Sei sulla pagina 1di 2

Via Dalla Chiesa, 6 71019 Vieste (Fg)

0884.702346 Fax 707611

e-mail: ilfaro@viesteonline.it
Redazione: Via Messapia, 1 - Vieste (Fg) - Fax 0884/704191 Anno XX n.26 (929) 3 luglio 2015

IL 9 LUGLIO APRE IL CINE TEATRO ADRIATICO LA CORTE DEI CONTI DI PUGLIA AL COMUNE DI VIESTE:
Dopo 40 anni il ciSUBITO DEI RIMEDI O SI RISCHIA IL DISSESTO
nema Adriatico di
Vieste riapre i battenti
con una sala cinematografica e teatrale da
500 posti e unarena
allaperto.
Linaugurazione si
terr gioved 9 luglio
alle ore 18,30 presso
la struttura di viale
Marinai dItalia. Sar
presente Attilio Romita,
direttore TG3 Puglia, il
sindaco di Vieste, Ersilia Nobile, lassessore
alla Cultura, Nicola
Rosiello e il neo direttore del Cine Teatro
Adriatico, Mauro Palma affidatario della
gestione della struttura
con la sua associazione Falso Movimento.
Con lui collaborano
Mario Pierrotti, responsabile attivit teatrali, Angelo Cavallo,
responsabile premio
Matteo Salvatore e Tonio Tosques,
responsabile rassegna jazz.
Questo il programma dellevento:
ore 18:30 taglio del nastro; ore 18,35
benedizione della struttura da parte
del vicario episcopale, don Gioacchino Strizzi; ore 18,50 conferenza
stampa di presentazione della stagio-

ne cinematografica e teatrale; ore


19,30 rinfresco nellanfiteatro; ore
20,00 Porte aperte, visita alla
struttura e proiezioni gratuite; a
seguire esibizione della Euro Band;
ore 22,00 00,30 proiezione del film
Jurassic World (ingresso a pagamento euro 6,00).

TORNANO A VIVERE I TRABUCCHI DEL GARGANO


Finalmente, dopo anni di peripezie e polemiche, i trabucchi storici di
Vieste hanno riaperto i battenti. Nel
pomeriggio di gioved 25 giugno
sera presso il trabucco di Baia Molinella si celebreta la rinascita dei
giganti della costa garganica. Tanta
la gente, soprattutto turisti, attratti dal
fascino di queste imponenti macchine
da pesca.
All'appuntamento
non sono mancate le
istituzioni che, spronate
dall'associazione "La
Rinascita dei Trabucchi
Strorici" presieduta da
Gianni Spalatro, hanno
confermato il proprio
interesse affinch questi musei a cielo
aperto diventino sempre pi tali e soprattutto non cadano a pezzi.
Leo Di Gioia, presente
in qualit di consigliere
regionale, gi da assessore al Bilancio
della Puglia, con la
sua collega di giunta Angela Barbanente, aveva visitato i trabucchi,
assicurando all'associazione un intervento fattivo in termini economici (si
parla di un finanziamento di 200 mila
euro). La Regione Puglia, oltre a

tutelarli con un'apposita legge, li ha


inseriti anche nel programma "Puglia
Open Days", mentre da luglio a
settembre l'associazione organizzer
dimostrazioni di pesca al fine di
divulgare l'incredibile storia di questi
affascinanti trabucchi.
Sono intervenuti alla manifestazione il presidente del Parco del
Gargano, Stefano Pecorella,

l'assessore al turismo del Comune di


Vieste, Nicola Rosiello, entrambi
molto soddisfatti di come sia tornato
l'entusiasmo per i trabucchi che per
Vieste rappresentano un formidabile
strumento di promozione.

