Sei sulla pagina 1di 44

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

SPECIALE PER LOTTANTESIMO ANNIVERSARIO

3
4
8
12
16
20
24
28
32
36
40
44

Editoriale
Ottanta anni quali sono le implicazioni?
Un popolo che si prepara
Ges sta per tornare siamo pronti per
incontrarLo in pace?
Un popolo rimanente
Coloro che alla fine rimarranno fedeli avranno
una fede unita nella presente verit
Un popolo devoto
La vera devozione una continua vita di
amorevole dedizione
Un popolo peculiare
Che privilegio meraviglioso!
Un popolo missionario
Lo zelo per la gloria di Dio ispirer unopera in
favore degli altri.
Un popolo sano
Il pieno ristabilimento include tutte le facolt
spirituali, mentali e fisiche
Un popolo che dona
Coloro che riflettono limmagine di Cristo
saranno generosi come lo era Lui.
Un popolo suggellato
Unimpermeabile suggello di protezione
protegge i credenti cos stabiliti nella fede che
essi non possono essere smossi dal male che li
circonda
Un popolo ripieno dello Spirito
Lo Spirito Santo un elemento chiave in tutto
questo quadro
Un popolo trionfante
La pi grande vittoria che gli esseri umani
ottengono avviene attraverso la potenza di Dio

UN MEMORIALE E
UNA PROMESSA
Se guardiamo indietro agli ottanta anni durante i quali Dio
ha chiamato il Movimento di Riforma degli Avventisti del
Settimo giorno a sostenere i sacri principi della verit presente,
vediamo un miracolo della Sua grazia. Lotte, difficolt e sacrifici
per la Sua causa sono quotidianamente bagnati dalle benedizioni
della misericordia provvidenziale e dalla protezione divina. Con
profonda solennit e vivendo come noi stiamo vivendo negli
ultimi giorni della storia di questa terra, con la Sua forza noi
continuiamo a prendere la nostra posizione sulla solida
piattaforma dei comandamenti di Dio e della fede di Ges.
Questa straordinaria settimana di preghiera e di consacrazione
a met anno stata messa da parte in modo speciale come un
momento per considerare attentamente come il Signore ci ha
guidati fino a qui, ma pi importante, per considerare quali sono
le Sue intenzioni per il nostro futuro. Il nostro bisogno grande
e i credenti nel mondo sono incoraggiati a radunarsi per queste
letture e a ricordarsi anche delle anime isolate. Riflettiamo con
preghiera su ciascun argomento, conoscendo il tempo nel quale
siamo; poich ora ormai che vi svegliate dal sonno; perch la
salvezza ci adesso pi vicina di quanto credemmo (Romani
13:11). La verit deve essere praticata al fine di essere una
potenza nel mondo. Quando la verit dimora nel cuore,
lesperienza quotidiana una rivelazione del potere controllante
della grazia di Cristo. Non tenete mai la verit nella corte esterna;
che lo Spirito Santo la incida nellanima. (This Day With God,
p. 70)
Ricordiamoci dellultimo Sabato, il 25 giugno, come un
giorno speciale di preghiera con digiuno in favore della nostra
posizione come popolo unito davanti al santo Dio. Si raccomanda
a tutti coloro che sono in grado e si sentono di digiunare di
partecipare. La domenica 26 giugno, sar raccolta unofferta
per promuovere le nuove missioni in tutto il mondo. Possa il
nostro misericordioso Signore udire e rispondere alle nostre
preghiere e imbeverci della necessaria potenza per uscire con
purezza, energia e immacolata integrit come un spettacolo al
mondo (1 Corinti 4:9) il Suo popolo fedele in spirito e in
verit!

La formazione del gregge


Un poema

AVVENTISTI DEL SETTIMO GIORNO


MOVIMENTO DI RIFORMA,
5241 Hollins Road, P.O. Box 7240, Roanoke, 24019
Virginia, U. S. A.

17-26 GIUGNO 2005

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

Per lItalia:
Strada Villafranca 5, Bricco Martino - 14016 Tigliole dAsti (At).
Per corrispondenza: Casella Postale 105, 16043 Chiavari (Ge)
E-Mail: italy@sdarm.org

EDITORIALE

OTT
ANT
A ANNI
OTTANT
ANTA

li Avventisti del Settimo giorno,


avendo la base profetica in
Daniele 8:14, si associarono nel
1860 quando scelsero il loro nome e si
impegnarono
di
osservare
i
comandamenti di Dio e la fede di Ges.
Alcuni anni pi tardi, nel 1863, essi si
organizzarono come Conferenza
Generale.
In un opuscolo scritto nel 1897
intitolato, Metodi di lavoro,
lIspirazione dichiara, alcuni che
portano ora il messaggio della verit
lasceranno cadere la bandiera dalle loro
mani, la trascineranno nella polvere e poi
la calpesteranno sotto i loro piedi. Alcuni
che ora sono nelle tenebre dellerrore
riceveranno la verit e saranno convertiti
e innalzeranno la bandiera dalle mani di
coloro che la sostengono ora.1
Le promesse di Dio, che sono date
alla condizione di ubbidienza, sono per
coloro che camminano nella luce della
Sua santa parola. Coloro che fanno la Sua
volont possono chiedere tutti i benefici
che il Signore ha promesso. Gli
ubbidienti non gridino semplicemente,
credete, tutto quello che dovete fare
credere in Cristo; ma la loro fede come
quella di No e di Abramo, che li
condusse ad osservare i comandamenti.
2

Oh, che triste quadro! Coloro che


non si sottomettono allinfluenza dello
Spirito Santo presto perderanno le
benedizioni
ricevute
quando
riconoscevano la verit come
proveniente dal cielo. Essi cadono in una
fredda e fiacca formalit; perdono il loro
interesse per le anime che stanno
morendo: essi hanno abbandonato il
loro primo amore. Cristo dice a loro,
ricordati dunque donde sei caduto, e
ravvediti, e fai le opere di prima, se no,
verr a te e rimover il tuo candelabro
dal suo posto, se tu non ti ravvedi.

(Apocalisse 2:5). Egli prender il Suo


Spirito Santo dalla chiesa e lo dar agli
altri che Lo apprezzeranno. 3
Nel 1888 iniziarono un ravvivamento
e una riforma spirituali e, alla fine,
affinch la bandiera della verit i
comandamenti di Dio e la fede di Ges
potesse continuare ad essere innalzata,
la prima sessione della delegazione della
Conferenza Generale degli Avventisti del
Settimo Giorno Movimento di Riforma
fu tenuta a Gotha, in Germania, dal 14 al
20 luglio del 1925. Oggi sono 80 anni da
quando questo corpo si organizzato.
Eppure proprio questi 80 anni sono gi
esattamente la somma doppia del tempo
che gli Israeliti trascorsero vagando nel
deserto. In questa circostanza noi
abbiamo bisogno di considerare
seriamente lattivit del Signore e il
nostro dovere davanti a Lui.
Dio ha affidato a noi come popolo
unopera che deve essere compiuta sulla
terra. Stiamo adempiendo questo scopo
con fedelt? A quali condizioni possiamo
veramente rivendicare quelle speciali
promesse concesse alla pupilla
dellocchio Suo (Deuteronomio 32:10),
mentre il tempo della prova si avvicina
presto alla conclusione? Noi dobbiamo
proclamare il messaggio del terzo angelo
e dobbiamo dirigere la mente della gente
al santuario celeste, dove Cristo entrato
per fare lespiazione per il Suo popolo. Il
messaggio del Sabato deve essere
proclamato con una voce forte, affinch
tutti gli abitanti della terra possano
ricevere lavvertimento. Noi dobbiamo
purificare le nostre anime attraverso la
completa arresa a Cristo e la totale
ubbidienza alla verit.
Se gli Avventisti, dopo la grande
delusione del 1844, fossero rimasti fermi
nella loro fede e uniti sui comandamenti
di Dio e la fede di Ges, Cristo sarebbe
venuto per riceverli.

Non era la volont di Dio che la


venuta di Cristo fosse cos ritardata. Dio
non progett che il Suo popolo vagasse
per quaranta anni nel deserto. Egli
promise di condurli direttamente nella
terra di Canaan. Per, a causa delle loro
azioni di incredulit, dei mormorii e delle
loro azioni ribelli e del loro odio, Egli
non pot adempiere il Suo patto con loro
e fu costretto ad escludere la maggioranza
dalla Terra Promessa. Similmente,
lincredulit, la mondanit, le lotte e la
mancanza di consacrazione che ritardano
lentrata del moderno Israele nella
Canaan celeste.4
Se continuiamo in questa maniera, a
causa della nostra disubbidienza,
dovremo aggirarci qui per molti altri anni
e, come i nostri predecessori, rischiamo
la rimozione del candelabro. Al contrario,
noi dovremmo affrettare il ritorno del
nostro Signore diffondendo il Vangelo
al mondo e rappresentando Cristo nella
nostra vita. E nostro privilegio non solo
aspettare, ma anche affrettare la venuta
del nostro Signore Ges Cristo. Cari
fratelli e sorelle, giunto il tempo di
riconsacrare la nostra vita a Dio. Per
questo motivo abbiamo bisogno di
questa settimana di preghiera speciale.
Noi abbiamo bisogno in questi dieci
giorni di consacrazione di una profonda
investigazione del cuore, affinch il
Signore possa concederci una pi forte
dedizione per lamore pi grande per Lui
e per il prossimo amore che brilla come
nei raggi pi splendenti del trono di
gloria. Approfittiamo, pertanto, con
labbondante grazia di Dio, di questa
preziosa opportunit!
Riferimenti
1
2
3

Special Testimonies, Serie A, N. 7, p. 18.


The Signs of the Times, 31 marzo 1890.
The Review and Herald, 16 luglio
1895.
Vedi Il gran conflitto, p. 358.
La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005
La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

33

VENERD, 17 GIUGNO

UN POPOLO CHE SI PREP


ARA
PREPARA
B. JAKSIC SCRITTO DALLAUSTRALIA

noi Dio manda lo stesso


messaggio che ha inviato
allIsraele
dellantico:
preparati ad incontrare il tuo Dio
(Amos 4:12). In queste sei parole noi
abbiamo uno dei messaggi pi
importanti di tutta la Bibbia per il
popolo di Dio. Queste parole
contengono una grandiosa sfida e il
nostro destino eterno dipende dal nostro
atteggiamento verso questa sfida.
Incontrare il tuo Dio
La seconda venuta del Signore
stata la speranza del popolo di Dio per
tutti i secoli ed la speranza del popolo
di Dio oggi. Esso crede nella Sua venuta
perch la sua fede fondata sulla Parola
di Dio, la quale ci dice che la Sua
seconda venuta certa come lo era il
Suo primo avvento.
Una delle pi solenni e gloriose
verit della Bibbia quella del secondo
avvento del Cristo per il compimento
della grande opera di redenzione. Per
il popolo di Dio, pellegrino in questa
valle dellombra della morte, la
promessa del ritorno di colui che la
risurrezione e la vita e che ricondurr
i redenti alla casa del Padre, costituisce
una speranza meravigliosa. La dottrina
del secondo avvento, infatti, rappresenta
la nota dominante delle Sacre Scritture.
Dal giorno in cui la prima coppia, piena
di amarezza, lasci il giardino
dellEden, i credenti hanno atteso
larrivo di colui che veniva per
sconfiggere le potenze del male e
ricondurli nel paradiso perduto.

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

Nellantichit i santi uomini di Dio


consideravano latteso evento del Messia
in gloria come la piena realizzazione
delle loro speranze. Enoc, settimo
discendente di Adamo, che per trecento
anni aveva camminato con Dio,
immaginando la venuta del Liberatore,
dichiar: Ecco, il Signore venuto
con le sue sante miriadi per far giudicio
contro tutti, e per convincere tutti gli
empi di tutte le opere dempiet che
hanno empiamente commesse, e di tutti
gli insulti che gli empi peccatori hanno
proferiti contro di lui (Giuda 14,15).
Il patriarca Giobbe, al culmine della
sofferenza, esclam: io so che il mio
Redentore vive, e che nellultimo
giorno egli si lever sopra la
polverevedr con la carne mia
Iddiogli occhi miei lo vedranno, e
non un altro (Giobbe 19:25-27
Diodati).1
Cristo stesso insegn chiaramente e
in modo preciso che Egli sarebbe
ritornato. Prima della Sua ascensione
al Suo Padre celeste Egli lasci ai Suoi
discepoli e a noi questo messaggio pieno
di speranza: torner (Giovanni 14:13). Egli non deluder il Suo popolo.
Egli vuole che noi siamo preparati per
questo grande e glorioso avvenimento.
Pertanto Egli dice, preparati ad
incontrare il tuo Dio.
Una preparazione spirituale
con tutto il cuore
La nostra preparazione per quel
glorioso avvenimento deve andare pi
a fondo del semplice formalismo o della

esibizione esteriore. Coloro che sperano


di vivere in eterno con Cristo devono
sviluppare in questa vita, prima che il
tempo della prova finisca, quegli
attributi che furono esibiti nella vita di
Cristo mentre Egli era sulla terra. La
Sua vita era una rivelazione del carattere
di Dio. Se noi speriamo di essere simili
a Lui quando Egli apparir, dobbiamo
essere simili a Lui nel nostro carattere
e nella nostra vita quotidiana.
Una preparazione completa da parte
nostra toccher le realt quotidiane della
nostra vita. La preparazione implica pi
che chiamarci popolo di Dio. Significa
pi che avere i nostri nomi nei registri
della chiesa. Prepararsi per la seconda
venuta significa pi che mostrare una
faccia pia. Significa pi che conoscere
la verit ed essere in grado di
difenderla.
Essere preparati per incontrare il
Signore significa avere limmagine di
Dio ristabilita nellanima. Significa
vivere tutte quelle verit fondamentali
che sono cos vitali per la nostra
salvezza. Prepararsi significa ottenere
la vittoria su ogni peccato conosciuto.
Dio non chiede limpossibile quando
dice, siate pronti. Il popolo di Dio,
con la Sua meravigliosa grazia, pu
essere spiritualmente pronto senza
macchia, senza ruga e irreprensibile
(Efesi 5:27).
Professare Cristo
E un tragico fatto che molti cristiani
professano Cristo con la loro bocca ma
Lo rinnegano con la loro vita. Il

messaggio che noi insegniamo ha poco


valore se non lo pratichiamo nella nostra
vita quotidiana. La nostra vita sar
mancante se le nostre preghiere hanno
forma ma non fede, se vediamo i nostri
sbagli e non li correggiamo, se
professiamo la religione di Cristo e non
freniamo la lingua. Poich tutti
falliamo in molte cose. Se uno non falla
nel parlare, esso un uomo perfetto,
capace di tenere a freno anche tutto il
corpo (Giacomo 3:2).
Le nostre parole hanno uninfluenza
sugli altri. Pochi si rendono conto
dellimportanza di ci che dicono. E
cos facile lasciar le parole uscire e poi
scoprire pi tardi quanto danno stato
fatto. La nostra vita e le nostre parole
sono inseparabili. La favella uno dei
pi grandi doni che Dio ci ha concesso.
Salomone attraverso lispirazione dello
Spirito Santo scrisse: morte e vita sono
in potere della lingua (Proverbi 18:21).
Dio ci invita a svegliarci, poich
la fine vicina. Ogni ora che passa
unora di attivit nelle corti celesti per
preparare un popolo sulla terra a
svolgere una parte nelle grandi scene
che presto si apriranno su di noi. Questi
momenti che passano, che sembrano di
cos poco valore per noi, sono carichi
di interessi eterni. Esse modellano il
destino delle anime per la vita eterna o
per la morte eterna. Le parole che noi
pronunciamo oggi alle orecchie della
gente, le opere che stiamo facendo, lo
spirito del messaggio che stiamo
portando, saranno una sapore di vita a
vita o di morte a morte. 2
Preparazione significa
trasformazione del carattere
La Parola di Dio descrive i nostri
caratteri come un abito lordato (Isaia
64:6). E impossibile costruire un
carattere simile a quello di Cristo se non
siamo disposti ad arrenderci
completamente alloperazione dello
Spirito Santo sul nostro cuore. Il nostro
carattere pu essere trasformato
solamente attraverso la grazia di Dio.
E il lievito della verit eterna di Dio
che opera segretamente, silenziosamente
e fermamente per trasformare lanima.
Un carattere simile a quello di Cristo
non ereditato; noi non possiamo
ottenere la perfezione del carattere

appoggiandoci ai nostri propri sforzi.


E solamente attraverso i meriti e la
potenza di Cristo che possiamo
raggiungere la perfezione del carattere
cristiano. Tuttavia, dobbiamo
impossessarci della forza che ci viene
offerta. Il Signore dichiara, A meno
che non mi si prenda per rifugio, che
non si faccia la pace meco, che non si
faccia la pace meco (Isaia 27:5).
Chiunque pu riuscire a ottenere,
nella propria sfera, la perfezione del
carattere cristiano. Per mezzo del
sacrificio di Cristo stato provveduto
a quei mezzi spirituali che occorrono
al credente per santificare la sua vita.
Dio ci chiama a raggiungere lideale
della perfezione e ci pone davanti
lesempio del carattere di Cristo. Nella
sua umanit, resa perfetta da una vita
di costante resistenza al male, il
Salvatore mostr che mediante la
cooperazione con la Divinit, gli esseri
umani possono ottenere in questa vita
la perfezione di carattere. Questa la
certezza dataci da Dio e cio che noi
pure possiamo ottenere una completa
vittoria. 3
Arresa della volont
Una delle pi grandi battaglie
combattute dentro il cuore umano la
completa arresa alla volont del
Signore. La trasformazione del nostro
carattere inizia quando possiamo dire,
come disse Cristo nel giardino del
Getsemane, non la mia, ma la Tua
volont sia fatta. Sebbene questa arresa
richiede una vera lotta da parte nostra,
si deve sempre ricordare che la vittoria
viene solamente dopo che ci
arrendiamo. Nessuno ha mai rinunciato
di pi di quello che ha rinunciato Cristo.
Egli fece tutto per noi. Quanto disposti
dovremmo allora essere di arrenderci a
Lui. Questa arresa si ottiene attraverso
una costante e intima comunione con
Dio attraverso la preghiera e la ricerca
della Sua volont.
La vita cristiana una marcia e un
combattimento; ma non la potenza
umana che pu rendere vittoriosi.
Questa lotta la pi grande che luomo
deve sostenere si svolge nel cuore ed
ha lo scopo di sottomettere lindividuo
alla volont di Dio e alla sovranit del
suo amore. Lamore natura, nata da

sangue e da volont carnale, non pu


eredare il regno di Dio; egli deve
abbandonare le sue tendenze naturali e
le vecchie abitudini.
Chi ha deciso di entrare in questo
regno spirituale presto si render conto
che le forze e le passioni della sua natura
decaduta, mosse dalle potenze delle
tenebre, sono in lotta con lui. Legoismo
e lorgoglio si sollevano contro quello
che mostrerebbe loro il peccato. Con le
nostre sole forze non possiamo vincere
i cattivi desideri e abitudini che tentano
di regnare su noi n riusciamo a vincere
il nemico potente che ci tiene in servit.
Soltanto Dio pu darci la vittoria. Egli
vuole che siamo padroni di noi stessi,
della nostra volont, dei nostri sensi;
ma non pu operare in noi senza il
nostro consenso e la nostra
collaborazione. Lo Spirito divino agisce
tramite le facolt e le energie donate
alluomo, perci tutte le nostre forze
devono collaborare con Dio.
La vittoria non si ottiene senza la
preghiera costante e sincera, senza
umilt e senza diffidare di se stessi. La
nostra volont non devessere costretta
a collaborare con gli agenti divini ma
deve essere volontariamente sottomessa.
Se lo Spirito Santo ci venisse imposto
e con una potenza cento volte maggiore,
non farebbe di noi dei cristiani n dei
sudditi degni del cielo n spezzerebbe
il potere di Satana. La nostra volont
deve affiancarsi a quella di Dio. Da soli
non siamo capaci di soggiogare le nostre
intenzioni, i desideri e le inclinazioni
al suo volere; possiamo per decidere
di fare la sua volont E allora Dio
compir quello che noi non siamo in
grado di fare, al punto da piegare ogni
pensiero fino a renderlo ubbidiente a
Cristo 2 Corinti 10:5. Quindi voi
adoperatevi al compimento della
vostra salvezza con timore e tremore;
infatti Dio che produce in voi il volere
e lagire, secondo il suo disegno
benevolo Filippesi 2:12,13.
Molti uomini, attratti dalla bellezza
del Cristo e dalla gloria del cielo,
retrocedono di fronte alle condizioni
necessarie per ottenerle. Diversi
camminano nella strada larga senza
essere soddisfatti di percorrerla;
vorrebbero liberarsi dalla schiavit del
peccato e cercano, con le loro forze, di
La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

opporsi al male. I loro sguardi si


volgono tristemente verso la porta
stretta; ma i piaceri egoistici, lamore
del mondo, lorgoglio e le ambizioni
profane formano una barriera fra essi e
il loro Salvatore. La rinuncia al proprio
io, alle azioni preferite, impone un
sacrificio di fronte al quale esitano,
indugiano e poi si tirano indietro. Molti
cercheranno di entrarvi ma non
potranno. Essi desiderano il bene e
fanno alcuni sforzi in questo senso, ma
non lo scelgono; essi non hanno uno
scopo stabilito per assicurarselo a costo
di tutte le cose.
La nostra unica speranza di vittoria
risiede nellunione della nostra volont
con quella di Dio e nella comunione
con lui ora per ora e giorno per giorno.
Noi non possiamo cedere al nostro
egoismo perch ci domini ed entrare nel
regno di Dio. Se vogliamo diventare
santi, dobbiamo rinunciare a noi stessi
e immedesimarci nel pensiero e nei
sentimenti di Cristo. Lorgoglio e
lautosufficienza devono essere
crocifissi. Siamo disposti a pagare il
prezzo che ci viene richiesto? Vogliamo
che la nostra volont sia in perfetta
armonia con quella del Signore? Finch
non saremo disposti a ci, la grazia
rigeneratrice di Dio non potr
manifestarsi in noi.
La lotta che dobbiamo sostenere
il buon combattimento della fede (1
Timoteo 6:12). A questo fine mi
affatico combattendo con la sua forza,
che agisce in me con potenza (Colossesi
1:29). 4
Arresa completa
Avere la religione di Cristo
significa che vi siete completamente
arresi a Dio e avete acconsentito alla
guida dello Spirito Santo. Attraverso il
dono dello Spirito Santo vi sar data la
forza morale e non solamente avrete i
talenti che vi sono stati precedentemente
affidati per il servizio a Dio, ma la loro
efficienza sar grandemente
moltiplicata. Larresa di tutte le nostre
facolt a Dio semplifica grandemente
il problema della vita. Essa indebolisce
e riduce mille lotte con le passioni del
cuore naturale. La religione come una
corda doro che lega le anime dei
giovani e degli anziani a Cristo.

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

Attraverso essa il volonteroso e


lubbidiente sono portati in sicurezza
attraverso gli oscuri e intricati sentieri
alla citt di Dio. 5
Non siate scoraggiati perch il
vostro cuore sembra duro. Ogni
ostacolo, ogni nemico interno,
solamente accrescono il vostro bisogno
di Cristo. Egli venne per togliere il
cuore di pietra e per darvi un cuore di
carne. Guardate a Lui per la grazia
speciale per vincere il vostri difetti
peculiari. Quando siete assaliti dalla
tentazione, resistete fermamente ai
cattivi suggerimenti; dite alla vostra
anima, come posso disonorare il mio
Redentore? Io ho dato me stesso a
Cristo; non posso fare le opere di
Satana. Implorate al caro Salvatore di
aiutarvi a sacrificare ogni idolo ed
eliminare ogni peccato amato. Locchio
della fede veda Ges che sta davanti al
trono del Padre, presentando le Sue
mani ferite mentre implora per noi.
Credete che la forza vi viene attraverso
il vostro prezioso Salvatore. 6
Una vita di ubbidienza
La vera ubbidienza il risultato di
una vita di arresa completa.Prima che
possiamo sperare di sviluppare un
carattere cristiano dobbiamo sapere per
esperienza che lubbidienza non solo
un adempimento esteriore alle richieste
di Dio; essa lopera di amore nelle
nostre anime. Ges disse, se voi mi
amate
osserverete
i
miei
comandamenti (Giovanni 14:15).
Lamore ubbidisce con gioia. Pi ci
avviciniamo a Cristo pi Lo amiamo e
pi ubbidienti vorremo essere. Il nostro
amore per Lui e la nostra comunione
con Lui portano la nostra vita in
conformit alla Sua volont
Tutta la vera ubbidienza viene dal
cuore. Si trattato di unopera di cuore
con Cristo. Se noi acconsentiamo, Egli
si identificher con i nostri pensieri e i
nostri scopi, mescoler i nostri cuori e
le nostre menti in conformit alla Sua
volont cosicch quando Lo ubbidiremo
eseguiremo i nostri stessi impulsi. La
volont, raffinata e santificata, trover
la sua pi alta gioia nel svolgere il Suo
servizio. Quando conosciamo Dio come
nostro privilegio conoscerlo, la nostra
vita sar una vita di continua ubbidienza.

Attraverso un apprezzamento del


carattere di Cristo, attraverso la
comunione con Dio, il peccato diventer
odioso per noi. 7
Dio come un padre per il suo
popolo e ha diritto quindi di aspettarsi
un sevizio fedele. Pensiamo alla vita di
Cristo: essendo a capo dellumanit,
servendo Suo Padre, Egli un esempio
di ci che ogni figlio dovrebbe e
potrebbe essere. Anche oggi Dio esige
da noi che ubbidiamo come Cristo. Egli
serv il Padre con amore,
volontariamente e spontaneamente:
Dio mio, io prendo piacere a far la tua
volont, e la tua legge dentro al mio
cuore Salmo 40:8. Per Lui nessun
sacrificio era troppo grave, nessuna
fatica troppo pesante pur di assolvere il
Suo mandato. A dodici anni ha detto:
Non sapevate voi chegli mi conviene
attendere alle cose del Padre mio?
Luca 2:49. Aveva sentito la Sua
vocazione e si era messo allopera: Il
mio cibo di far la volont di Colui
che mi ha mandato, e di compire lopera
sua Giovanni 4:34
Egli serve solamente coloro che
agiscono in conformit col pi alto
livello di ubbidienza. Chi vuole essere
figlio di Dio deve collaborare con Lui,
con Cristo e con gli angeli celesti. Ecco
il banco di prova che attende tutti. Il
Signore dice di coloro che lo servono
fedelmente: Essi saranno, nel giorno
chio preparo, saranno la mia propriet
particolare, dice lEterno degli eserciti;
e io li risparmier, come uno risparmia
il figlio che lo serve Malachia 3:17"
8

Raggiungere la nostra meta


essere preparati
Nella Parola di Dio chiaramente
insegnata limportanza di raggiungere
le mete o gli obiettivi. Egli venuto
per morire come suo sostituto, per
spezzare il potere di Satana e per portarci
la vita eterna. Egli non non ha fallito
nel raggiungere questi obiettivi. Uno
dei Suoi pi grandi obiettivi sar
realizzato alla Sua seconda venuta,
quando Egli porter il Suo popolo nella
Sua casa celeste.
Noi, come popolo, dobbiamo anche
avere i nostri obiettivi. Il pi
impegnativo quello di essere preparati

ad incontrare il nostro Dio. Noi


dobbiamo essere la luce del mondo.
Attraverso la grazia del Signore
possiamo raggiungere la nostra meta
la perfezione del carattere e in questa
maniera essere preparati. Al fine di
raggiungere la nostra meta noi
dobbiamo crescere in Cristo, dobbiamo
camminare con Cristo, parlare con
Cristo, conoscere Cristo, vivere come
Cristo e fare lopera di Cristo.
I nostri obiettivi sono raggiunti
quando riconosciamo che tutta la gloria
appartiene a Dio e quando la nostra
gloria posta nella polvere. I nostri
obiettivi sono raggiunti pienamente
quando accettiamo il consiglio del
Testimone Verace. Quando abbiamo il
vero amore e la fede. Quando abbiamo
il discernimento spirituale. Quando
siamo vestiti nei vestimenti bianchi della
giustizia di Cristo.
Noi dobbiamo anche sperimentare
lobiettivo del Getsemane. Ecco dove
impariamo se odiamo i peccati del
mondo e amiamo lumanit. Nel
Getsemane affrontiamo lobiettivo di
bere da soli lamaro calice, lottare e
agonizzare finch si ottiene la vittoria.
La via del cielo la via piena di
abnegazione. Tuttavia, quando pensate
che la via troppo stretta e che c
troppo sacrificio nel sentiero stretto;
quando dite, quanto duro rinunciare
a tutto, ponetevi la domanda: a che cosa
ha rinunciato Cristo per me? Questa
domanda mette nellombra qualsiasi
cosa che potremmo chiamare sacrificio.
Contemplatelo nel giardino del
Getsemane. Osservate le grosse gocce
di sangue che escono dai Suoi pori
mentre Egli sta portando linesprimibile
agonia dellanima. OsservateLo nel
tribunale mentre deriso, sbeffeggiato
e insultato dalla folla infuriata.
Osservatelo vestito in quella vecchia
veste color porpora e ascoltare i scherzi
volgari e le beffe crudeli. Guardateli
mentre mettono la corona di spine su
quella nobile fronte e Lo colpiscono con
una canna, facendo penetrare le spine
nelle Sue sante tempie, cos che le gocce
di sangue scendono dalla Sua faccia e
cadono per terra. Ascoltate la folla
omicida gridare avidamente per il
sangue del Figlio di Dio. Egli viene
consegnato nelle loro mani e pallido,

debole e tramortito viene portato via


sulla collina della crocifissione. Essi
distendono il suo copro sulla croce e
conficcano i chiodi nei Suoi teneri piedi
e mani. Osservatelo appeso sulla croce
nelle terribili ore di agonia fin quando
gli angeli velano le loro facce dalla
scena e il sole nasconde la sua luce,
rifiutando di risplendere su quella
terribile scena. Pensate a queste cose e
poi chiedetevi, la via troppo stretta?
Oh che ognuno potesse rendersi
conto che Ges ha qualcosa in serbo per
lui immensamente migliore di quello
che egli si sceglierebbe per se stesso!
Potessero tutti comprendere lestrema
peccaminosit del peccato e la
beatitudine della giustizia! Potessero
tutti capire quanto impotenti sono tutti
gli sforzi per contendere con
lOnnipotenza! Luomo sta facendo il
pi grande danno alla sua propria anima
quando pensa e agisce contrariamente
alla mente e alla volont di Dio. Egli
sta seminando per la sua carne e dalla
carne raccoglier la corruzione.
Nessuna vera gioia pu essere trovata
nel sentiero proibito da Dio, il quale
conosce ci che meglio e progetta per
il bene delle Sue creature. Al fine di
essere noi stessi felici, dobbiamo vivere
per far felici gli altri. Noi dobbiamo
fruttare i nostri possedimenti, i nostri
talenti e i nostri affetti, in grata
devozione a Cristo, e in questo modo
possiamo trovare la felicit qu e
limmortalit nellaldil.
Le esperienze pi difficili nella vita
cristiana possono essere le pi
benedette. I provvedimenti speciali
delle ore oscure possono incoraggiare
lanima nei futuri attacchi di Satana ed
equipaggiare il servitore di Dio per
resistere nelle prove di fuoco. The
Review and Herald, 17 aprile 1894.
Oggi, prima che finisca la vita e il
tempo della prova, il tempo per
conseguire delle vittorie coerenti, per
essere un popolo che si prepara anzi,
un popolo preparato. Noi possiamo
raggiungere tutti questi obiettivi se, per
la grazia del Signore, scegliamo cos.
Lobiettivo pi grande e pi glorioso
di tutti i nostri obiettivi quello di
ottenere la vittoria su ogni peccato e di
conquistare il cielo.

