Sei sulla pagina 1di 6

di

O
W

XC

to

er-

.c

lic

ck

s o ft w a r e

.c

N. R.G. 2551/2012

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
* * *
TRIBUNALE ORDINARIO DI GROSSETO
SEZIONE CIVILE

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del Giudice unico dott.ssa Paola Caporali
ha pronunciato la seguente
SENTENZA
nella causa civile di I Grado iscritta al n. r.g. 2551/2012 tra:
ADRIANA GUADAGNO (C.F. GDGDRN59L53E202F), con lavv. BADINI SILVIA
elettivamente domiciliato in VIA BRUNO BUOZZI 14 58100 GROSSETO presso il difensore avv.
BADINI SILVIA, che la rappresenta giusta delega in atti
- ATTRICE OPPONENTEe
PAOLA CARRARETTO (C.F. CRRPLA64P56F116I), con il patrocinio dellavv. AMERINI
FRANCESCO elettivamente domiciliato in VIA GINORI 26 58100 GROSSETO presso il difensore
avv. AMERINI FRANCESCO, che la rappresenta giusta delega in atti

-CONVENUTA OPPOSTAOggetto: opposizione a decreto ingiuntivo.


Conclusioni: come da verbale di udienza del 16.07.2014 e specificamente:
per parte attrice opponente conclude come in atto di citazione in opposizione;
per parte convenuta opposta Voglia il Tribunale di Grosseto, rigettata ogni contraria istanza, nel
merito respingere poich infondata l'opposizione proposta dalla signora Adriana Guadagno
avverso il decreto ingiuntivo numero 533 / 2012 emesso dal Tribunale di Grosseto in data 8 giugno
2012, notificato il 30 giugno 2012. condannando l'opponente Adriana Guadagno al pagamento
della somma di euro 35.200,00 oltre agli interessi legali, dal dovuto al saldo, ed alle spese di
causa. In subordine condannare la signora Adriana Guadagno alla restituzione delle somme
riscosse pari ad euro 17,600,00= - oltre interessi legali dalla data del pagamento al saldo - previa

Firmato Da: CAPORALI PAOLA Emesso Da: POSTECOM CA3 Serial#: 17ae8

s o ft w a r e

F-

!
Y
U
B
to
k
lic

er-

tra

tra

ck

hange E

Sentenza n. 1191/2014 pubbl. il 04/12/2014


RG n. 2551/2012
Repert. n. 2285/2014 del 04/12/2014
PD

O
W

di

PD

hange E

or

XC

or

F-

di

O
W

XC

to

er-

.c

lic

ck

s o ft w a r e

.c

occorrendo risoluzione del contratto preliminare stipulato a Grosseto il 9 dicembre 2011 per
inadempimento grave della parte promittente la vendita rispetto all'obbligo di risultato, garantito
all'articolo 9 del predetto contratto preliminare, riguardo l'assenza del vincolo d'inedificabilit
decennale, altrimenti previsto dall'articolo 46 della Legge regionale Toscana numero 1 / 2005..
*

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO


Con decreto ingiuntivo n. 533/12 (R.G. n1533/12) emesso in data 8.06.2012 il giudice del
Tribunale di Grosseto su istanza di Carraretto Paola ingiungeva a Guadagno Adriana il pagamento
dellimporto di euro 35.200,00 oltre interessi e spese.
Il credito vantato dalla Carraretto era riferito al doppio della somma versata a titolo di caparra
confirmatoria in sede di contratto preliminare di compravendita inter partes, con riferimento al
quale lattrice aveva esercitato il diritto di recesso per inadempimento della controparte, lamentando
che il bene era risultato gravato da vincolo di inedificabilit contrariamente a quanto promesso.
Con atto ritualmente notificato lopponente conveniva in giudizio, innanzi al Tribunale di Grosseto
la Carraretto formulando opposizione avverso il predetto decreto ingiuntivo e chiedendone
lannullamento e/o la revoca. In particolare evidenziava la mancanza di giusta causa del recesso
chiedendo che ne venisse dichiarata lillegittimit, rilevando che non risultava presente alcun
vincolo di inedificabilit nel terreno compravenduto.
Parte opposta si costituiva chiedendo il rigetto dellopposizione che riteneva infondata,
evidenziando come i frazionamenti del terreno eseguiti dalla promittente venditrice

non

permettevano di derogare al vincolo di inedificabilit decennale previsto dalla vigente legge


regionale.
La causa veniva istruita mediante produzioni documentali ed espletamento di CTU.
Alludienza 16.07.2014 le parti precisavano le conclusioni e il giudice tratteneva la causa per la
decisione concedendo termini ex art. 190 c.p.c.
MOTIVI DELLA DECISIONE
In punto di rito va premesso come lopposizione a decreto ingiuntivo dia luogo ad un ordinario
giudizio di cognizione in cui il giudice non deve limitarsi a stabilire se lingiunzione fu emessa
legittimamente in relazione alle condizioni previste dalla legge per lemanazione del provvedimento
monitorio, ma accertare il fondamento della pretesa fatta valere con il ricorso per ingiunzione; per
cui ove il credito risulti in tutto o in parte fondato la domanda dovr essere accolta
indipendentemente dalla circostanza della regolarit, sufficienza e validit degli elementi probatori
alla stregua dei quali lingiunzione fu emessa, rimanendo irrilevanti, ai fini di tale accertamento,

