Sei sulla pagina 1di 287

001 e 003_004 Frontespizio 2-12-2004 8:29 Pagina 3

Contratto collettivo nazionale di lavoro


per gli addetti all’industria
della gomma cavi elettrici ed affini
e all’industria delle materie plastiche

2 giugno 2004
002 2-12-2004 12:19 Pagina 2

FILCEA-CGIL FLERICA-CISL UILCEM-UIL

Hai aderito al Fondo Gomma Plastica?

Ti ricordo che:
- iscriversi al Fondo Gomma Plastica è importante per
mettere al sicuro il tuo futuro pensionistico;

● solo chi si iscrive riceve il contributo dell’azienda;


● i versamenti del lavoratore sono esenti da tassazione;
● i rendimenti del TFR versato al Fondo sono mediamente
maggiori della rivalutazione del TFR in azienda.

NEL TUO INTERESSE

NON INDUGIARE ISCRIVITI SUBITO E FAI


ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI

Per ulteriori informazioni e chiarimenti rivolgiti alla tua


RSU, alla FILCEA- CGIL, FLERICA- CISL, UILCEM - UIL
territoriali o alla Direzione Aziendale
003_006 16-12-2004 12:47 Pagina III

III

INDICI

Pag.
Indice sommario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . III

INDICE SOMMARIO
Pag.
PARTI CONTRAENTI ........................................................................................ VII

CONTRATTO PARTE I
Titolo I – Relazioni industriali ......................................................... 1
Titolo II – Organizzazione del lavoro............................................... 9
Titolo III – Previdenza complementare............................................ 10
Titolo IV – Assistenza sanitaria integrativa........................................ 12
Titolo V – Formazione..................................................................... 13
Titolo VI – Decentramento produttivo, appalti e lavoro e domicilio... 15
Titolo VII – Inscindibilità delle disposizioni contrattuali. ................... 16

CONTRATTO PARTE II
Art. 01 – Assunzione – Documenti – Residenza e domicilio............. 17
Art. 02 – Disciplina dell'apprendistato, del contratto d’inserimento
e dei contratti di cui ai D.Lgs. 368/2001 e 276/2003.......... 18
Art. 03 – Periodo di prova................................................................. 22
Art. 04 – Classificazione del personale............................................. 23
Art. 05 – Cumulo di mansioni ........................................................... 27
Art. 06 – Passaggio di mansioni ....................................................... 27
Art. 07 – Passaggi di qualifica .......................................................... 28
Art. 08 – Orario di lavoro................................................................... 28
Art. 09 – Giornate di riposo e riduzioni dell'orario di lavoro ............. 33
Art. 10 – Lavoro a tempo parziale..................................................... 34
Art. 11 – Disposizioni per i lavoratori addetti a mansioni discontinue
o mansioni di semplice attesa o custodia.......................... 36
Art. 12 – Lavoro, straordinario, notturno, festivo ed a turni:
definizioni e maggiorazioni................................................. 36
Art. 13 – Turnisti a ciclo continuo ..................................................... 40
Art. 14 – Computo delle maggiorazioni per il lavoro a turni. ............ 40
Art. 15 – Giorni festivi e riposo settimanale ...................................... 41
Art. 16 – Ferie ................................................................................... 42
Art. 17 – Trattamento economico minimo ........................................ 44
003_006 16-12-2004 12:47 Pagina IV

IV
Art. 18 – Indennità di contingenza.................................................... 45
Art. 19 – Divisore orario .................................................................... 46
Art. 20 – Elementi della retribuzione ................................................. 46
Art. 21 – Corresponsione della retribuzione ..................................... 47
Art. 22 – Reclami sulla retribuzione .................................................. 48
Pag.
Art. 23 – Lavoro a cottimo ................................................................ 48
Art. 24 – Scatti di anzianità............................................................... 53
Art. 25 – Contrattazione di II livello ................................................... 54
Art. 26 – Tredicesima mensilità ........................................................ 56
Art. 27 – Mantenimento delle maggiorazioni per lavoro a turni ........ 57
Art. 28 – Indennità speciali ............................................................... 57
Art. 29 – Quadri................................................................................. 58
Art. 30 – Trattenute per risarcimento danni...................................... 58
Art. 31 – Trasferta ............................................................................. 58
Art. 32 – Trasferimento ..................................................................... 59
Art. 33 – Interruzione del lavoro e recupero delle ore di lavoro per-
dute .................................................................................... 60
Art. 34 – Trattamento in caso di sospensione o di riduzione dell’ora-
rio di lavoro ........................................................................ 61
Art. 35 – Permessi ed altre facilitazioni............................................. 61
Art. 36 – Aspettativa ......................................................................... 62
Art. 37 – Congedo matrimoniale....................................................... 62
Art. 38 – Servizio militare .................................................................. 63
Art. 39 – Infortunio e malattie professionali ...................................... 63
Art. 40 – Trattamento in caso di malattia ed infortunio non profes-
sionale................................................................................ 64
Art. 41 – Trattamento in caso di gravidanza e puerperio ................. 67
Art. 42 – Ambiente di lavoro – Rappresentanza per la sicurezza ..... 68
Art. 43 – Prevenzione, igiene e sicurezza del lavoro ........................ 72
Art. 44 – Diritto allo studio e facilitazioni particolari per lavoratori
studenti .............................................................................. 74
Art. 45 – Abiti da lavoro .................................................................... 77
Art. 46 – Lavoro delle donne e dei minori......................................... 78
Art. 47 – Reclami e controversie....................................................... 79
Art. 48 – Inizio e fine del lavoro......................................................... 79
Art. 49 – Consegna e conservazione utensili e materiali .................. 79
Art. 50 – Visita di inventario e di controllo ........................................ 80
Art. 51 – Assenze.............................................................................. 80
Art. 52 – Rapporti in azienda ............................................................ 81
Art. 53 – Provvedimenti disciplinari .................................................. 82
Art. 54 – Multe e sospensioni ........................................................... 83
Art. 55 – Licenziamento per mancanze ............................................ 83
003_006 16-12-2004 12:47 Pagina V

V
Art. 56 – Restituzione documenti di lavoro – Certificato di lavoro ... 84
Art. 57 – Preavviso............................................................................ 85
Art. 58 – Trattamento di fine rapporto (T.F.R.).................................. 86
Art. 59 – Indennità in caso di morte.................................................. 87
Art. 60 – Cessione, trasformazione e trapasso di azienda ............... 87
Pag.
Art. 61 – Rappresentanza Sindacale Unitaria, Commissioni Interne
e Delegato d’Impresa......................................................... 88
Art. 62 – Assemblee ......................................................................... 91
Art. 63 – Affissioni............................................................................. 92
Art. 64 – Permessi per cariche sindacali .......................................... 92
Art. 65 – Aspettativa per cariche pubbliche e sindacali ................... 93
Art. 66 – Versamento dei contributi sindacali................................... 93
Art. 67 – Fondo di solidarietà............................................................ 94
Art. 68 – Abrogazione dei precedenti contratti – Opzione................ 94
Art. 69 – Condizioni di miglior favore................................................ 94
Art. 70 – Piccole aziende .................................................................. 95
Art. 71 – Distribuzione del contratto ed esclusiva di stampa ........... 95
Art. 72 – Decorrenza e durata........................................................... 95

ALLEGATO 1
– Importi dell’indennità sostitutiva del premio di risultato
mensile applicabile, in alternativa al premio di risultato
alle imprese di cui al comma 5 dell’art. 25................................... 99

ALLEGATI ALL’ART. 4 “CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE”


Indice per area.................................................................................. 105
– Allegato 2 – Declaratorie e posizioni professionali. ...................... 109
– Allegato 3 – Esemplificazione di mansioni (produzione e qualità)... 159

APPENDICE

Cassa integrazione guadagni e mobilità


– Legge 20.05.1975, n. 164............................................................. 168
– Legge 13.08.1980, n. 427............................................................. 174
– Legge 23.07.1991, n. 223............................................................. 175

Lavoratrici madri
– D.Lgs. 26.03.2001, n. 151 ............................................................ 197

Licenziamenti individuali
– Legge 15.07.1966, n. 604............................................................. 217
– Legge 11.05.1990, n. 108............................................................. 219
003_006 16-12-2004 12:47 Pagina VI

VI
Orario di lavoro
– D.Lgs. 08.04.2003, n. 66 .............................................................. 221

Parità uomo – donna


– Legge 09.12.1977, n. 903............................................................. 232
– Legge 10.04.1991, n. 125............................................................. 235

Rappresentante per la sicurezza


– Accordo interconfederale 22.06.1995.......................................... 243
– Regolamento per l'elezione.......................................................... 250
– D.Lgs. 19.09.1994, n. 626 ............................................................ 251

Statuto del lavoratori


– Legge 20.05.1970, n. 300............................................................. 267
007_008 16-12-2004 10:37 Pagina 7

VII

PARTI CONTRAENTI
Addì, 2 giugno 2004, in Roma
tra

la FEDERAZIONE GOMMA PLASTICA rappresentata dal suo Presidente avv.


Franco Muscarà, dal Vice Presidente sig.ra Maria Luisa Franzini assistiti dal sig.
Angelo Bonsignori, dal dr. Mario Saltalamacchia e dal rag. Luigi Durante,

e da una Delegazione industriale composta dai signori: dr. Paolo Astarita, dr.
Federico Auteri, dr. Maurizio Avagnale, dr. Gianvittorio Bergallo, dr. Alberto Bianco,
dr. Gianmarco Bosticchi, dr. Paolo Bruno, dr. Marco Cervini, dr. Alfredo Correra, dr.
Maurizio Cossalter, dr.ssa Liliana Cozzi, dr. Luigi Dadamo, dr.ssa De Masi Laura, dr.
Giuseppe De Monte, dr.ssa Antonella Di Capua, dr. Marco Do, dr. Andrea Fontana,
dr. Franco Giaj Levra, dr. Valentino Inaudi, dr. Claudio Lanna, dr. Giuseppe
Lazzeroni, rag. Maurizio Lossi, rag. Gerardo Magale, dr. Gian Paolo Masone, dr.
Giuliano Meraviglia, dr. Giuseppe Mirizio, dr. Fulvio Miscione, dr. Mauro Mungai, dr.
Antonio Orazi, rag. Roberto Ornaghi, dr. Bruno Pantosti Bruni, dr. Massimo Papa,
dr.ssa Mariella Peroni, dr. Girolamo Porta, dr. Massimo Richetti, dr. Claudio
Robuschi, rag. Gabriele Romei, dr. Pierangelo Rossi, dr. Luciano Schieppati, dr.ssa
Maria Rosaria Scialla, dr.ssa Liliana Sereno, dr. Renzo Servadei, dr. Domenico
Spanò, avv. Federico Tonnini, dr. Hermann Troger, dr. Sergio Viceconte, dr. Andrea
Viola, dr.ssa Jolanda Zambon;

con l’assistenza della CONFEDERAZIONE GENERALE DELL’INDUSTRIA


ITALIANA nella persona del dr. Carlo Terraneo;

la FEDERAZIONE UNITARIA LAVORATORI CHIMICI (FULC) composta da:

la FILCEM-CGIL, rappresentata dal Segretario Nazionale Giuliano Guietti e


dal Dirigente Nazionale Alberto Geraci, assistiti dal Segretario Generale Giacomo
Berni, congiuntamente ai membri del Comitato Direttivo Nazionale, con l’assistenza
della Segreteria Confederale della CGIL nella persona del Segretario Generale
Guglielmo Epifani,

la FEMCA-CISL, rappresentata dal Segretario Nazionale Responsabile del


Comparto Bruna Condolo, con la partecipazione del Segretario Generale Sergio
Gigli, del Segretario Generale Aggiunto Sergio Spiller, dei Segretari Nazionali,
Maurizio Crisanti, Osvaldo Boglietti, dal Dirigente di Comparto Luigi Raimondi,
congiuntamente al Comitato Esecutivo Nazionale e assistiti dal Segretario Generale
della CISL Savino Pezzotta,

la UILCEM-UIL, rappresentata dal Segretario Generale Romano Bellissima,


dai Segretari Generali Aggiunti Roberto Pinoschi e Michele Polizzi, dal Segretario
Nazionale Responsabile del comparto Carlo Testa, dai Segretari Nazionali Enrico
Mazzantini, Giuseppe Musella, Augusto Pascucci, e dal Segretario di Comparto
Massimo Chiacchiararelli, assisiti dal Segretario Generale della U.I.L. Luigi Angeletti;
007_008 16-12-2004 10:37 Pagina 8

VIII

con la partecipazione della Delegazione Trattante Unitaria

si è stipulato il presente

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO

da valere per i dipendenti delle aziende iscritte alle seguenti Associazioni:


- ASSOGOMMA – Associazione Nazionale fra le Industrie della Gomma, Cavi
Elettrici ed Affini;
- UNIONPLAST – Unione Nazionale Industrie Trasformatrici Materie Plastiche;
- A.I.R.P. – Associazione Italiana Ricostruttori Pneumatici;
- ASSORIM AP – Assoc iazione Nazionale Ric ic lat ori e Rigenerat ori M at erie
Plastiche
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 1

CONTRATTO - PARTE I 1

PARTE I

TITOLO I

RELAZIONI INDUSTRIALI

RELAZIONI INDUSTRIALI A LIVELLO NAZIONALE E TERRITORIALE


1 Le parti firmatarie, considerato anche quanto stabilito dall’Accordo
interconfederale 25.1.1990 e dal Protocollo 23.7.93, condividendo l’obiet-
tivo di rispondere alle problematiche poste dall’Unione Europea attraverso
la realizzazione di condizioni di efficienza e competitività delle aziende,
anche quale premessa indispensabile per favorire l’occupazione e tenuto
conto altresì dei complessi problemi legati alle profonde trasformazioni
aperte in Italia ed in Europa, concordano sulla necessità di porre in atto
relazioni industriali costruttive, ispirate a logiche di coinvolgimento e tali da
consentire comportamenti coerenti con gli obiettivi di cui sopra e con
quanto stabilito dal presente contratto.

2 Pertanto, ferme restando l’autonomia dell’attività imprenditoriale e le


rispettive distinte responsabilità delle Organizzazioni imprenditoriali e di
quelle dei lavoratori, le parti firmatarie convengono di costituire – anche al
fine di creare occasioni di maggiore reciproca consapevolezza – un Comi-
tato paritetico nazionale che, con la periodicità richiesta dai temi in discus-
sione e comunque annualmente, affronti le tematiche suscettibili di inci-
dere sensibilmente sulla situazione complessiva del settore, sia in termini
di occasioni positive e di sviluppo che di fattori di criticità.

3 Le analisi e le valutazioni svolte dalle parti all’interno del Comitato pari-


tetico nazionale costituiscono punti di riferimento per le attività di loro
competenza.

4 In particolare saranno oggetto di esame congiunto:

A. a livello nazionale,
– l’andamento del mercato nazionale e internazionale nonché, sulla base
dei dati complessivi sulle previsioni degli investimenti, le prospettive pro-
duttive del settore con le eventuali articolazioni riguardanti i comparti di
specializzazione più significativi e gli effetti sulla occupazione di tali pro-
spettive con particolare riguardo alle aree di crisi (intendendosi per tali il
Mezzogiorno e tutte le aree territoriali così riconosciute dal legislatore);
– i processi di innovazione tecnologica, con i relativi effetti in tema di
occupazione, organizzazione del lavoro, caratteristiche della presta-
zione e formazione;
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 2

2 CONTRATTO - PARTE I

– le linee di sostegno legislativo ai programmi di sviluppo settoriali non-


ché, sulla base delle spese complessive di ricerca realizzate e previste
nel settore e delle indicazioni sulle sue principali finalizzazioni, gli inter-
venti legislativi per la realizzazione di condizioni ottimali per lo sviluppo
della ricerca stessa;
– le dinamiche salariali e l’andamento della contrattazione aziendale in
rapporto alla corretta applicazione delle disposizioni stabilite in materia
dal contratto e dal Protocollo 23.7.1993;
– l’andamento delle ore lavorate, con riferimento alla corretta applica-
zione delle normative contrattuali;
– lo stato di attuazione nel settore della normativa sui Comitati aziendali
europei;
– l’andamento del costo del lavoro e il rapporto tra questo e la legisla-
zione in materia contributiva, assistenziale e antinfortunistica, nonché
le problematiche poste dalla legislazione sociale. Ciò anche al fine di
una valutazione della competitività internazionale;
– i problemi di interesse settoriale derivanti dalle disposizioni legislative
emanate in tema di riforma del sistema pensionistico e di pensione inte-
grativa, tra cui quelle riguardanti i lavori usuranti;
– le iniziative legislative che hanno diretto riflesso sul settore;
– i problemi connessi con la prestazione lavorativa dei lavoratori disabili
con riferimento sia al loro inserimento mirato al lavoro sia agli eventuali
problemi occupazionali;
– la presenza di lavoratori stranieri nel settore gomma/plastica, gli even-
tuali problemi posti per il loro inserimento lavorativo e per la loro inte-
grazione nei luoghi di lavoro, con particolare riferimento al loro livello di
alfabetizzazione e di conoscenza della lingua italiana, da segnalare
eventualmente all’Organismo bilaterale nazionale per la formazione
continua, per quanto di sua competenza;
– le tematiche inerenti molestie sessuali e mobbing al fine di definire
eventuali linee guida in materia.

Con riferimento alle problematiche poste dalla realizzazione dell’Unione


Europea ed ai processi in atto di internazionalizzazione delle imprese,
costituiranno oggetto di esame congiunto anche:
– le iniziative legislative dell’Unione Europea che hanno diretta influenza
sul settore;
– l’andamento del costo del lavoro del settore in Italia e negli altri paesi;
– il rapporto tra retribuzione e oneri sociali in Italia e negli altri paesi;
– le normative in tema di orario di lavoro in Italia e negli altri paesi;
– le relazioni industriali in Italia e negli altri paesi.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 3

CONTRATTO - PARTE I 3

Sui temi precedentemente indicati, le parti potranno, di volta in volta,


prevedere informazioni specifiche per i singoli comparti nei quali si articola
il settore (gomma, plastica, ricostruzione pneumatici e riciclo materie pla-
stiche).

Inoltre, nell’ambito dei lavori del Comitato paritetico nazionale, vengono


costituite le seguenti sezioni di attività:

Sezione mercato del lavoro


Le parti, premesso quanto previsto dagli accordi interconfederali e dalla
legislazione vigente in materia, riconoscendo l’importanza strategica di
perseguire nell’interesse dell’impresa e dei lavoratori la migliore funziona-
lità possibile del mercato del lavoro e di rendere gli strumenti legislativi e
contrattuali quanto più funzionali ed adeguati a dare risposte mirate e fles-
sibili alle esigenze del sistema produttivo, esamineranno congiuntamente:
– le problematiche poste dal progetto di riforma legislativa in materia di
mercato del lavoro di cui al Protocollo 23.7.1993. In particolare forme-
ranno oggetto di esame congiunto le implicazioni settoriali di tale pro-
getto di riforma e quelle aventi comunque rilevanza contrattuale;
– l’andamento dell’occupazione complessiva del settore anche in rap-
porto ai contratti part time, a tempo determinato e di somministra-
zione;
– l’andamento dell’occupazione giovanile, in particolare nelle aree di crisi,
in rapporto al contratto di inserimento lavorativo ed al contratto di
apprendistato;
– l’andamento dell’occupazione femminile, in particolare nelle aree di
crisi, con le eventuali azioni positive messe in atto per realizzare situa-
zioni di pari opportunità secondo quanto previsto dalla legge 125/91,
con particolare riferimento ai problemi connessi con il reinserimento
dopo l’aspettativa per maternità e dalle nuove disposizioni che doves-
sero essere emanate in merito;
– le problematiche e le opportunità di sviluppo del telelavoro.

Sezione ambiente e sicurezza


Le parti, premesso quanto previsto dagli accordi interconfederali e dalla
legislazione vigente in materia, al fine di rendere compatibili la salvaguardia
dell’ambiente, l’igiene e la sicurezza del lavoro con lo sviluppo delle
aziende, esamineranno congiuntamente:
– le tematiche della sicurezza e dell’ecologia anche con riferimento ai rap-
porti con le Istituzioni. In particolare formeranno oggetto di esame con-
giunto l’aggiornamento e l’adeguamento delle procedure di volta in
volta introdotte dall’evoluzione legislativa nazionale ed europea in mate-
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 4

4 CONTRATTO - PARTE I

ria di ambiente e sicurezza, procedure aventi comunque una rilevanza


settoriale e contrattuale;
– le tematiche riguardanti il controllo delle immissioni in atmosfera, degli
scarichi idrici, dei rifiuti solidi, sulla base degli elementi complessivi
disponibili;
– la possibilità di individuare idonee e adeguate soluzioni atte a superare
diffuse situazioni di rischio eventualmente emerse. Ciò anche in relazione
ad indagini e iniziative che fossero promosse dalle Istituzioni preposte;
– la possibilità di costituire e tenere aggiornata un’anagrafe nazionale
delle RLS, nel rispetto del D.Lgs 196/2003;
– la possibilità di costituire una banca dei dati disponibili sulle statistiche
degli infortuni occorsi nel settore;
– l’individuazione di linee guida per la promozione della formazione
all’ambiente ed alla sicurezza del lavoro, operando gli opportuni rac-
cordi con gli Organismi paritetici territoriali di cui all’art. 20 del D.Lgs
626/94;
– la possibilità di individuare linee di indirizzo comune che servano da
orientamento per gli organi legislativi, a fronte di proposte di legge od
iniziative di carattere normativo;
– le problematiche eventualmente poste dall’applicazione dei valori e
delle procedure previsti per gli agenti chimici e fisici di cui al decreto
legislativo 277/91;
– la possibilità di individuare proposte comuni per facilitare la gestione
degli adempimenti demandati da specifiche normative (schede, ecc.);
– le problematiche relative alle sostanze cancerogene e mutagene,
tenendo conto sia delle risultanze dei lavori delle commissioni di studio
ufficialmente costituite e degli istituti previsti dalla legge di riforma sani-
taria, sia delle valutazioni di Enti di ricerca scientifica di indiscussa com-
petenza (IARC, Comitato Scientifico Centrale per l’esame della tossicità
ed ecotossicità dei composti della CE, Commissioni cancerogenesi e
mutagenesi, National Cancer Institute, EPA, NIOSH, OSHA);
– la possibilità di individuare linee di indirizzo comune che servano di
orientamento per quanti sono istituzionalmente chiamati ad operare su
materie riguardanti le problematiche ambientali-ecologiche di interesse
per i settori rappresentati;
– le problematiche eventualmente poste dal recepimento in legge della
direttiva CEE n. 90/270 sui videoterminali;
– la promozione, presso le autorità competenti, di iniziative finalizzate a
superare vincoli amministrativi non giustificati ed a favorire lo sviluppo
sostenibile;
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 5

CONTRATTO - PARTE I 5

– il monitoraggio delle iniziative di formazione in materia di ambiente e


sicurezza;
– l’evoluzione delle tabelle dell’ACGIH e della normativa nazionale ed
europea in materia di esposizione ai fattori di rischio chimici, fisici e bio-
logici.

Qualora le problematiche sopraindicate presentassero riflessi significa-


tivi in specifiche aree locali, le parti firmatarie ricercheranno gli opportuni
collegamenti con le Organizzazioni territoriali competenti.
Le parti firmatarie inoltre si ritengono impegnate alla reciproca informa-
zione sulle rispettive iniziative in materia di ambiente e sicurezza.

B. a livello territoriale,
1) nelle regioni, laddove sussista una significativa concentrazione di indu-
strie del settore, il Comitato paritetico nazionale, con le articolazioni
ritenute adeguate, esaminerà:
– le previsioni degli investimenti, le prospettive produttive settoriali, non-
ché i relativi effetti sull’occupazione;
– le problematiche occupazionali eventualmente poste dalla introduzione
di nuove tecnologie di processo;
– gli interventi di sostegno legislativo regionale ai programmi di sviluppo
delle aziende e le possibilità di intervento nei confronti degli organi
amministrativi e legislativi regionali per un sempre maggiore raccordo
tra le esigenze delle industrie e del mondo del lavoro con le infrastrut-
ture esistenti nella Regione;
– l’andamento dell’occupazione complessiva del settore anche in rap-
porto ai contratti part time, a tempo determinato e di somministrazione;
– l’andamento dell’occupazione giovanile, in rapporto al contratto di inse-
rimento lavorativo ed al contratto di apprendistato;
– l’andamento dell’occupazione femminile, con le eventuali azioni posi-
tive messe in atto per realizzare situazioni di pari opportunità secondo
quanto previsto dalla legge 125/91, e dalle nuove disposizioni che
dovessero essere emanate.

In tale ambito saranno inoltre esaminati dati su:


– la spesa globale di ricerca realizzata e prevista e le principali finalizza-
zioni della stessa;
– l’entità globale dei contributi a fondo perduto o dei finanziamenti a
tasso agevolato erogati per investimenti dallo Stato e dalla Regione nel
quadro di apposite leggi;
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 6

6 CONTRATTO - PARTE I

– i programmi di formazione professionale e l’eventuale utilizzo di fondi


pubblici a questo fine;
– i problemi connessi con la prestazione lavorativa dei lavoratori disabili
con riferimento sia al loro inserimento mirato al lavoro sia agli eventuali
problemi occupazionali;
– l’andamento delle ore lavorate, con riferimento alla corretta applica-
zione delle normative contrattuali;
– l’andamento della contrattazione aziendale, in riferimento alla corretta
applicazione delle normative contrattuali.

2) Nelle aree provinciali o comprensoriali nelle quali le parti individuino una


significativa concentrazione di aziende che esercitano produzioni omo-
genee, i cosiddetti distretti industriali, saranno esaminati, con riferi-
mento all’area territoriale interessata, i dati relativi agli investimenti, ai
contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati, all’occupazione,
alla ricerca e ai programmi di formazione professionale. Saranno inoltre
esaminate le tematiche connesse alle dinamiche di insediamento,
l’eventuale insorgenza di problematiche ambientali, le questioni con-
nesse al reperimento di personale qualificato, anche in relazione alla
possibilità di usufruire delle opportunità di formazione continua di cui al
Titolo V del presente CCNL.

RELAZIONI INDUSTRIALI A LIVELLO AZIENDALE

1) Gruppi industriali
I gruppi industriali, individuabili nei complessi produttivi con più stabili-
menti situati sul territorio nazionale ed aventi rilevante influenza nel settore,
in occasione di specifici incontri promossi dalle parti firmatarie, forniranno
alla FULC un quadro aggiornato su:
– le prevedibili prospettive produttive nonché i dati previsionali di investi-
menti per nuovi insediamenti produttivi, potenziamenti o trasformazioni
di quelli esistenti; tutto ciò tenendo conto dell’andamento del mercato e
della sua variabilità;
– in riferimento agli investimenti complessivi, l’entità globale dei contributi
a fondo perduto o dei finanziamenti a tasso agevolato erogati dallo
Stato e/o dalle Regioni con indicazione delle leggi di riferimento,
dell’Ente erogatore e della finalizzazione della erogazione;
– il numero degli addetti distinti per sesso e fasce d’età;
– la spesa globale di ricerca realizzata e prevista, la relativa incidenza sul
totale degli investimenti, le indicazioni sui principali indirizzi della stessa;
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 7

CONTRATTO - PARTE I 7

– l’introduzione di innovazioni tecnologiche che abbiano significativi


riflessi sui livelli occupazionali e sull’organizzazione del lavoro;
– le problematiche occupazionali conseguenti a situazioni di crisi azien-
dale e di ristrutturazione produttiva, secondo quanto previsto dalla
legge 23.7.1991, n. 223;
– il ricorso ai contratti di formazione lavoro, di apprendistato, di sommini-
strazione, a tempo parziale ed a termine;
– l’andamento dell’occupazione femminile e le eventuali azioni in tema di
pari opportunità. All’esame della problematica potranno partecipare
lavoratrici dipendenti, a ciò designate dalla FULC;
– i programmi aziendali di formazione e di addestramento;
– i problemi connessi con la prestazione lavorativa dei lavoratori disabili
con riferimento sia al loro inserimento mirato al lavoro sia agli eventuali
problemi occupazionali.
Nel corso degli incontri le parti effettueranno un esame congiunto degli
effetti degli investimenti relativamente all’occupazione, agli orientamenti
produttivi, alle localizzazioni, alle condizioni ecologiche ed ambientali, assi-
curando la necessaria riservatezza, con particolare riferimento ai dati previ-
sionali degli investimenti.

2) Imprese con più di 130 dipendenti


Le imprese caratterizzate da un solo stabilimento con più di 130 dipen-
denti, in occasione di specifici incontri promossi dalle Organizzazioni terri-
toriali competenti, forniranno alla FULC un quadro aggiornato su:
– le prevedibili prospettive produttive, nonché i dati previsionali di inve-
stimenti produttivi, potenziamenti o trasformazione di quelli esistenti;
tutto ciò tenendo conto dell’andamento del mercato e della sua varia-
bilità;
– in riferimento agli investimenti complessivi, l’entità globale dei contributi
a fondo perduto e dei finanziamenti a tasso agevolato erogati dallo
Stato e/o dalle Regioni, con indicazione delle leggi di riferimento,
dell’Ente erogatore e della finalizzazione dell’ erogazione;
– il numero degli addetti distinti per sesso e fasce d’età;
– la spesa globale di ricerca realizzata e prevista, la relativa incidenza sul
totale degli investimenti, le indicazioni sulle principali finalizzazioni della
stessa;
– l’introduzione di innovazioni tecnologiche che abbiano significativi
riflessi sui livelli occupazionali e sull’organizzazione del lavoro;
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 8

8 CONTRATTO - PARTE I

– le problematiche occupazionali conseguenti a situazioni di crisi azien-


dale e di ristrutturazione produttiva, secondo quanto previsto dalla
legge 23.7.1991, n. 223;
– il ricorso ai contratti di formazione lavoro, di apprendistato, di sommini-
strazione, a tempo parziale ed a termine;
– l’andamento dell’occupazione femminile e le eventuali azioni in tema di
pari opportunità. All’esame della problematica potranno partecipare
lavoratrici dipendenti, a ciò designate dalla FULC;
– i programmi aziendali di formazione e di addestramento;
– eventuali problematiche connesse con la prestazione lavorativa dei
lavoratori disabili.

Nel corso degli incontri le parti effettueranno un esame congiunto degli


effetti degli investimenti relativamente all’occupazione, agli orientamenti
produttivi, alle localizzazioni, alle condizioni ecologiche ed ambientali, assi-
curando la necessaria riservatezza, con particolare riferimento ai dati previ-
sionali degli investimenti.

3) In riferimento alla normativa contrattuale dell’orario normale di lavoro


secondo le vigenti disposizioni di legge, in occasione degli incontri a
livello territoriale ed aziendale, le parti potranno concordare orari che,
intervenendo in situazioni di variabilità dei volumi, consentano, da una
parte, di attenuare l’impatto sociale e, dall’altra, di adeguare la presta-
zione lavorativa ai maggiori volumi richiesti.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 9

CONTRATTO - PARTE I 9

TITOLO II

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO


1 Le parti dichiarano che la ricerca dell’efficienza e lo sviluppo della pro-
duttività tecnico–economica costituiscono un obiettivo comune, il cui rag-
giungimento è condizione per il miglioramento della competitività sui mer-
cati internazionali.

2 Tale concorde obiettivo, per il cui raggiungimento le parti sono chiamate


a dare il loro contributo nel rispetto del proprio ruolo istituzionale, va perse-
guito anche attraverso la ricerca di forme organizzative del lavoro che con-
sentano un miglior impiego di tutte le risorse tecniche ed umane, un più
razionale utilizzo degli impianti e la valorizzazione professionale dei lavora-
tori.

3 In tale quadro significativa importanza assume la nuova classificazione


dei lavoratori, strutturata su aree funzionali e livelli tali da consentire di
cogliere anche in futuro i mutamenti che in termini di professionalità si
venissero a verificare.

4 In particolare, qualora tali mutamenti fossero collegati con nuove forme


di organizzazione del lavoro, a livello locale:
– la Direzione aziendale e la RSU esamineranno il contenuto delle nuove
posizioni professionali emerse;
– la Direzione aziendale procederà all’inquadramento delle stesse,
secondo i criteri previsti all’art. 4 del contratto, dandone tempestiva
comunicazione alla RSU, entro i 5 giorni successivi;
– le valutazioni sull’inquadramento operato dalla Direzione aziendale,
eventualmente avanzate dalla RSU, formeranno oggetto di esame con-
giunto con la Direzione aziendale ed in caso di divergenza, saranno sot-
toposte, ad iniziativa delle parti aziendali, alla Commissione Paritetica
Nazionale entro 20 giorni dalla comunicazione di cui al precedente ali-
nea.

5 Inoltre, qualora l’importanza delle suddette nuove forme di organizza-


zione del lavoro fosse ritenuta tale da costituire un punto di riferimento per
l’intero settore, Direzione aziendale e RSU potranno proporre alla Commis-
sione Paritetica Nazionale, di cui all’art. 4 del contratto, di valutare le even-
tuali integrazioni o modifiche da apportare al sistema classificatorio, in
occasione del successivo rinnovo contrattuale.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 10

10 CONTRATTO - PARTE I

TITOLO III

PREVIDENZA COMPLEMENTARE

NORMATIVA GENERALE
1 Possono aderire al Fondo Nazionale di Pensione Complementare a
contribuzione definita ed a capitalizzazione individuale FONDOGOMMA-
PLASTICA:
– I lavoratori operai, qualifiche speciali, impiegati e quadri, con rapporto
di lavoro a tempo indeterminato cui si applica il CCNL;
– a far data dal 1° luglio 2004 i lavoratori, non in prova, con contratto di
inserimento, contratto di apprendistato e con contratto a tempo deter-
minato di durata non inferiore a 6 mesi;
– i dipendenti delle Organizzazioni sindacali ed imprenditoriali firmatarie
dei CCNL interessati;
– le imprese da cui dipendono i lavoratori sopra indicati.

2 All’atto dell’assunzione le aziende distribuiranno al lavoratore la docu-


mentazione informativa sulla previdenza complementare: scheda informa-
tiva di FONDOGOMMAPLASTICA, modulo di iscrizione e copia dello Sta-
tuto.

3 Le aziende sono impegnate a distribuire ai lavoratori la documentazione


informativa eventualmente predisposta dalle parti istitutive di FONDO-
GOMMAPLASTICA.

CONTRIBUZIONI
4 I contributi al Fondo sono stabiliti come segue:
– a carico del lavoratore, l’1,06% della retribuzione annua utile per il TFR;
– a carico dell’azienda, l’1,06% della retribuzione annua utile per il TFR;
– per il lavoratore di prima occupazione successiva al 28.4.1993, il 100%
della quota di TFR maturata nell’anno;
– per tutti gli altri lavoratori, il 33% della quota di TFR maturata nell’anno.

5 I contributi a carico delle aziende e dei lavoratori ed il versamento del


TFR come sopra previsti decorreranno dalla data di adesione dei singoli
lavoratori al Fondo costituito ed operante. In caso di iscrizione al Fondo in
corso d’anno, i contributi verranno versati in relazione ai mesi di adesione.

6 In aggiunta alla contribuzione obbligatoria i lavoratori possono versare


501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 11

CONTRATTO - PARTE I 11

contributi volontari, nei limiti e con le modalità stabiliti dal Consiglio di


amministrazione del FONDOGOMMAPLASTICA.

7 Viene stabilito un importo una tantum pari a:


– € 3,62 per ciascun dipendente in forza a carico delle aziende che appli-
chino il presente contratto e che non abbiano già provveduto a tale ver-
samento;
– € 3,62 a carico di ciascun lavoratore che aderisca al Fondo, da versare
al momento dell’iscrizione.

PERMESSI PER I COMPONENTI DELL’ASSEMBLEA


8 Ai lavoratori eletti componenti dell’Assemblea del FONDOGOMMAPLA-
STICA, viene riconosciuto, compatibilmente con le esigenze di servizio,
fino ad un giorno di permesso retribuito per partecipare all’Assemblea.

9 L’avvenuta partecipazione e la durata della riunione sono documentate


dagli organi del FONDOGOMMAPLASTICA.

Dichiarazioni delle parti


1 Le parti riconoscono l’importanza della previdenza complementare e la
necessità che essa coinvolga il più alto numero possibile di lavoratori.

2 A questo proposito le parti verificheranno la situazione delle adesioni ed


il quadro legislativo di riferimento.

3 Qualora si rileverà che un significativo numero di lavoratori non avrà


aderito al Fondo sopra citato e il quadro legislativo di riferimento lo consen-
tirà, le parti valuteranno la possibilità di prevedere nuove forme di previ-
denza complementare.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 12

12 CONTRATTO - PARTE I

TITOLO IV
ASSISTENZA SANITARIA INTEGRATIVA

1 Le parti firmatarie, confermano l’interesse a prevedere forme integrative


dell’assistenza pubblica sanitaria da definire attraverso la contrattazione
collettiva.

2 A tal fine le parti, tenuto conto della complessità della materia e


dell’evoluzione che il quadro normativo di riferimento potrà avere in fun-
zione delle competenze che il nuovo ordinamento costituzionale dello
Stato affida alle Regioni in materia di assistenza sanitaria, convengono
sulla necessità di istituire una specifica Commissione paritetica che:
– esamini le disposizioni legislative relative, anche con riferimento ai prov-
vedimenti emanandi;
– individui criteri e condizioni necessari per la realizzazione di tali forme di
assistenza sanitaria integrativa, quali ad esempio la volontarietà
dell’adesione, il regime fiscale previsto, le eventuali agevolazioni con-
cesse, le risorse necessarie.

3 La Commissione sottoporrà i risultati della sua attività alle parti stipu-


lanti entro la fine del 2005 per le eventuali conseguenti decisioni negoziali.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 13

CONTRATTO - PARTE I 13

TITOLO V

FORMAZIONE
Le parti, premesso quanto previsto dagli accordi interconfederali e dalla
legislazione vigente in materia, riconoscendo l’importanza strategica della
valorizzazione professionale delle risorse umane, ed allo scopo di favorire lo
sviluppo e la diffusione della formazione continua nel settore gomma/plastica,
decidono di costituire l’Organismo bilaterale nazionale per la formazione con-
tinua del settore.
Compiti dell’Organismo bilaterale nazionale sono:
– tenere rapporti con il Fondo paritetico interprofessionale nazionale per
la formazione continua – FONDIMPRESA – di cui all’art. 118 della L.
388/2000 e successive modifiche;
– individuare le linee generali dei bisogni formativi del settore, nell’ambito
delle azioni che le parti sociali sono chiamate a svolgere per migliorare
l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, come previsto dal sistema
paritetico introdotto dall’Accordo interconfederale 20.1.1993 e succes-
sivi;
– elaborare piani di formazione continua settoriali da sottoporre alla
approvazione di FONDIMPRESA per l’erogazione dei relativi finanzia-
menti;
– elaborare linee guida per piani di formazione continua da proporre alle
aziende nell’ambito delle opportunità di finanziamento riconosciute da
FONDIMPRESA in base al punto 10, lettera a) dell’Accordo interconfe-
derale del 18.1.2002;
– collaborare con le strutture locali di FONDIMPRESA nell’elaborazione,
per gli aspetti d’interesse del settore gomma/plastica, di piani formativi
territoriali ed intersettoriali;
– determinare le modalità di erogazione e l’articolazione della formazione
degli apprendisti;
– collaborare con gli Organismi paritetici territoriali preposti all’orienta-
mento ed alla promozione della formazione dei lavoratori e delle RLS in
materia di sicurezza e di salute, sia con riferimento alla individuazione
dei moduli di programma base sia con riguardo agli eventuali ulteriori
momenti formativi collegati all’evoluzione dei rischi o all’insorgenza di
rischi nuovi;
– determinare le modalità di definizione dei piani individuali dei contratti di
inserimento;
– valutare le problematiche della formazione professionale eventualmente
poste dall’inserimento lavorativo di stranieri;
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 14

14 CONTRATTO - PARTE I

– esaminare le possibilità di intervento nei confronti delle istituzioni nazio-


nali e regionali preposte alle tematiche della formazione professionale
per un sempre maggiore raccordo tra le esigenze delle imprese e del
mondo del lavoro con le infrastrutture esistenti;
– esaminare le problematiche della formazione professionale e della
riqualificazione dei lavoratori interessati a processi di ristrutturazione,
riconversione e ammodernamento tecnologico, nonché delle lavoratrici
madri in fase di reinserimento, nel quadro di linee di sostegno legislativo
finalizzate ad un maggior raccordo con le esigenze delle imprese;
– esaminare le opportunità offerte dalla legislazione italiana ed europea
per il finanziamento dei processi formativi.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 15

CONTRATTO - PARTE I 15

TITOLO VI

DECENTRAMENTO PRODUTTIVO, APPALTI E LAVORO A DOMICILIO


1 In occasione degli incontri di cui ai paragrafi A. e B. del Titolo I “Rela-
zioni Industriali a livello nazionale e territoriale”, le Associazioni imprendito-
riali firmatarie forniranno alla FULC:
– informazioni sulla natura delle attività produttive conferite a terzi;
– dati aggregati sulla natura delle attività conferite in appalto;
– le dimensioni occupazionali di eventuali casi di scorporo di attività dal
ciclo produttivo e la relativa natura;
– dati aggregati sul ricorso al lavoro a domicilio, con specificazione del
numero medio dei lavoratori interessati.

2 Annualmente, le aziende forniranno alla RSU un quadro aggiornato sul


dato medio del numero dei lavoratori delle ditte appaltatrici che hanno pre-
stato la propria attività all’interno delle unità produttive e, in occasione di
specifici incontri, i casi di acquisizioni, di fusioni e gli effetti occupazionali
relativi.

3 Le aziende inoltre, ai fini di una valutazione degli effetti occupazionali


relativi, forniranno alla RSU informazioni preventive sulle attività da confe-
rire in appalto, sui casi di scorporo di attività dal ciclo produttivo e su quelli
di ricorso al lavoro a domicilio.

4 Allo scopo di consentire una più efficace tutela dei lavoratori per quanto
concerne il rispetto degli obblighi previsti in materia di prestazione di
lavoro, le aziende inseriranno nei contratti di appalto apposite clausole che
vincolino le imprese appaltatrici all’osservanza degli obblighi ad esse deri-
vanti dalle norme di legge in materia assicurativa, previdenziale, d’igiene e
sicurezza del lavoro nonché dai rispettivi contratti di lavoro.

5 In particolare, in materia di sicurezza del lavoro, l’azienda, come previ-


sto dal D.Lgs 626/94, verificherà l’idoneità tecnico professionale delle
imprese appaltatrici in relazione ai lavori da affidare in appalto e fornirà loro
dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell’ambiente in cui
sono destinate a operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza
adottate in relazione alla propria attività.

6 I lavoratori di aziende appaltatrici operanti in azienda possono fruire,


con opportune intese tra azienda appaltante e azienda appaltatrice, dei
servizi di mensa, degli spogliatoi e dei servizi sanitari di emergenza.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 16

16 CONTRATTO - PARTE I

TITOLO VII
INSCINDIBILITÀ DELLE DISPOSIZIONI CONTRATTUALI

1 Le parti si danno atto che le disposizioni del vigente contratto costitui-


scono un corpo unico, inscindibilmente correlato in ogni sua parte.

2 Esse sono pertanto impegnate ad adoperarsi attivamente anche tramite


le rispettive strutture per rimuovere gli eventuali ostacoli o comportamenti
contrastanti con la piena osservanza delle norme suddette.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 17

CONTRATTO - PARTE II 17

PARTE II

Art. 1 – Assunzione – documenti – residenza e domicilio


1 Per le assunzioni valgono le norme di legge.

2 L’assunzione deve essere comunicata al lavoratore mediante lettera che


specifichi:
– l’identità delle parti;
– la data di assunzione;
– la durata del rapporto di lavoro specificando se si tratta di lavoro a tempo
determinato o indeterminato;
– l’inquadramento ai sensi del successivo art. 4;
– il trattamento economico iniziale con l’indicazione del periodo di paga-
mento;
– la durata dell’eventuale periodo di prova;
– il luogo di lavoro;
– il numero di iscrizione a libro matricola;
– il rinvio alle norme del presente CCNL per gli istituti non espressamente
richiamati;
– tutte le altre condizioni eventualmente concordate.

3 All’atto dell’assunzione il lavoratore deve presentare:


– la carta d’identità od altro documento equipollente;
– il certificato di attribuzione del codice fiscale;
– i prescritti documenti Inps.

4 È facoltà dell’azienda richiedere al lavoratore la presentazione del cer-


tificato penale di data non anteriore ai tre mesi, nonché i certificati di
lavoro per le occupazioni antecedenti, che il lavoratore sia in grado di
produrre.

5 Il lavoratore è tenuto a dichiarare all’azienda la sua residenza e domici-


lio e a notificare i successivi mutamenti.

6 L’azienda rilascerà ricevuta dei documenti che trattiene.


501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 18

18 CONTRATTO - PARTE II

Art. 2 – Disciplina dell’apprendistato, del contratto di inserimento e


dei contratti di cui ai D.Lgs. 368/2001 e 276/2003

PARAGRAFO A – Apprendistato

1 Per la disciplina dell’apprendistato si fa riferimento alle disposizioni di


legge in materia.

2 L’assunzione dell’apprendista ha luogo con un periodo di prova di servi-


zio effettivo pari a:
– quattro settimane per gli apprendisti assunti ad un livello pari od infe-
riore al G;
– otto settimane per gli apprendisti assunti ad un livello superiore al G.

3 Il periodo di prova verrà computato sia agli effetti della durata


dell’apprendistato sia agli effetti della anzianità di servizio.

4 La durata dell’apprendistato professionalizzante è riportata nella tabella


seguente:

Qualificazione da conseguire Durata

Qualificazione corrispondente
a mansioni di livello Q-A fino a un massimo di 3 anni

Qualificazione corrispondente
a mansioni pari od inferiori al livello B fino a un massimo di 4 anni *
* Fino ad un massimo di 5 anni per qualificazione corrispondente a mansioni di livello F ed E,
in assenza di titolo di istruzione post obbligo o attestato di qualifica idonei rispetto al profilo
professionale da conseguire

5 La durata dell’apprendistato per l’espletamento del diritto-dovere di


istruzione e formazione e dell’apprendistato per l’acquisizione di un
diploma o per percorsi di alta formazione è regolata, rispettivamente, dagli
artt. 48, comma 2 e 50, comma 3 del D.Lgs. 276/2003.

6 Durante il rapporto di apprendistato, la durata della formazione interna


ed esterna all’azienda è quella disciplinata dal D.Lgs. 276/2003.

7 Come previsto dall’art. 8 della legge 19.1.1955, n. 25, ai fini della durata
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 19

CONTRATTO - PARTE II 19

dell’apprendistato i periodi di servizio prestati presso altra azienda del


medesimo comparto produttivo vengono cumulati a tutti gli effetti purché
essi non siano separati l’uno dall’altro da interruzioni superiori ad un anno
e sempre che sia rispettata la durata minima di due anni stabilita dal
D.Lgs.276/2003.

8 L’inquadramento del lavoratore non potrà essere inferiore per più di


due livelli a quello spettante in base alla qualificazione da conseguire al
termine del rapporto. A questo fine potranno essere utilizzati tutti i livelli
previsti dal sistema classificatorio, indipendentemente dal gruppo di
appartenenza e dell’area funzionale. Comunque i lavoratori che, in base
alla qualifica da conseguire al termine del rapporto di apprendistato,
saranno inquadrati nei livelli H e G, passeranno al livello H dopo 12 mesi
di permanenza nel livello I.

9 Durante il rapporto di apprendistato, la retribuzione spettante è compo-


sta dal minimo contrattuale, dall’indennità di contingenza e dall’E.D.R. del
livello in cui l’apprendista è stato inquadrato.

10 La durata delle ferie è di 30 giorni di calendario per gli apprendisti di età


inferiore a 16 anni e di 4 settimane per quelli che hanno superato i 16 anni
di età.

11 A far data dal 1°luglio 2004, nel corso del rapporto di apprendistato, in
caso di interruzione del servizio per malattia ed infortunio non professio-
nali, il lavoratore apprendista non in prova ha diritto alla conservazione del
posto secondo i seguenti termini:
a) mesi 6 per gli apprendisti con anzianità sino a 3 anni;
b) mesi 9 per gli apprendisti con anzianità oltre 3 anni.

12 Entro i limiti di conservazione del posto sopra indicati, al lavoratore


apprendista non in prova viene assicurato un trattamento economico pari a:
– 60% della retribuzione prevista per i primi 2 o 3 mesi di malattia o infor-
tunio non professionali, computati sommando tutti gli eventi morbosi,
rispettivamente nella ipotesi di cui ai punti a) e b) del comma 11;
– 30% della retribuzione prevista per i successivi 4 o 6 mesi di malattia o
infortunio non professionali, computati sommando tutti gli eventi mor-
bosi, rispettivamente nella ipotesi di cui ai punti a) e b) del comma 11.

13 Qualora, al termine del periodo di apprendistato, il datore di lavoro non


abbia esercitato, ai sensi del D.Lgs. 276/2003, la facoltà di recesso, il lavo-
ratore viene mantenuto in servizio nel livello corrispondente alle mansioni
effettivamente svolte.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 20

20 CONTRATTO - PARTE II

14 La Direzione aziendale informerà la RSU annualmente o, a richiesta, tri-


mestralmente sull’andamento delle assunzioni con contratto di apprendi-
stato e la relativa tipologia.

15 Per quanto non contemplato dalle disposizioni di legge e dal presente


articolo, valgono per gli apprendisti le norme previste dal presente con-
tratto in quanto applicabili.

PARAGRAFO B – Contratto di inserimento

16 Per la disciplina del contratto di inserimento si fa riferimento alle


disposizioni del D.Lgs 276/2003 e dell’Accordo interconfederale 11.2.2004.

17 Il contratto di inserimento è stipulato in forma scritta e in esso deve


essere specificamente indicato il progetto individuale di inserimento. In
mancanza di forma scritta il contratto è nullo e il lavoratore si intende
assunto a tempo indeterminato.

18 Nel contratto verranno indicati:


– la durata;
– l’eventuale periodo di prova, così come previsto dal presente CCNL per
il livello di inquadramento attribuito al lavoratore nel contratto di inseri-
mento;
– l’orario di lavoro in funzione dell’ipotesi che si tratti di un contratto a
tempo pieno o a tempo parziale;
– l’inquadramento del lavoratore non potrà essere inferiore per più di due
livelli rispetto a quello spettante in relazione alle mansioni per il conse-
guimento delle quali è preordinato il progetto di inserimento. A questo
fine potranno essere utilizzati tutti i livelli previsti dal sistema classifica-
torio, indipendentemente dal gruppo di appartenenza e dall’area funzio-
nale;
– l’inquadramento del lavoratore non potrà essere inferiore per più di un
livello qualora il lavoratore abbia svolto per più di 12 mesi la stessa
mansione cui è preordinato il progetto di inserimento presso altra
azienda o mansioni analoghe in aziende dello stesso comparto produt-
tivo.

19 Il progetto individuale di inserimento è definito con il consenso del lavo-


ratore e deve essere finalizzato a garantire l’adeguamento delle compe-
tenze professionali del lavoratore al contesto lavorativo, valorizzandone le
professionalità già acquisite. Nel progetto verranno indicati:
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 21

CONTRATTO - PARTE II 21

a) la qualificazione al conseguimento della quale è preordinato il progetto


di inserimento oggetto del contratto;
b) la durata e le modalità della formazione.

20 Il contratto di inserimento ha una durata massima di 18 mesi, con


l’eccezione dei soggetti riconosciuti affetti da grave handicap fisico, men-
tale o psichico, per i quali il contratto di inserimento potrà prevedere una
durata massima di 36 mesi.

21 In attuazione di quanto previsto dall’Accordo interconfederale


11.2.2004 la durata sarà pari a 12 mesi qualora il lavoratore abbia svolto
per più di 12 mesi la stessa mansione cui è preordinato il progetto di inseri-
mento presso altra azienda o mansioni analoghe in aziende dello stesso
comparto produttivo.

22 Il progetto deve prevedere una formazione teorica non inferiore a 16


ore, ripartita fra l’apprendimento di nozioni di prevenzione antinfortuni-
stica e di disciplina del rapporto di lavoro ed organizzazione aziendale
ed accompagnata da congrue fasi di addestramento specifico, impar-
tite anche con modalità di e-learning, in funzione dell’adeguamento
delle capacità professionali del lavoratore. La formazione antinfortuni-
stica dovrà necessariamente essere impartita nella fase iniziale del rap-
porto.

23 Il lavoratore assunto con contratto di inserimento ha diritto a un tratta-


mento di malattia ed infortunio non sul lavoro secondo quanto previsto in
materia dagli accordi della disciplina dei contratti di formazione e lavoro,
riproporzionato in base alla durata del rapporto prevista dal contratto di
inserimento e comunque non inferiore a 70 giorni.

24 L’applicazione dello specifico trattamento economico e normativo sta-


bilito per i contratti di inserimento, non può comportare l’esclusione dei
lavoratori con contratto di inserimento dall’utilizzazione dei servizi azien-
dali, quali mensa e trasporti, ovvero dal godimento delle relative indennità
sostitutive eventualmente corrisposte al personale con rapporto di lavoro
subordinato, nonché di tutte le maggiorazioni connesse alle specifiche
caratteristiche dell’effettiva prestazione lavorativa previste dal presente
CCNL (lavoro a turni, notturno, festivo, ecc.).

25 Nei casi in cui il contratto di inserimento venga trasformato in rapporto


di lavoro a tempo indeterminato, il periodo di inserimento verrà computato
nell’anzianità di servizio ai fini degli istituti previsti dalla legge e dal pre-
sente CCNL, con esclusione dell’istituto degli aumenti periodici di anzia-
nità.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 22

22 CONTRATTO - PARTE II

26 La Direzione aziendale informerà la RSU annualmente o, a richiesta, tri-


mestralmente, sull’andamento delle assunzioni con contratto di inseri-
mento e la relativa tipologia.

Dichiarazioni delle parti stipulanti


1 In relazione all’attuazione delle deleghe previste dal D.Lgs 368/2001 e
dal D.Lgs. 276/2003 in materia di tipologie contrattuali diverse da quelle
disciplinate dagli artt. 2 e 10 del presente contratto (apprendistato, con-
tratto di inserimento e lavoro a tempo parziale), le parti istituiscono una
Commissione paritetica che, con riferimento al contratto a termine, al con-
tratto di somministrazione ed in materia di appalti, dovrà ultimare i lavori
entro il 31.12.2004.

2 Le parti convengono che, in attesa dell’entrata in vigore dei provvedi-


menti attuativi della disciplina dei contratti di somministrazione di cui al
D.Lgs 276/2003 e comunque fino al termine dei 60 giorni previsti
dall’art.15, comma 2 del D.M. 23.12.2003, continuino ad avere vigore le
disposizioni di cui all’art. 2 paragrafo c) del CCNL 15.04.2000 in tema di
contratto di fornitura di lavoro temporaneo.

3 Le parti convengono inoltre che la disciplina del presente articolo


risponde alla necessità di soddisfare le esigenze aziendali e non ha finalità
di destrutturazione del mercato del lavoro.

Art. 3 – Periodo di prova


1 L’obbligo del periodo di prova deve risultare dalla lettera di assunzione
di cui al precedente art. 1 e non è ammessa né la protrazione né la rinnova-
zione dello stesso.

2 Nel corso del periodo di prova sussistono, tra le parti, tutti i diritti e gli
obblighi del presente contratto, salvo quanto da esso diversamente dispo-
sto. La risoluzione del rapporto di lavoro può aver luogo in qualsiasi
momento, ad iniziativa di ciascuna delle due parti, e non fa ricorrere il reci-
proco obbligo del preavviso.

3 Per quanto concerne il compenso afferente al periodo di prova inter-


rotto e non seguito da conferma:
– ai lavoratori di cui ai Gruppi 1) e 2) dell’art. 4, l’azienda è tenuta a retri-
buire il solo periodo di servizio prestato, qualora la risoluzione sia avve-
nuta per dimissioni, in qualunque tempo, o qualora essa sia avvenuta
per licenziamento durante i primi 2 mesi nel caso dei lavoratori di livello
A e Q o durante il primo mese nel caso dei lavoratori di cui al Gruppo 1)
appartenenti ad altre categorie e dei lavoratori di cui al Gruppo 2);
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 23

CONTRATTO - PARTE II 23

– in tutti gli altri casi di licenziamento l’azienda è tenuta a corrispondere la retri-


buzione fino alla metà o alla fine del mese in corso, a seconda che il licenzia-
mento avvenga entro la prima o la seconda quindicina del mese stesso.

4 Per i lavoratori di cui al Gruppo 3) dell’art. 4 la retribuzione sarà comun-


que corrisposta per i soli giorni di effettiva prestazione.

5 La durata del periodo di prova, riferita all’effettivo servizio, è disciplinata


dalla seguente tabella:

Durata Livelli

mesi 6 Q–A
mesi 3 B–C–D
mesi 2 E–F-G-H
mesi 1 I

Art. 4 – Classificazione del personale

PARAGRAFO A

1 I lavoratori sono inquadrati in scale classificatorie distinte a seconda


delle seguenti aree funzionali di appartenenza: amministrazione e contabi-
lità, commerciale/logistica, manutenzione, personale/organizzazione/EDP,
produzione, qualità, ricerca e sviluppo, servizi vari.

2 Le aree funzionali rappresentano le funzioni aziendali presenti nella pre-


valente struttura organizzativa delle imprese del settore.

3 Nell’ambito di ogni area funzionale l’inquadramento dei lavoratori nei


livelli previsti viene effettuato in base alle relative declaratorie e posizioni
professionali.

4 Le declaratorie e le posizioni professionali relative ai livelli propri di cia-


scuna area funzionale sono riportate nell’allegato 2, che costituisce parte
integrante del presente articolo.

5 La declaratoria determina le caratteristiche e i requisiti che, con


riguardo ai criteri di conoscenza, responsabilità e autonomia, si reputano
indispensabili per inquadrare la mansione nel livello considerato.

6 Le posizioni professionali determinano il minimo contenuto professio-


501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 24

24 CONTRATTO - PARTE II

nale che una mansione deve presentare per essere inquadrata nel corri-
spondente livello.

7 La mansione svolta su più aree funzionali sarà inquadrata in base


all’area di prevalente attività.

8 La mansione il cui contenuto professionale non sia rappresentato dalle


posizioni professionali verrà inquadrata nei livelli previsti per la relativa area
di appartenenza, sulla base della declaratoria pertinente, con l’ausilio del
riferimento analogico alle posizioni professionali esistenti.

9 Ai sensi di quanto stabilito dall’art. 2 della legge n. 190/1985, le parti si


danno atto che caratteristiche indispensabili per l’appartenenza alla cate-
goria dei quadri sono:
– lo svolgimento con carattere continuativo di funzioni di rilevante impor-
tanza ai fini dello sviluppo e dell’attuazione degli obbiettivi dell’impresa;
– il coordinamento, il controllo e la responsabilità di unità organizzative,
con discrezionalità di poteri, per l’attuazione di programmi stabiliti dalla
direzione da cui dipendono o che espletano autonome mansioni spe-
cialistiche di equivalente importanza e responsabilità;
– in termini di conoscenza, responsabilità ed autonomia, i suddetti lavora-
tori appartenenti alla categoria dei quadri:
sono in possesso di una approfondita conoscenza delle discipline
* specifiche dell’ambito professionale di appartenenza e di quelle
degli ambiti correlati o di una elevata specializzazione per la ricerca,
la progettazione e lo sviluppo di studi, metodologie e sistemi innova-
tivi;
hanno la responsabilità di garantire i risultati complessivi di impor-
* tanti e complesse unità organizzative, anche in termini di ottimizza-
zione delle risorse umane, tecniche e finanziarie loro affidate o della
piena rispondenza dei contributi altamente qualificati forniti agli
obbiettivi strategici stabiliti;
nell’ambito del mandato ricevuto, operano con discrezionalità di
* poteri sulla base delle sole direttive strategiche stabilite dalla dire-
zione da cui dipendono.

10 In relazione a quanto stabilito nell’allegato 2, le scale classificatorie rela-


tive a ciascuna area funzionale sono costituite dai seguenti livelli:
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 25

CONTRATTO - PARTE II 25

Area amministrazione: A–B –C–F


Area commerciale/logistica: A–C–E–F–G–H
Area manutenzione: A–C–D–E–F–H
Area personale/org./EDP: A–B –C–E–F
Area produzione: A–C–E–F–G–H–I
Area qualità: A–C–E–F–G–H
Area ricerca e sviluppo: A–C–E–F–H
Area servizi vari: A–C–E–F–H–I

11 I livelli previsti per un’area funzionale non sono utilizzabili per inquadrare
lavoratori appartenenti ad altre aree, eccezion fatta per i casi di passaggio
da un’area funzionale all’altra.

PARAGRAFO B

12 La RSU:
– verifica l’inquadramento delle mansioni attuato dall’azienda, avanza le
eventuali diverse valutazioni e le esamina con la Direzione aziendale ai
sensi di quanto previsto dalle disposizioni del presente articolo e dalle
relative norme transitorie;
– segnala alla Commissione Paritetica Nazionale di cui al successivo
comma 13, le mansioni per il cui inquadramento si è registrato disac-
cordo con la Direzione aziendale;
– esamina con la Direzione aziendale gli effetti di nuove forme di organiz-
zazione del lavoro sul sistema classificatorio;
– propone, congiuntamente alla Direzione aziendale, alla Commissione
Paritetica Nazionale, le eventuali integrazioni o modifiche da apportare
al sistema classificatorio in occasione del successivo rinnovo contrat-
tuale. Ciò con particolare riferimento a quanto previsto dall’ultimo
comma del Titolo II "Organizzazione del lavoro".

13 Viene istituita una Commissione Paritetica Nazionale composta da nove


rappresentanti delle Associazioni industriali e da nove rappresentanti delle
Organizzazioni sindacali.

14 La Commissione avrà il compito di:


– esprimere, entro 60 giorni dalla segnalazione, il proprio parere sull’area
funzionale ed il livello di competenza delle mansioni sottoposte al suo
esame dalla Direzione aziendale e/o dalla RSU;
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 26

26 CONTRATTO - PARTE II

– sottoporre alle parti stipulanti proposte di integrazioni o modifiche da


apportare al sistema classificatorio in occasione del successivo rinnovo
contrattuale. Ciò con particolare riferimento a quanto previsto nel-
l’ultimo comma del Titolo II "Organizzazione del lavoro".

15 L’esaurimento della procedura di cui ai punti precedenti rappresenta


imprescindibile condizione di procedibilità per eventuali ricorsi alla autorità
giudiziaria e per eventuali iniziative conflittuali.

PARAGRAFO C

16 La distinzione tra quadri, impiegati, qualifiche speciali ed operai – effet-


tuata in base alle disposizioni della legge e degli accordi interconfederali in
materia – viene mantenuta, agli effetti delle norme (legislative, regolamen-
tari, contrattuali, sindacali, etc.) che prevedono un trattamento differen-
ziato o che comunque fanno riferimento a tali qualifiche. Ai fini suddetti, il
presente testo contrattuale adotta la seguente nomenclatura:

GRUPPO 1) Qualifica Quadri


Qualifica impiegatizia:
– area amministrazione: A1–B1–C 1–F1
– area commerciale/logistica: A1–C 1–E1
– area manutenzione: A1–C 1–D 1
– area personale/org./EDP: A 1 – B 1 – C 1 – E 1 – F1
– area produzione: A1–C 1
– area qualità: A1–C 1
– area ricerca e sviluppo: A 1 – C 1 – E1
– area servizi vari: A1–C 1–E1–F1

GRUPPO 2) Qualifica speciale:


– area commerciale/logistica: C2
– area produzione: C 2–E2
– area qualità: C2

GRUPPO 3) Qualifica operaia:


– area commerciale/logistica: F3–G3–H 3
– area manutenzione: D 3–E3–F3–H 3
– area personale/org./EDP: E3
– area produzione: E3–F3–G3–H 3–I 3
– area qualità: E3–F3–G3–H 3
– area ricerca e sviluppo: E3–F3–H 3
– area servizi vari: F3–H 3–I 3
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 27

CONTRATTO - PARTE II 27

17 I lavoratori addetti alla conduzione di macchine di produzione o alla


esecuzione di operazioni di montaggio ed assemblaggio di prodotti
saranno inquadrati al livello H dopo un periodo massimo di 12 mesi di per-
manenza nel livello I.

Nota a verbale
Le mansioni di cui all’allegato 3, sulla base dell’attività e della tecnologia
attuale, sono inquadrate, negli indicati livelli e posizioni professionali delle
aree produzione e qualità.

Dichiarazione delle parti


Le parti convengono di costituire una Commissione paritetica con il
compito di individuare, entro e non oltre il 31.12.2004, eventuali esem-
plificazioni di mansioni dell’” Area Produzione” , con specifico riferimento
alle peculiari professionalità presenti nelle aziende dei seguenti com-
parti:
- manufatti in vetroresina;
- laminati plastici;
- componenti per calzature.

Art. 5 – Cumulo di mansioni

Al lavoratore al quale vengono affidate mansioni pertinenti a diversi


livelli, è riconosciuto il livello corrispondente alla mansione superiore, sem-
preché quest’ultima sia svolta con normale continuità.

Art. 6 – Passaggio di mansioni (1)


1 Il lavoratore deve essere adibito alle mansioni per le quali è stato
assunto, o a quelle corrispondenti al livello superiore che abbia successi-
vamente acquisito, ovvero a mansioni equivalenti alle ultime effettivamente
svolte, senza alcuna decurtazione della retribuzione.

2 Nel caso di assegnazione a mansioni superiori, il lavoratore ha diritto al


trattamento corrispondente all’attività svolta.

(1) Per i quadri, vedasi art. 29 comma 1.


501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 28

28 CONTRATTO - PARTE II

3 Il lavoratore che, per almeno 30 giorni consecutivi, disimpegni mansioni


superiori nell’ambito del medesimo gruppo di cui all’art. 4, passa al perti-
nente livello superiore, salvo il caso di sostituzione di lavoratori assenti con
diritto alla conservazione del posto.

Art. 7 – Passaggi di qualifica

1 Il passaggio di qualifica non costituisce motivo per la risoluzione del


rapporto di lavoro.

2 L’anzianità di servizio acquisita nella qualifica di provenienza è conside-


rata utile per intero agli effetti degli scatti.

3 Agli effetti delle ferie, trattamento di malattia e di infortunio e del preav-


viso, la suddetta anzianità di servizio è considerata utile:
– per intero nel caso di passaggio dalla qualifica speciale alla qualifica
impiegatizia;
– al 50% nei casi di passaggio dalla qualifica operaia alla qualifica spe-
ciale o alla qualifica impiegatizia.

Chiarimento a verbale
Per i passaggi di qualifica avvenuti in data anteriore a quella di stipula-
zione del presente contratto si richiamano le disposizioni contrattuali
vigenti al momento dei passaggi stessi.

Art. 8 – Orario di lavoro

PARAGRAFO A

ORARIO NORMALE DI LAVORO

1 Premesso che la durata massima dell’orario di lavoro è disciplinata dalle


norme di legge e che nulla viene innovato a tali disposizioni, la durata setti-
manale dell’orario normale del singolo lavoratore è fissata in 40 ore, nor-
malmente distribuite su 5 giorni.

2 Per i lavoratori giornalieri potranno altresì essere realizzati, previa valu-


tazione con la RSU, regimi di orario settimanale di 39 ore, assorbendo il
necessario numero di ore di riposo e di riduzione di orario di cui all’art. 9.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 29

CONTRATTO - PARTE II 29

3 Nelle situazioni di organizzazione dell’attività lavorativa continuativa-


mente programmata per 17 o più turni settimanali, il normale orario annuo
dei lavoratori turnisti interessati è pari al seguente numero di giornate lavo-
rative di 8 ore ciascuna:

2004 2005 2006 2007

a. addetti a tre turni avvicendati


giornalieri, con attività svolta
su 17 turni settimanali 222 218 216 219
b. addetti a tre turni avvicendati
giornalieri, con attività svolta
su 18 o più turni settimanali 219,5 215,5 213,5 216,5
c. addetti a tre turni avvicendati
giornalieri, con attività svolta
su 21 turni settimanali 217,5 213,5 211,5 214,5

4 ll normale orario annuo di cui al precedente comma è stato determinato


tenendo conto dei riposi corrispondenti ai sabati ed alle domeniche, delle
giornate di riposo e delle riduzioni dell’orario di lavoro di cui all’articolo 9,
di 20 giorni di ferie, delle festività di cui all’articolo 15, escluse la ricorrenza
del Santo Patrono e le ferie ulteriori eventualmente spettanti.

5 I programmi attuati dall’azienda per la distribuzione delle giornate lavo-


rative annue dei lavoratori interessati – che potranno anche riguardare sin-
goli reparti o lavorazioni – nonché gli eventuali scostamenti, saranno tem-
pestivamente comunicati e valutati con la RSU, mentre la distribuzione dei
giorni di riposo e di lavoro collettivi conseguenti sarà oggetto di contratta-
zione, da esaurirsi, comunque, entro e non oltre 15 giorni dalla comunica-
zione effettuata dall’azienda.

6 Quanto stabilito al precedente comma si applica anche nelle situazioni


di organizzazione dell’attività lavorativa aziendale continuativamente pro-
grammata su base annua per 16 turni settimanali ovvero per 1 o 2 turni
giornalieri su più di 5 giorni la settimana.

ORARIO FLESSIBILE

7 A fronte di esigenze aziendali comportanti variazioni dell’intensità lavo-


rativa in determinati periodi dell’anno, l’orario normale di lavoro di cui al
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 30

30 CONTRATTO - PARTE II

primo comma del presente articolo può essere realizzato anche come
media su un arco di più settimane. A tal fine le aziende interessate attue-
ranno programmi comprendenti settimane con prestazioni lavorative supe-
riori alle 40 ore (sino a 48, anche su 6 giorni) e settimane a prestazioni lavo-
rative inferiori a tale limite (anche su 4 giorni).

8 Tali programmi – che potranno anche riguardare singoli reparti o lavora-


zioni – nonché gli eventuali scostamenti, saranno preventivamente comu-
nicati e valutati con la RSU, ivi compresi i casi di attività su 17 o 18 turni
settimanali.

***
9 Distribuzioni dell’orario di lavoro diverse da quelle indicate nel presente
paragrafo saranno oggetto di contrattazione con la RSU.

PARAGRAFO B

LAVORO STRAORDINARIO

10 Il ricorso al lavoro straordinario è consentito in situazioni di necessità


imprescindibili, indifferibili, di durata temporanea e tale da non ammet-
tere correlativi dimensionamenti di organico. Rientrano in tali ipotesi le
necessità di far fronte ad esigenze di mercato legate a situazioni di
punta, a commesse con vincolanti termini di consegna, ad eccezionali
ordinativi in esportazione, a momentanee difficoltà di produzione deter-
minate da innovazioni tecniche in corso sui prodotti o processi, la neces-
sità di salvaguardare l’efficienza produttiva degli impianti e di far fronte
ad adempimenti amministrativi o di legge concentrati in particolari
momenti dell’anno. Nelle suddette situazioni, l’azienda può far ricorso al
lavoro straordinario con il solo obbligo di darne tempestiva comunica-
zione alla RSU.

11 Eventuali ipotesi di lavoro straordinario, diverse da quelle sopra indicate,


saranno contrattate preventivamente tra la Direzione aziendale e la RSU.

12 I dati mensili a consuntivo per servizio o reparto e gli elementi di obbiet-


tiva giustificazione del ricorso al lavoro straordinario, nelle ipotesi di cui al
precedente 10°comma, sono tenuti a disposizione della RSU.

13 Il lavoratore può esimersi dall’effettuare il lavoro straordinario, notturno


e festivo soltanto per giustificati motivi individuali di impedimento. Il lavoro
straordinario, nonché il lavoro festivo, dovranno essere disposti ed autoriz-
zati dalla Direzione aziendale.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 31

CONTRATTO - PARTE II 31

PARAGRAFO C

CONTO ORE

14 Le ore straordinarie effettuate dal singolo lavoratore, ai sensi di quanto


disposto dai precedenti commi 10 ed 11, saranno al 50% recuperate entro
l’anno successivo a quello di effettuazione.

15 Il recupero avverrà compatibilmente con le esigenze produttive e di


mercato.

16 Le maggiorazioni verranno comunque corrisposte il mese successivo a


quello dell’effettuazione.

PARAGRAFO D

LAVORO A TURNI

17 Per le lavorazioni a ciclo continuo e quelle continuativamente program-


mate su base annua per 17 o più turni settimanali, l’orario settimanale di 40
ore potrà essere realizzato anche attraverso turni plurisettimanali con riposi
compensativi.

18 I lavoratori non possono esimersi, tranne nei casi di forza maggiore,


dall’effettuare turni avvicendati e presteranno la loro opera nel turno per
essi stabilito.

19 Nei turni regolari periodici il lavoratore del turno smontante non può
abbandonare il lavoro senza prima aver avuto la sostituzione del lavoratore
del turno montante, fermo restando il diritto alle maggiorazioni stabilite per
il lavoro straordinario.

PARAGRAFO E

NORME DI ATTUAZIONE DEL D.LGS 66/2003

20 In attuazione di quanto stabilito dall’art. 4, comma 4 del D.Lgs 66/2003,


si conviene che la durata media dell’orario di lavoro è calcolata con riferi-
mento ad un periodo di 6 mesi. Tale disposizione non modifica l’attuale
disciplina contrattuale in materia di effettuazione dello straordinario e di
corresponsione delle relative maggiorazioni.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 32

32 CONTRATTO - PARTE II

21 In attuazione di quanto stabilito dall’art. 8 del D.Lgs 66/2003, si con-


viene che la prescrizione di cui al comma 1 del suindicato articolo è assolta
qualora in azienda esista un regime di pause concordato o di fatto di
durata complessiva pari o superiore a 10 minuti giornalieri.

