Sei sulla pagina 1di 59

Fisica Teorica 2

Appunti (non rivisti) delle lezioni del professor Vicari

un progetto di

www.eigenlab.org

a cura di

Francesco Cicciarella

Note legali

c 2014-2015 di Francesco Cicciarella


Copyright
Appunti di Fisica Teorica 2
`e rilasciato sotto i termini della licenza
Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.
Per visionare una copia completa della licenza, visita
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/3.0/it/legalcode

Liberatoria, mantenimento e segnalazione errori


Questo documento viene pubblicato, in formato elettronico, senza alcuna garanzia di correttezza del suo
contenuto. Il testo, nella sua interezza, `e opera di

Francesco Cicciarella
<f[DOT]cicciarella[AT]inventati[DOT]org>
e viene mantenuto dallo stesso, a cui possono essere inviate eventuali segnalazioni di errori.

Pisa, 20 Febbraio 2015

Indice
1 Seconda Quantizzazione
1.1 Propagazione del suono (classica) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
1.2 Propagazione del suono (quantistica) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
2 Path integral
2.1 Path integral Meccanica Statistica .
2.2 Matrice densit`
a . . . . . . . . . . . . .
2.3 Propriet`
a generali del path integral . .
2.4 Funzionali generatori . . . . . . . . . .
2.5 Azione efficace . . . . . . . . . . . . .
2.6 Approssimazione semiclassica . . . . .

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

1
1
2
3
9
10
10
11
13
14

3 Path integral e teoria delle perturbazioni


14
3.1 Approssimazione semiclassica - II . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
3.2 Ordine ~ . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
4 Path integral in teoria fermionica
17
4.1 Stati coerenti bosonici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
4.2 Stati coerenti fermionici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
4.3 Path integral . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
5 Rinormalizzazione
5.1 Divergenze nella teoria delle perturbazioni
5.2 Modello 3 . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.3 QED . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
5.4 Regolarizzazione . . . . . . . . . . . . . .
5.5 Rinormalizzazione della teoria 4 . . . . .
5.6 RGE per una teoria scalare massless . . .

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

.
.
.
.
.
.

21
21
22
23
26
27
28

6 Rottura spontanea di simmetria


30
6.1 Simmetrie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
7 Rinormalizzazione in QED - II
7.1 Regolarizzazione tramite introduzione di parametri
7.2 Identit`
a di Ward-Takashi . . . . . . . . . . . . . .
7.3 Calcolo della funzione per la QED a un loop . .
7.4 Vacuum Polarization . . . . . . . . . . . . . . . . .

fisici (accenno)
. . . . . . . . .
. . . . . . . . .
. . . . . . . . .

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

8 Meccanismo di Higgs abeliano

33
33
34
36
37
37

9 Teorie di gauge non abeliane


9.1 Principio di gauge . . . . . . . . . . . . . . . .
9.2 Meccanismo di Higgs non abeliano . . . . . . .
9.3 Quantizzazione di teorie di gauge non abeliane
9.4 QCD . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
9.5 Rinormalizzazione in QCD . . . . . . . . . . . .

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

.
.
.
.
.

38
38
39
40
41
42

10 Modello Standard (settore elettrodebole


43
10.1 Termini non rinormalizzabili (QED) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
11 Gruppo di rinormalizzazione alla Wilson
11.1 Ipotesi di scaling . . . . . . . . . . . . . . .
11.2 Teoria di Landau . . . . . . . . . . . . . . .
11.3 Prima approssimazione: teoria gaussiana . .
11.4 Teoria quartica . . . . . . . . . . . . . . . .

ii

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

.
.
.
.

46
47
50
50
51

A Rottura spontanea di simmetria in MQ

54

iii

Seconda Quantizzazione

Il formalismo della teoria di campo quantistica (QFT) `e utile a descrivere sistemi con infiniti gradi di
libert`
a. Si pu`
o vedere che, oltre al Modello Standard, la QFT si presta a descrivere fenomeni profondamente diversi. Come esempio, possiamo considerare un metallo che schematizziamo come un reticolo
unidimensionale, costituito da siti formati da uno ione positivo e un elettrone negativo, avente passo a.
A questo sistema `e associata unHamiltoniana H, che pu`o essere scomposta come
H = Hi + He + Hei
dove Hi `e lHamiltoniana relativa agli ioni reticolari, He quella relativa agli elettroni e Hei descrive
linterazione Coulombiana tra ioni ed elettroni. Trascuriamo innanzitutto Hei , assumendo interazioni a
corto raggio, cio`e solamente i siti immediatamente vicini interagiscono tra di loro, le Hamiltoniane degli
ioni e degli elettroni saranno rispettivamente della forma

N  2
X
pi
+ V (xi xi+1 + a)
2M
i=1
#
"
N
X
p2j
He =
+ VCoulomb
2me
j=1

Hi =

(1.1)

Con questo modello si pu`


o descrivere in prima approssimazione la propagazione del suono nel metallo
(se trascuriamo He ), oppure la conduzione (se trascuriamo Hi ).

1.1

Propagazione del suono (classica)

Studiamo le eccitazioni a bassa energia degli ioni reticolari.



N  2
X
pi
+ V (xi xi+1 + a)
H=
2M
i=1

(1.2)

Sia xi la posizione dequilibrio delli-esimo ione. Se assumiamo piccoli spostamenti intorno alla posizione
di equilibrio si ha a xi+1 xi . Introduciamo quindi la variabile i xi xi . Sviluppando il potenziale
per i 0 otteniamo
1 X
V (xi xi+1 + a) = V (i i+1 ) ' V0 + s
(i+1 i )2
2
i

(1.3)

Il termine V0 `e una costante irrilevante. Inserendo lo sviluppo, troviamo



N  2
X
pi
1
2
H=
+ s (i+1 i )
2M
2
i=1

(1.4)

Lenergia tipica delle eccitazioni sonore deve essere molto pi`


u piccola dellenergia tipica necessaria a
distruggere il reticolo. Se alle eccitazioni associamo un impulso k, deve valere la condizione k  1/a.
Questo implica che la lunghezza donda delle eccitazioni, k 1 , `e molto maggiore del passo reticolare.
Possiamo quindi usare il limite del continuo. Assumendo per semplicit`a una catena con condizioni
periodiche al contorno avremo nel limite del continuo
N
X
i=1

1
a

Z
dx,

 a 1/2
(x),
M

i+1 i

a3/2
M 1/2 x

(1.5)

Prima di effettuare queste sostituzioni, passiamo al formalismo Lagrangiano. Una possibile Lagrangiana
associata allHamiltoniana (1.4) `e data da
L=

N 
X
1
i=1

1
M 2i s 2i
2
2
1


(1.6)

che nel limite del continuo diventa




Z L
1
1
L=
dx 2 (x, t) v 2 (x )2 ,
2
2
0

r
s
va
M

(1.7)

Le unit`
a di misura possono essere riscalate in modo tale da avere v = 1, ottenendo
Z
Z
1
L = dx L = dx ( )2
2
Le eccitazioni sonore sono allora delle onde, dette fononi. Notiamo che `e emersa in modo naturale
linvarianza della Lagrangiana per SO(1, 1) (siamo in una dimensione spaziale). Dalle equazioni di
Eulero-Lagrange,
L
L

=0

ricaviamo le equazioni del moto,


= 0

(1.8)

(x, t) (x t)

(1.9)

che ammettono come soluzione


Possiamo adesso ritornare allHamiltoniana, che nel continuo assume la forma


Z
1
L
1 2
2

H = dx (x, t) + (x ) ,
2
2

(1.10)

A temperature sufficientemente basse, possiamo studiare la termodinamica del sistema definendo la


funzione di partizione
Z
Z = d eH
(1.11)
da cui `e possibile ricavare le osservabili. Per esempio, questo modello classico prevede un valore costante
del calore specifico. In realt`
a gli esperimenti sono ben descritti da un andamento T d (d `e il numero di
dimensioni) a basse temperature.

1.2

Propagazione del suono (quantistica)

Ripartiamo dallHamiltoniana
H=

N
X
i=1

"
2

1 2
+ v2
2 i

i+1 i
a

2 #
(1.12)

Promuoviamo , ad operatori i ,
i che soddisfano le regole di commutazione
[i ,
j ] = i~ij ,

[i , j ] = [
i ,
j ] = 0

(1.13)

Il sistema `e invariante per traslazioni di multipli del passo reticolare. Possiamo quindi usare la trasformata
di Fourier (nel limite del continuo):
Z L
Z L
1
1
ikx

k 1/2
dx (x)e
,
k 1/2
dx
(x)eikx
(1.14)
L
L
0
0
Inseriamo tutto dentro lHamiltoniana, ottenendo

X 1
1 2

k
k + k k k ,
H=
2
2

k2 = v 2 k 2

(1.15)

LHamiltoniana ottenuta `e adesso la somma di infiniti oscillatori armonici disaccoppiati. Questi descri saranno
vono oscillazioni collettive degli ioni. Gli autovalori di H

X 
1
 nk =
k n k +
(1.16)
2
k

Vogliamo adesso passare dalla descrizione in termini di gradi di libert`a legati ai siti microscopici a quella
in termini di gradi di libert`
a relativi alle eccitazioni sonore (lanalogo quantistico dei modi normali).
Definiamo gli operatori di annichilazione e creazione:
r


k
i
k +

k
ak
2
k
r


k
i
ak
k

k
(1.17)
2
k
con [ak , ak0 ] = kk0 . A questo punto si trova che lHamiltoniana `e diagonalizzata:

X 
1

H=
k ak ak +
2

(1.18)

ak ak n
k `e detto operatore numero di particelle. Gli stati nello spazio di Fock si costruiscono secondo
il solito schema,
(a )nm
(a )n1
m
|0i
(1.19)
|n1 , n2 , . . . , nm i 1
n1 !
nm !
e descrivono appunto delle particelle. Il vuoto |0i `e definito come lo stato annichilato da tutti gli ai :
ai |0i = 0,

(1.20)

Se adesso scriviamo la funzione di partizione nellensemble grancanonico

Z = tre HN
dove `e il potenziale chimico, che accoppia a
X
X

N
n
k =
ak ak ,
k

(1.21)

(1.22)

e calcoliamo la termodinamica, troviamo per il calore specifico landamento osservato sperimentalmente.

Path integral

Consideriamo lesperimento a doppia fenditura. Un fotone viene emesso in un punto A, passa attraverso
una tra due fenditure, e poi finisce sullo schermo. Se consideriamo un certo punto B sullo schermo,
lampiezza di probabilit`
a che un fotone emesso in A arrivi in B si pu`o scrivere come
atot = a1 + a2 = aA1 B1 + aA2 aB2
Se
u otterremo qualcosa di quasi-continuo, atot =
P aumentiamo il numero delle pareti sempre di pi`
a[PAB ], dove la somma `e estesa a tutti i cammini possibili che da A arrivano in B. I cammini
devono essere discriminati da qualcosa, allora li pesiamo con lazione
a[PAB ] eiS(PAB )/~
In Meccanica Classica sceglievamo il cammino che minimizza lazione. Nel caso quantistico, recuperiamo
la Meccanica Classica nel limite ~ 0: lesponenziale `e altamente oscillante, tutti i termini si mediano
a zero e domina il termine che minimizza lesponente.
Esempio 1 (Sistema a due livelli - spin quantistico).
Considero lHamiltoniana
H = J1

(2.1)

LHamiltoniana `e ovviamente diagonale nella base di autostati di 1 e avremo i due livelli


 
1
|0ix =
,
E0 = J
0 x
 
0
|1ix =
,
E1 = J
1 x

(2.2)

Nella base di autostati di 3 invece, lo stato fondamentale e quello eccitato saranno rispettivamente
 
 
1
1 1
1
,
|1i =
(2.3)
|0i =
1
1
2
2
x
x
Vogliamo adesso calcolare lampiezza di probabilit`a di misurare al tempo tf un valore dello spin sf ,
sapendo che a t0 il valore dello spin era s0 , cio`e vogliamo calcolare
hsf |eiH(tf t0 ) |s0 i

(2.4)

hsf |eiHt |s0 i

(2.5)

Oppue, ridefinendo lo zero temporale,


Discretizziamo lintervallo temporale [0, t] in N intervallini di ampiezza a costante. Allora
X
X
X
hsf |eiHt |s0 i =

hsf |eiaH |sN 1 i hsi+1 |eiaH |si i hs1 |eiaH |s0 i


s1 =1

si =1

(2.6)

sN 1 =1

Notiamo che gli elementi di matrice hanno tutti la stessa struttura. Concentriamoci allora su di uno
generico hs0 |eiaH |si. Supponiamo che esista una funzione A(s0 , s) (non un operatore) tale che
0

hs0 |eiaH |si = eiaA(s ,s)

(2.7)

Se questa funzione esiste, allora lampiezza si pu`o scrivere come


hsf |e

iHt

0
X

|s0 i =

N
1
Y

hsi+1 |e

iaH

0
X

|si i =

{si =1} i=0

"
exp ia

{si =1}

N
1
X

#
A(si+1 , si )

(2.8)

i=0

dove la somma primata include i vincoli si=0 = s0 , sN = sf . Calcoliamo la funzione A complicando un


po il sistema:
H = J1 h3
(2.9)
con [i , j ] = iijk k , 3 |si = s|si. Ruotiamo adesso lasse temporale, ossia effettuiamo la sostituzione
t i,

(2.10)

mediante gli stessi passaggi, otteniamo


hsf |eH |s0 i =

N
1
Y

hsi+1 |eaH |si i

(2.11)

{si =1} i=0

Il generico termine `e dato da


hs0 |ea[J1 h3 ] |si
che riscriviamo usando la formula di Trotter

eaO1 eaO2 = ea(O1 +O2 ) 1 + O(a2 )
ottenendo

hs0 |ea[J1 +h3 ] |si = hs0 |eaJ1 eah3 |si = hs0 |eaJ1 |sieahs eAE (s ,s)
Gli elementi di matrice nel penultimo membro sono dati da


cosh(aJ) sinh(aJ)
hs0 |eaJ1 |si =
sinh(aJ) cosh(aJ) s0 s
4

(2.12)

(2.13)


Per ricavare AE facciamo un ansatz, AE (s0 , s) = [c0 + ks0 s + hs].
Allora per s0 = s = 1, dalla matrice

ah
(c0 +k+h)
otteniamo cosh(aJ)e , mentre dalla funzione otteniamo e
, per s0 = 1, s = 1, dalla matrice

otteniamo sinh(aJ)eah , mentre dalla funzione otteniamo e(c0 k+h) . Otteniamo quindi il sistema

ah
(c0 +k+h)

cosh(aJ)e = e
(2.14)

ah
(c0 k+h)
sinh(aJ)e = e
che ha come soluzione
1
ln[sinh(aJ) cosh(aJ)]
2a
1
ln coth(aJ)
k=
2a
=h
h
c0 =

(2.15)

In conclusione,
X

hsf |e H |s0 i =

eHcl

(2.16)

{si =1}

dove
Hcl =

[c0 + ksi+1 si + hsi ]

(2.17)

`e lHamiltoniana del modello di Ising classico in una dimensione. La cosa importante da notare `e che
siamo partiti da un sistema quantistico in zero dimensioni (uno spin in un solo punto) per arrivare ad
un sistema classico in una dimensione.
In Meccanica Statistica, si scrive quindi la funzione di partizione, da cui si ottiene lenergia libera.
Nel caso quantistico:
ZQ = tr eH/T
=
F = T ln ZQ
(2.18)
Se nella nostra ampiezza di transizione poniamo sf = s0 = s e sommiamo su s = 1, troviamo
X
hs|e H |si = tr e H

(2.19)

{s=1}

che `e uguale a ZQ a patto di identificare = 1/T . Esplicitando il primo membro della (2.19) tramite la
discretizzazione dellintervallo temporale:
X

N
1
Y

{si =1},s0 =sN

i=0

hs|e H |si =

{s=1}

hsi+1 |eaH |si i

(2.20)

Riprendendo il modello di Ising 1D classico,


Hcl = k

si+1 si h

si

in Statistica classica avevamo


Zcl =

eHcl

(2.21)

{si =1}

che `e uguale in forma a ZQ . Da questo concludiamo che la funzione di partizione quantistico di un solo
spin `e uguale alla funzione di partizione classica di una catena di N spin.
Questo risultato si pu`
o generalizzare e prende il nome di QUANTUM-CLASSICAL MAPPING:
la statistica di un sistema quantistico in d dimensioni `e equivalente alla statistica di un sistema classico
in d + 1 dimensioni.

