Sei sulla pagina 1di 31

IMPIANTI

ELETTRICI

CORRENTE ELETTRICA
La corrente alternata caratterizzata da cariche
elettriche in moto variabile nel tempo sia in
intensit che in direzione.
Normalmente la corrente elettrica viene distribuita
sotto forma di corrente alternata a frequenza
costante di 50 Hz (il + e il - si alternano nei
conduttori ogni cinquantesimo di secondo).
Si utilizza corrente alternata perch i generatori,
per convenienza economica e semplicit
costruttiva, producono con maggiore facilit
corrente alternata.
2

Di particolare interesse il fatto che la


distribuzione in corrente alternata pi
efficiente (minore perdita di potenza lungo la
linea) della corrente continua per le
trasmissioni di potenza elevata.
La trasmissione di corrente alternata di tipo
trifase particolarmente efficiente ed quindi
la pi utilizzata date le minori dispersioni per
effetto Joule (occorrono quindi sezioni di
conduttore inferiori, cio fili pi piccoli).

SISTEMA TRIFASE
Per sistema trifase si intende un particolare
sistema di produzione, distribuzione e utilizzo
dellenergia elettrica basato su tre tensioni
elettriche alternate, aventi la stessa frequenza e
la stessa differenza di fase.
Un generatore trifase quindi assimilabile a tre
generatori singoli di corrente alternata di uguale
frequenza ma con fasi traslate o sfasate di 120.
Se i tre generatori del sistema trifase fossero
fisicamente separati tra loro, ognuno di essi
dovrebbe essere dotato di una propria linea
composta da 2 conduttori: in totale sarebbero
necessari 6 cavi elettrici (1 fase+1 neutro).
4

Nel sistema trifase i 3 generatori sono sincronizzati


e sfasati come gi detto di 120. Di conseguenza la
somma algebrica delle correnti circolanti istante
per istante in uno dei due fili di ciascuna linea
nulla.
Se questi tre fili vengono collegati assieme in un
unico conduttore, su di esso non si ha circolazione
di corrente e pu essere eliminato.
E cos possibile trasportare la stessa quantit di
energia elettrica utilizzando tre fili al posto di sei.
Il sistema di distribuzione trifase si compone
quindi di tre fili di linea a cui si aggiunge spesso
un ulteriore filo di neutro che ovviamente potrebbe
anche mancare.
5

La tensione presente tra ciascun filo di linea ed


il neutro chiamata tensione di fase E (o
stellata).
Nel sistema elettrico europeo la tensione di fase
fissata pari a 230 V e la frequenza pari a 50 Hz.
La tensione presente tra due diversi fili di linea
chiamata tensione di linea V (o concatenata).
Si dimostra che
V = (3)0.5 E
Nel sistema elettrico europeo la tensione di
linea quindi pari a 400 V.
La tensione nominale di un impianto trifase
sempre quella di linea.
In un impianto monofase la tensione nominale
ovviamente quella di fase.
6

Utenze monofase
Nelle abitazioni domestiche arrivano solamente due
fili: una fase ed il neutro (la tensione nominale lineaneutro pari a 230 V).
Una singola fase sufficiente in quanto, non
essendo presenti carichi elevati, la potenza
impegnata limitata a pochi kW (in genere 3).
Le forniture agli utenti monofase sono distribuite tra
le tre fasi di un sistema trifase (uscente da una
cabina elettrica di trasformazione) in modo da
equilibrare statisticamente gli assorbimenti ed
ottimizzarne il trasporto.

INTERRUTTORE MAGNETOTERMICO
L'interruttore magnetotermico, detto anche
interruttore automatico, un dispositivo
elettrotecnico in grado di interrompere un
circuito in caso di cortocircuito o in caso di
sovracorrente.
Deriva il suo nome dal fatto che esibisce un
funzionamento diverso nell'interruzione da
cortocircuito (meccanismo di tipo magnetico)
rispetto all'interruzione da sovracorrente
(meccanismo di tipo termico).