22 In attuazione di quanto stabilito dall’art. 9, comma 2, lett. d) del D.Lgs


66/2003, si conviene che la prescrizione di cui al comma 1 del suindicato
articolo è assolta in quelle situazioni aziendali di attività lavorativa, già in
atto e/o regolate da accordi aziendali, che garantiscano comunque un
periodo minimo di riposo settimanale di 24 ore ed un riposo medio setti-
manale di 35 ore da realizzare in un arco temporale di 3 mesi.

23 In attuazione di quanto stabilito dall’art. 17, comma 1 del D.Lgs 66/2003, si


conviene che il riposo giornaliero può essere inferiore alle 11 ore in caso di
anticipo di turno motivato dalla necessità di far fronte a situazioni di emer-
genza, di garantire l’incolumità delle persone, di mettere in sicurezza gli
impianti, di assicurare la loro manutenzione e di evitare comunque il rischio di
danni economici rilevanti quali ad esempio quelli che possono derivare dal
mancato flusso energetico, dal mancato o irregolare approvvigionamento dei
reparti di produzione o da interruzioni di lavorazioni in corso. Ulteriori specifi-
che necessità di deroga possono essere stabilite da accordi aziendali e sono
comunque fatte salve le intese in materia già sottoscritte alla data di entrata in
vigore del presente contratto. Considerata l’eccezionalità che deve caratteriz-
zare la fattispecie disciplinata dal presente comma, l’azienda informerà tem-
pestivamente la RSU sui casi di anticipo di turno avvenuti e sulle relative moti-
vazioni. In caso di assenza della RSU, l’azienda farà pervenire le informazioni
alle Organizzazioni sindacali provinciali, competenti per territorio, per il tramite
della locale Associazione territoriale dei datori di lavoro.

Nota a verbale
Restano salve le condizioni di miglior favore aziendalmente in atto, ivi
comprese quelle per i lavoratori addetti a turni avvicendati.

Chiarimento a verbale
L’azienda, prima di definire la collocazione delle eventuali ferie collettive
e l’effettuazione dei riposi aggiuntivi, valuterà con la RSU le problematiche
relative, alla luce delle rispettive esigenze.

Dichiarazioni delle parti


1 In relazione alla esigenza di una rigorosa attuazione dell’orario contrat-
tuale di lavoro, le parti si danno atto che gli organici devono consentire il
godimento delle ferie e dei riposi settimanali, tenendo conto altresì
dell’assenteismo medio per morbilità, infortuni ed altre assenze retribuite.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 33

CONTRATTO - PARTE II 33

2 Le parti riconoscono che con quanto stabilito dal paragrafo E è stata


data completa attuazione ai rinvii alla contrattazione collettiva disposti dal
D.Lgs 66/2003.

Art. 9 – Giornate di riposo e riduzioni dell’orario di lavoro

1 I lavoratori hanno diritto di godere annualmente di 4 giornate di riposo in


sostituzione delle festività soppresse dalla legge 5.3.1977, n. 54 e succes-
sive modifiche e del trattamento per le stesse previsto dall’Accordo inter-
confederale 26.1.1977.

2 Ai lavoratori indicati di seguito sono riconosciute le seguenti riduzioni di


orario annue (comprensive delle riduzioni di orario di 40 ore di cui al punto
11 del Protocollo ministeriale 22 gennaio 1983):
a) 116 ore per i lavoratori che svolgono la loro attività su 21 turni settima-
nali di 8 ore giornaliere - cicli continui;
b) 100 ore per i lavoratori che svolgono la loro attività su 18 o più turni set-
timanali di 8 ore giornaliere;
c) 80 ore per i lavoratori che svolgono la loro attività su 17 turni settimanali
di 8 ore giornaliere e per quelli che prestano la loro opera su 2 turni
diurni per 7 giorni la settimana, per questi ultimi a partire dal 1°gennaio
2001 la riduzione sarà di 88 ore;
d) 64 ore per i lavoratori che svolgono la loro attività su 16 o 15 turni setti-
manali di 8 ore giornaliere;
e) 52 ore per i lavoratori non addetti a turni o addetti a turni diversi da
quelli suindicati.

3 I riposi e le riduzioni di orario di cui al presente articolo saranno ripro-


porzionati qualora nel corso dell’anno si verifichino i seguenti casi:
assunzione, risoluzione del rapporto di lavoro, modifica dell’organizza-
zione dell’attività che comporti una variazione del numero di turni setti-
manali, assenze non retribuite, sospensione del rapporto di lavoro con
l’intervento della Cig.

4 I suddetti riposi assorbono sino a concorrenza, quanto a titolo di ridu-


zione di orario già concesso o concordato a livello aziendale.

Chiarimento a verbale
Con riferimento a quanto stabilito dalla legge 28.12.1995, n. 549, si
chiarisce che le giornate di riposo e le ore di riduzione dell’orario di lavoro,
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 34

34 CONTRATTO - PARTE II

di cui ai commi 1 e 2 del presente articolo, non sono computabili ai fini del
superamento del limite di orario previsto.

Art. 10 – Lavoro a tempo parziale


1 Il lavoro a tempo parziale è regolato dalle disposizioni del D.Lgs.
n. 61/2000 e successive modifiche ed integrazioni.

2 Per lavoro a tempo parziale si intende il rapporto prestato ad orario infe-


riore a quello contrattuale. Esso può essere di tipo orizzontale, di tipo verti-
cale e di tipo misto secondo le previsioni dell’art. 1, comma 2, lett. c), d)
e d)bis del D.Lgs. n. 61/2000 e successive modifiche ed integrazioni.

3 Nella lettera di assunzione o con accordo scritto intervenuto successi-


vamente tra azienda e lavoratore, ai sensi dell’art. 3, comma 7 e seguenti
del D.Lgs. n. 61/2000 e successive modifiche ed integrazioni, possono
essere previste clausole flessibili (relative alla variazione della colloca-
zione temporale della prestazione lavorativa) e/o, nel lavoro a tempo par-
ziale di tipo verticale o misto, clausole elastiche (relative alla variazione in
aumento della prestazione lavorativa). Per la sottoscrizione delle clausole
flessibili e/o elastiche il lavoratore potrà farsi assistere da un componente
della RSU, indicato dal lavoratore medesimo e l’eventuale rifiuto alla loro
sottoscrizione non integra gli estremi del giustificato motivo di licenzia-
mento.

4 Le clausole di cui al comma precedente possono essere modificate o


temporaneamente sospese, a richiesta di una delle parti, con il consenso
di entrambe e per atto scritto, fermo restando la facoltà per il lavoratore di
farsi assistere da un componente della RSU da egli indicato.

5 Per le ore prestate in orari diversi da quello iniziale (clausola flessibile), il


lavoratore avrà diritto ad una maggiorazione del 10% sulla retribuzione di
cui all’art. 20, comma 2. La variazione in aumento della durata della presta-
zione (clausola elastica), è possibile entro un tetto massimo del 30% della
durata dell’orario di lavoro a tempo parziale riferita all’anno ed è retribuita
con la maggiorazione del 10% sulla retribuzione di cui all’art. 20, comma 2,
comprensiva dell’incidenza degli istituti retributivi contrattuali e legali, indi-
retti e differiti.

6 La variazione della collocazione temporale e la variazione in aumento


della prestazione lavorativa devono essere disposte con un preavviso non
inferiore a 7 giorni. In caso di preavviso inferiore le maggiorazioni di cui al
comma 5 da corrispondere al lavoratore sono pari al 20% per le ore pre-
state nei giorni compresi tra il preavviso effettivamente dato e quello nor-
male di 7 giorni.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 35

CONTRATTO - PARTE II 35

7 I trattamenti normativi ed economici sono regolati dal D.Lgs. n. 61/2000


e successive modifiche ed integrazioni ed in particolare dall’art.4, comma
2, lett. a) e b).

8 È consentita la trasformazione del rapporto di lavoro a tempo pieno in


rapporto a tempo parziale e viceversa alle condizioni di cui all’art. 5 del
D.Lgs. n. 61/2000 e successive modifiche ed integrazioni.

9 È possibile la prestazione di lavoro supplementare e cioè di lavoro


aggiuntivo rispetto all’orario concordato entro un tetto massimo del 30%
della durata dell’orario di lavoro a tempo parziale riferita all’anno. Tale pos-
sibilità è consentita per gli stessi casi per i quali al lavoratore a tempo
pieno può essere richiesta la prestazione di lavoro straordinario.

10 Il lavoratore a tempo parziale può esimersi dall’effettuare lavoro supple-


mentare soltanto per giustificati motivi individuali di impedimento, tra i quali
rientrano anche i documentati impegni derivanti da un altro rapporto di lavoro.

11 Le prestazioni supplementari, comprese nel limite quantitativo di cui al


comma 9, saranno retribuite con la maggiorazione del 16% sulla retribu-
zione di cui all’art. 20, comma 2, comprensiva dell’incidenza degli istituti
retributivi contrattuali e legali, indiretti e differiti. Le prestazioni eccedenti il
limite quantitativo di cui al precedente comma 9, saranno retribuite con
una maggiorazione del 50% sulla retribuzione di cui all’art. 20, comma 2,
comprensiva dell’incidenza degli istituti retributivi contrattuali e legali, indi-
retti e differiti.

12 Nel lavoro a tempo parziale di tipo verticale o misto è possibile la pre-


stazione di lavoro straordinario. A tale prestazione si applica la disciplina
legale e contrattuale vigente ed eventuali successive modifiche ed integra-
zioni in materia di lavoro straordinario nei rapporti a tempo pieno.

13 La Direzione aziendale informerà la RSU annualmente o, a richiesta, tri-


mestralmente sull’andamento delle assunzioni a tempo parziale, la relativa
tipologia ed il ricorso al lavoro supplementare.

Chiarimento a verbale
La variazione della collocazione temporale della prestazione e la sua
variazione in aumento non danno diritto alla maggiorazione di cui al comma
5, nel caso in cui esse siano richieste dal lavoratore interessato per sua
necessità.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 36

36 CONTRATTO - PARTE II

Art. 11 – Disposizioni per i lavoratori addetti a mansioni discontinue o


mansioni di semplice attesa o custodia

1 Per i lavoratori addetti a lavori discontinui o a mansioni di semplice


attesa o custodia, l’orario normale di lavoro non può superare le 10 ore
giornaliere o le 48 ore settimanali previste dal D.Lgs 66/2003.

2 La durata dell’orario normale del singolo lavoratore è fissata in:


– 45 ore settimanali per i discontinui con orario giornaliero di 9 ore;
– 48 ore settimanali per i discontinui con orario giornaliero di 10 ore.

3 Le ore prestate oltre l’orario contrattuale degli altri lavoratori (40 ore set-
timanali) saranno compensate con quote orarie di retribuzione normale se
non eccedono gli orari settimanali di cui al 2°comma (45 e 48).

4 Le ulteriori ore di prestazione saranno compensate con quote orarie di


retribuzione maggiorate del 18% fino a 60 ore settimanali, del 25% per la
61ª ora settimanale e 35% per le ore successive.

5 Ai fini del trattamento economico per festività, ferie e tredicesima men-


silità sarà tenuto conto della normale retribuzione percepita dal disconti-
nuo in relazione al proprio orario.

6 Ai guardiani che prestano servizio esclusivamente notturno, fermo


restando quanto sopra previsto, viene riconosciuta una maggiore paga di
=C 0,05 giornaliere per i vari orari (8, 9, 10 ore).

7 Restano ferme le migliori condizioni anche aziendali in atto.

Chiarimento a verbale
Gli addetti a lavori discontinui o a mansioni di semplice attesa o custo-
dia sono considerati alla stregua degli operai addetti a mansioni continue,
qualora il cumulo delle mansioni da essi normalmente espletate tolga di
fatto il carattere della discontinuità del lavoro.

Art. 12 – Lavoro straordinario, notturno, festivo ed a turni: defini-


zioni e maggiorazioni
1 Lavoro straordinario è quello prestato oltre la durata dell’orario normale
di lavoro stabilita dalle norme di legge.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 37

CONTRATTO - PARTE II 37

2 Lavoro notturno:
– per i lavoratori di cui ai Gruppi 1) e 2) di cui all’art. 4, è quello effettuato
in un periodo di 9 ore da stabilirsi tra le 20 e le 8 antimeridiane;
– per i lavoratori di cui al Gruppo 3) dell’art. 4, è quello effettuato tra le ore
22 e le ore 6 antimeridiane.

3 Lavoro festivo è quello effettuato nella giornata destinata al riposo setti-


manale o nei giorni di festività di cui ai punti b) e c) dell’art. 15. Per i lavora-
tori soggetti alle deroghe ed eccezioni della legge sul riposo domenicale e
settimanale, lo spostamento del giorno destinato al riposo settimanale
deve essere preavvertito non più tardi del 4° giorno antecedente a quello
predeterminato per il riposo stesso; in caso contrario, il lavoro disposto in
tale giorno darà luogo al trattamento stabilito per lavoro festivo e straordi-
nario festivo.

4 Le maggiorazioni per retribuire le prestazioni anzidette sono le seguenti:

1) lavoro straordinario diurno feriale


dalla 41ª alla 48ª ora settimanale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .18%
per la 49ª ora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .25%
per le ore successive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .35%
2) lavoro non straordinario compiuto nei giorni considerati festivi ...... 50%
3) lavoro straordinario festivo e domenicale
dalla 41ª alla 48ª ora settimanale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .50%
per le ore successive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .70%
4) lavoro domenicale con riposo compensativo .............................. 25%
5) lavoro notturno non compreso in turni avvicendati
lavoratori di cui al Gruppo 3) dell’art. 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .30%
lavoratori di cui ai Gruppi 1) e 2) dell’art. 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .50%
6) lavoro straordinario notturno (compreso e non compreso in turni
avvicendati)
A. lavoro straordinario notturno compreso in turni avvicendati
dalla 41a alla 48ª ora settimanale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .28%
per la 49a ora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .60%
per le ore successive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .75%
B. lavoro straordinario notturno non compreso in turni avvicendati
dalla 41a alla 48ª ora settimanale
- lavoratori di cui al Gruppo 3) dell’art. 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .30%
- lavoratori di cui ai Gruppi 1) e 2) dell’art. 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .50%
per la 49a ora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .60%
per le ore successive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .75%
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 38

38 CONTRATTO - PARTE II

7) lavoro effettuato in turni avvicendati


turni diurni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .4%
turno notturno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .28%

5 La maggiorazione per il lavoro effettuato nel turno notturno di cui al


punto 7) del precedente comma, viene incrementata, per ogni turno not-
turno, dei seguenti valori:

Liv. =C

Q 6,17
A 5,45
B–C–D 4,54
E–F 3,93
G 3,64
H 3,33
I 2,97

6 Tali importi assorbono fino a concorrenza le somme aziendalmente cor-


risposte per lo stesso titolo.

7 I lavoratori di cui al Gruppo 3) dell’art. 4, nel caso in cui siano addetti,


nelle lavorazioni a turni, esclusivamente al turno notturno, in luogo della
maggiorazione di cui al punto 5) del 4° comma, avranno diritto a quella di
cui al punto 7) del 4°comma nonché agli importi di cui al 5°comma.

8 Le percentuali suddette vanno applicate sulle quote orarie degli ele-


menti retributivi di cui ai punti a) e b) del 1° comma dell’art. 20, calcolate
con il coefficiente di cui all’art. 19.

9 Esse percentuali non sono cumulabili, dovendosi intendere che la mag-


giore assorbe la minore. Peraltro, nei confronti del personale turnista, alle
maggiorazioni sopra previste per il lavoro effettuato in turni avvicendati
(turno diurno 4% , turno notturno 28% più importo fisso) andrà aggiunta la
percentuale di maggiorazione di cui al 4°comma punto 4) in caso di lavoro
prestato in giornata domenicale con riposo compensativo e la percentuale
di cui al 4°comma punto 2) in caso di lavoro non straordinario prestato nei
giorni considerati festivi.

10 Ai minori che lavorano in squadre avvicendate, la mezz’ora di riposo


prevista dalle vigenti disposizioni di legge dovrà essere retribuita, ma in tal
caso resta assorbita la maggiorazione prevista per i turni diurni dal 4°
comma, punto 7), del presente articolo.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 39

CONTRATTO - PARTE II 39

11 Per ogni turno notturno effettivamente prestato nell’ambito dei turni


avvicendati di cui al punto 7) comma 4 del presente articolo, verrà corri-
sposta un’indennità di € 1,55 fino al 30 novembre 2005 e sarà elevata ad
€ 4,50 dal 1 dicembre 2005. Per i lavoratori turnisti addetti a 18 o più turni
avvicendati di 8 ore, l’indennità da corrispondere per ogni turno notturno di
effettiva prestazione, sarà di € 2,07 fino al 30 novembre 2005 e sarà ele-
vata ad € 5,00 dal 1 dicembre 2005.

12 Le indennità di cui al comma precedente non sono computabili agli


effetti di alcun istituto contrattuale ivi compreso il TFR ed assorbono sino a
concorrenza quanto aziendalmente concesso o concordato allo stesso
titolo.

13 Per ogni sabato effettivamente lavorato nell’ambito della disciplina di


orario flessibile di cui all’art.8, 7°comma, verrà corrisposta un’indennità di
=C 5,16, assorbibile sino a concorrenza di quanto aziendalmente concesso
o concordato allo stesso titolo. Tale indennità, salvo diversa disposizione
aziendale, non è computabile agli effetti di alcun istituto contrattuale, ivi
compreso il TFR.

Dichiarazioni delle parti stipulanti


1 Quanto stabilito dal presente articolo in materia di corresponsione delle
maggiorazioni non modifica le condizioni di miglior favore aziendali appli-
cate alla data del 2 giugno 2004.
2 Le parti confermano quanto stabilito al punto 2 comma 3 del Protocollo
interconfederale del luglio 93 e quindi, con particolare riferimento all’inden-
nità di turno notturno di cui al comma 11 del presente articolo, ribadiscono
che nulla potrà essere contrattato a tale titolo a livello aziendale fino alla
scadenza del presente contratto.

Chiarimenti a verbale
1 Ai fini della corresponsione delle maggiorazioni previste dal presente
articolo, si chiarisce che le ore non lavorate in dipendenza di festività sono
da computare come prestate ai fini del raggiungimento dell’orario contrat-
tuale.

2 La percentuale del 4% prevista per il lavoro effettuato in turni diurni verrà


corrisposta anche ai lavoratori che si avvicendano nei due soli turni diurni.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 40

40 CONTRATTO - PARTE II

Nota a verbale
Per tutto quanto previsto dal 4° comma punto 4) del presente articolo
restano salve le condizioni, anche aziendali, di miglior favore che continue-
ranno ad essere applicate.

Art. 13 – Turnisti a ciclo continuo

1 Per il lavoratore turnista addetto a cicli continui, intesi come tali quelli
che si svolgono su tre turni avvicendati sull’intero arco settimanale di 7
giorni, l’orario normale annuo di lavoro di cui al 3° comma dell’art. 8 è
comprensivo dei riposi a fronte delle festività di cui ai punti b) e c), para-
grafo A dell’art. 15 – esclusa la ricorrenza del Santo Patrono – ed il
lavoro prestato nelle stesse comporterà, in aggiunta ai valori dell’inden-
nità di turno, il riconoscimento della sola maggiorazione del 50% di cui
all’art.12.

2 La percentuale di maggiorazione per turno notturno, viene elevata, per i


lavoratori di cui al presente articolo, al 40% ; inoltre, fermo restante quanto
previsto dall’11° comma dell’art.12, tale maggiorazione viene incrementata
per ogni turno notturno dei valori di cui al 5° comma dello stesso articolo.

Chiarimento a verbale
Le maggiorazioni di cui al presente articolo vanno corrisposte tutte le
volte che la distribuzione dell’orario di lavoro comporti, in via continua-
tiva e per un periodo di tempo indefinito, la prestazione per 7 giorni, pre-
vedendo quindi organicamente e sistematicamente il lavoro nelle 24 ore
della domenica.

Art. 14 – Computo delle maggiorazioni per il lavoro a turni

1 Per i lavoratori che prestano normalmente la loro opera a turni avvicen-


dati, le maggiorazioni di cui al 4° comma, punto 7), ed al 5° comma del-
l’art. 12 ed all’art. 13 saranno computate nella retribuzione agli effetti delle
festività, delle ferie, della tredicesima mensilità, del trattamento di malattia
o di infortunio e dei riposi aggiuntivi di cui all’art.9, sulla base della maggio-
razione media realizzata negli ultimi dodici mesi.

2 Restano salvi altri eventuali periodi di riferimento aziendalmente con-


cordati.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 41

CONTRATTO - PARTE II 41

Art. 15 – Giorni festivi e riposo settimanale

PARAGRAFO A – Giorni festivi

1 Sono considerati festivi:


a) le domeniche ed i giorni destinati al riposo settimanale ai sensi del para-
grafo B del presente articolo e delle disposizioni legislative vigenti;
b) le ricorrenze del 25 aprile, del 1°maggio e le altre che eventualmente, in
sostituzione o in aggiunta, venissero stabilite;
c) le seguenti dieci festività:

11) Capodanno
12) 6 gennaio – Epifania
13) Lunedì di Pasqua – giorno dell’Angelo
14) 2 giugno – festa della Repubblica
15) 15 agosto – Assunzione
16) 1°novembre – Ognissanti
17) 8 dicembre – Immacolata Concezione
18) 25 dicembre – S. Natale
19) 26 dicembre – S. Stefano
10) giorno del Patrono della località dove ha sede lo stabilimento e le
altre che eventualmente, in sostituzione o in aggiunta, venissero sta-
bilite;
d) il giorno di Pasqua.

2 In occasione della Pasqua, e comunque in coincidenza di una o più


festività di cui alle lettere b) e c) del presente articolo tra di loro, o con la
domenica, o con il giorno destinato al riposo compensativo, qualora non si
proceda a spostamento, verrà corrisposto al lavoratore, in aggiunta alla
retribuzione mensile, l’importo di 1/25 della retribuzione mensile, calcolata
con riferimento agli elementi ed alle modalità di cui all’art. 20, comma 2.

3 Il lavoro nelle festività sopraindicate è consentito sotto osservanza delle


norme di legge e del presente contratto; comunque la effettuazione del
lavoro è condizionata alla corresponsione del trattamento economico di cui
all’art. 12 del presente contratto, salvi i casi di recupero o spostamento.

4 Inoltre, in occasione del pagamento della retribuzione del mese di


novembre verrà corrisposto, in aggiunta alla retribuzione mensile a fronte
della festività soppressa del 4 novembre, l’importo di 1/25 della retribu-
zione mensile, calcolata con riferimento agli elementi ed alle modalità di cui
all’art. 20, comma 2.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 42

42 CONTRATTO - PARTE II

PARAGRAFO B – Riposo settimanale

5 Come previsto dal D.Lgs 8.4.2003, n. 66 e fatto salvo quanto disposto


per i minori, il riposo settimanale cadrà normalmente in domenica, poten-
dosi far godere il riposo in altro giorno della settimana soltanto nei casi
previsti dalla legge stessa.

6 Nei casi in cui, disposizioni di legge permettendo, il riposo settimanale


non venga concesso nel giorno prestabilito, resta fermo che al personale
compete il riposo compensativo.

Art. 16 – Ferie

1 Nel corso di ogni anno feriale il lavoratore in servizio ha diritto ad un


periodo di riposo (ferie), con decorrenza della retribuzione, calcolata con
riferimento agli elementi ed alle modalità di cui all’art. 20, comma 2,
secondo i termini sotto indicati:
A) per i lavoratori di cui ai Gruppi 1) e 2) dell’art. 4
– 4 settimane (pari a 20 giorni lavorativi) per anzianità fino a 10 anni;
– 5 settimane (pari a 25 giorni lavorativi) per anzianità oltre 10 anni.
B) per i lavoratori di cui al Gruppo 3) dell’art. 4
– 4 settimane (pari a 20 giorni lavorativi) per anzianità fino a 18 anni;
– 4 settimane e 4 giorni (pari a 24 giorni lavorativi) per anzianità oltre 18
anni sino al 30 giugno 2007 e 5 settimane (pari a 25 giorni lavorativi)
dal 1 luglio 2007.

2 In caso di ferie frazionate, 5 giorni lavorativi fruiti come ferie equival-


gono a una settimana, salvo il caso in cui non sia stata effettuata la con-
centrazione dell’orario settimanale in 5 giorni.

3 Il riposo annuale ha normalmente carattere continuativo; le festività pre-


viste dalle lettere b) e c) – Paragrafo A del 1°comma dell’art. 15 che cadono
in tale periodo (con esclusione delle festività che coincidono con i giorni di
sosta derivanti dalla concentrazione dell’orario contrattuale di lavoro in 5
giorni) non sono computabili, agli effetti delle ferie, e pertanto si farà luogo
ad un corrispondente prolungamento delle ferie stesse, ovvero, d’accordo
con la RSU, al pagamento per le giornate di ferie non godute.

4 La malattia sopravvenuta durante il periodo feriale, regolarmente


comunicata e certificata secondo le vigenti disposizioni di legge e di
contratto, interrompe il decorso delle ferie stesse nei seguenti casi:
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 43

CONTRATTO - PARTE II 43

a) malattia che comporta il ricovero ospedaliero, per la durata dello stesso;


b) malattia la cui prognosi sia superiore a 8 giorni consecutivi.

5 Per gli adolescenti che non hanno compiuto i 16 anni, il periodo di cui al
1° comma è stabilito in 30 giorni di calendario.

6 La scelta dell’epoca sarà fatta di comune accordo, compatibilmente


con le esigenze del servizio.

7 Come previsto dall’art.10 del D.Lgs. 66/2003, così come modificato dal
D.Lgs. 213/2004, il lavoratore ha diritto al godimento di almeno 4 settimane
di ferie nell’anno feriale di maturazione.

8 Non è ammessa la rinuncia o la non concessione delle ferie e, in caso di


giustificato impedimento, il mancato godimento delle giornate eccedenti le
quattro settimane di ferie deve essere compensato con una indennità
sostitutiva corrispondente alla retribuzione dovuta per le giornate di ferie
non godute, calcolata con riferimento agli elementi ed alle modalità di cui
all’art. 20, comma 2, nella misura in atto al momento della liquidazione.

9 In caso di risoluzione del rapporto di lavoro, il periodo di ferie non può


coincidere con la decorrenza del periodo di preavviso. Il lavoratore ha diritto
alla liquidazione dei dodicesimi di ferie corrispondenti alla frazione di anno
feriale incompiuto, sempreché non abbia già usufruito dell’intero periodo di
ferie, nel qual caso sarà tenuto a rimborsare il corrispondente indennizzo
per le ferie godute in più dei dodicesimi maturati. Le frazioni di mese supe-
riori a 15 giorni saranno in ogni caso computate come mesi interi.

10 Qualora il lavoratore venga richiamato in servizio durante il periodo di


ferie, l’azienda è tenuta ad usargli, sia per il rientro in sede che per il ritorno
nella località ove trascorreva le ferie, il trattamento di trasferta previsto
dall’art. 31 del presente contratto.

Norma transitoria
I lavoratori di cui ai Gruppi 1) e 2) dell’art. 4, assunti precedentemente al
31.3.1996, al compimento del 18mo anno di anzianità, hanno diritto a 5 set-
timane e 2,5 giorni di ferie (pari a 27,5 giorni lavorativi).

Chiarimento a verbale
L’interruzione delle ferie per le ragioni di cui ai punti a) e b), comma 4,
del presente articolo – analogamente agli altri casi di mancato godi-
mento delle ferie per malattia intervenuta prima del periodo feriale – non
comporta l’automatico prolungamento del periodo feriale stesso ed il
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 44

44 CONTRATTO - PARTE II

lavoratore, qualora guarito, è tenuto a rientrare in servizio al termine di


detto periodo.

Dichiarazione delle parti stipulanti


Le parti, con la regolamentazione di cui al 4° comma del presente
articolo, hanno inteso disciplinare pattiziamente la fattispecie dell’insor-
genza della malattia durante il periodo feriale, al fine di superare le pro-
blematiche interpretative poste dalla giurisprudenza di legittimità e di
merito.

Art. 17 – Trattamento economico minimo

1 I minimi contrattuali per ciascun livello sono fissati nella seguente tabella:

Liv. all’1/6/2004 all’1/1/2005 all’1/7/2005

I 497,29 519,81 530,04


H 572,23 599,41 611,76
G 607,12 636,63 650,04
F 664,24 697,24 712,24
E 701,86 735,25 750,42
D 759,29 793,45 808,98
C 770,48 805,42 821,30
B 781,68 817,40 833,63
A 871,29 908,17 924,94
Q 959,20 998,02 1015,67

I minimi di cui alla tabella sopra riportata sono comprensivi degli


aumenti retributivi riconosciuti nelle misure ed alle scadenze che seguono:

Liv. 1/6/2004 1/1/2005 1/07/2005 Totale

I 25,25 22,52 10,23 58,00


H 30,47 27,18 12,35 70,00
G 33,08 29,51 13,41 76,00
F 37,00 33,00 15,00 85,00
E 37,44 33,39 15,17 86,00
D 38,31 34,16 15,53 88,00
C 39,18 34,94 15,88 90,00
B 40,05 35,72 16,23 92,00
A 41,35 36,88 16,77 95,00
Q 43,53 38,82 17,65 100,00
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 45

CONTRATTO - PARTE II 45

2 Le parti concordano che, ai fini del rinnovo dei minimi contrattuali del
biennio 2006-2007, la retribuzione media di riferimento è pari a =C 1500,00
lordi mensili.

Importo forfetario

1 Al personale in forza alla data del 1° giugno 2004 verrà corrisposto un


importo forfetario di € 150,00 lordi, da erogarsi con le competenze del
mese di giugno 2004.

2 L’importo complessivo è suddivisibile in quote mensili in ragione dei mesi


di servizio prestati presso l’azienda nel periodo 1 gennaio-31 maggio 2004,
computando come mese intero la frazione di mese superiore a 15 giorni.

3 Tale importo non è considerato utile ai fini dei vari istituti contrattuali
nonché del TFR.

Note a verbale
1 Le parti si danno atto che i sopraindicati aumenti economici sono com-
prensivi di tutti gli scostamenti tra l’inflazione programmata e l’inflazione
reale registrati sino al 31 dicembre 2003. Gli aumenti del biennio 2004 e
2005 sono calcolati sulla base di un’inflazione del 4,1%.

2 I costi relativi ai contributi al Fondo Gomma Plastica a carico delle aziende


(0,2%) così come lo scostamento di inflazione relativo al 2001 (0,1%) saranno
computati negli oneri economici dell’Accordo di rinnovo di fine 2005.

Art. 18 – Indennità di contingenza

1 I valori della indennità di contingenza sono riportati nella seguente tabella:

Liv. =C

I 511,63
H 513,76
G 513,87
F 515,61
E 517,41
D 521,40
C 521,40
B 521,40
A 527,19
Q 531,81
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 46

46 CONTRATTO - PARTE II

2 L’Elemento Distinto della Retribuzione, di =C 10,33 mensili, è regolato dal


Protocollo 31 luglio 1992 sulla politica dei redditi, la lotta all’inflazione ed il
costo del lavoro.

Art. 19 – Divisore orario

Per tutti i lavoratori la retribuzione oraria si ottiene dividendo la retribu-


zione mensile per 173.

Art. 20 – Elementi della retribuzione

1 Sono elementi retributivi mensili i seguenti:


a) paga mensile o stipendio (minimo contrattuale, scatti di anzianità, even-
tuale importo retributivo individuale ex art. 17 del CCNL. 2.7.92, eventuali
aumenti di merito ed eventuali altre eccedenze sul minimo contrattuale);
b) indennità di contingenza.

2 Ai fini del pagamento degli istituti del contratto che richiamano il pre-
sente articolo, gli elementi retributivi contrattuali da computare ove spet-
tanti e le relative modalità di calcolo sono i seguenti:
– elementi retributivi di cui al 1°comma del presente articolo;
– cottimo di cui all’art. 23: media del mese precedente;
– ad personam cottimo di cui all’art. 23, comma 22;
– ad personam compenso sostitutivo del cottimo e di altri incentivi di cui
alla Norma transitoria in calce all’art. 23 del CCNL 15.4.2000;
– premio di produzione di cui alla Nota a verbale dell’art. 25 e indennità
sostitutiva del premio di risultato di cui al comma 5 dello stesso arti-
colo 25;
– maggiorazioni per lavoro a turni per i lavoratori che prestano normal-
mente la loro opera a turni avvicendati, di cui all’art. 14: maggiorazione
media realizzata negli ultimi 12 mesi, salvo altri eventuali periodi di riferi-
mento aziendalmente in vigore;
– ad personam turni di cui all’art. 27;
– E.D.R. di cui al Protocollo 31.7.92;
– ad personam indennità nocive di cui alla Dichiarazione a verbale all’art. 43
del CCNL. 2.7.92.

3 Gli elementi aziendali da computare, a questi fini, trovano regolamenta-


zione nella normativa aziendale secondo quanto in atto.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 47

CONTRATTO - PARTE II 47

Chiarimento a verbale
Gli importi corrisposti dalle aziende ai lavoratori a fronte degli scatti di
anzianità maturati fino al 30.6.1980 e congelati secondo quanto previsto
dal 2°comma della "Norma transitoria" all’ar t. 21 del CCNL 14.7.1980 sono
compresi tra gli elementi retributivi mensili di cui alla lettera a), 1° comma
del presente articolo.

Art. 21 – Corresponsione della retribuzione

1 La retribuzione deve essere corrisposta ai lavoratori nei termini e con le


modalità in atto nelle singole aziende.

2 Nel caso che l’azienda, per fatto da essa dipendente e al di fuori dei
casi di contestazione ritardi di oltre 10 giorni il pagamento, decorreranno di
pieno diritto gli interessi nella misura del 5% in più del tasso ufficiale di
sconto, con decorrenza dalla scadenza di cui al comma precedente; inoltre
il lavoratore avrà facoltà di risolvere il rapporto di lavoro con diritto alla cor-
responsione del TFR e della indennità di mancato preavviso.

3 All’atto del pagamento della retribuzione verrà consegnato un pro-


spetto in cui dovranno essere distintamente specificati: il nome,
cognome e qualifica professionale del lavoratore, il periodo di paga cui
la retribuzione si riferisce, nonché le singole voci ed i rispettivi importi
costituenti la retribuzione stessa (paga o stipendio, cottimo, contin-
genza, ecc.) e la elencazione delle trattenute e le ore da recuperare ai
sensi dell’art. 8, par. C.

4 Tale prospetto paga deve portare la firma, sigla o timbro del datore di
lavoro o di chi ne fa le veci.

5 Tanto in pendenza del rapporto di lavoro, quanto alla fine di esso, in


caso di contestazione su uno o più elementi costitutivi della retribuzione,
dovrà essere intanto corrisposta al lavoratore la parte della retribuzione
non contestata, contro rilascio da parte del lavoratore stesso della quie-
tanza per la somma corrisposta.

6 La retribuzione normale ai lavoratori è corrisposta in misura mensile,


fermo restando che il lavoro prestato dagli stessi è compensato in base ai
giorni di effettiva prestazione e, nell’ambito dei giorni, in base alle ore effet-
tivamente lavorate.

7 Al riguardo valgono pertanto le seguenti norme:


a) ai lavoratori che, nel corso del mese, avranno prestato la loro opera per
l’intero orario contrattuale di lavoro o che si saranno assentati soltanto
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 48

48 CONTRATTO - PARTE II

per ferie, per festività o per altre cause che comportano il diritto alla
retribuzione, verrà liquidata l’intera retribuzione mensile. In tal modo si
intenderanno compensati oltre al lavoro ordinario, le ferie, le altre
assenze retribuibili e le festività di cui alle lettere b) e c) – Paragrafo A
dell’art. 15, escluse solo quelle coincidenti con la domenica;
b) ai lavoratori che abbiano prestato la loro opera per un periodo inferiore
ad un mese, o comunque per parte dell’orario contrattuale, verrà
detratta la retribuzione afferente le ore non lavorate.

8 Le quote relative alle ore normali non lavorate, o comunque non retribui-
bili, nell’ambito dell’orario contrattuale, saranno calcolate applicando al
suddetto numero di ore il coefficiente risultante dal seguente rapporto (rife-
rito al singolo lavoratore):

173
ore lavorative del mese

9 Per ore lavorative si intendono quelle che si sarebbero prestate


secondo l’intero orario contrattuale come se non ci fossero state assenze
di alcun genere (malattia, ferie, festività, ecc.).

10 In caso di distribuzione dell’orario contrattuale di lavoro su un arco di


più settimane come previsto dal 7° e 17° comma dell’art. 8, la retribuzione
normale mensile rimane ragguagliata all’orario di 40 ore settimanali; per-
tanto anche ai fini della detrazione di cui ai precedenti commi le ore lavora-
tive del mese si intendono riferite a tale durata.

Art. 22 – Reclami sulla retribuzione

Qualsiasi reclamo sulla corrispondenza della somma pagata a quella


indicata sulla busta paga o documento equipollente, nonché sulla qualità
della moneta, dovrà essere fatto all’atto del pagamento; il lavoratore che
non vi provvede, perde ogni diritto per ciò che riguarda il danaro contenuto
nella busta stessa.

Art. 23 – Lavoro a cottimo


1 Ferme restando le norme di legge in materia, l’effettuazione del lavoro a
cottimo, sia individuale che collettivo, è disciplinata dalle norme che
seguono.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 49

CONTRATTO - PARTE II 49

PARAGRAFO A

2 Le tariffe di cottimo (a tempo, a prezzo o ad indice di rendimento)


devono essere fissate dall’azienda in modo da garantire, nei periodi nor-
malmente considerati, al lavoratore di normale capacità ed operosità, il
conseguimento di un utile di cottimo non inferiore al 12% del minimo di
paga base del proprio livello, con l’aggiunta dell’importo di
=
C 0,52 mensili. Tale condizione si presume adempiuta quando la genera-
lità (intendendosi per tale almeno i due terzi) dei lavoratori lavoranti a cot-
timo in un medesimo reparto, con la stessa tariffa, nei periodi sopra indi-
cati abbia realizzato un utile di cottimo non inferiore al suddetto minimo,
il che non esclude la revisione delle tariffe nei casi in cui detto complesso
di lavoratori venga riconosciuto di capacità ed operosità superiore al nor-
male.

3 Nel caso di altre forme di retribuzione a rendimento, soggette alla disci-


plina del lavoro a cottimo, al lavoratore dovrà comunque essere garantita
una percentuale del minimo di paga base corrispondente a quella minima
di cottimo.

4 Nel caso in cui un lavoratore lavorante a cottimo non riesca a conse-


guire il minimo previsto dai precedenti commi, per cause a lui non imputa-
bili e salva l’ipotesi sotto prevista di tempestiva richiesta di mutamento
delle condizioni di emissione della tariffa, la retribuzione gli verrà integrata
fino al raggiungimento del suddetto minimo di cottimo.

PARAGRAFO B

5 La tabella di cottimo (o tariffa), da affiggere nei luoghi di lavoro o conse-


gnare ai lavoratori, dovrà contenere le seguenti indicazioni:
a) descrizione del posto di lavoro;
b) descrizione della lavorazione e del suo procedimento;
c) indicazione del modo operativo con le singole operazioni previste;
d) indicazione della tariffa di cottimo (a tempo, a prezzo o ad indice di ren-
dimento);
e) gli organici di squadra o di gruppo, il macchinario assegnato nelle
diverse operazioni, la distribuzione delle pause per garantire, qua-
lora sia prevista la continuità del regolare funzionamento degli
impianti, la possibilità di allontanamento del lavoratore dal posto di
lavoro.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 50

50 CONTRATTO - PARTE II

6 L’analisi della lavorazione nelle singole operazioni e l’elaborazione com-


pleta della tabella (o tariffa), compresi i tempi parziali o gli elementi equiva-
lenti, sarà a disposizione dei delegati della RSU di cui al successivo para-
grafo C, che ne potranno prendere visione, fermo restando l’obbligo di
riservatezza sulle informazioni acquisite.

7 Nei casi di emissione e di revisione di tabella (o tariffa) l’azienda ne darà


preventiva comunicazione ai lavoratori interessati e ai delegati della RSU di
cui al 10°comma.

8 Successivamente l’azienda comunicherà al lavoratore gli elementi


riepilogativi di computo del suo guadagno di cottimo nel periodo di
paga e – a richiesta – anche con riferimento ai risultati delle singole
tabelle (o tariffe).

9 La specificazione dei risultati delle singole tariffe potrà non essere for-
nita per tariffe le quali, data la contemporaneità della loro applicazione,
costituiscono sostanzialmente un unico cottimo, o per tariffe applicate non
contemporaneamente per le quali, data la brevità della loro durata, normal-
mente non si effettua la rilevazione dei tempi.

PARAGRAFO C

10 Presso ogni stabilimento, la RSU nomina propri delegati in materia di


cottimi, nel numero di 3 per gli stabilimenti fino a 3.000 dipendenti, 6 per gli
stabilimenti con oltre 3.000 dipendenti e fino a 9.000 dipendenti e 9 per
oltre 9.000 dipendenti. Questi delegati rappresenteranno i lavoratori nelle
controversie relative alle tabelle (o tariffe di cottimo).

11 Delegati dei lavoratori direttamente interessati alla singola tabella (o


tariffa) controversa e da essi designati di volta in volta nel proprio ambito,
in numero proporzionale alla loro consistenza e comunque non superiore a
6, parteciperanno alle discussioni unitamente ai delegati della RSU di cui al
precedente comma.

12 Nell’espletamento del loro compito, i delegati della RSU di cui al 10°


comma potranno effettuare tutti gli accertamenti che riterranno necessari.

13 Essi svolgeranno i loro compiti durante l’orario di lavoro, con il ricono-


scimento della retribuzione di fatto.

14 Identiche condizioni verranno adottate per i lavoratori di cui al 2°


comma, limitatamente al periodo di discussione delle loro tabelle.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 51

CONTRATTO - PARTE II 51

PARAGRAFO D

15 La tabella di cottimo (o tariffa) comunicata resta in assestamento per un


periodo di 40 giorni, durante il quale i lavoratori potranno contestare la
tabella (o tariffa) medesima tramite i delegati della RSU di cui al precedente
10°comma.

16 Durante il predetto periodo le parti hanno facoltà di instaurare vertenza


secondo le procedure previste dal presente contratto.

17 Durante il periodo di assestamento sarà concessa al lavoratore una inte-


grazione del guadagno di cottimo realizzato con le tariffe in corso di assesta-
mento, in modo che il guadagno stesso non sia inferiore al 90% di quello
medio realizzato nel trimestre precedente alla variazione della lavorazione.

18 Terminato tale periodo nessuna integrazione spetterà al lavoratore,


salvo quanto disposto dalle norme di cui al paragrafo successivo.

PARAGRAFO E

19 I delegati della RSU, di cui al 10° comma, qualora constatino che le


effettive condizioni di esecuzione di una lavorazione cui si riferisce una
tabella di cottimo (o tariffa) consolidata abbiano cessato di corrispondere a
quelle esistenti alla fine del periodo di assestamento della tabella mede-
sima, segnaleranno il caso all’azienda.

20 L’azienda preciserà se le modifiche abbiano carattere transitorio e siano


superabili, con ripristino delle condizioni precedenti, entro il periodo mas-
simo di 30 giorni di calendario. In caso affermativo verranno corrisposti
bonifici in proporzione al grado di variazione riscontrato dal momento della
segnalazione dei delegati della RSU di cui al 10° comma all’azienda e per
la successiva durata delle variazioni, tali che il lavoratore non subisca per-
dite per cause a lui non imputabili.

21 Qualora invece le modifiche abbiano carattere permanente, o comun-


que non siano superabili nel termine di cui sopra, l’azienda provvederà a
disporre tabelle di cottimo (o tariffe), revisionate, definitive o transitorie,
regolarmente suscettibili di assestamento e di contestazione a norma dei
precedenti paragrafi C e D. Qualora esista divergenza sulla stessa esi-
stenza di modifiche nelle condizioni di esecuzione del lavoro, i delegati
della RSU, di cui al 10° comma del presente articolo, potranno instaurare
regolare controversia.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 52

52 CONTRATTO - PARTE II

PARAGRAFO F

22 Ai lavoratori che abbiano lavorato a cottimo per oltre 15 anni, qualora


vengano definitivamente spostati a lavori ad economia, sarà riconosciuto,
"ad personam", un importo pari all’80% dell’eventuale conseguente per-
dita di guadagno, calcolata in base al rendimento medio realizzato negli
ultimi 3 anni precedenti la decorrenza dell’"ad personam".

23 Con riferimento a quanto stabilito al comma precedente, lo sposta-


mento viene considerato definitivo trascorso un periodo di 6 mesi.

24 Qualora il lavoratore venga nuovamente adibito al lavoro a cottimo,


l’importo di cui al 22° comma non è cumulabile con l’utile di cottimo che gli
verrà corrisposto, dovendosi intendere che la cifra maggiore assorbe la minore.

25 Quando i lavoratori lavorino con tabelle di cottimo (o tariffe) già assestate,


il conteggio del guadagno sarà fatto complessivamente alla fine del periodo di
paga, indipendentemente dai risultati di ciascuna tabella di cottimo (o tariffa).
Agli effetti del conteggio del guadagno di cottimo saranno escluse le ore di
interruzione dovute a causa non dipendente dalla volontà del lavoratore.

26 Non è ammessa la compensazione tra i risultati di tabelle di cottimo (o


tariffe) assestate e quelle in corso di assestamento. Per queste ultime, ove
i loro risultati siano in parte eccedenti ed in parte inferiori al minimo di cot-
timo, l’eccedenza rispetto a detto minimo non potrà essere utilizzata per
l’integrazione prevista dal 4°comma.

27 Per i cottimi di lunga durata il conteggio del guadagno deve essere fatto
a cottimo ultimato ed al lavoratore devono essere corrisposti, allo scadere
dei singoli periodi di paga, acconti di circa il 90% del presumibile guadagno.

28 Il lavoratore cottimista che lascia il lavoro per dimissioni o licenziamento


quando il cottimo è ancora in corso, ha diritto alla liquidazione dell’even-
tuale guadagno di cottimo spettantegli fino al momento in cui lascia il
lavoro. Nel caso in cui la liquidazione avvenga solo quando il cottimo sia
ultimato, il lavoratore avrà diritto ad un acconto sulla base della presumi-
bile liquidazione.

29 Quando il lavoratore passa da lavoro a cottimo a quello ad economia,


nella medesima lavorazione, ha diritto alla conservazione dell’utile di cot-
timo, sempre che rimangano inalterate le condizioni di lavoro e la produ-
zione individuale.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 53

CONTRATTO - PARTE II 53

30 Quando i lavoratori siano vincolati nel loro lavoro al ritmo di altri lavora-
tori retribuiti a cottimo sarà ad essi corrisposta, in aggiunta alla paga base,
la percentuale minima di cottimo.

31 Le precedenti disposizioni valgono anche per le lavorazioni a ritmo pre-


determinato.

32 Per le lavorazioni a cottimo di breve durata e non ripetitive non trove-


ranno applicazione i punti obiettivamente incompatibili.

Norme transitorie
1 Con riferimento alle variazioni della paga base stabilite dal presente con-
tratto, l’utile minimo di cottimo di cui al comma 2, alle decorrenze del 1°
giugno 2004, del 1°gennaio 2005 e del 1°luglio 2005, sarà riproporzionato
senza oneri né vantaggi rispetto alla situazione precedente.

2 Il compenso sostitutivo del cottimo e di altri incentivi di cui all’art. 25 del


CCNL 30 marzo 1996, viene definitivamente consolidato negli importi in atto
precedentemente alla stipula del presente contratto e continuerà ad essere
erogato “ad personam” ai soli lavoratori in forza alla data del 30 aprile 2000.
Gli importi di cui sopra saranno corrisposti diminuiti di una cifra pari a =C 4,13
nel caso in cui il lavoratore interessato usufruisca anche dell’indennità sosti-
tutiva del premio di risultato di cui al comma 5 dell’art. 25 del presente con-
tratto.

3 Il compenso sostitutivo del cottimo e di altri incentivi fissato aziendal-


mente in misura diversa da quella di cui all’art. 25 del CCNL 30.3.1996
segue la disciplina di cui alla Nota a verbale posta in calce all’art. 25 del
vigente CCNL.

Art. 24 – Scatti di anzianità


1 Per ogni biennio di servizio maturato presso la stessa azienda o
gruppo (intendendosi per tale il complesso industriale facente capo alla
stessa società), verrà riconosciuto un aumento retributivo in cifra fissa, il
cui importo è pari a:
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 54

54 CONTRATTO - PARTE II

Livello =C

Q 20,14
A 18,59
B–C–D 16,53
E–F 13,94
G 13,43
H 11,88
I 10,33

2 Il numero massimo maturabile di tali scatti è di 5.

3 Gli stessi hanno decorrenza dal primo giorno del mese successivo a
quello in cui si compie il biennio di anzianità.

4 In caso di passaggio di livello, il lavoratore manterrà l’importo degli


scatti di anzianità maturati nel livello di provenienza. Tale importo sarà
diviso per il valore dello scatto di anzianità corrispondente al nuovo livello.
Il quoziente indicherà il numero intero e la frazione di scatti di anzianità già
maturati dal lavoratore e, per differenza con il totale degli scatti previsti dal
presente articolo, il numero intero e la frazione di scatti di anzianità da
maturare.

5 La frazione di biennio in corso al momento del passaggio di livello sarà


utile agli effetti della maturazione del successivo scatto di anzianità.

6 Gli scatti di anzianità non potranno essere assorbiti da eventuali


aumenti di merito, né questi potranno essere assorbiti dagli scatti di anzia-
nità maturati o da maturare.

Art. 25 – Contrattazione di II livello

MATERIE OGGETTO DI CONTRATTAZIONE A LIVELLO AZIENDALE

1 In applicazione di quanto stabilito dal Protocollo 23 luglio 1993, il


vigente CCNL stabilisce le voci e le materie nelle quali si articola la contrat-
tazione aziendale. Conseguentemente la contrattazione di II livello riguar-
derà materie ed istituti diversi e non ripetitivi rispetto a quelli propri del
CCNL e verrà pertanto svolta per le materie stabilite dalle apposite clau-
sole di rinvio.

PREMIO DI RISULTATO
2 Con riferimento all’impresa o alle singole unità produttive, la contratta-
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 55

CONTRATTO - PARTE II 55

zione aziendale a contenuto economico riguarda l’istituzione di un pre-


mio per obbiettivi, calcolato con specifico riferimento ai risultati conse-
guiti nella realizzazione di programmi concordati tra le parti ed aventi
come obbiettivo incrementi di produttività, qualità, redditività ed altri ele-
menti di competitività. In apposito incontro a livello aziendale, le parti,
sulla base di elementi comuni di conoscenza ed attraverso opportuni
coinvolgimenti, verificheranno l’esistenza delle condizioni per l’istituzione
dei premi di risultato e dei conseguenti obbiettivi, condizioni quali l’anda-
mento economico dell’impresa, le prospettive di sviluppo occupazionale,
le prospettive di competitività e produttività nonché le essenziali condi-
zioni di redditività.

3 Il premio di risultato, la cui erogazione viene effettuata a consuntivo e


con il raggiungimento degli obbiettivi fissati dalla contrattazione aziendale,
ha caratteristiche proprie e diverse rispetto a tutti gli altri elementi della
retribuzione. Esso è, per sua natura, variabile e determinato in correlazione
alla realizzazione degli obbiettivi concordati. Potrà essere differenziato in
funzione delle condizioni di lavoro, delle diverse prestazioni lavorative e di
altre modalità aziendalmente definite dalle parti.

4 Le parti potranno determinare, a livello aziendale, forme, tempi e clau-


sole per la verifica dei risultati e per l’eventuale riesame degli obbiettivi pre-
fissati, in relazione a rilevanti modifiche delle condizioni delle unità produt-
tive o dell’impresa.

5 Nelle aziende con un numero di dipendenti non superiore a 100 che non
abbiano realizzato in passato la contrattazione del premio di produzione o
del premio di risultato, si potrà sostituire il premio di risultato con l’inden-
nità prevista all’allegato 1 del presente contratto.

6 Con riferimento a quanto previsto dal Protocollo 23 luglio 1993,


l’accordo aziendale ha durata quadriennale.

7 In funzione delle distinte situazioni di programmabilità degli obbiettivi


riscontrabili nelle aziende, l’individuazione degli stessi e la determinazione
dei premi da erogare al loro raggiungimento potranno avvenire con tempi e
modalità da definire a livello aziendale.

8 Per favorire migliori relazioni sindacali, la richiesta di rinnovo


dell’accordo dovrà essere presentata in tempo utile, al fine di consentire
l’apertura del negoziato due mesi prima della scadenza del precedente
accordo, con l’esclusione di qualsiasi azione diretta, per il tempo ed alle
condizioni previste dall’Accordo interconfederale 25.1.90 e dal Protocollo
23.7.93.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 56

56 CONTRATTO - PARTE II

Nota a verbale
1 I premi di produzione e gli istituti retributivi analoghi stabiliti a livello
aziendale e consolidati in cifra ai sensi della Nota a verbale in calce all’art.
26 del CCNL 30 marzo 1996, vengono regolati come segue:
– ai lavoratori in forza alla data del 15 aprile 2000 continueranno ad essere
corrisposti “ad personam”;
– ai lavoratori assunti a decorrere dal 16 aprile 2000 saranno corrisposti
per intero alla fine del 4º anno di anzianità di servizio e pro rata nei primi
quattro anni, secondo modalità definite a livello aziendale.
Ciò anche in considerazione dei necessari momenti di training e di ade-
guata qualificazione professionale.

2 Quanto sopra stabilito trova applicazione anche per il compenso sosti-


tutivo del cottimo e di altri incentivi fissato aziendalmente in misura diversa
da quella di cui all’art. 25 del CCNL 30.3.1996.

Dichiarazione delle parti


Le parti si danno atto che la disciplina del premio di risultato, di cui al
presente art. 25, è pienamente in linea con i principi del Protocollo 23.7.93
e che i premi aziendali stipulati in conformità alla stessa hanno i requisiti
necessari per usufruire dei benefici, in particolare contributivo–previden-
ziali, eventualmente stabiliti dalla legge.

Art. 26 – Tredicesima mensilità

1 A norma di quanto stabilito dall’art. 17 dell’Accordo interconfederale


27.10.1946, l’azienda è tenuta a corrispondere al lavoratore, considerato in
servizio, in occasione della ricorrenza natalizia, una tredicesima mensilità
di importo ragguagliato alla retribuzione mensile, calcolata con riferimento
agli elementi ed alle modalità di cui all’art. 20, comma 2.

2 La corresponsione di tale mensilità deve avvenire prima di Natale, salvo


conguaglio per gli eventuali elementi mobili.

3 Nel caso di inizio o di cessazione del rapporto di lavoro durante il corso


dell’anno, il lavoratore non in prova, ha diritto a tanti dodicesimi
dell’ammontare della tredicesima mensilità quanti sono i mesi di servizio
prestati presso l’azienda, computando come mese intero la frazione di
mese superiore a 15 giorni.

4 Il periodo di prova seguito da conferma è considerato utile per il calcolo


dei dodicesimi di cui sopra.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 57

CONTRATTO - PARTE II 57

Art. 27 – Mantenimento delle maggiorazioni per lavoro a turni

1 Ai lavoratori che si siano avvicendati su tre o su due turni per oltre 20


anni, qualora vengano definitivamente spostati ad orari diurni, sarà ricono-
sciuto "ad personam" un importo in cifra corrispondente all’80% dell’even-
tuale conseguente perdita di guadagno calcolata in base alla maggiora-
zione a tale titolo mediamente realizzata negli ultimi tre anni precedenti la
decorrenza dell’"ad personam" stesso.

2 Con riferimento a quanto previsto al comma precedente, lo sposta-


mento viene considerato definitivo, trascorso un periodo di 6 mesi.

3 Qualora il lavoratore venga nuovamente adibito al lavoro in turni, l’importo


di cui al 1° comma non è cumulabile con l’indennità di turno che gli verrà
corrisposta, dovendosi intendere che la cifra maggiore assorbe la minore.

Art. 28 – Indennità speciali

Ai lavoratori del Gruppo 1) dell’art. 4 verranno corrisposte le seguenti


indennità speciali:

a) Indennità per maneggio di denaro e cauzione


Il lavoratore, la cui normale mansione consista nel maneggio di denaro
contante per riscossioni e pagamenti, con responsabilità finanziaria
degli errori, ha diritto ad una particolare indennità mensile ragguagliata
all’8% del minimo tabellare della categoria di appartenenza e della
indennità di contingenza.
Le somme eventualmente richieste al lavoratore, a titolo di cauzione,
dovranno essere depositate e vincolate a nome del garante e del garan-
tito presso un Istituto di Credito di comune gradimento. I relativi inte-
ressi matureranno a favore del lavoratore.
b) Indennità per disagiata sede
Qualora la località ove il lavoratore svolge la sua attività non presenti
possibilità di alloggio né adeguati mezzi pubblici di trasporto che colle-
ghino la località stessa con i centri abitati, ed il perimetro del più vicino
di questi disti km. 5 ed oltre, l’azienda che non provvede in modo ido-
neo al trasporto del personale, deve corrispondere un adeguato inden-
nizzo da stabilire di comune accordo.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 58

58 CONTRATTO - PARTE II

Art. 29 – Quadri

1 In caso di assegnazione a mansioni superiori che non sia avvenuta in


sostituzione di lavoratori assenti con diritto alla conservazione del posto,
l’attribuzione della qualifica di quadro, con riferimento a quanto previsto
dall’art. 6 della legge 13.5.1985, n. 190 ed in deroga all’art. 6 comma 3 del
presente contratto, diviene definitiva trascorso un periodo continuativo di 6
mesi oppure dopo un periodo di 6 mesi anche non continuativi ma purché
compresi in un massimo di 12 mesi.

2 Fermo restando quanto stabilito dalla normativa in materia di brevetti e di


diritti di autore, al quadro, previa espressa autorizzazione aziendale, è rico-
nosciuta la possibilità di pubblicazione nominativa e di effettuazione di rela-
zioni sui lavori compiuti dallo stesso in merito alle specifiche attività svolte.

3 A favore dei quadri verranno promossi interventi formativi e di aggiorna-


mento professionale, per favorire adeguati livelli di preparazione e di espe-
rienza professionale, quale supporto alle responsabilità loro affidate.

4 Ai quadri verrà assicurata la copertura delle spese e l’assistenza legale


in caso di procedimenti giudiziari per cause non dipendenti da colpa grave
o dolo e relative a fatti direttamente connessi con l’esercizio delle funzioni
svolte.

Nota a verbale
La copertura delle spese e l’assistenza legale di cui al 4° comma del
presente articolo verrà assicurata anche ai lavoratori che svolgono funzioni
che possono comportare responsabilità di carattere civile e/o penale.

Art. 30 – Trattenute per risarcimento danni

1 I danni che comportano trattenute per risarcimento devono essere con-


testati al lavoratore non appena l’azienda ne sia venuta a conoscenza.

2 Le trattenute per risarcimento danni devono essere rateizzate in modo che


la retribuzione mensile non subisca riduzioni superiori al 10% del suo importo.

Art. 31 – Trasferta

1 Al lavoratore in missione per esigenze di servizio, l’azienda corrisponderà:


a) il rimborso delle spese effettive di viaggio, corrispondenti ai normali
mezzi di trasporto;
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 59

CONTRATTO - PARTE II 59

b) il rimborso delle spese di vitto ed alloggio – nei limiti della normalità –


quando la durata del servizio obblighi il lavoratore ad incontrare tali spese;
c) il rimborso delle altre eventuali spese vive necessarie per l’espleta-
mento della missione;
d) se la missione dura oltre le 12 ore (ad eccezione del caso indicato al
seguente comma 3) un’indennità giornaliera per spese di altra natura,
non documentabili, pari al 30% della quota giornaliera degli elementi
retributivi indicati dall’art. 20, comma 2 del presente contratto. Se la
missione dura più di 24 ore, l’indennità verrà calcolata moltiplicando il
30% della quota giornaliera degli elementi retributivi indicati per il
numero dei giorni di missione.

2 Il trattamento di cui alla lettera d) assorbe l’eventuale compenso per


anticipazioni e impreviste protrazioni di orario comportate dalla missione.
Tuttavia, qualora il datore di lavoro richieda esplicitamente al lavoratore
delle prestazioni di lavoro effettivo oltre la durata dell’orario normale gior-
naliero, tali prestazioni saranno remunerate con le maggiorazioni di cui
all’art. 12.

3 L’indennità di cui alla lettera d) sarà corrisposta nella misura del 20%
quando la frequenza dei viaggi costituisca caratteristica propria delle man-
sioni che il lavoratore normalmente disimpegna.

4 L’indennità di cui alla lettera d) non fa parte della retribuzione a nessun


effetto del rapporto di lavoro, e non si cumula con eventuali trattamenti
aziendali e individuali in atto a tale titolo, riconoscendosi al lavoratore la
facoltà di optare per il trattamento da esso ritenuto più favorevole.

Nota a verbale
Ai fini del presente articolo, la retribuzione giornaliera si ottiene divi-
dendo per 25 quella mensile.

Art. 32 – Trasferimento

1 Il trasferimento deve essere comunicato al lavoratore per iscritto, nor-


malmente con congruo preavviso, fermo restando che lo stesso può
essere trasferito da una unità produttiva ad un’altra solo per comprovate
ragioni tecniche, organizzative e produttive.

2 Il lavoratore trasferito, quando il trasferimento porti come conseguenza


l’effettivo cambio di stabile dimora, conserva il trattamento goduto prece-
dentemente, escluse quelle indennità e competenze che siano inerenti alle
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 60

60 CONTRATTO - PARTE II

condizioni locali o alle particolari prestazioni presso lo stabilimento di ori-


gine e che non ricorrono nella nuova destinazione. Presso le località di
nuova destinazione il lavoratore acquisisce invece quelle indennità e com-
petenze che siano in atto per la generalità dei lavoratori e inerenti alle sue
specifiche prestazioni.

3 Il lavoratore licenziato per la mancata accettazione del trasferimento ha


diritto alla indennità di preavviso.

4 Al lavoratore trasferito deve essere corrisposto il rimborso delle spese


di viaggio, di vitto ed eventuale alloggio per sé e per le persone di famiglia
che lo seguono nel trasferimento (coniuge, figli, parenti entro il terzo grado
ed affini entro il secondo), nonché il rimborso delle spese di trasporto (per
gli effetti familiari, mobilia, bagaglio, ecc.) il tutto nei limiti della normalità e
previ opportuni accordi da prendersi con l’azienda.

5 È anche dovuta al lavoratore, limitatamente alla durata del viaggio,


l’indennità di trasferta di cui al punto d) dell’art. 31. Inoltre gli deve essere
corrisposta, quando si trasferisca solo, una indennità di trasferimento
commisurata a mezza mensilità della retribuzione di cui all’art. 20,
comma 1, lettere a) e b) che andrà a percepire nella nuova residenza;
quando invece si trasferisca con la famiglia, detta indennità è commisu-
rata alla intera mensilità della retribuzione di cui all’art. 20, comma 1, let-
tere a) e b). Qualora per effetto del trasferimento, il lavoratore debba cor-
rispondere un indennizzo per anticipata risoluzione del contratto di
affitto, regolarmente registrato e denunciato al datore di lavoro, prece-
dentemente alla comunicazione del trasferimento, ha diritto al rimborso
di tale indennizzo.

6 Al lavoratore che venga trasferito a sua domanda compete solo il rim-


borso delle spese di viaggio e di trasporto.

Art. 33 – Interruzione del lavoro e recupero delle ore di lavoro perdute

1 Per i lavoratori di cui al Gruppo 3) dell’art. 4, in caso di interruzioni di


lavoro di breve durata, dovute a causa di forza maggiore, nel conteggio
della retribuzione non si terrà conto delle interruzioni stesse quando que-
ste, nella giornata, non superino i 60 minuti.

2 In caso di interruzioni di lavoro che nella giornata superino i 60 minuti,


se l’azienda trattiene il lavoratore nello stabilimento, questi ha diritto alla
corresponsione della retribuzione per tutte le ore di presenza.

3 Lo stesso trattamento deve essere usato al lavoratore cottimista


quando rimanga inoperoso per ragioni indipendenti dalla sua volontà.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 61

CONTRATTO - PARTE II 61

4 È ammesso per tutti i lavoratori il recupero a regime normale delle ore di


lavoro perdute per causa di forza maggiore o per interruzioni di lavoro concor-
date tra le Organizzazioni sindacali periferiche di categoria. Il recupero deve
essere effettuato, non oltre i 30 giorni immediatamente successivi, nel limite di
un’ora al giorno in giornate lavorative e per i lavoratori che prestano la loro
opera in turni avvicendati, in giorni feriali non lavorativi.

Art. 34 – Trattamento in caso di sospensione o di riduzione


dell’orario di lavoro

1 Per quanto attiene il trattamento da usarsi in caso di sospensione o di


riduzione dell’orario di lavoro, si richiamano le norme di legge e gli accordi
interconfederali in materia.

2 Rimane ferma, per il lavoratore, la facoltà di richiedere, in caso di


sospensione di lavoro che oltrepassi i 15 giorni, salvo eventuale accordo
tra le Organizzazioni sindacali periferiche di categoria, per il prolungamento
di tale termine, la risoluzione del rapporto di lavoro con diritto a tutte le
indennità compreso il preavviso.

Chiarimento a verbale
Laddove le norme sopra citate prevedano un trattamento a carico
dell’azienda, questo non è cumulabile con quanto erogato dalla Cassa Inte-
grazione Guadagni (INPS).

Art. 35 – Permessi ed altre facilitazioni

PARAGRAFO A – Permessi di entrata ed uscita

1 A meno che non vi sia un esplicito permesso, non è consentito che un


lavoratore entri o si trattenga nello stabilimento in ore non comprese nel
suo orario di lavoro.

2 Il lavoratore licenziato o sospeso non può entrare nello stabilimento se


non è autorizzato dalla Direzione.

3 Durante le ore di lavoro nessun lavoratore può lasciare lo stabilimento


se non abbia avuto apposita autorizzazione, che deve richiedere al suo
superiore immediato; in tal caso al lavoratore compete la retribuzione del
lavoro effettivamente prestato.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 62

62 CONTRATTO - PARTE II

PARAGRAFO B – Congedi parentali e permessi per necessità diverse

4 L’azienda, compatibilmente alle esigenze di servizio, può concedere, su


richiesta, permessi non retribuiti ai lavoratori provenienti dai paesi extracomu-
nitari che debbano raggiungere, per gravi motivi familiari, il luogo d’origine.

5 Per i lavoratori handicappati o con figli, anche adottivi, portatori di han-


dicap, valgono le disposizioni di cui alla legge 5.2.1992, n. 104 e succes-
sive modifiche.

6 In materia di congedi parentali ed in particolare di permessi per il


decesso di familiari, valgono le disposizioni di cui alla legge 8.3.2000, n. 53
e sucessive modifiche.

7 L’azienda riconoscerà al lavoratore, donatore di midollo osseo, un per-


messo retribuito di tre giorni per l’effettuazione degli accertamenti e del
prelievo; l’effettuazione degli accertamenti e del prelievo debbono essere
comprovati da specifiche certificazioni.

PARAGRAFO C – Volontariato

8 Per i lavoratori che facciano parte delle organizzazioni iscritte nei regi-
stri di cui all’art. 6 della legge quadro sul volontariato, 11.8.1991, n. 266, le
parti si richiamano alle facilitazioni in tema di flessibilità dell’orario di lavoro
previste dall’art. 17 della suddetta legge.

Art. 36 – Aspettativa

1 L’azienda può concedere al lavoratore che ne faccia richiesta, per neces-


sità personali o familiari, un periodo di aspettativa, che non comporterà, ad
alcun effetto, la maturazione dell’anzianità né il diritto alla retribuzione.

2 Per i lavoratori tossicodipendenti e per i loro familiari valgono le disposi-


zioni di cui alla legge 26.6.1990, n.162.

Art. 37 – Congedo matrimoniale

1 Ferme restando le norme di legge e di accordo interconfederale vigenti


in materia, in caso di matrimonio, compete al lavoratore, non in prova, un
periodo di congedo, con decorrenza della retribuzione (calcolata con riferi-
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 63

CONTRATTO - PARTE II 63

mento agli elementi di cui all’art. 20, comma 2), pari a 15 giorni consecu-
tivi, computati escludendo i giorni festivi.

2 Il trattamento economico di cui sopra è corrisposto dall’azienda con


deduzione di tutte le somme che il lavoratore abbia diritto di riscuotere da
parte dell’INPS ed è subordinato, in tale caso, al riconoscimento del diritto
da parte dell’istituto stesso.

3 Nel caso che la normativa in questione subisca variazioni per nuovi


accordi interconfederali, sia in rapporto alla durata del permesso che in
rapporto al trattamento economico, il trattamento previsto dal presente
articolo si intenderà sostituito, fino a concorrenza, dal nuovo trattamento.

Art. 38 – Servizio militare

1 Il caso di interruzione del servizio per chiamata alle armi per adempiere
agli obblighi di leva è disciplinato dalle norme di legge in materia in forza
delle quali il rapporto di lavoro rimane sospeso per tutto il periodo di servi-
zio militare, ed il lavoratore ha diritto alla conservazione del posto.

2 Il richiamo alle armi non risolve il rapporto di lavoro, ed il lavoratore ha


diritto, oltre che alla conservazione del posto, al trattamento previsto dalle
disposizioni in vigore all’atto del richiamo.

3 Tanto nel caso di chiamata di leva quanto in quello di richiamo, il lavora-


tore è tenuto a presentarsi alla Direzione dello stabilimento entro un mese
dalla data di cessazione del servizio militare; in difetto il lavoratore può
essere considerato dimissionario, salvo i casi di comprovata impossibilità.

Art. 39 – Infortunio e malattie professionali


1 In materia si richiamano le disposizioni di legge, sia per quanto con-
cerne gli obblighi dell’assistenza e soccorso che per quanto concerne gli
obblighi assicurativi.

2 L’infortunio sul lavoro, anche se consente la continuazione della attività


lavorativa, deve essere denunciato immediatamente dal lavoratore al pro-
prio superiore diretto perché possano essere prestate le previste cure di
pronto soccorso ed effettuate le denunce di legge.

3 Qualora, durante il lavoro il lavoratore avverta disturbi che ritenga attri-


buibili all’azione nociva delle sostanze adoperate o prodotte nell’ambiente
di lavoro, dovrà immediatamente avvertirne il proprio superiore diretto per-
ché questi ne informi la Direzione per i provvedimenti del caso.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 64

64 CONTRATTO - PARTE II

4 Nel caso di malattia o di infortunio professionali, il lavoratore dovrà atte-


nersi alle istruzioni previste dall’art. 40 sul trattamento di malattia ed infor-
tunio non professionali, mentre a lui compete il trattamento dallo stesso
articolo stabilito.

5 Nel caso di interruzione del servizio per le cause di cui al presente arti-
colo, il lavoratore, non in prova, ha diritto alla conservazione del posto fino
alla guarigione clinica o stabilizzazione.

6 I lavoratori, trattenuti oltre il normale orario per prestare la loro opera di


assistenza o soccorso, nel caso di infortunio di altri lavoratori, devono
essere retribuiti per il tempo trascorso a tale fine nello stabilimento.

Art. 40 – Trattamento in caso di malattia o di infortunio non


professionali

1 L’assenza per malattia o per infortunio deve essere comunicata dal


lavoratore all’azienda tempestivamente e comunque entro il normale orario
di lavoro della giornata in cui si verifica l’assenza stessa, salvo impedi-
mento a lui non imputabile.

2 Inoltre il lavoratore deve consegnare o far pervenire all’azienda al più


presto possibile e comunque non oltre il terzo giorno dall’inizio dell’assenza,
il certificato medico attestante la malattia o l’infortunio.

3 Nell’occasione, e nel prosieguo dell’assenza, l’azienda ha facoltà di far


accertare lo stato di salute del dipendente soltanto attraverso i servizi
ispettivi competenti, come previsto dalle vigenti norme di legge, secondo
le modalità previste dalle norme di legge e del presente contratto.

4 A tal fine viene stabilito quanto segue:


a) per consentire l’effettuazione della visita di controllo della malattia, il
lavoratore assente ha l’obbligo, anche nel caso in cui sia autorizzato ad
uscire dal medico curante, di farsi trovare nel proprio domicilio o in
quello che abbia tempestivamente comunicato all’inizio dell’assenza,
almeno per quattro ore giornaliere, dalle ore 10 alle ore 12 e dalle ore 17
alle ore 19 di ciascun giorno della settimana;
b) ferma restando l’entità e la durata minima delle fasce predette, la loro
collocazione potrà essere modificata in funzione delle specifiche nor-
mative degli enti competenti;
c) sono fatte salve le eventuali necessità di assentarsi dal domicilio per
visite, prestazioni ed accertamenti specialistici nonché per le visite di
controllo; in tali casi il lavoratore ha l’obbligo di darne, salvi i casi di
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 65

CONTRATTO - PARTE II 65

forza maggiore, preventiva comunicazione all’azienda e di fornire, a giu-


stificazione, la relativa certificazione.

5 Nel caso di mancato rispetto dei termini indicati al 1° e 2° comma del


presente articolo, l’assenza, salvo il caso di giustificato impedimento, sarà
considerata ingiustificata ai fini economici e disciplinari.

6 Nel caso di inosservanza degli obblighi di cui al 4°comma del presente


articolo il lavoratore decadrà dall’intero trattamento economico per l’intero
periodo sino a 10 giorni e nella misura della metà per l’ulteriore periodo,
esclusi quelli di ricovero ospedaliero o già accertati da precedente visita di
controllo e ferma restando l’azione disciplinare.

7 Avvenendo l’interruzione del servizio per malattia od infortunio non profes-


sionale, sempreché non siano causati da eventi gravemente colposi a lui impu-
tabili (ad es. ferimento in rissa da lui provocata, ubriachezza, ecc.), il lavoratore,
non in prova, ha diritto alla conservazione del posto secondo i seguenti termini:
a) mesi 6 per gli aventi anzianità di servizio fino a 3 anni;
b) mesi 9 per gli aventi anzianità di servizio oltre 3 e fino a 6 anni;
c) mesi 12 per gli aventi anzianità di servizio oltre 6 anni.