Il grande apice
Il vero scopo della seconda venuta
di Cristo non la distruzione della terra
ma la creazione dei gloriosi nuovi cieli
e nuova terra, nei quali abita la giustizia
(2 Pietro 3:13).
Quanto meraviglioso sar sentire le
parole del nostro amorevole Salvatore
e Redentore: Venite, voi, i benedetti
del Padre mio; eredate il regno che v
stato preparato sin dalla fondazione del
mondo (Matteo 25:34).
Miei cari fratelli e sorelle, siamo
pronti, prepariamoci. Il Signore sta per
venire per portarci nel regno che Ges
ha preparato per noi. Possiamo noi tutti
essere l.
Riferimenti
1
2
3

4
5
6
7
8
9

Il gran conflitto, p. 237.


Testimonies, vol. 5, p. 716.
Gli uomini che conquistarono un
impero, p. 333.
Un mondo migliore, p. 90-92.
Messages to Young People, p. 30.
The Sanctified Life, p. 90,91.
La speranza delluomo, p. 512.
Parole di vita, p. 192.
The Review and Herald, 17 aprile
1894.

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

SABATO, 18 GIUGNO

UN POPOLO RIMANENTE
D. P. SILVA SCRITTO DAGLI STATI UNITI

La parola rimanente significa:


una piccola parte ancora rimasta, ci
che rimane, rimanenza, residuo,
una piccola parte che rimane, un
frammento rimasto, una piccola
quantit.
Nella Parola di Dio ci sono delle
meravigliose promesse per il rimanente
fedele. Allo stesso tempo, il rimanente
identificato con qualche attributo
speciale. Nelle seguenti scritture sta
scritto:
Il residuo dIsraele non commetter
iniquit, non dir menzogne, n si
trover nella lor bocca lingua
ingannatrice; poich essi pascoleranno,
si coricheranno, n vi sar chi li
spaventi (Sofonia 3:13).
E il dragone si adir contro la
donna e and a far guerra col rimanente
della progenie dessa, che serba i
comandamenti di Dio e ritiene la
testimonianza di Ges (Apocalisse
12:17).
In queste scritture noi troviamo le
seguenti caratteristiche: 1) non
commetter iniquit; 2) n si trover
nella lor bocca lingua ingannatrice.
Poi, abbiamo queste promesse: 1) essi
pascoleranno e si coricheranno, e 2)
n vi sar chi li spaventi.
In apocalisse 12:17 scritto: 1) essi
osservano i comandamenti di Dio e 2)
hanno la testimonianza di Ges Cristo.
Nello stesso libro, capitolo 19, versetto

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

10, scritto che la testimonianza di


Ges lo spirito di profezia.
Apocalisse 14:12, una scrittura
parallela, li descrive cos: Qui la
costanza dei santi che osservano i
comandamenti di Dio e la fede in
Ges.
Dagli scritti ispirati noi abbiamo
sufficienti informazioni per identificare
il rimanente fedele: 1) essi non sono
mendaci; 2) osservano i comandamenti
di Dio; 3) credono e ubbidiscono alle
istruzioni divine che si trovano nella
Parola di Dio; 4) hanno la fede di Ges.
In altre parole: credono al Vangelo
eterno di Ges Cristo e, come risultato,
ubbidiscono ai comandamenti di Dio.
La fede di Ges
La fede di Ges stata trascurata e
trattata in una maniera indifferente e
negligente. Essa non ha occupato la
posizione prominente nella quale fu
rivelata a Giovanni. La fede in Cristo
come lunica speranza del peccatore
stata grandemente trascurata, non solo
nei discorsi fatti ma nellesperienza
religiosa di moltissimi che sostengono
di credere al messaggio del terzo
angelo.1
Il messaggio del terzo angelo la
proclamazione dei comandamenti di
Dio e la fede di Ges Cristo. I
comandamenti di Dio sono stati
proclamati, ma la fede di Ges Cristo

non stata proclamata dagli Avventisti


del Settimo giorno con uguale
importanza; la legge e il vangelo vanno
di pari passo. Non posso trovare il
linguaggio per esprimere questo
argomento nella sua pienezza.
La fede di Ges. Si parlato di
essa, ma non si capita. Che cosa
costituisce la fede di Ges, che
appartiene al messaggio del terzo
angelo? Ges diventa il portatore dei
nostri peccati per poter diventare il
Salvatore che perdona i nostri peccati.
Egli fu trattato come noi meritavamo
di essere trattati. Egli venuto in questo
mondo e ha preso i nostri peccati
affinch noi potessimo prendere la Sua
giustizia. La fede nella capacit di Cristo
di salvarci abbondantemente,
pienamente e completamente la fede
di Ges.
Lunica sicurezza per gli Israeliti
era il sangue sugli stipiti delle porte.
Dio disse, quandio vedr quel sangue
passer oltre (Esodo 12:13). Tutti gli
altri mezzi per salvarsi non sarebbero
serviti a nulla. Niente altro che il sangue
sugli stipiti delle porte avrebbe
ostacolato la via affinch langelo della
morte non entrasse. Solamente nel
sangue di Ges Cristo c salvezza per
il peccatore; esso ci purifica da ogni
peccato. Luomo con un intelletto
coltivato pu avere vaste riserve di
conoscenza, egli pu impegnarsi nelle

speculazioni teologiche, pu essere


grande e onorato dagli uomini ed essere
considerato il depositario della
conoscenza, ma se non ha la conoscenza
che salva di Cristo crocifisso per lui e
per fede non si impossessa della
giustizia di Cristo, egli perduto. Cristo
stato trafitto a motivo delle nostre
trasgressioni, fiaccato a motivo delle
nostre iniquit; il castigo, per cui
abbiam pace, stato su lui, e per le sue
lividure noi abbiamo avuto guarigione
(Isaia 53:5). Salvati per il sangue di
Ges Cristo, sar la nostra unica
speranza per il tempo e il nostro canto
per tutta leternit.2
Ricordatevi che lesercizio della
fede uno dei mezzi per preservarla.
Se vi sedeste sempre in una posizione,
senza muovervi, i vostri muscoli
diventerebbero impotenti e i vostri arti
perderebbero la forza per muoversi. La
stessa cosa avviene con la vostra
esperienza religiosa. Voi dovete avere
la fede nelle promesse di DioLa fede
che si perfezioner nellesercizio e
nellattivit.
E della massima importanza che
noi circondiamo lanima con
latmosfera della fede. Ogni giorno noi
stiamo decidendo il nostro destino
eterno in armonia con latmosfera che
circonda lanima. Noi siamo
individualmente responsabili per
linfluenza che esercitiamo e dalle
nostre parole e azioni verranno le
conseguenze che non vediamo. Se Dio
avesse salvato Sodoma per amor delle
dieci persone giuste, quale sarebbe stata
linfluenza per il bene che poteva
uscirne come risultato della fedelt del
popolo di Dio se ognuno che professava
il nome di Cristo fosse stato anche
vestito della Sua giustizia?3
La fede vera, invece, latto per il
quale coloro che ricevono il Cristo si
uniscono a Dio con un patto. La vera
fede vita. Una fede vivente produce
forza e fiducia che comunicano
alluomo una potenza vittoriosa. 4
Le domande che ci riguardano di
pi sono: Credo nel Figlio di Dio con
la fede che salva? La mia vita in
armonia con la legge divina? Chi crede
nel Figliuolo ha vita eterna; ma chi
rifiuta di credere al Figliuolo non vedr
la vita (Giovanni 3:36). E da questo
sappiamo che labbiam conosciuto: se

osserviamo i suoi comandamenti (1


Giovanni 2:3).5
Essi hanno una fede che opera
Il perdono del peccato promesso
a colui che si pente e che crede; la
corona della vita sar la ricompensa di
colui che fedele fino alla fine. Noi
possiamo crescere nella grazia
migliorando attraverso la grazia che gi
possediamo. Dobbiamo mantenerci
incontaminati dal mondo se vogliamo
essere trovati irreprensibili nel giorno
di Dio. La fede e le opere vanno di pari
passo; agiscono armoniosamente
nellopera di vincere. Le opere senza
la fede sono morte e la fede senza le
opere morta. Le opere non ci
salveranno mai; sono i meriti di Cristo
che serviranno in nostro favore.
Attraverso la fede in Lui, Cristo render
tutti i nostri imperfetti sforzi accettabili
a Dio. La fede che ci viene richiesta
non una fede che non fa niente; la
fede che salva quella che opera per
amore e purifica lanima. Colui che
innalza le santi mani a Dio senza ira e
dubbio camminer intelligentemente
nella via dei comandamenti di Dio.
Se dobbiamo avere il perdono per
i nostri peccati, dobbiamo dapprima
renderci conto di cosa il peccato,
affinch possiamo pentirci. Dobbiamo
avere un fondamento solido per la nostra
fede; essa deve essere fondata sulla
Parola di Dio e i suoi risultati si
vedranno nellubbidienza allespressa
volont di Dio. Lapostolo dice,
senza[la santificazione] nessun uomo
vedr il Signore (Ebrei 12:14)
Noi stiamo vivendo in un
importante e interessante periodo della
storia di questa terra. Abbiamo bisogno
di una fede pi grande di quella che
abbiamo avuto finora; abbiamo bisogno
di una conoscenza pi ferma dallalto.
Satana sta operando con tutto il suo
potere per ottenere la vittoria su di noi,
poich egli sa che ha soltanto un breve
tempo per operare. Paolo aveva timore
e tremore nellelaborare la sua salvezza;
dovremmo noi temere se ci stata fatta
una promessa, dovrebbe qualcuno di noi
venir meno per essa e dimostrarsi
indegno della vita eterna? Noi
dovremmo vegliare in preghiera,
impegnarci con sforzi agonizzanti per
entrare in quella porta stretta.6

Quando rispondete allattrazione di


Cristo e vi unite a Lui, manifestate la
fede che salvaLa fede familiarizza
lanima con lesistenza e la presenza di
Dio e, vivendo con un occhio rivolto
solamente alla gloria di Dio,
discerneremo sempre di pi la bellezza
del Suo carattere, leccellenza della Sua
grazia. Le nostre anime si rinforzano
spiritualmente; poich stiamo
respirando latmosfera del cieloCi
alziamo al di sopra del mondo,
contemplando Colui che il Capo di
diecimila, Colui che attraente e
contemplando diventiamo cambiati
nella Sua immagine.7
Deve essere insegnata la Fede, la
fede che salva. La definizione di questa
fede in Ges Cristo pu essere descritta
in poche parole: essa lazione
dellanima per la quale tutto luomo si
abbandona alla tutela e al controllo di
Ges Cristo. Egli dimora in Cristo e
Cristo dimora come supremo nellanima
per fede. Il credente affida la sua anima
e il suo corpo a Dio e con certezza pu
dire, Cristo pu mantenere quello che
io ho affidato a Lui per quel giorno.
Tutti coloro che faranno ci saranno
salvati per la vita eterna. Ci sar
unassicurazione che lanima lavata
nel sangue di Cristo e vestita con la Sua
giustizia e preziosa alla vista di Ges. I
nostri pensieri e le nostre speranze sono
sul secondo avvento del nostro Signore.
Quello il giorno quando il Giudice di
tutta la terra premier la fiducia del Suo
popolo.8
Fede significa confidare in Dio
credere che Egli ci ama e conosce
meglio quello che per il nostro bene.
In questo modo, invece della nostra,
esso ci conduce a scegliere la Sua via.
Al posto della nostra ignoranza, essa
accetta la Sua sapienza; al posto della
nostra debolezza, la Sua forza; al posto
della nostra peccaminosit, la Sua
giustizia. La nostra vita, noi stessi, siamo
gi Suoi; la fede riconosce la Sua
propriet e accetta la sua benedizione.
La verit, lintegrit, la purezza, sono
state indicate come i segreti del successo
nella vita. E la fede che ci mette in
possesso di questi principi.9
La fede semplice nella sua
operazione e potente nei suoi risultati.
Molti cristiani professanti che hanno
una conoscenza della Parola sacra e
La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

credono nella sua verit, vengono meno


nella fiducia infantile che essenziale
per la religione di Cristo. Essi non
aspirano a quel tocco peculiare che porta
la virt della guarigione dellanima.10
Essi sono giustificati per fede
La fede che giustifica produce
sempre prima il vero pentimento e poi
le buone opere, le quali sono il frutto
di quella fede. Non c alcuna fede
redentrice che non produce buoni frutti.
Dio ha dato Cristo per il nostro mondo
per diventare il sostituto del peccatore.
Nel momento in cui viene esercitata la
vera fede nei meriti del prezioso
sacrificio espiatorio, rivendicando
Cristo come un Salvatore personale, in
quel momento il peccatore viene
giustificato davanti a Dio, perch viene
perdonato.
La fede in Cristo qualcosa di pi
che credere in Lui come il Redentore
del mondo; essa Lo accetta come il
nostro Redentore, il nostro Salvatore.
La nostra volont deve essere governata
dalla Sua volont. Noi dobbiamo
purificare gli affetti, regolare il
temperamento e modellare la vita,
secondo il modello datoci nella vita e
nel carattere di Cristo. Questa
unintelligente confessione di Cristo.
Questa una fede che viene dimostrata
attraverso le opere ed lunica fede
genuina e redentrice. 12
La fede un principio vivente e
duraturo. Il suo obiettivo la verit
la verit divina, eterna e immutabile.
La fede genuina e redentrice
inseparabile dal pentimento e dalla
conversione e manifester i frutti dello
Spirito. E una fiducia continua e
cosciente in Ges. Lunica speranza del
peccatore si trova nei meriti di un
Salvatore crocifisso e risorto. Non c
alcuna pausa in qualche nostro sforzo,
tuttavia, questi sforzi devono essere
fatti.13
Credete con tutto il vostro cuore
che Ges il vostro Salvatore? Lo
portate nella vostra vita e Lo intrecciate
nel vostro carattere, finch siete uno con
Cristo? Molti accettano Ges come un
articolo di fede, ma non hanno alcuna
fede redentrice in Lui come il loro
sacrificio e Salvatore. Essi non si
rendono conto che Cristo morto per
salvarli dalla penalit della legge che

10

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

essi hanno trasgredito, affinch essi


possano essere riportati alla lealt verso
Dio. Credete che Cristo, come il vostro
sostituto, paga il debito della vostra
trasgressione? Non, per, affinch voi
continuate nel peccato, ma affinch
possiate essere salvati dai vostri peccati;
affinch voi, attraverso i meriti della
Sua giustizia, possiate essere ristabiliti
nel favore di Dio. Sapete che un santo
e giusto Dio accetter i vostri sforzi per
osservare la Sua legge, attraverso i
meriti del Suo amato Figlio che morto
per la vostra ribellione e il vostro
peccato?
Essi accettano il consiglio del
Testimone Verace
Potrete dire che credete in Ges
quando apprezzerete il costo della
salvezza. Potete fare questa
rivendicazione quando sentite che Ges
morto per voi sulla crudele croce del
Calvario; quando avete una fede
intelligente e comprensiva che la Sua
morte rende possibile per voi cessare
di peccare e perfezionare un carattere
giusto attraverso la grazia di Dio
concessavi come lacquisto del sangue
di Cristo. Gli occhi degli uomini caduti
possono essere unti con il collirio della
comprensione spirituale e possono
vedere se stessi come sono realmente
poveri, miserabili, ciechi e nudi. Essi
possono essere portati a rendersi conto
del loro bisogno del pentimento verso
Dio e della fede verso il nostro Signore
Ges Cristo. 14
La fede essenziale per la salvezza
non una semplice fede nominale, ma
un principio vivente, che trae la forza
vitale da Cristo. Essa condurr lanima
a sentire lamore di Cristo ad un tale
livello che il carattere sar raffinato,
purificato e nobilitato. Questa fede in
Cristo non semplicemente un impulso,
ma un potere che opera per amore e
purifica lanima. Essa compie qualcosa,
portando lanima sotto la disciplina,
elevandola dalla contaminazione e
portandola in collegamento con Cristo,
fino a quando essa si appropria della
Sua virt per il bisogno dellanima.
Questa la fede redentrice.15
Essi amano Dio e il loro
prossimo
Tutto il dovere delluomo

riassunto dal Salvatore. Egli dice, Ama


il Signore Iddio tuo con tutto il tuo
cuore e con tutta lanima tua e con tutta
la mente tuaAma il tuo prossimo
come te stesso (Matteo 22:37,39). Nella
parola il piano della salvezza
chiaramente delineato. Il dono della vita
eterna promesso a condizione della
fede redentrice in Cristo. Il potere che
attira dello Spirito Santo viene indicato
come un agente nellopera della
salvezza delluomo. Le ricompense dei
fedeli, la punizione dei colpevoli, sono
tutte presentate in modo chiaro. La
Bibbia contiene la scienza della salvezza
per tutti coloro che udranno e
metteranno in pratica le parole di
Cristo.16
Essi sono riformatori,
restauratori e riparatori
Il rinnovamento spirituale
realizzato ai giorni di Neemia un
esempio sottolineato dalle parole del
profeta Isaia: Essi riedificheranno le
antiche ruine, rialzeranno i luoghi
desolati nel passato, rinnoveranno le
citt devastate, i luoghi desolati delle
trascorse generazioni. I tuoi
riedificheranno le antiche ruine; tu
rialzerai le fondamenta gettate da molte
et , e sarai chiamato il riparatore delle
brecce, il restauratore dei sentieri per
rendere abitabile il paese (Isaia 61:4;
58:12).
Il profeta parla di un popolo che,
in unepoca di totale abbandono della
verit e della giustizia, si impegner per
restaurare i principi che sono alla base
del regno di Dio. Essi sono i riparatori
di una breccia aperta nella legge di Dio,
il muro che egli ha posto intorno ai suoi
eletti per proteggerli. Lubbidienza a
questi principi di giustizia, di verit e
di purezza deve costituire la loro
continua salvaguardia.17
[Isaia 58:8,9,12-14 citato]. Qui
vengono date le caratteristiche di coloro
che saranno i riformatori, i quali
porteranno la bandiera del messaggio
del terzo angelo, coloro che affermano
di essere il popolo che osserva i
comandamenti di Dio e onora Dio ed
seriamente impegnato, alla vista di tutto
luniverso, nel riedificare i luoghi
deserti. Chi che li chiama, riparatori
della breccia, restauratori dei sentieri

per dimorarvi? E Dio. I loro nomi sono


registrati in cielo come riformatori,
restauratori e innalzatori delle
fondamenta di molte generazioni.18
Nei tempi della fine ogni istituzione
divina deve essere restaurata. La breccia
fatta nella legge nel tempo quando il
Sabato fu cambiato dalluomo, deve
essere riparata. Il popolo rimanente di
Dio, presentandosi al mondo come un
riformatore, deve mostrare che la legge
di Dio il fondamento di ogni riforma
duratura e che il sabato del quarto
comandamento deve essere come un
memoriale della creazione e come
punto di riferimento costante per
sottolineare la potenza di Dio. In
termini chiari e precisi, esso deve
presentare la necessit di ubbidire a tutti
i precetti del decalogo. Costretti
dallamore di Cristo, i credenti sono
chiamati a collaborare con Lui nel
riedificare le antiche rovine. Essi
devono essere i riparatori delle brecce,
restauratori dei sentieri per rendere
abitabile il paese.19
Voi che professate di amare Dio,
portate Ges con voi ovunque andate;
e, come i patriarchi degli antichi,
erigete un altare al Signore ovunque
piantate la vostra tenda. Un riforma in
questo rispetto necessaria, una riforma
che sar profonda e ampia. I genitori
hanno bisogno di riformarsi: i pastori
hanno bisogno di riformarsi. Essi hanno
bisogno di Dio nei loro focolari. Hanno
bisogno di costruire i luoghi deserti di
Sion, per innalzare le porte e rinforzare
le sue mura per una difesa del popolo.
20

Essi sono una piccola


compagnia che resiste alla
supremazia di Satana
La chiesa del rimanente sar portata
nella grande prova e nella distretta.
Coloro che osservano i comandamenti
di Dio e la fede di Ges sentiranno lira
del dragone e delle sue schiere. Satana
annovera il mondo tra i suoi sudditi;
egli ha guadagnato il controllo delle
chiese apostate; ma ecco una piccola
compagnia che resiste alla sua
supremazia. Se potesse cancellarla dalla
terra, il suo trionfo sarebbe completo.
Come influenz le nazioni pagane per
distruggere Israele, cos nel prossimo
futuro egli inciter le potenze malvagie

della terra per distruggere il popolo di


Dio. A tutti verr richiesto di ubbidire
agli editti umani in violazione alla legge
divina. Coloro che saranno fedeli a Dio
e al dovere saranno minacciati,
denunciati e proscritti. Essi saranno
traditi da genitori, fratelli, parenti e
amici. 21
Sta per scoccare lora in cui ognuno
di noi sar messo alla prova. Sar
imposta losservanza del falso sabato e
si scatener la lotta fra i comandamenti
di Dio e quelli degli uomini. Coloro
che si sono adeguati a poco a poco alle
esigenze mondane e si sono conformati
alle abitudini mondane cederanno alle
potenze che saranno piuttosto che
esporsi al ridicolo, alla derisione, alla
minaccia di carcerazione e di morte.
Allora loro sar separato dalla scorie
Molte stelle da noi ammirate per il loro
splendore svaniranno nelle tenebre.
Coloro che hanno indossato i paramenti
sacerdotali ma non hanno rivestito la
giustizia di Cristo appariranno in tutta
la vergogna della loro nudit. 22
Il decreto che alla fine uscir contro
il rimanente popolo di Dio sar molto
simile a quello emanato da Assuero
contro gli Ebrei. Oggi i nemici della
vera chiesa vedono nella piccola
compagnia
che
osserva
il
comandamento del sabato un
Mardocheo alla porta. La riverenza del
popolo di Dio per la Sua legge un
costante rimprovero per coloro che
hanno gettato via il timore del Signore
e stanno calpestando il Suo Sabato.
Satana scatener lindignazione nei
confronti della minoranza che rifiuta
di accettare le usanze e le tradizioni
sociali. Uomini influenti e rispettabili
si uniranno agli scettici e a individui
senza scrupoli per complottare contro
il popolo di Dio. Ricchezza, genio e
cultura si assoceranno per disprezzarli.
Governanti persecutori, pastori e
membri di chiesa cospireranno contro
di loro. Con discorsi, scritti, accuse,
minacce e scherno cercheranno di
distruggerne la fede. Le passioni della
gente verranno suscitate dalle false
affermazioni. Non disponendo di un
cos dicono le Scritture da
contrapporre ai sostenitori del sabato
biblico, ricorreranno a misure coercitive
per ovviare a questa mancanza. Per
assicurarsi la popolarit e lappoggio

delle masse, i legislatori voteranno delle


leggi per sostenere losservanza della
domenica, ma coloro che temono Dio
non possono accettare una norma che
violi un precetto del Decalogo. Su
questo terreno si combatter lultimo
grande conflitto fra la verit e lerrore.
Noi, per, conosciamo lesito di questo
confronto. Oggi, come ai tempi della
regina Ester e di Mardocheo, il Signore
far giustizia in favore della verit e
del Suo popolo.23
Essi saranno vincitori
Alla fine la vittoria fu ottenuta.
Lesercito che seguiva la bandiera con
liscrizione, I comandamenti di Dio e
la fede di Ges fu gloriosamente
trionfante. I soldati di Cristo giunsero
alle porte della citt e con questa con
gioia ricevette il Re. Il regno della pace
e della gioia e delleterna giustizia fu
stabilito. 24
Riferimenti
1

Selected Messages, libro 3, p. 168.


Idem, p. 172,173.
3
In Heavenly Places, p. 104
4
La speranza delluomo, p. 256.
5
Idem, p. 295.
6
Faith and Works, p. 48,49.
7
Gods Amazing Grace, p. 183.
8
Mind Character, and Personality, vol.
2, p. 531.
9
Education. p. 253.
10
The SDA Bible Commentary [ E.G.
White Comments], vol. 6, p. 1074.
11
Our High Calling, p. 52.
12
The Bible Echo, 1 giugno 1887.
13
The Review and Herald, 27 novembre
1883.
14
Idem, 24 luglio 1888.
15
Idem, 18 agosto 1891.
16
Fundamental of Christian education, p. 187.
17
Profetiere, p. 344.
18
The Review and Herald, 13 ottobre
1891.
19
Profeti e re, p. 344.
20
Testimonies, vol. 5, p. 320,321.
21
Idem, vol. 9. p. 231.
22
Profeti e re, p. 106.
23
Idem, p.304.
24
Testimonies, vol. 8, p. 41,42.
2

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

11

DOMENICA, 19 GIUGNO

UN POPOLO DEV
OTO
DEVOTO
ROLLY DUMAGUIT SCRITTO DAL BELIZE

n popolo preoccupato dei suoi


doveri religiosi, consacrato,
ardente, entusiasta e che
pratica la fede con vigore questi sono
coloro sui quali il Signore conceder
la Sua suprema attenzione,
utilizzandoli per finire la Sua opera.
Tracciando la lunga linea della storia,
noi possiamo vedere che in ogni
periodo della storia di questa terra, Dio
ha avuto i Suoi uomini per loccasione,
ai quali Egli ha detto, voi siete i Miei
testimoni. In ogni epoca ci sono stati
uomini devoti, i quali raccoglievano i
raggi di luce quando questi brillavano
sul loro sentiero e parlavano alla gente
le parole di Dio. Enoc, Mos, Daniele
e il lungo elenco dei patriarchi e dei
profeti questi furono i ministri della
giustizia. Essi non erano infallibili;
erano uomini deboli ed erranti; ma il
Signore oper attraverso di loro
quando essi si donarono al Suo
servizio. 1
In certi casi, questi fedeli
comunicarono lavvertimento finale di
Dio ad un popolo, ad una nazione o al
mondo condannato alla distruzione.
Proclamare questi messaggi significava
spesso affrontare difficolt, derisioni
e persino la morte. I servitori di Dio,
con preghiere, digiuni e spesso con
riluttanza, andarono, coraggiosamente,
ad adempiere i loro doveri.
La vita devota di Enoc
E scritto che Enoc visse
sessantacinque anni e gener un figlio.
Poi cammin con Dio per trecento
anniDopo la nascita del
primogenito, Enoc raggiunse
unesperienza pi alta; entr in un
rapporto ancora pi intimo con Dio,
comprese ancora meglio i suoi obblighi
e la sua responsabilit come figlio di
Dio. Quando vide lamore del proprio