Esempio 2.
Consideriamo un certo sistema quantistico descritto dallHamiltoniana H. Supponiamo che gli autostati
di H siano non degeneri. La funzione di partizione e lenergia libera saranno rispettivamente ZQ =
tr eH/T , F = T ln ZQ . Ci chiediamo cosa rappresenta
lim F

T 0

Per capirlo, scriviamo


ZQ =

hn|eH/T |ni = eE0 /T h0|0i + eE1 /T h1|1i +

se assumiamo di aver correttamente normalizzato gli autostati, cio`e hn|ni = 1 n, allora




= eE0 /T + eE1 /T + = eE0 /T 1 + e(E1 E0 )/T +
dato che En > E0 per ogni n > 1, tutti i termini della serie saranno soppressi esponenzialmente nel
limite T 0, quindi teniamo solo il termine dominante. Otteniamo pertanto:
lim F = E0

T 0

cio`e nel limite di temperatura nulla, lenergia libera coincide con lenergia dello stato fondamentale.
Questo ci consente inoltre di scrivere
lim eH = |0ih0|eE0

Esempio 3.
Consideriamo il modello di Ising in assenza di campo esterno:
X
HI = k
si+1 si
i

Definiamo la funzione di correlazione


hsm s` i =

1
ZI

sm s` eHI

(2.22)

{si =1}

Come si interpreta la funzione di correlazione quantisticamente? Fissiamo innanzitutto m > `, e


discretizziamo come al solito lintervallo [0, ] in modo che ` = ` a, m = m a. Allora
hsm s` i =

1
ZI

1
=
ZI

eAE (sN ,sN 1 ) eAE (sm+1 ,sm ) sm eAE (s`+1 ,s` ) s` eAE (s1 ,s0 )

{si =1}

3
hsN |eaH |sN 1 i hsm+1 |eaH m
|sm i hs`+1 |eaH `3 |s` i hs1 |eaH |s0 = sN i

{si =1}

1 h (N m)aH 3 (m`)aH 3 `aH i


=
tr e
e
e
ZQ
dove abbiamo usato le relazioni di completezza e il fatto che ZI ZQ . Nel limite a 0, `, m, N :
1 h ( m )H 3 (m ` )H 3 ` H i
tr e
e
e
hsm s` i =
ZQ
Passiamo in rappresentazione di Heisenberg i (t) = eiHt i eiHt , estendendola a tempi immaginari,
i ( ) = eH i eH
Troviamo quindi
hsm s` i =


1  H 3
tr e
(m ) 3 (` )
ZQ
6

Se ` > m, avremmo ottenuto gli operatori in ordine inverso. Quindi, in generale, nel limite ,
usando lesempio precedente, si ha
hsm s` i = h0|T { 3 (m ) 3 (` )}|0i

(2.23)

che ricorda una funzione di correlazione a due punti (propagatore).


Adesso facciamo una trattazione pi`
u formale del path integral. Consideriamo unHamiltoniana
generica H non dipendente dal tempo e uno stato |i che soddisfa lequazione di Schrodinger

|i = H|i
t
Lo stato ad un generico istante t0 e legato al valore dello stato ad un istante t < t0 da un operatore
unitario:
|(t0 )i = U (t0 , t)|(t)i
(2.24)
i~

Loperatore di evoluzione temporale U (t0 , t) nel caso di Hamiltoniana indipendente dal tempo:
0

U (t0 , t) = eiH(t t)

(2.25)

Possiamo usare la rappresentazione spaziale per risolvere lequazione di Schrodinger. Se q `e la nostra


coordinata spaziale, la rappresentazione spaziale `e definita come
(q) hq|i,

q|qi = q|qi

(2.26)

Loperatore di evoluzione temporale nello spazio delle q diventa


0

U (q 0 , t0 ; q, t) = hq 0 |eiH(t t) |qi

(2.27)

e la relazione (2.24) si scrive:


(q 0 , t0 ) =

dq U (q 0 , t0 ; q, t)(q, t)

(2.28)

Inseriamo nella (2.27) un set completo {|ni} di autostati di H usando la relazione di completezza,
X
0
U (q 0 , t0 ; q, t) = hq 0 |eiH(t t)
|nihn|qi
n

iEn (t0 t)

hq 0 |nihn|qi

n
0

n (q 0 )n (q)eiEn (t t)

(2.29)

Per calcolare esplicitamente U , assumiamo che lHamiltoniana abbia la struttura H = T + V , dove T ,


energia cinetica, dipende solo da p e V , energia potenziale, dipende solo da q. Poniamo t = 0, t0 = t e
discretizziamo lintervallo [0, t] in N intervallini di ampiezza . Allora

N
eiHt = eiH
(2.30)
Usando la formula di Trotter,

eiH = ei(T +V ) ' eiT eiV 1 + O(2 )

(2.31)

in quanto [T, V ] 6= 0. Quello che ci interessa `e un elemento di matrice della forma


hqi+1 |eiT eiV |qi i
Inseriamo in questa espressione un set completo di autostati dellimpulso:
Z
iT iV
hqi+1 |e
e
|qi i = dpi hqi+1 |eiT |pi ihpi |eiV |qi i
Z
2
= dpi eipi /2m hqi+1 |pi ihpi |eiV |qi i
Z
2
= dpi eipi /2m eiV (qi ) hqi+1 |pi ihpi |qi i
Z
2
= dpi eipi /2m eiV (qi ) ei(qi+1 qi )pi

(2.32)

(2.33)

Mettendo tutto insieme


hqf |e

iHt

|qi i =

Z NY
1

(
)
N
N
1 
Y
X
dpn
qn+1 qn
dqn
exp i
V (qn ) + T (pn ) pn
2~

n=1
n=1
n=1

(2.34)

Lultimo termine nellesponente ci assicura che i cammini in q siano continui, in quanto se la differenza
qn+1 qn `e troppo grande, lesponenziale sarebbe fortemente oscillante e si medierebbe a zero. In questa
situazione, possiamo effettuare il limite del continuo 0, N :
Z
X
qn+1 qn
q(t)

dt,
qn q(t),
pn p(t),

n
ottenendo un integrale funzionale:
hqf |e

iHt

q(t)=qf

|qi i =
q(0)=qi

q(t)=qf

=
q(0)=qi


Z
i t 0
DqDp exp
dt [T [p(t)] + V [q(t)] pq]

~ 0
 Z t

i
dt0 [pq H(p, q)]
DqDp exp
~ 0


(2.35)

Usando adesso lipotesi iniziale sulla forma di H, possiamo integrare via gli impulsi. Essendo T = p2 /2m,
lintegrale in p `e di tipo gaussiano:




Z
1
1
1
N/2
1/2
Ji (A )ij Jj
dv exp vi Aij vj + Ji vi = (2)
(det A) exp
(2.36)
2
2
Svolgendo lintegrale, si ha
hqf |eiHt |qi i =

q(t)=qf

Dq exp
q(0)=qi


 Z t
i
dt0 L(q, q)

~ 0

(2.37)

dove L(q, q)
`e la Lagrangiana del sistema. In approssimazione di punto sella, lesponenziale `e dominato
dal minimo della funzione ad esponente, e questa operazione coincide con il trovare le traiettorie classiche.
Esempio 4 (Operatore evoluzione per una particella libera 1D).
p2
2m
Questo calcolo pu`
o essere fatto immediatamente senza utilizzare il path integral. Infatti:
Z
Z
2
hxf |eiHt |xi i = dphxf |eiHt |pihp|xi i = dp eip t/2m hxf |pihp|xi i



Z
Z
it
2m
2
ip2 t/2m ip(xf xi )
= dp e
e
= dp exp
p(xi xf )
p +
2m
t
 m 1/2
2
=
eim(xf xi ) /2t
2it
H=

Esempio 5 (Oscillatore armonico).


p2
1
+ m 2 x2
2m 2
 Z t


1
1
Dx exp i
dt0 mx 2 m 2 x2
2
2
0

H=
hxf |eiHt |xi i =

x(t)=xf

x(0)=xi

Sviluppiamo intorno allazione classica. La soluzione classica delloscillatore armonico `e xcl (t) = A sin(t)+
B cos(t), con A, B dati dalle condizioni al contorno:
A=

xf
xi cot(t),
sin(t)
8

B = xi

Alla traiettoria classica associo lazione classica Scl :






Z t
1
1
1
2xf xi
Scl =
dt0 mx 2cl (t) m 2 x2cl (t) = m (x2f + x2i ) cot(t)
2
2
2
sin(t)
0
Quindi in prima approssimazione
hxf |eiHt |xi i = eiScl
Andiamo quindi allordine successivo: S = Scl + S 0 , cio`e x(t) = xcl (t) + r(t), con r piccola correzione alla
traiettoria classica. Allora

Z

1
2 S
0
0

S[x(t)] = S[xcl (t) + r(t)] ' Scl +
dtdt r(t )
r(t)
2
r(t0 )r(t) r=0
Rimaniamo pertanto con

1/2
 Z
 
Z
Y


i
2 S
2 S


= (2)1/2
1/2
eiScl Dr exp
r(t)
=
2
det
dt0 dt r(t0 )
n


0
0
2
r(t )r(t) r=0
r(t )r(t) r=0
n
dove gli n sono gli autovalori della matrice.

2.1

Path integral Meccanica Statistica

Consideriamo un sistema quantistico descritto da unHamiltoniana H. La Meccanica Statistica segue


dal paradigma di Gibbs:
X
1
Z = treH =
eEn ,
=
T
n
Osserviamo quindi che la funzione di partizione pu`o essere scritta come un path integral. La connessione
`e data dal prolungamento analitico del tempo in Meccanica Quantistica Standard:
eiHt eH ,

t i,

con =

(2.38)

Sia q una coordinata continua con cui descriviamo il sistema, di cui conosciamo un set completo di
autostati, q|qi = q|qi. Allora
Z
Z
Z=
dq hq|eH |qi =
hq, i|eH |q, 0i dq
(2.39)

Assumendo sempre per semplicit`


aH=

p2
+ V (
q ), con gli stessi passaggi si arriva a:
2m

Z=

Z Y
N

dqn

i=1

dpn AE (pn ,qn )


e
2

(2.40)

dove AE (pn , qn ) `e una funzione definita nello spazio euclideo quadratica nelle p. Se `e quadratica nelle p,
posso come prima svolgere lintegrale gaussiano ed ottenere
(
"
#)

2
Z Y
N
N
X
1
qn qn1
dqn exp 
m
+ V (qn )
(2.41)
Z=K
2

n=1
i=1
che presenta la stessa forma del caso dellevoluzione temporale (a patto di identificare  = ia). Nel
limite  0, N , otteniamo una sorta di azione euclidea:

 Z
Z
1 02
SE = d
mq ( ) + V (q( )) d LE (q, q 0 )
(2.42)
2
In sostanza `e come se avessimo fatto la sostituzione L(q, q)
LE (q, q 0 ), e di conseguenza
" Z
#
Z Y
N

Z=K
dqn exp
d LE (q, q 0 ) ,
q(0) = q()
n=1

(2.43)

Il vantaggio di questa formulazione `e che adesso lesponenziale `e reale, il che assicura una convergenza
migliore rispetto allesponenziale complesso. Il limite classico si recupera aumentando la temperatura:
allora 0, cio`e gli intervallini in cui discretizzo sono gi`a infinitesimi e quindi `e sufficiente fare un
singolo integrale per ottenere
Z
dqdp eHcl (p,q)

Zcl =

2.2

(2.44)

Matrice densit`
a

Sappiamo che il valor medio di un operatore su un ensemble statistico `e dato da


X
hOi = Z 1 tr(OeH ) = Z 1
eEn hn|O|ni

(2.45)

Ma `e anche vero che


hOi = Z 1

hq|O|q 0 ihq 0 |eH |qi

(2.46)

q,q 0

Se definiamo a questo punto la matrice densit`


a
%(q, q 0 ) Z 1 hq 0 |eH |qi

(2.47)

hOi = tr(%O)

(2.48)

otteniamo immediatamente che


Esempio 6.
Per loscillatore armonico:
hq 0 |eiHt |qi =

m
2i~ sin(t)

1/2


exp



0
qq 0
i
m (q 2 + q 2 ) cot(t) 2
2
sin(t

Scriviamo quindi la matrice densit`


a:
%(q, q 0 ) = Z 1 hq 0 |eH |qi =

m
2 sinh()

1/2




0
qq 0
1
exp m (q 2 + q 2 ) coth() 2
2
sinh()

Per T 0 ( ), la matrice densit`


a diventa il proiettore sul ground state, quindi dobbiamo trovare
0 (q)eE0 (q)
dove 0 (q) `e la funzione donda dello stato fondamentale delloscillatore armonico.

2.3

Propriet`
a generali del path integral

1. La misura di integrazione Dq `e invariante per traslazione q(t) q(t) + f (t).


2. Fattorizzazione:

Z
hqf , t|q, 0i =

dq 0 hqf , t|q 0 , t0 ihq 0 , t0 |q, 0i

Da ricordare che lo stato |q, ti eiHt |qi non `e levoluto temporale di |qi, ma lo stato stesso in
rappresentazione di Heisenberg. Se q|qi = q|qi, allora, definendo qH (t) eiHt qeiHt si ha
qH (t)|q, ti = eiHt qeiHt eiHt |qi = eiHt q|qi = qeiHt |qi = q|q, ti
Gli stati |q, ti a t fissato formano comunque un set completo.
3.

0
00
iH(t00 t) |qi hq 0 , t0 |O
H (t00 )|q, ti
hq 0 |eiH(t t ) Oe

H (t) denota la rappresentazione di Heisenberg delloperatore O.

dove O

10

Introduciamo due relazioni

q 0 (t0 )

Dq eiS q 0 (t0 ) = q 0 hq 0 , t0 |q, ti

(2.49)

q(t)

q 0 (t0 )
00

Dq q(t )e

iS[q]

Z
=

dq

00

q 00 (t00 )

Dq e

q(t)

iS[q]

00

q 0 (t0 )

q(t )

Dq eiS[q] = hq 0 , t0 |
q (t00 )|q, ti

(2.50)

q 00 (t00 )

q(t)

se t < t00 < t0 . Estendendo a due operatori q:


Z

q 0 (t0 )

Dq q(t1 )q(t2 )eiS[q] = hq 0 , t0 |


q (t2 )
q (t1 )|q, ti,

t0 > t2 > t1 > t

q(t)

In generale si ha
Z

q 0 (t0 )

Dq q(t1 ) q(tn )eiS[q] = hq 0 , t0 |T {


q (tn ) q(t1 )}|q, ti

(2.51)

q(t)

Il discorso pu`
o essere esteso a sistemi con pi`
u gradi di libert`a discreti, a patto che la Lagrangiana sia
della forma
1X
=
qi Aij qj V (q)
(2.52)
L(q, q)
2 i,j
cio`e il termine cinetico deve essere quadratico e la matrice A non deve dipendere da q.