8 Entro i limiti di conservazione del posto sopra indicati, l’azienda ricono-


scerà ai lavoratori, non in prova e non in cassa integrazione guadagni, i
seguenti trattamenti:
Appartenenti al Gruppo 3) di cui all’art. 4:
– anticipazione, alle normali scadenze dei periodi di paga, delle indennità
a carico dei competenti istituti;
– corresponsione di un’integrazione della predetta indennità sino a rag-
giungere complessivamente l’importo netto dell’intera retribuzione, cal-
colata con riferimento agli elementi ed alle modalità di cui all’art. 20,
comma 2, nei primi 3, 4 o 5 mesi, rispettivamente nella ipotesi di cui ai
punti a), b) e c) del comma 7;
– sempre nei limiti di conservazione del posto sopra indicati, qualora la
corresponsione delle indennità a carico degli istituti di cui sopra venisse
a cessare esclusivamente per il superamento dei limiti temporali previsti
dalle rispettive regolamentazioni, corresponsione della metà della retri-
buzione di cui sopra.
Appartenenti ai Gruppi 1) e 2) di cui all’art. 4:
– corresponsione della retribuzione calcolata come sopra secondo le
seguenti misure:
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 66

66 CONTRATTO - PARTE II

a) intera nei primi 3, 4 o 5 mesi, rispettivamente nell’ipotesi di cui ai punti


a), b) e c) del comma 7;
b) due terzi nei successivi 3, 5 e 7 mesi, sempreché non risultino superati i
limiti temporali delle prestazioni economiche di malattia dell’istituto
assicuratore;
c) metà quando non risulti applicabile, sempre nei limiti di conserva-
zione del posto sopra indicati, quanto previsto dai precedenti punti a)
e b).

9 Il trattamento economico di cui al precedente comma ricomincia ex


novo in caso di malattia intervenuta dopo un periodo di 4 mesi senza
alcuna assenza per malattia.

10 Per i lavoratori assistiti dal regime assicurativo previsto per la tbc val-
gono le norme legislative in vigore.

11 ll lavoratore posto in preavviso di licenziamento usufruirà del tratta-


mento sopra indicato fino alla scadenza del preavviso stesso.

12 Superato il termine di conservazione del posto, ove l’azienda risolva il


rapporto di lavoro, dovrà corrispondere al lavoratore le normali indennità
previste dal presente contratto per il caso di licenziamento.

13 Per quanto concerne l’assistenza ed il trattamento in caso di malattia


od infortunio, nonché i doveri dei lavoratori durante l’interruzione del
servizio, si rimanda alle esistenti disposizioni di legge o contrattuali in
materia.

14 Le assenze dal lavoro per malattia od infortunio sono computate agli


effetti di tutti gli istituti contrattuali entro i limiti della conservazione del
posto contrattualmente previsti.

15 Superati i limiti di conservazione del posto e di corresponsione dei trat-


tamenti sopra indicati per un continuativo grave evento morboso, il lavora-
tore potrà usufruire, previa richiesta scritta da presentarsi entro i suddetti
limiti, di un periodo di aspettativa della durata di 5 mesi, durante il quale
non decorrerà retribuzione né si avrà decorrenza di anzianità a nessun
effetto.

16 In presenza di malattie particolarmente gravi per natura e continuità di


assenza, documentate clinicamente, azienda e RSU esamineranno i possi-
bili interventi di tutela in quanto il lavoratore interessato ne faccia richiesta,
nel rispetto del D.Lgs 196/2003.

17 Nell’ipotesi in cui la malattia o l’infortunio sia ascrivibile a responsabilità


501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 67

CONTRATTO - PARTE II 67

di terzi, il lavoratore ha l’obbligo di fornire all’azienda le generalità del


responsabile ed ogni altra informazione utile a consentire all’azienda
stessa di effettuare l’azione di recupero delle somme da essa corrisposte
per il trattamento di cui al presente articolo.

Chiarimenti a verbale
1 L’azienda anticiperà ai lavoratori, anche se in prova, le indennità a
carico dell’Inail, a condizione che le anticipazioni non siano soggette a
contributi assicurativi e previdenziali e che ne venga garantito il rimborso
da parte dell’istituto, attraverso conguaglio od altro analogo sistema.

2 I periodi di conservazione del posto di cui al 7° comma, nel caso di più


assenze, si intendono riferiti ad un arco temporale di 36 mesi.

3 Nell’ambito della corresponsione del trattamento economico di malattia


previsto dal comma 8 del presente articolo, l’azienda corrisponderà
un’integrazione dell’indennità a carico degli istituti assicuratori, anche con
riferimento alla 13a mensilità.

Nota a verbale
1 Le parti firmatarie riconoscono che livelli anomali di assenze sono tra
le cause che incidono negativamente sull’organizzazione produttiva,
sull’efficienza e sulla competitività delle aziende e, di conseguenza, sulla
stessa occupazione. Le parti firmatarie confermano quindi che la diminu-
zione del fenomeno rientra tra gli obiettivi della loro azione.

2 A tal fine, in occasione degli incontri del Comitato paritetico nazio-


nale, le parti firmatarie porranno in essere gli strumenti necessari a quantifi-
care il fenomeno, ne analizzeranno le cause ed opereranno gli interventi,
anche nei confronti delle autorità preposte, ritenuti più opportuni.

3 In questa ottica nei casi in cui l’assenteismo per malattia sia superiore,
a livello di unità operativa, alla media di settore individuata in sede di Comi-
tato paritetico, azienda ed RSU si incontreranno per valutare la situazione,
individuare le cause e intraprendere tutte le iniziative utili per correggere la
situazione ivi comprese quelle di carattere economico.

Art. 41 – Trattamento in caso di gravidanza e puerperio

1 Per il trattamento normativo ed economico in caso di gravidanza e


puerperio valgono le vigenti disposizioni di legge sulla tutela fisica ed eco-
nomica delle lavoratrici madri.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 68

68 CONTRATTO - PARTE II

2 Le aziende non sono tenute al cumulo delle eventuali previdenze azien-


dali con quelle previste dal presente articolo e pertanto è in loro facoltà di
assorbire, fino a concorrenza, il trattamento aziendale con quello previsto
dallo stesso presente articolo.

3 Le lavoratrici riceveranno inoltre un trattamento di assistenza, ad


integrazione di quello di legge, fino a raggiungere il 100% della retribu-
zione – da computare con riferimento agli elementi ed alle modalità di cui
all’art. 20, comma 2 – per i primi 5 mesi di assenza.

4 Le assenze dal lavoro per gravidanza e puerperio sono computate agli


effetti di tutti gli istituti contrattuali entro il limite massimo di mesi 9.

5 Ove durante il periodo di interruzione del servizio per gravidanza o per


puerperio intervenga una malattia, si applicheranno le disposizioni di cui all’art.
40 del presente contratto a partire dal giorno in cui si manifesta la malattia
stessa e sempre che dette disposizioni risultino più favorevoli alla lavoratrice.

6 L’azienda anticiperà, ai normali periodi di paga, ai sensi della legge


29.2.1980, n. 33 l’indennità di maternità a carico dell’INPS.

Chiarimento a verbale
Nell’ambito della corresponsione del trattamento economico di gravi-
danza e puerperio di cui al 3°comma del presente articolo, l’azienda corri-
sponderà un’integrazione dell’indennità a carico degli istituti assicuratori,
anche con riferimento alla 13a mensilità.

Nota a verbale
Con riferimento a quanto previsto dall’art. 4, comma 2 del D.Lgs.
151/2001, la sostituzione di lavoratori in astensione obbligatoria o facolta-
tiva ai sensi della legge n.1204/1971 è possibile con un anticipo sino a due
mesi dall’inizio dell’astensione.

Art. 42 – Ambiente di lavoro – Rappresentanza per la sicurezza

PARAGRAFO A

1 In applicazione di quanto previsto dal D.Lgs. 626/94 e in relazione alle


competenze attribuite alla contrattazione nazionale di categoria
dall’Accordo interconfederale 22 giugno 1995, è stata definita la seguente
disciplina sulla rappresentanza per la sicurezza (RLS).
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 69

CONTRATTO - PARTE II 69

2 In tutte le aziende ed unità produttive, i lavoratori eleggono la RLS in


ragione di:
- 1 rappresentante nelle aziende o unità produttive sino a 100 dipendenti;
- 2 rappresentanti nelle aziende o unità produttive da 101 a 200 dipendenti;
- 3 rappresentanti nelle aziende o unità produttive da 201 a 1000 dipendenti;
- 6 rappresentanti nelle aziende o unità produttive con più di 1000 dipendenti.

3 La RLS viene eletta tra i componenti la RSU. In caso di assenza di RSU,


la RLS viene eletta dai lavoratori al loro interno.

4 L’elezione della RLS avverrà secondo le procedure previste


dall’Accordo interconfederale 22 giugno 1995, che si intendono qui inte-
gralmente richiamate.

5 La RLS svolge i compiti espressamente indicati dall’art. 19 del D.Lgs.


626/94. In particolare, come espressamente previsto dal citato decreto:
- accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni;
- è consultata preventivamente e tempestivamente in ordine alla valuta-
zione dei rischi, alla individuazione, programmazione, realizzazione e
verifica della prevenzione nell’azienda ovvero unità produttiva;
- è consultata sulla designazione degli addetti al servizio di prevenzione,
all’attività di prevenzione incendi, al pronto soccorso, alla evacuazione
dei lavoratori;
- è consultata in merito all’organizzazione della formazione di cui all’art.
22, comma 5 del D.Lgs. 626/94;
- riceve le informazioni e la documentazione aziendale inerente la valuta-
zione dei rischi e le misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti le
sostanze e i preparati pericolosi, le macchine, gli impianti, l’organizzazione
e gli ambienti di lavoro, gli infortuni e le malattie professionali;
- partecipa alla riunione periodica di cui all’art.11 del D.Lgs. 626/94 nel
corso della quale sono esaminati la relazione sulla valutazione dei rischi
per la sicurezza e salute durante il lavoro, l’individuazione delle misure di
prevenzione e protezione e il programma delle misure ritenute opportune
per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza;
- riceve una formazione adeguata comunque non inferiore a quella previ-
sta dall’art. 22 del D. Lgs. 626/94;
- fa proposte in merito alla attività di prevenzione.

6 La RLS inoltre partecipa a quei sopraluoghi specifici del medico com-


501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 70

70 CONTRATTO - PARTE II

petente eventualmente programmati dalla Direzione aziendale a seguito di


comunicazioni effettuate ai sensi dell’art.19 lett. n) del D.Lgs. 626/94.

7 Il diritto di accesso della RLS ai luoghi di lavoro è esercitato nel rispetto


delle esigenze produttive, con le limitazioni previste dalla legge.

8 Le visite che la RLS intende effettuare agli ambienti di lavoro devono essere
segnalate con congruo anticipo alla Direzione aziendale e possono svolgersi
congiuntamente al responsabile del servizio di prevenzione e protezione o con
un suo incaricato, al fine di un migliore e più sollecito approfondimento di
eventuali problematiche. Nelle situazioni di emergenza la RLS accede agli
ambienti di lavoro dandone informazione al primo preposto reperibile.

9 Per quanto riguarda le modalità di consultazione della RLS, le informa-


zioni e la documentazione che la stessa ha diritto di ricevere dall’azienda,
si intendono qui richiamati i punti 2.2 e 2.3 parte I dell’Accordo interconfe-
derale 22 giugno 1995.

10 Le riunioni periodiche, previste dall’art.11, comma 1, del D.Lgs.


626/94 per le aziende o unità produttive con più di 15 dipendenti, sono
convocate con un preavviso di almeno 5 giorni lavorativi e su ordine del
giorno scritto. La convocazione della riunione periodica può essere
richiesta anche dalla RLS al presentarsi di gravi e motivate situazioni di
rischio o di significative variazioni delle condizioni di prevenzione in
azienda; a tale riunione potrà partecipare anche la RSU. Di ciascuna riu-
nione viene redatto verbale, copia del quale è consegnato alla RLS per
la opportuna sensibilizzazione dei lavoratori sui problemi dell’ambiente
e della sicurezza affrontati.

11 Per l’espletamento dei compiti previsti dall’art. 19 del D.Lgs. 626/94,


oltre al tempo necessario per gli adempimenti di cui alle lettere b, c, d, g, i
ed l, ciascun componente la RLS ha diritto a:
- 40 ore annue di permesso retribuito, senza pregiudizio delle ore spet-
tanti alla RSU, nelle aziende o unità produttive che occupano più di 15
dipendenti;
- 30 ore annue nelle aziende o unità produttive che occupano da 6 a 15
dipendenti;
- 12 ore annue nelle aziende o unità produttive che occupano sino a 5
dipendenti.

12 La RLS ha diritto ad un’adeguata formazione in materia di salute e sicu-


rezza, come previsto all’art. 19, comma 1, lett. g del D.Lgs. 626/94.

13 Il programma base per la formazione della RLS - svolto in due moduli


501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 71

CONTRATTO - PARTE II 71

nelle aziende con numero di dipendenti inferiore a 16 - ha una durata di 32


ore e deve comprendere, così come previsto dall’Accordo interconfede-
rale 22.6.1995, le conoscenze generali sugli obblighi e diritti previsti dalla
normativa in materia di igiene e sicurezza nonché sui rischi delle attività e
sulle relative misure di prevenzione e protezione. Deve inoltre comprendere
metodologie sulla valutazione del rischio e metodologie di comunicazione.

14 In aggiunta alla formazione di base di cui al comma precedente, la RLS


ha diritto ad aggiornamenti formativi relativi all’evoluzione dei rischi ovvero
all’insorgenza di rischi nuovi, secondo quanto previsto dall’art. 22 del
D.Lgs 626/94.

PARAGRAFO B

15 L’azienda:
- qualora l’adozione di sostanziali modifiche agli impianti al fine di miglio-
rare l’ambiente di lavoro e la sicurezza imponesse la fermata totale o
parziale degli stessi, provvederà ad utilizzare i lavoratori interessati in
altre attività all’interno dello stabilimento ed ove ciò non fosse possi-
bile, ad esaminare con la RSU soluzioni alternative;
- esaminerà con le Organizzazioni sindacali, le caratteristiche relative
all’ambiente di lavoro dei nuovi complessi industriali, in occasione della
loro istallazione;
- annualmente, in occasione di una delle riunioni periodiche di cui al
comma 10, affronterà con la RSU e la RLS le principali tematiche in
materia di ambiente e sicurezza del lavoro.

16 Inoltre, fermo restando quanto previsto dal D.Lgs. 626/94, nei casi in cui
azienda e RLS abbiano concordato l’effettuazione di indagini ed accerta-
menti sull’ambiente di lavoro:
- delegati dei lavoratori del gruppo direttamente esposto alle specifiche
condizioni ambientali in esame e da esso designati di volta in volta nel
proprio ambito, in numero proporzionale alla consistenza del gruppo
stesso e comunque non superiore a sei, partecipano alla discussione in
uno con la RSU, con il riconoscimento della retribuzione di fatto, in
quanto la discussione medesima si svolga in orario di lavoro;
- i medici e tecnici sono tenuti al segreto sulle tecnologie e tecniche di
produzione di cui vengono a conoscenza;
- gli oneri per il complesso degli interventi effettuati dalle aziende/enti,
poiché congiuntamente designati, e quelli per la tenuta delle registra-
zioni sono a carico dell’azienda.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 72

72 CONTRATTO - PARTE II

Art. 43 – Prevenzione, igiene e sicurezza del lavoro

PARAGRAFO A – Valori limite

1 Non sono ammesse le lavorazioni nelle quali l’esposizione ai fattori di


rischio chimici, fisici e biologici risulti superiore ai livelli previsti:
– dalle norme nazionali, comunitarie ovvero, in mancanza, dalle tabelle
della ACGIH (TLV);
– per il carico termico, a quelli già proposti dal comitato tecnico dell’ENPI.

2 I predetti valori verranno aggiornati in relazione ai mutamenti ad essi


apportati dai predetti enti, in modo da disporre delle più aggiornate
conoscenze scientifiche acquisite in materia di tutela della salute dei
lavoratori.

PARAGRAFO B – Prevenzione

3 La prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali ed il rispetto


delle relative norme di legge e di quelle a tal fine emanate dagli organi
competenti, costituiscono un preciso dovere dell’azienda e dei lavoratori.

4 In particolare l’azienda:
a) può sottoporre il lavoratore a visita medica al momento dell’assunzione,
al fine di accertarne preventivamente l’idoneità alla mansione che gli
viene affidata o successivamente quando lo ritenga opportuno;
b) sottopone in ottemperanza alle vigenti disposizioni di legge, ove lo
ritenga opportuno, o quando i singoli interessati lo richiedano, i lavo-
ratori addetti alle lavorazioni considerate nocive (anche se non com-
prese fra quelle considerate strettamente tali dalla legge) a periodiche
visite mediche;
c) è tenuta a dotare i lavoratori dei mezzi di difesa necessari contro
l’azione di agenti che, per la loro specifica natura possono riuscire
nocivi alla salute del lavoratore nell’esercizio delle sue mansioni. Tali
mezzi protettivi di uso personale, come: zoccoli, maschere, guanti,
occhiali, stivali di gomma, ecc., sono forniti a cura e carico dell’azienda,
sono assegnati in dotazione per tutta la durata del lavoro e devono
essere mantenuti in istato di efficienza;
d) deve disporre che i lavoratori addetti a reparti ove si svolgono lavorazioni di
sostanze nocive, consumino i pasti fuori dei reparti stessi, in locale adatto.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 73

CONTRATTO - PARTE II 73

5 L’azienda curerà che gli indumenti dei lavoratori siano custoditi in appo-
siti armadietti, da sottoporre a periodica disinfestazione.

6 Ove motivi di igiene lo esigano, le aziende provvederanno alla istituzione


di bagni a doccia di cui i lavoratori possano usufruire al termine del lavoro.

7 Da parte sua il lavoratore è tenuto all’osservanza scrupolosa delle pre-


scrizioni che, nell’osservanza della legge, gli verranno impartite
dall’azienda, per la tutela della sua salute; in particolare è tenuto a servirsi
dei mezzi protettivi fornitigli dall’azienda soltanto durante il lavoro, curando
altresì la perfetta conservazione dei mezzi stessi.

PARAGRAFO C – Registrazioni

8 Vengono istituiti:
a) il registro dei dati ambientali, tenuto ed aggiornato a cura dell’azienda.
In esso saranno annotati, per ogni reparto, i risultati delle rilevazioni
riguardanti fattori ambientali fisici e chimici, i quali possano determinare
situazioni di nocività e particolare gravosità; le singole registrazioni
saranno affisse nei reparti interessati;
b) il registro dei dati biostatistici, tenuto ed aggiornato a cura dell’azienda.
In esso saranno annotati, per ogni reparto, i risultati statistici delle visite
mediche e degli esami periodici obbligatori, nonché le assenze per
infortunio, malattia professionale e malattia comune; il registro sarà
tenuto a disposizione della RSU e dei lavoratori;
c) il libretto sanitario personale e di rischio, tenuto ed aggiornato a cura
dei servizi sanitari di fabbrica, con vincolo di segreto professionale. In
tale libretto saranno annotati i risultati delle visite mediche di assun-
zione e periodiche e degli eventuali esami clinici, i dati relativi agli infor-
tuni ed alle malattie professionali nonché, in sezioni separate, le risul-
tanze del registro di cui alla lettera a) relative agli ambienti in cui ciascun
lavoratore abbia svolto la sua attività.
Il libretto sanitario personale, per quanto riguarda il personale femminile,
sarà integrato da tutti i dati relativi al concepimento, aborto, gravidanza,
fertilità, parto o salute del bambino, equilibrio ormonale, patologia
dell’apparato genitale e del seno. Tali dati saranno forniti e aggiornati
sulla base di certificazioni prodotte dalla lavoratrice e rilasciate dalle
Aziende Sanitarie Locali o dai consultori o dal medico curante.
Il lavoratore o il medico curante da lui autorizzato, possono prendere
visione e chiedere in ogni momento estratti o copia del libretto sanitario,
rivolgendosi a chi lo detiene. All’atto della risoluzione del rapporto di
lavoro, il libretto sarà consegnato al lavoratore;
d) scheda di sicurezza per gli impianti sottoposti a particolari rischi di
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 74

74 CONTRATTO - PARTE II

esplosione, alta infiammabilità, scoppio e di emissione eccezionale di


sostanze pericolose di cui al D.M. 17.12.1977 e successive modifiche.
La scheda dovrà contenere i seguenti dati:
– fasi di rischio della lavorazione;
– dispositivi finalizzati alla sicurezza dell’impianto;
– modalità operative per assicurare le condizioni di sicurezza;
– mezzi di prevenzione e loro ubicazione;
– mezzi di protezione individuali e collettivi e loro ubicazione;
– interventi sull’impianto in caso di emergenza.

9 Per gli impianti contenenti sostanze nocive o pericolose suscettibili di


venire in contatto con l’uomo:
– proprietà chimico–fisiche delle sostanze;
– classificazione di pericolosità ai sensi del D.M. 17.12.1977 e succes-
sive modifiche.

Art. 44 – Diritto allo studio e facilitazioni particolari per lavoratori


studenti

1 Il diritto allo studio è riconosciuto a tutti i lavoratori con le modalità e le


articolazioni sotto specificate per l’esercizio concreto del diritto stesso.

PARAGRAFO A – Lavoratori studenti

2 I lavoratori studenti, iscritti e frequentanti corsi regolari di studio in


scuole di istruzione primaria, secondaria, universitaria e di qualificazione
professionale, statali, pareggiate o legalmente riconosciute o comunque
abilitate al rilascio di titoli di studio legali, hanno diritto a turni di lavoro
che agevolino la frequenza ai corsi e la preparazione agli esami e non
sono obbligati a prestazioni di lavoro straordinario o durante i riposi set-
timanali.

3 Ferma restante la disposizione dell’art. 6 della L. 8.3.2000, n. 53, in


attuazione dell’art. 10 della legge 20.5.1970, n. 300 si conviene:

a) – Lavoratori studenti universitari


A tali lavoratori sarà concesso un giorno di permesso retribuito per ogni
esame sostenuto. Per gli esami di diploma universitario e di laurea, i giorni
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 75

CONTRATTO - PARTE II 75

di permesso retribuiti sono elevati a 4 (quattro).


Ai lavoratori che, nel corso dell’anno, debbono sostenere esami, potranno
essere concessi, a richiesta, permessi non retribuiti sino ad un massimo di
25 giorni all’anno.
b) – Lavoratori studenti di scuole medie superiori e di scuole professionali
A tali lavoratori saranno concessi tanti giorni di permesso retribuito quanti
sono i giorni degli esami. Ai lavoratori predetti possono essere concessi per-
messi non retribuiti fino ad un massimo di 15 giorni nel corso dell’anno e fino ad
un massimo di 25 giorni per coloro che devono sostenere gli esami di diploma.

4 Le aziende potranno richiedere la produzione delle certificazioni neces-


sarie all’esercizio dei diritti di cui al presente paragrafo A.

PARAGRAFO B – Diritto allo studio

5 Potranno usufruire delle facilitazioni previste dal presente paragrafo i


lavoratori frequentanti corsi finalizzati al miglioramento e allo sviluppo della
formazione culturale e al conseguimento di titoli di studio legali in corsi
abbreviati e/o sperimentali, anche in relazione alla attività aziendale.

6 I lavoratori che intendono frequentare i predetti corsi di studio tenuti da


Istituti di istruzione pubblici, parificati o legalmente riconosciuti, potranno
usufruire, a loro richiesta e con le precisazioni indicate ai commi succes-
sivi, di permessi retribuiti nella misura massima di 150 ore triennali
pro–capite, comprensive delle prove di esame, nei limiti e a carico di un
monte ore globale triennale messo a disposizione tra tutti i dipendenti
dell’unità produttiva.

7 Il monte ore complessivo di permessi retribuiti a carico dell’azienda e a


disposizione dei lavoratori per l’esercizio del diritto allo studio, sarà deter-
minato all’inizio di ogni triennio moltiplicando ore 150 per un fattore pari al
decimo del numero totale dei dipendenti occupati nell’unità produttiva a
tale data, salvi i conguagli successivi da effettuarsi annualmente in rela-
zione alle effettive variazioni del numero dei dipendenti.

8 Le 150 ore pro–capite, per triennio, potranno essere usufruite mediante


concentrazione in un solo anno.

9 I lavoratori che contemporaneamente potranno assentarsi dall’unità


produttiva per frequentare i corsi di studio, non dovranno superare in cia-
scun turno lavorativo il 3% del totale della forza occupata nel turno stesso;
nell’unità produttiva stessa dovrà essere comunque garantito in ogni
reparto lo svolgimento della normale attività produttiva.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 76

76 CONTRATTO - PARTE II

10 Il lavoratore che richiederà di assentarsi con permessi retribuiti ai sensi


della presente norma, dovrà specificare il corso di studio al quale intende
partecipare che dovrà comportare la frequenza, anche in ore non coinci-
denti con l’orario di lavoro, a un numero di ore doppio di quelle richieste
come permesso retribuito.

11 A tal fine il lavoratore interessato dovrà presentare la domanda scritta


all’azienda nei termini e con le modalità che saranno concordate a livello
aziendale.

12 Tali termini, di norma, non saranno inferiori al trimestre.

13 Qualora il numero dei richiedenti comporti il superamento del terzo del


monte ore triennale, o determini comunque l’insorgere di situazioni contra-
stanti con le condizioni di cui al 9°comma, la Direzione aziendale e la RSU,
fermo restando quanto previsto al 9°comma stesso, stabiliranno, tenendo
presenti le istanze espresse dai lavoratori, la riduzione per concorso dei
diritti individuali sul monte ore complessivo, fissando i criteri obiettivi (quali
l’età, l’anzianità di servizio, le caratteristiche dei corsi di studio, ecc.) per
l’identificazione dei beneficiari dei permessi e della relativa misura di ore
assegnabili a ciascuno.

14 I lavoratori dovranno fornire all’azienda un certificato di iscrizione al


corso e, successivamente, certificati mensili di effettiva frequenza, con
l’indicazione delle ore relative.

15 I problemi applicativi circa l’osservanza delle condizioni specifiche del


presente paragrafo saranno oggetto di esame congiunto tra la Direzione
aziendale e la RSU.

16 Le aziende erogheranno, durante la frequenza ai corsi, acconti mensili


conguagliabili, commisurati alle ore di permesso usufruito, fermo
restando che il presupposto per il pagamento di dette ore, nei limiti e alle
condizioni indicate al 5° comma, è costituito dalla regolar e frequenza
all’intero corso.

PARAGRAFO C – Congedi per la formazione

17 Ferme restanti le disposizioni della L. 8.3.2000, n. 53, i lavoratori con


più di 5 anni di servizio presso la stessa azienda possono presentare,
anche tramite la R.S.U. , richieste di fruizione dei congedi per la formazione
di cui all’art. 5 della legge sopra indicata, con un preavviso di almeno:
- 30 giorni per quelli di durata non superiore a 5 giorni;
- 60 giorni per quelli di durata superiore a 5 giorni.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 77

CONTRATTO - PARTE II 77

18 Il numero di lavoratori che potranno avvalersi dei congedi per la forma-


zione non potrà superare l’1% dei dipendenti occupati nell’unità produttiva
e sarà pari ad 1 nelle unità produttive fino a 100 dipendenti.

19 L’azienda formalizzerà al lavoratore che ha fatto richiesta di congedo la


conferma del suo accoglimento o le motivazioni del suo diniego o del suo
differimento che dovranno riguardare ragioni di carattere tecnico/organiz-
zativo, coincidenza con punte di particolare intensità lavorativa, difficoltà o
impossibilità di sostituzione.

Chiarimento a verbale
Dove siano in atto trattamenti aziendali per i lavoratori studenti, le RSU
opteranno per il trattamento da essi ritenuto più favorevole tra il complesso
della norma contrattuale (ivi compreso il diritto allo studio) ed il comples-
sivo trattamento aziendale, restando escluso ogni cumulo di parti delle
rispettive normative.

Art. 45 – Abiti da lavoro

1 Ai lavoratori di nuova assunzione di cui ai Gruppi 2) e 3) dell’art. 4, le


aziende forniranno gratuitamente, in uso, un abito da lavoro all’atto della
conferma in servizio, provvedendo pure gratuitamente di anno in anno alla
sostituzione dello stesso.

2 Per quanto concerne i lavoratori di cui al Gruppo 1) dell’art. 4 l’abito da


lavoro verrà fornito ai soli tecnici di stabilimento o laboratorio.

3 Per i lavoratori addetti a lavorazioni che arrechino facile deterioramento


al vestiario, o che ne richiedano uno speciale, l’azienda provvederà a
quanto sopra fornendo uno o più abiti all’anno nella misura resa necessaria
dal grado di usura determinato dalle lavorazioni stesse, tenendo presente
anche la necessità di assicurare l’efficienza degli abiti agli effetti della sicu-
rezza e dell’igiene sul lavoro.

4 A titolo indicativo rientrano nel trattamento di cui sopra i lavoratori


addetti alla produzione o manipolazione o impiego di solventi e di
sostanze corrosive o caustiche (quali ad es.: solfuro di carbonio, soda
caustica, acidi, sali di piombo, ecc.) oppure i lavoratori addetti a lavora-
zioni molto sporchevoli o di rapida usura degli abiti, quali ad es.: prepara-
zione e manipolazione di soluzioni di gomma, sterlingatura, catramatura,
bitumatura, verniciatura, paraffinatura a caldo, cernita cascami, ecc.
oppure gli addetti alle presse o ai mescolatori, sempreché tali lavorazioni
risultino effettivamente sporchevoli, oppure per i lavoratori il cui vestiario
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 78

78 CONTRATTO - PARTE II

sia soggetto ad usura per contatto o per proiezione di sostanze ad ele-


vate temperature, come avviene, ad esempio, per i lavoratori addetti ai
forni di fusione metalli, alle caldaie generatrici di vapore a carbone o
nafta, ecc., per i saldatori, oppure per i lavoratori addetti al carico e sca-
rico a spalla, o al carico e trasporto di sostanze sporchevoli come nero-
fumo e carbone, ecc.

5 Ai lavoratori addetti ai servizi ausiliari, e che per le mansioni loro attri-


buite si trovino saltuariamente nelle condizioni suaccennate, dovrà pure
essere fornito gratuitamente l’abito da lavoro, tenendo conto, agli effetti
del numero di ricambi, del grado di esposizione agli agenti deterioranti.

6 Ai lavoratori che esplicano continuamente la loro attività in condizioni


del tutto particolari od esposti alle intemperie, dovranno essere singolar-
mente forniti quegli indumenti speciali che saranno più appropriati alle
specifiche condizioni di lavoro.

7 Quando invece le suddette condizioni si verificassero saltuariamente,


anche se non ripetutamente, l’assegnazione di tali indumenti potrà essere
fatta a mezzo di dotazione di reparto.

8 Ai lavoratori addetti a lavori particolarmente imbrattanti l’azienda deve


assicurare la possibilità del ricambio dell’abito durante il lavoro.

9 Qualora l’azienda richieda che taluni lavoratori (ad es. uscieri, portieri,
guardiani, autisti, ecc.) indossino abiti speciali o divise, dovrà provvedere a
proprie spese alla loro fornitura.

Art. 46 – Lavoro delle donne e dei minori

Per il lavoro delle donne e dei minori si fa rinvio alle disposizioni delle
relative leggi.

Dichiarazione a verbale
Le parti, in conformità con quanto stabilito al 4° comma dell’art. 1 della
legge 9.12.1977, n. 903 che prevede eventuali deroghe alle disposizioni
contenute nell’articolo stesso per mansioni di lavoro particolarmente
pesanti per il personale femminile, convengono, in relazione alla eteroge-
neità dei settori ed al fatto che i fattori di pesantezza sono legati alle attuali
concrete situazioni aziendali di carattere tecnico–organizzativo, di rinviare
l’individuazione delle mansioni stesse a livello aziendale o anche territoriale
purché per situazioni omogenee.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 79

CONTRATTO - PARTE II 79

Art. 47 – Reclami e controversie

1 I reclami dei lavoratori potranno essere presentati dagli interessati o


direttamente, o attraverso la RSU. L’esame delle controversie verrà effet-
tuato in azienda con la RSU.
2 In caso di mancato accordo fra le parti, il reclamo o la controversia
saranno sottoposti all’esame delle competenti Associazioni sindacali, per il
tentativo di conciliazione.

3 Le controversie collettive per l’interpretazione o l’applicazione del pre-


sente contratto, saranno deferite, a seconda della loro natura, all’esame
delle competenti Organizzazioni sindacali.

Dichiarazione delle parti


Durante la vigenza del contratto, nell’ambito degli incontri di cui al Titolo
I "Relazioni industriali", le parti esamineranno la possibilità di realizzare,
anche in relazione a quanto previsto dall’Accordo interconfederale
25.1.1990, procedure per la composizione delle controversie individuali e
plurime.

Art. 48 – Inizio e fine del lavoro

1 L’inizio e la fine del lavoro sono regolati come segue:


– il primo segnale è dato 20 minuti prima dell’ora fissata per l’inizio del
lavoro e significherà l’apertura dell’accesso allo stabilimento;
– il secondo segnale è dato 5 minuti prima dell’ora fissata per l’inizio del
lavoro;
– il terzo segnale è dato all’ora precisa per l’inizio del lavoro ed in tale
momento il lavoratore deve trovarsi al suo posto di lavoro.

2 Al ritardatario, il conteggio delle ore di lavoro sarà effettuato a partire da


mezz’ora dopo l’orario normale di ingresso nello stabilimento, sempreché il
ritardo non superi la mezz’ora stessa.

3 La cessazione del lavoro è annunciata da un unico segnale: nessun


lavoratore potrà cessare il lavoro prima dell’emissione del segnale stesso.

Art. 49 – Consegna e conservazione utensili e materiali

1 Per provvedersi degli utensili e del materiale occorrente, il lavoratore


deve fare richiesta al suo superiore diretto.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 80

80 CONTRATTO - PARTE II

2 Egli è responsabile degli utensili che riceve in regolare consegna, ed in


caso di licenziamento o di dimissioni deve restituirli prima di lasciare il ser-
vizio.

3 Qualora non vi provvedesse può essergli addebitato, sulla liquidazione,


l’importo relativo alle cose non consegnate.

4 È preciso obbligo del lavoratore di conservare in buono stato le mac-


chine e gli attrezzi, gli utensili, gli armadietti, i disegni ed in genere tutto
quanto a lui affidato.

5 D’altra parte il lavoratore deve essere messo in grado di conservare


quanto consegnatogli; in caso contrario ha diritto di declinare la propria
responsabilità informandone tempestivamente, però, la Direzione
dell’azienda.

6 Il lavoratore risponderà delle perdite e degli eventuali danni agli


oggetti in questione che siano imputabili a sua colpa e negligenza; il
relativo ammontare verrà trattenuto sulla retribuzione con le norme di
cui all’art. 30.

7 Il lavoratore non può apportare alcuna modifica agli oggetti affidatigli


senza l’autorizzazione del superiore diretto. Qualunque variazione da lui
fatta arbitrariamente, dà diritto all’azienda di rivalersi per i danni di tempo e
di materiale subiti.

8 Il lavoratore deve interessarsi per fare elencare per iscritto gli attrezzi di
sua proprietà onde poterli asportare.

Art. 50 – Visita di inventario e di controllo

1 Il lavoratore non può rifiutare la visita d’inventario che, per ordine della
Direzione, venisse fatta a verifica degli oggetti, degli strumenti o utensili
affidatigli.

2 Le visite di controllo sulle persone sono ammesse nei casi e con le


modalità previste all’art. 6 della legge 20.5.1970, n. 300.

Art. 51 – Assenze

1 Le assenze, salvo il caso di impedimento non imputabile al lavoratore,


debbono essere comunicate tempestivamente e comunque entro il nor-
male orario di lavoro della giornata nella quale si verifica l’assenza e giusti-
ficate entro il giorno successivo.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 81

CONTRATTO - PARTE II 81

2 L’assenza, ancorché giustificata o autorizzata, non consente la decor-


renza della retribuzione.

3 Il lavoratore che non avesse fatto il regolare movimento della scheda (o


della medaglia) è considerato assente, a meno che possa far risultare in
modo sicuro, e prima dell’uscita, la sua presenza nello stabilimento; in tal
caso però sarà considerato ritardatario.

Art. 52 – Rapporti in azienda

1 I rapporti tra i lavoratori, ai diversi livelli di responsabilità nell’organizza-


zione aziendale, saranno improntati a reciproca correttezza. Devono, fra
l’altro, essere evitati:
– comportamenti offensivi a connotazione sessuale, che possano influen-
zare, esplicitamente o implicitamente, decisioni riguardanti il rapporto di
lavoro e lo sviluppo professionale;
– qualsiasi discriminazione in relazione ad orientamenti che, rientrando
nella propria sfera personale, risultino non pregiudizievoli all’attività
lavorativa ed alla convivenza nei luoghi di lavoro.

2 Nell’esecuzione del lavoro, il lavoratore dipende dai rispettivi superiori,


come previsto dall’organizzazione aziendale.

3 L’azienda avrà cura di mettere i lavoratori a conoscenza della organizza-


zione tecnica e disciplinare di fabbrica e di reparto, in modo da evitare pos-
sibili equivoci circa le persone alle quali, oltre che al superiore diretto, cia-
scun lavoratore è tenuto ad obbedire ed a rivolgersi in caso di necessità.

4 In particolare il lavoratore deve:


a) osservare l’orario di lavoro ed adempiere alle formalità prescritte
dall’azienda per il controllo delle presenze;
b) dedicare attività assidua e diligente al disbrigo delle mansioni assegna-
tegli osservando le disposizioni del presente contratto nonché quelle
impartite dai superiori;
c) conservare assoluta segretezza sugli interessi dell’azienda; non trarre pro-
fitto, con danno dell’imprenditore, da quanto forma oggetto delle sue fun-
zioni nell’azienda, né svolgere attività contraria agli interessi della produ-
zione aziendale; non abusare, dopo risolto il contratto di lavoro ed in forma
di concorrenza sleale, delle notizie attinte durante il servizio.
A sua volta l’azienda non può esigere che il lavoratore convenga a
restrizioni della sua attività professionale, successiva alla risoluzione del
rapporto di lavoro, che eccedano i limiti di cui sopra e comunque quelli
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 82

82 CONTRATTO - PARTE II

previsti dall’art. 2125 del codice civile;


d) avere cura dei locali, dei mobili, macchinari e strumenti a lui affidati.

Art. 53 – Provvedimenti disciplinari

1 Le infrazioni disciplinari alle norme del presente contratto potranno essere


punite, a seconda della gravità delle mancanze, con i provvedimenti seguenti:
a) richiamo verbale;
b) multa fino all’importo di 3 ore di paga ed indennità di contingenza;
c) ammonizione scritta;
d) sospensione dal lavoro fino a 3 giorni.

2 Le Organizzazioni sindacali periferiche di categoria possono stipulare,


su richiesta delle singole aziende, accordi modificativi del presente arti-
colo al fine di elevare il massimo di durata della sospensione prevista alla
lettera d).

3 L’azienda non può adottare i provvedimenti disciplinari nei confronti del


lavoratore senza avergli preventivamente contestato l’addebito e senza
averlo sentito a sua difesa.

4 Il lavoratore può farsi assistere da un rappresentante dell’Organizza-


zione sindacale cui aderisce o conferisce mandato.

5 In ogni caso i provvedimenti disciplinari più gravi del richiamo verbale


non possono essere applicati prima che siano trascorsi 5 giorni dalla con-
testazione per iscritto del fatto che vi ha dato causa: nel corso di tale
periodo il lavoratore potrà presentare le sue giustificazioni.

6 Se il provvedimento non verrà emanato entro dieci giorni dalla presen-


tazione delle giustificazioni da parte del lavoratore, le giustificazioni stesse
si intenderanno accolte, a meno che durante tale periodo l’azienda non sia
venuta in possesso di tutti gli elementi di giudizio e di tale circostanza
abbia informato per iscritto, entro il predetto termine, il lavoratore.

7 Non si tiene conto ad alcun effetto delle sanzioni disciplinari, decorsi


due anni dalla loro applicazione.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 83

CONTRATTO - PARTE II 83

Art. 54 – Multe e sospensioni


1 Incorre nel provvedimento della multa e della sospensione il lavoratore:
a) che non si presenti al lavoro come previsto dall’art. 51 o abbandoni il
proprio posto di lavoro senza giustificato motivo;
b) che ritardi l’inizio del lavoro o lo sospenda, o ne anticipi la cessazione
senza preavvertire il superiore diretto o senza giustificato motivo;
c) che esegua con negligenza il lavoro affidatogli;
d) che contravvenga al divieto di fumare, espressamente avvertito con
apposito cartello, laddove ragioni tecniche e di sicurezza consiglino tale
divieto;
e) che costruisca, entro le officine dell’azienda, oggetti per proprio uso,
con lieve danno dell’azienda stessa;
f) che, per disattenzione, procuri guasti non gravi o sperpero non grave di
materiale dell’azienda; che non avverta subito i superiori diretti di eventuali
guasti al macchinario o di eventuali irregolarità nell’andamento del lavoro;
g) che effettui irregolare movimento di medaglie, irregolare scritturazione o
timbratura di schede od altra alterazione dei sistemi aziendali di con-
trollo o di presenza;
h) che in qualunque modo trasgredisca alle norme del presente contratto,
dei regolamenti interni o che commetta mancanze recanti pregiudizio
alla disciplina, alla morale o all’igiene;
i) che si trovi in condizioni di evidente ubriachezza.

2 La multa verrà applicata per le mancanze di minor rilievo; la sospen-


sione per quelle di maggior rilievo.

3 L’importo delle multe, non costituenti risarcimento di danni, è devoluto


alle esistenti istituzioni assistenziali e previdenziali di carattere aziendale o,
in mancanza di queste, alla Cassa Mutua.

Art. 55 – Licenziamento per mancanze

1 Il licenziamento con immediata rescissione del rapporto di lavoro può


essere inflitto, con la perdita dell’indennità di preavviso, al lavoratore che
commetta gravi infrazioni alla disciplina o alla diligenza nel lavoro o che
provochi all’azienda grave nocumento morale o materiale, o che compia
azioni delittuose in connessione con lo svolgimento del rapporto di
lavoro.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 84

84 CONTRATTO - PARTE II

2 In via esemplificativa, ricadono sotto questo provvedimento le seguenti


infrazioni:
a) assenze ingiustificate prolungate oltre 5 giorni consecutivi o assenze
ripetute per cinque volte in un anno nei giorni seguenti ai festivi o
seguenti alle ferie;
b) recidiva al divieto di fumare di cui al punto d) dell’art. 54, sempreché la
infrazione non costituisca pregiudizio gravemente colposo al verificarsi
di incidenti;
c) inosservanza del divieto di fumare quando tale infrazione sia grave-
mente colposa perché suscettibile di provocare incidenti alle persone,
agli impianti, ai materiali;
d) condanna ad una pena detentiva comminata al lavoratore, con sen-
tenza passata in giudicato, pronunciata anche ex art. 444 c.p.p., per
azione commessa non in connessione con lo svolgimento del rapporto
di lavoro;
e) abbandono del posto di lavoro che implichi pregiudizio alla incolumità
delle persone ed alla sicurezza degli impianti, o comunque compimento
di azioni che implichino gli stessi pregiudizi;
f) gravi guasti provocati per negligenza al materiale dell’azienda;
g) furto o danneggiamento volontario al materiale dell’azienda;
h) trafugamento di schede, di disegni di macchine, di utensili o comunque
di materiale illustrativo di brevetti e di procedimenti di lavorazione;
i) diverbio litigioso, seguito da vie di fatto avvenuto nel recinto dello stabi-
limento e che rechi grave perturbamento alla vita aziendale;
l) costruzione, entro le officine dell’azienda, di progetti per uso proprio o
per conto terzi, con danno dell’azienda stessa;
m) recidiva nella mancanza di cui al punto f) dell’art. 54;
n) trascuranza dell’adempimento degli obblighi contrattuali e di regola-
mento interno, quando siano già stati comminati i provvedimenti disci-
plinari di cui all’art. 54;
o) mancanze disciplinari configurabili nei termini previsti dal 1°comma del
presente articolo.

Art. 56 – Restituzione documenti di lavoro – Certificato di lavoro

1 Entro il giorno successivo alla effettiva cessazione del rapporto di


lavoro, l’azienda dovrà consegnare al lavoratore i documenti dovutigli,
regolarmente aggiornati ed il lavoratore rilascerà ricevuta liberatoria.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 85

CONTRATTO - PARTE II 85

2 Nel caso che l’azienda non fosse in grado di consegnare i documenti,


dovrà rilasciare al lavoratore una dichiarazione scritta che serva di giustifi-
cazione al lavoratore stesso per richiedere i documenti necessari per con-
trarre un eventuale nuovo rapporto di lavoro.

3 Ai sensi dell’art. 2124 del cod. civ. l’azienda dovrà rilasciare al lavora-
tore, all’atto della risoluzione del rapporto di lavoro, qualunque ne sia la
causa e sempreché non sia obbligatorio il libretto di lavoro, un certificato
con l’indicazione del tempo durante il quale il lavoratore stesso è stato
occupato alle sue dipendenze e delle mansioni da esso esercitate.

Art. 57 – Preavviso

1 Il rapporto di lavoro a tempo indeterminato di un lavoratore non in


prova, non può essere risolto da nessuna delle due parti, salvo quanto pre-
visto dall’art. 55, senza un periodo di preavviso i cui termini sono stabiliti al
comma 6 del presente articolo.

2 Il periodo di preavviso non può coincidere con il periodo di ferie.

3 La parte che risolve il rapporto senza l’osservanza dei termini di


preavviso di cui ai commi 6 e 7 deve corrispondere all’altra una indennità
pari all’importo della retribuzione per il periodo di mancato preavviso,
calcolata con riferimento agli elementi ed alle modalità di cui all’art. 20,
comma 2.

4 Il datore di lavoro ha diritto di ritenere, su quanto sia da lui dovuto al


lavoratore, un importo corrispondente alla retribuzione per il periodo di
preavviso da questi eventualmente non prestato.

5 Qualora il datore di lavoro esoneri il lavoratore dalla prestazione,


l’indennità sostitutiva del preavviso è computata nella retribuzione annua
agli effetti del trattamento di fine rapporto limitatamente agli elementi tas-
sativamente elencati all’art. 58.

6 In caso di licenziamento, i termini di preavviso, con decorrenza dalla


metà o dalla fine di ciascun mese, sono i seguenti:
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 86

86 CONTRATTO - PARTE II

Livello Livello Livello Livello Livello


Anni di servizio Q–A B–C–D E–F G-H I

fino a 5 anni 2 mesi 1 mese e 1/2 1 mese 3 settimane 2 settimane


compiuti
oltre 5 anni e fino 3 mesi 2 mesi 1 mese e 1/2 1 mese 3 settimane
a 10 anni compiuti
oltre 10 anni 4 mesi 3 mesi 2 mesi 1 mese e 1/2 1 mese

7 In caso di dimissioni, i termini di cui sopra sono ridotti alla metà, con un
minimo di due mesi per il livello Q e A, di 1,5 mesi per i livelli B, C e D, di un
mese per i livelli E e F, di tre settimane per i livelli G e H e di due settimane
per il livello I.

Art. 58 – Trattamento di fine rapporto (T.F.R.)

1 Il trattamento di fine rapporto, spettante in caso di risoluzione del rap-


porto di lavoro, è disciplinato dall’art. 2120 del codice civile così come
modificato dalla legge 29.5.1982, n. 297 e successive modifiche.

2 La retribuzione annua per la determinazione della quota TFR spettante è


composta esclusivamente dai seguenti elementi retributivi:
– paga mensile o stipendio (minimo contrattuale – scatti di anzianità ed
aumenti periodici di anzianità congelati ex art. 21, norma transitoria, del
CCNL 14.7.1980 – eventuali aumenti di merito – eventuale importo retri-
butivo individuale di cui all’art. 17, comma 2 del CCNL 2.7.1992 ed
eventuali altre eccedenze sul minimo contrattuale);
– indennità di contingenza ed E.D.R. di cui all’art. 18;
– maggiorazioni per lavoro in turni avvicendati di cui al 4° comma, punto
7), e al 5° comma dell’art. 12 e "ad personam" per mantenimento della
maggiorazione di cui all’art. 27;
– premio di produzione di cui alla Nota a verbale in calce all’art. 25 non-
ché l’indennità sostitutiva del premio di risultato di cui al comma 5 del
già citato articolo;
– cottimo o "ad personam" di cui al comma 22 dell’art. 23;
– “ad personam compenso sostitutivo del cottimo e di altri incentivi” di
cui alla Norma transitoria in calce all’art. 23 del CCNL 15.4.2000;
– compenso per lavoro discontinuo sino alle 48 ore settimanali;
– indennità di mensa;
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 87

CONTRATTO - PARTE II 87

– dagli elementi suindicati corrisposti a titolo di tredicesima mensilità e di


indennità sostitutiva del preavviso.

3 Gli elementi suindicati saranno computati agli effetti della determina-


zione della quota annua anche nei casi di assenza dal lavoro previsti dal 3°
comma dell’art. 2120 codice civile.

4 La quota annua ottenuta dividendo per 13.5 i surriportati elementi retributivi


corrisposti nell’anno al lavoratore, sarà computata nella misura di 30/30.

Nota a verbale
1 L’indennità di anzianità maturata secondo la previgente disciplina viene
accantonata e rivalutata secondo le disposizioni della legge n. 297/82.

2 Al momento della risoluzione del rapporto di lavoro saranno conteggiate


in aggiunta al TFR, se dovute ed al netto di ogni ritenuta e senza distinzione
per livello, le seguenti somme:
– =C 28,41 già eventualmente corrisposte, in applicazione dell’Accordo
31.3.1977, ai lavoratori in forza e non in prova alla medesima data;
– =C 64,56 già eventualmente corrisposte, in applicazione dell’Accordo
14.7.1980, ai lavoratori in forza e non in prova alla medesima data.

Art. 59 – Indennità in caso di morte

1 Al riguardo dispongono le norme del codice civile (art. 2122) che disci-
plina la materia.

2 In base a dette norme, nel caso di morte del lavoratore la indennità


sostitutiva del preavviso ed il trattamento di fine rapporto previsti dalla cor-
rispondente regolamentazione, saranno liquidati a titolo di "indennità in
caso di morte" al coniuge, ai figli e, se vivevano a carico del lavoratore, ai
parenti entro il terzo grado e agli affini entro il secondo grado, secondo le
norme di ripartizione stabilite dal predetto articolo del codice civile.

3 In mancanza delle persone indicate nel 2° comma le indennità sono


attribuite secondo le norme della successione.

Art. 60 – Cessione, trasformazione e trapasso di azienda

1 In caso di cessione, di trapasso o di trasformazione, in qualsiasi modo,


dell’azienda, il lavoratore conserva, nei confronti del nuovo titolare, i diritti
acquisiti e gli obblighi derivanti dal presente contratto.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 88

88 CONTRATTO - PARTE II

2 Se il licenziamento è causato da fallimento o da cessazione della


azienda, il lavoratore conserva nei confronti della gestione liquidatrice il
diritto al preavviso ed al trattamento di fine rapporto, nonché il diritto ad
eventuali altre spettanze derivanti dal presente contratto.

Art. 61 – Rappresentanza Sindacale Unitaria, Commissioni


Interne e Delegato d’impresa

PARAGRAFO A – Rappresentanza Sindacale Unitaria

1 Ad iniziativa delle Associazioni sindacali firmatarie del presente con-


tratto e che abbiano formalmente aderito all’Accordo interconfederale
20.12.1993, in ciascuna unità produttiva con più di 15 dipendenti, viene
costituita la Rappresentanza Sindacale Unitaria dei lavoratori (RSU),
secondo la disciplina di elezione prevista dal su citato accordo.

2 L’iniziativa per la costituzione della RSU può essere assunta anche dalle
Associazioni previste alla parte seconda, punto 4 lettera b) dell’Accordo
interconfederale 20.12.1993 nel rispetto delle condizioni ivi previste.

3 La RSU è composta, per due terzi dai rappresentanti eletti tra le liste
presentate da tutte le Associazioni sindacali richiamate al 1° e 2° comma
del presente articolo, in proporzione ai voti conseguiti dalle singole liste e,
nell’ambito delle liste, in relazione ai voti ottenuti dai singoli candidati. Il resi-
duo terzo è assegnato alle sole Associazioni di cui al 1° comma e la relativa
copertura avviene mediante elezione o designazione, in base ai voti ricevuti.

4 Per la composizione delle liste le Associazioni sindacali dovranno


tenere conto delle diverse qualifiche (operai, impiegati e quadri) e del
genere dei lavoratori in forza all’unità produttiva.

5 Il numero dei componenti la RSU è individuato come segue, in funzione


del numero di lavoratori in forza nelle unità produttive:
– 3 componenti nelle unità produttive che occupano da 16 a 100 dipendenti;
– 4 componenti nelle unità da 101 a 200 dipendenti;
– 6 componenti nelle unità da 201 a 300 dipendenti;
– 9 componenti nelle unità da 301 a 450 dipendenti;
– 11 componenti nelle unità da 451 a 600 dipendenti;
– 13 componenti nelle unità da 601 a 750 dipendenti;
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 89

CONTRATTO - PARTE II 89

– 16 componenti nelle unità da 751 a 1.000 dipendenti;


– 21 componenti nelle unità da 1.001 a 1.500 dipendenti;
– 25 componenti nelle unità da 1.501 a 2.000 dipendenti;
– 27 componenti nelle unità da 2.001 a 2.500 dipendenti;
– 30 componenti nelle unità produttive di maggiori dimensioni.

6 I componenti la RSU restano in carica tre anni a decorrere dalla data di


effettuazione delle elezioni. I nominativi saranno comunicati per iscritto alla
Direzione aziendale per il tramite della Associazione industriale territorial-
mente competente.

7 Nelle unità produttive con più di 200 dipendenti, la RSU, ferma restando
la propria titolarità contrattuale, decisionale e di indirizzo, può avvalersi,
per i rapporti con la Direzione aziendale, di un Comitato esecutivo eletto tra
i suoi componenti.

8 La RSU sostituisce il Consiglio di fabbrica di cui all’art. 65 del CCNL


2.7.1992 e i suoi componenti subentrano alle R.S.A. ed ai dirigenti della
R.S.A. di cui alla legge 300/70 per titolarità di diritti, permessi, compiti di
tutela dei lavoratori e per la funzione di agente contrattuale per le materie
del livello aziendale, secondo quanto previsto dal presente contratto.

9 Nei confronti di ciascun componente la RSU, eletto o designato


nell’ambito del numero corrispondente al limite occupazionale previsto al pre-
cedente punto 5, si applica la tutela di cui agli artt. 18 e 22 della legge 300/70.

10 Per l’espletamento dei propri compiti e funzioni, la RSU disporrà di per-


messi retribuiti per un monte ore annuo di 1,5 ore per dipendente in forza
all’unità produttiva.

11 Del monte ore di cui sopra potranno essere ammessi a beneficiare


anche i lavoratori chiamati ad affiancare la RSU nell’esercizio dei compiti
da essa svolti.

12 Le Associazioni sindacali Filcem CGIL, Femca CISL e Uilcem UIL, per lo


svolgimento della loro attività associativa all’interno delle unità produttive
disporranno di permessi retribuiti per un monte ore annuo pari a mezz’ora
per ogni dipendente in forza all’unità. Tali permessi, di norma, saranno usu-
fruiti dai componenti la RSU espressamente delegati dalle citate Associa-
zioni.

13 I permessi devono essere richiesti, di norma, per iscritto e con preav-


501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 90

90 CONTRATTO - PARTE II

viso di almeno 24 ore. Il godimento degli stessi deve avvenire in modo da


non pregiudicare il buon andamento dell’attività produttiva.

14 Le operazioni connesse con l’elezione della RSU saranno svolte, in fun-


zione delle esigenze produttive, secondo le modalità indicate dall’Accordo
interconfederale 20.12.1993. Allo scopo saranno presi opportuni accordi
con la Direzione aziendale, in particolare per il luogo ed il calendario della
votazione. La Direzione aziendale per parte sua fornirà alla commissione
elettorale l’elenco dei dipendenti con diritto di voto, secondo la richiamata
disciplina prevista dall’Accordo interconfederale.

PARAGRAFO B – Commissioni interne e Delegato d’impresa

15 Per i compiti delle Commissioni interne si richiama la disciplina inter-


confederale in materia.

16 Per le imprese da 5 a 15 dipendenti sono confermate le norme previste


dall’Accordo interconfederale 18.4.1966 inerenti il Delegato d’impresa, i
suoi compiti e la relativa tutela.

***
17 Per quanto non espressamente previsto dal presente articolo, si rinvia
alle disposizioni dell’Accordo interconfederale 20.12.1993.

Note a verbale
1 I permessi di cui al presente articolo assorbono quelli spettanti ai diri-
genti della Rappresentanza sindacale aziendale a norma dell’art. 23 della
legge 300/70 nonché quelli sinora concessi alla Commissione interna.

2 Le variazioni occupazionali dell’unità produttiva, comportanti un diverso


numero di componenti la RSU ai sensi del comma 5 del presente articolo,
saranno considerate solo al momento della relativa nuova elezione.

3 Qualora la materia dovesse trovare generale regolamentazione legisla-


tiva o nuova regolamentazione interconfederale, la presente disciplina sarà
coordinata con le nuove norme.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 91

CONTRATTO - PARTE II 91

Art. 62 – Assemblee

1 Fermo restante quanto previsto dall’Accordo interconfederale 20.12.1993,


nelle singole unità produttive che occupino più di 15 dipendenti, potranno
essere promosse dalla RSU assemblee del personale in forza presso l’unità
medesima, con ordine del giorno su materie di interesse sindacale e del lavoro.

2 Tali assemblee saranno tenute in luoghi idonei posti a disposizione


dall’azienda nell’unità produttiva o, in caso di impossibilità, nelle imme-
diate vicinanze, fuori dagli ambienti dove si svolge l’attività lavorativa.

3 Le assemblee durante l’orario di lavoro saranno svolte in modo tale da


garantire l’ordinato eventuale arresto e la pronta ripresa del lavoro e, nei
cicli continui e lavorazioni a turno, la loro normale prosecuzione, con
modalità da concordare tra le Direzioni aziendali e la RSU. Nelle lavorazioni
a turni o a ciclo continuo la partecipazione di tutti i lavoratori potrà essere
assicurata articolando l’assemblea secondo la distribuzione dei turni. Le
assemblee saranno normalmente tenute all’inizio o alla fine dell’orario di
lavoro o della sosta giornaliera.

4 Alle assemblee potranno partecipare dirigenti sindacali esterni delle


Organizzazioni dei lavoratori firmatarie del presente contratto, previamente
indicati al datore di lavoro.

5 La RSU che intenda convocare l’assemblea deve far pervenire alla Dire-
zione aziendale interessata, normalmente almeno 2 giorni lavorativi prima
della data prevista per l’assemblea stessa, una comunicazione scritta con-
tenente l’indicazione del giorno, dell’ora di inizio e della durata presunta,
nonché l’ordine del giorno.

6 Eventuali condizioni eccezionali che comportassero l’esigenza di uno


spostamento della data dell’assemblea saranno comunicate entro 24 ore
dalle Associazioni territoriali dei datori di lavoro a quelle dei lavoratori.

7 La RSU provvederà a dare comunicazione dell’assemblea mediante


avviso affisso negli albi aziendali.

8 Lo svolgimento delle assemblee, durante l’orario di lavoro, è limitato a


10 ore all’anno, compensate con la retribuzione che ciascun lavoratore
avrebbe percepito se avesse prestato l’attività lavorativa secondo il proprio
orario normale di lavoro.

9 Ove dette assemblee riguardino gruppi di lavoratori, potranno aver


luogo durante l’orario di lavoro quando non impediscano la normale attività
dei lavoratori ad esse non interessati.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 92

92 CONTRATTO - PARTE II

10 Il diritto di assemblea viene esteso alle unità produttive con almeno 10


dipendenti e per un massimo di 8 ore annue retribuite.

11 Nel caso di cui al precedente comma e nelle unità produttive con più di
15 dipendenti, nelle quali non sia stata costituita la RSU, le assemblee
potranno essere promosse unitariamente dalle Organizzazioni dei lavora-
tori firmatarie del presente contratto.

12 Tali assemblee saranno tenute, ove possibile, all’interno dell’azienda.

Dichiarazione a verbale
Restano salve le eventuali normative aziendali in atto in materia di com-
plessivo miglior favore.

Art. 63 – Affissioni

1 Le Direzioni aziendali consentiranno alla RSU ed ai Sindacati provinciali


di categoria aderenti alle Organizzazioni firmatarie del presente contratto di
far affiggere, in apposito albo, comunicazioni firmate dai responsabili e ine-
renti a materie di interesse sindacale e del lavoro.

2 Le copie delle comunicazioni di cui sopra dovranno essere tempestiva-


mente inoltrate alla Direzione aziendale.

Art. 64 – Permessi per cariche sindacali

1 Ai lavoratori membri di organi direttivi delle Confederazioni Sindacali,


delle Federazioni Nazionali di categoria e dei Sindacati Nazionali e Provin-
ciali ad esse aderenti, saranno concessi, compatibilmente con le esigenze
tecnico–produttive, permessi per l’espletamento delle loro funzioni.

2 Tali permessi sono retribuiti fino ad un massimo di 7 giorni all’anno per


ciascun lavoratore.

3 Il permesso deve venire espressamente, e con utile preavviso, richiesto


per iscritto all’azienda, tramite l’Associazione provinciale dei datori di
lavoro, dalle predette Organizzazioni dei lavoratori interessate.

4 L’appartenenza agli Organi di cui al 1° comma e le variazioni relative


devono esser comunicate per iscritto dalle Organizzazioni di cui sopra alle
Associazioni competenti dei datori di lavoro che provvederanno a comuni-
carle all’azienda interessata.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 93

CONTRATTO - PARTE II 93

Art. 65 – Aspettativa per cariche pubbliche e sindacali

1 Il lavoratore che dimostri di essere chiamato a ricoprire cariche pubbli-


che elettive ovvero cariche sindacali provinciali e nazionali può, a richiesta,
essere collocato in aspettativa per la durata della carica.

2 Durante l’aspettativa non compete retribuzione alcuna, mentre decorre


l’anzianità (non però agli effetti della tredicesima mensilità e del godimento
delle ferie), fino ad una durata massima di 2 anni, prolungata a 3, nel caso
che il lavoratore abbia precedentemente maturato presso l’azienda, all’ini-
zio dell’aspettativa, un’anzianità continuativa di effettivo servizio non infe-
riore a 3 anni.

Art. 66 – Versamento dei contributi sindacali

1 L’azienda provvederà alla trattenuta dei contributi sindacali sulla


retribuzione dei lavoratori che ne facciano richiesta mediante delega
individuale, debitamente sottoscritta dal lavoratore interessato e valida
fino a revoca.

2 La delega dovrà contenere l’indicazione precisa dell’ammontare in per-


centuale sul minimo tabellare e sull’indennità di contingenza del contributo
che l’azienda stessa è autorizzata a trattenere e della Organizzazione sin-
dacale cui l’azienda dovrà versarlo.

3 L’azienda trasmetterà l’importo della trattenuta al Sindacato di spet-


tanza mediante versamento ad un istituto bancario sul conto corrente indi-
cato dallo stesso Sindacato. Le trattenute ed i relativi versamenti dovranno
essere effettuati mensilmente.

Chiarimento a verbale
Con le norme di cui al presente articolo le parti hanno inteso discipli-
nare, per le aziende e per i lavoratori associati, il sistema di versamento
delle quote sindacali, ma non di sostituire obbligatoriamente gli eventuali
diversi sistemi concordati presso le singole aziende.

Dichiarazione a verbale
1 Le Organizzazioni dei lavoratori stipulanti dichiarano che i lavoratori da
esse rappresentati ritengono che la trasformazione da cifra in misura per-
centuale sui minimi tabellari e indennità di contingenza nonché ogni modi-
fica della percentuale stessa e delle modalità di iscrizione e versamento,
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 94

94 CONTRATTO - PARTE II

sempre salvo il diritto individuale di revoca, non dà luogo a rinnovo delle


deleghe già rilasciate.

2 Le Organizzazioni dei datori di lavoro stipulanti prendono atto della


dichiarazione suddetta.

Art. 67 – Fondo di solidarietà


Una volta definita per legge la normativa del Fondo di solidarietà di cui
al punto 12 del Protocollo di intesa del 22.1.1983, sottoscritto dal Governo,
dalle Organizzazioni sindacali dei lavoratori e dei datori di lavoro, le
aziende si impegnano a provvedere mensilmente alla riscossione delle
quote di partecipazione volontaria dei lavoratori e al loro versamento al
Fondo o presso istituti di credito.

Art. 68 – Abrogazione dei precedenti contratti – Opzione

1 Il presente contratto, le cui norme sono inscindibili nel loro complesso,


annulla e sostituisce, dalla data della sua applicazione, i contratti collettivi
nazionali e quelli provinciali integrativi preesistenti per le categorie dei
lavoratori cui si riferiscono.

2 Per quanto concerne gli accordi interconfederali, gli altri accordi provin-
ciali e gli accordi aziendali, si intendono superate e sostituite (salvi facendo
i casi di esplicito richiamo) le norme afferenti agli istituti disciplinati dal pre-
sente contratto, le cui disposizioni – nell’ambito di ciascuno degli istituti
stessi – sono correlative ed inscindibili tra loro e non sono cumulabili con
alcun altro trattamento.

3 Peraltro, per quanto concerne i predetti altri accordi provinciali ed


accordi aziendali, le parti interessate si consulteranno per proporre poi alle
rispettive competenti Organizzazioni sindacali periferiche l’accordo per
l’opzione – in relazione a singoli istituti – fra le norme di cui al presente con-
tratto e quelle degli accordi in questione regolanti i singoli stessi istituti.

4 L’opzione non potrà essere esercitata dopo il sessantesimo giorno dalla


data di stipulazione del presente contratto.

Art. 69 – Condizioni di miglior favore

Le parti si danno reciprocamente atto che, stipulando il presente con-


tratto non hanno inteso modificare le condizioni più favorevoli acquisite dal
lavoratore.
501 e 001_095 2-12-2004 8:58 Pagina 95

CONTRATTO - PARTE II 95

Art. 70 – Piccole aziende

Per le piccole aziende industriali che occupano non più di 25 operai si


conviene che, attraverso accordi da stipularsi fra le competenti Organizza-
zioni sindacali provinciali, si potrà addivenire a temperamenti che valgano
a limitare l’onere di qualche istituto contrattuale.

Art. 71 – Distribuzione del contratto ed esclusiva di stampa

1 Le aziende distribuiranno gratuitamente ai lavoratori in servizio una


copia del presente contratto di lavoro.

2 Per l’applicazione di quanto sopra disposto, avrà valore esclusivamente


l’edizione predisposta a cura delle parti stipulanti il presente contratto.

3 È vietata la riproduzione parziale o totale senza autorizzazione.

Art. 72 – Decorrenza e durata

1 Il presente contratto, fatte salve le specifiche decorrenze espressa-


mente previste nei diversi articoli, decorre dal 2 giugno 2004 e sarà valido
fino al 31 dicembre 2005 per la parte retributiva e fino al 31 dicembre 2007
per la parte normativa.

2 Esso si intenderà successivamente rinnovato, di anno in anno, qualora


non sia stata data disdetta, con lettera raccomandata con ricevuta di
ritorno, almeno cinque mesi prima.

Chiarimento a verbale
Le parti confermano la vigenza delle disposizioni del CCNL 15 aprile
2000 nel periodo 1 gennaio 2004 -1 giugno 2004, così come quella del
CCNL 2 giugno 2004 fino al successivo rinnovo.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 104
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 97

ALLEGATI
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 98
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 99

Allegato 1

IMPORTI DELL’INDENNITÀ SOSTITUTIVA DEL PREMIO


DI RISULTATO MENSILE APPLICABILE,
IN ALTERNATIVA AL PREMIO DI RISULTATO
ALLE IMPRESE DI CUI AL COMMA 5 DELL’ART. 25
DEL PRESENTE CONTRATTO
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 100
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 101

ALLEGATO 1 - INDENNITÀ SOSTITUTIVA DEL PREMIO DI RISULTATO 101

IMPORTI DELL’INDENNITÀ SOSTITUTIVA DEL PREMIO DI RISULTATO MEN-


SILE APPLICABILE, IN ALTERNATIVA AL PREMIO DI RISULTATO ALLE
IMPRESE DI CUI AL COMMA 5 DELL’ART. 25 DEL PRESENTE CONTRATTO

Categoria =C
I 30,00
H 33,00
G 35,00
F 37,00
E 39,00
D 42,00
C 43,00
B 44,00
A 47,00
Q 51,00
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 102
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 103

ALLEGATI ALL’ART. 4
“CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE”

pag.
- Indice per area 105
- Allegato 2 - Declaratorie e posizioni professionali 109
- Allegato 3 - Esemplificazione di mansioni (produzione e qualità) 159
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 104
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 105

INDICE PER AREA 105

funzione pos. denominazione pag.

amministrazione A/1 Responsabile settore/coordinatore attività contabili 110


amministrazione A/1 Specialista attività contabili 110
amministrazione A/1 Coordinatore attivita’ di revisione interna 110
amministrazione B/1 Revisore 111
amministrazione C/1 Contabile 112
amministrazione C/1 Cassiere 112
amministrazione F/1 Addetto contabilità 112
commerciale/logistica A/1 Specialista di marketing 113
commerciale/logistica A/1 Coordinatore di sezione commerciale 113
commerciale/logistica A/1 Venditore 113
commerciale/logistica A/1 Coordinatore tecnico-commerciale 114
commerciale/logistica A/1 Coordinatore gestione ordini 114
commerciale/logistica A/1 Acquisitore 114
commerciale/logistica A/1 Acquisitore di macchinari e apparecchiature
complesse 114
commerciale/logistica A/1 Coordinatore programmazione e gestione
scorte/programmatore 115
commerciale/logistica A/1 Gestore dei flussi ai depositi 115
commerciale/logistica A/1 Coordinatore trasporti 115
commerciale/logistica A/1 Responsabile di magazzino 115
commerciale/logistica C/1 Assistente commerciale/tecnico gestione ordini 116
commerciale/logistica C/1 Tecnico raccolta ed elaborazione dati di mercato 116
commerciale/logistica C/1 Assistete tecnico 116
commerciale/logistica C/1 Compratore/approvvigionatore 117
commerciale/logistica C/1 Assistente magazzino 117
commerciale/logistica E/1 Incaricato pratiche di magazzino/spedizione 118
commerciale/logistica E/1 Preparatore documenti per import/export 118
commerciale/logistica C/2 Capo squadra di magazzino 117
commerciale/logistica F/3 Addetto assistenza tecnica 119
commerciale/logistica F/3 Preparatore merci/magazziniere 119
commerciale/logistica F/3 Autista 119
commerciale/logistica G/3 Carrellista 119
commerciale/logistica G/3 Addetto a magazzini 120
commerciale/logistica H/3 Carrellista 120
manutenzione A/1 Assistente capo manutenzione 121
manutenzione C/1 Tecnico di manutenzione 122
manutenzione C/1 Assistente di manutenzione 122
manutenzione D/1 Addetto alla programmazione lavori di manutenzione 122
manutenzione D/3 Giuntista montatore provetto 123
manutenzione D/3 Aggiustatori/montatori 123
manutenzione D/3 Specialista elettronico 123
manutenzione D/3 Montatore/riparatore provetto di nastri trasportatori 123
manutenzione D/3 Costruttore di prototipi di stampi per presse 123
manutenzione D/3 Specialista sistemi di misura 124
manutenzione D/3 Specialista meccatronico 124
manutenzione E/3 Manutentore di impianti tecnologicamente complessi 124
manutenzione E/3 Montatore 125
manutenzione E/3 Attrezzista 125
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 106

106 INDICE PER AREA

funzione pos. denominazione pag.

manutenzione E/3 Addetto industrializzazione stampi materie plastiche 125


manutenzione E/3 Giuntista montatore 125
manutenzione E/3 Conduttore impianti di centrale termica 125
manutenzione F/3 Addetto macchine utensili 126
manutenzione F/3 Addetto alla manutenzione e al montaggio 126
di macchine e impianti
manutenzione F/3 Addetto alla conduzione di generatori termici 126
manutenzione H/3 Ausiliario di manutenzione 127
personale/organizz/EDP A/1 Responsabile amministrazione del personale 128
personale/organizz/EDP A/1 Specialista risorse umane 128
personale/organizz/EDP A/1 Responsabile di formazione 129
personale/organizz/EDP A/1 Specialista di selezione 129
personale/organizz/EDP A/1 Analista di organizzazione 129
personale/organizz/EDP A/1 Analista programmatore 129
personale/organizz/EDP A/1 Responsabile operativo 129
personale/organizz/EDP A/1 Specialista di software 130
personale/organizz/EDP B/1 Coordinatore incaricati pratiche amministrative 130
del personale
personale/organizz/EDP C/1 Tecnico d’organizzazione industriale 131
personale/organizz/EDP C/1 Tecnico d’organizzazione amministrativa 131
personale/organizz/EDP C/1 Programmatore 131
personale/organizz/EDP C/1 Schedulatore lavori 132
personale/organizz/EDP C/1 Assistente di turno EDP 132
personale/organizz/EDP C/1 Tecnico pratiche amministrative del personale 132
personale/organizz/EDP E/1 Incaricato pratiche del personale 133
personale/organizz/EDP E/1 Operatore EDP 133
personale/organizz/EDP E/1 Incaricato supporto utenti e trattamenti input/ouput 133
personale/organizz/EDP F/1 Addetto registrazione/verifica dati 134
personale/organizz/EDP F/1 Operatore ausiliario EDP 134
personale/organizz/EDP E/3 Addestratore 133
produzione A/1 Assistente capo/sovraintendente/capo reparto 135
produzione A/1 Specialista di programmazione 135
produzione C/1 Assistente/supervisor 136
produzione C/1 Programmatore di produzione 136
produzione C/2 Capo turno/squadra di produzione 136
produzione E/2 Capogruppo di produzione 137
produzione E/3 Conduttore impianti a gestione complessa 137
produzione F/3 Regleur/attrezzatore 138
produzione F/3 Addetto conduzione impianti 138
produzione F/3 Addetto a macchine a ciclo complesso 138
produzione F/3 Addetto produzioni di piccola serie 138
produzione G/3 Addetto a macchine/impianti 139
produzione G/3 Preparatore mescole 139
produzione H/3 Operatore di macchine o impianti 140
produzione H/3 Addetto montaggio/imballaggio 140
produzione I/3 Addetti a lavori di preparazione 140
produzione I/3 Aiuto esecutivo 141
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 107

INDICE PER AREA 107

funzione pos. denominazione pag.

qualità A/1 Responsabile laboratorio 142


qualità A/1 Specialista di industrializzazione 142
qualità A/1 Specialista procedure di qualità 142
qualità A/1 Coordinatore controllo qualità 143
qualità C/1 Tecnico analista di qualità 143
qualità C/1 Tecnico di laboratorio 143
qualità C/1 Assistente di qualità 143
qualità C/1 Tecnico delle procedure di collaudo 144
qualità C/2 Capo squadra di qualità 144
qualità E/3 Controllore di qualità 144
qualità E/3 Controllore qualità materiali e componenti 145
qualità E/3 Classificatore prodotto finito 145
qualità F/3 Verificatore prodotto finito 145
qualità F/3 Addetto alle prove e collaudi di laboratorio 146
qualità G/3 Addetto a collaudi diversificati 146
qualità G/3 Operatore alle macchine di controllo prodotto finito 146
qualità H/3 Operatore alle prove 147
ricerca e sviluppo A/1 Ricercatore 148
ricerca e sviluppo A/1 Tecnologo 148
ricerca e sviluppo A/1 Assistente capo alle prove di ricerca e sviluppo 149
ricerca e sviluppo A/1 Progettista disegnatore 149
ricerca e sviluppo C/1 Disegnatore aiuto progettista 150
ricerca e sviluppo C/1 Tecnico delle prove di ricerca e sviluppo 150
ricerca e sviluppo C/1 Assistente tecnologo/ricercatore 150
ricerca e sviluppo E/1 Disegnatore/lucidista particolarista 151
ricerca e sviluppo E/3 Conduttore prove ad esecuzione complessa di R&S 151
ricerca e sviluppo E/3 Aggiustatore/ montatore, impiantista su prototipi 152
ricerca e sviluppo F/3 Addetto alle prove di R&S 152
ricerca e sviluppo F/3 Addetto alla realizzazione di prototipi 152
ricerca e sviluppo F/3 Addetto a lavorazioni sul prodotto 152
ricerca e sviluppo H/3 Operatore alle prove di R&S 153
servizi vari A/1 Responsabile del servizio di sorveglianza 154
e di sicurezza
servizi vari A/1 Specialista ambiente e sicurezza del lavoro 154
servizi vari C/1 Segretaria assistente 155
servizi vari E/1 Segretaria di direzione o servizi equivalenti 156
servizi vari F/1 Segretaria 156
servizi vari F/3 Operatore custode/sorvegliante 156
servizi vari F/3 Autista di vettura 157
servizi vari H/3 Fattorino 157
servizi vari I/3 Addetto a lavori non rientranti nel ciclo produttivo 158
servizi vari I/3 Addetto al prelievo e consegna documenti 158
servizi vari I/3 Addetto all’archivio 158
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 108
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 109

Allegato 2

DECLARATORIE
E POSIZIONI PROFESSIONALI
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 110

110 ALLEGATO 2 - AMMINISTRAZIONE

AMMINISTRAZIONE

LIVELLO A

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una articolata formazione tecnica specialistica, orientata ad interventi in
processi e metodologie dell’area di appartenenza e alla individuazione di soluzioni
integrate con altre aree funzionali;
– hanno la responsabilità di attività che comportano rilevanti effetti economici ed orga-
nizzativi e/o la responsabilità dell’andamento funzionale dell’unità organizzativa di
appartenenza, con guida, coordinamento e controllo delle attività di altri lavoratori;
– operano in condizioni di autonomia direttiva, disimpegnando compiti, secondo diffe-
renti processi e metodologie, implicanti scelte discrezionali entro vincoli definiti
nell’ambito di aree di attività; ricevono una supervisione dei risultati complessivi
dell’attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
A/1 RESPONSABILE SETTORE/COORDINATORE ATTIVITÀ CONTABILI
– Opera nell’ambito di un’area/settore amministrativo (contabilità: generale, anali-
tica/industriale, fatturazione: clienti e fornitori).
– Guida, coordina e controlla l’attività di personale amministrativo.
– Garantisce lo svolgimento delle pratiche amministrative, nel rispetto delle norme di
legge e delle procedure aziendali.
– Elabora le informazioni per la redazione di documenti amministrativi/contabili e/o per
analisi statistiche, previsionali e consuntive.
– Le sue funzioni implicano anche rapporti con enti esterni all’azienda.