12

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

figlio nei suoi confronti, la sua fiducia


nella protezione del padre, quando
avvert la profonda e ardente tenerezza
per il suo primogenito, comprese la
grandezza dellamore di Dio che
avrebbe dato agli uomini in dono il Suo
figlio; comprese anche la fiducia che i
figli di Dio dovevano riporre nel loro
Padre celeste. Linfinito e impenetrabile
amore di Dio, manifestato attraverso
Cristo, divenne per Enoc soggetto di
una meditazione continua, giorno e
notte; ed egli cerc di farlo conoscere
con tutte le sue forze alla gente tra cui
viveva
Enoc aveva una mente lucida e
molto esercitata, una vasta conoscenza,
e il Signore lo aveva onorato con
rivelazioni speciali; ma per la sua
comunione costante col cielo, che gli
permetteva di avvertire la grandezza e
la perfezione di Dio, era uno degli
uomini pi umili. Pi si avvicinava a
Dio, pi sentiva di essere debole e
imperfetto.
Rattristato dal dilagare della
corruzione e temendo che la infedelt
degli empi potesse incrinare la sua
venerazione per Dio, Enoc evit di
vivere costantemente con tali uomini,
e trascorse molto tempo in solitudine,
nella meditazione e nella preghiera.
Cos Egli aspettava davanti al Signore,
cercando una conoscenza pi chiara
della Sua volont per poterla eseguire.
La preghiera era per lui il pane
dellanima, ed egli viveva realmente
nellatmosfera del cielo
Enoc, pur conducendo una vita
impegnata, seppe mantenere
risolutamente la sua comunione con
Dio. Quando le sue attivit erano pi
intense
e
lo
impegnavano
maggiormente, pregava con pi
costanza e zelo. Inoltre, passava del
tempo in solitudine, lontano dalla

societ. Dopo aver vissuto tra la gente


e averla aiutata con linsegnamento e
lesempio, spinto dalla fame e della sete
di quella conoscenza divina che solo
Dio pu impartire, si appartava per
trascorrere del tempo in solitudine.
Vivendo in comunione con Dio, Enoc,
rifletteva sempre pi limmagine
divina; il suo volto risplendeva di quella
luce che illuminava il volto di Ges; e
quando tornava da tali esperienze,
perfino gli irreligiosi scorgevano con
timore il segno del cielo sul suo volto.2
La vita devota di Abramo
Di Abramo scritto che egli fu
chiamato amico di Dio, il padre di
tutti quelli che credono Giacomo 2:23;
Romani 4:11. Dio dette a questo
patriarca cos fedele, questa
testimonianza: Abramo ubbid alla mia
voce e osserv quello che gli avevo
ordinato, i miei comandamenti, i miei
statuti e le mie leggi. E ancora: Io
lho prescelto affinch ordini ai suoi
figliuoli, e dopo di s alla sua casa, che
sattengono alla via dellEterno per
praticare la giustizia e lequit, onde
lEterno ponga ad effetto a pro
dAbramo quello che gli ha
promesso(Genesi 26:5; 18:19). Era un
grande onore per Abramo divenire
padre del popolo che per secoli avrebbe
dovuto conservare e proteggere la verit
di Dio per il mondo di quel popolo
attraverso il quale tutte le nazioni della
terra sarebbero state benedette a causa
dellavvento del Messia promesso. Ma
Colui che chiam il patriarca lo giudic
degno. Colui che legge da lontano i
nostri pensieri e d agli uomini il loro
giusto valore, dice: Lo conosco.
Abramo non avrebbe tradito la verit
per degli interessi personali; avrebbe
ricordato la legge agendo con giustizia
e rettitudine; non si sarebbe accontentato

di credere in Dio, ma avrebbe coltivato


la religione nella sua casa. Egli avrebbe
istruito la sua famiglia nella giustizia.
La legge di Dio sarebbe stata la regola
nella sua famiglia.3
Abramo, lamico di Dio, ci ha
lasciato un valido esempio. La sua era
una vita di preghiera, dovunque
piantasse la sua tenda, erigeva un altare
presso cui convocava tutta la sua gente
per il sacrificio della sera e del mattino.
Laltare poi rimaneva anche quando
laccampamento si spostava. Negli anni
successivi alcuni cananei nomadi
furono istruiti da Abramo, e quando uno
di questi veniva nel luogo in cui sorgeva
quellaltare, riconosceva che Abramo vi
era stato precedentemente, e cos, dopo
aver piantato la sua tenda, riparava
laltare e adorava lIddio vivente.4
La vita di Abramo era piena di fede,
azione e preghiera. Prima di qualsiasi
iniziativa egli voleva che la provvidenza
di Dio fosse consultata. Tracciando i
suoi viaggi dalla Mesopotamia in
Canaan e in Egitto e attraverso i suoi
soggiorni nel deserto, Abramo viaggi
senza mappa, bussola o carta
geografica. La sua unica guida era la
voce di Dio. Notate il suo coraggio e
valore nel salvare gli abitanti di
Sodoma. Guardatelo mentre parla con
Dio come un amico e riceve la promessa
che sarebbe diventato padre di una
grande nazione. Sentite la sua angoscia
quando venne chiamato a uccidere il suo
amato figlio come offerta. Allora
capirete che il suo successo nelle cose
materiali e in quelle spirituali era
dovuto alla sua fedelt e alla sua
devozione a Dio.
La vita devota di Mos
Quando fu strappato dalle cure e
dalla protezione della famiglia, Mos
era pi giovane di Giuseppe e di
Daniele; tuttavia, gli stessi influssi che
avevano plasmato la vita di questi due
grandi uomini, modellarono anche la
sua. Egli trascorse solo dodici anni con
i suoi familiari, ma durante questo
periodo furono poste le basi della sua
futura grandezza per opera di una
persona poco conosciuta
Dalla sua umile casa nella terra di
Goscen, Mos pass al palazzo di
Faraone, accolto dalla principessa egizia

come figlio amato. Nelle scuole egiziane,


Mos consegu la pi alta istruzione civile
e militare. Dotato di grande fascino,
bello, alto, colto, dal portamento regale,
rinomato come capo militare, egli divent
lorgoglio della nazione. Mos, sebbene
rifiutasse di partecipare al culto pagano,
fu iniziato a tutti i misteri della religione
egizia. In qualit di futuro sovrano, era
erede degli onori pi ambiti che il mondo
potesse offrire; ma per lonore di Dio e
per la liberazione del suo popolo
oppresso, egli rinunci alle glorie
dellEgitto e il Signore, in modo speciale,
si prese cura della sua formazione.
Mos, per, non era ancora pronto
per la grande opera della sua vita:
doveva imparare la sottomissione al
potere divino. Essendosi ingannato circa
i piani di Dio, egli sperava di poter
liberare Israele con la forza delle armi.
Per questo Mos rischi tutto, e fall.
Sconfitto e deluso se ne and in esilio
in terra straniera.
Nella solitudine di Madian, il
futuro condottiero dIsraele trascorse
quarantanni come pastore di armenti.
Apparentemente esonerato per sempre
dalla sua missione, in realt egli stava
esercitando la disciplina indispensabile
alla sua attuazione. La saggezza di cui
avrebbe avuto bisogno per governare
un popolo ignorante e indisciplinato
doveva essere acquisita mediante il
dominio di s. Era con la cura delle
pecore e degli agnellini che Mos doveva
formarsi quellesperienza che avrebbe
fatto di lui il fedele e paziente pastore
dIsraele. Per diventare il
rappresentante di Dio doveva essere
istruito da Lui.
Gli influssi dai quali era stato
circondato in Egitto, il lusso e il vizio
che in mille forme avevano esercitato
il loro richiamo, le sottigliezze e il
misticismo di una religione falsa
avevano prodotto una profonda
impressione sulla sua mente e sul suo
carattere. Tutto ci scomparve nella
rigida disciplina del deserto.
In mezzo alla solenne maest delle
montagne solitarie, Mos fu solo con
Dio. Gli parve di trovarsi alla sua
presenza e di essere coperto dallombra
dellOnnipotente. Svan qui la sua
autosufficienza, perch di fronte
allEssere infinito egli sent quanto

luomo sia debole, limitato,


insufficiente. Fu qu che Mos percep
il senso della personale presenza di Dio.
Egli non vide solo la futura
manifestazione di Cristo incarnato, ma
anche il Figlio di Dio accompagnare le
schiere dIsraele in tutte le loro
peregrinazioni. Quando, incompreso e
calunniato, fu chiamato a sopportare i
rimproveri e gli insulti, Mos rimase
saldo come se vedesse colui che
invisibile (Ebrei 11:27).
Mos non si limit a pensare a Dio,
lo vedeva sempre: mai perse di vista il
suo volto
I risultati di questa preparazione e
delle lezioni allora impartite, non sono
legati unicamente alla storia dIsraele,
ma a tutto ci che da allora fino ai nostri
giorni ha potuto contribuire al progresso
del mondo. La pi grande testimonianza
resa alla grandezza di Mos il giudizio
dato della sua vita dalla Parola ispirata:
Non c mai pi stato in Israele un
profeta simile a Mos, con il quale il
Signore abbia trattato faccia a faccia
(Deuteronomio 34:10).5
La vita devota degli apostoli
E tutti i giorni, essendo di pari
consentimento assidui al tempio, e
rompendo il pane nella case, prendevano
il loro cibo assieme con letizia e
semplicit di cuore lodando Iddio, e
avendo il favore di tutto il popolo. E il
Signore aggiungeva ogni giorno alla
loro comunit quelli che erano sulla via
della salvazione (Atti 2:46,47).
I discepoli pregarono con intenso
fervore per essere resi idonei a
incontrarsi con tutti gli uomini e per
testimoniare nella loro vita quotidiana
con parole che guidassero i peccatori a
Cristo. Cancellando tute le differenze,
tutti i desideri di supremazia, essi si
univano. Il loro rapporto con Dio si
intensificava.
Cos
facendo
comprendevano quale privilegio
avessero nel potersi associare cos
intimamente a Cristo, e si
rammaricavano del fatto che spesso il
loro comportamento aveva addolorato
il Signore. Erano stati troppo lenti nel
comprendere le lezioni che, per il loro
bene, Egli aveva impartite.
Quei giorni di preparazione furono
giorni di profondi esami di coscienza.

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

13

I discepoli riconobbero il loro bisogno


spirituale e supplicarono il Signore
affinch con lolio santo dello Spirito
li rendesse idonei a lavorare per la
salvezza del mondo. Essi non chiesero
solamente benedizioni per se stessi. Si
sentivano aggravati dalla responsabilit
che comportava lannuncio della
salvezza. Comprendevano che
levangelo doveva essere predicato a
tutto il mondo e chiedevano la potenza
che Cristo aveva promesso. 6
La vita devota del rimanente
La comunione con Dio nobilita il
carattere e la vita. Gli uomini
riconosceranno, come fecero con i primi
discepoli, che siamo stati con Ges.
Questo assicurer una forza che
nientaltro pu garantire. Non
dobbiamo privarcene. Dobbiamo vivere
una duplice esperienza di vita: una vita
di pensiero e di azione, di preghiera
silenziosa e di lavoro costante. 7
La preghiera e lo sforzo, lo sforzo
e la preghiera, saranno lattivit della
vostra vita. Voi dovete pregare come se
lefficienza e la lode fossero tutte
dovute a Dio e lavorare come se il
dovere fosse tutto vostro.8
Quando viaggiavo nelle Filippine e
sal su una nave, uno dei miei compagni
di viaggio era un sacerdote
mussulmano. Ad una precisa ora di
preghiera, anche in mezzo alla folla
rumorosa, egli si recava in un angolo
della stanza, prendeva fuori il suo
tappeto per la preghiera e si prostrava
con la faccia a terra in direzione
delloriente per inviare la sua regolare
preghiera ad Allah. Io mi meraviglio
quanti riformisti in questi tempi
pericolosi sono cos attivi nella loro
devozione a Dio come lo era quel
sacerdote. Noi abbiamo bisogno di
essere sinceri nelle nostre preghiere
personali e nel nostro culto familiare;
essere molto regolari a frequentare tutti
i nostri raduni di chiesa ed essere molto
attivi nel condividere la verit con gli
altri e nel testimoniare a loro.
a. La preghiera personale e lo
studio della Bibbia
Proprio come lacqua,il cibo e laria
sono indispensabili per la vita fisica,
similmente la preghiera e lo studio della
Bibbia sono indispensabili per la vita

14

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

spirituale. Lapostolo Paolo ci


ammonisce a non cessar mai di
pregare (1 Tessalonicesi 5:17). Il
Signore Ges ci ricorda anche di
investigare le scritture; perch pensate
per mezzo desse daver vita eterna
(Giovanni 5:39).
Satana ci attacca da ogni parte e in
ogni momento. Questo il motivo
perch nessun uomo sicuro per un
solo giorno o per una sola ora, senza la
preghiera. Invochiamo Dio, in modo
speciale, per ricevere quella sapienza
che permette di comprendere la sua
Parola. In essa sono rivelate le astuzie
del tentatore e indicati i mezzi per
potergli resistere con successo. Satana
esperto nel citare le Scritture e le
interpreta a modo suo per farci cadere.
Studiamo quindi la Bibbia con umilt,
senza mai perdere di vista la nostra
dipendenza da Dio. Dovremmo sempre
vegliare per vincere le tentazioni di
Satana,
dobbiamo
pregare
costantemente e con fede: e non ci
esporre alla tentazione.! (Matteo
6:13)9
Satana sa benissimo che tutti coloro
che egli potr indurre a trascurare la
preghiera e lo studio delle Scritture
saranno sopraffatti dai suoi attacchi;
perci escogita ogni mezzo possibile per
tenere le loro menti occupate. 10
State attenti, fratelli, al primo
offuscamento della vostra luce, alla
prima negligenza nella preghiera, al
primo sintomo di sonno spirituale.11
Noi possiamo inviare le nostre
petizioni a Dio ovunque ci troviamo,
qualsiasi cosa stiamo facendo e quando
abbiamo bisogno. Noi possiamo
comunicare con Dio nei nostri cuori;
possiamo camminare in compagnia di
Cristo. Quando siamo impegnati nel
nostro lavoro quotidiano, possiamo
espirare il desiderio del nostro cuore,
impercettibile allorecchio umano; ma
quella parola non pu morire nel
silenzio e non pu perdersi. Niente pu
soffocare il desiderio dellanima. Esso
si innalza al di sopra del frastuono della
strada, del rumore delle macchine. E
Dio Colui al quale parliamo e la nostra
preghiera viene ascoltata.12
b. Il culto familiare
Il culto familiare lora pi
importante nella nostra famiglia.

Rendetela interessante e ognuno vi


partecipi. Questi servizi sono il
termometro della nostra spiritualit; essi
uniscono la famiglia con una corda di
amore, unit e devozione a Dio.
Ricordiamoci che la famiglia che prega
insieme rimane unita.
In ogni famiglia ci dovrebbe essere
dei momenti stabiliti per il culto del
mattino e della sera. Quanto necessario
che i genitori si riuniscano con i loro
figli prima di far colazione, per
ringraziare il Padre Celeste della sua
protezione durante la notte trascorsa e
per chiedergli aiuto, guida e protezione
per il nuovo giorno. Genitori e figli
dovrebbero ritrovarsi ancora una volta
davanti a Dio al tramonto per
ringraziarlo delle benedizioni ricevute
durante la giornata.
Il padre, oppure, in sua assenza, la
madre, dovrebbe condurre il culto,
scegliendo una parte delle Scritture che
interessante e facilmente
comprensibile. Il servizio dovrebbe
essere breve. Quando si legge un lungo
capitolo e si fa una lunga preghiera, il
servizio reso stancante e alla sua
conclusione si sente un senso di sollievo.
Dio viene disonorato quando lora di
culto resa noiosa e fastidiosa, quando
cos pesante, cos priva di interesse
che i bambini la temono.
Padri e madri, rendete lora di culto
intensamente interessante. Non c
nessuna ragione perch questa ora non
debba essere la pi piacevole e
gradevole della giornata. Con un po di
applicazione per prepararla, coi
riuscirete a renderla piena di interesse
e di profitto. Variate spesso il tema del
culto. Si possono fare delle domande
sul passo biblico letto, delle osservazioni
utili e pertinenti. Si pu cantare un
inno. In ogni caso la preghiera dovrebbe
essere chiara e breve. Chi prega ringrazi
Dio con semplicit e convinzione,
inoltre gli chieda laiuto necessario.
Quando le circostanze lo consentono, i
bambini possono collaborare anchessi
sia alla lettura che alla preghiera.13
c. La preghiera pubblica
Uno dei fattori pi essenziali per la
nostra crescita spirituale la fedele
partecipazione a tutti i nostri incontri e
raduni di chiesa. Lapostolo Paolo dice,

non abbandonando la nostra comune


adunanza come alcuni son usi di fare,
ma esortandoci a vicenda; e tanto pi,
che vedete avvicinarsi il gran giorno
(Ebrei 10:25).
Le nostre preghiere salgano a Dio
per la Sua grazia che converte e
trasforma. In ogni chiesa si dovrebbe
tenere degli incontri per la preghiera
solenne e la zelante investigazione della
parola, al fine di conoscere la verit.
Prendete la promessa di Dio e chiedete
a Dio con fede vivente il versamento
del Suo Santo Spirito. Quando lo
Spirito Santo verr versato su di noi,
midollo e grasso saranno tratti dalla
parola di Dio.14
Alcuni, temendo che patiranno la
perdita dei tesori terreni, trascurano la
preghiera e il raduno per il culto di Dio
al fine di aver pi tempo da dedicare
alle loro aziende o ai loro affari. Essi
dimostrano con le loro opere quale
mondo essi stimano di pi. Sacrificano
i privilegi religiosi, che sono essenziali
per il loro sviluppo spirituale, per le
cose di questa vita e falliscono di
ottenere una conoscenza della volont
divina. Essi vengono meno nel
perfezionamento del carattere cristiano
e non raggiungono la misura di Dio.
Mettono al primo posto i loro interessi
temporali e mondani e rubano Dio del
tempo che dovrebbero dedicare al Suo
servizio. Dio nota queste persone ed esse
riceveranno una maledizione piuttosto
che una benedizione.15
d. Condividere e testimoniare
Io te ne scongiuro nel cospetto di
Dio e di Cristo Ges che ha da giudicare
i vivi e i morti, e per la sua apparizione
e per il suo regno; predica la Parola,
insisti a tempo e fuor di tempo,
riprendi, sgrida, esorta con grande
pazienza e sempre istruendo (2Timoteo
4:1,2).
Il miglior aiuto che i pastori
possono dare ai membri della nostra
chiesa non fare dei sermoni, ma
programmare il lavoro per loro. Date a
ciascuno qualcosa da fare per gli altri.
Aiutate tutti a capire che, come
ricevitori della grazia di Cristo sono
sotto lobbligo di lavorare per Lui. Si
insegni a tutti come lavorare.

Specialmente coloro che sono nuovi


della fede siano educati a diventare
collaboratori di Dio. 16
E un errore fatale supporre che
lopera di salvare le anime dipenda
soltanto dai pastori. Gli uomini a cui il
Signore ha affidato grandi
responsabilit nella sua chiesa devono
incoraggiare quei credenti consacrati
che desiderano condurre nuove persone
nella vigna del Signore. Gli uomini che
dirigono la chiesa di Dio devono
comprendere che questincarico dato
a tutti quelli che credono nel nome di
Ges Cristo. Dio mander a lavorare
nella sua vigna molti che non sono stati
consacrati al ministero mediante
limposizione delle mani.17
Lopera di Dio su questa terra non
pu mai essere finita fin quando gli
uomini e le donne che costituiscono i
membri della nostra chiesa non si
mobilitano per lopera e non uniscono
i loro sforzi con quelli dei pastori e degli
ufficiali di chiesa. 18
Conclusione
Quando le chiese diverranno delle
chiese viventi e operanti, lo Spirito
Santo sar dato in risposta alla loro
sincera richiesta. Allora la verit della
parola di Dio sar considerata con nuovo
interesse e sar investigata come se fosse
una rivelazione proprio dalle corti
celesti. Ogni dichiarazione di
ispirazione riguardo Cristo si
impossesser dellanima interiore di
coloro che Lo amano. Linvidia, la
gelosia, i cattivi sospetti, cesseranno.
La Bibbia sar considerata come una
carta del cielo. Il suo studio assorbir
la mente e le sue verit rallegreranno
lanima. Le promesse di Dio ora ripetute
come se lanima non avesse mai gustato
il Suo amore, allora brilleranno
sullaltare del cuore e dalle labbra dei
messaggeri di Dio usciranno parole
ardenti. Essi allora imploreranno le
anime con uno zelo che non potr essere
respinto. Allora le caterate del cielo
saranno aperte per i rovesci della
pioggia dellultima stagione. I seguaci
di Cristo saranno uniti nellamore.
Lunica via nella quale la verit pu
essere presentata al mondo, nel suo puro
e santo carattere, attraverso coloro che
sostengono di credere ad essa e di essere

gli esponenti della sua potenza. La


Bibbia richiede ai figli e alle figlie di
Dio di elevarsi su unalta piattaforma;
poich Dio li invita a rappresentare
Cristo al mondo. Come essi
rappresentano Cristo, rappresentano il
Padre. Lunit dei credenti testimonia
la loro unit con Cristo e questa unit
viene richiesta dalla luce maturata che
ora risplende sul sentiero dei figli di
Dio.19
Riferimenti
1

Gospel Workers, p. 13
Conquistatori di pace, p.57-0.
3
Idem, p.103,104.
4
Idem, p.92,93.
5
Education, p.61-64.
6
Gli uomini che vinsero un impero, p. 24.
7
Sulle orme del gran medico, p. 279.
8
Testimonies, vol. 4, p. 538.
9
Il gran conflitto, p. 415.
10
Idem, p.406,407.
11
Testimonies, vol. 4, p. 124.
12
Gospel Workers, p. 258.
13
Testimonies, vol. 7, p. 43.
14
The Review and Herald, 25 febbraio
1890.
15
Testimonies, vol. 2, p. 654.
16
Idem, vol. 6, p. 49.
17
Gli uomini che vinsero un impero, p.
69.
18
Testimonies, vol. 9, p. 117.
19
The Review and Herald, 25 febbraio
1890.
2

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

15

LUNED, 20 GIUGNO

UN POPOLO PECULIARE
D. SAMY DOSS SCRITTO DAL SUDAFRICA

oi siamo conosciuti per molte


cose. Una volta possiamo
essere conosciuti per la nostra
bellezza. Altre volte possiamo essere
conosciuti per la nostra trascuratezza o
bruttezza. Alcuni possono conoscerci
per lauto che guidiamo o la casa dove
viviamo. Noi possiamo essere conosciuti
per la nostra eccellenza in certi campi.
Penso che alla fine noi, essendo
cristiani, saremo conosciuti per la nostra
vita cristiana. Infatti, Dio ci
identificher come Suoi solamente se
vivremo vita santa in armonia con la
Sua santa Parola.
Noi viviamo la vita peculiare. La vita
unica, diversa, distinta e denominata.
Il popolo di Dio deve essere distinto
come un popolo che Lo serve
pienamente; con tutto il cuore, non
prendendo alcun onore per se stesso e
ricordandosi che ha promesso,
attraverso un solenne patto, di servire
il Signore e Lui solamente
Chi sono costoro? Il popolo di
Dio denominato coloro che sulla terra
hanno testimoniato la loro lealt. Chi
sono essi? Quelli che hanno osservato
i comandamenti di Dio e la fede di
Ges; coloro che hanno posseduto
come il loro Salvatore Colui che stato
crocifisso. 1
Questo il risultato di aver accettato
Ges Cristo come nostro Signore e
Salvatore. Quando abbiamo ottenuto la
conoscenza essenziale di Colui che ci
ha creato, comprendiamo subito la
grazia di Dio e che cosa significa
veramente camminare con Cristo, il
quale ci conosceva dal principio come
Suo tesoro prezioso e peculiare. Se
siamo fedeli fino infondo allanima e
crediamo davvero che siamo un popolo
speciale di Dio, allora possiamo
perseverare in modo eccezionale e

16

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

notevole, vivendo una vita simile a


quella di Cristo. Tutto il nostro
carattere, lapparenza, latteggiamento,
la disposizione, il comportamento, la
conversazione, i pensieri, i motivi e gli
scopi porter il segno celeste.
Che cosa significa essere
peculiare?
Per definizione, il termine
peculiare ha diversi significati
proprio come qualsiasi termine nella
lingua inglese ha diversi sinonimi o
equivalenti e connotazioni.
Peculiare significa speciale; unico;
avere caratteristiche esclusivamente
proprie; essere la propriet di uno;
distinto; separato; appartenere
particolarmente o esclusivamente ad
uno, come un possedimento esclusivo
di Dio; possedimento prezioso di Dio;
cinto.
Non strano n bizzarro
Anche se possiamo essere unici e
distinti, non siamo strani, eccentrici o
bizzarri. Anche se possiamo essere
peculiari in molti aspetti piacevoli alla
vista di Dio, anche se non alla vista degli
uomini, non dovremmo essere peculiari
in forme assurde o stravaganti nelle
quali Dio non si compiacerebbe. I
fanatici o i veneratori non sono il Suo
popolo peculiare. Noi non dovremmo
essere come coloro che si specializzano
nelle cose meno importanti e danno
uningiustificata importanza a pratiche
indesiderate solo per essere visti come
strani o eccentrici. In altre parole, noi
non dobbiamo essere come i Farisei che
calpestavano le questioni pi importanti
ed erano troppo preoccupati riguardo
le questioni pi piccole e insignificanti
soltanto per essere visti ed applauditi
dagli uomini.

Mentre non vi conformerete al


mondo, ricordatevi che la nostra fede
porta lo stampo della singolarit e ci
rende un popolo peculiare. Pertanto,
dovrebbero essere evitate tutte le
vecchie nozioni, le peculiarit
individuali e i piani ristretti che
darebbero delle impressioni false.
Nessuno degli operai dovrebbe produrre
delle croci e dei doveri; poich la Bibbia
ha dato la regola, la croce, la via.2
Il popolo peculiare popolo
che Dio possiede per
creazione
Tutta la terra e ogni cosa in essa
appartengono a Dio (Salmo 24:1;
50:10); eppure di tutti i Suoi
possedimenti, c uno che Egli apprezza
al di sopra di tutti. La Sua promessa :
se ubbidite davvero alla mia voce e
osservate il mio patto, sarete fra tutti i
popoli il mio tesoro particolare (Esodo
19:5).
Noi siamo [di Dio] per creazione e
per redenzione. I nostri stessi corpi non
sono nostri, per trattarli come ci piace,
per danneggiarli con abitudini che
portando alla decadenza, rendono
impossibile dare a Dio il servizio
perfetto. La nostre vita e tutte le nostre
facolt appartengono a Lui. 3
Questo concetto del possesso
speciale di Dio viene registgrato in due
insolite parole usate nel Nuovo
Testamento: peripoiesis (1Pietro 2:9) e
periousios (Tito 2:14). La versione del
re Giacomo (in inglese) rende queste
con
laggettivo
peculiare.
Sfortunatamente, questa parola inglese
pu significare 1) strano, curioso,
eccentrico, oppure 2) speciale, distintivo
o di proprio possesso. Alcune persone
attaccano inconsapevolmente il primo
di questi significati ai passi biblici. Il

secondo significato, comunque, che


meno familiare, realmente molto pi
vicino allidea biblica. Eppure anche
esso non trasmette pienamente il vero
significato delle parole. 1Pietro 2:9 si
riferisce alla chiesa come ad una
generazione eletta, un real sacerdozio,
una gente santa , un popolo che Dio s
acquistato. In Tito 2:14 la parola
similmente connota lidea del popolo
di Suo speciale possesso.
Il possedimento di Dio per
redenzione
Noi siamo il prezioso possedimento
di Dio per lo straordinario prezzo che
Egli ha pagato per acquistarci il
sacrificio del Suo Figlio.
Noi diventiamo popolo di Dio per
la Sua creazione e redenzione. Quando
Dio ci redime, noi diventiamo Suoi.
Redimere significa ricomprare.
Questa parola trae il suo significato dalla
parola mercato. Questa parola viene
usata altrove per riferirsi al rilascio di
uno schiavo o prigioniero su pagamento
di un riscatto. Dio ha redento il Suo
popolo Israele dalla schiavit in Egitto.
Pi importante, Cristo ha liberato il
Suo popolo dalla schiavit del peccato
(Isaia 1:2-9). Un tempo noi
appartenevamo al peccato ed eravamo
tenuti schiavi dallempio. Mentre
eravamo in schiavit al peccato, noi non
potevamo godere la comunione con Dio.
Cristo ha pagato un prezioso prezzo per
il nostro riscatto versando il Suo stesso
sangue per noi. Sapendo che non con
cose corruttibili, con argento o con oro,
siete stati riscattati dal vano modo di
vivere tramandatovi dai padri, ma col
prezioso sangue di Cristo, come
dagnello senza difetto n macchia
(1Pietro 1:18,19). Solamente il prezioso
sangue di Cristo non il sangue di
qualche uomo e neanche di qualche
angelo poteva redimerci.
Tutti coloro che amano il Signore
come la loro parte in questa vita saranno
sotto il Suo controllo e riceveranno il
segno, il suggello di Dio, che dimostra
che essi sono il speciale possedimento
di Dio. 4
Se Cristo vi ha redento, allora non
dovete pi a lungo servire il peccato,
ma invece il vostro Signore e Maestro.
Egli ha diritto su di voiVoi. Non siete

vostri e non potete comportarvi come


vi piace! Voi siete stati riscattati non
solamente per la vostra felicit personale
e gratificazione, ma anche per la Sua
gloria. Voi siete stati liberati dal peccato
e ora siete Suo possedimento.
Questa elevata posizione del nostro
essere come tesoro speciale di Dio porta
con s alcune gravi responsabilit. Noi
siamo invitati a proclamare le
eccellenze di Colui che ci ha chiamati
dalle tenebre alla Sua meravigliosa luce
(1Pietro 2:9) e dobbiamo essere zelanti
di buone opere (Tito 2:14). Proprio
come Israele, il popolo di Dio
nellAntico Testamento, fu chiamato a
portare la testimonianza nel suo mondo,
cos la chiesa, la peripoiesis di Dio,
viene ora invitata a portare la
testimonianza nel nostro mondo.
Un unico e speciale tesoro
che deve essere purificato
Noi diventiamo il popolo di Dio per
purificazione. Tutti hanno peccato e
son privi della gloria di Dio (Romani
3:23) e siccome Dio perfetto nella
santit e odia il peccato, il Suo popolo
deve essere purificato se deve godere
della comunione con Lui. Beati i puri
di cuore, perch essi vedranno Iddio
(Matteo 5:8). Dio non pu guardare il
male e gli uomini cattivi non possono
vedere Dio. In altre parole, solamente
gli uomini santi possono vedere Dio,
com scritto in Ebrei 12:14:
Procacciate pace con tutti e la
santificazione senza la quale nessuno
vedr il Signore. Cos, per diventare
santo, ci deve essere la purificazione
(santificazione) cosicch Dio sar in
grado di guardarci con favore e noi un
giorno vedremo Dio.
Ogni volta che pecchiamo,
diventiamo contaminati da quel
peccato. Come diventiamo purificati
sotto il nuovo patto? Se confessiamo i
nostri peccati, Egli fedele e giusto da
rimetterci e purificarci da ogni
iniquit (1Giovanni 1:9). Noi non
abbiamo bisogno di passare per un
rigoroso ed elaborato rituale, ma
dobbiamo semplicemente volgerci a Dio
in preghiera, pentendoci dei nostri
peccati, confessandoli al Signore. Egli
ci purificher. Siccome la grazia di Dio
allora abbondata, continueremo nel

peccato? Cos non sia. (Vedi Romani


6:1-15).
La religione di Ges Cristo mai
degrada il ricevitore. Se trova uomini
e donne terreni, comune, sgarbati,
scortesi nelle parole, duri nel parlare,
egoisti e preoccupati di se stessi, la
verit ricevuta nel cuore inizia il suo
processo di purificazione e
raffinamento. Nelle parole, nel
vestiario, in tutte le nostre abitudini, si
vede la riforma e quelle cose che
piacciono a Dio. Allora il mondo pu
vedere la sua influenza nel processo di
trasformazione.5
Come popolo di Dio, noi dovremmo
seguire lordine del Signore: Siate
santi, perch Io sono santo (1Pietro
1:16); Siate perfetti com perfetto il
Padre vostro che nei cieli (Matteo
5:48).
Un popolo peculiare che porta
la testimonianza al mondo
Noi possiamo portare la
testimonianza solamente imitando
Cristo nella nostra vita non facendo
le cose col metodo naturale, carnale ma
facendo ogni cosa col metodo di Cristo.
Il frutto dello Spirito descritto in
Galati 5:22,23 e ci sono anche parecchi
aspetti dei modelli cristiani che il nostro
Salvatore menzion nel Suo sermone
sul Monte:
Prendete, per esempio, la questione
della vendetta. Lantico metodo carnale
diceva che se qualcuno mi faceva un
torto, avevo diritto ad affrontarlo ed
ottenere ci che mi era dovuto. Poi fu
istituita lidea dellocchio per occhio,
dente per dente, non per dare dei diritti
illimitati su cui rivalersi limitando la
punizione ad una risposta comparabile
alloffesa si intendeva piuttosto frenare.
Ma ora Cristo venuto e noi siamo un
popolo comprato col Suo sangue. Egli
ci ordina di seguire un modello molto
pi alto: per esempio, essere colpito
sulla guancia era una condizione di
insulto. Si doveva colpire laltra persona
sulla guancia con il retro della mano.
Quando siamo insultati, la nostra
risposta naturale quella di reagire, ogni
colpo diventava sempre pi duro. Ma
Ges ci dice invece di rispondere al
male con la grazia. Non rendete ad
alcuno male per male (Romani 12:17).