C' tempo solo fino al 20 luglio


per approvare l'adozione di complete misure correttive per rimuovere
gli squilibri creatisi in questi anni nel
bilancio del Comune di Vieste. Se
cos non fosse per l'ente di corso
Fazzini si creerebbero le condizioni
per imboccare il triste sentiero che
porta alla dichiarazione dello stato di
dissesto finanziario, foriero di conseguenze nefaste per le prospettitive
amministrative e l'agibilit finanziaria
dell'ente comunale.
Nel giro di poco meno di tre mesi
potrebbero persino crearsi le condizioni affinch il Prefetto di Foggia
chieda poi al Consiglio comunale di
dichiarare il dissesto ed in caso di
ulteriore inerzia sia egli stesso a
nominare un Commissario che lo
dichiari, avviando contestualmente le
procedure per lo scioglimento del
Consiglio Comunale (in applicazione
dell'art.6 comma 2 del Decreto Legislativo 149/2011.
E' quanto si evince dalla lettura
della deliberazione n.135 depositata
il 26 giugno scorso ed assunta nella
Camera di Consiglio tenuta dal collegio dei giudici contabili tre giorni
prima, riunitosi proprio per esaminare
la situazione finanziaria del Comune
di Vieste.
Il deliberato di trenta pagine
esamina il percorso finanziario "guidato" assunto dal Comune di Vieste
dopo l'adozione nel settembre 2013
(con delibera di Consiglio n.61 del
13.09.2013) del famoso "Piano di
rientro", imposto per correggere
squilibri strutturali di bilancio venutisi
col tempo a consolidarsi ed a compromettere la stablit delle casse
comunali. A due anni circa

dall'adozione di quel
piano, imposto dalla
Corte dei Conti sezione regionale della Puglia per rimediare allo
stato di insolvenza, ma
anche per garantire il
ripristino dell'equilibrio
di cassa, con il rimborso dell'anticipazione
di tesoreria ed al termine di una fase di
periodico monitoraggio
sull'andamento dei
conti comunali, i giudici contabili hanno maturato la
convinzione che la situazione di
cassa al Comune di Vieste continui
a manifestarsi asfittica.
Il Comune come si legge
nella delibera pubblicata nella sezione
Amministrazione Trasparente del sito
istituzionale del Comune di Vieste
non ha raggiunto gli obiettivi prefissati n in termini di esposizione
debitoria, n in quelli di ripristino
dell'anticipazione di tesoreria.
E ci aggiunge anche dell'altro. La
Corte dei Conti pugliese rileva un
ulteriore pericolo incombente come
una spada di Damocle sulla salute
dei conti pubblici comunali: l'allarme
contenzioso. In sostanze nelle cause
legali, nei procedimenti civili ed
amministrativi che coinvolgono il
Comune davanti a giudici e tribunali
ed organi giurisdizionali vari c' il
rischio, tuttaltro che remoto, di soccombere nei relativi giudizi e di
vedersi addebitare spese e risarcimenti di notevoli proporzioni ai quali
non si fatto fronte con degli appositi
accantonamenti nella pianificazione
contabile.

In pista la candidatura di Nicola Rosiello col sostegno del Pd?

COMUNALI 2016, PARTE IL DIALOGO FRA FORZA ITALIA E PD


Una sorta di viatico al dialogo si era potuto intravedere negli scorsi mesi.
In una nota della segreteria del Pd venne annunciato un possibile passo
indietro per l'indicazione del candidato sindaco, nell'ambito di un'intesa
programmatica. Ora ci sono i primi approcci. Sabato scorso 27 giugno si sono
incontrati alcuni esponenti di Forza Italia (Nicola Rosiello, Pina Falcone,
Vincenzo Mastromatteo, Raffaele Zaffarano era assente per impegni di lavoro)
con quelli del Pd (la segretaria Federica Castagnetti, i consiglieri comunali
Annamaria Giuffreda, Giuseppe Calderisi ed il dirigente provinciale Aldo Ragni).
Formalmente l'incontro faceva seguito ad una richiesta del Pd di incontrare
tutte le forze politiche della citt per valutare
l'evolversi della situazione, in particolare a
seguito della relazione della Corte dei Conti.
Solo Forza Italia si resa disponibile
all'incontro. Cos l'assessore al Bilancio
Rosiello ha esposto i contenuti di quella
relazione e lo stato dei conti del Comune di
Vieste. A seguire sembra per che non sia
mancato un confronto per quanto riguarda
le alleanze per le Comunali 2016. Nelle ore
successive il vice sindaco Raffaele Zaffarano
stato informato dei contenuti dell'incontro.
Interpellato, Zaffarano ha dichiarato che
nell'incontro il Pd ha avanzato la proposta
di candidare a sindaco Nicola Rosiello a
fronte di un'intesa programmatica. A parere
del vice sindaco forzista la proposta appare
strana... se non altro perch oggi il Pd
all'opposizione.