A/1 SPECIALISTA ATTIVITÀ CONTABILI


– Nell’ambito di un’unità operativa, garantisce l’esecuzione di tutte le attività ammini-
strative (contabilità, controllo di gestione, salda–conto clienti e fornitori, cassa etc.),
anche attraverso rapporti con enti esterni e/o predispone procedure per l’ottimale
gestione amministrativa dell’unità medesima.

A/1 COORDINATORE ATTIVITÀ DI REVISIONE INTERNA


– Opera nell’ambito dell’area amministrazione e contabilità.
– Guida, coordina e controlla il lavoro di uno o più revisori.
– Controlla, anche con l’utilizzo di particolari tecniche, le attività di revisione interna.
Valuta e verifica la corretta gestione amministrativa e contabile, attraverso l’analisi ed
il riscontro delle varie operazioni e l’esame delle documentazioni, anche al fine del
miglioramento dell’affidabilità del sistema di controlli interni.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 111

ALLEGATO 2 - AMMINISTRAZIONE 111

LIVELLO B
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore, o formazione equivalente, o esperienza precedente;
unitamente ad una approfondita conoscenza tecnica specialistica volta alla gestione
critica di procedure, metodologie e adempimenti normativi nei settori giuslavoristici e
di bilancio/contabilità;
– hanno la responsabilità di garantire che il risultato delle attività, articolate secondo
pratiche e metodi diversi, sia costantemente ed esattamente conforme, pur in pre-
senza di numerose e complesse variabili ed interferenze, alle disposizioni normative
pertinenti e/o la responsabilità del coordinamento e controllo di altri lavoratori di
livello inferiore con incarichi diversificati nell’ambito della propria area professionale;
– operano con ampia autonomia decisionale, disimpegnando compiti implicanti scelte
nell’ambito delle pratiche e norme di riferimento ; ricevono una supervisione dei risul-
tati complessivi dell’attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
B/1 REVISORE
– Esegue, secondo i programmi di audit, analisi, valutazioni, verifiche e riscontri di
complesse procedure e di operazioni amministrative e contabili, accertandone la
conformità alle normative aziendali ed agli obblighi di legge.
– Effettua le conseguenti segnalazioni e promuove il miglioramento delle suddette pro-
cedure, al fine di minimizzare le deviazioni dagli standards.

LIVELLO C
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una formazione tecnica specialistica volta alla gestione critica delle pro-
cedure e metodologie proprie dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità di attività, nell’ambito di pratiche e metodi diversi che, per
variabilità ed incertezza dei risultati, comportino scelte conseguenti e/o la responsa-
bilità del coordinamento e controllo di altri lavoratori di livello inferiore con incarichi
diversificati nell’ambito della propria area funzionale;
– operano in condizioni di autonomia decisionale, disimpegnando compiti secondo
differenti procedure e metodologie, implicanti scelte di priorità nell’ambito delle
norme e pratiche stabilite; ricevono una verifica del risultato complessivo delle
attività.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 112

112 ALLEGATO 2 - AMMINISTRAZIONE

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
C/1 CONTABILE
– Opera nell’ambito di un settore amministrativo (contabilità, fatturazione clienti e/o
fornitori, etc.).
– Sulla base delle procedure aziendali, controlla l’attendibilità e la conformità dei dati
contabili, anche attraverso contatti con enti interni ed esterni all’azienda, e ne esegue
la registrazione e l’elaborazione, utilizzando anche supporti informatici.

C/1 CASSIERE
– Effettua, secondo procedure prestabilite, attività contabili conseguenti alle opera-
zioni di pagamento e di incasso, avendone la responsabilità finanziaria degli errori.

LIVELLO F
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso: l’intero ciclo delle scuole professio-
nali o formazione equivalente oppure esperienza precedente; unitamente ad un ade-
guato tirocinio per la maturazione di particolari capacità operative e particolari abilità
manuali e/o per l’utilizzo di mezzi e per comprendere e mettere in pratica procedure
prestabilite;
– hanno la responsabilità degli interventi volti ad assicurare la conformità/adeguatezza
del risultato delle prestazioni;
– operano in condizioni di autonomia operativa, eseguendo compiti secondo istruzioni
ricevute nell’ambito di procedure e metodi dati, con limitata possibilità di scelta tra
differenti opzioni; ricevono una supervisione sul modo di operare e un controllo sul
risultato.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
F/1 ADDETTO CONTABILITÀ
– Provvede alla raccolta di dati ed allo svolgimento di una o più operazioni contabili,
sulla base di schemi e metodologie standard: impostazione e registrazione dati su
moduli o supporti informatici, totalizzazioni e valorizzazioni, elaborazioni statisti-
che, etc.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 113

ALLEGATO 2 - COMMERCIALE E LOGISTICA 113

COMMERCIALE E LOGISTICA

LIVELLO A

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una articolata formazione tecnica specialistica, orientata ad interventi in
processi e metodologie dell’area di appartenenza e alla individuazione di soluzioni
integrate con altre aree funzionali;
– hanno la responsabilità di attività che comportano rilevanti effetti economici ed orga-
nizzativi e/o la responsabilità dell’andamento funzionale dell’unità organizzativa di
appartenenza, con guida, coordinamento e controllo delle attività di altri lavoratori;
– operano in condizioni di autonomia direttiva, disimpegnando compiti, secondo diffe-
renti processi e metodologie, implicanti scelte discrezionali entro vincoli definiti
nell’ambito di aree di attività; ricevono una supervisione dei risultati complessivi
dell’attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI
GRUPPO 1):
A/1 SPECIALISTA DI MARKETING
– Collabora alla definizione degli obiettivi di vendita, in termini di volumi, mix, condi-
zioni di vendita e campagne promozionali, a livello nazionale e per singola zona.
– Svolge attività di supporto alla linea di vendita, analizzando e curando la corretta
applicazione metodologica e operativa delle leve di marketing.
– Assicura l’attuazione, la gestione operativa ed il costante aggiornamento del flusso
informativo tra la linea di vendita e gli enti interni ed esterni alla società.
A/1 COORDINATORE DI SEZIONE COMMERCIALE
– Analizza e stima il mercato, individuando le opportunità di sviluppo del business e
proponendo al capo zona gli obiettivi di zona coerenti con le politiche aziendali.
– Esegue una valutazione della clientela in funzione del mix prodotto, mix canali, dei
potenziali e dell’affidabilità della stessa; identifica inoltre le priorità di copertura e di
penetrazione nel mercato.
– Gestisce in modo differenziato la clientela nell’ambito delle relative leve a disposi-
zione (sconto, credito, attività promozionale, assistenza tecnica, logistica) tenendosi
informato dell’attività della concorrenza.
– Assegna agli addetti alle vendite gli obiettivi in linea con il potenziale delle zone di
competenza e fornisce loro supporto al fine di assicurare e controllare il raggiungi-
mento degli obiettivi globali.
A/1 VENDITORE
– Realizza gli obiettivi di vendita concordati con il superiore, nell’ambito della zona e
del prodotto di competenza, individuando la potenzialità del mercato, analizzando e
valutando, in termini di copertura e di penetrazione, le varie informazioni acquisite.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 114

114 ALLEGATO 2 - COMMERCIALE E LOGISTICA

– Concorda con il capo zona i potenziali, gli obiettivi ed i programmi di vendita per sin-
golo cliente.
– Sviluppa costantemente azioni promozionali e di vendita operando scelte di sele-
zione ed acquisizione della clientela ed illustra a ciascun cliente i vantaggi previsti
dalla campagna di vendita in funzione dei volumi, del mix di prodotto e dei tempi di
acquisto ed in confronto con quelli della concorrenza.
– Verifica il rapporto fido/esposizione e programma il rifornimento tenendo conto delle
possibilità finanziarie del cliente in modo da non creare possibilità di scaduto.

A/1 COORDINATORE TECNICO–COMMERCIALE


– Fornisce consulenza ed assistenza tecnica al cliente per garantire un corretto utilizzo
del prodotto in funzione del tipo di applicazione, guidando, coordinando e control-
lando le attività di assistenti ed addetti.
– Raccoglie informazioni e dati utili a valutare il grado di apprezzamento del prodotto
di competenza ed a suggerire miglioramenti del prodotto/servizio.
– Supporta il personale di vendita durante le trattative commerciali qualora si presenti
la necessità di fornire specifiche notizie tecniche.

A/1 COORDINATORE GESTIONE ORDINI


– Ricevuti gli ordini direttamente dal cliente, ne cura la gestione guidando, coordi-
nando e controllando i collaboratori nei rapporti con la clientela.
– Controlla, sulla base dei fidi assegnati, l’affidabilità del cliente e concorda con gli enti
competenti le eventuali azioni conseguenti.
– Mantiene rapporti con gli enti commerciali, di produzione ed amministrativi.

A/1 ACQUISITORE
– Elabora il piano degli acquisti e degli approvvigionamenti sulla base dei programmi di
produzione e dei livelli di scorta definiti; esegue ricerche di mercato, per individuare
possibili fornitori.
– Conduce direttamente, nell’ambito del mandato ricevuto, le trattative di acquisto,
concordando quantità, prezzi, modalità di consegna e termini di pagamento, colla-
borando col superiore per gli ordini più rilevanti.
– Controlla l’andamento degli acquisti, analizzando gli scostamenti tra preventivi e
consuntivi.
– Guida, coordina e controlla l’attività di compratori/approvvigionatori a cui fornisce gli
indirizzi necessari per l’espletamento delle procedure operative di acquisto.

A/1 ACQUISITORE DI MACCHINARI E APPARECCHIATURE COMPLESSE


– Contatta preliminarmente i potenziali fornitori, per l’approccio del problema e per
richiedere le offerte di prezzo.
– Analizza le offerte di prezzo ricevute, anche effettuando preventivi di massima e indi-
vidua il fornitore secondo criteri oggettivi (affidabilità, qualità del lavoro, rispetto delle
consegne, prezzo adeguato, etc.).
– Approfondisce e risolve eventuali problemi tecnici con il contributo del fornitore
stesso e della funzione aziendale che ha fatto la richiesta di acquisto.
– Emette l’ordine di acquisto.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 115

ALLEGATO 2 - COMMERCIALE E LOGISTICA 115

A/1 COORDINATORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE SCORTE/PROGRAMMATORE


– Elabora, in base alle previsioni commerciali ed alle potenzialità produttive delle unità
operative, il piano di produzione di massima.
– Sulla base del piano di produzione e delle variazioni eventualmente intercorse, ela-
bora il programma di produzione relativo alle diverse unità operative.
– Può apportare variazioni ai programmi di produzione esistenti, inserendo le modifi-
che richieste dagli enti tecnici o commerciali.
– Collabora alla definizione dei livelli di scorta, che può verificare costantemente in
relazione all’andamento degli ordini.
– Controlla l’avanzamento delle richieste di prodotto in portafoglio rispetto ai budgets
previsionali.

A/1 GESTORE DEI FLUSSI AI DEPOSITI


– Gestisce l’andamento degli stock della merce nei depositi, intervenendo in caso di
anomalie anche con correzione dei parametri di rifornimento.
– Definisce il tipo di rifornimento (automatico, a capienza, etc.) o lo può modulare
secondo le esigenze contingenti del mercato.
– Determina gli stock per i nuovi articoli da immettere nel mercato in base alle previ-
sioni di vendita.
– Garantisce una distribuzione equilibrata dei vari tipi di merce ai depositi.

A/1 COORDINATORE TRASPORTI


– Coordina l’attività di spedizione contattando i vettori con cui sono in vigore contratti
aperti per il reperimento dei mezzi più idonei a soddisfare le esigenze del servizio,
anche in relazione alla diversa composizione dei carichi.
– Esamina le particolari caratteristiche dei diversi trasporti e valuta le offerte ricevute
sotto il profilo del contenuto economico, delle condizioni generali e dell’affidabilità.
– Concorda autonomamente, nell’ambito del mandato ricevuto, le condizioni tariffarie
e di trasporto.
– Garantisce anche il rispetto dei programmi di spedizione e trasporto tra diverse unità
di deposito e ricerca nuovi vettori in caso di disservizi o urgenze.
– Guida, coordina e controlla il lavoro di più collaboratori.

A/1 RESPONSABILE DI MAGAZZINO


– Coordina lo svolgimento delle attività amministrative, l’effettuazione di inventari e
controlli contabili e/o fiscali, la registrazione dei movimenti di prodotti finiti e/o mate-
riali di produzione.
– Guida, coordina e controlla assistenti ed operatori nello svolgimento delle attività di
ricevimento, controllo, scarico, stoccaggio, conservazione e spedizione di materiali o
merci.
– Mantiene contatti con trasportatori e clienti per la risoluzione di problemi connessi
all’economicità ed alla tempestività delle spedizioni.
– Interagisce con le funzioni di produzione, di controllo e commerciale per organizzare
l’attività del magazzino, in armonia con i loro bisogni.
– È responsabile dell’efficienza dei mezzi e delle attrezzature affidategli.
– Può essere responsabile della definizione e del mantenimento delle giacenze dei
magazzini, adeguandone i livelli sulla base degli effettivi consumi e delle disponibilità
dei materiali sul mercato.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 116

116 ALLEGATO 2 - COMMERCIALE E LOGISTICA

LIVELLO C
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una formazione tecnica specialistica volta alla gestione critica delle pro-
cedure e metodologie proprie dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità di attività, nell’ambito di pratiche e metodi diversi che, per
variabilità ed incertezza dei risultati, comportino scelte conseguenti e/o la responsa-
bilità del coordinamento e controllo di altri lavoratori di livello inferiore con incarichi
diversificati nell’ambito della propria area funzionale;
– operano in condizioni di autonomia decisionale, disimpegnando compiti secondo dif-
ferenti procedure e metodologie, implicanti scelte di priorità nell’ambito delle norme e
pratiche stabilite; ricevono una verifica del risultato complessivo delle attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
C/1 ASSISTENTE COMMERCIALE/TECNICO GESTIONE ORDINI
– Assume e/o gestisce l’ordine del cliente, in funzione del tipo di prodotto o canale di
vendita, avviando ed eseguendo la specifica procedura operativa di evasione in ter-
mini di preparazione e spedizione.
– Fornisce al cliente informazioni relative ai prezzi, ai lotti minimi d’acquisto ed ai tempi
di consegna e, in base ai limiti forniti dal superiore, può discuterne il prezzo.
– Gestisce, sulla base delle indicazioni del superiore, i rapporti con i clienti per ciò che
riguarda: termini di consegna, modifiche all’ordine, solleciti, errori di fatturazione, resi
e reclami, note di debito e credito, avviando le procedure relative.
C/1 TECNICO RACCOLTA ED ELABORAZIONE DATI DI MERCATO
– Effettua la raccolta, l’aggiornamento e l’elaborazione delle previsioni di vendita e
delle gamme prodotti, per l’elaborazione del marketing plan.
– Cura la formalizzazione degli obiettivi di vendita mensilizzati a livello di totale famiglia
e mix, ne effettua la presentazione ai capi zona per la conferma e l’approvazione.
Effettua il controllo degli scostamenti tra risultati di vendita e obiettivi stabiliti e forni-
sce tempestive informazioni alle forze di vendita.
– Supporta operativamente le linee di vendita nella elaborazione del confronto prezzi di
listino con altre marche, rispetto alle quali elabora il posizionamento dei prodotti.

C/1 ASSISTENTE TECNICO


– Raccoglie, attraverso contatti con i clienti e con il personale di vendita, tutti i dati e le
informazioni utili a valutare il grado di apprezzamento dei prodotti in prova, comuni-
cando agli enti tecnologici i risultati.
– Si reca, generalmente su segnalazione del superiore o del personale di vendita,
presso i clienti per l’esame di problemi tecnici e fornisce assistenza per l’installazione
e l’impiego.
– Informa il personale di vendita in merito alle caratteristiche tecniche di nuovi prodotti
e lo affianca eventualmente nei contatti con la clientela.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 117

ALLEGATO 2 - COMMERCIALE E LOGISTICA 117

C/1 COMPRATORE/APPROVVIGIONATORE
– Emette, sulla base dei programmi di approvvigionamento per i materiali di produ-
zione e delle richieste di acquisto per i materiali di consumo, gli ordini di acquisto
operando anche su contratti aperti.
– Segue l’attività di sollecito al fornitore per garantire il rispetto dei tempi di consegna
stabiliti.
– Supporta il superiore nell’attività di acquisto relativa a materiali e prodotti, provvedendo
alla ricerca di fornitori, alla definizione delle condizioni ed alla stesura dei contratti.

C/1 ASSISTENTE MAGAZZINO


– Controlla gli arrivi delle materie prime dai fornitori, confrontando l’ordine e la bolletta
di accompagnamento dei beni viaggianti, per la verifica della conseguenza quantita-
tiva ed avvia la procedura operativa di carico contabile.
– Segnala al diretto superiore gli scostamenti quantitativi e/o di tipologia del prodotto
per consentire le decisioni in merito.
– Controlla i versamenti di prodotto finito o i prelievi di materie prime da reparti di pro-
duzione, conti lavorazione e resi, avviando le relative procedure operative.
– Gestisce le attività operative del personale di magazzino, distribuendo i carichi di lavoro
determinati dalle operazioni di versamento, prelievo e carico/scarico degli automezzi.
– Gestisce l’approntamento del carico degli automezzi verificando e correggendo
eventuali scostamenti tra carico pianificato e carico reale.
– Effettua periodicamente gli inventari fisici per l’espletamento delle rettifiche inventa-
riali (per scorte, contabilità industriale, bilancio).

GRUPPO 2):
C/2 CAPO SQUADRA DI MAGAZZINO
– Controlla gli arrivi delle forniture confrontando l’ordine con i documenti di spedizione
ed avvia la procedura operativa di carico contabile.
– Segnala al superiore gli scostamenti quantitativi o di tipologia di prodotto per con-
sentire le decisioni in merito.
– Controlla i versamenti di prodotto e/o prelievi di materie prime, avviando le relative
procedure operative.
– Coordina e controlla l’attività degli operatori di magazzino distribuendo i carichi di
lavoro derivanti dalle attività di versamento, prelievo, carico e scarico di automezzi e
ottimizzazione delle aree di stoccaggio.
– Gestisce l’approntamento del carico degli automezzi verificando e correggendo
eventuali scostamenti tra carico pianificato e carico reale.
– Assicura il rispetto delle norme di gestione fisica e amministrativa.
– È responsabile della corretta emissione e della congruenza dei documenti di legge.

LIVELLO E
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
delle scuole professionali o medie superiori o formazione equivalente o esperienza
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 118

118 ALLEGATO 2 - COMMERCIALE E LOGISTICA

precedente; unitamente ad una specifica ed adeguata formazione tecnica per l’uti-


lizzo di procedure e metodi di lavoro propri dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità della scelta del tipo e delle modalità degli interventi volti ad
assicurare la conformità/adeguatezza del risultato delle prestazioni e/o la responsa-
bilità della supervisione e del controllo di lavoratori di livello inferiore;
– operano in condizioni di autonomia delimitata, disimpegnando compiti, secondo pra-
tiche e metodi, implicanti scelte tra le opzioni possibili, nel rispetto di norme e proce-
dure definite; ricevono una verifica dei risultati finali.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
E/1 INCARICATO PRATICHE DI MAGAZZINO/SPEDIZIONE
– Riceve e controlla i documenti di versamento di materiali e prodotti a magazzino e
provvede alle operazioni di carico contabile attraverso l’imputazione nel sistema
informativo.
– Controlla la rispondenza tra ordine e bolla di prelievo ed effettua le operazioni di sca-
rico contabile.
– Emette, controlla e smista la documentazione necessaria alle spedizioni per Italia ed
estero, anche corredandola con eventuali istruzioni per il trasportatore.
– Supporta l’amministrazione nella verifica dell’attività contabile relativa al magazzino.

E/1 PREPARATORE DOCUMENTI PER IMPORT/EXPORT


– Prepara le bollette doganali e le relative documentazioni valutarie e statistiche, effet-
tuando anche i conteggi degli importi.
– Controlla e corregge i documenti accessori della pratica.
– Allestisce la pratica raccogliendo la corrispondenza, le istruzioni agli spedizionieri e
ai trasportatori e ogni altro documento necessario al buon fine della pratica stessa.

LIVELLO F

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso: l’intero ciclo delle scuole professio-
nali o formazione equivalente oppure esperienza precedente; unitamente ad un ade-
guato tirocinio per la maturazione di particolari capacità operative e particolari abilità
manuali e/o per l’utilizzo di mezzi e per comprendere e mettere in pratica procedure
prestabilite;
– hanno la responsabilità degli interventi volti ad assicurare la conformità/adeguatezza
del risultato delle prestazioni;
– operano in condizioni di autonomia operativa, eseguendo compiti secondo istruzioni
ricevute nell’ambito di procedure e metodi dati, con limitata possibilità di scelta tra
differenti opzioni; ricevono una supervisione sul modo di operare e un controllo sul
risultato.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 119

ALLEGATO 2 - COMMERCIALE E LOGISTICA 119

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
F/3 ADDETTO ASSISTENZA TECNICA
– Effettua, in base a programmi definiti o su chiamata, interventi pratici di assistenza
preventiva e correttiva sul prodotto.
– Esegue interventi addestrativi ed informativi ad utenti sull’impiego del prodotto.

F/3 PREPARATORE MERCI/MAGAZZINIERE


– Effettua, utilizzando i mezzi di movimentazione più idonei, lo stoccaggio dei materiali
di entrata, le operazioni di scarico automezzi, i conteggi unità, l’aggiornamento delle
schede inventario, anche con l’imputazione di dati nel terminale e il posizionamento
della merce nelle zone apposite.
– Fornisce, sulla base dei documenti ricevuti, i materiali necessari alla produzione,
anche effettuando direttamente il rifornimento delle linee.
– Esegue le operazioni di prelievo e preparazione del prodotto per la spedizione, con la
spunta del prelevato e segnalando al superiore eventuali anomalie.
– Svolge le operazioni di inventario fisico, utilizzando l’apposita modulistica per i con-
teggi.

F/3 AUTISTA
– Conduce automezzi (con possibilità di carico e scarico del mezzo), effettua interventi
di regolazione e di manutenzione ordinaria e, in caso di panne, gli interventi di ripara-
zione consentiti dai mezzi disponibili a bordo.

LIVELLO G
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso insegnamento ed addestramento
specifici per maturare una buona abilità manuale, la conoscenza dei mezzi di lavoro
e la padronanza delle metodologie e strumentazioni per il rilievo e la registrazione dei
dati di processo;
– hanno la responsabilità di assicurare la conformità/adeguatezza del risultato delle
attività e di accertare la corrispondenza qualitativa e quantitativa, anche in termini di
riscontro della congruità dei parametri rilevati;
– operano in condizioni di autonomia parzialmente vincolata, eseguendo compiti secondo
istruzioni specifiche, nell’ambito di procedure e di processi standardizzati; ricevono una
supervisione sul modo di operare ed un controllo sul risultato delle attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
G/3 CARRELLISTA
– Addetto alla manovra di un mezzo di trasporto, con conduzione a bordo, per effet-
tuare il deposito, il prelievo e l’impilamento di materiali vari in zone e posti prestabiliti,
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 120

120 ALLEGATO 2 - COMMERCIALE E LOGISTICA

con responsabilità di accertare la corrispondenza tra i materiali movimentati e le spe-


cifiche di fabbricazione, qualità e spedizione.

G/3 ADDETTO A MAGAZZINI


– Effettua operazioni di prelievo e accettazione di prodotti, semilavorati e materie
prime con responsabilità di riscontro documentale delle operazioni e con imputa-
zione di dati su terminale.
– Esegue la movimentazione e l’impilamento di materiali vari da e per zone e posti pre-
stabiliti nel magazzino, anche con l’ausilio di elevatori meccanici.

LIVELLO H
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso un insegnamento limitato ed un
addestramento specifico per maturare una buona abilità manuale, capacità operativa
e conoscenza dei mezzi di lavoro;
– hanno la responsabilità dell’accuratezza nella esecuzione dei compiti assegnati e
dell’accertamento del risultato dell’attività;
– operano in condizioni di autonomia vincolata, eseguendo compiti secondo istruzioni
dettagliate nell’ambito di procedure vincolanti e di processi standardizzati; ricevono
un controllo sul modo di operare e sul risultato delle attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
H/3 CARRELLISTA
– È addetto alla manovra di un mezzo di trasporto, con conduzione a bordo, per effet-
tuare il deposito, il prelievo e l’impilamento di materiali vari in zone e posti prestabiliti,
nel rispetto delle specifiche di qualità e di fabbricazione.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 121

ALLEGATO 2 - MANUTENZIONE 121

MANUTENZIONE

LIVELLO A

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una articolata formazione tecnica specialistica, orientata ad interventi in
processi e metodologie dell’area di appartenenza e alla individuazione di soluzioni
integrate con altre aree funzionali;
– hanno la responsabilità di attività che comportano rilevanti effetti economici ed orga-
nizzativi e/o la responsabilità dell’andamento funzionale dell’unità organizzativa di
appartenenza, con guida, coordinamento e controllo delle attività di altri lavoratori;
– operano in condizioni di autonomia direttiva, disimpegnando compiti, secondo diffe-
renti processi e metodologie, implicanti scelte discrezionali entro vincoli definiti
nell’ambito di aree di attività; ricevono una supervisione dei risultati complessivi
dell’attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
A/1 ASSISTENTE CAPO MANUTENZIONE
– Guida, coordina e controlla l’attività di più assistenti e manutentori.
– Programma e organizza gli interventi di qualsiasi tipo di manutenzione, definendone
le priorità nell’ambito degli obiettivi aziendali.
– Aggiorna i collaboratori sulle nuove tecniche di manutenzione e dà loro l’assistenza
necessaria per gli interventi particolarmente complessi.
– Definisce con altri enti le modalità operative di un programma di manutenzione e col-
labora alla ricerca di soluzioni tecniche atte a migliorare il livello manutentivo e/o
costruttivo degli impianti, nel rispetto delle norme di sicurezza.

LIVELLO C
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una formazione tecnica specialistica volta alla gestione critica delle pro-
cedure e metodologie proprie dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità di attività, nell’ambito di pratiche e metodi diversi che, per
variabilità ed incertezza dei risultati, comportino scelte conseguenti e/o la responsa-
bilità del coordinamento e controllo di altri lavoratori di livello inferiore con incarichi
diversificati nell’ambito della propria area funzionale;
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 122

122 ALLEGATO 2 - MANUTENZIONE

– operano in condizioni di autonomia decisionale, disimpegnando compiti secondo


differenti procedure e metodologie, implicanti scelte di priorità nell’ambito delle
norme e pratiche stabilite; ricevono una verifica del risultato complessivo delle atti-
vità.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
C/1 TECNICO DI MANUTENZIONE
– Sviluppa gli studi sulle macchine di fabbricazione per facilitare e semplificare gli
interventi di manutenzione di qualsiasi natura.
– Predispone e/o effettua la messa a punto e le regolazioni dei parametri di qualità
delle macchine.

C/1 ASSISTENTE DI MANUTENZIONE


– Coordina, distribuisce il lavoro a più manutentori e ne controlla le attività garantendo
una corretta esecuzione degli interventi nell’ambito delle priorità fissate e nel rispetto
delle norme di sicurezza.
– Analizza le cause dei guasti, per l’eliminazione/risoluzione dei problemi e per la ste-
sura dei programmi a breve/medio termine.

LIVELLO D
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
delle scuole professionali o medie superiori o formazione equivalente o esperienza
precedente; unitamente ad una specifica ed adeguata formazione tecnico/speciali-
stica per l’utilizzo di procedure e metodi di lavoro in ambito manutentivo;
– hanno la responsabilità della scelta, del tipo e delle modalità degli interventi volti ad
assicurare la conformità/adeguatezza del risultato delle prestazioni e/o la responsa-
bilità della supervisione e del controllo di lavoratori di livello inferiore;
– operano con specifica autonomia decisionale, definendo e realizzando complessi
interventi risolutivi, secondo differenti procedure e metodologie, implicanti anche
scelte di priorità nel rispetto delle specifiche tecniche; ricevono una verifica dei risul-
tati finali.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
D/1 ADDETTO ALLA PROGRAMMAZIONE LAVORI DI MANUTENZIONE
– Provvede a smistare al personale competente le richieste relative agli interventi di
manutenzione provenienti dai vari reparti, eseguendo, se necessario, schizzi esem-
plificativi ed assicura la raccolta dei dati e della documentazione necessaria per
l’esecuzione degli stessi.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 123

ALLEGATO 2 - MANUTENZIONE 123

– Elabora le previsioni di fabbisogno materiali, ne verifica lo stock a magazzino e prov-


vede a trasmettere al superiore la richiesta di ordini di acquisto.
– Cura l’aggiornamento del quadro di programmazione, interviene, se necessario, per
l’esecuzione dei lavori prioritari, affiancando l’assistente di manutenzione.
– Effettua periodicamente l’analisi dei lavori eseguiti, rileva i costi a consuntivo, elabo-
rando tabelle di confronto con i costi previsionali.

GRUPPO 3):
D/3 GIUNTISTA MONTATORE PROVETTO
– Personale che fuori sede, in condizioni di autonomia decisionale, esegue complesse
operazioni di posa, montaggio e giunzione di qualsiasi tipo di cavo per il trasporto
dell’energia e su cavi pilota, sia terrestri che sottomarini, con isolante estruso e/o
con isolante in carta impregnata, con autonoma delibera funzionale ed avvalendosi
della collaborazione di personale coadiuvante.

D/3 AGGIUSTATORI/MONTATORI
– Eseguono, fuori sede ed in condizioni di autonomia decisionale, il montaggio e la
messa a punto di macchinari o impianti complessi nonché di elevato grado di preci-
sione, con possibilità di autonoma decisione, nell’ambito della esecuzione dei lavori
affidati e con delibera funzionale degli stessi.
– Provvede alla realizzazione di modifiche su indirizzi di massima, partecipando alla
formulazione di proposte migliorative.

D/3 SPECIALISTA ELETTRONICO


– Opera sulla intera gamma delle apparecchiature elettroniche complesse effettuando,
con possibilità di autonoma decisione nell’ambito dell’esecuzione dei lavori affidati-
gli, interventi che risultino risolutivi.
– Individua ed elimina qualsiasi guasto di natura elettronica.–Effettua la taratura delle
suddette apparecchiature, sia dopo la revisione che all’atto dell’installazione.
– Provvede alla realizzazione di modifiche su indirizzi di massima, partecipando alla
formulazione di proposte migliorative.

D/3 MONTATORE/RIPARATORE PROVETTO DI NASTRI TRASPORTATORI


– Provvede fuori sede all’installazione dei nastri presso la clientela, con autonomia
decisionale sia nell’ambito della esecuzione dei lavori affidati che per la delibera fun-
zionale degli stessi.

D/3 COSTRUTTORE DI PROTOTIPI DI STAMPI PER PRESSE


– Opera sui vari tipi di macchine utensili con scelta autonoma dei materiali, della suc-
cessione delle operazioni, delle modalità di costruzione e con delibera funzionale.
– Esegue, in condizioni di autonomia decisionale, l’intera fase di lavorazione di elevato
grado di difficoltà, in relazione alla interpretazione critica del disegno e degli schemi
funzionali e costruttivi nonchè al ristretto campo di tolleranza, agli accoppiamenti da
realizzare ed al grado di finitura.
– Provvede inoltre alla realizzazione di modifiche su indirizzi di massima, partecipando
alla formulazione di proposte migliorative.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 124

124 ALLEGATO 2 - MANUTENZIONE

D/3 SPECIALISTA SISTEMI DI MISURA


– Opera, in condizioni di autonomia decisionale, sull’intera gamma delle apparecchia-
ture elettroniche relative agli strumenti di misura di grandezze fisiche, alle catene ed
ai sistemi di misura.
– Ricerca e rimuove le cause che producono anomalie e derive della misura dei para-
metri dei processi produttivi e ne ripristina la qualità.
– Imposta ed esegue la taratura sia dopo la revisione sia all’atto dell’installazione.
– Provvede inoltre alla realizzazione di modifiche su indirizzi di massima, partecipando
alla formulazione di proposte migliorative.

D/3 SPECIALISTA MECCATRONICO


– Opera sull’intera gamma di impianti e macchine automatizzati e complessi, effet-
tuando la diagnosi di ogni tipologia di guasti e di anomalia di funzionamento.
– Definisce le cause e la struttura di ogni tipo di intervento sia esso di natura elettro-
nico, elettrico, meccanico e fluidico, intervento che successivamente realizza in con-
dizioni di autonomia decisionale, anche coordinando lavoratori di livello inferiore
assicurando il ripristino delle condizioni standards operative.
– Provvede inoltre alla realizzazione di modifiche su indirizzi di massima, partecipando
alla formulazione di proposte migliorative.

LIVELLO E
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
delle scuole professionali o medie superiori o formazione equivalente o esperienza
precedente; unitamente ad una specifica ed adeguata formazione tecnica per l’uti-
lizzo di procedure e metodi di lavoro propri dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità della scelta del tipo e delle modalità degli interventi volti ad
assicurare la conformità/adeguatezza del risultato delle prestazioni e/o la responsa-
bilità della supervisione e del controllo di lavoratori di livello inferiore;
– operano in condizioni di autonomia delimitata, disimpegnando compiti, secondo pra-
tiche e metodi, implicanti scelte tra le opzioni possibili, nel rispetto di norme e proce-
dure definite; ricevono una verifica dei risultati finali.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
E/3 MANUTENTORE DI IMPIANTI TECNOLOGICAMENTE COMPLESSI
– Esegue, in autonomia, interventi su gruppi o impianti tecnologicamente complessi.
– Individua qualsiasi tipo di guasto o di anomalia di funzionamento ed effettua la
ricerca e la identificazione delle cause che li hanno provocati, imposta e/o esegue le
riparazioni e predispone le opportune azioni di miglioramento.
– Interpreta criticamente schemi e disegni anche con l’utilizzo di PC o strumenti di
analisi a lettura indiretta.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 125

ALLEGATO 2 - MANUTENZIONE 125

E/3 MONTATORE
– Esegue il montaggio di gruppi tecnologicamente complessi in autonomia e avvalen-
dosi dell’aiuto di altri lavoratori.
– Effettua la messa a punto e la messa in funzione di impianti o gruppi.
– Assicura, anche con complesse regolazioni, la corretta realizzazione del ciclo pro-
duttivo richiesto.
– Interpreta criticamente i disegni complessivi, gli schemi pneumatici, elettrici, elettro-
nici per l’identificazione della più rapida e razionale sequenza di montaggio.

E/3 ATTREZZISTA
– Realizza su progetto l’attrezzatura per le lavorazioni, tenendo conto delle particola-
rità di montaggio.
– Effettua la verifica, il ripristino funzionale e l’avviamento produttivo delle attrezzature
realizzate, anche con la costruzione e messa a punto dei ricambi.
– Assicura l’avviamento produttivo delle nuove attrezzature, mettendo a punto i parti-
colari.

E/3 ADDETTO INDUSTRIALIZZAZIONE STAMPI MATERIE PLASTICHE


– In occasione dell’installazione di stampi su linee produttive, ne effettua il montaggio
e la messa a punto, a fini della corretta realizzazione del ciclo produttivo e della
conformità agli standards qualitativi richiesti.

E/3 GIUNTISTA MONTATORE


– Personale che, fuori sede, sotto il controllo di un montatore provetto o di un assi-
stente, esegue complesse operazioni di posa, montaggio e giunzione di cavi per il
trasporto dell’energia e di cavi pilota, anche fornendo le necessarie istruzioni per la
corretta preparazione della posa dei cavi (posizionamento bobine, argano, rulli, etc.)
e delle opere di servizio all’installazione (attrezzamento buche di giunzione, prepara-
zione ponteggi, etc.).

E/3 CONDUTTORE IMPIANTI DI CENTRALE TERMICA *


– Sulla base dell’abilitazione ottenuta e di una approfondita conoscenza delle mac-
chine, gestisce l’impianto per la produzione di fluidi tecnologici e di energia elettrica
da utilizzare in produzione.
– Esegue, direttamente o coordinando altri addetti, interventi di controllo, di regola-
zione e di ripristino dei parametri dei fluidi e dell’energia sulle caldaie e sui turboalter-
natori e di sezionamento delle linee elettriche in funzione degli assorbimenti di ener-
gia definiti da contratti con Enti esterni e/o dalla variabilità dei bisogni degli utenti
interni.

* Dal 1°aprile 1996


104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 126

126 ALLEGATO 2 - MANUTENZIONE

LIVELLO F

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso: l’intero ciclo delle scuole professio-
nali o formazione equivalente oppure esperienza precedente; unitamente ad un ade-
guato tirocinio per la maturazione di particolari capacità operative e particolari abilità
manuali e/o per l’utilizzo di mezzi e per comprendere e mettere in pratica procedure
prestabilite;
– hanno la responsabilità degli interventi volti ad assicurare la conformità/adeguatezza
del risultato delle prestazioni;
– operano in condizioni di autonomia operativa, eseguendo compiti secondo istruzioni
ricevute nell’ambito di procedure e metodi dati, con limitata possibilità di scelta tra
differenti opzioni; ricevono una supervisione sul modo di operare e un controllo sul
risultato.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
F/3 ADDETTO MACCHINE UTENSILI
– Esegue, in autonomia su macchine utensili, qualsiasi lavoro di costruzione e/o adat-
tamento di particolari o di congegni meccanici, che richiede il rispetto di tolleranze
ristrette ed un alto grado di finitura.
– Interpreta il disegno meccanico nelle tre viste anche per definire e realizzare il ciclo di
lavoro più razionale.

F/3 ADDETTO ALLA MANUTENZIONE E AL MONTAGGIO DI MACCHINE E IMPIANTI


– Esegue programmi di manutenzione definiti da specifici interventi applicando
soluzioni conosciute e sperimentate nel rispetto di tempi e modalità operative sta-
bilite.
– Ricerca ed individua le cause dei guasti in base a una specifica conoscenza degli
impianti e una approfondita esperienza pratica.
– Effettua la messa in marcia e il controllo funzionale dell’impianto, etc., con regola-
zioni per la corretta realizzazione del ciclo produttivo richiesto.
– Legge, anche interpretandoli, disegni meccanici e/o schemi elettrici, elettronici,
pneumatici.

F/3 ADDETTO ALLA CONDUZIONE DI GENERATORI TERMICI


– Assicura la gestione dei generatori termici eseguendo direttamente le accensioni, gli
spegnimenti e le eventuali regolazioni dei generatori stessi.
– Gestisce l’impianto in base alla abilitazione ottenuta ed alle norme di sicurezza.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 127

ALLEGATO 2 - MANUTENZIONE 127

LIVELLO H

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso un insegnamento limitato ed un
addestramento specifico per maturare una buona abilità manuale, capacità operativa
e conoscenza dei mezzi di lavoro;
– hanno la responsabilità dell’accuratezza nella esecuzione dei compiti assegnati e
dell’accertamento del risultato dell’attività;
– operano in condizioni di autonomia vincolata, eseguendo compiti secondo istruzioni
dettagliate nell’ambito di procedure vincolanti e di processi standardizzati; ricevono
un controllo sul modo di operare e sul risultato delle attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
H/3 AUSILIARIO DI MANUTENZIONE

– Esegue, in base a dettagliate indicazioni e/o a disegni, lavori semplici di montaggio,


di attrezzaggio o di parti di macchine, anche come coadiuvante di lavoratori di livello
superiore.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 128

128 ALLEGATO 2 - PERSONALE, ORGANIZZAZIONE ED E.D.P.

PERSONALE, ORGANIZZAZIONE ED E.D.P.

LIVELLO A

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una articolata formazione tecnica specialistica, orientata ad interventi in
processi e metodologie dell’area di appartenenza e alla individuazione di soluzioni
integrate con altre aree funzionali;
– hanno la responsabilità di attività che comportano rilevanti effetti economici ed orga-
nizzativi e/o la responsabilità dell’andamento funzionale dell’unità organizzativa di
appartenenza, con guida, coordinamento e controllo delle attività di altri lavoratori;
– operano in condizioni di autonomia direttiva, disimpegnando compiti, secondo diffe-
renti processi e metodologie, implicanti scelte discrezionali entro vincoli definiti
nell’ambito di aree di attività; ricevono una supervisione dei risultati complessivi
dell’attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
A/1 RESPONSABILE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE
– Guida, coordina e controlla i supervisori ed incaricati alla gestione amministrativa del
personale, programmandone le attività, nel rispetto delle scadenze prefissate, delle
norme contrattuali e legislative e delle direttive aziendali.
– Interviene in caso di situazioni anomale e risolve i casi più complessi che si presen-
tano in relazione a particolari esigenze individuali del personale amministrato.
– Mantiene e sviluppa contatti con l’area amministrativa e gestisce i rapporti con enti
esterni per pratiche relative a collocamento, antinfortunistica, assistenza, previ-
denza.
– Cura la gestione delle procedure informatiche per quanto di pertinenza.

A/1 SPECIALISTA RISORSE UMANE


– Imposta e gestisce, sulla base delle indicazioni del superiore, le attività di sviluppo e
retribuzione del personale.
– Effettua analisi e studi sulla motivazione e l’efficienza delle risorse umane, propo-
nendo ed attuando ipotesi di intervento.
– Cura la mobilità del personale e l’applicazione dei sistemi di gestione e di valutazione
delle prestazioni e del potenziale.
– Cura l’applicazione e l’aggiornamento dei sistemi di incentivazione.
– Mantiene i rapporti con i dipendenti in relazione a specifiche esigenze individuali del
personale gestito.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 129

ALLEGATO 2 - PERSONALE, ORGANIZZAZIONE ED E.D.P. 129

A/1 RESPONSABILE DI FORMAZIONE


– Predispone il piano di formazione, in funzione dei bisogni individuati e delle caratteri-
stiche degli utenti e ne garantisce la corretta applicazione, guidando, coordinando e
controllando l’attività dei collaboratori.
– Promuove nuovi programmi di formazione anche in collaborazione con enti esterni,
contribuendo alla progettazione degli stessi.
– Interagisce con gli enti coinvolti nella formazione.
,
A/1 SPECIALISTA DI SELEZIONE
– Definisce con l’utente i profili del personale da assumere, effettua la ricerca attra-
verso colloqui preliminari.
– Segue le prove attitudinali, prepara, applica e corregge i test e redige un rapporto
sull’orientamento del candidato.
– Predispone il piano di inserimento dei neoassunti.
– Mantiene i rapporti con gli enti esterni.

A/1 ANALISTA DI ORGANIZZAZIONE


– Definisce, in collaborazione con il superiore, le metodologie operative, il costo e la
redditività degli interventi volti a migliorare i livelli di produttività del lavoro.
– Guida, coordina e controlla l’attività dei tecnici e ne cura l’addestramento.
– Studia l’applicazione del sistema di incentivazione più opportuno, definendo le forme
retributive e calcolando i valori monetari dell’incentivo.
– Analizza, in collaborazione con il superiore, problemi complessi relativi alla rileva-
zione del costo dei prodotti o i tempi standard in rapporto alla saturazione impianti
od ai cicli uomo–macchina.
– Imposta un piano di controllo per verificare la funzionalità di nuove organizzazioni e
fornisce consulenza su norme operative, procedure e inquadramenti contrattuali.

A/1 ANALISTA PROGRAMMATORE


– Studia le procedure da realizzare e ne definisce la struttura informatica; effettua
l’analisi tecnica delle singole fasi elaborative in base a specifiche generali definite
dagli analisti di sistemi e interagisce con l’utenza per la definizione delle specifiche
funzionali.
– Programma secondo il linguaggio definito e gli standards adeguati e conduce le
prove pratiche di funzionamento del programma, eliminando eventuali errori ed effet-
tuando la messa a punto finale.
– Conduce le prove pratiche di funzionamento della procedura, verificando la corri-
spondenza alle esigenze dell’utente.
– Guida, coordina e controlla l’attività di più programmatori.

A/1 RESPONSABILE OPERATIVO


– È responsabile della corretta conduzione del Centro E.D. e dell’addestramento
all’uso dei programmi del personale utente.
– Gestisce le procedure del sistema operativo per il collegamento e funzionamento dei
terminali, coordina le procedure del package installato per garantirne il corretto uti-
lizzo ed è responsabile dell’archivio stampati e materiale ausiliario.
– Gestisce direttamente a video alcune funzioni complesse e fornisce gli output alle sca-
denze previste, apportando le opportune variazioni in caso di incoerenze o anomalie.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 130

130 ALLEGATO 2 - PERSONALE, ORGANIZZAZIONE ED E.D.P.

– È responsabile dell’assegnazione ad ogni utente delle password di accesso alle pro-


cedure e provvede a fornire su richiesta la necessaria assistenza in fase applicativa.
– Analizza guasti o cattivi funzionamenti, richiedendo e coordinando l’eventuale inter-
vento dei tecnici.

A/1 SPECIALISTA DI SOFTWARE


– Esamina la documentazione tecnica della casa costruttrice inerente l’insieme dei
programmi del sistema operativo di sua competenza e/o il progetto di meccanizza-
zione di nuovi sistemi e procedure.
– Progetta la nuova struttura di meccanizzazione; fornisce direttive tecniche di detta-
glio ai collaboratori per lo sviluppo dei programmi; prepara le norme d’uso degli
standards di analisi e programmazione, controllandone il rispetto in fase di stesura
dei sistemi.
– Collabora con il responsabile del software per risolvere problemi particolari e per
coordinare analisti e programmatori nella realizzazione dei progetti.
– Mantiene contatti con l’utenza e/o i reparti operativi del centro, al fine di fornire diret-
tive tecniche per lo sviluppo di nuovi programmi o la gestione di quelli esistenti, e
con la casa costruttrice per esaminare eventuali miglioramenti del sistema operativo
che gestisce.

LIVELLO B
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore, o formazione equivalente, o esperienza precedente;
unitamente ad una approfondita conoscenza tecnica specialistica volta alla gestione
critica di procedure, metodologie e adempimenti normativi nei settori giuslavoristici e
di bilancio/contabilità;
– hanno la responsabilità di garantire che il risultato delle attività, articolate secondo
pratiche e metodi diversi, sia costantemente ed esattamente conforme, pur in pre-
senza di numerose e complesse variabili ed interferenze, alle disposizioni normative
pertinenti e/o la responsabilità del coordinamento e controllo di altri lavoratori di
livello inferiore con incarichi diversificati nell’ambito della propria area professionale;
– operano con ampia autonomia decisionale, disimpegnando compiti implicanti scelte
nell’ambito delle pratiche e norme di riferimento; ricevono una supervisione dei risul-
tati complessivi dell’attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
B/1 COORDINATORE INCARICATI PRATICHE AMMINISTRATIVE DEL PERSONALE
– Esamina le pratiche di gestione amministrativa del personale, ricevute dal superiore,
le distribuisce ai collaboratori, fornisce loro indicazioni sulle modalità di esecuzione
del lavoro e ne coordina e controlla l’attività.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 131

ALLEGATO 2 - PERSONALE, ORGANIZZAZIONE ED E.D.P. 131

– Provvede direttamente all’evasione delle pratiche più complesse, che richiedono


particolari modalità e procedure di esecuzione e collabora con il superiore nello svi-
luppo di nuove procedure amministrative.
– Fornisce al personale chiarimenti su argomenti di propria competenza.

LIVELLO C

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una formazione tecnica specialistica volta alla gestione critica delle pro-
cedure e metodologie proprie dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità di attività, nell’ambito di pratiche e metodi diversi che, per
variabilità ed incertezza dei risultati, comportino scelte conseguenti e/o la responsa-
bilità del coordinamento e controllo di altri lavoratori di livello inferiore con incarichi
diversificati nell’ambito della propria area funzionale;
– operano in condizioni di autonomia decisionale, disimpegnando compiti secondo
differenti procedure e metodologie, implicanti scelte di priorità nell’ambito delle
norme e pratiche stabilite; ricevono una verifica del risultato complessivo delle atti-
vità.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
C/1 TECNICO D’ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE
– Effettua l’analisi critica dell’organizzazione esistente, mette a punto il programma di
intervento e le metodologie operative e propone modifiche migliorative da apportare
al metodo di lavoro in corso.
– Effettua lo studio dei tempi di una lavorazione e l’elaborazione completa della tariffa
di cottimo.
– Segue le fasi d’avviamento dell’applicazione del cottimo e ne controlla i risultati, for-
mulando previsioni sull’impegno di personale a breve e a medio termine.

C/1 TECNICO D’ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA


– Effettua l’analisi critica delle microstrutture aziendali e formula proposte di razionaliz-
zazione di lay–out, di flussi operativi e di dimensionamento organici.
– Verifica l’opportunità e le implicazioni dell’informatizzazione di una procedura e ne
effettua lo studio preliminare. Esegue il planning della messa in marcia del sistema,
ne segue l’andamento e ne controlla i risultati.

C/1 PROGRAMMATORE
– Definisce i mezzi e realizza l’analisi informatica di una procedura, sulla base dell’ana-
lisi funzionale e programma secondo il linguaggio e gli standards definiti.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 132

132 ALLEGATO 2 - PERSONALE, ORGANIZZAZIONE ED E.D.P.

– Conduce le prove pratiche di funzionamento del programma, eliminando eventuali


errori ed effettua la messa a punto finale. Mantiene ed aggiorna i programmi già fun-
zionanti.
– Collabora con il superiore sia alla stesura della documentazione delle procedure e
alla loro messa a punto in fase di avviamento sia alla compilazione delle istruzioni per
gli operatori.

C/1 SCHEDULATORE LAVORI


– Gestisce i calendari elaborativi dei diversi lavori tenendo conto degli eventuali requi-
siti che li condizionano reciprocamente nel rispetto delle consegne date dal settore
della programmazione.
– Verifica il corretto esito dei lavori e analizza le cause di un’eventuale anomalia in col-
laborazione con la sala macchina, il responsabile della registrazione dati ed il settore
di programmazione.

C/1 ASSISTENTE DI TURNO EDP


– Predispone l’assetto del sistema secondo priorità e classi assegnate alle varie proce-
dure e ne gestisce le risorse.
– Cura, nello svolgimento del lavoro, il rispetto delle norme operative attuando, se
necessario, le procedure di emergenza previste; analizza ed individua condizioni di
errore sia hardware che software e verifica la completezza degli output.
– Coordina e controlla le attività del personale nel turno e l’addestramento dei neoinseriti.

C/1 TECNICO PRATICHE AMMINISTRATIVE DEL PERSONALE *


– Cura l’intero ciclo delle operazioni necessarie all’elaborazione delle retribuzioni ed i
conseguenti adempimenti assicurativi, previdenziali e fiscali.
– Cura la raccolta e l’elaborazione dei dati relativi al costo del lavoro ed effettua, per
conti specifici, la stesura delle previsioni dell’incidenza della massa retributiva, ripar-
tendone i consuntivi nei relativi conti analitici e generali.
– Collabora allo sviluppo, nell’area di competenza, delle procedure amministrative,
anche informatizzate.
– Ha rapporti con enti esterni ed interni.

LIVELLO E
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
delle scuole professionali o medie superiori o formazione equivalente o esperienza
precedente; unitamente ad una specifica ed adeguata formazione tecnica per l’uti-
lizzo di procedure e metodi di lavoro propri dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità della scelta del tipo e delle modalità degli interventi volti ad
assicurare la conformità/adeguatezza del risultato delle prestazioni e/o la responsa-
bilità della supervisione e del controllo di lavoratori di livello inferiore;

* Dal 1°aprile 1996


104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 133

ALLEGATO 2 - PERSONALE, ORGANIZZAZIONE ED E.D.P. 133

– operano in condizioni di autonomia delimitata, disimpegnando compiti, secondo pra-


tiche e metodi, implicanti scelte tra le opzioni possibili, nel rispetto di norme e proce-
dure definite; ricevono una verifica dei risultati finali.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
E/1 INCARICATO PRATICHE DEL PERSONALE
– Svolge più attività connesse con la gestione amministrativa del personale: liquida-
zione paghe, stipendi; controllo malattia, pratiche assicurative; pratiche assunzione,
etc.
– Controlla, seguendo procedure definite, tutti i documenti relativi alle attività di com-
petenza e provvede al completamento e all’elaborazione dei dati ivi contenuti con
l’utilizzo di supporti informatici.
– Effettua le registrazioni previste e trasmette al coordinatore o direttamente agli enti
interessati i documenti esaminati e completati.

E/1 OPERATORE EDP


– In base alla pianificazione del lavoro e alle istruzioni ricevute gestisce le risorse del
sistema, intervenendo tramite consolle e variando la sequenza dei lavori secondo
necessità.
– Effettua il caricamento dei programmi e ne cura l’esatta sequenza; controlla le
segnalazioni di errore e ricerca possibili soluzioni, intervenendo direttamente tramite
comandi a consolle.
– Controlla l’esito normale dei vari lavori, segnalando al superiore i casi di fine anor-
male; effettua le operazioni di salvataggio degli archivi.
– Utilizzando programmi già predisposti, nell’elaborazione di operazioni remote a bloc-
chi, prepara e verifica nell’andamento i dati in entrata per il regolare funzionamento
delle operazioni, senza modificare i programmi.

E/1 INCARICATO SUPPORTO UTENTI E TRATTAMENTI INPUT/OUTPUT


– Gestisce la funzione di supporto utenti per tutti i sistemi aziendali in esercizio, in ter-
mini di ricezione e registrazione delle segnalazioni di anomalie, intervenendo diretta-
mente per indicare possibili soluzioni alternative e/o attivando gli enti competenti in
caso di risoluzione non completa del problema.
– Predispone il rapporto di controllo sullo stato dei problemi e sulle soluzioni adottate.
– Provvede, se necessario, a predisporre funzioni applicative in ambiente PC (per il
servizio) con i prodotti standards aziendali.

GRUPPO 3):
E/3 ADDESTRATORE
– Modula la durata delle varie fasi del piano di addestramento, redatto dal superiore, in
funzione delle caratteristiche dei lavoratori in istruzione e li mette in condizione di
conoscere il funzionamento della macchina/impianto, le specifiche di qualità e di fab-
bricazione e il ciclo di lavoro.
– Segue il personale durante l’esecuzione delle operazioni manuali sul prodotto fino al
conseguimento di un normale livello di produttività e di qualità ed esercita sugli stessi
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 134

134 ALLEGATO 2 - PERSONALE, ORGANIZZAZIONE ED E.D.P.

la supervisione e il controllo funzionale nell’ambito della medesima dipendenza


gerarchica.
– Riferisce al superiore e agli enti della produzione sull’andamento dell’istruzione e col-
labora all’eventuale variazione dei programmi.

LIVELLO F
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso: l’intero ciclo delle scuole professio-
nali o formazione equivalente oppure esperienza precedente; unitamente ad un ade-
guato tirocinio per la maturazione di particolari capacità operative e particolari abilità
manuali e/o per l’utilizzo di mezzi e per comprendere e mettere in pratica procedure
prestabilite;
– hanno la responsabilità degli interventi volti ad assicurare la conformità/adeguatezza
del risultato delle prestazioni;
– operano in condizioni di autonomia operativa, eseguendo compiti secondo istruzioni
ricevute nell’ambito di procedure e metodi dati, con limitata possibilità di scelta tra
differenti opzioni; ricevono una supervisione sul modo di operare e un controllo sul
risultato.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
F/1 ADDETTO REGISTRAZIONE/VERIFICA DATI
– Registra i dati su dischetto a mezzo tastiera con pretabulazione.
– Reintroduce i dati al fine di rilevare eventuali discordanze tra il dato registrato in pre-
cedenza e il documento base.
– Gestisce il parco dischetti (archiviazione per una giornata e successiva cancellazione
per il reimpiego).

F/1 OPERATORE AUSILIARIO EDP


– In base agli indirizzi ricevuti prepara le unità periferiche, le mantiene in buone condi-
zioni d’uso attraverso la pulizia periodica e segnala in sala macchine eventuali guasti
o cattivi funzionamenti.
– Soddisfa le richieste sulle stampanti, montando i moduli e i nastri carrello o alimen-
tando i vari task richiesti, attraverso semplici operazioni di consolle; cura l’esatta
fasatura della stampa e suddivide gli output relativi ad ogni lavoro o prova.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 135

ALLEGATO 2 - PRODUZIONE 135

PRODUZIONE

LIVELLO A

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una articolata formazione tecnica specialistica, orientata ad interventi in
processi e metodologie dell’area di appartenenza e alla individuazione di soluzioni
integrate con altre aree funzionali;
– hanno la responsabilità di attività che comportano rilevanti effetti economici ed orga-
nizzativi e/o la responsabilità dell’andamento funzionale dell’unità organizzativa di
appartenenza, con guida, coordinamento e controllo delle attività di altri lavoratori;
– operano in condizioni di autonomia direttiva, disimpegnando compiti, secondo diffe-
renti processi e metodologie, implicanti scelte discrezionali entro vincoli definiti
nell’ambito di aree di attività; ricevono una supervisione dei risultati complessivi
dell’attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
A/1 ASSISTENTE CAPO/SOVRAINTENDENTE/CAPO REPARTO
– Guida, coordina e controlla risorse umane e tecniche.
– Gestisce la produzione di più prodotti, con diverse tipologie di processo.
– Garantisce la realizzazione di obbiettivi produttivi, qualitativi e di efficienza, nel
rispetto delle norme di sicurezza.
– Interviene per modifiche e variazioni dei programmi di produzione, in relazione a prio-
rità tecnico–produttive e/o eventuali imprevisti, nel rispetto delle indicazioni generali
ricevute.
– Concorre, in rapporto con gli altri enti/uffici aziendali, al miglioramento degli stan-
dards qualitativi, produttivi e di processo.

A/1 SPECIALISTA DI PROGRAMMAZIONE


– Predispone, sulla base di procedure predefinite, programmi di produzione di uno o
più reparti o unità produttive, pianificando l’ottimale utilizzo di impianti e macchinari,
in relazione alle esigenze aziendali ed alle capacità produttive.
– Predispone inoltre consuntivi di produzione, per consentire il controllo dell’impiego
dei fattori di produzione, anche fornendo le necessarie informazioni di ritorno alle
altre funzioni aziendali interessate.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 136

136 ALLEGATO 2 - PRODUZIONE

LIVELLO C

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una formazione tecnica specialistica volta alla gestione critica delle pro-
cedure e metodologie proprie dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità di attività, nell’ambito di pratiche e metodi diversi che, per
variabilità ed incertezza dei risultati, comportino scelte conseguenti e/o la responsa-
bilità del coordinamento e controllo di altri lavoratori di livello inferiore con incarichi
diversificati nell’ambito della propria area funzionale;
– operano in condizioni di autonomia decisionale, disimpegnando compiti secondo
differenti procedure e metodologie, implicanti scelte di priorità nell’ambito delle
norme e pratiche stabilite; ricevono una verifica del risultato complessivo delle atti-
vità.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
C/1 ASSISTENTE/SUPERVISOR
– Coordina e controlla le attività dei lavoratori di produzione, distribuendo il lavoro ed
ottimizzando l’impiego di fattori produttivi.
– Garantisce il rispetto dei programmi assegnati e degli standards fissati, realizzando i
miglioramenti tecnici stabiliti.
– In caso di anomalia, promuove l’intervento dei servizi qualità e manutenzione e si
raccorda con il servizio programmazione per la realizzazione tempestiva delle varia-
zioni ai programmi.

C/1 PROGRAMMATORE DI PRODUZIONE


– Formula, sulla base di un programma generale di produzione stabilito, piani produt-
tivi di dettaglio relativamente ad uno o più settori di fabbricazione/linee di prodotto.
– Verifica la coerenza dei volumi al programma, ne segnala gli scostamenti e ottimizza
i flussi produttivi sul segmento di processo assegnato.

GRUPPO 2):
C/2 CAPO TURNO/SQUADRA DI PRODUZIONE
– Assicura l’utilizzo diretto di impianti e/o macchine, in funzione del programma di pro-
duzione ricevuto e nel rispetto degli standards di qualità, produttività.
– Coordina e controlla il lavoro di diversi lavoratori di produzione, ottimizzandone
l’impiego.
– Collabora, con gli specialisti di tecnologia, manutenzione e qualità, per definire inter-
venti puntuali sui prodotti e sulle macchine.
– Gestisce le variazioni dei programmi assegnati, con azioni dirette di coordinamento
tecnico per garantirne la tempistica di realizzazione.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 137

ALLEGATO 2 - PRODUZIONE 137

LIVELLO E

DECLARATORIA
Appartengono a questo livello i lavoratori che:
– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
delle scuole professionali o medie superiori o formazione equivalente o esperienza
precedente; unitamente ad una specifica ed adeguata formazione tecnica per l’uti-
lizzo di procedure e metodi di lavoro propri dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità della scelta del tipo e delle modalità degli interventi volti ad
assicurare la conformità/adeguatezza del risultato delle prestazioni e/o la responsa-
bilità della supervisione e del controllo di lavoratori di livello inferiore;
– operano in condizioni di autonomia delimitata, disimpegnando compiti, secondo pra-
tiche e metodi, implicanti scelte tra le opzioni possibili, nel rispetto di norme e proce-
dure definite; ricevono una verifica dei risultati finali.

POSIZIONI PROFESSIONALI
GRUPPO 2):
E/2 CAPOGRUPPO DI PRODUZIONE
– Assicura l’utilizzo diretto di macchine, realizzando il programma di produzione rice-
vuto nell’ambito degli standards di qualità e produttività assegnati.
– Ottimizza l’impiego delle risorse umane assegnate in funzione degli indirizzi ricevuti
ed effettua una supervisione e controllo del loro operato.
– Realizza, su indicazioni degli specialisti di tecnologia, manutenzione e qualità, inter-
venti puntuali sui prodotti e sulle macchine.
– Gestisce semplici variazioni ai programmi assegnati con azioni dirette di coordina-
mento tecnico.
GRUPPO 3):
E/3 CONDUTTORE IMPIANTI A GESTIONE COMPLESSA
– Sulla base di un’approfondita conoscenza dell’impianto e delle tecnologie di lavoro,
appronta, avvia, conduce impianti a gestione complessa, che richiedono il controllo,
la regolazione ed il ripristino dei parametri di funzionamento del processo, anche con
l’ausilio di strumenti assistiti da calcolatore.
– Ha la responsabilità dell’ottimale gestione dell’impianto, del giudizio di conformità
qualitativa del prodotto e del raggiungimento delle quantità prescritte.
– Esercita la supervisione ed il controllo funzionale di altri addetti all’impianto
nell’ambito della medesima dipendenza gerarchica.

LIVELLO F
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso: l’intero ciclo delle scuole professio-
nali o formazione equivalente oppure esperienza precedente; unitamente ad un ade-
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 138

138 ALLEGATO 2 - PRODUZIONE

guato tirocinio per la maturazione di particolari capacità operative e particolari abilità


manuali e/o per l’utilizzo di mezzi e per comprendere e mettere in pratica procedure
prestabilite;
– hanno la responsabilità degli interventi volti ad assicurare la conformità/adeguatezza
del risultato delle prestazioni;
– operano in condizioni di autonomia operativa, eseguendo compiti secondo istruzioni
ricevute nell’ambito di procedure e metodi dati, con limitata possibilità di scelta tra
differenti opzioni; ricevono una supervisione sul modo di operare e un controllo sul
risultato.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
F/3 REGLEUR/ATTREZZATORE
– Esegue gli attrezzaggi, il montaggio o il cambio dello stampo e le messe a punto del
macchinario affidato ad altro personale, con specifica conoscenza delle caratteristi-
che di funzionamento del medesimo e delle tecnologie di lavoro.
– Ove necessario assiste l’addetto nelle fasi di avvio e/o cambio lavorazioni.
– Interviene, inoltre, in fase di installazione delle attrezzature, per operazioni di ordina-
ria manutenzione/adattamento delle stesse.

F/3 ADDETTO CONDUZIONE IMPIANTI


– Appronta, avvia e conduce un impianto che comprende una o più fasi di lavorazione,
con a bordo apparecchiature di controllo e di programmazione del ciclo, anche
mediante l’introduzione di una scheda e/o digitando i dati necessari.
– Effettua varie e complesse regolazioni per garantire la qualità del prodotto nonché
una continua sorveglianza e interventi prevalentemente manuali di ripristino, in caso
di arresto.
– Nella conduzione dell’impianto si avvale della collaborazione funzionale di lavoratori
addetti ad attività esecutive.

F/3 ADDETTO A MACCHINE A CICLO COMPLESSO


– Conduce macchine eseguendo operazioni manuali di precisione nel rispetto di
strette tolleranze su diversi tipi di prodotto per ottenere il totale o parziale assem-
blaggio o il prodotto finito. La conduzione di queste macchine implica:
• l’effettuazione di vari e complessi interventi e regolazioni che ne assicurino la conti-
nuità di funzionamento e la qualità del prodotto;
• il controllo della conformità del prodotto alle specifiche stabilite;
• il ripristino dei parametri di processo in caso di anomalia.

F/3 ADDETTO PRODUZIONE DI PICCOLA SERIE


– Compie, anche senza l’ausilio di attrezzature, operazioni implicanti particolari abilità
tecniche e pratiche e consistenti nell’esecuzione di un intero ciclo di produzione non
industrializzato o di una complessa fase di preparazione/collaudo del prodotto
stesso.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 139

ALLEGATO 2 - PRODUZIONE 139

LIVELLO G

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso insegnamento ed addestramento
specifici per maturare una buona abilità manuale, la conoscenza dei mezzi di lavoro
e la padronanza delle metodologie e strumentazioni per il rilievo e la registrazione dei
dati di processo;
– hanno la responsabilità di assicurare la conformità/adeguatezza del risultato delle
attività e di accertare la corrispondenza qualitativa e quantitativa, anche in termini di
riscontro della congruità dei parametri rilevati;
– operano in condizioni di autonomia parzialmente vincolata, eseguendo compiti
secondo istruzioni specifiche, nell’ambito di procedure e di processi standardizzati;
ricevono una supervisione sul modo di operare ed un controllo sul risultato delle atti-
vità.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
G/3 ADDETTO A MACCHINE/IMPIANTI
– Appronta – anche effettuando il cambio stampi – e conduce macchine o impianti
secondo procedure prestabilite ed eseguendo operazioni anche manuali su uno o
più prodotti (saldatura, giunzione, sovrapposizione, etc.), nel rispetto delle tolleranze.
– Effettua interventi di regolazione e di semplice manutenzione per assicurare la conti-
nuità di funzionamento delle macchine/impianti.
– Esegue diverse tipologie di controlli sui prodotti e sui parametri di processo, effet-
tuando il rilievo e la registrazione dei dati, con delibera sulla destinazione dei prodotti
stessi.

G/3 PREPARATORE MESCOLE


– Addetto ad operazioni di preparazione e pesatura di ingredienti ed additivi per
mescole, che assicurino il corretto dosaggio dei componenti per l’alimentazione di
macchine ed impianti, nel rispetto di specifiche stabilite.

LIVELLO H

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso un insegnamento limitato ed un
addestramento specifico per maturare una buona abilità manuale, capacità operativa
e conoscenza dei mezzi di lavoro;
– hanno la responsabilità dell’accuratezza nella esecuzione dei compiti assegnati e
dell’accertamento del risultato dell’attività;
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 140

140 ALLEGATO 2 - PRODUZIONE

– operano in condizioni di autonomia vincolata, eseguendo compiti secondo istruzioni


dettagliate nell’ambito di procedure vincolanti e di processi standardizzati; ricevono
un controllo sul modo di operare e sul risultato delle attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
H/3 OPERATORE DI MACCHINE O IMPIANTI *
– Conduce macchine o impianti nel rispetto di tolleranze, secondo procedure pre-
scritte ed eseguendo operazioni anche manuali sul prodotto.
– Effettua normali interventi di avviamento e regolazione per assicurarne la continuità
di funzionamento.
– Esegue il controllo, prevalentemente visivo e dimensionale della conformità del pro-
dotto e di semplici parametri di processo, attenendosi alle specifiche predeterminate.

H/3 ADDETTO MONTAGGIO/IMBALLAGGIO *


– Assicura operazioni di montaggio, previa verifica qualitativa dei componenti, con
l’ausilio di attrezzature o manualmente e garantendo il controllo finale qualitativo e
numerico dei sistemi assemblati. Il controllo comporta:
• l’uso di attrezzature per la rifinitura (sbavatura, rifilatura, smaterozzatura, etc);
• il controllo di semplici parametri di processo.

LIVELLO I

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generiche acquisite anche mediante breve affiancamento
per l’esecuzione di operazioni semplici e/o manuali e/o ripetitive;
– hanno la responsabilità dell’esecuzione accurata delle operazioni assegnate;
– operano in condizioni di autonomia esecutiva, eseguendo operazioni semplici e/o
manuali e/o ripetitive, vincolate a dettagliate istruzioni e procedure ricevute; ricevono
un controllo sull’esecuzione, modalità e risultato delle operazioni.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
I/3 ADDETTI A LAVORI DI PREPARAZIONE
– Compie operazioni di preparazione e di movimentazione accessori al ciclo continuo
produttivo anche mediante l’uso di attrezzature semplici.

