h En t = |an |

ed `e sempre la stessa per ogni istante di tempo. Una ulteriore propriet` a `e la seguente, supponendo che
= n , allora: Z Z
f = dq (q, t)f (q, t) = dq n (q, t)fn (q, t) =

Z Z
i i
En t

= dq n (q, 0)e h
f n (q, 0)eh
En t
= dq n (q, 0)fn (q, 0)

ovvero, se il sistema `e in uno stato stazionario, il valor medio di f `e conservato.


Sappiamo dallalgebra lineare che pu` o succedere che lo spettro degli autovalori di un operatore lineare
sia degenere, ovvero che possono esserci alcuni autovalori che compaiono con molteplicit` a maggiore di 1,
e ci chiediamo cosa succede in tal caso.
In questa situazione lo spettro di H `e degenere se esistono due osservabili f e g tali che:

f] = 0
[H;
g] = 0
[H;
[f; g] 6= 0
Dimostriamolo:
e f contemporaneamente.
Supponiamo che esista autofunzione di H

= E
H f] = 0
esiste [H;
f = f

perche
supponiamo inoltre che 6 c tale che g = c. Ma g `e autofunzione di H
g = gH
H = gE = E
g

18
ma allora abbiamo due autofunzioni di H ( e g) relative allo stesso autovalore, che sono tra di loro
linearmente indipendenti.
Per finire notiamo che se il sistema non `e in uno stato stazionario allora
XXZ i i
f(t) = dq am e h Em t m (q, 0)fan e h En t n (q, 0) =
m n

XXZ i
= dq am an e h (Em En )t m (q, 0)fn (q, 0)
m n

allora se [f; H]
= 0 fn = fn n e
XXZ i
XX i
Z
f(t) = dq fn am an e h (Em En )t m n = fn am an e h (Em En )t dq m n =
m n m n
XX i
X
= fn am an e h (Em En )t mn = fn |an |2
m n n

3.7 Loperatore impulso


Supponiamo di avere un sistema fisico che sia invariante per traslazioni, ovvero che

(H)(r
+ dr) = H[(r + dr)]

Chiamiamo T loperatore di traslazione del sistema e esprimiamo linvarianza in termini di T:


T(r)] = T[H(r)]
H[ T] = 0
[H;

Ora cerchiamo di ricavare lespressione di T. Espandiamo la (r) in serie di Taylor fino al primo ordine:

(r + dr) = (r) + dri i (r) + (dri )

dalla quale estrapoliamo:


+ i ri )(r)
T(r) = (1
ma allora
T] = 0
[H; 1
[H; + i ri ] = 0 i ] = 0
[H;
quindi, per analogia al caso classico (v. pag.6) possiamo supporre pi i , o pi`
u specificatamente:

pi = ihi (3.8)

E facile verificare che p `e autoaggiunto. Sia f un operatore autoaggiunto, allora

(; f) = ( ; ft ) (; f) = ( ; ft )
Z Z

dq f = dq ft (f, ) = (, f )

f = f (f ; ) = (; f ) (3.9)
Controlliamo che p verifichi la (3.9).
Z Z

(; p) = dq (q) (ih)(q)
= ih dq (q) (q)

integriamo per parti lultimo membro per ottenere


Z
+ )
(; p) = ih [ ] + ih dq (

A causa della normalizzabilit`a delle funzioni donda e devono tendere a zero abbastanza velocemente
per x , quindi Z
(; p) = dq (ih) = (
p; )

19
Abbiamo quindi la forma di T per una trasformazione infinitesima lungo x
:

Tx = 1 + dx i px
+ dxx = 1 (3.10)
h
Per quel che riguarda una traslazione finita, dobbiamo richiedere che effettuare una traslazione di
2x sia come applicare due volte una traslazione di x, ovvero che T(2x) = T2 (x). Lunico modo `e
riconoscere nella (3.10) lo sviluppo in serie di un esponenziale e scrivere:
i
(x + L) = e h Lp(x)

Quindi loperatore per una traslazione finita `e:


(L) = e hi Lp
U
i
U (L) = e h Lp

Notiamo immediatamente che U `e unitario, difatti soddisfa la propriet` aU U


=1
Classicamente `e indifferente lordine con cui si applicano le traslazioni, e lo `e anche in meccanica
quantistica, difatti abbiamo che [
pi ; pj ] = 0. Ma in genere si ha che [
pi ; qj ] 6= 0, difatti

p = i
h
[ px ; x
] = ih(x x xx )
x = x

px (
x) x
(
px ) = ihx (x) x(ihx ) =
= i
h ihxx + ihxx = ih
E quindi
[
px ; x
] = ih (3.11)
La presenza della sola derivata parziale in pi fa s` che

[
pi ; qj ] = ih ij (3.12)

Ora ci poniamo il problema di trovare le autofunzioni di p. Risolviamo il problema agli autovalori di


p:
pp (x) = pp (x) ihx p (x) = pp (x)
questa equazione `e risolvibile per separazione di variabili, e la soluzione `e (considerando tutte e tre le
dimensioni spaziali)
i
p (r) = c e h pr
Notiamo subito che le autofunzioni di p non sono normalizzabili, in quanto |p |2 = |c|2
In base al principio di sovrapposizione possiamo esprimere (r) in termini delle autofunzioni di p
usando la formula Z
i
(r) = dp a(p) e h pr

dove |a(p)|2 `e la probabilit`


a di ottenere p come valore di una misurazione. Al contrario
Z
i
a(p) = dr (r) e h pr

Questa nuova rappresentazione di che otteniamo `e chiamata rappresentazione dimpulso cos` come
quella che abbiamo finora utilizzato `e chiamata rappresentazione di coordinate, come si vede facilmente,
il passaggio da una allaltra si effettua tramite una Trasformata di Fourier.
Vogliamo trovare la forma di x in rappresentazione dimpulso. A tale scopo ricordiamo che lazione di
un operatore `e definita tramite il suo valor medio.
Z Z
r = dp a (p)ra(p) = dr (r) r(r)

ma Z Z
i i
(r) = dp a(p)e h pr e a(p)r(r) = dp r e h pr

svolgendo il secondo integrale per parti otteniamo


Z Z Z
i i a(p) i pr a(p) i pr
r(r) = dp a(p)r e h pr = i h[a(p) e h pr ]+
+ i
h dp e h
= i
h dp e h
p p

20
quindi Z Z
a(p) i pr
r = i
h dr (r) dp e h
p
R i
Ponendo (r) = dp a (p )e h p r abbiamo
Z Z Z Z Z
h i
pr a(p) i pr a(p) i
r = i
h dr dp a (p )e dp e h
= ih dp dp a (p ) dr e h r(pp )
p p
ma lintegrale in dr vale esattamente (p p ) e quindi
Z

r = ih dp a (p) a(p)
p
e possiamo infine concludere che

r = ih (3.13)
p

3.8 Principio di indeterminazione


Possiamo ora ricavare direttamente lespressione del Principio di indeterminazione di Heisenberg. Sup-
poniamo di effettuare un set di misure di x e di p su una particella. Definiamo fin da subito le due
dispersioni come q q
x = (x x )2 p = (p p)2
e fin da subito poniamoci nel caso in cui x
= 0 e p = 0. Data una qualsiasi funzione , consideriamo la
seguente identit`a:
Z + 2
x + d dx 0

con R (3.14)

dx
Z + 2 Z +   
x + d dx =
d d
x + x + dx =

dx dx dx
Z + Z + Z +  
2 2 2 d d d d
= x || dx + dx + x + x dx
dx dx dx dx
calcoliamo i tre integrali separatamente:
1. Z +
2 x2 ||2 dx = 2 x2 = 2 (x)2

2. Z Z
+ +
d d d2 p2 1
dx = dx = 2 = 2 (p)
2
dx dx dx2 h
h
3. Z   Z Z
+ + +
d d d
x + x dx = x ||2 dx = ||2 dx =
dx dx dx

ricomponendo lespressione otteniamo


1
2 (x)2 + (p)2 0
2
h
Affinche questa espressione valga occorre che il polinomio di secondo grado in abbia determinante
negativo
1
b2 4ac = 1 4(x)2 2 (p)2 0
h
da cui ricaviamo:
h
x p (3.15)
2
Luguaglianza nella (3.15) `e ottenuta solo per una particolare funzione donda:
1 1 i x2 2 2 2
(x) = 1e h px
4x2 a(p) = e h 2 x p
(2) x4

21
Capitolo 4

Potenziali unidimensionali

Ora che abbiamo posto le basi per lo studio di un sistema quantistico, inizieremo a studiarne alcuni di
particolare interesse.

4.1 La particella libera


Il primo sistema che usualmente si studia `e quello di una particella libera in assenza di potenziali esterni.
Abbiamo visto come, supponendo la validit`a dellequazione di Schrodinger, loperatore hamiltoniano e i
suoi autostati giochino un ruolo molto particolare nella descrizione di un sistema fisico.
Cerchiamo quindi di costruire una hamiltoniana per una particella libera. Come spesso faremo,
lavoreremo in analogia al caso classico:
2
c = |p| = 1 (px 2 + py 2 + pz 2 )
H
2m 2m
in meccanica quantistica unhamiltoniana del genere diverrebbe:

h2
MQ = h2 2
H (x 2 + y 2 + z 2 ) =
2m 2m
coincidono, infatti1
notiamo fin da subito che in questo caso gli autostati di p e H
2
E = p E = EE
H
2m
e in particolare ne conosciamo lespressione:
i
E (r) = c e h pr

e possiamo ricavare il valore del relativo autovalore:


 
2 2
h 2 2 i pr
h h2 px 2 py 2 pz 2
E = EE e h = 2 2 2 E
2m 2m 2m h
h
h

|p|2
E=
2m

Ma conosciamo esplicitamente levoluzione temporale degli autostati di H
i i i i
E (r; t) = E (r; 0)e h Et = e h Et e h pr = e h (Etpr) (4.1)

la quale rappresenta lespressione di unonda piana ei(wtkx) in cui



=E h
2 2h h
= = =
|k| |p| |p|
k = ph

1 considerando anche il fatto che gli autostati di p e di p2 sono gli stessi

22
ed ecco che ritroviamo la relazione di de Broglie.
|p|2
Consideriamo ora, per semplicit` a, il caso unidimensionale. Per un livello di energia E = 2m abbiamo
due possibili autostati
i i
+
E (x) = e
px x
h e
E (x) = e
h px x

con autovalori px .
Definiamo ora loperatore parit`
a:
P (x) (x)
a di P :
Calcoliamone gli autovalori, partendo da una propriet`

P 2 (x) = P [P (x)] = (x) (P 2 1)(x)


=0

e ricordando dallalgebra lineare che se un operatore soddisfa unequazione allora la soddisfano anche i
suoi autovalori abbiamo
2 1 = 0 1/2 = 1
il che indica che abbiamo solo due possibilit`a:

P P = P funzione pari

P D = D funzione dispari
Dato che P `e autoaggiunto, possiamo scrivere ogni funzione donda in termini degli autostati di P ,
difatti
(x) + (x) (x) (x)
(x) = +
| 2
{z } | 2
{z }
P D

Per quanto detto prima, abbiamo due autofunzioni di p relative allo stesso livello energetico, dobbiamo
`e degenere. Ma [P ; H]
necessariamente concludere che lo spettro di H = 0, infatti se consideriamo come

P agisce sul sistema osserviamo che:


x x
x x
x 2 x 2

ed H viene lasciata invariata dallazione di P . Inoltre sappiamo che [ = 0 ma [


px ; H] px ; P ] 6= 0 difatti,
+
ricordando che E e E sono linearmente indipendenti vediamo come P agisce sugli autostati di px

P + +
E = E 6= cE

P +
E = E 6= dE

4.2 Propriet`
a dellequazione di Schr
odinger
risolvere lequazione di
Dal momento che `e nota levoluzione temporale di un qualunque autostato di H,

Schrodinger `e equivalente al risolvere il problema agli autovalori di H
2 2
= |p| + V (r) = h 2 + V (r) = E
H
2m 2m
che spesso `e riscritta come
2m
2 = (V (r) E) (4.2)
h2
A causa della struttura della (4.2) la funzione `e almeno di classe C 1 , sotto la condizione che il
potenziale V (r) sia limitato. Verifichiamolo in una dimensione, supponendo che V (x) sia discontinuo nel
punto x = x0 , ma con discontinuit` a finita. La (4.2) prende la forma
2m
x 2 = (V (x) E)
h2

23
integriamo entrambe i membri in un intorno di x0 per ottenere
Z xo + Z
2m xo +
x 2 dx = (V (x) E) dx
x0 h2 x0
x + Z
o 2m xo +
= (V (x) E) dx
x h2
x0 x0

ma allora se V (x) `e limitato


x +
o
lim =0
0 x
x0

e quindi x `e continua.
Prendiamo ora in esame il caso di un potenziale limitato inferiormente, con V (x) Vmin , come quello
in Figura 4.1

3,0

2,5

2,0

1,5
V

1,0

0,5

0,0

-0,5

-1,0

0,0 0,5 1,0 1,5 2,0 2,5 3,0

Figura 4.1:

Dal momento che p `e autoaggiunto, ne discende direttamente che p2 0, infatti

(; p2 ) = (; p p) = (
p; p) 0

e dal momento che


2
= T + V = |p| + V (x)
H
2m

ne discende che H Vmin e che quindi ogni autovalore di H, E, soddisfer`a la condizione E Vmin
Se aggiungiamo allipotesi V (x) Vmin anche lipotesi

lim V (x) = 0
x+

allora tutti gli autovalori E < 0 sono di spettro discreto. Lo dimostriamo per assurdo supponendo che
R < 0 appartenga allo spettro continuo. Se cos` fosse, la relativa E non sarebbe normalizzabile, ovvero
E
|E | dx +, e quindi la probabilit`a di trovare la particella in una posizione x con x grande a piacere
sarebbe sempre diversa da 0. Ma per qualche x0 avviene che V (x) > E, quindi T < 0, e possiamo
sempre pensare di effettuare una misura per determinare se la particella sia in una posizione x > x0 con
esito positivo. Se supponiamo di effettuare questa misurazione con una imprecisione grande a piacere, la
pertubazione che questo processo provoca allimpulso della particella non `e sufficiente a far s` che T sia
positivo T < 0 assurdo.
Prendiamo ora in considerazione il potenziale in Figura 4.2 e supponiamo di avere una particella nella
regione x (xa ; xb ).

