Sei sulla pagina 1di 6

GIUDIZIO: con il giudizio si apre una nuova fase del processo il quale ha inizio

dal momento della domanda del om al giudice di pronunciarsi sull


iimputazione. La rubrica del libro VII indica il giudizio ordinario di I grado che
culmina nel dibattimento pubblico nel quale le parti si affrontano per porre, in
competizione tra loro, le basi probatorie della decisione finale. il
dibattimento di I grado il momento centrale del processo. Nel dibattimento
richiesta l attuazione dei caratteri del sistema accusatorio; il giudizio si puo
considerare di tipo accusatorio quando la formaz delle prove avviene
pubblicamente nel contraddittorio delle parti davanti al giudice che ha il
compito di decidere il merito. L e regole basilari del giudizio sono la parit
delle parti, l oralita immediatezza a cui si accompagna il principio della
concentrazione(cio l unita di tempo nella quale va celebrato il giudizio), e la
distinzione delle funzioni del giudice da quelle dell organo dell accusa. Quello
prefigurato dal codice non un autentico processo di parti perche vige il
princ costituz dell obbligatorieta dell az penale(art112) la cui attuaz viene
assicurata mediante il costante controllo del giudice sull operato del pm
INDAGINI PRELIM E DIBATTIMENTO: il nodo centrale rappresentato dai
rapporti tra le ind prel e il dibattimento. Non ha import chi compia le ind prel
ma il valore assunto in giudizio dagli atti compiuti. Se viene meno la separaz
tra a fase delle indag e qll del giudizio e l accusatore posto in grado di
precostituire per proprio conto le prove utilizzabili per la decisione finale,
continuare a considerare l attivita di indagine come preparatoria per la azione
penale condurrebbe a un equivoco sul ruolo del pm: l'attribuzione a esso di
maggiori poteri per l esercizio della funz investigatibs deve essere bilanciata
dalla inefficacia a fini probatori degli atti dallo stesso compiuti. La fase delle
ind prel puo avere durata cospicua , dato che si va da un termine oridnario di
6mesi ad un termine max di 18mesi o in casi particolari 2anni. Per qquanto
riguarda le prove che nel giudizio pox essere poste alla base della decisione
finale ci si ricollega all art187 il quale afferma che sono oggetto di prova i
fatti k si riferiscono all imputazione, alla punibilita e alla determinaz della
pena. Inoltre ci si ricollega all art526 secondo cui il giudice nn puo utilizzare ai
fini della deliberaz prove diverse da quelle legittimamente acquisite nel
dibattimento(principio di legalita della prova). L art526 va collegato all art191
per cui le prove acquisite in violaz dei divieti stabiliti dalla lex nn pox ex
utilizzate. ATTI PRELIMINARI AL DIBATTIMENTO: nel giudizio si distinguono gli
atti preliminari, il dibattimento vero e proprio e glia tti successivi ad esso. La
fase degli atti preliminari al dibattimento si estende dalla conclusione dell
udienza preliminare agli atti introduttivi del dibattimento. Si assume cm
momento iniziale la ricez del decreto che dispone il giudizio e cm momento
finale la costituz delle parti. Ha competenza funzionale per questa fase il
presidente del collegio giudicante al quale spetta in base all art467 l
assunzione di prove non rinviabili. invece di compet del collegio l eventuale
sentenza anticip di proscioglim se l azione penale improcedibile o il reato
estinto. Il proscioglimento anticip non cmq pox se il pm o l imputato si

