Sei sulla pagina 1di 72

LA DICHIARAZIONE

DI SUCCESSIONE
D. Lgs. n. 346/1990 nel testo in vigore alla data del 24.10.2001, come
modificato dal D.L. n. 262/2006, convertito in L. n.282/2006 e dalla
L. n. 296/ 2007 ( Finanziaria 2007 )

Le guide di NF
Il Notiziario Fiscale del CAF UIL
Direttore Responsabile, dottor Sergio Scibetta
Ideato e realizzato con la collaborazione
della societ editoriale Lavoro Italiano S.r.l.

SOMMARIO

1. ASPETTI CIVILISTICI ............................................................................................................................. Pag. 5


1.1 Lapertura della successione .................................................................................................. Pag. 5
1.2 Accettazione e rinuncia dell'eredit ................................................................................... Pag. 6
1.3 La capacit di ereditare ............................................................................................................. Pag. 6
1.4 L'eredit giacente .......................................................................................................................... Pag. 7
1.5 L'accettazione dell'eredit ........................................................................................................ Pag. 7
1.5.1 Accettazione espressa .................................................................................................. Pag. 8
1.5.2 Accettazione tacita........................................................................................................... Pag. 8
1.5.3 Impugnazione dell'accettazione .............................................................................. Pag. 9
1.5.4 Accettazione con beneficio d'inventario (articolo 484 codice civile) . Pag. 9
1.6 L indegnit ......................................................................................................................................... Pag. 10
1.7 L'interdizione e l'inabilitazione .............................................................................................. Pag. 10
1.8 Rinuncia all'eredit ....................................................................................................................... Pag. 10
1.9 La rappresentazione .................................................................................................................. Pag. 11
1.10 L'accrescimento ......................................................................................................................... Pag. 12
1.11 La successione legittima ....................................................................................................... Pag. 12
1.12 Esclusione del coniuge dall'eredit ................................................................................. Pag. 15
1.13 Minori ................................................................................................................................................. Pag. 15
1.14 Gradi di parentela ...................................................................................................................... Pag. 15
1.15 La successione testamentaria ........................................................................................... Pag. 17
1.16 Capacit di testare .................................................................................................................... Pag. 18
1.17 L'esecutore testamentario .................................................................................................... Pag. 19
1.18 Le disposizioni testamentarie ............................................................................................. Pag. 19
1.19 Registrazione e pubblicazione ........................................................................................... Pag. 19
1.20 Il testamento pubblico ............................................................................................................. Pag. 19
1.21 Il testamento olografo .............................................................................................................. Pag. 20
1.22 Il testamento segreto ............................................................................................................... Pag. 20
1.23 I testamenti speciali .................................................................................................................. Pag. 21
1.24 Il diritto alla legittima................................................................................................................. Pag. 21
1.25 Invalidit del testamento ........................................................................................................ Pag. 22
1.26 Divieto dei patti successori .................................................................................................. Pag. 22
2. OBBLIGHI FISCALI .................................................................................................................................. Pag. 23
2.1 Fonti ed evoluzione legislativa .............................................................................................. Pag. 23
2.2 Coesistenza di pi regimi impositivi .................................................................................. Pag. 26

SOMMARIO

3. LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE (regime vigente dal 3 ottobre 2006) Pag. 29


3.1 Ufficio competente ...................................................................................................................... Pag. 29
3.2 Soggetti obbligati ........................................................................................................................... Pag. 32
3.3 Termini per la presentazione .................................................................................................. Pag. 32
3.4 Compilazione della dichiarazione (Mod. 4) di successione e allegati ......... Pag. 35
3.5 Imposta Ipotecaria........................................................................................................................ Pag. 36
3.6 Imposta catastale .......................................................................................................................... Pag. 37
3.7 I N V I M ............................................................................................................................................. Pag. 37
3.8 Arrotondamenti ............................................................................................................................... Pag. 37
3.9 L autoliquidazione: i codici dei tributi e la causale ................................................. Pag. 38
3.10 TIPI DI DICHIARAZIONE ...................................................................................................... Pag. 40
3.10.1 Dichiarazione principale ............................................................................................ Pag. 40
3.10.2 Dichiarazione integrativa .......................................................................................... Pag. 40
3.10.3 Dichiarazione modificativa ....................................................................................... Pag. 40
3.10.4 Dichiarazione di successione irregolare, incompleta o infedele ...... Pag. 40
3.11 Rimborsi ........................................................................................................................................... Pag. 42
3.11.1 A seguito di istanza del contribuente ............................................................... Pag. 42
3.11.2 DUfficio .............................................................................................................................. Pag. 42
3.12 Compiti dell'ufficio ...................................................................................................................... Pag. 44
3.12.1 Trattamento della dichiarazione ............................................................................ Pag. 44
3.12.2 Trascrizione della dichiarazione di successione......................................... Pag. 44
3.12.3 Invio ai Comuni ............................................................................................................... Pag. 45
3.12.4 Controllo della dichiarazione ............................................................................... Pag. 45
3.12.5 L'avviso di liquidazione e di rettifica della maggiore imposta ............ Pag. 46
3.13 Il criterio automatico di valutazione degli immobili .......................................... Pag. 46
3.13.1 Fabbricati e terreni ........................................................................................................ Pag. 46
3.13.2 Articolo 12, legge n. 154/88 .................................................................................... Pag. 47
3.14 Classificazione catastale dei fabbricati ......................................................................... Pag. 47
3.15 L'usufrutto ....................................................................................................................................... Pag. 49
3.16 Agevolazioni - Esenzioni e riduzioni ............................................................................ Pag. 51
INOLTRE :

PROSPETTO COEFFICIENTI PER LA DETERMINAZIONE


DEL VALORE AUTOMATICO ................................................................................................................. Pag. 52
PROSPETTO DI RIEPILOGO NUOVA IMPOSTA ....................................................................... Pag. 53
PROSPETTO SINOTTICO AGEVOLAZIONI IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI . Pag. 69
PROSPETTO SINOTTICO RIDUZIONI IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI ........... Pag. 70

ASPETTI CIVILISTICI

1. ASPETTI CIVILISTICI
1.1 - Lapertura della successione
La morte estingue la capacit giuridica della persona e i diritti a essa inerenti (ossia i diritti personali) ma non i diritti
patrimoniali che dovranno essere perci trasmessi ad altri. Il complesso di norme che regola tale trasferimento si chiama
diritto ereditario o successorio.
La successione un evento attraverso il quale uno o pi soggetti (successori, aventi causa) subentrano in tutti i rapporti
giuridici, attivi e passivi, di cui era titolare il de cuius (dante causa), esclusi i crediti e debiti con carattere strettamente
personale; in pratica, un soggetto vivente subentra a un altro deceduto nella titolarit di uno o pi diritti. Il successore colui
che subentra nel patrimonio del de cuius.
La successione si apre al momento della morte, nel luogo dell'ultimo domicilio del defunto. E' questo il momento in cui si
stabilisce chi abbia diritto di succedere. L'apertura della successione determiner quindi il subentro di uno o pi soggetti
nella posizione giuridica e patrimoniale del defunto, secondo le modalit indicate nell'articolo 457 del codice civile.
La nozione di successione comprende ogni specie di acquisto a causa di morte, stabilito dalla volont del defunto o dalla
legge, purch derivi dal patrimonio del defunto.
Pertanto, non ogni acquisto dipendente dalla morte rientra nella nozione di successione a causa di morte.
Ad esempio, sono esclusi quegli acquisti che non derivano dal patrimonio del defunto, come le pensioni, indennit varie,
eccetera, i quali avvengono direttamente a favore dei superstiti "iure proprio" e non "iure successionis".
Nell'ambito della successione si distingue tra:

successione a titolo universale in cui il successore, che prende il nome di erede, subentra nella posizione giuridica
patrimoniale del defunto

successione a titolo particolare, detta legato, in cui si trasferisce uno o pi diritti determinati o rapporti attribuiti
specificamente al successore (detto legatario) dal testamento o dalla legge.
E' una differenza importante perch mentre l'erede si sostituisce al defunto in tutti i suoi rapporti, ne acquista i diritti e nel
contempo diviene obbligato per i suoi debiti, in pratica pu essere definito il suo "continuatore", il legatario non risponde dei
debiti ereditari. A differenza dell'eredit, inoltre, il legato si acquisisce senza bisogno di accettazione, fatta salva comunque
la facolt di rinunciarvi.
Dato che l'acquisto di un legato non comporta, di norma, alcun rischio di natura patrimoniale, il legato stesso viene acquisito
di diritto e pu essere preteso in qualsiasi momento dagli eredi.
Ogni persona che vi abbia un interesse diretto pu chiedere in giudizio che al legatario venga dato un termine entro il quale
egli dovr dichiarare se rinuncia al legato stesso.
Gli eredi subentrano nelle situazioni soggettive del defunto e, quindi, anche in quelle di natura tributaria: sia quelle attive
(quali, ad esempio, i crediti di imposta) che passive ( pagamento di tributi arretrati, interessi).
I princpi base della successione ereditaria sono: l'irrevocabilit della qualit di erede, l'unit del patrimonio, il trapasso di
tutti i diritti e le obbligazioni senza alcuna modificazione (compreso il possesso), la confusione tra patrimonio del defunto e
patrimonio dell'erede.
Cause della successione ereditaria possono essere due: una dichiarazione di volont del de cuius, cio il testamento,
oppure la disposizione di legge.

ASPETTI CIVILISTICI
TRASFERIMENTO BENI E DIRITTI
CONCETTO DI TRASFERIMENTO
TRASFERIMENTO BENI E DIRITTI
ART. 1 E 5 T.U.
CONCETTO DI TRASFERIMENTO
ART. 1 E 5 T.U.
SUCCESSIONE

DONAZIONE

(A CAUSA DI MORTE)
SUCCESSIONE
(A CAUSA DI MORTE)

ALTRA LIBERALIT TRA VIVI

DONAZIONE

ALTRA LIBERALIT TRA VIVI

CHI DEVE PAGARE LIMPOSTA ?


I SOGGETTI PASSIVI
CHI DEVE PAGARE LIMPOSTA ?
I SOGGETTI PASSIVI
EREDI:

LEGITTIMARI

DONATARI:
EREDI:

per successione testamentaria

DONATARI:
PER DONAZIONE INTER VIVOS

- LEGITTIMARI
LEGITTIMI

per successione
per successione
legittimatestamentaria

PER DONAZIONE INTER VIVOS

BENEFICIARI:
BENEFICIARI:
PER ALTRE LIBERALIT
TRA VIVI
PER ALTRE LIBERALIT
TRA VIVI

LEGITTIMI

per successione legittima


LEGATARI:
LEGATARI:
PER SUCCESSIONE
TESTAMENTARIA
PERC.C.)
SUCCESSIONE
(Art. 588
TESTAMENTARIA

(Art. 588 C.C.)

11.2
.2 -Accettazione
Accettazioenerinuncia
e rinundell'eredit
cia delleredit
L'apertura
della Accettazione
successione avviene
a seguitodell'eredit
della morte e nell'ultimo domicilio del defunto ossia nel luogo dove, alla data
1.2
e rinuncia
della morte, aveva la sede principale dei suoi affari e interessi. Questo riferimento importante per stabilire quale sia il
L'apertura della successione avviene a seguito della morte e nell'ultimo domicilio del defunto ossia nel luogo dove, alla data
giudice territorialmente competente a decidere degli eventuali procedimenti successori o delle cause ereditarie.
della morte, aveva la sede principale dei suoi affari e interessi. Questo riferimento importante per stabilire quale sia il
Successivamente
all'apertura della
successione,
si hadegli
la delazione
o vocazionesuccessori
ereditaria:o delle
essa cause
consiste
nell'offerta
giudice territorialmente
competente
a decidere
eventuali procedimenti
ereditarie.
dell'eredit a persone che, se vogliono, possono accettarla. Il destinatario di tale offerta detto "chiamato all'eredit".
Successivamente all'apertura della successione, si ha la delazione o vocazione ereditaria: essa consiste nell'offerta
Il codice prevede
duea forme
di delazione:
dell'eredit
persone
che, se vogliono, possono accettarla. Il destinatario di tale offerta detto "chiamato all'eredit".
testamento
il defunto
ha disposto dei suoi beni tramite testamento (successione testamentaria)
Ilper
codice
prevedequando
due forme
di delazione:

per legge quando invece il defunto non ha lasciato disposizioni testamentarie (successione legittima).
per testamento quando il defunto ha disposto dei suoi beni tramite testamento (successione testamentaria)

11.3
.3 -La
Lacapacit
capper
aclegge
idi
tereditare
dquando
i eredinvece
itareil defunto non ha lasciato disposizioni testamentarie (successione legittima).
La si pu1.3
definire
lidoneit
soggetto ad essere titolare del diritto di succedere a causa di morte; per il suo
Lacome
capacit
di del
ereditare

acquisto sufficiente lesistenza in vita, anche per pochi istanti, della persona riguardo alla quale si ha delazione
La si pu definire come lidoneit del soggetto ad essere titolare del diritto di succedere a causa di morte; per il suo
ereditaria; allassente, dispongono gli artt. 69 ss.;
acquisto sufficiente lesistenza in vita, anche per pochi istanti, della persona riguardo alla quale si ha delazione
Possono ereditare:
ereditaria; allassente, dispongono gli artt. 69 ss.;
Possono
le persone
fisiche
ereditare:
le persone fisiche

6
6

ASPETTI CIVILISTICI
i nascituri concepiti al tempo dell'apertura della successione; si presume tale chi nasce entro i 300 giorni dalla

dellaconcepiti
personaaldella
cuidell'apertura
eredit si tratta.
La partecipazione
alla successione
entro
comunque
imorte
nascituri
tempo
della successione;
si presume
tale chi nasce
i 300 subordinata
giorni dalla
all'evento
della
nascita.della cui eredit si tratta. La partecipazione alla successione comunque subordinata
morte
della
persona
all'evento della nascita.
le persone giuridiche ; possono succedere anche gli enti non riconosciuti, sia che esistano, sia che debbano

essere
costituiti
dalle persone
e secondo
le modalit
indicate
dal testatore.
le
persone
giuridiche
; possono
succedere
anche gli
enti non
riconosciuti, sia che esistano, sia che debbano

essere costituiti dalle persone e secondo le modalit indicate dal testatore.


Possono ricevere per testamento i figli di una determinata persona vivente al tempo della morte del testatore, bench non
ancora concepiti.
Possono
ricevere per testamento i figli di una determinata persona vivente al tempo della morte del testatore, bench non
ancora concepiti.

1.4
1.4

L'eredit giacente
L'eredit giacente

1.4 - Leredit giacente


Con la morte del de cuius, il chiamato all'eredit non acquista ipso iure la qualit di erede, stante la necessit di una

manifestazione
di volont
diretta
in tal senso:
quindinon
fra laacquista
morte del
de iure
cuiuslae qualit
l'eventuale
accettazione
pu
intercorrere
del
Con
la morte del
de cuius,
il chiamato
all'eredit
ipso
di erede,
stante la
necessit
di una
tempo durante ildiquale
il patrimonio
delsenso:
defuntoquindi
si trova
di de
un cuius
titolare.
manifestazione
volont
diretta in tal
fra sprovvisto
la morte del
e l'eventuale accettazione pu intercorrere del
tempo durante il quale il patrimonio del defunto si trova sprovvisto di un titolare.
Per evitare che il patrimonio del defunto rimanga abbandonato a se stesso e resti privo di tutela giuridica, predisposto
l'istituto
dell'eredit
giacente, che
prevederimanga
la nomina
di un curatore
dastesso
parte dell'autorit
con il compito
di curare
Per
evitare
che il patrimonio
del defunto
abbandonato
a se
e resti privogiudiziaria
di tutela giuridica,
predisposto
gli interessi
dell'eredit
fino che
al momento
cui quest'ultima
venga
o, in mancanza
venga
l'istituto
dell'eredit
giacente,
prevede lainnomina
di un curatore
da accettata
parte dell'autorit
giudiziariadell'accettazione,
con il compito di curare
devoluta
allo dell'eredit
Stato.
gli
interessi
fino al momento in cui quest'ultima venga accettata o, in mancanza dell'accettazione, venga
devoluta allo Stato.
I presupposti della fattispecie , pertanto, sono:
I presupposti della fattispecie , pertanto, sono:
esistenza del chiamato ( o chiamati ) alleredit

esistenza del chiamato ( o chiamati ) alleredit


mancanza di accettazione da parte del chiamato

mancanza di accettazione da parte del chiamato


mancanza di immissione nel possesso di parte o di tutti i beni ereditari

mancanza di immissione nel possesso di parte o di tutti i beni ereditari


nomina del curatore , che rappresenta l'inizio della "giacenza".

nomina del curatore , che rappresenta l'inizio della "giacenza".

11.5
.5 -L'accettazione
Laccettaziodell'eredit
ne delleredit
1.5 L'accettazione dell'eredit

Dopo l'apertura della successione, i chiamati all'eredit devono valutare se accettare o rinunciare all'eredit stessa. Il

chiamato
ha 10 anni
tempo per accettare.
Dopo
l'apertura
delladi successione,
i chiamati all'eredit devono valutare se accettare o rinunciare all'eredit stessa. Il
chiamato ha 10 anni di tempo per accettare.
L'accettazione trasforma il chiamato all'eredit in erede vero e proprio. In caso di rinuncia non si perde definitivamente il
diritto all'eredittrasforma
perch ilil chiamato
revocare
la propria
fino
quando
l'ereditnon
nonsi sia
stata
accettata dagliil
L'accettazione
chiamato pu
all'eredit
in erede
vero rinuncia
e proprio.
In acaso
di rinuncia
perde
definitivamente
ulterioriall'eredit
chiamati.perch il chiamato pu revocare la propria rinuncia fino a quando l'eredit non sia stata accettata dagli
diritto
ulteriori chiamati.
Gli eredi, in caso di accettazione, subentrano in tutte le situazioni soggettive del defunto comprese quelle di natura
tributaria,
e passive
; l'accettazione
pu essere
puralee semplice
con beneficio
Gli
eredi, attive
in caso
di accettazione,
subentrano
in tutte
situazioniosoggettive
del d'inventario.
defunto comprese quelle di natura
tributaria, attive e passive ; l'accettazione pu essere pura e semplice o con beneficio d'inventario.
La responsabilit degli eredi per i debiti ereditari, compresi quelli fiscali, sussiste anche se questi superano l'attivo ereditario.
In caso
di chiamata
all'eredit
quindi
evitare accettazioni
cercare
verificarel'attivo
se esistano
ea
La
responsabilit
degli
eredi per
i debitiopportuno
ereditari, compresi
quelli fiscali,frettolose
sussiste eanche
se prima
questi di
superano
ereditario.
debitorie
del defunto.
quanto
situazioni
In
caso ammontano
di chiamata le
all'eredit
quindi
opportuno
evitare accettazioni frettolose e cercare prima di verificare se esistano e a
quanto ammontano le situazioni debitorie del defunto.
L'accettazione pura e semplice comporta che i beni del de cuius si confondano col patrimonio dell'erede, con la
conseguenza che
l'erede
dovr pagare
gli eventuali
debitidel
del de
defunto
con i benicol
ereditati,
ma anche
con il proprio
L'accettazione
pura
e semplice
comporta
che i beni
cuiusnon
si solo
confondano
patrimonio
dell'erede,
con la
patrimonio. che l'erede dovr pagare gli eventuali debiti del defunto non solo con i beni ereditati, ma anche con il proprio
conseguenza
patrimonio.
L'accettazione con beneficio d'inventario non provoca la confusione dei patrimoni e l'erede pagher i debiti ereditari solo
entro
il valore dei
beni
a lui pervenuti
per successione.
L'accettazione
con
beneficio
d'inventario
non provoca la confusione dei patrimoni e l'erede pagher i debiti ereditari solo
entro il valore dei beni a lui pervenuti per successione.
L'accettazione dell'eredit non pu essere legata

condizioni

termini,

ed

essa

irrevocabile.

Una accettazionedell'eredit
parziale dell'eredit
non essere
possibile, legata
nel sensoa che
non possibile
decidere di
di eredit
L'accettazione
non pu
condizioni
o termini,
edrifiutare
essaunaparte
irrevocabile.
a favore
di un'altra.parziale dell'eredit non possibile, nel senso che non possibile decidere di rifiutare una parte di eredit
Una
accettazione
a favore di un'altra.

7
7

L'accettazione pura e semplice pu essere espressa o tacita.

ASPETTI CIVILISTICI

1.5.1 ACCETTAZIONE ESPRESSA


1.5.1 - Accettazione espressa
Ricorre quando il chiamato emette una dichiarazione espressa di volont diretta ad acquistare l'eredit, cio quando
colui che eredita dichiara espressamente per iscritto di accettare l'eredit.
E' un atto giuridico unilaterale (in quanto emesso soltanto dal chiamato), non recettizio (in quanto non deve essere
n notificato n comunicato perch produca i suoi effetti) e irrevocabile. La dichiarazione deve essere resa nella
forma dell'atto pubblico o della scrittura privata.

1.5.2
- Accettazione
tacita
1.5.2
ACCETTAZIONE
TACITA
Ai sensi dell'articolo 476 del codice civile, si ha accettazione tacita quando il chiamato all'eredit compie un atto che
presuppone necessariamente la sua volont di accettare e che non avrebbe il diritto di compiere se non nella qualit
di erede.
Quindi, si ha accettazione tacita quando l'erede, a seguito di un suo comportamento chiaro e inequivocabile, lascia
intendere di avere accettato l'eredit (ad esempio, appropriandosi dei beni ereditari, disponendo degli stessi beni o
promuovendo un'azione spettante all'erede).
Sono considerate in ogni caso forme di accettazione tacita la donazione, la vendita o la cessione che il chiamato
all'eredit faccia dei suoi diritti di successione a un estraneo o a tutti gli altri chiamati o ad alcuno di questi (articolo
477 del codice civile).
Altre fattispecie considerate come forma di accettazione tacita :

pagamento di debiti ereditari mediante danaro prelevato dall'asse


atti dispositivi di beni ereditari
protesto di effetti cambiari rilasciati al defunto da terzi
esercizio dell'azione di risoluzione di un contratto stipulato dal de cuius
conferimento di un mandato a compiere tutti gli atti relativi all'amministrazione dei beni ereditari
conferimento a un procuratore del potere di agire come erede in rappresentanza del chiamato
esercizio dell'azione di riduzione
impugnazione di disposizioni testamentarie
ricorso contro l'accertamento relativo all'imposta di successione
proposta di contratto relativa ai beni ereditari
domanda giudiziale di divisione ereditaria
riscossione del rateo di stipendio, pensione o altre somme spettanti al de cuius.
Per contro , non sono considerate produttive di accettazione tacita :

pagamento di un debito del de cuius che il chiamato effettui con denaro proprio
consegna di beni ereditari da parte del chiamato all'esecutore testamentario
continuazione del godimento dei mobili del de cuius convivente dopo aver rinunciato alla eredit
comportamenti relativi a cose di minima importanza
possesso di beni ereditari

ASPETTI CIVILISTICI
compimento di
di atti
atti di
di amministrazione
amministrazione temporanea
temporanea
compimento

richiesta
compimento
di atti di amministrazione temporanea
di sequestro
richiesta di sequestro

richiesta di sequestro
proposizione di
di querela
querela per
per appropriazione
appropriazione indebita
indebita di
di beni
beni compresi
compresi nell'asse
nell'asse ereditario
ereditario
proposizione
proposizione di trascrizione
querela per del
appropriazione
indebita
di beni compresi nell'asse ereditario
registrazione
testamento del
del
de cuius
cuius
registrazione ee trascrizione
del testamento
de
registrazione e trascrizione
del testamento
del deaicuius
presentazione
della denuncia
denuncia
di successione
successione
competenti uffici.
uffici.
presentazione della
di
ai competenti
presentazione
della
denuncia
di
successione
ai
competenti

Non costituisce
costituisce pertanto
pertanto accettazione
accettazione dell'eredit
dell'eredit la
la presentazione
presentazioneuffici.
della dichiarazione
dichiarazione di
di successione
successione da
da
Non
della
parte
di uno
uno degli
deglipertanto
eredi. accettazione dell'eredit la presentazione della dichiarazione di successione da
Non costituisce
parte
di
eredi.
parte di uno degli eredi.

DELL''ACCETTAZIONE
1.5.3 IIMPUGNAZIONE
MPUGNAZIONE DELL
ACCETTAZIONE
1.5.3
1.5.3
- Impugnazione
dellaccettazione
1.5.3
I
MPUGNAZIONE
DELL
'
ACCETTAZIONE
L'accettazione pu essere impugnata per violenza o per dolo, per errore ostativo, ma non per errore sul motivo.
L'accettazione pu essere impugnata per violenza o per dolo, per errore ostativo, ma non per errore sul motivo.