In questo caso la regione x [xb ; xc ] non `e affatto proibita alla particella, difatti se noi vogliamo
rilevare la presenza della particella in tale intervallo, siamo costretti a misurarne la posizione con precisione

24
xd
xa xb xc
E

Figura 4.2:

x xc xb e, a seconda dellaltezza della barriera, la particella ha la possibilit`a di trovarsi nella regione


x (xc ; xd ), sebbene inizialmente si trovasse nellintervallo (xa ; xb )!
Questo effetto `e chiamato effetto tunnel. La probabilit` a di tunneling di una particella `e calcolabile e
dipende esclusivamente dalla forma della barriera.
Analizziamo ora qualitativamente i potenziali della forma
1
V (x) =
xs
Per questa classe di potenziali, dal punto di vista classico, in un intorno di x = 0 `e permesso qualunque
stato energetico, piccolo a piacere. Analizziamo invece cosa accade dal punto di vista quantistico. Sup-
poniamo di misurare la posizione di una particella in un punto x0 vicino allorigine, con le seguenti
incertezze:
h
x = x0 ; p
x0
con E = T + V data, supponiamo inoltre che p = 0 entro i limiti di osservazione sopra imposti. Allora

p2 1 h2 1
E= s = s
2m x 2mx0 2 x0
Nel limite x0 0 distunguiamo i vari casi:
s > 2: Per x0 0, E come nel caso classico.
s < 2: Il potenziale `e simile a quello in Figura 4.1 esiste un valore minimo dellenergia permessa
alla particella. Questo `e un effetto puramente quantistico.
Viceversa consideriamo il caso in cui x + per il quale effettuiamo una misura di x0 con errore
relativo costante2
h2
1 1 x0 + h2 1
E s
2m (x0 )2 x0 s 2mx0 2 x0
s > 2: Il numero di stati tali che E < 0 `e finito, ovvero esiste un x tale che E(x ) > 0.
s < 2: Esistono infiniti stati tali che E < 0, i quali si addensano vicino al valore E = 0.

Unultima considerazione riguarda la natura degli autostati dellhamiltoniana. Consideriamo ancora il



problema agli autovalori di H:

2 2
h
E (x) + V (x)E (x) = EE (x)
2m
osservando che E (x) soddisfa unequazione differenziale a coefficienti reali, possiamo concludere che gli
possono sempre essere scelti reali.
autostati di H
2 x0 =k
x0

25
4.3 Densit`
a di corrente
Finora ci siamo occupati di casi statici, ma prima di considerare levoluzione dinamica di un sistema
dobbiamo definire alcuni operatori, in primis loperatore velocit` a v. Per definire v abbiamo due possibili
alternative:
p i
v = ; v = r = [H; r]
m h
verifichiamo che sono equivalenti.
= p2 + U
Se lhamiltoniana del sistema `e H (r) allora la seconda definizione fornisce
2m
 
i p2 (r); r = i [ i
v = +U p2 ; r] + [U (r); r]
h 2m
2mh h

ma ricordando la regola [f (
r); r] = 0 otteniamo

i
v = p2 ; r]
[
2mh

si dimostra che3 [
r; f ( hp f (
p)] = i p), ed utilizzando questa relazione si ottiene

i p
v = r; p2 ] =
[
2mh m
e possiamo quindi calcolare loperatore accelerazione come
i i i
= v =
a [H; v] = [H; p] = [U (r); p]

h hm hm

o dimostrare che4 [
analogamente al caso di prima si pu` r)] = ihr f (
p; f ( r) e ottenere

i 1
a
= [U (r); p] = r U (r)
hm
m
ovvero
m (r)
a = r U
Questo ci dice che la meccanica classica `e verificata a livello operatoriale in meccanica quantistica, quindi
in particolare `e soddisfatta dai valori medi delle osservabili che rappresentano le grandezze classiche con
cui abbiamo quotidianamente a che fare.
Siamo ora interessati a sapere come, data la probabilit` a di trovare la particella in un intervallo [a, b],
essa evolva nel tempo.
Z b Z b
d d
P(a, b, t) = (q)(q) dq = [t (q) (q) + (q) t (q)] dq =
dt dt a a
Z b
i h
i
= (H (q)) (q) (q) (H(q)) dq =
a h

Z  2 
i b

h 2 h2 2
= (q) (q) U (r)(q) (q) (q) (q) + U (r)(q) (q) dq =
h a 2m 2m
Z b
i
h  
= (q)2 (q) (q)2 (q) dq
2m a
Considerando dq come un elemento infinitesimo di volume d3 x lultimo integrale pu`
o essere riscritto
come Z
d
P(a, b, t) = j d3 x (4.3)
dt V

avendo posto5
i
h
j= [(q) (q) (q)(q)] (4.4)
2m
3 vedi appendice B
4 vedi appendice B
5 vedi appendice B

26
La (4.3) pu`
o essere riscritta come:
Z Z Z
d
d3 x ||2 = d3 x j = dS n j
dt V V V

dove nellultimo passaggio abbiamo utilizzato il Teorema della divergenza 6 ; oppure possiamo esprimerla
in forma locale:
|2 |
+j=0 (4.5)
t
La (4.3)/(4.5) `e chiamata Equazione di conservazione della probabilit` a.
Per una particella
libera con funzione donda del tipo (4.1) di solito si pone la costante di normalizzazione
al valore C = 1/ v di modo che7
p
j= |j| = 1
mv
In generale, dato un certo potenziale unidimensionale, lo stato stazionario fondamentale 0 (q) non
ha zeri su tutto lasse reale, mentre per gli stati superiori n il numero di zeri `e proporzionale a n dal
momento che (n ; m ) = nm n, m

4.4 Moti unidimensionali


Consideriamo ancora il problema agli autovalori di H, in un contesto unidimensionale la (4.2) prende la
forma:
d2 2m
2
E (x) + 2 (E V (x))(x)
dx h
Iniziamo con losservare che in una dimensione, lo spettro discreto non `e mai degenere. Dimostriamolo
supponendo, per assurdo, che vi siano due autofunzioni di H, appartenenti allo spettro discreto, con lo
stesso autovalore E tali che 1 6= c2 allora

1 = E1
H 1 2 2m
2 = E2 = = 2 (E V (x))
H 1 2 h

allora
d
1 2 2 1 = 0 ( 2 2 1 ) = 0
dx 1
quindi
1 2 2 1 = k
ma siccome le due autofunzioni appartengono allo spettro discreto devono essere normalizzabili, e quindi
k deve necessariamente essere 0, e allora

1 d d
1 2 = 2 1 = 2 log 1 = log 2
1 2 dx dx
da cui otteniamo
log 1 = log 2 + w 1 = c2
assurdo.
Inoltre, se V `e limitato superiormente (V V0 ), allora anche gli stati con 0 < E < V0 , di spettro
continuo, sono non-degeneri.

4.4.1 Gradino e Buca di potenziale


Consideriamo un potenziale della forma V (x) = V0 (x) e cerchiamo una soluzione della (4.2) con
0 < E < V0 . Per x > 0 abbiamo

d2 2m i

2
(x) + 2 E(x) = 0 (x) = e h 2mEx
dx h

6 vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Teorema della divergenza
7 vedi appendice B

27
e dal momento che (x) pu` o essere una qualunque combinazione lineare delle (x) possiamo scegliere,
senza problemi di generalit`
a
(x) = A cos(kx + ) per x > 0
Mentre per x < 0 abbiamo
r
d2 2m ax 2m
(x) + 2 (E V0 )(x) = 0 (x) = e con a = (V0 E)
dx 2
h
h2
ovviamente, per via della normalizzabilit`a, lunica soluzione accettabile `e
x

(x) = e h 2m(V0 E) per x < 0

Facciamo ora un piccolo passo indietro, e poniamo come potenziale V (x) = V0 (x) e iniziamo fin da
subito col porre
2mE 2m(E V0 )
k2 = q2 =
h2
h2
i quali sappiamo gi`
a che saranno i numeri donda delle soluzioni nelle due regioni x < 0 e x > 0.
Iniziamo con la zona x < 0, dove sappiamo che la soluzione deve essere del tipo

1 (x) = Aeikx + Beikx

Poniamo direttamente A = 1 (dal momento che la funzione non `e normalizzabile ci`o `e sempre possibile, e
ci servir`a per studiare il caso di una particella proveniente da x = ) e riscriviamo la 1 (x) come

1 (x) = eikx + Reikx

dove R `e definito come il coefficiente di riflessione dellonda. Si dimostra8 che la densit`a di corrente in
questa regione `e
i
h k
j= ((x)x (x) (x)x (x)) = h (1 |R|2 )
2m m
Nella zona x > 0 invece, la soluzione varia a seconda del segno di q 2 . Prenderemo prima in considerazione
il caso in cui q 2 > 0, anche in questo caso, la soluzione `e del tipo

2 (x) = Aeiqx + Beiqx

e, in accordo con lipotesi di una particella proveniente da poniamo direttamente

2 (x) = T eiqx

dove T `e il coefficiente di trasmissione dellonda. Anche in questo caso si dimostra che9


q
j=h
|T |2
m
Riassumiamo quindi la situazione:


(x) = eikx + Reikx
(x) = T eiqx






k q
j=h (1 |R|2 ) j=h |T |2

m
m






x<0 x>0

Dal momento che la (x) non dipende dal tempo, la (4.5) si riscrive come x j = 0, il che implica che
j sia una funzione costante. Imponendo la continuit`
a nel punto x = 0
k
h q 2
h
(1 |R|2 ) = |T | (4.6)
m m
8 vedi appendice B
9 vedi appendice B

28
Ma anche la (x) e la sua derivata devono essere continue, e quindi allo stesso modo ne imponiamo la
continuit`
a in x = 0 ottenendo

kq

R=
1 + R = T
k+q


k(1 R) = qT


2k
T =
k+q
Ragionevolmente otteniamo che per E >> V0 q k e quindi R 0.
Nel caso in cui 0 < E < V0 , invece, abbiamo q 2 < 0 e mentre la 1 (x) rimane invariata la 2 (x)
sappiamo che assume la forma
2 (x) = T e|q|x
e ripetendo gli stessi calcoli troviamo
2k
|R|2 1 T =
k + i|q|
Come ci saremmo aspettati classicamente, il coefficiente di riflessione `e esattamente 1, questo significa
che tutta londa viene riflessa, ma contrariamente alle aspettazioni classiche il coefficiente di trasmissione
non `e nullo, sebbene sia un numero complesso. Questo significa che `e sempre possibile trovare la parti-
cella allinterno della barriera di potenziale, a patto di misurarne la posizione con una certa precisione.
Ci`
o `e conseguenza del principio di indeterminazione: una misura della posizione sufficientemente precisa
modificherebbe limpulso della particella rendendo la sua energia cinetica media positiva.
Muniti di queste scoperte possiamo analizzare il caso di un potenziale del tipo

V (x) = V0 V0 [(x a) + (x a)] con V0 < 0

anche detto buca finita di potenziale. Iniziamo col considerare che per valori di energia E > 0 avremo
uno spettro di autovalori continuo, mentre per V0 < E < 0 saremo in presenza di spettro discreto. In
questo caso definiamo
2mE 2m(E + V0 )
k2 = 2 q2 =
h
h2
e quindi la funzione donda avr`a unespressione diversa in ognuna delle tre zone:

1 (x) = eikx + Reikx x < a


2 (x) = Aeiqx + Beiqx a < x < a
3 (x) = T eikx x>a

in questo caso la continuit`


a di j porta a
k
h q
h k
h
(1 |R|2 ) = (|A|2 |B|2 ) = |T |2
2m 2m 2m
mentre la continuit`
a di (x) e di x (x) impone
 ika 
e + Reika = Aeiqa + Beiqa Aeiqa + Beiqa = T eika
x = a ika x=a
ik(e Reika ) = iq(Aeiqa Beiqa ) iq(Aeiqa Beiqa ) = ikT eika

da cui otteniamo
ie2ika (q 2 k 2 ) sin(2qa)

R=

2qk cos(2qa) i(q 2 + k 2 ) sin(2qa)

2kqe2ika



T =

2kq cos(2qa) i(q 2 + k 2 ) sin(2qa)
Notiamo che continua a valere che per E >> |V0 | k q ed R 0, ma ci sono anche altri casi in cui
R `e esattamente 0, ovvero tutti quei casi in cui 2qa = n. Ci` o si spiega facilmente ipotizzando che in
questi casi le riflessioni della funzione donda nei punti a e a si sommano interferendo distruttivamente
luna con laltra, per cui dal punto di vista della particella `e come se la buca non esistesse. Osservando
la definizione di q 2 `e facile vedere che si tratta dei casi (nello spettro continuo) in cui lenergia assume i
valori
n2 2 h2
E = |V0 | + con n N
8ma2

29
Per completezza analizziamo il potenziale U (x) = V (x) che rappresenta una barriera finita di poten-
ziale. Lunico cambio che dobbiamo effettuare nei nostri calcoli `e sostituire q con i
q dal momento che ora
`e immaginario puro. Da notare lespressione di |T |2

(2k q)2
|T |2 =
(k 2 + q2 )2 sinh(2 q a) + 2
qk

come rappresentazione delleffetto tunnel. Nel limite10 qa +

(2k q)2 4qa


|T |2 e
(k 2 + q2 )2

E interessante considerare che approssimando un generico potenziale con una funzione costante a
tratti11 si pu`
o facilmente ottenere che nel tratto xi

|Ti |2 e4qi ai = e2qi xi

e se il passo `e sufficientemente piccolo


q
2m
2xi [V (ai )E]
|Ti |2 e 2
h

Q
Considerando che |T |2 i |Ti |2 e effettuando il passaggio al limite xi 0 otteniamo
Rb q
2m
2 2 dx 2
[V (x)E]
|T | e a h (4.7)

4.4.2 Oscillatore Armonico


Consideriamo lHamiltoniana
2
H = p + 1 kx2
2m 2
e cerchiamo di risolvere il problema agli autovalori

n = En n 2 d2
h 1
H n (x) + kx2 n (x) = En n (x)
2m dx2 2
risolveremo questa equazione avvalendoci di due diversi metodi.