2.4

Funzionali generatori

Particolare interesse in questo contesto assumono gli oggetti della forma


h0|T {
q (t1 ) q(tn )}|0i
detti correlatori. Questi consentono di costruire la teoria perturbativa, e possono essere ricavati per
un generico numero di operatori q a partire dalla conoscenza di funzionali detti funzionali generatori.
Partiamo dallespressione
Z
hq 0 , t0 |T {
q (t1 ) q(tn )}|q, ti = Dq eiS q(t1 ) q(tn )
e definiamo
0

hq , t |q, tiJ

Dq e

i[S+

dt J(t)q(t)]

(2.53)

Allora
(i)n


Z

n
hq 0 , t0 |q, ti
= Dq eiS q(t1 ) q(tn ) = hq 0 , t0 |T {
q (t1 ) q(tn )}|q, ti
J(t1 ) J(tn )
J=0

(2.54)

La funzione donda dello fondamentale `e data da


0 (q, t) = eiE0 t hq|0i = hq|eiHt |0i hq, t|0i
Osserviamo che
Z

dqdq 0 h0|q 0 , t0 ihq 0 , t0 |T {


q (t1 )
q (t2 )}|q, tihq, t|0i

dqdq 0 0 (q 0 , t0 )hq 0 , t0 |T {
q (t1 )
q (t2 )}|q, ti0 (q, t)

h0|T {
q (t1 )
q (t2 )}|0i =
=

11

(2.55)

Definiamo a questo punto il funzionale generatore delle funzioni di correlazione:


Z
Z[J] dqdq 0 0 (q, T 0 )hq, T 0 |q, T iJ 0 (q, T )

(2.56)

Il funzionale Z[J] soddisfa la relazione




n Z[J]

= h0|T {
q (t1 ) q(tn )}|0i
(i)
J(t1 ) J(tn ) J=0
n

(2.57)

` possibile scrivere Z[J] in termini di path integrale osservando che


E
0

eiE0 (t t)
hq 0 , t0 |q, tiJ
0
ti t +
0 (q)0 (q )

Z[J] = lim
Infatti
hq 0 , t0 |q, tiJ =

lim
0

(2.58)

dqT dqT 0 hq 0 , t0 |qT 0 , T 0 ihqT 0 , T 0 |qT , T ihqT , T |q, ti

Usando la relazione
0

lim hq 0 , t0 |q, T i = 0lim hq 0 |eiH(t T ) |qi = 0 (q 0 )0 (q)eiE0 T eE0 t

t0 i

t i

per tutti i prodotti allinterno dellintegrale otteniamo


Z
Z[J] = N 0lim lim
Dq eiSJ ,

d t (L Jq)

SJ =

t i ti

t0

(2.59)

dove N `e una normalizzazione irrilevante in quanto indipendente da J e lazione SJ `e definita nel


` molto pi`
Minkowski. E
u comodo, tuttavia, lavorare direttamente nelleuclideo (t = i ):
"
#
Z
Z 0

ZE [J] = 0lim

Dq exp SE [q] +

lim

1
LE = m
2

con

dq
d

2
+ V (q)



n ZE [J]
1

= h0|T {
q (1 ) q(n )}|0i
ZE [0] J(1 ) J(n ) J=0

dove q(i ) sono gli operatori di Heisenberg scritti con il tempo immaginario.
Esempio 7 (Campo scalare reale libero).
1
1
m2 2
2
2


Z
Z
R
1
1
ZE [J] = DeSE + dt J ,
SE = dt + m2 2
2
2
L=

Nelleuclideo

Notiamo che possiamo scrivere

ZE [J] = N e 2 JE J
dove N `e una normalizzazione,
Z
E (x) =

d4 k eikx
,
(2)4 k 2 + m2

k 2 k2 + k42

e JE J `e una notazione compatta per


Z
JE J

(2.60)

d LE ,

SE [q] =

d J( )q( )

dxdy J(x)E (x y)J(y)


12

(2.61)

(2.62)

Nel Minkowski:
i

Z[J] = N 0 e 2 JJ ,

Z
(x) =

eik x
d4 k
4
2
(2) k m2 + i

con k 2 = (k 0 )2 k2 .
Possiamo pensare adesso di sviluppare Z[J] formalmente in serie di Taylor:
Z

X
1
Z[J] =
dx1 dxn G(n) (x1 , . . . , xn )J(x1 ) J(xn )
n!
n=0

(2.63)

dove i coefficienti dello sviluppo G(n) (x1 , . . . , xn ) h0|T {(x1 ) (xn )}|0i, sono le funzioni di Green
a n punti della teoria. A partire da Z[J] possiamo costruire un altro funzionale generatore mediante la
definizione
Z[J] eW [J]/~ ,
W [J] ~ ln Z[J]
(2.64)
W [J] prende il nome di funzionale generatore delle funzioni di correlazione connesse. Per W vale uno
sviluppo analogo a quello di Z[J]:
Z

X
1
dx1 dxn Gc(n) (x1 , . . . , xn )J(x1 ) J(xn )
W [J] =
n!
n=1
(n)

dove Gc

(2.65)

sono le funzioni di Green a n punti connesse. Valgono le seguenti propriet`a:

hic = hi
h(x1 )(x2 )ic = h(x1 )(x2 )i h(x1 )ih(x2 )i

2.5

Azione efficace

A partire da W si costruisce infine un funzionale pi`


u utile tramite la definizione
Z
() + W (J) J = 0

(2.66)

con la condizione di stazionariet`


a rispetto a J a fissato:
W (J)
=0
J

(2.67)

Usando queste due relazioni, si arriva a scrivere il funzionale , detto azione efficace come sviluppo in
serie:
Z

X
1
() =
dx1 dxn (n) (x1 , . . . , xn )(x1 ) (xn )
(2.68)
n!
n=1
dove (x) (x) h(x)i e i coefficienti dello sviluppo (n) rappresentano le somme dei diagrammi di
Feynman a n punti irriducibili a una particella (1PI).
Definiamo infine le funzioni di Green connesse con gambe esterne amputate:
G(n)
c,amp (x1 , . . . , xn )

Z
=

dy1 dyn

n
Y

S(xi yi )G(n)
c (y1 , . . . , yn )

(2.69)

i=1
(2)

dove S(xi yi ) `e linversa della funzione di Green connessa a due punti: S(xi yi )Gc (xi , yi ) = 1.

13

2.6

Approssimazione semiclassica

Proviamo a calcolare qualcosa nel limite ~ 0. Scegliamo unazione del tipo (le integrazioni sono
sottointese)
Z
1
Z(J) = DeS+J
S = K + V (),
2
Al punto sella
Z(J) eS()+J
dove `e il minimo dellesponente, detto anche soluzione classica cl , soluzione di
K +

V
=J

Risolvendo perturbativamente questequazione si trova


lim () = S(cl )
~0

Path integral e teoria delle perturbazioni


h2 |e(t2 t1 )H |1 i =

Z
(t1 )=1
(t2 )=2

D eS() ,

S() =

dD x

1
1
E, E, + m2 2 + V ()
2
2

Regolarizziamo la teoria discretizzando lo spazio-tempo: RD ZD . Scegliamo un passo reticolare unico


a:

X  (i+ i )2
+
V
(
)
S = aD
i
a2
i,

avendo inglobato la massa nel potenziale. Osserviamo che S aD2 : se D > 2, nel limite a 0 non
abbiamo garanzia che la differenza vada a zero.
Per la teoria libera (V = 0) avremo
Z
1
Z0 (J) = D e 2 K+J ,
K(x y) ( + m2 ) (4) (x y)
(3.1)
Il propagatore `e linverso delloperatore K, e ci consente di scrivere il funzionale libero usando gli
integrali gaussiani come
1
(3.2)
Z0 (J) = N e 2 JJ
Si ha che
1 )(x
2 )}|0i
h0|T {(x

1
2 Z0 (J)
= (x1 x2 )
Z0 (0) J(x1 )J(x2 )

(3.3)

Adesso aggiungiamo un termine di interazione


Z
V () =

4
(x) dD x
4!

(3.4)

e scriviamo
Z

D e( 2 KJ+V ())
(

4 )
Z

D
= exp
d x
Z0 (J)
4!
J(x)

Z(J) =

(3.5)

La teoria delle perturbazioni segue dallo sviluppo in serie dellesponenziale. Per far ci`o, useremo le
identit`
a

I(A, b) =

Z Y
N

dxi e

12

P
i,j

xi Aij xj +

bi xi

i=1

14

= (2)N/2 (det A)1/2 e 2

P
i,j

bi (A1 )ij bj


hxk1 xkn i

1
I(A, 0)

dxk1 dxkn xk1 xkn e 2 xAx =

I(A, b)
I(A, 0) bk1
bkn
b=0

e il teorema di Wick:
hxk1 xk2 i = A1
k1 k2
1
1
1
1
1
hxk1 xk2 xk3 xk4 i = A1
k1 k2 Ak3 k4 + Ak1 k3 Ak2 k4 + Ak1 k4 Ak2 k3

(3.6)

Sviluppiamo quindi perturbativamente:


#
"

4
 2 Z
4 
4

Z

Z(J) = 1
dx
+
+ Z0 (J)
dx1 dx2
4!
J(x)
2 4!
J(x1 )
J(x2 )

(3.7)

Allora
"


4
 2 Z
4 
4
Z

1
dy
+
dy1 dy2
h(x1 )(x2 )i
Z(0) J(x1 ) J(x2 )
4!
J(y)
2 4!
J(y1 )
J(y2 )
+ ] Z0 (J)|J=0

"

4
Z

1


=
Z0 (0)
dy
Z0 (J)

Z(0)
4! J(x1 ) J(x2 )
J(y)
J=0

#
 2

4 
2
Z

1

dy1 dy2
Z0 (J)
+
+

2 4!
J(x1 ) J(x2 )
J(y1 )
J(y2 )
J=0

Z
1
Z0 (0) dy h(x1 )(x2 )4 (y)iZ0 (0)
=
Z(0)

Z
+2 dy1 dy2 h(x1 )(x2 )4 (y1 )4 (y2 )iZ0 (0) +
Assumiamo che Z(J) sia ben definito a partire dallo sviluppo perturbativo. Allora
Z
S+J
D
e
=0

da cui

Z
B(J) =



S S+J
D J
e
=0

(3.8)

(3.9)

con

1
K + V ()
2
Ma se B(J) `e nullo, lo sar`
a automaticamente un qualunque numero di sue derivate rispettoa J. Da ci`
o
otteniamo un numero infinito di relazioni tra le correlazioni quantistiche. Lequazione (3.8) pu`o essere
anche riscritta come

 

J K
+
Z(J) = 0
(3.10)
J
J
S=

Se effettuiamo la sostituzione (x) (x) + F (x; ), con   1 allora


Z
S
S() ' S() +  dx
F (x; )
(x)
Nellintegrale funzionale dobbiamo per`
o inserire lo Jacobiano della trasformazione


(x)
F (x; )
J = det
= det (x y) + 
(y)
(y)
15

(3.11)

Usando lidentit`
a ln det M = tr ln M :
ln det [(x y) + A(x, y; )] = tr ln(1 + A) '  trA
da cui



F
J ' exp  tr

(3.12)

e di conseguenza



Z
F (x; ) S()
S
Z (J) Z (J) = D 1 +  tr
e
1  dx F (x; ) eJ (1 +  JF )
(y)





Z
Z
S
F (x; )
S()+J
S()+J
2
dx F (x; ) + JF e
= D e
+  tr
+ O( )
(y)



Z
Z
S
F (x; )
dx F (x; ) + JF eS()+J + O(2 )
(3.13)
= Z (J) +  D tr
(y)

I termini in  dovranno dunque annullarsi, pertanto




Z
Z
F
S
D tr
dx F (x, ) + JF eS()+J = 0

3.1

(3.14)

Approssimazione semiclassica - II
Z
Z(J) =

~0

D e(SJ)/~ e(S(cl )Jcl )/~

con


S
=J
cl

Per unazione del tipo S = 12 K + V () la relazione precedente diventa


Kcl +

V
(cl ) = J

(3.15)

Risolviamo perturbativamente la (3.15) in V , prendendo come caso concreto V = 4 /4!. Allordine


zero in V :
(0)
(0)
Kcl = J
=
cl = K 1 J = 0 J
(3.16)
Allordine uno:

1 (0) 3

K (cl ) = 0 J 0 (0 J)3
(3.17)
3!
3!
Sempre allordine zero in ~, W (J) = ~ ln Z(J) = S(cl ) + Jcl + O(~), con cl cl (J). Adesso
possiamo scrivere lazione efficace:
(1)

cl = 0 J

() = W (J) + J = S(cl ) Jcl + J

(3.18)

con la condizione di stazionariet`


a
W
=
= cl +
J

cl
[S(cl ) + Jcl ] = cl
J cl

(3.19)

in quanto il termine in parentesi quadra corrisponde allequazione classica, e quindi `e nullo. Otteniamo
pertanto
(cl ) = S(cl )
(3.20)
cio`e allordine zero in ~, lazione efficace coincide con quella classica. Inoltre da
X 1 Z
! 1
() =
dx1 dxn (n) (x1 , . . . , xn )(x1 ) (xn ) = K + V ()
n!
2
n

(3.21)

possiamo estrarre le funzioni 1PI. Per esempio, (2) = 1


0 = K. In conclusione, la storia dei diagrammi
allordine albero altro non `e che il limite semiclassico della trattazione con lazione efficace.
16

3.2

Ordine ~

Allordine ~ scriviamo = cl + ~1/2 , allora


~
S() J = S(cl ) Jcl +
2



2 S

(x2 )
dx1 dx2 (x1 )
(x1 )(x2 ) =cl

(3.22)

da cui
Z
Z(J) = Zcl (J)

#
!1/2


2

S
1
2 S


= Zcl (J) det
D exp
2 (x1 )(x2 ) =cl
=cl
"

(3.23)

e
dove

W (J) = Wcl (J) + ~W1 (J) + O(~2 )

(3.24)


2 S

= K(x1 x2 ) + 2cl (x1 )(x1 x2 ) A(x1 , x2 ; J)



=cl
2

(3.25)

`e una matrice continua che dipende da x1 , x2 e J. Dobbiamo calcolarne il determinante: lo normalizziamo


dividendo per det A(x1 , x2 ; 0). Allora
#
"




1
2 S
2 S

1
2
=

ln
tr
ln
(x

x
)
+

(x

x
)
W1 (J) = tr ln
1
2
0
1
2
cl
2
=cl (J)
J=0
2
2
Sviluppando il logaritmo e facendo la traccia otteniamo
Z
Z

1 2
1
dx (x, x)2cl (x) +
dx1 dx2 (x1 , x2 )2cl (x2 )(x2 , x1 )2cl (x1 )
W1 (J) '
2
2
4 4
|
{z
}
diagrammi a un loop

(3.26)

Infine () = S() + ~1 (), con condizione di stazionariet`a = W/J. non riceve contributi
lineari in ~, ma solo quadratici, quindi = cl (J) anche allordine ~, () = J W0 (J) ~W1 (J) =
S() ~W1 (J(cl )), quindi


1

1 () = tr ln (x1 x2 ) + (x1 , x2 )2cl


(3.27)
2
2
Sviluppando 1 perturbativamente in :
Z
Z
1
2
1
(x, x)(x) + C (x1 , x2 )2 (x2 )(x2 , x1 )2 (x1 )
22
otteniamo i diagrammi a 1 loop con gambe amputate, ossia i diagrammi a un loop 1PI. In generale, il
numero di loops corrisponde alla potenza di ~ dellordine dello sviluppo. A ciascuna linea interna di un
diagramma corrisponde un propagatore che porta una potenza di ~. Ogni vertice porta una potenza ~1
(dallo sviluppo dellesponenziale). Unulteriore potenza di ~ vviene dalla definizione di W . Allora
potenza di ~ = ~IV +1

(3.28)

con I numero di linee interne, V numero di vertici. Quindi il numero L di loops sar`a dato da:
L=I V +1

4
4.1

(3.29)

Path integral in teoria fermionica


Stati coerenti bosonici

Gli stati coerenti (per una teoria bosonica) sono definiti come gli autostati (nello spazio di Fock)
delloperatore di distruzione associato al campo:
P
ai |i = i |i,
|i = e i ai |0i
(4.1)
17

Gli stati coerenti ci permettono di scrivere una relazione di completezza:


Z Y
di di P i i
|ih| = 1
e

4.2

(4.2)

Stati coerenti fermionici

La derivazione degli stati coerenti per una teoria fermionica non `e immediata come nel caso bosonico, in
quanto gli operatori di distruzione anticommutano.
ai |i = i |i
Occorre quindi dare una struttura anticommutante agli autovalori
i j + j i = 0

(4.3)

Utilizziamo a questo scopo lalgebra di Grassmann, le cui regole fondamentali sono


1. Se f () `e una funzione analitica di una variabile di Grassmann, allora
f () = f (0) + f 0 (0)

(4.4)

in quanto tutti i termini successivi sono nulli dato che 2 = 0.