L'accettazione
pu interdetti,
essere impugnata
violenza o per
dolo,
per errore
ostativo,
ma nondalla
per errore
sulse
motivo.
chiamati minori,
minori,
inabilitatiper
emancipati,
le persone
persone
giuridiche
diverse
societ,
intendono
II chiamati
interdetti, inabilitati
oo emancipati,
ee le
giuridiche
diverse
dalla societ,
se intendono
accettare
l'eredit,
devono
necessariamente
farlo
mediante
beneficio
d'inventario
:
in
mancanza
l'accettazione
I
chiamati
minori,
interdetti,
inabilitati
o
emancipati,
e
le
persone
giuridiche
diverse
dalla
societ,
se
intendono
accettare l'eredit, devono necessariamente farlo mediante beneficio d'inventario : in mancanza l'accettazione

nulla.
accettare l'eredit, devono necessariamente farlo mediante beneficio d'inventario : in mancanza l'accettazione
nulla.
nulla.
diritto di
di accettare
accettare si
si prescrive
prescrive nel
nel termine
termine di
di dieci
dieci anni
anni dall'apertura
dall'apertura della
della successione,
successione, e,
e, nel
nel caso
caso di
di istituzione
istituzione
IlIl diritto
condizionale,
dal
giorno
in
cui
si
verifica
la
condizione.
Il
diritto
di
accettare
si
prescrive
nel
termine
di
dieci
anni
dall'apertura
della
successione,
e,
nel
caso
di
istituzione
condizionale, dal giorno in cui si verifica la condizione.
condizionale,
dal giorno
cui codice
si verifica
la condizione.
Ai
sensi dell'articolo
dell'articolo
481indel
del
civile,
chiunque vi
vi ha
ha interesse
interesse pu
pu chiedere
chiedere che
che l'autorit
l'autorit giudiziaria
giudiziaria fissi
fissi un
un
Ai
sensi
481
codice civile,
chiunque
termine
entro
il
quale
il
chiamato
dichiari
se accetta
accetta
rinunzia
all'eredit.
Ai sensientro
dell'articolo
del codice
civile,
chiunque
vi ha interesse
pu chiedere che l'autorit giudiziaria fissi un
termine
il quale il481
chiamato
dichiari
se
oo rinunzia
all'eredit.
termine entro
il quale
il chiamato
se accetta
rinunzia all'eredit.
Trascorso
questo
termine
senza dichiari
che abbia
abbia
fatto la
la odichiarazione,
dichiarazione,
chiamato perde
perde ilil diritto
diritto di
di accettare.
accettare. La
La norma
norma
Trascorso
questo
termine
senza
che
fatto
ilil chiamato
prevede
un'ipotesi
di
decadenza
dal
diritto
di
accettare
nei confronti
confrontiildel
del
chiamato
inerte.
Trascorso
questo di
termine
senzadal
che
abbia
la dichiarazione,
chiamato
perde
il diritto di accettare. La norma
prevede
un'ipotesi
decadenza
diritto
di fatto
accettare
nei
chiamato
inerte.
prevede
un'ipotesi
di decadenza
dal diritto
di accettare
confronti
del
chiamato
inerte.
Altra
ipotesi
di decadenza
decadenza
prevista
dall'articolo
487,nei
comma
interessa
chiamato all'eredit
all'eredit che
che non
non nel
nel
Altra
ipotesi
di
prevista
dall'articolo
487,
comma
33 :: interessa
ilil chiamato
possesso
dei
beni
ereditari,
quando,
fatto
l'inventario
non
preceduto
da
dichiarazione
d'accettazione,
nei
successivi
Altra
ipotesi
di
decadenza

prevista
dall'articolo
487,
comma
3
:
interessa
il
chiamato
all'eredit
che
non

nel
possesso dei beni ereditari, quando, fatto l'inventario non preceduto da dichiarazione d'accettazione, nei successivi
quaranta
giorni
nonereditari,
rende la
la dichiarazione
dichiarazione
di
accettazione.
possessogiorni
dei beni
quando,
fatto di
l'inventario
non preceduto da dichiarazione d'accettazione, nei successivi
quaranta
non
rende
accettazione.
quaranta giorni non rende la dichiarazione di accettazione.

1.5.4
- Accettazione
con CON
beneficio
dinventario
(Art. 484
Codice Civile)
1.5.4
ACCETTAZIONE
CCETTAZIONE
CON BENEFICIO
BENEFICIO
D''INVENTARIO
INVENTARIO
ARTICOLO
484 CODICE
CODICE CIVILE
CIVILE ))
1.5.4
A
D
(( ARTICOLO
484

1.5.4 ACCETTAZIONE CON BENEFICIO D'INVENTARIO ( ARTICOLO 484 CODICE CIVILE )

Laccettazione con
con beneficio
beneficio dinventario
dinventario deve
deve rivestire
rivestire la
la forma
forma di
di una
una accettazione
accettazione espressa
espressa ad
ad substantiam.
substantiam.
Laccettazione
Laccettazione
con beneficio
dinventario
la forma
una accettazione
espressa
ad
substantiam.
dispositivo normativo
normativo
di cui
cui
allart. 484
484deve
c.c. rivestire
prescrive
che la
ladistessa
stessa
dichiarazione
possa essere
essere
ricevuta da
da un
un
IlIl dispositivo
di
allart.
c.c.
prescrive
che
dichiarazione
possa
ricevuta
notaio
o
dal
cancelliere
del
Tribunale
del
circondario
in
cui

stata
aperta
la
successione.
Il
dispositivo
normativo
di
cui
allart.
484
c.c.
prescrive
che
la
stessa
dichiarazione
possa
essere
ricevuta
da
un
notaio o dal cancelliere del Tribunale del circondario in cui stata aperta la successione.
notaio
o dalnorma
cancelliere
del Tribunale
circondario da
in cui
stata aperta
successione.di accettazione, consistente
La
stessa
prevede
regimedel
pubblicitario
farseguire
seguire
alla la
dichiarazione
La
stessa
norma prevede
ilil regime
pubblicitario
da far
alla
dichiarazione
di accettazione, consistente
nellinserimento
nel
registro
delle
successioni
presso
lo
stesso
Tribunale,
nonch
nella trascrizione
trascrizione
pressoconsistente
lufficio dei
dei
La stessa norma
il regime
pubblicitario
far seguire
alla nonch
dichiarazione
di accettazione,
nellinserimento
nel prevede
registro delle
successioni
presso da
lo stesso
Tribunale,
nella
presso
lufficio
registri
immobiliari
del
luogo delle
in cui
cuisuccessioni
si aperta
aperta la
la
successione.
nellinserimento
neldel
registro
presso
lo stesso Tribunale, nonch nella trascrizione presso lufficio dei
registri
immobiliari
luogo
in
si
successione.
registri
del luogo in cuiuna
si facolt
aperta la
successione.
Questoimmobiliari
tipo di
di accettazione
accettazione
per
ogni chiamato,
chiamato, che
che non
non pu
pu essere
essere impedita
impedita dalla
dalla volont
volont del
del
Questo
tipo
una facolt
per
ogni
testatore.
Costituisce,
anzi,
un
obbligo
indefettibile
per
alcuni
soggetti
determinati
dalla
legge:
Questo tipo
di accettazione
una facolt
per per
ognialcuni
chiamato,
che
non pu dalla
essere
impedita dalla volont del
testatore.
Costituisce,
anzi, un obbligo
indefettibile
soggetti
determinati
legge:
testatore.
Costituisce,
anzi,e un
obbligo indefettibile per alcuni soggetti determinati dalla legge:
incapaci
assoluti
relativi
incapaci assoluti
e relativi
incapaci giuridiche
assoluti e relativi
persone
persone giuridiche
persone giuridiche
minori
minori
minori o inabilitati.
interdetti
interdetti
o inabilitati.
interdetti
o inabilitati.
Per quanto
quanto
riguarda
termini, occorre
occorre distinguere:
distinguere:
Per
riguarda
ii termini,
Per quanto
i termini,
occorre distinguere:
se ilriguarda
il chiamato
chiamato
nel possesso
possesso
dei beni
beni ereditari,
ereditari, deve
deve compiere
compiere ll inventario
inventario entro
entro tre
tre mesi
mesi dall'apertura
dall'apertura della
della
se
nel
dei
successione
e
deve
decidere
se
accettare
rinunziare
nei quaranta
quaranta
giorni successivi
successivi
se questi
questi
terminidella
non
se il chiamato
nel possesso
deiaccettare
beni ereditari,
deve compiere
l inventario
entro tre mesi
dall'apertura
successione
e
deve
decidere se
oo rinunziare
nei
giorni
;; se
termini
non
sono
rispettati,
il chiamato
chiamato
considerato
erede
puro ee semplice
semplice
successione
e ildeve
decidere
se accettare
o rinunziare
nei quaranta giorni successivi ; se questi termini non
sono
rispettati,
considerato
erede
puro

sono rispettati, il chiamato considerato erede puro e semplice

99
9

ASPETTI CIVILISTICI
se il chiamato non nel possesso dei beni ereditari, pu accettare con beneficio finch non sia prescritto il
se il chiamato non nel possesso dei beni ereditari, pu accettare con beneficio finch non sia prescritto il

di accettazione
(10
anni). dei beni ereditari, pu accettare con beneficio finch non sia prescritto il
il chiamato
non nel
possesso
sediritto
diritto di accettazione (10 anni).

diritto
di accettazione
(10laanni).
Nei seguenti
casi si ha
decadenza dal beneficio d'inventario :
Nei seguenti casi si ha la decadenza dal beneficio d'inventario :
Nei
seguentio casi
si ha dolose
la decadenza
dal beneficio d'inventario :
omissioni
inclusioni
nell'inventario
omissioni o inclusioni dolose nell'inventario
omissioni
o
inclusioni
dolose
nell'inventario
alienazione di beni o costituzione di garanzie reali su di essi senza autorizzazione giudiziale
alienazione di beni o costituzione di garanzie reali su di essi senza autorizzazione giudiziale
alienazione
di beni
o costituzione
di garanzie
su di essi senza autorizzazione giudiziale
inosservanze
procedurali,
in occasione
della reali
liquidazione.
inosservanze procedurali, in occasione della liquidazione.
inosservanze procedurali, in occasione della liquidazione.

1.6 L indegnit
11.6
.6L
- L
Lindegnit
inindegnit
degnit
1.6
E' escluso
dalla successione l'indegno, ossia chi :
E' escluso dalla successione l'indegno, ossia chi :
E' escluso dalla
successione
ossia
chicuius
:
ha ucciso
o tentatol'indegno,
di uccidere
il de
o il suo coniuge o un suo stretto congiunto ( a meno che non vi siano
ha ucciso o tentato di uccidere il de cuius o il suo coniuge o un suo stretto congiunto ( a meno che non vi siano
stati
gli
estremi
della
legittima
difesa
)
ha ucciso o tentato di uccidere il de cuius o il suo coniuge o un suo stretto congiunto ( a meno che non vi siano
stati gli estremi della legittima difesa )
stati
estremi della
legittimadidifesa
)
ha gli
commesso
nei confronti
tali persone
un delitto punibile con le norme sull'omicidio
ha commesso nei confronti di tali persone un delitto punibile con le norme sull'omicidio
haha
commesso
neicalunniosamente
confronti di tali persone
un delitto
punibile con
le norme sull'omicidio
denunciato
tali persone
o testimoniato
falsamente
contro di esse per reati punibili con la
ha denunciato calunniosamente tali persone o testimoniato falsamente contro di esse per reati punibili con la
percalunniosamente
un periodo non inferiore
ai tre anni,
se la denuncia
stata dichiarata
calunniosa
in giudizio,
hareclusione
denunciato
tali persone
o testimoniato
falsamente
contro di esse
per reati
punibiliovvero
con la
reclusione per un periodo non inferiore ai tre anni, se la denuncia stata dichiarata calunniosa in giudizio, ovvero
chi nel procedimento
abbia testimoniato
contro
una di queste
persone ecalunniosa
successivamente
sia ovvero
stato
reclusione
per un periodopenale
non inferiore
ai tre anni, se
la denuncia
stata dichiarata
in giudizio,
chi nel procedimento penale abbia testimoniato contro una di queste persone e successivamente sia stato
condannato
per
falsa
testimonianza
chi nel procedimento penale abbia testimoniato contro una di queste persone e successivamente sia stato
condannato per falsa testimonianza
condannato
testimonianza
ha forzato per
con falsa
violenza
e dolo la volont testamentaria
ha forzato con violenza e dolo la volont testamentaria
haha
forzato
con
violenza
e
dolo la volont
testamentaria
distrutto, falsificato, alterato
o nascosto
il testamento o ha indotto il testatore a fare, a revocare o a mutare un
ha distrutto, falsificato, alterato o nascosto il testamento o ha indotto il testatore a fare, a revocare o a mutare un
testamento,
ovvero
glielo
abbia
impedito
ha distrutto, falsificato, alterato o nascosto il testamento o ha indotto il testatore a fare, a revocare o a mutare un
testamento, ovvero glielo abbia impedito
testamento,
ovvero
glielo abbiafalso.
impedito
ha fatto uso
di un testamento
ha fatto uso di un testamento falso.
ha
fatto
uso
di
un
testamento
falso.
L'indegnit non opera automaticamente ma deve essere accertata in un giudizio instaurato da chi vi abbia interesse.
L'indegnit non opera automaticamente ma deve essere accertata in un giudizio instaurato da chi vi abbia interesse.
L'indegnit
automaticamente
ma deve
essere accertata
in un giudizio
instaurato
da chi vi(eabbia
L'indegnonon
puopera
essere
nuovamente abilitato
alla successione
per disposizione
delle
ultime volont
quindiinteresse.
nel testamento)
L'indegno pu essere nuovamente abilitato alla successione per disposizione delle ultime volont (e quindi nel testamento)
oppure
in
vita
per
atto
pubblico.
L'indegno pu essere nuovamente abilitato alla successione per disposizione delle ultime volont (e quindi nel testamento)
oppure in vita per atto pubblico.
oppure in vita per atto pubblico.

1.7

L'interdizione e l'inabilitazione

eel'inabilitazione
11.7
.7L'interdizione
- L'interdizione
Linterdizioe nl'inabilitazione
e linabilitazione
1.7

L'interdizione e l'inabilitazione sono degli strumenti istituiti dal legislatore per tutelare le persone che, per una serie di motivi,
L'interdizione e l'inabilitazione sono degli strumenti istituiti dal legislatore per tutelare le persone che, per una serie di motivi,
non siano pi
capaci di curare
i propri
limitano
totalmente
parzialmente
giuridica
di
L'interdizione
e l'inabilitazione
sono
degliinteressi.
strumentiQuesti
istituitistrumenti
dal legislatore
per
tutelare leo persone
che, la
percapacit
una serie
di motivi,
non siano pi capaci di curare i propri interessi. Questi strumenti limitano totalmente o parzialmente la capacit giuridica di
agire
per
evitare
che
vengano
compiuti
atti
economicamente
pregiudizievoli.
non siano pi capaci di curare i propri interessi. Questi strumenti limitano totalmente o parzialmente la capacit giuridica di
agire per evitare che vengano compiuti atti economicamente pregiudizievoli.
agire
per evitare che
vengano
compiuti assoluta
atti economicamente
pregiudizievoli.
L'interdizione
determina
l'incapacit
della persona.
Pu essere interdetto qualunque maggiorenne che si trovi in
L'interdizione determina l'incapacit assoluta della persona. Pu essere interdetto qualunque maggiorenne che si trovi in
una
condizione
di
infermit
mentale
tale
da
renderlo
incapace
di essere
provvedere
ai propri
affari. Nella
cura dei suoi
L'interdizione determina l'incapacit assoluta della persona. Pu
interdetto
qualunque
maggiorenne
che interessi,
si trovi in
una condizione di infermit mentale tale da renderlo incapace di provvedere ai propri affari. Nella cura dei suoi interessi,
l'interdetto
verr
sostituito
da
un
rappresentante
legale
detto
tutore.
una condizione di infermit mentale tale da renderlo incapace di provvedere ai propri affari. Nella cura dei suoi interessi,
l'interdetto verr sostituito da un rappresentante legale detto tutore.
l'interdetto
verr sostituito
un rappresentante
legale
detto tutore.
L' inabilitazione
invece da
riduce
solo parzialmente
la capacit
del soggetto e subentra quando l'infermit mentale non tale
L' inabilitazione invece riduce solo parzialmente la capacit del soggetto e subentra quando l'infermit mentale non tale
da
giustificare
l'interdizione.
L'inabilitato
deve
per
legge
essere
daeun
curatorequando
nel compimento
atti di particolare
L' inabilitazione invece riduce solo parzialmente la capacit
delassistito
soggetto
subentra
l'infermitdimentale
non tale
da giustificare l'interdizione. L'inabilitato deve per legge essere assistito da un curatore nel compimento di atti di particolare
rilevanza.
da giustificare l'interdizione. L'inabilitato deve per legge essere assistito da un curatore nel compimento di atti di particolare
rilevanza.
rilevanza.

11.8
.8 -Rinuncia
Rinunciall'eredit
a alleredit

1.8 Rinuncia all'eredit


1.8La rinuncia
Rinuncia
all'eredit
all'eredit
un atto giuridico che, ai sensi dell'articolo 519 del codice civile, deve essere fatto con dichiarazione
La rinuncia all'eredit un atto giuridico che, ai sensi dell'articolo 519 del codice civile, deve essere fatto con dichiarazione
un notaio
da un
cancelliere
presso 519
il tribunale
territorialmente
competente
; dichiarazione
un negozio
Laricevuta
rinuncia da
all'eredit
uno atto
giuridico
che, aiautorizzato
sensi dell'articolo
del codice
civile, deve essere
fatto con
ricevuta da un notaio o da un cancelliere autorizzato presso il tribunale territorialmente competente ; un negozio
unilaterale
tra vivi
non orecettizio,
con il quale ilautorizzato
chiamato dichiara
non vuoleterritorialmente
acquisire l'eredit.
ricevuta da un
notaio
da un cancelliere
presso che
il tribunale
competente ; un negozio
unilaterale tra vivi non recettizio, con il quale il chiamato dichiara che non vuole acquisire l'eredit.
unilaterale tra vivi non recettizio, con il quale il chiamato dichiara che non vuole acquisire l'eredit.

10

10
10
10

ASPETTI CIVILISTICI
Ai sensi dell'articolo 521 del codice civile, la rinuncia fa perdere, ab origine, la qualit di erede ; chi rinuncia considerato
come se non fosse mai stato chiamato.
La rinuncia all'eredit pu avvenire entro il termine di 10 anni e con le stesse modalit previste per l'accettazione con
beneficio d'inventario. Fino a che si nei termini per accettare si pu anche rinunziare, sempre che il rinunziante non sia nel
possesso dei beni e non abbia compiuto atti che comportano l'accettazione tacita o, in generale, atti da erede. Quindi, prima
dell'accettazione consigliabile evitare di compiere atti amministrativi del patrimonio i quali comporterebbero l'implicita
accettazione dell'eredit.
La rinuncia, come l'accettazione, deve essere incondizionata e non pu essere parziale ; totale e non pu essere legata
ad alcuna condizione o a un termine.
Chi vuole rinunciare all'eredit deve essere consapevole che in tal modo dovr rinunciare a tutto il patrimonio.
Non pu essere fatta a favore di altre persone.
Una volta operante la rinuncia, la devoluzione opera automaticamente nei confronti dei chiamati successivi, cio l'eredit
spetta ai successivi eredi chiamati per legge (o per testamento).
La rinuncia pu essere revocata solo nel caso in cui non sia ancora trascorso il termine per l'accettazione dell'eredit (10
anni), e qualora nessun altro dei chiamati abbia nel frattempo accettato l'eredit stessa.
La rinuncia pu essere impugnata dai creditori del chiamato rinunciante, i quali possono farsi autorizzare ad accettare
l'eredit in nome e luogo dello stesso.

11.9
.9 -La
La rappresentazione
rappresentazione
La rappresentazione, secondo la terminologia utilizzata in proposito dal codice civile, fa subentrare i discendenti legittimi o
naturali nel luogo e nel grado del loro ascendente in tutti i casi in cui questi non pu o non vuole accettare l'eredit. Si tratta
del subentro nel diritto di accettare l'eredit di persona diversa dal chiamato all'eredit.
Presupposto essenziale della rappresentazione che il primo chiamato non abbia voluto o potuto accettare l'eredit.
L'articolo 467 del codice civile d la nozione di "rappresentazione": l'istituto che consente

a un discendente di

"subentrare" (legittimo o naturale) "nel luogo e nel grado del loro ascendente" in una successione ereditaria.
Il successivo articolo 468 cita: "la rappresentazione ha luogo nella linea retta a favore dei discendenti dei figli
legittimi,legittimati e adottivi, nonch dei discendenti dei figli naturali del defunto, e, nella linea collaterale, a favore dei
discendenti dei fratelli e delle sorelle del defunto - con esclusione, pertanto, degli altri parenti.
Il vincolo di parentela il legame tra persone che "discendono" da uno stesso stipite (articolo 74, c.c.); sono "parenti in linea
retta" quelli che discendono "l'uno dall'altro", in "linea collaterale" coloro che hanno uno "stipite comune" ma "non
discendono l'uno dall'altro", ad esempio fratelli e sorelle (articolo 75, c.c.).
Ne deriva che la rappresentazione ha luogo:

in linea retta, a favore dei figli legittimi, legittimati, adottivi e naturali


in linea collaterale, solo a favore dei discendenti dei fratelli e delle sorelle del defunto (articolo 468, comma 1).
Ha luogo, in entrambi i casi, all'infinito (se, nell'esempio precedente, anche i figli del figlio fossero morti, succederebbero i
nipoti), indipendentemente dal fatto che sia disuguale il grado dei discendenti (concorso di figli con nipoti, di nipoti con
pronipoti) o il loro numero per ciascuna stirpe (ad esempio, un nipote di una stirpe concorre con dieci nipoti di un'altra
stirpe).
L'articolo 468 del codice civile parla di discendenti; tali non sono solo i discendenti di sangue, ma anche i legittimati e i figli
adottivi, equiparati ai figli legittimi a tutti gli effetti successori (articoli 536, comma 2, e 567, comma 1).