oppongono; viene cosi riconosciuto all imputato un diritto al giudizio di


merito. La sentenza pronunciata in camera di consiglio ed
inappellabile.Almeno 7 gg prima della data fissata per il dibattiento le parti
presentano le liste dei testimoni e dei periti con l indicaz delle circostanze su
cui deve vertere l esame; ci a pena di inammissibilita poiche nn sn
consentite prove a sorpresa. PUBBLICIT E DISCIPLINA DELL UDIENZA
DIBATTIMENTALE.SOSPENSIONE E RINVIO: le disposizgenerali sul dibattimento
(capo I titolo II) riguardano le modalita di svolgimento dell udiena che si
confromano ai principi della pubblicita e della concentraz ed hanno lo scopo
di realizzare pienamente il diritto dell imputato di partecipare e di difendersi.
Particolare attenzione dedicata alla tutela della riservatezza delle parti
private limitatamente all assunzione di specifici mezzi di prova, alla tutela dei
minori, al regolare svolgimento delle udienza. Inoltre si procede a porte
chiuse per la ricognizione delle persone che hanno cambiato generalita e
quando si procede, se la persona lo richiede, per i delitti di pedofilia, violena
sessuale e per i delitti concernenti la tratta di persone. Dalla legge delega
discende il divieto di arresto del testimone in udienza. Una forma particolare
di pubblicita contenuta nell art147 k prevede k il giudice con ordinanza
autorizzi la ripresa fotografica,fonografica o audiovisiva; la regola cardine
che l accesso dei mezzi audiovisivi ha bisogno del consenso delle parti in
vista della protez dei diritti della personalita di ciascuna di esse PARTECIPAZ
AL DIBATTIMENTO AD ESAME A DISTANZA: con la legge del 1998 stata
introdotaa nel nostro ord la disciplina della partecip al procedim penale a
distanza dell imputato detenuto, istituto k si affianca all esame a distanza
delle pers k collaborano con la giusitzia. La presenza all udienza
dibattimentale sostituita da un collegamento audiovisivo.Non bisogna
dimenticare k pur sempre una presenza virtuale, k cosa ben diversa dalla
partecip personale all udienza. La partecip a distanza dell imputato detenuto
disposta quando si proceda per un delitto di cui all art 51(delitti di stampo
mafioso) o all art 407(delitti aventi finalita di terrorismo) e al tempo stesso
sussistano gravi ragioni di sicurezza o di ordine pubblico o sia necessario
evitare ritardi. Indipendentempente dal reato invece disposta la partecipaz
a distanza nel caso k il detenuto sia sottoposto alle misure previste dall
art41bis dell ordinam penitenzia. Nel luogo dove si trova l imputato deve ex
presente un ausiliario del giudice. sempre ammessa la presenza del
difensore o di un suo sostituto, mentre il difensore che si trova nell aula di
udienza e l imputayo debbono potersi consultare riservatamente VERBALE DI
UDIENZA: la verbalizzazione dell udienza dibattimentale attivita di grande
rilievo. Infatti pioche i verbali delle ind prel non entrano automaticamente a
far parte del materiale valutabile come supporto delle risultanze
dibattimentali, indispensabile k queste ultime siano riprodotte con la max
fedelta e completezza. Nel verbale di assunz di mezzi di prova devono ex
riprodotte integralmente in forma diretta le domande e le risposte. Una
verbalizzaz integrale puo aver luogo solo con appositi strumenti tecnici:

mezzo ordinario la stenotipia e in subordine la scrittura manuale.