2. Loperatore differenziale deve anticommutare con le variabili:

j = ij
i

(4.5)

3. Regole di integrazione:
Z

Z
d = 1

(4.6)

f ()

(4.7)

d() ei Aij j = det A

(4.8)

d 1 = 0,
da cui segue che
Z

d f () = f 0 (0) =

4. Se A `e una matrice, si ha
Z

Usando queste regole, `e possibile costruire gli stati coerenti per i fermioni:
P
|i = e i ai |0i
=
aj |i = j |i

(4.9)

Costruiamo adesso il bra indipendentemente dal ket (per i bosoni era sufficiente fare lhermitiano
coniugato):
P
(4.10)
h| = h0|e i ai
Le i non hanno alcun collegamento con le i del ket. Calcoliamo a questo punto
P
h|i = e i i
Partendo da questa relazione, riusciamo a costruire una relazione di completezza analoga a quella
bosonica:
Z
dd e |ih| = 1
(4.11)
Infatti, prendendo il valor medio sul vuoto:
Z

dd e

Z
h0|ih|0i =

"

dd e

h0| |0i

# "
X
i

18

i ai |0i

h0| + h0|

#
X
i

i ai |0i

Usando che h0|ai = 0, ai |0i = 0,


Z
=

dde =

Z
dd(1 )

dove abbiamo inserito lo sviluppo dellesponenziale secondo le regole dellalgebra di Grassmann. Adesso,
sfruttando le regole di integrazione (che annullano lintegrale della costante) pi`
u il fatto che le variabili
di Grassmann anticommutano, otteniamo
Z
Z
Z
= dd = d d = 1

4.3

Path integral
H=

ai Tij aj +

i,j

uijkl ai aj ak al

ai ai

(4.12)

i,j,k,l

Costruiamo lintegrale funzionale associato a questa teoria tramite la funzione di partizione. Inizialmente,
consideriamo solo il primo ed il terzo termine:
%=

1 H
e
,
Z

Z = tr eH

da cui
Z

S=

d [ + H(, )],

(0)=()

bosoni

(4.13)

fermioni

(4.14)

Z
Z=

D() eS(,) ,

Z=

D() e
(0)=()

S(,)

Z
,

S=

d [ + H(, )],
0

(0)=()

Questi sono i risultati. Ricaviamoli: sia |ni un set completo di autostati di H. Allora
X
X Z Y d di
i
H
hn|ih|eH |nie
Z=
hn|e
|ni =

n
n
i
Per completezza,

|nihn| = 1,
Z

d() e h|eH |i

Z=

(4.15)

La funzione di partizione `e adesso espressa come una traccia in , , pesata con un fattore esponenziale.
Discretizziamo il tempo, = N t, e quindi eN tH = etH etH (N volte). Insieriamo in mezzo
ad ogni fattore un set completo di autostati:
Z=

Z NY
1

d(a a )e

PN 1
a=0

a a

h|etH |N 1 i h1 |etH |i

a=0

con 0 = N . Si ha inoltre, in generale,

h|etH(a

,a)

|0 i = etH(, ) h|0 i

(4.16)

Infatti, al primo ordine


h|(1 tH(a , a))|i = (1 tH(, 0 ))h|0 i
Per la Z arriviamo quindi a
Z=

Z NY
1

(
da a exp

a=0

Z NY
1
a=0

N
1
X

)


H(a+1 a )t + a+1 a a a

a=0

(
da a exp t

N
1 
X
a=0

19

a a
H(a+1 , a ) +
t

)

eseguendo adesso il limite del continuo N , t 0, = N t = cost., otteniamo appunto


lespressione (4.13). Concentriamoci adesso sullHamiltoniana, che ha la forma
X
X
ai ai
H=
ai hij aj
i

i,j

Diagonalizzando la matrice hij troviamo i modi normali ba , ba e le relative autofrequenze a , per cui
lHamiltoniana risulta diagonale
X
H=
(a )ba ba
a

Il path integral ci dice quindi che lazione sar`a della forma


Z X
S=
dt
i [hij ij + t ij ]j
0

i,j

Avendo condizioni periodiche al contorno su un intervallo finito possiamo passare in trasformata di


Fourier:
1 X in t
2n
i (t) =
i,n e
,
n =
(4.17)

n
da cui
S=

XX
i,n (in ij + h0ij )j,n ,
n

h0ij hij ij

i,j

Z=

Z Y

X
X
(i + h0 )
) exp

d(
n ij
j,n
n n
i,n
ij
n

Siano a questo punto n,a gli autostati di h0ij ed a i rispettivi autovalori. Lazione diventa
XX
XX
S=
n,a (in ab + a ab )n,b =
n,a (a in )
a
n

a,b

Dalla funzione di partizione ricaviamo lenergia libera:


XX
F = T ln Z = +T
ln(a in )
a

(4.19)

e di conseguenza nella Z avremo solo integrali gaussiani:


"
#
Z Y
Y
X
YY
Z=
d( n n )
exp
n,a (a in )
n,a =
n

(4.18)

i,j

a in

(4.20)

(4.21)

Risolvendo prima la somma su n ritroviamo il risultato noto dalla Statistica,


X
F
ln(1 + ea )
a

Passiamo ai fermioni. Usando la pseudo-relazione di completezza, arriviamo ad unespressione molto


simile al caso bosonico (i passaggi sono gli stessi):
Z
Z = d()h|eH |i e
(4.22)
Il segno meno nel bra `e la differenza fondamentale con il caso bosonico, che porter`a alla fine ad avere
condizioni antiperiodiche per i fermioni. La trattazione `e quindi identica, con alcuni accorgimenti: le
frequenze di Fourier sono date da
(2n + 1)
n =

e lespressione finale dellenergia libera diventa


X
X
F = T
ln(a in ) = T
ln(1 + ea )
(4.23)
a,n

20

Rinormalizzazione

5.1

Divergenze nella teoria delle perturbazioni

Consideriamo un campo scalare reale (per esempio il 0 ) descritto dalla Lagrangiana


1
1

m2 2 4
2
2
4!
e vogliamo calcolare la sezione durto del processo 0 0 0 0 :
R 4 4
hk1 k2 |S|p1 p2 i,
S = T ei d x 4!
L=

(5.1)

A questi diagrammi possiamo associare le funzioni di correlazione connesse ed amputate a quattro punti
p2
p2

k2

k1
k2

p1

p1

p1

k1

p2

q p1 p2

k2

p2

k1

p1

q
k1
q p1 p2

k2

(4)

G(4)
c,amp (k1 , k2 , p1 , p2 ) =

Gc (k1 , k2 , p1 , p2 )
Q (2)
Gc

dove la produttoria a denominatore `e estesa ad ogni linea esterna. Proviamo a calcolare le funzioni
(4)
connesse Gc h0|T {(x1 )(x2 )(x3 )(x4 )}|0ic . I contributi allordine albero e ad un loop saranno:

Q4

2
i=1 (ki

+ m2 )1

(x1 x2 )2

In trasformata feynmp tadpoledi Fourier


2 Z
Y
1
d4 ki
(x1 x2 )2 =
eik(x1 x2 )
4 k 2 + m2
(2)
i
i=1
Z
Z
4
d p ip(x1 x2 )
d4 k
1
1
e
=
4
(2)
(2)4 k 2 + m2 (k p)2 + m2
Si vede immediatamente che lintegrale in k per grandi valori diverge logaritmicamente. Diremo quindi
che lintegrale diverge UV (ultravioletto) logaritmicamente. Ci domandiamo se sia possibile in qualche modo curare queste divergenze. Facciamo innanzitutto la seguente osservazione: se allintegrale
divergente sottraiamo il termine con p = 0 otteniamo lintegrale

d4 k
(2)4

1
1
1

(k 2 + m2 )2
k + m2 (k p)2 + m2
|
{z
}
A

21

(5.2)

che risulta finito. Da dove pu`


o originarsi una simile sottrazione? Se nellazione inseriamo un termine
S = A4 /4!, allora dovremo correggere il vertice a quattro punti da g g A che mi porta lintegrale
inizialmente divergente nella forma della (5.2). Quindi cambiando opportunamente le costanti nellazione
`e possibile curare le divergenze. Un altro strumento utile `e la regolarizzazione, per esempio integrare fino
ad un cutoff finito :
Z
1
1

d4 k
ln
=
A ln
4 k 2 + m2 (k p)2 + m2
(2)
m
m
|k|<
In questo modo `e possibile maneggiare le divergenze pi`
u agilmente. Lidea `e quindi di dire che le quantit`
a
che compaiono nella Lagrangiana di partenza (costanti, campi, ...) sono quantit`a nude (bare). Se siamo
in grado di fare tutti i conti introducendo solo un numero finito di termini allora potremmo essere a posto.

5.2

Modello 3

Assumendo linvarianza per traslazioni della teoria, passiamo in trasformata di Fourier D-dimensionale:
!
Z Y
P
X
i
ki xi (n)
(n)
D
4
(4)
(n)
Gc (x1 , . . . , xn ) =
d xi e i
Gc (k1 , . . . , kn ) = (2)
ki G
c (k1 , . . . , kn )
i

cio`e
!
4 (4)
(n)
G
c (x1 , . . . , xn ) = (2)

ki

(n)
G
c (k1 , k2 , . . . , kn =

ki )

(5.3)

e lo stesso facciamo per lazione efficace:


(n) (x1 , . . . , xn )

c(n) (k1 , . . . , kn )
G
(n) (k1 , . . . , kn ) = Q

(2)
i6=j Gc (ki , kj )

La Lagrangiana di un campo scalare reale con interazione cubica `e


L=

1
g
1
( )2 + m2 2 + 3
2
2
3!

Scriviamo lazione efficace


Z

X
1
dx1 dxn (n) (x1 , . . . , xn )(x1 ) (xn )
n!
n=1
!
Z

X
X
X
1
(n) (k1 , . . . , kn1 , kn =
dk1 dkn (k
1 ) (k
n )(2)D (D)
ki
ki )
=
n!
n=1
i

() = S() + O(~) =

(n) dal confronto con lo sviluppo di Fourier dellazione:


Allordine zero in ~ ricavo le
(2) (k1 , k2 ) = k 2 + m2 ,

k1 = k2 k

(3) (k1 , k2 , k3 = k1 k2 ) = g

0
(n) (k1 , . . . , kn ) = 0

n>3

In quanto lazione classica non contiene termini in di grado maggiore al terzo.


Andiamo allordine successivo:

2 S



1
( + m2 + g)
1
1
1
=
tr
ln
1
+
g
1 () = tr ln 2
= tr ln

2
( + m2 )
2
 + m2
S
2

=0


Z
1
1
dD x hx| ln 1 + g
=

|xi
2
 + m2


Z


1
1
g2
1
1
xi
'
dD x hx g

2
2
2
2
 + m
2  + m  + m
22

(5.4)

Nello spazio degli impulsi avremo, per il primo termine


Z
Z
Z
dD p eip(xy)
(y)|xi
g dD x hx| dD y
| {z }
(2)D p2 + m2

Z
=g

dD x (x)

1
dD p
(2)D p2 + m2

=|xi(x)(xy)

da cui
(1) (p) =

1
p2 + m2

Mentre per il secondo termine si trova


2

(2) (p) = g

1
1
dD k
D
2
2
(2) k + m (k + p)2 + m2

In generale
n
(n) (k1 , . . . , kn1 ) = (1) (n 1)! g 2

1
2

1
1
1
dD k

(5.5)
D
2
2
2
2
(2) k + m (k + k1 ) + m
(k + kn1 )2 + m2

Quindi, al primo ordine,


2
(2) (k) =
(2) +
(2) = k 2 + m2 + g

0
1
2

1
1
dD p
(2)D k 2 + m2 (k + p)2 + m2

Cerchiamo adesso di dare un senso alle divergenze UV (non abbiamo divergenze IR in questo caso perche
m 6= 0). Per k grande,
Z
1
(n)

dD k 2n
k
diverge per n D/2. Poniamoci in D = 6, allora lintegrale diverger`a per n = 1, 2, 3. Regolarizziamo
gli integrali inserendo un cutoff e usiamo lo sviluppo (che abbassa il grado di divergenza):
1
1
2p k
6p2
= 2
2
+ 2
+
2
2
2
2
2
(k + p) + m
k +m
(k + m )
(k + m2 )2
Allora
Z

dD k
1
(2)D k 2 + m2

1
2p k
6p2

+
+
k 2 + m2
(k 2 + m2 )2
(k 2 + m2 )2

ottenendo cos`

 4

m2 2

g
4

+ m ln
+ O(1)
27 3 4
2
m
 2 


p2

2
2
'g
2m +
ln
+ O(1)
2
3
m

' g 3 ln
m

(1) '

1
(2)

1
(3)

(5.6)

Di conseguenza avremo
() = S() + 1 () + O(~2 )
Aggiungiamo quindi allazione un termine del tipo
1
g
S = (Z 1) ( )2 + m2 2 + 3
2
3!

(5.7)

Adesso () = S() + S() + 1 (). Possiamo quindi scegliere Z , m2 , g in modo tale da cancellare
le divergenze (a un loop).

5.3

QED
1
1
/
L = F F ( A )2 + (i/ m) e A
4
2

Le regole di Feynman sono le solite:


23

(5.8)

= i

(g + ( 1)k k /k 2 )
k2

i
i(/
k + m)
= 2
/
k m2
km

= ie

24

e consideriamo lo scattering elettrone/campo elettromagnetico classico. A tree level abbiamo il


diagramma

k
0
= u(p0 )(ie )u(p)Acl
(k = p p)

p0

Mentre allordine successivo (tre vertici, un loop), lunico diagramma non banale divergente `e

k
q + p0

q+p

= u(p0 )(ie )

q
p0

i
i
ig
(ie )
(ie )u(p) 2 A (k)
0
q
/q + p
/ m
/q + p
/m

Calcoliamo il grado di divergenza globale di un diagramma:


R
I propagatori fotonici portano un k 2 + d4 k = +2
R
I propagatori fermionici portano un k 1 + d4 k = +3
Unintegrazione su ogni impulso che gira in un loop.
I vertici impongono le conservazioni dei quadri-impulsi

Allora
DG = 2Bi + 3Fi 4(V 1)

(5.9)

dove DG `e il grado di divergenza globale, Bi `e il numero di propagatori fotonici, Fi di quelli fermionici.


Il V 1 viene dal fatto che esiste una conservazione globale del quadri-impulso. Usando le relazioni
topologiche che intercorrono tra le varie linee:
2Fi + Fe = 2V

2B1 + Be = V

(5.10)

dove il suffisso e sta per esterne, troviamo la seguente espressione:


3
D G = 4 Fe B e
2

(5.11)

Se DG 0, allora il diagramma potrebbe divergere (in realt`a `e solo indicativo). Osserviamo che il
numero di diagrammi con DG 0, alla luce della (5.11), `e finito. Queste divergenze possono essere
eliminate ridefinendo opportunamente i parametri della Lagrangiana:
1
/
L = F F + (i/ m) e A
4
1
/ m (Ze 1)e A
/
(ZA 1)F F (Z 1)i
4
1 B B,
/ B B
= F
F
+ B (i/ (m m))B e0 B A
4

(5.12)

dove ZA , Z , m, Ze sono costanti di rinormalizzazione e


1/2

AB ZA A,

1/2

B Z , e0 Ze1/2 e
25

(5.13)

sono i campi e le costanti bare. Come definiamo le quantit`a fisiche? Ad esempio, la massa dellelettrone
`e definita come il polo della funzione di Green a due punti completa:
G(2)

1
1
1
+
(p)
+ =
p
p
/m p
/m
/m
1

1
i
i
(p)
p

m
p

/
/ m

Tutte le teorie aventi costanti di accoppiamento con dimensioni in energia zero o positive sono rinormalizzabili.