11
11

ASPETTI CIVILISTICI

Quando si applica la rappresentazione, "la divisione si fa per stirpi" (articolo 469, terzo comma, c.c.), cio i discendenti

subentrano tutti al posto del loro capostipite, indipendentemente dal loro numero, e non per capi : ad es. i nipoti
Quando si applica la rappresentazione, "la divisione si fa per stirpi" (articolo 469, terzo comma, c.c.), cio i discendenti
dell'ereditando,
anche rappresentazione,
se sono dieci, riceveranno
complessivamente
solo
la quota
eredit
che sarebbe
spettata
al loro
Quando si applica
"la divisione
si fa per stirpi" dal
(articolo
469, di
terzo
discendenti
subentrano
tutti al laposto
del loro capostipite,
indipendentemente
loro numero,
e comma,
non per c.c.),
capi cio
: adi es.
i nipoti
ascendente che
non
ha voluto
o
potuto
accettare,
e perci riceveranno
individualmente
solo
unper
decimo
di: quanto
riceve
il
subentrano
tutti
al
posto
del
loro
capostipite,
indipendentemente
dal
loro
numero,
e
non
capi
ad
es.
i
dell'ereditando, anche se sono dieci, riceveranno complessivamente solo la quota di eredit che sarebbe spettata alnipoti
loro
figlio
dell'ereditando
(articolo
469,
c.c.).riceveranno complessivamente solo la quota di eredit che sarebbe spettata al loro
dell'ereditando,
sono
ascendente
cheanche
non hasevoluto
odieci,
potuto
accettare, e perci riceveranno individualmente solo un decimo di quanto riceve il
ascendente
che non(articolo
ha
potuto
perci testamento
riceveranno(articolo
individualmente
solo
un decimo
di quanto
ricevediil
La
rappresentazione
valevoluto
per469,
lao successione
con oe senza
467, c.c.):
qualora
gli eredi
aventi diritto
figlio
dell'ereditando
c.c.). accettare,
figlio
dell'ereditando
(articolo
469,
c.c.).
succedere non volessero accettare l'eredit per qualsiasi motivo (per morte, rinuncia all'eredit, indegnit), subentreranno a
La rappresentazione vale per la successione con o senza testamento (articolo 467, c.c.): qualora gli eredi aventi diritto di
questi
i loro discendenti.
La rappresentazione
vale accettare
per la successione
o senza
testamento
(articolo
467, all'eredit,
c.c.): qualora
gli eredisubentreranno
aventi diritto di
succedere
non volessero
l'eredit percon
qualsiasi
motivo
(per morte,
rinuncia
indegnit),
a
succedere
non
volessero
accettare
l'eredit per
qualsiasi
In
casoi loro
di assenza
di eredi,
erede necessario
lo
Stato. motivo (per morte, rinuncia all'eredit, indegnit), subentreranno a
questi
discendenti.
questi i loro discendenti.
IlIn successore
che di
non
puerede
o non
vuole succedere
caso di assenza
eredi,
necessario
lo Stato.prende il nome di rappresentato; chi assume il suo posto nella
In caso di assenza
di eredi, erede Questi
necessario
lo
Stato.diritto a succedere, non gi come erede del rappresentato; perci,
successione
il rappresentante.
ha un
proprio
Il successore che non pu o non vuole succedere prende il nome di rappresentato; chi assume il suo posto nella
succede
per rappresentazione
anche
se fosse
incapace o indegno
rispetto
rappresentato
o avesse
Ilsuccessione
successore
che
non
pu
o
non
vuole
succedere
nome di
di succedere
rappresentato;
chi al
assume
il suo posto
nella
il rappresentante. Questi ha un proprio prende
diritto a ilsuccedere,
non gi come erede
del rappresentato;
perci,
rinunciato all'eredit
di questo (articolo
468,
comma
2). diritto a succedere, non gi come erede del rappresentato; perci,
successione

il
rappresentante.
Questi
ha
un
proprio
succede per rappresentazione anche se fosse incapace o indegno di succedere rispetto al rappresentato o avesse
succede
per
rappresentazione
anche
se fosse
o indegno di succedere
al rappresentatoe olaavesse
Quando mancano
i dipresupposti
della 468,
successione
pu avererispetto
luogo l'accrescimento,
quota
rinunciato
all'eredit
questo (articolo
commaincapace
2).per rappresentazione,
rinunciato
all'eredit
di a
questo
468, comma
2). con l'erede mancante.
rimasta vacante
andr
coloro(articolo
che avrebbero
concorso
Quando mancano i presupposti della successione per rappresentazione, pu avere luogo l'accrescimento, e la quota
Quando
mancano
i presupposti
successione
percon
rappresentazione,
pu avere
l'accrescimento,
e lainquota
La
rappresentazione
ha
luogo nella
successione
testamentaria
quando
il testatore
non luogo
ha provveduto
per il caso
cui il
rimasta
vacante
andr
a coloro
chedella
avrebbero
concorso
l'erede
mancante.
rimasta
vacante
andr
a coloro
che
avrebbero
concorso
l'erede
chiamato
non possa
o non
voglia
accettare
(articolo
467,con
comma
2). mancante.
La rappresentazione ha luogo nella successione testamentaria quando il testatore non ha provveduto per il caso in cui il
La
rappresentazione
ha
luogo
nella
successione
testamentaria
quando
il testatore
non ha provveduto per il caso in cui il
Perci
la sostituzione
prevale(articolo
sulla rappresentazione
prevale sull'accrescimento.
chiamato
non possa otestamentaria
non voglia accettare
467, comma 2).e questa
chiamato non possa o non voglia accettare (articolo 467, comma 2).
Perci la sostituzione testamentaria prevale sulla rappresentazione e questa prevale sull'accrescimento.
Perci laL'accrescimento
sostituzione testamentaria prevale sulla rappresentazione e questa prevale sull'accrescimento.
1.10

1.10
il caso
1E'
.1un0istituto
-L'accrescimento
Laprevisto
ccresper
cim
entoin cui un chiamato a seguito di successione non possa o non voglia accettare l'eredit : in
1.10
L'accrescimento
tal caso, la parte del patrimonio ereditario offerta al chiamato si accresce agli altri eredi (o agli altri legatari se si tratta di

E' un istituto previsto per il caso in cui un chiamato a seguito di successione non possa o non voglia accettare l'eredit : in
successione
aprevisto
titolo particolare).
E' un
istituto
il caso in
cui un chiamato
seguito disisuccessione
non
possa
non
voglia
accettaresel'eredit
in
tal
caso,
la parte
del per
patrimonio
ereditario
offerta alachiamato
accresce agli
altri
eredio (o
agli
altri legatari
si tratta: di
tal
caso,
la
parte
delparticolare).
patrimonio ereditario
offerta
chiamato
si accresce agli altri eredi (o agli altri legatari se si tratta di
L'operativit
subordinata
a unaalserie
di presupposti:
successione dell'accrescimento
a titolo
successione a titolo particolare).
1. si ha
solo quando nonsisubordinata
possono realizzare,nellordine,
la successione nel diritto di accettazione dell'eredit, la
L'operativit
dell'accrescimento
a una serie di presupposti:
L'operativit
dell'accrescimento
subordinata a una serie di presupposti:
sostituzione,
la rappresentazione
1. si ha solo quando non si possono realizzare,nellordine, la successione nel diritto di accettazione dell'eredit, la
1.
ha solo solo
quando
non
si possono
successione
nel dirittonell'universalit
di accettazionedei
dell'eredit,
la
2. si
si
verifica
pi
persone
sono realizzare,nellordine,
state istituite eredi conlauno
stesso testamento
beni, senza
sostituzione,
la se
rappresentazione
2.
2.

sostituzione, la rappresentazione
determinazione
di quote o di parti uguali, o in una stessa quota ( in quest'ultimo caso per l'accrescimento si
si verifica solo se pi persone sono state istituite eredi con uno stesso testamento nell'universalit dei beni, senza
verifica
solo
a
favore
degli
eredi istituiti
nella
medesima
quota
) stesso testamento nell'universalit dei beni, senza
si
verifica solo sedipi
persone
state
istituite
eredistessa
con
uno
determinazione
quote
o di sono
parti uguali,
o in una
quota
( in quest'ultimo caso per l'accrescimento si

determinazione
di quote
di parti
uguali,
in una stessa
in quest'ultimo
caso
per l'accrescimento
si
nel
casosolo
di successione
titolo
particolare,
altri legatari
si verifica
se a essi stato
verifica
a favore
degliaoeredi
istituiti
nellaol'accrescimento
medesima
quotaaquota
)favore( degli
verificalosolo
a favore
degli eredi istituiti nella medesima quota )
legato
stesso
oggetto
3. nel caso di successione a titolo particolare, l'accrescimento a favore degli altri legatari si verifica se a essi stato
3. non
nel caso
di successione
l'accrescimento
favore
degli altridilegatari
si verifica
essi stato
4.
possibile
l'accrescimento,
se, nonostante
la ricorrenzaadei
presupposti
cui ai numeri
1 e se
2, ila testatore
ha
legato
lo stesso
oggetto a titolo particolare,
legato
lo
stesso
oggetto
escluso l'accrescimento.
4. non possibile l'accrescimento, se, nonostante la ricorrenza dei presupposti di cui ai numeri 1 e 2, il testatore ha
4. non
possibile
se, nonostante
la ricorrenza
dei presupposti
di cui
ai numeri 1a etitolo
2, il universale
testatore ha
L'accrescimento
opera
dil'accrescimento,
diritto. Se non esistono
i presupposti
per l'accrescimento,
nella
successione
si
escluso
l'accrescimento.
3.

escluso
far luogo
alla l'accrescimento.
successione legittima ; nella successione a titolo particolare, non ricorrendo i presupposti per
L'accrescimento opera di diritto. Se non esistono i presupposti per l'accrescimento, nella successione a titolo universale si
laccrescimento,
la
porzione
del legatario
mancantei presupposti
viene appresa dall'onerato.
L'accrescimento
opera
di diritto.
Se non esistono
universaleper
si
far luogo alla successione
legittima
; nella successione per
a l'accrescimento,
titolo particolare,nella
nonsuccessione
ricorrendo a i titolo
presupposti
far luogo alla lasuccessione
legittima mancante
; nella successione
titolo particolare, non ricorrendo i presupposti per
laccrescimento,
porzione del legatario
viene appresaa dall'onerato.
laccrescimento,
la porzione
del legatario mancante viene appresa dall'onerato.
1.11 La successione
legittima

1.11 - La successione legittima

1.11 LaL'eredit
successione
legittima
si devolve
per legge o per testamento ; no si fa luogo alla successione legittima se non quando manca, in
1.11 La successione legittima

tutto o in parte, quella testamentaria (articolo 457, c.c.).


L'eredit si devolve per legge o per testamento ; no si fa luogo alla successione legittima se non quando manca, in
si devolve
perlegge,
legge
o perdue
testamento
no sisifainstaura
luogo alla
successione
legittimae se
manca, in
in
Se
testamentari
o per
sono
o pi,
la comunione
ereditaria
gli non
erediquando
vi partecipano
tuttoglioeredi,
in L'eredit
parte,
quella
testamentaria
(articolo
457,
c.c.).tra; loro
tutto
o in parte,
quella
(articolo 457, c.c.).
proporzione
della
loro testamentaria
quota ereditaria.
Se gli eredi, testamentari o per legge, sono due o pi, tra loro si instaura la comunione ereditaria e gli eredi vi partecipano in
Se
gli eredi, della
testamentari
o per
legge, sono due o pi, tra loro si instaura la comunione ereditaria e gli eredi vi partecipano12
in
proporzione
loro quota
ereditaria.

12

proporzione della loro quota ereditaria.

12
12

ASPETTI CIVILISTICI
La successione legittima quella che si effettua secondo la disciplina dettata dalla legge, in quanto manca un testamento, o
quello che esiste non valido o stato annullato a seguito di vizi, o vi stata rinunzia all'eredit o impossibilit di succedere
dei chiamati o, infine, perch l'asse ereditario non si esaurito una volta eseguite le disposizioni testamentarie.
L'articolo 565 del codice civile ( "categorie dei successibili" ) stabilisce che nella successione legittima l'eredit si devolve al
coniuge, ai discendenti legittimi e naturali, agli ascendenti legittimi, ai collaterali, agli altri parenti e allo Stato, secondo
questo ordine.
La successione per legge una successione di carattere residuale e suppletiva in quanto presupposto della sua
applicazione :

la mancanza (totale o parziale) di disposizione testamentaria a titolo universale

la violazione dei diritti spettanti ai cosiddetti legittimari.

Se non esiste un testamento, la legge individua gli eredi nel coniuge e gli altri parenti sino al sesto grado incluso.
Se colui che muore non lascia parenti, l'eredit va allo Stato, il quale non pu rinunciare all'eredit e risponder di eventuali
debiti del de cuius sino al valore dei beni acquisiti.
Subentrano nel patrimonio ereditario:

il coniuge, a cui spetter:


o

tutta l'eredit in mancanza di figli legittimi o naturali, di ascendenti, di fratelli o sorelle

(articolo 583,

c.c.)

met se concorre con un solo figlio

1/3 dell'eredit se concorre con pi figli (articolo 581, c.c.)

2/3 dell'eredit se concorre con ascendenti legittimi o con fratelli e sorelle (articolo 582, c.c.).

gli altri successibili , i quali possono suddividersi in tre ordini secondo un rigoroso criterio di precedenza, nel
senso che i successibili di un dato ordine escludono quelli degli ordini successivi e sono a loro volta esclusi dai
successibili degli ordini anteriori :
o

1 ordine figli : in mancanza del coniuge, ai figli legittimi e naturali, legittimati e adottivi che escludono
pertanto sia gli ascendenti che i collaterali spetta l'intera eredit , che verr divisa in quote eguali

2 ordine ascendenti / fratelli , sorelle : genitori e ascendenti, fratelli e sorelle - In mancanza del coniuge,
di figli e dei fratelli o sorelle del defunto, l'intera eredit va agli ascendenti (genitori). Se concorrono con
fratelli e sorelle, gli ascendenti hanno diritto alla met del patrimonio ereditario e l'altra met verr divisa
tra i fratelli e le sorelle. Ai fratelli e alle sorelle spetta l'intera eredit solo quando il defunto muore senza
lasciare n coniuge, n figli, n ascendenti

3 ordine parenti in linea collaterale dal terzo al sesto grado ( zii, cugini, figli di cugini) quando mancano
le categorie sopra elencate hanno diritto di partecipare alla successione solo quando non vi siano altri
successibili ; vale il principio che il pi vicino in grado esclude il pi remoto, mentre quelli di pari grado
concorrono per quote eguali.

La successione non ha luogo tra parenti oltre il sesto grado.


L'eredit si divide in parti uguali tra i parenti del grado pi vicino con esclusione dei parenti di grado ulteriore.
Lo Stato interviene in mancanza di parenti entro il sesto grado (articolo 572, c.c.) e non pu rinunciare all'eredit.
Sono esclusi dalla successione legittima gli affini. Se gli eredi legittimi sono premorti, ossia deceduti al momento di
ereditare, interviene, come gi detto, l'istituto della rappresentazione.

13
13

ASPETTI CIVILISTICI
Gli eredi del de cuius sono suddivisi per gradi di parentela. Coloro che hanno diritto di succedere e rientrano in un grado di
parentela superiore escludono automaticamente coloro che appartengono a un grado inferiore.
All'interno dei singoli ordini di grado i soggetti con grado di parentela pi vicino escludono quelli pi lontani.

14
14

ASPETTI CIVILISTICI
11.12
.12 Esclusione
- Esclusiodel
neconiuge
del codall'eredit
niuge dalleredit
Il coniuge pu essere escluso dal patrimonio ereditario quando, in caso di separazione, il tribunale gli addebiti l'intera colpa.
In questo caso ha diritto comunque a un assegno vitalizio, qualora al momento del decesso riceveva dal de cuius gli
alimenti.
L'ammontare dell'assegno non pu essere superiore alla prestazione alimentare goduta in precedenza.
Il coniuge separato a cui non stata addebitata la separazione ha gli stessi diritti successori del coniuge non separato.

11.13
.13 Minori
- I minori
L'amministrazione dei beni ereditati dal minore spetta ai genitori o al genitore esercente la potest.

11.14
.14 Gradi
- Gradi
diparentela
parentela
La parentela il vincolo di sangue che unisce due persone che discendono dallo stesso soggetto, detto "capostipite". Per
determinare l'intensit del vincolo si considerano le linee e i gradi.
E' in linea retta quando l'una generata dall'altra. E' il rapporto che lega un parente direttamente ad un altro, ad esempio
padre e figlio, nonno e nipote.
E' in linea collaterale quando, pur non essendo generata l'una dall'altra, vi discendenza da un capostipite comune. E' il
rapporto che intercorre tra coloro i quali hanno il capostipite in comune, ma non discendono l'uno dall'altro, come i fratelli o
zio e nipote.
I gradi di parentela, importanti per stabilire i diritti all'eredit, si contano calcolando le persone e togliendo il capostipite. Ad
esempio: padre e figlio, linea retta, 1 grado; nonno e nipote, linea retta, 2 grado; fratelli, collaterali, 2 grado; cugini,
collaterali, 4 grado.
La legge non riconosce il vincolo di parentela oltre il sesto grado (articolo 77, c.c.).
L'affinit il rapporto che intercorre tra un coniuge e i parenti dell'altro (articolo 78, c.c.): cognati, suoceri, nuora, eccetera.
Per calcolare il grado di affinit si deve tenere conto del medesimo grado di parentela che lega il coniuge ai suoi congiunti
(ad esempio, genero e suocera sono affini di primo grado ).
L'affinit un vincolo che nasce col matrimonio, ma che non cessa con la morte dell'altro coniuge, bens solo con la
dichiarazione di nullit del matrimonio. Anche l'affinit giuridicamente rilevante fino al sesto grado ; sono indifferenti per la
legge gli affini tra loro, come i consuoceri.
V. quadro sinottico a pagina 38.

15

15

ASPETTI CIVILISTICI

16
23

ASPETTI CIVILISTICI
11.15
.15 La
- Lsuccessione
a successtestamentaria
ione testamentaria
Il testamento un atto scritto, revocabile, con il quale una persona (testatore) dispone per il tempo in cui avr cessato di
vivere, di tutte le proprie sostanze o di parte di esse, guardando al tempo in cui non sar pi in vita (articolo 587, c.c.). E'
l'espressione delle ultime volont del defunto.
La legge permette di disporre con piena libert dei propri beni per il periodo successivo alla morte, purch vengano rispettati
i diritti che il codice civile assicura ai prossimi congiunti ( legittimari ).
Il testamento deve avere necessariamente la forma scritta: le dichiarazioni orali, anche se fatte alla presenza di testimoni,
sono prive di valore. Il testamento un atto formale e solenne e, pertanto, non ammesso il testamento orale.
Non si capaci di testare se:

si di et inferiore ai diciotto anni


si interdetti per infermit mentale
anche non interdetti, si incapaci, per qualsiasi causa purch provata, di intendere e volere nel momento della
redazione del testamento.
Il testamento :

un atto revocabile, essendo possibile cambiarlo, riscriverlo e modificarlo fino all'ultimo momento di vita , tutte le
volte che si vuole

un atto personale, deve cio essere compiuto direttamente dal suo autore. E' nullo, ad esempio, il testamento
fatto in nome e per conto di altra persona o quando si rinvia per la determinazione del contenuto a quello di altri
testamenti o altri atti o documenti (testamento per relazione)

un atto esclusivo, cio deve essere frutto di una sola persona. E' infatti vietato il testamento congiuntivo, cio
fatto da due o pi persone (ad esempio, genitori che dettano nello stesso atto le loro ultime volont a favore del
figlio); vietato anche il testamento reciproco, quando cio due persone nello stesso atto dispongono l'uno a
favore dell'altro (ad esempio, due fratelli che dispongono che il sopravvissuto succeder all'altro)

un atto unilaterale ( non recettizio ), poich si basa sulle dichiarazioni di volont di una sola persona e si
perfeziona con la sola manifestazione di volont del suo autore. Sono infatti vietati i patti successori (articolo 458,
c.c.), ossia quei patti con cui ci si impegna a lasciare l'eredit a qualcuno o a rinunciare all'eredit prima della sua
apertura o infine con cui si dispone di un'eredit non ancora apertasi

un atto di natura patrimoniale. Di solito il contenuto economico, anche se il testamento pu contenere


disposizioni non aventi contenuto strettamente patrimoniale (articolo 587, comma 2, c.c.), quale, ad esempio, il
riconoscimento di figlio naturale, divieto di prelievo di organi, designazione luogo di sepoltura

un atto formale, in quanto deve essere compiuto in una delle forme previste dalla legge
Per essere valido, il testamento deve essere redatto in una delle forme seguenti: testamento olografo, pubblico, segreto,
speciale.

17
17

ASPETTI CIVILISTICI

11.16
.16 -Capacit
Capacidi
ttestare
di testare
1.16

Capacit di testare

Non possono disporre dei propri beni con testamento, come gi detto, coloro i quali siano ritenuti dalla legge incapaci
(articolo
591, c.c.):
minoridei
di propri
et, interdetti
legali,
incapaci naturali.
Non possono
disporre
beni con
testamento,
come gi detto, coloro i quali siano ritenuti dalla legge incapaci
(articolo 591, c.c.): minori di et, interdetti legali, incapaci naturali.
L'incapacit deve sussistere al momento della redazione del testamento; il testamento dell'incapace non nullo, ma
annullabile,
i suoi
fino adelquando
l'incapacit
del testatore
non venga
e
L'incapacit ossia
deve produce
sussisterepienamente
al momento
della effetti
redazione
testamento;
il testamento
dell'incapace
non accertata
nullo, ma
annullabile, da
ossia
producedietro
pienamente
i suoi
finointeressato
a quando (colui
l'incapacit
del testatorediritti
nonsuccessori
venga accertata
pronunciata
un giudice,
domanda
di uneffetti
qualsiasi
che acquisterebbe
a seguitoe
pronunciata da un giudice, dietro domanda di un qualsiasi interessato (colui che acquisterebbe diritti successori a seguito
dell'annullamento).

18 dell'annullamento).

18
25

ASPETTI CIVILISTICI
La domanda volta a far dichiarare l'annullamento del testamento dell'incapace deve essere proposta al giudice entro cinque
La
volta
a far
dichiarare
l'annullamento
del testamento
dell'incapace
deve essere
proposta
al giudice
entro cinque
annidomanda
dal giorno
in cui
viene
data esecuzione
alle disposizioni
testamentarie:
decorso
tale termine,
l'azione
si prescrive
e non
anni
cui viene data esecuzione alle disposizioni testamentarie: decorso tale termine, l'azione si prescrive e non
potrdal
pigiorno
essereinesercitata.
potr pi essere esercitata.

11.17
.17 L'esecutore
- Lesecuttestamentario
ore testamentario
1.17 L'esecutore testamentario

Il testatore pu prevedere nel testamento la nomina di uno o pi esecutori testamentari.


Il testatore pu prevedere nel testamento la nomina di uno o pi esecutori testamentari.
Generalmente si tratta di una persona di fiducia, che ha il compito di curare che siano esattamente eseguite le disposizioni
Generalmente
si del
tratta
di una persona di fiducia, che ha il compito di curare che siano esattamente eseguite le disposizioni
di ultima volont
defunto.
di ultima volont del defunto.
L'esecutore prende possesso dei beni ereditari e deve amministrarli con la diligenza del buon padre di famiglia; egli deve,
L'esecutore
prende
possesso
beni ereditari
e deve
con lai diligenza
del buon padre di famiglia; egli deve,
inoltre, rendere
conto
della suadei
gestione,
al termine
dellaamministrarli
quale consegner
beni all'erede.
inoltre, rendere conto della sua gestione, al termine della quale consegner i beni all'erede.

11.18
.18 Le
- Ldisposizioni
e disposiztestamentarie
ioni testamentarie
1.18 Le disposizioni testamentarie

Le disposizioni testamentarie possono essere sottoposte a condizione (evento futuro e incerto dal cui verificarsi si fa
Le
disposizioni
testamentarie
possonoo la
essere
sottoposte sia parla,
condizione
(evento
futuro e incerto
dal cui
verificarsi si fa
dipendere
l'efficacia
della disposizione
sua risoluzione;
in tal caso,
di condizione
sospensiva
o risolutiva).
dipendere l'efficacia della disposizione o la sua risoluzione; si parla, in tal caso, di condizione sospensiva o risolutiva).
Con la condizione sospensiva gli effetti del testamento non si verificano fino al realizzarsi del fatto richiesto; nella condizione
Con
la condizione
sospensiva
gli meno
effetti del
testamento
si o
verificano
fatto richiesto;
nella condizione
- contraria
risolutiva
il suo avverarsi
fa venir
la istituzione
di non
erede
di legato.fino
Se al
la realizzarsi
condizionedel
impossibile
o illecita
- contraria
risolutiva
suo avverarsi
fa venir
meno ola al
istituzione
di erede-o(ad
di legato.
Se lalacondizione
a
norme ilimperative,
ordine
pubblico
buon costume
esempio,
condizione impossibile
che impone odiillecita
iscriversi
a un
a
norme imperative,
o al figli),
buonsi costume
(ad esempio,
la condizione
impone
di espressamente
iscriversi a un
determinato
politico, o ordine
di averepubblico
o non avere
considera- come
non apposta.
Condizioni che
illecite
previste
determinato
politico,
o di avere
o non avere
figli), si econsidera
comedinon
apposta., Condizioni
illecite previste
espressamente
dalla legge sono
il divieto
di contrarre
matrimonio
la condizione
reciprocit
che si ha quando
il testatore
pone come
dalla
legge l'essere
sono il divieto
di contrarre
matrimonio
e la condizione
di reciprocit
che sia ha
quando che
il testatore
come
condizione
a sua volta
contemplato
nel testamento
dell'erede
( ti nomino ,erede
condizione
nel tuo pone
testamento
condizione
l'essere
mi nomini erede
). a sua volta contemplato nel testamento dell'erede ( ti nomino erede a condizione che nel tuo testamento
mi nomini erede ).
L'intero atto sar nullo se nel testamento risulti che a determinare il testatore a disporre sia stato solo un motivo illecito.
L'intero atto sar nullo se nel testamento risulti che a determinare il testatore a disporre sia stato solo un motivo illecito.

11.19
.19 Registrazione
- Registrazieonpubblicazione
e e pubblicazione
1.19 Registrazione e pubblicazione

Dal 1981 stato istituito presso il ministero della Giustizia il registro dei testamenti, in cui devono essere scritti, a cura del
Dal 1981
stato istituito
della
Giustizia
il registro
dei testamenti,
in cui segreti
devonoeessere
cura del
notaio
cheredige
o ricevepresso
gli atti,il iministero
testamenti
pubblici,
olografi
depositati
presso il notaio,
specialiscritti,
; tale aregistro

notaio
che redige
riceve gli
i testamenti
pubblici, olografi depositati presso il notaio, segreti e speciali ; tale registro
consultabile
solo aoseguito
delatti,
decesso
del testatore.
consultabile solo a seguito del decesso del testatore.
La pubblicazione del testamento, infatti, interviene a seguito della morte del de cuius.
La pubblicazione del testamento, infatti, interviene a seguito della morte del de cuius.
Il notaio deve rendere nota l'esistenza del testamento olografo o segreto ricevuto non appena ha notizia certa della morte
Ildelnotaio
deveDeve
rendere
nota
l'esistenza
del testamento
olografo
o segreto
non appena
hadel
notizia
certa della morte
testatore.
inoltre
pubblicare
il testamento
olografo
a seguito
della ricevuto
presentazione
da parte
suo possessore.
del testatore. Deve inoltre pubblicare il testamento olografo a seguito della presentazione da parte del suo possessore.

11.20
.20 Il- Itestamento
l testamepubblico
nto pubblico
1.20 Il testamento pubblico

Il testamento pubblico viene redatto dal notaio, dopo che il testatore gli ha esposto le sue volont in presenza di due
Iltestimoni
testamento
pubblico
che ilatto
testatore
gli ha
esposto
le suefare
volont
in presenza
di due
(articolo
603, viene
c.c.). redatto
Si trattadal
di notaio,
un verodopo
e proprio
pubblico.
Colui
che vuole
testamento
dichiarer
in
testimoni
(articolo
Si tratta
di un vero
e beni
proprio
atto
pubblico.
presenza del
notaio603,
a chic.c.).
andranno
assegnati
i propri
dopo
la sua
morte.Colui che vuole fare testamento dichiarer in
presenza del notaio a chi andranno assegnati i propri beni dopo la sua morte.
E' il testamento notarile in senso stretto, in quanto il notaio che riceve la volont testamentaria e redige l'atto.
E' il testamento notarile in senso stretto, in quanto il notaio che riceve la volont testamentaria e redige l'atto.
Devono essere indicati il luogo di ricevimento delle ultime volont, la data e l'ora della sottoscrizione.
Devono essere indicati il luogo di ricevimento delle ultime volont, la data e l'ora della sottoscrizione.
Segue, obbligatoriamente, la firma del testatore, dei testimoni e del notaio.
Segue, obbligatoriamente, la firma del testatore, dei testimoni e del notaio.
Se il testatore vuole modificare o revocare il testamento pubblico, dovr redigere un nuovo atto che non dovr essere
Se
il testatore vuole
modificare o revocare il testamento pubblico, dovr redigere un nuovo atto che non dovr essere
obbligatoriamente
pubblico.
obbligatoriamente pubblico.
Nel caso in cui colui che fa testamento sia incapace di leggere sar necessaria la presenza di quattro testimoni.
Nel caso in cui colui che fa testamento sia incapace di leggere sar necessaria la presenza di quattro testimoni.