Cruda anche la constatazione


della Corte secondo la quale l'ente
non stato in grado di recuperare la
debitoria iniziale, ma ne ha accumulata di nuova, con il rischio di compromettere i servizi essenziali.
La delibera stata inviata al
sindaco, al presidente del Consiglio
Comunale, al revisore dei conti
nonch al Prefetto ed alla Conferenza permanente per il coordinamento
della finanza pubblica, ora pienamente investiti di "un caso Vieste" e di
quanto richiesto in termini di procedure nel caso specifico.

LOPPOSIZIONE CHIEDE
UN CONSIGLIO COMUNALE
STRAORDINARIO

Riceviamo e pubblichiamo
I sottoscritti consiglieri comunali
Clemente Mauro, Devita Angelo e
Montecalvo Antonio e Spina Diana
Domenicantonio, premesso che, con
deliberazione del maggio 2013, la
Corte dei Conti, Sez. Regionale per
la Puglia, ha chiesto al comune di
Vieste di adottare misure idonee a
superare gli squilibri di bilancio in
grado di provocare il dissesto finanziario e di provvedere un piano di
rientro capace di superare lo stato di
insolvenza; - che la stessa Corte dei
Conti, Sez. Regionale per la Puglia,
con deliberazione del 23 giugno u.s.,
ha riscontrato linadempienza del
comune di Vieste, rilevando comportamenti difformi dalla sana gestione
finanziaria, irregolarit contabili e
squilibri strutturali del bilancio.
Rilevato che, pertanto, il comune
di Vieste stato diffidato a produrre
eventuali ulteriori controdeduzioni e
documentazione comprovante ladozione di misure correttive della situazione finanziaria entro il termine del
20 luglio p.v.;
chiedono fissarsi con la massima
urgenza seduta del Consiglio Comunale, in prima e seconda convocazione, con allordine del giorno i seguenti argomenti: discussione sulle
misure correttive straordinarie per
scongiurare il preannunciato dissesto
finanziario del Comune di Vieste.
Vieste, l 30 giugno 2015
Mauro Clemente, Angelo Devita
Antonio Montecalvo,
Domenicantonio Spina Diana

GIOIELLI
Francesco
Giardino
NUOVA SEDE
VIA GIOVANNI XXIII, 35
Tel. 338.2132976

ORARIO CONTINUATO dalle 8,00 alle 20,30 TUTTI I GIORNI

VIA CARLO ALBERTO DALLA CHIESA, 20

Via S.Maria di Merino, 4


Tel./Fax 0884.701090

pag.2

settimanale

LA GUARDIA COSTIERA
HA INCONTRATO
I CONCESSIONARI
DEGLI STABILIMENTI BALNEARI
La mattina di luned 29 giugno
presso lhotel Sciali di Vieste, si
tenuto un incontro tra i rappresentanti
della locale Guardia Costiera ed i
gestori degli stabilimenti balneari.
Obiettivo dellincontro era quello
di affrontare i diversi temi connessi
con luso del mare ed in particolar
modo quelli riguardanti la sicurezza.
I partecipanti hanno accolto favorevolmente liniziativa che ha permesso
loro di creare un momento di confronto costruttivo con lautorit marittima sui vari aspetti connessi alla
tematica.
Nelloccasione sono state distribuite delle guide informative riguardanti