* N.B. - Saranno inquadrati nel livello H, dopo un periodo massimo di 12 mesi di perma-
nenza nel livello I “I lavoratori addetti alla conduzione di macchine di produzione o all’ese-
cuzione di operazioni di montaggio ed assemblaggio di prodotti (art. 4 comma 18)”.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 141

ALLEGATO 2 - PRODUZIONE 141

I/3 AIUTO ESECUTIVO


– Assicura l’alimentazione e la raccolta di uno o più prodotti quale aiuto a lavoratori
addetti a conduzione di impianti e macchine.

* N.B. - Saranno inquadrati nel livello I, per un periodo massimo di 12 mesi: “I lavoratori
addetti alla conduzione di macchine di produzione o all’esecuzione di operazioni di
montaggio ed assemblaggio di prodotti (art. 4 comma 18)”.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 142

142 ALLEGATO 2 - QUALITÀ

QUALITÀ

LIVELLO A

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una articolata formazione tecnica specialistica, orientata ad interventi in
processi e metodologie dell’area di appartenenza e alla individuazione di soluzioni
integrate con altre aree funzionali;
– hanno la responsabilità di attività che comportano rilevanti effetti economici ed orga-
nizzativi e/o la responsabilità dell’andamento funzionale dell’unità organizzativa di
appartenenza, con guida, coordinamento e controllo delle attività di altri lavoratori;
– operano in condizioni di autonomia direttiva, disimpegnando compiti, secondo diffe-
renti processi e metodologie, implicanti scelte discrezionali entro vincoli definiti
nell’ambito di aree di attività; ricevono una supervisione dei risultati complessivi
dell’attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
A/1 RESPONSABILE LABORATORIO
– Guida, coordina e controlla l’attività del personale affidatogli.
– Sovraintende all’esecuzione dei piani di controllo, prova e collaudo, organizza prove
di omologazione; ne analizza e certifica i risultati.
– Gestisce le apparecchiature in dotazione e assicura l’affidabilità delle misure ed il
rispetto delle normative interne ed esterne.
– Concorre con altri enti (clienti e fornitori) alle azioni di miglioramento degli standards
qualitativi e di processo.
– Collabora alla preparazione dei capitolati per l’acquisto di materie prime.

A/1 SPECIALISTA DI INDUSTRIALIZZAZIONE


– Propone varianti tecnologiche per migliorare il livello qualitativo di prodotti e pro-
cessi, curandone la realizzazione.
– Collabora ad identificare e risolvere problemi legati alla industrializzazione ed alla
emissione di specifiche di processo e appronta le procedure di qualità.

A/1 SPECIALISTA PROCEDURE DI QUALITÀ


– Elabora dati ed informazioni per individuare anomalie di processo e propone azioni
correttive.
– Sviluppa o aggiorna metodologie di controllo ed effettua l’audit sulla corretta appli-
cazione delle procedure di qualità.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 143

ALLEGATO 2 - QUALITÀ 143

A/1 COORDINATORE CONTROLLO QUALITÀ


– Guida, coordina e controlla l’attività di assistenti/operatori per l’applicazione delle
procedure di controllo qualità del prodotto e/o del processo.
– Propone, nell’ambito della propria area di intervento, azioni correttive per assicurare
la riduzione dei costi di controllo, nel rispetto della corretta applicazione dei metodi e
delle procedure di controllo–qualità.
– Concorre con altri enti alla definizione degli interventi correnti di ripristino della fun-
zionalità delle macchine/strumenti di controllo.

LIVELLO C

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una formazione tecnica specialistica volta alla gestione critica delle pro-
cedure e metodologie proprie dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità di attività, nell’ambito di pratiche e metodi diversi che, per
variabilità ed incertezza dei risultati, comportino scelte conseguenti e/o la responsa-
bilità del coordinamento e controllo di altri lavoratori di livello inferiore con incarichi
diversificati nell’ambito della propria area funzionale;
– operano in condizioni di autonomia decisionale, disimpegnando compiti secondo diffe-
renti procedure e metodologie, implicanti scelte di priorità nell’ambito delle norme e
pratiche stabilite; ricevono una verifica del risultato complessivo delle attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
C/1 TECNICO ANALISTA DI QUALITÀ
– Elabora e valuta i dati di qualità, anche in termini di affidabilità dei fornitori ed effettua
statistiche sulle anomalie rilevate, secondo le differenti tipologie.
– Assiste i fornitori per la soluzione dei problemi di non conformità.
– Collabora alla definizione dei piani di controllo su prodotti e processi consolidati.

C/1 TECNICO DI LABORATORIO


– Programma ed assicura l’effettuazione di prove e misurazioni complesse, anche
coordinando e controllando il lavoro di più collaboratori.
– Verifica l’attendibilità dei risultati ed appronta la documentazione relativa.
– Concorre a definire ed aggiornare i metodi di analisi e di misurazione.

C/1 ASSISTENTE DI QUALITÀ


– Coordina il lavoro di diversi operatori, ottimizzandone l’utilizzo secondo la più effi-
ciente distribuzione delle attività lavorative.
– Fornisce l’assistenza tecnica per problemi complessi di qualità; analizza e verifica i
risultati di prove e/o controlli.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 144

144 ALLEGATO 2 - QUALITÀ

– È responsabile della qualità delle misure di prova e controllo.


– Rileva eventuali irregolarità, fa ripetere le prove/controlli ed informa gli enti della pro-
duzione per i necessari interventi.
– Elabora e valuta i dati relativi alle anomalie e collabora all’individuazione delle cause
e soluzioni.
– Assiste, in autonomia, il collaudatore esterno, effettuando le elaborazioni dei dati sta-
tistici e di qualità e predisponendo la documentazione dei dati di prova.

C/1 TECNICO DELLE PROCEDURE DI COLLAUDO


– Pianifica e attiva le procedure amministrative necessarie per il collaudo.
– Predispone, tenuto conto delle esigenze del cliente, il programma dei collaudi, otti-
mizzando le esigenze della produzione e dei laboratori.
– Assiste i collaudatori esterni, effettua le elaborazioni dei dati statistici e di qualità e
predispone la documentazione dei risultati di prova.

GRUPPO 2):
C/2 CAPO SQUADRA DI QUALITÀ
– Coordina e controlla il lavoro di più operatori, ottimizzandone l’utilizzo secondo la più
efficiente distribuzione delle attività lavorative.
– È responsabile della qualità delle misure di prova e controllo.
– Analizza e verifica i risultati di prove e/o controlli, rileva eventuali irregolarità, fa ripe-
tere le prove/controlli e informa gli enti della produzione per i necessari interventi.
– Fornisce l’assistenza tecnica per problemi complessi di qualità, elaborando e valutando
i dati relativi alle anomalie e collaborando all’individuazione delle cause e soluzioni.

LIVELLO E
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
delle scuole professionali o medie superiori o formazione equivalente o esperienza
precedente; unitamente ad una specifica ed adeguata formazione tecnica per l’uti-
lizzo di procedure e metodi di lavoro propri dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità della scelta del tipo e delle modalità degli interventi volti ad
assicurare la conformità/adeguatezza del risultato delle prestazioni e/o la responsa-
bilità della supervisione e del controllo di lavoratori di livello inferiore;
– operano in condizioni di autonomia delimitata, disimpegnando compiti, secondo pra-
tiche e metodi, implicanti scelte tra le opzioni possibili, nel rispetto di norme e proce-
dure definite; ricevono una verifica dei risultati finali.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
E/3 CONTROLLORE DI QUALITÀ
– Controlla che siano rispettati i valori dei parametri che regolano il processo, con
accertamenti, rilievi, misurazioni sul macchinario e sul prodotto, segnalando le varia-
zioni constatate, rispetto alle specifiche di fabbricazione e alle procedure di qualità.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 145

ALLEGATO 2 - QUALITÀ 145

– Verifica l’applicazione delle procedure di autocontrollo dell’operatore anche effet-


tuando controlli sovrapposti.
– Contribuisce all’addestramento sul controllo qualità degli operatori di macchina.

E/3 CONTROLLORE QUALITÀ MATERIALI E COMPONENTI


– Effettua un controllo sulla base dei dati contenuti nell’ordine di acquisto e/o nella
specifica di processo e/o nella specifica di prodotto, redigendo una relazione di
accettabilità o rifiuto di materiali, semilavorati e prodotti.
– Registra ed aggiorna i dati relativi alla valutazione qualitativa dei fornitori e dei pro-
dotti.
– Emette richieste di azioni correttive, anche interagendo con il fornitore e dà suggeri-
menti per il miglioramento delle attività inerenti al sistema di qualità in uso.

E/3 CLASSIFICATORE PRODOTTO FINITO


– Effettua un controllo visivo e tattile del prodotto per rilevare l’esistenza di eventuali
anomalie.
– Provvede alla classificazione del prodotto, valutandone le anomalie, comparando i
dati rilevati con il manuale di qualità e indicando le modalità di rilavorazione.
– Aggiorna il sistema informativo mediante l’immissione dei dati di qualità a terminale.
– In base all’andamento delle anomalie propone al superiore azioni correttive da
apportare al macchinario.

LIVELLO F
DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso: l’intero ciclo delle scuole professio-
nali o formazione equivalente oppure esperienza precedente; unitamente ad un ade-
guato tirocinio per la maturazione di particolari capacità operative e particolari abilità
manuali e/o per l’utilizzo di mezzi e per comprendere e mettere in pratica procedure
prestabilite;
– hanno la responsabilità degli interventi volti ad assicurare la conformità/adeguatezza
del risultato delle prestazioni;
– operano in condizioni di autonomia operativa, eseguendo compiti secondo istruzioni
ricevute nell’ambito di procedure e metodi dati, con limitata possibilità di scelta tra
differenti opzioni; ricevono una supervisione sul modo di operare e un controllo sul
risultato.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
F/3 VERIFICATORE PRODOTTO FINITO
– Esegue in base a norme prestabilite un controllo visivo e tattile sul prodotto finito, per
verificare l’esistenza di anomalie e imperfezioni.
– Rileva le eventuali anomalie d’aspetto e/o imperfezioni e sulla base della valutazione
data, fa avanzare il prodotto o lo destina ad ulteriori controlli.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 146

146 ALLEGATO 2 - QUALITÀ

F/3 ADDETTO ALLE PROVE E COLLAUDI DI LABORATORIO


– Effettua analisi e/o collaudi, in base a metodi di laboratorio e/o ad un piano di con-
trollo, sulle caratteristiche dimensionali e/o fisico–chimiche di materiali semilavorati e
prodotti finiti, con l’ausilio di apparecchiature e di strumenti anche non a lettura
diretta (di cui effettua la taratura e la verifica della qualità della misura).
– Effettua calcoli e/o comparazioni, classificando i risultati entro schemi definiti.

LIVELLO G

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso insegnamento ed addestramento
specifici per maturare una buona abilità manuale, la conoscenza dei mezzi di lavoro
e la padronanza delle metodologie e strumentazioni per il rilievo e la registrazione dei
dati di processo;
– hanno la responsabilità di assicurare la conformità/adeguatezza del risultato delle
attività e di accertare la corrispondenza qualitativa e quantitativa, anche in termini di
riscontro della congruità dei parametri rilevati;
– operano in condizioni di autonomia parzialmente vincolata, eseguendo compiti
secondo istruzioni specifiche, nell’ambito di procedure e di processi standardizzati;
ricevono una supervisione sul modo di operare ed un controllo sul risultato delle atti-
vità.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3)
G/3 ADDETTO A COLLAUDI DIVERSIFICATI
– Addetti ad operazioni di collaudo di diversa tipologia, su ampia e diversificata
gamma di particolari di produzione, con rilievo dei parametri di processo e registra-
zione dei dati e/o con delibera di media complessità.

G/3 OPERATORE ALLE MACCHINE DI CONTROLLO PRODOTTO FINITO


– Conduce una macchina per la misurazione dei parametri di qualità, inserendo una
scheda nel calcolatore, imputando dati su tastiera ed effettuando una serie di regola-
zioni semplici.
– In caso di segnalazione di non conformità di un parametro agli standards di qualità,
rileva l’anomalia dal quadro.
– Effettua la registrazione dei dati, delibera l’avanzamento del prodotto e la destina-
zione ad ulteriori controlli.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 147

ALLEGATO 2 - QUALITÀ 147

LIVELLO H

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso un insegnamento limitato ed un
addestramento specifico per maturare una buona abilità manuale, capacità operativa
e conoscenza dei mezzi di lavoro;
– hanno la responsabilità dell’accuratezza nella esecuzione dei compiti assegnati e
dell’accertamento del risultato dell’attività;
– operano in condizioni di autonomia vincolata, eseguendo compiti secondo istruzioni
dettagliate nell’ambito di procedure vincolanti e di processi standardizzati; ricevono
un controllo sul modo di operare e sul risultato delle attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
H/3 OPERATORE ALLE PROVE
– Conduce, sulla base di un piano di controllo definito, verifiche di conformità su mate-
riali, semilavorati, prodotti e parametri di processo, mediante un controllo visivo o
con l’ausilio di strumenti di misura e apparecchi.
– Registra i dati su appositi moduli di raccolta ad inserimento facilitato; segnala even-
tuali anomalie rilevate attraverso un giudizio per attributi.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 148

148 ALLEGATO 2 - RICERCA E SVILUPPO

RICERCA E SVILUPPO

LIVELLO A

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una articolata formazione tecnica specialistica, orientata ad interventi in
processi e metodologie dell’area di appartenenza e alla individuazione di soluzioni
integrate con altre aree funzionali;
– hanno la responsabilità di attività che comportano rilevanti effetti economici ed orga-
nizzativi e/o la responsabilità dell’andamento funzionale dell’unità organizzativa di
appartenenza, con guida, coordinamento e controllo delle attività di altri lavoratori;
– operano in condizioni di autonomia direttiva, disimpegnando compiti, secondo differenti
processi e metodologie, implicanti scelte discrezionali entro vincoli definiti nell’ambito di
aree di attività; ricevono una supervisione dei risultati complessivi dell’attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
A/1 RICERCATORE
– Sulla base di indirizzi di massima del superiore, conduce ricerche volte allo studio di
nuove reazioni, processi, compositi e materiali, alla definizione e all’accertamento
delle possibilità di impiego di metodologie e tecniche di sperimentazione e misura-
zione nonché alla definizione di modelli matematici di simulazione.
– Provvede allo sviluppo del tema della ricerca, programmandone nel dettaglio lo svol-
gimento delle varie fasi operative, definendo con il superiore e con gli enti interessati,
possibilità e modalità di realizzazione di prove e sperimentazioni, scegliendo ed ade-
guando tecniche, metodi operativi e apparecchiature.
– Cura la realizzazione di prove ed elaborazioni.
– Elabora i dati sperimentali ottenuti, verificando le metodologie e/o i sistemi di calcolo
impiegati in funzione degli obiettivi perseguiti; redige relazioni parziali e conclusive
sugli argomenti studiati e le discute con il superiore.
– Si mantiene aggiornato sugli sviluppi scientifici e tecnologici della sua area di specia-
lizzazione.

A/1 TECNOLOGO
– Sviluppa, su input del superiore o degli enti interessati, studi e progetti volti alla rea-
lizzazione di nuovi prodotti, materiali, compositi, processi e/o volti al miglioramento,
sotto il profilo tecnico ed economico, di quelli esistenti. A tal fine esegue disegni,
effettua calcoli, elabora risultati di prove di laboratorio, partecipa alla progettazione
e/o alla messa a punto di macchinari.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 149

ALLEGATO 2 - RICERCA E SVILUPPO 149

– Predispone la stesura di massima delle specifiche tecniche ai fini della realizzazione


del prototipo e/o della messa a punto del processo e del prodotto.
– Segue la realizzazione di prototipi e/o la messa a punto del processo e/o di materiali
(presso sala prove, laboratori, unità operative) e lo svolgimento delle prove, valutan-
done i risultati; apporta le necessarie modifiche alle specifiche, alla luce dei problemi
e delle esigenze emersi.

A/1 ASSISTENTE CAPO ALLE PROVE DI RICERCA E SVILUPPO


– Guida, coordina e controlla assistenti ed addetti ai quali fornisce indicazioni circa i
tipi di prova da effettuare, per l’analisi delle caratteristiche fisiche, chimiche, tecnolo-
giche di prodotti e materiali.
– Valuta e certifica i risultati delle prove e delle analisi e cura la stesura di relazioni tec-
niche.
– Mette a punto nuove procedure operative di prova; adatta, quando necessario, le
apparecchiature e le strumentazioni utilizzate, mantenendo i contatti con i fornitori.
– Gestisce i mezzi oppure le apparecchiature controllandone l’efficienza e la taratura,
in conformità alle normative aziendali ed alle norme di legge anche codificate da isti-
tuti riconosciuti (I.S.O., C.E.I., etc.).

A/1 PROGETTISTA DISEGNATORE


– Sviluppa, su input del superiore e sulla base di informazioni contenute nelle specifi-
che di prodotto/processo, progetti esecutivi e/o specifiche tecniche per la realizza-
zione di nuovi impianti, macchinari, attrezzature e/o di loro gruppi componenti,
oppure per il miglioramento e la modifica di quelli esistenti. Interpella gli enti interes-
sati al fine di integrare le informazioni necessarie alla realizzazione dei progetti.
– Cura lo sviluppo di disegni costruttivi e di dettaglio, coordinando aiuto progettisti e/o
uffici tecnici anche esterni.
– Segue, presso officine interne e/o esterne, la costruzione delle varie parti, verifican-
done la rispondenza al progetto e la relativa ottimizzazione economica.
– Partecipa al collaudo per verificare la rispondenza del macchinario alle caratteristi-
che del progetto e ne segue, in collaborazione con gli enti interessati, l’installazione,
la messa a punto e l’avviamento in produzione.
– Predispone materiale e informazioni per la redazione dei manuali d’istruzione, per il
corretto uso della macchina/impianto.

LIVELLO C

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una formazione tecnica specialistica volta alla gestione critica delle pro-
cedure e metodologie proprie dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità di attività, nell’ambito di pratiche e metodi diversi che, per
variabilità ed incertezza dei risultati, comportino scelte conseguenti e/o la responsa-
bilità del coordinamento e controllo di altri lavoratori di livello inferiore con incarichi
diversificati nell’ambito della propria area funzionale;
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 150

150 ALLEGATO 2 - RICERCA E SVILUPPO

– operano in condizioni di autonomia decisionale, disimpegnando compiti secondo


differenti procedure e metodologie, implicanti scelte di priorità nell’ambito delle
norme e pratiche stabilite; ricevono una verifica del risultato complessivo delle atti-
vità.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
C/1 DISEGNATORE AIUTO PROGETTISTA
– In base all’impostazione data dal progettista, dal quale riceve bozze di progetto rela-
tive a parti di impianti, macchinari e/o attrezzature, studia adattamenti da apportare a
progetti/macchinari/attrezzature, provvedendo allo sviluppo nel dettaglio di partico-
lari per migliorare l’impostazione iniziale del progetto.
– Segue con il progettista la realizzazione, l’installazione, le prove di collaudo e la
messa a punto di macchinari, impianti, attrezzature, collaborando alla risoluzione di
eventuali anomalie.
– Fornisce indicazioni atte a redigere manuali d’istruzione, per il corretto uso delle
macchine.

C/1 TECNICO DELLE PROVE DI RICERCA E SVILUPPO


– Esegue prove e misurazioni complesse, che richiedono solitamente l’utilizzo di parti-
colari strumentazioni anche assistite da calcolatore, predisponendo il prodotto, le
apparecchiature e gli strumenti di prova.
– Interpreta ed elabora i risultati ottenuti, anche sviluppando programmi di elabora-
zione ad hoc, e provvede alla preparazione della documentazione relativa.
– Mette a punto nuove procedure operative, apportando modifiche semplici a stru-
menti esistenti.
– Fornisce ad altri lavoratori l’assistenza tecnica necessaria al corretto utilizzo delle
metodologie di prova ed alla scelta e predisposizione delle attrezzature.
– È responsabile dell’efficienza dei mezzi, delle attrezzature e degli strumenti di prova
di sua competenza provvedendo alle opportune tarature e richiedendo eventual-
mente l’intervento della manutenzione.
– Coordina e controlla il lavoro di più collaboratori.

C/1 ASSISTENTE TECNOLOGO/RICERCATORE


– Su indirizzo del superiore cura lo sviluppo di dettaglio di studi e progetti (o di loro
particolari aspetti) volti alla realizzazione di nuovi prodotti, processi e materiali ed al
miglioramento sotto il profilo tecnico, economico e di produttività di quelli esistenti; a
tal fine può eseguire disegni, effettuare calcoli ed elaborare risultati di prove di labo-
ratorio.
– Coadiuva il superiore nella stesura delle specifiche tecniche ai fini della realizzazione
del prototipo e/o della messa a punto del processo e del prodotto.
– Collabora alla realizzazione del prototipo e/o alla messa a punto del processo e/o di
materiali (presso sala prove, laboratori, unità operative) e alla valutazione dei risultati
di prove e collaudi, coordinando e controllando il lavoro di più collaboratori.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 151

ALLEGATO 2 - RICERCA E SVILUPPO 151

LIVELLO E

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
delle scuole professionali o medie superiori o formazione equivalente o esperienza
precedente; unitamente ad una specifica ed adeguata formazione tecnica per l’uti-
lizzo di procedure e metodi di lavoro propri dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità della scelta del tipo e delle modalità degli interventi volti ad
assicurare la conformità/adeguatezza del risultato delle prestazioni e/o la responsa-
bilità della supervisione e del controllo di lavoratori di livello inferiore;
– operano in condizioni di autonomia delimitata, disimpegnando compiti, secondo pra-
tiche e metodi, implicanti scelte tra le opzioni possibili, nel rispetto di norme e proce-
dure definite; ricevono una verifica dei risultati finali.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
E/1 DISEGNATORE/LUCIDISTA PARTICOLARISTA *
– Disegna particolari di progetti di macchinari, attrezzature e/o effettua semplici modi-
fiche su disegni già esistenti, anche con l’ausilio di mezzi informatici.
– Esegue la quotatura di disegni, riportando, eventualmente, anche norme di lavora-
zione.
– Effettua la lucidatura di schemi funzionali, di disegni costruttivi o di disegni di appa-
recchiature.
– Fornisce una corretta veste formale a schizzi già completi.

GRUPPO 3):
E/3 CONDUTTORE PROVE AD ESECUZIONE COMPLESSA DI R&S
– Effettua, sulla base di procedure, metodi di analisi e misurazione, prove di laboratorio
di complessa esecuzione per il controllo delle caratteristiche fisiche, chimiche e tec-
nologiche di materiali, semilavorati e prodotti finiti, utilizzando strumenti che predi-
spone adeguatamente.
– Prepara i provini, scegliendo in autonomia le modalità per ottimizzare questa fase.
– È responsabile della conduzione delle prove e dei loro risultati.
– Valuta la significatività dei risultati ottenuti, mediante un confronto con parametri sta-
tistici predefiniti.
– Provvede autonomamente a ripetere la prova, in caso di anomalie, rintracciando nel
procedimento seguito le cause dei problemi.
– Effettua, con l’ausilio di mezzi informativi e programmi di calcolo, elaborazioni stati-
stiche dei dati ottenuti dalle prove, operando una valutazione degli stessi.
– Controlla la funzionalità degli strumenti provvedendo alla loro manutenzione ordinaria.

* Dal 1°aprile 1996


104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 152

152 ALLEGATO 2 - RICERCA E SVILUPPO

E/3 AGGIUSTATORE/MONTATORE, IMPIANTISTA SU PROTOTIPI


– Sulla base di schizzi o disegni di massima, realizza in autonomia esecutiva prototipi
di parti di macchina o macchine complete.
– Provvede alla supervisione ed al controllo di altri lavoratori per la realizzazione di
determinati particolari del progetto.
– Segue l’installazione del macchinario nello stabilimento di destinazione, effettuan-
done il collaudo e la messa a punto, fino alla fase di “prova di avviamento” definitiva.

LIVELLO F

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso: l’intero ciclo delle scuole professio-
nali o formazione equivalente oppure esperienza precedente; unitamente ad un ade-
guato tirocinio per la maturazione di particolari capacità operative e particolari abilità
manuali e/o per l’utilizzo di mezzi e per comprendere e mettere in pratica procedure
prestabilite;
– hanno la responsabilità degli interventi volti ad assicurare la conformità/adeguatezza
del risultato delle prestazioni;
– operano in condizioni di autonomia operativa, eseguendo compiti secondo istruzioni
ricevute nell’ambito di procedure e metodi dati, con limitata possibilità di scelta tra diffe-
renti opzioni; ricevono una supervisione sul modo di operare e un controllo sul risultato.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
F/3 ADDETTO ALLE PROVE DI R&S
– Effettua, sulla base di procedure, metodi di analisi/misurazione e capitolati predefi-
niti, prove di laboratorio, per il controllo di caratteristiche fisico–chimiche e/o tecno-
logiche di materiali semilavorati e prodotti finiti.
– Utilizza strumenti e apparecchiature, effettuando su di essi interventi di predisposi-
zione (per es. richiamando procedure predefinite sul P.C., inserendo parametri).
– Verifica i risultati ottenuti, confrontandoli con quanto previsto dalla documentazione
fornita, segnalando al superiore i casi anomali.

F/3 ADDETTO ALLA REALIZZAZIONE DI PROTOTIPI


– Compie, anche senza l’ausilio di attrezzature, operazioni implicanti specifiche e parti-
colari abilità tecnico/pratiche consistenti nell’esecuzione di un intero ciclo di produ-
zione di prototipo.

F/3 ADDETTO A LAVORAZIONI SUL PRODOTTO


– Esegue, sulla base di input verbali del tecnologo o di disegni tecnici, operazioni
implicanti specifiche e particolari abilità tecniche e pratiche (sgorbiatura, sezionatura
di coperture per analisi particolari, preparazione di calchi, stampi) che richiedono
notevole accuratezza.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 153

ALLEGATO 2 - RICERCA E SVILUPPO 153

– Utilizza attrezzi appositi, per l’uso dei quali sono necessarie attitudini artigianali e
spiccate abilità manuali, scegliendo autonomamente le modalità operative dell’ese-
cuzione dei compiti.

LIVELLO H

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso un insegnamento limitato ed un
addestramento specifico per maturare una buona abilità manuale, capacità operativa
e conoscenza dei mezzi di lavoro;
– hanno la responsabilità dell’accuratezza nella esecuzione dei compiti assegnati e
dell’accertamento del risultato dell’attività;
– operano in condizioni di autonomia vincolata, eseguendo compiti secondo istruzioni
dettagliate nell’ambito di procedure vincolanti e di processi standardizzati; ricevono
un controllo sul modo di operare e sul risultato delle attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
H/3 OPERATORE ALLE PROVE DI R&S
– Esegue, in base a metodi definiti di analisi e di misurazione e/o a direttive dettagliate
del superiore:
• prove semplici di laboratorio per la verifica di caratteristiche fisico-chimiche e/o
tecnologiche di materiali semilavorati e prodotti finiti oppure
• operazioni, prevalentemente manuali, preliminari all’esecuzione delle prove vere e
proprie.
– Utilizza strumenti di misura a lettura diretta.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 154

154 ALLEGATO 2 - SERVIZI VARI

SERVIZI VARI

LIVELLO A

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una articolata formazione tecnica specialistica, orientata ad interventi in
processi e metodologie dell’area di appartenenza e alla individuazione di soluzioni
integrate con altre aree funzionali;
– hanno la responsabilità di attività che comportano rilevanti effetti economici ed orga-
nizzativi e/o la responsabilità dell’andamento funzionale dell’unità organizzativa di
appartenenza, con guida, coordinamento e controllo delle attività di altri lavoratori;
– operano in condizioni di autonomia direttiva, disimpegnando compiti, secondo diffe-
renti processi e metodologie, implicanti scelte discrezionali entro vincoli definiti
nell’ambito di aree di attività; ricevono una supervisione dei risultati complessivi
dell’attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
A/1 RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI SORVEGLIANZA E DI SICUREZZA
– Guida, coordina e controlla il lavoro del personale di vigilanza, per garantire la tutela
del patrimonio aziendale e la sicurezza delle persone che operano all’interno
dell’azienda.
– Propone soluzioni per migliorare il grado di sicurezza e di preservazione del patrimo-
nio aziendale e per l’innovazione dei sistemi di controllo.
– Interagisce con enti esterni ed interni all’azienda.

A/1 SPECIALISTA AMBIENTE E SICUREZZA DEL LAVORO


– Programma i rilevamenti da fare nell’ambiente di lavoro, coordinando la loro esecu-
zione.
– Registra e analizza i dati rilevati, proponendo eventuali azioni da intraprendere.
– Analizza i rischi possibili insiti nelle lavorazioni e nelle sostanze impiegate e collabora
con il superiore nell’interpretazione delle normative di legge e nella individuazione
dell’obbligatorietà o meno delle visite mediche.
– Esamina le modalità di utilizzazione delle materie prime e dei prodotti ausiliari a
rischio e redige le relative norme d’impiego da seguire.
– Controlla e garantisce che il funzionamento di un impianto avvenga in condizioni di
sicurezza mediante l’espletamento di pratiche con enti esterni e/o la richiesta agli
enti preposti per adeguare l’impianto alle normative tecniche e/o antinfortunistiche
vigenti.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 155

ALLEGATO 2 - SERVIZI VARI 155

LIVELLO C

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
della scuola media superiore o formazione equivalente o esperienza precedente; uni-
tamente ad una formazione tecnica specialistica volta alla gestione critica delle pro-
cedure e metodologie proprie dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità di attività, nell’ambito di pratiche e metodi diversi che, per
variabilità ed incertezza dei risultati, comportino scelte conseguenti e/o la responsa-
bilità del coordinamento e controllo di altri lavoratori di livello inferiore con incarichi
diversificati nell’ambito della propria area funzionale;
– operano in condizioni di autonomia decisionale, disimpegnando compiti secondo dif-
ferenti procedure e metodologie, implicanti scelte di priorità nell’ambito delle norme e
pratiche stabilite; ricevono una verifica del risultato complessivo delle attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
C/1 SEGRETARIA ASSISTENTE
– Esamina e svolge pratiche amministrative complesse che richiedono specifiche pro-
cedure non standard.
– Svolge attività complementari a quelle del superiore, che implicano iniziativa e auto-
nomia operativa e contatti con enti esterni.
– Effettua non saltuariamente traduzione di documenti e corrispondenza in lingue
estere.
– Gestisce l’attività di segreteria, anche attraverso il coordinamento ed il controllo di
altro personale.

LIVELLO E

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generali e tecniche, acquisite attraverso: l’intero ciclo
delle scuole professionali o medie superiori o formazione equivalente o esperienza
precedente; unitamente ad una specifica ed adeguata formazione tecnica per l’uti-
lizzo di procedure e metodi di lavoro propri dell’area di appartenenza;
– hanno la responsabilità della scelta del tipo e delle modalità degli interventi volti ad
assicurare la conformità/ adeguatezza del risultato delle prestazioni e/o la responsa-
bilità della supervisione e del controllo di lavoratori di livello inferiore;
– operano in condizioni di autonomia delimitata, disimpegnando compiti, secondo pra-
tiche e metodi, implicanti scelte tra le opzioni possibili, nel rispetto di norme e proce-
dure definite; ricevono una verifica dei risultati finali.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 156

156 ALLEGATO 2 - SERVIZI VARI

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
E/1 SEGRETARIA DI DIREZIONE O SERVIZI EQUIVALENTI
– Svolge le pratiche amministrative dell’ente di appartenenza secondo procedure stan-
dards e suddivide e distribuisce la corrispondenza in arrivo secondo tipo, priorità e
pratica.
– Redige, su indicazioni di massima, la corrispondenza, prospetti, statistiche e note,
servendosi anche di mezzi e programmi informatici.
– Traduce note che richiedono una conoscenza di base di lingue estere.
– Interagisce telefonicamente con altri enti ed esercita supervisione sul lavoro di fatto-
rini ed autisti.

LIVELLO F

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso: l’intero ciclo delle scuole professio-
nali o formazione equivalente oppure esperienza precedente; unitamente ad un ade-
guato tirocinio per la maturazione di particolari capacità operative e particolari abilità
manuali e/o per l’utilizzo di mezzi e per comprendere e mettere in pratica procedure
prestabilite;
– hanno la responsabilità degli interventi volti ad assicurare la conformità/adeguatezza
del risultato delle prestazioni;
– operano in condizioni di autonomia operativa, eseguendo compiti secondo istruzioni
ricevute nell’ambito di procedure e metodi dati, con limitata possibilità di scelta tra diffe-
renti opzioni; ricevono una supervisione sul modo di operare e un controllo sul risultato.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 1):
F/1 SEGRETARIA
– Stenografa e dattiloscrive, avvalendosi di mezzi informatici, documentazione varia e
cura il disbrigo di corrispondenza semplice, su indicazioni del superiore.
– Collabora con il superiore e/o con altro personale dell’ufficio nel programmare gli
impegni giornalieri, cura l’organizzazione dei viaggi, provvedendo alla documenta-
zione necessaria.
– Gestisce gli archivi e svolge compiti vari (tenuta cassa, telex, telefax, telefonate),
sulla base di procedure semplici e definite.

GRUPPO 3):
F/3 OPERATORE CUSTODE/SORVEGLIANTE
– Assicura la protezione e la salvaguardia dei beni aziendali, utilizzando appositi
sistemi di sicurezza.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 157

ALLEGATO 2 - SERVIZI VARI 157

– Controlla l’accesso di persone, merci e mezzi ai luoghi aziendali, verificando l’ido-


neità della documentazione presentata all’ingresso e registrando entrate ed uscite su
appositi supporti, anche di tipo informatico.
– Effettua ispezioni nel perimetro aziendale secondo le indicazioni ricevute, attivando
gli opportuni sistemi di salvaguardia in caso di necessità.

F/3 AUTISTA DI VETTURA


– Effettua il trasporto di persone o cose secondo le indicazioni ricevute, utilizzando i
diversi mezzi di trasporto a disposizione e assicurando l’integrità dei trasportati.
– Assicura l’efficienza del mezzo ed effettua interventi di controllo, regolazione e
manutenzione ordinaria, segnalando prontamente eventuali guasti.
– Cura il costante aggiornamento di tutta la documentazione abilitante alla guida e
all’utilizzo del mezzo di trasporto.

LIVELLO H

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze acquisite attraverso un insegnamento limitato ed un
addestramento specifico per maturare una buona abilità manuale, capacità operativa
e conoscenza dei mezzi di lavoro;
– hanno la responsabilità dell’accuratezza nella esecuzione dei compiti assegnati e
dell’accertamento del risultato dell’attività;
– operano in condizioni di autonomia vincolata, eseguendo compiti secondo istruzioni
dettagliate nell’ambito di procedure vincolanti e di processi standardizzati; ricevono
un controllo sul modo di operare e sul risultato delle attività.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
H/3 FATTORINO
– Collabora con il personale impiegatizio, svolgendo attività manuali di supporto al
lavoro d’ufficio, attraverso l’utilizzo di particolari attrezzature e macchinari (fotoco-
piatrici, taglierine, proiettori, archivi, etc.).
– Effettua operazioni di trasporto, consegna, ritiro di materiali e/o documenti presso
uffici od enti esterni, secondo gli itinerari e la programmazione predefinita, anche con
uso di autovettura.
– Svolge, in base a precise indicazioni del superiore, commissioni di varia natura in
funzione delle esigenze dell’ufficio (pagamento bollette, versamento o ritiro di asse-
gni e valuta, etc.).
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 158

158 ALLEGATO 2 - SERVIZI VARI

LIVELLO I

DECLARATORIA

Appartengono a questo livello i lavoratori che:


– in possesso di conoscenze generiche acquisite anche mediante breve affiancamento
per l’esecuzione di operazioni semplici e/o manuali e/o ripetitive;
– hanno la responsabilità dell’esecuzione accurata delle operazioni assegnate;
– operano in condizioni di autonomia esecutiva, eseguendo operazioni semplici e/o
manuali e/o ripetitive, vincolate a dettagliate istruzioni e procedure ricevute; ricevono
un controllo sull’esecuzione, modalità e risultato delle operazioni.

POSIZIONI PROFESSIONALI

GRUPPO 3):
I/3 ADDETTO A LAVORI NON RIENTRANTI NEL CICLO PRODUTTIVO
– Compie lavori di trasporto, carico e scarico manuali, pulizia e analoghi, anche con
mezzi meccanici.

I/3 ADDETTO AL PRELIEVO E CONSEGNA DI DOCUMENTI


– Effettua il prelievo, la duplicazione e la consegna della corrispondenza dai/nei punti
di raccolta dei vari enti interni, secondo itinerari ed orari ben definiti.
– Suddivide per destinazione la corrispondenza prelevata.

I/3 ADDETTO ALL’ARCHIVIO


– Cura l’ordinamento dei documenti secondo semplici criteri dati (numerici, alfabetici,
cronologici, etc).
– Dispone i documenti in appositi contenitori secondo le procedure stabilite.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 159

Allegato 3

ESEMPLIFICAZIONE DI MANSIONI
(Produzione e qualità)
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 160

160 ALLEGATO 3 - ESEMPLIFICAZIONE DELLE MANSIONI DELL’AREA PRODUZIONE

ESEMPLIFICAZIONE DELLE MANSIONI


DELL’AREA PRODUZIONE

E/3 Conduttori impianti a gestione complessa


GOMMA/CAVI
– Conduttori calandra a testa mobile per preparazione e gommatura tessuto/metallo
– Conduttori calandra a 4 o più cilindri con tavola superiore a mm. 1100
– Conduttori impianti di confezione pneumatici con 10 o più stazioni automatiche di
posa prodotto.
– Conduttore di trafile profilatrici naso a rullo o fisso, uguale/maggiore a 350 mm, con
impianto di plastificazione gomma, che effettua il cambio volta, matrice e gomma
– Conduttori trafile floccati e coestrusi
– Conduttori impianti impregnamento e trattamento cavi
– Conduttori linee catenarie a due teste ed a tre estrusori convergenti
– Conduttori impianti di armatura e saldatura longitudinale continua per cavi sottoma-
rini
– Conduttori impianti di impregnamento e tamponatura di cavi telefonici con petrolium
Jelly
– Conduttori di calandra a 4 o più cilindri, con tavola superiore a 840 mm. per contem-
poraneo trattamento fili e tessuti *
- Conduttori impianti automatici RM30 per la confezione di pneumatici autocarro ed
MV40 per la confezione di pneumatici vettura**

PLASTICA
– Conduttori impianti di coestrusione films
– Conduttori calandra a 4 o più cilindri con tavola superiore a mm. 1100
– Conduttori di calandra a 4 o più cilindri, con tavola superiore a 840 mm. per produ-
zione di fogli di materie plastiche *

* Dal 1°aprile 1996


** Dal 16 aprile 2000

F/3 Attrezzatore
GOMMA/CAVI
– Addetti attrezzaggio filiere a pettine per smaltatura
– Rettificatori filiere sagomate

F/3 Addetto conduzione impianti


GOMMA/CAVI
– Addetti alla conduzione di impianti di alimentazione e pesatura prodotti per la confe-
zione automatizzata delle mescole
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 161

ALLEGATO 3 - ESEMPLIFICAZIONI DELLE MANSIONI DELL’AREA PRODUZIONE

– Addetti alla conduzione impianti per la confezione mescole su mescolatore chiuso


– Addetti alla conduzione di calandre a testa fissa per preparazione e gommatura tes-
suto/metallo
– Addetti alla conduzione di trafile profilatrici
– Addetti alla conduzione di calandre a tre cilindri
– Addetti alla conduzione trafile guaine in Pb
– Addetti alla conduzione forni di smaltatura
– Addetti alla conduzione di impianti di poliestrusione, isolamento/riempitivo, con
schermatura fili ed estrusione guaina in linea
– Addetti alle linee di estrusione gomma con vulcanizzazione in continua e applica-
zione guaina
– Addetti alla conduzione di impianti TTM (Fischer) a giunzione automatica con compiti
di manutenzione *
– Addetti alla conduzione di impianti di binocordatura 100 o più coppie Cu, con com-
piti manutentivi e di autocontrollo *

* Dal 1°aprile 1996

PLASTICA
– Addetti alla conduzione di impianti di trafilatura fogli di materie plastiche
– Addetti alla conduzione impianti di confezione reattori
– Addetti alla conduzione impianti di monoorientazione films
– Addetti alla conduzione impianti spalmatura films

F/3 Addetto a macchine a ciclo complesso


GOMMA/CAVI
– Confezionatori di pneumatici, prima, seconda fase e ciclo completo
– Addetti a presse automatiche a carosello
– Confezionatori di cinghie di trasmissione
– Confezionatori di molle ad aria

RICOSTRUZIONE
– Addetti alla conduzione di macchine raspatrici, al riempimento manuale dei crateri ed
al controllo dimensionale delle carcasse
– Addetti alla posa continua di strisce di gomma battistrada con macchine automati-
che a scheda per estrusione

PLASTICA
– Conduttori macchine per estrusione/coestrusione di materie plastiche
– Addetti presse per stampaggio poliuretano

F/3 Addetto produzioni di piccola serie


GOMMA/CAVI
– Riparatori cavi alta tensione
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 162

162 ALLEGATO 3 - ESEMPLICAZIONE DELLE MANSIONI DELL‘AREA PRODUZIONE

PLASTICA
– Addetti a lavori di rifinitura del manufatto in vetroresina tramite interventi manuali di
precisione

G/3 Addetto a macchine e impianti


GOMMA/CAVI
– Addetti a macchine per taglio tele con giunzione manuale
– Addetti a macchine di confezione cerchietti
– Addetti a impianto trafilatura piattine rame con ricottura e/o stagnatura in continua
– Addetti al caricamento ed avvio presse di vulcanizzazione con controllo parametri di
processo
– Addetti a macchine di cordatura conduttori

RICOSTRUZIONE
– Addetti alla riparazione di ogni tipo di pneumatici
– Addetti alla posa manuale del profilo battistrada non vulcanizzato e/o prestampato
– Addetti al caricamento ed avvio di presse di vulcanizzazione, con cambio stampi e
controllo parametri di processo

PLASTICA
– Addetti alle macchine termoformatrici rotanti
– Addetti alla conduzione di presse per stampaggio con approntamento ed anche
cambio stampi
– Addetti alla conduzione di macchine/impianti di resinatura/serigrafia, con responsa-
bilità di riscontro dei parametri rilevati *

* Dal 1°aprile 1996

G/3 Preparatore mescole


GOMMA/CAVI
– Dosatori polveri e piccoli ingredienti

PLASTICA
– Preparatori mescole poliuretaniche, distaccanti, vernici

H/3 Operatore di macchine o impianti


GOMMA/CAVI
– Addetti a macchine taglio battistrada a crudo
– Addetti a macchine di riempimento o rivestimento cerchietti
– Operatori all’impianto di deposizione fibre ottiche ad elica chiusa o S/Z
– Operatori alla binocordatura
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 163

ALLEGATO 3 – ESEMPLIFICAZIONE DELLE MANSIONI DELL’AREA PRODUZIONE 163

– Addetti a macchine trefolatrici, trecciatrici e spiralatrici


– Addetti a macchine di preparazione inserti metallici o gomma
– Addetti a presse per stampaggio ad iniezione o compressione o transfert
– Addetti a macchine roccatrici e bobinatrici
– Addetti a macchine bendatrici

RICOSTRUZIONE
– Addetti alle riparazioni semplici su carcasse
– Addetti alla raspatura e soluzionatura
– Addetti al caricamento ed avvio di autoclavi
– Addetti alle presse di stampaggio

PLASTICA
– Addetti a presse per stampaggio ad iniezione o compressione o trafilatura
– Addetti a macchine di soffiaggio
– Addetti a macchine di termoformatura
– Addetti a macchine bobinatrici/tagliatrici
– Addetti decorazione serigrafica/tampografica
– Addetti a lavori di resinatura con metodi manuali e/o con macchine impregnatrici
semiautomatiche

I/3 Addetto a lavori di preparazione


PLASTICA
– Addetti alla macinatura
– Addetti al carico tramogge
– Addetti al taglio di subbi

I/3 Aiuto esecutivo


GOMMA/CAVI
– Guida cavo

RICOSTRUZIONE
– Addetto alla sbavatura e pulizia del prodotto finito
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 164

164 ALLEGATO 3 - ESEMPLIFICAZIONE DELLE MANSIONI DELL’AREA QUALITÀ

ESEMPLIFICAZIONE DELLE MANSIONI


DELL’AREA QUALITÀ

E/3 Controllore di qualità


GOMMA/CAVI
– Addetto al controllo fabbricazione delle mescole
– Addetto al controllo fabbricazione semilavorati e prodotti finiti
– Addetto al controllo Processo–Semilavorati
– Capi recinto prove O.F.
– Addetto alla taratura e validazione strumenti complessi
– Assicuratore qualità (S.Q.T.)

RICOSTRUZIONE
– Addetto al controllo visivo e qualitativo con attrezzature elettroniche e/o automati-
che, ed alla classificazione/selezione carcasse o prodotto finito

E/3 Controllore materiali e componenti


GOMMA/CAVI
– Collaudatore (anche fuori sede)

E/3 Classificatore prodotto finito/addetto 2°controllo


GOMMA/CAVI
– Addetto alla classificazione delle coperture turismo
– Addetto alla classificazione delle coperture giganti
– Addetto al 2°controllo

F/3 Verificatore prodotto finito


GOMMA/CAVI
– Addetto alla classificazione delle coperture turismo dopo cottura
– Addetto alla classificazione delle coperture giganti dopo cottura
– Addetto al controllo coperture rilavorate
– Addetto al recupero carcasse

RICOSTRUZIONE
– Addetto al controllo visivo ed alla selezione preventiva delle carcasse da avviare alla
lavorazione.

F/3 Addetto alle prove e collaudi di laboratorio


GOMMA/CAVI
– Addetto alle determinazioni ceneri, densità, umidità, deposito anticollanti su elasto-
meri e mescole
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 165

ALLEGATO 3 - ESEMPLIFICAZIONE DELLE MANSIONI DELL’AREA QUALITÀ 165

– Addetto alle determinazioni zolfi con forno a controllo informatizzato


– Capo recinto prove e misure elettriche cavi alta tensione
– Addetto al ciclo completo di prove e misure cavi rame e fibre ottiche
– Addetto nucleo controllo qualità

G/3 Addetto ai collaudi diversificati


GOMMA/CAVI
– Addetto alle prove meccaniche su gomme, mescole, manufatti, fili e tessuti
– Addetto a misure elettriche cavi rame e fibre ottiche

G/3 Operatore alle macchine di controllo prodotto finito


GOMMA/CAVI
– Addetto al controllo statistico di uniformità coperture turismo o giganti su macchina
– Addetto ai controlli su mescolanze e semilavorati con reometro Monsanto
– Addetto controllo peso coperture

RICOSTRUZIONE
– Addetti alle macchine di controllo su prodotto finito

H/3 Operatore alle prove


GOMMA/CAVI
– Addetto alle prove rapide e Mooney su mescolanze e semilavorati
– Addetto ai controlli rapidi
– Addetto alle prove continuità e contatto
– Addetto alla preparazione teste
– Addetto al laboratorio tecnologico
– Aiutante P.E. alta tensione
– Aiutante prove cavi O.F.
104_174 2-12-2004 9:38 Pagina 166
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 168

168 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

Legge 20 maggio 1975, n. 164


Provvedimenti per la garanzia del salario
(«Gazzetta Ufficiale» 7 giugno 1975, n. 148)

Art. 1
Interventi di integrazione salariale
Agli operai dipendenti da imprese industriali che siano sospesi dal lavoro o effettuino pre-
stazioni di lavoro a orario ridotto è dovuta l’integrazione salariale nei seguenti casi:
1) Integrazione salariale ordinaria per contrazione o sospensione dell’attività produttiva:
a) per situazioni aziendali dovute ad eventi transitori e non imputabili all’imprenditore o agli
operai;
b)ovvero determinate da situazioni temporanee di mercato.
2) Integrazione salariale straordinaria:
a) per crisi economiche settoriali o locali (1);
b)per ristrutturazioni, riorganizzazioni o conversioni aziendali.

Art. 2
Misure dell’integrazione salariale
L’integrazione salariale è dovuta nella misura dell’80 per cento della retribuzione globale
che agli operai sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate, comprese fra le ore 0 e il limite
dell’orario contrattuale, ma comunque non oltre le 40 ore settimanali.

Art. 3
Trattamento previdenziale nei periodi dell’integrazione salariale
I periodi di sospensione per i quali è ammessa l’integrazione salariale sono riconosciuti utili
d’ufficio per il conseguimento del diritto alla pensione per l’invalidità, vecchiaia e superstiti e per la
determinazione della misura di questa fino ad un massimo complessivo di trentasei mesi nell’intero
rapporto assicurativo del lavoratore.
Per detti periodi il contributo figurativo sarà calcolato sulla base della retribuzione cui è rife-
rita l’integrazione salariale.
Le somme occorrenti alla copertura della contribuzione figurativa saranno versate, a carico
della Cassa integrazione guadagni, al Fondo pensioni lavoratori dipendenti.

Art. 4
Assistenza sanitaria nei periodi di integrazione salariale
Ai fini del diritto all’assistenza sanitaria, i periodi d’integrazione salariale sono equiparati a
quelli di effettiva prestazione lavorativa.

(1) Abrogato dall’art. 8 - comma 2 della legge n. 160/1988 che ha convertito il D.L. n. 86/1988.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 169

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 169

L’assistenza sanitaria spetta anche nel corso dell’istruttoria delle domande d’integrazione
salariale straordinaria e di disoccupazione speciale, ai sensi degli articoli 3 e 4 della legge 8 agosto
1972, n. 464.
Il trattamento speciale di disoccupazione di cui all’articolo 8 della legge 5 novembre 1968,
n. 1115, ed articolo 4 della legge 8 agosto 1972, n. 464, sostituisce, in caso di malattia, l’indennità a
carico degli enti gestori dell’assicurazione contro le malattie.

Art. 5
Procedure di consultazione sindacale
Nei casi di eventi oggettivamente non evitabili che rendano non differibile la contrazione o la
sospensione dell’attività produttiva, l’imprenditore è tenuto a comunicare alle rappresentanze sin-
dacali aziendali o, in mancanza di queste, alle organizzazioni sindacali di categoria dei lavoratori più
rappresentative operanti nella provincia, la durata prevedibile della contrazione o sospensione e il
numero dei lavoratori interessati.
Quando vi sia sospensione o riduzione dell’orario di lavoro, superiore a sedici ore settima-
nali, si procederà, a richiesta dell’imprenditore o degli organismi rappresentativi dei lavoratori di cui
al comma precedente, ad un esame congiunto in ordine alla ripresa della normale attività produttiva
e ai criteri di distribuzione degli orari di lavoro.
La richiesta di esame congiunto dovrà essere presentata entro tre giorni dalla comunica-
zione di cui al primo comma e la relativa procedura dovrà esaurirsi entro i cinque giorni successivi a
quello in cui è stata avanzata la richiesta medesima.
Negli altri casi di contrazione o sospensione dell’attività produttiva di cui all’articolo 1,
l’imprenditore è tenuto a comunicare preventivamente alle rappresentanze sindacali aziendali, ove
esistenti, nonché per il tramite dell’associazione territoriale degli industriali, in quanto vi aderisca o
le conferisca mandato, alle organizzazioni sindacali di categoria dei lavoratori più rappresentative
operanti nella provincia, le cause di sospensione o di riduzione dell’orario di lavoro, l’entità e la
durata prevedibile, il numero dei lavoratori interessati.
A tale comunicazione seguirà, su richiesta di una delle parti, un esame congiunto della
situazione avente ad ogetto i problemi relativi alla tutela degli interessi dei lavoratori in relazione alla
crisi dell’impresa. L’intera procedura di consultazione ove attivata dalla richiesta dell’esame con-
giunto di cui al precedente comma, dovrà esaurirsi entro 25 giorni dalla data della richiesta mede-
sima, ridotti a 10 per le aziende fino a 50 dipendenti.
All’atto della presentazione delle richieste d’integrazione salariale ordinaria e straordinaria
dovrà darsi comunicazione dell’esecuzione degli adempimenti di cui al presente articolo.

Art. 6
Durata dell’integrazione salariale ordinaria
L’integrazione salariale prevista per i casi di cui al precedente articolo 1 n. 1) è corrisposta
fino ad un periodo massimo di 3 mesi continutativi; in casi eccezionali detto periodo può essere
prorogato trimestralmente fino ad un massimo complessivo di 12 mesi.
Le proroghe sono autorizzate dal Comitato speciale di cui all’articolo 7 del decreto legisla-
tivo luogotenenziale 9 novembre 1945, n. 788.
Qualora l’impresa abbia fruito di 12 mesi consecutivi d’integrazione salariale, una nuova
domanda può essere proposta per la medesima unità produttiva per la quale l’integrazione è stata
concessa, quando sia trascorso un periodo di almeno 52 settimane di normale attività lavorativa.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 170

170 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

L’integrazione salariale relativa a più periodi non consecutivi non può superare complessi-
vamente la durata di 12 mesi in un biennio.
Le disposizioni di cui al terzo e quarto comma non si applicano nei casi d’intervento deter-
minato da eventi oggettivamente non evitabili.
Art. 7
Procedimento d’integrazione salariale ordinaria
Per l’ammissione al trattamento d’integrazione salariale l’imprenditore presenta alla sede
provinciale dell’Istituto nazionale della previdenza sociale apposita domanda nella quale dovranno
essere indicati la causa della sospensione o riduzione dell’orario di lavoro e la loro presumibile
durata, il numero dei lavoratori interessati e delle ore di effettivo lavoro. La domanda deve essere
presentata entro il termine di 25 giorni dalla fine del periodo di paga in corso al termine della setti-
mana in cui ha avuto inizio la sospensione o la riduzione dell’orario di lavoro.
Qualora la domanda venga presentata dopo il termine indicato nel comma precedente,
l’eventuale trattamento d’integrazione salariale non potrà aver luogo per periodi anteriori di una set-
timana rispetto alla data di prestazione.
Qualora dall’omessa o tardiva presentazione della domanda derivi a danno dei lavoratori
dipendenti la perdita totale o parziale del diritto all’integrazione salariale, l’imprenditore è tenuto a
corrispondere ai lavoratori stessi una somma d’importo equivalente all’integrazione salariale non
percepita.
Art. 8
Commissione provinciale della Cassa integrazione guadagni
L’integrazione salariale è disposta dalla sede provinciale dell’Istituto nazionale della previ-
denza sociale, competente per territorio, previa conforme deliberazione di una commissione pro-
vinciale, nominata con decreto del direttore dell’ufficio regionale del lavoro e composta dal direttore
dell’ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione, che la presiede, da un funzionario
dell’ispettorato provinciale del lavoro, da tre rapprensentati dei lavoratori e da tre rapprensentati dei
datori di lavoro dell’industria designati dalle rispettive organizzazioni sindacali di categoria più rap-
presentative operanti nella provincia.
Partecipa con voto consultivo alle sedute della commissione un funzionario della sede pro-
vinciale dell’Istituto nazionale della previdenza sociale.

Art. 9
Ricorso contro il provvedimento della commissione provinciale
Avverso il provvedimento della commissione provinciale è ammesso ricorso entro trenta
giorni dalla notifica, al comitato di cui all’articolo 7 del decreto legislativo luogotenenziale 9 novem-
bre 1945, n. 788.
Il ricorso può essere proposto entro il termine di trenta giorni dalla data della delibera anche
da parte di ciascuno dei partecipanti alle sedute della commissione che, nel corso della votazione,
abbia motivato il proprio dissenso chiedendone l’inserimento a verbale.
Sui ricorsi di cui al presente articolo il comitato speciale decide in via definitiva.

Art. 10
Procedimenti d’integrazione salariale straordinaria
Per quanto non disposto dalla presente legge, l’integrazione salariale straordinaria è rego-
lata dalla legge 5 novembre 1968, n. 1115, modificata dalla legge 8 agosto 1972, n. 464.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 171

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 171

Art. 11
Durata dell’integrazione salariale straordinaria
Nei casi di crisi economiche settoriali o locali la proroga trimestrale, di cui all’articolo 1 della
legge 8 agosto 1972, n. 464, è ammessa nel limite massimo di sei mesi.
La proroga dell’integrazione salariale nei casi di ristrutturazione, riorganizzazione e conver-
sione aziendale, dopo il primo anno, è disposta, per periodi non superiori a sei mesi, mediante
decreto interministeriale da adottarsi nelle forme e nei modi previsti dall’articolo 3 della legge 5
novembre 1968, n. 1115. La concessione di tale proroga è subordinata all’accertamento dell’attua-
zione dei programmi di ristrutturazione, riorganizzazione e conversione aziendale.

Art. 12
Finanziamento della Cassa integrazione guadagni
La Cassa integrazione guadagni è alimentata dai seguenti proventi;
1) contributo a carico delle imprese industriali, nella misura dell’1 per cento della retribu-
zione, determinata a norma dell’articolo 12 della legge 30 aprile 1969, n. 153; per le imprese fino a
50 dipendenti il contributo è determinato nella misura dello 0,75 per cento. Al fine di assicurare
l’equilibrio della gestione, al termine di ciascun esercizio, sulla base delle risultanze di bilancio
dell’esercizio stesso, le aliquote contributive predette possono essere modificate, mantenendo lo
stesso rapporto proporzionale, mediante decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del
Ministro per il lavoro e la previdenza sociale, di concerto con il Ministro per il tesoro, sentito il Comi-
tato speciale di cui all’articolo 7 del decreto legislativo luogotenenziale 9 novembre 1945, n. 788;
tale modifica è obbligatoria quando la differenza fra le entrate e le uscite per le integrazioni salariali
ordinaria risulti superiore al 10 per cento;
2) contributo addizionale a carico delle imprese che si avvalgono degli interventi d’integra-
zione salariale nella misura dell’8 per cento dell’integrazione salariale corrisposta ai propri dipen-
denti, ridotta al 4 per cento per le imprese fino a 50 dipendenti, che sarà versato, in sede di con-
guaglio, alla Cassa integrazioni guadagni. Il contributo addizionale non è dovuto quanto
l’integrazione salariale è corriposta per sospensione o riduzione dell’orario di lavoro determinate da
eventi oggettivamente non evitabili (1).
3) contributo a carico dello Stato previsto dall’articolo 13 della legge 5 novembre 1968, n.
1115, e dall’articolo 6 della legge 8 agosto 1972, n. 464, che resta determinato nella misura annua
di 20 miliardi di lire, per gli anni successivi al 1975.

Art. 13
Computo dei dipendenti
Ai fini della determinazione del limite di dipendenti, indicato al precedente articolo 12, si
tiene conto, fino al 31 dicembre 1975, del personale complessivamente in forza alla data del 1°
gennaio 1975. Per gli anni successivi, il limite anzidetto è determinato, con effetto dal 1° gennaio di
ciascun anno, sulla base del numero medio di dipendenti in forza nell’anno precedente dichiarato
dall’impresa.
Per le aziende costituite nel corso dell’anno solare si fa riferimento al numero di dipendenti
alla fine del primo mese di attività. A tale fine l’impresa è tenuta a fornire all’INPS apposita dichiara-
zione al termine di ciascun anno.

(1) Misure differenziate a seconda delle dimensioni delle imprese: 4% dell’integrazione salariale per le
imprese sino a 50 dipendenti, 8% per quelle con più di 50 dipendenti.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 172

172 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

Agli effetti di cui al presente articolo sono da comprendersi nel calcolo tutti i lavoratori,
compresi i lavoratori a domicilio, che prestano la propria opera con vincolo di subordinazione sia
all’interno che all’esterno dell’azienda.

Art. 14
Bilancio della Cassa per l’integrazione guadagni degli operai dell’industria
Nel bilancio della Cassa per l’integrazione guadagni degli operai nell’industria devono
essere esposti, in voci distinte, i contributi degli imprenditori e dello Stato, secondo l’elencazione
del precedente articolo 12 e le diverse forme d’integrazione salariale di cui all’articolo 1 della pre-
sente legge.
Tra le entrate e le uscite sono iscritti gli avanzi o i disavanzi del precedente esercizio finan-
ziario.
Art. 15
Impiegati
Il limite dell’integrazione fissato dall’articolo 1, quarto comma, della legge 8 agosto 1972, n.
464, è elevato a L. 300.000.
L’integrazione si calcola sulla base della retribuzione globale che sarebbe spettata per le
ore di lavoro non prestate.
Art. 16
Termine per il rimborso delle prestazioni
Il termine di tre mesi fissato dall’articolo 9 del decreto legislativo del Capo provvisorio dello
Stato 12 agosto 1947, n. 869, è elevato a sei mesi.

Art. 17
Formazione professionale
Nei casi d’integrazione salariale straordianria, l’ufficio regionale del lavoro, sentite le orga-
nizzazioni sindacali interessate, promuove le opportune iniziative, formulando proposte, per l’istitu-
zione di corsi di qualificazione o riqualificazione professionale.
Il lavoratore sospeso dal lavoro cessa del beneficio dell’integrazione salariale quando rifiuti
di frequentare i corsi di qualificazione o riqualificazione professionale.
Il trattamento d’integrazione salariale non è cumulabile con gli assegni, le indennità, i com-
pensi spettanti per i corsi nonché con l’indennità o con il sussidio straordinario di disoccupazione o
con altre provvidenze sostitutive o aggiuntive.

Art. 18
Disposizioni particolari per gli operai agricoli
La misura del trattamento sostitutivo dovuto agli operai agricoli ai sensi dell’articolo 8 della
legge 8 agosto 1972, n. 457, è elevata all’80 per cento della retribuzione, calcolata ai sensi dell’arti-
colo 3 della legge medesima.
La relativa spesa è posta a carico della gestione della Cassa per l’integrazione dei salari
degli operai dipendenti da imprese agricole.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 173

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 173

Allo scopo di assicurare l’equilibrio della gestione, la misura dell’aliquota contributiva di cui
all’articolo 20 della legge 8 agosto 1972, n. 457, può essere modificata al termine di ciascun eserci-
zio, sulla base delle risultanze di bilancio dell’esercizio stesso mediante il provvedimento previsto
dall’articolo 21 della legge medesima; tale modifica è obbligatoria quando la differenza fra le entrate
e le uscite della gestione della Cassa per l’integrazione dei salari degli operai dipendenti da imprese
agricole risulti superiore al 10 per cento.
Per i ricorsi avverso i provvedimenti di cui all’articolo 14 della legge 8 agosto 1972, n. 457,
si applica quanto disposto dal secondo comma dell’articolo 9 della presente legge.

Art. 19
Disposizioni finali
È abrogata ogni norma contraria o incompatibile con quelle della presente legge.

Art. 20
Regime transitorio
A decorrere dal primo periodo di paga iniziatosi successivamente al 31 gennaio 1975, i trat-
tamenti corrisposti dalla Cassa integrazione guadagni per gli operai dell’industria sono integrati
entro i limiti e nella misura di cui all’articolo 2 della presente legge.
Con la stessa decorrenza sono dovuti i contributi di cui al precedente articolo 12 punto 1).
I limiti temporali degli interventi della Cassa integrazione guadagni previsti dalla presente
legge si applicano per i periodi successivi alla data della sua entrata in vigore, anche agli interventi
in corso.
La presente legge, munita dal sigillo dello Stato, sarà inserita nella Raccolta ufficiale delle
leggi e dei decreti della Repubblica italiana. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 174

174 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

Legge 13 agosto 1980, n. 427


Modifica della disciplina dell’integrazione
salariale straordinaria relativa alle
categorie operaie e impiegatizie
(«Gazzetta Ufficiale» 16 agosto 1980, n. 224)

Articolo unico - Nei casi d’intervento straordinario della Cassa integrazione guadagni agli
impiegati sospesi dal lavoro è corrisposta un’integrazione salariale pari all’80% per cento della
retribuzione che sarebbe spettata per le ore di lavoro non prestate.
«L’importo di integrazione salariale sia per gli operai che per gli impiegati, calcolato tenendo
conto dell’orario di ciascuna settimana indipendentemente dal periodo di paga, non può superare:
a) l’importo mensile di lire 1.248.021; b) l’importo mensile di lire 1.500.0000 quando la retribuzione
di riferimento per il calcolo dell’integrazione medesima, comprensiva dei ratei di mensilità aggiun-
tive, è superiore a lire 2.700.000 mensili. Detti importi massimi vanno comunque rapportati alle ore
di integrazione autorizzate. Con effetto dal 1° gennaio di ciascun anno, a partire dal 1995, gli importi
di integrazione salariale di cui alle lettere a) e b), nonché la retribuzione mensile di riferimento di cui
alla medesima lettera b), sono aumentati nella misura dell’80 per cento dell’aumento derivante dalla
variazione annuale dell’indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impie-
gati» (1).

(1) Comma sostituito dall’art. 1, comma 5, del D.L. 16/5/1994, n. 299, convertito con modificazioni in
legge 19/7/1994, n. 451.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 175

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 175

Legge 23 luglio 1991, n. 223


Norme in materia di cassa integrazione, mobilità,
trattamenti di disoccupazione, attuazione di direttive
della Comunità europea, avviamento al lavoro
ed altre disposizioni in materia di mercato del lavoro
(Pubblicata nel Suppl. ord. n. 43 alla G.U. n. 175, serie generale, del 27 luglio 1991)

Titolo I
NORME IN MATERIA DI INTEGRAZIONE SALARIALE E
DI ECCEDENZE DI PERSONALE
Capo I
NORME IN MATERIA DI INTEGRAZIONE SALARIALE
Art. 1
Norme in materia di intervento straordinario di integrazione salariale
1. La disciplina in materia di intervento straordinario di integrazione salariale trova applica-
zione limitamente alle imprese che abbiano occupato mediamente più di quindici lavoratori nel
semestre precedente la data di presentazione della richiesta di cui al comma secondo. Nel caso di
richieste presentate prima che siano trascorsi sei mesi dal trasferimento di azienda, tale requisito
deve sussistere, per il datore di lavoro subentrante, nel periodo decorrente dalla data del predetto
trasferimento. Ai fini dell’applicazione del presente comma vengono computati anche gli apprendi-
sti ed i lavoratori assunti con contratto di formazione e lavoro.
2. La richiesta di intervento straordinario di integrazione salariale deve contenere il pro-
gramma che l’impresa intende attuare con riferimento anche alle eventuali misure previste per fron-
teggiare le conseguenze sul piano sociale. Il programma deve essere formulato in conformità ad un
modello stabilito, sentito il Comitato interministeriale per il coordinamento della politica industriale
(CIPI), con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale. L’impresa, sentite le rappre-
sentanze sindacali aziendali o, in mancanza di queste, le organizzazioni sindacali di categoria dei
lavoratori più rappresentative operanti nella provincia, può chiedere una modifica del programma
nel corso del suo svolgimento.
3. La durata dei programmi di ristrutturazione, riorganizzazione o conversione aziendale
non può essere superiore a due anni. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale ha facoltà di
concedere due proroghe, ciascuna di durata non superiore a dodici mesi, per quelli tra i predetti
programmi che presentino una particolare complessità in ragione delle caratteristiche tecniche dei
processi produttivi dell’azienda ovvero in ragione della rilevanza delle conseguenze occupazionali
che detti programmi comportano con riferimento alle dimensioni dell’impresa ed alla sua articola-
zione sul territorio (1).
4. Il contributo addizionale di cui all’art. 8, comma primo, del D.L. 21 marzo 1988, n. 86, con-
vertito, con modificazioni, dalla legge 20 maggio 1988 n. 160 è dovuto in misura doppia a decorrere

(1) Comma così sostituito dall’art. 1, comma 4, della legge 19/7/1994, n. 451.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 176

176 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

dal primo giorno del venticinquesimo mese successivo a quello in cui è fissata dal decreto mini-
steriale di concessione la data di decorrenza del trattamento di integrazione salariale.
5. La durata del programma per crisi aziendale non può essere superiore a dodici mesi.
Una nuova erogazione per la medesima causale non può essere disposta prima che sia decorso
un periodo pari a due terzi di quello relativo alla precedente concessione.
6. Il CIPI fissa, su proposta del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, sentito il
comitato tecnico di cui all’art. 19 della legge 28 febbraio 1986, n. 41 i criteri per l’individuazione
dei casi di crisi aziendale, nonché di quelli previsti dall’art. 11, comma secondo, in relazione alle
situazioni occupazionali nell’ambito territoriale e alla situazione produttiva dei settori, cui atte-
nersi per la selezione dei casi di intervento, nonché i criteri per l’applicazione dei commi nono e
decimo.
7. I criteri di individuazione dei lavoratori da sospendere nonché le modalità della rota-
zione prevista nel comma ottavo devono formare oggetto delle comunicazioni e dell’esame con-
giunto previsti dall’art. 5 della legge 20 maggio 1975, n. 164.
8. Se l’impresa ritiene, per ragioni di ordine tecnico-organizzativo connesse al manteni-
mento dei normali livelli di efficienza, di non adottare meccanismi di rotazione tra i lavoratori che
espletano le medesime mansioni e sono occupati nell’unità produttiva interessata dalle sospen-
sioni, deve indicarne i motivi nel programma di cui al comma secondo. Qualora il CIPI abbia
approvato il programma, ma ritenga non giustificati i motivi addotti dall’azienda per la mancata
adozione della rotazione, il Ministro del lavoro e della previdenza sociale promuove l’accordo fra
le parti sulla materia e, qualora tale accordo non sia stato raggiunto entro tre mesi dalla data del
decreto di concessione del trattamento straordinario di integrazione salariale, stabilisce con pro-
prio decreto l’adozione di meccanismi di rotazione, sulla base delle specifiche proposte formu-
late dalle parti. L’azienda, ove non ottemperi a quanto previsto in tale decreto, è tenuta per ogni
lavoratore sospeso, a corrispondere con effetto immediato, nella misura doppia, il contributo
addizionale di cui all’art. 8 comma primo, del citato D.L. 21 marzo 1988, n. 86, convertito, con
modificazioni, dalla legge 20 maggio 1988, n. 160. Il medesimo contributo, con effetto dal primo
giorno del venticinquesimo mese successivo all’atto di concessione del trattamento di cassa
integrazione, è maggiorato di una somma pari al centocinquanta per cento del suo ammontare.
9. Per ciascuna unità produttiva i trattamenti straordinari di integrazione salariale non
possono avere una durata complessiva superiore a trentasei mesi nell’arco di un quinquennio,
indipendentemente dalle cause per le quali sono stati concessi, ivi compresa quella prevista
dall’art. 1 del D.L. 30 ottobre 1984, n. 726 convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre
1984, n. 863. Si computano a tal fine, anche i periodi di trattamento ordinario concessi per con-
trazioni o sospensioni dell’attività produttiva determinate da situazioni temporanee di mercato. Il
predetto limite può essere superato, secondo condizioni e modalità determinate dal CIPI ai sensi
del comma sesto, per i casi previsti dall’art. 3 della presente legge, dall’art. 1 del D.L. 30 ottobre
1984, n. 726, convertito, con modificazioni dalla legge 19 dicembre 1984, n. 863, dall’art. 7 del
D.L. 30 dicembre 1987, n. 536, convertito, con modificazioni dalla legge 29 febbraio 1988, n. 48,
ovvero per i casi di proroga di cui al comma terzo.
10. Per le imprese che presentino un programma di ristrutturazione, riorganizzazione o
conversione aziendale a seguito di una avvenuta significativa trasformazione del loro assetto pro-
prietario, che abbia determinato rilevanti apporti di capitali ed investimenti produttivi, non sono
considerati, ai fini dell’applicazione del comma nono, i periodi antecedenti la data della trasfor-
mazione medesima.
11. L’impresa non può richiedere l’intervento straordinario di integrazione salariale per le
unità produttive per le quali abbia richiesto, con riferimento agli stessi periodi, l’intervento ordina-
rio.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 177

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 177

Art. 2.
Procedure
1. Il trattamento straordinario di integrazione salariale è concesso mediante decreto del
Ministro del lavoro e della previdenza sociale, previa approvazione del programma, di cui all’art. 1,
comma secondo, da parte del CIPI, per la durata prevista nel programma medesimo.
2. Le modifiche e le proroghe dei programmi di cui all’art. 1, commi secondo e terzo, sono
approvate dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale nel caso in cui i lavoratori interessati
alle integrazioni salariali siano in numero pari o inferiore a cento unità; sono approvate dal CIPI negli
altri casi.
3. Successivamente al primo semestre l’erogazione del trattamento è autorizzata, su
domanda, dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale per periodi semestrali subordinata-
mente all’esito positivo dell’accertamento sulla regolare attuazione del programma da parte
dell’impresa.
4. La domanda del trattamento straordinario di integrazione salariale e l’eventuale domanda
di proroga del trattamento medesimo devono essere presentate, nel termine previsto dal primo
comma dell’art. 7 della legge 20 maggio 1975, n. 164, all’ufficio regionale del lavoro e della mas-
sima occupazione ed all’ispettorato regionale del lavoro territorialmente competenti. Nel caso di
presentazione tardiva della domanda si applicano il secondo e il terzo comma del predetto art. 7 (1).
5. L’Ufficio regionale del lavoro e della massima occupazione, sulla base degli accertamenti
disposti dall’Ispettorato regionale del lavoro, esprime il parere previsto dal primo comma dell’art. 8
della legge 8 agosto 1972, n. 464, entro trenta giorni dalla data di presentazione della domanda.
6. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale può disporre il pagamento diretto ai lavo-
ratori, da parte dell’INPS, del trattamento straordinario di integrazione salariale, con il connesso
assegno per il nucleo familiare, ove spettante, quando per l’impresa ricorrano comprovate difficoltà
di ordine finanziario accertate dall’Ispettorato provinciale del lavoro territorialmente competente.
Restano fermi gli obblighi del datore di lavoro in ordine alle comunicazioni prescritte nei confronti
dell’INPS.
7. Entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, con la procedura
prevista dall’art. 19, comma quinto, della legge 28 febbraio 1986, n. 41, viene stabilita la nuova
composizione del comitato tecnico di cui all’art. 1, comma sesto, della presente legge, e vengono
fissati i criteri e le modalità per l’assunzione delle determinazioni riguardanti l’istruttoria tecnica
selettiva. Con lo stesso decreto viene stabilita la misura del compenso da corrispondere ai compo-
nenti del comitato tecnico. Al relativo onere, valutato in lire 80 milioni in ragione d’anno a partire dal
1991, si provvede a carico del capitolo 1025 dello stato di previsione del Ministero del bilancio e
della programmazione economica per l’anno 1991 e corrispondenti capitoli per gli anni successivi.