5.4

Regolarizzazione

Prima di procedere a rinormalizzare una teoria, `e necessario regolarizzarla, in modo da parametrizzare


e renderne esplicite le divergenze. Illustriamo alcuni tipi di regolarizzazione:
Regolarizzazione di Pauli-Villairs. Consiste nel pesare gli integrali divergenti con un fattore
esponenziale:
Z
Z
2
2
1
dD q
dD q eq /

' D2
(5.14)
(2)D q 2 + m2
(2)D q 2 + m2
Cut-off. Consiste nellintegrale sugli impulsi minori di un certo , che prende il nome di cutoff
ultravioletto:
Z
Z
1
1
dD q
dD q

' D2
(5.15)
D
2
2
D
2
2
(2) q + m
|q|< (2) q + m
Reticolo. Si discretizza lo spazio-tempo come un reticolo di passo a. Equivalente ad un cutoff UV
1/a. Il vantaggio di questo schema `e che permette di ottenere risultati non perturbativi.
Dimensionale. Si lavora in uno spazio euclideo con numero di dimensioni D non fissato:
Z
Z +
dD q
2 D/2
2
I=
f
(q
)
=
dq q D1 f (q 2 )
(5.16)
(2)D
(D/2) 0
Lidea `e di calcolare gli integrali divergenti in un numero di dimensioni opportuno in cui convergono.
Il parametro che governa la regolarizzazione `e  4 D.
Esempio 8.
Z +
1
dD q 1
dD q t1 q2 t2 (p+q)2
=
e
dt1 dt2
e
D
2
2
(2) q (p + q)
(2)D
0
Z +
t1 t2
2
D/2
dt1 dt2
=
e t1 +t2 p
(2)D 0
(t1 + t2 )D/2


D
2


1
D/2
D
2
=

(p2 )(D4)/2
(2)D
2
(D 2)
Z

I(p) =

La funzione di Eulero presenta dei poli per  0 (D 4):


() '

1
+ O()


(5.17)

Altre regole formali della regolarizzazione dimensionale:

dD q = 0

perche diverge per ogni D.

26

(5.18)

dD q

1
=0
q2

(5.19)

perche diverge (UV o IR) per ogni D.


Tutte le simmetrie dello spazio-tempo quadridimensionale sono preservate:
Z
Z
g
dD q q q f (q 2 ) =
dD q q 2 f (q 2 )
D
Z
dD q q f (q 2 ) = 0

(5.20)
(5.21)

Si possono introdurre inoltre le matrici di Dirac anche in D dimensioni.

5.5

Rinormalizzazione della teoria 4

Lagrangiana euclidea:
L=

1
1

+ m2 2 + 4
2
2
4!

In D dimensioni
[S] = 0,

[] =

D2
,
2

(5.22)

[] = 4 D
(2)

Per D 4, la teoria `e rinormalizzabile. Vogliamo quindi calcolare la Gc (p) = (2) (p)1 a un loop.

(2)
Gc (p)

1
= 2

2
2
p +m
2 p + m2

(4)

Gc (k1 , k2 , k3 , k4 ) =

4
Y

1
=
+
2
k + m2
i=1 i

dD q
1
1
D
2
2
2
(2) q + m p + m2

4
Y

1
2
k + m2
i=1 i

2
2

dD q
1
1
,
D
2
2
(2) q + m (p q)2 + m2

p = k1 + k2

Calcoliamo gli integrali in regolarizzazione dimensionale:


Z
Z
D/2 Z +
dD q
1
dD y
1
y D1
D2
D2 2
=
m
=
m
dy
(2)D q 2 + m2
(2)D 1 + y 2
(D/2) 0
y2 + 1
(/2 1)
= mD2
(4)2/2
Inseriamo lo sviluppo per  0:




(/2)
 1
 2
2
(/2 1) =
= 1
(/2) ' 1 +
' + 1 + O()
/2 1
2
2


da cui
Z

dD q
mD2
=
2
2
q +m
(4)2/2





2
m2
2
16 2
+1 =

1
1
+

ln

16 2

m2

Per la funzione a quattro punti invece si ha




Z
Z 1
dD q
1
1
1
2
1
2
2
'

+
ln(4)

dx
ln[m
+
p
x(1

x)]
(2)D q 2 + m2 (p q)2 + m2
16 2 
2
0
27

(5.23)

(5.24)

Una volta regolarizzate le divergenze, possiamo rinormalizzare. Alla Lagrangiana (5.22), che porta alle
divergenze, aggiungiamo dei controtermini. Poniamo inoltre = v , con v adimensionale e una scala
di massa arbitraria. Aggiungiamo:
Lc.t. =

1
1
v 4
Z + m2 2 +

2
2
4!

(5.25)

in modo tale che questi controtermini cancellino, ordine per ordine, le divergenze. Introduciamo le
costanti di rinormalizzazione e definiamo le quantit`a bare:
0 Z1/2

Z 1 + Z
Zm 2
m2 + m2

m
Z
Z
Zv
v + v
 v 2
0 = 
2
Z
Z

m20

(5.26)

In questo modo avremo


1
1
0
0 0 + m20 20 + 40
(5.27)
2
2
4!
I termini introdotti sono arbitrari nelle loro parti finite. Dobbiamo quindi fissare lo schema di rinormalizzazione. Useremo lo schema di sottrazione minimale (MS) in regolarizzazione dimensionale, che
consiste nel sottrarre solamente i poli in 1/:
L + Lc.t. =

G(2)
c =
G(4)
c

p2

m2

m2

1
v

m2 2 + termini finiti
32 2


+
+

v 3
= 1
+ v + termini finiti
16 2 

(5.28)

A questo punto possiamo definire


v
2
m2
32 2

v 3
v =
16 2 

v 1
16 2 
3 v
Zv = 1 +
16 2 

m2 =

Zm = 1 +

(5.29)

mentre Z = 1 + O(v 2 ) perche ad un loop non ho divergenze quadratiche.

5.6

RGE per una teoria scalare massless


Z
S=


 Z

1
0 4
1
Zv v  4
D
2
d x 0 0 + 0 = d x Z ( ) +

2
4!
2
4!
D

(5.30)

Per lazione efficace rinormalizzata r varr`a unidentit`a del tipo


(n)

0 (ki , 0 ) = Zn/2 (v)(n)


r (ki , v, )

(5.31)

(n)

Il primo membro non dipende da , cio`e d0 /d = 0. Per il secondo membro otteniamo allora una
relazione non banale:



(5.32)
+ (v)
(v) (n)
r (ki , v, ) = 0

v
2
detta equazione del gruppo di rinormalizzazione (RGE), dove

dv
ln Z
(v)
, (v) = (v)
d 0 =cost
v

(5.33)

Se la teoria `e rinormalizzabile, allora (v) e (v) sono funzioni di v finite ordine per ordine in teoria delle
perturbazioni. Ricordando che
Zv = 1 +

3 v
,
2

v = ND v,

ND =
28

2
0 1
'
+ O()
8 2
(4)D/2 (D/2)

possiamo estrarre la funzione derivando rispetto a la relazione 0 = v Zv /Z2 (tenendo presente che
il primo membro non vi dipende):
(
v) =

d
v
d

(v) = 

ln(
v Zv /Z2 )
3
= 
v + v2

v
2

(5.34)

Per  0 otteniamo la funzione a un loop al primo ordine:


3
v
2

(5.35)

v2
+ O(
v3 )
24

(5.36)

(v) =
mentre
(v) =
Consideriamo la funzione 1PI a n punti:

(n)

Gc (ki )
(n) (ki ) = Y
G(2)
c (ki )
la sua dimensione in energia sar`
a

[(n) ] = 4 n + (n 2) d(n)
2
Allora
(n)
r (ki ; v, )

d(n)

(n)

ki
,v

(5.37)


(5.38)

(n) adimensionale. Da ci`


con
o segue che



+s
d(n) (n)
r (ski ; v, ) = 0

(5.39)

Combinando le equazioni (5.32) e (5.39) si ottiene





n
s
+
(v) + d(n) r(n) (ski ; v, ) = 0
s
v
2

(5.40)

Lequazione che lega v e `e lequazione di running coupling constant:

dv
= (v)
d

(5.41)

Per risolvere lequazione (5.39), usiamo il metodo delle curve caratteristiche. Consideriamo il problema
di Cauchy

F (x, t) = (x) F (x, t)

t
x

F (
x, 0) = A(
x)
Allora la soluzione sar`
a F (x, t) = A(x(t)), dove x(t) soddisfa

dx

= (x)

dt

x(0) = x

Complicando lequazione:

G(x, t) = (x) G(x, t) + (x)G(x, t)

x
29

Se cerchiamo una soluzione nella forma


Z

t
0

dt (x(t )) F (x, t)

G(x, t) = exp
0

sostituendo troviamo la stessa equazione di prima per F . Allora



Z t
dt0 (x(t0 ))
G(x, t) = A(x(t)) exp
0

Applichiamo il tutto allequazione (5.39) (con t = ln s), trovando




Z
n s ds0
0
4n (n)
(v(s
))
(n)
(sk
;
v,
)
=
s

(k
;
v(s),
)
exp

i
i
r
2 1 s0
con
s

v
= (v),
s

v(s = 1) = v

(5.42)

(5.43)

Questa trattazione `e valida per tutte le teorie rinormalizzabili. Per la teoria 4 in D dimensioni la
funzione `e data da
3 0 3
(g) = g + g 2 g 2 + O(g 3 )
(5.44)
2
2
Di conseguenza lequazione del gruppo di rinormalizzazione `e

g()
= b0 g 2 ,

g(0 ) = g

(5.45)

risolta da
g() =

g(0 )
1 b0 g(0 ) ln(/0 )

(5.46)

Se b0 > 0, aumentando la scala di energia , laccoppiamento g() cresce. La soluzione ha un polo, che
per`
o si trova a scale di energie non perturbative, quindi non costituisce un problema.
Consideriamo il caso in cui  6= 0 (i.e. D 6= 4) non fissato. Vediamo come si comporta la running coupling
constant:
3
g()
(g) = g + g 2
=

= g + bg 2
2

La funzione si annulla in g = 0 e g = /b0 g . Assumiamo che 0 < g, g0 < g , con g0 g(0 ). Allora

= exp
0

g0


1/
(g g)g0
dg 0
=
(g 0 )
(g g0 )g

(5.47)

Adesso per si h g 0 (punto fisso ultravioletto), mentre per 0 si ha g g (punto fisso


infrarosso).

6
6.1

Rottura spontanea di simmetria


Simmetrie

La Lagrangiana
1
+
2
`e invariante sotto lazione del gruppo discreto Z2 .
componenti (1 , . . . , N ):
L=

L=

1 2
g
r + 4
2
4!
Adesso estendiamo ad un campo scalare con N

1X
1 X 2
g X 4
+ r
i +

2 i
2 i
4! i i
30

(6.1)

Questo modello presenta una simmetria O(N ): i 0i = Oij j , con O O(N ), OOT = 1. Il gruppo
O(N ) `e continuo. In generale, se

i = t
ij j
`e una simmetria della Lagrangiana, per il teorema di Noether ad ogni `e associata una corrente di
Noether
L i
= i t
J =
ij j
i
conservata, J = 0, cio`e
Z
Q =

d3 x J0

`e costante. Tutto questo vale a livello classico. A livello quantistico, `e possibile non riuscire ad implementare la simmetria classica a livello di teoria di campo. In questo caso si parla di anomalia quantistica. Se
invece limplementazione `e possibile, essa pu`o avvenire in due modi: il primo in cui `e tutto tranquillo, si
riescono a scrivere sia la corrente di Noether che la carica Q come operatori quantistici. Nel secondo caso
invece la simmetria esiste dinamicamente (i.e. la Lagrangiana `e invariante per il gruppo) ma gli operatori
J , Q non sono ben definiti. In questo caso si parla di rottura spontanea di simmetria. Questo fenomeno
`e dovuto al fatto che il vuoto della teoria non `e invariante per il gruppo di simmetria, e compaiono della
particelle massless dette bosoni di Goldstone, che diventano il segnale che dinamicamente la simmetria `e
rotta.
Riprendiamo in esame la Lagrangiana (6.1). Il gruppo di simmetria `e O(N ), le cui trasformazioni
sono i 0i = Oij j . In versione infinitesima
i 0i = i + i

i = t
ij j

(6.2)

I t sono i generatori del gruppo O(N ) (li scegliamo antisimmetrici reali), tali che [t , t ] = i t .
Allora
S
S
i =
t j = 0
(6.3)
S =
i
i ij
Per implementale la simmetria in teoria di campo, usiamo lapproccio funzionale. Se
Z
Z[J] = D eS()+J
allora, considerando che lazione non cambia in forma e che lo Jacobiano della trasformazione `e unitario
Z
h
i
0
0
0
0
0 = Z[J] = D0 eS( )+J J eS( )+J
(6.4)
che al primo ordine in diventa
Z
0 = Z[J] =

D JeS( )+J

Se adesso scriviamo il campo in termini di derivata rispetto a J;




Z

eS()+J = 0
D Ji tij
Jj

(6.5)

(6.6)

Per il funzionale generatore W si ha


Z

dD x t
ij Ji

W (J) = 0
Jj

(6.7)

mentre per lazione efficace si ottiene la relazione che prende il nome di identit`
a di Ward per lazione
efficace:
Z

dD x t
() = 0
(6.8)
ij j
j

31

Consideriamo adesso il caso in cui lazione totale S sia composta dal termine simmetrico sotto O(N )
della (6.1) pi`
u un termine che rompe esplicitamente il gruppo:
Z
S = Ssym dD x ci i
(6.9)
Lazione classica ha un minimo per un valore non nullo delle componenti del campo v0,i :


X
Ssym
g
S
=
(v0,i ) ci = r +
v 2 v0,i ci = 0
0=
i i =v0,i
i
6 j 0,j

(6.10)

Definiamo a questo punto i = v0,i + i (ricordando che i vo,i sono costanti), ottenendo per lazione:





Z
1
r
gv02
g
D
3
4
S() = d x
i i +
+
ij + v0,i v0,j i j + O( , )
(6.11)
2
2
12
6
P 2
con v02 i v0,i
. Notiamo che `e scomparso dallazione il termine lineare che rompeva la simmetria.
Tuttavia, adesso la parte quadratica non `e pi`
u invariante per O(N ). Scriviamo adesso i funzionali
generatori: Z e W hanno unespressione immediata,
Z(J) = Zsym (J + c),

W (J) = Wsym (J + c)

Combinando la definizione di :
Z
() + W (J) =

Wsym (J + c)
W
==
J
J

Ji i ,

con la relazione

Z
sym () + Wsym (J) =

J,

arriviamo a

Wsym
J

Z
() = sym

(6.12)

Questa relazione mette in evidenza il fatto che, a livello di rinormalizzazione, le due teorie si trattano
allo stesso modo. Di conseguenza
sym

=J =
c



=0
i =vi

sym
=c
i

(6.13)

i =vi

dove v `e il valore che assume il campo quando J = 0. Infine, lo sviluppo dellazione efficace
() =

n
X 1 Z Y
dxi (n) (x1 , . . . , xn )(x1 ) (xn )
n!
n
i=1

valido solo quando hi = 0, va modificato tenendo conto che hi = :


() =

n
X 1 Z Y
dxi (n) (x1 , . . . , xn )(x1 ) (xn )
n!
n
i=1

Riprendiamo lidentit`
a
Z

dD x t
ij

sym
j = 0
i
32

(6.14)

che in termini dellazione efficace totale diventa




Z

d x tij
+ ci (vj + j ) = 0
i

(6.15)

Se poniamo in questa = 0, si ottiene, dato che anche /|=0 = 0:


t
ij ci vj = 0

(6.16)

Affinche questa sia nulla, `e sufficiente che il vettore c = (c1 , . . . , cn ) sia parallelo a v = (v1 , . . . , vn ).
Differenziamo adesso la (6.15) rispetto a e valutiamola in = 0:
"
#

Z


vj + ci (x y)aj = 0
d x tij
i (x)a (y) =0
Passiamo in trasformata:

Z

dD k ik(xy) (2)
(2)

(k)
=

(x

y)
=
e
i (x)a (y) =0
(2)D
da cui si ottiene la relazion
(2)

t
ij ia (0)vj + tia ci = 0

(6.17)

(2) ad un altro termine.


che lega la

Rinormalizzazione in QED - II
1
1
/
L = F F ( A )2 + (i/ m) e A
4
2

(7.1)

Rinormalizziamo la teoria aggiungendo i controtermini


1
/ m (Ze 1)e A
/
Lc.t. = (ZA 1)F F + (Z 1)i
4

(7.2)

1
/ B B
L = FB, FB + B (i/ mB )B eB B A
4

(7.3)

A questo punto
con
1/2

1/2

AB, ZA A

B Z

mB m + m

7.1

eB

Ze e
1/2
ZA Z

Regolarizzazione tramite introduzione di parametri fisici (accenno)

Sia
D i

g (1 )k k /k 2
k2

allora
(2)

GB, = D + D D
con
= e



dD k
1
1
tr

(2)D
/q m (/q + k/) m

Dimostreremo pi`
u avanti che `e trasverso, i.e.


k k
(k) = i g 2
k 2 (k)
k
33

Inoltre (k = 0) = 0, e questo assicura che il fotone rimanga massless a tutti gli ordini. Includendo la
correzione a un loop:
g k k /k 2
k k
(2)
GB, = i 2
+ 4
k + k 2 (k)
k
e quindi
(2)

(2)

1
GR, = ZA
GB,

A questo punto dobbiamo definire ZA . Possiamo per esempio imporre la condizione


(2)

k0

GR,

1
k2

da cui si ottiene una condizione su ZA . Per la massa dellelettrone invece imponiamo che
(2)

GR,

k2 m2

i
k/ me

e definiamo me massa fisica.