BASKET, WILLIAMS CONFERMATO


NELLA BISANUM VIAGGI VIESTE

le norme da rispettare durante lo


svolgimento della propria attivit.
Nello specifico, la suddetta guida ha
lo scopo di indirizzare il gestore ad
unattenta auto ispezione per verificare, nellambito del proprio stabilimento
balneare, il rispetto, in primis, delle
disposizioni dettate dallordinanza
n.13/2014 dellUfficio Circondariale
marittimo di Vieste.
Lobiettivo primario, come ha pi
volte ribadito Marco Pepe, comandante del locale Circomare, quello
di ottenere un elevato standard di
sicurezza per la balneazione, sottolineando, limportanza e la necessit
della presenza di un adeguato servizio di salvamento, quale primo anello
della catena sel soccorso, ed ogni
altra attrezzatura funzionale ad esso,
che ogni stabilimento balneare
obbligato. Si sono, inoltre, chiariti
alcuni dubbi interpretativi posti dagli
intervenuti riguardo alcune regole di
condotta nonche delucidazioni di
vario genere sulla materia. In sintesi,
un confronto, auspicato anche per il
futuro, con lintento di investire sulla
sicurezza.

La Bisanum Viaggi Vieste ha


rinnovato laccordo per unaltra stagione agonistica con Darrin Williams
A FOGGIA LUNEDI' 6 GIUGNO
che cos vestir la maglia biancazzurra per la seconda stagione consecuFORUM "RACKET, ANTIRACKET
tiva. ArriED ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA"
vato lo
Su iniziativa della Federazione
scorso
delle Associazioni Antiracket ed
anno daAntiusura Italiane, a Foggia luned 6
gli States,
luglio alle ore 11,30 presso la Sala
Williams,
conferenze della Prefettura di Foggia
classe
si terr il forum 'Il racket, l'antiracket
1 9 8 6 ,
e le associazioni di categoria'.
205 cenAll'incontro parteciperanno, oltre al
timetri
presidente onorario della FAI Tano
per 108
Grasso ed al coordinatore regionale
kg, ha
della FAI Renato De Scisciolo, il
conferprefetto di Foggia Maria Tirone, Fabio
mato di
Porreca presidente della Camera di
essere
Commercio di Foggia e Santi Giuffr
un giocacommissario straordinario antiracket.
tore di
Le conclusioni saranno affidate al
categoria
vice ministro dell'Interno Filippo
d i m o Bubbico.
(FAI Antiracket Vieste)
strando
sempre
continui progressi. Per lui,
adesso il momento dellesordio in Serie C dopo
[Si ringrazia lUfficio Anagrafe del Comune di Vieste]
una stagione da protagonista con 320 rimbalzi
(aggiornamento al 1 luglio2015)
conquistati (16 di media
Nominativo Sesso
Data
Luogo
a partita) e 270 punti segnati (13,5 di media) che
Pecorelli
F
21.06.2015 S.G.Rotondo
hanno rappresentato un
Samira
mattone fondamentale per
Ranalli
F
26.06.2015 S.G.Rotondo
la promozione della SunMicaela
shine. Le sue statistiche
Calabrese
M
24.06.2015 S.G.Rotondo
dello scorso anno conferMirko
mano il valore assoluto
del ragazzone di Detroit
che nonostante il lavoro
Nominativo
Nascita
Morte
sporco riuscito a chiudere con il 65% da 2
Clemente
Vieste
Vieste
punti, il 33% da 3 punti e
Gaetano
24.08.1954
30.06.2015
70% ai tiri liberi.
Confermiamo un giocatore
ha spiegato il team manager, Gianluca Monacis che ha fatto un ottimo
campionato ed sempre andato
migliorando. Monacis inoltre ha
illustrato quali sono le priorit per
mettere insieme un roster di qualit
per affrontare il prossimo difficile
campionato. Stiamo cercando giocatori in due ruoli fondamentali, il 4, un
posto lasciato vacante da Guede, ed
una guardia tiratrice. Abbiamo gi
preso contatti importanti con giocatori
di categorie superiori e a breve
contiamo di dare buone notizie ai
nostri meravigliosi tifosi. Inoltre guardiamo attentamente al mercato per
portare a Vieste un play/guardia con
attitudini difensive che possa difendere su pi ruoli. Resta ferma la volont della societ del presidente Pasquale Vieste, di inserire in squadra
i migliori giovani del nostro vivaio.