Primo metodo
Invece di risolvere il problema di Cauchy, imponiamo la condizione al contorno

lim n (x) = 0
x

e introduciamo i seguenti parametri:


r r
k 2E m
= ; = ; y= x
m h h
lequazione agli autovalori diventa cos`

d2
(y) + ( y 2 )(y) = 0 (4.8)
dy 2
Consideriamo una prima approssimazione nella soluzione, per fissato e nel limite y + ci limitiamo
a risolvere  
d2 2 d d2 2
(y) y (y) = 0 2 (y) y (y) =0
dy 2 dy dy 2
 2 " 2 #
d d d d d
y 2 2 = 0 y 2 2 = 2y2
dy dy dy dy dy
10 dire qa + ` e come dire U0 +
11 come nel procedimento di integrazione di Riemann

30
trascuriamo il termine a secondo membro in quanto di ordine inferiore e otteniamo
 2
d d p 2 2
= y 2 2 + k = y +k
dy dy

ma la richiesta che e x tendano a 0 per x impone che k = 0, e quindi


d y2 y2
= y|| = e 2 = e 2
dy
dal momento che `e lunica soluzione normalizzabile. Ci aspettiamo quindi che la vera soluzione sia del
tipo
2
y2
(y) = (y)e
sostituendo nellequazione originale otteniamo
" #
y2 d 2
d

e 2 2y
=0
+ ( 1)
dy 2 dy

La soluzione pu`
o essere trovata nello spazio vettoriale delle funzioni polinomiali, e senza dilungarci oltre
su questo argomento poniamo fin da subito
+
X
=
an y n
n=0

ottenendo
+
X +
X +
X
nan (n 1)y n2 2y an ny n1 + ( 1) an y n
n=0 n=0 n=0

tenendo conto che nella prima sommatoria i termini in n = 0 e in n = 1 sono nulli, possiamo scrivere,
dopo aver posto12 n = m + 2,
+
X +
X +
X
m m
am+2 (m + 1)(m + 2)y 2 mam y + ( 1)am y m = 0
m=0 m=0 m=0

+
X
[am+2 (m + 1)(m + 2) 2mam + am ( 1)]y m = 0
m=0

affinche ci`o valga y occorre che

(m + 1)(m + 2)am+2 + ( 1 2m)am = 0

Questa relazione di ricorrenza ci permette di conoscere tutti i coefficienti am a patto di conoscere a0 e a1 ,


otteniamo infatti
(1 ) + 2m
am+2 = am
(m + 1)(m + 2)
se uno dei due coefficienti a0 o a1 `e nullo otteniamo rispettivamente delle funzioni dispari o pari13 e ci`o
era prevedibile, data linvarianza di H per parit`a.
2
Nel limite m + la relazione si trasforma in am+2 = m am . Se prendiamo un N abbastanza grande,
e m > N allora abbiamo
+
X

(y) = PN (y) + am y m
m=N

con PN (y) opportuno polinomio di grado N in y.


+  
X
m N 2 N +2 4 N +4 8 N +6
am y = aN y + y + y + y + + aN +1 [y N +1 + ]
N N (N + 2) N (N + 2)(N + 4)
m=N
12 nelle altre due sommatorie cambieremo semplicemente lindice muto in m
13 a causa dellespansione in serie di potenze che abbiamo ipotizzato

31
possiamo riscrivere la parte pari come
  " 2 N 1 2 N 2 N
#
N (y ) 2 (y ) 2 (y ) 2 +1 2
aN y 2 1 ! N  + N + N  + = ey P1 (y)
2 2 1 ! 2 ! 2 +1 !

riconoscendo nelle parentesi quadre lo sviluppo in serie troncato di un esponenziale. Allora14


 
N 2
(y) = PN (y) + aN y 2 1 !ey
2

avendo raccolto tutti i termini polinomiali nella scrittura PN (y). Quindi abbiamo ottenuto
      2
2 N y2
2
y2
2
y2 2 N y
(y) = PN (y) + aN y 1 !e e = PN (y)e + aN y 1 !e 2
2 2
 y2
Nellespressione che abbiamo ottenuto, il termine aN y 2 N2 1 !e 2 rompe le condizioni di normalizzabilit`a
della funzione donda, a meno che non si abbia che per qualche m valga

m = 2m + 1

di modo che am+2 = 0 e lo sviluppo di esponenziale si annulli lasciandoci con


y2
(y) = PN (y)e 2

y2

la quale `e proprio della forma (y) = (y)e 2
con
m
X


m (y) = an y n
n=0



= 2m + 1
m

sono
e dove gli autovalori di H  
1
Em = h
m + (4.9)
2
m (y) sono chiamate Polinomi di Hermite 15 e sono generati dalla formula
Le
2 dm y2
Hm (y) = (1)m ey e (4.10)
dy m
2
e sono ortogonali su uno spazio vettoriale in cui il prodotto interno `e pesato con un fattore ey , questo
infatti garantisce lortogonalit`
a delle n (y)
Z + Z +
2

(m ; n ) = dy m (y)n (y) = dy Hm (y)Hn (y)ey = mn

Notiamo che esiste un livello minimo di energia non nullo E0 = 12 h


al contrario del caso classico, e
questo discende direttamente dal principio di indeterminazione.

Secondo metodo
Torniamo allhamiltoniana
2
= p + 1 m 2 x2
H
2m 2
dal punto di vista classico essa pu`
o essere scomposta nel seguente modo:
r  r 
m p m p
Hmc = i
x + i
x
2 2m 2 2m
14 Prendiamo solo la parte pari, dal momento che H `
e invariante per parit`
a e quindi le sue autofunzioni saranno di parit`
a
ben definita.
15 vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Polinomi di Hermite

32
Ma questa scomposizione non `e corretta in meccanica quantistica, infatti
r  r   
mc = m p m p m 2 p2
H i
x + i
x = x
+ i [
p; x
]
2 2m 2 2m 2 2m 2

Quindi H mc = H
h . Delle due hamiltoniane, quella effettivamente in accordo con i dati sperimentali
2
e risulta quindi utile definire due nuovi operatori A e A come
`e H,
r r
m p m p
A = + i
x e A =

i
x
2 2m 2 2m

notiamo che A e A non sono autoaggiunti, e quindi non rappresentano quantit`a osservabili.
In questo modo
H = A A + h
2
a utile calcolare il commutatore tra A e A . Si dimostra facilmente16 che
In generale ci sar`
A ] = h
[A; (4.11)
pu`
cos` che H o essere scritta anche come

= A A + h
H

= AA +
h A ] = AA h
[A;
2 2 2

a degli operatori A e A sono le seguenti17 :


Altre due propriet`
A]
[H; = h A

A ] = +
[H; h A
In base a ci` Verifichiamo infatti cosa succede se
o possiamo risolvere il problema agli autovalori di H.

applichiamo loperatore A ad un autostato di H, considerando a tal proposito lapplicazione delloperatore
A]:
[H;
A]
[H; E =H A
E AH E = h A E

A
H E E A
E = E
h A A
H( E ) = (E h)(A
E)
E =
rinominando A otteniamo

H = (E h)

Osserviamo quindi che applicando A ad un autostato dellhamiltoniana otteniamo un nuovo autostato


h, per tal motivo loperatore A viene chiamato operatore di abbassamento.
relativo al livello energetico E
Ma allora
E = c(E)Eh
A e A
A( E ) = c(E)c (E)E2h

o, pi`
u in generale
An E = cn (E)Enh
ma dal momento che esiste uno stato di energia minima E0 allora esiste una E0 tale che A E = 0, per
0
definizione. Ma allora
E + h E = h E
E = A A
H 0 0 0 0
2 2
da cui ricaviamo immediatamente
1
E0 = h
2
E da notare la potenza di questo metodo, ci ha permesso infatti di ricavare subito il valore di E0 senza
passaggi algebrici particolarmente complicati, e con la stessa semplicit`
a si possono ricavare anche i valori
degli altri stati energetici. Infatti
A ]E = H
[H; A E A H
E =h
A E

A E A E = h
H A E A E ) = (E + h
H( )(A E )
16 vedi B
17 vedi appendice B

33
A E = c(E)E+h
difatti loperatore A viene chiamato operatore di innalzamento. Otteniamo tutti i rimanenti stati ener-
getici applicando ripetutamente A , e ritroviamo la (4.9).
Rimane ancora da soddisfare la richiesta che gli autostati siano normalizzabili, dobbiamo richiedere
quindi che (n ; n ) = 1, potendo esprimere ln-esimo autostato come

(A )n 0 = cn n

otteniamo subito  
|cn |2 (n ; n ) = (A )n 0 ; (A )n 0

ma per la propriet`
a di operatore aggiunto abbiamo
 n

|cn |2 (n ; n ) = 0 ; An A 0

ma utilizzando la (4.11)
n n1 n1 n1
An A = An1 AA A = An1 A AA An1 A
+h

Possiamo applicare questa scomposizione n volte sui prodotti AA per ottenere


n 2 n2 n1 n n1
An A = An1 A AA hAn1 A
+ 2 = An1 A A + nhAn1 A

e quindi    
n
0 + nh 0 ; An1 An1 0
|cn |2 (n ; n ) = 0 ; An1 A A

il primo addendo al secondo membro `e nullo in quanto A 0 = 0 e ci`o che rimane `e


 n1 n1

h A 0 ; A 0 = nh|cn1 |2 (n1 ; n1 )
|cn |2 (n ; n ) = n

abbiamo ottenuto
|cn |2 = nh|cn1 |2
da questa relazione di ricorrenza ci basta conoscere c0 per fissare gli altri coefficienti, ma dal momento che
0
A 0 = 1
0 = 0 = c0 0 c0 = 1

e quindi
hn
|cn |2 = n!
e dal momento che possono sempre essere scelti reali, otteniamo
n
cn = n! h (4.12)

e quindi dalla conoscenza di 0 possiamo ricavare tutti gli altri stati


1 n
n = A 0
hn
n!

e 0 pu` 0=0
o essere ricavato facilmente dal momento che A
r  r
m p h d m
+ i
x 0 = 0 0 + x0 = 0
2 2m 2m dx 2

d m m 2
0 = x0 0 = c e 2h x
dx h

34
Capitolo 5

Il formalismo di Dirac

Consideriamo il principio di sovrapposizione:


X
(x) = cn n (x)
n

da esso discende direttamente che conoscere (x) o conoscere le varie cn `e perfettamente uguale ai fini
della descrizione del sistema fisico, equivalentemente al problema di conoscere lespressione di un vettore,
o le sue componenti in una data base di uno spazio lineare. Nel 1930 il fisico inglese Paul Adrien Maurice
Dirac ebbe lidea di considerare ogni particolare stato fisico di un sistema come rappresentato da un vettore
|mi definito in uno spazio vettoriale lineare V, a questi particolari vettori viene attribuito il nome di ket.