(1) Comma così sostituito dall’art. 7, comma 1, della legge 19/7/1993, n. 236.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 178

178 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

Art. 3
Intervento straordinario di integrazione salariale e procedure concorsuali
1. Il trattamento straordinario di integrazione salariale è concesso, con decreto del Ministro
del lavoro e della previdenza sociale, ai lavoratori delle imprese soggette alla disciplina dell’inter-
vento straordinario di integrazione salariale, nei casi di dichiarazione di fallimento, di emanazione
del provvedimento di liquidazione coatta amministrativa ovvero di sottoposizione all’amministra-
zione straordinaria, qualora la continuazione dell’attività non sia stata disposta o sia cessata. Il trat-
tamento straordinario di integrazione salariale è altresì concesso nel caso di ammissione al concor-
dato preventivo consistente nella cessione dei beni. In caso di mancata omologazione, il periodo di
integrazione salariale fruito dai lavoratori sarà detratto da quello previsto nel caso di dichiarazione
di fallimento. Il trattamento viene concesso, su domanda del curatore, del liquidatore o del commis-
sario, per un periodo non superiore a dodici mesi (1).
2. Entro il termine di scadenza del periodo di cui al comma primo, quando sussistano fon-
date prospettive di continuazione o ripresa dell’attività e di salvaguardia, anche parziale, dei livelli di
occupazione tramite la cessione, a qualunque titolo, dell’azienda o di sue parti, il trattamento
straordinario di integrazione salariale può essere prorogato, su domanda del curatore, del liquida-
tore o del commissario, previo accertamento da parte del CIPI, per un’ulteriore periodo non supe-
riore a sei mesi. La domanda deve essere corredata da una relazione, approvata dal giudice dele-
gato o dall’autorità che esercita il controllo, sulle prospettive di cessione dell’azienda o di sue parti
e sui riflessi della cessione sull’occupazione aziendale.
3. Quando non sia possibile la continuazione dell’attività, anche tramite cessione del-
l’azienda o di sue parti, o quando i livelli occupazionali possano essere salvaguardati solo parzial-
mente, il curatore, il liquidatore o il commissario hanno facoltà di collocare in mobilità, ai sensi
dell’art. 4, ovvero dell’art. 24, i lavoratori eccedenti. In tali casi il termine di cui all’art. 4, comma
sesto, è ridotto a trenta giorni. Il contributo a carico dell’impresa previsto dall’art. 5, comma quarto,
non è dovuto.
Commi quattro, quattro bis e quattro ter (omissis)
5. Sono abrogati l’art. 2 della legge 27 luglio 1979, n. 301, e successive modificazioni, e
l’art. 2 del D.L. 21 febbraio 1985, n. 23, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 aprile 1985, n.
143, e successive modificazioni.

Capo II
NORME IN MATERIA DI MOBILITÀ
Art. 4
Procedura per la dichiarazione di mobilità
1. L’impresa che sia stata ammessa al trattamento straordinario di integrazione salariale,
qualora nel corso di attuazione del progamma di cui all’art. 1 ritenga di non essere in grado di
garantire il reimpiego a tutti i lavoratori sospesi e di non poter ricorrere a misure alternative, ha
facoltà di avviare le procedure di mobilità ai sensi del presente articolo.

(1) Comma così modificato dall’art. 7, comma 8, della legge 19/7/1993, n. 236.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 179

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 179

2. Le imprese che intendano esercitare la facoltà di cui al comma primo sono tenute a darne
comunicazione preventiva per iscritto alle rappresentanze sindacali aziendali costituite a norma
dell’art. 19 della legge 20 maggio 1970, n. 300, nonché alle rispettive associazioni di categoria. In
mancanza delle predette rappresentanze la comunicazione deve essere effettuata alle associazioni
di categoria aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale. La
comunicazione alle associazioni di categoria può essere effettuata per il tramite dell’associazione dei
datori di lavoro alla quale l’impresa aderisce o conferisce mandato.
3. La comunicazione di cui al comma secondo deve contenere indicazione: dei motivi che
determinano la situazione di eccedenza; dei motivi tecnici, organizzativi o produttivi, per i quali si
ritiene di non poter adottare misure idonee a porre rimedio alla predetta situazione ed evitare, in tutto
o in parte, la dichiarazione di mobilità; del numero, della collocazione aziendale e dei profili profes-
sionali del personale eccedente nonché del personale abitualmente impiegato, dei tempi di attua-
zione del programma di mobilità; delle eventuali misure programmate per fronteggiare le conse-
guenze sul piano sociale della attuazione del programma medesimo, del metodo di calcolo di tutte le
attribuzioni patrimoniali diverse da quelle già previste dalla legislazione vigente e dalla contrattazione
collettiva. Alla comunicazione va allegata copia della ricevuta del versamento all’INPS, a titolo di
anticipazione sulla somma di cui all’art. 5, comma quarto, di una somma pari al trattamento massimo
mensile di integrazione salariale moltiplicato per il numero dei lavoratori ritenuti eccedenti (1).
4. Copia della comunicazione di cui al comma secondo e della ricevuta del versamento di
cui al comma terzo devono essere contestualmente inviate all’ufficio provinciale del lavoro e della
massima occupazione.
5. Entro sette giorni dalla data del ricevimento della comunicazione di cui al comma
secondo, a richiesta delle rappresentanze sindacali aziendali e delle rispettive associazioni si pro-
cede ad un esame congiunto tra le parti, allo scopo di esaminare le cause che hanno contribuito a
determinare l’eccedenza del personale e le possibilità di utilizzazione diversa di tale personale, o di
una sua parte, nell’ambito della stessa impresa, anche mediante contratti di solidarietà e forme fles-
sibili di gestione del tempo di lavoro.
6. La procedura di cui al comma quinto deve essere esaurita entro quaranticinque giorni
dalla data di ricevimento della comunicazione dell’impresa. Quest’ultima dà all’Ufficio provinciale
del lavoro e della massima occupazione comunicazione scritta sul risultato della consultazione e sui
motivi del suo eventuale esito negativo. Analoga comunicazione scritta può essere inviata dalle
associazioni sindacali dei lavoratori.
7. Qualora non sia stato raggiunto l’accordo, il direttore dell’Ufficio provinciale del lavoro e
della massima occupazione convoca le parti al fine di un ulteriore esame delle materie di cui al
comma quinto, anche formulando proposte per la realizzazione di un accordo. Tale esame deve
comunque esaurirsi entro trenta giorni dal ricevimento da parte dell’Ufficio provinciale del lavoro e
della massima occupazione della comunicazione dell’impresa prevista al comma sesto.
8. Qualora il numero dei lavoratori interessati dalla procedura di mobilità sia inferiore a dieci,
i termini di cui ai commi sesto e settimo sono ridotti alla metà.

(1) Comma così modificato dall’art. 1, D.Lgs. 26/5/1997, n. 151.


167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 180

180 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

9. Raggiunto l’accordo sindacale ovvero esaurita la procedura di cui ai commi sesto, set-
timo e ottavo, l’impresa ha facoltà di collocare in mobilità gli impiegati, gli operai e i quadri ecce-
denti, comunicando per iscritto a ciascuno di essi il recesso, nel rispetto dei termini di preavviso.
Contestualmente, l’elenco dei lavoratori collocati in mobilità, con l’indicazione per ciascun soggetto
del nominativo, del luogo di residenza, della qualifica, del livello di inquadramento, dell’età, del
carico di famiglia, nonchè con puntuale indicazione delle modalità con le quali sono stati applicati i
criteri di scelta di cui all’art. 5, comma primo, deve essere comunicato per iscritto all’Ufficio regio-
nale del lavoro e della massima occupazione compente, alla Commisione regionale per l’impiego e
alle associazioni di categoria di cui al comma secondo.
10. Nel caso in cui l’impresa rinunci a collocare in mobilità i lavoratori o ne collochi un
numero inferiore a quello risultante dalla comunicazione di cui al comma secondo, la stessa pro-
cede al recupero delle somme pagate in eccedenza rispetto a quella dovuta ai sensi dell’art. 5,
comma quarto mediante conguaglio con i contributi dovuti all’INPS, da effettuarsi con il primo ver-
samento utile successivo alla data di determinazione del numero dei lavoratori posti in mobilità.
11. Gli accordi sindacali stipulati nel corso delle procedure di cui al presente articolo, che
prevedano il riassorbimento totale o parziale dei lavoratori ritenuti eccedenti, possono stabilire,
anche in deroga al secondo comma dell’art. 2103 del codice civile, la loro assegnazione a mansioni
diverse da quelle svolte.
12. Le comunicazioni di cui al comma nono sono prive di efficacia ove siano state effettuate
senza l’osservanza della forma scritta e delle procedure previste dal presente articolo.
13. I lavoratori ammessi al trattamento di cassa integrazione, al termine del periodo di godi-
mento del trattamento di integrazione salariale, rientrano in azienda.
14. Il presente articolo non trova applicazione nel caso di eccedenze determinate da fine
lavoro nelle imprese edili e nelle attività stagionali o saltuarie, nonché per i lavoratori assunti con
contratto di lavoro a tempo determinato.
15. Nei casi in cui l’eccedenza riguardi unità produttive ubicate in diverse province della
stessa regione ovvero in più regioni, la competenza a promuovere l’accordo di cui al comma set-
timo spetta rispettivamente al direttore dell’Uffiico regionale del lavoro e della massima occupa-
zione ovvero al Ministro del lavoro e della previdenza sociale. Agli stessi vanno inviate le comunica-
zioni previste dal comma quarto.
15.bis. Gli obblighi di informazione, consultazione e comunicazione devono essere adem-
piuti indipendentemente dal fatto che le decisioni relative all’apertura delle procedure di cui al pre-
sente articolo siano assunte dal datore di lavoro o da un’impresa che lo controlli. Il datore di lavoro
che viola tali obblighi non può eccepire a propria difesa la mancata trasmissione, da parte
dell’impresa che lo controlla, delle informazioni relative alla decisione che ha determinato l’apertura
delle predette procedure. (1)
16. Sono abrogati gli artt. 24 e 25 della legge 12 agosto 1977, n. 675, le disposizioni del
D.L. 30 marzo 1978, n. 80, convertito con modificazioni dalla legge 26 maggio 1978, n. 215, ad
eccezione dell’art. 4-bis, nonché il D.L. 13 dicembre 1978, n. 795, convertito, con modificazioni,
dalla legge 9 febbraio 1979, n. 36.

(1) Comma aggiunto dall’art. 1, D.Lgs. 26/5/1997, n. 151.


167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 181

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 181

Art. 5
Criteri di scelta dei lavoratori ed oneri a carico delle imprese
1. L’individuazione dei lavoratori da collocare in mobilità deve avvenire, in relazione alle
esigenze tecnico-produttive edorganizzative del complesso aziendale, nel rispetto dei criteri previ-
sta da contratti collettivi stipulati con i sindacati di cui all’art. 4, comma secondo, ovvero, in man-
canza di questi contratti, nel rispetto dei seguenti criteri, in concorso tra loro:
a) carichi di famiglia;
b) anzianità;
c) esigenze tecnico-produttive ed organizzative.
2. Nell’operare la scelta dei lavoratori da collocare in mobilità, l’impresa è tenuta al rispetto
dell’art. 9, ultimo comma, del D.L. 29 gennaio 1983, n. 17, convertito, con modificazioni, dalla legge
25 marzo 1983, n. 79. L’impresa non può altresì collocare in mobilità una percentuale di manodo-
pera femminile superiore alla percentuale di manodopera femminile occupata con riguardo alle
mansioni prese in considerazione (1).
3. Il recesso di cui all’art. 4, comma nono, è inefficace qualora sia intimato senza l’osser-
vanza della forma scritta o in violazione delle procedure richiamate all’art. 4, comma dodice-
simo, ed è annullabile in caso di violazione dei criteri di scelta previsti dal comma primo del pre-
sente articolo. Salvo il caso di mancata comunicazione per iscritto, il recesso può essere
impugnato entro sessanta giorni dal ricevimento della comunicazione con qualsiasi atto scritto,
anche extragiudiziale, idoneo a rendere nota la volontà del lavoratore anche attraverso l’inter-
vento delle organizzazioni sindacali. Al recesso di cui all’art. 4, comma nono, del quale sia stata
dichiarata l’inefficacia l’invalidità, si applica l’art. 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300, e suc-
cessive modificazioni.
4. Per ciascun lavoratore posto in mobilità l’impresa è tenuta a versare alla gestione degli
interventi assistenziali e di sostegno alle gestioni previdenziali, di cui all’art. 37 della legge 9 marzo
1989, n. 88, in trenta rate mensili, una somma pari a sei volte il trattamento mensile iniziale di mobi-
lità spettante al lavoratore. Tale somma è ridotta alla metà quando la dichirazione di eccedenza del
personale di cui all’art. 4, comma nono, abbia formato oggetto di accordo sindacale.
5. L’impresa che, secondo le procedure determinate dalla Commissione regionale, per
l’impiego, procuri offerte di lavoro a tempo indeterminato aventi le caratteristiche di cui all’art. 9,
comma primo, lettera b), non è tenuta al pagamento delle rimanenti rate relativamente ai lavoratori
che perdano il diritto al trattamento di mobilità in conseguenza del rifiuto di tali offerte ovvero per
tutti il periodo in cui essi, accettando le offerte procurate dall’impresa, abbiano prestato lavoro. Il
predetto beneficio è escluso per le imprese che si trovano, nei confronti dell’impresa disposta ad
assumere, nei rapporti di cui all’art. 8, comma 4bis. Si applica la disposizione di cui al secondo
periodo del citato comma (2).
6. Qualora il lavoratore venga messo in mobilità dopo la fine del dodicesimo mese succes-
sivo a quello di emanazione del decreto di cui all’art. 2, comma primo, e la fine del dodicesimo
mese successivo a quello del completamento del programma di cui all’art. 1, comma secondo,
nell’unità produttiva in cui il lavoratore era occupato, la somma che l’impresa è tenuta a versare ai
sensi del comma quarto del presente articolo è aumentata di cinque punti percentuali per ogni
periodo di trenta giorni intercorrente tra l’inizio del tredicesimo mese e la data di completamento del
programma. Nel medesimo caso non trova applicazione quanto previsto dal secondo comma
dell’art. 2 della legge 8 agosto 1972, n. 464.
(1) Comma così modificato dall’art. 6, comma 5 bis, del D.L. 20/5/1993, n. 148, convertito con modifi-
cazioni in legge 19/7/1993, n. 236.
(2) Comma così modificato dall’art. 2, comma 2, del D.L. 16/5/1994, n. 299, convertito con modifica-
zioni in legge 19/7/1994, n. 451.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 182

182 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

Art. 6
Lista di mobilità e compiti della Commissione regionale per l’impiego
1. L’Ufficio regionale del lavoro e della massima occupazione, sulla base delle direttive
impartite dal Ministero del lavoro e della previdenza sociale, sentita la Commissione centrale per
l’impiego, dopo un’analisi tecnica da parte dell’Agenzia per l’impiego compila una lista dei lavora-
tori in mobilità, sulla base di schede che contengano tutte le informazioni utili per individuare la pro-
fessionalità, la preferenza per una mansione diversa da quella originaria, la disponibilità al trasferi-
mento sul territorio; in questa lista vengono iscritti anche i lavoratori di cui agli artt. 11, comma
secondo, e 16, e vengono esclusi quelli che abbiano fatto richiesta dell’anticipazione di cui all’art. 7,
comma quinto.
Secondo e terzo comma (omissis).
4. Su richiesta delle amministrazioni pubbliche la Commissione regionale per l’impiego può
disporre l’utilizzo temporaneo dei lavoratori iscritti nella lista di mobilità in opere o servizi di pubblica
utilità, ai sensi dell’art. 1-bis del D.L. 28 maggio 1981, n. 244, convertito, con modificazioni, dalla
legge 24 luglio 1981, n. 390, modificato dall’art. 8 della legge 28 febbraio 1986, n. 41, e dal D.L. 21
marzo 1988, n. 86, convertito, con modificazioni, dalla legge 20 maggio 1988, n. 160. Il secondo
comma del citato art. 1-bis non si applica nei casi in cui l’amministrazione pubblica interessata uti-
lizzi i lavoratori per un numero di ore ridotto e proporzionato ad una somma corrispondente al tratta-
mento di mobilità spettante al lavoratore ridotta del venti per cento.
5. I lavoratori in mobilità sono compresi tra i soggetti di cui all’art. 14, comma primo, lettera
a), della legge 27 febbraio 1985, n. 49.

Art. 7
Indennità di mobilità
1. I lavoratori collocati in mobilità ai sensi dell’art. 4, che siano in possesso dei requisiti di
cui all’art. 16, comma primo, hanno diritto ad una indennità per un periodo massimo di dodici mesi,
elevato a ventiquattro per i lavoratori che hanno compiuto i quaranta anni e a trentasei per i lavora-
tori che hanno compiuto i cinquanta anni. L’indennità spetta nella misura percentuale, di seguito
indicata, del trattamento straordinario di integrazione salariale che hanno percepito ovvero che
sarebbe loro spettato nel periodo immediatamente precedente la risoluzione del rapporto di lavoro:
a) per i primi dodici mesi: cento per cento;
b) dal tredicesimo al trentaseiesimo mese: ottanta per cento.
2. Nelle aree di cui al testo unico approvato con D.P.R. 6 marzo 1978, n. 218, la indennità di
mobilità è corrisposta per un periodo massimo di ventiquattro mesi, elevato a trentasei per i lavora-
tori che hanno compiuto i quaranta anni e a quarantotto per i lavoratori che hanno compiuto i cin-
quanta anni. Essa spetta nella seguente misura:
a) per i primi dodici mesi: cento per cento.
b) dal tredicesimo al quarantottesimo mese: ottanta per cento.
3. L’indennità di mobilità è adeguata, con effetto dal 1° gennaio di ciascun anno, in misura
pari all’aumento della indennità di contingenza dei lavoratori dipendenti. Essa non è comunque cor-
risposta successivamente alla data del compimento dell’età pensionabile ovvero, se a questa data
non è ancora maturato il diritto alla pensione di vecchiaia, successivamente alla data in cui tale
diritto viene a maturazione.
4. L’indennità di mobilità non può comunque essere corrisposta per un periodo superiore
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 183

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 183

all’anzianità maturata dal lavoratore alle dipendenze dell’impresa che abbia attivato la procedura di
cui all’art. 4.
5. I lavoratori in mobilità che ne facciano richiesta per intrapendere un’attività autonoma o
per associarsi in cooperativa in conformità alle norme vigenti possono ottenere la corresponsione
anticipata dell’indennità nelle misure indicate nei commi primo e secondo, detraendone il numero di
mensilità già godute. Fino al 31 dicembre 1992 (1), per i lavoratori in mobilità delle aree di cui al
comma secondo che abbiano compiuto i cinquanta anni di età, questa somma è aumentata di un
importo pari a quindici mensilità dell’indennità iniziale e di mobilità e comunque non superiore al
numero dei mesi mancanti al compimento dei sessanta anni di età. Per questi ultimi lavoratori il
requisito di anzianità aziendale di cui all’art. 16, comma primo, è elevato in misura pari al periodo
trascorso tra la data di entrata in vigore della presente legge e quella del loro collocamento in mobi-
lità. Le somme corrisposte a titolo di anticipazione dell’indennità di mobilità sono cumulabili con il
beneficio di cui all’art. 17 della legge 27 febbraio 1985, n. 49. Con decreto del Ministro del lavoro e
della previdenza sociale, di concerto con il Ministro del tesoro sono determinate le modalità e le
condizioni per la corresponsione anticipata dell’indennità di mobilità, le modalità per la restituzione
nel caso in cui il lavoratore, nei ventiquattro mesi successivi a quello della corresponsione, assuma
una occupazione delle altrui dipendenze nel settore privato o in quello pubblico, nonché le modalità
per la riscossione delle somme di cui all’art. 5, commi quarto e sesto.
6. Nelle aree di cui al comma secondo nonché nell’ambito delle circoscrizioni o nel maggior
ambito determinato dalla Commissione regionale per l’impiego, in cui sussista un rapporto superiore
alla media nazionale tra iscritti alla prima classe della lista di collocamento e popolazione residente in
età da lavoro, ai lavoratori collocati in mobilità entro la data del 31 dicembre 1992 (1) che, al
momento della cessazione del rapporto, abbiano compiuto un’età inferiore di non più di cinque anni
rispetto a quella prevista dalla legge per il pensionamento di vecchiaia, e possano far valere,
nell’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti, un’anzianità contri-
butiva non inferiore a quella minima prevista per il predetto pensionamento, diminuita del numero di
settimane mancanti alla data di compimento dell’età pensionabile, l’indennità di mobilità è prolun-
gata fino a quest’ultima data. La misura dell’indennità per i periodi successivi a quelli previsti nei
commi primo e secondo è dell’ottanta per cento.
7. Negli ambiti di cui al comma sesto, ai lavoratori collocati in mobilità entro la data del 31
dicembre 1992 (1) che, al momento della cessazione del rapporto, abbiano compiuto un’età inferiore di
non più di dieci anni rispetto a quella prevista dalla legge per il pensionamento di vecchiaia e possano far
valere, nell’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti, un’anzianità
contributiva non inferiore a ventotto anni, l’indennità di mobilità spetta fino alla data di maturazione del
diritto al pensionamento di anzianità. Per i lavoratori dipendenti anteriormente alla data del 1° gennaio
1991 dalle società non operative della Società di Gestione e partecipazioni Industriali SpA (GEPI) e delle
Iniziative Sardegna SpA (INSAR) si prescinde dal requisito dell’anzianità contributiva; l’indennità di mobi-
lità non può comunque essere corrisposta per un periodo superiore a dieci anni.
8. L’indennità di mobilità sostituisce ogni altra prestazione di disoccupazione nonché le
indennità di malattia e di maternità eventualmente spettanti.
9. I periodi di godimento dell’indennità di mobilità, ad esclusione di quelli per i quali si fa
luogo alla corresponsione anticipata ai sensi del comma quinto, sono riconosciuti d’ufficio utili ai
fini del conseguimento del diritto alla pensione e ai fini della determinazione della misura della pen-
sione stessa. Per detti periodi il contributo figurativo è calcolato sulla base della retribuzione cui è
riferito il trattamento straordinario di integrazione salariale di cui al comma primo. Le somme occor-
renti per la copertura della contribuzione figurativa sono versate dalla gestione di cui al comma
undicesimo alle gestioni pensionistiche competenti.
(1) Il presente termine è stato prorogato al 31 dicembre 1994 dall’art. 5, comma 4, della legge
19/7/1994, n. 451.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 184

184 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

10. Per i periodi di godimento dell’indennità di mobilità spetta l’assegno per il nucleo familiare di cui
all’art. 2 del D.L. 13 marzo 1988, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 maggio 1988, n. 153.
11. I datori di lavoro, ad eccezione di quelli edili, rientranti nel campo di applicazione della
normativa che disciplina l’intervento straordinario di integrazione salariale, versano alla gestione di
cui all’art. 37 della legge 9 marzo 1989, n. 88, un contributo transitorio calcolato con riferimento alle
retribuzioni assoggettate al contributo integrativo per l’assicurazione obbligatoria contro la disoc-
cupazione involontaria, in misura pari a 0,35 punti di aliquota percentuale a decorrere dal periodo di
paga in corso alla data di entrata in vigore della presente legge e fino al periodo di paga in corso al
31 dicembre 1991 ed in misura pari a 0,43 punti di aliquota percentuale a decorrere dal periodo di
paga successivo a quello in corso al 31 dicembre 1991 fino a tutto il periodo di paga in corso al 31
dicembre 1992; i datori di lavoro tenuti al versamento del contributo transitorio sono esononerati,
per i periodi corrispondenti e per i corrispondenti punti di aliquota percentuale, dal versamento del
contributo di cui all’art. 22 della legge 11 marzo 1988, n. 67 per la parte a loro carico.
12. L’indennità prevista dal presente articolo è regolata dalla normativa che disciplina l’assi-
curazione obbligatoria contro la disoccupazione involontaria, in quanto applicabile, nonché dalle
disposizioni di cui all’art. 37 della legge 9 marzo 1989. n. 88.
13. Per i giornalisti l’indennità prevista dal presente articolo è a carico dell’Istituto nazionale di
previdenza dei giornalisti italiani. Le somme e i contributi di cui al comma undicesimo e all’art. 4,
comma terzo, sono dovuti al predetto Istituto. Ad esso vanno inviate le comunicazioni relative alle pro-
cedure previste dall’art. 4, comma decimo, nonché le comunicazioni di cui all’art. 9, comma terzo.
14. È abrogato l’art. 12 della legge 5 novembre 1968, n. 1115, e successive modificazioni.
15. In caso di squilibrio finanziario delle gestioni nei primi tre anni successivi a quello di
entrata in vigore della presente legge, il Ministro del tesoro, di concerto con il Ministro del lavoro e
della previdenza sociale, adegua i contributi di cui al presente articolo nella misura necessaria a
ripristinare l’equilibrio di tali gestioni.

Art. 8
Collocamento dei lavoratori in mobilità
1. Per i lavoratori in mobilità, ai fini del collocamento, si applica il diritto di precedenza
nell’assunzione di cui al sesto comma dell’art. 15 della legge 29 aprile 1949, n. 264, e successive
modificazioni ed integrazioni.
2. I lavoratori in mobilità possono essere assunti con contratto di lavoro a termine di durata
non superiore a dodici mesi. La quota di contribuzione a carico del datore di lavoro è pari a quella
prevista per gli apprendisti dalla legge 19 gennaio 1955, n. 25, e successive modificazioni.
Nel caso in cui, nel corso del suo svolgimento, il predetto contratto venga trasformato a
tempo indeterminato, il beneficio contributivo spetta per ulteriori dodici mesi in aggiunta a quello
previsto dal comma quarto.
Terzo comma (omissis)
4. Al datore di lavoro che, senza esservi tenuto ai sensi del comma primo, assuma a tempo
pieno e indeterminato i lavoratori iscritti nella lista di mobilità è concesso, per ogni mensilità di retri-
buzione corrisposta al lavoratore, un contributo mensile pari al cinquanta per cento della indennità
di mobilità che sarebbe stata corrisposta al lavoratore. Il predetto contributo non può essere ero-
gato per un numero di mesi superiore a dodici e, per i lavoratori di età superiore a cinquanta anni,
per un numero superiore a ventiquattro mesi, ovvero a trentasei mesi per le aree di cui all’art. 7,
comma sesto. Il presente comma non trova applicazione per i giornalisti.
4bis. Il diritto ai benefici economici di cui ai commi precedenti è escluso con riferimento a
quei lavoratori che siano stati collocati in mobilità, nei sei mesi precedenti, da parte di impresa dello
175_201 3-12-2004 11:51 Pagina 185

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 185

stesso o di diverso settore di attività che al momento del licenziamento, presenta assetti proprietari
sostanzialmente coincidenti con quelli dell’impresa che assume, ovvero risulta con quest’ultima in
rapporto di collegamento o controllo. L’impresa che assume dichiara, sotto la propria responsabi-
lità, all’atto della richiesta di avviamento, che non ricorrono le menzionate condizioni ostative (1).
Quinto comma (omissis)
6. Il lavoratore in mobilità ha facoltà di svolgere attività di lavoro subordinato, a tempo par-
ziale, ovvero a tempo determinato, mantenendo l’iscrizione nella lista.
7. Per le giornate di lavoro svolte ai sensi del comma sesto, nonché per quelle dei periodi di
prova di cui all’art. 9, comma settimo, i trattamenti e le indennità di cui agli artt. 7, 11, comma
secondo, e 16 sono sospesi. Tali giornate non sono computate ai fini della determinazione del
periodo di durata dei predetti trattamenti fino al raggiungimento di un numero di giornate pari a
quello dei giorni complessivi di spettanza del trattamento.
8. I trattamenti e i benefici di cui al presente articolo rientrano nella sfera di applicazione
dell’art. 37 della legge 9 marzo 1989, n. 88.

Art. 9
Cancellazione del lavoratore dalla lista di mobilità

1. Il lavoratore è cancellato dalla lista di mobilità e decade dai trattamenti e dalle indennità
di cui agli artt. 7, 11, comma secondo, e 16, quando:
a) rifiuti di essere avviato ad un corso di formazione professionale autorizzato dalla Regione
o non lo frequenti regolarmente;
b) non accetti l’offerta di un lavoro che sia professionalmente equivalente ovvero, in man-
canza di questo, che presenti omogeneità anche intercategoriale e che, avendo riguardo ai contratti
collettivi nazionali di lavoro, sia inquadrato in un livello retributivo non inferiore del dieci per cento
rispetto a quello delle mansioni di provenienza;
c) non accetti, in mancanza di un lavoro, avente le caratteristiche di cui alla lettera b), di
essere impiegato in opere o servizi di pubblica utilità ai sensi dell’art. 6 comma quarto;
d) non abbia provveduto a dare preventiva comunicazione alla competente sede dell’INPS
del lavoro prestato ai sensi dell’art. 8, comma sesto;
d-bis) non risponda, senza motivo giustificato, alla convocazione da parte degli uffici circo-
scrizionali o della agenzia per l’impiego ai fini degli adempimenti di cui alle lettere che precedono
nonché di quelli previsti dal comma 5 ter dell’art. 6 del D.L. 20/5/1993, n. 148, convertito, con modi-
ficazioni dalla legge 19/7/1993, n. 236 (2).
2. Le disposizioni di cui al comma primo si applicano quando le attività lavorative o di for-
mazione offerte al lavoratore iscritto nella lista di mobilità si svolgono in un luogo distante non più di
cinquanta chilometri, o comunque raggiungibile in sessanta minuti con mezzi pubblici, dalla resi-
denza del lavoratore.
3. La cancellazione dalla lista di mobilità ai sensi del comma primo è dichiarata, entro quin-
dici giorni, dal direttore dall’ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione. Avverso il

(1) Comma aggiunto dall’art. 2, comma 1, del D.L. 16/5/1994, n. 299, convertito con modificazioni in
legge 19/7/1994, n. 451.
(2) Comma così modificato dall’art. 2, comma 3, del D.L. 16/5/1994, n. 299, citato.
175_201 3-12-2004 11:51 Pagina 186

186 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

provvedimento è ammesso ricorso, entro trenta giorni, all’ufficio regionale del lavoro e della mas-
sima occupazione, che decide con provvedimento definitivo entro venti giorni (1).
4. La Commissione regionale per l’impiego, tenuto conto delle caratteristiche del territorio e
dei servizi pubblici esistenti in esso, può modificare con delibera motivata i limiti previsti al comma
secondo relativi alla dislocazione geografica del posto di lavoro offerto.
5. Qualora il lavoro offerto ai sensi del comma primo, lettera b), sia inquadrato in un livello
retributivo inferiore a quello corrispondente alle mansioni di provenienza, il lavoratore che accetti
tale offerta ha diritto, per un periodo massimo complessivo di dodici mesi, alla corresponsione di un
assegno integrativo mensile di importo pari alla differenza tra i corrispondenti livelli retributivi previ-
sti dai contratti collettivi nazionali di lavoro.
6. Il lavoratore è cancellato dalla lista di mobilità, oltre che nei casi di cui al comma primo,
quando:
a) sia stato assunto con contratto a tempo pieno ed indeterminato;
b) si sia avvalso della facoltà di percepire in un’unica soluzione l’indennità di mobilità;
c) sia scaduto il periodo di godimento dei trattamenti e delle indennità di cui agli artt. 7, 11,
comma secondo, 16.
7. Il lavoratore assunto a tempo pieno e indeterminato, che non abbia superato il periodo di
prova, viene reiscritto al massimo per due volte nella lista di mobilità. La Commissione regionale per
l’impiego con il voto favorevole dei tre quarti dei suoi componenti, può disporre in casi eccezionali
la reiscrizione del lavoratore nella lista di mobilità per una terza volta.
8. Il lavoratore avviato e giudicato non idoneo alla specifica attività cui l’avviamento si riferi-
sce, a seguito di eventuale visita medica effettuata presso strutture sanitarie pubbliche, viene rei-
scritto nella lista di mobilità.
9. I lavoratori di cui all’art. 7, comma sesto, nel caso in cui svolgano attività di lavoro subor-
dinato od autonomo hanno facoltà di cumulare l’indennità di mobilità nei limiti in cui sia utile a
garantire la percezione di un reddito pari alla retribuzione spettante al momento della messa in
mobilità, rivalutato in misura corrispondente alla variazione dell’indice del costo della vita calcolato
dall’Istituto nazionale di statistica (ISTAT) ai fini della scala mobile delle retribuzioni dei lavoratori
dell’industria. Ai fini della determinazione della retribuzione pensionabile, a tali lavoratori è data
facoltà di far valere, in luogo della contribuzione relativa a periodi, anche parziali, di lavoro prestato
successivamente alla data della messa in mobilità, la contribuzione figurativa che per gli stessi
periodi sarebbe stata accreditata.
10. Il trattamento previsto dal presente articolo rientra nella sfera di applicazione dell’art. 37
della legge 9 marzo 1989, n. 88.

(1) Comma così sostituito dall’art. 2, comma 4, del D.L. 16/5/1994, n. 299.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 187

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 187

Capo III
NORME IN MATERIA DI CASSA INTEGRAZIONE E TRATTAMENTI
DI DISOCCUPAZIONE PER I LAVORATORI DEL SETTORE DELL’EDILIZIA
(Omissis).

Capo IV
NORME FINALI E TRANSITORIE

Art. 12
Estensione del campo di applicazione della disciplina del trattamento straordinario
di integrazione salariale
1. A decorrere dal 1° aprile 1991, le disposizioni in materia di integrazione salariale straor-
dinaria si applicano anche ai dipendenti delle imprese artigiane aventi i requisiti occupazionali di cui
all’art. 1, comma primo, e che procedono alla sospensione dei lavoratori in conseguenza di sospen-
sioni o contrazioni dell’attività dell’impresa che esercita l’influsso gestionale prevalente come defi-
nito dal comma secondo e che sia stata ammessa al trattamento straordinario in ragione di tali
sospensioni o contrazioni.
2. Si ha influsso gestionale prevalente, ai fini di cui al comma primo, quanto, in relazione ai
contratti aventi ad oggetto l’esecuzione di opere o la prestazione di servizi o la produzione di beni o
semilavorati costituenti oggetto dell’attività produttiva o commerciale dell’impresa committente, la
somma dei corrispettivi risultanti dalle fatture emesse dall’impresa destinataria delle commesse nei
confronti dell’impresa committente, acquirente o somministrata abbia superato, nel biennio prece-
dente, secondo quanto emerge dall’elenco dei clienti e dei fornitori di cui all’art. 29 del 26 ottobre
1972, n. 633, come da ultimo costituito dall’art. 11 del D.P.R. 30 dicembre 1980, n. 897, il cinquanta
per cento del complessivo fatturato dell’impresa destinataria delle commesse.
3. Le disposizioni in materia di trattamento straordinario di integrazione salariale sono
estese alle imprese esercenti attività commerciali che occupino più di duecento dipendenti.

Art. 13
Norme in materia di contratti di solidarietà
1. L’ammontare del trattamento di integrazione salariale concesso ai sensi dell’art. 1 del
D.L. 30 ottobre 1984, n. 726 convertito, con modificazioni, dalla legge 19 dicembre 1984, n. 863,
non è soggetto alla disciplina sull’importo massimo come determinato dalla legge 13 agosto 1980,
n. 427, e non subisce riduzioni a seguito di eventuali successivi aumenti retributivi intervenuti in
sede di contrattazioni aziendale.
2. Nelle unità produttive interessate da contratti di solidarietà e da programmi di cassa inte-
grazione guadagni straordinaria, le condizioni alle quali è consentito il cumulo dei due distinti bene-
fici sono disciplinate con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, sentito il comi-
tato tecnico di cui all’art. 19 della legge 28 febbraio 1986, n. 41 (1).

(1) Comma così sostituito dall’art. 4, comma 1, del D.L. 16/5/1994, n. 299, convertito con modifica-
zioni in legge 19/7/1994, n. 451.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 188

188 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

Art. 14
Norme in materia di trattamenti di integrazione dei guadagni
1. L’ammontare dei trattamenti di integrazione salariale, compresi quelli ordinari, qualunque
sia la causa di intervento, non può superare, ferme restando le disposizioni di cui all’art. 13, comma
primo, l’importo massimo determinato ai sensi della legge 13 agosto 1980, n. 427 (30). La presente
disposizione non si applica nel caso di trattamento concesso per intemperie stagionali nei settori
dell’edilizia e dell’agricoltura nonché, limitatamente al trattamento ordinario di integrazione sala-
riale, per i primi sei mesi di fruizione del trattamento medesimo.
2. Le disposizioni in materia di trattamento ordinario di integrazione salariale per gli operai
dell’industria, per gli operai agricoli e per gli operai delle aziende industriali e artigiane dell’edilizia
ed affini, nonché delle aziende esercenti l’attività di escavazione di materiali lapidei sono estese ai
lavoratori appartenenti alle categorie degli impiegati e dei quadri.

Art. 15
Lavoratori in cassa integrazione e opere o servizi di pubblica utilità
1. Il secondo comma dell’art. 1bis del D.L. 28 maggio 1981, n. 244, convertito, con modifi-
cazioni, dalla legge 24 luglio 1981, n. 390, come sostituito dall’art. 8 della legge 28 febbraio 1986, n.
41, non si applica nei casi di cui l’amministrazione pubblica interessata utilizzi i lavoratori per un
numero di ore ridotto proporzionalmente alla misura del trattamento di integrazione salariale spet-
tante al lavoratore.

Art. 16
Indennità di mobilità per i lavoratori disoccupati in conseguenza
di licenziamento per riduzione di personale
1. Nel caso di disoccupazione derivante da licenziamento per riduzione di personale ai
sensi dell’art. 24 da parte delle imprese, diverse da quelle edili, rientranti nel campo di applicazione
della disciplina dell’intervento straordinario di integrazione salariale il lavoratore, operaio, impiegato
o quadro, qualora possa far valere una anzianità aziendale di almeno dodici mesi, di cui almeno sei
di lavoro effettivamente prestato, ivi compresi i periodi di sospensione del lavoro derivanti da ferie,
festività e infortuni, con un rapporto di lavoro a carattere continuativo e comunque non a termine,
ha diritto alla indennità di mobilità ai sensi dell’art. 7.
2. Per le finalità del presente articolo i datori di lavoro di cui al comma primo sono tenuti:
a) al versamento di un contributo nella misura dello 0,30 per cento delle retribuzioni assog-
gettate al contributo integrativo per l’assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione involon-
taria;
b) al versamento della somma di cui all’art. 5, comma quarto.
3. Alla corresponsione ai giornalisti dell’indennità di cui al comma primo provvede l’Istituto
nazionale di previdenza dei giornalisti italiani, al quale sono dovuti il contributo e la somma di cui al
comma secondo, lettere a) e b).
4. Sono abrogati l’art. 8 e il secondo e terzo comma dell’art. 9 della legge 5 novembre 1968,
n. 1115. Tali disposizioni continuano ad applicarsi in via transitoria ai lavoratori il cui licenziamento
sia stato intimato prima della data di entrata in vigore della presente legge.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 189

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 189

Art. 17
Reintegrazione dei lavoratori e procedure di mobilità
Qualora i lavoratori il cui rapporto sia risolto ai sensi degli artt. 4, comma nono, e 24 ven-
gano reintegrati a norma dell’art. 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300, e successive modifica-
zioni, l’impresa, sempre nel rispetto dei criteri di scelta di cui all’art. 5, comma primo, può proce-
dere alla risoluzione del rapporto di lavoro di un numero di lavoratori pari a quello dei lavoratori
reintegrati senza dover esperire una nuova procedura, dandone previa comunicazione alle rappre-
sentanze sindacali aziendali.

Art. 18
Norme in materia di contributi associativi
1. Il diritto di avvalersi del sistema delle trattenute per il versamento dei contributi associa-
tivi, previsto dall’art. 2 della legge 27 dicembre 1973, n. 852, è esteso ai beneficiari dell’indennità di
mobilità, dei trattamenti di disoccupazione ordinari e speciali e dei trattamenti ordinari e straordinari
di integrazione salariale nel caso di pagamento diretto di questi ultimi da parte dell’INPS.
2. Il secondo comma dell’art. 26 della legge 20 maggio 1970, n. 300, è sostituito dal
seguente:
(Omissis) (1).
3. Nei casi di pagamento diretto dei trattamenti di integrazione salariale, il datore di lavoro è
tenuto a dare comunicazione all’INPS dell’avvenuto rilascio della delega secondo le modalità previ-
ste dalla legge, a conservare tale delega ai fini di eventuali verifiche ed a fornire ogni altro elemento
che dovesse rendersi necessario per l’effettuazione del servizio.

Art. 19
Lavoro a tempo parziale e anticipazione del pensionamento
1. Nel caso di imprese beneficiarie da ventiquattro mesi dell’intervento straordinario di inte-
grazione salariale, quando il contratto collettivo aziendale stipulato con i sindacati dei lavoratori
aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale preveda il ricorso al
lavoro a tempo parziale, al fine di evitare, in tutto o in parte, la riduzione del personale, ovvero al fine
di consentire l’assunzione di nuovo personale, ai lavoratori dipendenti da tali imprese, che abbiano
una età inferiore di non più di sessanta mesi rispetto a quella prevista per la pensione di vecchiaia e
una anzianità contributiva non inferiore a quindici anni, qualora essi convengano con il datore di
lavoro, ai sensi di tale contratto collettivo, il passaggio al tempo parziale per un orario non inferiore
a diciotto ore settimanali è riconosciuto a domanda, previa autorizzazione dell’Ufficio regionale del
lavoro e della massima occupazione, con decorrenza dal mese successivo a quello della sua pre-
sentazione, il diritto alla pensione di vecchiaia.
2. L’impresa che si avvale della facoltà di ricorso al lavoro a tempo parziale di cui al comma
primo deve dare comunicazione all’INPS e all’Ispettorato del lavoro della stipulazione dei contratti e
della loro cessazione.
(1) La parte omessa è stata trasfusa nella disposizione modificata.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 190

190 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

3. Agli effetti del cumulo del trattamento di pensione di cui al comma primo con la retribu-
zione, si applicano le norme relative alla pensione di anzianità di cui all’art. 22 della legge 30 aprile
1969, n. 153, con eccezione della retribuzione percepita durante il periodo di anticipazione del trat-
tamento di pensione, per il rapporto di lavoro trasformato in rapporto a tempo parziale. In tal caso la
pensione è cumulabile entro i limiti della mancata retribuzione corrispondente alle ore prestate in
meno a seguito della trasformazione del rapporto.
4. In caso di risoluzione del rapporto di lavoro a tempo parziale, ovvero del ripristino
nell’ambito della stessa impresa del rapporto di lavoro a tempo pieno, gli interessati sono tenuti a
darne immediata comunicazione all’INPS, ai fini della conseguente revoca del trattamento pensio-
nistico, con decorrenza dal mese successivo a quello in cui si è verificata la predetta risoluzione o il
ripristino del rapporto originario.
5. Per i lavoratori che, sul presupposto del contratto collettivo previsto dal comma primo,
abbiano convenuto con il datore di lavoro il passaggio al tempo parziale per un orario inferiore alla
metà di quello praticato in azienda, la retribuzione da assumere quale base di calcolo per la deter-
minazione della pensione è, ove più favorevole, quella dei periodi antecedenti la trasformazione del
rapporto da tempo pieno a tempo parziale. La medesima disposizione si applica ai lavoratori che,
pur trovandosi nelle condizioni previste dal comma primo, non abbiano presentato domanda per la
liquidazione anticipata della pensione di vecchiaia.

Art. 20
Contratti di reinserimento dei lavoratori disoccupati
1. I lavoratori che fruiscono da almeno dodici mesi del trattamento speciale di disoccupa-
zione possono essere assunti nominativamente mediante chiamata dalle liste di cui all’art. 8,
comma nono, della legge 29 dicembre 1990, n. 407, con contratto di reinserimento da datori di
lavoro che, al momento dell’instaurazione del rapporto di lavoro, non abbiano nell’azienda sospen-
sioni dal lavoro in atto ai sensi dell’art. 2 della legge 12 agosto 1977, n. 675, ovvero non abbiamo
proceduto a riduzione di personale nei dodici mesi precedenti, salvo che l’assunzione non venga ai
fini di acquisire professionalità sostanzialmente diverse da quelle dei lavoratori interessati alle pre-
dette riduzioni o sospensioni di personale (1).
2. Ai lavoratori assunti con contratto di reinserimento, di cui al comma primo si applica,
sulle correnti aliquote dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti dai datori di lavoro e ferma
restando la contribuzione a carico del lavoratore nelle misure previste per la generalità dei lavora-
tori, una riduzione nella misura del settantacinque per cento per i primi dodici mesi nell’ipotesi di
effettiva disoccupazione del lavoratore per un periodo inferiore a due anni, per i primi ventiquattro
mesi nell’ipotesi di effettiva disoccupazione del lavoratore per un periodo superiore a due anni e
inferiore a tre anni, per i primi trentasei mesi nell’ipotesi di effettiva disoccupazione del lavoratore
per un periodo superiore a tre anni.
3. Il datore di lavoro ha facoltà di optare per l’esonero dall’obbligo del versamento delle
quote di contribuzione a proprio carico nei limiti del cinquanta per cento della misura di cui al
comma secondo per un periodo pari al doppio di quello di effettiva disoccupazione e non superiore,
in ogni caso, a settantadue mesi.
4. I lavoratori assunti con contratto di reinserimento sono esclusi dal computo dei limiti
numerici previsti da leggi e contratti collettivi per l’applicazione di particolari normative ed istituti.

(1) Comma così modificato dall’art. 4, comma 3, del D.L. 20/5/1993, n.148, convertito con modifica-
zioni in legge 19/7/1993, n. 236.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 191

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 191

5. Il contratto di lavoro di reinserimento deve essere stipulato per iscritto. Copia del con-
tratto deve essere inviata entro trenta giorni al competente Ispettorato provinciale del lavoro ed alla
sede provinciale dell’INPS.

Art. 21
Norme in materia di trattamenti per i lavoratori appartenenti
al settore dell’agricoltura
(Omissis).

Art. 22
Disciplina transitoria
1. I provvedimenti di prima concessione del trattamento straordinario di integrazione sala-
riale richiesti con domande presentate anteriormente alla data di pubblicazione della presente
legge, sono assunti secondo la previgente normativa ed il trattamento può essere concesso per un
periodo la cui scadenza non superi il centottantesimo giorno dalla data di entrata in vigore della
presente legge.
2. I provvedimenti relativi alle domande di proroga di trattamento, che scada prima della
data di entrata in vigore della presente legge o che sia in corso alla data medesima, sono assunti
secondo la previgente normativa nei limiti temporali determinati dal CIPI in sede di accertamento
delle cause di intervento, o per un periodo la cui scadenza non superi i sei mesi dalla data del
decreto di concessione dei trattamenti concessi ai sensi dell’art. 2 del D.L. 21 febbraio 1985, n. 23,
convertito, con modificazioni, dalla legge 22 aprile 1985, n. 143, e successive modificazioni, e
dell’art. 2 della legge 27 luglio 1979, n. 301, e successive modificazioni.
3. L’art. 1, comma primo, e l’art. 2, comma sesto non si applicano ai trattamenti di integra-
zione salariale concessi precedentemente alla data di entrata in vigore della presente legge nonché
per quelli concessi ai sensi dei commi primo e secondo del presente articolo.
4. L’art. 1, commi quarto e quinto, si applica ai trattamenti di integrazione salariale concessi
dopo l’entrata in vigore della presente legge, fatta eccezione per quelli concessi ai sensi dei commi
primo e secondo del presente articolo, e con riferimento ai periodi di integrazione salariale succes-
sivi alla data stessa. L’art. 14 si applica ai trattamenti di integrazione salariale ardinaria concessi in
base a domanda presentata dopo la data di entrata in vigore della presente legge.
5. Ai fini dell’applicazione dell’art. 1, comma nono, devono essere computati i periodi di
trattamento di integrazione salariale anteriori alla data di entrata in vigore della presente legge limi-
tatamente a quelli compresi nei trecentosessantacinque giorni anteriori alla data stessa.
6. Continuano a beneficiare del trattamento di integrazione salariale, fino a centottanta
giorni successivi alla data di entrata in vigore della presente legge, i lavoratori che risultino bene-
ficiarne alla data di entrata in vigore della presente legge (1) in quanto dipendenti dalle società
non operative costituite dalla GEPI sulla base della normativa vigente ed aventi ad oggetto la pro-
mozione di iniziative idonee a consentire il reimpiego, ovvero che risultino beneficiare ai sensi

(1) Il termine originario «31 dicembre 1988» è stato così modificato dall’art. 3, comma 2, della legge 20
gennaio 1992, n. 22.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 192

192 CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ

delle seguenti leggi: art. 1 del D.L. 10 giugno 1977, n. 291, convertito, con modificazioni, dalla
legge 8 agosto 1977, n. 501, e successive modificazioni; art. 5 del D.L. 9 dicembre 1981, n. 721,
convertito, con modificazioni, dalla legge 5 febbraio 1982, n. 25; art. 6, comma sesto, del D.L. 30
dicembre 1987, n. 536, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 febbraio 1988, n. 48. Tale
periodo è elevato ad un anno per le imprese ubicate nei territori di cui al testo unico approvato
con D.P.R. 6 marzo 1978, n. 218. Durante questo periodo le imprese, previo esame congiunto
con le organizzazioni sindacali dei lavoratori, da esaurire non prima di trenta giorni, collocano in
mobilità i predetti lavoratori dando le comunicazioni previste dall’art. 4, comma nono; in questo
caso le imprese non sono tenute al pagamento della somma prevista dall’art. 5 comma quarto. I
lavoratori collocati in mobilità ai sensi del presente comma sono iscritti nella lista di mobilità ed
hanno diritto all’indennità di mobilità di cui all’art. 7. Ad essi non si applica quanto previsto
dall’art. 7, comma quarto. A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge i lavora-
tori di cui al presente comma hanno facoltà di richiedere la corresponsione anticipata dell’inden-
nità, prevista dall’art. 7, comma quinto. In questo caso la somma è aumentata in misura pari al
trattamento di integrazione salariale non ancora goduto.
7. I lavoratori che, alla data di entrata in vigore della presente legge, hanno titolo al tratta-
mento speciale di disoccupazione di cui alla legge 5 novembre 1968, n. 1115, e che si trovano in
aree di crisi economica settoriale o locale, ai sensi dell’art. 4 della legge 8 agosto 1972, n. 464, o
che sono stati licenziati da imprese per le quali è già intervenuto l’accertamento da parte del CIPI
della situazione di crisi aziendale ovvero che sono stati licenziati nelle aree del Mezzogiorno di cui al
testo unico approvato con D.P.R. 6 marzo 1978, n. 218, cessano di beneficiare di tale trattamento e
sono iscritti nelle liste di mobilità, con il diritto alla indennità di mobilità nella misura iniziale pari al
trattamento speciale di disoccupazione da essi precedentemente percepito, per un periodo pari a
quello previsto nell’art. 7, ridotto del numero dei giorni, comunque non superiore a centottanta, per
i quali è stato percepito il trattamento speciale di disoccupazione.
8. I lavoratori che, alla data di entrata in vigore della presente legge, hanno diritto al tratta-
mento speciale di disoccupazione di cui all’art. 12 della legge 6 agosto 1975, n. 427, continuano a
beneficiarne, per un periodo pari a quello previsto dall’art. 11, comma secondo, ridotto del numero
di giorni, comunque non superiore a centottanta, per i quali il trattamento speciale di disoccupa-
zione è stato percepito. Essi sono iscritti nelle liste di mobilità e possono beneficiare, ricorrendone
i presupposti, delle misure previste dall’art. 7, commi quinto e sesto (1).
9. Sono abrogati: il terzo comma dell’art. 12 della legge 6 agosto 1975, n. 427; il primo
comma dell’art. 4 della legge 8 agosto 1972, n. 464; l’art. 4-ter del D.L. 30 marzo 1978, n. 80, con-
vertito, con modificazioni, dalla legge 26 maggio 1978, n. 215.
Decimo comma (Omissis).

Art. 23
Reimpiego presso GEPI s.p.a. e INSAR s.p.a.
(Omissis).

(1) Per l’interpretazione autentica del presente comma, vedi l’art. 6, comma 6, del D.L. 20/5/1993, n.
148, convertito con modificazioni in legge 19/7/1993, n. 236.
167_211 2-12-2004 10:08 Pagina 193

CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI E MOBILITÄ 193

Art. 24
Norme in materia di riduzione del personale
1. Le disposizioni di cui all’art. 4, commi da 2 a 12 e 15bis (1), e all’art. 5, commi da 1 a 5, si
applicano alle imprese che occupino più di quindici dipendenti e che, in conseguenza di una ridu-
zione o trasformazione di attività o di lavoro, intendano effettuare almeno cinque licenziamenti,
nell’arco di centoventi giorni, in ciascuna unità produttiva, o in più unità produttive nell’ambito del
territorio di una stessa provincia. Tali disposizioni si applicano per tutti i licenziamenti che, nello
stesso arco di tempo e nello stesso ambito, siano comunque riconducibili alla medesima riduzione
o trasformazione (2).
1bis. Le disposizioni di cui all’articolo 4, commi 2, 3, con esclusione dell’ultimo periodo, 4,
5, 6, 7, 8, 9, 11, 12, 14, 15 e 15bis, e all’articolo 5, commi 1, 2 e 3, si applicano ai privati datori di
lavoro non imprenditori alle medesime condizioni di cui al comma 1. I lavoratori licenziati vengono
iscritti nella lista di cui all’articolo 6, comma 1, senza diritto all’indennità di cui all’articolo 7. Ai lavo-
ratori licenziati ai sensi del presente comma non si applicano le disposizioni di cui agli articoli 8,
commi 2 e 4, e 25, comma 9.(3)
1.ter. La disposizione di cui all’articolo 5, comma 3, ultimo periodo, non si applica al
recesso intimato da datori di lavoro non imprenditori che svolgono, senza fini di lucro, attività di
natura politica, sindacale, culturale, di istruzione ovvero di religione o di culto. (3)
1.quater. Nei casi previsti dall’articolo 5, comma 3, al recesso intimato da datori di lavoro
non imprenditori che svolgono, senza fini di lucro, attività di natura politica, sindacale, culturale, di
istruzione ovvero di religione o di culto, si applicano le disposizioni di cui alla legge 15 luglio 1966,
n.604 e successive modificazioni.(3)
2. Le disposizioni richiamate nel comma 1 e 1bis si applicano anche quando le imprese, di
cui ai medesimi commi, intendano cessare l’attività (4).
3. Quanto previsto all’art. 4, comma terzo, ultimo periodo, e decimo, e all’art. 5, commi
quarto e quinto, si applica solo alle imprese di cui all’art. 16, comma primo. Il contributo previsto
dall’art. 5, comma quarto, è dovuto dalle imprese di cui all’art. 16, comma primo, nella misura di
nove volte il trattamento iniziale di mobilità spettante al lavoratore ed è ridotto a tre volte nei casi di
accordo sindacale (5).
4. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano nei casi di scadenza dei rapporti
di lavoro a termine, di fine lavoro nelle costruzioni edili e nei casi di attività stagionali o saltuarie.
5. La materia dei licenziamenti collettivi per riduzione di personale di cui al primo comma
dell’art. 11 della legge 15 luglio 1966, n. 604, come modificato dall’art. 6 della legge 11 maggio
1990, n. 108, è disciplinata dal presente articolo.
6. Il presente articolo non si applica ai licenziamenti intimati prima della data di entrata in
vigore della presente legge.
(Omissis).

(1) Comma modificato dall’art. 1, D.Lgs. 26/5/97, n. 151.


(2) Per l’interpretazione autentica del presente comma, vedi l’art. 8, comma 4, legge 19/7/93, n. 236.
(3) Comma aggiunto dall’art. 1, D.Lgs. 8/4/2004, n. 110.
(4) Comma modificato dall’art. 1, D.Lgs. 8/4/2004, n. 110.
(5) Comma sostituito dall’art. 8, comma 1, legge 19/7/93, n. 236.
202_204 2-12-2004 10:44 Pagina 194

194 CONTRATTO DI INSERIMENTO

Accordo interconfederale per la disciplina transitoria


per i contratti di inserimento
11 febbraio 2004

Tra

CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFAPI, CONFESERCENTI, ABI, ANIA, CONF-


SERVIZI, CONFETRA, LEGACOOPERATIVE, CONFCOOPERATIVE, UNCI, AGCI, COLDIRETTI, CIA,
CONFAGRICOLTURA, CONFARTIGIANATO, CNA, CASARTIGIANI, CLAAI, CONFINTERIM, CON-
FEDERTECNICA, APLA

CGIL, CISL, UIL

premesso che:

- con il presente accordo interconfederale, cui concordemente viene attribuita efficacia


transitoria e comunque sussidiaria della contrattazione collettiva, secondo i livelli e le titolarità
attualmente previsti, le parti in epigrafe, ferme restando le norme di legge che disciplinano l'istituto,
provvedono a definire gli elementi ritenuti essenziali per consentire ai datori di lavoro in tutti i com-
parti produttivi una fase di prima applicazione dei contratti di inserimento e di reinserimento previsti
dal decreto legislativo n. 276/03, anche al fine di evitare che si determini una soluzione di continuità
nei flussi di assunzione, specie delle cosiddette fasce deboli;
- il presente accordo interconfederale, pertanto, avrà efficacia a decorrere dall'odierna
data di sottoscrizione e fino a quando non sarà sostituito dalla apposita disciplina che sarà definita
dalla contrattazione collettiva ai vari livelli;
- con il presente accordo le parti in epigrafe convengono che in sede di contrattazione col-
lettiva si affronti il tema dell’attribuzione del livello di inquadramento in correlazione alle peculiarità
settoriali e/o a specifiche condizioni professionali del lavoratore;
- le parti in epigrafe – nell’intento condiviso di ottimizzare la prescrizione legislativa che
subordina la possibilità di nuove assunzioni mediante contratti di inserimento alla condizione che
sia stato mantenuto in servizio almeno il 60% dei lavoratori il cui contratto di inserimento/reinseri-
mento sia venuto a scadere nei diciotto mesi precedenti – convengono che, in sede di contratta-
zione collettiva e con particolare riferimento ai contratti di reinserimento, si ricerchino soluzioni atte
a conseguire il mantenimento in servizio dei lavoratori, tenuto conto delle diverse specificità produt-
tive ed organizzative e dei relativi necessari requisiti professionali, anche nell’ambito dei provvedi-
menti di incentivazione che dovessero essere emanati in materia;

con le finalità ed alle condizioni descritte

si conviene sulle seguenti modalità

1. Il contratto di inserimento è un contratto di lavoro diretto a realizzare, mediante un pro-


getto individuale di adattamento delle competenze professionali del lavoratore ad un determinato
contesto lavorativo, l’inserimento ovvero il reinserimento nel mercato del lavoro.
202_204 2-12-2004 10:44 Pagina 195

CONTRATTO DI INSERIMENTO 195

2. In relazione ai soggetti che possono essere assunti con contratto di inserimento ai sensi
dell'art. 54, comma 1, del d.lgs. n. 276/03 si intendono per "disoccupati di lunga durata da 29 fino a
32 anni", in base a quanto stabilito all'art. 1, comma 1, del decreto legislativo n. 181/2000, come
sostituito dall'art. 1, comma 1 del decreto legislativo n. 297/2002, coloro che, dopo aver perso un
posto di lavoro o cessato un'attività di lavoro autonomo, siano alla ricerca di una nuova occupa-
zione da più di dodici mesi.
3. Il contratto di inserimento è stipulato in forma scritta e in esso deve essere specifica-
mente indicato il progetto individuale di inserimento.
In mancanza di forma scritta il contratto è nullo e il lavoratore si intende assunto a tempo
indeterminato.
Nel contratto verranno indicati:
- la durata, individuata ai sensi del successivo punto 5);
- l’eventuale periodo di prova, determinato ai sensi del successivo punto 7);
- l’orario di lavoro, determinato in base al contratto collettivo applicato, in funzione dell’ipo-
tesi che si tratti di un contratto a tempo pieno o a tempo parziale;
- fermo restando quanto previsto in premessa, la categoria di inquadramento del lavora-
tore non potrà essere inferiore per più di due livelli rispetto alla categoria che, secondo il contratto
collettivo nazionale di lavoro applicato, spetta ai lavoratori addetti a mansioni o funzioni che richie-
dono qualificazioni corrispondenti a quelle al conseguimento delle quali è preordinato il progetto di
inserimento/reinserimento oggetto del contratto.
4. Il progetto individuale di inserimento è definito con il consenso del lavoratore e deve
essere finalizzato a garantire l’adeguamento delle competenze professionali del lavoratore al conte-
sto lavorativo, valorizzandone le professionalità già acquisite.
Nel progetto verranno indicati:
a) la qualificazione al conseguimento della quale è preordinato il progetto di inserimento/
reinserimento oggetto del contratto;
b) la durata e le modalità della formazione.
5. Il contratto di inserimento potrà prevedere una durata minima di nove mesi e massima di
diciotto mesi, con l'eccezione dei soggetti riconosciuti affetti da grave handicap fisico, mentale o
psichico, per i quali il contratto di inserimento potrà prevedere una durata massima di trentasei
mesi.
Nell'ipotesi di reinserimento di soggetti con professionalità compatibili con il nuovo conte-
sto organizzativo, potranno essere previste durate inferiori alla massima indicata, da definirsi in
sede di contrattazione collettiva anche tenendo conto della congruità delle competenze possedute
dal lavoratore con la mansione alla quale è preordinato il progetto di reinserimento.
6. Il progetto deve prevedere una formazione teorica non inferiore a 16 ore, ripartita fra
l’apprendimento di nozioni di prevenzione antinfortunistica e di disciplina del rapporto di lavoro ed
organizzazione aziendale ed accompagnata da congrue fasi di addestramento specifico, impartite
anche con modalità di e-learning, in funzione dell'adeguamento delle capacità professionali del
lavoratore. La formazione antinfortunistica dovrà necessariamente essere impartita nella fase ini-
ziale del rapporto.
Le parti in epigrafe definiranno tutti gli aspetti utili per formulare il parere da fornire, come
legislativamente stabilito, ai Ministeri competenti ai fini dell’attuazione dell’art. 2, lett. i) in tema di
“libretto formativo del cittadino”.
In attesa della definizione delle modalità di attuazione del citato art. 2, lett. i), la registra-
zione delle competenze acquisite sarà opportunamente effettuata a cura del datore di lavoro o di un
202_204 2-12-2004 10:44 Pagina 196

196 CONTRATTO DI INSERIMENTO

suo delegato, tenendo conto anche di auspicate soluzioni che potranno essere nel frattempo indivi-
duate nell’ambito dei Fondi interprofessionali per la formazione continua.
Le parti, infine, si riservano di verificare, nell'ambito dei Fondi interprofessionali per la for-
mazione continua, la possibilità di sostenere anche progetti formativi per i contratti di reinseri-
mento.
7. Nel contratto di inserimento verrà altresì indicato:
- l’eventuale periodo di prova, così come previsto dal contratto collettivo applicato per la
categoria giuridica ed il livello di inquadramento attribuiti al lavoratore in contratto di
inserimento/reinserimento;
- un trattamento di malattia ed infortunio non sul lavoro disciplinato secondo quanto previ-
sto in materia dagli accordi per la disciplina dei contratti di formazione e lavoro o, in difetto, dagli
accordi collettivi applicati in azienda, riproporzionato in base alla durata del rapporto prevista dal
contratto di inserimento/reinserimento, e comunque non inferiore a settanta giorni.
8. L'applicazione dello specifico trattamento economico e normativo stabilito per i contratti
di inserimento/reinserimento, non può comportare l'esclusione dei lavoratori con contratto di inseri-
mento/reinserimento dall'utilizzazione dei servizi aziendali, quali mensa e trasporti, ovvero dal godi-
mento delle relative indennità sostitutive eventualmente corrisposte al personale con rapporto di
lavoro subordinato, nonché di tutte le maggiorazioni connesse alle specifiche caratteristiche
dell’effettiva prestazione lavorativa previste dal contratto collettivo applicato (lavoro a turni, not-
turno, festivo, ecc.).
9. Nei casi in cui il contratto di inserimento/reinserimento venga trasformato in rapporto di
lavoro a tempo indeterminato, il periodo di inserimento/reinserimento verrà computato nell'anzia-
nità di servizio ai fini degli istituti previsti dalla legge e dal contratto, con esclusione dell’istituto degli
aumenti periodici di anzianità o istituti di carattere economico ad esso assimilati e della mobilità
professionale disciplinata dalle clausole dei contratti che prevedano progressioni automatiche di
carriera in funzione del mero trascorrere del tempo.
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 197

LAVORATRICI MADRI 197

Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n.151


Testo unico delle disposizioni legislative in materia
di tutela e sostegno della maternità e della paternità,
a norma dell’articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53
(«Gazzetta Ufficiale» 26 aprile 2001, n.96, Supplemento ordinario n. 93)

Capo I
DISPOSIZIONI GENERALI

Art. 1
Oggetto

1. Il presente testo unico disciplina i congedi, i riposi, i permessi e la tutela delle lavoratrici e
dei lavoratori connessi alla maternità e paternità di figli naturali, adottivi e in affidamento, nonché il
sostegno economico alla maternità e alla paternità.
2. Sono fatte salve le condizioni di maggior favore stabilite da leggi, regolamenti, contratti
collettivi, e da ogni altra disposizione.

Art 2
Definizioni

1. Ai fini del presente testo unico:


a) per "congedo di maternità" si intende l'astensione obbligatoria dal lavoro della lavora-
trice;
b) per "congedo di paternità" si intende l'astensione dal lavoro del lavoratore, fruito in alter-
nativa al congedo di maternità;
c) per "congedo parentale", si intende l'astensione facoltativa della lavoratrice o del lavora-
tore;
d) per "congedo per la malattia del figlio" si intende l'astensione facoltativa dal lavoro della
lavoratrice o del lavoratore in dipendenza della malattia stessa;
e) per "lavoratrice" o "lavoratore", salvo che non sia altrimenti specificato, si intendono i
dipendenti, compresi quelli con contratto di apprendistato, di amministrazioni pubbliche, di privati
datori di lavoro nonché i soci lavoratori di cooperative.
2. Le indennità di cui al presente testo unico corrispondono, per le pubbliche amministra-
zioni, ai trattamenti economici previsti, ai sensi della legislazione vigente, da disposizioni normative
e contrattuali. I trattamenti economici non possono essere inferiori alle predette indennità.

Art. 3
Divieto di discriminazione

1. È vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l'accesso al
lavoro indipendentemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore o il ramo di atti-
vità, a tutti i livelli della gerarchia professionale, attuata attraverso il riferimento allo stato matrimo-
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 198

198 LAVORATRICI MADRI

niale o di famiglia o di gravidanza, secondo quanto previsto dal comma 1 dell'articolo 1 della legge
9 dicembre 1977, n. 903.
2. È vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda le iniziative in
materia di orientamento, formazione, perfezionamento e aggiornamento professionale, per quanto
concerne sia l'accesso sia i contenuti, secondo quanto previsto dal comma 3 dell'articolo 1 della
legge 9 dicembre 1977, n. 903.
3. È vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda la retribuzione,
la classificazione professionale, l'attribuzione di qualifiche e mansioni e la progressione nella car-
riera, secondo quanto previsto dagli articoli 2 e 3 della legge 9 dicembre 1977, n. 903.

Art. 4 (Omissis)

Art. 5
Anticipazione del trattamento di fine rapporto

1. Durante i periodi di fruizione dei congedi di cui all'articolo 32, il trattamento di fine rap-
porto può essere anticipato ai fini del sostegno economico, ai sensi dell'articolo 7 della legge 8
marzo 2000, n. 53. Gli statuti delle forme pensionistiche complementari di cui al decreto legislativo
21 aprile 1993, n. 124, e successive modificazioni, possono prevedere la possibilità di conseguire
tale anticipazione.

Capo II
TUTELA DELLA SALUTE DELLA LAVORATRICE

Art. 6
Tutela della sicurezza e della salute

1. Il presente Capo prescrive misure per la tutela della sicurezza e della salute delle lavora-
trici durante il periodo di gravidanza e fino a sette mesi di età del figlio, che hanno informato il
datore di lavoro del proprio stato, conformemente alle disposizioni vigenti, fatto salvo quanto previ-
sto dal comma 2 dell'articolo 8.
2. La tutela si applica, altresì, alle lavoratrici che hanno ricevuto bambini in adozione o in
affidamento, fino al compimento dei sette mesi di età.
3. Salva l'ordinaria assistenza sanitaria e ospedaliera a carico del Servizio sanitario nazio-
nale, le lavoratrici, durante la gravidanza, possono fruire presso le strutture sanitarie pubbliche o
private accreditate, con esclusione dal costo delle prestazioni erogate, oltre che delle periodiche
visite ostetrico-ginecologiche, delle prestazioni specialistiche per la tutela della maternità, in fun-
zione preconcezionale e di prevenzione del rischio fetale, previste dal decreto del Ministro della
sanità di cui all'articolo 1, comma 5, lettera a), del decreto legislativo 29 aprile 1998, n. 124, purché
prescritte secondo le modalità ivi indicate.

Art. 7
Lavori vietati

1. È vietato adibire le lavoratrici al trasporto e al sollevamento di pesi, nonché ai lavori pericolosi,


faticosi ed insalubri. I lavori pericolosi, faticosi ed insalubri sono indicati dall'articolo 5 del decreto del
Presidente della Repubblica 25 novembre 1976, n. 1026, riportato nell'allegato A del presente testo
unico. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con i Ministri della sanità e per la soli-
darietà sociale, sentite le parti sociali, provvede ad aggiornare l'elenco di cui all'allegato A.
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 199

LAVORATRICI MADRI 199

2. Tra i lavori pericolosi, faticosi ed insalubri sono inclusi quelli che comportano il rischio di
esposizione agli agenti ed alle condizioni di lavoro, indicati nell'elenco di cui all'allegato B.
3. La lavoratrice è addetta ad altre mansioni per il periodo per il quale è previsto il divieto.
4. La lavoratrice è, altresì, spostata ad altre mansioni nei casi in cui i servizi ispettivi del
Ministero del lavoro, d'ufficio o su istanza della lavoratrice, accertino che le condizioni di lavoro o
ambientali sono pregiudizievoli alla salute della donna.
5. La lavoratrice adibita a mansioni inferiori a quelle abituali conserva la retribuzione corri-
spondente alle mansioni precedentemente svolte, nonché la qualifica originale. Si applicano le
disposizioni di cui all'articolo 13 della legge 20 maggio 1970, n. 300, qualora la lavoratrice sia adi-
bita a mansioni equivalenti o superiori.
6. Quando la lavoratrice non possa essere spostata ad altre mansioni, il servizio ispettivo
del Ministero del lavoro, competente per territorio, può disporre l'interdizione dal lavoro per tutto il
periodo di cui al presente Capo, in attuazione di quanto previsto all'articolo 17.
7. L'inosservanza delle disposizioni contenute nei commi 1, 2, 3 e 4 è punita con l'arresto
fino a sei mesi.

Art. 8
Esposizione a radiazioni ionizzanti

1. Le donne, durante la gravidanza, non possono svolgere attività in zone classificate o,


comunque, essere adibite ad attività che potrebbero esporre il nascituro ad una dose che ecceda
un millisievert durante il periodo della gravidanza.
2. È fatto obbligo alle lavoratrici di comunicare al datore di lavoro il proprio stato di gravi-
danza, non appena accertato.
3. È altresì vietato adibire le donne che allattano ad attività comportanti un rischio di conta-
minazione.

Art.9-10 (Omissis)

Art. 11
Valutazione dei rischi

1. Fermo restando quanto stabilito dall'articolo 7, commi 1 e 2, il datore di lavoro, nell'am-


bito ed agli effetti della valutazione di cui all'articolo 4, comma 1, del decreto legislativo 19 settem-
bre 1994, n. 626, e successive modificazioni, valuta i rischi per la sicurezza e la salute delle lavora-
trici, in particolare i rischi di esposizione ad agenti fisici, chimici o biologici, processi o condizioni di
lavoro di cui all'allegato C, nel rispetto delle linee direttrici elaborate dalla Commissione dell'Unione
europea, individuando le misure di prevenzione e protezione da adottare.
2. L'obbligo di informazione stabilito dall'articolo 21 del decreto legislativo 19 settembre
1994, n. 626, e successive modificazioni, comprende quello di informare le lavoratrici ed i loro rap-
presentati per la sicurezza sui risultati della valutazione e sulle conseguenti misure di protezione e
di prevenzione adottate.

Art. 12
Conseguenze della valutazione

1. Qualora i risultati della valutazione di cui all'articolo 11, comma 1, rivelino un rischio per
la sicurezza e la salute delle lavoratrici, il datore di lavoro adotta le misure necessarie affinché l'e-
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 200

200 LAVORATRICI MADRI

sposizione al rischio delle lavoratrici sia evitata, modificandone temporaneamente le condizioni o


l'orario di lavoro.
2. Ove la modifica delle condizioni o dell'orario di lavoro non sia possibile per motivi orga-
nizzativi o produttivi, il datore di lavoro applica quanto stabilito dall'articolo 7, commi 3, 4 e 5, dan-
done contestuale informazione scritta al servizio ispettivo del Ministero del lavoro competente per
territorio, che può disporre l'interdizione dal lavoro per tutto il periodo di cui all'articolo 6, comma 1,
in attuazione di quanto previsto all'articolo 17.
3. Le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 trovano applicazione al di fuori dei casi di divieto
sanciti dall'articolo 7, commi 1 e 2.
4. L'inosservanza della disposizione di cui al comma 1 è punita con la sanzione di cui all'ar-
ticolo 7, comma 7.