consentita la verbalizz in forma riassuntiva nn solo nel caso in cui gli a tti
abbiano contenuto semplice ma pure quando si verifichi una contingente
indisponibilita degli strum di riproduzione. COSTITUZIONI PARTI E ASSENZA
IMPUTATO: a norma dell art 484 il presidente, prima di dare inizio al
dibattimento, controlla la regolare costituzione delle parti. Per l imputa
fondamentale avere a pox di ex presente al dibattimento dato k in qst fase ha
luogo la formaz della prova. La presenza dell imputato puo doventare
indispensabile per l assunzione di determinate prove. Per garantire il diritto
dell imputato a partecipare al dibattimento il legislatore ha eliminato il
processo in contumacia nell intento di garantire l effettivita del diritto di
difesa.. Il processo puo celebrarsi solo ove l imputato sia presente o in caso di
assenza sia rimasto volontarimanete assente. Se l imputato irreperibile il
proesso va sospeso; se viceversa esistono i presupposti pre procedere
ugualmente il dibattimento si celebra in assenzadell imputato.L imputato
contro il quale si sia proceduto in assenza dell udienza preliminare puo
rendere in dibattimento dichiarazioni spontanee. QUESTIONI
PRELIMINARI,ESPOSIZ INTRODUTTIVA E RICHIESTE DI PROVA:dopo l
accertamento della costituz delle parti e prim dell apertura del dibattimento
si colloca il momento delle questioni preliminari.Un primo gruppo di questioni
riguarda la competenza per territorio o per connessione.Un secondo gruppo
riguarda il contenuto del fascicolo per il dibattimento e la riunione o separaz
dei giudizi.Momento fondamentale del dibattimento l esposiz introduttiva la
cui importanza si comprende ove si consideri k il giudice nn conosce nulla
delle indag prelimin ad eccez dell imputaz e del numero di atti contenuti nel
fascicolo per il dibattimento.Il tema della discussione fissato dalle parti e il
giudice interviene solo come destinatario delle iniziative del pm e dei
difensori. Prima il pm e poi i difensori indicano i fatti che intendono provare e
le prove di cui chiedono l ammissione. L ammissione delle prove ha luogo al
termine dell esposizione introduttiva. Il giudizio di ammissibilita si basa su
criteri predeterminati.Le prove possono essere escluse solo se vietate dalla
legge o manifestatamente superflue o irrilevanti. Le parti pox concordare l
acquisizione al fasdcicolo per il dibattimento di atti contenuti nel fascicolo del
pm.L inserzione nel fascicolo per il dibattimento comporta l acquisiz dell atto
cm prova e la diretta utilizzabilita ai fini della decisione FASCICOLO PER IL
DIBATTIMENTO: una delle novita introdotte con il codice del 1988 coniste
nella previsione del doppio fascicolo<. quello del pm a disposiione delle parti
e quello per il dibattimento, conosciuto dal giudice competente per il giudizio.
Il fascicolo per il dibattimento a norma dell art431 viene formato in
contraddittorio dal giudice dell udienza preliminare salvo eccez cm in caso di
giudizio direttissimo.Degli atti appartenenti alla fase delle ind prelim contiene
solo quelli relativi alla procedibilita e all esercizio dell az civile, i verbi deglio
atti nn ripetibili compiuti dalla poliz giudiz e dal pm, i verbali degli atti assunti
nell incidente probatorio, i documenti relativi al giudizio sulla personalita e le