19
19
19

ASPETTI CIVILISTICI
Se impossibilitato a firmare l'atto, il testatore deve indicarne la causa e il notaio deve indicarne la motivazione prima della
lettura delle disposizioni, pena la nullit.
Altre cause di nullit del testamento pubblico sono la redazione da parte di persona diversa dal notaio e la mancata
sottoscrizione del testatore e del notaio.
Gli altri vizi inerenti la forma del testamento determinano l'annullamento che dovr essere pronunciato dal giudice su
domanda di qualsiasi interessato (articolo 606, c.c.).
Dopo la morte del testatore, sar compito del notaio chiamare gli eredi designati per dare loro comunicazione di quanto
predisposto dal testatore.

11.21
.21 Il- testamento
Il testameolografo
nto olografo
Il testamento olografo quello scritto per intero, datato e sottoscritto di pugno dal testatore (olografo significa infatti "scritto
interamente a mano"). E' la forma pi semplice di testamento ; esso deve essere :

autografo. L'intero contenuto dell'atto, data compresa, deve essere scritto dal testatore, anche in stampatello, se
abitualmente egli usa questa scrittura. La mancanza di tale requisito determina la nullit dell'atto. Pu essere
redatto su qualsiasi materiale (stoffa, carta, legno, eccetera) purch adatto a mantenere durevolmente i segni. In
caso di aggiunte o correzioni, queste devono essere sottoscritte e datate dal testatore.

datato. Deve contenere la data completa (giorno, mese, anno) che risulta determinante per l'accertamento della
capacit di intendere e di volere del testatore al momento della stesura.

La mancanza di data comporta

l'annullabilit del testamento

firmato dal testatore, a pena di nullit. La firma deve essere per esteso (nome, cognome ed eventuale
soprannome) e posta alla fine delle disposizioni o a margine di esse, e sempre dopo ogni aggiunta o correzione. La
sottoscrizione deve essere autografa, posta alla fine delle disposizioni e in grado di permettere l'identificazione del
suo autore senza possibilit di equivoco. E valida la sottoscrizione con pseudonimo o con soprannome e non
importa che la firma sia leggibile se questo era il normale modo di sottoscrivere del testatore.

11.22
.22 Il- testamento
Il testamesegreto
nto segreto
Pu essere scritto dal testatore di proprio pugno su un qualunque foglio di carta e va sottoscritto ; pu essere redatto con
l'ausilio di mezzi meccanici, anche da persona diversa dal testatore, che davanti a due testimoni deve consegnare il foglio in
busta chiusa gi sigillata a un notaio ( oppure sar il notaio a farlo sigillare ) e annotare all'esterno della busta tutte le
formalit compiute davanti a lui.
Il testatore dovr dichiarare che l'atto contiene le sue disposizioni testamentarie.
L'atto di ricevimento che viene redatto sul documento o sull'involucro deve espressamente indicare l'avvenuta consegna, le
dichiarazioni del testatore, la descrizione dei sigilli e, infine, l'assistenza dei testimoni. Deve essere sottoscritto da tutti i
presenti e costituisce parte integrante del testamento.
Nel caso che venga scritto di propria mano, sufficiente una firma alla fine delle disposizioni, mentre, se viene scritto da
terza persona o non a mano dal testatore, andr firmato su ogni foglio fisico.
Il testamento segreto non pu essere stilato da chi non pu o non sa leggere (articolo 604, c.c.).
Alla morte del testatore, il notaio provveder alla pubblicazione del testamento.
I testamenti olografo e segreto devono essere pubblicati davanti ad un notaio dopo l'apertura della successione,
altrimenti non possono essere fatti valere.

20
20

ASPETTI CIVILISTICI
1.23 I testamenti speciali
1.23 I testamenti speciali

1
23 - I tdieparticolari
stamencircostanze,
ti specialalilegge consente di derogare alle forme ordinarie del testamento pubblico.
In.presenza
In presenza di particolari circostanze, la legge consente di derogare alle forme ordinarie del testamento pubblico.
I testamenti speciali sono testamenti pubblici con requisiti formali ridotti rispetto ai testamenti ordinari e sono ricevuti da
Ipersone
testamenti
sono
testamenticariche
pubblici
con requisiti
ridotti
rispettosindaco,
ai testamenti
ordinari
e sono
ricevuti da
che speciali
rivestono
determinate
(giudice
di paceformali
o, in sua
assenza,
ministro
di culto,
comandante
di
persone
rivestono
determinate
carichemilitare,
(giudiceeccetera)
di pace oo,anche
in suadal
assenza,
sindaco,
ministro
di culto, comandante di
nave o diche
aeromobili,
ufficiale
o cappellano
notaio, ma
con forme
semplificate.
nave o di aeromobili, ufficiale o cappellano militare, eccetera) o anche dal notaio, ma con forme semplificate.
Sono testamenti posti in essere in occasione di malattie contagiose o calamit pubbliche o infortuni, testamenti in
Sono testamenti
postioinaerea,
essere
in occasione
di malattie
contagiose
calamit
pubbliche
o di
infortuni,
in
navigazione
marittima
o quando
il testatore
si trovi al
seguito di oreparti
militari
o in zone
guerra o testamenti
prigioniero di
navigazione marittima o aerea, o quando il testatore si trovi al seguito di reparti militari o in zone di guerra o prigioniero di
guerra.
guerra.
Tali testamenti richiedono comunque la forma scritta e la firma del testatore e del ricevente e perdono di efficacia trascorsi
Talimesi
testamenti
richiedonodella
comunque
la forma
scritta e lao firma
del testatore e del ricevente e perdono di efficacia trascorsi
tre
dalla cessazione
situazione
di emergenza
particolare.
tre mesi dalla cessazione della situazione di emergenza o particolare.
Aperta la successione, necessario che ne venga divulgato il contenuto ; questa esigenza assicurata attraverso l'istituto
Aperta
la successione,
necessario
che ne venga
divulgato il contenuto ; questa esigenza assicurata attraverso l'istituto
della pubblicazione,
percui
occorre rivolgersi
a un notaio.
della pubblicazione, per cui occorre rivolgersi a un notaio.

1.24
1
.24Il- diritto
Il dirialla
tto legittima
alla legittima
1.24 Il diritto alla legittima

La legge permette a ogni persona di disporre con piena libert dei suoi beni per il periodo successivo alla morte,
La
legge permette
a ogni
disporre
con
pienai suoi
libert
suoi
benipurch
per il non
periodo
successivo
allalamorte,
permettendo
anche che
essa,persona
durante di
la vita,
possa
donare
benidei
a chi
vuole,
danneggi
i diritti che
legge
permettendo
anche che
essa, durante la vita, possa donare i suoi beni a chi vuole, purch non danneggi i diritti che la legge
assicura ai prossimi
congiunti.
assicura ai prossimi congiunti.
Tali soggetti sono definiti dal codice civile legittimari ( articolo 536, c.c. ).
Tali soggetti sono definiti dal codice civile legittimari ( articolo 536, c.c. ).
Successione necessaria
Successione necessaria
Opera in due casi:
Opera in due casi:
1. se il de cuius ha fatto testamento ma ha escluso determinati parenti a cui la legge riconosce il diritto di succedere
1. se
il dedeterminata
cuius ha fatto
testamento
ma ha escluso determinati parenti a cui la legge riconosce il diritto di succedere
in una
quota
dell'eredit
2.
2.

in una determinata quota dell'eredit


se, pur non avendo fatto testamento, ha donato in vita i suoi beni in misura tale da ledere il diritto di successione
se,
pur non avendo fatto testamento, ha donato in vita i suoi beni in misura tale da ledere il diritto di successione
dei parenti.

dei parenti.
In entrambi i casi, i parenti esclusi o danneggiati possono far valere i loro diritti con una apposita azione legale.
In entrambi i casi, i parenti esclusi o danneggiati possono far valere i loro diritti con una apposita azione legale.
Il testatore pu disporre dei propri beni a favore di chi meglio crede, ma con dei limiti stabiliti dalla legge, che prevede che
Iluna
testatore
pu disporre
dei essere
propri beni
a favore
di chi dimeglio
crede,
mapi
con
dei limiti stabiliti dalla legge, che prevede che
parte dell'eredit
debba
devoluta
per forza
cose ai
parenti
stretti.
una parte dell'eredit debba essere devoluta per forza di cose ai parenti pi stretti.
Il diritto al conseguimento della quota di riserva ( legittima ) compete unicamente ai legittimari, che la legge identifica nella
Il diritto ealnei
conseguimento
quotalegittimati
di riservae( adottivi)
legittima del
) compete
unicamente
ai legittimari,
che
la legge
nella
figli (legittimi della
e naturali,
de cuius,
oltre che negli
ascendenti
; solo
loro identifica
possono agire
moglie
e neiglifigli
e naturali,
legittimati
e adottivi) del
de cuius,
oltre (testamenti),
che negli ascendenti
; solo
loro possono iagire
moglie
per
ridurre
atti(legittimi
di liberalit
(donazioni)
e le disposizioni
di ultima
volont
allo scopo
di salvaguardare
loro
per
ridurre gli atti di liberalit (donazioni) e le disposizioni di ultima volont (testamenti), allo scopo di salvaguardare i loro
diritti.
diritti.
In assenza di dette categorie, il testatore pu liberamente disporre del proprio patrimonio in via successoria favorendo,
In
assenza
di dette categorie,
testatore
pu liberamente disporre del proprio patrimonio in via successoria favorendo,
anche
esclusivamente,
un terzo ilnon
parente.
anche esclusivamente, un terzo non parente.
Gli altri parenti successibili (quelli entro il sesto grado) possono essere chiamati all'eredit solo in assenza di disposizioni
Gli altri parenti successibili (quelli entro il sesto grado) possono essere chiamati all'eredit solo in assenza di disposizioni
testamentarie.
testamentarie.
Quando vi sono dei legittimari, si distinguono nel patrimonio ereditario, due parti:
Quando vi sono dei legittimari, si distinguono nel patrimonio ereditario, due parti:
la quota disponibile, della quale il testatore era libero di disporre
la quota disponibile, della quale il testatore era libero di disporre
la quota legittima ( o riserva ), della quale il testatore non poteva disporre perch spettante per legge ai legittimari.
la quota legittima ( o riserva ), della quale il testatore non poteva disporre perch spettante per legge ai legittimari.
Il diritto del legittimario alla legittima non un diritto di credito verso gli altri successori, ma un diritto assoluto che si esplica
Ilsuidiritto
del
legittimario
alla questi
legittima
undidiritto
di credito
verso tutti
gli altri
successori,
ma un diritto
assoluto che si esplica
beni ereditari;
pertanto,
ha non
il diritto
conseguire
in natura
i beni
che costituiscono
la legittima.
sui beni ereditari; pertanto, questi ha il diritto di conseguire in natura tutti i beni che costituiscono la legittima.

21

21
21

ASPETTI CIVILISTICI
11.25
.25 Invalidit
- Invaliddel
ittestamento
del testamento
Il testamento nullo quando sia contrario a norme imperative ( come, per esempio, il difetto di forma o il motivo illecito).
L'azione di nullit pu essere esercitata da chiunque interessato.
Le cause di annullabilit dei testamenti sono:

difetti di forma che non comportino nullit


annullabilit per incapacit di disporre (testamento del minore o dell'interdetto)
annullabilit per vizi della volont (testamento affetto da errore, violenza o dolo). L'azione di annullamento spetta a
qualunque interessato, si prescrive nel termine dei cinque anni, che decorrono, nel caso di incapacit dalla data di
esecuzione del testamento o, nei casi di vizi del volere, da quella della loro scoperta.

11.26
.26 Divieto
- Diviedei
to patti
dei psuccessori
atti successori
L'articolo 458 del codice civile sancisce la nullit di "ogni convenzione con cui taluno dispone della propria successione";
allo stesso modo, ribadisce, " del pari nullo ogni atto col quale taluno dispone dei diritti che gli possono spettare su una
successione non ancora aperta, o rinunzia ai medesimi".
Si tratta del principio del "divieto dei patti successori" che il nostro ordinamento prevede al fine di garantire la massima
libert di disporre in capo a un soggetto.
Il divieto vale sia per i patti con cui venga disposto in merito alla successione dopo la propria morte, sia per gli accordi con
cui si disponga su diritti che potrebbero derivare a una persona da una successione non ancora aperta, inclusa la rinuncia a
tali diritti.
Si suole distinguere i patti successori in tre distinte categorie:

patti istitutivi. Sono negozi mortis causa poich, tanto se a titolo universale quanto se a titolo particolare,
concretano una vera e propria disposizione dei propri beni per il periodo successivo alla morte

patti dispositivi. Non costituiscono negozi mortis causa, ma con essi il promittente dispone di beni che prevede di
acquistare a causa di morte. ( vanno tenuti distinti dalla vendita di cosa altrui )

patti rinunciativi. Rappresentano un sottotipo di quelli precedenti. ; i beneficiari del patto rinunciativo possono
essere soltanto i chiamati in subordine o i conchiamati. Il divieto riguarda anche la rinuncia unilaterale.
La giurisprudenza si spesso dovuta occupare di fattispecie specifiche per stabilire se queste fossero o meno assimilabili ai
patti successori di cui all'articolo 458.
Nullit dei testamenti reciproci o congiuntivi: vietata la stesura di testamenti reciproci, in cui due persone stilano un
testamento a favore dell'altro; vietata anche la stesura di testamenti congiuntivi in cui due o pi persone dispongono dei
propri beni, nello stesso testamento a favore di una terza persona.

22
22

OBBLIGHI FISCALI
2. 2OBBLIGHI
. OBBLIGHIFISCALI
FISCALI
22.1
.1 - FFonti
onti ed
edevoluzione
evoluzionlegislativa
e legislativa
In Italia, dopo lunificazione, la prima legge che regola i tributi successori e la n. 585 del 21.3.1862, comprendente
anche norme relative allimposta di registro.
Con la l. 23.1.1902 n. 25 ( abrogativa delle precedenti ) viene introdotto il principio della progressivit del
tributo , principio accolto anche nel T.U. approvato successivamente, con R.D. 31.12.1923 n. 3270, rimasto in
vigore, pur con le modifiche di cui appresso, fino al 31.12.1972.
Pi disposizioni legislative hanno modificato il T.U. del 1923, tra le quali le pi importanti sono :
1.

1 ) il R.D.L. 8.3.1045 n. 90, che ha abrogato tutte le disposizioni agevolative emanate per fini di politica
demografica e ha riordinato limposta sul valore globale dellasse ereditario ;

2.

2 ) la legge 12.5.1949 n. 206, che ha approvato la tabella degli scaglioni e delle aliquote.

Anno 1972
L'imposta di successione viene ex novo disciplinata con il D.P.R n. 637/72.
Anno 1986
La legge n. 880/86 introduce, ai fini dell'accertamento del valore degli immobili, il sistema "automatico" di
valutazione, gi in vigore per limposta di Registro in forza dell articolo 52 Dpr n. 131/86 ; ci al fine di non creare
una sperequazione tra i due tributi.
Anno 1990 : il Testo unico
Bisogner attendere fino al 1990 per l'introduzione di un testo unico che regolamenta l'intera disciplina
dell'imposta di successione : il Dlgs 31.10.1990, n. 346.
Questo testo, oltre a individuare l'oggetto dell'imposta nei trasferimenti di beni (mobili e immobili) o diritti,
in base alla legge o per testamento, per successioni a causa di morte, stabilisce, analogamente a quanto
disposto dal Dpr n. 637/72, che l'imposta si applica per scaglioni di valore imponibile e che risulta unica sia pur
composta di due parti:
1. Imposta sul valore globale, da applicare sempre
2. Imposta sulla quota, da applicare agli eredi e ai legatari che non sono parenti in linea retta o coniuge.
L'imposta era quindi strutturata in modo da operare un primo prelievo sul valore globale netto dell'asse
ereditario, dovuto soltanto al di sopra della franchigia; un secondo prelievo che si aggiungeva al primo e operava
nei confronti dei beneficiari, in funzione della quota a ciascuno spettante.
Gli articoli 8 e seguenti del Dlgs n. 346/90, nell'identificare la base imponibile , stabiliscono che:

il valore globale netto dellasse costituito dalla differenza tra il valore venale complessivo dei beni e dei
diritti, alla data di apertura della successione, che compongono l'attivo ereditario, determinato secondo le
disposizioni degli articoli da 14 a 19, e l'ammontare complessivo delle passivit e degli oneri deducibili

in caso di fallimento del defunto, il riferimento va fatto solo le attivit pervenute agli eredi dopo la
chiusura dello stesso

23
23

OBBLIGHI FISCALI
il valore dell'eredit o delle quote ereditarie va determinato al netto dei legati e degli altri oneri che le

ilgravano,
quello dei legati
al netto
oneri da
sono gravati
valore dell'eredit
o delle
quotedegli
ereditarie
va cui
determinato
al netto dei legati e degli altri oneri che le
gravano, quello dei legati al netto degli oneri da cui sono gravati
il valore globale netto dellasse comprende anche i beni e i diritti venduti (o conferiti in societ) negli
seiglobale
mesi (anetto
esclusione
deicomprende
diritti cedutianche
nell'attivit
societ)
(coacervo
beni alienati
valore
dellasse
i beni propria
e i dirittidella
venduti
(o conferiti
in societ)
negli
ilultimi
negli ultimi
sei mesi)
ultimi
sei mesi
(a esclusione dei diritti ceduti nell'attivit propria della societ) (coacervo beni alienati
negli ultimi sei mesi)
va calcolato anche un importo pari al 10 per cento del valore globale netto imponibile dell'attivo
ereditario
( peranche
la parte
la franchigia
pervalore
legge globale
), salvonetto
che da
inventario
redatto
calcolato
un eccedente
importo pari
al 10 per prevista
cento del
imponibile
dell'attivo
va
analiticamente
769lac.p.c.
le voci prevista
risultino complessivamente
uninventario
minore importo
ereditario ( persecondo
la partel'articolo
eccedente
franchigia
per legge ), salvo pari
che ada
redatto
analiticamente secondo l'articolo 769 c.p.c. le voci risultino complessivamente pari a un minore importo
l asse comprende anche i titoli di qualsiasi specie indicati nell'ultima dichiarazione dei redditi presentata
defunto
ldal
asse
comprende anche i titoli di qualsiasi specie indicati nell'ultima dichiarazione dei redditi presentata
dal defunto
comprende inoltre i beni mobili e titoli al portatore, di qualunque specie, posseduti dal de cuius o
depositati presso
a suomobili
nome e titoli al portatore, di qualunque specie, posseduti dal de cuius o
comprende
inoltreterzi
i beni
depositati presso terzi a suo nome
comprende altres le azioni e gli altri titoli cointestati e i crediti interessanti il de cuius e altri, compresi i
nascenti
da depositi
bancari
o conti
cointestati,
integralmente
crediti
comprende
altres
le azioni
e gli altri
titolicorrenti
cointestati
e i creditipresumendo
interessantil'appartenenza
il de cuius e altri,
compresi i
al de cuius
dei da
beni
e dei diritti
cointestati
anche acointestati,
nome degli
eredi e legatari,
salvo i beni
oggetto di
crediti
nascenti
depositi
bancari
o conti correnti
presumendo
l'appartenenza
integralmente
comunione
tra ei coniugi.
il Testo
unico
non eredi
solo ilecoacervo
ma anche
al de cuius legale
dei beni
dei dirittiInoltre,
cointestati
anche
a impone
nome degli
legatari, delle
salvovendite
i beni oggetto
di
quello dellelegale
donazioni
in qualunque
effettuate,
ci al
solo
di determinare,
in seguito
all
comunione
tra i coniugi.
Inoltre, ildata
Testo
unico impone
non
solofine
il coacervo
delle vendite
ma anche
attualizzazione
del valore
delle stesse
allaeffettuate,
data del ci
decesso,
scaglione
e l'aliquota
applicabile
quello
delle donazioni
in qualunque
data
al sololofine
di determinare,
in seguito
all
(coacervo delle donazioni).
attualizzazione
del valore delle stesse alla data del decesso, lo scaglione e l'aliquota applicabile
(coacervo delle donazioni).
Anno 1997
Anno 1997
Con effetto per le successioni apertesi dal 29 marzo 1997 (modifiche pi significative introdotte dal D.L. n.
79/1997
conv.
in le
L. n.
140 /1997 apertesi
):
Con
effetto
per
successioni
dal 29 marzo 1997 (modifiche pi significative introdotte dal D.L. n.
79/1997 conv. in L. n. 140 /1997 ) :
a) viene istituita un imposta sostitutiva dellINVIM, che grava nella misura del 1% sui beni immobili caduti in
a)

successione,
cuiimposta
valore sia
superiore
a lire 250.000.000,
acquistati
prima
; caduti in
viene
istituita ilun
sostitutiva
dellINVIM,
che grava se
nella
misura del
1%del
sui31.12.1992
beni immobili

b)

successione, il cui valore sia superiore a lire 250.000.000, se acquistati prima del 31.12.1992 ;
il contribuente tenuto ad autoliquidare e pagare i tributi collegati all'imposta di successione

b)

catastale,e alla
imposta
sostitutiva
dellINVIM,
allimposta
di bollo ed
il(limitatamente
contribuenteallimposta
tenuto ipotecaria,
ad autoliquidare
pagare
i tributi
collegati
all'imposta
di successione
alla
tassa ipotecaria
);
(limitatamente
allimposta
ipotecaria, catastale, alla imposta sostitutiva dellINVIM, allimposta di bollo ed

c)

alla tassa ipotecaria ) ;


resta a carico del competente ufficio del Registro ( ora Ufficio delle Entrate ) la liquidazione dell'imposta

c)

di successione,
sanzioniufficio
e degli
perci,
pagati dagli
eredi o
resta
a carico deldelle
competente
delinteressi
Registro ;( questi,
ora Ufficio
delledebbono
Entrate ) essere
la liquidazione
dell'imposta
legatari
solo dopodelle
aversanzioni
ricevuto la
notifica
del relativo
avviso
di liquidazione.
di
successione,
e degli
interessi
; questi,
perci,
debbono essere pagati dagli eredi o

legatari solo dopo aver ricevuto la notifica del relativo avviso di liquidazione.
Anno 1999
Anno 1999
Con la legge n. 488/1999 stato stabilito un aumento della soglia di esenzione dell'imposta sul valore
globale netto
ereditario
da 250
milioni
a 350unmilioni.
Con dell'asse
la legge n.
488/1999
stato
stabilito
aumento della soglia di esenzione dell'imposta sul valore
globale netto dell'asse ereditario da 250 milioni a 350 milioni.

Anno 2000
Anno 2000
L art. 69 della legge 21.11.2000 n. 342 disciplina ex novo l'imposta, con effetti decorrenti retroattivamente per le
successioni
perlegge
le quali
il termine n.
di 342
presentazione
della
dichiarazione
scade
successivamente
al 31.12.2000.
L
art. 69 della
21.11.2000
disciplina ex
novo
l'imposta, con
effetti
decorrenti retroattivamente
per le

24

successioni per le quali il termine di presentazione della dichiarazione scade successivamente al 31.12.2000.

24

OBBLIGHI FISCALI
Detto articolo di legge modifica in maniera fondamentale la base imponibile, individuandola unicamente nel
valore della quota di eredit o del legato e non pi nel valore dell'intero asse ereditario ( imposta sulla quota ), con
la conseguenza che la presunzione del 10 per cento grava sulla singola quota di eredit spettante a ciascun
erede. Inoltre, vengono fissate le seguenti aliquote:

4 per cento per il coniuge e i parenti in linea retta

6 per cento per i parenti fino al IV grado e gli affini fino al III grado

8 per cento per gli altri soggetti.

Con la legge n. 342/2000, quindi, la liquidazione del tributo avviene sulle sole quote ereditarie, comprese quelle
relative ai coniugi e ai parenti in linea retta e non pi sul valore globale dell asse ereditario, e anche la franchigia,
fissata a 350 milioni di lire per ogni erede e legatario, riferita alle singole quote e non pi al valore dell'asse
ereditario, oltre a essere elevata a 1 miliardo per i parenti in linea retta minorenni e per i portatori di handicap.
Ulteriore effetto labrogazione dell'articolo 10 del Dlgs n. 346/90, che regolamentava l'obbligo di coacervare i
beni venduti nell'ultimo semestre, e dell'articolo 11, comma 2, relativo alla presunzione di possesso totale in capo
al de cuius dei beni cointestati ( conti correnti, azioni e titoli , qualora la contestazione riguardava un erede ).
Altre importanti novit consistono:
1)

nella possibilit di richiedere l'applicazione dell'agevolazione "prima casa" per i beni immobili caduti in
successione

2)

nella abolizione dell'imposta sostitutiva dell INVIM per le successioni il cui termine di presentazione
scade in data successiva al 31 dicembre 2000.

