Sei sulla pagina 1di 17

LA FISICA

DELLA
CHITARRA

Le basi: la chitarra classica


La chitarra uno strumento musicale cordofono che ha origine
dalla chitarra barocca.
Il suono generato dalla vibrazione delle corde
Viene suonato con i polpastrelli, con le unghie o con un plettro
La tastiera consente di accorciare la lunghezza della parte di
corda vibrante e di suonare le note desiderate

Cosa genera il suono: le corde


come onde stazionarie

Le corde della chitarra oscillano come onde stazionarie


Un' onda stazionaria una perturbazione periodica di un mezzo
materiale, le cui oscillazioni sono limitate nello spazio
Nella corda in vibrazione si sovrappongono, punto per punto, due
onde che si propagano lungo la corda in sensi opposti.
Sovrapponendosi, esse possono produrre uninterferenza
distruttiva oppure costruttiva
Londa risultante, non si propaga verso l'uno o l'altro estremo: si
ottenuta unonda stazionaria

Londa fondamentale e le
armoniche

I due estremi essendo


fissi sono nodi
dellonda
La lunghezza della
corda diviene quindi
una misura di quali
onde la corda pu
ospitare
Londa pi lunda
detta la fondamentale.
Le frequenze di
lunghezze donda pi
corte sono tutte
multiple della
fondamentale e sono
chiamate armoniche.

Come la chitarra crea le note


parte 1: le corde
Due fattori sono
costanti durante luso
dello strumento
1) la massa della corda
2) la tensione.

Ogni corda accordata


su una determinata
nota secondo la
accordatura spagnola

1) Le 6 corde hanno diametro differente


2) La tensione delle corde abbastanza
simile.

Una parentesi: le basi della


musica
I suoni sono vibrazioni del mezzo in cui si
propagano
Nel caso dellaria tali vibrazioni sono solo
longitudinali, ovvero corrispondono a
compressioni e distensioni ripetute dellaria.
Se tali movimenti hanno unevoluzione
temporale di forma sinusoidale allora per quel
suono definita la sua frequenza,
corrispondente alla frequenza della vibrazione
Le note, i costituenti fondamentali della musica,
sono i suoni corrispondenti a ben determinate
frequenze piacevoli allorecchio umano

Con il susseguirsi dei secoli le varie culture hanno costruito


diverse scale musicali (successione si note comprese in
unottava) a seconda delle diverse esigenze espressive e di
accordatura degli strumenti:

La scala pitagorica (Pitagora, VI secolo a.C.):

La scala cromatica (Medioevo):

La scala naturale (Gioseffo Zarlino, 1558):

Il temperamento equabile (Simone Stevino, XVI-XVII


d.C.)
Ottava divisa in dodici semitoni uguali

Come la chitarra genera le note


parte 2: la tastiera
Per creare le note sulla
chitarra si accorcia la
lunghezza della parte
oscillante della corda
II chitarrista preme la corda
tra due tasti in modo che essa
appoggi sul tasto successivo

Con quale criterio il liutaio che costruisce la


chitarra stabilisce a quali distanze porre i
tasti?

Dalla chitarra classica alla


chitarra elettrica
La necessit di amplificare la chitarra
divenne apparente durante lepoca delle
jazz band, particolarmente quando la
chitarra doveva competere con grandi
sessioni di ottoni
La prima chitarra elettrica fu per

inventata da George Beauchamp nel


1931.
La produzione commerciale fu
avviata nella tarda estate del 1932
dalla Ro-Pat-In Corporation, una
societ fondata da Adolph
Rickenbacker. Era la cosiddetta
Frying Pan

Unevoluzione graduale

I pickup

I pickup sono formati da magneti


permanenti di AlNiCo avvolti da
alcune migliaia di avvolgimenti di
sottile filo di rame smaltato
Le corde tese sopra ai magneti
sono di acciaio e nickel, quindi di
un materiale paramagnetico

Single coil vs. humbucker


I pickup single coil si comportano anche come
unantenna captando anche linterferenza
elettromagnetica generata dai cavi elettrici di
rete
Per ovviare a ci Raymond J. Butts realizzo un
pickup formato da due single coil collegati in
serie
Nel secondo gli avvolgimenti sono realizzati in
senso opposto e il nord e il sud dei magneti sono
scambiati
Il rumore di rete induce una corrente in entrambi
gli avvolgimenti di pari intensit. Siccome gli
avvolgimenti sono realizzati al contrario, le due
onde del segnale dellinterferenza risultano
uguali e in antifase, cancellandosi a vicenda.