Per la carica consideriamo lo scattering elettrone-campo classico, il cui elemento di matrice a tree-level `e
eu(p0 ) u(p)A (k = p0 p)
Si pu`
o dimostrare che lelemento di matrice del processo assume una forma tipica a tutti gli ordini:


k
0

u(p ) F1 (k) + i
F2 (k) u(p)A (k)
2me
Allordine albero imporremo quindi F1 (0) = e e F2 (0) = 0.

7.2

Identit`
a di Ward-Takashi

Consideriamo il funzionale generatore della QED:




Z
Z
Z
Z[J, , ] = D(A) exp S + J A + ( + )

(7.4)

Se effettuiamo una trasformazione U (1) di gauge otteniamo che




Z
Z
Z

Z = D(A) (S sources) exp S + J A + ( + ) = 0

(7.5)

dove la indica la variazione dellargomento dellesponenziale sotto la trasformazione. La (7.5) segue


!

dal fatto che il funzionale Z `e invariante per trasformazione di gauge, quindi Z Z 0 = Z + Z = Z.


Questo `e sempre immediatamente vero se non ci sono Jacobiani di mezzo, come nel caso abeliano della
QED. Calcoliamo adesso esplicitamente la variazione di S sources sotto una trasformazione di gauge
infinitesima:
(x) (1 + i(x))(x)
1
A (x) A (x) (x)
e

(7.6)

Nellazione S `e tutto invariante di gauge, tranne il termine di gauge-fixing, che subir`a una variazione

1
A 2 (x)
e

(7.7)

La variazione del termine di corrente invece sar`a


1
J + i i
e
34

(7.8)

Quindi
(S sources) =
Adesso usiamo che
A

1
1
A 2 + J + i i
e
e

,
J

(7.9)

dopo aver integrato per parti per mettere in evidenza :




Z
1
1 2
D
S+sources

d x A J ie( )e
=0
e

(7.10)

Otteniamo quindi lidentit`


a di Ward-Takashi:





2
ie (x)
(x)
J Z(J, , ) = 0

J (x)
(x)
(x)

(7.11)





2
ie (x)
(x)
W = J (x)

J (x)
(x)
(x)

(7.12)

o, per W ,

Vediamone unapplicazione:
G(2A)



g (1 )k k /k 2
k k
2
=
+ A(k ) g 2
k2
k

Dimostriamo che a tutti gli ordini il contributo delle correzioni `e solo sulla parte trasversale. Per far
ci`
o, usiamo lidentit`
a di Ward-Takashi che deriva dallapplicare ad ambo i membri dellequazione (7.12)
loperatore

Z

D
D
ik(xy)
[ ]
d xd y e
(7.13)
J (y)
J===0
Non avendo introdotto singolarit`
a, lequazione rimane valida. Risultato:
1 2 (2A)
k k G (k) = k

k
(2A)
k G
(k) = 2
k

(7.14)

Questa relazione vale a tutti gli ordini, in quanto segue dal funzionale generatore e non dal suo sviluppo.
Allordine zero:
(2A) (k) = k
k D
(7.15)

k2
Notiamo che ottieniamo gi`
a allordine zero il risultato completo, quindi tutti gli altri ordini non possono
dare contributi sulla parte longitudinale e pertanto saranno tutti trasversali.
Scriviamo adesso lequazione (7.12) per lazione efficace:
(A , , ) + W (J , , ) = A J + +
con
W
J
W
=

W
=

A =

J =

35

Si ha quindi

 


1 2

+
A + ie

(A, , ) = 0



 

+
(A, , ) = 2 A
ie

(7.16)

Lequazione (7.16) ha una soluzione formale:


Z
(A, , ) = gaugeinv (A, , ) +

dD x

1
( A )2
2

(7.17)

Questo ci dice che tutte le divergenze degli ordini successivi sono date dalla parte gauge-invariante,
quindi non abbiamo bisogno di rinormalizzare il termine che rompe la gauge. Da ci`o segue che la
struttura dellazione rinormalizzata `e del tipo:


Z
1
1
D
2
2
/
/
(7.18)
SR = d x ZA F + ( A ) Z ( + m + m + ieA)
4
2
cio`e non abbiamo bisogno di mettere costanti di rinormalizzazione alla derivata covariante. In termini
dei campi e delle costanti bare:
SR =

1
1 0 2
0
1/2 0
/ ) 0
(F ) +
( A0 )2 (/ + m0 + ie0 Ze1/2 ZA A
4
20

dove
1/2

1/2

A0 = ZA A

0 = Z
e2
4
0 = ZA

0 =  Ze

m0 = m + m

Dato che D = + ieA `e inveriante per rinormalizzazione, possiamo scegliere le costanti di rinormalizza1/2 1/2
1
ZA
= 1, cio`e Ze = ZA
. Da questa, possiamo facilmente calcolare
zione in modo tale da avere Ze
la funzione della costante di accoppiamento:
(`A,n)

`/2

(pi , qj , 0 , 0 , m0 ) = ZA

Zn R (p, q, , , m, )

(7.19)

quindi



d

`
n
0 = 0 =
+ ()
+ m m

A R
d

2
2

7.3

d0
d
= 0 = ( Ze )
d
d

Calcolo della funzione per la QED a un loop

Schema di rinormalizzazione MS in regolarizzazione dimensionale:




Z
/ + im p
1
dD k
/ k/ + im
(2A)
2
2
k
R, = ZA (p p ) + p p + e
tr 2

(2)D
k + m2 (p k)2 + m2

(7.20)

Calcoliamo lintegrale ed estraiamo la parte divergente (ricordiamo che per lidentit`a di Ward-Takashi
questa deve essere trasversale). Risultato
1
[ZA + A(p)](p2 p p ) + p p

36

(7.21)

dove A(p) `e la correzione a un loop,


A(p) =

2
+ termini finiti
3 

(7.22)

da qui
2
ZA = 1
3 

Ze =

1
ZA


=

2
1
3 

1
'1+

2
3 

(7.23)

Otteniamo la funzione derivando lequazione 0 =  Ze rispetto a , ottenendo:


() =  +

22 0 2 2

3
3

(7.24)

Lequazione di gruppo di rinormalizzazione per la costante di accoppiamento e la relativa soluzione


saranno quindi

d
2 2

d 0
3
() =

7.4

(0 )
2(0 )

1
ln
3
0

(7.25)

Vacuum Polarization

A0,tree =

e2
r

A0,1loop = A0 + A0 0, D

(k)
(r)
2
k2 (1 + (k)
k
r

(7.26)

Possiamo scrivere una R.G.E.:


r

2
d
(r) = 2
dr
3

(r) =

2
1+
ln(rme )
3

(7.27)

Lespressione trovata per diverge per r 0, mentre per r restituisce = 1/137.

Meccanismo di Higgs abeliano

Lidea di base del meccanismo di Higgs `e di associare il fenomeno delle rottura di simmetria allinvarianza
di gauge. Consideriamo inizialmente una teoria invariante globalmente per il gruppo U (1):
2
L = | |2 ||2 v 2 | |2 V ()
(8.1)
`e un campo scalare complesso. Il minimo del potenziale si ha per
min = vei
37

(8.2)

Semiclassicamente, questo rappresenta lo stato fondamentale. Parametrizziamo quindi il campo come


eccitazioni intorno al minimo:
(x) = (v + (x))ei(x)
(8.3)
con (x), (x) campi reali. Sostituendo nella Lagrangiana otteniamo:
L = 4v 2 2 + v 2 + O( 3 , 4 , . . .)

(8.4)

Notiamo che non ci sono termini quadratici in , che risulta essere un bosone di Goldstone massless.
Promuoviamo adesso la simmetria a U (1) di gauge:
2
1
L = F F + D D ||2 v 2
4

(8.5)

Lo stato di minimo adesso sar`


a dato da
= vei(x)
1
A = (x)
e

(8.6)

Parametrizziamo di nuovo il campo come prima:


(x) = (v + (x))ei(x)

(8.7)

Prima di sostituire nella Lagrangiana, effettuiamo la trasformazione di gauge:


(x) 0 (x) = ei(x) (x) = v + (x)
1
A (x) A0 (x) = A + (x)
e

(8.8)

ottenendo

1
L = F F + e2 v 2 A A + 4v 2 2 +
(8.9)
4
Adesso abbiamo un termine quadratico per il campodi gauge, che avr`a quindi acquistato una massa
mA = ev, mentre il campo reale avr`
a massa m = v. Il grado di libert`a del bosone di Goldstone
`e stato inglobato dal fotone e dalla sua massa (un vettore massless ha due gradi di libert`a, uno massivo
ne ha tre).

9
9.1

Teorie di gauge non abeliane


Principio di gauge

Consideriamo una teoria qualsiasi avente una simmetria globale G:


m2 2 ,
(i/ m),

(1 , . . . , N )
(1 , . . . , N )

G = O(N )
G = SU (N )

Lazione di un elemento g G su , d`
a luogo ad una rappresentazione del gruppo che dipende da
come trasforma il campo. Il principio di gauge risiede nel rendere la simmetria locale. In tutti i casi, il
termine cinetico non sar`
a invariante per trasformazioni locali, e.g.
(x) 0 (x) = g(x)(x)
(x) g(x) (x) + g(x)(x)
Se ta sono i generatori di G, per una trasformazione infinitesima g(x) = eia (x)ta ' 1 + ia (x)ta :
= ia (x)ta (x),

( (x)) = ia (x)ta (x) + i a (x)ta (x)

38

Lidea `e di introdurre un nuovo campo A , detto campo di gauge, tale che D + iA (x) = +
iAa (x)ta trasformi come il campo sotto lazione del gruppo G, cio`e
(D ) = ia (x)ta D (x)
Questo impone una condizione su come i campi di gauge trasformino sotto G:
A (x) = i a (x)Aa (x) + [A (x), a (x)ta ]

(9.1)

Nel caso abeliano il commutatore fa zero perche A 1. Possiamo quindi procedere a definire un tensore
intensit`
a di campo:
a
F F
ta = [D , D ] = A A + [A , A ]
(9.2)
Sotto trasformazioni di gauge si ha F gF g 1 , g G, cio`e nel caso di teorie non abeliane, il tensore
F non `e pi`
u invariante di gauge.
A questo punto possiamo costruire la teoria con linvarianza di gauge. Nella parte originale, `e sufficiente
1
sostituire D . Bisogna aggiungere la dinamica dei campi di gauge, data da 2 tr(F F (la
4g
traccia sugli indici del gruppu `e invariante di gauge). Otteniamo quindi
1
L = 2 tr(F F ) + D D m2 2
O(N )
4g
/ m)
SU (N )
(9.3)
+ (iD
con D = + iA . Per ottenere la normalizzazione canonica, ridefiniamo A (x) = gA (x), ottenendo:
1
L = tr(F F ) + D D m2
4
/ m)
+ (iD

(9.4)

con D = + igA . In componenti,


a
F
= Aa Aa + igf abc Ab Ac

(9.5)

Notiamo che nel caso non abeliano la teoria di pura gauge non `e libera: i campi di gauge interagiscono
tra di loro.

9.2

Meccanismo di Higgs non abeliano

Consideriamo una teoria di gauge non abeliana,


1
L = tr(F F ) + (D ) D V ( )
4
1
= tr(F F ) + (D ) D r + u( )2
(9.6)
4
Con u > 0 per ragioni di stabilit`
a e r < 0. Allora il minimo di V si ha per un valore di diverso da
zero, dato da
r
min = v
=
V ( ) = c( v 2 )2
(9.7)
u
In queste condizioni, investighiamo il contenuto di campi intorno allo stato di vuoto. Identifichiamo
un sottogruppo H del gruppo di gauge G generato dai generatori di G che lasciano invariato il vuoto:
(ta )ij vj = 0. Siano essi {ta }, a = 1, . . . , p. I restanti generatori formeranno un sottogruppo complementare G/H, con generatori {ta }, a = p + 1, . . . , NG = dim G. A questo punto usiamo la solita
parametrizzazione del campo come eccitazione rispetto al vuoto:
" N
#
G
X
a a
(x) = (v + (x)) exp i
t (x)
(9.8)
a=p+1

P a a
I a (x) sono i bosoni di Goldstone. Usiamo adesso linvarianza di gauge (ei t (x) `e un elemento del
gruppo) per inglobare i gradi di libert`
a associati ai Goldstone. Questa scelta prende il nome di gauge
unitaria. Otterremo, dal termine cinetico di :
D D 3 + taij vj tb`k vk Aa Ab,
cio`e dei termini di massa per i campi di gauge (non tutti).
39

9.3

Quantizzazione di teorie di gauge non abeliane

Semplificazione: ci limiteremo a considerare solo la parte di pura gauge, che nel caso abeliano non `e
banale in quanto gi`
a essa interagente.
1
LYM = tr(F F )
4

(9.9)

Esempio 9 (QED).
Prendiamo prima in considerazione la QED, che ha gruppo di gauge abeliano per poi estendere al caso
non abeliano.
1
/
L = F F + (i/ eA)
4
La trattazione in termini di A come sappiamo `e ridondante a causa dellinvarianza di gauge. Fissiamo
allora la gauge come
A (x) = B (x) + 2 (x) = h(x)
con h(x) arbitraria. Allora
Z
Z=

[dBd]( B + 2 (x) h(x))eiS(B)

con [dBd] = [dA], e abbiamo introdotto la delta di gauge-fixing. La Z dipende da h, allora mediamo
su tutti i possibili valori usando come misura


Z
i
d4 x h2 (x)
exp
2
ottenendo


Z
1
[dh][dBd]( B + 2 h(x)) exp iS
d4 x h2 (x)
2
 Z


Z
1
1
/
= [dh][dA]( A h) exp i d4 x F F + h2 + iD
4
2
 Z


Z
1
1
/
= [dA] exp i d4 x F F + ( A )2 + iD
4
2
Z

Z=

Nellultimo passaggio abbiamo svolto lintegrale in h usando la delta di gauge-fixing. Quindi il gaugefixing `e equivalente ad aggiungere alla Lagrangiana un termine
LGF =

1
( A )2
2

detto appunto termine di gauge-fixing.


Adesso proviamo ad estendere lo stesso approccio al caso non abeliano. Usiamo per comodit`a di
calcolo la normalizzazione
LYM =

1 a a
F F ,
4g 2

a
F
= Aa Aa + f abc Ab Ac

(9.10)

Le trasformazioni di gauge sono date da


A (x) = gB (x)g 1 + g g 1 [B (x)]g

(9.11)

A (x) = [B (x)]g = h(x)

(9.12)

Fissiamo quindi la gauge:


con h(x) arbitraria. Scriviamo quindi la Z assumendo che, dati B e h esista un unico g per ogni A:
Z
Z = [dgdB]( A h) det M eS(B)
(9.13)
40

dove M `e la matrice Jacobiana della trasformazione (che stavolta non `e lineare). Per scrivere M lavoriamo
a livello infinitesimo, g = 1 + i a ta , da cui
A = [A , a ta ] a ta = D(A)

(9.14)

Allora
[Bmu ]g = D(B)

det M = det[D(A) ]

(9.15)

Usiamo lalgebra delle variabili di Grassman per scrivere


 Z

Z
det[D(A) ] = [dcdc] exp d4 xd4 y c(x)D(A) ]c(y)

(9.16)

in cui i campi c, c prendono il nome di ghost e antighost, che sono gradi di libert`a non fisici (sono scalari
anticommutanti, quindi violano il teorema di spin e statistica). A questo punto il funzionale generatore
diventa


Z
Z
Z
1
d4 x h2 (x)
Z = [dAdcdcdh] exp S(A) d4 xd4 y ca (x)Mab (x, y)cb (y)
2


Z
Z
Z
1
= [dAdcdc] exp S(A) d4 xd4 y ca (x)Mab (x, y)cb (y)
d4 x( A (x))2
2
Z
(9.17)
[dAdcdc]eSeff
dove Seff prende il nome di azione di Fadeev-Popov:
Seff

9.4

1
= 2
4g

d x

a
a
F
F

1
d xd y ca (x)Mab (x, y)cb (y)
2
4

d4 x ( A )2

(9.18)

QCD

Per la Cromodinamica Quantistica (gruppo di gauge SU (3)C ) la Lagrangiana di Fadeev-Popov `e data


da:
1
1
/ mf )a tr(F F ) + ci ( ik + gf ijk Aj )ck + ( Aa )2
L = a (iD
(9.19)
4
2
Le regole di Feynman sono le seguenti:
Propagatore gluonico.
ab
D
= i ab

g (1 )k k /k 2
k2

(9.20)

Propagatore fermionico.
Df =

i
p

/ mf

(9.21)

Propagatore del ghost.