Anno 2001
L'imposta sulle successioni e donazioni viene soppressa dall'articolo 13, comma 1, della legge 18/10/2001, n.
383, con effetto dalle successioni aperte e dalle donazioni effettuate a decorrere dal 25 ottobre 2001.
Sui beni caduti in successione l'imposta non pi dovuta, indipendentemente dal loro valore e dal grado di
parentela intercorrente tra il de cuius e i beneficiari.
Nonostante vi sia stata l'abolizione dell'imposta di successione, resta comunque l'obbligo di presentazione della
dichiarazione di successione qualora nel patrimonio ereditario risultino inclusi beni immobili o diritti reali
immobiliari.
In sintesi, si pu evidenziare che nonostante il 25 ottobre 2001 segni il limite per l'applicazione dell'imposta di
successione, restando l'obbligo di presentazione della dichiarazione solo per gli immobili (per i quali si
continueranno a versare in autoliquidazione le imposte accessorie all'imposta di successione - imposta ipotecaria,
imposta catastale, tassa ipotecaria e imposta di bollo - finalizzate alla volturazione presso il catasto e alla
trascrizione presso le conservatorie degli immobili), nulla esclude che, per le successioni apertesi prima di tale
data, si debba continuare a presentare la dichiarazione, qualora non lo si sia gi fatto, e ad assolvere l'imposta di
successione eventualmente liquidata dall'ufficio, oltre ai tributi dovuti in autoliquidazione.
Anno 2003
Per le successioni apertesi dal 26 novembre 2003, il termine di presentazione della dichiarazione viene elevato
da sei mesi ad un anno ; il termine pi favorevole si applica anche alle dichiarazioni il cui termine era in corso alla

25

OBBLIGHI FISCALI
Anno 2006
Limposta sulle successioni e donazioni viene reintrodotta a far data dal 3 ottobre 2006 ; si applicano le norme del
D. Lgs. n.346/1990 nel testo in vigore alla data del 24 ottobre 2001 ( giorno antecedente la soppressione
dellimposta ) ; limposta come gi nella riforma del 2000 non progressiva ma proporzionale e colpisce le
singole quote ; vengono introdotte franchigie e agevolazioni consistenti per talune categorie ( franchigia di
1.000.000,00 per le devoluzioni di beni e diritti al coniuge e ai parenti in linea retta ; franchigia di 1.500.000,00
per portatori di handicap grave ; franchigia di 100.00,00 per fratelli e sorelle ; esenzione per trasferimento di
aziende e quote sociali devolute a discendenti, a certe condizioni - esenzione che dal 1 gennaio 2008 viene
estesa anche a favore del coniuge ) e ampliata la base imponibile.

22.2
.2 - Coesistenza
Coesistenzdia pi
di tregimi
re regimpositivi
imi impositivi
A seguito della reintroduzione dellimposta con decorrenza dalle successioni apertesi dal 3 ottobre 2006, le norme
che disciplinano la materia sono :

dal Dlgs n. 346/90 per le successioni apertesi dal 1* gennaio 1991, fino a quelle per le quali il termine di
presentazione scaduto il 31.12.2000 ;

dalla legge n. 342 del 2000 per le successioni per le quali il termine di presentazione, in corso alla data
di entrata in vigore della legge, andato a scadere successivamente al 31.12.2000 ;

dalla legge n. 383 del 2001 per le successioni apertesi dal 26 ottobre 2001, data a partire dalla quale vi
stata la completa soppressione dell'imposta di successione ;

dal D.Lgs. n. 346/1990 ( nel testo in vigore alla data del 24 ottobre 2001 ) per le successioni apertesi
dal 3 ottobre 2006.

26

OBBLIGHI FISCALI
L IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI
Dal D. Lgs. n.346 / 1990 alla soppressione dellimposta
1 . Successioni apertesi dal 1.1.1991 :

Imposta sul valore globale ( franchigia per la Linea Retta lire 120.000.000 ) ;
Imposta sulle quote ;
Imposte ipotecaria e catastale proporzionali ( salvo agevolazioni )
INVIM ( se valore immobili superiore a lire 120.000.000 )

1 . Successioni apertesi dal 1.1.1992 :

Imposta sul valore globale ( franchigia per la Linea Retta lire 250.000.000 ) ;
Imposta sulle quote ;
Imposte ipotecaria e catastale proporzionali ( salvo agevolazioni )
INVIM ( se valore immobili superiore a lire 250.000.000 )

1 . Successioni apertesi dal 29 marzo 1997 al 31 dicembre 1999 ( e quelle per le quali il termine di presentazione
della dichiarazione era ancora in corso alla data del 29.03.1997 ) : viene introdotto lobbligo di autoliquidare
e versare le imposte : ipotecaria, catastale, sostitutiva INVIM , bollo e tassa ipotecaria

Imposta sul valore globale ( franchigia per la Linea Retta lire 250.000.000 ) ;
Imposta sulle quote ;
Imposte ipotecaria e catastale proporzionali ( salvo agevolazioni )
Imposta sostitutiva 1 % INVIM ( se valore immobili acquistati entro il 31.12.1992 superiore a lire
250.000.000 )

3 . Successioni apertesi dal 1 gennaio 2000 per le quali il termine per la


presentazione della dichiarazione scaduto entro il 31.12.2000 :

Imposta sul valore globale ( franchigia per la Linea Retta lire 350.000.000 ) ;
Imposta sulle quote ;
Imposte ipotecaria e catastale proporzionali ( salvo agevolazioni ; imposte fisse se beneficio prima
casa)
Imposta sostitutiva 1 % INVIM ( se valore immobili acquistati entro il 31.12.1992 superiore a lire
350.000.000 )

4 . Successioni per le quali il termine per la dichiarazione scaduto a partire dal


1.12001, ma apertesi entro il 24 ottobre 2001

Imposta sulle quote ( franchigia individuale fino lire 350.000.000 ; fino a lire un miliardo se
erede/beneficiario linea retta minore di et o con handicap grave) ;
Imposte ipotecaria e catastale proporzionali ( salvo agevolazioni ; imposte fisse se beneficio prima
casa)

5 . Successioni apertesi dal 25 ottobre 2001 :

Imposte ipotecaria e catastale proporzionali ( salvo agevolazioni ; imposte fisse se beneficio prima
casa)

6 . Successioni apertesi dal 3 ottobre 2006 : per limposta di successione v. prospetto riportato a pagina seguente.

Imposte ipotecaria e catastale proporzionali ( salvo agevolazioni ; ad es. imposte fisse se beneficio prima
casa)

27
27

OBBLIGHI FISCALI
IMPOSTE DI SUCCESSIONE
( DECEDUTI dal 3 ottobre 2006 )
1

Imposta successione

Imposta di
trascrizione
. 168,00

Imposta
catastale
. 168,00

Franchigia per ogni erede


. 1.000.000,00
Oltre la franchigia:. 4%

2%

1%

Imposta successione

Imposta di
trascrizione

Imposta
catastale

prima casa

Sul valore complessivo dei


beni e diritti

. 168,00

. 168,00

altri immobili

Franchigia per ogni erede


100.000,00

2%

1%

oltre la franchigia: 6%

Imposta successione

Imposta di

Imposta

trascrizione
. 168,00

catastale
. 168,00

2%

1%

Imposta di
trascrizione
. 168,00

Imposta
Catastale
. 168,00

2%

1%

Imposta di
trascrizione

Imposta
Catastale

Eredi
prima casa
Sul valore complessivo dei
beni e diritti

coniuge
altri immobili
parenti in linea retta
altri beni

Eredi
fratelli e sorelle

altri beni

Eredi
Altri parenti sino al 4* grado
affini in linea retta
affini in linea collaterale
sino al 3 grado

prima casa
altri Immobili

Sul valore complessivo dei


beni e diritti

6%
altri beni

Imposta successione

Eredi
prima casa
Sul valore complessivo dei
beni e diritti

altri soggetti
altri Immobili

8%

altri beni
Imposta successione

Eredi
prima casa

soggetti portatori di
handicap ( riconosciuto grave ai altri immobili
sensi legge 5.2.1992 n. 104 )

altri beni

28

168,00

168,00

Sul valore complessivo dei


beni e diritti
Franchigia per ogni
erede
. 1.500.000,00
Oltre la franchigia:
- se coniuge o parente in
linea retta:..4%
- se parente sino al
quarto grado o, affine in
linea retta, o affine in
linea collaterale entro il
terzo grado:6%
- negli altri casi:.8%

2%

1%

28

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
DICHIARAZIONE
3. LA DICHIARA3.ZIOLA
NELA
DIDICHIARAZIONE
SUCCESSIONDIEDI
(rSUCCESSIONE
egime vigente dal 3-10-2006)
3.
SUCCESSIONE
( regime vigente dal 3 ottobre 2006)
( regime vigente dal 3 ottobre 2006)

33.1
.1 - UUfficio
fficio ccompetente
ompetente
3.1

Ufficio competente

La dichiarazione di successione va presentata all'ufficio locale dell'Agenzia delle Entrate del luogo dell'ultima

La dichiarazione di successione va presentata all'ufficio locale dell'Agenzia delle Entrate del luogo dell'ultima

residenza
del defunto ; se il defunto era residente all'estero, l'ufficio competente quello nella cui circoscrizione
residenza del defunto ; se il defunto era residente all'estero, l'ufficio competente quello nella cui circoscrizione
era stata
l'ultimal'ultima
residenza
italiana;
se quest'ultima
sconosciuta,
la dichiarazione
vavapresentata
erafissata
stata fissata
residenza
italiana;
se quest'ultima
sconosciuta,
la dichiarazione
presentataall'ufficio
all'ufficio
locale dell'Agenzia
delle Entrate
di "Roma
6", sito
via Canton
n. 20.
locale dell'Agenzia
delle Entrate
di "Roma
6", in
sitoRoma,
in Roma,
via Canton
n. 20.
Va redatta,
a pena
di nullit,
su stampato
fornito
dall'Agenzia
delle
Entrate
o su
modello
Va redatta,
a pena
di nullit,
su stampato
fornito
dall'Agenzia
delle
Entrate
o su
modelloconforme
conformeaaquello
quello
approvato
con decreto
del ministero
Finanze
( Modello
) ; deve
essere
sottoscrittadadaalmeno
almenouno
uno dei
dei
approvato
con decreto
del ministero
delle delle
Finanze
( Modello
4 ) 4; deve
essere
sottoscritta
obbligati
o da
un rappresentante
legale.
soggettisoggetti
obbligati
o da un
rappresentante
legale.
La copia a uso voltura catastale, rilasciata dallufficio in carta semplice contestualmente alla presentazione , va
La copia
a uso voltura catastale, rilasciata dallufficio in carta semplice contestualmente alla presentazione , va

unita alla domanda di voltura e presentata entro 30 giorni agli uffici del Territorio ; necessaria una domanda per

unita alla domanda di voltura e presentata entro 30 giorni agli uffici del Territorio ; necessaria una domanda per

ogni ufficio del Territorio nella cui circoscrizione compreso il Comune o i Comuni nel quale sono ubicati gli

ogni ufficio del Territorio nella cui circoscrizione compreso il Comune o i Comuni nel quale sono ubicati gli
immobili.

immobili.

Se presentata a mano, l'ufficio ne rilascia ricevuta; se spedita ( per raccomandata ) si considera presentata nello

Se presentata
a mano, l'ufficio ne rilascia ricevuta; se spedita ( per raccomandata ) si considera presentata nello
stesso giorno di consegna all'ufficio postale, che deve apporre sul relativo involucro il timbro a calendario
stesso (giorno
all'ufficio
postale,
che deve apporre sul relativo involucro il timbro a calendario
articolo di
28,consegna
comma 1, Dlgs
n. 346/90
).
( articolo 28, comma 1, Dlgs n. 346/90 ).

La presentazione a un ufficio incompetente equivale a omessa presentazione ; questa si considera avvenuta nel

La presentazione
ufficio incompetente
equivalecompetente.
a omessa presentazione ; questa si considera avvenuta nel
giorno in cuialaun
dichiarazione
perviene all'ufficio
giorno in cui la dichiarazione perviene all'ufficio competente.

DEFUNTO

TERRITORIALIT DELLIMPOSTA
( ART. 2 )
TERRITORIALIT DELLIMPOSTA
( ART. 2 )
RESIDENTE IN ITALIA
DEFUNTO NON RESIDENTE

DEFUNTO RESIDENTE IN ITALIA

Beni mobili e immobili e diritti esistenti


in Italia
Beni mobili
e immobili
e dirittiesistenti
esistenti
Beni mobili
e immobili
e diritti
allestero
in Italia

Beni mobili e immobili e diritti esistenti


allestero

IN ITALIA

DEFUNTO NON RESIDENTE IN ITALIA

Beni mobili e immobili e diritti esistenti


in Italia

Beni mobili e immobili e diritti esistenti


in Italia

36

29

29

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
TERRITORIALIT DEI BENI
SI CONSIDERANO IN

ITALIA

beni e diritti iscritti ai pubblici registri


diritti reali sugli stessi
azioni e quote di societ con sede legale
in Italia
quote di partecipazione in enti diversi
dalle societ con sede legale in Italia
titoli rappresentativi di merci esistenti in
Italia
crediti del debitore residente in Italia
cambiali e vaglia cambiari del trattario
residente in Italia
assegni di ogni specie dellemittente
residente in Italia
crediti garantiti da beni in Italia
indipendentemente dalla residenza del
debitore
beni viaggianti allestero con destinazione
italiana
beni viaggianti allestero in temporanea
esportazione in Italia

SI CONSIDERANO ALLESTERO

beni viaggianti in Italia con destinazione


estera
beni viaggianti in Italia in regime di
temporanea importazione

NON ASSOGGETTABILIT ALLIMPOSTA


(ART. 3)
A) TRASFERIMENTI A FAVORE DI:

Stato
Regioni
Provincie
Comuni

Enti pubblici
Fondazioni
Associazioni

30
37

LA

debitore
beni viaggianti allestero con destinazione
italiana
DICHIARAZIONE
DI SUCCESSIONE
beni viaggianti allestero in temporanea
esportazione in Italia

NON ASSOGGETTABILIT ALLIMPOSTA


(ART. 3)
A) TRASFERIMENTI A FAVORE DI:

Enti pubblici
Fondazioni
Associazioni

Stato
Regioni
Provincie
Comuni

AVENTI SCOPI DI:

Assistenza
Studio
Ricerca scientifica
Educazione
Istruzione
Finalit di pubblica utilit

37

Legalmente riconosciuti e costituiti;


nonch legalmente riconosciuti, da costituire
per disposizione testamentaria, a condizione
della dimostrazione nei 5 anni dellaccettazione
delleredit, dellimpiego dei beni ricevuti
negli scopi voluti dal testatore
B) TRASFERIMENTI A FAVORE DI:

Enti pubblici esteri


Fondazioni e associazioni costituite
allestero
3.2

In presenza di condizioni di reciprocit

Soggetti obbligati

Sono obbligati a presentare la dichiarazione :


i chiamati all'eredit ( con questo termine si soliti indicare tutti gli eredi che non abbiano rinunciato
all'eredit ) e i legatari ( per i legati ), ovvero i loro rappresentanti legali ;
gli immessi nel possesso temporaneo dei beni dell'assente (articolo 49 c.c.) o nel possesso dei beni in
caso di dichiarazione di morte presunta (articolo 58 c.c.) ;
gli amministratori dell'eredit ;
i curatori delle eredit giacenti ;
gli esecutori testamentari.
Prima di presentare la dichiarazione, gli eredi devono autoliquidare e versare le imposte ipotecarie e catastali,

31

Enti pubblici esteri


Fondazioni e associazioni costituite
allestero
LA

In presenza di condizioni di reciprocit

DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

33.2
.2 - SSoggetti
oggettiobbligati
obbligati
Sono obbligati a presentare la dichiarazione :

i chiamati all'eredit ( con questo termine si soliti indicare tutti gli eredi che non abbiano rinunciato
all'eredit ) e i legatari ( per i legati ), ovvero i loro rappresentanti legali ;

gli immessi nel possesso temporaneo dei beni dell'assente (articolo 49 c.c.) o nel possesso dei beni in
caso di dichiarazione di morte presunta (articolo 58 c.c.) ;

gli amministratori dell'eredit ;


i curatori delle eredit giacenti ;
gli esecutori testamentari.
Prima di presentare la dichiarazione, gli eredi devono autoliquidare e versare le imposte ipotecarie e catastali,
l'imposta di bollo e la tassa ipotecaria in base al valore dei beni immobili e dei diritti immobiliari trasferiti per
successione.
E sufficiente che uno solo dei soggetti obbligati presenti la dichiarazione.

3.33.3- TeTermini
rmine pper
er lalapresentazione
presentazione
La dichiarazione deve essere presentata entro 12 mesi dal decesso.

31

Il termine decorre :
1)

per i rappresentanti legali degli eredi o dei legatari, per i curatori di eredit giacenti e per gli esecutori
testamentari, dalla data - successiva a quella di apertura della successione - in cui hanno avuto notizia
della loro nomina

2)

nel caso di fallimento del defunto - in corso alla data di apertura della successione o dichiarato entro 6
mesi - dalla data di chiusura del fallimento

3)

nel caso della dichiarazione di assenza o di morte presunta, dalla data di immissione nel possesso dei
beni ovvero se non vi stata anteriore immissione nel possesso dei beni, dalla data in cui divenuta
eseguibile la sentenza dichiarativa della morte presunta

4)

dalla scadenza dei termini per la formazione dell'inventario (accettazione con beneficio di inventario).

PRESENTAZIONE

DELLA

DICHIARAZIONE

ENTRO 12
MESI

dalla data della morte

dalla
data
nomina:

della

a) rappresentanti legali
b) curatore eredit giacenti
c) esecutori testamentari

32
dalla data di chiusura del
fallimento del defunto

dalla data di immissione in possesso dei beni


(dichiarazione di assenza o morte presunta)

beni ovvero se non vi stata anteriore immissione nel possesso dei beni, dalla data in cui divenuta
eseguibile la sentenza dichiarativa della morte presunta

4) dalla scadenza dei termini per


dell'inventario (accettazione con beneficio di inventario).
LA DICHIARAZIONE
DIla formazione
SUCCESSIONE

PRESENTAZIONEDELLA
DELLA DICHIARAZIONE
DICHIARAZIONE
PRESENTAZIONE
ENTRO 12 MESI
dalla data della morte

dalla data della nomina:

a) rappresentanti legali
b) curatore eredit giacenti
c) esecutori testamentari

dalla data di chiusura del


fallimento del defunto

dalla data di immissione in possesso


(dichiarazione di assenza o morte presunta)

dei

beni

dalla data di scadenza


redazione inventario
dalla data delle
sopravvenienze
ereditarie

dalla data di rinunzia o dellevento modificativo della


chiamata originaria
dalla data in cui gli enti hanno avuto notizia
dellautorizzazione dellaccettazione
dalla data in cui gli enti non ancora riconosciuti hanno
avuto notizia del riconoscimento e dellautorizzazione

COME
Per posta, a mezzo raccomandata;si considera
presentata nella data del timbro a calendario,
apposto dallufficio PT di partenza

direttamente presso lUfficio delle Entrate


competente che ne rilascia ricevuta

A CHI
AllUfficio delle Entrate nella cui circoscrizione
lultima residenza del defunto, ovvero lultima
residenza conosciuta in Italia ( A.I.R.E.)

Allufficio delle Entrate Roma


6 se il defunto risiedeva
39
allestero e la sua ultima
residenza in Italia ignota

IN CIN
HECHE
MODOMODO
A PENA DI NULLIT,

su stampato fornito dallufficio o su modello dichiarato conforme


CHI LA DEVE
FIRMARE
Almeno un erede obbligato
ovvero
il rappresentante legale o negoziale

COSA DICHIARARE
- Generalit, ultima residenza, cod. fiscale defunto
- Generalit, ultima residenza, cod. fiscale, parentela o affinit defunto, accettazione o rinunzia
degli eredi e legatari

33

IN CHE MODO

A PENA DI NULLIT,

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

su stampato fornito dallufficio o su modello dichiarato conforme

CHI LA DCHI
EVE LA
FIRDEVE
MARE
Almeno un FIRMARE
erede obbligato
Almeno un
overede
vero obbligato
il rappresentanovvero
te legale o negoziale
il rappresentante legale o negoziale

COSA DICHIARARE

COSA DICHIARARE
- Generalit, ultima residenza, cod. fiscale defunto
- Generalit, ultima residenza, cod. fiscale, parentela o affinit defunto, accettazione o rinunzia
degli eredi e legatari
- Descrizione analitica dei beni e dei diritti e i loro valori
- Estremi delle donazioni fatte dal defunto agli eredi e legatari , comprese quelle presunte ex art.
26 D.P.R. n. 131/86 rivalutate alla data di apertura della successione
- Crediti contestati giudizialmente : indicando generalit e residenza dei debitori ; numero di
iscrizione a ruolo generale
- Crediti verso lo Stato, Enti Pubblici territoriali, Enti Pubblici di Gestione Previdenza
- Rimborso di imposte e contributi
- Passivit e oneri deducibili ( con i documenti di prova)
- Valore globale asse ereditario
- Riduzioni e detrazioni ( con i documenti di prova)
- Domiciliazione in Italia di eredi e legatari residenti allestero

3.4

Compilazione della dichiarazione ( Mod. 4 ) di successione e allegati

Sul Mod 4 devono essere indicati:


Nel frontespizio :
dati anagrafici del de cuius, stato civile, luogo di residenza ed eventuali estremi della registrazione del
testamento
valore complessivo dell'asse ereditario

40

34

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
3.4 - Compilazione della dichiarazione (Mod. 4) di successione e allegati
Nel frontespizio :

Sul Mod. 4 devono essere indicati:


dati anagrafici
del de cuius, stato civile, luogo di residenza ed eventuali estremi della registrazione del
Nel frontespizio
:
testamento
dati anagrafici del de cuius, stato civile, luogo di residenza ed eventuali estremi della registrazione del
valore
complessivo dell'asse ereditario
testamento
Nella
seconda pagina :
valore complessivo dell'asse ereditario
alberopagina
genealogico
( va schematizzato il rapporto di parentela o affinit tra gli eredi e il de
Nella seconda
:
indicando anche coloro che hanno rinunziato all'eredit )
albero genealogico ( va schematizzato il rapporto di parentela o affinit tra gli eredi e il de
elenco
degli
allegati
indicando
anche
coloro che hanno rinunziato all'eredit )

cuius,
cuius,

Nel Quadro
A:
elenco
degli allegati
datiAanagrafici
e grado di parentela degli eredi
Nel Quadro
:
fiscali , estremi
residenza
codici
dati anagrafici
e gradodella
di parentela
degli eredi
Nel Quadro
B relativo agli immobili :
codici
fiscali , estremi della residenza
Comune,
relativo
, particella, subalterno , categoria, vani, classe, ( se non censito,
Nel Quadro
B relativo
agli codice
immobilicatastale
:
estremi della scheda di accatastamento : protocollo e data ) rendita, quota caduta in successione ;
Comune, relativo codice catastale , particella, subalterno , categoria, vani, classe, ( se non censito,
valori
degli
immobili
immobiliari (: non
possibile
) ; in
per
i fabbricati ;censiti
estremi
della
scheda /didiritti
accatastamento
protocollo
e dataindicare
) rendita,valore
quotazero
caduta
successione
nelle categorie A, B e C, in alternativa al valore venale, pu essere indicato il valore automatico

valori degli immobili / diritti immobiliari ( non possibile indicare valore zero ) ; per i fabbricati censiti
( v, prospetto per calcolo del valore catastale a pag. 54 ).
nelle categorie A, B e C, in alternativa al valore venale, pu essere indicato il valore automatico
( v, prospetto per calcolo del valore catastale a pag. 54 ).
Vanno allegati :
tante copie del modello 4 ( anche copie fotostatiche ) per quanti sono i Comuni dove sono siti gli immobili :
Vanno allegati :
occorrono ai fini della comunicazione ai Comuni competenti ai fini dell imposta comunale sugli immobili ( ICI ),
tante copie del modello 4 ( anche copie fotostatiche ) per quanti sono i Comuni dove sono siti gli immobili :
incombenza a carico dellufficio fiscale
occorrono ai fini della comunicazione ai Comuni competenti ai fini dell imposta comunale sugli immobili ( ICI ),
per le volture : tante copie del modello 4 quanti sono gli Uffici del Territori ( ex Catasto ) competenti in base
incombenza a carico dellufficio fiscale
ai Comuni in cui sono ubicati gli immobili ; le copie sono restituite , debitamente timbrate, ai contribuenti, che
per le volture : tante copie del modello 4 quanti sono gli Uffici del Territori ( ex Catasto ) competenti in base
hanno a disposizione trenta giorni per consegnarle all Ufficio del Territorio Catasto per eseguire la voltura degli
ai Comuni in cui sono ubicati gli immobili ; le copie sono restituite , debitamente timbrate, ai contribuenti, che
immobili
hanno a disposizione trenta giorni per consegnarle all Ufficio del Territorio Catasto per eseguire la voltura degli
un secondo originale modello 4 per l ufficio ( per il controllo dei valori dichiarati )
immobili
Va inoltre allegata la seguente documentazione :
un secondo originale modello 4 per l ufficio ( per il controllo dei valori dichiarati )
1) certificato di morte
Va inoltre allegata la seguente documentazione :
2) certificato di stato di famiglia de de cuius e degli eredi
1) certificato di morte
3) prospetto di autoliquidazione delle imposte ( ipotecaria,catastale,bollo, tasse ipotecarie ed eventuale
2) certificato di stato di famiglia de de cuius e degli eredi
imposta sostitutiva INVIM, tributi speciali )
3) prospetto di autoliquidazione delle imposte ( ipotecaria,catastale,bollo, tasse ipotecarie ed eventuale
4) Mod. F23 ( attestato di versamento delle imposte di cui sopra )
imposta sostitutiva INVIM, tributi speciali )
I certificati di cui alle lettere 1 e 2 possono essere sostituiti da una dichiarazione resa ai sensi degli artt.
4) Mod. F23 ( attestato di versamento delle imposte di cui sopra )
46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000.
I certificati di cui alle lettere 1 e 2 possono essere sostituiti da una dichiarazione resa ai sensi degli artt.
Ulteriore eventuale documentazione da allegare :
46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000.
nel caso di successione testamentaria copia originale o autenticata del testamento
Ulteriore eventuale documentazione da allegare :
nel caso di successione testamentaria copia originale o autenticata del testamento

34

35

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
nel caso di rinuncia all'eredit da parte di un chiamato, originale o copia autentica del verbale
copia autentica dell'atto pubblico o della scrittura privata autenticata dai quali risulti l'eventuale accordo
delle parti per l'integrazione dei diritti dei legittimari lesi

eventuale dichiarazione sostitutiva per la richiesta di agevolazione prima casa .