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

17

Quando facciamo questo, siamo come


Cristo che pat lultima umiliazione;
Egli mor per le mani di coloro che Egli
era venuto a salvare. Ges aveva ogni
diritto per essere arrabbiato, per reagire,
per chiamare gi gli angeli del cielo e
per distruggere tutta lumanit.
Tuttavia, Egli si sottomise al male degli
uomini e fece sbocciare il bene da esso.
Noi siamo stati chiamati ad essere
un popolo peculiare. Dobbiamo amare
i nostri nemici. Se amate solamente
coloro che vi amano, non fate meglio
dei pubblicani quei corrotti
raccoglitori delle tasse, i pi grandi
approfittatori del popolo del loro tempo.
Se salutate solamente coloro che vi
piacciono, non fate meglio del pi vile
pagano. Invece, Dio ci ordina di amare
gli altri come Egli ci ama. La ragione
per cui noi dovremmo essere una
preziosa propriet di Dio, unica e
speciale che Lui ci ha chiamati,
ordinati, scelti e identificati come i Suoi
figli e figlie. Noi diventiamo figli e
figlie di Dio attraverso il ricevimento
di Cristo e a tutti quelli che lhanno
ricevuto Egli ha dato il diritto di
diventar figliuoli di Dio; a quelli, cio,
che credono nel suo nome (Giovanni
1:12).
Essere tra il popolo di Dio significa
ubbidire ai Suoi comandamenti e
osservare il Suo patto. Voi vorrete
piacergli perch Egli ha cambiato il
vostro cuore, scrivendo la Sua legge in
esso. Infatti, tu sei un popolo
consacrato al Signore tuo Dio. Il
Signore, il tuo Dio, ti ha scelto per essere
il suo tesoro particolare fra tutti i popoli
che sono sulla faccia della
terra.(Deuteronomio 7:6). Che
maestoso privilegio!
Ma insieme con il grande privilegio
viene la grande responsabilit. Cristo
purifica un Suo popolo speciale e se vi
ha scelto perch possiate diventare
zelanti di buone opere. Siete zelanti?
Oppure siete apatici, esitanti e
indifferenti nel vostro servizio a Cristo?
Dio vuole persone che siano serie nel
svolgere la Sua attivit facendo la Sua
volont. Egli non vi ha salvato per fare
la Sua volont in modo riluttante. Egli
non vi ha redento per ubbidire alla Sua
parola tiepidamente e per rendere un
servizio tiepido. Egli sta cercando
persone zelanti quelli che faranno

18

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

qualsiasi cosa Dio dice immediatamente


con il pi grande entusiasmo. Potrete
provare e ristabilire un matrimonio che
si sta rompendo. Potete raggiungere
qualcuno che in basso, fuori e
rigettato dalla societ. Potreste aiutare
un ubriaco a vincere il suo peccato. La
Bibbia dice, Sappia colui che chi
converte un peccatore dallerror della
sua via salver lanima di lui dalla morte
e coprir moltitudine di peccati
(Giacomo 5:20).
Caratteristiche visibili
(esterne di fuori)
a. Osservate i comandamenti e la
fede di Ges in amorevole risposta al
Suo amore (1Giovanni 4:19; Giovanni
14:15; Apocalisse 14:12). E lEterno
tha fatto oggi dichiarare che gli sarai
un popolo specialmente suo, comegli
tha detto, e che osserverai tutti i suoi
comandamenti, ondegli ti renda eccelso
per gloria, rinomanza e splendore su tute
le nazioni che ha fatte, e tu sia un popolo
consacrato allEterno, al tuo Dio,
comegli tha detto (Deuteronomio
26:18,19). Dio accetta coloro che
opereranno per la gloria del Suo nome,
per lodare il Suo nome in un mondo di
apostasia e di idolatria. Egli sar
innalzato dal Suo popolo che osserva i
comandamenti.6
b. Seguite un cos dice il Signore.
La parola di Dio deve essere
riconosciuta come al di sopra di tutta la
legislazione umana. Un Cos dice il
Signore non deve essere messo da parte
per un Cos dice la chiesa o un cos
dice lo stato. La corona di Cristo deve
essere innalzata al di sopra dei diademi
dei potentati terreni.7
c. La riforma nel vestiario. Quando
la chiesa sar convertita, ci sar una
riforma nel vestiario molto grande.8
d. La riforma nellosservanza del
Sabato. Che cosa richiede il Signore
da noi? Losservanza del Suo Sabato,
come un patto perpetuo. Dio desidera
che ogni famiglia porti questo suggello.
In questo modo noi possiamo
dimostrare che siamo leali e fedeli ai
Suoi comandamenti.9
e. La riforma nei principi sanitari.
[Dio] richiede una riforma decisa.
Tutta la creazione sta soffrendo sotto
la maledizione. Il popolo di Dio
dovrebbe mettersi dove crescer nella

grazia, essendo santificato, corpo,


anima e spirito, dalla verit. Quando
rinuncer ad ogni indulgenza che
distrugge la salute, avr un percezione
pi chiara di cosa costituisce la vera
devozione. Un meraviglioso
cambiamento sar visto nellesperienza
religiosa.10
f. Nel mondo, ma non del mondo
(Giovanni 17:16).
Dei zelanti e altruisti discepoli di
Cristo scritto che Ges non si
vergognava di chiamarli fratelli, cos
pienamente essi manifestarono il Suo
Spirito e portarono la Sua somiglianza.
Con le loro opere essi costantemente
testimoniavano che questo mondo non
era la loro casa; la loro cittadinanza era
in cielo; essi stavano cercando un paese
migliore, quello celeste. La loro
conversazione e i loro affetti erano sulle
cose celesti. Essi erano nel mondo, ma
non del mondo; nello spirito e nella
pratica essi erano separati dalle sue
massime e dalle sue usanze. Il loro
esempio quotidiano testimoniava che
essi stavano vivendo per la gloria di
Dio. Il loro grande interesse, come
quello del loro Maestro, era per la
salvezza delle anime. Pere questo essi
faticavano e si sacrificavano, non
considerando la loro vita cara per loro.
Con la loro vita e il loro carattere essi
fecero un luminoso sentiero in direzione
del cielo. A questi discepoli Ges pu
guardare con soddisfazione come Suoi
rappresentanti.
Essi
non
rappresenteranno malamente il Suo
carattere.11
La nostra unica sicurezza
mantenersi come il popolo peculiare di
Dio. Noi non dobbiamo cedere neanche
di un centimetro alle usanze e alle mode
di questa epoca degenerata, ma essere
moralmente indipendenti, non facendo
alcun compromesso con le sue pratiche
corrotte e idolatriche. 12
g. Nessuna frode conversazione
pura e graziosa. Poich dalle tue parole
sarai giustificato, e dalle tue parole sarai
condannato. (Matteo 12:37). E detto
del rimanente peculiare di Dio che nella
bocca loro non stata trovata
menzogna: sono irreprensibili
(Apocalisse 14:5). Se rappresentiamo
Cristo al mondo, noi saremo puri di
cuore, nella vita, nel carattere; saremo
santi nella conversazione; non ci sar

alcuna frode nei nostri cuori o sulle


nostre labbra.13
h. Zelanti nelle opere buone. Ges
dice, cos risplenda la vostra luce nel
cospetto degli uomini, affinch veggano
le vostre buone opere e glorifichino il
Padre vostro che nei cieli (Matteo
5:16). Le Scritture sono date affinch
luomo di Dio sia compiuto, appieno
fornito per ogni opera buona
(2Timoteo 3:17).
i. Praticare la pura religione. La
religione pura e immacolata dinanzi a
Dio e Padre questa: visitar gli orfani
e le vedove nelle loro afflizioni, e
conservarsi puri dal mondo (Giacomo
1:27).
j. Studiare la Parola. Studiati di
presentar te stesso approvato dinanzi a
Dio: operaio che non abbia ad esser
confuso, che tagli rettamente la parola
della verit (2Timoteo 2:15).
k. Diffondere il vangelo. E disse
loro: andate per tutto il mondo e
predicate levangelo ad ogni creatura
(Marco 16:15).
l. Essere dediti alla preghiera. Non
cessate mai di pregare; in ogni cosa
rendete grazie, poich tale la volont
di Dio in Cristo Ges verso di voi
(1Tessalonicesi 5:17,18).
Caratteristiche interiori
a. Crescere nella grazia e nella
conoscenza di Cristo. Crescete nella
grazia e nella conoscenza del nostro
Signore e Salvatore Ges Cristo
(2Pietro 3:18).
b. Radicati e fondati nella fede
(Colossesi 2:7).
c. Avere la speranza della salvezza.
Buona cosa aspettare in silenzio la
salvezza dellEterno (Lamentazioni
3:26).
d. Avere la conversazione sincera.
Se non mutate e non diventate come i
piccoli fanciulli, non entrerete punto nel
regno dei cieli (Matteo 18:3).
e. Pentiti dei peccati. Ravvedetevi
dunque e convertitevi, onde i vostri
peccati siano cancellati, affinch
vengano dalla presenza del Signore dei
tempi di refrigerio (Atti 3:19,20).
f. Odiare il peccato. Tu ami la
giustizia e odi lempiet. Perci lIddio,
lIddio tuo, ti ha unto dolio di letizia a
preferenza dei tuo colleghi (Salmo
45:7).

g. Ubbidire alla voce di Dio. Deh,


ascolta la voce dellEterno in questo
che ti dico: tutto andr bene per te, e tu
vivrai (Geremia 38:20).
h. Avere compassione e un peso per
le anime. Infine, siate tutti concordi,
compassionevoli, pieni damor
fraterno, pietosi, umili (1Pietro 3:8).
i. Esser stati giustificati (Atti 13:39).
j. Diventare santificati (purificati)
(Atti 20:32).
k.Essere glorificati (Romani 8:30).
l. Desiderare e sperare di essere con
il Signore per sempre (1Tessalonicesi
2:19).
La pupilla del Suo occhio Dio
protegge i Suoi
Dio ha cura del Suo popolo. Ges
ha promesso, Io non ti lascer, e non
ti abbandoner (Ebrei 13:5). Le mie
pecore ascoltano la mia voce, e io le
conosco, ed esse mi seguono; e io do
loro la vita eterna, e non periranno mai,
e nessuno le rapir dalla mia mano. Il
Padre mio che me le ha date pi
grande di tutti; e nessuno pu rapirle di
mano al Padre. (Giovanni 10:27-29).
Poich la parte dellEterno il suo
popolo, Giacobbe la porzione della
sua eredit. Egli lo trov in una terra
deserta, in una solitudine piena durli e
di desolazione. Egli lo circond, ne
prese cura, lo custod come la pupilla
dellocchio suo (Deuteronomio
32:9,10).
Agli angeli celesti ordinato di
vegliare sulle pecore del pascolo di
Cristo. Se Satana con le sue trappole
ingannevoli ingannasse, se possibile,
proprio gli eletti, questi angeli
metterebbero in azione le influenze che
salveranno i tentati, se questi faranno
attenzione alla Parola del Signore, si
renderanno conto del loro pericolo e
diranno: No, non entrer in quello
schema di Satana. Io ho un Fratello
Maggiore sul trono in cielo, il quale ha
dimostrato che ha un tenero interesse
per me e io non rattrister il Suo cuore
amorevole. Io so e sono sicuro che Egli
sta vegliando sui Suoi figli, tenendoli
come la pupilla dellocchio Suo. Il Suo
amore non diminuisce. Io non rattrister
il cuore di Cristo; non cercher di
diventare un tentatore per gli altri. 14
Non dovrebbe essere unimmensa
fonte di conforto e il pi grande

incentivo per la vita santa il fatto che


agli occhi di Dio noi siamo la Sua
propriet preziosa? Miei cari fratelli e
sorelle, dimorate su questa solenne
verit che cosa siete voi per Dio e che
cosa Dio per voi specialmente
quando attraversate le acque agitate e
passate per i tempi difficili che stanno
prendendo tutta la vostra attenzione.
Possa Dio benedire tutti noi poich
ci siamo imposti di essere SUOI
collaboratori, accettando Ges Cristo
come il nostro grazioso Signore e
Salvatore, mentre commemoriamo
lottantesimo anniversario della
preziosa propriet di Dio IL SUO
POPOLO
PECULIARE.
Dimostriamoci degni davanti a Colui
che ha dato la Sua vita per ognuno di
noi. Siamo fedeli in fondo dellanima,
rendendoci conto della vicinanza della
venuta del nostro caro Signore e
Salvatore. Amen.
Riferimenti
1

Our High Calling. p. 345.


Testimonies to Southern Africa, p. 12.
3
Medical Ministry, p.275,276.
4
The SDA Bible Commentary [E.G.
White Commets], vol. 7, p. 969.
5
Our High Calling, p. 34.
6
Manuscript Releases, vol. 1, p. 118.
7
Gospel Workers, p. 390.
8
Special Testimonies to the Oakland
and Battle Creek Churches, p. 14,15.
9
The Review and Herald, 17 aprile
1900.
10
Idem, 27 maggio 1902.
11
The Signs of the Times, 22 dicembre
1890.
12
Testimonies, vol. 5, p. 78.
13
Lift Him Up, p. 326.
14
The SDA Bible Commentary [E.G.
White Commets], vol. 7, p. 922.
2

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

19

MARTED, 21 GIUGNO

UN POPOLO MISSIONARIO
EDUARDO LAINEZ SCRITTO DALLHONDURAS

el libro di Isaia, capitoli 51 e


52, il Signore presenta una
bellissima profezia della
speranza e conforto per il Suo popolo
amato e afflitto che doveva passare per
un lungo, faticoso periodo di angoscia
sotto la cattivit dei suoi nemici. Esso
chiamato ad osservare e considerare
la sua eredit attraverso il suo antenato
Abramo, lamico di Dio un uomo di
una profonda fede, della quale non si
vergognava. Abramo confid nella
promessa che Dio lo avrebbe benedetto
moltiplicando il suo seme per diventare
una grande nazione attraverso il potere
dellOnnipotente, rivelato ad un mondo
che non conosce Lui n il Suo sincero
carattere di bont e di amore.
Il Signore ci invita a contemplare e
a considerare il grande privilegio offerto
nelle seguenti parole: Ascoltatemi, voi
che procacciate la giustizia, che cercate
lEterno! Considerate la roccia onde
foste tagliati, e la buca della cava onde
foste cavati. Considerate Abrahamo
vostro padre, e Sara che vi partor;
poich io lo chiamai, quandegli era
solo, lo benedissi e lo moltiplicai (Isaia
51:1,2). La frase Io lo chiamai rivela
che Abramo non pot offrire alcuna
obiezione o scusa quando gli giunse
linvito di uscire dalla sua terra natale
e da ogni legame familiare per seguire
i passi coi quali la divina Provvidenza
lo avrebbe guidato in territori
sconosciuti. Egli dovette intraprendere
una missione evangelistica in favore di
un popolo ignorante e idolatra,
rivelando la giustizia, la misericordia e
la verit del Dio dei cieli. Per fede

20

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

Abramo, essendo chiamato, ubbid, per


andarsene in un luogo chegli avea da
ricevere in eredit; e part senza sapere
dove andava (Ebrei 11:8).
Per imprimere nel Suo popolo un
senso del privilegio e della
responsabilit, il Signore ci ordina di
considerare la roccia da cui foste
tagliati. In altre parole, non dobbiamo
mai dimenticare che siamo chiamati a
compiere una missione simile a quella
del nostro padre Abramo. Essere figli
di Abramo non significa solamente fare
delle presuntuose rivendicazioni di
questo invito. Piuttosto, ci implica una
valorosa, sacra promessa di essere degli
evangelisti altruisti come lo era Abramo.
Lo scopo di Dio era che attraverso
la sua cattivit, il Suo amato popolo
imparasse le importanti lezioni che lo
avrebbero aiutato a cercarLo con tutto
il loro cuore e ad essere pi pronto a
compiere il principale scopo di Dio nel
far di esso una grande nazione. Nella
profezia che stiamo considerando, il
Signore promette di liberare il Suo
popolo e ristabilirlo in una posizione
dove esso possa esercitare uninfluenza
che salva per le nazioni che lo
circondano e per tutto il mondo. La
profezia dice:Cos lEterno sta per
consolare Sion, consoler tutte le sue
ruine; render il deserto di lei pari ad
un Eden, e la sua solitudine pari a un
giardino dellEterno. Gioia ed
allegrezza si troveranno in mezzo a lei,
inni di lode e melodia di canti. (Isaia
51:3). Il Signore desidera che il Suo
popolo si rallegri con gratitudine per la
Sua generosa redenzione nel liberarlo

dai suoi nemici, per ristabilirlo al fine


di essere una nazione libera che possa
godere la pace e la tranquillit senza il
minimo
timore
di
essere
obbligatoriamente separato dai propri
cari, per poter adorare il suo Dio in
libert. Per queste benedizioni esso
doveva essere entusiasta nel proclamare
le grandi cose che Dio ha operato in
suo favore.
Una luce del popolo
In continuazione il Signore dice,
secondo la profezia di Isaia, prestatemi
attenzione, o popolo mio! Porgimi
orecchio, o mia nazione! Poich la legge
proceder da me, ed io porr il mio
diritto come luce dei popoli (Isaia
51:4). Dio, chiaramente, supplica
Israele per adempiere con fedelt il suo
ruolo come Suo designato missionario
e non solamente ad esso nellantico,
ma pure a noi oggi. Egli si sta
rivolgendo a noi affinch facciamo
attenzione a questa alta chiamata come
lIsraele spirituale che confida nella
verit presente e nella Sua salvezza in
questi ultimi giorni, rivelando la luce
della verit che deve illuminare ogni
anima sulla facci dalla terra.
Quando comprendiamo la grazia del
nostro Padre e nostro Redentore Ges
Cristo, noi che crediamo e accettiamo
il piano della redenzione abbiamo un
profondo apprezzamento per la nostra
liberazione dalla crudele schiavit del
peccato. Non possiamo frenarci
dallesprimere nelle parole e nelle
azioni la nostra grande gioia e
gratitudine al nostro meraviglioso Padre

celeste per aver dato questa benedetta


salvezza. Quando siamo imbevuti del
glorioso pensiero di esso, andiamo
dappertutto ove possibile condividere
la benedetta esperienza che abbiamo
scoperto nel conoscere il nostro
affezionato Pastore.
In Isaia 60:1-3, il Signore ci ordina:
Sorgi, risplendi, poich la tua luce
giunta, e la gloria dellEterno s levata
su te! Poich, ecco, le tenebre coprono
la terra, e una fitta oscurit avvolge i
popoli; ma su te si leva lEterno, e la
sua gloria appare su te. Le nazioni
cammineranno alla tua luce, e i re allo
splendore del tuo levare.
Noi stiamo vivendo nel tempo
delladempimento di questa profezia; il
mondo avvolto nelle tenebre
spirituali, i crimini e il disprezzo dei
diritti degli altri sono allordine del
giorno. Non c alcuna sicurezza civile
e la gente non sa quale terribile cosa
potrebbe succedere in qualsiasi
momento dato che la maggioranza non
teme Dio; essa tenuta schiava nelle
grinfie di Satana ed impulsivamente
mossa dal suo spirito, suscitando dolore
e angoscia nellintera famiglia umana.
Lo Spirito di Profezia ci dice:
Questo un tempo di tenebre spirituali
nelle chiese in generale. Lignoranza
delle cose divine ha allontanato la
cristianit da Dio e dalla verit. Intanto
le forze del male si stanno coalizzando
e Satana lusinga I suoi collaboratori:
Egli far unopera tale da sedurre tutto
il mondo. Mentre nella chiesa si nota
una parziale inattivit, Satana e I suoi
accoliti sono sempre allazione. Le
chiese che si dicono cristiane non stanno
convertendo il mondo, perch esse stesse
sono corrotte dallegoismo e
dallorgoglio. Esse hanno bisogno di
sentire la potenza rigeneratrice di Dio,
prima di poter condurre altri a un ideale
di vita pi puro e pi elevato.1
Ora pi che mai linvito di Dio di
svegliarsi e brillare con la luce della
conoscenza di Dio di grande
importanza, poich molte anime stanno
desiderando una via migliore di quella
che hanno conosciuto prima. E il nostro
dovere aiutarle dirigendo i loro piedi
nel sentiero della verit. La via pi
efficace per fare questo brillare come
un esempio di leale fedelt ai principi
della parola di Dio, ubbidendo

esplicitamente ai Suoi comandamenti


attraverso la fede in Ges.
In Matteo 5:16, il Signore espresse
questa grandiosa verit quando disse,
Cos risplenda la vostra luce nel cospetto
degli uomini, affinch veggano le vostre
buone opere e glorifichino il Padre vostro
che nei cieli.
Risvegliati, rivestiti della tua
forza
I messaggi contenuti nel libro di
Isaia per lantico Israele risuonano di
un significato anche pi grande nel
nostro tempo: Risvegliati, risvegliati,
rivestiti della tua forza,o Sion! Mettiti
le tue pi splendide vesti, o
Gerusalemme, citt santa! Poich da ora
innanzi non entreranno pi in te n
lincirconciso n limpuro. Scuotiti di
dosso la polvere, levati, mettiti a sedere,
o Gerusalemme! Sciogliti le catene dal
collo, o figliuola di Sion che sei in
cattivit (Isaia 52:1,2). Qu noi siamo
presentati con una ripetizione dellinvito
a svegliarsi dal sonno spirituale che in
questi ultimi giorni il nemico delle
anime ha gettato sul popolo di Dio il
Suo popolo che sta dimorando proprio
sui confini del mondo eterno, con cos
poco tempo davanti prima di vedere il
nostro Redentore faccia a faccia. E
questo tanto pi dovete fare,
conoscendo il tempo nel quale siamo;
poich ormai che vi svegliate dal
sonno; perch la salvezza ci adesso
pi vicina di quando credemmo
(Romani 13:11). Se la chiesa non
dormisse, se i discepoli di Cristo
vegliassero e pregassero, avrebbero la
luce per comprendere e discernere i
movimenti del nemico.
La fine vicina! Dio invita la chiesa
a mettere in ordine ogni cosa. Come
collaboratori di Dio, voi siete invitati
dal Signore a condurre altri con voi nel
suo regno. Voi siete gli agenti viventi
di Dio, I canali di luce per il mondo;
gli angeli del cielo che sono intorno a
voi sono stati incaricati da Cristo di
accompagnarvi, di fortificarvi e di
sostenervi nel vostro lavoro per la
salvezza delle anime
Se le chiese comprendessero ci che
potrebbe essere fatto e accettassero le
loro responsabilit, i membri
continuerebbero ancora a dormire o non
vorrebbero, piuttosto, corrisponder

allonore conferito dalla misericordiosa


provvidenza divina? Accetteranno essi
la responsabilit dei talenti ricevuti?
Non avvertiranno la necessit di
fronteggiare lurgente e critica
situazione che si sta preparando? Che
tutti si scuotano e manifestino al mondo
la loro fede viva! Dinanzi al mondo si
va profilando la soluzione finale e Cristo
sta per venire. Gli uomini debbono
rendersi conto che noi crediamo
realmente di essere giunti alla soglie del
mondo eterno.2
Unaltra frase che il Signore usa in
questi versetti la seguente: Scuotiti
di dosso la polvere;sciogliti le catene
dal collo. Scuotersi dalla polvere
significa entrare in un intensa attivit;
noi possiamo paragonare questo
perfettamente agli strumenti di metallo
che vengono usati per svolgere vari
compiti. Fin quando gli strumenti
vengono usati, essi rimangono puri e
taglienti, ma non appena sono lasciati
nellozio, la polvere li copre, si
arrugginiscono e presto diventano inutili
per lo scopo per il quale sono stati fatti.
Sciogliti dalle catene del tuo collo.
Quali sono le catene che stanno
impedendoci di fare lopera di Dio con
fervore? Per alcuni possono essere le
preoccupazione e le cose temporali di
questa vita. Ges ci ordina: Badate a
voi stessi, che talora i vostri cuori non
siano aggravati da crapula, da
ubriachezza e dalle ansiose sollecitudini
di questa vita, e che quel giorno non vi
venga addosso allimprovviso come un
laccio (Luca 21:34). Queste cose
assorbono il nostro tempo. Presto i
giorni, i mesi e gli anni passeranno e
noi non avremo fatto lopera alla nostra
portata in favore delle anime. Tutto
termina solamente nelle buone
intenzioni, mentre la speranza di iniziare
a lavorare viene lasciata per domani.
Pu essere che quel domani non verr
mai. Allimprovviso, le persone con le
quali pensavamo di parlare possono
essere al di fuori della nostra portata.
Alcune circostanze possono cambiare la
loro opera o residenza oppure possono
persino morire inaspettatamente. Lo
stesso potrebbe succedere a noi. A
dispetto delle nostre migliori intenzioni,
a causa di certe circostanze, pu essere
che non rivedremo pi quelle anime,
potremo solamente lamentarci per
La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

21

quello che avremmo potuto fare ma che


non lo abbiamo mi fatto.
Per gli altri, lattrazione del mondo
occupa la mente e non permette loro di
avere un chiaro discernimento o una
comprensione del valore delle loro
anime, le anime dei loro fratelli, o di
qualsiasi essere umano fatto
allimmagine di Dio.
Tutto questo ci ostacola dallavere
una completa consacrazione a Dio.
Siamo anche impediti di avere una fede
paziente e perseverante per operare per
la salvezza di coloro per i quali Cristo
ha dato la Sua vita. Noi abbiamo
bisogno che lo Spirito Santo di Dio si
muova sul sentiero del nostro cuore
affinch noi possiamo vedere per fede
il nostro amato Redentore Ges Cristo
appeso sulla crudele croce nella
dolorosa agonia, pagando il prezzo per
la nostra colpa. Allora il Suo amore
sottometter la nostra vita e sar
impossibile rimanere passivi,
indifferenti e avari nel condividere il
dono della salvezza con gli altri per i
quali Cristo morto.
Il servitore del Signore ordina alle
chiese in ogni conferenza di essere
separate e distinte dal mondo nel
mondo, ma non di esso, riflettendo i
luminosi raggi del Sole della Giustizia,
essendo puri, santi e incontaminati e
portando, nella fede, la luce nelle strade
primarie e in quelle secondarie della
terra.
Che le chiese si sveglino prima che
sia troppo tardi. Che ogni membro
svolga il proprio compito, rivendicando
il nome del Signore da cui stato
chiamato. Che una fede salda e una piet
sincera si sostituiscano allincredulit e
allinerzia. Quando la fede si aggrappa
a Cristo, la verit diventa una delizia
per lanima e allora I servizi religiosi

22

La settimana di consacrazione -- 17-26


17-26 giugno
giugno 2005
2005

non sono pi n tediosi, n privi di


interesse.3
La chiesa, una scuola pratica
Il
principale
scopo
nellorganizzazione della chiesa del
nostro Signore Ges Cristo fu quello
di provvedere un mezzo col quale
portare il Vangelo in ogni angolo della
terra. Con questo scopo, in mezzo ai
Suoi discepoli furono scelti dodici,
uomini di caratteri e culture differenti;
alcuni di loro sembravano avere solo
poche speranze o doni intellettuali. Ma
Ges vide in loro la sincerit di cuore e
sotto la Sua istruzione essi divennero
uomini capaci ai quali fu affidata la
grande opera di predicazione del
Vangelo, portando avanti lopera
iniziata durante il breve periodo del Suo
ministero. In Marco 3:13,14 leggiamo
che Cristo sal sul monte e chiam a
s quei chegli stesso volle, ed essi
andarono a lui. E ne costitu dodici per
tenerli con s e per mandarli a
predicare
Quando la parola di Dio dice che
fossero con lui non significa che essi
erano in uno stato di inattivit, poich
se non fossero stati con Lui nellattivit
costante, non sarebbero stati in grado
di imparare dal loro Maestro i metodi
pi efficaci, i quali essi dovevano
mettere in pratica dopo lascensione di
Cristo. Dopo averli istruito, Cristo li
mand a predicare il Vangelo dapprima
ai loro fratelli, le pecore perdute della
casa di Israele. Solamente allora essi
dovevano uscire a lavorare in mezzo alle
altre nazioni, finch il Vangelo non
sarebbe stato dato a tutto il mondo. In
questa stessa maniera la chiesa ha
bisogno di istruire i suoi membri
cosicch possano occupare un posto
nella vigna del Signore ognuno deve

essere attivo nella sua sfera del


particolare dovere missionario.
Molti vorrebbero lavorare se
fossero istruiti a come iniziare. Essi
hanno bisogno di essere istruiti e
incoraggiati.
Ogni chiesa deve essere una scuola
di formazione per il servizio cristiano.
Si dovrebbe insegnare ai membri a
presentare studi biblici, prepararli ad
animare le classi della Scuola del
Sabato, aiutare i poveri, curare i malati
e testimoniare in favore dei non
credenti. Dovrebbero essere organizzati
corsi di educazione sanitaria, cucina e
qualsiasi forma di assistenza cristiana.
Linsegnamento non dovrebbe essere
semplicemente teorico, ma pratico sotto
la guida di istruttori capaci. Gli
insegnanti devono dare lesempio
lavorando direttamente fra la gente e
cos altri impareranno dal loro esempio.
Un esempio pi degno che molti
precetti.4
Lacqua vivente sgorga in vita
eterna
Durante il Suo ministero terreno
Cristo and a Gerusalemme per la festa
dei tabernacoli (Giovanni 7:10), una
festa di sette giorni che portava grande
gioia ad ogni abitante in Israele. Questo
avveniva alla fine dellanno ebraico poco
dopo il Giorno dellEspiazione, quando
Dio aveva accettato il Suo popolo in
pace. Era una commemorazione della
misericordia di Dio verso esso durante
il suo viaggio di pellegrinaggio nel
deserto. Tra le varie cerimonie della
festa cera una che aveva grande
significato ed era la causa di grande
gioia:
Alle prime luci del giorno sudiva
il suono squillante e prolungato delle
trombe dargento dei sacerdoti; ad esso

rispondevano altre trombe il cui suono


mescolato a grida di gioia riecheggiava
per le colline e le vallate. Era il primo
saluto al giorno festivo. Il sacerdote
riempiva una brocca con lacqua del
torrente Cedron, la sollevava al suono
delle trombe e saliva gli spaziosi gradini
del tempio, con passo lento e misurato,
a suon di musica, cantando: I nostri
passi si son fermati entro le tue porte, o
Gerusalemme (122:2).
Poggiava poi la brocca sullaltare,
al centro del cortile dei sacerdoti.
Lacqua della brocca veniva versata in
un catino dargento mentre in un altro
si versava il vino di unaltra brocca.
Vino e acqua, poi, scorrevano attraverso
un condotto, nel torrente Cedron, per
finire nel mar Morto.5
Lintera cerimonia veniva compiuta
come ricordo della fonte dellacqua viva
che scorreva dalla roccia su ordine di
Dio attraverso Mos e con la quale tutte
le persone spensero lardente sete. Ges
sal a questa festa e inizi a predicare
pubblicamente nel Tempio; la confusione
fu grande in mezzo alla moltitudine degli
ascoltatori che non potevano credere che
Egli era il Messia promesso. Sebbene
essi si erano meravigliati dei Suoi
insegnamenti, la maggioranza aveva dei
dubbi riguardo alla Sua rivendicazione
di essere il Figlio di Dio. Eppure fu Lui
che aveva spento la sete fisica dei loro
antenati nel deserto e ora era desideroso
di soddisfare la sete spirituale di molti
adoratori in questa occasione. Alla fine
di questa grande festa nazionale, Cristo
non perse la bellissima opportunit di
presentarsi chiaramente come lUnico
capace di soddisfare la sete spirituale
dellanima, poich Egli sapeva che
persino con tutta la abbagliante pompa
esteriore della festa, molti cuori erano
ancora vuoti e secchi e non sapevano
dove trovarLo.
Nellultimo giorno, quel grande
giorno della festa, Ges stava in piedi e
piangeva, dicendo, se qualcuno ha sete,
venga a me e beva. Chi crede in me,
come ha detto la Scrittura, fiumi
dacqua viva sgorgheranno dal suo
seno (Giovanni 7:37,38). Nessuno che
ha ricevuto Cristo con la vera fede nel
proprio cuore sar stagnante nella sua
esperienza. Ovunque vada sar

impressionato dallo Spirito Santo per


testimoniare della bont di Dio e sentir
il desiderio di far sapere agli altri come
anche essi possono sperimentare questo
nella loro vita. Proprio come la acque
naturali di un fiume scorrono giorno e
notte, impartendo la vita lungo il suo
corso, cos ogni vero cristiano una
fonte di acqua vivente che sgorga in vita
eterna.
Lo Spirito di Profezia commenta:
Ogni vero discepolo nasce nel regno
di Dio come missionario.
Colui che ha ricevuto, dona. La
grazia del Cristo per ogni spirito come
una sorgente nel deserto, che sgorga per
tutti, per offrire acqua viva a coloro
che stanno per morire.6
Coloro che hanno stretto col
Signore un patto si servizio, sono tenuti
a partecipare alla grande, anzi
grandissima opera della salvezza delle
anime.7
Una promessa infallibile
Cristo ricevette da Suo Padre
lautorit in cielo e sulla terra e, basato
su questa autorit, Egli ordin ai Suoi
discepoli di andare in tutto il mondo ad
insegnare a tutte le nazioni,
battezzandole nel nome del Padre, del
Figlio e dello Spirito Santo (Matteo
28:18-20). Uno degli ordini principali
era quello di insegnare ai nuovi
convertiti di osservare tutte le cose che
Egli aveva ordinato e di esemplificarle
nella vita quotidiana come quando Ges
era con loro sulla terra. Se fossero
rimasti fedeli per adempiere la Sua
opera nella loro vita personale e per fare
lopera missionaria in favore degli altri,
Egli sarebbe stato con loro fino alla
fine del mondo. Questa promessa
preziosa ha rinvigorito e incoraggiato
tutti i credenti in Cristo, persino nei
periodi pi solenni della storia della
chiesa cristiana. Questa stessa promessa
valida nel nostro tempo quando
siamo vicini pi che mai
alladempimento della nostra beata
speranza e noi non siamo soli quando
lavoriamo per la salvezza degli altri
anche mettendo in pericolo la nostra
stessa vita. Attraverso lo Spirito Santo,
Cristo ha promesso di essere con noi e
in noi in ogni momento e in ogni posto.