5.1 Bra e Ket


Secondo questa visione, in effetti, il principio di sovrapposizione discende direttamente dalla definizione
di spazio vettoriale lineare, infatti

c1 |i + c2 |i = |i V con c1 , c2 C

Vi `e tutta una teoria dietro questo tipo di rappresentazione, che esula dai contenuti di questo corso,
tuttavia ci limiteremo a presentare solo le nozioni necessarie.
In genere si pu` o associare allo spazio V uno spazio duale 1 V i cui vettori sono in corrispondenza
antilineare con i vettori di V
c |i h|c
c |i + c |i h|c + h|c
I vettori di V sono chiamati bra.
Tra i due spazi vettoriali `e definito un prodotto interno hermitiano h | i : V V 7 C tale che

h|i 0 |i V

Ci converr`
a pensare per semplicit`
a i ket come dei vettori colonna e i bra come dei vettori riga, anche
se a volte avremo a che fare con vettori di dimensione infinita

n1
n2 
hn| n1 n2 nm

|ni .
..
nm
Ora ci rimane da definire lazione degli operatori sui vettori di questi spazi lineari, seguendo il principio
della corrispondenza antilineare possiamo supporre che

|i = A|i h| = h|A

e difatti questa scelta `e perfettamente sensata e non viola le condizioni sopra imposte per il prodotto
interno, dal momento che
h|i = h|A A|i
0
1 vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Spazio duale

35
Tra i due spazi vettoriali `e possibili definire anche un prodotto esterno :V V 7 |ih|, il cui
risultato

|i h| = |ih| = O
`e un operatore, difatti
= |ih|i = c |i
O|i
= h|ih| = h|c
h|O
In questi esempi sembra chiaro, ma `e sempre bene specificare che in questa notazione un operatore
agisce su un ket da sinistra e su un bra da destra, per motivi di coerenza nel formalismo.
e lo faremo ponendo
Passiamo ora alla definizione di O
= (|ih|) = |ih|
O

tale definizione `e coerente, dal momento che se



|i = O|i e
h| = h|O

allora
|i = |ih|i = c |i
h| = h|ih| = h|c
In generale se raffiguriamo i ket con i vettori colonna e i bra con i vettori riga, allora un operatore deve
essere raffigurato con una matrice, costruita secondo la semplice regola

|i = i ; h| = i Oij = i j

(allo stesso modo possiamo pensare h|i = i i )

5.2 Relazione di completezza e proiettori


Supponiamo di avere una base di V composta dai ket {|an i}, allora per definizione di base, qualsiasi ket
pu`
o essere scritto nella forma X
|i = cn |an i
n

ed `e sempre possibile scegliere i ket {|an i} in modo che formino una base ortonormale, ovvero che hai |aj i =
ij . In questo modo vale la relazione cn = han |i, infatti
X X
han |i = ci han |ai i = ci ni = cn
i i

e il ket |i pu`
o essere anche scritto come
!
X X X X
|i = ci |ai i = hai |i|ai i = |ai ihai |i = |ai ihai | |i
i i i i

da cui otteniamo la Relazione di completezza, ovvero


X

|ai ihai | = 1 (5.1)
i

Per semplicit`
a di notazione ora etichetteremo ln-esimo vettore della base direttamente con il numero
n (|an i |ni).
La relazione di completezza ci permette quindi di calcolare direttamente la norma di un vettore, infatti
!
X X X X
h|i = h| |nihn| |i = h|nihn|i = cn cn = |cn |2
n n n n

I singoli operatori Pn = |nihn| vengono chiamati proiettori, dal momento che la loro azione su un
qualsiasi vettore `e quella di proiettarlo lungo il sottospazio vettoriale generato da |ni, infatti
X
Pm |i = cn |mihm|ni = cm |mi
n

36
Per un proiettore vale la relazione Pn2 = Pn , infatti

Pn2 = |nihn|nihn| = |nihn| = Pn

il che ci dice che gli autovalori di un proiettore soddisfano lequazione 2 = 0, che fornisce i valori
1 = 0 e 2 = 1
Ora vedremo come ricavare la forma di un operatore, conoscendo come esso agisce su un ket. Prendiamo
per ipotesi P
|i = P i i |ai i
|i = X|i con
|i = i i |ai i
una volta fissata la base di V sono fissati automaticamente anche i coefficienti i e i . Studiamo
lespressione X
ii =
haj |X|a k ihak |ai i = Xji
haj |al ihal |X|a
k,l

k i allora otteniamo
per cui se decidiamo di identificare Xlk con hal |X|a
X X

i = hai |i = hai |X|i = l ihal |i =
hai |X|a Xil l
l l

che le coordinate
per cui, una volta assegnata una base, `e direttamente fissata sia la forma della matrice X
del vettore |i.

37
Capitolo 6

Momento Angolare

Consideriamo il sistema in figura al quale `e stata applicata una rotazione di un angolo intorno allasse
z

r
df
f r
y

Figura 6.1:

z. Possiamo, per comodit` a, raffigurare tale rotazione tramite un vettore = ||, dove `e il relativo
versore diretto lungo lasse z, mentre1 .

r = r r = r ri = ijk j rk

quindi sotto rotazione la funzione donda varier`a come

(r ) = (r + r) = (r) + ri i = (r) + ijk j rk i

e riarrangiando gli indici


(r ) = (r) + (r )(r)
da cui si ottiene che loperatore che genera le rotazioni `e loperatore

r rp=L

per cui  
i
(r ) = (r) + L (r)
h
Similmente a quanto ipotizzato per le traslazioni generalizziamo ad una rotazione finita ponendo
i
(r ) = e h L (r)
1 Ricordiamo che ijk `
e il tensore di Levi-Civita, o tensore completamente antisimmetrico di Ricci

38
Ovviamente se lhamiltoniana `e invariante per rotazioni avremo [H; L] = 0, inoltre dal momento che il
gruppo delle rotazioni in tre dimensioni O3 (R) non `e abeliano si ha la generale propriet`
a che le rotazioni
attorno ad assi diversi non commutano, e possiamo verificarlo. Dalla definizione L = ih(r ) abbiamo

x = ih(yz zy )
L
y = ih(zx xz )
L
z = ih(xy yx )
L

allora
xL
L y = h2 (yz zy )(zx xz ) =
h2 [yx + zx (yz ) xz (yz ) zx (zy ) + xz (zy ) xy ] =

= h2 [yx xy + zx (yz zy ) xz (yz zy )] = h2 [yx xy (zx xz )(yz zy )] =


yL
=L x + (ih2 )(yx xy )

e quindi
x; L
[L y ] = ihL
z

che discende dalla regola generale


i; L
[L j ] = ihijk L
k (6.1)
Supponiamo che il sistema sia in uno stato stazionario non degenere E (q), si dimostra in tal caso che
< L >= 0; difatti lequazione di Schrodinger `e invariante secondo il cambio di variabile t t, a patto
di sostituire con . Di contro il momento angolare `e definito come L = r p = r mr, perci`o quando
operiamo la sostituzione t t avremo L L, e quindi, dato che L `e autoaggiunto

< L >E = < L >E < L >E = 0

Un altro operatore che ci risulter` 2 = L L che ha la propriet`


a utile `e loperatore L a di commutare con
2 2
qualsiasi componente di L ([Lk ; L ] = 0) e possiamo quindi cercare autofunzioni di L z e L2.
Per semplicit`
a poniamo che h 2 2
m sia lautovalore di Lz e h l(l + 1) sia lautovalore di L , in tal caso

z lm (, ) = h
L mlm (, )

L2 lm (, ) = h 2 l(l + 1)lm (, )

Prima di procedere, per`


o, riscriviamo i vari operatori in coordinate sferiche introducendo prima due
= L
operatori L x iL
y:
z = ih
L

  (6.2)
= h i
L e + i cot

z:
Ora risolviamo il problema agli autovalori per L

i
h lm (, ) = h
mlm (, )

Questa equazione coinvolge solo la variabile , ed `e chiaro che definisce solamente la dipendenza funzionale
da tale variabile. Infatti la soluzione `e

lm (, ) = cf ()eim

richiediamo la normalizzabilit`a di lm , supponendo che f () sia gi`


a stata normalizzata
Z 2
1
d |lm |2 = 1 c=
0 2
bisogna per`
o porre un vincolo su m. Dal momento che una rotazione di 2 lascia invariato il sistema, si
ha che
lm (, + 2) = lm (, ) mZ
2 vedi appendice B

39
In realt`a questo vincolo `e fin troppo forte, e pu`
o essere rilassato, infatti utilizzando il principio di
sovrapposizione si ottiene
X X X
(q) = cm eim = cm ei(+2)m = eic cm eim
m m m

In questo caso, infatti, se richiediamo che una rotazione di 2 lasci invariato il sistema, stiamo richiedendo
che leffetto che questa rotazione abbia sul sistema, sia quello di un semplice fattore di fase unitario eic
fisicamente non rilevabile, e quindi stiamo imponendo che m sia della forma

m=k+c kZ

Stavolta invece la condizione `e troppo debole, poiche dobbiamo necessariamente richiedere che cambiando
lorientamento dellasse z anche lm cambi segno, e gli unici valori di c che verificano questa condizione
sono 0 e 12 , per cui m pu`
o assumere un qualsiasi valore tra i seguenti
 
1 3 5
m {0, 1, 2, } oppure m , , ,
2 2 2

Sistemi fisici con c = 0 o c = 12 sono completamente differenti.


Verifichiamo che le autofunzioni cos` ottenute siano ortogonali:
Z Z Z 2
1
hlm |lm i = d lm (, )lm (, ) = d sin d eim eim = mm
2 0 0

Passiamo ora a ricavare lespressione delle autofunzioni di L 2 . Ricordiamo che L


2 pu`
o essere espresso
in due modi:
2 = L
L L+ + L2 + h z
L
z
2 = L
L +L + L z
2 hL
z

e L
e che i due operatori L + godono delle seguenti propriet`
a di commutazione:
+; L
[L ] = 2
hLz +; L
[L z ] = hL+ ; L
[L z] = h
L 2; L
[L ] = 0

Ora verifichiamo che lapplicazione di L + su unautofunzione di L 2 o L


z restituisca ancora unautofunzione
dei suddetti operatori:
2L
L + lm = L +L 2 lm = h + lm
l(l + 1)L
zL
L + lm = L
+L
z lm + h
L + lm = h + lm
(m + 1)L
nel primo caso lautovalore `e ancora l mentre nel secondo caso otteniamo unautofunzione di autovalore
m + 1, se invece avessimo utilizzato L avremmo trovato come autovalore di L z m 1, e possiamo
sintetizzare la procedura nel seguente modo:
lm = c (l, m)l,m1
L

= L
inoltre notando che L

lm ; L
(L L
lm ) = (lm ; L
lm ) = (lm ; L L lm )

L
ma ricordando che L = L
2 L
2
hLz
z

lm ; L
(L lm ) = (lm ; [
h2 l(l + 1) h2 m2 h2 m]lm ) = h
2 [l(l + 1) m(m 1)](lm ; lm ) =

= |c (l, m)|2 (lm ; lm )


e quindi
2 [l(l + 1) m(m 1)]
|c (l, m)|2 = h
e possiamo sempre scegliere la fase in modo che
p
c (l, m) = h
l(l + 1) m(m 1)

inoltre, dato che


|c (l, m)|2 0

40
ne consegue che
l(l + 1) m(m 1) l m l
e che per ogni l deve esistere un m minimo che chiameremo m
lm = c (l; m )l; m 1
L

ma se m `e lm minimo allora c (l; m ) = 0

L +L
2 lm = (L + L
2z
hL z )lm = (
h2 m2 h2 m )lm = h 2 l(l + 1)
m (m 1) = h

il che impone necessariamente m = l e che gli l siano interi. Quindi per ogni valore di l ci sono 2l + 1
valori di m possibili che contraddistinguono almeno altrettante autofunzioni, causando una degenerazione
di L 2 rispetto a L
z.

6.1 Autofunzioni del momento angolare


Le autofunzioni del momento angolare rappresentano una classe di funzioni ben precisa, per cui invece di
chiamarle genericamente lm le chiameremo Ylm . Tutto quello che abbiamo appreso finora sulle Ylm `e che
+ Yl,l = 0
L Yl,l = 0
L Yll = c (l, l)Yl,l1
L

e che possiamo separare la parte dipendente da che abbiamo risolto precedentemente imponendo

Ylm (, ) = Xlm ()fm ()

con fm () = eim per quanto detto prima.


+ Yll (, ) = 0
Risolviamo la condizione L
 

hei
+ i cot eil Xll () = 0

 

hei(l+1)
l cot Xll () = 0

Questa equazione differenziale `e risolta esattamente, e la sua soluzione `e della forma3

Xll () = (sin )l

per cui ricomponendo i fattori


Yll (, ) = N (sin )l eil
con N opportuna costante di normalizzazione. Ora agendo con loperatore L su Yll possiamo ricavare
tutte le altre autofunzioni, ma prima facciamo notare la seguente identit`a che risulter` a utile in seguito:
 
1  
+ l cot f () = l
(sin )l f () (6.3)
(sin )
dalla (6.2) abbiamo
Quindi, ricordando lespressione di L
   
i l il i(l1)
Yl,l1 = L Yll
he + i cot (sin ) e = he l cot (sin )l

a questo punto usiamo lidentit`a (6.3) ponendo f () = (sin )l per ottenere


 
1 d
hei(l1)
Yl,l1 (sin )2l
(sin )l d
utilizzando ogni volta
per ottenere tutte le altre autofunzioni basta applicare in sequenza loperatore L
la (6.3), ed il risultato `e (posto il cambio di variabile u = cos )
 lm
eim d
Ylm = Nlm (1 u2 )l
(sin )m du
3 v. appendice B

41
In generale si nota che le Ylm in funzione di u sono i Polinomi Associati di Legendre Plm (u). Essi si
ricavano dai Polinomi di Legendre 4 , i quali hanno la seguente forma:
(1)l dl
Pl (u) = (1 u2 )l
2l l! dul
mentre i polinomi associati si ottengono ponendo
m dm
Plm (u) = (1 u2 ) 2 Pl (u)
dum

Esplicitando quindi la costante di normalizzazione si ha


 1
2l + 1 (l m)! 2
Ylm = (1)m Plm (cos )eim
4 (l + m)!
sfortunatamente questa espressione vale solo per l 0 e m 0, se vogliamo trovare unespressione valida
per tutti gli m dobbiamo analizzare direttamente i polinomi di Legendre. Per m < 0 possiamo scegliere
una fase arbitraria in modo che Yl,m = (1)m Ylm
, ci`o discende dal fatto che
(l m)!
Pl,m (u) = (1)m Plm (u)
(l + m)!
e quindi:
m
(l + m)! (1 u2 ) 2 dlm
Plm (u) = (1)l+m (1 u2 )l
(l m)! 2l l! dulm
Lespressione valida per ogni m `e
"  21 #
m+|m| 2l + 1 (l |m|)! im
Ylm = (1) 2 Pl,|m| (cos )e (6.4)
4 (l + |m|)!