LANAGRAFE DEI VIESTANI


NATI

MORTI

FULL CONTACT VIESTE,


SANTINO ABATANTUONO
ALLA X LAB ACCADEMY LEGIOS

IMPARIAMO A CONOSCERE VIESTE:


COME ERA E COME E

I TEMPLARI SUL GARGANO

Sabato 20 giugno si svolto a


Rieti il primo Collegial Accademy
Legios diretto dal maestro di MMA
Alessio Sakara, evento a cui ha
partecipato il viestano Santino Abatantuono. LMMA Alessio Sakara
stato il primo lottatore in Italia a
competere nella promozione statunitense UFC considerata la pi prestigiosa in assoluta. Nel periodo in cui
Sakara ne ha fatto parte, ha lottato
in UFC dal 2005 al 2013 sia nei pesi
medi che nei massimi con un record
parziale di 6 vittorie ed 8 sconfitte. E
in assoluto uno degli atleti europei
pi longevi per quanto riguarda
lesperienza dellUFC ed anche a
livello internazionale a confronto con
la britannica Loge Warrios, la russa

Chi sono i Templari?


Degli individui, che accolsero linvito
di S. Bernardo di Chiaravalle, su iniziativa di Ugo di Payns, e fondarono nel
1118 un Ordine religioso-militare, con il
nome di Poveri Cavalieri di Cristo.
Essi assunsero lonere di proteggere tutti
coloro che si recavano a visitare i Luoghi
Santi e i Santuari sia della Palestina che
quelli sparsi in tutta lEuropa.
Vi aderirono subito i personaggi
protagonisti delle crociate, monaci e
soldati, agricoltori, muratori e artigiani,
alchimisti e architetti, banchieri e diplomatici, che elessero come loro capo un
Gran Maestro ed ebbero come sede, assegnata
da Baldovino II re di Gerusalemme, il palazzo
dellHarem di Sharif nei
pressi delle rovine del
Tempio di Salomone. Per
questa vicinanza al Tempio assunsero il titolo
Milites Templi o Templari.
La loro ascesa fu fulminea, fin dai primi cento
anni essi si diffusero in
tutta lEuropa, si conquistarono la fiducia dei vari
Stati e, subito, divennero
una potenza che mai Ordine religioso riusc a
raggiungere. Il loro potere
era allo stesso tempo militare, politico e morale.
Con le donazioni accumulate costituirono un
immenso patrimonio tanto
da inventare la professione di banchiere
e di tutti quei benefici derivanti dagli
interessi e con questa economia divennero
anche i governanti occulti dellEuropa del
XIII secolo.
Questa immane ricchezza, intanto,
preoccupava non poco i vari governanti,
fra cui Filippo IV il Bello re di Francia.
Costui ne comprese limportanza di tanta
ricchezza e pretese dai Templari di essere
eletto Gran Maestro. La sua proposta non
fu accolta e, allora, il Re, per non
restituire lingente
somma a lui prestata per dare una
ricca dote alla figlia, li accus di
eresia e fece arrestare nel 1307 ben
138 Templari. Due
anni dopo, senza
attendere il giudizio del Papa, li
fece trucidare e
condannare al rogo come eretici.
Inizi cos la fine
di questOrdine
monastico-militare
La diffusione
in Italia dei Templari avvenne dopo
alcuni decenni dalla loro fondazione, a
cominciare da Messina (1131) e poi man
mano si estese in tutta Italia e in Europa.
Infatti, subito dopo li troviamo a sorvegliare le strade principali dei pellegrinaggi, come quella Francigena o dei Romei,
diretta sia a Santiago di Compostela in
Spagna che a Roma ed anche sulle
antiche strade romane, quale la Traiana e
la Frentana, dirette verso il Gargano, detto
la Montagna Sacra, e verso la Puglia a
Bari, gran Santuario di San Nicola di
Mira.
Questi Cavalieri Templari, che nei
primi tempi alloggiavano in chiese minori
o in monasteri, con i contributi che
ricevevano ricevuto da pellegrini e benefattori, vi costruirono essi stessi chiese,
residenze proprie, note come domus e
ospizi detti hospital con dormitori e stalle
per accogliere i pellegrini,
Inoltre essi disponevano di una loro
flotta e dei porti per difendere le navi
dirette verso la Palestina e al ritorno sia
se utilizzate dai pellegrini che adibite a
fornire derrate a Gerusalemme.
A Vieste prenderanno residenza,
secondo me, dopo il 1177, perch non li
troviamo citati come scorta di Alessandro
III quando qui si imbarc per incontrare
Federico Barbarossa a Venezia.
Il trovarsi la nostra citt nella parte
pi avanzata nellAdriatico fu pi che
necessaria porre una loro residenza e
disporre di pi localit per sorvegliare e
difendere le navi dirette verso lOriente.
Si giustificherebbe cos la presenza di un
numeroso nucleo di Templari e di almeno
due abitazioni e di un fortilizio. Una
doveva trovarsi nellattuale via Diaz, poco
discosta dal crocevia con corso Umberto
I, confinante col vico Arco Cirillo e quasi
frontale a via dei Mille, il cui spigolo
posto a meno di un metro dal tetto,
formato da alcune lastre sovrapposte di
pietre, spesse una ventina di centimetri.
Su la parte laterale rivolto su Arco Cirillo,
sono scolpiti in bassorilievo particolari
simboli templari. E precisamente sulla
prima vi la caratteristica croce patente