Cari fratelli e sorelle, giovani e


bambini, il mio desiderio nel Signor
Ges Cristo che durante il corso di
questa settimana di preghiera, lo Spirito
Santo possa illuminare il nostro
intelletto e toccare le corde pi sensibili
del nostro cuore. Possiamo
comprendere la verit del tempo e
vedere le nostre opportunit, il nostro
privilegio, la nostra responsabilit ed
essere dei partecipanti attivi e gioiosi
nel grandioso programma missionario
di Dio! Insieme allapostolo Paolo
possiamo dichiarare: Perch se io
evangelizzo, non ho da trarne vanto,
poich necessit me n imposta; e guai
a me, se non evangelizzo! Se lo faccio
volenterosamente, ne ho ricompensa;
ma se non lo faccio volonterosamente
pur sempre unamministrazione che
m affidata (1Corinti 9:16,17).
Possa lunzione celeste versarsi
abbondantemente su ogni fratello e
sorella nella beata fede di Ges Cristo;
possiamo noi essere riconosciuti in cielo
e sulla terra come coloro che hanno
imparato da Ges e sono un popolo
missionario!

.
Riferimenti
1

Testimonies, vol. 9, p. 65.


Idem, vol. 6, p. 436,43.
3
Idem, p. 437.
4
Sulle orme del gran Medico, p. 78,79.
5
La speranza delluomo, p.337.
6
Idem, p.136.
7
Testimonies, vol, 7, p.19.
2

Una necessit posta su di noi


La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

23

MERCOLED, 22 GIUGNO

UN POPOLO SANO

LIVIU TUDOROIU SCRITTO DAL CANADA.

oloro che si distruggono con le


loro stesse azioni non avranno
mai la vita eterna. Coloro che
continueranno ad abusare della salute e
del dono della vita dato da Dio a questo
mondo, non farebbero un giusto uso
della vita terrena e immortale se fosse
loro garantito il regno eterno di Dio.1
Linvasione dellinformazione
E quasi impossibile spiegare
tutte le strane meraviglie che si trovano
nella nostra societ oggi. Linvasione
dellinformazione cos fitta come la
nebbia a primavera. Dappertutto si sente
degli ibridi e dei mutamenti genetici,
insieme con uccelli, pecore, cavalli
clonati e persino dei tentativi con le
persone. Le riviste dappertutto vi
invitano ad una diversit multicolore
di ricette su come dimagrire in pochi
giorni, come guadagnare la perfetta
simmetria del vostro viso, come
prendere questa o quella vitamina per
mantenere il vostro corpo in buona
forma e, se avete sufficiente coraggio,
potete persino iscrivervi online per
partecipare ad un libero esperimento per
un istituto scientifico che opera su un
progetto segreto per creare i grandi
soldati universali. Sulle strade del
nostro mondo si pu sentire la frase:
Qual la novit? Questo stato poi
aggiornato in un Che succede?
Pertanto il titolo un popolo sano

24

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

non far tanta sensazione in un mondo


dove le mani, i piedi, gli organi vitali e
alla fine alcuni possono immaginare
persino il cervello, possono essere
sostituiti. Mi sembra che fin quando
questo piccolo elefante chiamato
scienza cresce sempre di pi senza
etica o regole morali, il nostro mondo
pu essere cos robotizzato che un
giorno avremo il linguaggio di una
lingua di ferro che parla di bellissimi
cimiteri, buoni ospedali, divorzi
necessari e alla fine, della selezione
naturale, come il cosiddetto padre
Charles Darwin cerc di insegnarci.
Questo perch quella meravigliosa
idea inzialmente designata da Dio un
popolo sano presto diverr la nostra
utopia mondiale.
Lanello mancante
Molti stanno soffrendo molto di pi
per le malattie dellanima che per quelle
del corpo e non troveranno alcun
sollievo fin quando non verranno a
Cristo, la fonte della vita. I lamenti di
stanchezza, solitudine e insoddisfazione
allora cesseranno. Le gioie di
soddisfazione daranno vigore alla mente,
salute ed energia vitale al corpo.2
Il fatto dannoso che si stanno
deprezzando quotidianamente i valori
fisici e mentali dellumanit nonostante
ci sia un diffuso interesse pubblico per
la salute e la felicit. C un anello

mancante. Qualcosa non va bene


riguardo allaspettativa della salute e
della felicit molti soldi sono spesi
invano proprio come fu il caso della
donna nella Bibbia che spese tutto quello
che aveva alla ricerca di una cura per il
suo flusso di sangue. Noi leggiamo in
Marco 5:25-29 che una donna che avea
un flusso di sangue da dodici anni, e
molto avea sofferto da molti medici,
ed avea speso tutto il suo senzalcun
giovamento, anzi era piuttosto
peggiorata, avendo udito parlar di Ges,
venne per di dietro fra la calca e gli
tocc la veste, perch diceva: Se riesco
a toccare non fossaltro che le sue vesti,
sar salva. E in quellistante il suo flusso
ristagn; ed ella sent nel corpo desser
guarita di quel flagello.
Lo Spirito di Profezia similmente
registra questo evento:
Nella folla cera una donna che era
stata a lungo afflitta da una malattia
dolorosa. Per dodici anni aveva sofferto
per questa malattia. Lei aveva speso
tutto quello che aveva per i medici e
non era niente migliorata, piuttosto
peggiorava. Le fu raccontato del potere
di Cristo, ma non si credeva degna della
Sua attenzione. Se solo potessi toccare
la Sua veste lei pensava, sar guarita.
Lei stava attenta alla sua opportunit e
Cristo nel Suo infinito amore,
conoscendo il desiderio del suo cuore,
si mosse in sua direzione. Per fede lei

stese la sua mano, tocc lorlo della Sua


veste e fu immediatamente guarita. La
sua fede non era sulla veste, ma sulla
virt che la veste copriva.3
Questa povera sofferente trov la sua
ultima e unica speranza in Ges. E
sempre stato cos. Ges cos spesso
lultimo nei nostri affari. Noi veniamo
a Lui solo quando non abbiamo alcuna
altra soluzione. Non possiamo parlare
della salute, pensando ad una dieta
perfetta e ad uno spirito sbagliato, o
viceversa. Noi sappiamo che la salute
perfetta ha pi a che fare col nostro stato
mentale che con un concetto di
nutrimento dello yoga, secondo qualche
dieta speciale per diventare un guru
speciale innalzato al di sopra del resto
della societ e per essere adorato come
un piccolo dio. Nella nostra vita
cristiana ogni cosa dovrebbe iniziare
con Ges. Pu essere che non sia pi di
moda o pu essere che noi siamo stati
propensi a costruire il nostro proprio
modo di pensare o la nostra propria via
per il cielo al di fuori di ci che scritto,
ma al fine di essere un popolo sano noi
abbiamo bisogno di Cristo in tutta la
nostra vita. Lerrore fatale nel quale i
cristiani potrebbero cadere quello di
contrapporre la salute spirituale a quella
fisica. E necessario mantenere un
equilibrio tra queste due colonne nella
nostra vita. Nella maggioranza delle
guarigioni che Ges comp la domanda
prevalente era: credi? Nella vita di
Ges, la salute spirituale era prima e
quella fisica venne come un risultato
naturale. La salute importante al fine
di mantenere larmonia del nostro
carattere che stato costruito sulle
nostre ginocchia nella zelante preghiera.
Non credo che ci fu mai una persona
pi sana di Ges. Egli fu un esempio
per tutti. Perci, impariamo dalla vita
dell Uomo che divise la storia.
Il tesoro nascosto
Lobiettivo che noi stiamo cercando
pu essere trovato di solito nellultimo
posto dove la nostra mente investigher.
Nella vita di Ges, molto difficile
capire se Egli avesse un rigoroso
programma nel mangiare, nel dormire
e nel lavorare. La scrittura biblica non
assegna molto spazio allargomento di
cosa Egli mangiava, quando dormiva e
quanto, e cos via, ma c tanta

informazione per noi per capire che la


Sua vita faticosa era piena di fatti,
dolori e molti rifiuti. Nonostante questi,
il potere che Egli ricevette proveniva
dalle due fonti che segnarono la Sua
vita e confusero la scienza del mondo:
digiuno e preghiera. E sorprendente
vedere un Uomo come Ges vivere
secondo i pi alti livelli della riforma
sanitaria in una condizione molto
austera nella Palestina di duemila anni
f. Egli era coinvolto nellopera di
guarigione molto pi che nellopera di
predicazione. Si, Egli era il Padrone
del mondo, ma la Sua mano era sempre
al tempo giusto e al posto giusto per
arrivare al debole e allindifeso, per dar
da mangiare allaffamato e per
resuscitare i morti, senza fare neanche
un singolo errore.
Digiuno
La medicina di oggi ha iniziato a
considerare pi attentamente la
questione del digiuno e il suo impatto
sulla salute. Questo argomento stato
esplorato per secoli e la scienza medica
ha raggiunto il punto di capire il
collegamento tra il digiuno e il
miglioramento della salute. Leggiamo
alcune scritture ispirate che potrebbero
rivoluzionare il mondo della scienza
medica se fossero considerate
seriamente:
Il nostro Salvatore digiun quasi
sei settimane per poter ottenere per
luomo la vittoria sul punto
dellappetito. Come possono i cristiani
professanti con le coscienze illuminate
e con Cristo davanti a loro come loro
esempio, cedere allindulgenza di quei
appetiti che hanno uninfluenza
snervante sulla mente e sul corpo? E
un fatto doloroso che le abitudini
dellautogratificazione a spese della
salute e delle forze morali stanno
tenendo, attualmente, una grande parte
del mondo cristiano nei legami della
schiavit.
Molti che professano la bont non
investigano la ragione del lungo
periodo di digiuno di Cristo e delle
sofferenze nel deserto. La Sua angoscia
non era cos tanto dovuta ai morsi della
fame ma al Suo senso del terribile
risultato dellindulgenza dellappetito
e della passione sulla razza. Egli sapeva
che lappetito sarebbe stato lidolo

delluomo e lo avrebbe portato a


dimenticare Dio e avrebbe ostacolato,
direttamente, la via della sua salvezza.4
Il digiuno uno dei primi
trattamenti che possono essere dati
facilmente a tutti coloro che hanno
abusato della loro vita nellindulgenza
dellappetito. Lesecuzione di tale
trattamento porta ad un rinvigorimento
della forza della volont, modellando
la mente, purificando il corpo e
umiliando il cuore per creare una
disposizione per la preghiera.
La preghiera
Non c un sospiro, n un dolore,
n un tormento che non trovi eco nel
cuore del Padre
Dallalto del Suo trono egli si china
per udire il misero oppresso e risponde
a ogni preghiera. Incoraggia e solleva
gli angosciati e gli oppressi. Condivide
tutte le nostre afflizioni. In ogni
tentazione e prova langelo della sua
presenza vicino per liberarci.5
Noi
possiamo
solamente
meravigliarci come fu possibile per
Ges trascorrere tutta la notte in
preghiera e in supplicazione e alla
mattina essere cos amichevole e ben
disposto per iniziare una nuova giornata
solamente per essere di nuovo
confrontato dallincredulit e dai dubbi
dei professanti capi religiosi. Spesso,
alle complessit e alle prove della Sua
vita, si aggiungeva persino il deludente
comportamento dei Suoi stessi
discepoli. La preghiera fu la fonte del
Suo successo; essa una delle condizioni
per mantenere un buon stato mentale.
Essa fu la fonte della forza, della
speranza e della felicit nella vita di
Ges. Uno dei pi importanti canali di
salute comunicare con Dio Padre ed
elevare continuamente la mente verso
il cielo.E una legge umana che
contemplando diventiamo cambiati.
Secondo le fonti scientifiche di oggi noi
abbiamo bisogno di dieci secondi per
sottoporci ad una trasformazione della
personalit e tre settimane per creare
una nuova abitudine. La preghiera
potrebbe aiutare pure in questi due
aspetti della nostra salute mentale. La
preghiera una buona cura contro lo
stress, linsicurezza, la paura, lansiet,
la depressione e molti altri problemi
spirituali.
La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

25

Laria fresca, i raggi del sole e


lambiente naturale
Laria fresca purificher il sangue,
rinvigorir il corpo e aiuter a renderlo
forte e sano. Il rinvigorimento
prodotto sar riflesso sulla mente,
impartendo ad essa tono e chiarezza,
come pure un grado di compostezza e
serenit. Esso da uno stimolo sano per
lappetito, perfeziona la digestione del
cibo e porta un sonno sano e dolce.
Vivere in stanze chiuse, mal ventilate,
indebolisce il sistema, rende la mente
triste, la pelle giallastra e indebolisce
la circolazione; il sangue diventa pigro,
la digestione ritarda e il sistema viene
reso insolitamente sensibile al freddo.
Ci si dovrebbe abituare allaria aperta
e fresca in modo da non essere
influenzati dai deboli cambiamenti di
temperatura. Certamente si dovrebbe
essere attenti a non sedersi nella corrente
daria o in una stanza fredda quando si
stanchi o quando si sudati.6
Ellen White racconta uninteressante
esperienza:
Una sera dautunno stavo
viaggiando in una carrozza affollata. Le
esalazioni da cos tanti polmoni e corpi
rese latmosfera molto impura e fece s
che venisse su di me una sensazione di
malattia. Apr il mio finestrino e godetti
dellaria fresca, quando una signora con
toni seri e imploranti, grid, Lasci quel
finestrino! Si raffredder e si ammaler;
laria di notte cos malsana! Io
replicai, Signora, non abbiamo altra
aria che quella della notte in questa
carrozza o fuori da essa. Se lei rifiuta
di respirare laria della notte, deve
smettere di respirare. Nel fresco della
sera pu essere necessario proteggersi
dal gelo con in pi vestiti; ma ci
dovrebbe essere una libera circolazione
dellaria pura nella stanza durante le ore
di sonno. La libera aria del cielo, di
giorno o di notte, una delle pi ricche
benedizioni di cui possiamo godere. 7
Non dobbiamo meravigliarci perch
le persone che svolgono un tipo di
lavoro stagnante e sedentario non
possono essere facilmente sane. La
mancanza di aria fresca sar sempre un
sicuro sentiero verso la morte
prematura. Laria per i polmoni
quello che la preghiera per lo spirito.
Una mancanza di aria e di stanze ben

26

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

ossigenate indebolir, alla lunga, il


sistema immunitario ad un tale grado
che il cancro sar a casa in un tale
ambiente. Molti germi pericolosi sono
portati avanti e indietro da unaria
infetta e inquinata. Ecco perch invece
di arredamenti lussuosi nella casa noi
dovremmo avere tanti alberi
ragionevolmente vicini e invece di fiori
dipinti sulle pareti noi abbiamo bisogno
di un vero giardino. Invece di avere luci
nelle case a mezzanotte, sarebbe meglio
per noi avere la luce della luna e i raggi
brillanti del sole durante la giornata.
La vita artificiale non sostituir mai
lautentico e originale disegno del
Creatore, proprio come la verit non
pu essere sostituita da qualche abile
spiegazione in difesa del peccato.
Non Dio che ha portato su di noi i
molti guai che gli esseri mortali ereditano.
La nostra propria follia ci ha portato a
privarci delle cose che sono preziose, delle
benedizioni che, se usate in modo giusto,
sono di inestimabile valore nel
mantenimento della salute. Se vorreste
avere la vostra casa piacevole ed invitante,
rendetela luminosa con laria e i raggi
del sole. Togliete le vostre tende pesanti,
aprite le finestre, tirate indietro le tendine
e godete della ricca luce del sole, anche
se a spese dei colori dei vostri tappeti
Lacqua e la pulizia
Alzandosi di mattina, la maggior
parte delle persone sarebbe beneficiata
prendendo un bagno con la spugna o
con la mano. Questo rimuover tutte le
impurit dalla pelle e la manterr umida
ed elastica, aiutando cos la
circolazione. Le persone in salute non
dovrebbero per nessun motivo
trascurare di fare spesso il bagno.
Quando una persona ammalata o sta
bene, la respirazione resa pi libera e
piena dal bagno. La mente e il corpo
sono similmente invigoriti. I muscoli
diventano pi flessibili, ogni facolt
dellintelletto resa pi vivace. Il
bagno un calmante per i nervi. Invece
di aumentare lesposizione al freddo,
esso fortifica contro il freddo, perch
migliora la circolazione; il sangue viene
portato alla superficie e si ottiene un
flusso pi facile e pi regolare del fluido
vitale.8
Ai figli dIsraele non era permesso

in nessun caso che qualche impurit


rimanesse sulle loro vesti o su loro stessi.
Coloro che avevano qualche sporcizia
personale dovevano essere esclusi dal
campo fino alla sera e poi veniva loro
richiesto di purificare se stessi e il
proprio vestiario prima di poter
ritornare. Ad essi veniva anche ordinato
di portare tutti i loro rifiuti ad una
grande distanza dal loro accampamento.
Questa era una misura sanitaria, come
pure un regolamento religioso. Oggi il
Signore non richiede niente di meno al
Suo popolo di quello che chiedeva
anticamente. Una trascuratezza della
pulizia causer la malattia. La
malattia non viene senza una causa. Le
violenti epidemie di febbre si sono
verificate in villaggi e in citt che erano
considerati perfettamente sani e queste
hanno portato alla morte o alla rovina
dello stato generale di salute. In molti
esempi le premesse di coloro che
caddero vittime di queste epidemie,
contenevano gli agenti della distruzione
che emanavano un veleno mortale
nellatmosfera, per essere inalato dalla
famiglia e dai vicini. E sorprendente
testimoniare lignoranza prevalente
relativa agli effetti che la pigrizia e
lavventatezza producono sulla salute.
Quando al signor Palmerston,
premier di Inghilterra, fu chiesto dal
clero scozzese di stabilire un giorno di
digiuno e di preghiera per evitare il
colera, egli replic, pulite e disinfettate
le vostre strade e case, promuovete la
pulizia e la salute tra i poveri, fate s
che essi siano abbondantemente forniti
di buon cibo e di indumenti, prendete
correttamente le misure sanitarie in
genere e non servir che digiunate e
pregate. Il Signore non ascolter le
vostre preghiere mentre questi, le Sue
prevenzioni, rimangono inascoltate. 9
Una vita di attivit fisica
C una persistente ricerca del
conforto e della rilassatezza nel senso
peggiore della parola. Il lavoro fisico
fu concepito da Dio per amor
dellumanit. Ma chi veramente crede
in questo provvedimento? Una buona
quantit di sforzi scientifici viene rivolta
a servire questo scopo: come posso
vivere senza fare uno sforzo fisico? Che
cosa posso inventare per rendere la mia

vita pi facile di quello che ? Che cosa


pensate? Invece di rendere la vita pi
confortevole e risparmiare il tempo, la
schiavit della nostra civilt tocca la
moralit, leducazione e le culture delle
nazioni, fino alla distruzione finale.
Cento anni fa la pi grande velocit
che gli esseri umani poteva sognare non
era pi grande di quella di un cavallo.
La gente di quella generazione riusciva
ancora ad arrivare dappertutto in tempo.
Per di pi, davanti alle case essi avevano
una panca dove al pomeriggio potevano
rilassarsi un po, sedersi e socializzare
con i vicini e cos via. La relazione
sociale di quella generazione era pi sana
della nostra. Essi avevano un ambiente
pi naturale e tutte le qualit per rendere
la vita gradevole.
Oggi noi abbiamo aerei supersonici,
cellulari e e-mail, ma non conosciamo
sufficientemente i nostri vicini da
condividere il Vangelo con loro. E la
fine del mondo!
La costituzione fisica di Ges,
come pure il Suo sviluppo spirituale,
viene evidenziata davanti a noi con
queste parole, il bambino cresceva e
cresceva in statura. Nellinfanzia e
nella giovinezza si dovrebbe dare
attenzione allo sviluppo fisico. I
genitori dovrebbero educare i loro figli
alle buone abitudini nel mangiare e nel
bere, nel vestirsi e nellesercizio,
affinch sar posto un buon fondamento
per la giusta salute nellaldil.
Lorganismo fisico dovrebbe avere una
cura speciale, affinch le facolt del
corpo non siano oscurate, ma sviluppate
nella loro massima estensione. Questo
mette i bambini e i giovani in una
posizione favorevole, cosicch, con la
giusta educazione religiosa, essi possono
crescere forti nello spirito, come
Cristo.10
Gli uomini che hanno buone forze
fisiche dovrebbero educare se stessi a
pensare come pure ad agire e non a
dipendere dal cervello degli altri.
Considerare il lavoro come una
degradazione un errore popolare di
una grande classe. I giovani, perci,
sono molto ansiosi di ricevere
leducazione per poter diventare
insegnanti, impiegati, mercanti,
avvocati e occupare quasi tutte le
posizioni che non richiedeno un lavoro

fisico. Le giovani donne considerano il


lavoro di casa come degradante.
Sebbene lesercizio fisico richiesto per
adempiere il lavoro domestico, se non
troppo duro, inteso a promuovere
la salute, esse cercheranno leducazione
che le preparer per diventare insegnanti
e impiegate, oppure impareranno
qualche attivit che le confiner al
chiuso, in un lavoro sedentario. Il
colorito roseo della salute svanisce dalle
loro guance e la malattia si attacca ad
essi perch sono private dellesercizio
fisico e le loro abitudini sono in genere
pervertite. Tutto ci perch di moda!
Esse godono della vita delicata che
debolezza e decadenza.11
Ci sono molte condizioni per
adempiere il desiderio di avere uno stile
di vita sano e la lista pu essere lunga,
ma quello che importante conoscere
Cristo. Se noi Lo conosciamo, allora
Egli ci guider in tutta la verit, inclusa
la domanda, come vivere uno stile di
vita sano. Sono pienamente fiducioso
che il nuovo mondo verr molto presto,
con lalbero della vita, le cui foglie
saranno usate per la guarigione delle
nazioni. Nel Giardino dellEden dal
quale i nostri primi genitori furono
espulsi, le rose di Sharon e del Carmelo
sbocceranno e lAgnello di Dio regner
con i santi in un mondo e in un ambiente
sani, in un posto dove lappetito e la
passione saranno servitori e non
padroni.
Un popolo sano uno scopo che
viene dallalto. Tutti coloro che pensano
al cielo e alla salvezza dovrebbero
comprendere che, se Cristo non
controlla le loro vite, non ci sar alcuna
vera vittoria sullappetito, lautoindulgenza, lodio, lorgoglio e molte
altre deformit della natura umana.
Senza Cristo ci pu essere solo una
mente malata, ipocrita che si inganna.
Il perdono la soluzione per molti
problemi nella vita personale, nella vita
di famiglia, in quella della chiesa e
persino negli affari del mondo. Il
perdono lultimo rimedio che Ges
pronunci sulla croce del Calvario per
lumanit. Il perdono uno stato della
mente, un comportamento costante,
una scelta mentale, una dimostrazione
della conversione. Il perdono una
porta verso la liberazione e lultima

soluzione per il sollievo mentale.


Un popolo sano non istruir pi
ciascuno il proprio concittadino e
ciascuno il proprio fratello, dicendo:
Conosci il Signore! Perch tutti mi
conosceranno, dal minore al maggiore
di loro, poich avr misericordia delle
loro iniquit, e non mi ricorder pi
dei loro peccati (Ebrei 8:11,12).
Noi possiamo essere disposti ad
imparare dal nostro Signor Ges il Suo
stile di vita umile. Amen.
Riferimenti
1

A Soemn Appeal, p. 74.


Cousnels els on Health, p. 241.
3
The Signso of hte Times, 25 ottobre
1899.
4
Confrontation, p. 50,51
5
La speranza delluomo, p. 264.
6
Christian Temperance and Bible
Hygiene, p. 104.
7
Idem
8
Idem, p. 106,107 (enfasi aggiunta).
9
Idem, p. 105,106 (enfasi aggiunta).
10
Child Guidance, p. 187.
11
Testimonies, vol. 3, p. 158.
2

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

27

GIOVED, 23 GIUGNO

UN POPOLO CHE DONA


ROBERTO M. DUARTE SCRITTO DAGLI STATI UNITI

n operaio biblico laico di nome


Jane stava studiando le
Scritture con unanima
interessata. Largomento della decima
era stato iniziato durante il corso degli
studi. Fu citato il versetto, portare tutte
le decime alla casa del tesoro, perch
vi sia del cibo nella mia casa, e
mettetemi alla prova in questo, dice
lEterno degli eserciti; e vedrete sio
non riverso su voi tanta benedizione,
che non vi sia pi dove riporla
(Malachia 3:10).
Dopo circa un anno, Jane dichiar,
ora so che questo versetto vero
esattamente come sta scritto.
Perch? chiese loperaio laico.
Per molti anni, mio marito ed io
non potevamo avere bambini. Noi
desideravamo tanto un bambino, ma per
una qualche ragione non potevamo
averne. Ora, per, che restituiamo la
nostra decima lei sorrise con grande
gioia
quando
contemplava
amorevolmente il suo neonato
primogenito, sano e bellissimo, Dio
ha aperto le finestre del cielo e ha
versato su di me una benedizione ed
ora non c spazio sufficiente nella casa
per tutte queste cose di bambini!
Poche settimane pi tardi,
comunque, Jane fece un altro
commento riguardo la decima,
spiegando un punto, Sono convinta
che noi siamo benedetti dalla decima
proprio in base al miracolo del nostro
bambino. Ma mio marito sarebbe
convinto meglio se potesse vedere
qualche evidenza in forma di soldi
veri.
Cos, insieme alloperaio biblico, lei
preg. In pochi mesi, Jane e suo marito
furono contattati da una compagnia di
assicurazioni e ricevettero unenorme
liquidazione, totalmente inaspettata.

