Sei sulla pagina 1di 8

Universit degli Studi di Ferrara

Facolt di Economia
Prova scritta di Ragioneria Generale ed Applicata 12 settembre 2011
NOME:

____________________________________________________________

COGNOME:

____________________________________________________________

MATRICOLA:

____________________________________________________________
oooOOOooo
PRIMA PARTE:

Il candidato registri le scritture contabili connesse ai fatti di gestione di seguito descritti, avendo cura di
presentare in modo chiaro e ordinato i relativi calcoli:
1.

In data 5/8/2011 si stipula un contratto di factoring con la banca MPS di Ferrara, adottando la clausola "prosolvendo". Nel contratto stabilita la possibilit di richiedere l'accredito anticipato del 75% dei crediti
commerciali fino ad un massimo di 180.000,00 Euro. Sono state pattuite commissioni di factoring in misura
del 5%, da corrispondersi al momento della cessione dei crediti, e un tasso di interesse del 6% sulle
anticipazioni. Il giorno stesso viene ceduto il credito commerciale verso il cliente ER.GA. s.r.l. di 150.000,00
Euro, con scadenza 10/2/2012, ottenendone l'accredito anticipato nella misura massima pattuita. L'importo,
al netto di interessi e commissioni, ci viene accreditato sul conto corrente aziendale il giorno 10 agosto
mediante bonifico bancario.

2.

In data 10/9/2011 si sviluppa un incendio presso i locali produttivi dell'azienda a seguito del quale si
registrano i seguenti danni: (a) l'impianto di confezionamento ed imballaggio prodotti, del costo storico di
275.000 ed ammortizzato in ragione del 20%, risulta gravemente danneggiato tanto che, il giorno successivo,
viene ceduto ad un centro di rottamazione al prezzo di 5.000 Euro + IVA; (b) risulta danneggiato un lotto di
semilavorati che, per essere recuperati, devono essere fatti oggetto di un intervento di riverniciatura, ad
opera della VERNIFLEX s.p.a., che viene effettuato immediatamente: a tale riguardo, in data 20 settembre, si
riceve fattura per 12.000 Euro IVA inclusa; (c) risulta danneggiato un lotto di prodotti finiti del valore di
50.000 Euro che, per essere recuperati, necessitano di lavorazioni aggiuntive, svolte con risorse interne, per
un costo netto stimato in Euro 7.800; (d) i lavori di riparazione dell'impianto elettrico sono affidati alla
societ Giusti & Figli s.n.c. che, dopo aver terminato l'intervento, in data 1/10/2011 ci invia fattura per un
importo di 7.500 + IVA.
In data 15/10/2011 a fronte dei danni sopra descritti, le assicurazioni Generali, con le quali abbiamo in
essere una polizza incendio & furto, ci accreditano, quale rimborso al netto di scoperti e franchigie
contrattuali, la somma di Euro 125.000, mediante bonifico bancario.

3.

In data 30/10/2011 si procede all'aumento del capitale sociale per complessivi 1 milione di Euro. I soci
perfezionano interamente l'operazione al momento della sottoscrizione provvedendo per il 50% mediante
conferimento di un immobile del valore peritale di 750.000 Euro e, per la restante parte, in contanti.

4.

In data 6/11/2011 si effettua una fornitura di prodotti in favore della "MI.NOX. s.a.p.a." per un importo
complessivo di 175.000 Euro (+ IVA 20%). Si emette contestuale fattura. Le spese di trasporto negoziate
franco vagone partenza, porto franco sono le seguenti: trasferimento dal nostro magazzino fino alla
stazione di partenza: 900 Euro (IVA 20% inclusa); immagazzinamento temporaneo stazione partenza &
carico sul vagone: 600 Euro (+ IVA 20%); tratta ferroviaria: 950 Euro (+ IVA 20%); operazioni di scarico e
stoccaggio temporaneo presso la stazione di destinazione: 720 Euro (IVA inclusa); carico & consegna
magazzino cliente MI.NOX.: 1.320 Euro (IVA 20% inclusa). Le fatture inerenti le spese di trasporto sono
ricevute il giorno 10 novembre. Nello stesso giorno (10/11) si provvede a regolarle mediante bonifico bancario.
Il giorno 15/11/2011 il cliente regola il dovuto: il 70% mediante emissione a nostro favore di pagher
cambiario, la parte a saldo in contanti, sconto condizionato 3%.