E inoltre consigliabile allegare ( non vi obbligo ):

certificato di destinazione urbanistica dei terreni ( soprattutto se terreni non aventi destinazione
edificatoria, poich ci elimina la possibilit di contrasti con lufficio fiscale nella fase dellaccertamento ) ,

certificati ( o visure ) catastali degli immobili : pur essendo tuttora discutibile se a seguito della legge
sulla trasparenza amministrativa ( L. n.241/1990 ) sia venuto meno lobbligo di allegare documenti di cui
la Pubblica Amministrazione gi in possesso ( v tuttavia chi fa da notare che il T.U. D . Lgs. N. 346
/1990 di cui ci occupiamo

stato emanato in epoca successiva alla L. n. 241/1990 e prevede

comunque lallegazione dei estratti catastali

all articolo 30 lett. e ) preferibile allegare tale

documentazione, se non altro perch il controllo della corrispondenza dei dati che normalmente lufficio
effettua al momento della presentazione della dichiarazione pu evitare la necessit di presentare
dichiarazioni rettificative successive , dispendiose in termini economici e di tempo.

33.5
.5 - IImposta
mpostaIpotecaria
Ipotecaria
Il presupposto oggettivo dell'assolvimento dell'imposta la formalit di trascrizione nei pubblici registri immobiliari
in dipendenza di una successione.
Non sono soggette all'imposta le formalit:

eseguite nell'interesse dello Stato


relative ai trasferimenti a titolo gratuito per successioni ereditarie a favore di Regioni, Province e Comuni
relative a trasferimenti a favore di enti pubblici e di fondazioni o associazioni legalmente riconosciute che
hanno come scopo esclusivo l'assistenza, lo studio, la ricerca scientifica, l'educazione, l'istruzione e le
altre finalit di pubblica utilit

relative a trasferimenti a favore delle Onlus


relative ai terreni delle comunit montane devoluti a coltivatori diretti e imprenditori agricoli
relative ad immobili delle aziende che beneficiano dellesenzione,alle condizioni previste dallart.3
comma 4 quater del D. Lgs. n. 346/1990.
Se sconta l'imposta in misura proporzionale, l'imposta commisurata all'imponibile determinato ai fini dell'imposta
di registro. Gli immobili e i diritti reali immobiliari vanno valutati senza tener conto di eventuali passivit gravanti
sugli stessi ( circolare 18 ottobre 2001, n. 91/E ).L'imposta proporzionale viene arrotondata all'unit di euro, per
difetto se la frazione inferiore a 50 centesimi, per eccesso in caso contrario.
L'aliquota applicabile del 2 per cento ( codice tributo : 649T ).
Scontano l'imposta ipotecaria in misura fissa ( 168,00 euro ) le successioni:

aventi per oggetti fondi rustici, trasferiti per successione tra discendenti entro il terzo grado nei confronti
di coltivatori diretti ovvero imprenditori agricoli a titolo principale che non hanno compiuto i 40 anni,
iscritti alle relative e gestioni previdenziali o che si iscrivano entro tre anni dal trasferimento

36
35

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
devolute a giovani che non hanno compiuto i 40 anni purch acquisiscano la qualifica di coltivatore
diretto o di imprenditore entro 24 mesi dal trasferimento, iscrivendosi alle relative gestioni previdenziali
entro i successivi due anni, a condizione che i citati soggetti rispettino l'obbligo di coltivare o condurre
direttamente i fondi rustici per almeno sei anni (articolo 14, legge n. 441/98)

successioni aventi come effetto il trasferimento della propriet di abitazioni e loro pertinenze e/o la
costituzione o il trasferimento di diritti immobiliari relativi alle stesse, quando in capo al beneficiario
sussistano i requisiti e le condizioni previste dalla nota II bis, articolo 1, comma 1, V periodo della tariffa,
parte prima, del Testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro approvato con Dpr 26
aprile 1986, n. 131 ( agevolazioni "prima casa" ).

33.6
.6 - IImposta
mpostacatastale
catastale
L'imposta catastale dovuta per la effettuazione della voltura al catasto del bene immobile soggetta all'aliquota
dell'1 per cento ( codice tributo : 737T ) commisurata al valore dei beni determinato analogamente alle modalit
previste per l'imposta ipotecaria.
L'imposta catastale dovuta in forma fissa ( 168,00 euro ):

se si richiede l'agevolazione prima casa


se nell'asse ereditario sono presenti terreni agricoli e montani (compresi i fabbricati rurali di
pertinenza) ; l'importo totale delle imposte (ipotecaria e catastale) applicata in misura fissa non pu
comunque eccedere il valore fiscale degli stessi, determinato in base al criterio di valutazione automatica
previsto per le imposte di registro.
Esenzione analoga a quella prevista per limposta ipotecaria stabilita per il trasferimento di immobili compresi in
aziende che beneficiano dellagevolazione prevista dallart. 3 comma 4 quater D. Lgs. n. 346/1990.
Per una panoramica pi completa delle agevolazioni vigenti si rinvia ai prospetti sinottici riportati nelle ultime
pagine della presente trattazione.

33.7
.7 - IINNVV
IMI M
L'imposta sull'incremento di valore degli immobili, introdotta con Dlgs n. 504/92, stata soppressa il 31 dicembre
2001 con la Finanziaria per il 2002.
Per effetto della modifica introdotta dallart. 69 L. 342/2000 , per le successioni il cui termine di presentazione
della dichiarazione scaduto dopo il 31 dicembre 2000, non si applicano n l' INVIM ordinaria ( Dpr n. 643/72 ),
n quella sostitutiva ( introdotta dalla legge n. 140/97, articolo 11 per le successioni apertesi dal 29 marzo 1997 ).
I codici tributo erano : 720T per l' INVIM , 722T per l'imposta sostitutiva dell INVIM.

33.8
.8 - A
rrotondamenti
Arrotondamenti
Per le dichiarazioni liquidate in euro, l'imposta fissa si arrotonda al centesimo di euro, mentre la proporzionale si
arrotonda all'unit di euro.

3.9

L autoliquidazione : i codici dei tributi e la causale

37

La causale da indicare sul mod, F23 , relativa ai tributi autoliquidati SA ; i codici tributo sono :

36

3.8

Arrotondamenti

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

Per le dichiarazioni liquidate in euro, l'imposta fissa si arrotonda al centesimo di euro, mentre la proporzionale si
arrotonda all'unit di euro.

3.9 - Lau3.9
toliquiL
daautoliquidazione
zione: i codici: di ecodici
i tribdei
uti tributi
e la cae ulasacausale
le
La causale da indicare sul mod, F23 , relativa ai tributi autoliquidati SA ; i codici tributo sono :

IMPOSTA

CODICE

Imposta ipotecaria

649T

Imposta catastale

737T

Imposta di bollo

456T

Tassa ipotecaria

778T

Prontuario per l autoliquidazione delle imposte ipotecaria e catastale


43

data di apertura della


sccessione

Imposta
ipotecaria

( imposta minima )

Imposta
catastale

( imposta minima)

- fino al 28.MAG. 1978

0,80 %

4.000

0,20 %

4.000

- dal 29/05/78 al 31/12/82

1,60 %

20.000

0,40 %

20.000

- dal 01/01/83 al 01/10/89

1,60 %

50.000

0,40 %

50.000

- dal 02/10/89 al 21/05/93

1,60 %

100.000

0,40 %

100.00

- dal 22/05/93 al 31/12/95

1,60 %

150.000

0,40 %

150.000

- dal 01/01/96 al 19/06/96

2%

150.000

1%

150.00

- dal 20/06/96

2%

250.000

1%

250.000

- dal 01/01/2001

2%

129,11

1%

129,11

- dal 1/02/2005

2%

168,00

1%

168,00

A decorrere dal 1 FEBBRAIO 2005 i nuovi importi fissi , di euro 168,00 per ciascuna delle
due imposte, sono applicabili anche alle successioni apertesi a far data dal 25.10.2001,
se presentate in data successiva al 1 febbraio 2005 ; per le successioni apertesi fino al
24ottobre 2001, pur se presentate in data successiva al 1 febbraio 2005, continueranno
ad applicarsi le imposte fisse minime vigenti ala data di apertura della successione ( v.
Risoluzione n. 6/2006 dell Agenzia delle Entrate ).

38

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
IMPORTO DEI TRIBUTI DA AUTOLIQUIDARE
SENZA AGEVOLAZIONI
IMPOSTA
IPOTECARIA

IMPOSTA
CATASTALE

TASSA
IPOTECARIA

BOLLO

2% (min. 168,00)

1% (min. 168,00)

35,00 x
Uff.Territorio

58,48 x
Uff.Territorio

terreni

2% (min. 168,00)

1% (min. 168,00)

NO

NO

fabbricati

2% (min. 168,00)

1% (min. 168,00)

NO

NO

CATASTO NON
TAVOLARE

CATASTO TAVOLARE

CON AGEVOLAZIONI CATASTO NON TAVOLARE


AGEVOLAZIONE

IMPOSTA
IPOTECARIA

IMPOSTA
CATASTALE

TASSA
IPOTECARIA

BOLLO

TERRENI MONTANI

168,00 o, se inferiore, il
valore fiscale del
terreno

NO

35,00 x
Uff.Territorio

NO

PRIMA CASA

168,00

168,00

35,00 x
Uff.Territorio

58,48 x
Uff.Territorio

GIOVANI IMPRENDITORI

168,00

NO

35,00 x
Uff.Territorio

NO

TERRENI AGRICOLI IN
COMUNITA' MONTANE

NO

NO

35,00 x
Uff.Territorio

NO

SOGGETTO ESENTE

NO

NO

35,00 x
Uff.Territorio

58,48 x
Uff.Territorio

CON AGEVOLAZIONI CATASTO TAVOLARE


AGEVOLAZIONE

IMPOSTA
IPOTECARIA

IMPOSTA
CATASTALE

TASSA
IPOTECARIA

BOLLO

TERRENI MONTANI

168,00 o il valore
fiscale del terreno

NO

NO

NO

PRIMA CASA

168,00

168,00

NO

NO

GIOVANI IMPRENDITORI

168,00

NO

NO

NO

TERRENI AGRICOLI IN
COMUNITA' MONTANE

NO

NO

NO

NO

SOGGETTO ESENTE

NO

NO

NO

NO

3.10

TIPI DI DICHIARAZIONE
3.10.1 DICHIARAZIONE PRINCIPALE

la prima dichiarazione, che va presentata entro un anno per le successioni apertesi dal 26 novembre
2003 ; quelle antecedenti andavano presentate entro sei mesi.

45

39

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
3.10 - Tipi di dichiarazione

3.10 TIPI DI DICHIARAZIONE

3.10.13.10.1
- Dichiarazione
principale
PRINCIPALE
DICHIARAZIONE
la prima dichiarazione, che va presentata entro un anno per le successioni apertesi dal 26 novembre
2003 ; quelle antecedenti andavano presentate entro sei mesi.
Se dopo la presentazione della prima dichiarazione sopravvengono eventi che danno luogo a mutamento
della devoluzione dell'eredit o del legato , i soggetti obbligati debbono presentare dichiarazione di
successione sostitutiva o integrativa.
Se nella prima o nelle successive dichiarazioni vi dovessero essere immobili, qualsiasi dichiarazione
modificativa o integrativa delle stesse, sia pur diretta solo a modificare la devoluzione con l'inserimento o
la rinuncia di un chiamato all'eredit o a modificare qualsiasi elemento identificativo dell'immobile presso il
catasto (ad esempio, foglio, particella, subalterno, eccetera), determina l'obbligo di assolvere le imposte
ipotecaria e catastale almeno nel minimo della tassa fissa, l'imposta di bollo e la tassa ipotecaria per ogni
Ufficio del Territorio coinvolto ( Risoluzione n. 23/E del 12 febbraio 1997 Agenzia Entrate ).

DICHIARAZIONE
INTEGRATIVA
3.10.23.10.2
- Dichiarazione
integrativa
Va presentata quando occorre inserire nell'asse ereditario altri beni che non sono stati inseriti nella
dichiarazione principale.
Occorre versare in autoliquidazione le imposte relative al valore dei beni che si inseriscono nella
integrativa, col minimo di 168,00 euro per ipotecaria e catastale, nonch l'imposta di bollo e la tassa
ipotecaria ( risoluzione n. 23/E /97 citata ).
Con le dichiarazioni integrative si possono aggiungere solo nuovi beni (immobili e/o altri cespiti); non
possibile modificare o inserire eredi o annullare beni presentati in dichiarazioni precedenti

3.10.33.10.3
- Dichiarazione
modificativa
DICHIARAZIONE
MODIFICATIVA
Si presenta per modificare dati catastali , quote, eredi, senza che aumenti il valore dell'asse
ereditario.Vanno sempre pagate le imposte ipotecaria e catastale in misura fissa ( 168,00 euro ), nonch
l'imposta di bollo, e la tassa ipotecaria ( Risoluzione n. 23/1997 citata ).

DICHIARAZIONE
DI SUCCESSIONE
IRREGOLARE
, INCOMPLETA
3.10.43.10.4
- Dichiarazione
di successione
irregolare,
incompleta
o infedele O INFEDELE
Irregolare : quando mancano indicazioni o documenti. L'ufficio notifica al dichiarante, mediante
avviso, l'invito a provvedere alla regolarizzazione entro sessanta giorni, trascorsi i quali la
dichiarazione considerata omessa

Incompleta : quando non sono indicati tutti i beni e diritti compresi nell'attivo ereditario
Infedele : se a seguito dellattivit di controllo, lUfficio accerta che il valore dei beni o diritti
superiore a quello esposto in dichiarazione.

40

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
QUALIFICAZIONE DELLA DICHIARAZIONE
LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

IRREGOLARE
IRREGOLARE
A ) SE MANCANO I DATI IDENTIFICATIVI:
EREDI

DEFUNTO

BENI

LEGATARI

morte
assenza
morte presunta

volont del
testatore

DIRITTI

oggetto della successione:


ASSE EREDITARIO

stato di famiglia:
del defunto
degli eredi
dei legatari
B ) SE MANCANO I DATI IDENTIFICATIVI
DEL PAGAMENTO IN AUTOLIQUIDAZIONE:
imposta
ipotecaria

imposta catastale

imposta di bollo

tassa ipotecaria

INCOMPLETA
se:
INCOMPLETA
se :
manca la completa indicazione dei beni e diritti oggetto
della successione
LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

INFEDELE
INFEDELE
se : se:
il valore dei beni
e diritti dichiarato
inferiore a
quello
determinato
secondo la legge
(artt. 10, 14, 19)

contiene
oneri e passivit (artt.
23, 24) del tutto o in
parte inesistenti o
comprovati da
documentazione
mendace

vi
omissione di
denunzia di
donazioni
anteriori
allapertura della
successione

i valori
delle donazioni
fatte in vita sono
inferiori a quello
determinato a norma
dellart. 8, comma
quattro

47

41

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
3.11 - Rim3.11
borsi Rimborsi
3.11.1 - A seguito
contribuente
A istanza
SEGUITO del
DI ISTANZA
DEL CONTRIBUENTE
3.11.1 di
Il contribuente che ritenga di avere assolto indebitamente l'imposta, o di aver pagato pi del dovuto, pu,
con domanda presentata a mano o spedita in plico raccomandato, chiedere il rimborso entro tre anni, a
pena di decadenza, dal giorno del pagamento o da quello in cui sorto il diritto alla restituzione .
Pu richiederlo per errori di calcolo commessi nella autoiquidazione dell'imposta , per errori nella
determinazione dell imponibile, per una intervenuta diversa devoluzione dell'eredit, ecc. La domanda va
presentata o spedita con plico raccomandato presso l'ufficio in cui stata registrata la denuncia di
successione. Unitamente allimposta lUfficio rimborser gli interessi ( semestrali ) a far data dallistanza.

3.11.2 - DUfficio
3.11.2 DUFFICIO
E previsto che lufficio proceda autonomamente a rimborso, nei casi di pagamento frazionato dei tributi
( solitamente a seguito di ricorso del contribuente contro l avviso di rettifica emesso dallufficio ) quando,
a seguito di decisione delle Commissioni Tributarie, risulti dovuto un importo inferiore a quello gi versato
( art. 40 D.Lgs. n.346/1990 ) ; la norma prescrive che lUfficio adempia entro 90 giorni dalla notifica della
decisione.

42

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
RIMBORSI

RIMBORSI
IL RIMBORSO DI IMPOSTA COMPRENSIVO DI INTERESSI

MODALIT

TERMINI

INTERESSI

3 anni dal giorno del


pagamento
3 anni dal giorno in cui
sorto il diritto alla
restituzione

domanda notificata a
mano
domanda spedita in
plico raccomandato

semestrali ex
L. n. 29/1961

INTERESSI

OGGETTO DEL RIMBORSO DI IMPOSTA:

Imposta pagata o pagata in pi in corso di giudizio ex art. 40, commi 1, 2, 3


Imposta pagata per beni o diritti

appartenenti
a terzi
(giudicato)

per nullit
dellatto di
acquisto:
annullam.to
risoluzione
rescissione
revocazione

per causa
anteriori alla
successione per:
evizione
rivendicaz,ne

Imposta pagata a seguito di dichiarazione


di assenza o morte presunta, in caso di :

esistenza provata
ricomparsa

Imposta pagata da enti cui stata negata lautorizzazione


Imposta pagata o pagata in pi per sopravvenuto mutamento della devoluzione
Imposta pagata in pi per sopravvenuta passivit o detrazione o riduzione
Imposta pagata in pi a seguito di accertamento della parentela naturale
Imposta pagata in pi a seguito di chiusura del fallimento del defunto dichiarato dopo lapertura
della successione

43
49

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
33.12
.12 -Compiti
Compitdell'ufficio
i dellufficio
3.12.1
dellaDELLA
dichiarazione
3.12.1- Trattamento
TRATTAMENTO
DICHIARAZIONE
L'ufficio delle Entrate competente a ricevere la dichiarazione di successione, dopo un controllo formale e
dei documenti allegati, se la stessa stata presentata a mano , ne rilascia al contribuente ricevuta,
unitamente a copia ( o copie ) necessarie per la voltura.
Dopo la presentazione della denuncia, vi la registrazione, fase in cui l'ufficio attribuisce un numero e un
volume alla successione, e provvede all'inserimento dei dati al sistema informativo dellanagrafe tributaria (
SIAT ).
Una volta registrata, occorre controllare la corretta liquidazione dei tributi

: l'ufficio, acquisendo al

computer tutti i dati risultanti dal modello, provveder a determinare l'ammontare dell'imposta di
successione dovuta ( solo per quelle apertesi prima del 25 ottobre 2001 ) e, per tutte, quanto dovuto per
le imposte gi versate dal contribuente in autoliquidazione.
Qualora dovesse risultare una differenza non versata o un tardivo pagamento in autoliquidazione, l'ufficio
dovr, con avviso notificato, richiedere la differenza dovuta, le sanzioni e gli eventuali interessi, entro tre
anni ( termine di decadenza ) dalla presentazione della dichiarazione.
L Ufficio controlla la liquidazione in base a quanto dichiarato nel modello 4 , provvedendo a correggere gli
eventuali errori materiali e di calcolo commessi dal dichiarante nella determinazione della base imponibile
e a escludere riduzioni o agevolazioni non spettanti.
Le imposte sono dovute anche se la dichiarazione sia stata presentata oltre i cinque anni dalla scadenza
prevista per presentare la dichiarazione ( termine di decadenza entro il quale possibile per l'ufficio
rilevare l'eventuale omissione della presentazione e notificare lavviso di liquidazione delle imposte dovute,
comminando sanzioni e interessi ).
Gli eredi sono obbligati in solido al pagamento delle imposte per l'intero ammontare dovuto da loro e
eventualmente dai legatari. Il coerede che ha accettato con beneficio d'inventario obbligato solidalmente
al pagamento nel limite del valore della propria quota ereditaria, mentre il legatario obbligato solo per
l'imposta relativa al legato.

43

Ruolo particolarmente significativo svolto da parte dell'ufficio quello di effettuare la devoluzione dell'asse
ereditario in capo ai chiamati all'eredit, determinando le quote di spettanza dei singoli chiamati ; per far
ci necessario far riferimento alla normativa contenuta nel codice civile agli articoli dal 456 al 768 e alla
legge n. 151/75 che ha regolamentato il diritto di famiglia.
Questa attivit necessaria e propedeutica alla fase di trascrizione degli immobili.

3.12.2 3.12.2
- Trascrizione
della dichiarazione
di successione
TRASCRIZIONE
DELLA DICHIARAZIONE
DI SUCCESSIONE
LUfficio predispone la richiesta di trascrizione utilizzando un apposita procedura automatizzata e la invia
allUfficio del Territorio ( ex Conservatoria dei Registri Immobiliari ) , assieme al "certificato di eseguita
dichiarazione e di pagamento d'imposta" ( Mod. 240 ), che comprende tutti i dati acquisiti dalla
dichiarazione di successione.

44

La trascrizione pertanto un obbligo dellUfficio, e non pu essere richiesta direttamente dagli eredi agli
Uffici del Territorio competenti ( v. Circolare 14 maggio 1997, n. 136/E ) ; la richiesta della trascrizione va
fatta :
entro 60 giorni dalla data di presentazione della dichiarazione di successione, se gli eredi hanno

LUfficio predispone la richiesta di trascrizione utilizzando un apposita procedura automatizzata e la invia

LA DICHIARAZIONE
DI SUCCESSIONE
dichiarazione e di pagamento d'imposta" ( Mod. 240 ), che comprende

allUfficio del Territorio ( ex Conservatoria dei Registri Immobiliari ) , assieme al "certificato di eseguita
tutti i dati acquisiti dalla

dichiarazione di successione.
La trascrizione pertanto un obbligo dellUfficio, e non pu essere richiesta direttamente dagli eredi agli
Uffici del Territorio competenti ( v. Circolare 14 maggio 1997, n. 136/E ) ; la richiesta della trascrizione va
fatta :

entro 60 giorni dalla data di presentazione della dichiarazione di successione, se gli eredi hanno
versato interamente in autoliquidazione l'imposta ipotecaria e catastale, la tassa ipotecaria e il
bollo relativi a ogni conservatoria

entro 60 giorni dalla data di pagamento delle imposte, se il pagamento stesso avvenuto o
stato completato dopo la presentazione della dichiarazione di successione.
Per gli immobili ubicati nelle province in cui vige il sistema tavolare ( Bolzano, Gorizia, Trento e Trieste
ed altri Comuni ) non grava sull'ufficio l'obbligo di trascrizione : l'ufficio provvede a liquidare la
dichiarazione e a consegnare alla parte il Mod. 240 ; sar questultima ad attivarsi a richiedere, tramite un
notaio, la trascrizione degli immobili, al Tribunale territorialmente competente.
Le spese per l'adempimento di dette formalit gravano sugli eredi.

3.12.3 3.12.3
- Invio Iai
Comuni
NVIO
AI COMUNI
L'articolo 15, comma secondo, della legge n. 383/2001 ha esonerato gli eredi e legatari che abbiano
presentato la dichiarazione di successione contenente beni immobili dall'obbligo della dichiarazione ai fini
Ici.
Per gli immobili ereditati, il contribuente non deve pi presentare al Comune alcuna dichiarazione;
l'ufficio che invia a ciascun Comune ove sono ubicati gli immobili compresi nell'asse ereditario una copia
della dichiarazione di successione.

3.12.4 3.12.4
- Controllo
della dichiarazione
CONTROLLO
DELLA DICHIARAZIONE
Una volta liquidate, le dichiarazioni di successione vengono inserite nell'archivio storico se non vi sono
ulteriori imposte da pagare o ulteriori controlli da effettuare, o nell'archivio temporaneo se stato inviato un
avviso di liquidazione.
Se, a seguito di avviso di liquidazione, il contribuente non effettua il pagamento dei tributi previsti, l'ufficio
provvede all'iscrizione a ruolo.
Dopo che il contribuente ha effettuato il pagamento, le pratiche vengono archiviate o, se necessario,
inviate all'area Controllo per la valutazione dei valori degli immobili o per verificare la spettanza di
agevolazioni.