Firmato Da: CAPORALI PAOLA Emesso Da: POSTECOM CA3 Serial#: 17ae8

s o ft w a r e

F-

!
Y
U
B
to
k
lic

er-

tra

tra

ck

hange E

Sentenza n. 1191/2014 pubbl. il 04/12/2014


RG n. 2551/2012
Repert. n. 2285/2014 del 04/12/2014
PD

O
W

di

PD

hange E

or

XC

or

F-

di

O
W

XC

to

er-

ck

lic

.c

m
o

s o ft w a r e

.c

eventuali vizi della procedura monitoria che non importino linsussistenza del diritto fatto valere
con tale procedura (cfr. Cass. 17.02.2004 n 2997; Cass. 24.06.2004 n11762)
Nel merito va evidenziato che la pronuncia del decreto inverte solo lonere di instaurazione
delleffettivo contraddittorio senza ulteriormente influire sulla posizione delle parti davanti al
giudice, ed in particolare senza invertire lonere della prova, gravante sullopposto, ovvero colui che
nel giudizio ordinario sarebbe stato attore.
Nel caso di specie risulta documentalmente e non oggetto di contestazione che con scrittura
privata in data 9.12.2011, per quanto di interesse ai fini della presente causa, Guadagno Anna
prometteva di vendere a Carraretto Paola una serie di appezzamenti di terreni privi di fabbricati, siti
nel comune di Cinigiano loc. Puntoni, per il prezzo complessivo di euro 88.000, di cui euro 17.600
corrisposti al momento della sottoscrizione del preliminare anche a titolo di caparra confirmatoria.
In particolare al punto 9 del contratto la parte promittente venditrice garantiva che a seguito della
vendita dei terreni sopraindicati non ricorrono le condizioni previste per il sorgere del vincolo di
inedificabilit decennale previsto dallart. 46 della LRT n 1/2005.
Con raccomandata datata 27.02.2012 parte promittente acquirente, a mezzo del proprio difensore,
dichiarava di esercitare il proprio diritto di recesso dal contratto, stante linadempimento della parte
promittente venditrice rispetto alle pattuizioni, rilevando che i terreni promessi ricadevano nella
previsione di cui allart. 46 LRT, contrariamente a quanto assicurato nel contratto.
La legge regionale toscana n 1/2005, che allart. 204 ha disposto labrogazione della LRT 64/1995,
ha ad oggetto la disciplina degli interventi di trasformazione urbanistica ed edilizia nelle zone con
prevalente funzione agricola e, in particolare, allart. 46 prevede il divieto decennale di
realizzazione di nuovi edifici in tutti i casi di trasferimenti parziali di fondi agricoli attuati al di
fuori dei programmi aziendali di miglioramento, a titolo di compravendita o ad altro titolo, con
leccezione, espressamente prevista al comma II, del caso in cui i rapporti fra superfici fondiarie
ed edifici utilizzati per lattivit agricola cos come stabiliti dalla provincia in sede di
determinazione dei parametri di cui allarticolo 51, comma 2, lettera, e) non siano stati superati su
alcuna delle porzioni risultanti, fatta comunque salva la possibilit di dimostrare, per i caso di
trasferimenti anteriori alla determinazione dei parametri da parte della provincia, attraverso
programma aziendale di miglioramento che lindispensabilit dei nuovi edifici sussisteva in
riferimento allestensione dellazienda ed agli edifici in essa esistenti risultanti al momento del
trasferimento, ferma restando la possibilit di comprendervi i successivi ampliamenti
dellestensione aziendale.
Il CTU, mediante puntuale verifica ed adeguata motivazione, ha accertato che al momento del
preliminare per cui causa i terreni promessi in vendita alla Carraretto erano tutti interessati da