Le Ylm sono anche chiamate Armoniche Sferiche 5 e rappresentano una base per le funzioni definite
sulla superficie di una sfera, il loro utilizzo `e di estrema utilit`a quando si ha a che fare con delle rotazioni.
In base al principio di sovrapposizione
X
X l
f (, ) = clm Ylm (, )
l=0 m=l

Siamo ora interessati a vedere come le armoniche sferiche si comportano sotto una trasformazione di
parit`a, che in cordinate sferiche agisce nel seguente modo:

|r| |r|
P

+
In generale sotto parit`a la funzione
  21
m 2l + 1 (l m)!
Ylm = (1) Plm (cos )eim
4 (l + m)!
viene trasformata in
  21   12
m 2l + 1 (l m)! im(+) m 2l + 1 (l m)!
Ylm = (1) Plm (cos())e = (1) Plm ( cos )(1)m eim
4 (l + m)! 4 (l + m)!
inoltre i polinomi di Legendre soddisfano la seguente propriet`
a:
Plm (u) = (1)lm Plm (u)
e ricomponendo il tutto si ottiene
P Ylm (, ) = (1)m (1)lm Ylm (, ) = (1)l Ylm (, )
Abbiamo quindi ricavato che Ylm (, ) `e unautofunzione di P con autovalore
=1 se l `e pari
= 1 se l `e dispari
4 vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Polinomi di Legendre
5 vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Armoniche sferiche

42
6.1.1 Regole di selezione
Supponiamo di avere un operatore f il quale sia uno scalare6 . Esso, quindi, commuter`a con loperatore
parit`a, [f; P ] = 0. Supponiamo inoltre di avere due funzioni donda di parit`a definita:

P |ui = |ui
P |gi = |gi
Allora 
hu|f|u i = 6 0
hg|f|g i =
6 0
Infatti se [f; P ] = 0, allora

0 = hg|[f; P ]|ui = hg|fP |ui hg|P f|ui hg|fP |ui = hg|P f|ui
quindi
hg|f|ui = hg|f|ui
Allo stesso modo si dimostra che se f `e uno pseudoscalare7 , allora soddisfa la regola {f; P } = 0 e da
ci`o discende che 
hu|f|u i = 0
hg|f|g i = 0

6.2 Composizione di momenti angolari


Consideriamo un sistema fisico composto di due particelle di massa rispettivamente m1 e m2 non inter-
agenti tra di loro, le quali si trovano rispettivamente in un autostato di L1 e in un autostato di L2 . Dal
momento che le particelle non interagiscono tra di loro valgono le seguenti relazioni:
=H
H 1 + H2
(q1 , q2 ) = 1 (q1 )2 (q2 )

H(q 1 , q2 ) = (E1 + E2 )1 (q1 )2 (q2 )

Introduciamo loperatore di momento angolare totale:


L = L1 + L2 = ih(q1 1 + q2 2 )
Quindi avremo una l1 m1 (q1 ) per la prima particella, e una l2 m2 (q2 ) per la seconda particella, quindi lo
stato totale del sistema l1 m1 (q1 )l2 m2 (q2 ) sar`a autostato dei seguenti operatori:
2
L 2
L z1
L z2
L
1 2

quindi in generale, dati l1 e l2 avremo (2l1 + 1)(2l2 + 1) autofunzioni disponibili per il nostro sistema.
Saremo interessati al caso un cui c`e un accoppiamento di momenti angolari tra le due particelle del tipo
V L1 L2 , e dovremo cambiare base, dal momento che in tal caso le autofunzioni di Lz1 e Lz2 non sono
autofunzioni della nuova hamiltoniana. Per` o dal momento che
2 = L
L 21 + L
22 + 2L1 L2

valgono le seguenti regole di commutazione:


2 ; (L1/2 )i ] = 0 [L
[L 2; L
2 ] = 0 [L
2; L
2] = 0 2; L
[L z] = 0
1 2

e dal momento che


2 L
2L1 L2 = L 22
21 L
viene naturale scegliere come nuova base di autofunzioni quella costituita dagli autostati degli operatori
2
L 2
L 2
L z
L
1 2

Dal momento che L soddisfa le stesse regole di commutazione di un momento angolare (6.1) si possono
= L
definire anche per esso i due operatori L che agisce esattamente allo stesso modo in cui
+ L
1 2

agiscono i singoli operatori L1/2
6 Uno scalare `
e una grandezza invariante per isometrie
7 Uno pseudo scalare sotto isometrie cambia segno se la trasformazione `
e impropria

43
6.2.1 Caso particolare: l1 = 2, l2 = 1
Prendiamo una coppia di particelle con l1 = 2 e l2 = 1. Per costruire tutte le possibili autofunzioni
individuiamo prima quella che corrisponde al massimo valore di m.
Supponiamo che sia 22 (q1 )11 (q2 ) e verifichiamolo:
z 22 (q1 )11 (q2 ) = (L
L z )22 (q1 )11 (q2 ) = 2
z +L h22 (q1 )11 (q2 )+
h22 (q1 )11 (q2 ) = h
322 (q1 )11 (q2 )
1 2

e ottenere
quindi m = 3. Possiamo agire su questa autofunzione con loperatore L
22 (q1 )11 (q2 ) = (L
L )22 (q1 )11 (q2 ) 21 (q1 )11 (q2 ) + 22 (q1 )10 (q2 )
+ L
1 2

Continuando ad agire cos` sulle singole autofunzioni, possiamo legare lautovalore m a tutte le sue possibili
autofunzioni secondo la tabella:
m (m1 ; m2 )

3 (2; 1)
2 (2; 0) (1; 1)
1 (1; 0) (2; 1) (0; 1) (6.5)
0 (1; 1) (0; 0) (1; 1)
1 (1; 0) (2; 1) (0; 1)
2 (2; 0) (1; 1)
3 (2; 1)
z, L
da cui si nota che per l1 e l2 fissati abbiamo 15 autofunzioni di L 2 e L
2 (esattamente quante ci saremmo
1 2
aspettati di trovarne secondo lespressione (2l1 + 1)(2l2 + 1) intuitivamente corretta), ma manca allappello
2 . Il modo in cui varia m suggerirebbe un valore di l pari a 3, verifichiamolo, ad esempio, sulla prima
L
autofunzione:
2 |l1 , l1 i|l2 , l2 i = h
L 2 [l1 (l1 + 1) + l2 (l2 + 1) + 2l1 l2 ]|l1 , l1 i|l2 , l2 i = h
2 [(l1 + l2 )(l1 + l2 + 1)]|l1 , l1 i|l2 , l2 i =

2 ( + 1)|l1 , l1 i|l2 , l2 i
=h
avendo posto = l1 + l2 .
Finora ci siamo preoccupati solo della proporzionalit` a delle funzioni ottenute applicando L allautofun-
zione |2, 2i|1, 1i, ma se volessimo includere i giusti coefficienti di proporzionalit`a otterremmo
p p
L |l1 , l1 i|l2 , l2 i = 2l1 |l1 , l1 1i|l2 , l2 i + 2l2 |l1 , l1 i|l2 , l2 1i

per cui per ogni m esiste una sola autofunzione legata allautovalore
Cambiamo un attimo la notazione per le autofunzioni che abbiamo trovato, caratterizzandole con i
seguenti parametri
|l1 , m1 i|l2 , m2 i |, m, l1 , l2 i
Come abbiamo precedentemente detto, applicando loperatore L sullautofunzione di m massimo possi-
amo selezionare una sola combinazione lineare di stati, che `e un autostato caratterizzato da
m = mmax 1. Possiamo per` o costruire la seguente combinazione lineare:
p p
2l2 |l1 , l1 1i|l2 , l2 i 2l1 |l1 , l1 i|l2 , l2 1i

Questa autofunzione `e ortogonale a |, 1, l1 , l2 i e non pu`


o avere il suo stesso autovalore , ma possiamo
invece vederla come autostato con m massimo pari a l1 + l2 1.
Questo ragionamento pu` o essere applicato ad ogni riga della tabella (6.5), permettendoci di variare fino
al valore minimo m = |l1 l2 |.
Quindi in presenza di una composizione di momenti angolari possiamo trovare autostati del momento
angolare totale il cui autovalore `e vincolato ad assumere valori

|l1 l2 | l1 + l2

Il numero di questi autostati `e


lX
1 +l2

(2 + 1) = (2l1 + 1)(2l2 + 1)
=|l1 l2 |

44
e vale ancora la relazione di completezza:
X
1= |l1 , m1 , l2 , m2 ihl1 , m1 , l2 , m2 |
m1 ,m2

quindi X
|, m, l1 , l2 i = |l1 , m1 , l2 , m2 ihl1 , m1 , l2 , m2 |, m, l1 , l2 i
m1 ,m2

I coefficienti hl1 , m1 , l2 , m2 |, m, l1 , l2 i sono anche chiamati Coefficienti di Clebsch-Gordan 8 e ci perme-


ttono quindi di scrivere i nuovi autostati in funzione di quelli vecchi. Questi coefficienti sono diversi da 0
solo se m = m1 + m2 , infatti se consideriamo loperatore L z L1 L 2 = 0 e calcoliamo lelemento di
z z
matrice tra uno dei vecchi autostati e uno dei nuovi otteniamo:
z L
0 = hl1 , m1 , l2 , m2 |L 2 |, m, l1 , l2 i = (m m1 m2 )hl1 , m1 , l2 , m2 |, m, l1 , l2 i = 0
1 L
z z

6.3 Spin
Una peculiarit`a molto importante degli oggetti quantistici `e quella di possedere un proprio momento
angolare intrinseco, la cui esistenza `e assolutamente indipendente dallo spazio in cui vivono tali oggetti.
Storicamente venne data dimostrazione sperimentale dellesistenza di un momento angolare intrinseco
tramite il famoso Esperimento di Stern-Gerlach

6.3.1 Lesperimento di Stern Gerlach


Dallelettromagnetismo classico sappiamo che una carica, dotata di momento magnetico , che si muove
in un campo magnetico non uniforme subisce gli effetti di una forza
F B
Ora supponiamo di indirizzare un fascio di atomi dargento in una regione in cui `e presente un campo
magnetico il cui gradiente `e allineato lungo lasse z ed `e di valore costante, per cui F Bz (figura 6.2)

Ag

Figura 6.2: Esperimento di Stern-Gerlach

Lesperimento rivel`o che gli atomi dargento venivano deflessi a due angolazioni ben precise opposte tra
di loro, rivelando la presenza di un momento magnetico intrinseco delle particelle. Si ipotizz`o dunque che
questo momento magnetico fosse indotto da un momento angolare intrinseco, che venne chiamato spin 9 .
Lo spin di una particella pu` o assumere come valori sia multipli interi che seminteri di h
il che divide
le particelle in due tipi:
FERMIONI Particelle a spin semintero s { 12 ; 23 ; 52 ; }
BOSONI Particelle a spin intero s {0; 1; 2; 3; }
8 vedi http://en.wikipedia.org/wiki/Clebsch-Gordan coefficients
9 vedi http://it.wikipedia.org/wiki/spin

45
6.4 Rappresentazioni dello spin/momento angolare
Un sistema quantistico di spin/momento angolare `e un sistema particolarmente semplice, dal momento che
la dimensione dello spazio lineare in cui sono definite le funzioni donda `e finita e univocamente determinata
dal valore di s o . Ritorniamo a considerare il momento angolare come loperatore che genera le possibili
rotazioni del nostro sistema di riferimento attorno ad un dato asse. Tali rotazioni formano un gruppo, pi` u
precisamente detto Gruppo ortogonale o O3 (R), se consideriamo le rotazioni in tre dimensioni. Loperatore
del momento angolare `e fortemente legato ai generatori di tale gruppo e alle sue rappresentazioni.
Molto velocemente daremo una definizione di rappresentazione:
Def 1 (Rappresentazione) Una rappresentazione di un gruppo G `e un omomorfismo : G 7 Mn (C)
per qualche valore di n N. n `e detta dimensione della rappresentazione.

dove Mn (C) `e linsieme delle matrici quadrate n n a valori complessi. Ricordiamo che una propriet`
a
importante degli omomorfismi `e la seguente:

(g h) = (g) (h)

Il gruppo delle rotazioni O3 (R) ammette rappresentazioni di qualunque dimensione, ed `e definito come

O3 (R) = {A M3 (R) | hAx|Ayi = hx|yi}

Per quanto riguarda lapplicazione di queste nozioni al momento angolare, si dimostra che il numero
determina la dimensione della rappresentazione di O3 (R) da utilizzare, nel seguente modo:

n = 2 + 1
x, L
e gli operatori L y e L z sono espressi dalle rappresentazioni dei tre generatori del gruppo.
1
Ex: s = 2 n = 2
     
1 0 1 1 0 i 1 1 0
Sx = h Sy = h Sz = h
2 1 0 2 i 0 2 0 1
h

Queste tre matrici (a parte il fattore 2) sono chiamate Matrici di Pauli.