44

3.12.5 L'AVVISO DI LIQUIDAZIONE E DI RETTIFICA DELLA MAGGIORE IMPOSTA


Dopo aver eseguito il controllo formale e liquidato la dichiarazione di successione, con lausilio delle
procedure informatiche, lufficio procede al controllo sostanziale, e cio verifica la congruit dei valori
dichiarati dal contribuente, con riferimento a quanto disposto dallarticolo 34 del D. Lgs. N 346 /1990.
L'avviso di rettifica e liquidazione della maggiore imposta accertata viene generalmente notificato a mezzo
posta ( con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno ) o dagli altri soggetti a tale attivit interessati
( messi comunali ; messi speciali nominati dagli Uffici delle Entrate ) con losservanza delle disposizioni
contenute nellarticolo 60 del D.P.R. n. 600/1973.

45

Dal giorno in cui l'erede ha ricevuto lavviso di rettifica e liquidazione , decorrono i termini entro i quali
effettuare il pagamento dovuto in misura frazionata nel caso in cui venga proposto ricorso, entro il
medesimo termine, avverso l accertamento effettuato dall Ufficio ; per questultimo rileva invece , quale

Dopo aver eseguito il controllo formale e liquidato la dichiarazione di successione, con lausilio delle
Dopo che il contribuente ha effettuato il pagamento, le pratiche vengono archiviate o, se necessario,
procedure informatiche, lufficio procede al controllo sostanziale, e cio verifica la congruit dei valori
inviate all'area Controllo per la valutazione dei valori degli immobili o per verificare la spettanza di
dichiarati dal contribuente, con riferimento a quanto disposto dallarticolo 34 del D. Lgs. N 346 /1990.
agevolazioni.
L'avviso di rettifica e liquidazione della maggiore imposta accertata viene generalmente notificato a mezzo

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

posta ( con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno ) o dagli altri soggetti a tale attivit interessati

L'AVVISO
DI LIQUIDAZIONE
E DI RETTIFICA
DELLA
MAGGIORE IMPOSTA
3.12.5(3.12.5
- Lavviso
di liquidazione
e di
rettifica
della
maggiore
imposta
messi
comunali
; messi speciali
nominati
dagli
Uffici
delle Entrate
) con losservanza delle disposizioni

nellarticolo
del D.P.R.
n. 600/1973.
contenute
eseguito il60controllo
formale
e liquidato la dichiarazione di successione, con lausilio delle
Dopo aver
procedure informatiche, lufficio procede al controllo sostanziale, e cio verifica la congruit dei valori
Dal giorno in cui l'erede ha ricevuto lavviso di rettifica e liquidazione , decorrono i termini entro i quali
dichiarati dal contribuente, con riferimento a quanto disposto dallarticolo 34 del D. Lgs. N 346 /1990.
effettuare il pagamento dovuto in misura frazionata nel caso in cui venga proposto ricorso, entro il
L'avviso di rettifica e liquidazione della maggiore imposta accertata viene generalmente notificato a mezzo
medesimo termine, avverso l accertamento effettuato dall Ufficio ; per questultimo rileva invece , quale
posta ( con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno ) o dagli altri soggetti a tale attivit interessati
data di notificazione, quella di consegna allUfficio Postale.
( messi comunali ; messi speciali nominati dagli Uffici delle Entrate ) con losservanza delle disposizioni
Decorso
il termine
senza
staton.effettuato
contenute
nellarticolo
60che
del sia
D.P.R.
600/1973.il pagamento dovuto ( sia intero, in caso di acquiescenza,
sia frazionato, a seguito di ricorso ) l'ufficio provvede all'iscrizione a ruolo delle somme dovute ,
Dal giorno in cui l'erede ha ricevuto lavviso di rettifica e liquidazione , decorrono i termini entro i quali
aggiungendovi, nei casi previsti, la sanzione per omesso versamento ( 30% delle imposte dovute ) e gli
effettuare il pagamento dovuto in misura frazionata nel caso in cui venga proposto ricorso, entro il
interessi moratori nel frattempo eventualmente maturati.
medesimo termine, avverso l accertamento effettuato dall Ufficio ; per questultimo rileva invece , quale
data di notificazione, quella di consegna allUfficio Postale.

LIQUIDAZIONE
Decorso il termine senza che sia stato
effettuato il pagamento dovuto ( sia intero, in caso di acquiescenza,
sia frazionato, a seguito di ricorso ) l'ufficio provvede all'iscrizione a ruolo delle somme dovute ,

LUFFICIO LIQUIDA
LIMPOSTA DOVUTA SULLA SUCCESSIONE DOPO AVER:
aggiungendovi, nei casi previsti, la sanzione per omesso versamento ( 30% delle imposte dovute ) e gli
interessi moratori nel frattempo eventualmente maturati.

CORRETTO

ESCLUSO

LIQUIDAZIONE

ACCERTATO

LUFFICIO LIQUIDA LIMPOSTA DOVUTA SULLA


SUCCESSIONE DOPO AVER:
LIQUIDAZIONE

errori
materiali
deducibili
il pagamento
inAVER
autoliquidazione,
se dovute di:
LU
FFICIO
LIQUIDA Lpassivit
IMPOSTA non
DOVUTA
SULLA SUCCESSIONE
DOPO
:
CORRETTO

ESCLUSO

CORRETTO

ACCERTATO

ESCLUSO

ACCERTATO

- passivit
ed oneri
non
errori materiali
passivit
non deducibili
errori di calcolo
errori materiali

comprovati
- riduzioni e agevolazioni
passivit
non deducibili
non comprovate

ilimposte
pagamento
in autoliquidazione,
ipotecarie
e catastali se dovute di:

imposte di bollo
-il pagamento
tassa ipotecaria
in autoliquidazione, se dovute di:

- passivit ed oneri non


comprovati
- riduzioni e agevolazioni
noned
comprovate
- passivit
oneri non

errori di calcolo

imposte ipotecarie e catastali


imposte di bollo
tassa ipotecaria

imposte ipotecarie e catastali


comprovati
imposte di bollo
- riduzioni e agevolazioni
tassa
33.13
.13 Il- Ilcriterio
criteriautomatico
onon
acomprovate
utomatidi
covalutazione
di valutadegli
z-ioneimmobili
degipotecaria
li immobili

errori di calcolo

Il criterio di valutazione catastale degli immobili stato introdotto dalla legge n. 880/86 per le successioni
apertesi dal
1 luglio
1986 ("sistema
di valutazione
automatico").
3.13
Il criterio
automatico
di valutazione
degli

immobili

IlFcriterio
di valutazione
catastale degli immobili stato introdotto dalla legge n. 880/86 per le successioni
3.13.1
- Fabbricati
e terreni
3.13.1
ABBRICATI
E TERRENI

45

apertesi dal 1 luglio 1986 ("sistema di valutazione automatico").

Il valore c.d. automatico si ottiene moltiplicando le rendite catastali per i coefficienti che vengono

3.13 Il criterio automatico di valutazione degli immobili

periodicamente aggiornati.
3.13.1 FABBRICATI E TERRENI
Il criterio di valutazione catastale degli immobili stato introdotto dalla legge n. 880/86 per le successioni
v i a vengono
Per il relativo
calcolo,
da effettuare con
riferimento
alla dataledi rendite
apertura
della successione,
si r i nche
Il valore
c.d. automatico
si ottiene
moltiplicando
catastali
per i coefficienti
apertesi dal 1 luglio 1986 ("sistema di valutazione automatico").
periodicamente
aggiornati.
prospetto
riportato a pagina
53.

46

Per il relativo calcolo, da effettuare con riferimento alla data di apertura della successione, si

45

3.13.2 rinvia
ARTICOLO
12,
LEGGE
N. 154/88
prospetto
riportato
a pagina
53.
Da l 14 m a g g i o

1988, qu a l o r a

il s is te m a

a u to m a tic o

3.13.2 ARTICOLO 12, LEGGE N. 154/88

d i v a l u t a zi o n e

n o n

r i s u l t i a p p l i c a bi l e

p o ic h il

f a bbr i c a t o , s i a p u r d i c h i a r a t o p e r l 'i s c r i zi o n e n e l c a t a s t o e d i l i zi o , n o n s i a s t a t o a n c o r a i s c r i t t o a l l a d a t a d i

periodicamente aggiornati.

LA DICHIARAZIONE
DI SUCCESSIONE
rinvia prospetto riportato a pagina 53.

Per il relativo calcolo, da effettuare con riferimento alla data di apertura della successione, si

3.13.2- Articolo
ARTICOLO
LEGGE
N. 154/88
3.13.2
12,12,
legge
N. 154/88
Dal 14 maggio 1988, qualora il sistema automatico di valutazione non risulti applicabile poich il
fabbricato, sia pur dichiarato per l'iscrizione nel catasto edilizio, non sia stato ancora iscritto alla data di
presentazione della dichiarazione di successione e quindi sia privo di una rendita a cui far riferimento,
possibile avvalersene egualmente, imputando all'immobile una rendita presunta e indicando nel quadro B1
del modello 4 di volersi avvalere dell'articolo 12 della legge n. 154/88. Qualora il valore dichiarato dal
contribuente risulti

inferiore a quello attribuito dallUfficio Provinciale del Territorio , in sede di

accertamento potr essere richiesta dall Ufficio fiscale soltanto la differenza delle imposte dovute,
aumentata degli interessi , ma senza applicazione delle sanzioni.
Originariamente le condizioni per potersi avvalere di tali vantaggi erano :
indicare espressamente nella dichiarazione di volersi avvalere dellapplicazione dellart.12. legge n.
154/1988 ;
presentare all'Ufficio del Territorio, insieme alla domanda di voltura, una specifica istanza di attribuzione di
rendita catastale;
consegnare all'Ufficio delle Entrate - entro 60 giorni dalla presentazione della dichiarazione di successione
- le due ricevute di presentazione dell'istanza rilasciata dall Ufficio del Territorio ; l'Ufficio delle Entrate
apponeva il timbro a calendario su entrambe le ricevute e ne restituiva una al contribuente. L' Ufficio del
Territorio doveva provvedere ad attribuire la rendita entro dieci mesi.
Attualmente, attraverso una procedura informatica ( c.d. DOCFA ) a disposizione dei contribuenti, viene
indicata nella dichiarazione una rendita presunta calcolata tramite la procedura suddetta ; se entro un
anno la rendita non viene variata dallUfficio del Territorio competente, questa viene considerata rendita
definitiva.

33.14
.14 -Classificazione
Classificaziocatastale
ne catasdei
talfabbricati
e dei fabbricati
Le unit immobiliari urbane sono classificate nei seguenti gruppi:

A :

unit immobiliari per uso abitazione o assimilabili

B :

unit immobiliari per uso di alloggi collettivi (collegi, caserme, eccetera)

C :

unit immobiliari di tipo commerciale

Vi sono poi immobili a categoria speciale D destinati a particolari usi (cinema, teatri, opifici, eccetera).
La classificazione complessiva riportata nei prospetti seguenti.

CATEGORIE CATASTALI

46

47

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
CATEGORIE CATASTALI
Gruppo categoria A:
A/1 Abitazione di tipo signorile
A/2 Abitazione di tipo civile
A/3 Abitazione di tipo economico
A/4 Abitazione di tipo popolare
A/5 Abitazione di tipo ultrapopolare
A/6 Abitazione di tipo rurale
A/7 Abitazione in villini
A/8 Abitazione in ville
A/9 Castelli, palazzi di pregio artistico o storico
A/10 Uffici e/o studi privati
A/11 Abitazioni o alloggi tipici dei luoghi (es. rifugi, baite, trulli, ecc.)
Gruppo categoria B:
B/1

Collegi, convitti, educandati, ricoveri, orfanotrofi, ospizi, seminari, caserme,


conventi

B/2 Case di cura e ospedali


B/3 Riformatori e prigioni
B/4 Uffici pubblici
B/5 Scuole e/o laboratori scientifici
B/6

Pinacoteche, biblioteche, musei, gallerie d'arte, accademie che non hanno sede
nella categoria A/9

B/7 Cappelle ed oratori non destinati all'esercizio pubblico del culto


B/8 Magazzini sotterranei per depositi di derrate
Gruppo categoria C:
C/1 Negozi e botteghe
C/2 Magazzini e locali di deposito
C/3 Laboratori e locali di deposito
C/4 Fabbricati per arti e mestieri
C/5 Stabilimenti balneari e di acque curative
C/6 Stalle, scuderie, rimesse ed autorimesse
C/7 Tettoie chiuse o aperte
Gruppo categoria D:
D/1 Opifici
D/2 Alberghi e pensioni
D/3 Teatri, cinema, sale per concerti / spettacoli e simili

48

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
IMMOBILI a destinazione SPECIALE
Gruppo categoria A:
D/4 Case di cura ed ospedali
D/5 Istituti di credito, cambio ed assicurazione
D/6 Fabbricati e locali per attivit sportive
Fabbricati costruiti o comunque adattati per le speciali esigenze legate ad una
D/7 attivit industriale e non suscettibili di diversa utilizzazione se non con radicali
trasformazioni
Fabbricati costruiti o comunque adattati per speciali esigenze di una attivit
D/8 commerciale e non suscettibili di diversa utilizzazione se non con radicali
trasformazioni
D/9 Edifici galleggianti o sospesi, assicurati a punti fissi sul suolo, ponti privati
soggetti a pedaggi
D/10 Residence
D/11 Scuole e/o laboratori scientifici privati
D/12 Posti barca in luoghi turistici, stabilimenti balneari
Gruppo categoria B:
E/1

Stazioni per servizi di trasporto terrestri, marittimi, aerei, metropolitane, ferrovie.


Impianti di risalita in genere

E/2 Ponti comunali e provinciali soggetti a pedaggio


E/3 Costruzioni e fabbricati per speciali esigenze pubbliche
E/4 Recinti chiusi per mercati, fiere, posteggio bestiame e simili
E/5 Fabbricanti costituenti fortificazioni e loro dipendenze
E/6 Fari, semafori, torri per rendere l'uso dell'orologio
E/7
E/8

Fabbricati destinati all'esercizio pubblico del culto

E/9 Altri fabbricati non compresi nelle precedenti categorie del gruppo E

3.15 - Lusufrutto
3.15 L'usufrutto
Lusufrutto, pur essendo un diritto reale immobiliare, non va dichiarato nella successione, poich a seguito della
morte dellusufruttuario, si verifica la c.d. consolidazione : il diritto di usufrutto di ricongiunge automaticamente al
diritto del nudo proprietario .
Oggetto di successione , e va pertanto incluso nella dichiarazione fiscale, il diritto di nuda propriet .
E necessario, per determinare il valore della nuda propriet, ricavare, per differenza dalla propriet piena, il
valore dellusufrutto ; per fare ci bisogna:
1.

moltiplicare il valore della piena propriet per il tasso legale d'interesse

2.

moltiplicare il risultato ottenuto per il coefficiente corrispondente all'et del titolare

49

E necessario, per determinare il valore della nuda propriet, ricavare, per differenza dalla propriet piena, il

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

valore dellusufrutto ; per fare ci bisogna:


1.

moltiplicare il valore della piena propriet per il tasso legale d'interesse

2.

moltiplicare il risultato ottenuto per il coefficiente corrispondente all'et del titolare

PROSPETTO PER IL CALCOLO DEI DIRITTO DI USUFRUTTO

Esempio : - Valore piena propriet =

250.000,00

- et usufruttuario = anni 68

50

- Valore usufrutto =

250.00,00 X 18 X 2,5% =

- Nuda propriet =

250.000,00 112.500,00 =

112.500,00
362.500,00

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
3.16 - AgAgevolazioni
evolazioni -- EEsenzioni
senzionie eriduzioni
riduzioni

3.16

Si rinvia ai

due prospetti sinottici riportati nelle ultime due pagine della presente trattazione, che

riepilogano lapplicazione delle imposte di successione, ipotecaria, catastale, della tassa ipotecaria e del
bollo, sulla scorta della normativa attualmente vigente, in presenza delle varie tipologie di agevolazioni.

COEFFICIENTI
da da
applicare
alle
ai fini
finidella
dellavalutazione
valutazione
le Imposte
COEFFICIENTI
applicare
alleRendite
RenditeCatastali
Catastali ai
perper
le Imposte
di di
Registro
v. NOTA
NOTA ),
Donazione,Successione
Successione
ed INVIM
Registro (( v.
), Donazione,
ed INVIM
Immobili : gli immobili concorrono alla formazione dellattivo ereditario in funzione del titolo di propriet, possesso
o diritto reale di godimento.
Piena Propiet: Gli immobili sono imponibili secondo il valore venale in comune commercio (valore di mercato)
alla data di apertura della succesione.
Non sono suscettibili di rettifica di valore i trasferimenti di immobili (esclusi i terreni edificabili) se il valore
dichiarato (art. 34, co. 5, D.Lgs. 346/1990):
a) per i fabbricati iscritti nel Catasto dei fabbricati con attribuzione di rendita, non inferiore alla rendita
catastale rivalutata del 5% (dall1/1/1997 art. 3, co. 48 L. 662/1196) e moltiplicata per i seguenti
coefficienti ( per le categorie di fabbricati si veda a pag. 46 )

per i fabbricati dei gruppi catastali A (unit immobiliari per uso di abitazione o assimilabili), B
(unit immobiliari per uso di alloggio collettivo) e C (unit immobiliari a destinazione ordinaria
commerciale e varie), escluse le categorie A/10 e C/1 : 120 dall 1/8/2004 (art. 1-bis, co. 7, D.L.
168/2004, conv. Con modif. con L. 191/2004); in precedenza il coefficiente era 100 fino al
31/12/2003 e 110 dall1/1/2004 al 31/7/2004.

per i fabbricati della categoria catastale A/10 (uffici e studi privati) e del gruppo catastale D
(opifici ed in genere fabbricati costruiti per attivit industriali o commerciali): 60 dall1/8/2004; in
precedenza il coefficiente era 50 fino al 31/12/2003, elevato a 55 dall1/1/2004 al 31/07/2004;

per i fabbricati della categoria catastale C/1 (negozi e botteghe) e del gruppo catastale E (altre
unit immobiliari : 40 dall 1/8/2004; in precedenza il coefficiente era 34 fino al 31/12/2003,
elevato a 37,4 dall 1/1/2004 al 31/7/2004;

b) per i terreni non edificabili, non inferiore al reddito dominicale rivalutato del 25% (dall1/1/1997 art.
3, co. 51, L. 662/1996 moltiplicato per 90 dall1/8/2004; in precedenza il coefficiente era 75 fino al
31/12/2003 e 82,5 dall1/1/2004 al 31/7/2004.

51
50

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

SUCCESSIONE BASE IMPONIBILE


=
Valori dei beni (relitti dal defunto)
meno
passivit e oneri deducibili
meno
i legati (nel caso di eredit o di quote ereditarie) e gli oneri che gravano i legati
pi
le donazioni fatte in vita dal defunto agli eredi o ai legatari
meno
le franchigie (nei casi in cui spettano)
pi
10% del valore globale netto imponibile a titolo di mobili e gioielli

SOGGETTI
Coniuge
Genitori e figli, anche naturali, i rispettivi ascendenti e discendenti in linea retta,
gli adottati e gli adottanti, gli affiliati e gli affilianti (parenti in linea retta)

52

FRANCHIGIA
1.000.000
1.000.000

Fratelli e Sorelle

100.000

Persona portatrice di handicap, indipendentemente dal grado di parentela

1.500.000

57

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
PROSPETDI
TI DRIEPILOGO
I RIEPILOGO SU
LLA NUONUOVA
VA IMPOSTIMPOSTA
A
PROSPETTI
SULLA

ATTIVO EREDITARIO
E COMPOSTO DA

(Artt. 9 10 11)

Beni mobili ed immobili


Diritti
Gioielli, denaro e mobilia (10% del valore globale netto salvo inventario)
Titoli di qualsiasi specie il cui reddito evidenziato nellultima dichiarazione dei redditi del
defunto
in possesso del defunto
Beni mobili e titoli al portatore di
qualsiasi specie

depositati a suo nome presso altri


non sottoposti a vincolo anteriormente
allapertura della successione

Beni culturali

per i quali stata tentata esportazione non


autorizzata

Per i quali si mutata destinazione senza


autorizzazione

per mancato assolvimento degli obblighi


per consentire lesercizio del diritto di
prelazione dello Stato

58

53

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
ESCLUSIONI DALLATTIVO EREDITARIO
BENI

e DIRITTI

Presuntivamente donati (art. 26 D.P.R. 131 DEL 1986). (vanno inclusi tra le donazioni in vita).
Espropriati per pubblica utilit
Alienati allespropriante nel corso del procedimento di esproprio
Oggetto di produzione e scambio dellimpresa del defunto
Iscritti a nome del defunto in pubblici registri dei quali ha perso la titolarit
ESCLUSIONE COMPROVATA DA :
Provvedimento giurisdizionale
Atto pubblico
Scrittura privata autenticata
Altra scrittura avente data certa anteriore allapertura della successione

ALTRE ESCLUSIONI DALLATTIVO


EREDITARIO

Azioni e Titoli intestati al defunto


alienanti anteriormente allapertura
della successione con :
a) atto pubblico ;
b) scrittura privata autenticata
indennit di cessazione del rapporto di
lavoro (Art. 1751 C.C.)
indennit in caso di morte del
lavoratore (Art. 2122 C.C.)

59

54

LA
-

Provvedimento giurisdizionale
Atto pubblico
DICHIARAZIONE
Scrittura privata autenticata DI SUCCESSIONE
Altra scrittura avente data certa anteriore allapertura della successione

ALTRE ESCLUSIONI DALLATTIVO


EREDITARIO

Azioni e Titoli intestati al defunto


alienanti anteriormente allapertura
della successione con :
a) atto pubblico ;
b) scrittura privata autenticata

indennit di cessazione del rapporto di


lavoro (Art. 1751 C.C.)

indennit in caso di morte del


lavoratore (Art. 2122 C.C.)

indennit spettanti per diretto proprio


agli
eredi
per
assicurazioni
previdenziali obbligatorie e volontarie
del defunto

crediti contestati giudizialmente alla


data di apertura della successione

53

fino alla definizione con provvedimento


giurisdizionale definitivo o con transazione

CREDITI PER RIMBORSO DI IMPOSTE E CONTRIBUTI


VERSO:

Stato

Enti Pubblici Territoriali

Enti Pubblici Gestori di Forme di


Previdenza

Titoli del debito pubblico (BOT e CCT)

Altri titoli
equiparati

di

Stato

Fino a quando siano riconosciuti con


provvedimento della Pubblica
Amministrazione

garantiti

55
-

Veicoli iscritti al pubblico registro


automobilistico (P.R.A)

crediti contestati giudizialmente alla


data di apertura della successione

fino alla definizione con provvedimento


ASPETTI
giurisdizionale
definitivoCIVILISTICI
o con transazione

CREDITI PER RIMBORSO DI IMPOSTE E CONTRIBUTI


VERSO:

Stato

Enti Pubblici Territoriali

Enti Pubblici Gestori di Forme di


Previdenza

Titoli del debito pubblico (BOT e CCT)

Altri titoli
equiparati

Veicoli iscritti al pubblico registro


automobilistico (P.R.A)

di

Stato

Fino a quando siano riconosciuti con


provvedimento della Pubblica
Amministrazione

garantiti

Sottoposti a vincolo anteriormente


allapertura della successione
Conservati e protetti a norma di legge

Beni culturali

LE PASSIVIT (Art. 20)


Debiti esistenti al momento della morte.
Spese mediche: chirurgiche, per ricoveri,
per medicinali, per protesi.

Sostenute negli ultimi 6 mesi di vita e


regolarmente quietanzate.

Spese funerarie.

Fino a 1.032,91 - da regolare fattura.

CONDIZIONI DI DEDUCIBILIT DEI DEBITI (Art. 21)

56

GENERALI
Art. 21 C. 1

Debiti derivanti da:

Atto scritto di data certa anteriore


allapertura della successione.
SPECIFICI

Provvedimento giurisdizionale definitivo.

54

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
CONDIZIONI DI DEDUCIBILIT DEI DEBITI (Art. 21)
GENERALI
Art.

21 C. 1

Debiti derivanti da:

Atto scritto di data certa anteriore


allapertura della successione.

Provvedimento giurisdizionale definitivo.

SPECIFICI
Art.

21 C. 2
Debiti dellimpresa del defunto
Debiti per cambiali
Debiti verso aziende
Debiti verso istituti di credito
Debiti verso lavoratore dipendente
Debiti per trattamento fine rapporto
Debiti per trattamenti previdenziali
Debiti verso lo Stato, enti pubblici
territoriali, enti pubblici di gestione
previdenza sociale, amministrazione
finanziaria
Debiti per alimenti al coniuge separato o
divorziato

Anche se accertati dopo il decesso

61

57

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
DIMOSTRAZIONE DEL PASSIVO (Art. 23- 24)

Debiti in genere.

Originale o copia autentica del titolo, oppure


attestazione conforme al modello approvato
dal Ministero delle Finanze sottoscritta dal
debitore e dal creditore ( firme autenticate )

Debiti da sentenza definitiva.

Originale o copia autentica del


provvedimento.