Firmato Da: CAPORALI PAOLA Emesso Da: POSTECOM CA3 Serial#: 17ae8

s o ft w a r e

F-

!
Y
U
B
to
k
lic

er-

tra

tra

ck

hange E

Sentenza n. 1191/2014 pubbl. il 04/12/2014


RG n. 2551/2012
Repert. n. 2285/2014 del 04/12/2014
PD

O
W

di

PD

hange E

or

XC

or

F-

di

O
W

XC

to

er-

ck

lic

.c

m
o

s o ft w a r e

.c

vincolo di inedificabilit di cui allart. 46 co I LRT, evidenziando in tal senso il superamento del
parametro minimo stabilito dal co II del medesimo articolo di legge, con una eccedenza volumetrica
pari a mc. 1203,73. Il CTU ha in tal senso evidenziato la non rimovibilit del suddetto vincolo
incrementando la potenzialit edificatoria dei terreni con lintroduzione di nuove colture che
hanno maggiore indice volumetrico, acquistando e/o prendendo in affitto nuovi terreni in
considerazione del fatto che il suddetto vincolo di inedificabilit si forma al momento della
conclusione dellatto di trasferimento parziale della propriet con una durata di 10 anni, non
rimovibile e dopo 10 anni decade per legge.
In tal senso il CTU ha verificato come il superamento dei parametri previsti dal legislatore idonei a
far scattare il vincolo di inedificabilit era gi stato superato a prescindere dallattuazione dello
stesso contratto oggetto di causa, in quanto gi il contratto di affitto agrario stipulato in data
15.02.2010 tra la signora Adriana Guadagno (concedente) con laffittuario Salvatore Puleo di per
s stesso attuava un frazionamento rilevante dei terreni che gi alterava il rapporto normativo tra
superficie e volumi edificati, almeno in relazione ad una delle due porzioni (la porzione A)
conseguenti al contratto di affitto.
Non decisivo e comunque non utilizzabile in contratto agrario prodotto dalla parte al CTU, quindi
non solo a termini istruttori ormai scaduti, ma anche al di fuori delle forme rituali che prevedono la
produzione in udienza davanti al giudice e nel contraddittorio delle parti, senza che sia stata addotta
alcun impedimento oggettivo rispetto alla sua mancata, tempestiva produzione, senza che sia stata
peraltro formalizzata la richiesta di remissione in termini e, infine, senza che latto tra privati, di cui
la parte poteva disporre e che avrebbe potuto produrre, possa essere ricompreso nella
documentazione presso pubblici uffici utile alla compiuta ricostruzione della vicenda, limitatamente
alla quale il CTU era stato autorizzato allacquisizione, pervenendosi in caso contrario ad un
sovvertimento dellonere della prova gravante su ciascuna delle parti con riferimento alle domande
proposte. In proposito va comunque evidenziato come le conclusioni formulate da parte attrice
opponente in sede di udienza di precisazione delle conclusioni, richiamando latto di citazione in
opposizione, rappresentano allevidenza una evidente rinuncia a tutte le diverse istanze anche
istruttorie ed eccezioni non contenute nellatto espressamente richiamato. Per costante
giurisprudenza qualora il difensore di parte, comparso alludienza di precisazione delle conclusioni,
abbia precisato le proprie in modo specifico, le domande e le eccezioni non riproposte, ove non si
riconnettano strettamente con altre specificamente riproposte o, dalla condotta processuale della
parte non risulti che essa abbia voluto tenerle ferme, debbono presumersi abbandonate o rinunciate,
rientrando nei poteri del difensore la rinuncia ad un singolo capo della domanda o la riduzione delle
originarie domande (cfr. Cass. 6.01.2002 n 40).