28

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

Lammontare era apparentemente stato


dovuto a loro per molti anni ma era
stato a lungo considerato impossibile
da riscuotere. Per anni, tutti gli appelli
per essi erano stati fatti invano. Ora il
premio che inaspettatamente cadde
nelle loro mani ammontava proprio ad
unabbondante somma circa il
1000% di tutto quello che essi avevano
restituito al Signore nella decima.
La benevolenza sistematica
Lultimo
messaggio
di
misericordia viene affidato agli umili,
fedeli servitori di questo tempo. Dio
ha guidato coloro che non hanno
evitato la responsabilit e ha messo su
di loro dei fardelli e, attraverso di essi,
ha presentato al Suo popolo un piano
di sistematica benevolenza nel quale
tutti possono impegnarsi e operare in
armonia. Questo sistema stato
eseguito ed ha operato in modo
magnifico.
Esso
sostiene
generosamente i predicatori e la causa.
Non appena i predicatori cessarono la
loro opposizione e stettero fuori dalla
via, il popolo rispose con il cuore
allinvito e apprezz il sistema. Ogni
cosa resa conveniente e facile per i
predicatori affinch possano operare,
liberi dalle difficolt. Il nostro popolo
ha raggiunto una volont e un interesse
che non si trovano in nessunaltra
classe.1
Il nostro Padre celeste non cre il
piano della sistematica benevolenza per
arricchire Lui stesso, ma per essere una
grande benedizione per luomo. Egli
vide che questo sistema di beneficenza
era proprio quello di cui luomo aveva
bisogno.2

Il piano nel primo Avventismo


Come rapportato da J.N.
Loughborough, parecchi operai, inclusi
J.N. Andrews, che fu convocato per lo
scopo, si incontrarono per due giorni a
Battle Creek per studiare un sistema di
finanziamento per la chiesa emergente
basato sulla Bibbia.3
Il piano che essi svilupparono fu
pubblicato nella Review and Herald del
3 febbraio 1859, aprendosi con le
seguenti parole:
Cari fratelli e sorelle: Noi
desideriamo chiamare la vostra
attenzione ad un piano di Benevolenza
Sistematica per sostenere la
proclamazione del messaggio del terzo
angelo che possa essere in armonia con
le chiare dichiarazioni delle Sacre
Scritture.
Citando lapprovazione del Nuovo
Testamento, fu assemblata una struttura
scritturale per le procedure progettate
e fu suggerito che noi raccogliamo da
questi fatti alcune istruzioni relative al
nostro stesso dovere. I pionieri della
chiesa Avventista del Settimo Giorno
avrebbero potuto andare pi facilmente
allAntico Testamento e introdurre
lobbligo della decima, ma in quella
situazione, incuranti dellattrazione
della decima, essi non erano sicuri che
non fosse uno di quei obblighi
cerimoniali che cessarono alla croce.
Nelloccasionale
citazione
dellorganizzazione essi stavano
guardando al Nuovo Testamento con i
suoi sette diaconi, non allAntico
Testamento con la nomina dei settanta
ad opera di Mos. Nella finanza essi
stavano guardando al Nuovo
Testamento e al consiglio di Paolo in
1Corinti 16:2 che ogni primo giorno
della settimana ciascun di voi metta da

parte a casa quel che potr secondo la


prosperit concessagli piuttosto che alle
direttive di Malachia di portare tutte
le decime alla casa del tesoro, perch
vi sian del cibo nella mia casa
(Malachia 3:10). Essi convenirono che
il sistema della decima fosse un buon
piano e che esso dava una forte
influenza sulle conclusioni raggiunte e
messe davanti alla chiesa. Ecco
largomento esposto:
Se Paolo scopr essenziale per il
successo completo che nella raccolta dei
soldi a scopo di beneficenza dovesse
essere osservato il metodo, certamente
non irragionevole concludere che noi
dovremmo trovare la stessa cosa
benefica nel promuovere un obiettivo
simile. Come Paolo scrisse su
ispirazione dello Spirito Santo, noi
possiamo soffermarci sicuri che i suoi
suggerimenti non erano solo sicuri da
seguire e calcolati per assicurare il
successo, ma erano anche in esatto
accordo con la volont di Dio. Pertanto,
noi non Gli arrecheremo dispiacere
adottando i suggerimenti del Suo
servitore Paolo.
Il paragrafo successivo delineava i
punti sostenuti dalla Scrittura che si
pensava dovessero formare una base per
il piano dellosservanza del Sabato da
parte degli Avventisti:
Il primo giorno della settimana
ognuno di voi metta da parte come Dio
lo ha fatto prosperare. Questo implica:
1. Un tempo stabilito per lattivit, il
primo giorno della settimana. 2
Lazione unanime di ogni individuo,
poich aggiunge, ognuno di voi si
metta da parte. 3. Questa non una
raccolta pubblica, ma un atto privato
di mettere da parte per il Signore una
parte di ci che uno possiede. 4.
Lammontare che deve essere donato
viene portato alla coscienza di ogni
individuo con il linguaggio come Dio
lo ha fatto prosperare. 4
La Benevolenza Sistematica fu
approvata al principio da Ellen White
e lei la colleg alla decima. In giugno
del 1859 per prima cosa lei assicur la
chiesa, Il piano della sistematica
benevolenza piace a Dio (1T, p. 190)
e poi in gennaio del 1861, in un articolo
della Testimonianza, intitolato
Benevolenza sistematica, lei scrisse :
Non rubate Dio trattenendo da Lui le

vostre decime e offerte. Larticolo si


chiudeva col testo di Malachia 3:8-11
citato completamente). Al principio non
cera alcuna separazione delle decime
dalle offerte. La richiesta per i fondi fu
principalmente per sostenere i pastori e
lestensione evangelistica.
Alcuni anni dopo, in un articolo
pubblicato nelle Testimonies, intitolato
Decime e Offerte, Ellen White scrisse
della Sistematica Benevolenza:
Il sistema speciale di decimazione
fu basato su un principio che duraturo
come la legge di Dio. Questo sistema
di decimazione fu una benedizione per
gli Ebrei, altrimenti Dio non lo avrebbe
dato ad essi. Cos sar una benedizione
anche per coloro che lo mettono in
pratica fino alla fine dei tempi. 3T,
p. 404,405.
Nel corso degli anni, mentre lopera
della chiesa si ingrandiva, ci furono degli
sviluppi che richiesero una separazione
dei fondi in due gruppi, decime e
offerte. Anche il preciso uso della
decima, dedicata al sostentamento del
ministero della chiesa, fu ripetutamente
portato allattenzione dei dirigenti e dei
membri.5
Il metodo di calcolo della decima
era, nellanno 1876, compreso per essere
realmente un decimo delle entrate
individuali, da qualsiasi fonte potessero
venireUn opuscolo intitolato La
Benevolenza Sistematica, o il Piano
Biblico del sostentamento del Ministero,
pubblicato nel 1878 dallAssociazione di
Pubblicazione degli Avventisti del
Settimo Giorno, indica la questione
brevemente in una domanda e una
risposta:Quanto dovrei dare per il
sostentamento del Vangelo?
Dopo aver esaminato
attentamente largomento da tutti i
punti, rispondiamo, una decima parte
di tutte le nostre entrate. 6
E Dio che benedice gli uomini con
le propriet ed Egli fa questo affinch
essi possano essere in grado di donare
per il progresso della Sua causa. Egli
manda i raggi del sole e la pioggia. Egli
fa si che la vegetazione fiorisca. Egli
d la salute e la capacit di guadagnare
i soldi. Tutte le nostre benedizioni
provengono dalla Sua mano generosa.
In cambio, Egli vorrebbe che gli uomini
e le donne dimostrassero la loro
gratitudine restituendoGli una parte

nelle decime e nelle offerte in offerte


di ringraziamento, in offerte volontarie,
in offerte per i peccati. Se i soldi
entrassero nella tesoreria in accordo con
questo piano divinamente stabilito un
decimo di tutte le entrate e offerte libere
ci sarebbe abbondanza per il progresso
dellopera del Signore.7
Una verit che prova
Il pi grande peccato che esiste ora
nella chiesa la cupidigia. Dio
dispiaciuto del Suo popolo professante
per il suo egoismo.8
C lordine nel cielo e Dio ben
compiaciuto degli sforzi che fa il Suo
popolo quando cerca di muoversi
sistematicamente e ordinatamente nella
Sua opera sulla terra. Vidi che ci
dovrebbe essere ordine nella chiesa di
Dio e che necessario il sistema per
portare avanti con successo lultimo
grande messaggio di grazia al mondo.
Dio guida il Suo popolo secondo il
piano della benevolenza sistematica
questa una di quelle cose per la quale
Dio lo prepara, sebbene ad alcuni
sembrer che si toglie quello che a loro
pi caro. Per essi questo significa
tagliare il braccio destro o cavar fuori
locchio destro, mentre per altri questo
un grande sollievo. Alle anime nobili
e generose le richieste sembrano molto
piccole e non possono essere contente
di fare cos poco. Alcuni hanno dei
grandi beni e se li conservano per scopi
caritatevoli come Dio li ha fatto
prosperare, lofferta sembra a loro come
una grande somma. Il cuore egoista si
aggrappa strettamente ad una piccola
offerta come ad una pi grande e fa
apparire grande una piccola somma
Voi professate di credere alla verit;
le vostre opere testimonino di questo
fatto. Se la vostra fede non opera
morta. Niente se non una fede vivente
vi salver nelle terribili scene che sono
proprio davanti a voi.
Vidi che tempo per coloro che
hanno tanti beni di iniziare a lavorare
rapidamente. E il tempo che essi non
li accumulino solo come se Dio li sta
facendo ora prosperare, ma come se Egli
li ha fatti prosperare. Nei giorni degli
apostoli furono fatti dei piani speciali
affinch alcuni non fossero comodi e
altri oppressi. Furono fatti degli accordi
affinch tutti condividessero
La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

29

ugualmente i pesi della chiesa di Dio


secondo le loro diverse capacit.
Langelo disse: Lascia deve essere
posta alla redice dellalbero. Coloro
che, come Giuda, hanno messo i loro
cuori sui tesori terreni se ne
lamenteranno come fece lui. Il suo
cuore bramava il costoso olio versato
su Ges e cerc di nascondere il suo
egoismo sotto un pio, coscienzioso
interesse per i poveri: Perch non s
venduto questolio per trecento denari
e non si son dati ai poveri? Egli
desiderava possedere quellolio; cos
non sarebbe stato riversato sul
Salvatore. Egli lo avrebbe usato come
voleva; lo avrebbe venduto per
ricavarne dei soldi. Egli apprezzava il
suo Signore cos tanto da venderLo agli
uomini empi per pochi pezzi di argento.
Come Giuda port i poveri come scusa
per il suo egoismo, cos i professanti
cristiani, i cui cuori sono avidi,
cercheranno di nascondere il loro
egoismo sotto una finta coscienziosit.
Oh, essi temono che adottando la
benevolenza sistematica noi diventiamo
come le chiese nominali! Non sappia la
tua sinistra quel che fa la destra. Sembra
che essi abbiano un desiderio
coscienzioso di seguire esattamente la
Bibbia come la comprendono su questo
argomento;
ma
trascurano
completamente il chiaro ammonimento
di Cristo: Vendete i vostri beni e fatene
elemosina.
Guardatevi dal praticare la vostra
giustizia nel cospetto degli uomini per
esser osservati da loro.
Alcuni pensano che questo testo
insegna che essi devono essere segreti
nelle loro opere di carit. Fanno proprio
molto poco, scusandosi perch non
sanno come donare. Ma Ges lo spieg
ai Suoi discepoli in questa maniera:
Quando dunque fai limosina, non far
sonar la tromba dinanzi a te, come fanno
gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade,
per essere onorati dagli uomini. Io vi
dico in verit che cotesto iul premio
che ne hanno. Essi donavano per essere
considerati nobili e generosi dagli
uomini. Essi ricevevano la lode degli
uomini e Ges insegn ai Suoi discepoli
che questa era tutta la ricompensa che
essi avrebbero avuto. Per molti, la mano
sinistra non sa quello che fa la destra,
poich la destra non fa niente che sia

30

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

degno di nota per la mano sinistra.


Questa lezione di Ges ai Suoi discepoli
era per rimproverare coloro che
desideravano ricevere la gloria degli
uomini. Essi facevano le loro elemosine
proprio durante i raduni pubblici; e
prima di fare questo, veniva fatta una
proclamazione pubblica che annunciava
la loro generosit davanti alla gente; molti
davano grandi somme semplicemente
affinch il loro nome fosse esaltato dagli
uomini. I soldi dati in questa maniera
erano spesso estorti agli altri, gravando
sui salari dei braccianti e opprimendo la
dignit dei poveri.
Mi stato mostrato che questa
scrittura non si applica a coloro che
hanno in cuore la causa di Dio e usano
i loro soldi umilmente per farla
avanzare. Mi sono stati indicati questi
testi: Cos risplenda la vostra luce nel
cospetto degli uomini, affinch veggano
le vosre buone opere e glorifichino il
Padre vostro che nei cieli. Li
riconoscerete dai loro frutti. Mi stato
mostrato che la testimonianza delle
Scritture si armonizzer quando sar
compresa nel modo giusto. Le buone
opere dei figli di Dio sono la
predicazione pi efficace che abbia
lincredulo. Egli pensa che ci devono
essere dei forti motivi che spingano il
cristiano a rinunciare a se stesso e ad
usare i suoi beni per cercare di salvare
il suo prossimo. E differente dallo
spirito del mondo. Questi frutti
testimoniano che i possessori sono
cristiani genuini. Sembra che essi stiano
costantemente mirando in alto ad un
tesoro che imperituro.9
C bisogno di missionari
domestici e stranieri; il numero non pu
essere troppo grande. Tutto quello che
facciamo dovrebbe essere fatto con
riferimento alla salvezza delle anime,
la gloria di Dio.
Non ci dovrebbe essere alcuna
stravaganza nella costruzione di belle
case, nel comprare arredamenti costosi,
nellindulgere nel vestiario mondano,
o nel acquistare cibo di lusso; ma in
ogni cosa pensiamo alle anime per le
quali Cristo morto. Che muoiano
legoismo e lorgoglio muoiano.
Nessuno continui a spendere i soldi per
moltiplicare le foto da mandare ai
propri amici. Risparmiamo ogni dollaro
che pu essere risparmiato, affinch il

fascino incomparabile di Cristo possa


essere presentato davanti alle anime di
coloro che periscono. Satana suggerir
molti modi nei quali potete spendere i
soldi. Ma se sono spesi per lautogratificazione per le cose inutili, non
importa quanto insignificante il loro
costo non sono spesi per la gloria di
Dio. Consideriamo bene questo
argomento e vediamo se stiamo
rinnegando noi stessi come dovremmo.
Stiamo facendo dei sacrifici, affinch
possiamo mandare la luce della verit
ai perduti?
Ognuno dovrebbe sforzarsi di fare
per Ges tutto quello che gli possibile
fare, tramite lo sforzo personale, coi
doni, coi sacrifici. Ci dovrebbe essere
cibo nella casa del Signore e ci
significa una tesoreria piena, affinch
possano essere date le risposte ai gridi
Macedoni che vengono da ogni paese.
Quanto triste che noi siamo obbligati
a dire a quelli che implorano laiuto,
non possiamo mandarvi uomini n
soldi. Abbiamo una tesoreria vuota.
Tutti i centesimi e dollari che sono persi
per la causa a motivo dellamore
egoistico per i piaceri, per il desiderio
di conformarsi al modello del mondo,
attraverso lamore della comodit, siano
versati nel canale che porta alla tesoreria
di Dio. Questi sono i ruscelli che
scorrono in quello che alla fine forma
il fiume. Siamo dei cristiani
coscienziosi, siamo collaboratori di Dio.
Perch c cos poco amore
genuino per Cristo nella chiesa? E
perch lamore dellio ha preso il posto
dellamore per Colui che morto sulla
croce del Calvario per i peccati del
mondo. Siamo di un cuore, di una
mente e avviciniamoci a Dio, affinch
Egli possa avvicinarsi a noi e riempirci
del suo intenso amore per le anime che
periscono. Ogni cuore batta allunisono,
con zelo, per la causa di Cristo. Devono
essere aperti dei nuovi campi dellopera,
le anime devono essere aggiunte alla
fede, nuovi nomi appariranno sui
registri della chiesa nomi che
appariranno nei registri immortali in
cielo. O potessimo noi renderci conto
di che cosa potrebbe essere fatto coi
soldi spesi per la gratificazione
dellio!10
Forse noi possiamo imparare
qualcosa dallatteggiamento di una

piccola ragazza che aveva ricevuto dieci


monete come dono. Suo padre le stava
insegnando il principio della decima e
sparse le monete sul tavolo, separando
una moneta dal resto.
Figlia mia, spieg egli, in realt,
tutte queste monete sono di Dio. Egli
Colui che te le ha date per usarle come
Sua amministratrice. Questa sar per
Lui e il resto per te.
Ma, pap, se sono tutte di Dio,
allora Egli dovrebbe avere il mucchio
di soldi e io prender una.
No, mia cara, questo non
necessario. Egli disposto a darti il
mucchio di soldi e chiede solamente che
metti da parte una moneta per Lui.
Oh, pap, Egli cos buono! Allora
assicuriamoci di scegliere per Lui la
moneta pi splendente e pi bella di
tutte!
Siamo desiderosi di dare cos
amorevolmente la parte migliore a Dio,
oppure spesso ci presentiamo con scuse
che provengono da un cuore duro?
Scuse deboli
Alcuni non sono venuti e non si
sono uniti nel piano della benevolenza
sistematica, scusandosi perch non
erano liberi dai debiti. Essi si
difendevano dicendo che prima
bisognava arrivare a non dover niente
a nessuno. Ma il fatto che essi sono
nei debiti non li scusa. Vidi che essi
dovevano rendere a Cesare le cose che
sono di Cesare e a Dio le cose che sono
di Dio. Alcuni si sentono coscienziosi
di non dover niente a nessuno e
pensano che Dio non pu richiedere
niente da loro finch i loro debiti non
sono pagati. Qu essi si ingannano. Essi
non restituiscono a Dio le cose che sono
Sue. Tutti devono portare al Signore
unofferta giusta. Coloro che sono nei
debiti
dovrebbero
prendere
lammontare dei loro debiti da ci che
posseggono e donare una parte del
rimanente.
Alcuni si sono sentiti sotto dei sacri
obblighi verso i loro figli. Essi devono
dare a ciascuno una parte, ma si sentono
incapaci di raccogliere soldi per aiutare
la causa di Dio. Essi si scusano che
hanno un dovere verso i loro figli.
Questo pu essere giusto, ma il loro
primo dovere verso Dio. Rendete a
Cesare le cose che sono di Cesare e a

Dio le cose che sono di Dio. Non rubate


a Dio trattenendo da Lui le vostre
decime e offerte. Il primo sacro dovere
di restituire a Dio la misura adeguata.
Nessuno lasci cadere le sue richieste e
vi porti a rubare Dio. I vostri figli non
rubino la vostra offerta dallaltare di
Dio per il proprio beneficio.
Vidi che in antico la cupidigia di
alcuni li guid a trattenere unadeguata
parte; essi si limitavano a fare la loro
offerta. Questo fu registrato in cielo ed
essi furono maledetti nel loro raccolto
e nelle loro greggi proprio quanto
avevano trattenuto. Alcune famiglie
furono visitate dalla calamit. Dio non
accetterebbe unofferta imperfetta. Essa
deve essere senza macchia, il meglio
delle loro greggi e i frutti migliori dei
loro campi. Se essi vogliono che la
benedizione del Signore rimanga sulle
loro famiglie e sui loro possedimenti
lofferta deve essere volontaria,
Nella disposizione della
benevolenza sistematica, i cuori saranno
esaminati e provati. Questa un esame
costante e vivente; porta a comprendere
il proprio cuore, per vedere se
predomina la verit oppure lamore per
il mondo.11
Una benedizione in serbo
Fratelli e sorelle, il nostro cuore
deve essere esaminati. C un messaggio
che deve circondare il globo tutta la
terra il messaggio del primo, del
secondo e del terzo angelo. Esso deve
andare in tutto il mondo ad ogni
nazione, trib, lingua e popolo. Questo
richieder decime fedeli e abbondanza
non di offerte volontarie semplicemente
generose, ma veramente di sacrificio.
Si deve raggiungere la popolazione di
un intero pianeta che moltitudine!
E un compito impossibile! Eppure
quanto richiama alla mente un tardo
pomeriggio della vita di Ges quando
si lament Andrea, il discepolo: V
qui un ragazzo che ha cinque pani dorzo
e due pesci; ma che cosa sono per tanta
gente? (Giovanni 6:9).
Tuttavia, noi potremmo risonare nel
nostro tempo, che cosa sono per tanta
gente? Allo stesso modo oggi c gente
con pochissimo pane, pesci o dollari in
mano. Essa descritta come un
popolo umile e povero, che confider
nel nome dellEterno (Sofonia 3:12).

Eppure proprio nel caso del ragazzo che


port il suo pranzo alloperatore del
Miracolo, questi mezzi magri possono
essere moltiplicati. Proprio come i
discepoli furono invitati a dividere il
popolo in compagnie organizzate e
distribuire il cibo che Cristo aveva
benedetto, cos oggi i servitori di Dio
possono diffondere miracolosamente il
messaggio del loro Signore attraverso
il Suo piano di benevolenza sistematica.
Dio dichiara, cos della mia parola,
uscita dalla mia bocca; essa non torna a
me a vuoto, senzaver compiuto quello
chio voglio, e menato a buon fine ci
per cui lho mandata (Isaia 55:11).
Nel miracolo dei pani, dopo che la
moltitudine fu saziata rimasero ancora
dodici ceste di pezzi. . Cos sar oggi.
Ricordatevi di Jane, quellanima nel
nostro tempo che era affamata della
verit presente, nella quale scatur
letteralmente la nuova vita attraverso
la fede nelle promesse di Dio. Egli ha
tante simili anime l fuori. Eserciteremo
tale fede per assicurarci che esse
ascoltino il messaggio? Amati, il giorno
passato di molto; la notte vicina.
Come il giovane la cui fede alla fine
del giorno port una benedizione per
cos tanti, ognuno si affretti a portare i
nostri pani di orzo a Ges!
Riferimenti
1

Testimonies, vol. 1, p. 375,376.


Idem, vol. 3, p. 405.
3
Arthur L. White, Ellen G. White: The
Early Years, vol. 1, p. 388.
4
Idem, p. 389,390 (corsivo in
originale).
5
Idem, p. 393 (corsivo in originale).
6
Testimonies to Ministers, p. 523 (nota
di appendice a p. 27)
7
Gli uomini che conquistarono un
impero, p. 85.
8
Testimonies, vol. 1, p. 194.
9
Idem, p. 191-194
10
The Review and Herald, 27 gennaio
1891.
11
Testimonies, vol. 1, p. 220,221.
2

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

31

VENERD, 24 GIUGNO

occupando la posizione di coloro che


sono penitenti e confessando i loro
peccati nel grande giorno antitipico di

UN POPOLO SUGGELLA
TO
SUGGELLATO
MATHEUS DE SOUZA SILVA SCRITTO DAL BRASILE

el descrivere le grandiose
realt delle corti celesti,
Giovanni il Rivelatore
racconta una scena ispirata: E tutti gli
angeli stavano in pi attorno al trono e
agli anziani e alle quattro creature
viventi; e si prostrarono sulle loro facce
davanti al trono, e adorarono Iddio
dicendo: Amen! AllIddio nostro la
benedizione e la gloria e la sapienza e
le azioni di grazia e lonore e la
potenza e la forza, nei secoli dei secoli!
Amen. E uno degli anziani mi rivolse
la parola dicendomi: Questi che son
vestiti di vesti bianche chi son dessi, e
donde son venuti? Io gli risposi: Signor
mio, tu lo sai. Ed egli mi disse: Essi
son quelli che vengono dalla gran
tribolazione, e hanno lavato le loro
vesti, e le hanno imbiancate nel sangue
dellAgnello. (Apocalisse 7:11-14).
Limperatore Decio (201-251
D.C.), ansioso di imporre il culto
pagano come la religione ufficiale
dentro il suo reame, intraprese la guerra
per sterminare i cristiani. Egli decret
che senza eccezione, tutti i cristiani
sarebbero stati messi a morte per pagare
lomaggio
ai
dei
adorati
dallimperatore. In ogni localit fu
lanciata unimprovvisa ondata di
persecuzione. Nel cortile di una
prigione nella citt di Cartagine, fu fatto
un attacco contro un gruppo isolato di
anime fedeli. Esse furono legate al palo
ed esposte al sole ardente. Per due
giorni di seguito esse furono lasciate
in quella posizione, prostrate senza cibo
n acqua. Al loro fianco cera un altare
pagano. Se qualcuna delle vittime, in
qualsiasi momento, fosse incline a
vacillare nella propria lealt a Dio,
poteva semplicemente allungare una
mano per offrire lincenso ad un idolo
e in questa maniera le sarebbe stato dato

32

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

un immediato sollievo dal proprio


tormento.
Alcuni cristiani gemettero sotto la
tortura del calore opprimente e furono
consumati dalla sete. Quando uno di essi
rivelava il primo segno di debolezza o
di vacillazione, un compagno vittima
ripeteva
chiaramente
e
inconfondibilmente: Essi sono quelli
che vengono dalla gran tribolazione, e
hanno lavato le loro vesti, e le hanno
imbiancate nel sangue dellAgnello.
Perci son davanti al trono di Dio, e
gli servono giorno e notte nel suo
tempio; e Colui che siede sul trono
spiegher su loro la sua tenda. Non
avranno pi fame e non avranno pi
sete, non li colpir pi il sole n alcuna
arsura; perch lAgnello che in mezzo
al trono li pasturer e li guider alle
sorgenti delle acque della vita; e Iddio
asciugher ogni lagrima dagli occhi
loro (Apocalisse 7:14-17).
Consolati in questa maniera dalla
parola di Dio, i sofferenti cessavano di
gemere; un sorriso illuminava i loro
volti e con calma e dolce pace,
resistevano alla terribile prova,
mantenendosi leali a Dio fino alla fine.
La profezia indica che presto verr
per la chiesa del rimanente un tempo di
tribolazione tale come mai prima
stato. Gli eletti di Dio vivranno giorni
particolarmente duri chiusi in carcere,
in attesa della morte; alcuni
sembreranno destinati a morire di fame
in oscure e fetide celle dove nessun
orecchio umano ode i loro gemiti, dove
nessuno porge loro aiuto.1
Nondimeno, il Signore dichiara che
quandanche le madri dimenticassero,
non io dimenticher te (Isaia 49:15).
Poich cos parla lEterno degli
eserciti: E per rivendicare la sua gloria,
chegli mi ha mandato verso le nazioni

che han fatto di voi la loro preda; perch


chi tocca voi tocca la pupilla dellocchio
suo. (Zaccaria 2:8). Io sono con voi
tutti i giorni, sino alla fine dellet
presente (Matteo 28:20).
Carissimi fratelli e sorelle, come
membri della famiglia dei riformisti noi
abbiamo un grande privilegio di
partecipare in questa speciale settimana
di preghiera e di considerare il solenne
messaggio di suggellamento del popolo
di Dio. Il messaggio di Apocalisse
capitolo 7 uno delle dottrine pi
sublimi eppure controverse insegnate da
coloro che professano di osservare il
Sabato in questi ultimi giorni.
Che cos il suggellamento?
Il suggellamento dei 144.000
una delle colonne della fede
avventista. Questo messaggio che si
trova in Apocalisse capitolo 7 lessenza
del messaggio del terzo angelo di
Apocalisse 14:9-11. Il suggellamento
un punto significativo della verit
presente rivelato nei messaggi dei tre
angeli di Apocalisse 14:6-13. Il suggello
indica la restaurazione del carattere di
Dio nei 144.000 credenti per mezzo del
Vangelo di Cristo. Esso va di pari passo
con la proclamazione di tutte le richieste
della Sua santa legge (Apocalisse 14:12)
nel tempo della fine. Il suggellamento
lopera finale compiuta in favore del
popolo di Dio.
Quando avviene il
suggellamento?
E il tempio di Dio che nel cielo
fu aperto, e si vide nel suo tempio larca
del suo patto, e vi furono lampi e voci
e tuoni e un terremoto ed una forte
gragnola (Apocalisse 11:;19).
Solamente coloro che, nel loro
atteggiamento davanti a Dio, stanno

espiazione, saranno riconosciuti e


segnati come degni della protezione di
Dio.2
Nel 1844 il nostro grande Sommo
Sacerdote entr nel luogo santissimo del
santuario celeste, per iniziare lopera
del giudizio investigativo. I casi dei
giusti morti passano in rivista davanti a
Dio. Quando quellopera sar
completata, il giudizio sar pronunciato
sui viventi. Quanto preziosi, quanto
importanti sono questi momenti
solenni! Ognuno di noi ha un caso
sospeso nella corte celeste. Noi
dobbiamo essere individualmente
giudicati secondo i fatti compiuti nel
corpo. Nel servizio tipico, quando
lopera di espiazione era compiuta dal
sommo sacerdote nel luogo santissimo
del santuario terreno, al popolo veniva
richiesto di affliggere le proprie anime
davanti a Dio e confessare i propri
peccati affinch potessero essere espiati
e cancellati. Sar richiesto a noi qualcosa
di meno in questo giorno antitipico di
espiazione, quando Cristo nel santuario
celeste sta perorando in favore del Suo
popolo e dovr essere pronunciata la
decisione finale ed irrevocabile su ogni
caso?3
Che cos il suggello?
Un suggello ufficiale di un governo
deve avere tre cose:
1. Il nome del governatore
2. La sua funzione
3. Il territorio sul quale egli ha la
giurisdizione o il dominio
Noi troviamo nella legge di Dio il
Suo nome, la Sua funzione e il territorio
sul quale Egli ha il dominio. Tutti questi
attributi si trovano nel quarto
comandamento della santa legge di Dio.
Questo lunico comandamento che
rivela lidentit del Signore e la Sua
relazione con noi come nostro Creatore.
Noi vediamo qui che in sei giorni il
Signore fece il cielo e la terra, il mare
e tutto ci che in essi (Esodo 20:811). Qui Dio Si identifica come:
1. Il Signore Geova, lAutoesistente.
2. Il Creatore Colui che ha
creato tutte le cose.
3. Egli ha il dominio su tutto
luniverso i cieli, la terra, i mari e
tutto il resto.

Come nostro Creatore, Dio ha


lautorit di comandare sulle Sue
creature e in armonia con il quarto
comandamento Egli ordina, I figliuoli
di Israele quindi osserveranno il sabato,
celebrandolo di generazione in
generazione come un patto perpetuo.
Esso un segno perpetuo fra me e i
figlioli dIsraele; poich in sei giorni
lEterno fece i cieli e la terra, e il settimo
giorno cess di lavorare e si ripos.
Sei giorni si dovr lavorare, ma il
settimo giorno sar per voi un giorno
santo, un sabato di solenne riposo,
consacrato allEterno. Chiunque far
qualche lavoro in esso sar messo a
morte. E diedi pur loro i miei sabati
perch servissero di segno fra me e loro,
perch conoscessero che io sono
lEterno che li santificoSantificate i
miei sabati, e siano essi un segno fra
me e voi, dal quale si conosca che io
sono lEterno, il vostro Dio. (Esodo
31:16,17; 35:2; Ezechiele 20:12,20).
Solo il quarto comandamento di
tutti i dieci contiene il suggello del
grande Legislatore, il Creatore dei cieli
e della terra.4
Di nuovo langelo distruttore deve
passare per la terra. Ci deve essere un
segno posto sul popolo di Dio e quel
segno losservanza del Suo santo
Sabato.5
Il Sabato del quarto comandamento
il suggello dellIddio vivente. 6
Dio sicuramente chiamer il mondo
in giudizio per rivendicare la morte del
Suo Unigenito Figlio, Colui che stava
alla sbarra di Pilato e di Erode. Colui
che ora nelle corti celesti sta facendo
lintercessione per il popolo che Lo ha
rifiutato. Sceglieremo il marchio del
mondo, oppure sceglieremo di essere il
popolo separato e peculiare di Dio?
Riceveremo un Cos dice il Signore,
per un cos dice luomo? La potenza
papale, luomo del peccato, stabilisce
che la Chiesa romana Cattolica ha
cambiato la legge di Dio. Al posto del
settimo girono essi hanno battezzato e
presentato al mondo un figlio del
papato, il primo giorno della settimana
, per essere osservato come un giorno
santo di riposto. Il mondo Protestante
ha ricevuto questo figlio del papato, lo
ha cullato e gli ha dato lonore che Dio
ha posto sul settimo giorno.7

Quanti saranno suggellati?


