Sei sulla pagina 1di 2

Il progetto A cent'anni per la prima denominazione italiana:

la Vernaccia di San Gimignano gode di buona salute


Il Prof. Mattiacci, Ordinario di Economia e Gestione delle imprese dell'Universit La Sapienza di Roma,
presenta - in occasione dell'omonimo convegno che si tiene a San Gimignano il 7 maggio presso il Teatro
dei Leggieri - i risultati della ricerca di mercato A cent'anni volta a stabilire l'attuale stato di salute della
denominazione e le strategie di marketing e comunicazione per i prossimi cinquanta anni. E l'analisi che ne
deriva decisamente positiva.
La Vernaccia di San Gimignano, primo vino in Italia ad ottenere la denominazione nel 1966, nel 2016 al
decimo posto nella top ten dei vini bianchi autoctoni italiani, terza per prezzo medio alla produzione del vino
sfuso tra i vini bianchi di fascia media e per notoriet presso il consumatore, al nono posto nella vendita in
GDO a maggiore crescita.
Nonostante si trovi ad interagire con un ambiente competitivo, un mercato che privilegia i rossi e le bollicine,
dove si pensa che i vini bianchi debbano essere aromatici e profumati, la Vernaccia di San Gimignano ha
dalla sua caratteristiche che si trasformano in veri e propri punti di forza: un vino bianco da tutto pasto, ha
una forte presenza di prodotti biologici, ha una forte personalit che parla alla testa del consumatore,
longeva e migliora con l'invecchiamento.
Sottolinea il prof. Alberto Mattiacci: La nostra ricerca descrive una denominazione il cui stato di salute
effettivo

molto

migliore

di

quello

percepito,

addirittura

dagli

stessi

produttori.

Ci bastato esplorare a mente aperta il panorama di mercato, infatti, per intravedere una prospettiva di
rivitalizzazione del pi nobile fra i bianchi del centro Italia (e che mi piace definire "bianco maschile"): una
nicchia, popolata da wine lover, con interpretazioni - biologiche e non - della Vernaccia di San Gimignano
che

parlano

alla

mente

ai

sensi.

La Vernaccia di San Gimignano ha tutto ci che serve per divenire, nel suo secondo cinquantennio di vita, un
caso di successo: una denominazione con forte identit, ottima notoriet, buona presenza distributiva, un
Consorzio che ha voglia di fare, sempre pi ottime interpretazioni di prodotto.
Abbiamo intitolato questo studio "A Cent'Anni!" perch crediamo nelle potenzialit di questo vitigno bianco,
figlio unico della grande Toscana enologica
La ricerca iniziata nell'estate del 2015 con la raccolta di informazioni tramite interviste ai produttori, agli
operatori (enoteche, bar, ristoranti, buyers, aziende di import-export), opinion leader e consumatori.
L'analisi dei dati cos raccolti ha messo in evidenza i punti di forza e di debolezza della Vernaccia di San

Gimignano, le caratteristiche su cui fare leva per cogliere le opportunit che il mercato globale offre, la
crescita nel mondo della middle class in primis, acquirente d'eccellenza del vino in quanto 'prodotto di
piacere', fascia sociale dei wine lovers, consumatori curiosi e alla ricerca dei prodotti 'diversi', di nicchia,
identificabili grazie alle loro caratteristiche uniche.
E la Vernaccia di San Gimignano tutto questo: una denominazione autoctona, antica, tipica, unica per
storia e territorio, autentica, versatile, che rimanda al mare ma si sposa con la terra in cucina. Un vino non
per tutti, ma per molti; una nicchia 'attiva', che la denominazione deve costruire intorno ai propri punti di
forza, non una nicchia 'passiva', quella dove il mercato relega chi non riesce a comprendere.
Le azioni future dovranno quindi agire su due fronti: marketing interno per rendere consapevole tutto il
territorio della forza e potenzialit della Vernaccia di San Gimignano.
Marketing esterno, in particolare verso i mercati esteri perch l'export una necessit e non un'opzione,
La condizione per la sostenibilit nel tempo, come sottolinea il prof. Mattiacci: nella congiuntura economica
attuale che vede l'Italia ancora in grosse difficolt strutturali, che deve affrontare anni difficili di
riconfigurazione socio-economica, le aziende devono puntare sui mercati stabili.
Ufficio stampa Consorzio Denominazione San Gimignano
Elisabetta Borgonovi
cell. 338 9894681 email borgonovi@vernaccia.it