Interruttore unipolare

Interruttore bipolare

Interruttori magnetotermici
9

Protezione dal cortocircuito


Questo tipo di guasto si verifica quando due cavi
conduttori a differente potenziale entrano in diretto
contatto tra loro, provocando un elevatissimo ed
istantaneo flusso di corrente.
La rilevazione di questo evento avviene per mezzo
di un solenoide avvolto su una barra magnetica.
L'elevato impulso di corrente induce un campo
magnetico che attira unancorina la quale provoca
l'apertura dell'interruttore.
Lintervento pertanto quasi istantaneo ed evita
sollecitazioni termiche e meccaniche, dovute
all'elevata corrente di corto circuito, dannose per
le condutture e le apparecchiature elettriche.
10

Protezione del sovraccarico


Questo tipo di guasto si verifica quando l'intensit
di corrente supera un valore prefissato a causa per
esempio di troppi carichi elettrici contemporanei.
Il limite di corrente determinato dalle modalit
costruttive dell'impianto e in particolare dalla
capacit dei conduttori di smaltire il calore
prodotto per effetto Joule.
La rilevazione avviene per mezzo di una
"resistenza elettrica" costituita ad una lamina
bimetallica che a causa della differente dilatazione
termica di due metalli accoppiati provoca lo scatto
dell'interruttore.
Lintervento non istantaneo ma dipende dalla
entit del superamento del valore di soglia.
11

Magnetotermico (limitatore)
fornito da ENEL per usi domestici
12

INTERRUTTORE DIFFERENZIALE
L'interruttore differenziale un dispositivo
elettrotecnico in grado di interrompere un
circuito in caso di guasto verso terra
(dispersione elettrica) o folgorazione faseterra.
Calcola costantemente la somma vettoriale
delle correnti di linea sia nel sistema
monofase o trifase; finch la somma pari a
zero, permette lalimentazione elettrica delle
utenze, interrompendola rapidamente se la
somma si discosta da un valore prestabilito
in funzione della sensibilit del dispositivo.
13

L'interruttore differenziale non offre tuttavia


alcuna protezione contro sovraccorente o
cortocircuito tra fase e fase o tra fase e
neutro, per i quali invece richiesto un
interruttore magnetotermico.
Per legge in Italia, negli impianti civili, deve
essere installato sempre almeno un
interruttore differenziale per far fronte a
problemi di dispersione elettrica e quindi a
rischi di folgorazione.

14

tipo monofase

modulo per
magnetotermico trifase

Interruttori differenziali
15

Schema di principio di un differenziale.


In rosso indicata una dispersione

16

la leva del differenziale bianca e al


centro
le leve magnetotermiche sono nere a
sinistra
il tasto per il test di funzionamento il
pulsante bianco a destra

Interruttore monofase differenziale-magnetotermico

17

COLORE CAVI CONDUTTORI


La norma CEI 16-4 / EN 60446 (Individuazione dei
conduttori tramite colori o codici numerici)
stabilisce per i fili elettrici degli impianti trifase,
normalmente applicata anche agli impianti
monofase, un preciso codice colore:
- conduttore di fase: nero o grigio o marrone
- neutro: blu (o azzurro)
- terra: giallo/verde
Il conduttore giallo/verde non deve mai essere
utilizzato come conduttore di fase o come neutro.
18

MESSA A TERRA
Messa a terra l'insieme di azioni e sistemi volti a
portare un elemento metallico allo stesso
potenziale elettrico del terreno.
Si possono creare situazioni di pericolo quando
parti dell'impianto elettrico che normalmente non
sono in tensione, come le carcasse degli
elettrodomestici, a seguito di guasti o imprevisti
acquisiscono una differenza di potenziale rispetto
al terreno.
La messa a terra mira a proteggere le persone dal
rischio di folgorazione.