E udii il numero dei segnati:
centoquarantaquattromila segnati di tute
le trib dei figliuoli dIsraele
(Apocalisse 7:4).
Poi vidi, ed ecco lAgnello che
stava in pi sul monte Sion, e con lui
erano centoquarantaquattromila persone
che avevano il suo nome e il nome di
suo Padre scritto sulle loro fronti
(Capitolo 14:1).
Vidi gli angeli affrettarsi avanti e
indietro nel cielo. Un angelo con un
calamaio di scrittore al suo fianco
ritornava dalla terra e rapportava a Ges
che la sua opera era finita e i santi erano
numerati e suggellati. 8
I santi viventi, in numero di
144.000, conobbero e compresero la
voce [di Dio]
I 144.000 furono tutti suggellati e
perfettamente uniti. Sulle loro fronti era
scritto, Dio, Nuova Gerusalemme e una
gloriosa stella contenente il nuovo nome
di Ges.9
I fedeli che sono morti nel
triplice messaggio dal 1844 in
poi si trovano tra i 144.000.
E udii una voce dal cielo che
diceva: Scrivi: Beati i morti che da ora
innanzi muoiono nel Signore. Si, dice
lo Spirito, essendo che si riposano dalle
loro fatiche, poich le loro opere li
seguono (Apocalisse 14:13).
Le tombe si aprono e molti di
coloro che dormono nella polvere della
terra si risveglieranno: gli uni per la
vita eterna, gli altri per lobbrobrio, per
una eterna infamia (Daniele 12:2). Tutti
coloro che sono morti credendo nel
messaggio del terzo angelo escono dai
sepolcri glorificati e odono il patto di
pace di Dio concluso con chi ha
osservato la sua legge. Anche quelli
che lo trafissero (Apocalisse 1:7),
coloro che disprezzarono e derisero
lagonia mortale di Ges e i pi violenti
oppositori della sua verit e del suo
popolo, risusciteranno per contemplare
la sua gloria e lonore conferito ai
fedeli.10
Per confermare che lopera di
suggellamento era bene in corso gi nel
1859, noi citiamo un estratto da una
lettera scritta dalla sorella White in
quellanno:
La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

33

Cari fratello:
Mi difficile saper cosa dirti. La
notizia della morte di tua moglie stata
per me sconvolgente. A mala pena
potevo crederci e posso difficilmente
crederci ora. Dio mi diede una visione
lo scorso Sabato notte che ti racconto
Vidi che lei era suggellata e sarebbe
risorta alla voce di Dio e sarebbe stata
sulla terra e con i 144.000.11
Alla Conferenza Generale del
1909 lanziano Irwin chiese alla sorella
White:
Quelli che sono morti nel
messaggio saranno tra i 144.000? In
risposta, la sorella White disse: Oh, si,
quelli che sono morti nella fede saranno
tra i 144.000. Su questo punto non ho
dubbi. 12
La conoscenza che i fedeli ai
messaggi dei tre angeli farebbero parte
dei 144.000 era un insegnamento dei
pionieri avventisti del settimo giorno.
Prendiamo delle citazioni da alcuni di
essi:
James White

Coloro che muoiono sotto il


triplice messaggio fanno parte
dei 144.000; non ci sono 144.000
oltre a questi, ma questi aiutano
a completare quel numero. Essi
sono innalzati per la vita mortale
prima che Cristo venga esono
cambiati allimmortalit
allapparizione di Cristo.13
Uriah Smith
Coloro che muoiono dopo essersi
identificati con il messaggio del terzo
angelo, sono evidentemente numerati
come parte dei 144.000; poich questo
messaggio lo stesso del messaggio di
suggellamento di Apocalisse 7 e tramite
quel messaggio solamente 144.000
furono suggellati. Tuttavia, ci sono
molti che hanno avuto la loro completa
esperienza religiosa sotto questo
messaggio, ma sono caduti nella morte.
Essi muoiono nel Signore e perci sono
contati come suggellati poich saranno
salvati. Ma il messaggio porta al
suggellamento di solo 1444.000; perci
questi devono essere inclusi in quel
numero. Essendo innalzati nella
resurrezione speciale (Daniele 12:2;
Apocalisse 1:7) che avviene quando la

34

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

voce di Dio pronunciata dal tempio,


allinizio della settima e ultima piaga
(Apocalisse 16:17; Gioele 3:16; Ebrei
12:26), essi passano attraverso il
periodo di quella piaga e pertanto pu
essere detto che vengono dalla grande
tribolazione (Apocalisse 7:14) ed
essendo innalzati dalla tomba solamente
per la vita mortale, prendono la loro
posizione con i redenti che non sono
morti e con essi ricevono limmortalit
allultima tromba (1Corinti 15:52),
essendo poi, con gli altri, mutati in un
momento, in un batter docchio. Cos,
sebbene essi sono passati attraverso la
tomba, pu essere detto di essi alla fine,
che sono stati riscattati di fra gli
uomini (Apocalisse 14:4), cio, dai
viventi; poich la venuta di Cristo li
trova tra i viventi, aspettando il
cambiamento nellimmortalit, come
coloro che non sono morti e come se
essi stessi non fossero mai morti.14
H.R. Johnson
Tra coloro che gridavano vittoria
sulla bestia e sulla sua immagine cerano
coloro che erano usciti dalle loro tombe
nella resurrezione speciale e furono visti
sul mar di vetro. Essi erano i santi
viventi, 144.000 in numero (EW
15).16
Le condizioni per ricevere il
suggello
La fedelt al Signore e alla Sua
verit sono le caratteristiche
fondamentali dei suggellati; essi devono
vivere una vita pura e santa in mezzo
ad una generazione malvagia e corrotta.
Questo gruppo si mantiene nella grazia
di Cristo, leale persino negli aspetti della
vita cristiana relativamente minori. Il
residuo dIsraele non commetter
iniquit, non dir menzogne, n si
trover nella lor bocca lingua
ingannatrice; poich essi pascoleranno,
si coricheranno, n vi sar chi li
spaventi (Sofonia 3:13).
Come figliuoli dubbidienza, non
vi conformate alle concupiscenze del
tempo passato quanderavate
nellignoranza; ma come Colui che vi
ha chiamati santo, anche voi siate santi
in tutta la vostra condotta; poich sta
scritto: Siate santi perch io sono santo
(1Pietro 1:14-16).

Un popolo peculiare
Coloro che saranno eredi di Dio e
coeredi di Cristo per leredit
immortale, saranno peculiari. Si, cos
peculiari che Dio mette un segno su di
loro come Suoi, completamente Suoi.
Pensate che Dio ricever, onorer e
riconoscer un popolo tanto mescolato
col mondo che differisce da esso solo
nel nome?17
Ges sta per venire; trover Egli
un popolo conformato al mondo?
Riconoscer come Suo popolo quelli
che ha purificato a S? Oh, no. Egli
non riconoscer come Suo nessuno
eccetto il puro e il santo.18
Non possiamo essere met del
Signore e met del mondo. Noi non
siamo figli di Dio se non lo siamo
completamente.19
Dio ha un popolo su questa terra.
Chi sono costoro? Sono quelli che
purificheranno le loro anime ubbidendo
alla verit com in Ges20
Mantenere un alto modello
morale
La salute e la purezza della chiesa
devono essere preservate, affinch essa
possa essere pura davanti a Dio, vestita
delle vesti della giustizia di Cristo.21
Uno dei peccati pi odiosi in questi
ultimi giorni e che richiede una rapida
e decisa azione da parte della chiesa
la trasgressione del settimo
comandamento.
Se essi [coloro che professano di
essere osservatori del comandamento]
commettono fornicazione e adulterio,
il loro crimine dieci volte superiore
di quello degli [altri]che non
riconoscono la legge di Dio come
vincolante su di s.22
In nessun caso questo peccato
dovrebbe essere trascurato nella chiesa.
Viene data unistruzione molto chiara
in riguardo a coloro che violano il
settimo comandamento.
[I giovani] vedono quanto
leggermente considerato il peccato
della trasgressione del settimo
comandamento e colui che commette
questo orribile peccato pensa che tutto
quello che deve fare confessare di aver
sbagliato e dispiacersene e poi pu avere
tutti i privilegi della casa di Dio ed
essere abbracciato dalla fratellanza della

chiesa.
Essi hanno pensato che non era un
peccato cos grave, ma hanno stimato
con leggerezza la trasgressione del
settimo comandamento. Se non cerano
altri peccati, questo era sufficiente per
far rimuovere larca di Dio dal campo
e indebolire Israele
Coloro che violano il settimo
comandamento dovrebbero essere
sospesi dalla chiesa e non avere la sua
comunione n i privilegi della casa di
Dio.23
Appello
Or dunque, emendate le vostre vie
e le vostre azioni, date ascolto alla voce
dellEterno, del vostro Dio, e lEterno
si pentir del male che ha pronunziato
contro di voi (Geremia 26:23).
Ora il tempo per prepararsi. Il
suggello di Dio non sar mai posto sulla
fronte di un uomo o una donna impuri.
Esso non sar mai posto sulla fronte di
uomini o di donne di lingua falsa o di
cuori ingannevoli. Tutti coloro che
ricevono il suggello devono essere senza
macchia davanti a Dio candidati per
il cielo.24
Langelo deve mettere un segno
sulla fronte di tutti coloro che sono
separati dal peccato e dai peccatori.25
Nessuno di noi mai ricever il
suggello di Dio mentre i nostri caratteri
hanno una macchia o crespa. Spetta a
noi rimediare ai difetti nei nostri
caratteri, purificare il tempio dellanima
da ogni contaminazione.26
Coloro che vincono il mondo, la
carne e il diavolo, saranno i scelti che
riceveranno il suggello dellIddio
vivente. Coloro le cui mani non sono
pure, i cui cuori non sono puri, non
avranno il suggello dellIddio vivente.27
Sforziamoci con tutte le forze che
Dio ci ha dato per essere trai i
centoquarantaquattromila.28
Cari fratelli e sorelle, questo un
messaggio di vita o di morte, non esiste
una via di mezzo. Noi dobbiamo essere
fermamente determinati a far parte dei
144.000 vincitori per grazia di Dio
(Apocalisse 15:2), altrimenti saremo per
sempre persi.
In questo tempo speciale e solenne,
noi, come popolo rimanente, compiamo
ottanta anni del nostro pellegrinaggio,

combattendo per la fede che fu


tramandata ai santi (Giuda 3),
riconsacriamo il nostro cuore a Dio e
rimuoviamo dalla nostra vita e dalla
nostra casa ogni idolo, vanit e desiderio
mondano.
Ricordatevi degli appelli di
Giacobbe e di Giosu:
Allora Giacobbe disse alla sua
famiglia e a tutti quelli cherano con
lui: Togliete gli dei stranieri che sono
fra voi, purificatevi, e cambiatevi i
vestiti; e leviamoci, andiamo a Betel,
ed io far quivi un altare allIddio che
mi esaud nel giorno della mia angoscia
e ch stato con me nel viaggio che ho
fatto. Ed essi dettero a Giacobbe tutti
gli dei stranieri cherano nelle loro
mani e gli anelli che avevano agli
orecchi; e Giacobbe li nascose sotto la
quercia ch presso a Sichem (Genesi
35:2-4).
Quando abbandonerete lEterno e
servirete dei stranieri, egli vi si volter
contro, vi far del male e vi consumer,
dopo avervi fatto tanto bene. E il
popolo disse a Giosu: No! N! Noi
serviremo lEterno. E Giosu disse al
popolo: Voi siete testimoni contro voi
stessi, che vi siete scelto lEterno per
servirgli!Quelli risposero: Siam
testimoni! E Giosu: Togliete dunque
via gli di stranieri che sono in mezzo
a voi, e inclinate il cuor vostro
allEterno, ch lIddio dIsraele! Il
popolo rispose a Giosu: LEterno, il
nostro Dio, quello che serviremo, e
alla sua voce ubbidiremo! Cos Giosu
ferm in quel giorno un patto col
popolo, e gli diede delle leggi e delle
prescrizioni a Sichem (Giosu 24:1025).
Possa il Signore conservarci come
un popolo separato e peculiare! Amen.

12

J.N. Loghborough, Questions on the


Sealing Message, p. 22.
13
James White, The Review and Herald,
23 settembre 1880.
14
Uriah Smith, Thoughts From Daniel
and the Revelation, p. 634.
15
Early Writings, p. 15.
16
H.R. Johnson, The Review and
Herald, 27 luglio 1905.
17
Testimonies, vol. 1, p. 287.
18
Idem, p. 133.
19
Alla ricerca della pace interiore, p.
29
20
General Conference Bulletin, 23
aprile 1901.
21
Testimonies, vol. 7, p. 263.
22
Idem, vol. 2, p. 451.
23
Testimonies on Sexual Behavior,
Adultery and Divorce, p. 248.
24
Testimonies, vol. 5, p. 216.
25
Idem, p. 505.
26
Idem, p. 214.
27
Testimonies to Ministers, p. 445.
28
The Review and Herald, 9 marzo
1905.

Riferimenti:
1

Il Gran Conflitto, p. 489,490.


Testimonies to Ministers, p. 445.
3
Selected Messages, libro 1, p. 125.
4
Testimonies, vol. 6, p. 350.
5
Historical Sketches of SDA Missions,
p. 217.
6
Il Gran Conflitto, p. 500,501.
7
Testimonies to Ministers, p. 139,140.
8
Early Writings, p. 279.
9
Idem, p. 15.
10
Il Gran Conflitto, p. 498.
11
Selected Messages, libro 2, p. 263.
2

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

35

SABATO, 25 GIUGNO

UN POPOLO RIPIENO DELLO SPIRITO

E.G. WHITE

Un dono urgente per noi


Un giorno dopo laltro sta passando
nelleternit, portandoci pi vicini alla
fine del tempo di prova. Ora dobbiamo
pregare come mai prima per lo Spirito
Santo affinch ci sia concesso pi
abbondantemente e dobbiamo cercare la
sua influenza santificatrice sugli operai,
affinch il popolo per il quale essi
lavorano possa sapere che sono stati con
Ges e hanno imparato da Lui. Noi
abbiamo bisogno del collirio spirituale
ora come mai prima, affinch possiamo
vedere lontano e discernere le trappole
e i disegni del nemico e come sentinelle
fedeli proclamare il pericolo. Abbiamo
bisogno della forza spirituale affinch
possiamo capire, per quanto riguarda la
mente umana, i grandi argomenti della
cristianit, e di che grande portata sono
i suoi principi.1
Ma quando sia venuto lui, lo Spirito
della verit, disse Ges, egli vi
guider in tutta la verit (Giovanni
16:13).
Il Consolatore chiamato lo Spirito
della verit. Il Suo compito di
definire e mantenere la verit. Egli
dapprima dimora nel cuore come lo
Spirito della verit e in questo modo
diventa il Consolatore. C conforto e
pace nella verit, ma nella falsit non si
pu trovare nessuna pace vera o
conforto

36

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

Lo Spirito Santo fu il pi alto di


tutti i doni che [Ges] poteva sollecitare
dal Suo Padre per lesaltazione del Suo
popolo. Lo Spirito doveva essere dato
come un agente rigenerante e senza
questo il sacrifico di Cristo non avrebbe
avuto alcun valore. Il potere del male
si stava rinforzando da secoli e la
sottomissione degli uomini a questa
schiavit satanica era stupefacente. Il
peccato poteva essere resistito e vinto
solamente attraverso lintervento
potente della Terza Persona della Deit,
che sarebbe venuto senza alcuna energia
modificata, ma in pienezza del potere
divino. E lo Spirito che rende efficace
ci che stato operato dal Redentore del
mondo. E per lo Spirito che il cuore
reso puro. Attraverso lo Spirito il
credente diventa partecipe della natura
divina. Cristo ha dato il Suo Spirito
come una potenza divina per vincere tutte
le tendenze ereditarie e coltivate al male
e per imprimere il Suo stesso carattere
sulla Sua chiesa.
Ges disse dello Spirito, Egli
mi glorificher (Giovanni 16:14). Il
Salvatore venne per glorificare il Padre
attraverso la dimostrazione del Suo
amore; cos lo Spirito doveva
glorificare Cristo rivelando la Sua grazia
al mondo. La stessa immagine di Dio
deve essere riprodotta nellumanit.
Lonore di Dio, lonore di Cristo,
implicato nella perfezione del carattere
del Suo popolo.

Lo scopo dello Spirito Santo


E quando sar venuto, convincer
il mondo quanto al peccato, alla
giustizia, e al giudizio (v. 8). La
predicazione della Parola non efficace
senza la presenza e il continuo aiuto
dello Spirito Santo. Egli lunico
agente efficace della verit divina. La
verit risveglia la coscienza e trasforma
la vita solo quando accompagnata
dallopera dello Spirito Santo.
Nonostante labilit nel presentare la
lettera della Parola di Dio, la familiarit
con tutti i suoi comandamenti e tutte le
sue promesse, se lo Spirito Santo non
conferma la verit, nessunanima cadr
sulla Roccia e sar infranta. Nessun
livello culturale, nessuna facilitazione,
anche se grande, pu assicurare un solo
raggio di luce senza la collaborazione
dello Spirito di Dio. Il seme del Vangelo
non porta frutto se non matura grazie
alla rugiada del cielo. Prima che fosse
scritto il primo libro del Nuovo
Testamento, prima che fosse predicato
il primo sermone, dopo lascensione di
Ges, lo Spirito Santo scese sugli
apostoli riuniti in preghiera. I nemici
di Ges allora dissero: Avete riempita
Gerusalemme della vostra dottrina
(Atti 5:28).
Ges ha promesso alla chiesa il
dono dello Spirito Santo. La sua
promessa non riguarda solo i primi
discepoli, ma anche noi. Ma, come tutte

le promesse, essa legata a una


condizione. Molti credono nella
promessa del Signore, ne chiedono
ladempimento, parlano del Cristo e
dello Spirito Santo, ma non ricevono
nulla. Ci dipende dal fatto che non
permettono che la loro vita sia guidata
e controllata dalla potenza divina. Noi
non possiamo servirci dello Spirito
Santo; lo Spirito che deve servirsi di
noi. Grazie a lui Dio opera nel suo
popolo. Poich Dio quel che opera
in voi il volere e loperare, per la sua
benevolenza (Filippesi 2:13). Ma molti,
invece di sottomettersi, vogliono
guidare la propria vita e quindi non
ricevono il dono divino. Lo Spirito
viene concesso solo a coloro che con
umilt si sottomettono al Signore, che
si lasciano guidare da lui e cercano la
sua grazia. Bisogna che chiedano e
sappiano accogliere la potenza di Dio.
Questa benedizione promessa, richiesta
per fede, assicura a sua volta tutte le altre
benedizioni. Viene concessa nella misura
della grazia del Cristo, che pronto a
elargire i suoi doni secondo le capacit
di ogni uomo.2
I risultati del ricevimento dello
Spirito di Dio
Quando il popolo di Dio umilia
lanima davanti a Lui, cercando
individualmente il Suo Spirito Santo
con tutto il cuore, si udr dalle labbra
umane questa testimonianza
rappresentata in questa scrittura: E
dopo queste cose vidi un altro angelo
che scendeva dal cielo, il quale aveva
gran potest; e la terra fu illuminata dalla
sua gloria (Apocalisse 18:1). Ci saranno
dei visi splendenti dellamore di Dio,
ci saranno labbra toccate col fuoco
santo, che diranno, Il sangue di Ges,
suo Figliuolo, ci purifica da ogni
peccato (1Giovanni 1:7).
Coloro che sono sotto linfluenza
dello Spirito di Dio non saranno
fanatici, ma calmi, fedeli, liberi dalla
stravaganza. Ma tutti coloro che hanno
avuto sul loro sentiero la luce della
verit risplendente, chiara e distinta,
stiano attenti a come gridano pace e
sicurezza. State attenti a quale influenza
esercitate in questo tempo.
Quando lo Spirito Santo fu versato
sulla prima chiesa, la moltitudine di
coloro che avevano creduto, era dun

sol cuore e dunanima sola (Atti 4:32).


Lo Spirito di Cristo li fece uno. Questo
il frutto quando si dimora in Cristo.
Ges desidera concedere la
donazione celeste in grande misura sul
Suo popolo. Le preghiere stanno
salendo a Dio quotidianamente per
ladempimento della promessa; non una
delle preghiere fatte con fede si perde.
Cristo salito in cielo, conducendo i
prigionieri dalla prigionia e diede agli
uomini dei doni. Dopo lascensione di
Cristo, quando lo Spirito scese come
promesso, simile ad un impetuoso, forte
vento, riempiendo tutto il posto dove
erano radunati i discepoli, quale fu
leffetto? Migliaia di persone furono
convertite in un giorno. Noi abbiamo
insegnato e atteso che, quando vedremo
una raccolta di anime simile a quella
testimoniata nel giorno delle Pentecoste,
un angelo dovr scendere dal cielo,
affinch la terra sia illuminata con la
sua gloria.
In mezzo alla confusione delle
dottrine ingannevoli, lo Spirito di Dio
sar una guida e uno scudo per coloro
che non hanno resistito alle evidenze
della verit. Egli fa tacere ogni voce
diversa da quella che viene da Colui che
la verit e la vita. Dio d ad ogni
anima lopportunit di udire la voce del
Vero Pastore, per ricevere la conoscenza
di Dio e del nostro Salvatore. Quando
il cuore riceve questa verit come un
tesoro prezioso, dentro ad esso si forma
Cristo, la speranza della gloria, mentre
lintero universo celeste esclama, Amen
e Amen! Noi abbiamo lassoluto
bisogno del potere rigenerante dello
Spirito Santo. Non abbiamo tempo per
consultarci con la carne e il sangue.
Noi
abbiamo
bisogno
dellilluminazione divina. Ogni
individuo lotta per diventare un centro
di influenza; e finch Dio non opera
per il Suo popolo, essi non capiranno
che la subordinazione a Dio lunica
sicurezza per qualsiasi anima. La Sua
grazia trasformatrice sui cuori umani
condurr allunit che non stata ancora
realizzata; poich tutti coloro che sono
assimilati a Cristo saranno in armonia
lun con laltro. Lo Spirito Santo creer
lunit.
Egli mi glorificher. Questa la
vita: che conoscano te, il solo vero Dio,
e colui che tu hai mandato, Ges Cristo

(Giovanni 16:14; 17:3). Lo Spirito


Santo glorifica Dio rivelando il Suo
carattere al Suo popolo affinch Egli
diventi loggetto dei loro affetti
supremi e manifesti il Suo carattere in
loro.
Essi vedono chiaramente che non ci
fu mai nessuna giustizia nel mondo
eccetto la Sua, nessuna eccellenza nel
mondo eccetto quella derivata da Lui.
Quando lo Spirito fu versato dallalto,
la chiesa fu inondata di luce, ma Cristo
era la fonte di quella luce; il suo nome
era su ogni lingua, il Suo amore
riempiva ogni cuore. Cos sar quando
langelo che scende dal cielo con gran
potenza illuminer tutta la terra con la
sua gloria.
La chiesa di Cristo, indebolita e
difettosa come pu essere, lunico
obiettivo sulla terra sul quale Egli
concede il Suo interesse supremo.
Mentre Egli estende a tutto il mondo il
Suo invito a venire a Lui e ad essere
salvati, Egli ordina ai Suoi angeli di
concedere laiuto divino ad ogni anima
che viene a Lui in pentimento e in
contrizione e viene personalmente col
suo Santo Spirito nel mezzo della Sua
chiesa.
Il dono del Suo Spirito Santo, ricco,
pieno e abbondante, per la Sua chiesa
come un invalicabile muro di fuoco e
le potenze dellinferno non prevarranno
contro di essa. Nella sua purezza
incontaminata e perfezione senza
macchia Cristo guarda al Suo popolo
come la ricompensa di tutte le Sue
sofferenze, della Sua umiliazione, del
Suo amore e il supplemento della Sua
gloria Cristo il grande centro dal quale
si irradia tutta la gloria.
Come possiamo resistere nel giorno
della prova se non comprendiamo le
parole di Cristo? Egli disse: Queste
cose vho detto, stando ancora con voi;
ma il Consolatore, lo Spirito Santo che
il Padre mander nel mio nome, egli
vinsegner ogni cosa e vi rammenter
tutto quello che vho detto. (Giovanni
14:25,26). E lo Spirito Santo che deve
far ricordare le parole di Cristo, Il tema
sul quale Cristo scelse di soffermarsi
nel Suo ultimo discorso ai Suoi
discepoli fu quello del compito dello
Spirito Santo. Egli apr dinanzi a loro
un ampio periodo di verit. Essi
dovevano ricevere le Sue parole per
La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

37

fede e il Consolatore, lo Spirito Santo,


doveva far ricordar loro tutte le cose.
La consolazione data da Cristo in questa
promessa fu trovata nel fatto che
linfluenza divina doveva essere coi
Suoi seguaci fino alla fine. Ma questa
promessa oggi non accettata e creduta
dal popolo e perci non apprezzata
da esso, n il suo adempimento visto
nellesperienza della chiesa. La
promessa del dono dello Spirito di Dio
lasciata come un argomento che deve
essere poco considerato dalla chiesa.
Essa non impressa sul popolo e il
risultato solamente quello che ci si
potrebbe aspettare siccit spirituale,
tenebre spirituali, decadenza e morte
spirituali. Gli argomenti minori
occupano la mente e lanima, ma il
potere divino che necessario per la
crescita e la prosperit della chiesa e
che, se posseduto, porterebbe come
conseguenza tutte le altre benedizioni,
mancante, sebbene sia offerto a noi
in pienezza infinita. Finch la chiesa
soddisfatta delle piccole cose, non
qualificata per ricevere le grandi cose
di Dio.
Tuttavia, perch non siamo affamati
e assetati del dono dello Spirito Santo,
dato che esso il mezzo attraverso il
quale il cuore pu essere mantenuto
puro? Il Signore progetta che la potenza
divina cooperi con lo sforzo umano. E
completamente essenziale per il cristiano
comprendere il significato della
promessa dello Spirito Santo proprio
prima della venuta del nostro Signor
Ges per la seconda volta. Parlate di
esso, pregate per esso, predicate
riguardo ad esso; poich il Signore
pi volonteroso di dare lo Spirito Santo
di quanto lo sono i genitori nel dare
buoni doni ai loro figli. Poich Iddio
ha tanto amato il mondo, che ha dato il
suo unigenito Figliuolo, affinch
chiunque crede in lui non perisca, ma
abbia vita eterna. (Giovanni 3:16).
Noi stiamo vivendo negli ultimi
giorni, quando lerrore del carattere pi
ingannevole viene accettato e creduto,
mentre la verit scartata. Il Signore
considerer responsabili i pastori e il
popolo per la luce che brilla nel nostro
tempo. Dio invita tutti coloro che
rivendicano di credere alla verit
presente di lavorare diligentemente nella
raccolta dei preziosi gioielli della verit

38

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

e metterli nella loro posizione nella


struttura del Vangelo. Splendano in tutta
la loro bellezza e amabilit divine,
affinch la luce possa risplendere nelle
tenebre morali. Questo non pu essere
compiuto senza laiuto dello Spirito
Santo, ma con laiuto dello Spirito noi
possiamo fare tutte le cose. Quando
siamo dotati dello Spirito Santo, ci
impossessiamo per fede della potenza
infinita. Nulla di quello che proviene
da Dio si deve perdere. Il Salvatore del
mondo invia il suo messaggero divino
allanima, affinch gli uomini possano
scavare la verit e tramite la sua
rivelazione possano far disperdere la
moltitudine di errori. Questa lopera
cristiana.
Lopera dello Spirito Santo
immensamente grande. E da questa
fonte che la potenza e lefficienza
vengono alloperaio di Dio; lo Spirito
Santo il Consolatore, come la presenza
personale di Cristo per lanima. Colui
che guarda a Cristo con fede semplice,
fanciullesca, reso partecipe della
natura divina attraverso lintervento
dello Spirito Santo. Quando viene
guidato dallo Spirito di Dio, il cristiano
pu sapere che egli fatto compiuto in
Colui che il capo di tutte le cose.
Come Cristo fu glorificato nel giorno
delle Pentecoste, cos sar di nuovo
glorificato nellopera conclusiva del
Vangelo, quando Egli preparer un
popolo per resistere alla prova finale,
nel conflitto conclusivo della grande
controversia.
Quando la terra sar illuminata della
gloria di Dio, noi vedremo unopera
simile a quella che fu eseguita quando i
discepoli, ripieni dello Spirito Santo,
proclamarono la potenza di un Salvatore
risorto. La luce del cielo penetr nelle
menti oscurate di coloro che erano stati
ingannati dai nemici di Cristo, e la falsa
rappresentazione di Lui fu rigettata;
poich attraverso lefficacia dello
Spirito Santo, essi ora Lo vedevano
innalzato per essere un Principe e
Salvatore, per dare pentimento ad
Israele e remissione dei peccati. Cristo
fu glorificato attraverso la potenza dello
Spirito Santo discesa sugli uomini.
La rivelazione di Cristo attraverso
lo Spirito Santo port ad essi un senso
concreto della Sua potenza e della Sua
maest ed essi estesero le loro mani a