cose pertinential reato.Gli atti contenuti nel fascicolo per il dibattimento non
sono utilizzabili ai fini della decisione fin tanto che non vengono acquisiti
mediante lettura. La lettura degli atti contenenti dichiarazioni nn puo
precedere l esame della persona che le ha rese. La lettura delle dichiarazioni
di querela o istanza vale solo ad accertare la condizione di procedibilita
FASCICOLO DEL PM: in esso vengono raccolti gli atti delle ind prel non inseriti
nel fascicolo per il dibattimento.Questo fascicolo noto alle parti, ma nn al
giudice del dibattimento.In un primo momento le parti se ne serviranno per
formulare la propria ricostruz di fatti e per mettere a punto la strategia
processuale.Gli atti contenuti nel fascicolo del pm nn pox ex acquisiti come
prova nel dibattimento ma sono utilizzabili per le contestazioni. Per mezzo
della contestazione pox farsi valere variazioni o contraddizioni rispetto alle
dichiaraz precedentemente rese dalla persona sottoposta ad esame.Ci nn
esclude che nel corso dell esame pox ex utilizzati irisultati delle prove
prededentemente acquisite nel dibatttimento.LA disciplina delle contestaz
contenuta nell art500 con riferimeno all esame dei testimoni e nell art503
con riferimento all esame delle parti.Requisito fondamentale che si tratti di
dichiarazioni e quindi gli altri atti di indagine compiuti dal pm nn pox ex per
questa via portatia conoscenza del giudice, ma restano atti a rilevanza
interna delle parti. La contestaz puo aver luogo solo sui fatti e sulle
circostanze in ordine alle quali il testimone o la parte abbia gia deposto,
dandosi comunque precedenza all escussione orale, secondo quello che
considerato un principio generale del dibattimento. CONTESTAZIONE NELL
ESAME TESTIMONIALE(art500): nell art500 si stabilisce che la precedente
dichiaraz del testimone non puo costituire prova dei fatti in essa affermati ma
puo essere valutata dal giudice per stabilire la credibilita della persona
esaminata. Quindi la lettura degli atti a scopo di contestazione non
corrisponde all acquiizione cm prova degli stessi. Le dichiarazioni lette per le
contestazioni pox ex valutate ai fini della credibilita del testimone. L'art500
elenca le ipotesi in cui le dichiarazioni contenute nel fascicolo del pm sn
acquisite al fascicolo per il dibattimento.Sempre in questo articolo si
stabilisce che la violenza, la minaccia o altre interferenze illecite sulla liberta
morale del testimone consentano in ogni caso di acquisire al fascicolo per il
dibattimento le dichiaraz precedentemente rese dal testimone.Un regime
particolare previsto per le dichiaraz assunte dal giudice nell udienza
preliminare in cui si presuppone che le stesse pox ex acquisite solo in quanto
siano state utilizzate per le contestazioni. Le dichiaraz acquisite al fascicolo
per il dibattimento valgono come prova mentre quelle usate per le contestaz,
ma nn acquisite, pox esssere valutate solo per stabilire la credibilita del teste.
A norma dell art 503 sn acquisite al fascicolo per il dibattimento le dichiaraz
assunte dal pm il cui difensore aveva diritto ad assistere; a questa ipotesi
stata aggiunta la menzione delle dichiaraz assunte dalla poliz giudiz su
delega del pm che sono equiparabili, mentre restano escluse le info raccolte
dalla poliz giudiziaria di propria iniziativa. ESCUSSIONE DELLA PROVA: nell

escussione delle prove in dibattimento un ruolo determinante spetta alle


parti.L art496 stabilisce l ordine di assunzione delle prove.Se le parti nn si
accordno diversamente, sono assunte per prime qll indicatedal pm e poi qll
indicate dai difensori della parte civile e dell imputato. Quindi la difesa
giochera le sue carte solo dopo che l accusa abbia esaurito l escussione a suo
carico.La distinz fondamentale inquanto consente di tenere separato l
esame diretto condotto dalla parte che ne ha fatto richiesta dal controesame
condotto dalle parti. Prima dell inizio dell esame il teste viene avvertito dell
obbligo di dire la verita e invitato a fornire le proprie generalita.Lesame
incrociato dei testimoni rappresenta uno degli aspetti+caratteristici del
dibattimento di tipo accusatorio. lArt499 prevede che l esame si svolga
mediante domande su fatti specifici.Le domande devonoessere pertinenti e
avvenire sui fatti che costituiscono oggetto di prova. Nel controesame si fara
uso della facolta di estendere l interrogazione alle circostanze il cui
accertamento necessario per valutare la credibilita del teste. Vi cmq un
limite che qullo rappresentato dal rispetto della persona la cui tutela
curata dal presidente ilquale ha anche il compito di assicurare la pertinenza
delle domande.L imputato puo scegliere se sottoporsi all esame ma non puo
sottrarvisi se citato a rendere dichiaraz su fatti concernenti la responsabilita
di altre perone. L esame delle parti ha luogo appena terminata l assunzione
delle prove a carico.Poteri di iniziat probatoria sono attribuiti anche al giudice;
il presidente puo indicare temi di prova nuovi o piu ampi e puo rivolgere
domande alle persone gia esaminate. Inoltre consentita l acquisiz d ufficio
di nuovi mezzi di prova, ma in questo caso il potere spetta al collegio e nei
soli casi incui risulti necessario MODIFICAZIONI DELL ACCUSA: principio
fondamentale quello della correlaz tra accusa e sentenza.Il giudice non puo
pronunciarsi su un fatto che nn sia stato preventivamente portatoa
conoscenza dell imputato nei modi stabiliti dalla lex. Ma nel corso del
dibattimento consentito al pm di modificare o integrare l accusa enunciata
nel decreto che dispone il giudizio.La contestazione dell accusa rimane cosi
perfettibile. La modifica della contestaz un potere esclusivo del pm(art516).
Poich si tratta di un mutamento dell accusa essa va effettuata
personalmente all imputato. La nuova contestaz non puo mai consentire al
giudice di eccedere dai limiti della propria competenza; quindi se si configura
un reato di competenza superiore va pronunciata sentenza con trasmissione
degli atti al pm presso il giudice competente. Disciplina analoga l istituto
della CONTESTAZIONE SUPPLETTIVA che si caratterizza per introdurre un
ampliamento dell oggetto del giudizio. Lart517 la limita ai casi in cui emerga
un reato connesso con quello per cui si procede, perche in concorso formale o
in rapporto di continuazione, o emerga una circostanza aggravante. Nel caso
di modifica dell imputaz o contestaz supplettiva l imputato potrebbe avere
ineteresse ad ottenere il giudiz abbre o il patteggiam. La disciplina camnia
quando risulti dal dibattimento un FATTO totalmente DIVERSO in ordine al
quale sarebbe possibile instaurare un procedimento separato; in questo caso