ad otto punte e una stella racchiusa da


due segni simmetrici, sulla seconda vi
limmagine di due tozze colonne che
sostengono la facciata di una chiesa con
scritta illeggibile; sulla terza due figure
separate da una sottile losanga che
potrebbero rappresentare due personaggi;
sulla quarta vi un cerchio con raggi e
una losanga delimitata in un rettangolo
nei cui spigoli vi sono piccoli quadratini;
nella quinta emergono due figure romboidali. Mentre le immagini riportate su
laltro lato rivolte sulla strada, sono poco
intelligibili e difficili da fotografare per
la ristrettezza della strada.
Unaltra abitazione,
dopo lincrocio, su via
Arcaroli, caratterizzata da
un arco che unisce le due
case frontali. A destra si
accede al palazzo da un
portone, mentre su larco
a mo di una torretta, vi
sono camerette comunicanti con le stanze del
palazzo, ciascuna dotata
di finestre e balcone, rivolte sia su via Diaz che
su Largo S. Marco. Sugli
stipiti della finestra dellultimo piano, rivolta su
questo Largo si trovano
incise a destra la Triplice
Cinta e su quella a sinistra un Calice riverso in
senso orizzontale.
Sorpassato larco, a
pochi passi, vi lantico
convento dei Celestini. E
una tozza costruzione a base quadrata di
circa 20 metri di lato, costruito su una
piattaforma petrosa, con mura molto
spesse a scarpate, dal cui terrazzo si
domina su tutto lorizzonte del mare. Se
osserviamo attentamente le linee architettoniche ci accorgiamo che non hanno
niente dello stile di un convento. Infatti
dopo lassalto a Vieste del 1480 da parte
dei Saraceni guidati da Acmet Pasci, i
Celestini, che avevano la loro casa fuori
delle mura della
citt, in quella che
ora via S. Maria
di Merino e, precisamente, nei pressi
del pozzo S. Pietro,
posto ora nei giardini pubblici, venne
distrutta e i frati
riuscirono a rifugiarsi allinterno
della citt. Il fortilizio, che senzaltro,
con lampliamento
dellabitato, aveva
perso la sua funzione di rocca, doveva
trovarsi in uno stato
di abbandono, i frati
ne approfittarono
per restaurarlo e lo adattarono alle loro
necessit, abitandolo per circa due secoli.
Nella parte sottostante a livello del
mare vi era larsenale che fu molto attivo
durante il periodo svevo e angioino per
le costruzioni di navi, ma in tutti i secoli
si limitava alle riparazioni e a dare
rifugio ai pescherecci assumendo il
toponimo di u riandre, il rientro.
Molti viestani senzaltro ricordano
che sullattuale Rotonda di Marina
Piccola vi era negli anni del 1950/1960
ancora un resto di muraglia che perimetrava laccesso a questo rifugio. Questo
si sviluppava, pressa poco, su unarea
triangolare sempre a livello di mare, fino
allangolo del palazzo Martucci, cio
allingresso dellattuale piazza di Vittorio
Emanuele, pi noto come il Fosso, sul
cui fondo vi era una chianchettata, pari
ad una strada fatta con lastroni di pietre
levigate. La testimonianza data sia da
Francescantonio Nobile, che agli inizi del
1800 appront un preventivo di spese per
colmare la voragine che si era verificata
in questa piazza, conservato in un faldone
della biblioteca comunale e ordinato da
me, quando questa era nei locali del
Municipio e testimoniata anche dalling.
Giovanni Minerviino durante i lavori di
rinforzo del muro del palazzo Martucci.
Senzaltro i Templari dovevano possedere anche propriet a Vieste, ma di
queste ci mancano precise documentazioni. Io, per, posso solo ipotizzare che
siano state confiscate da Federico II,
quando spogli i Templari di tutti i loro
beni e potrebbero, quindi, essere quelle
che sono elencate nel suo Quaternus
excadenciarum: e cio le piccole propriet senza una buona rendita, come la
chiesa di S. Giacomo con tre orti, i
piccoli vigneti a Focareto, a Precomagno
e a S. Caterina; appezzamenti di terreni
deserti a Pietra de Mando, a Lago della
Vita e al vallone del Ventre; i 24 piedi di
ulivi a S. Marco, altri alberi a Pozzobuono, 18 a Romattino, un casa con magazzino e unaltra diruta presso lEpiscopio.
(33 continua)
Matteo Siena