19

Consiste essenzialmente di un sistema di


conduttori (PE) collegati ad uno o pi dispersori
inseriti nel terreno (ad es. picchetti metallici).
Lo scopo della messa a terra quindi assicurare
che le masse degli elettrodomestici siano allo
stesso potenziale del terreno.
La messa a terra, inoltre, facilita lintervento
automatico dellinterruttore differenziale.
La messa a terra di protezione non interessa solo
limpianto elettrico, ma tutti gli altri impianti e
parti metalliche delledificio, dalle tubazioni,
allimpianto idraulico, dalle travi allimpianto di
riscaldamento e cos via, in modo che tutto lo
stabile risulti messo in sicurezza.
20

DISPOSITIVI DI COMANDO
Interruttore
Dispositivo in grado di interrompere la continuit
elettrica di un solo conduttore (interruttore monofase) o
di entrambi i conduttori (interruttore bipolare).

Deviatore
Dispositivo in grado di deviare la corrente elettrica su
due conduttori diversi al fine di consentire laccensione
e lo spegnimento da due punti diversi.

Invertitore
Dispositivo in grado di deviare e invertire la corrente
elettrica su due conduttori diversi al fine di consentire
laccensione e lo spegnimento da tre o pi punti diversi.
E sempre necessario impiegare due deviatori ed un o
pi invertitori; i deviatori vanno posti nel circuito in
posizione definibile di testa mentre gli invertitori
vanno inseriti nel mezzo.
21

22

23

24

Presa singola 10-16A

Presa singola 10-16A


tipo Schuko
25

Esempio dotazioni elettriche appartamento

26

Impianto elettrico nei locali bagno e doccia

Zone di pericolosit

27

Zona 0
Corrisponde al volume interno alla vasca da bagno o al piatto
doccia.

Zona 1
E il volume delimitato dalla superficie che si estende in
verticale dalla vasca da bagno o dal piatto doccia fino ad un
piano orizzontale situato a 2,25 m dal pavimento.
Se manca il piatto doccia manca pure la zona 0. In questo caso
il solido che delimita la zona 1 un cilindro di 0,6 m di raggio
con il centro nel soffione della doccia che si sviluppa in
verticale verso il basso sotto il soffione.
Se il fondo della vasca o del piatto doccia si trova oltre 0,15 m
al di sopra del pavimento, laltezza di 2,25 m computata a
partire da questo fondo. In tal caso laa zona 1 si estende anche
al di sotto della vasca o del piatto doccia.

28

Zona 2
E il volume circostante alla zona 1 che si sviluppa in
verticale, parallelamente e ad una distanza in orizzontale
dalla zona 1 di 0,6 m, fino ad un'altezza di 2,25 m dal piano
del pavimento.

Zona 3
E il volume delimitato dalla superficie verticale che si
sviluppa in orizzontale di fianco alla zona 2 per 2,4 m ed in
verticale fino ad un'altezza dal piano del pavimento di 2,25 m.
La presenza di pareti e ripari fissi permette in alcuni casi di
ridurre i limiti indicati.

Nei locali bagno e doccia le condutture metalliche


dell'acqua calda e fredda, del gas, degli scarichi, dei
caloriferi, ecc. devono essere collegate a terra.

29

Zona 0
E vietata l'installazione di qualsiasi componente elettrico,
anche se a bassissima tensione di sicurezza.

Zone 1 e 2
Sono vietati i normali dispositivi di comando (interruttori,
pulsanti, ecc,) e prese a spina.
Son ammessi scaldacqua e vasche idromassaggi purch
stagni (grado di protezione IPX4 o superiore).
Nella zona sono ammesse alcune tipologie di prese a
spina e apparecchi illuminanti con idonei sistemi di
protezione.

Zona 3
Sono ammessi i normali dispositivi di comando
(interruttori, pulsanti, ecc,), le usuali prese a spina e tutte le
tipologie di apparecchi elettrici. Il grado di protezione
richiesto IPX1 o superiore.
30

Schema impianto elettrico secondo le zone


31