Lui per fede, dicendo, Io credo. Cos


fu al tempo della prima pioggia; ma
lultima pioggia sar pi abbondante.
Il Salvatore degli uomini sar
glorificato e la terra sar illuminata col
vivo splendore dei raggi della Sua
giustizia. Egli la fonte della luce e la
luce dalle porte socchiuse brilla sul
popolo di Dio, affinch esso possa
innalzarlo nel Suo glorioso carattere
davanti a coloro che siedono nelle
tenebre.
Il peccatore deve vedere Cristo nella
Sua pienezza come un Salvatore che
perdona il peccato; poich
limparagonabile amore di Cristo,
attraverso lintervento dello Spirito
Santo, porter convinzione e
conversione al cuore indurito.
Oh, che noi come popolo potessimo
umiliare i nostri cuori davanti a Dio e
Lo implorassimo per la concessione
dello Spirito Santo!3
Che cosa fa lo Spirito Santo in
realt come Egli opera
Cristo dapprima rende penitente
colui a chi perdona ed il compito
dufficio dello Spirito Santo convincere
di peccato, di giustizia e di giudizio. Il
peccatore riconosce la perfezione di
Dio, la giustizia di Cristo e in questo
modo glorifica Dio. Osservando questa
perfezione il peccatore vede i suoi
peccati e si pente e crede nellespiazione
di Cristo, che Dio lo ha prestabilito
come sacrificio propiziatorio mediante
la fede nel suo sangue, per dimostrare
la sua giustizia, avendo usato tolleranza
verso i peccati commessi in passato, al
tempo della sua divina pazienza
(Romani 3:25,26).4
Ci sia unopera di riforma e di
pentimento. Tutti cerchino il
versamento dello Spirito Santo. Come
fu coi discepoli dopo lascensione di
Cristo, possono essere necessari
parecchi giorni di zelante ricerca di Dio
e di eliminazione del peccato.
Quando lo Spirito Santo operer nel
popolo di Dio, esso manifester uno
zelo che sar secondo la conoscenza.
Quando esso sar guidato dallo Spirito,
non condurr pi gli altri nei falsi
sentieri. Esso rifletter la luce che Dio
ha dato da anni. Lo spirito di critica
sar eliminato. Ripieno dello spirito di
umilt, esso sar di una mente, unito

lun con laltro e con Cristo.5


Ges dice ai discepoli che la loro
forza e la loro efficienza nel costruire
il suo regno dipendono dal dono dello
Spirito. Devono essere partecipi della
sua grazia per poter diventare un
profumo di vita a vita. Allora
cesseranno le rivalit, il desiderio di
affermare se stessi, la ricerca dei primi
posti. Saranno animati da quellamore
che non ricerca il proprio bene, ma il
benessere dellaltro.6
Dopo il versamento dello Spirito
Santo, migliaia furono convertiti. Gli
angeli di Dio che superano in forza,
vestiti con lo splendore del cielo,
vennero in aiuto alla chiesa e respinsero
le forze di Satana. Lopera dello Spirito
Santo non fu limitata ai giorni
apostolici; essa non limitata a qualche
chiesa, grande o piccola: il campo del
Suo ministero il mondo. Quando sar
venuto, convincer il mondo quanto al
peccato, alla giustizia e al giudizio
(Giovanni 16:8). Ma gli strumenti
attraverso i quali lo Spirito Santo opera
sono i membri del corpo di Cristo,
coloro che credono nel Suo nome. E
attraverso questi portatori di luce che il
Vangelo deve essere portato a tutte le
nazioni della terra.7
Cristo dichiar che lo Spirito Santo
non doveva parlare di Se stesso, ma che
egli testimonier di me (Giovanni
15:26). Lo Spirito Santo doveva
glorificare il Redentore del mondo, il
quale venne per dimostrare lamore del
Padre attraverso una vita di sofferenze
e di umiliazioni e attraverso una morte
di vergogna. Lo Spirito Santo glorifica
Cristo manifestando nei membri della
chiesa labnegazione, lauto-sacrificio,
la devozione di coloro che seguono
veramente il grande Esempio. Essi
versano uninfluenza celeste e rivelano
nei loro caratteri la bellezza di Cristo,
operando in armonia con lo Spirito
Santo. Essi possono tacere riguardo le
loro individualit limitate, ma possono
esaltare la grandezza di Cristo,
risvegliando un interesse negli altri
attraverso la rivelazione del Suo
meraviglioso amore. Essi possono
rivelare le lodi di Colui che li ha
chiamati dalle tenebre alla Sua
meravigliosa luce.
Oh, taccia la lingua riguardo alle foto

di se stessi! Ci si vergogni quando i soldi


spesi in questa maniera non sono entrati
nella tesoreria per imitare la
somiglianza di Cristo, per rivelare il
Suo incomparabile fascino. Solamente
Ges dovrebbe attirare lattenzione.
Coloro che hanno attratto lattenzione
a se stessi dovrebbero cambiare questo
corso di azione e volgere le menti degli
uomini a Colui che merita lamore di
tutto il cuore. Essi dovrebbero vedere
la peccaminosit nellaiutare il nemico
di Dio e delluomo mettendo davanti
alla mente le cose che sviano
lattenzione da Cristo e dal cielo.
Questa opera di egoismo addolora lo
Spirito Santo di Dio. Non aveva Cristo il
travaglio dellanima per poter assicurare
la redenzione ad un mondo perduto?
Allora i seguaci di Cristo, coloro che Egli
ha lasciato come Suoi rappresentanti, non
saranno toccati dallangoscia dellanima
e dal travaglio nello spirito perch le
anime possano essere portate a Cristo?
Noi siamo infatti collaboratori di Dio
(1Corinti 3:9). Cristo operava
incessantemente per le anime degli uomini
e perch i membri della chiesa se ne stanno
tutto il giorno inoperosi? Andate, lavorate
nella vigna del Maestro. Pentitevi con le
lacrime e lumiliazione perch avete
sprecato cos tanto tempo su questioni non
importanti quando le anime periscono.
Come rappresentanti della grazia di
Dio, non avete un interesse personale
nellopera di salvezza dei vostri simili?
Sar Cristo morto invano per loro
perch Egli non ha la collaborazione
dei Suoi professanti seguaci? Dio
richiede che voi siate ripieni dello
Spirito Santo. Lopera di Cristo sacra
e lordine , Purificatevi, voi che
portate i vasi del Signore (Isaia 52:11).
Egli richiede la perfezione di carattere
nei Suoi agenti. Linfluenza della Sua
chiesa deve tendere completamente
verso ledificazione della Sua causa
sulla terra.
Ogni membro deve cooperare con
lo Spirito Santo nella Sua opera.
Nessuno senta che egli deve impegnarsi
in una battaglia a sue proprie spese.
Trascurare un singolo mezzo che Dio
ha provveduto significa escludere i raggi
di luce che dovrebbero risplendere al
mondo e rubare le anime per le quali
Cristo morto della luce della vita. Gli

sforzi umani devono essere combinati


con la potenza divina.
Davanti a coloro che stanno
cercando la luce vengono poste delle
pietre dinciampo, affinch i professanti
seguaci di Cristo siano privi della
potenza dello Spirito Santo.
Il professante popolo di Dio non
studia la vita di Cristo come dovrebbe.
Satana ha riempito le loro menti con
gli interessi per le cose di minor
importanza e le realt eterne sono messe
da parte. E questo che rende cos
grande la mancanza di operai; per questo
i seminatori e i mietitori sono cos
pochi
Operiamo nello Spirito di Cristo per
i nostri simili. Nelle grandi citt e in
quelle pi piccole, nelle strade
principali e in quelle secondarie,
usciamo per innalzare Ges come Colui
che in grado di purificare dal peccato.
Ogni membro di chiesa, se pu fare di
pi che semplicemente dire, vieni,
pu essere un membro che opera. Poich
la parola dichiara, Lo Spirito e la sposa
dicono: Vieni. E chi ode, dica:
Vieni. Chi ha sete, venga; chi vuole,
prenda in dono dellacqua della vita.
(Apocalisse 22:17).
Riferimenti:
1

The Home Missionary, 1 novembre


1893.
La speranza delluomo, p. 515,516.

The Home Missionary, 1


novembre 1893.
4
The Signs of the Times, 1 agosto
1895.
5
Manuscript Releases, vol. 2, p. 23.
6
La speranza delluomo, p.332.
7
The Review and Herald, 20
gennaio 1891.
8
Idem, 27 gennaio 1891.

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

39

DOMENICA, 26 GIUGNO

UN
TRIONFANTE
UN POPOLO
POPOLO TRIONF
TRIONFANTE

D. SURESHKUMAR SCRITTO DAGLI STATI UNITI

Il quadro di un popolo trionfante


Giovanni il Rivelatore dichiara: E
vidi come un mare di vetro mescolato
con fuoco e sul mare di vetro quelli che
avevano ottenuto vittoria sulla bestia e
sulla sua immagine e sul numero del
suo nome. Essi stavano in piedi,
avevano delle arpe di Dio, e cantavano
il cantico di Mos, servo di Dio, e il
cantico dellAgnello, dicendo: Grandi
e meravigliose sono le tue opere, o
Signore, Dio onnipotente; giuste e
veritiere sono le tue vie, o Re delle
nazioni. Chi non temer, o Signore, e
chi non glorificher il tuo nome? Poich
tu solo sei santo; e tutte le nazioni
verranno e adoreranno davanti a te,
perch i tuoi giudizi sono stati
manifestati (Apocalisse 15:2-4).
Langelo dal cielo venne a Giovanni
nella maest. Il Suo volto irradiava di
eccellente gloria celeste. Egli rivel a
Giovanni le scene di profondo ed
emozionante interesse riguardo la chiesa
di Dio e present davanti a lui i pericolosi
conflitti che essa doveva sopportare.
Giovanni li vide passare attraverso le
prove ardenti, imbiancati e provati e, alla
fine, vittoriosi e gloriosamente salvati
nel regno di Dio. Il volto dellangelo
divenne radiante di gioia e gloriosissimo
quando egli mostr a Giovanni il trionfo
finale della chiesa di Dio. Giovanni fu
estasiato mentre osservava la liberazione
finale della chiesa. 1
Questa la scena della liberazione

40

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

finale, il trionfo della chiesa di Dio.


Lopera deve presto concludersi. I
membri della chiesa militante che si
sono dimostrati fedeli diventeranno la
chiesa trionfante.2
I cristiani sono impegnati in una
battaglia. La chiesa militante non la
chiesa trionfante. I seguaci di Cristo,
marciando verso Sion, devono
combattere ad ogni passo.3
Pi di diciannove secoli sono passati
da quando gli apostoli lasciarono il loro
lavoro. Scritta sotto la direzione dello
Spirito Santo, la storia del loro lavoro
energico e logorante e dei loro sacrifici
per Cristo ancora tra i Suoi figli per
loro edificazione. Fu scritta in ordine
affinch, attraverso essa, i figli di Dio
potessero essere incoraggiati ad una
maggior sincerit nella causa del
Salvatore.
Chi trionfer?
Il Rivelatore descrive un popolo
speciale che sta andando verso il trionfo.
Qu la costanza dei santi che
osservano i comandamenti di Dio e la
fede in Ges. Questo il popolo che
sta andando al trionfo del quale
leggiamo in Apocalisse 15. Allora il
dragone sinfuri contro la donna e
and a far guerra a quelli che restano
della discendenza di lei che osservano i
comandamenti di Dio e custodiscono la
testimonianza di Ges (Apocalisse
12:17). Questi sono coloro che credono
che chi Lo ama osserva i Suoi

comandamenti. Essi sono in armonia con


quella legge che sta nellarca nel Luogo
Santissimo del santuario celeste.
Tuttavia, c un gruppo di persone che
st andando verso il trionfo; la chiesa,
il rimanente che illuminer la terra con la
sua gloria. Dio ha una chiesa sulla terra
che il Suo popolo scelto, che osserva i
Suoi comandamenti. Egli sta conducendo
un popolo, non rami sviati, uno qui e
laltro l. 4
Questo un movimento di popolo,
il movimento simbolizzato dallangelo
che scende dal cielo e grida con potenza
con una voce forte, annunciando i
peccati di Babilonia, 5 un movimento
con un messaggio dal cielo che ha
grande autorit, poich esso segue
Cristo.
Registri storici
Imperatori, re, governanti, sacerdoti
e governatori cercarono di distruggere
il tempio di Dio per eliminare i figli di
Dio. Nonostante limprigionamento, la
persecuzione, i tormenti e la morte, gli
uomini fedeli continuarono a
promuovere lopera con devozione e ci
fu un rimanente in tutti i periodi della
storia della terra che portava la bandiera
di Cristo. Molte volte essi furono quasi
distrutti dallaggressione dei loro
oppositori. Ma con fede determinata e
coraggio incrollabile essi andarono
avanti con la speranza del trionfo.
Il nemico cerc di eliminare, uno
dopo laltro, i principali architetti della

chiesa di Dio. Stefano fu lapidato;


Giacomo fu ucciso dalla spada; Paolo
fu decapitato; Pitero fu crocifisso;
Giovanni fu esiliato. Altri fedeli presero
il posto di coloro che caddero e altri
mattoni furono aggiunti alledificio del
tempio di Dio. Lentamente il tempio
della chiesa di Dio cresceva. Sebbene
molti operai furono uccisi, lopera del
Signore progred. I valdesi, Giovanni
Wycliffe, Huss e Geronimo, Martin
Lutero e Zwingli, Cranmer, Latimer e
Knox, gli Ugonotti, John e Charles
Wesley, e molti altri portarono il
materiale del fondamento che continuer
per tutta leternit.
Molti secoli di violenta persecuzione
seguirono ma non ci fu mai una
mancanza di persone che apprezzavano
lOpera di Dio pi della loro vita. Ci
furono persone che non potevano essere
comprate o vendute e che stavano ferme
come lago al polo. Di costoro scritto:
Altri furono messi alla prova con
scherni, frustate, anche catene e prigionia.
Furono lapidati, segati, uccisi di spada;
andarono attorno coperti di pelli di
pecora e di capra; bisognosi, afflitti,
maltrattati (di loro il mondo non era
degno), erranti per deserti, monti,
spelonche e per le grotte della terra
(Ebrei 11:36-38).
Noi dobbiamo portare il
materiale del fondamento che
resister
Tutti questi uomini e donne giusti
hanno svolto la loro parte. Ma noi
dobbiamo continuare, poich lopera
non ancora completata. Noi che stiamo
vivendo in questepoca abbiamo un
compito da svolgere, una parte da
compiere. Noi dobbiamo portare il
materiale del fondamento che resister
alla prova del fuoco oro, argento e
pietre preziose, come colonne scolpite
per adornare un palazzo (Salmo
144:12). A coloro che in questa maniera
costruiscono per Dio, Paolo dice delle
parole di incoraggiamento e
avvertimento: Se lopera che uno ha
costruita sul fondamento rimane, egli
ne ricever ricompensa (1 Corinti
3:14).
Questo il popolo attraverso il quale
Dio dar il Suo ultimo messaggio a
questo mondo, in questa generazione
(Genesi 7:1). Ma Egli non pu avere una

tale chiesa che d il messaggio finch


Egli non avr un popolo che amer il
prossimo e sar pronto a fare dei sacrifici
per la sua salvezza.
Coloro che dicono, io faccio parte
della chiesa, faccio parte della chiesa del
rimanente, ma hanno il mondo in s,
non stanno andando verso il trionfo.
Coloro che sono indifferenti non stanno
andando verso il trionfo. La chiesa che
trionfer non sar una chiesa professante
che unita col mondo o con le sue
usanze. Non basta dire, Io faccio parte
della chiesa e avere altri dii con s. Il
Signore ha una controversia col Suo
popolo e, sebbene nella Sua grande
misericordia Egli porta pazienza con
loro, se essi persistono nel vivere nella
trasgressione della Sua legge, non
resisteranno nel giorno del Suo
rimprovero. 6
Il grande tempo di tribolazione
inizia dopo la chiusura del tempo della
prova. Ma il popolo di Dio preparato
per lora della prova che gli sta davanti.
Il tempo di distretta e di angoscia
davanti a noi richieder una fede che
possa sopportare la stanchezza, il ritardo
e la fame una fede che non verr
meno, anche se duramente provata.
La chiesa del rimanente sar portata
in grandi prove e in distretta. Coloro
che osservano i comandamenti di Dio e
la fede di Ges sentiranno lira del
dragone e delle sue schiere. Satana
calcola il mondo come suo suddito. Egli
ha ottenuto il controllo delle chiese
apostate; ma ecco una piccola
compagnia che sta resistendo alla sua
supremazia. Come egli influenz le
nazioni pagane a distruggere Israele,
cos nel prossimo futuro egli sveglier
le potenze malvagie della terra per
distruggere il popolo di Dio. 7
Sar pronunciata una sentenza di
morte simile a quella emanata da
Assuero per tutti coloro che non
onorano la domenica. Un decreto
uscito per uccidere i santi, che li port
a gridare girono e notte per la
liberazione. 8
Ma il rimanente fa di Dio la sua
difesa. Se il popolo di Dio metter la
sua fiducia in Lui e per fede far
affidamento sulla Sua potenza, i
stratagemmi di Satana saranno sconfitti
nel nostro tempo cos notevolmente come
ai giorni di Mardocheo. 9

E vidi come un mare di vetro


mescolato con fuoco e sul mare di vetro
quelli che avevano ottenuto vittoria
sulla bestia e sulla sua immagine e sul
numero del suo nome. Essi stavano in
piedi, avevano delle arpe di Dio
(Apocalisse 15:2).
La pi grande prova
La nostra pi grande prova verr da
coloro che professano la piet. Cos fu
col Redentore del mondo; cos sar per i
Suoi seguaci. Io dubiterei di essere un
figlio di Dio, se il mondo, o persino tutti
professanti cristiani parlassero bene di
me. Coloro che si sforzano per
conquistare la corona della vita eterna
non devono essere sorpresi o scoraggiati
perch ad ogni passo verso la Canaan
celeste affrontano gli ostacoli e
incontrano prove. Lopposizione che
ricevette Cristo venne dalla Sua stessa
nazione, la quale sarebbe stata
grandemente benedetta se Lo avesse
accettato. Nella stessa maniera la chiesa
del rimanente riceve lopposizione da
coloro che professano di essere suoi
fratelli. 10
Notate di nuovo lultima frase di
questa profezia: Nella stessa maniera
la chiesa del rimanente riceve
lopposizione da coloro che professano
di essere suoi fratelli. La chiesa del
rimanente sta per ricevere
lopposizione, ma da chi? Da coloro che
dicono, noi siamo la chiesa del
rimanente da coloro che professano
di essere i suoi fratelli. Ecco da dove
viene lostilit.
Dio traccia una linea proprio l nel
mezzo di questo grande gruppo di
persone. Egli traccia la linea tra coloro
che professano di essere Suoi figli, la
chiesa del rimanete e coloro i cui
caratteri dimostrano chi sono in realt.
Essi sono in realt ubbidienti. Non
fanno soltanto una professione, ma in
realt ubbidiscono.
Le caratteristiche dei trionfanti
Chi sono coloro che trionferanno?
Ecco le caratteristiche della Bibbia. Se
avete queste caratteristiche nella vostra
vita, farete parte della compagnia
trionfante.
1. Il popolo che trionfer non sar
unito col mondo. Esso si separer dal
mondo e dalla mondanit. 11 (Giacomo
La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

41

4:4).
2. Questi trionfanti saranno un
popolo che fedele alla verit e alla
chiesa. La chiesa una colonna e la base
della verit (1 Timoteo 3:15).
3.Questo popolo trionfante porter
lavvertimento finale a tutto il mondo e
proclamer il messaggio di quellaltro
angelo con potenza. Il messaggio del
terzo angelo trionfer e noi dobbiamo
aggrapparci fermamente alla verit e
trionferemo con essa. 12 La verit del
messaggio del terzo angelo destinata a
trionfare e coloro che purificano le loro
anime da ogni contaminazione
trionferanno con essa. 13
4. La chiesa che trionfa osserver
realmente i comandamenti di Dio
(Apocalisse 12:17; 14:12) per la potenza
fornita da Ges. Essa non far soltanto
una professione.
5. Il popolo che trionfer non
cercher il riconoscimento o gli onori
mondani (Apocalisse 13:15-17; capitoli
14 e 15).
6. Il popolo che trionfer avr vinto
legoismo. Come risultato della morte di
Cristo sulla croce del Calvario, essi non
vivranno pi per se stessi, ma per Colui
che morto per loro (2 Corinti 5:15).
7. Essi stanno facendo la volont di
Dio con tutto il cuore, non tiepidamente.
Essi non fanno solo servizio di lingua
ma fanno un vero servizio di cuore. 14
Essi comprendono che le semplici
forme sono come un rame risonante o
uno squillante cembalo. Molti sono
contenti del servizio di labbra, ma i
pochi che trionferanno avranno un
sincero, serio, affezionato desiderio di
Dio.
8. Essi camminano umilmente con
Dio nella mansuetudine e nella
contrizione dello spirito e il Signore li
riconosce e d a loro la grazia del Suo
Spirito Santo, affinch possano fare
lopera che Dio vorrebbe che facessero,
secondo la loro capacit. Michea 6:68.
9. Essi sono collaboratori di Dio. Non
rivendicano alcuna loro sapienza, ma
riconoscono che solo la potenza divina
pu renderli capaci. (1 Corinti 3:9).
10. La chiesa trionfante sar una
chiesa che passata attraverso un forte
conflitto, cos come descritto in
Apocalisse 13,14,15 e 17:14. Essi
affrontano tutte le difficolt. Cristo ha

42

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005

amato la chiesa e ha dato s stesso per


lei, per santificarla dopo averla
purificata lavandola con lacqua della
parola, per farla comparire davanti a s
gloriosa, senza macchia, senza ruga o
altri simili difetti, ma santa e
irreprensibile (
Efesi 5:25-27).
11. Queste persone comprendono che
non appartenendo alla chiesa che essi
appartengono a Cristo, ma che devono
appartenere a Cristo per appartenere alla
chiesa. La differenza tra queste due cose
la differenza tra la cristianit e il
mistero delliniquit.
12. Questi sono parte dei
centoquarantaquattromila che furono
redenti dalla terra. Nella bocca loro
non stata trovata menzogna: sono
irreprensibili (Apocalisse 14:5).
13. Sono quelli che vengono dalla
grande tribolazione. Essi hanno lavato
le loro vesti e le hanno imbiancate nel
sangue dellAgnello (Apocalisse 7:14).
Lesperienza di Giacobbe
Lora era venuta. Il patriarca
Giacobbe stava affrontando uno dei
capitoli pi oscuri della sua vita. La
crudelt dei suoi figli nelluccidere gli
abitanti innocenti di unintera citt
rifletteva tristemente in qualche grado
la stessa negligenza del patriarca nel
guidare la sua famiglia in modo giusto.
Dio fu disonorato e tutte le loro vite
erano ora in serio rischio. Gli
avvenimenti si erano sviluppati fino ad
una vera crisi e dove poteva andare
Giacobbe? Quale speranza esisteva
davanti a tale colpa cos evidente?
Le apparenze sembravano
dolorosamente tetre. Sembrava che non
ci fosse assolutamente alcun posto dove
andare, alcun braccio su cui appoggiarsi,
alcuna dolce luce per disperdere le
tenebre. Lunico barlume di speranza
che egli trov fu nel supplicare,
inginocchiandosi umilmente, le tenere
misericordie di un compassionevole
Salvatore.
Giacobbe ... lott con langelo, e
rest vincitore... (Osea 12:5). Grazie
allumiliazione, al pentimento e
allabbandono del proprio orgoglio,
questo essere mortale, anche se
colpevole e disorientato, prevalse sulla
Maest del cielo. Egli aveva afferrato,
tremante, le promesse di quel Dio che

non poteva negare il suo amore infinito


a un peccatore pentito. 15
Sforzi risoluti e fede incondizionata
sono essenziali per la vittoria. Giacobbe
era nella paura e nellangoscia mentre
cercava con le sue proprie forze di
ottenere la vittoria. Egli scambi il
visitatore celeste per un nemico e lott
con lui finch aveva qualche forza. Ma
quando si gett sulla compassione di Dio
scopr che, invece di essere nelle mani
di un nemico, era stretto nelle braccia
dellimmenso amore e, si rese conto che
i suoi peccati erano perdonati. Questa
fu la sua vittoria.
Lo sforzo di Giacobbe per
rimuovere lerrore fu accettato da Dio.
Giacobbe fu umiliato e richiese che la
sua famiglia si umiliasse e abbandonasse
tutti i suoi ornamenti, poich egli
doveva fare lespiazione per i loro
peccati offrendo un sacrificio a Dio
affinch Egli potesse essere supplicato
da loro ed essi non fossero distrutti da
altre nazioni. Dio accett gli sforzi di
Giacobbe per rimuovere lerrore dalla
sua famiglia, gli appareve, lo benedisse
e gli rinnov la promessa, perch il Suo
timore era davanti a lui. Questa fu la
sua vittoria.
Come evidenza che Giacobbe era
stato perdonato, il suo nome fu cambiato
da quello che era un ricordo dei suoi
peccati ad uno che commemorava la sua
vittoria. Il tuo nome, disse langelo,
non sar pi Giacobbe, ma Israele;
perch tu hai lottato con Dio e con gli
uomini e hai vinto (Genesi 32:28).
Lesperienza di Giacobbe
ripetuta da noi
Giacobbe prevalse perch era
perseverante e determinato. La sua
esperienza testimonia della potenza
della preghiera insistente. E ora che
dobbiamo imparare questa lezione di
preghiera persistente e di fede salda. Le
pi grandi vittorie della chiesa di Dio o
dei cristiani individuali non sono quelle
ottenute dal talento o dalleducazione,
dalla ricchezza o dal favore degli
uomini, ma quelle ottenute nella
camera di udienza di Dio, quando la
fede fervente ed agonizzante si
impossessa del forte braccio della
potenza. 16
Non possiamo fare niente da
noi stessi. Inermi e indegni,

dobbiamo riporre la nostra fiducia


nei meriti del Salvatore crocifisso e
risorto. Nessuno mai perir facendo
questo. La lunga e dolorosa
memoria delle nostre colpe davanti
allocchio dellInfinito. Il registro
completo; nessuna delle nostre
offese dimenticata. Colui che nel
passato ascolt le invocazioni dei
suoi figli, ascolta anche oggi la
preghiera della fede e perdona le
nostre trasgressioni. Lo ha promesso
e manterr la sua parola. 17
Il privilegio affidatoci
Noi abbiamo un nemico vigilante
che dobbiamo affrontare; che non
smette di vegliare neanche per un
momento. Le richieste del nostro paese
non sono pi alte di quelle di Dio. Se i
nostri soldati che combattono in favore
del paese per ottenere il dominio e
portare i ribelli nellubbidienza
sopportano difficolt e prove, quanto
pi disposti dovrebbero essere i soldati
di Cristo a sopportare la privazione,
labnegazione e qualsiasi calunnia per
amor di Cristo. Il Capitano della nostra
salvezza fu reso perfetto attraverso la
sofferenza affinch potesse portare
molti figli e figlie al Signore. Noi
stiamo sotto la bandiera macchiata del
sangue della croce di Cristo. Noi
dobbiamo affrontare Satana e le sue
schiere. Dobbiamo conquistare nel
nome di Ges o essere conquistati.
Armati della mente di Cristo saremo pi
che vincitori. Come soldati fedeli della
croce noi non dobbiamo combattere
contro i principati e le potenze, ma
contro le forze spirituali della malvagit
che sono nei luoghi celesti. Non c
alcuna pausa in questa guerra, nessun
allentamento. Lubbidienza e la fede
devono caratterizzarci come servitori di
Cristo. 18
Il Signore vuole che noi siamo
trionfanti sulle potenze delle tenebre.

Egli pronto e disposto a salvare tutti


coloro che vengono a Lui. E attraverso
di Lui che abbiamo anche avuto, per
la fede, laccesso a questa grazia nella
quale stiamo fermi (Romani 5:2). Con
la spada della verit Egli sconfisse il
nemico. Equipaggiati della spada della
verit e protetti dallo scudo della fede,
noi, la chiesa militante, saremo in grado
di resistere agli attacchi di Satana.
Continuando a resistere al nemico, noi
cresceremo sempre nella forza e alla
fine diventeremo la chiesa trionfante.

su di loro. Non avranno pi fame e non


avranno pi sete, non li colpir pi il
sole n alcuna arsura; perch lAgnello
che in mezzo al trono li pascer e li
guider alle sorgenti delle acque della
vita; e Dio asciugher ogni lacrima dai
loro occhi. E non ci sar pi la morte,
n cordoglio, n grido, n dolore,
perch le cose di prima sono passate
(Apocalisse 7:14-17; 21:4)

Riferimenti:

Conclusione
Quando la chiesa si rivestir della
giustizia di Cristo, abbandonando tutti i
compromessi con il mondo, vedr sorgere
lalba di un glorioso giorno. La promessa
che Dio le ha fatta sussiter per sempre.
Egli ladorner di uno splendore eterno
ed essa diventer fonte di gioia per molte
generazioni. 19
Noi dobbiamo esaminare noi stessi
e chiederci. Sono un membro della
chiesa perch sono iscritto nei registri
della chiesa? Oppure sono un membro
della chiesa perch il mio nome nel
libro della vita, dato che ho dato me
stesso a Cristo e appartengo a Lui e vivo
e mi muovo e ho la mia vita in Lui?
Dopo queste cose guardai e vidi
una folla immensa che nessuno poteva
contare, proveniente da tutte le nazioni,
trib, popoli e lingue, che stava in piedi
davanti al trono e davanti allAgnello,
vestiti di bianche vesti e con delle palme
in mano. E gridavano a gran voce,
dicendo: La salvezza appartiene al
nostro Dio che siede sul trono e
allAgnello (Apocalisse 7:9,10).
Sono quelli che vengono dalla
grande tribolazione. Essi hanno lavato
le loro vesti, e le hanno imbiancate nel
sangue dellAgnello. Perci sono
davanti al trono di Dio e lo servono
giorno e notte, nel suo tempio; e colui
che siede sul trono stender la sua tenda

Spiritual Gifts, vol. 1, p. 130,131.


Evangelism, p. 707.
3
The Signs of the Times, 10 giugno
1903.
4
Testimonies to Ministers, p. 61.
5
Vedi Gran Conflitto, p. 472,473.
6
The Signs of the Times, 12 marzo
1894.
7
Testimonies, vol. 9, p. 231.
8
Early Writings, p. 36,37.
9
The Signs of the Times, 22 febbraio
1910.
10
The Review and Herald, 28 agosto
1883.
11
Testimonies to Ministers, p. 128.
12
Manuscript Releases, vol. 20, p. 236.
13
Sermons and Talks, vol. 2, p. 131.
14
Vedi Counsels on Sabbath School
Work, p. 179,180.
15
Patriarchi e profeti, p. 163.
16
Colporteur Ministry, p. 81.
17
Patriarchi e profeti, p. 166.
18
The Signs of the Times, 15 gennaio
1880.
19
Gli uomini che conquistarono un
impero, p. 376.
2

Lasettimana
settimanadidiconsacrazione
consacrazione- -17-26
17-26giugno
giugno2005
2005
La

43
43

44

La settimana di consacrazione - 17-26 giugno 2005