Firmato Da: CAPORALI PAOLA Emesso Da: POSTECOM CA3 Serial#: 17ae8

s o ft w a r e

F-

!
Y
U
B
to
k
lic

er-

tra

tra

ck

hange E

Sentenza n. 1191/2014 pubbl. il 04/12/2014


RG n. 2551/2012
Repert. n. 2285/2014 del 04/12/2014
PD

O
W

di

PD

hange E

or

XC

or

F-

di

O
W

XC

to

er-

ck

lic

.c

m
o

s o ft w a r e

.c

Ci detto, venendo ad esaminare la domanda di parte convenuta opposta, lesercizio del diritto di
recesso da parte della stessa promittente acquirente deriva direttamente dalla pattuizione della
caparra confirmatoria, quale determinazione convenzionale del danno derivante da un eventuale
inadempimento. Lart. 1385, 2 comma c.c., infatti, riconosce alla parte non inadempiente la
possibilit di recedere dal contratto ritenendo la caparra o esigendo il doppio della stessa qualora la
parte inadempiente sia quella che lha ricevuta. Tale forma di recesso configura uno strumento di
risoluzione del contratto di natura legale e postula necessariamente linadempimento della
controparte.
Orbene, nella fattispecie in esame, il recesso risulta ritualmente formalizzato con la raccomandata
prodotta in atti.
Dunque, salva la diversa volont manifestata dalle parti, le caratteristiche dell'inadempimento che
giustificano l'applicazione dell'art. 1385 c.c. sono le medesime previste dall'art. 1455 c.c. in tema di
risoluzione del contratto. Ne consegue che le opzioni concesse alla parte adempiente dall'art. 1385
c.c. non potranno che essere attuate in presenza di un inadempimento di non scarsa importanza, ad
eccezione della ipotesi in cui le parti abbiano inserito nel contratto principale una clausola risolutiva
espressa che, ai sensi dell'art. 1456 c.c., preclude al giudice di accertare la gravit
dell'inadempimento contrattualmente stabilita dalle parti, cosa che deve essere esclusa nel caso di
specie. Non ricorrendo gli estremi di tale ultima fattispecie, deve quindi essere verificata la
sussistenza o meno di un grave inadempimento tale da giustificare la legittimit del recesso
esercitato.
In tal senso deve ritenersi che con riferimento alla promessa di acquisto di terreni, in relazione ai
quali era stata espressamente garantita lesclusione di vincoli di inedificabilit, la ricorrenza dei
presupposti per lapplicabilit di tale vincolo decennale tale da integrare gli estremi del grave
inadempimento, proprio in quanto tale da incidere pesantemente sulla natura stessa del bene e
conseguentemente sulla funzione e sul valore dello stesso.
Di contro non emergono profili di inadempimento da parte della convenuta opposta, non essendo in
tal senso rilevante la raccomandata con la quale il difensore della Guadagno invitava la Carraretto a
comparire davanti al notaio per la stipula del contratto definitivo: non soltanto tale missiva risulta
successiva allesercizio del diritto di recesso contrattuale da parte della promittente acquirente (nella
cartolina allegata risulta indicata data di consegna 4.03.2012), ma risultato chiaramente dalla
CTU che n allepoca del preliminare n successivamente, sussistevano gli estremi normativi per la
rimozione del vincolo di inedificabilit effettivamente sussistente nei terreni oggetto di promessa,
come gi evidenziato dalla lettera di risposta inviata dal difensore dellopposta il 20.03.2012.

Firmato Da: CAPORALI PAOLA Emesso Da: POSTECOM CA3 Serial#: 17ae8

s o ft w a r e

F-

!
Y
U
B
to
k
lic

er-

tra

tra

ck

hange E

Sentenza n. 1191/2014 pubbl. il 04/12/2014


RG n. 2551/2012
Repert. n. 2285/2014 del 04/12/2014
PD

O
W

di

PD

hange E

or

XC

or

F-

di

O
W

XC

to

er-

.c

lic

ck

s o ft w a r e

.c

Da ci discende il diritto della parte convenuta opposta a conseguire il doppio della caparra, in
considerazione dellimportanza di tale inadempimento rispetto alla prestazione finale oggetto del
contratto.
Risultando dagli atti che parte convenuta opposta ha versato a titolo di caparra la somma di euro
17.600

mila alla attrice opponente, il decreto ingiuntivo deve essere confermato e questa

condannata a rifondere a tale titolo la somma di euro 35.200, oltre interessi nella misura di legge dal
dovuto al saldo effettivo.
Il regolamento delle spese di lite della presente fase di opposizione segue la soccombenza di
parte opponente e le stesse sono liquidate come in dispositivo in base alle norme applicabili ratione
temporis.
Sulla base dei medesimi presupposti le spese di CTU, liquidate come in atti, sono
definitivamente poste a carico di parte attrice opponente.
P.Q.M.
Il Tribunale, definitivamente pronunciando sulla domanda proposta tra le parti come in epigrafe
indicate, cos provvede:

conferma il decreto opposto n 533/12 emesso dal Tribunale di Grosseto

e per leffetto

condanna parte attrice opponente a corrispondere a parte convenuta opposta la somma di


euro 35.200,00 per la causale e con gli interessi di cui in parte motiva, oltre le spese della
fase monitoria, come gi liquidate nel decreto ingiuntivo;

condanna parte attrice opponente a rifondere a parte convenuta opposta le spese di lite della
presente fase di opposizione che si liquidano in euro 4500 per compenso professionale, oltre
rimb. forf., IVA e CPA come per legge;

pone le spese di CTU come liquidate in atti, definitivamente a carico di parte attrice
opponente.

Cos deciso in Grosseto, il 3.12.2014


IL GIUDICE
dott.ssa Paola Caporali

Firmato Da: CAPORALI PAOLA Emesso Da: POSTECOM CA3 Serial#: 17ae8

s o ft w a r e

F-

!
Y
U
B
to
k
lic

er-

tra

tra

ck

hange E

Sentenza n. 1191/2014 pubbl. il 04/12/2014


RG n. 2551/2012
Repert. n. 2285/2014 del 04/12/2014
PD

O
W

di

PD

hange E

or

XC

or

F-