Cij = ij

1
k2

(9.22)

Vertice A.
g(ti )ab

(9.23)

dove i generatori sono nella rappresentazione fondamentale.


Vertice AAA.
igfijk [(r q) g + (p r) g + (p q) g ]
Vertice AAAA.
Vertice ccA.
41

(9.24)

9.5

Rinormalizzazione in QCD

La Cromodinamica Quantistica `e una teoria rinormalizzabile. Usiamo lo schema di rinormalizzazione MS


in regolarizzazione dimensionale. A differenza della QED, stavolta bisogner`a calcolare tutte le costanti
di rinormalizzazione perche non vi sono identit`a di Ward che le legano fra di loro.
1/2

ZA , AB = ZA AR . Nelleuclideo
1
(AA)
,ij (k) = ij (k 2 k k ) + k k ij + diagrammi ad un loop

(9.25)

Anche in QCD la parte longitudinale del propagatore non rinormalizza. Facendo il conto ed
(AA)
(AA)
imponendo R
= Z A B
si trova:

 2
2
g
ZA = 1 + 5 Nf
(9.26)
3
8
1/2

Z , B = Z R .
k + mf + diagrammi ad un loop
() (k) = i/
Da cui

R = Z B

Z = 1

(9.27)

Nc2 1 g 2
2Nc 8

(9.28)

Zg .
(A) = gta + diagrammi ad un loop

(9.29)

quindi
(A)
R

1/2
(A
ZA Z Zg B

1/2
ZA Z Zg


=1

Nc2 1 Nc
+
2Nc
2

g2
8

(9.30)

Conoscendo ZA , Z possiamo quindi calcolare la costante di rinormalizzazione per laccoppiamento:



 2
11
1
g
Zg = 1
Nc Nf
,
g0 = Zg g/2
(9.31)
6
3
8
Definiamo, in analogia al caso della QED, 0 = g02 /(4) = Zg2  Z  , con Z = Zg2 , da cui

Z = 1

11
2
Nc Nf
3
3

2

(9.32)

Adesso siamo in grado di scrivere lequazione del gruppo di rinormalizzazione e la funzione per la QCD:


d
11
2
1 2

= () =
Nc Nf

(9.33)
d
3
3
2
da cui
() =

(0 )
,
1 0 (0 ) ln(/0 )


0 =

11
2
Nc Nf
3
3


(9.34)

Nel caso reale Nc = 3, Nf = 6, si ha 0 < 0, quindi la costante di accoppiamento decresce allaumentare


dellenergia. Questa propriet`
a prende il nome di libert`
a asintotica (asymptotic freedom).

42

10

Modello Standard (settore elettrodebole

Contenuto di campi:
Fermioni.
Quarks: q = {u, c, t, d, s, b}.
Sei flavour, indice di colore interno.
Leptoni: ` = {e, , , e , , }
Neutrini massless.
Bosoni.
Vettori: , Z, W .
W , Z massivi, , Z neutri sotto U (1)em .
Scalari: H, bosone di Higgs, neutro.
Gruppo di gauge: SU (2)L U (1)Y , quattro generatori.
Ai ,

i = 1, 2, 3

generatori di SU (2)L

generatore di U (1)Y

Assegniamo due accoppiamenti di gauge per ogni fattore del gruppo di gauge: g per SU (2)L , g 0 /2 per
U (1)Y . Per ottenere tre bosoni massivi ed uno massless, introduco un campo scalare complesso nella
rappresentazione fondamentale di SU (2)L avente Y = 1:
 

= 1
(10.1)
2
SU (2)

Ricordando la definizione delloperatore carica elettrica Q = T3





 
Y
1/2
0
1/2
SU (2)L
+
Q = T3
=
+
0 1/2
0
2

+ Y /2 si ha
    
0
1
1
=
1/2
2
0

(10.2)

cio`e la componente inferiore del campo ha carica elettrica nulla. Allora mettiamo il minimo del
potenziale su questa componente al fine di assicurarci che il vuoto sia invariante per U (1)em . Il potenziale
del campo scalare sar`
a dato da
V ( ) = r + ( )2 ,

r < 0, > 0

(10.3)

Scegliamo
r
 
r
1 0
,
v=
min =
v

2
Il settore vettoriale della Lagrangiana del Modello Standard `e

(10.4)

1
1
Lvector = tr(A A ) B B + (D ) D V ( )
4
4

(10.5)

con
Aa = Aa Aa + gf abc Ab Ac
B = B B
D = igAi T i i

g0
Y B ,
2

Ti =

i
2

Riparametrizziamo adesso il campo come eccitazioni intorno al vuoto:

0
0
i
i
i
i
= ei (x)T /v v + (x) = ei (x) /2v v + (x)

2
2
43

(10.6)

(10.7)

con i , campi reali (3+1 gradi di libert`a). Procedendo nellapplicazione del meccanismo di Higgs,
sfruttiamo linvarianza di gauge per riparametrizzare ulteriormente:

0
i
(10.8)
(x) 0 (x) = ei (x)i /2v (x) = v + (x)

2
e sostituiamo nella Lagrangiana:


1
1
1
L = parte quadratica+ M2 2 + (v+)2 (g 0 B gA3 )(g 0 B gA3, ) + g 2 (A1 A1, + A2 A2, )
2
2
8
(10.9)

con M = 2r. Definiamo a questo punto


1
W = (A1 iA2 )
2
0
Z = g B gA3
A = g 0 A3 + gB

(10.10)

da cui

1 2 2 1 1,
1
1
2
g v (A A + A2 A2, ) + MZ2 Z Z MW
W+ W , + MZ2 Z Z
8
2
2
+

Abbiamo ottenuto tre bosoni vettoriali massivi, W , W , Z con masse


vp 2
gv
,
MZ =
g + g0 2
MW =
2
2
L3

(10.11)

(10.12)

mentre il bosone A rimane massless. Inoltre, `e presente uno scalare reale massivo, ossia il bosone di
Higgs.
Adesso mettiamo dentro il Modello Standard i fermioni. Definiamo innanzitutto come trasformano i
campi fermionici secondo il gruppo SU (2)L U (1)Y , distinguendo le componenti left e right:
 
1 5
1 + 5
L
=
,
L =
, R =

(10.13)
R
2
2
Abbiamo tre famiglie leptoniche che organizziamo in doppietti di SU (2)L (Y = 1, SU (2)L = 2):







Le = e,L ,
L = ,L ,
L = ,L
(10.14)
eL
L
L
e singoletti (Y = 2, SU (2)L = 1):
Re = eR ,

R = R ,

R = R

Stessa cosa per i quarks: riorganizziamoli in doppietti di SU (2)L (Y = 1/3, SU (2)L = 2),
 
 
 
uL
cL
t
Qu = 0 ,
Qc = 0 ,
Qt = L
dL
sL
b0L

(10.15)

(10.16)

dove gli stati d0L , s0L , b0L non sono gli autostati della massa dL , sL , bL , ma sono legati ad essi da una
relazionme lineare:
0

dL
dL
s0L = A sL
(10.17)
b0L
bL
con A matrice unitaria. Inoltre, vi saranno due gruppi di singoletti di SU (2)L : i primi, aventi SU (2)L =
1, Y = 4/3,
U = uR , cR , tR
(10.18)
e i secondi aventi Y = 2/3,
D = dR , sR , bR
44

(10.19)

Gli accoppiamenti con i bosoni vettoriali saranno dati da


/ L + R iD
/ R
L iD

(10.20)

con
D igAi
D i

i
g0
i Y B
2
2

g0
Y B
2

left
right

(10.21)

La simmetria SU (2)L proibisce un termine diretto di massa m( L R + h.c.) in quanto non sarebbe
invariante. Usando per`
o il campo scalare si ha che la combinazione
L R

(10.22)

`e un singoletto di SU (2)L , quindi `e un termine consentito. Dato che hi = v 6= 0, si ottiene un termine


di massa per i fermioni. Per esempio, per lelettrone,
 
 
1
0
e L R = e ( e,L , eL )
(10.23)
e = e ( e,L , eL )
e = e veL eR
2 R
v R
In generale, si ha
mf = vf

(10.24)

dove f `e laccoppiamento del fermione con lHiggs (Yukawa). Passiamo adesso alle interazioni con i
bosoni vettoriali:
Lint = g sin W A J
A tree level cos W = MW /MZ , GF =

g
g
,+
+ h.c.)
Z JZ (W+ JW
cos W
2

(10.25)

2
2g 2 /(8MW
). Definiamo

` (e , , , e, , )
q (u, c, t, d, s, b)

(10.26)

Allora per la corrente associata al campo fotonico si ha

J = J,`
+ J,h

J,`
= ` Q` `

(10.27)

J,h

(10.28)

= q Qq q

0 0 0 0
0
0
0 0 0 0
0
0

0 0 0 0
0
0

Q` =
0 0 0 1 0
0

0 0 0 0 1 0
0 0 0 0
0 1

2/3 0
0
0
0
0
2/3
0
0
0

0
0 2/3
0
0
Qq =
0
0
0
1/3
0

0
0
0
0
1/3
0
0
0
0
0

0
0

0
1/3

(10.29)

Questa parte descrive lelettrodinamica. A questo punto non resta quindi che identificare
e = g sin W

45

(10.30)

Per il bosone Z:
JZ =
con

Per il W :

1
1 5
` sin2 W J
CZ
2 `
2


I 0
CZ =
0 I

(10.31)
(10.32)

1 5
1 5
C` ` + q
Cq q
2
2




0 I
0 A
C` =
,
Cq =
0 0
0 0

JW
= `

con

(10.33)
(10.34)

dove A `e una matrixe 3 3 unitaria, detta matrice di Kobayashi-Maskawa.


I parametri liberi del Modello Standard sono quindi 18:
GAUGE+HIGGS
CKM matrix
Masse fermioni
vev dellHiggs

10.1

g, g 0 , r,

(4)

MH , e, MW , MZ

(4)
me , m , m , mu , mc , mt , md , ms , mb

(3 + 6)

(1)

(10.35)

Termini non rinormalizzabili (QED)

Consideriamo allinterno del Modello Standard la QED ed aggiungiamo un termine di interazione di


dimensione 5, quindi non rinormalizzabile:
1
/ m) + gP [ , ]F
L = F F + (iD
4

(10.36)

con [gP ] = 1. Questo termine contribuisce al g 2 dellelettrone e del muone con gP . Se siamo in
presenza di un interazione non rinormalizzabile, possiamo sempre scrivere laccoppiamento come g d
con d < 0. Se `e una scala molto grande, allora possiamo aspettarci che il contributo del termine non
rinormalizzabile a basse energie sia trascurabile.

11

Gruppo di rinormalizzazione alla Wilson

Consideriamo il modello di Ising unidimensionale,


X
X
H = J
si sj h
si ,
hi,ji

Z=

eH/T

(11.1)

{si =1}

Il sistema presenta una fase ferromagnetica: sotto una temperatura critica Tc , esso si magnetizza parallelamente al campo esterno. Passando da h < 0 a h > 0 (per T < Tc ) si ha una transizione di fase del
primo ordine. A T = Tc si ha invece una transizione di fase del secondo ordine. Usando il mapping
si = 2i 1,

i = 0, 1

lHamiltoniana del sistema diventa


H = 4J

i j

hi,ji

dove rappresenta il potenziale chimico. Questa Hamiltoniana descrive il fenomeno dellopalescenza nei
liquidi.

46

11.1

Ipotesi di scaling

Quando un sistema statistico si avvicina al punto critico la lunghezza di correlazione diverge. Nel modello
di Ising 1D con condizioni periodiche al contorno sN +1 = s1 :
H =

N
X

si si+1 h

i=1

N
X

si ,

Z=

i=1

eH

(11.2)

{si }

con = J, h = h. Per risolvere il modello scriviamo


Y
eH =
T (si , si+1 )

(11.3)

dove T `e la matrice di transfer, definita da


0

T (s, s0 ) = ess +h(s+s )/2

(11.4)

Usando la matrice di transfer si ottiene




Z = trT N ,

T =

e+h
e

e
eh


(11.5)

Gli autovalori di T saranno


h
i
= e cosh(h) (sinh2 (h) + e4 )1/2

(11.6)

N
Z = N
+ +

(11.7)

per cui possiamo scrivere


Unaltra quantit`
a utile `e la correlazione tra due siti:
H
{s } si sj e
H
{si } e

P
C(i j) hsi sj i =

Pi

(11.8)

Nel caso di campo esterno nullo:


C (h=0) (i j) =


1
tr T N i iz T ij jz T j
Z

(11.9)

Siano  (h = 0) gli autovalori della matrice di transfer per campo esterno nullo. Allora si ottiene
C (h=0) (i j) =

N i+j ij
N i+j ij
+
+
 + 
N
N
+ + 

(11.10)

Nel limite N :
C(i j) = [tanh()]ij = e|ij|/L ,

L =

1
ln coth()

(11.11)

cio`e le correlazioni sono soppresse esponenzialmente dalla lunghezza L . La lunghezza di correlazione


fisica `e data da = aL , dove a `e il passo reticolare. Per T 0, cio`e = J , L e2 /2, la
lunghezza di correlazione diverge esponenzialmente, segno della presenza di un fenomeno critico.
A questo punto eseguiamo il limite di scaling. Questo pu`o essere fatto in due modi
1. a 0, mantenendo = aL , L = N a costanti, quindi N, L ;
2. L , N e quindi , L .
Facciamo il limite di scaling nella prima forma e scriviamo la densit`a di energia libera:
s
!
2
1
1
L2
1
L/a
L/a
+ L2 h
F = ln Z = ln(+ + ) ' ln 2 cosh
L
L
L
4 2
47

(11.12)

con h = h/a. Notiamo che lespressione di F non dipende pi`


u dal passo reticolare.
Ricaviamo adesso il limite di scaling in un altro modo. Ripartiamo da
ZN (, h) = trT N
Quindi, invece di considerare un solo sito alla volta, li raggruppiamo in blocchi di b siti, cio`e
N/b
ZN = tr T b

(11.13)

La fisica del sistema non cambia, infatti abbiamo moltiplicato il passo reticolare per b e diviso la L per
lo stesso b, di modo che = aL rimanga costante. Se poniamo
 +h
  1 1

e
e
u v
u
T =

(11.14)
u
u1 v
e eh
dove u = e , v = eh , losservazione fondamentale `e che
 01 01

u v
u0
2
T =C
u0
u01 v 0

(11.15)

cio`e il quadrato della matrice di transfer mantiene la stessa struttura della matrice stessa, a meno
dellirrilevante costante C(u, v), a patto di definire
u0 =

(u4

(v + v 1 )1/2
,
+ u4 + v 2 + v 2 )1/4

v0 =

(u4 + v 2 )1/2
(u4 + v 2 )1/2

(11.16)

Questo porta a ritenere plausibile che la descrizione tramite blocchi abbia la stessa struttura anche a
livello di Hamiltoniana,
X
X
H 0 = 0
si si+1 h0
si
i

con accoppiamenti diversi. Possiamo quindi pensare di iterare il processo di raggruppamento,


H

H0

 
 0
u
u
,
,
v
v0

H 00

 00 
u
v 00

ottenendo un flusso nello spazio delle Hamiltoniane, o equivalentemente nello spazio dei parametri (u, v),
detto flusso del gruppo di rinormalizzazione:

(n+1)

= fu (u(n) , v (n) )
u
(11.17)

(n+1)
(n) (n)
v
= fv (u , v )
Ci domandiamo a questo punto se esiste un punto fisso (u , v ) invariante per questo flusso. I punti fissi
soddisfano la relazion

u = fu (u , v )
(11.18)



v = fv (u , v )
Per il modello di Ising 1D si trovano due punti fissi:

u = 1, v = v (qualunque)

(11.19)


u = 0, v = 1
che in termini di quantit`
a fisiche diventano
u = 1, v = v
u = 0, v = 1

=
=

T
T = 0, h = 0
48

STABILE
INSTABILE

(11.20)

inoltre L = 1/(2u2 ). Il limite T 0 corrisponde, come avevamo gi`a visto, a L . Va notato che
la temperatura del sistema originale `e sempre la stessa, quella che cambia `e una sorta di temperatura
effettiva con cui si pu`
o descrivere il sistema dopo il blocking. Il punto fisso a T = 0, h = 0, nonostante sia
instabile rispetto alla temperatura, `e quello pi`
u interessante perche in esso la lunghezza di correlazione
diverge. Per studiare il comportamento del sistema intorno al punto fisso, linearizziamo le equazioni del
gruppo di rinormalizzazione,
 (n+1)  

u
fu (u(n) , v (n) )
=
v (n+1)
fv (u(n) , v (n) )
in termini delle variabili r = u4 , s = v 2 , ottenendo
   2
r
b
=
s
0

 
0
r
b
s

(11.21)

con r = r r , s = s s . Definiamo unenergia libera per sito come


1
1
lnZN (, h) = ln ZN (r, s)
N
N
1
1
0
0
= ln ZN/b ( , h ) = 0 ln ZN (r0 , s0 )
N
Nb

f =

(11.22)
(11.23)

da cui segue che


1
f (b2 r, bs)
b
Essendo b arbitrario, possiamo sceglierlo in modo tale da avere b2 r = 1, per cui





s
s
1/2
1/2
= r
f
f (r, s) r f 1,
r1/2
r1/2
f (r, s)

(11.24)

(11.25)

Nel limite , h 0, s ' 2h, r = r = u4 = e4 = 1/(4 2 ), quindi

f (r, s) = 1 f (h)

(11.26)

Un fenomeno critico `e caratterizzato da una lunghezza di correlazione che diverge, per t = T Tc 0


e h = 0 come
t
Tutte le altre grandezze interessanti si parametrizzano in termini di :
G(x)

1
1
= D2+ ,
|x|D2+

cv t ,

...