Debiti dellimpresa del defunto.

Estratto notarile delle scritture contabili


obbligatorie.

Debiti cambiari.

Estratto notarile delle scritture contabili


obbligatorie del trattario e del prenditore.

Debiti verso la Pubblica Amministrazione.

Attestazione della Pubblica


Amministrazione o copia autentica della
quietanza di pagamento.

Debiti verso dipendenti.

Attestazione dellIspettorato Prov.le del


lavoro.

Debiti verso aziende o istituti di credito.

Debiti per spese sostenute dagli eredi negli


ultimi 6 mesi di vita de de cuius

1. Originale o copia autentica del titolo


2. Certificato del creditore:
a) Ammontare totale o parziale del
debito
b) Specificazione di tutti i rapporti
debitori o creditori
c) Garanzie di terzi
d) Svolgimento del c/c bancario dal 12
mese anteriore allapertura della
successione.

Spese mediche
Spese chirurgiche
Spese per ricoveri, medicinali e protesi
Spese funerarie fino a 1.032,91

Tutte dimostrate con regolari quietanze

DEBITI LIMITATAMENTE DEDUCIBILI (Art. 22)


DEBITI LIMITATAMENTE DEDUCIBILI (Art. 22)
Debiti per acquisto di beni, proporzionalmente alla parte residuale rimasta nellattivo ereditario.
Debiti per acquisto di beni, proporzionalmente alla parte residuale rimasta nellattivo ereditario.

DEBITI INDEDUCIBILI (Art. 22)


DEBITI INDEDUCIBILI (Art. 22)
Debiti per acquisto di beni non compresi nellattivo ereditario.
Debiti per acquisto di beni non compresi nellattivo ereditario.
56

58

Debiti di c/c bancario contabilizzati nei 4 giorni precedenti lapertura della successione.
Debiti di c/c bancario contabilizzati nei 4 giorni precedenti lapertura della successione.

VALORE DI BENI E DIRITTI:


( ARTT. 14 15 16 17 18 19 T.U. )

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
BENI IMMOBILI

In piena propriet
da diritti reali di godimento
VALORE DI BENI E Gravati
DIRITTI:

( ARTT. 14 15 16 17 18 19 T.U. )

Valore venale in comune commercio

BENI IMMOBILI
Valore

In piena propriet

della piena propriet meno il valore del


diritto reale

Gravati da diritti reali di godimento

DIRITTO DI USUFRUTTO USO ABITAZIONE

Valore determinato moltiplicando il valore della piena propriet per


il saggio legale di interesse, e per il coefficiente
allet del
Valore dellarelativo
piena propriet
meno il valore del
Valore venale in comune commercio beneficiario
diritto reale
DIRITTO DI USUFRUTTO
ENFITEUSIUSO ABITAZIONE

Valore determinato
moltiplicando
il valore
piena propriet per
Il centuplo
del canone annuo
perdella
coefficiente
il saggio legale di interesse, e ovvero
per il coefficiente relativo allet del
beneficiario
la differenza tra il valore della
piena propriet e la somma dovuta per
laffrancazione , se il risultato maggiore
ENFITEUSI

SEGUE

Il centuplo del canone annuo per coefficiente


ovvero
la differenza tra il valore della piena propriet e la somma dovuta per
laffrancazione
, seBENI
il risultato
maggiore
VALORE DI
E DIRITTI

AZIENDE

Valore dei beni e dei diritti che la compongono


escluso lavviamento
SEGUE

N.B. Considerare leventuale esenzione ex art. 3

VALORE
DI BENI E DIRITTI
NAVI o IMBARCAZIONI e AEROMOBILI
Valore medio del bene della stessa specie nuovo
AZIENDE
meno
Valore dei
benieestato
dei diritti
che la compongono
vetust
di conservazione
escluso lavviamento
N.B. Considerare leventuale esenzione ex art. 3
NAVI

IMBARCAZIONI

AEROMOBILI

Valore medio del bene della stessa specie nuovo


meno
vetust e stato di conservazione

64

59
64

TITOLI

IN BORSA O NEGOZIATI AL MERCATO RISTRETTO


LA
DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

QUOTATI

la media del compenso maggiorata dei dietimi o degli interessi


maturati nel trimestre anteriore allapertura della successione.
media
dei prezzi maggiorata dei dietimi o degli interessi
TlaITOLI
QUOTATI IN BORSA O NEGOZIATI AL MERCATO RISTRETTO
maturati nel trimestre anteriore allapertura della successione
la media del compenso maggiorata dei dietimi o degli interessi
maturati nel trimestre anteriore allapertura della successione.
AZIONI
TITOLIdei
QUOTE
PARTECIPAZIONE
NON QUOTATI
IN BORSA
E
la media
prezzi DImaggiorata
dei dietimi
o degli
interessi
NEGOZIATIanteriore
AL MERCATO
RISTRETTO
maturati nel trimestre
allapertura
della successione

Valore del patrimonio netto risultante dallultimo bilancio o


QUOTE DI PARTECIPAZIONE NON QUOTATI IN BORSA E
in mancanza
NEGOZIATIo AL
MERCATO RISTRETTO
Valore complessivo dei beni e diritti
meno
Valore del patrimonio netto
risultante dallultimo bilancio o
La passivit di cui agli artt. 21 - 22 - 23 ed esclusi i titoli del
inventario
debito pubblico o altriotitoli
dello Stato indicati alle lettere h) e
in mancanza
i) dellart.
12 dei beni e diritti
Valore
complessivo
meno
La passivit di cui agli artt. 21 - 22 - 23 ed esclusi i titoli del
QUOTE
DI SOCIET
AZIONARIE
- SOCIET
debito
pubblico
o altriNON
titoli
dello Stato
indicatiSEMPLICI
alle lettere h) e
SOCIET DI FATTO
i) dellart. 12
inventario
AZIONI
TITOLI

N.B. Considerare leventuale esenzione ex art. 3

- SOCIET SEMPLICI
Valore del patrimonio
netto risultante dallultimo bilancio o
SOCIET DI FATTO
inventario
in mancanza
N.B. Considerareoleventuale
esenzione ex art. 3
Valore complessivo dei beni e diritti
meno
Valore del patrimonio netto
risultante dallultimo bilancio o
La passivit di cui agli artt. 21 - 22 - 23 ed esclusi i titoli del
inventario
debito pubblico o altriotitoli
dello Stato indicati alle lettere h) e
in mancanza
i) dellart.
12 dei beni e diritti
Valore
complessivo
meno
La passivit di cui agli artt. 21 - 22 - 23 ed esclusi i titoli del
debito pubblico o altri titoli dello Stato indicati alle lettere h) e
i) dellart.VALORE
12
DI BENI E DIRITTI
QUOTE DI SOCIET NON AZIONARIE

SEGUE

TITOLI O PARTECIPAZIONI A FONDI COMUNI DINVESTIMENTO

SEGUE
Valore risultante
da pubblicazioni
o prospetti
redatti a norme di legge
VALORE
DI BENI
E DIRITTI
TITOLI ALTRI
O PARTECIPAZIONI
A FONDI COMUNI
INVESTIMENTO
TITOLI O OBBLIGAZIONI
NONDPREVISTI

comparatodaa quello
di titoliosimilari
quotati
inaborsa
o di legge
Valore risultante
pubblicazioni
prospetti
redatti
norme
negoziati al mercato ristretto
o in mancanza
ALTRI TITOLI O OBBLIGAZIONI NON PREVISTI
degli altri elementi certi desumibili dallart. 16
Valore comparato a quello di titoli similari quotati in borsa o
negoziati al mercato ristretto
o in mancanza
degli altri elementi certi desumibili dallart. 16
65

60
65

LA

Valore comparato a quello di titoli similari quotati in borsa o


negoziati al mercato ristretto
o in mancanza
DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
degli altri elementi certi desumibili dallart. 16

RENDITE

PENSIONI

Perpetua o a tempo indeterminato

33,3 volte lannualit

A tempo determinato
Il valore attuale dellannualit calcolato al
saggio legale dinteresse e non superiore a
33,3 volte lannualit

RENDITE O PENSIONI VITALIZIE CON CESSAZIONE ALLA MORTE

Valore determinato dal prodotto dellannualit per il coefficiente


applicabile in relazione allet del beneficiario. D.P.R 131 del 1986
RENDITE O PENSIONI VITALIZIE A FAVORE DI PI PERSONE

Con diritto di accrescimento


in caso di morte di un
beneficiario

Senza
diritto
di
accrescimento in caso di
morte di un beneficiario

Valore dato dal prodotto


dellannualit per il
coefficiente relativo allet
del deceduto

Valore dato dal prodotto


dellannualit
per
il
coefficiente relativo allet
del pi giovane

Valore dato dal prodotto


dellannualit
per
il
coefficiente relativo allet
del meno giovane

Valore dato dal prodotto


dellannualit per il
coefficiente relativo allet
del deceduto

60

61

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
SEGUE

VALORE DI BENI E DIRITTI


CREDITI

Fruttiferi

Infruttiferi scaduti
dopo un anno
dallapertura della
successione

Il valore delle
quote determinato
a norma dellart.
16

Per diritto alla


liquidazione di
quote per:
- Soc. semplici
- S.n.c.
- S.a.s.
- Soc. equiparate

In natura

Il valore delle quote


determinato a norma
dellart. 16

ALTRI BENI

(Non compresi nellart. 9 comma 2 e negli artt. 14, 15, 16, 17, 18)
Valore venale in comune commercio alla data di apertura della
successione

61

62

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
RETTIFICA DICHIARAZIONI
INFEDELT INCOMPLETEZZA

PRIMA

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVE

DICHIARAZIONE

RETTIFICA

GRAVATA

DEGLI INTERESSI

LIQUIDAZIONE

MAGGIORE

DICHIARAZIONE INTEGRATIVA

IMPOSTA

A SEMESTRE COMPIUTO DALLA NOTIFICA DELLA LIQUIDAZIONE


DELLIMPOSTA PRINCIPALE

CONTENUTO
CONTENUTO
RETTIFICA e LIQUIDAZIONE :
RETTIFICA e LIQUIDAZIONE :

beni e diritti non dichiarati


beni e diritti
non
dichiarati
donazioni
non
dichiarate
donazioni
non
dichiarate
indicazione criteri di valutazione
indicazione passivit
criteri di valutazione
indicazione
ed oneri non deducibili
indicazione
passivit
ed oneri
non deducibili
indicazione delle
aliquote
applicate
indicazione
aliquote
applicate
calcolo
delladelle
maggiore
imposta
calcolo della maggiore imposta

67

ACCERTAMENTO E LIQUIDAZIONE DUFFICIO


ACCERTAMENTO E LIQUIDAZIONE DUFFICIO
OMESSA DICHIARAZIONE
OMESSA DICHIARAZIONE

Lufficio procede allaccertamento dellattivo ed alla liquidazione


Lufficio procede
allaccertamento
dellattivo
ed raccolti
alla liquidazione
dellimposta
servendosi
di dati e notizie
comunque
dellimposta servendosi di dati e notizie comunque raccolti
ENTRO 5 ANNI DALLA SCADENZA DEL TERMINE PER LA
ENTROPRESENTAZIONE
5 ANNI DALLA SCADENZA
DEL TERMINE PER LA
DELLA DICHIARAZIONE
PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE

aggiungendovi le sanzioni e gli interessi semestrali dalla scadenza del


aggiungendovi
sanzioni
e gli interessi
semestrali
dalla scadenza del
termine
previstoleper
la presentazione
della
dichiarazione
termine previsto per la presentazione della dichiarazione
CONTENUTO:
CONTENUTO:

generalit eredi e legatari


generalit eredi
descrizione
benieelegatari
diritti
descrizione
e diritti
indicazione beni
dei valori
indicazione criteri
dei valori
indicazione
adottati
indicazione
criteri adottati
indicazione estremi
e valori donazioni anteriori
indicazione delle
estremi
e valori
donazioni anteriori
indicazione
aliquote
applicate
indicazione del
delle
aliquote
applicate e degli interessi
indicazione
calcolo
dellimposta
indicazione del
calcolo
dellimposta
degli interessi
motivazione
della
sanzione
e relativoecalcolo
motivazione della sanzione e relativo calcolo

SANZIONI ( art. 50 e segg. )


SANZIONI ( art. 50 e segg. )
VIOLAZIONI RELATIVE A:
VIOLAZIONI RELATIVE A:

63

indicazione criteri adottati


indicazione estremi e valori donazioni anteriori
indicazione delle aliquote applicate
LA DICHIARAZIONE
indicazione del calcolo dellimposta
e degli interessi
motivazione della sanzione e relativo calcolo

DI SUCCESSIONE

SANZIONI ( art. 50 e segg. )


VIOLAZIONI RELATIVE A:

OMISSIONE DELLA DICHIARAZIONE

DI SUCCESSIONE

SE

DELLA DICHIARAZIONE

DELLA DICHIARAZIONE

SOSTITUTIVA

INTEGRATIVA

DOVUTA IMPOSTA

SE NON DOVUTA IMPOSTA

68

da 120% a 140%
dellimposta liquidata

da

258,23

1.032,91

N. B. CONSIDERATA OMESSA LA DICHIARAZIONE IRREGOLARE NON REGOLARIZZATA


CONSIDERATA
OMESSA
LA DICHIARAZIONE
IRREGOLARE
NON DELL
REGOLARIZZATA
N. B. SESSANTA
UFFICIO. NEI
GIORNI
DALLA
NOTIFICAZIONE
DELLINVITO
SESSANTA GIORNI DALLA NOTIFICAZIONE DELLINVITO DELLUFFICIO.

NEI

NON E PI SANZIONATA , IN TERMINI DI IMPOSTA DI SUCCESSIONE,LA TARDIVA PRESENTAZIONE


NON
E PI SANZIONATA
TERMINI DI IMPOSTA
DI SUCCESSIONE
,LA TARDIVA
PRESENTAZIONE
DELLA
DICHIARAZIONE
; E, IN
SANZIONATO
IL TARDIVO
VERSAMENTO
DEI TRIBUTI
AUOTILQUIIDABILI.
DICHIARAZIONE
; E. SANZIONATO
IL TARDIVO
VERSAMENTO
DEI TRIBUTI AUOTILQUIIDABILI.
(V.DELLA
CASSAZ
. SEZ. TRIBUT
N.11569 DEL
17.05.06
).

(V. CASSAZ. SEZ.

TRIBUT. N.11569 DEL

17.05.06 ).

63

64

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
VIOLAZIONI RELATIVE A:

SEGUE

INFEDELT DELLA DICHIARAZIONE:

delle passivit - in tutto o in parte inesistenti

nei dati ed
liquidazione

elementi

necessari

alla

riguarda anche
coloro che rilasciano la
documentazione mendace

il dichiarato

se laccertamento supera di

SE NON INCIDE SULLA LIQUIDAZIONE

SE DOVUTA LIMPOSTA:

DELLIMPOSTA:

dal 100% al 200%


della differenza dimposta

da .
a .

252,83
1.032,91

VIOLAZIONI RELATIVE A:

OMISSIONE

- INESATTEZZA IRREGOLARIT
degli ALLEGATI :

TARDIVO VERSAMENTO AUTOLIQUIDAZIONE

Imposta ipotecaria
e catastale

Imposta di bollo

Tassa ipotecaria

30% delle imposte autoliquidabili

BENI CULTURALI

Rivendita nel
quinquennio da
parte erede o
legatario

Tentata
esportazione non
autorizzata

Mutamento
destinazione
immobile non
autorizzata

Mancata offerta di
prelazione allo
Stato in caso di
vendita

dal 100% al 200% dellimposta ;


sanzione dovuta anche per lesclusione dalla riduzione ex art. 25, comma 2
SEGUE

VIOLAZIONI RELATIVE A:

70

65

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
SEGUE

VIOLAZIONI RELATIVE A:
DIVIETI E OBBLIGHI DI TERZI

Aziende o istituti di
credito
Societ che emettono
azioni, obbligazioni e
simili

del Detentori beni


del defunto

Debitori
defunto

Impiegati dello Stato


Impiegati enti pubblici
territoriali
Pubblici ufficiali

Annotazione nelle loro


scritture di voltura a nome
degli eredi e legatari

Pagamento
somma agli
eredi o legatari

Consegna beni
agli eredi o
legatari

Compimento di atti relativi


alla successione

dal 100% al 200% dellimposta o della maggiore imposta


relativa ai beni ai quali si riferisce la violazione

ARMADI

CASSEFORTI

BORSE

VALIGIE

PLICHI

aperture senza osservare le modalit di cui allart. 48, comma 6 e 7


da ` 252,83 a ` 2.065,83

VIOLAZIONI RELATIVE A:
COLORO CHE:

Non ottemperano
alla richiesta dello
Ufficio

Dichiarano di non
possedere,
rifiutano di esibire
o sottraggono alla
iscrizione
documenti
o
scritture esistenti
con certezza

Comunicano
dati
incompleti o
infedeli

DA

` 252,83

Non
attestino
esistenza passivit
o ne rifiutino copia
autentica

` 2.065,83

N.B. SANZIONE

RADDOPPIATA IN CASO DI VIOLAZIONI COMMESSE DA IMPIEGATI PUBBLICI,


PUBBLICI UFFICIALI, BANCHE E ISTITUTI DI CREDITO

66

65

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
PARTICOLARIT NELLE
SUCCESSIONI TESTAMENTARIE
A)

DISPOSIZIONI TESTAMENTARIE IMPUGNATE O


MODIFICATE

(ART. 43)

LIMPOSTA SI APPLICA:

Disposto definitivo della


contestazione giudiziale del
testamento

Accordi degli eredi e/o legatari

Disposizioni testamentarie
(anche se contestate
giudizialmente)

(risultanti da atto pubblico o


scrittura privata autenticata)

B)

DISPOSIZIONI TESTAMENTARIE CONDIZIONALI

(ART. 44)

LIMPOSTA SI APPLICA:

CONDIZIONE RISOLUTIVA

CONDIZIONE SOSPENSIVA

erede

aliquote proprie dellerede istituito


Aliquote proprie dellerede subentrante al
verificarsi della condizione

Aliquota propria dei successibili


(compreso erede istituito)

maggiori
proprie
minori
dellerede diverso per avveramento
della condizione

ALIQUOTE DIVERSE:

LEGATARIO

aliquota come se il legato non fosse stato


disposto
aliquota nei confronti del legatario al
verificarsi della condizione

72
67

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE
SEGUE

PARTICOLARIT NELLE
SUCCESSIONI TESTAMENTARIE
C) SOSTITUZIONE FEDECOMMISSARIA
ART.

45 T.U. ART. 692 C.CLIMPOSTA

Nei confronti dellistituito sul valore


dellusufrutto dei beni oggetto della
sostituzione fedecommissaria

D) PRESUNZIONE DI LEGATO ART.

Riconoscimento in
testamento di appartenenza
a terzi di beni mobili o
immobili intestati o in
possesso del de cuius in
mancanza di titolo di
possesso da parte del terzo

68

SI APPLICA:

Nei confronti del sostituito, per decesso


dellistituito, sul valore della piena
propriet detratto il valore dellusufrutto

46

Riconoscimento in
testamento di debiti verso
terzi privi della condizione
prevista dallart. 23

Disposizioni testamentarie
onerose, a carico degli eredi
o legatari, a favore di terzi

73

art.3
D.Lgs.346/1990 ;
artt.1 e 10
D.Lgs.347/1992

art.3
D.Lgs.346/1990 ;
artt.1 e 10
D.Lgs.347/1992

I. + C. +
S.

I. + C. +
S.

Beni devoluti soggetti


esenti

10

Beni devoluti a Enti


Pubblici,Fondazioni,Associ
azioni diversi da punto
I. + C. +
11
precedente, per finalit di
S.
assistenza,studio,istruzion
e,ricerca scientifica

( 1 ) L'importo va moltiplicato per il numero degli Uffici del Territorio interessati alla trascrizione
( 2 ) L'imposta fissa rimane assorbita dall' imposta proporzionale eventualmente presente
( 3 ) Il totale delle imposte fisse ipotecarie e catastali non pu superare il valore fiscale del terreno ( art.14 legge n. 383/2001 )

69

Il totale delle imposte fisse ipotecarie e catastali non pu superare il valore fiscale del terreno ( art.14 legge n. 383/2001 )

(3)

esente

esente

esente

esente

1%

esente

L'importo va moltiplicato per il numero degli Uffici del Territorio interessati alla trascrizione

esente

esente

esente

esente

2%

esente

L'imposta fissa rimane assorbita dall' imposta proporzionale eventualmente presente

esente

esente

esente

esente

esente

esente

1%

esente

esente

esente

168,00

CATAST.

(1)

Enti Pubblici,
Fondazioni,
Associazioni
legalmente
riconosciute

Regioni,Comuni,Provi
nce; ONLUS ,
Fondazioni,
Associazioni aventi
scopo esclusivo di
assistemza.educazion
e, studio,ricerca
scientifica

Stato

discendenti ( e
coniuge dal 1.1.2008 )

eredi/legatari

colt.diretto,imprenditor
e agricolo

2%

168,00

(3)

168,00

(2)(3)

168,00

168,00

IPOTEC.

(2)

art.3
D.Lgs.346/1990 ;
artt.1 e 10
D.Lgs.347/1990
art.3
D.Lgs.346/1990 ;
artt.1 e 10
D.Lgs.347/1991

art. 13 comma 1
D.Lgs. N. 346/1990

art.5bis L.97/1994

Beni devoluti allo Stato

esente

Terreni agricoli
I. + C. +
"compendio unico" in zone
S.
montane

ascend.,discend.,
coniiuge

art. 9 DPR
601/1973 comma 5

I. + C. +
S.

S.

Boschi in terreni montani

dovuta

dovuta

eredi/legatari

eredi/legatari

art. 9 DPR
601/1973 comma 3

Aziende esenti (immobili)

I. + C.

Immobili in comunit
montane inseriti in piani di
sviluppo .

art. 9 DPR
601/1973 comma 2

I. + C.

Fondi rustici in territori


montani

esente

col.diretto
/imprend.agricolo>40
anni;ascend.,discend.
entro 3 gr.

art.14 L.441/1998

S.

I. + C. +
S.

Terreni / Az. Agricole


devoluti a giovani
imprenditori agricoli

dovuta

richiedente ( vale
anche x coeredi)

Beni culturali (vincolo


anteriore a apertura
successione )

I. + C.

Abitazione " prima casa "

art.69 L.342/2000
art.1 Tariffa
D.Lgs.347/90

SUCCESS.

BENEFICIARI

RIF.NTO
NORMATIVO

58,48

esente

esente

58,48

58,48

esente

58,48

esente

esente

esente

35,00

35,00

esente

35,00

35,00

35,00

35,00

35,00

35,00

35,00

35,00

(1)

(1)

58,48

TASSA IPOTEC.

BOLLO

Legenda : I = imposta Ipotecaria ; C = Imposta Catastale ; S = Imposta di Successione

AGEVO
LAZ

TIPOLOGIA

1 - AGEVOLAZIONI

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

S.

S.

S.

Beni culturali (vincolo


posteriore a apertura
successione )

Fondi rustici

Immobili di impresa
artigiana familiare

13

14

15

(1)

coniuge, linea retta


entro 3 grado

riduzione di importo
proporzionale al 40%
del loro valore non
superiore a euro
103.292

riduzione di importo
proporzionale al 40%
del loro valore non
superiore a euro
103.291

art. 25 D.Lgs.346/90 coniuge, parenti entro riduzione di importo


proporzionale al 40%
comma 4 bis
3 grado
del loro valore
complessivo

art. 25 D.Lgs.346/90
comma 4

coniuge,linea retta,
fratelli / sorelle

art. 25 D.Lgs.346/90
comma 3

riduzione di importo
proporzionale al 50%
del loro valore

riduzione inversa pari a


1/10 per anno

eredi / legatari ( sugli


stessi beni della
successione
precedente )
eredi / legatari

SUCCESSIONE

BENEFICIARI

art. 25 D.Lgs.346/90
comma 2

art. 25 D.Lgs.346/90
comma 1

RIF.NTO
NORMATIVO

1%

1%
se benefici ex
art. 3
( v. punto 8 )
= esente
1%
se benefici ex
art. 3
( v. punto 8 )
= esente

2%
se benefici ex
art. 3
( v. punto 8 )
= esente
2%
se benefici ex
art. 3
( v. punto 8 )
= esente

1%

1%

CATAST.

2%

2%

2%

IPOTEC.

N.B. - Ai fini dell' "intestazione tavolare" nei Comuni ove vige il sistema del libro fondiario
non sono mai dovuti l'imposta di bollo n la tassa ipotecaria

L'importo va moltiplicato per il numero degli Uffici del Territorio interessati alla trascrizione

S.

S.

Beni in precedente
successione entro 5 anni

12

Aziende,quote societ di
persone,beni strumentali
16
in Comuni montani >5.000
abitanti

RIDUZI
ONI

70

TIPOLOGIA

2 - RIDUZIONI IMPOSTA DI SUCCESSIONE (ART. 25 D. LGS. 346/1990)

58,48

58,48

58,48

58,48

58,48

(1)

BOLLO

35,00

35,00

35,00

35,00

35,00

TASSA
IPOTEC.
(1)

LA DICHIARAZIONE DI SUCCESSIONE

STAMPA A CURA DI CST- CICCARELLI srl


FIUGGI

Finito di stampare nel mese di febbraio 2012