46
Capitolo 7

Particelle identiche

Consideriamo un sistema di due particelle che sia descritto dalla funzione donda
(q1 , 1 ; q2 , 2 )
dove q1 e q2 sono le coordinate delle due particelle, mentre 1 e 2 sono i rispettivi stati di spin.
Introduciamo loperatore di permutazione P12 definendolo tramite la sua azione:
P12 (q1 , 1 ; q2 , 2 ) = (q2 , 2 ; q1 , 1 )
in parole povere, loperatore P12 scambia tra di loro le due particelle, e dal momento che soddisfa la
2
relazione P12 = 1 i suoi autovalori sono 1/2 = 1.
Introduciamo ora nel sistema unhamiltoniana, senza includere effetti di interazione tra le due particelle,
quindi
12 = H
H 1 (q1 , 1 , p1 ) + H
2 (q2 , 2 , p2 )
come gi`a visto nel capitolo 6, le autofunzioni di H 12 sono date da
(n) (n)
(n) (q1 , 1 ; q2 , 2 ) = 1 (q1 , 1 )2 (q2 , 2 )
Se le due particelle sono indistinguibili, allora occorre prendere una qualche combinazione lineare del
tipo h i
(n) (n) (n) (n) (n)
(q1 , q2 ) = k 1 (q1 )2 (q2 ) 1 (q2 )2 (q1 )
Esiste un teorema, chiamato Teorema di Spin-Statistica, il quale afferma che la funzione donda di un
qualsiasi gruppo di bosoni ha autovalore = 1, mentre per i fermioni lautovalore `e = 1. Nel nostro
(n)
caso se le due particelle sono bosoni, allora la funzione donda che ci interessa `e + , mentre se sono due
(n)
fermioni `e .
Ne segue subito che se le due particelle sono fermioni, allora n (q1 , q2 ) = 0. Questo rislutato esprime in
maniera semplice quello che viene chiamato Principio di esclusione di Pauli 1 , ed `e diretta conseguenza
dellantisimmetria delle funzioni donda fermioniche sotto scambio di particelle.
Estendendo questi concetti a pi`u particelle si ha:
N
X N
Y N
X
=
H i;
H n (q1 , q2 , , qN ) = En
H (i) En(i)
n (qi ); En =
i=1 i=1 i=1

Se le particelle sono tutte bosoni bisogna sommare su tutte le possibili permutazioni di N elementi N
(che costituiscono il gruppo denominato con SN ):
"N #
X Y
[N (i)]
n (q1 , q2 , , qN ) = c n (qi ) (7.1)
N SN i=1

mentre se le particelle sono fermioni bisogna avere laccortezza di associare ad ogni permutazione il suo
segno (1 se la permutazione `e dispari, +1 se `e pari)
"N #
X Y
[N (i)]
n (q1 , q2 , , qN ) = c sign(N ) n (qi ) (7.2)
N SN i=1
1 vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Principio di esclusione di Pauli

47
il che `e equivalente a calcolare il determinante della seguente matrice:
(1) (1) (1)

n (q1 ) n (q2 ) n (qN )
(2) (2) (2)
1 n (q1 ) n (q2 ) n (qN )
.. .. .. ..

N! . . . .
(N ) (N ) (N )
n (q1 ) n (q2 ) n (qN )

In ogni caso per un sistema di fermioni, se ve ne sono due nello stesso stato la funzione donda `e nulla
ovunque, a causa del principio di esclusione di Pauli.
Facciamo un esempio di quanto detto sopra per N = 3.
Bosoni:
1 
n (q1 , q2 , q3 ) = (1) (2) (3) (1) (3) (2) (2)
n (q1 )n (q2 )n (q3 ) + n (q1 )n (q2 )n (q3 ) + n (q1 )n (q2 )n (q3 )+
(1) (3)
6

+(2)n (q 1 )(3)
n (q 2 )(1)
n (q 3 ) + (3)
n (q 1 )(1)
n (q 2 )(2)
n (q 3 ) + (3)
n (q 1 )(2)
n (q 2 )(1)
n (q 3 )

Fermioni:
1 
n (q1 , q2 , q3 ) = (1) (2) (3) (1) (3) (2) (2)
n (q1 )n (q2 )n (q3 ) n (q1 )n (q2 )n (q3 ) n (q1 )n (q2 )n (q3 )+
(1) (3)
6

+(2)n (q 1 )(3)
n (q 2 )(1)
n (q 3 ) + (3)
n (q 1 )(1)
n (q 2 )(2)
n (q 3 ) (3)
n (q 1 )(2)
n (q 2 )(1)
n (q 3 )

Tutto questo ha degli effetti sui livelli energetici del sistema, consideriamo infatti una buca di potenziale
infinita. Sappiamo che En n2 , quindi vediamo cosa succede al livello energetico fondamentale se il
sistema `e composto da N particelle identiche.
Se sono bosoni allora
E0 = N En0
Se sono fermioni
N/2
X
E0 2 n2
n=1

48
Capitolo 8

Latomo didrogeno

Siamo pronti ora per studiare il sistema fisico dellatomo di idrogeno, e di tutti gli atomi idrogenoidi
(ovvero con un solo elettrone). Iniziamo studiando cosa succede in generale ad un sistema fisico costituito
da un nucleo atomico (con carica +Ze) ed un elettrone, immersi in un potenziale a simmetria radiale
(figura 8.1).

r2

r1

Figura 8.1: Atomo idrogenoide

2
= h 2
h
H 1 2 2 2 + V (r)
2m1 2m2
`e invariante per rotazioni1 , e adottiamo il seguente cambio di coordinate:
Notiamo innanzitutto che H
m1 r1 + m2 r2
r = r1 r2 R=
m1 + m2
in queste coordinate lhamiltoniana diventa:

= 2
h 2
h
H R 2 r 2 + V (r)
2(m1 + m2 ) 2m

avendo posto
m1 m2
m=
m1 + m 2
In questa forma le due variabili R e r sono separate, e la dipendenza di da R corrisponde a quella di
una particella libera. Quindi possiamo scrivere
i
(r1 ; r2 ) = R (R)r (r) = r (r) e h pR R
1 V (r) dipende solo dal modulo del vettore r, mentre il laplaciano `
e invariante per rotazioni poich
e `e un prodotto scalare
2 =

49
La parte ardua sar`
a risolvere la dipendenza da r:
 2 
H r (n) (r) = h r 2 + V (r) (n) (r) = En (n) (r)
r r r
2m
r , scrivendo tutto in coordinate sferiche (sup-
Ora sar`a utile sfruttare linvarianza per rotazioni di H
poniamo di metterci nel sistema di riferimento del nucleo dellatomo).
Utilizzeremo la seguente identit`a:
2 +(rp)2 = |rp|2 +(rp)(rp) = r2 p2 sin2 +(rr)(pp) cos2 +ih(rp) = r2 p2 sin2 +r2 p2 cos2 +ih(rp)
L

= r2 p2 + ih(r p)
da cui ricaviamo
1 2 h 2 2
h
p2 = L (r r )2
r
r2 r2 r
r pu`
per cui H o essere riscritta come:
" #

h 2
1 1 1 2
L
r =
H 2
(rr ) + r 2 2 + V (r)
2m r2 r h r

notiamo che possiamo effettuare la seguente semplificazione:


1 1 1 1 1 1 2 1
(rr )2 + r = r + 2 [rr (rr )] = r + (r + rr 2 ) = r + r 2 = 2 r (r2 r )
r2 r r r r r r r
per cui il problema agli autovalori pu`o essere riscritto come
" #
h2
2
L 1
(n)
Hr r (r) = 2 r (r r ) (n)
2 (n) (n)
r (r) + V (r)r (r) = Er (r)
2m h2 r2 r

(n)
In questa equazione le variabili angolari e quella radiale sono separate, quindi possiamo imporre r (r) =

(r)Y lm (, ) e lequazione si riduce a


 2 
r (n) 2 h
h l(l + 1) 1 2
H r (r) = r (r r ) (r)Ylm (, ) + V (r)(r)Ylm (, ) = E (r)Ylm (, )
2m 2 r2
h r2
avendo risolto la parte angolare, rimane
 
l(l + 1) 1 2 2m
r (r r ) (r) + 2 [V (r) E](r) =0
r2 r2 h
ovvero   
1 2 2m h2
l(l + 1)
r (r r ) + E V (r) (r) =0
r2 h2
2mr2
Notiamo che anche a livello quantistico esiste un potenziale efficace

h2
l(l + 1)
Vef f = V (r) +
2mr2
che include un potenziale che classicamente avremmo definito centrifugo. Se poniamo V (r) = Ze r ,
studiando il potenziale efficace scopriamo che sia per l = 0 che per l > 0 esiste un livello minimo dellen-
ergia2 . Inoltre la condizione r [0, +) `e equivalente a porre V (r) = per r < 0, quindi tutti gli stati
che otterremo saranno non degeneri in E e l, semmai lo saranno in m che non compare esplicitamente
nellhamiltoniana.

Adottiamo ora la seguente sostituzione: (r) = (r)/r e notiamo che
 2   
d 2 d (r) d 1 d (r) 2 d 2(r)
2
+ = (r) 2 + 2 (r) =
dr r dr r dr r dr r r dr r3

1 d2 (r) 2 d 2(r) 2 d 2(r) 1 d2 (r)


= (r) + + (r) =
r dr2 r2 dr r3 r2 dr r3 r dr2
2 per quanto detto nel paragrafo 4.2

50
e quindi lequazione originaria `e ora diventata
 
d2 2m h2
l(l + 1)
(r) + E V (r) (r) = 0
dr2 h2
r2 2m

Come abbiamo fatto nel caso delloscillatore armonico, studiamo il comportamento di (r) per
r 0. Lequazione pu`
o essere approssimata a

d2 l(l + 1)
2
(r) (r) = 0
dr r2
dal momento che questa equazione `e omogenea3 la soluzione `e del tipo
 l  l1
r r
(r) = (r) =
rl+1 rl


Scegliamo (r) = rl dal momento che `e lunica normalizzabile per r 0.
Passiamo al comportamento per r + studiando lequazione

d2 2m
2
(r) + 2 E(r) = 0
dr h
e, dal momento che vogliamo che la (r, , ) sia normalizzata, dobbiamo avere che
Z Z + Z Z +
d dr r2 |(r, , )|2 = d |Ylm (, )|2
dr r2 |(r)|2
=1
S2 0 S2 0

allora Z Z
+ +

dr r2 |(r)|2
=1 dr |(r)|2 = 1
0 0
Concentriamoci al caso E < 0 degli stati legati, ponendo
r
2mE
= 2
h
in questo caso, allora (r) er .
Effettuiamo il seguente cambio di variabili:
s   12
8m|E| Ze2 m
= r; =
h2
h 2|E|


attraverso il quale otteniamo, per
 
d2 2 d 1 l(l + 1)
() + () + () () = 0
d2 d 4 2


Ora escludiamo il comportamento asintotico vicino a + trovato poco fa imponendo () = e 2 G(),
svolgendo le derivate lequazione diventa
   
d2 2 d 1 l(l + 1)
G() 1 G() + G() = 0
d2 d 2

Ora escludiamo anche il comportamento vicino a 0 imponendo G() = l H() e ottenendo


 
d2 2l + 2 d 1l
H() + 1 H() + H() = 0
d2 d

Ora, sempre come abbiamo fatto nel caso delloscillatore armonico, espandiamo H() in serie di potenze:

X
H() = an n
n=0

3 cio`
e del tipo f (n) (x) xn f (x)

51

d X X
H() = nan n1 = am+1 (m + 1)m
d n=0 m=0

d2 X
n2
X
H() = n(n 1)an = am+2 (m + 1)(m + 2)m
d2 n=0 m=0

Sostituendo queste espressioni nellequazione differenziale di H() si ottiene la seguente relazione di


ricorrenza:
 X
X
m 2l + 2 m 1l X
am+2 (m + 1)(m + 2) + 1 am+1 (m + 1) + am m =
m=0
m=0
m=0


X
X
X
X
m m1 m1
= am+2 (m + 1)(m + 2) + am+1 (m + 1)(2l + 2) am m + ( l 1)am m1 =
m=0 m=0 m=0 m=0

X
= n1 [an+1 (n + 1)(n + 2l + 2) an (n + l + 1 )] = 0
n=0

affinche ci`o sia vero per ogni n occorre che


an+1 n+l+1
=
an (n + 1)(n + 2l + 2)

Si vede facilmente che con questi coefficienti la serie va a zero come 1/n, quindi non `e convergente.
Lunica alternativa che abbiamo `e porre che esista un certo nr tale che se n = nr allora = nr + l + 1. Da
questa condizione discende che deve essere intero, e maggiore o uguale a 1, e ricordandone la definizione
troviamo:  1
Ze2 m 2 mZ 2 e4
= |E| =
h
2|E| h 2 2
2
e quindi troviamo che i livelli energetici dellatomo di idrogeno sono

mZ 2 e4
En = (8.1)
h2 n2
2

mentre le H() cos` costruite sono i Polinomi di Laguerre 4 il che ci permette di risalire alla (r)
s  l  

nl (r) = e 2 Hnl () = Rnl (r) =
l 2 (n l 1)! 2r r/naB 2l+1 2r
e Ln+l
n2 (n + l)! n n

dove aB `e il raggio di Bohr 5 .

4 vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Polinomi di Laguerre


5a
B =h2 /me2

52
Capitolo 9

Teoria delle perturbazioni

9.1 Perturbazioni non dipendenti dal tempo


Vogliamo ora occuparci di sistemi con unhamiltoniana H 0 risolvibile, della quale conosciamo autovalori
ed autofunzioni, e sottoporli a delle perturbazioni tali che la loro nuova hamiltoniana non sia pi`u risolvibile
esattamente, perche modificata da un termine perturbativo H 1 , con || << 1.
Il nostro obiettivo sar`
a trovare delle correzioni per gli autovalori e gli autostati non perturbati che
forniscano, con unaccuratezza fino ad un dato ordine, una ragionevole stima dei nuovi autovalori e dei
nuovi autostati. Avremo quindi
0 + H
(H 1 )n () = En ()n ()

e per 0 ci aspettiamo che i nuovi autostati tendano a quelli imperturbati.