Per lenergia libera:


F (T, h) =

1
ln Z(T, h) = Freg (T, h) + Fsing (ut , uh , u3 , u4 , . . .)
V

(11.27)

dove Fsing ha un comportamento omogeneo sotto blocking e le u sono dette variabili di scala (nel nostro
caso sono ut (T Tc )/Tc , uh h al primo ordine). Sotto blocking si ha pertanto
Fsing (ut , uh , ui ) = bD Fsing (ut byt , uh byh , ui byi )

(11.28)

Le variabili di scala ut , uh hanno yt , yh > 0 e sono dette rilevanti, mentre tutte le altre sono irrilevanti
(nel caso di Ising 1D), yi < 0. Estendendo quanto fatto precedentemente, scegliamo b in modo che
1/yt
ut byt = 1, cio`e b = ut
, quindi
D/yt

Fsing (ut , uh , ui ) = ut

yh /yt

fs (uh ut

yi /yt

, ui ut

D/yt

) ut

y /y

yh /yt

fs (uh ut

(11.29)

dove abbiamo usato il fatto che, se yi < 0, allora per ut 0 ui ut i t tende a zero. Il comportamento
asintotico `e quindi determinato unicamente dalla variabili rilevanti. Sistemi aventi le stesse variabili
rilevanti e variabili irrilevanti diverse si comportano allo stesso modo, cio`e hanno gli stessi esponenti critici
e fanno pertanto parte della stessa classe di universalit`
a, che `e determinata da simmetrie, dimensionalit`
a,
tipo di interazioni e tipo di rottura di simmetria.
49

11.2

Teoria di Landau

Consideriamo una catena unidimensionale di variabili di spin si ed eseguiamo il blocking (coarse graining)
(x)

b
1 X
si
Vb i=1

(11.30)

dove x `e la coordinata del centro del blocco. La variabile `e una variabile reale continua. Lidea alla
base della teoria di Landau `e quella di scrivere una teoria effettiva nella variabile . Per fare ci`o, si usano
sempre le simmetrie: se il sistema originale ha una simmetria G, allora anche lenergia libera F (che `e la
quantit`
a che poi si va a studiare) deve avere la stessa simmetria. Inoltre, useremo il fatto che intorno al
punto critico si ha  1,  1. Lenergia libera di Landau allora `e
Z


F = dD x k1 ( )2 + k2 2 + k3 4
(11.31)
Per sfruttare a pieno il blocking, assumiamo che la (11.31) rappresenti non unenergia libera, bens`
unHamiltoniana:
Z


H = dD x k1 ( )2 + k2 2 + k3 4
(11.32)
H `e unHamiltoniana effettiva statistica (equivalente ad unazione nella teoria di campo classica). Quindi


Z
Z
X


H
D
2
2
4
Z=
e
= D exp d x k1 ( ) + k2 + k3
(11.33)
{}

11.3

Prima approssimazione: teoria gaussiana


Z
H=S=



dD x ( )2 + r2

(11.34)

Al punto critico, il sistema diventa invariante di scala, in quanto . Una trasformazione di scala `e
data da
x
x x0 =
b
0
r r = b2 r
(x) 0 (x0 ) = b(D2)/2 (x)

(11.35)

in cui gli esponenti di b sono le dimensioni di scala delle quantit`a cui si riferiscono.
Z


S S 0 = dD x0 ( 0 )2 + r02 02
Possiamo quindi calcolare la funzione a due punti:
R
D (x)(0)eS
scala
R

D eS

D0 b(D2) 0 (x0 )0 (0)eS


R
D0 eS 0

cio`e G(x; r) = b(D2) G(x/b; b2 r). Per r = 0, G(x) = b(D2) G(x/b), che `e una relazione di omogeneit`
a,
da cui segue un comportamento a potenza intorno al punto critico:
G(x)

1
|x|D2

Se scriviamo b = e` 1 + `, allora lespressione r r0 = b2 r pu`o essere riscritta come


dr
dr
=b
= 2r
d`
db

(11.36)

che in forma `e unequazione di gruppo di rinormalizzazione. Se r > 0, allora dr/db > 0, r cresce e tende
a divergere: le correlazioni svaniscono. Se r < 0, allora r tende a : se non abbiamo altri termini,
la teoria `e instabile, altrimenti conduce a rottura spontanea di simmetria. Se r = 0, allora r rimane
costante (punto fisso gaussiano instabile).
50

11.4

Teoria quartica

Per studiare la stabilit`


a di r = 0, aggiungiamo alla teoria un termine quartico:
L=

1
( )2 + r2 + u4
2

(11.37)

e ci chiediamo come si comporta il punto fisso rispetto a u. Nelle trasformazioni di scala (11.35)
includiamo adesso u u0 = b4D u. La RGE per u `e allora
b

du
= (4 D)u
db

(11.38)

Se D > 4, qualsiasi u iniziale fluisce a zero, quindi la variabile u `e irrilevante.


Se D < 4, la non-linearit`
a tende a crescere, quindi la variabile u `e rilevante. Ma cresce a caso
oppure fluisce verso un altro punto fisso?
Per trattare il termine u4 occorre (dopo aver discretizzato con cutoff o passo reticolare a) occorre
1. Eseguire un blocking di passo b: 0 = /b.
2. Eseguire una trasformazione di scala (11.35) per cui 0 00 = b0 = .
Uno schema di implementazione `e il seguente: nellazione


Z
1
r 2 u 4
D
2
S() = d x ( ) + +
2
2
4!
scomponiamo il campo come
(x) = < (x) + > (x)
Z /b D
d k ikx
< (x) =
e (x)
D
(2)
0
Z
dD k ikx
> (x) =
e (x)
D
/b (2)

(11.39)

e scriviamo una teoria effettiva per < , integrando via > . Questa operazione implementa automaticamente il punto 1.
Z
eS(< ) = D> eS()
In termini di > , < :


Z
1
1
1
u
1
S() = dD x ( < )2 + ( > )2 + r(< )2 + r(> )2 + (< + > )4
2
2
2
2
4!

(11.40)

in quanto i termini dispari non contribuiscono per simmetria. Lunico termine che non disaccoppia `e
proporzionale a (> )2 (< )2 . Svolgiamo lintegrale in D> perturbativamente in u:


Z
 u

1
1
D
2
2
4
S(< ) = d x ( < ) + r(< ) ln Z> lnhexp (> + < ) iZ>
(11.41)
2
2
4!
con
(> + < )4 = (> )4 + 6(> )2 (< )2 + (< )4 + termini dispari

 Z

Z
r
1
Z> = D> exp dD x ( > )2 + (> )2
2
2
Trascurando lintegrale di ln Z> che fa una costante di normalizzazione, rimaniamo con


Z
h u
i
1
r
u
S = dD x ( < )2 + (< )2 + (< )4 lnhexp
(> )2 (< )2 i
2
2
4!
4!
51

(11.42)

(11.43)

I primi due ordini in u portano delle correzioni ad r e u:


Z
1
N + 2 dD k
r0 = r + u
D
2
6
/b (2) k + r
Z
3
dD k
1
u0 = u u2
2 /b (2)D (k 2 + r)2

(11.44)

dove N `e il numero di componenti del campo. Implementiamo adesso il punto 2. Definiamo r = b2 r0 , u


=
b4D u0 e passiamo da (r, u) (
r, u
). Supponiamo quindi che b ' 1 e scriviamo le RGE:

d
r
u
SD
b
= 2
r+
db b=1,=1
21+r

3 2 SD
du

= (4 D)
u u
(11.45)

b

db
2 (1 + r)2
b=1,=1

dove SD `e la superficie sferica unitaria D-dimensionale. Definiamo quindi u u


SD ottenendo

u
d
r
b
=
2
r
+

db b=1,=1
2(1 + r)


du
3 2
1

b
= (4 D) u u

db
2
(1 + r)2

(11.46)

b=1,=1

Gli accoppiamenti cambiano quando il sistema viene osservato a distanze pi`


u grandi. Per trattare le
equazioni di gruppo di rinormalizzazione, definiamo  = 4 D e sviluppiamo in potenze di . Studiamo
i punti fissi del flusso: abbiamo (r, u) = (0, 0), il punto fisso guassiano gi`a incontrato, e inoltre il punto
fisso critico

r = + O(2 )
6
2

u =  + O(2 )
(11.47)
3
Vediamo quindi cosa succede in un intorno del punto critico: linearizziamo la teoria in r = r r e

u =u u , da cui
  
 
d r
2 /3 1/2 + 
r
=
(11.48)
0

u
d` u
Diagonalizzando la matrice troviamo autovalori e autovettori:
1 = 2 /3

w1 = r + cu,

2 = 

w2 = u,
da cui

d
d`

w1
w2


2 /3
=
0

0


 
w1
w2

(11.49)

w1 ha autovalore positivo, quindi iterando il blocking diverge dal punto critico, quindi prende il nome di
variabile rilevante. w2 ha autovalore negativo, quindi fluisce sempre a zero, e prende il nome di variabile
irrilevante. La variabile di scala rilevante w1 corrisponde a T Tc . Il valore di Tc dipende anche da u,
ma come il sistema ci arriva dipende esclusivamente da r.
Consideriamo adesso la funzione a due punti:
h(x)(0)i = G(x; w1 , w2 ) = b2d G(x/b; w1 b1 , w2 b2 ),

d =
1/1

Scegliamo il passo di blocking in modo tale che w1 b1 = 1, cio`e b = w1


2d /1

G(x; w1 , w2 ) = w1

1/1

G(xw1

52

2 /1

; 1, w2 w1

D2+
2

(11.50)

, allora

(11.51)

2 /1

Avvicinandosi al punto critico (w1 0), dato che 2 < 0, si ha che w2 w1


2d /1

G(x; w1 , w2 ) = w1

1/1

G0 (xw1

2 /1

+ w2 w1

1/1

G1 (xw1

0. Sviluppando:

) +

(11.52)

Il secondo termine non contribuisce mai alla transizione, w2 `e una variabile irrilevante in questo senso
(purche sia diversa da zero). Possiamo identificare a questo punto
1/1

w1

= |T Tc |

(11.53)

1
1

' +
1
2 12

(11.54)

da cui
=

53

Rottura spontanea di simmetria in MQ

Consideriamo la meccanica quantistica unidimensionale di una particella descritta da una coordinata


q(t) in un potenziale
2 2
V (q) =
(q (t) v 2 )2
(A.1)
2

V(x)

0
-v

0
x

LHamiltoniana H e la Lagrangiana L del sistema sono rispettivamente


H=

p2
+ V (q),
2m

L=

1 2
mq V (q)
2

(A.2)

e sono entrambe simmetriche sotto parit`


a q(t) q(t) (simmetria Z2 ). Il potenziale ha due minimi
in q = v. Possiamo risolvere lequazione di Schroedinger sviluppando il potenziale intorno al minimo
q = +v, ritenendo solo il termine quadratico della serie di Taylor (in modo da avere un oscillatore
armonico) e trattando tutti gli ordini successivi come perturbazioni. Sia |+i lo stato fondamentale
ottenuto in questo modo (detto vuoto perturbativo). Possiamo fare lo stesso espandendo intorno a v e
chiamando |i il rispettivo vuoto perturbativo. Il vero stato fondamentale della teoria, tuttavia, non `e ne
|+i ne |i: a livello non perturbativo esiste una ampiezza non nulla per la transizione fra questi due stati,
dovuta alla possibilit`
a di effetto tunnel sotto la barriera che separa i due minimi (lampiezza di transizione
pu`
o essere calcolata tramite lapprossimazione WKB). A causa dei processi di tunneling, lHamiltoniana
del sistema non sar`
a diagonale nella base |i: h+|H|+i = h|H|i = E0 , h|H|+i = h+|H|i = , da
cui


E0 
H=
,
  E0
(A.3)
 E0
Diagonalizzando H si ottiene che gli autostati sono le combinazioni simmetrica e antisimmetrica:
|+i + |i

2
|+i |i

|Ai =
2
|Si =

ES = E0 
EA = E0 + 

(A.4)

Pertanto lapparente degenerazione tra i due livelli `e risolta dal fatto che  6= 0 e il vero stato fondamentale `e la combinazione avente energia E0 . Sotto una trasformazione Z2 , si ha che |i |i: |Si `e
invariante mentre |Ai si prende un segno meno. Osserviamo quindi che il vero stato fondamentale di H
va in se stesso sotto parit`
a e in conclusione non c`e rottura spontanea della simmetria Z2 .

54

Se adesso consideriamo invece un campo scalare reale,


L=

1
2
(2 v 2 )2
2
2

(A.5)

abbiamo ancora una volta simmetria Z2 . La differenza cruciale con il caso precedente sta
nel fatto che lampiezza di tunneling `e proporzionale a ecV , dove c `e una costante e V `e il volume
spaziale. Questo risultato pu`
o essere compreso fisicamente discretizzando lo spazio, cos` che la teoria di
campo (A.5) corrisponda ad un sistema quantistico in cui in ogni punto dello spazio x `e definita una
variabile qx (t) (x, t) e, affinche ci sia effetto tunnel sullaltro vuoto, ognuna delle qx deve tunnelare.
0
Se lampiezza di tunneling per una singola variabile qx `e proporzionale a ec per una certa costante c0 ,
allora lampiezza totale `e il prodotto delle singole ampiezze e quindi, se N `e il numero di siti del reticolo,
Y
0
0
ampiezza di tunneling
ec = ec N = ecV
(A.6)
x

Nel limite di volume infinito, questa ampiezza tende a zero e non si ha mixing tra i due vuoti. In altre
parole, laltezza effettiva della barriera che separa i vuoti `e infinita e di conseguenza abbiamo di fatto
due diverse spazi di Hilbert H+ e H costruiti a partire da i due vuoti |i usando le solite regole della
seconda quantizzazione. Non c`e possibilit`a di restaurare la simmetria tramite effetto tunnel, e tutti gli
operatori locali hanno elementi di matrice nulli tra uno stato in H+ e uno in H .

55