Art. 13
Adeguamento alla disciplina comunitaria

1. Con decreto del Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro
della sanità, sentita la Commissione consultiva permanente di cui all'articolo 26 del decreto legisla-
tivo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni, sono recepite le linee direttrici elaborate
dalla Commissione dell'Unione europea, concernenti la valutazione degli agenti chimici, fisici e bio-
logici, nonché dei processi industriali ritenuti pericolosi per la sicurezza o la salute delle lavoratrici e
riguardanti anche i movimenti, le posizioni di lavoro, la fatica mentale e fisica e gli altri disagi fisici e
mentali connessi con l'attività svolta dalle predette lavoratrici.
2. Con la stessa procedura di cui al comma 1, si provvede ad adeguare ed integrare la
disciplina contenuta nel decreto di cui al comma 1, nonché a modificare ed integrare gli elenchi di
cui agli allegati B e C, in conformità alle modifiche alle linee direttrici e alle altre modifiche adottate
in sede comunitaria.

Art. 14
Controlli prenatali

1. Le lavoratrici gestanti hanno diritto a permessi retribuiti per l'effettuazione di esami pre-
natali, accertamenti clinici ovvero visite mediche specialistiche, nel caso in cui questi debbono
essere eseguiti durante l'orario di lavoro.
2. Per la fruizione dei permessi di cui al comma 1 le lavoratrici presentano al datore di
lavoro apposita istanza e successivamente presentano la relativa documentazione giustificativa
attestante la data e l'orario di effettuazione degli esami.

Art. 15
Disposizioni applicabili

1. Per quanto non diversamente previsto dal presente Capo, restano ferme le disposizioni
recate dal decreto legislativo 19 settembre 1994, n. 626, e successive modificazioni, nonché da
ogni altra disposizione in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro.
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 201

LAVORATRICI MADRI 201

Capo III
CONGEDO DI MATERNITA’

Art. 16
Divieto di adibire al lavoro le donne

1. È vietato adibire al lavoro le donne:


a) durante i due mesi precedenti la data presunta del parto, salvo quanto previsto all'arti-
colo 20;
b) ove il parto avvenga oltre tale data, per il periodo intercorrente tra la data presunta e la
data effettiva del parto;
c) durante i tre mesi dopo il parto, salvo quanto previsto all'art. 20; (1)
d) durante gli ulteriori giorni non goduti prima del parto, qualora il parto avvenga in data
anticipata rispetto a quella presunta. Tali giorni sono aggiunti al periodo di congedo di maternità
dopo il parto.

Art. 17
Estensione del divieto

1. Il divieto è anticipato a tre mesi dalla data presunta del parto quando le lavoratrici sono
occupate in lavori che, in relazione all'avanzato stato di gravidanza, siano da ritenersi gravosi o pre-
giudizievoli. Tali lavori sono determinati con propri decreti dal Ministro per il lavoro e la previdenza
sociale, sentite le organizzazioni sindacali nazionali maggiormente rappresentative. Fino all'emana-
zione del primo decreto ministeriale, l'anticipazione del divieto di lavoro è disposta dal servizio
ispettivo del Ministero del lavoro, competente per territorio.
2. Il servizio ispettivo del Ministero del lavoro può disporre, sulla base di accertamento
medico, avvalendosi dei competenti organi del Servizio sanitario nazionale, ai sensi degli articoli 2 e
7 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, l'interdizione dal lavoro delle lavoratrici in stato
di gravidanza, fino al periodo di astensione di cui alla lettera a), comma 1, dell'articolo 16, o fino ai
periodi di astensione di cui all'articolo 7, comma 6, e all'articolo 12, comma 2, per uno o più periodi,
la cui durata sarà determinata dal servizio stesso, per i seguenti motivi:
a) nel caso di gravi complicanze della gravidanza o di preesistenti forme morbose che si
presume possano essere aggravate dallo stato di gravidanza;
b) quando le condizioni di lavoro o ambientali siano ritenute pregiudizievoli alla salute della
donna e del bambino;
c) quando la lavoratrice non possa essere spostata ad altre mansioni, secondo quanto pre-
visto dagli articoli 7 e 12. (1)
3. L'astensione dal lavoro di cui alla lettera a) del comma 2 è disposta dal servizio ispettivo
del Ministero del lavoro, secondo le risultanze dell'accertamento medico ivi previsto. In ogni caso il
provvedimento dovrà essere emanato entro sette giorni dalla ricezione dell'istanza della lavoratrice.
4. L'astensione dal lavoro di cui alle lettere b) e c) del comma 2 può essere disposta dal ser-
vizio ispettivo del Ministero del lavoro, d'ufficio o su istanza della lavoratrice, qualora nel corso della
propria attività di vigilanza constati l'esistenza delle condizioni che danno luogo all'astensione
medesima.
5. I provvedimenti dei servizi ispettivi previsti dai presente articolo sono definitivi.

(1) comma modificato dall'art. 2, D.Lgs. 23.04.2003, n. 115


205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 202

202 LAVORATRICI MADRI

Art. 18
Sanzioni

1. L'inosservanza delle disposizioni contenute negli articoli 16 e 17 è punita con l'arresto


fino a sei mesi.

Art. 19
Interruzione della gravidanza

1. L'interruzione della gravidanza, spontanea o volontaria, nei casi previsti dagli articoli 4, 5
e 6 della legge 22 maggio 1978, n. 194, è considerata a tutti gli effetti come malattia.
2. Ai sensi dell'articolo 17 della legge 22 maggio 1978, n. 194, la pena prevista per chiunque
cagioni ad una donna, per colpa, l'interruzione della gravidanza o un parto prematuro è aumentata
se il fatto è commesso con la violazione delle norme poste a tutela del lavoro.

Art. 20
Flessibilità del congedo di maternità

1. Ferma restando la durata complessiva del congedo di maternità, le lavoratrici hanno la


facoltà di astenersi dal lavoro a partire dal mese precedente la data presunta del parto e nei quattro
mesi successivi al parto, a condizione che il medico specialista del Servizio sanitario nazionale o
con esso convenzionato e il medico competente ai fini della prevenzione e tutela della salute nei
luoghi di lavoro attestino che tale opzione non arrechi pregiudizio alla salute della gestante e del
nascituro.
2. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con i Ministri della sanità e
per la solidarietà sociale, sentite le parti sociali, definisce con proprio decreto l'elenco dei lavori ai
quali non si applicano le disposizioni del comma 1.

Art. 21
Documentazione

1. Prima dell'inizio del periodo di divieto di lavoro di cui all'articolo 16, lettera a), le lavora-
trici devono consegnare al datore di lavoro e all'istituto erogatore dell'indennità di maternità il certi-
ficato medico indicante la data presunta del parto. La data indicata nel certificato fa stato, nono-
stante qualsiasi errore di previsione.
2. La lavoratrice è tenuta a presentare, entro trenta giorni, il certificato di nascita del figlio,
ovvero la dichiarazione sostitutiva, ai sensi dell'articolo 46 del decreto del Presidente della Repub-
blica 28 dicembre 2000, n. 445.

Art. 22
Trattamento economico e normativo

1. Le lavoratrici hanno diritto ad un'indennità giornaliera pari all'80 per cento della retribu-
zione per tutto il periodo del congedo di maternità, anche in attuazione degli articoli 7, comma 6, e
12, comma 2.
2. L'indennità di maternità comprensiva di ogni altra indennità spettante per malattia, è cor-
risposta con le modalità di cui all'articolo 1, del decreto legge 30 dicembre 1979, n. 663, convertito,
con modificazioni, dalla legge 29 febbraio 1980, n. 33, e con gli stessi criteri previsti per l'eroga-
zione delle prestazioni dell'assicurazione obbligatoria contro le malattie. (1)

(1) comma sostituito dall'art. 2, D.Lgs. 23.04.2003, n. 115.


205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 203

LAVORATRICI MADRI 203

3. I periodi di congedo di maternità devono essere computati nell'anzianità di servizio a tutti


gli effetti, compresi quelli relativi alla tredicesima mensilità o alla gratifica natalizia e alle ferie.
4. I medesimi periodi non si computano ai fini del raggiungimento dei limiti di permanenza
nelle liste di mobilità di cui all'articolo 7 della legge 23 luglio 1991, n. 223, fermi restando i limiti tem-
porali di fruizione dell'indennità di mobilità. I medesimi periodi si computano ai fini del raggiungi-
mento del limite minimo di sei mesi di lavoro effettivamente prestato per poter beneficiare dell'in-
dennità di mobilità.
5. Gli stessi periodi sono considerati, ai fini della progressione nella carriera, come attività
lavorativa, quando i contratti collettivi non richiedano a tale scopo particolari requisiti.
6. Le ferie e le assenze eventualmente spettanti alla lavoratrice ad altro titolo non vanno
godute contemporaneamente ai periodi di congedo di maternità.
7. Non viene cancellata dalla lista di mobilità ai sensi dell'articolo 9 della legge 23 luglio
1991, n. 223, la lavoratrice che, in periodo di congedo di maternità, rifiuta l'offerta di lavoro, di
impiego in opere o servizi di pubblica utilità, ovvero l'avviamento a corsi di formazione professio-
nale.

Art. 23
Calcolo dell'indennità

1. Agli effetti della determinazione della misura dell'indennità, per retribuzione s'intende la
retribuzione media globale giornaliera del periodo di paga quadrisettimanale o mensile scaduto ed
immediatamente precedente a quello nel corso del quale ha avuto inizio il congedo di maternità.
2. Al suddetto importo va aggiunto il rateo giornaliero relativo alla gratifica natalizia o alla
tredicesima mensilità e agli altri premi o mensilità o trattamenti accessori eventualmente erogati alla
lavoratrice.
3. Concorrono a formare la retribuzione gli stessi elementi che vengono considerati agli
effetti della determinazione delle prestazioni dell'assicurazione obbligatoria per le indennità econo-
miche di malattia.
4. Per retribuzione media globale giornaliera si intende l'importo che si ottiene dividendo
per trenta l'importo totale della retribuzione del mese precedente a quello nel corso del quale ha
avuto inizio il congedo. Qualora le lavoratrici non abbiano svolto l'intero periodo lavorativo mensile
per sospensione del rapporto di lavoro con diritto alla conservazione del posto per interruzione del
rapporto stesso o per recente assunzione si applica quanto previsto al comma 5, lettera c).
5. Nei confronti delle operaie dei settori non agricoli, per retribuzione media globale giorna-
liera s'intende:
a) nei casi in cui, o per contratto di lavoro o per la effettuazione di ore di lavoro straordina-
rio, l'orario medio effettivamente praticato superi le otto ore giornaliere, l'importo che si ottiene divi-
dendo l'ammontare complessivo degli emolumenti percepiti nel periodo di paga preso in conside-
razione per il numero dei giorni lavorati o comunque retribuiti;
b) nei casi in cui, o per esigenze organizzative contingenti dell' azienda o per particolari
ragioni di carattere personale della lavoratrice, l' orario medio effettivamente praticato risulti
inferiore a quello previsto dal contratto di lavoro della categoria, l' importo che si ottiene divi-
dendo l' ammontare complessivo degli emolumenti percepiti nel periodo di paga preso in con-
siderazione per il numero delle ore di lavoro effettuato e moltiplicando il quoziente ottenuto per
il numero delle ore giornaliere di lavoro previste dal contratto stesso. Nei casi in cui i contratti
di lavoro prevedano, nell' ambito di una settimana, un orario di lavoro identico per i primi cin-
que giorni della settimana e un orario ridotto per il sesto giorno, l' orario giornaliero è quello che
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 204

204 LAVORATRICI MADRI

si ottiene dividendo per sei il numero complessivo delle ore settimanali contrattualmente stabi-
lite;
c) in tutti gli altri casi, l'importo che si ottiene dividendo l'ammontare complessivo degli
emolumenti percepiti nel periodo di paga preso in considerazione per il numero di giorni lavorati, o
comunque retribuiti, risultanti dal periodo stesso.

Art. 24
Prolungamento del diritto alla corresponsione del trattamento economico

1. L'indennità di maternità è corrisposta anche nei casi di risoluzione del rapporto di lavoro
previsti dall'articolo 54, comma 3, lettere b) e c), che si verifichino durante i periodi di congedo di
maternità previsti dagli articoli 16 e 17. (1)
2. Le lavoratrici gestanti che si trovino, all'inizio del periodo di congedo di maternità,
sospese, assenti dal lavoro senza retribuzione, ovvero, disoccupate, sono ammesse al godimento
dell'indennità giornaliera di maternità purché tra l'inizio della sospensione, dell'assenza o della
disoccupazione e quello di detto periodo non siano decorsi più di sessanta giorni.
3. Ai fini del computo dei predetti sessanta giorni, non si tiene conto delle assenze dovute a
malattia o ad infortunio sul lavoro, accertate e riconosciute dagli enti gestori delle relative assicura-
zioni sociali, né del periodo di congedo parentale o di congedo per la malattia del figlio fruito per
una precedente maternità, nè del periodo di assenza fruito per accudire minori in affidamento, né
del periodo di mancata prestazione lavorativa prevista dal contratto di lavoro a tempo parziale di
tipo verticale.
4. Qualora il congedo di maternità abbia inizio trascorsi sessanta giorni dalla risoluzione del
rapporto di lavoro e la lavoratrice si trovi, all'inizio del periodo di congedo stesso, disoccupata e in
godimento dell'indennità di disoccupazione, ha diritto all'indennità giornaliera di maternità anziché
all'indennità ordinaria di disoccupazione.
5. La lavoratrice, che si trova nelle condizioni indicate nel comma 4, ma che non è in godi-
mento della indennità di disoccupazione perché nell'ultimo biennio ha effettuato lavorazioni alle
dipendenze di terzi non soggette all'obbligo dell'assicurazione contro la disoccupazione, ha diritto
all'indennità giornaliera di maternità, purché al momento dell'inizio del congedo di maternità non
siano trascorsi più di centottanta giorni dalla data di risoluzione del rapporto e, nell'ultimo biennio
che precede il suddetto periodo, risultino a suo favore, nell'assicurazione obbligatoria per le inden-
nità di maternità, ventisei contributi settimanali.
6. La lavoratrice che, nel caso di congedo di maternità iniziato dopo sessanta giorni dalla
data di sospensione dal lavoro, si trovi, all'inizio del congedo stesso, sospesa e in godimento del
trattamento di integrazione salariale a carico della Cassa integrazione guadagni, ha diritto, in luogo
di tale trattamento, all'indennità giornaliera di maternità.
7. Le disposizioni di cui al presente articolo si applicano anche ai casi di fruizione dell'in-
dennità di mobilità di cui all'articolo 7 della legge 23 luglio 1991, n. 223.

(1) È costituzionalmente illegittimo l'art. 24, comma 1, del decreto legislativo 26 marzo 2001, n.
151 nella parte in cui esclude la corresponsione dell'indennità di maternità nell'ipotesi prevista dall'art. 54,
comma 3, lettera a), del medesimo decreto legislativo (C.Cost. 14.12.2001, n. 405).
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 205

LAVORATRICI MADRI 205

Art. 25
Trattamento previdenziale

1. Per i periodi di congedo di maternità, non è richiesta, in costanza di rapporto di lavoro,


alcuna anzianità contributiva pregressa ai fini dell'accreditamento dei contributi figurativi per il
diritto alla pensione e per la determinazione della misura stessa.
2. In favore dei soggetti iscritti al fondo pensioni lavoratori dipendenti e alle forme di previ-
denza sostitutive ed esclusive dell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e
i superstiti, i periodi corrispondenti al congedo di maternità di cui agli articoli 16 e 17, verificatisi al
di fuori del rapporto di lavoro, sono considerati utili ai fini pensionistici, a condizione che il soggetto
possa far valere, all'atto della domanda, almeno cinque anni di contribuzione versata in costanza di
rapporto di lavoro. La contribuzione figurativa viene accreditata secondo le disposizioni di cui all'ar-
ticolo 8 della legge 23 aprile 1981, n. 155, con effetto dal periodo in cui si colloca l'evento.
3. Per i soggetti iscritti al fondo pensioni lavoratori dipendenti ed ai fondi sostitutivi dell'as-
sicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia ed i superstiti, gli oneri derivanti dalle
disposizioni di cui al comma 2 sono addebitati alla relativa gestione pensionistica. Per i soggetti
iscritti ai fondi esclusivi dell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità e la vecchiaia ed i
superstiti, gli oneri derivanti dalle disposizioni di cui al comma 2 sono posti a carico dell'ultima
gestione pensionistica del quinquennio lavorativo richiesto nel medesimo comma.

Art. 26
Adozioni e affidamenti

1. Il congedo di maternità di cui alla lettera c), comma 1, dell'articolo 16 può essere richie-
sto dalla lavoratrice che abbia adottato, o che abbia ottenuto in affidamento un bambino di età non
superiore a sei anni all'atto dell'adozione o dell'affidamento.
2. Il congedo deve essere fruito durante i primi tre mesi successivi all'effettivo ingresso del
bambino nella famiglia della lavoratrice.

Art. 27
Adozioni e affidamenti preadottivi internazionali

1. Nel caso di adozione e di affidamento preadottivo internazionali, disciplinati dal Titolo III
della legge 4 maggio 1983, n. 184, e successive modificazioni, il congedo di maternità di cui al
comma 1 dell'articolo 26 spetta anche se il minore adottato o affidato abbia superato i sei anni e
sino al compimento della maggiore età.
2. Per l'adozione e l'affidamento preadottivo internazionali, la lavoratrice ha, altresì, diritto a
fruire di un congedo di durata corrispondente al periodo di permanenza nello Stato straniero richie-
sto per l'adozione e l'affidamento. Il congedo non comporta indennità nè retribuzione.
3. L'ente autorizzato che ha ricevuto l'incarico di curare la procedura di adozione certifica la
durata del congedo di cui al comma 1 dell'articolo 26, nonché la durata del periodo di permanenza
all'estero nel caso del congedo previsto al comma 2 del presente articolo.
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 206

206 LAVORATRICI MADRI

Capo IV
CONGEDO DI PATERNITA’

Art. 28
Congedo di paternità

1. Il padre lavoratore ha diritto di astenersi dal lavoro per tutta la durata del congedo di mater-
nità o per la parte residua che sarebbe spettata alla lavoratrice, in caso di morte o di grave infermità
della madre ovvero di abbandono, nonché in caso di affidamento esclusivo del bambino al padre.
2. Il padre lavoratore che intenda avvalersi del diritto di cui al comma 1 presenta al datore di
lavoro la certificazione relativa alle condizioni ivi previste. In caso di abbandono, il padre lavoratore
ne rende dichiarazione ai sensi dell'articolo 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28
dicembre 2000, n. 445.

Art. 29
Trattamento economico e normativo

1. Il trattamento economico e normativo è quello spettante ai sensi degli articoli 22 e 23.

Art. 30
Trattamento previdenziale

1. Il trattamento previdenziale è quello previsto dall'articolo 25.

Art. 31
Adozioni e affidamenti

1. Il congedo di cui agli articoli 26, comma 1, e 27, comma 1, che non sia stato chiesto dalla
lavoratrice, spetta, alle medesime condizioni, al lavoratore.
2. Il congedo di cui all'articolo 27, comma 2, spetta, alle medesime condizioni, al lavoratore.
3. Al lavoratore, alle medesime condizioni previste dai commi 1 e 2, è riconosciuto il diritto
di cui all'articolo 28.

Capo V
CONGEDO PARENTALE

Art. 32
Congedo parentale

1. Per ogni bambino, nei primi suoi otto anni di vita, ciascun genitore ha diritto di astenersi
dal lavoro secondo le modalità stabilite dal presente articolo. I relativi congedi parentali dei genitori
non possono complessivamente eccedere il limite di dieci mesi, fatto salvo il disposto del comma 2
del presente articolo. Nell'ambito del predetto limite, il diritto di astenersi dal lavoro compete:
a) alla madre lavoratrice, trascorso il periodo di congedo di maternità di cui al Capo III, per
un periodo continuativo o frazionato non superiore a sei mesi;
b) al padre lavoratore, dalla nascita del figlio, per un periodo continuativo o frazionato non
superiore a sei mesi, elevabile a sette nel caso di cui al comma 2;
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 207

LAVORATRICI MADRI 207

c) qualora vi sia un solo genitore, per un periodo continuativo o frazionato non superiore a
dieci mesi.
2. Qualora il padre lavoratore eserciti il diritto di astenersi dal lavoro per un periodo conti-
nuativo o frazionato non inferiore a tre mesi, il limite complessivo dei congedi parentali dei genitori è
elevato a undici mesi.
3. Ai fini dell'esercizio del diritto di cui al comma 1, il genitore è tenuto, salvo casi di ogget-
tiva impossibilità, a preavvisare il datore di lavoro secondo le modalità e i criteri definiti dai contratti
collettivi, e comunque con un periodo di preavviso non inferiore a quindici giorni.
4. Il congedo parentale spetta al genitore richiedente anche qualora l'altro genitore non ne
abbia diritto.

Art. 33
Prolungamento del congedo

1. La lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre di minore con handicap in situa-


zione di gravità accertata ai sensi dell'articolo 4, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 104,
hanno diritto al prolungamento fino a tre anni del congedo parentale a condizione che il bambino
non sia ricoverato a tempo pieno presso istituti specializzati.
2. In alternativa al prolungamento del congedo possono essere fruiti i riposi di cui all'arti-
colo 42, comma 1.
3. Il congedo spetta al genitore richiedente anche qualora l'altro genitore non ne abbia
diritto.
4. Resta fermo il diritto di fruire del congedo di cui all'articolo 32. Il prolungamento di cui al
comma 1 decorre dal termine del periodo corrispondente alla durata massima del congedo paren-
tale spettante al richiedente ai sensi dell'articolo 32.

Art. 34
Trattamento economico e normativo

1. Per i periodi di congedo parentale di cui all'articolo 32 alle lavoratrici e ai lavoratori è


dovuta fino al terzo anno di vita del bambino, un'indennità pari al 30 per cento della retribuzione,
per un periodo massimo complessivo tra i genitori di sei mesi.
L'indennità è calcolata secondo quanto previsto all'articolo 23, ad esclusione del comma 2
dello stesso.
2. Si applica il comma 1 per tutto il periodo di prolungamento del congedo di cui all'articolo
33.
3. Per i periodi di congedo parentale di cui all'articolo 32 ulteriori rispetto a quanto previsto
ai commi 1 e 2 è dovuta un'indennità pari al 30 per cento della retribuzione, a condizione che il red-
dito individuale dell'interessato sia inferiore a 2,5 volte l'importo del trattamento minimo di pensione
a carico dell'assicurazione generale obbligatoria. Il reddito è determinato secondo i criteri previsti in
materia di limiti reddituali per l'integrazione al minimo.
4. L'indennità è corrisposta con le modalità di cui all'articolo 22, comma 2.
5. I periodi di congedo parentale sono computati nell'anzianità di servizio, esclusi gli effetti
relativi alle ferie e alla tredicesima mensilità o alla gratifica natalizia.
6. Si applica quanto previsto all'articolo 22, commi 4, 6 e 7.
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 208

208 LAVORATRICI MADRI

Art. 35
Trattamento previdenziale

1. I periodi di congedo parentale che danno diritto al trattamento economico e normativo di


cui all'articolo 34, commi 1 e 2, sono coperti da contribuzione figurativa. Si applica quanto previsto
al comma 1 dell'articolo 25.
2. I periodi di congedo parentale di cui all'articolo 34, comma 3, compresi quelli che non
danno diritto al trattamento economico, sono coperti da contribuzione figurativa, attribuendo come
valore retributivo per tale periodo il 200 per cento del valore massimo dell'assegno sociale, propor-
zionato ai periodi di riferimento, salva la facoltà di integrazione da parte dell'interessato, con
riscatto ai sensi dell'articolo 13 della legge 12 agosto 1962, n. 1338, ovvero con versamento dei
relativi contributi secondo i criteri e le modalità della prosecuzione volontaria.
3. Per i dipendenti di amministrazioni pubbliche e per i soggetti iscritti ai fondi sostitutivi
dell'assicurazione generale obbligatoria gestita dall'Istituto nazionale previdenza sociale (INPS) ai
quali viene corrisposta una retribuzione ridotta o non viene corrisposta alcuna retribuzione nei
periodi di congedo parentale, sussiste il diritto, per la parte differenziale mancante alla misura intera
o per l'intera retribuzione mancante, alla contribuzione figurativa da accreditare secondo le disposi-
zioni di cui all'articolo 8 della legge 23 aprile 1981, n. 155.
4. Gli oneri derivanti dal riconoscimento della contribuzione figurativa di cui al comma 3, per
i soggetti iscritti ai fondi esclusivi o sostitutivi dell'assicurazione generale obbligatoria, restano a
carico della gestione previdenziale cui i soggetti medesimi risultino iscritti durante il predetto
periodo.
5. Per i soggetti iscritti al fondo pensioni lavoratori dipendenti e alle forme di previdenza
sostitutive ed esclusive dell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, la vecchiaia e i
superstiti, i periodi non coperti da assicurazione e corrispondenti a quelli che danno luogo al con-
gedo parentale, collocati temporalmente al di fuori del rapporto di lavoro, possono essere riscattati,
nella misura massima di cinque anni, con le modalità di cui all'articolo 13 della legge 12 agosto
1962, n. 1338, e successive modificazioni, a condizione che i richiedenti possano far valere, all'atto
della domanda, complessivamente almeno cinque anni di contribuzione versata in costanza di
effettiva attività lavorativa.

Art. 36
Adozioni e affidamenti

1. Il congedo parentale di cui al presente Capo spetta anche per le adozioni e gli affidamenti.
2. Il limite di età, di cui all'articolo 34, comma 1, è elevato a sei anni. In ogni caso, il con-
gedo parentale può essere fruito nei primi tre anni dall'ingresso del minore nel nucleo familiare.
3. Qualora, all'atto dell'adozione o dell'affidamento, il minore abbia un'età compresa fra i
sei e i dodici anni, il congedo parentale è fruito nei primi tre anni dall'ingresso del minore nel nucleo
familiare.

Art. 37
Adozioni e affidamenti preadottivi internazionali

1. In caso di adozione e di affidamento preadottivo internazionali si applicano le disposi-


zioni dell'articolo 36.
2. L'Ente autorizzato che ha ricevuto l'incarico di curare la procedura di adozione certifica la
durata del congedo parentale.
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 209

LAVORATRICI MADRI 209

Art. 38
Sanzioni

1. Il rifiuto, l'opposizione o l'ostacolo all'esercizio dei diritti di assenza dal lavoro di cui al
presente Capo sono puniti con la sanzione amministrativa da lire un milione a lire cinque milioni.

Capo VI
RIPOSI, PERMESSI E CONGEDI

Art. 39
Riposi giornalieri della madre

1. Il datore di lavoro deve consentire alle lavoratrici madri, durante il primo anno di vita del
bambino, due periodi di riposo, anche cumulabili durante la giornata. Il riposo è uno solo quando
l'orario giornaliero di lavoro è inferiore a sei ore.
2. I periodi di riposo di cui al comma 1 hanno la durata di un'ora ciascuno e sono conside-
rati ore lavorative agli effetti della durata e della retribuzione del lavoro. Essi comportano il diritto
della donna ad uscire dall'azienda.
3. I periodi di riposo sono di mezz'ora ciascuno quando la lavoratrice fruisca dell'asilo nido
o di altra struttura idonea, istituiti dal datore di lavoro nell'unità produttiva o nelle immediate vici-
nanze di essa.

Art. 40
Riposi giornalieri del padre

1. I periodi di riposo di cui all'articolo 39 sono riconosciuti al padre lavoratore:


a) nel caso in cui i figli siano affidati al solo padre;
b) in alternativa alla madre lavoratrice dipendente che non se ne avvalga;
c) nel caso in cui la madre non sia lavoratrice dipendente;
d) in caso di morte o di grave infermità della madre.

Art. 41
Riposi per parti plurimi

1. In caso di parto plurimo, i periodi di riposo sono raddoppiati e le ore aggiuntive rispetto a
quelle previste dall'articolo 39, comma 1, possono essere utilizzate anche dal padre.

Art. 42
Riposi e permessi per i figli con handicap grave

1. Fino al compimento del terzo anno di vita del bambino con handicap in situazione di gra-
vità e in alternativa al prolungamento del periodo di congedo parentale, si applica l' articolo 33,
comma 2, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, relativo alle due ore di riposo giornaliero retribuito.
2. Successivamente al compimento del terzo anno di vita del bambino con handicap in
situazione di gravità, la lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre hanno diritto ai per-
messi di cui all'articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Detti permessi sono frui-
bili anche in maniera continuativa nell'ambito del mese.
3. Successivamente al raggiungimento della maggiore età del figlio con handicap in situa-
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 210

210 LAVORATRICI MADRI

zione di gravità, la lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre hanno diritto ai permessi di
cui all'articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104. Ai sensi dell'articolo 20 della legge
8 marzo 2000, n. 53, detti permessi, fruibili anche in maniera continuativa nell'ambito del mese,
spettano a condizione che sussista convivenza con il figlio o, in assenza di convivenza, che l'assi-
stenza al figlio sia continuativa ed esclusiva.
4. I riposi e i permessi, ai sensi dell'articolo 33, comma 4 della legge 5 febbraio 1992, n.
104, possono essere cumulati con il congedo parentale ordinario e con il congedo per la malattia
del figlio.
5. La lavoratrice madre o, in alternativa, il lavoratore padre o, dopo la loro scomparsa,
uno dei fratelli o sorelle conviventi di soggetto con handicap in situazione di gravità di cui
all' articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, accertata ai sensi dell' articolo 4,
comma 1, della legge medesima e che abbiano titolo a fruire dei benefici di cui all' articolo 33,
comma 1, del presente testo unico e all' articolo 33, commi 2 e 3, della legge 5 febbraio 1992,
n. 104, per l' assistenza del figlio, hanno diritto a fruire del congedo di cui al comma 2 dell' arti-
colo 4 della legge 8 marzo 2000, n. 53, entro sessanta giorni dalla richiesta. Durante il periodo
di congedo, il richiedente ha diritto a percepire un' indennità corrispondente all' ultima retribu-
zione e il periodo medesimo è coperto da contribuzione figurativa; l' indennità e la contribu-
zione figurativa spettano fino a un importo complessivo massimo di lire 70 milioni annue per il
congedo di durata annuale. Detto importo è rivalutato annualmente, a decorrere dall' anno
2002, sulla base della variazione dell' indice Istat dei prezzi al consumo per le famiglie di operai
e impiegati. L' indennità è corrisposta dal datore di lavoro secondo le modalità previste per la
corresponsione dei trattamenti economici di maternità. I datori di lavoro privati, nella denuncia
contributiva, detraggono l' importo dell' indennità dall' ammontare dei contributi previdenziali
dovuti all' ente previdenziale competente. Per i dipendenti dei predetti datori di lavoro privati,
compresi quelli per i quali non è prevista l' assicurazione per le prestazioni di maternità, l' inden-
nità di cui al presente comma è corrisposta con le modalità di cui all' articolo 1 del decreto
legge 30 dicembre 1979, n. 663, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 febbraio 1980, n.
33. Il congedo fruito ai sensi del presente comma alternativamente da entrambi i genitori non
può superare la durata complessiva di due anni; durante il periodo di congedo entrambi i geni-
tori non possono fruire dei benefici di cui all' articolo 33, comma 1, del presente testo unico e
all' articolo 33, commi 2 e 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, fatte salve le disposizioni di cui
ai commi 5 e 6 del medesimo articolo. (1)
6. I riposi, i permessi e i congedi di cui al presente articolo spettano anche qualora l'altro
genitore non ne abbia diritto.

Art. 43
Trattamento economico e normativo

1. Per i riposi e i permessi di cui al presente Capo è dovuta un'indennità, a carico dell'ente
assicuratore, pari all'intero ammontare della retribuzione relativa ai riposi e ai permessi medesimi.
L'indennità è anticipata dal datore di lavoro ed è portata a conguaglio con gli apporti contributivi
dovuti all'ente assicuratore.
2. Si applicano le disposizioni di cui all'articolo 34, comma 5.

(1) Comma modificato dall'art. 3, comma 106 L. 24.12.2003, n. 350


205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 211

LAVORATRICI MADRI 211

Art. 44
Trattamento previdenziale

1. Ai periodi di riposo di cui al presente Capo si applicano le disposizioni di cui all'articolo


35, comma 2.
2. I tre giorni di permesso mensile di cui all'articolo 42, commi 2 e 3, sono coperti da contri-
buzione figurativa.

Art. 45
Adozioni e affidamenti

1. Le disposizioni in materia di riposi di cui agli articoli 39, 40 e 41 si applicano anche in


caso di adozione e di affidamento entro il primo anno di vita del bambino. (1)
2. Le disposizioni di cui all'articolo 42 si applicano anche in caso di adozione e di affida-
mento di soggetti con handicap in situazione di gravità.

Art. 46
Sanzioni

1. L'inosservanza delle disposizioni contenute negli articoli 39, 40 e 41 è punita con la san-
zione amministrativa da lire un milione a lire cinque milioni.

Capo VII
CONGEDI PER LA MALATTIA DEL FIGLIO

Art. 47
Congedo per la malattia del figlio

1. Entrambi i genitori, alternativamente, hanno diritto di astenersi dal lavoro per periodi cor-
rispondenti alle malattie di ciascun figlio di età non superiore a tre anni.
2. Ciascun genitore, alternativamente, ha altresì diritto di astenersi dal lavoro, nel limite di
cinque giorni lavorativi all'anno, per le malattie di ogni figlio di età compresa fra i tre e gli otto anni.
3. Per fruire dei congedi di cui ai commi 1 e 2 il genitore deve presentare il certificato di
malattia rilasciato da un medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzio-
nato.
4. La malattia del bambino che dia luogo a ricovero ospedaliero interrompe, a richiesta del
genitore, il decorso delle ferie in godimento per i periodi di cui ai commi 1 e 2.
5. Ai congedi di cui al presente articolo non si applicano le disposizioni sul controllo della
malattia del lavoratore.
6. Il congedo spetta al genitore richiedente anche qualora l'altro genitore non ne abbia
diritto.

(1) È costituzionalmente illegittimo l' art. 45, comma 1, del decreto legislativo 26.03.2001 n. 151
nella parte in cui prevede che i riposi di cui agli artt. 39, 40 e 41 si applichino, anche in caso di adozione
e di affidamento, "entro il primo anno di vita del bambino" anziché "entro il primo anno dall' ingresso del
minore nella famiglia" (C. Cost. 01.04.2003, n. 104);
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 212

212 LAVORATRICI MADRI

Art. 48
Trattamento economico e normativo

1. I periodi di congedo per la malattia del figlio sono computati nell'anzianità di servizio,
esclusi gli effetti relativi alle ferie e alla tredicesima mensilità o alla gratifica natalizia.
2. Si applica quanto previsto all'articolo 22, commi 4, 6 e 7.

Art. 49
Trattamento previdenziale

1. Per i periodi di congedo per la malattia del figlio è dovuta la contribuzione figurativa fino
al compimento del terzo anno di vita del bambino. Si applica quanto previsto all'articolo 25.
2. Successivamente al terzo anno di vita del bambino e fino al compimento dell' ottavo
anno, è dovuta la copertura contributiva calcolata con le modalità previste dall' articolo 35,
comma 2.
3. Si applicano le disposizioni di cui all'articolo 35, commi 3, 4 e 5.

Art. 50
Adozioni e affidamenti

1. Il congedo per la malattia del bambino di cui al presente Capo spetta anche per le ado-
zioni e gli affidamenti.
2. Il limite di età, di cui all'articolo 47, comma 1, è elevato a sei anni. Fino al compimento
dell'ottavo anno di età si applica la disposizione di cui al comma 2 del medesimo articolo.
3. Qualora, all'atto dell'adozione o dell'affidamento, il minore abbia un'età compresa fra i
sei e i dodici anni, il congedo per la malattia del bambino è fruito nei primi tre anni dall'ingresso del
minore nel nucleo familiare alle condizioni previste dall'articolo 47, comma 2.

Art. 51
Documentazione

1. Ai fini della fruizione del congedo di cui al presente Capo, la lavoratrice ed il lavoratore
sono tenuti a presentare una dichiarazione rilasciata ai sensi dell'articolo 47 del decreto del Presi-
dente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, attestante che l'altro genitore non sia in congedo
negli stessi giorni per il medesimo motivo.

Art. 52
Sanzioni

1. Il rifiuto, l'opposizione o l'ostacolo all'esercizio dei diritti di assenza dal lavoro di cui al
presente Capo sono puniti con la sanzione amministrativa da lire un milione a lire cinque milioni.
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 213

LAVORATRICI MADRI 213

Capo VIII
LAVORO NOTTURNO

Art. 53
Lavoro notturno

1. È vietato adibire le donne al lavoro, dalle ore 24 alle ore 6, dall'accertamento dello stato
di gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino.
2. Non sono obbligati a prestare lavoro notturno:
a) la lavoratrice madre di un figlio di età inferiore a tre anni o, in alternativa, il lavoratore
padre convivente con la stessa;
b) la lavoratrice o il lavoratore che sia l'unico genitore affidatario di un figlio convivente di
età inferiore a dodici anni.
3. Ai sensi dell'articolo 5, comma 2, lettera c), della legge 9 dicembre 1977, n. 903, non
sono altresì obbligati a prestare lavoro notturno la lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio
carico un soggetto disabile ai sensi della legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modificazioni.

Capo IX
DIVIETO DI LICENZIAMENTO, DIMISSIONI E DIRITTO AL RIENTRO

Art. 54
Divieto di licenziamento

1. Le lavoratrici non possono essere licenziate dall'inizio del periodo di gravidanza fino al
termine dei periodi di interdizione dal lavoro previsti dal Capo III, nonché fino al compimento di un
anno di età del bambino.
2. Il divieto di licenziamento opera in connessione con lo stato oggettivo di gravidanza, e la
lavoratrice, licenziata nel corso del periodo in cui opera il divieto, è tenuta a presentare al datore di
lavoro idonea certificazione dalla quale risulti l'esistenza all'epoca del licenziamento, delle condi-
zioni che lo vietavano.
3. Il divieto di licenziamento non si applica nel caso:
a) di colpa grave da parte della lavoratrice, costituente giusta causa per la risoluzione del
rapporto di lavoro;
b) di cessazione dell'attività dell'azienda cui essa è addetta;
c) di ultimazione della prestazione per la quale la lavoratrice è stata assunta o di risoluzione
del rapporto di lavoro per la scadenza del termine;
d) di esito negativo della prova; resta fermo il divieto di discriminazione di cui all'articolo 4
della legge 10 aprile 1991, n. 125, e successive modificazioni.
4. Durante il periodo nel quale opera il divieto di licenziamento, la lavoratrice non può
essere sospesa dal lavoro, salvo il caso che sia sospesa l'attività dell'azienda o del reparto cui essa
è addetta, sempreché il reparto stesso abbia autonomia funzionale. La lavoratrice non può altresì
essere collocata in mobilità a seguito di licenziamento collettivo ai sensi della legge 23 luglio 1991,
n. 223, e successive modificazioni , salva l'ipotesi di collocamento in mobilità a seguito della cessa-
zione dell'attività' dell'azienda di cui al comma 3, lettera b) . (1)

(1) comma modificato dall'art. 4, D.Lgs. 23.04.2003, n. 115


205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 214

214 LAVORATRICI MADRI

5. Il licenziamento intimato alla lavoratrice in violazione delle disposizioni di cui ai commi 1,


2 e 3, è nullo.
6. È altresì nullo il licenziamento causato dalla domanda o dalla fruizione del congedo
parentale e per la malattia del bambino da parte della lavoratrice o del lavoratore.
7. In caso di fruizione del congedo di paternità, di cui all'articolo 28, il divieto di licenzia-
mento si applica anche al padre lavoratore per la durata del congedo stesso e si estende fino al
compimento di un anno di età del bambino. Si applicano le disposizioni del presente articolo,
commi 3, 4 e 5.
8. L'inosservanza delle disposizioni contenute nel presente articolo è punita con la sanzione
amministrativa da lire due milioni a lire cinque milioni. Non è ammesso il pagamento in misura
ridotta di cui all'articolo 16 della legge 24 novembre 1981, n. 689.
9. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche in caso di adozione e di affida-
mento. Il divieto di licenziamento si applica fino a un anno dall'ingresso del minore nel nucleo fami-
liare, in caso di fruizione del congedo di maternità e di paternità.

Art. 55
Dimissioni

1. In caso di dimissioni volontarie presentate durante il periodo per cui è previsto, a norma
dell'articolo 54, il divieto di licenziamento, la lavoratrice ha diritto alle indennità previste da disposi-
zioni di legge e contrattuali per il caso di licenziamento.
2. La disposizione di cui al comma 1 si applica al padre lavoratore che ha fruito del congedo
di paternità.
3. La disposizione di cui al comma 1 si applica anche nel caso di adozione e di affidamento,
entro un anno dall'ingresso del minore nel nucleo familiare.
4. La richiesta di dimissioni presentata dalla lavoratrice, durante il periodo di gravidanza, e dalla
lavoratrice o dal lavoratore durante il primo anno di vita del bambino o nel primo anno di accoglienza
del minore adottato o in affidamento, deve essere convalidata dal servizio ispettivo del Ministero del
lavoro, competente per territorio. A detta convalida è condizionata la risoluzione del rapporto di lavoro.
5. Nel caso di dimissioni di cui al presente articolo, la lavoratrice o il lavoratore non sono
tenuti al preavviso.

Art. 56
Diritto al rientro e alla conservazione del posto

1. Al termine dei periodi di divieto di lavoro previsti dal Capo II e III, le lavoratrici hanno
diritto di conservare il posto di lavoro e, salvo che espressamente vi rinuncino, di rientrare nella
stessa unità produttiva ove erano occupate all'inizio del periodo di gravidanza o in altra ubicata nel
medesimo comune, e di permanervi fino al compimento di un anno di età del bambino; hanno
altresì diritto di essere adibite alle mansioni da ultimo svolte o a mansioni equivalenti.
2. La disposizione di cui al comma 1 si applica anche al lavoratore al rientro al lavoro dopo
la fruizione del congedo di paternità.
3. Negli altri casi di congedo, di permesso o di riposo disciplinati dal presente testo unico,
la lavoratrice e il lavoratore hanno diritto alla conservazione del posto di lavoro e, salvo che espres-
samente vi rinuncino, al rientro nella stessa unità produttiva ove erano occupati al momento della
richiesta, o in altra ubicata nel medesimo comune; hanno altresì diritto di essere adibiti alle man-
sioni da ultimo svolte o a mansioni equivalenti.
205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 215

LAVORATRICI MADRI 215

4. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche in caso di adozione e di affida-


mento. Le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 si applicano fino a un anno dall'ingresso del minore nel
nucleo familiare.
4 bis. L'inosservanza delle disposizioni contenute nel presente articolo è punita con la san-
zione amministrativa di cui all'articolo 54, comma 8. Non è ammesso il pagamento in misura ridotta
di cui all'articolo 16 della legge 24 novembre 1981, n. 689. (1)

Art.57-59 (Omissis)

Capo X
DISPOSIZIONI SPECIALI

Art. 60
Lavoro a tempo parziale

1. In attuazione di quanto previsto dal decreto legislativo 25 febbraio 2000, n. 61, e, in par-
ticolare, del principio di non discriminazione, la lavoratrice e il lavoratore a tempo parziale benefi-
ciano dei medesimi diritti di un dipendente a tempo pieno comparabile, per quanto riguarda la
durata dei congedi previsti dal presente testo unico. Il relativo trattamento economico è riproporzio-
nato in ragione della ridotta entità della prestazione lavorativa.
2. Ove la lavoratrice o il lavoratore a tempo parziale e il datore di lavoro abbiano concordato
la trasformazione del rapporto di lavoro in rapporto a tempo pieno per un periodo in parte coinci-
dente con quello del congedo di maternità, è assunta a riferimento la base di calcolo più favorevole
della retribuzione, agli effetti di quanto previsto dall'articolo 23, comma 4.
3. Alle lavoratrici e ai lavoratori di cui al comma 1 si applicano le disposizioni dell'articolo 8
del decreto legislativo 16 settembre 1996, n. 564, in materia contributiva.

(Omissis)

(1) Comma inserito dall'art. 4, D.Lgs. 23.04.2003, n. 115.


205_224 2-12-2004 10:59 Pagina 216
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 217

LICENZIAMENTI INDIVIDUALI 217

Legge 15 luglio 1966, n. 604


Norme sui licenziamenti individuali
(«Gazzetta Ufficiale» 6 agosto 1966, n. 195)

Art. 1. – Nel rapporto di lavoro a tempo indeterminato, intercedente con datori di lavoro pri-
vati o con enti pubblici, ove la stabilità non sia assicurata da norme di legge, di regolamento e di
contratto collettivo o individuale, il licenziamento del prestatore di lavoro non può avvenire che per
giusta causa ai sensi dell’articolo 2119 del Codice Civile o per giustificato motivo.

Art. 2. – Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il
licenziamento al prestatore di lavoro.
Il prestatore di lavoro può chiedere, entro quindici giorni dalla comunicazione, i motivi che
hanno determinato il recesso: in tale caso l’imprenditore deve nei sette giorni dalla richiesta, comu-
nicarli per iscritto.
Il licenziamento intimato senza l’osservanza delle disposizioni di cui ai commi uno e due è
inefficace. Le disposizioni di cui al comma uno e di cui all’art. 9 si applicano anche ai diri-
genti (1).

Art. 3. – Il licenziamento per giustificato motivo con preavviso è derminato da un notevole


inadempimento degli obblighi contrattuali del prestatore di lavoro ovvero da ragioni inerenti all’atti-
vità produttiva, all’organizzazione del lavoro e al regolare funzionamento di essa.

Art. 4. – Il licenziamento determinato da ragioni di credo politico o fede religiosa,


dall’appartenenza ad un sindacato e dalla partecipazione ad attività sindacali è nullo, indipendente-
mente dalla motivazione adottata.

Art. 5. – L’onere della prova della sussistenza della giusta causa o del giustificato motivo di
licenziamento spetta al datore di lavoro.

Art. 6. – Il licenziamento deve essere impugnato a pena di decadenza entro 60 giorni dalla
ricezione della sua comunicazione, con qualsiasi atto scritto, anche extragiudiziale, idoneo a ren-
dere nota la volontà del lavoratore anche attraverso l’intervento dell’organizzazione sindacale
diretto ad impugnare il licenziamento stesso.
Il termine di cui al comma precedente decorre dalla comunicazione del licenziamento
ovvero dalla comunicazione dei motivi ove questa non sia contestuale a quella del licenziamento.
A conoscere delle controversie derivanti dall’applicazione della presente legge è compe-
tente il pretore.

Art. 7. – Quando il prestatore di lavoro non possa avvalersi delle procedure previste dai
contratti collettivi o dagli accordi sindacali, può promuovere, entro venti giorni dalla comunicazione
del licenziamento ovvero dalla comunicazione dei motivi ove questa non sia contestuale a quella
del licenziamento, il tentativo di conciliazione presso l’Ufficio provinciale del lavoro e della massima
occupazione.
Le parti possono farsi assistere dalle associazioni sindacali a cui sono iscritte o alle quali
conferiscono mandato.
Il relativo verbale di conciliazione, in copia autenticata dal direttore dell’Ufficio provinciale del
lavoro e della massima occupazione, acquista forza di titolo esecutivo con decreto del pretore.

(1) Articolo così modificato dall’art. 2 (comma 3) della legge n. 108 dell’11 maggio 1990.
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 218

218 LICENZIAMENTI INDIVIDUALI

Il termine di cui al primo comma dell’articolo precedente è sospeso dal giorno della richie-
sta all’Ufficio provinciale del lavoro e della massima occupazione fino alla data della comunicazione
del deposito in cancelleria del decreto del pretore, di cui al comma precedente, o nel caso di falli-
mento del tentativo di conciliazione, fino alla data del relativo verbale.
In caso di esito negativo del tentativo di conciliazione di cui al primo comma le parti pos-
sono definire consensualmente la controversia mediante arbitrato irrituale.

Art. 8. – Quando risulti accertato che non ricorrono gli estremi del licenziamento per giu-
sta causa o giustificato motivo, il datore di lavoro è tenuto a riassumere il prestatore di lavoro
entro il termine di tre giorni o, in mancanza, a risarcire il danno versandogli un’indennità di
importo compreso tra un minimo di 2,5 ed un massimo di 6 mensilità dell’ultima retribuzione glo-
bale di fatto, avuto riguardo al numero dei dipendenti occupati, alle dimensioni dell’impresa,
all’anzianità di servizio del prestatore di lavoro, al comportamento e alle condizioni delle parti. La
misura massima della predetta indennità può essere maggiorata fino a 10 mensilità per il presta-
tore di lavoro con anzianità superiore a dieci anni e fino a 14 mensilità per il prestatore di lavoro
con anzianità superiore ai venti anni, se dipendenti da datore di lavoro che occupa più di quindici
prestatori di lavoro (1).

Art. 9. – L’indennità di anzianità è dovuta al prestatore di lavoro in ogni caso di risoluzione


del rapporto di lavoro.

Art. 10. – Le norme della presente legge si applicano nei confronti dei prestatori di lavoro
che rivestano la qualifica di impiegato e di operaio (2), ai sensi dell’articolo 2095 del Codice civile,
per quelli assunti in prova, si applicano dal momento in cui l’assunzione diviene definitiva e, in ogni
caso, quando sono decorsi sei mesi dall’inizio del rapporto di lavoro.

Art. 11. – La materia dei licenziamenti collettivi per riduzione di personale è esclusa dalle
disposizioni della presente legge (3).

Art. 12. – Sono fatte salve le disposizioni di contratti collettivi e accordi sindacali che con-
tengano, per la materia disciplinata dalla presente legge, condizioni più favorevoli ai prestatori di
lavoro.

Art. 13. – Tutti gli atti e i documenti relativi ai giudizi o alle procedure di conciliazione previ-
sti dalla presente legge sono esenti da bollo, imposta di registro e da ogni altra tassa o spesa.

Art. 14. – La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblica-
zione nella «Gazzetta Ufficiale».
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sarà inserita nella Raccolta ufficiale delle
leggi e dei decreti della Repubblica italiana. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.

(1) Articolo così modificato dall’art. 2 (comma 3) della legge n. 108 dell’11 maggio 1990.
(2) La Corte Cost. con sentenza 4 febbraio 1970, n. 14 e 22 novembre 1973 n. 159, ha dichiarato
costituzionalmente illegittimo, in riferimento all’art. 3 Cost., l’art. 10 della legge 15 luglio 1966, n. 604 nella
parte in cui esclude l’applicabilità delle norme della stessa agli apprendisti.
(3) Il primo comma del presente articolo è stato abrogato dall’art. 6, comma 2, della legge 11 maggio
1990 n. 108. Normativa sostitutiva è contenuta nell’art. 4 della legge sopracitata.
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 219

LICENZIAMENTI INDIVIDUALI 219

Legge 11 maggio 1990, n. 108


Disciplina dei licenziamenti individuali
(«Gazzetta Ufficiale» 11 maggio 1990, n. 108)

Art. 1.
Reintegrazione
(Omissis). (1)

Art. 2.
Riassunzione o risarcimento del danno
1. I datori di lavoro privati, impreditori non agricoli e non imprenditori, e gli enti pubblici di
cui all’articolo 1 della legge 15 luglio 1966, n. 604, che occupano alle loro dipendenze fino a quin-
dici lavoratori ed i datori di lavoro imprenditori agricoli che occupano alle loro dipendenze fino a
cinque lavoratori computati con il criterio di cui all’articolo 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300,
come modificato dall’articolo 1 della presente legge, sono soggetti all’applicazione delle disposi-
zioni di cui alla legge 15 luglio 1966, n. 604, così come modificata dalla presente legge. Sono altresì
soggetti all’applicazione di dette disposizioni i datori di lavoro che occupano fino a sessanta dipen-
denti, qualora non sia applicabile il disposto dell’articolo 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300,
come modificato dall’articolo 1 della presente legge.
Comma 2-3. (Omissis) (2).

Art. 3.
Licenziamento discriminatorio
1. Il licenziamento determinato da ragioni discriminatorie ai sensi dell’articolo 4 della legge
15 luglio 1966, n. 604, e dell’articolo 15 della legge 20 maggio 1970, n. 300, come modificato
dall’articolo 13 della legge 9 dicembre 1977, n. 903, è nullo indipendetemente dalla motivazione
addotta e comporta, quale che sia il numero dei dipendenti occupati dal datore di lavoro, le conse-
guenze previste dall’articolo 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300, come modificato dalla presente
legge.
Tali disposizioni si applicano anche ai dirigenti.

Art. 4.
Area di non applicazione
1. Fermo restando quanto previsto dall’articolo 3, le disposizioni degli articoli 1 e 2 non
trovano applicazione nei rapporti disciplinati dalla legge 2 aprile 1958, n. 339. (3) La disciplina di
cui all’articolo 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300, come modificato dall’articolo 1 della pre-
sente legge, non trova applicazione nei confronti dei datori di lavoro non imprenditori che svol-
gono senza fini di lucro attività di natura politica, sindacale, culturale, di istruzione ovvero di reli-
gione o di culto.

(1) Tale articolo sostituisce l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori.


(2) Tali comma hanno previsto modifiche all’art. 2 e art. 8 della legge 15 luglio 1966 n. 604.
(3) Il titolo della legge n. 339/1958 è il seguente “Per la tutela del rapporto di lavoro domestico”.
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 220

220 LICENZIAMENTI INDIVIDUALI

2. Le disposizioni di cui all’articolo 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300, come modificato
dall’articolo 1 della presente legge, e dell’articolo 2 non si applicano nei confronti dei prestatori di
lavoro ultrasessantenni, in possesso dei requisiti pensionistici, sempre che non abbiano optato per
la prosecuzione del rapporto di lavoro ai sensi dell’articolo 6 del decreto-legge 22 dicembre 1981,
n. 791, convertito, con modificazioni dalla legge 26 febbraio 1982, n. 54. Sono fatte salve le dispo-
sizioni dell’articolo 3 della presente legge e dell’articolo 9 della legge 15 luglio 1966, n. 604.

Art. 5
Tentativo obbligatorio di conciliazione, arbitrato e spese processuali

1. La domanda in giudizio di cui all’articolo 2 della presente legge non può essere proposta
se non è preceduta dalla richiesta di conciliazione avanzata secondo le procedure previste dai con-
tratti e accordi collettivi di lavoro, ovvero dagli articoli 410 e 411 del codice di procedura civile.
2. L’improcedibilità della domanda è rilevabile anche d’ufficio nella prima udienza di discus-
sione.
3. Ove il giudice rilevi l’improcedibilità della domanda a norma del comma 2 sospende il
giudizio e fissa alle parti un termine perentorio non superiore a sessanta giorni per la proposizione
della richiesta del tentativo di conciliazione.
4. Il processo deve essere riassunto a cura di una delle parti nel termine perentorio di cen-
tottanta giorni, che decorre dalla cessazione della causa di sospensione.
5. La comunicazione al datore di lavoro della richiesta di espletamento della procedura
obbligatoria di conciliazione avvenuta nel termine di cui all’articolo 6 della legge 15 luglio 1966, n.
604, impedisce la decadenza sancita nella medesima norma.
6. Ove il tentativo di conciliazione fallisca, ciascuna delle parti entro il termine di venti giorni
può promuovere, anche attraverso l’associazione sindacale a cui è iscritta o conferisca mandato, il
deferimento della controversia al colleggio di arbitrato previsto dal contratto collettivo nazionale di
lavoro applicabile o, in mancanza, ad un colleggio composto da un rappresentante scelto da cia-
scuna parte e da un presidente scelto di comune accordo o, in difetto, dal direttore dell’ufficio pro-
vinciale del lavoro e della massima occupazione. Il collegio si pronuncia entro trenta giorni e la sua
decisione acquista efficacia di titolo esecutivo osservate le disposizioni dell’art. 411 del codice di
procedura civile.
7. Il comportamento complessivo delle parti viene valutato dal giudice per l’applicazione
degli articoli 91, 92, 96 del codice civile di procedura civile.

Art. 6
Abrogazioni

(Omissis).
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 221

ORARIO DI LAVORO 221

Decreto Legislativo 8 aprile 2003, n.66


Attuazione delle direttive 93/104/CE e 2000/34/CE
concernenti taluni aspetti dell'organizzazione
dell'orario di lavoro
(«Gazzetta Ufficiale» 14 aprile 2003, n.87, Supplemento Ordinario n.61)

Capo I
DISPOSIZIONI GENERALI

Art. 1
Finalità e definizioni

1. Le disposizioni contenute nel presente decreto, nel dare attuazione organica alla direttiva
n.93/104/Ce del Consiglio, del 23 novembre 1993, così come modificata dalla direttiva n.
2000/34/Ce del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 giugno 2000, sono dirette a regolamen-
tare in modo uniforme su tutto il territorio nazionale, e nel pieno rispetto del ruolo della autonomia
negoziale collettiva, i profili di disciplina del rapporto di lavoro connessi alla organizzazione dell'ora-
rio di lavoro.
2. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto si intende per:
a) “orario di lavoro”: qualsiasi periodo in cui il lavoratore sia al lavoro, a disposizione del
datore di lavoro e nell'esercizio della sua attività o delle sue funzioni;
b) “periodo di riposo”: qualsiasi periodo che non rientra nell'orario di lavoro;
c) “lavoro straordinario”: è il lavoro prestato oltre l'orario normale di lavoro così come defi-
nito all'articolo 3 del presente decreto;
d) “periodo notturno”: periodo di almeno sette ore consecutive comprendenti l'intervallo tra
la mezzanotte e le cinque del mattino;
e) “lavoratore notturno”:
1. qualsiasi lavoratore che durante il periodo notturno svolga almeno tre ore del suo tempo
di lavoro giornaliero impiegato in modo normale;
2. qualsiasi lavoratore che svolga durante il periodo notturno almeno una parte del suo ora-
rio di lavoro secondo le norme definite dai contratti collettivi di lavoro. In difetto di disci-
plina collettiva è considerato lavoratore notturno qualsiasi lavoratore che svolga lavoro
notturno per un minimo di 80 giorni lavorativi all'anno; il suddetto limite minimo è ripro-
porzionato in caso di lavoro a tempo parziale;
f) “lavoro a turni”: qualsiasi metodo di organizzazione del lavoro anche a squadre in base al
quale dei lavoratori siano successivamente occupati negli stessi posti di lavoro, secondo un deter-
minato ritmo, compreso il ritmo rotativo, che può essere di tipo continuo o discontinuo, e il quale
comporti la necessità per i lavoratori di compiere un lavoro a ore differenti su un periodo determi-
nato di giorni o di settimane;
g) “lavoratore a turni”: qualsiasi lavoratore il cui orario di lavoro sia inserito nel quadro del
lavoro a turni;
h) “lavoratore mobile”: qualsiasi lavoratore impiegato quale membro del personale viag-
giante o di volo presso una impresa che effettua servizi di trasporto passeggeri o merci su strada,
per via aerea o per via navigabile, o a impianto fisso non ferroviario;
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 222

222 ORARIO DI LAVORO

i) “lavoro offshore”: l'attività svolta prevalentemente su una installazione offshore (compresi


gli impianti di perforazione) o a partire da essa, direttamente o indirettamente legata alla esplora-
zione, alla estrazione o allo sfruttamento di risorse minerali, compresi gli idrocarburi, nonché le atti-
vità di immersione collegate a tali attività, effettuate sia a partire da una installazione offshore che
da una nave;
j) “riposo adeguato”: il fatto che i lavoratori dispongano di periodi di riposo regolari, la cui
durata è espressa in unità di tempo, e sufficientemente lunghi e continui per evitare che essi, a
causa della stanchezza della fatica o di altri fattori che perturbano la organizzazione del lavoro, cau-
sino lesioni a se stessi, ad altri lavoratori o a terzi o danneggino la loro salute, a breve o a lungo ter-
mine;
k) “contratti collettivi di lavoro”: contratti collettivi stipulati da organizzazioni sindacali dei
lavoratori comparativamente più rappresentative.

Art. 2
Campo di applicazione

1. Le disposizioni contenute nel presente decreto si applicano a tutti i settori di attività pub-
blici e privati con le uniche eccezioni del lavoro della gente di mare di cui alla direttiva 1999/63/Ce,
del personale di volo nella aviazione civile di cui alla direttiva 2000/79/Ce e dei lavoratori mobili per
quanto attiene ai profili di cui alla direttiva 2002/15/Ce.
2.-3. (Omissis)
4. La disciplina contenuta nel presente decreto si applica anche agli apprendisti maggio-
renni.

Capo II
PRINCIPI IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DELL’ORARIO DI LAVORO

Art.3
Orario normale di lavoro

1. L'orario normale di lavoro è fissato in 40 ore settimanali.


2. I contratti collettivi di lavoro possono stabilire, ai fini contrattuali, una durata minore e
riferire l'orario normale alla durata media delle prestazioni lavorative in un periodo non superiore
all'anno.

Art.4
Durata massima dell'orario di lavoro

1. I contratti collettivi di lavoro stabiliscono la durata massima settimanale dell'orario di


lavoro.
2. La durata media dell'orario di lavoro non può in ogni caso superare, per ogni periodo di
sette giorni, le 48 ore, comprese le ore di lavoro straordinario.
3. Ai fini della disposizione di cui al comma 2, la durata media dell'orario di lavoro deve
essere calcolata con riferimento a un periodo non superiore a quattro mesi.
4. I contratti collettivi di lavoro possono in ogni caso elevare il limite di cui al comma 3 fino a
sei mesi ovvero fino a 12 mesi a fronte di ragioni obiettive, tecniche o inerenti all'organizzazione del
lavoro, specificate negli stessi contratti collettivi.
5. In caso di superamento delle 48 ore di lavoro settimanale, attraverso prestazioni di lavoro
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 223

ORARIO DI LAVORO 223

straordinario, per le unità produttive che occupano più di dieci dipendenti il datore di lavoro è
tenuto a informare, entro 30 giorni dalla scadenza del periodo di riferimento di cui ai precedenti
commi 3 e 4, la direzione provinciale del lavoro - Settore ispezione del lavoro competente per terri-
torio. I contratti collettivi di lavoro possono stabilire le modalità per adempiere al predetto obbligo di
comunicazione. (1)

Art. 5
Lavoro straordinario

1. Il ricorso a prestazioni di lavoro straordinario deve essere contenuto.


2. Fermi restando i limiti di cui all'articolo 4, i contratti collettivi di lavoro regolamentano le
eventuali modalità di esecuzione delle prestazioni di lavoro straordinario.
3. In difetto di disciplina collettiva applicabile, il ricorso al lavoro straordinario è ammesso
soltanto previo accordo tra datore di lavoro e lavoratore per un periodo che non superi le 250 ore
annuali.
4. Salvo diversa disposizione dei contratti collettivi il ricorso a prestazioni di lavoro straordi-
nario è inoltre ammesso in relazione a:
a) casi di eccezionali esigenze tecnico-produttive e di impossibilità di fronteggiarle attra-
verso l'assunzione di altri lavoratori;
b) casi di forza maggiore o casi in cui la mancata esecuzione di prestazioni di lavoro straor-
dinario possa dare luogo a un pericolo grave e immediato ovvero a un danno alle persone o alla
produzione;
c) eventi particolari, come mostre, fiere e manifestazioni collegate alla attività produttiva,
nonché allestimento di prototipi, modelli o simili, predisposti per le stesse, preventivamente comu-
nicati agli uffici competenti ai sensi dell'articolo 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241, come sosti-
tuito dall'articolo 2, comma 10, della legge 24/12/1993, n. 537, e in tempo utile alle rappresentanze
sindacali aziendali.
5. Il lavoro straordinario deve essere computato a parte e compensato con le maggiorazioni
retributive previste dai contratti collettivi di lavoro. I contratti collettivi possono in ogni caso consen-
tire che, in alternativa o in aggiunta alle maggiorazioni retributive, i lavoratori usufruiscano di riposi
compensativi.

Art.6
Criteri di computo

1. I periodi di ferie annue e i periodi di assenza per malattia non sono presi in considera-
zione ai fini del computo della media di cui all'articolo 4.
2. Nel caso di lavoro straordinario, se il riposo compensativo di cui ha beneficiato il lavoratore
è previsto in alternativa o in aggiunta alla maggiorazione retributiva di cui al comma 5 dell'articolo 5, le
ore di lavoro straordinario prestate non si computano ai fini della media di cui all'articolo 4.

(1) comma modificato dall’art.1 D.Lgs. 19.07.2004, n. 213


225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 224

224 ORARIO DI LAVORO

Capo III
PAUSE, RIPOSI E FERIE

Art. 7
Riposo giornaliero

1. Ferma restando la durata normale dell'orario settimanale, il lavoratore ha diritto a 11 ore


di riposo consecutivo ogni 24 ore. Il riposo giornaliero deve essere fruito in modo consecutivo fatte
salve le attività caratterizzate da periodi di lavoro frazionati durante la giornata.

Art. 8
Pause

1. Qualora l'orario di lavoro giornaliero ecceda il limite di sei ore il lavoratore deve benefi-
ciare di un intervallo per pausa, le cui modalità e la cui durata sono stabilite dai contratti collettivi di
lavoro, ai fini del recupero delle energie psico-fisiche e della eventuale consumazione del pasto
anche al fine di attenuare il lavoro monotono e ripetitivo.
2. Nelle ipotesi di cui al comma che precede, in difetto di disciplina collettiva che preveda
un intervallo a qualsivoglia titolo attribuito, al lavoratore deve essere concessa una pausa, anche
sul posto di lavoro, tra l'inizio e la fine di ogni periodo giornaliero di lavoro, di durata non inferiore a
dieci minuti e la cui collocazione deve tener conto delle esigenze tecniche del processo lavorativo.
3. Salvo diverse disposizioni dei contratti collettivi, rimangono non retribuiti o computati
come lavoro ai fini del superamento dei limiti di durata i periodi di cui all'articolo 5 rd 10/9/1923, n.
1955 e successivi atti applicativi e dell'articolo 4 del rd 10 settembre 1923, n. 1956 e successive
integrazioni.

Art. 9
Riposi settimanali

1. Il lavoratore ha diritto ogni sette giorni a un periodo di riposo di almeno 24 ore consecu-
tive, di regola in coincidenza con la domenica, da cumulare con le ore di riposo giornaliero di cui
all'articolo 7.
2. Fanno eccezione alla disposizione di cui al comma 1:
a) le attività di lavoro a turni ogni volta che il lavoratore cambi squadra e non possa usu-
fruire, tra la fine del servizio di una squadra e l'inizio di quello della squadra successiva, di periodi di
riposo giornaliero o settimanale;
b) le attività caratterizzate da periodi di lavoro frazionati durante la giornata;
c) per il personale che lavora nel settore dei trasporti ferroviari: le attività discontinue; il ser-
vizio prestato a bordo dei treni; le attività connesse con gli orari del trasporto ferroviario che assicu-
rano la continuità e la regolarità del traffico ferroviario;
d) i contratti collettivi possono stabilire previsioni diverse, nel rispetto delle condizioni previ-
ste dall'articolo 17, comma 4.
3. Il riposo di 24 ore consecutive può essere fissato in un giorno diverso dalla domenica e
può essere attuato mediante turni per il personale interessato a modelli tecnico-organizzativi di tur-
nazione particolare ovvero addetto alle attività aventi le seguenti caratteristiche:
a) operazioni industriali per le quali si abbia l'uso di forni a combustione o a energia elettrica
per l'esercizio di processi caratterizzati dalla continuità della combustione e operazioni collegate,
nonché attività industriali ad alto assorbimento di energia elettrica e operazioni collegate;
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 225

ORARIO DI LAVORO 225

b) attività industriali il cui processo richieda, in tutto o in parte, lo svolgimento continuativo


per ragioni tecniche;
c) industrie stagionali per le quali si abbiano ragioni di urgenza riguardo alla materia prima o
al prodotto dal punto di vista del loro deterioramento e della loro utilizzazione, comprese le indu-
strie che trattano materie prime di facile deperimento e il cui periodo di lavorazione si svolge in non
più di tre mesi all'anno, ovvero quando nella stessa azienda e con lo stesso personale si compiano
alcune delle suddette attività con un decorso complessivo di lavorazione superiore a tre mesi;
d) i servizi e attività il cui funzionamento domenicale corrisponda a esigenze tecniche
ovvero soddisfi interessi rilevanti della collettività ovvero sia di pubblica utilità;
e) attività che richiedano l'impiego di impianti e macchinari ad alta intensità di capitali o ad
alta tecnologia;
f) attività di cui all'articolo 7 della legge 22 febbraio 1934, n. 370;
g) attività indicate agli articoli 11, 12, 13 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114.
4. Sono fatte salve le disposizioni speciali che consentono la fruizione del riposo settima-
nale in giorno diverso dalla domenica nonché le deroghe previste dalla legge 22 febbraio 1934, n.
370.
5. Con decreto del ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il ministro per
la funzione pubblica per quanto coinvolge i pubblici dipendenti, adottato sentite le organizzazioni
sindacali nazionali di categoria comparativamente più rappresentative nonché le organizzazioni
nazionali dei datori di lavoro, saranno individuate le attività aventi le caratteristiche di cui al comma
3, che non siano già ricomprese nel decreto ministeriale 22 giugno 1935, e successive modifiche e
integrazioni, pubblicato nella G.U. n. 161 del 12 luglio 1935, nonché quelle di cui al comma 2, lett.
d), salve le eccezioni di cui alle lettere a), b) e c). Con le stesse modalità il ministro del lavoro e delle
politiche sociali, di concerto con il ministro per la funzione pubblica per quanto coinvolge i pubblici
dipendenti, provvede all'aggiornamento e alla integrazione delle predette attività. Nel caso di cui al
comma 2, lett. d), e salve le eccezioni di cui alle lettere a), b), e c) l'integrazione avrà senz'altro
luogo decorsi 30 giorni dal deposito dell'accordo presso il ministero stesso. I predetti decreti, per le
materie di esclusivo interesse dei dipendenti pubblici, sono adottati dal ministro per la funzione
pubblica, di concerto con il ministro del lavoro e delle politiche sociali.

Art. 10
Ferie annuali

1. Fermo restando quanto previsto dall'articolo 2109 del codice civile, il prestatore di lavoro
ha diritto a un periodo annuale di ferie retribuite non inferiore a quattro settimane. Tale periodo,
salvo quanto previsto dalla contrattazione collettiva o dalla specifica disciplina riferita alle categorie
di cui all’articolo 2, comma 2, va goduto per almeno due settimane, consecutive in caso di richiesta
del lavoratore, nel corso dell’anno di maturazione e, per le restanti due settimane, nei 18 mesi suc-
cessivi al termine dell’anno di maturazione. (1)
2. Il predetto periodo minimo di quattro settimane non può essere sostituito dalla relativa
indennità per ferie non godute, salvo il caso di risoluzione del rapporto di lavoro.
3. Nel caso di orario espresso come media ai sensi dell'articolo 3, comma 2, i contratti col-
lettivi stabiliscono criteri e modalità di regolazione.

(1) comma modificato dall’art.1 D.Lgs. 17.07.2004, n. 213


225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 226

226 ORARIO DI LAVORO

Capo IV
LAVORO NOTTURNO

Art. 11
Limitazioni al lavoro notturno

1. L'inidoneità al lavoro notturno può essere accertata attraverso le competenti strutture


sanitarie pubbliche.
2. I contratti collettivi stabiliscono i requisiti dei lavoratori che possono essere esclusi dal-
l'obbligo di effettuare lavoro notturno. È in ogni caso vietato adibire le donne al lavoro, dalle ore 24
alle ore 6, dall'accertamento dello stato di gravidanza fino al compimento di un anno di età del
bambino.
Non sono inoltre obbligati a prestare lavoro notturno:
a) la lavoratrice madre di un figlio di età inferiore a tre anni o, in alternativa, il lavoratore
padre convivente con la stessa;
b) la lavoratrice o il lavoratore che sia l'unico genitore affidatario di un figlio convivente di
età inferiore a 12 anni;
c) la lavoratrice o il lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi della
legge 5 febbraio 1992, n. 104, e successive modificazioni.

Art. 12
Modalità di organizzazione del lavoro notturno e obblighi di comunicazione

1. L'introduzione del lavoro notturno deve essere preceduta, secondo i criteri e con le
modalità previsti dai contratti collettivi, dalla consultazione delle rappresentanze sindacali in
azienda, se costituite, aderenti alle organizzazioni firmatarie del contratto collettivo applicato dal-
l'impresa. In mancanza, tale consultazione va effettuata con le organizzazioni territoriali dei lavora-
tori come sopra definite per il tramite dell'associazione cui l'azienda aderisca o conferisca man-
dato. La consultazione va effettuata e conclusa entro un periodo di sette giorni.
2. Il datore di lavoro, anche per il tramite dell'associazione cui aderisca o conferisca man-
dato, informa per iscritto i servizi ispettivi della direzione provinciale del lavoro competente per ter-
ritorio, con periodicità annuale, della esecuzione di lavoro notturno svolto in modo continuativo o
compreso in regolari turni periodici, salvo che esso sia disposto dal contratto collettivo. Tale infor-
mativa va estesa alle organizzazioni sindacali di cui al comma 1.