il fatto nuovo puo ex contestato dal pm solo con il consenso dell imputato.In
qst caso la contestaz deve ex autorizzata dal presidente. DELIBERAZIONE E
PUBBLICAZIONE DELLA SENTENZA:alla discussione finale dedicato l
art523.Le parti intervengono nello stesso ordine stabilito per l esposiz
introduttiva.Subito dopo la chiusura del dibattimento deliberata la
sentenza. Lart525 enuncia il principio dell immediatezza della deliberazione e
quello dell immutabilita del giudice. Una volta conclusa la deliberazione si
dovrebbe procedere a redigere l esposizione dei motivi di fatto e di diritto su
cui fondata la sentenza.La relazione dei motivi facoltativa; infatti il
giudice,qualora non sia possibile, puo provvedere alla redaz dei motivi non
oltre il 15gg da quello della pronuncia o incasi complessi non oltre i 90gg. Fra
i requisiti della sentenza rilievo assumono l indicaz delle conclusioni delle
parti e l indicazione delle prove poste alla base della decisione e l
enunciazione delle ragioni per le quali il giudice ritiene nn attendibili le prove
contrarie. La mancanza della motivaz causa di nullita della sentenza.
CONTENUTO DELLA DECISIONE: lart 2n11 della legge delega imponeva la
previsone di diverse formule di assoluz o di prosciogl e aboliva l assoluzione
per insuff di prove. il codice disciplina il proscioglimento nel merito, che
comporta una SENTENZA DI ASSOLUZIONE, separatemente dal proscioglim
per improcedibiltia o per estinzione del reato che comporta una sentenza di
nn doversi procedere.Elenca poi le formule di assolzione tradizionali(il fatto
non sussiste, il fato non costituisce reato ecc). Quanto all assoluz sul fatto
incerto prescritta l assoluz quando la prova manchi sia insuff o
contraddittoria. Non spetta al pm provare l inesistenza di tt le pox cause di
giustificaz, tuttavia all imputato suff far sorgere il dubbio sulla presenza di
una di esse per aver diritto all assoluzione.Lart 533 si occupa della SENTENZA
DI CONDANNA e contiene l indicazione in positivo del suo presupposto e cio l
imputato risulti colpevole del reato contestatogli. Con la sentenza di
condanna il giudice decide anche sull azione civile esercitata nel processo
penale.Quando condanna l imputato al risarcimento del danno tenuto a
provvedere anche alla liquidazione.