Supponiamo che le n () siano sviluppabili in serie rispetto a con delle correzioni del tipo
n () = (0) (1) 2 (2)
n + n + n +

e lo stesso per gli En ()


En () = En(0) + En(1) + 2 En(2) +

9.1.1 Sistemi non degeneri


(0)
Le n sono, in ogni caso, un insieme completo di autofunzioni, e in quanto tali, una base per lo spazio
in cui sono definite tutte le funzioni donda, e possiamo quindi decomporre le n () su questa base

X (0)
n () = N () (0)
n + cnk ()k
k6=n

In base a questa scelta dobbiamo richiedere che cnk () 0 per 0 e scriviamo


(1) (2)
cnk () = cnk + 2 cnk +
per cui
X (1) (0)
X (2) (0)
n () = N () (0)
n + cnk k + 2 cnk k +
k6=n k6=n

fermandoci al primo ordine in



X (1) (0)
X (1) (0)
0 + H
(H 1 ) (0) + cnk k = (En(0) + En(1) ) (0)
n n + cnk k
k6=n k6=n

A questo punto ci conviene passare al formalismo di Dirac e analizzare i vari ordini in

0 : o |(0)
H
(0) (0)
n i = En |n i

X (1) (0)
X (1) (0)
1 : 0
H 1 |(0)
cnk |k i + H (1) (0) (0)
n i = En |n i + En cnk |k i
k6=n k6=n

53
(1) (0)
Per poter ricavare gli En moltiplichiamo ambo i membri per il bra hn |
X (1) (0) (0)
X (1) (0)
(0)
cnk Ek h(0) (0) (1) (0) (0)
n |k i +hn |H1 |n i = En hn |n i + En
(0)
cnk h(0)
n |k i
k6=n k6=n
| {z } | {z }
=0 =0

da cui ricaviamo:
En(1) = h(0) (0)
n |H1 |n i (9.1)
(1) (0)
ovviamente ci`o ha senso solo se En << En .
(1) (0)
Se invece vogliamo ricavare i cnk dobbiamo moltiplicare per il bra hj | con j 6= n
X (1) (0) (0) (0) (0) (0)
X (1) (0) (0)
(0) (1) (0) (0)
cnk Ek hj |k i + hj |H 1 |n i = En hj |n i +En cnk hj |k i
k6=n
| {z } k6=n
=0

ovvero
(0) (1) (0)
1 |(0) i = E (0) c (1)
Ej cnj + hj |H n n nj

da cui si ricava
(0)
1 |n i (0)
(1) hj |H
cnj = (0) (0)
(9.2)
En Ej
Rimane da calcolare solo N (). Imponiamo la normalizzazione di n ().

X (0)
2 (0) (0)
1 = hn ()|n ()i = |N ()| hn |n i + hn |k i + = |N ()|2
(0)

k6=n

quindi al primo ordine |N ()|2 = 1


Se estendiamo il procedimento al 2 ordine otteniamo:
X (1) (0) X (2) (0) X (2) (0) X (1) (0)
2 : H 1 cnk |k i + H0 cnk |k i = En(0) cnk |k i + En(1) cnk |k i + En(2) |(0)
n i
k6=n k6=n k6=n k6=n

(0)
quindi, moltiplicando per hn |, si ottiene

X (1) (0)
1 |(0)
X h(0) |H (0) (0)
n ihn |H1 |k i
cnk h(0) (2)
n |H1 |k i = En En(2) = k

(0) (0)
k6=n k6=n En Ek
2
(0) (0)
hn |H1 |k i
En(2) = (0)
(9.3)
En Ek (0)
(2) (0)
per ottenere invece i cnk moltiplichiamo per hj | con j 6= k
X (1) (0) (0) (2) (0) (2) (1)
1 | i + c E
cnk hj |H = En(0) cnj + En(1) cnj
k nj j
k6=n
  X (1) (0)
(2) (0) (1) 1 |(0) i
cnj Ej En(0) = En(1) cnj cnk hj |H k
k6=n

(0) (0) (0) (0)
(2) 1 1 |n ihn |H
hj |H 1 |n i X h(0) (0) (0) (0)
j |H1 |k ihk |H1 |n i
cnj = (0) (0)

(0) (0)
(0) (0)

Ej En En Ej k6=n En Ek

quindi
(2)
X h(0) (0) (0) (0)
j |H1 |k ihk |H1 |n i
(0)
1 |n ihn |H
hj |H
(0)
1 |n i (0) (0)
cnj = (0) (0) (0) (0)
(0) (0)
(9.4)
k6=n (En Ek )(En Ej ) (En Ej )2

54
9.1.2 Sistemi degeneri
Occupiamoci ora dei casi in cui lhamiltoniana imperturbata H 0 presenti una degenerazione dei livelli
energetici. Per quanto riguarda le correzioni ai suoi stati non-degeneri, valgono le stesse formule che
abbiamo ricavato precedentemente, per cui concentriamoci sugli stati degeneri (adotteremo un secondo
indice i per distinguere gli stati relativi allo stesso autospazio).

0 (0) = E (0) (0)


H
(0) (0)
hn,i |n,j i = ij i, j = 1, , sn
n,i n n,i

E in generale possibile che la perturbazione rompa in qualche modo la degenerazione, separando i livelli di
energia di due stati che precedentemente erano isoenergetici, quindi dobbiamo considerare come autosta-
to imperturbato tutte le possibili combinazioni lineari degli sn autostati che abbiamo precedentemente
introdotto.
sn
X sk
X (1) X
(0) (0)
n () = N () i n,i + ckn i k,i +
i=1 k6=n i=1

Seguiamo un procedimento simile al precedente, dove per` o dobbiamo tenere in considerazione che ln-esimo
livello energetico potrebbe non essere lunico a presentare una degenerazione. Come prima

sn
X X sk
X sn
X X sk
X
0 +H 1) (0) (1) (0) (0) (0) (1) (0)
(H i n,i + ckn i k,i + = (En(0) +E1 ) i n,i + ckn i k,i +
i=1 k6=n i=1 i=1 k6=n i=1

allordine
sn
X X sk
X X sk
X sn
X
1 (0) 0 (1) (0) (1) (0) (0)
1 : H i |n,i i + H cnk i |k,i i = En(0) cnk i |k,i i + En(1) i |n,i i
i=1 k6=n i=1 k6=n i=1 i=1

(0)
Moltiplichiamo ora per hn,j | per ottenere
sn
X X sk
X X sk
X sn
X
(0) (0)
1 | i+ (1) (0) (0) (0) (1) (0) (0) (0) (0)
i hn,j |H n,i cnk Ek i hn,j |k,i i = En(0) cnk i hn,j |k,i i +En(1) i hn,j |n,i i
i=1 k6=n i=1 k6=n i=1 i=1
| {z } | {z }
=0 =0

ovvero
sn
X (0) (0)
En(1) j = hn,j |H 1 |n,i ii (9.5)
i=1

Ora effettuiamo i seguenti passaggi:


(0) (0) (n) dove H
(n) `e una matrice sn sn che esprime lazione della
Chiamiamo hn,j |H 1 |n,i i = Hji ij
(0)
perturbazione sullautospazio relativo ad En .

Identifichiamo i con un ipotetico vettore che racchiude i coefficienti della combinazione lineare
che abbiamo posto allinizio del procedimento.
(n) )
Ora possiamo riscrivere la (9.5) come un problema agli autovalori (per la matrice H
(n) = E (1)
H n

(1)
Troveremo quindi degli autovalori En,j che rappresenteranno i nuovi livelli energetici degli autostati, e
degli autovettori j che rappresenteranno le particolari combinazioni lineari di autostati che verranno
selezionate dalla perturbazione.

9.2 Applicazioni allatomo di idrogeno


Daremo ora tre esempi delle applicazioni della teoria perturbativa indipendente dal tempo allatomo di
idrogeno.

55
9.2.1 Effetto Stark
Vogliamo studiare il comportamento di un atomo idrogenoide immerso in un campo elettrostatico costante,
di valore E. Consideriamo per semplicit`
a che il campo elettrico sia diretto lungo lasse z.
2 2
0 = p Ze ;
H 1 = eE r = eEz
H
2m r
(0)
Conosciamo bene dal capitolo 8 le autofunzioni imperturbate nlm , quindi passiamo subito a calcolare la
correzione al primo e/o al secondo ordine dei livelli energetici. Partiamo da quello fondamentale:
Z Z
(1) 1 |100i = eE
E100 = h100|H d3 r 100 z100 = eE d3 r z|100 |2 = 0
R3 R3

dal momento che lautofunzione 100 `e pari, e loperatore z dispari. Passiamo al secondo ordine:

(2)
X hnlm|
z |100i
E100 = e2 E 2 (0) (0)
nlm6=100 E100 Enlm

dove
Z Z
hnlm|
z |100i = eE d3 r nlm (r, , ) z 100 (r, , ) = eE d3 r Rnl (r)Ylm

(, ) r cos R10 (r)Y00 (, ) =
R3 R3
Z Z
3
= eE dr Rnl (r) r R10 (r) d Ylm (, ) cos Y00 (, )
0 S2
ricordiamo che 1

Y00 =

4
r


cos = Y 4
10
3
quindi Y00 cos = 1 Y10 , che sostituendo nellintegrale fornisce:
3
Z
1
z |100i = eE
hnlm| dr Rnl (r) r3 R10 (r) 1l 0m
3 0

lintegrale si sa calcolare, e vale


Z
1 a2B Z 8 n7 (n 1)2n5
dr Rn1 (r) r3 R10 (r) =
0 3 (n + 1)2n+5
quindi
 
(2) 1 2 2 X 1 a2B Z 8 n7 (n 1)2n5
E100 = e E (9.6)
3 n=2
3 (n + 1)2n+5
Il secondo livello energetico `e degenere, quindi dobbiamo innanzitutto calcolare la matrice della per-
turbazione relativa al sottospazio. Iniziamo labellando i 4 autostati con un indice i


|200i i=1

|210i i=2

|211i i=3

|21 1i i = 4

Dal momento che [ z ] = 0, nella base di autovettori di L


z; L z allora z apparir`
a diagonale, e quindi

z |n l m i = mm
hnlm|

inoltre Z
z |nl mi =
hnlm| d3 r nlm znl m
R3
sotto parit`a questo integrale deve rimanere invariato, quindi

56
Z Z

d3 r nlm znl m = d3 r (1)l+l +1 nlm znl m
R3 R3
da cui ricaviamo che
z |nl mi = 0
hnlm| se l + l =
6 1
z |nl mi =
hnlm| 6 0 se l + l = 1
le uniche scelte per cui l + l = 1 sono (1, 0) e (0, 1), quindi gli unici elementi non nulli sono:
h200|z|210i = 3aB
h210|z|200i = 3aB
e la matrice in questione `e
0 1 0 0
1 0 0 0
(2)
H = 3eEaB

0 0 0 0
0 0 0 0
Il sistema da risolvere si riduce a
    
0 3eEaB 1 (1) 1
= E200
3eEaB 0 2 2
(1)
quindi, i due autovalori sono E200 = 3eEaB e i due autovettori sono
   
1 1 1 1
v+ = v =
2 1 2 1
Quindi le due autofunzioni che ci interessano al posto di 200 e 210 sono
1 1
+ = (200 210 ) = (200 + 210 )
2 2
e per concludere notiamo che il secondo livello energetico viene diviso dalla perturbazione in tre livelli
distinti:
(0)
E200 + 3eEaB

(0) (0)
E200 E200

(0)
E200 3eEaB
dei quali solo il secondo `e ancora degenere.
Come ultima cosa analizziamo qualitativamente il potenziale efficace lungo lasse z
e2
Vef f = eEz p
x2 + y 2 + z 2

0,0

-0,5
Veff

-1,0

0 2 4 6 8

Figura 9.1: Vef f vs. z

In linea teorica lelettrone potrebbe essere strappato via dallatomo per effetto tunnel, ma se il campo
elettrico `e solo perturbativo la barriera `e troppo alta e spessa perche lelettrone la possa attraversare, e la
probabilit` a di tunneling `e quasi 0.