M-1 Global e la brasiliana Jungle


Fight. Santino Abatantuono, cintura
nera di secondo dan di kick boxing
e di altre discipline marziali miste,
stato contattato dal manager di Alessio Sakara per partecipare alla nuova
apertura della X lab Accademy
Legios, in cui si allenato per due
giorni consecutivi con dei veri professionisti per apprendere nuove tecniche di combattimento.
E stata dura. ha spiegato
Abatantuono Ma il maestro Alessio Sakara mi ha fornito motivazioni
valide per far progredire i miei ragazzi della Full Contact Vieste.
FARMACIE
Reperibilit notturna:
FARMACIA DEL PORTO
dal 04.07.2015 al 10.07.2015
DISTRIBUTORI CARBURANTI
Orari: 7.0012.30 15.3020.00
- API Falco Via Manzoni
- Somarelli L.Mattei
- ENI Latino L.re Europa
- ESSO De MicheleL.re Mattei
- TAMOIL Soldano Defensola
- REPSOL Pastorella
Loc. Piano Grande
Turno festivo
5 luglio 2015
Somarelli L.Mattei

SUPERMERCATO OLMO
Tutto il meglio che c

settimanale

Direttore responsabile:
Nin delli Santi
Collaboratori:
Carmine Azzarone, Luther Blisset,
Vincenzo Casamassima, Dragutspia,
Michele Notarangelo, Franco Patrone,
Gaetano Simone, Saverio Serlenga,
Matteo Siena, Sandro Siena

"Il FARO settimanale sar in edicola


venerd 10 luglio 2015
Reg. Tribunale Foggia n.6 dell11 giugno 1996
Stampa: Grafiche Iaconeta
Giornale stampato su carta riciclata

Viale XXIV Maggio, 40 - Vieste

Pizza dasporto

ao
z
z
i
P
i
z
d
a
a Mez
i
n
l
n
A
g
by
Vo

Pizza al taglio
Panzerotti

Pizza e panzerotti by Anna Mezzo


dove la cortesia di casa

SU PRENOTAZIONE
DISPONIBILE SALETTA PER FESTE
E PICCOLE CERIMONIE

Via S.Maria di Merino, 12 Cell. 320.3450301