Art. 13
Durata del lavoro notturno

1. L'orario di lavoro dei lavoratori notturni non può superare le otto ore in media nelle 24
ore, salva l'individuazione da parte dei contratti collettivi, anche aziendali, di un periodo di riferi-
mento più ampio sul quale calcolare come media il suddetto limite.
2. È affidata alla contrattazione collettiva l'eventuale definizione delle riduzioni dell'orario di
lavoro o dei trattamenti economici indennitari nei confronti dei lavoratori notturni. Sono fatte salve le
disposizioni della contrattazione collettiva in materia di trattamenti economici e riduzioni di orario
per i lavoratori notturni anche se non concesse a titolo specifico.
3. Entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore del presente decreto, con decreto del mini-
stro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il ministro per la funzione pubblica per
quanto coinvolge i pubblici dipendenti, previa consultazione delle organizzazioni sindacali nazionali
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 227

ORARIO DI LAVORO 227

di categoria comparativamente più rappresentative e delle organizzazioni nazionali dei datori di


lavoro, viene stabilito un elenco delle lavorazioni che comportano rischi particolari o rilevanti ten-
sioni fisiche o mentali, il cui limite è di otto ore nel corso di ogni periodo di 24 ore. Il predetto
decreto, per le materie di esclusivo interesse dei dipendenti pubblici, è adottato dal ministro per la
funzione pubblica, di concerto con il ministro del lavoro e delle politiche sociali.
4. Il periodo minimo di riposo settimanale non viene preso in considerazione per il computo
della media quando coincida con il periodo di riferimento stabilito dai contratti collettivi di cui al
comma 1.
5. Con riferimento al settore della panificazione non industriale la media di cui al comma 1
del presente articolo va riferita alla settimana lavorativa.

Art. 14
Tutela in caso di prestazioni di lavoro notturno

1. La valutazione dello stato di salute dei lavoratori notturni deve avvenire a cura e a
spese del datore di lavoro, o per il tramite delle competenti strutture sanitarie pubbliche di cui
all’articolo 11 o per il tramite del medico competente di cui all’articolo 17 del D.lgs. 19 settem-
bre 1994, n.626, e successive modificazioni, attraverso controlli preventivi e periodici, almeno
ogni due anni, volti a verificare l’assenza di controindicazioni al lavoro notturno a cui sono adi-
biti i lavoratori stessi. (1)
2. Durante il lavoro notturno il datore di lavoro garantisce, previa informativa alle rappresen-
tanze sindacali di cui all'articolo 12, un livello di servizi o di mezzi di prevenzione o di protezione
adeguato ed equivalente a quello previsto per il turno diurno.
3. Il datore di lavoro, previa consultazione con le rappresentanze sindacali di cui all' arti-
colo 12, dispone, ai sensi degli articoli 40 e seguenti del decreto legislativo 19 settembre 1994,
n. 626, per i lavoratori notturni che effettuano le lavorazioni che comportano rischi particolari di
cui all' elenco definito dall' articolo 13, comma 3, appropriate misure di protezione personale e
collettiva.
4. I contratti collettivi di lavoro possono prevedere modalità e specifiche misure di pre-
venzione relativamente alle prestazioni di lavoro notturno di particolari categorie di lavoratori,
quali quelle individuate con riferimento alla legge 5 giugno 1990, n. 135, e alla legge 26 giugno
1990, n. 162.

Art. 15
Trasferimento al lavoro diurno

1. Qualora sopraggiungano condizioni di salute che comportino l'inidoneità alla prestazione


di lavoro notturno, accertata dal medico competente o dalle strutture sanitarie pubbliche, il lavora-
tore verrà assegnato al lavoro diurno, in altre mansioni equivalenti, se esistenti e disponibili.
2. La contrattazione collettiva definisce le modalità di applicazione delle disposizioni di cui
al comma precedente e individua le soluzioni nel caso in cui l'assegnazione prevista dal comma
citato non risulti applicabile.

(1) comma modificato dall’art.1 D.Lgs. 19.07.2004, n. 213


225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 228

228 ORARIO DI LAVORO

Capo V
DISPOSIZIONI FINALI E DEROGHE

Art. 16
Deroghe alla disciplina della durata settimanale dell'orario

1. Fatte salve le condizioni di miglior favore stabilite dai contratti collettivi, sono escluse dal-
l'ambito di applicazione della disciplina della durata settimanale dell'orario di cui all'art. 3
a) le fattispecie previste dall'art. 4 del rd n. 692/1923 e successive modifiche;
b) le fattispecie di cui al rd n. 1957/1923 e successive modifiche, alle condizioni ivi previste,
e le fattispecie di cui agli artt. 8 e 10 del rd n. 1955/1923;
c) le industrie di ricerca e coltivazione di idrocarburi, sia in mare che in terra, di posa di con-
dotte e installazione in mare;
d) le occupazioni che richiedono un lavoro discontinuo o di semplice attesa o custodia
elencate nella tabella approvata con rd 6 dicembre 1923, n. 2657, e successive modificazioni e inte-
grazioni, alle condizioni ivi previste;
e) i commessi viaggiatori o piazzisti;
f) il personale viaggiante dei servizi pubblici di trasporto per via terrestre;
g) gli operai agricoli a tempo determinato;
h) i giornalisti professionisti, praticanti e pubblicisti dipendenti da aziende editrici di giornali,
periodici e agenzie di stampa, nonché quelli dipendenti da aziende pubbliche e private esercenti
servizi radiotelevisivi;
i) il personale poligrafico (operai e impiegati) addetto alle attività di composizione, stampa e
spedizione di quotidiani e settimanali, di documenti necessari al funzionamento degli organi legisla-
tivi e amministrativi nazionali e locali, nonché alle attività produttive delle agenzie di stampa;
j) il personale addetto ai servizi di informazione radiotelevisiva gestiti da aziende pubbliche
e private;
k) i lavori di cui all'art. 1 della legge 20/4/1978, n. 154 e all'art. 2 della legge 13/7/1966, n. 559;
l) le prestazioni rese da personale addetto alle aree operative, per assicurare la continuità
del servizio, nei settori appresso indicati:
- personale dipendente da imprese concessionarie di servizi nei settori delle poste, delle
autostrade, dei servizi portuali e aeroportuali, nonché personale dipendente da aziende
che gestiscono servizi pubblici di trasporto e da imprese esercenti servizi di telecomuni-
cazione;
- personale dipendente da aziende pubbliche e private di produzione, trasformazione,
distribuzione, trattamento ed erogazione di energia elettrica, gas, calore e acqua;
- personale dipendente da quelle di raccolta, trattamento, smaltimento e trasporto di rifiuti
solidi urbani;
- personale addetto ai servizi funebri e cimiteriali limitatamente ai casi in cui il servizio
stesso sia richiesto dall'autorità giudiziaria, sanitaria o di pubblica sicurezza;
m) personale dipendente da gestori di impianti di distribuzione di carburante non autostra-
dali;
n) personale non impiegatizio dipendente da stabilimenti balneari, marini, fluviali, lacuali e
piscinali.
2. Le attività e le prestazioni indicate alle lettere da a) a n) del comma 1 verranno aggiornate
e armonizzate con i principi contenuti nel presente decreto legislativo mediante decreto del mini-
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 229

ORARIO DI LAVORO 229

stero del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il ministro per la funzione pubblica per
quanto concerne i pubblici dipendenti, da adottarsi sentite le organizzazioni sindacali nazionali
maggiormente rappresentative nonché le organizzazioni nazionali dei datori di lavoro. Il predetto
decreto, per le materie di esclusivo interesse dei dipendenti pubblici, è adottato dal ministro per la
funzione pubblica, di concerto con il ministro del lavoro e delle politiche sociali.

Art. 17
Deroghe alla disciplina in materia di riposo giornaliero, pause,
lavoro notturno, durata massima settimanale

1. Le disposizioni di cui agli articoli 7, 8, 12 e 13 possono essere derogate mediante con-


tratti collettivi o accordi conclusi a livello nazionale tra le organizzazioni sindacali nazionali compa-
rativamente più rappresentative e le associazioni nazionali dei datori di lavoro firmatarie di contratti
collettivi nazionali di lavoro o, conformemente alle regole fissate nelle medesime intese, mediante
contratti collettivi o accordi conclusi al secondo livello di contrattazione.
2. In mancanza di disciplina collettiva, il ministero del lavoro e delle politiche sociali, di con-
certo con il ministro per la funzione pubblica per quanto coinvolge i pubblici dipendenti, su richiesta
delle organizzazioni sindacali nazionali di categoria comparativamente più rappresentative o delle
associazioni nazionali di categoria dei datori di lavoro firmatarie dei contratti collettivi nazionali di
lavoro, adotta un decreto, sentite le stesse parti, per stabilire deroghe agli articoli 4, terzo comma,
nel limite dei sei mesi, 7, 8, 12 e 13 con riferimento:
a) alle attività caratterizzate dalla distanza fra il luogo di lavoro e il luogo di residenza del
lavoratore, compreso il lavoro offshore, oppure dalla distanza fra i suoi diversi luoghi di
lavoro;
b) alle attività di guardia, sorveglianza e permanenza caratterizzate dalla necessità di assi-
curare la protezione dei beni e delle persone, in particolare, quando si tratta di guardiani
o portinai o di imprese di sorveglianza;
c) alle attività caratterizzate dalla necessità di assicurare la continuità del servizio o della
produzione, in particolare, quando si tratta:
1) di servizi relativi all'accettazione, al trattamento o alle cure prestati da ospedali o sta-
bilimenti analoghi, comprese le attività dei medici in formazione, da case di riposo e
da carceri;
2) del personale portuale o aeroportuale;
3) di servizi della stampa, radiofonici, televisivi, di produzione cinematografica, postali o
delle telecomunicazioni, di servizi di ambulanza, antincendio o di protezione civile;
4) di servizi di produzione, di conduzione e distribuzione del gas, dell'acqua e dell'elettri-
cità, di servizi di raccolta dei rifiuti domestici o degli impianti di incenerimento;
5) di industrie in cui il lavoro non può essere interrotto per ragioni tecniche;
6) di attività di ricerca e sviluppo;
7) dell'agricoltura;
8) di lavoratori operanti nel settore del trasporto passeggeri in ambito urbano ai sensi
dell'articolo 10, comma 1, punto 14, 2°periodo, del dpr 26 ottobre 1972, n. 633.
d) in caso di sovraccarico prevedibile di attività, e in particolare:
1) nell'agricoltura;
2) nel turismo;
3) nei servizi postali.
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 230

230 ORARIO DI LAVORO

e) per personale che lavora nel settore dei trasporti ferroviari:


1) per le attività discontinue;
2) per il servizio prestato a bordo dei treni;
3) per le attività connesse al trasporto ferroviario e che assicurano la regolarità del traf-
fico ferroviario.
f) a fatti dovuti a circostanze estranee al datore di lavoro, eccezionali e imprevedibili o
eventi eccezionali, le conseguenze dei quali sarebbero state comunque inevitabili mal-
grado la diligenza osservata;
g) in caso di incidente o di rischio di incidente imminente.
3. Alle stesse condizioni di cui al comma 2 si può derogare alla disciplina di cui all'articolo 7:
a) per l'attività di lavoro a turni tutte le volte in cui il lavoratore cambia squadra e non può
usufruire tra la fine del servizio di una squadra e l'inizio di quello della squadra succes-
siva di periodi di riposo giornaliero;
b) per le attività caratterizzate da periodi di lavoro frazionati durante la giornata, in partico-
lare del personale addetto alle attività di pulizie.
4. Le deroghe previste nei commi che precedono possono essere ammesse soltanto a con-
dizione che ai prestatori di lavoro siano accordati periodi equivalenti di riposo compensativo o, in
casi eccezionali in cui la concessione di tali periodi equivalenti di riposo compensativo non sia pos-
sibile per motivi oggettivi, a condizione che ai lavoratori interessati sia accordata una protezione
appropriata.
5. Nel rispetto dei principi generali della protezione della sicurezza e della salute dei lavora-
tori, le disposizioni di cui agli articoli 3, 4, 5, 7, 8, 12 e 13 del presente decreto legislativo non si
applicano ai lavoratori la cui durata dell'orario di lavoro, a causa delle caratteristiche dell'attività
esercitata, non è misurata o predeterminata o può essere determinata dai lavoratori stessi e, in par-
ticolare, quando si tratta:
a) di dirigenti, di personale direttivo delle aziende o di altre persone aventi potere di deci-
sione autonomo;
b) di manodopera familiare;
c) di lavoratori nel settore liturgico delle chiese e delle comunità religiose;
d) di prestazioni rese nell'ambito di rapporti di lavoro a domicilio e di telelavoro.
6. Nel rispetto dei principi generali della protezione della sicurezza e della salute dei lavo-
ratori, le disposizioni di cui agli articoli 7, 8, 9 e 13 del presente decreto legislativo non si applicano
al personale mobile. Per il personale mobile dipendente da aziende autoferrotranviarie, trovano
applicazione le relative disposizioni di cui al rdl 19 ottobre 1923, n. 2328 e alla legge 14 febbraio
1958, n. 138.
7. Il decreto di cui al comma 2, per le materie di esclusivo interesse dei dipendenti pubblici,
è adottato dal ministro per la funzione pubblica, di concerto con il ministro del lavoro e delle politi-
che sociali.

Art. 18 (Omissis)

Art. 18 bis
Sanzioni

1. La violazione del divieto di adibire le donne al lavoro, dalle 24 alle ore 6, dall'accerta-
mento dello stato di gravidanza fino al compimento di un anno di età del bambino, è punita con l'ar-
resto da due a quattro mesi o con l'ammenda da 516 euro a 2.582 euro. La stessa sanzione si
applica nel caso in cui le categorie di lavoratrici e lavoratori di cui alle lettere a), b) c), dell'articolo
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 231

ORARIO DI LAVORO 231

11, comma 2, sono adibite al lavoro notturno nonostante il loro dissenso espresso in forma scritta e
comunicato al datore di lavoro entro 24 ore anteriori al previsto inizio della prestazione.
2. La violazione delle disposizioni di cui all'articolo 14, comma 1, è punita con l'arresto da
tre a sei mesi o con l'ammenda da 1.549 euro a 4.131 euro.
3. La violazione delle disposizioni previste dagli articoli 4, comma 2, 3 e 4, e 10, comma 1, è
punita con la sanzione amministrativa da 130 euro a 780 euro, per ogni lavoratore e per ciascun
periodo cui si riferisca la violazione.
4. La violazione delle disposizioni previste dagli articoli 7, comma 1, e 9, comma 1, è punita
con la sanzione amministrativa da 105 euro a 630 euro.
5. La violazione della disposizione prevista dall'articolo 4, comma 5, è punita con la san-
zione amministrativa da 103 euro a 200 euro.
6. La violazione delle disposizioni previste dagli articoli 3, comma 1, e 5, commi 3 e 5, è
soggetta alla sanzione amministrativa da 25 euro a 154 euro. Se la violazione si riferisce a più di cin-
que lavoratori ovvero si è verificata nel corso dell'anno solare per più di cinquanta giornate lavora-
tive, la sanzione amministrativa va da 154 euro a 1.032 euro e non è ammesso il pagamento della
sanzione in misura ridotta.
7. La violazione delle disposizioni previste dall'articolo 13, commi 1 e 3, è soggetta alla san-
zione amministrativa da 51 euro a 154 euro, per ogni giorno e per ogni lavoratore adibito al lavoro
notturno oltre i limiti previsti.

Art.19
Disposizioni transitorie e abrogazioni

1. Entro un anno dalla data di entrata in vigore del presente decreto il ministro del lavoro e
delle politiche sociali, unitamente al ministro per la funzione pubblica per quanto coinvolge i pub-
blici dipendenti, convoca le organizzazioni dei datori di lavoro e le organizzazioni dei lavoratori
comparativamente più rappresentative al fine di verificare lo stato di attuazione del presente
decreto nella contrattazione collettiva.
2. Dalla data di entrata in vigore del presente decreto legislativo sono abrogate tutte le
disposizioni legislative e regolamentari nella materia disciplinata dal decreto legislativo medesimo,
salve le disposizioni espressamente richiamate.
3. Per il personale dipendente da aziende autoferrotranviarie, addetto ad attività caratteriz-
zata dalla necessità di assicurare la continuità del servizio, fermo restando quanto previsto dagli
articoli 9, comma 5, 16 e 17, restano in vigore le relative disposizioni contenute nel rdl 19 ottobre
1923, n. 2328 e nella legge 14 febbraio 1958, n. 138, in quanto compatibili con le disposizioni del
presente decreto legislativo.

(1) comma modificato dall’art.1 D.Lgs. 19.07.2004, n. 213


225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 232

232 PARITÀ UOMO-DONNA

Legge 9 dicembre 1977, n. 903


Parità di trattamento tra uomini e donne
in materia di lavoro
(«Gazzetta Ufficiale» 17 dicembre 1977, n. 343)

Art. 1. – È vietata qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda l’accesso
al lavoro, indipendetemente dalle modalità di assunzione e qualunque sia il settore o il ramo di atti-
vità, tutti i livelli della gerarchia professionale.
La discriminazione di cui al comma precedente è vietata anche se attuata:
1) attraverso il riferimento allo stato matrimoniale o di famiglia o di gravidanza;
2) in modo indiretto, attraverso meccanismi di preselezione ovvero a mezza stampa o con
qualsiasi altra forma pubblicitaria che indichi come requisito professionale l’appartenza all’uno o
all’altro sesso.
Il divieto di cui ai commi precedenti si applica anche alle iniziative in materia d’orienta-
mento, formazione, perfezionamento e aggiornamento professionale, per quanto concerne sia
l’accesso sia i cotenuti.
Eventuali deroghe alle disposizioni che precedono sono ammesse soltanto per mansioni di
lavoro particolarmente pesanti individuate attraverso la contrattazione collettiva.
Non costituisce discriminazione condizionare all’appartenenza ad un determinato sesso
l’assunzione in attività della moda, dell’arte e dello spettacolo, quando ciò sia essenziale alla natura
del lavoro o della prestazione.

Art. 2. – La lavoratrice ha diritto alla stessa retribuzione del lavoratore quando le prestazioni
richieste siano uguali o di pari valore.
I sistemi di classificazione professionale ai fini della determinazione delle retribuzioni deb-
bono adottare criteri comuni per uomini e donne.

Art. 3. – È vietata qualsiasi discriminazione fra uomini e donne per quanto riguarda l’attribu-
zione delle qualifiche, delle mansioni e la progressione nella carriera.
(Omissis).

Art. 4 – (Omissis).

Art. 5.
1. (Abrogato)
2. Il lavoro notturno non deve essere obbligatoriamente prestato
a) (Abrogato)
b) (Abrogato)
c) dalla lavoratrice o dal lavoratore che abbia a proprio carico un soggetto disabile ai sensi
della legge 5 febbraio 1992, n.104, e successive modifiche. (1)

(1) Articolo modificato, da ultimo dall’art. 86, D.Lgs. 26.3.2001, n.151


225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 233

PARITÀ UOMO-DONNA 233

Art. 6-9 (Omissis).

Art. 10. – Alla lettera b) dell’articolo 205 del testo unico delle disposizioni per l’assicura-
zione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, approvato con decreto del Presidente
della Repubblica 30 giugno 1965, n. 1124, le parole «loro mogli e figli» sono sostituite con le parole
«loro coniuge e figli».

Art. 11. – Le prestazioni ai superstiti, erogate dall’assicurazione generale obbligatoria per


l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti, gestita dal Fondo pensioni per i lavoratori dipendenti, sono
estese, alle stesse condizioni previste per la moglie dell’assicurato o del pensionato, al marito
dell’assicurata od della pensionata deceduta posteriormente alla data di entrata in vigore della pre-
sente legge.
La disposizione di cui al precedente comma si applica anche ai dipendenti dello Stato e
di altri enti pubblici nonché in materia di trattamenti pensionistici sostitutivi ed intregrativi
dell’assicurazione generale obbligatoria per l’invalidità, la vecchiaia ed i superstiti e di tratta-
menti a carico di fondi, gestioni ed enti istituti per lavoratori dipendenti da datori dilavoro
esclusi od esonerati dall’obbligo dell’assicurazione medesima, per lavoratori autonomi e per
liberi professionisti.

Art. 12. – Le prestazioni ai superstiti previste dal testo unico delle disposizioni per l’assicu-
razione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, approvato con decreto
del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n. 1124, e dalla legge 5 maggio 1976, n. 248, sono
estese alle stesse condizioni stabilite per la moglie del lavoratore al marito della lavoratrice dece-
duta posteriormente alla data di entrata in vigore della presente legge.

Art. 13. – L’ultimo comma dell’art. 15 della legge 20 maggio 1970, n. 300, è sostituito dal
seguente: «Le disposizioni di cui al comma precedente si applicano altresì ai patti o atti diretti a fini
di discriminazione politica, religiosa, razziale, di lingua o di sesso».

Art. 14. – Alle lavoratrici autonome che prestino lavoro continuativo nell’impresa familiare è
riconosciuto il diritto di rappresentare l’impresa negli organi statutari delle cooperative, dei consorzi
e di ogni altra forma associativa.

Art. 15. – Qualora vengano posti in essere comportamenti diretti a violare le disposizioni di
cui agli articoli 1 e 5 della presente legge, su ricorso del lavoratore o per sua delega delle organiz-
zazioni sindacali, il pretore del luogo ove è avvenuto il comportamento denunciato, in funzione di
giudice del lavoro, nei due giorni successivi, convocate le parti e assunte sommarie informazioni, se
ritenga sussistente la violazione di cui al ricorso, ordina all’autore del comportamento denunziato,
con decreto motivato ed immediatamente esecutivo, la cessazione del comportamento illegittimo e
la rimozione egli effetti.
L’efficacia esecutiva del decreto non può essere revocata fino alla sentenza con cui il pre-
tore definisce il giudizio instaurato a norma del comma seguente.
Contro il decreto è ammessa entro quindici giorni dalla comunicazione alle parti opposi-
zione davanti al pretore che decide con sentenza immediatamente eseutiva. Si osservano le dispo-
sizioni degli articoli 413 e seguenti del codice di procedura civile.
L’inottemperanza al decreto di cui al primo comma o alla sentenza pronunciata nel giudizio
di opposizione è punita ai sensi dell’articolo 650 del codice penale.
Ove le violazioni di cui al primo comma riguardino dipendenti pubblici si applicano le norme
previste in materia di sospensione dell’atto dell’articolo 21, ultimo comma, della legge 6 dicembre
1971, n. 1034.
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 234

234 PARITÀ UOMO-DONNA

Art. 16. – L’inosservanza delle disposizioni contenute nell’articolo 1, commi 1, 2 e 3, e negli


articoli 2, 3 e 4 della presente legge, è punita con l’ammenda da L. 200.000 a L. 1.000.000.
L’inosservanza delle disposizioni contenute nell’articolo 5 è punita con l’ammenda da
L. 20.000 a L. 100.000 per ogni lavoratrice occupata e per ogni giorno di lavoro, con un minimo di
L. 400.000.
Per l’inosservanza delle disposizioni di cui agli articoli 6 e 7 si applicano le penalità previste
dall’articolo 31 della legge 30 dicembre 1971, n. 1204.

Art. 17. – Agli oneri derivanti dall’applicazione degli articoli 9 e 11 della presente legge,
valutati, in ragione d’anno, rispettivamente in 10 ed in 18 miliardi di lire, si provvede per l’anno
finanziario 1977 con un’aliquota delle maggiori entrate di cui al decreto-legge 30 novembre 1976,
numero 786, concernente modificazioni al regime fiscale di alcuni prodotti petroliferi e del gas
metano per autotrazione.
Il Ministro per il tesoro è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti varia-
zioni di bilancio.

Art. 18. – Il Governo è tenuto a presentare ogni anno al Parlamento una relazione sullo stato
di attuazione della presente legge.

Art. 19. – Sono abrogate tutte le disposizioni legislative in contrasto con le norme della pre-
sente legge. In conseguenza, cessano di avere efficacia le norme interne e gli atti di carattere
amministrativo dello Stato e degli altri enti pubblici in contrasto con le disposizioni della presente
legge.
Sono altresì nulle le disposizioni dei contratti collettivi individuali di lavoro, dei regolamenti
interni delle imprese e degli statuti professionali che siano in contrasto con le norme contenute nella
presente legge (1).
La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella
«Gazzetta Ufficiale».
La presente legge, munita del sigillo dello Stato, sarà inserta nella Raccolta ufficiale delle
leggi ed ei decreti della Repubblica italiana. È fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla
osservare come legge dello Stato.

(1) Il Ministero del Lavoro (Circolare Ministero del Lavoro n. 92/78 del 28.12.1978) ha ritenuto che, ai
sensi dell’art. 19 della legge 903/77, debbano considerarsi abrogate tutte le disposizioni in contrasto con
la suddetta legge e, in particolare, la legge 653/34 in ogni sua parte dispositiva, l’art. 48 del DPR 164/54,
l’art. 33 del DPR 321/56, l’art. 4 della legge 379/34.
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 235

PARITÀ UOMO-DONNA 235

Legge 10 aprile 1991, n. 125


Azioni positive per la realizzazione
della parità uomo-donna nel lavoro
(«Gazzetta Ufficiale» n. 88 del 15/4/1991)

Art. 1
Finalità

1. Le disposizioni contenute nella presente legge hanno lo scopo di favorire l’occupazione


femminile e di realizzare, l’uguaglianza sostanziale tra uomini e donne nel lavoro, anche mediante
l’adozione di misure, denominate azioni positive per le donne, al fine di rimuovere gli ostacoli che di
fatto impediscono la realizzazione di pari opportunità.
2. Le azioni positive di cui al comma primo hanno in particolare lo scopo di:
a) eliminare le disparità di fatto di cui le donne sono oggetto nella formazione scolastica e
professionale, nell’accesso al lavoro, nella progressione di carriera, nella vita lavorativa e nei periodi
di mobilità;
b) favorire la diversificazione delle scelte professionali delle donne in particolare attraverso
l’orientamento scolastico e professionale egli strumenti della formazione; favorire l’accesso al
lavoro autonomo e alla formazione imprenditoriale e la qualificazione professionale delle lavoratrici
autonome e delle imprenditrici;
c) superare condizioni, organizzazione e distribuzione del lavoro che provocano effetti
diversi, a seconda del sesso, nei confronti dei dipendenti con pregiudizio nella formazione,
nell’avanzamento professionale e di carriera ovvero nel trattamento economico e retributivo;
d) promuovere l’inserimento delle donne nelle attività, nei settori professionali e nei livelli nei
quali esse sono sottorappresentate e in particolare nei settori tecnologicamente avanzati ed ai livelli
di responsabilità;
e) favorire, anche mediante una diversa organizzazione del lavoro, delle condizioni e del
tempo di lavoro, l’equilibrio tra responsabilità familiari e professionali e una migliore ripartizione di
tali responsabilità tra i due sessi.
3. Le azioni positive di cui ai commi primo e secondo possono essere promosse dal Comi-
tato di cui all’art. 5 e dai consiglieri di parità di cui all’art. 8, dai centri per la parità e le pari opportu-
nità a livello nazionale, locale e aziendale, comunque denominati, dai datori di lavoro pubblici e pri-
vati, dai centri di formazione professionale, dalle organizzazioni sindacali nazionali e territoriali,
anche su proposta delle rappresentanze sindacali aziendali o degli organismi rappresentativi del
personale di cui all’art. 25 della legge 29 marzo 1983, n. 93.

Art. 2
Attuazione di azioni positive, finanziamenti

1. A partire dal 10 ottobre e entro il 30 novembre di ogni anno, i datori di lavoro pubblici e
privati, i centri di formazione professionale accreditati, le associazioni, le organizzazioni sindacali
nazionali e territoriali possono richiedere al Ministero del lavoro e della previdenza sociale di essere
ammessi al rimborso totale o parziale di oneri finanziari connessi all’attuazione di progetti di azioni
positive presentati in base al programma-obiettivo di cui all’articolo 6, comma 1, lettera c). (1)
(1) Comma sostituito dall’art.7, D.Lgs.23.5.2000, n.196.
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 236

236 PARITÀ UOMO-DONNA

2. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, sentito il Comitato di cui all’art. 5,
ammette i progetti di azioni positive al beneficio di cui al comma primo e, con lo stesso provvedi-
mento, autorizza le relative spese. L’attuazione dei progetti di cui al comma primo deve comunque
avere inizio entro du mesi dal rilascio dell’autorizzazione.
3. Con decreto emanato dal Ministro del lavoro e della previdcenza sociale, di concerto con
il Ministro del testoro, sono stabilite le modalità di presentazione delle richieste, di erogazione dei
fondi e dei tempi di realizzazione del progetto (1). In ogni caso i contributi devono essere erogati
sulla base della verifica dell’attuazione del progetto di azioni positive, o di singole parti, in relazione
alla complessità del progetto stesso. La mancata attuazione del progetto comporta la decadenza
del beneficio e la restituzione delle somme eventualmente già riscosse. In caso di attuazione par-
ziale, la decadenza opera limitatamente alla parte non attuata, la cui valutazione è effettuata in base
ai criteri determinati dal decreto di cui al presente comma.
4. I progetti di azioni positive concordate dai datori di lavoro con le organizzazioni sindacali
maggiormente rappresentative sul piano nazionale hanno precedenza nell’accesso al beneficio di
cui al comma primo.
5. L’accesso ai fondi comunitari destinati alla realizzazione di programmi o progetti di
azioni positive, ad eccezione di quelli di cui all’art. 3, è subordinato al parere del Comitato di cui
all’art. 5.
6. Entro un anno dalla data di entrata in vigore della presente legge le amministrazioni dello
Stato, anche ad ordinamento autonomo, le regioni, le province, i comuni e tutti gli enti pubblici non
economici, nazionali, regionali e locali, sentiti gli organismi rappresentativi del personale di cui
all’articolo 25 della legge 29 marzo 1983, n. 93, o in loro mancanza, le organizzazioni sindacali locali
aderenti alle confederazioni maggiormente rappresentative sul piano nazionale, sentito inoltre, in
relazione alla sfera d’azione della propria attività, il Comitato di cui all’art. 5 o il consigliere di parità
di cui all’art. 8, adottano piani di azioni positive tendenti ad assicurare, nel loro ambito rispettivo, la
rimozione degli ostacoli che, di fatto, impediscono la piena realizzazione di pari opportunità di
lavoro e nel lavoro tra uomini e donne.

Art. 3
Finanziamento delle azioni positive realizzate
mediante la formazione professionale

1. Al finanziamento dei progetti di formazione finalizzati al perseguimento dell’obiettivo di


cui all’art. 1, comma primo, autorizzati secondo le procedure previste dagli artt. 25, 26 e 27 della
legge 21 dicembre 1978, n. 845, ed approvati dal Fondo sociale europeo, è destinata una quota del
Fondo di rotazione istituito dall’art. 25 della stessa legge, determinata annualmente con delibera-
zione del Comitato interministeriale per la programmazione economica. In sede di prima applica-
zione la predetta quota è fissata nella misura del dieci per cento.
2. La finalizzazione dei progetti di formazione al perseguimento dell’obiettivo di cui all’arti-
colo 1, comma 1, viene accertata, entro il 31 marzo dell’anno in cui l’iniziativa deve essere attuata
dalla commissione regionale per l’impiego. Scaduto il termine, al predetto accertamento provvede il
Comitato di cui all’art. 5.
3. La quota del Fondo di rotazione di cui al comma 1 è ripartita tra le regioni in misura pro-
porzionale all’ammontare dei contributi richiesti per i progetti approvati.
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 237

PARITÀ UOMO-DONNA 237

Art. 4
Azioni in giudizio

1. Costituisce discriminazione, ai sensi della legge 9 dicembre 1977, n. 903, e della pre-
sente legge, qualsiasi atto, patto o comportamento che produca un effetto pregiudizievole discrimi-
nando anche in via indiretta le lavoratrici o i lavoratori in ragione del loro sesso.
2. Costituisce discriminazione indiretta ogni trattamento pregiudizievole conseguente all'a-
dozione di criteri che svantaggino in modo proporzionalmente maggiore i lavoratori dell'uno o del-
l'altro sesso e riguardino requisiti non essenziali allo svolgimento dell'attività lavorativa.
3. Nei concorsi pubblici e nelle forme di selezione attuate, anche a mezzo di terzi, da datori
di lavoro privati e pubbliche amministrazioni la prestazione richiesta dev'essere accompagnata
dalle parole “dell'uno o dell'altro sesso”, fatta eccezione per i casi in cui il riferimento al sesso costi-
tuisca requisito essenziale per la natura del lavoro o della prestazione.
4. Chi intende agire in giudizio per la dichiarazione delle discriminazioni ai sensi dei commi
1 e 2 e non ritiene di avvalersi delle procedure di conciliazione previste dai contratti collettivi, può
promuovere il tentativo di conciliazione ai sensi dell'articolo 410 del codice di procedura civile o,
rispettivamente, dell'articolo 69-bis del decreto legislativo 3 febbraio 1993, n. 29, anche tramite la
consigliera o il consigliere di parità provinciale o regionale territorialmente competente.
5. Le consigliere o i consiglieri di parità provinciali e regionali competenti per territorio,
ferme restando le azioni in giudizio di cui ai commi 8 e 10, hanno facoltà di ricorrere innanzi al tribu-
nale in funzione di giudice del lavoro o, per i rapporti sottoposti alla sua giurisdizione, al tribunale
amministrativo regionale territorialmente competenti, su delega della persona che vi ha interesse,
ovvero di intervenire nei giudizi promossi dalla medesima.
6. Quando il ricorrente fornisce elementi di fatto - desunti anche da dati di carattere stati-
stico relativi alle assunzioni, ai regimi retributivi, all'assegnazione di mansioni e qualifiche, ai trasfe-
rimenti, alla progressione in carriera ed ai licenziamenti - idonei a fondare, in termini precisi e con-
cordanti, la presunzione dell'esistenza di atti, patti o comportamenti discriminatori in ragione del
sesso, spetta al convenuto l'onere della prova sull'insussistenza della discriminazione.
7. Qualora le consigliere o i consiglieri di parità regionali e, nei casi di rilevanza nazionale, il
consigliere o la consigliera nazionale, rilevino l'esistenza di atti, patti o comportamenti discrimina-
tori diretti o indiretti di carattere collettivo, anche quando non siano individuabili in modo immediato
e diretto le lavoratrici o i lavoratori lesi dalle discriminazioni, prima di promuovere l'azione in giudizio
ai sensi dei commi 8 e 10, possono chiedere all'autore della discriminazione di predisporre un piano
di rimozione delle discriminazioni accertate entro un termine non superiore a centoventi giorni, sen-
tite, nel caso di discriminazione posta in essere da un datore di lavoro, le rappresentanze sindacali
aziendali ovvero, in loro mancanza, le associazioni locali aderenti alle organizzazioni sindacali mag-
giormente rappresentative sul piano nazionale. Se il piano è considerato idoneo alla rimozione delle
discriminazioni, la consigliera o il consigliere di parita' promuove il tentativo di conciliazione ed il
relativo verbale, in copia autenticata, acquista forza di titolo esecutivo con decreto del tribunale in
funzione di giudice del lavoro.
8. Con riguardo alle discriminazioni di carattere collettivo di cui al comma 7 le consigliere o
i consiglieri di parità, qualora non ritengano di avvalersi della procedura di conciliazione di cui al
medesimo comma o in caso di esito negativo della stessa, possono proporre ricorso davanti al tri-
bunale in funzione di giudice del lavoro o al tribunale amministrativo regionale territorialmente com-
petenti.
9. Il giudice, nella sentenza che accerta le discriminazioni sulla base del ricorso presentato
ai sensi del comma 8, ordina all'autore della discriminazione di definire un piano di rimozione delle
discriminazioni accertate, sentite, nel caso si tratti di datore di lavoro, le rappresentanze sindacali
aziendali ovvero, in loro mancanza, gli organismi locali aderenti alle organizzazioni sindacali di cate-
goria maggiormente rappresentative sul piano nazionale, nonché la consigliera o il consigliere di
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 238

238 PARITÀ UOMO-DONNA

parita' regionale competente per territorio o il consigliere o la consigliera nazionale. Nella sentenza
il giudice fissa i criteri, anche temporali, da osservarsi ai fini della definizione ed attuazione del
piano.
10. Ferma restando l'azione di cui al comma 8, la consigliera o il consigliere regionale e
nazionale di parita' possono proporre ricorso in via d'urgenza davanti al tribunale in funzione di giu-
dice del lavoro o al tribunale amministrativo regionale territorialmente competenti. Il giudice adito,
nei due giorni successivi, convocate le parti e assunte sommarie informazioni, ove ritenga sussi-
stente la violazione di cui al ricorso, con decreto motivato e immediatamente esecutivo ordina
all'autore della discriminazione la cessazione del comportamento pregiudizievole e adotta ogni
altro provvedimento idoneo a rimuovere gli effetti delle discriminazioni accertate, ivi compreso l'or-
dine di definizione ed attuazione da parte del responsabile di un piano di rimozione delle medesime.
Si applicano in tal caso le disposizioni del comma 9. Contro il decreto è ammessa entro quindici
giorni dalla comunicazione alle parti opposizione avanti alla medesima autorità giudiziaria territorial-
mente competente, che decide con sentenza immediatamente esecutiva.
11. L'inottemperanza alla sentenza di cui al comma 9, al decreto di cui al comma 10 o alla
sentenza pronunciata nel relativo giudizio di opposizione è punita ai sensi dell'articolo 650 del
codice penale e comporta altresi' la revoca dei benefici di cui al comma 12 ed il pagamento di una
somma di lire centomila per ogni giorno di ritardo da versarsi al Fondo di cui all'articolo 9.
12. Ogni accertamento di atti, patti o comportamenti discriminatori ai sensi dei commi 1 e 2,
posti in essere da soggetti ai quali siano stati accordati benefici ai sensi delle vigenti leggi dello
Stato, ovvero che abbiano stipulato contratti di appalto attinenti all'esecuzione di opere pubbliche,
di servizi o forniture, viene comunicato immediatamente dalla direzione provinciale del lavoro terri-
torialmente competente ai Ministri nelle cui amministrazioni sia stata disposta la concessione del
beneficio o dell'appalto. Questi adottano le opportune determinazioni, ivi compresa, se necessario,
la revoca del beneficio e, nei casi più gravi o nel caso di recidiva, possono decidere l'esclusione del
responsabile per un periodo di tempo fino a due anni da qualsiasi ulteriore concessione di agevola-
zioni finanziarie o creditizie ovvero da qualsiasi appalto. Tale disposizione si applica anche quando
si tratti di agevolazioni finanziarie o creditizie ovvero di appalti concessi da enti pubblici, ai quali la
direzione provinciale del lavoro comunica direttamente la discriminazione accertata per l'adozione
delle sanzioni previste. Le disposizioni del presente comma non si applicano nel caso sia raggiunta
una conciliazione ai sensi dei commi 4 e 7.
13. Ferma restando l'azione ordinaria, le disposizioni dell'articolo 15 della legge 9 dicembre
1977, n. 903, si applicano in tutti i casi di azione individuale in giudizio promossa dalla persona che
vi abbia interesse o su sua delega da un'organizzazione sindacale o dalla consigliera o dal consi-
gliere provinciale o regionale di parità.
14. Qualora venga presentato un ricorso in via di urgenza ai sensi del comma 10 o ai sensi
dell'articolo 15 della legge 9 dicembre 1977, n. 903, come modificato dal comma 13, non trova
applicazione l'articolo 410 del codice di procedura civile" (1).

Art. 5
Comitato nazionale per l’attuazione dei principi di parità di trattamento ed uguaglianza di
opportunità tra lavoratori e lavoratrici

1. Al fine di promuovere la rimozione dei comportamenti discriminatori per sesso e di ogni


altro ostacolo che limiti di fatto l’uguaglianza delle donne nell’accesso al lavoro e sul lavoro e la pro-
gressione professionale e di carriera è istituito, presso il Ministero del lavoro e della previdenza
sociale, il Comitato nazionale per l’attuazione dei principi di parità di trattamento ed uguaglianza di
opportunità tra lavoratori e lavoratrici.

(1) Articolo sostituito dall’art. 8, DLgs 23.5.2000, n.196


225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 239

PARITÀ UOMO-DONNA 239

2. Fanno parte del Comitato:


a) il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, o per sua delega, un Sottosegretario di
Stato, con funzioni di presidente;
b) cinque componenti designati dalle confederazioni sindacali dei lavoratori maggiormente
rappresentative sul piano nazionale;
c) cinque componenti designati dalle confederazioni sindacali dei datori di lavoro dei diversi
settori economici maggiormente rappresentative sul piano nazionale;
d) un componente designato unitariamente dalle associazioni di rappresentanza, assi-
stenza e tutela del movimento cooperativo più rappresentative sul piano nazionale;
e) undici componenti designati dalle associazioni e dai movimenti femminili più rappresen-
tativi sul piano nazionale operanti nel campo della parità e delle pari opportunità nel lavoro;
f) il consigliere di parità componente la commissione centrale per l’impiego.
3. Partecipano inoltre, alle riunioni del Comitato senza diritto di voto:
a) sei esperti in materie giuridiche, economiche e sociologiche, con competenze in materia
di lavoro;
b) cinque rappresentanti, rispettivamente, dei Ministeri della pubblica istruzione, di grazia e
giustizia, degli affari esteri, dell’industria, del commercio e dell’artigianato, del Dipartimento della
funzione pubblica;
c) cinque funzionari del Ministero del lavoro e della previdenza sociale con qualifica non infe-
riore a quella di primo dirigente, in rappresentanza delle Direzioni generali per l’impiego, dei rapporti
di lavoro, per l’osservatorio del mercato del lavoro della previdenza ed assistenza sociale nonché
dell’ufficio centrale per l’orientamento e la formazione professionale dei lavoratori.
4. I componenti del Comitato durano in carica tre anni e sono nominati del Ministro del
lavoro e della previdenza sociale. Per ogni componente effettivo è nominato un supplente.
5. Il Comitato è convocato, oltre che ad iniziativa del Ministro del lavoro e della previdenza
sociale, quando ne facciano richiesta metà più uno dei suoi componenti.
6. Il Comitato delibera in ordine al proprio funzionamento e a quello del collegio istruttorio e
della segreteria tecnica di cui all’art. 7, nonché in ordine alle relative spese.
7. Il vicepresidente del Comitato è designato dal Ministro del lavoro e della previdenza
socale nell’ambito dei suoi componenti.

Art. 6
Compiti del Comitato

1. Per il perseguimento delle finalità di cui all’art. 5, comma primo, il Comitato adotta ogni
iniziativa utile ed in particolare:
a) formula proposte sulle questioni generali relative all’attuazione degli obiettivi della parità
e delle parii opportunità, nonché per lo sviluppo e il perfezionamento della lesgislazione vigente che
direttamente incide sulle condizioni di lavoro delle donne;
b) informa e sensibilizza l’opinione pubblica sulla necessità di promuovere le pari opportu-
nità per le donne nella formazione e nella vita lavorativa;
c) formula entro il 31 maggio di ogni anno un programma-obiettivo nel quale vengono indi-
cate le tipologie di progetti di azioni positive che intende promuovere, i soggetti ammessi per le sin-
gole tipologie ed i criteri di valutazione. Il programma è diffuso dal Ministero del lavoro e della previ-
denza sociale mediante pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale; (1)

(1) Comma sostituito dall’art. 7, DLgs 23.5.2000, n.196


225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 240

240 PARITÀ UOMO-DONNA

d) esprime, a maggioranza, parere sul finanziamento dei progetti di azioni positive ed opera
il controllo sui progetti in itinere verificandone la corretta attuazione e l’esito finale;
e) elabora codici di comportamento diretti a specificare le regole di condotta conformi alla
parità e ad individuare le manifestazioni anche indirette delle discriminazioni;
f) verifica lo stato di applicazione della legislazione vigente in materia di parità;
g) propone soluzioni alle controversie collettive, anche indirizzando gli interessati all'ado-
zione di progetti di azioni positive per la rimozione delle discriminazioni pregresse o di situazioni di
squilibrio nella posizione di uomini e donne in relazione allo stato delle assunzioni, della formazione
e promozione professionale, delle condizioni di lavoro e retributive, stabilendo eventualmente, su
proposta del collegio istruttorio, l'entità del cofinanziamento di una quota dei costi connessi alla
loro attuazione; (1)
h) può richiedere all’ispettorato del lavoro di acquisire presso i luoghi di lavoro informazioni
sulla situazione occupazionale maschile e femminile, in relazione allo stato delle assunzioni, della
formazione e promozione professionale;
i) promuove una adeguata rappresentanza di donne negli organismi pubblici nazionali e
locali competenti in materia di lavoro e formazione professionale;
l) redige il rapporto di cui all’art. 10.

Art. 7
Collegio istruttorio e segreteria tecnica

1. Per l’istruzione degli atti relativi alla individuazione e alla rimozione delle discriminazioni e
per la redazione dei pareri al Comitato di cui all’art. 5 e ai consiglieri di parità, è istituito un collegio
istruttorio così composto:
a) il vicepresidente del Comitato di cui all’art. 5, che lo presiede;
b) un magistrato designato dal Ministero di grazia e giustizia fra quelli che svolgono funzioni
di giudice del lavoro;
c) un dirigente superiore del ruolo dell’ispettorato del lavoro;
d) gli esperti di cui all’art. 5, comma terzo, lettera a);
e) il consigliere di parità di cui all’art. 8 comma quarto.
2. Ove si renda necessario per le esigenze di ufficio, i componenti di cui alle lettere b) e c)
del comma primo, su richiesta del Comitato di cui all’art. 5 possono essere elevati a due.
3. Al fine di provvedere alla gestione amministrativa ed al supporto tecnico del Comitato e
del collegio istruttorio è istituita la segreteria tecnica. Essa ha compiti esecutivi alle dipendenze
della presidenza del Comitato ed è composta di personale proveniente dalle varie direzioni generali
del Ministero del lavoro e della previdenza sociale, coordinato da un dirigente generale del mede-
simo Ministero. La composizione della segreteria tecnica è determinata con un decreto del Mini-
stero del Lavoro e della previdenza sociale, sentito il Comitato.
4. Il Comitato e il collegio istruttorio deliberano in ordine alle proprie modalità di organizza-
zione e di funzionamento; per lo svolgimento dei loro compiti possono costituire specifici gruppi di
lavoro. Il Comitato può deliberare la stipula di convenzioni nonché di avvalersi di collaborazioni
esterne:
a) per l'effettuazione di studi e ricerche;
b) per attività funzionali all'esercizio dei compiti in materia di progetti di azioni positive pre-
visti dall'articolo 6, comma 1, lettera d). (1)

(1) Comma sostituito dall’art. 7, DLgs 23.5.2000, n.196


225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 241

PARITÀ UOMO-DONNA 241

Art. 8
Consiglieri di parità

1. I consiglieri di parità di cui al D.L. 30 ottobre 1984, n. 726, convertito, con modificazioni,
dalla legge 19 dicembre 1984, n. 863, sono componenti a tutti gli effetti delle rispettive commissioni
regionali per l’impiego.
2. A livello provinciale è nominato un consigliere di parità presso la commissione circoscri-
zionale per l’impiego che ha sede nel capoluogo di provincia, con facoltà di intervenire presso le
altre commissioni circoscrizionali per l’impiego operanti nell’ambito della medesima provincia.
3. I consiglieri di parità di cui ai commi primo e secondo sono nominati dal Ministro del
lavoro e della previdenza sociale su designazione del competente organo delle regioni, sentite le
organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative a livello nazionale e devono essere scelti tra
persone che abbiano maturato un’esperienza tecnico–professionale di durata almeno triennale
nelle materie concernenti l’ambito della presente lagge.
4. Il consigliere di parità di cui all’art. 4, comma secondo, della legge 28 febbraio 1987, n.
56, è componente con voto deliberativo della commissione centrale per l’impiego.
5. Qualora si determini parità di voti nelle commissioni di cui commi primo, secondo e
quarto prevale il voto del presidente.
6. Oltre ai compiti ad essi assegnati dalla legge nell’ambito delle competenze delle commis-
sioni circoscrizionali, regionali e centrale per l’impiego, i consiglieri di partità svolgono ogni utile ini-
ziativa per la realizzazione delle finalità della presente legge. Nell’esercizio delle funzioni loro attri-
buite, i consiglieri di parità sono pubblici funzionari e hanno l’obbligo di rapporto all’autorità
giudiziaria per i reati di cui vengono a conoscenza nell’esercizio delle funzioni medesime. I consi-
glieri di parità, ai rispettivi livelli, sono componenti degli organismi di parità presso gli enti locali e
regionali e provinciali.
7. Per l’espletamento dei propri compiti i consiglieri di parità possono richiedere all’ispetto-
rato del lavoro di acquisire presso i luoghi di lavoro informazioni sulla situazione occupazionale
maschile e femminile, in relazione allo stato delle assunzioni, della formazione e promozione profes-
sionale.
8. I consiglieri di parità di cui al comma secondo e quelli regionali competenti per territorio,
ferma restando l’azione in giudizio di cui all’art. 4, comma sesto, hanno facoltà di agire in giudizio
sia nei procedimenti promossi davanti al pretore in funzione di giudice del lavoro che davanti al tri-
bunale amministrativo regionale su delega della lavoratrice ovvero di intervenire nei giudizi pro-
mossi dalla medesima ai sensi dell’art. 4.
9. I consiglieri di parità ricevono comunicazioni sugli indirizzi dal Comitato di cui all’art. 5 e
fanno ad esso relazione circa la propria attività. I consiglieri di parità hanno facoltà di consultare il
Comitato e il consigliere nazionale di parità su ogni questione ritenuta utile.
10. I consiglieri di parità di cui ai commi primo, secondo e quarto, per l’esercizio delle loro
funzioni, sono domicialiti rispettivamente presso l’ufficio regionale del lavoro e della massima occu-
pazione e presso una direzione generale del Ministero del lavoro e della previdenza sociale. Tali
uffici assicurano la sede, l’attrezzatura, il personale e quanto necessario all’espletamento delle fun-
zioni dei consiglieri di parità. Il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, con proprio decreto,
può modificare la collocazione del consigliere di parità nell’ambito del Ministero.
11. Oltre al gettone giornaliero di presenza per la partecipazione alle riunioni delle commis-
sioni circoscrizionali, regionali e centrale per l’impiego, spettano ai consiglieri di parità gettoni dello
stesso importo per le giornate di effettiva presenza nelle sedi dove sono domiciliati in ragione del loro
ufficio, entro un limite massimo fissato annualmente con decreto del Ministro del lavoro e della previ-
denza sociale. L’onere relativo fa carico al bilancio del Ministero del lavoro e della previdenza sociale.
225_250 2-12-2004 11:20 Pagina 242

242 PARITÀ UOMO-DONNA

12. Il consigliere di parità ha diritto, se lavoratore dipendente, a permessi non retribuiti per
l’espletamento del suo mandato. Quando intenda esercitare questo diritto, deve darne comunica-
zione scritta al datore di lavoro, di regola tre giorni prima.

Art. 9
Rapporto sulla situazione del personale

1. Le aziende pubbliche e private che occupano oltre cento dipendenti sono tenute a redi-
gere un rapporto almeno ogni due anni sulla situazione del personale maschile e femminile in
ognuna delle professioni ed in relazione allo stato delle assunzioni, della formazione, della promo-
zione professionale, dei livelli, dei passaggi di categoria o di qualifica, di altri fenomeni di mobilità,
dell’intervento della Cassa integrazione guadagni, dei licenziamenti, dei prepensionamenti e pen-
sionamenti, della retribuzione effettivamente corrisposta.
2. Il rapporto di cui al comma 1 è trasmesso alle rappresentanze sindacali aziendali e al
consigliere regionale di parità.
3. Il primo rapporto deve essere redatto entro un anno dalla data di entrata in vigore della
presente legge in conformità alle indicazioni definite, nell’ambito delle specificazioni di cui al
comma primo, dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale, con proprio decreto da emanarsi
entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge (1).
4. Qualora nei termini prescritti, le aziende di cui al comma primo, non trasmettano il rap-
porto, l’ispettorato regionale del lavoro, previa segnalazione dei soggetti di cui al comma secondo,
invita le aziende stesse a provvedere entro sessanta giorni. In caso di inottemperanza si applicano
le sanzioni di cui all’art. 11 del D.P.R. 19 marzo 1955, n. 520. Nei casi più gravi può essere disposta
la sospensione per un anno dei benefici contributivi eventualmente goduti dall’azienda.

Art. 10
Relazione al Parlamento

1. Trascorsi due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministro del
lavoro e della previdenza sociale riferisce, entro trenta giorni, alle competenti commissioni parla-
mentari del Senato della Repubblica e della Camera dei depu-tati sull’attuazione della legge stessa,
sulla base di un rapporto redatto dal Comitato di cui all’art. 5.

Art. 11
Copertura finanziaria

(Omissis).

(1) Vedi il D.M. 8 luglio 1991.


251_288 2-12-2004 12:02 Pagina 243

RAPPRESENTANTE PER LA SICUREZZA 243

Accordo Interconfederale 22 giugno 1995


in materia di igiene e sicurezza del lavoro

Confindustria e CGIL, CISL e UIL


– visto il Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626, che nel prevedere alcuni principi
generali di prevenzione in tema di rappresentanza dei lavoratori per gli aspetti riguardanti la sicu-
rezza e la salute sul luogo di lavoro, demanda alla contrattazione collettiva la definizione di alcuni
aspetti applicativi;
– considerato che le parti intendono dare attuazione alla definizione di tali aspetti applica-
tivi, tenendo conto degli orientamenti partecipativi che hanno ispirato le direttive comunitarie;
– ravvisata l’opportunità di prendere in esame i temi concernenti la rappresentanza dei
lavoratori per la sicurezza, le sue modalità di esercizio, la formazione di detta rappresentanza e la
costituzione degli organismi paritetici territoriali di cui all’art. 20 del decreto stesso;
– ritenuto che la logica che fonda i rapporti tra le parti nella materia intende superare posi-
zioni di conflittualità ed ispirarsi a criteri di partecipazione;

convengono quanto segue:

PARTE PRIMA

1. Il rappresentante per la sicurezza


L’art. 18 – il cui comma 1 contiene l’enunciazione del principio generale secondo il quale
“in tutte le aziende o unità produttive è eletto o designato il rappresenante per la sicurezza” – è
dedicato ai critetri di individuazione di tale soggetto e prevede il rinvio alla contrattazione collettiva
per la definizione di altri parametri, in particolare, in tema di diritti, formazione e strumenti per
l’espletamento degli incarichi.
Entro 120 giorni dalla sottoscizione del presente accordo, in tutte le aziende o unità produt-
tive aderenti al sistema Confindustria saranno promosse le iniziative, con le modalità di seguito
indicate, per la identificazione della rappresentanza dei lavoratori per la sicurezza.

1.1. Aziende od unità produttive fino a 15 dipendenti


Le parti ribadiscono il contenuto del documento congiunto del 16 aprile 1993 nel quale si è
concordato che per le aziende o gli stabilimenti aventi fino a 15 dipendenti, il rappresentante viene
eletto dai lavoratori al loro interno.
La riunione dei lavoratori deve essere esclusivamente dedicata a tale funzione elettiva.
Il livello di categoria, a seguito di una comune valutazione di opportunità espressa dalle
parti in relazione a peculiari specificità, può individuare diverse modalità di rappresentanza previste
dalla legge. L‘attuazione di tali accordi sarà disciplinata dalle catogorie d’intesa con le strutture ter-
ritoriali confederali interessate. In tale ipotesi, il rappresentante per la sicurezza nell’espletamento
delle sue funzioni farà riferimento all’Organismo paritetico provinciale.
251_288 2-12-2004 12:02 Pagina 244

244 RAPPRESENTANTE PER LA SICUREZZA

Modalità di elezione
Al fine di realizzare quanto previsto dall’art. 18, comma 2, del Decreto Legislativo n.
626/1994,le organizzazioni datoriali territoriali e le organizzazioni sindacali dei lavoratori definiranno
congiuntamente le iniziative idonee alla informazione, alla promozione, al monitoraggio delle elezioni
del rappresentante per la sicurezza, secondo le modalità che verranno concordate a livello territoriali.
L’elezione si svolge a suffragio universale diretto e a scrutinio segreto, anche per candida-
ture concorrenti. Risulterà eletto il lavoratore che ha ottenuto il maggior numero di voti espressi.
Prima dell’elezione, i lavoratori nominano tra di loro il segretario del seggio elettorale, il
quale, a seguito dello spoglio delle schede, provvede a redigere il verbale dell’elezione. Il verbale è
comunicato senza ritardo al datore di lavoro.
Hanno diritto al voto tutti i lavoratori iscritti a libro matricola e possono essere eletti tutti i
lavoratori non in prova con contratto a tempo indeterminato che prestano la propria attività
nell’azienda o unità produttiva.
La durata dell’incarico è di 3 anni.
Al rappresentante spettano, per l’espletamento dei compiti previsti dall’art. 19 del Decreto
Legislativo 19 settembre 1994, n. 626, permessi retribuiti pari a 12 ore annue, nelle aziende o unità
produttive che occupano fino a 5 dipendenti, nonché pari a 30 ore annue, nelle aziende o unità pro-
duttive che occupano da 6 a 15 dipendenti.
Per l’espletamento degli adempimenti previsti dall’art. 19, citato, lettere b), c), d), g), i) ed l)
non viene utiizzato il predetto monte ore.
Ricevuto il verbale di elezione, i datori di lavoro comunicano all’Organismo paritetico pro-
vinciale, per il tramite dell’associazione territoriale di appartenenza, il nominativo eletto.

1.2 Aziende od unità produttive con più di 15 dipendenti


Nelle aziende o unità protuttive che occupano da 16 a 200 dipendenti il rappresentante per
la sicurezza si individua tra i componenti della RSU. Laddove la contrattazione di categoria abbia
definito un numero di RSU superiore a quello dell’accordo del 20 dicembre 1993, la stessa contrat-
tazione di categoria potrà identificare un numero di RS superiore a uno, ma comunque nell’ambito
del numero complessivo della RSU.

Unità produttive da 201 a 300 dipendenti


Nelle aziende o unità produttive che occupano da 201 a 300 dipendenti, qualora la RSU
risulti composta da tre soggetti – secondo le regole dell’accordo interconfederale del 20 dicembre
1993 – i rappresentanti per la sicurezza sono individuati, con le modalità di seguito indicate, nel
numero di due tra i componenti della RSU, a cui si aggiunge un rappresentante per la sicurezza,
eletto con le medesime modalità; a quest’ultimo competono 40 ore di permesso retribuite per
l’espletamento della sua attività.
Qualora la RSU risulti composta da un numero superiore di componenti rispetto a quanto
previsto dall’accordo sopra richiamato, il rappresentante per la sicurezza sarà individuato tra i com-
ponenti della RSU.

Unità produttive con più di 300 dipendenti


Di norma, nelle unità produttive che occupano più di 300 dipendenti il numero di rappresen-
tanti per la sicurezza è quello previsto dall’art. 18, comma 6, del Decreto Legislativo n. 626 del
1994. Tale numero è ricompreso nel numero dei componenti la RSU, così come definita dalla con-
trattazione di categoria.
251_288 2-12-2004 12:02 Pagina 245

RAPPRESENTANTE PER LA SICUREZZA 245

Per le stesse unità produttive, la contrattazione nazionale di categoria, in relazione all’indi-


viduazione di specifiche esigenze di prevenzione e protezione dai rischi connesse all’attività lavora-
tiva, individuabili anche da apposite commissioni paritetiche di categoria laddove esistenti, potrà
definire un numero di rappresentanti per la sicurezza superiore a quello previsto dall’art. 18 citato,
che sarà ricompreso entro il numero dei componenti la RSU definito a livello di categoria.

Permessi
Nelle aziende o unità produttive che occupano più di 15 dipendenti, per l’espletamento dei
compiti previsti dall’art. 19 del Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626, i rappresentanti per
la sicurezza, oltre ai permessi già previsti per le RSU, utilizzano permessi retributi pari a 40 ore
annue per ogni rappresentante.
Per l’espletamento degli adempimenti previsti dai punti b), c), d), g), i) ed l) dell’art. 19
citato, non viene utilizzato il predetto monte ore.
In sede di contrattazione nazionale di categoria o aziendale le parti procederanno all’assor-
bimento delle ore di permesso spettanti ai rappresentanti per la sicurezza, avendo riguardo alle ore
di permesso già riconosciute per lo stesso titolo.

Procedure per l’elezione o designazione del rappresentante per la sicurezza


a) All’atto della costituzione della RSU il candidato a rappresentante per la sicurezza viene
indicato specificatamente tra i candidati proposti per l’elezione della RSU.
La procedura di elezione è quella applicata per le elezioni delle RSU (v. nota a verbale).
b) Nei casi in cui sia già costituita la RSU ovvero siano ancora operanti le rappresentanze
sindacali aziendali, per la designazione del rappresentante per la sicurezza si applica la procedura
che segue.
Entro 90 giorni dalla data del presente accordo il/i rappresentante/i per la sicurezza è/sono
designato/i dai componenti della RSU al loro interno.
Tale designazione verrà ratificata in occasione della prima assemblea dei lavoratori.
Nei casi in cui la RSU non sia stata ancora costituita (e fino a tale evento) e nella unità pro-
duttiva operino le RSA delle organizzazioni sindacali aderenti alle Confederazioni firmatarie, il/i rap-
presentante/i per la sicurezza è/sono eletto/i dai lavoratori al loro interno secondo le procedure
sopra richiamate per le aziende con numero di dipendenti inferiore a 16, su iniziativa delle organiz-
zazioni sindacali.
Nel caso di dimissioni della RSU il rappresentante per la sicurezza esercita le proprie fun-
zioni fino a nuova elezione e comunque non oltre 60 giorni. In tale ipotesi allo stesso competono le
sole ore di permesso previste per la sua funzione, ma in relazione al periodo di esercizio della fun-
zione medesima.
c) In assenza di rapprensentaze sindacali in azienda, il rappresentante per la sicurezza è
eletto dai lavoratori dell’azienda al loro interno secondo le procedure sopra richiamate per il caso
delle aziende con numero di dipendenti inferiori a 16, su iniziativa delle organizzazioni sindacali.
In questa fattispecie, ai rappresentanti per la sicurezza spettano, per l’espletamento delle
attribuzioni di cui all’art. 19 del Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626, permessi retribuiti
pari a 40 ore.
Il verbale contenente i nominativi dei rappresentanti per la sicurezza deve essere comuni-
cato alla direzione aziendale (secondo quanto previsto dal punto 21, parte seconda, dell’accordo
interconfederale sopra citato per la costituzine delle RSU), che a sua volta ne dà comunicazione,
per il tramite dell’associazione territoriale di appartenenza, all’Organismo paritetico provinciale che
terrà il relativo elenco.
251_288 2-12-2004 12:02 Pagina 246

246 RAPPRESENTANTE PER LA SICUREZZA

I rappresentanti per la sicurezza restano in carica per la durata prevista dall’accordo inter-
confederale di cui sopra.

2. Attribuzioni del rappresentante per la sicurezza


Con riferimento alle attribuzioni del rappresentante per la sicurezza, la cui disciplina legale è
contenuta all’art. 19 del Decreto Legislativo n. 626/1994, le parti concordano sulle seguenti indicazioni.

2.1. Accesso ai luoghi di lavoro


Il diritto di accesso ai luoghi di lavoro sarà esercitato nel rispetto delle esigenze produttive
con le limitazioni previste dalla legge.
Il rappresentante per la sicurezza segnala preventivamente al datore di lavoro le visite che
intende effettuare agli ambienti di lavoro.
Tali visite di possono anche svolgere congiuntamente al responsabile del servizio di pre-
venzione e protezione o ad un addetto da questi incaricato.

2.2. Modalità di consultazione


Laddove il Decreto Legislativo n. 626/1994 prevede a carico del datore di lavoro la consul-
tazione del rappresentante per la sicurezza, questa si deve svolgere in modo da garantire la sua
effettività e tempestività.
Il datore di lavoro, pertanto, consulta il rappresentante per la sicurezza su tutti gli eventi per
i quali la disciplina legislativa prevede un intervento consultivo dello stesso.
Il rappresentante, in occasione della consultazione, avendone il tempo necessario, ha facoltà
di formulare proprie proposte e opinioni, sulle tematiche oggetto di consultazione secondo le previsioni
di legge. Il verbale della consultazione, deve riportare le osservazioni e le proposte formulate dal rap-
presentante per la sicurezza. Il rappresentante per la sicurezza conferma l’avvenuta consultazione,
apponendo la propria firma sul verbale della stessa.
In fase di prima applicazione del Decreto Legislativo n. 626/1994, e comunqe non oltre il 30
giugno 1996, nelle realtà in cui non sia stato ancora individuata la rappresentanza per la sicurezza,
le procedure di consultazione si rivolgono alle rappresentanze sindacali in azienda delle organizza-
zioni sindacali aderenti alle Confederazioni firmatarie.
A tal fine, la rappresentanza sindacale in azienda può designare uno o più soggetti, al proprio
interno, tenuto conto di quanto previsto dall’art. 18, comma 6, del Decreto Legislativo n. 626 del 1994.

2.3. Informazione e documentazione aziendale


Il rappresentante per la sicurezza ha diritto di ricevere le informazioni e la documentazione
aziendale di cui alle lettere e) ed f) del comma 1 dell’art. 19.
Lo stesso rappresentante ha diritto di consultare il rapporto di valutazione dei rischi di cui
all’art. 4, comma 2, custodito presso l’azienda o lo stabilimento ai sensi dell’art. 4, comma 3.
Il datore di lavoro fornisce, anche su istanza del rappresentante, le informazioni e la docu-
mentazione richiesta, secondo quanto previsto dalla legge.
Per informazioni inerenti l’organizzazione e gli ambienti di lavoro si intendono quelle riguar-
danti l’unità produttiva per gli aspetti relativi all’igiene e sicurezza del lavoro.
Il rappresentante, ricevute le notizie e la documentazione, è tenuto a farne uso strettamente
connesso alla sua funzione nel rispetto del segreto industriale.

3. Formazione dei rappresentanti per la sicurezza


Il rappresentante per la sicurezza ha diritto alla formazione prevista all’art. 19, comma 1,
lettera g), del Decreto Legislativo n. 626/1994.
251_288 2-12-2004 12:02 Pagina 247

RAPPRESENTANTE PER LA SICUREZZA 247

La formazione dei rappresentanti per la sicurezza, i cui oneri sono a carico del datore di lavoro,
si svolgerà mediante permessi retribuiti aggiuntivi rispetto a quelli già previsti per la loro attività.
Tale formazione deve comunque prevedere un programma base di 32 ore che, nelle
aziende con un numero di dipendenti inferiore a 16, si svolgerà in due moduli; tale programma deve
comprendere:
– conoscenze generali sugli obblighi e diritti previsti dalla normativa in materia di igiene e
sicurezza del lavoro;
– conoscenze generali sui rischi dell’attività e sulle relativa misure di prevenzione e prote-
zione;
– metodologie sulla valutazione del rischio;
– metodologie mimine di comunicazione.
Oltre a quanto sopra previsto, la contrattazione nazionale di categoria può individuare ulte-
riori contenuti specifici della formazione (anche in materia di metodologia didattica) con riferimento
a specificità dei propri comparti.
Il datore di lavoro, ogni qualvolta vengano introdotte innovazioni che abbiano rilevanza ai fini
della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori, prevede una integrazione della formazione.

***
Ferma restando la validità degli accordi sottoscritti, qualora i contratti collettivi nazionali ed
aziendali già prevedevano una disciplina specifica della rappresetanza dei lavoratori per la sicu-
rezza, ovvero siano stati previsti organismi paritetici con funzioni inerenti i temi dell’igiene, della
sicurezza sul lavoro e dell’ambiente, le parti firmatarie potranno armonizzare la disciplina stessa ai
contenuti del presente accordo, avendo riguardo a quanto globalmente definito nelle intese.

4.Riunioni periodiche
In applicazione dell’art. 11 del Decreto Legislativo n. 626/1994 le riunioni periodiche previ-
ste dal comma 1, sono convocate con almeno 5 giorni lavorativi di preavviso e su un ordine del
giorno scritto.
Il rappresentante per la sicurezza può richiedere la convocazione della riunione periodica al
presentarsi di gravi e motivate situazioni di rischio o di significative variazioni delle condizioni di
prevenzione in azienda.
Della riunione viene redatto verbale.

PARTE SECONDA

1. Organismo paritetico nazionale


L’Organismo paritetico nazionale di cui al protocollo d’intesa sulla formazione professionale
del 20 gennaio 1993, in ottemperanza a quanto previsto dall’accordo interconfederale 31 gennaio
1995, assume tramite una sezione specifica aggiuntiva e paritetica – composta da membri effettivi
e supplenti – anche i seguenti compiti in materia di igiene e sicurezza del lavoro:
– promozione della costituzione degli organismi paritetici territoriali di cui al punto succes-
sivo e coordinamento della loro attività;
– formazione diretta, tramite l’organizzazione di seminari e altre attività complementari, dei
componenti degli organismi paritetici territoriali;
251_288 2-12-2004 12:02 Pagina 248

248 RAPPRESENTANTE PER LA SICUREZZA

– definizione di linee guida e di posizioni comuni in materia di igiene e sicurezza sul lavoro –
valutando eventuali esperienze e intese già operanti in ambito settoriale – di riferimento per gli
organismi paritetici territoriali anche in relazione alla definizione dei progetti formativi di ambito
locale;
– promozione e coordinamento degli interventi formativi; iniziative per l’attivazione di canali
di finanziamento da parte dell’Unione Europea e di altri enti pubblici nazionali e comunitari;
– promozione dello scambio di informazioni e di valutazioni degli aspetti applicativi della
vigente normativa e delle iniziative delle pubbliche autorità e di altre istituzioni;
– valutazione delle proposte di normative comunitarie e nazionali anche al fine della indivi-
duazione delle eventuali posizioni comuni da prospettare nelle sedi europee, al Governo, al Parla-
mento e alle amministrazioni competenti.
Entro 120 giorni dalla data del presente accordo l’Organismo paritetico nazionale dovrà
essere operativo nella sua specifica sezione sulle materie della sicurezza e igiene del lavoro. A tal
fine gli organi deliberanti dell’O.P.N. formalizzeranno tale sezione.
Sono fatti salvi gli organismi paritetici di categoria che, nelle materie disciplinate nel
Decreto Legislativo n. 626 del 1994, svolgeranno la propria attività in sintonia con le linee guida ela-
borate dall’O.P.N.

2. Organismi paritetici territoriali (art. 20, Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626)
Le parti danno attuazione all’art. 20 del Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626,
fermo restando quanto previsto dal comma 2 dello stesso articolo, concordando quanto segue.

2.1. Organismi paritetici regionali


Entro 120 giorni, a livello regionale, gli organismi paritetici di cui al protocollo d’intesa sulla
formazione professionale del 20 gennaio 1993, sopra citato, sottoscritto da Confindustria e Cgil,
Cisl e UIl, in coordinamento con l’Organismo paritetico nazionale per la formazione professionale
(O.P.N.), assumono con una specifica sezione aggiuntiva paritetica, composta da membri effettivi e
supplenti, anche il compito di promuovere iniziative formative in tema di prevenzione.
A tal fine, l’O.P.R. elabora, di sua iniziativa o su proposta degli O.P.P., progetti formativi
inerenti le materie dell’igiene e sicurezza del lavoro.
I progetti formativi sono elaborati in sintonia con le linee guida e le indicazioni di carattere
generale concordate nell’O.P.N. e vengono ad esso comunicati.
L’O.P.R., al fine di favorire l’effettuazione delle iniziative proposte, oltre a tenere i rapporti
con l’Ente Regione e gli altri soggetti, istituzionali e non, operanti in materia di salute e sicurezza,
può, di sua iniziativa, promuovere direttamente l’organizzazione di corsi o giornate formative.
L’O.P.R, inoltre, assume i seguenti compiti:
– coordinamento degli Organismi paritetici provinciali;
– tenuta di un elenco dei nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, sulla
base delle comunicazioni ricevute dagli Organismi paritetici provinciali.

2.2. Organismi paritetici provinciali


Fondamentale importanza, al fine di una gestione condivisa e comunque non conflittuale
delle materie della formazione e della rappresentanza in materia di prevenzione, assume l’attribu-
zione, da parte del decreto, ad organismi paritetici di una funzione di “composizione”: essi, infatti,
sono aditi quale prima istanza di risoluzione di controversie insorte circa “l’applicazione dei diritti di
rappresentanza, informazione e formazione, previsti dalle norme vigenti”.
251_288 2-12-2004 12:02 Pagina 249

RAPPRESENTANTE PER LA SICUREZZA 249

A livello provinciale, o secondo l’articolazione territoriale definita di comune accordo, sono


costituiti organismi paritetici cui sono attribuite le funzioni di composizione di cui all’art. 20 del
Decreto Legislativo 19 settembre 1994, n. 626.
A tali organismi sono altresì attribuiti i seguenti compiti:
– informazione dei soggetti interessati sui temi della salute e sicuezza;
– tenuta di un elenco contenente i nominativi dei rappresentanti dei lavoratori per la sicu-
rezza eletti o designati nelle aziende del territorio di competenza dell’organismo;
– trasferimento dei dati di cui sopra all’O.P.R.;
– proposte all’O.P.R. in materia di fabbisogni formativi connessi all’applicazione del
Decreto Legislativo n. 626 del 1994.
Tali organismi sono composti da membri effettivi e da membri supplenti.
Essi devono essere operativi entro 120 giorni dalla data del presente accordo.

Composizione delle controversie


Le parti ribadiscono la convinzione che la migliore gestione della materia dell’igiene e sicu-
rezza del lavoro sia realizzabile attraverso l’applicazione di soluzioni condivise ed attuabili. Per-
tanto, in tutti i casi di insorgenza di controversie relative all’applicazione delle norme riguardanti i
diritti di rappresentanza, informazione e formazione previsti dalle norme vigenti, le parti interessate
(il datore di lavoro, il lavoratore o i loro rappresentanti) si impegnano ad adire l’O.P.P. al fine di rice-
verne una soluzione concordata, ove possibile.
La parte che ricorre all’O.P.P., ne informa senza ritardo le altre parti interessate.
I compiti di segreteria sono assunti dalle associazioni territoriali degli imprenditori.

***
Entro sei mesi dalla firma del presente accordo, le parti firmatarie individueranno due
regioni dove avviare esperienze che prevedano l’attribuzione agli O.P.R. di ulteriori compiti, anche
per quanto concerne l’approntamento della strumentazione necessaria all’espletamento di tali
compiti. Le