57
9.2.2 Interazione spin-orbita
Dal punto di vista classico una carica che si muove attraverso un campo magnetico subisce gli effetti di
un potenziale del tipo VI = B dove `e il momento magnetico della carica. Nel caso di un elettrone
in moto circolare uniforme
qr2
= i =
T
e il suo momento angolare `e
2mr2
|L| = I =
T
da cui la relazione
q
= L
2m
Sperimentalmente si `e scoperto che il momento magnetico di un elettrone soddisfa una relazione simile
a quella classica, ovvero
e
=g S (9.7)
2mc
dove la costante g `e una delle costanti fisiche meglio misurate, e vale circa g 2.
Nellatomo di idrogeno `e presente un campo magnetico intrinseco, generato dal movimento del nucleo
nel sistema di riferimento solidale con lelettrone, il quale `e dato dalla formula classica B = vc E e
contribuisce al potenziale dellatomo tramite il contributo
e e
VI = B = 2 2
S(p E) = 2 2 S[p (r)]
m c m c
con
r d
(r) = (r)
r dr
si ottiene  
e 1 d e 1 d
VI = 2 2 S p r (r) = 2 2 (S L) (r)
m c r dr m c r dr
Ora introduciamo il vettore J = S + L momento angolare totale, per cui come abbiamo gi` a visto nel
capitolo 6
1
S L = (J 2 S 2 L2 )
2
ci consente di utilizzare il set di autofunzioni degli operatori J 2 , L2 , S 2 , Jz . Dal momento che la particella
in considerazione `e un elettrone, j = l 12 . Vediamo quali e quante sono queste autofunzioni (i pedici si
riferiranno in ordine a njmj ls). Le prime sono:
1
n=1j= 2 abbiamo
1,1/2,0,1/2 1S 12

3
n=2j= 2 abbiamo
l=1 
2,3/2,3/2,1,1/2
1P 23 2,3/2,1/2,1,1/2 1P 12
2,3/2,1/2,1,1/2
l=0
2,1/2,1/2,0,1/2 2S 12
i nomi a lato hanno origine dalla spettrografia atomica.
A causa dello spin notiamo che la degenerazione dei livelli energetici raddoppia, calcoliamo gli autovalori
di S L.
Per j = l + 12
   
1 2 2
h 1 1 3 2
h
(J S 2 L2 ) = l+ l+1+ l(l + 1) = l
2 2 2 2 4 2
1
Per j = l 2
   
1 2 2
h 1 1 3 h2
(J S 2 L2 ) = l l+1 l(l + 1) = (l + 1)
2 2 2 2 4 2

58
Passiamo ora a calcolare le correzioni ai livelli energetici:
  Z
(1)
1 d 1 )
En = n,j,mj ,l,s (S L)
n,j,m j ,l,s = d3 r (H
r dr R3

La parte angolare di queste funzioni sar`a, sempre come gi` a visto nel capitolo 6, il prodotto delle funzioni
angolari degli operatori L2 e S 2 , per cui avremo (denotate con le due autofunzioni di S, e con
lm = R1l Ylm )
= 10 +
3/2,3/2


3/2,1/2 = a10 + + b11
= c11 + + d10
3/2,1/2


3/2,3/2 = 11
1 `e diagonale su questi autostati, come ad esempio 3/2,1/2 :
verifichiamo che H
 
1 d
a10 + + b11 S L
a10 + + b11 =
r dr
     
1 d 1 d 1 d
= |a|2 10 + S L
10 + +a
b
10 + S L
11 +ab

11 S L 10 + +

r dr r dr r dr
 
1 d
+ |b|2 11 S L
11
r dr
Ma, essendo S L diagonale in questa base, accoppia solo gli stati con lo stesso spin, quindi
  Z Z +
1 d 1 d
a10 + + b11 S L
a10 + + b11 = d r2 lm lm =
r dr
S2 0 r dr
Z +
1 d 1 1
=C drRnl (r) Rnl (r) = 3 3
0 r dr aB n l(l + 1)(l + 21 )
e quindi la corrispondente correzione al livello di energia sar`a

(1) 1 1 l se j = l + 1/2
En = 3 3 1 (9.8)
aB n l(l + 1)(l + 2 ) (l + 1) se j = l 1/2

(1)
Per l = 0 la (9.8) non ha senso, ma si dimostra ugualmente che En = 0.
I precedenti risultati possono essere integrati con correzioni relativistiche sviluppando lhamiltoniana

p2p
R = (p2e c2 + m2e c4 ) 21 +
H + V (r)
2M
in potenze di p2
2 4 p2
R me c2 + pe + pe + (p4 ) + p + V (r)
H
2me 3
8me c2 2M
in queste condizioni  
1 1 1 3
En = 4 1
2mc4 n3 j+ 2
4n
e gli stati 2S 12 e 2P 21 tornano ad essere degeneri.

9.2.3 Effetto Zeeman


Come ultimo effetto studiamo la perturbazione apportata allatomo di idrogeno dalla presenza di un campo
magnetico esterno, che causa un potenziale di interazione
e
HB = (L + 2S) B
2mc
che si somma allhamiltoniana imperturbata, dando
2
= p + V (r) + e (L + 2S) B
H
2m 2mc

59
Se il campo magnetico `e allineato lungo lasse z, B = B0 z

B = eB0 (Lz + 2Sz ) = eB0 (Jz + Sz )


H
2mc 2mc
A parte dei prefattori moltiplicativi, la correzione ai livelli energetici `e data da

hj,mj ,l,s |Jz + Sz |j,mj ,l,s i = h


mj + hj,mj ,l,s |Sz |j,mj ,l,s i

Se il momento angolare totale `e lT = |j + 12 |

hj,mj ,l,s |Jz + Sz |j,mj ,l,s i = h


mj + hj,mj ,l,s |Sz |j,mj ,l,s i =
*r r r r +
l+m+1 lm l+m+1 lm

=h
mj + Ylm + + Yl,m+1 Sz Ylm + + Yl,m+1
2l + 1 2l + 1 2l + 1 2l + 1
e quindi  
mj
h eB0
E = +h
mj
2l + 1 2mc
mentre, per lT = |j 12 |  
mj
h eB0
E = +h
mj
2l + 1 2mc
quindi tutti i diversi autostati degeneri vengono separati in diversi livelli energetici. Se B0 aumenta fino
al punto in cui la correzione di energia apportata dalla presenza del campo supera di molto quella causata
dallinterazione spin-orbita non c`e bisogno di utilizzare le autofunzioni j,mj ,l,s ma si pu`o tornare ad
utilizzare le autofunzioni originarie nlm dellatomo di idrogeno.

9.3 Perturbazioni dipendenti dal tempo


Consideriamo un esperimento di scattering tra due particelle, esso pu`
o essere trattato come una per-
turbazione del sistema dipendente dal tempo. Come nei precedenti casi abbiamo una hamiltoniana
imperturbata H 0 e una perturbazione V (t).

=H
H 0 + V (t)
(0)
Per semplicit`a consideriamo un autostato n autostato dellhamiltoniana imperturbata, che quindi
risolve lequazione di Schr
odinger imperturbata
(0) 0 (0) = E (0) (0)
i
h =H (9.9)
t n n n n

e la sua evoluzione temporale `e


i
(0) (0)
n (q, t) = n (q)e
h
En t

0
Possiamo quindi decomporre le nuove autofunzioni sugli autostati di H
X (0)
n (q, t) = ak (t)k (q, t)
k

Vogliamo sfruttare la condizione ||V || << ||H


0 ||, quindi partiamo da

0 + V )n (t)
i
h n (t) = (H
t
ovvero
" #
X 
(0) (0) X X
ih ak (t) k (t) + ak (t) k (t) = 0 (0) (t) +
ak (t)H
(0)
ak (t)V (t)k (t)
k
t t
k k k

utilizzando la (9.9)
X 
(0)
X (0)
i
h ak (t) |k (t)i = ak (t)V (t)|k (t)i
t
k k

60
(0)
e, moltiplicando per hm (t)| otteniamo
X 
(0)
X (0)
i
h ak (t) h(0) ak (t)h(0)
m (t)|k (t)i = m (t)|V (t)|k (t)i
t
k k

ovvero
X
(0)
i
h am (t) = ak (t)h(0)
m (t)|V (t)|k (t)i (9.10)
t
k

Consideriamo X (0)
n (q, t) = an (t)(0)
n (q, t) + ak (t)k (q, t)
k6=n

Necessariamente si deve avere che

an (t) = a(0) (1) 2 (1)


n (t) + an (t) + an (t) +

e per lo sviluppo dellautofunzione n-esima


(
(0)
an (t) = 1
(0)
am (t) = 0 m 6= n

Iniziamo ora ad esaminare i diversi ordini in nella (9.10):

d (0)
0 : i
h a (t) = 0
dt m
d (1) (0) (0)
1 : i
h a (t) = h(0) (0) (0)
m (t)|V |n (t)ian (t) = hm (t)|V |n (t)i
dt m
Quindi possiamo generalizzare assumendo
X (0)
n (q, t) = akn k (t)
k

con
(0) d (1) (0)
akn = kn e ih a (t) = hk (t)|V |(0)
n (t)i
dt kn
e quindi
Z t Z t
(1) i (0) i (0) i (0) (0)
akn (t) = d hk ( )|V |(0)
n ( )i = d hk |V |(0)
n ie
h
(En Ek )
h
h

Ad esempio consideriamo una perturbazione del tipo

V = F eit + Ge
it

affinche V rappresenti unosservabile deve soddisfare la condizione V = V e quindi



F = G
Fnm = Gmn
G = F

e quindi Z t
(1) i (0) i (0) (0)
akn = d hk |V |(0)
n ie
h
(En Ek )
h

introducendo la notazione
(0) (0)
(0) En E k
nk =
h
(0) (0)
hk |V |n i = Vkn
Z " (0) (0)
#
t i(kn ) i(kn +)
(1) i (0)
ikn
 1 F kn e F e
akn (t) = d e Fkn ei + Gkn ei = (0)
+ nk (0)
h
h kn kn +

61
V(t)

Figura 9.2: Potenziale di scattering

Nel caso di scattering ipotizzato ad inizio paragrafo il potenziale di interazione ha una forma del tipo
illustrato in figura 9.2 e consente di calcolare con buona approssimazione levoluzione del sistema dopo
lurto:
(0)
(t = ) = n (q, t)
P (0)
(t = ) = k ak ()k ()
Z
i + (0)
d h(0)


1 n ( )|V |n ( )i k = n

h
ak () = akn (t ) =
Z
i +

(0)
d hk ( )|V |(0)



n ( )i k 6= n
h

62
Appendice A

Formule

A.1 Oscillatore armonico unidimensionale


Posto r
m 1  m  41
= x; Cn = n
h
2 2 n! h
si ha
(n + 12 )
En = h
2 nN
n = Cn Hn ()e 2

con
2 dn 2
Hn = (1)n e e
d n
I primi polinomi di Hermite sono:

H0 =1
H1 = 2
H2 = 2 + 4 2
H3 = 12 + 8 3
H4 = 12 48 2 + 16 4
H5 = 120 160 3 + 32 5

A.2 Armoniche Sferiche


Le armoniche sferiche per l 2 sono:
l=0
1
Y00 =
4
l=1
m=0 r
3
Y10 = cos
4
m = 1 r
3
Y1,1 = sin ei
8
l=2
m=0 r
5
Y20 = (3 cos2 1)
16
m = 1 r
15
Y2,1 = sin cos ei
8

63
m = 2 r
15
Y2,2 = sin2 e2i
32

Figura A.1: Plot tridimensionali delle prime 9 armoniche sferiche

A.3 Latomo di idrogeno

nlm (r, , ) = Rnl (r)Ylm (, )


l<n l ml
dove le prime autofunzioni radiali sono:
  32
Z aZr
R10 = 2e B
aB
  32  
Z Zr aZr
R20 = 2 e B
2aB aB
  32
Z Zr aZr
R21 = e B
2aB 3aB

Figura A.2: Plot della densit`a di probabilit`


a per le prime sei autofunzioni radiali

64
Appendice B

Dimostrazioni

B.1
Dimostriamo che [
r; f ( hp f (
p)] = i p). Per semplicit`
a poniamoci nella rappresentazione impulso.

[ p)](p) = ihp [f (
r; f ( p)[p (p)] =
p)(p)] ihf (

h[p f (
= i p)(p)] + i p)[p (p)] ihf (
hf ( p)[p (p)] = ihr f (
p)(p)

c.v.d.
Allo stesso modo si dimostra [ r)] = ihr f (
p; f ( r)

B.2

i
h
j = ((q) (q) (q)(q))
2m
i
h
= ((q) (q) + (q)2 (q) (q) (q) (q) 2 (q)
2m
i
h  
= (q)2 (q) (q)2 (q)
2m

B.3
i
(r) = Ce h (Etpr)

i
h
j = ((q) (q) (q)(q))
2m
h h 2 i (Etpr)
i i i i
i
= C e h e h (Etpr) C 2 e h (Etpr) e h (Etpr)
2m  
h 2 i  i (Etpr) i (Etpr)  i  i (Etpr) i (Etpr) 
i
= C p e h e h + p e h e h
2m h
h
 
i
h 2 2i
= C p
2m h

p
j = C2
m

65
B.4

(x) = eikx + Reikx

i
h
j = ((x)x (x) (x)x (x))
2m
i
h  ikx    
= e + Reikx x eikx + R eikx eikx + R eikx x eikx + Reikx
2m
i
h  ikx    
= e + Reikx ikeikx + ikR eikx eikx + R eikx ikeikx ikReikx
2m
k
h  ikx    
= e + Reikx eikx R eikx + eikx + R eikx eikx Reikx
2m
k
h   
= 1 |R|2 + Re2ikx R e2ikx + 1 |R|2 Re2ikx + R e2ikx
2m
kh
j= (1 |R|2 )
m

B.5

(x) = T eiqx

i
h
j = ((x)x (x) (x)x (x))
2m
i
h  iqx 
= T e x T eiqx T eiqx x T eiqx
2m
i
h  
= iq|T |2 iq|T |2
2m
q 2
h
j= |T |
m

B.6

A ]
[A; = AA A A
r  r  r  r 
m p m p m p m p
= + i
x i
x i
x + i
x
2 2m 2 2m 2 2m 2 2m
 2   2 
p 1 i p
1 i
= + m 2 x 2 + [p; x
] + m 2 x2 + [x; p]
2m 2 2 2m 2 2
= i[
p; x
] = i(ih)
A ] = h
[A;

B.7
   
[H; = A A + h
A]
; A = [A A;
A]
= [A ; A]
A = h A
2
Allo stesso modo si dimostra per A

66
B.8

2 = L
L xL
x + L
yL
y + L
zL
z

z; L
[L 2] x [L
= L z; L
x ] + [L
z; L
x ]L
x + L
y [L
z; L
y ] + [L
z; L
y ]L
y
= i
h(L xL
y + L yLx L
yL x L
xL y)
= 0
2 commuta con L
Allo stesso modo si dimostra che L x e L
y

B.9
 
d df
l cot f () = 0 = l cot f ()
d d
Z Z
df df cos
= l cot d =l d
f f sin
log[f ()] = l log(sin ) f () = (sin )l

67