5.

In data 10/12/2011 ci viene comunicato che nei confronti del cliente ER.GA. s.r.l. stata emessa sentenza di
fallimento. Il giorno successivo, in accordo con la controparte, si procede a regolare la posizione nei
confronti del MPS. Si proceda con le rilevazioni necessarie, tenendo conto che il Fondo svalutazione crediti ha
saldo per 100.000 Euro e che si intende dare evidenza all'operazione nel conto economico.

SECONDA PARTE:
Il candidato, utilizzando dati a piacere, compili il bilancio contabile (qui di seguito proposto) della Eredi
Vincenti s.p.a., tenendo presente quanto segue:
Utilizzi almeno 10 voci per ogni colonna degli schemi di bilancio (in totale almeno 4 x 10 = 40 voci contabili)
Gli schemi di bilancio devono ovviamente bilanciare
Il risultato economico dell'esercizio deve essere negativo per 120
Il capitale di rischio conferito deve ammontare a 5.000
La riserva sovrapprezzo azioni ammonta a 1.200
Le rimanenze finali di prodotti finiti ammontano a 850
Il valore contabile residuo degli impianti ammonta a 450
Il consumo delle materie prime nel corso dell'esercizio 2011 ammonta a 550
Il capitale netto contabile ammonta a 7.000
Stato Patrimoniale al 31.12.2011

Conto Economico del 2011

SOLUZIONE PROPOSTA

Punto 1 Factoring pro-solvendo


Somma anticipata:
150.000,00 x 75% = 112.500,00
Commissioni di factoring (sul valore nominale): 150.000,00 x 5% = 7.500,00
Interessi per il periodo 10/08/11 10/02/12 => 180 gg.:
112.500,00 x 6 x 180
I = ------------------------ = 3.375,00
36.000

05/08

Societ di Factoring c/crediti ceduti

parziale

Crediti ceduti a Factoring

totale

150.000,00

10/08

Diversi
Banca c/c
Commissioni di factoring
Interessi passivi di factoring

Debiti v/Factor

112.500,00
101.625,00
7.500,00
3.375,00

Punto 2 Incendio
(a) Impianto confezionamento ed imballaggio:
11/09

Fondo ammortamento impianto

parziale

Impianto

totale

55.000,00

11/09

Diversi
Crediti diversi
Minusvalenza

a
a

Diversi

Impianto
IVA nostro debito

221.000,00
6.000,00
215.000,00
220.000,00
1.000,00

Oppure:
11/09

Fondo ammortamento impianto

parziale

Impianto

totale

55.000,00

11/09

Crediti diversi

a
a
a

Diversi
Impianto
IVA nostro debito

6.000,00
5.000,00
1.000,00

11/09

Minusvalenza

Impianto

215.000,00

(b) Lotto semilavorati:


20/09

Diversi
Spese di verniciatura
IVA ns. credito

Debiti v/VERNIFLEX s.p.a.

12.000,00
10.000,00
2.000,00

(c) Lotto prodotti finiti:


NESSUNA REGISTRAZIONE
(d) Impianto elettrico:
01/10

Diversi
Spese di riparazione impianto elettrico
IVA ns. credito

Debiti v/Giusti & Figli s.n.c.

9.000,00
7.500,00
1.500,00

(e) Rimborso assicurativo


01/10

Banca c/c

Sopravvenienze attive
(Risarcimento assicurativo)

125.000,00

Punto 3 Aumento di capitale


Se a fronte del 50% dell'aumento di capitale (pari a nominali 500.000) viene conferito un immobile del valore di
750.000 si desume facilmente che l'operazione viene chiusa con un sovrapprezzo del 50% sul valore nominale. Di
conseguenza, si avr che anche la parte in contanti sar di 750.000 euro (500.000 di nominale + 250.000 di
sovrapprezzo).
L'operazione pertanto si perfeziona con un incremento del Capitale sociale per nominali 1 milione e con la
contestuale costituzione (o incremento, nel caso fosse gi esistente in relazione a precedenti operazioni) della
Riserva sovrapprezzo azioni per un importo di 500.000 euro.
Alla luce delle considerazioni appena esposte, l'operazione pu essere cos registrata:
30/10

Diversi
Immobile
Banca c/c

a
a

Diversi

1.500.000,00

Capitale sociale
Riserva sovrapprezzo azioni

750.000,00
750.000,00
1.000.000,00
500.000,00

Diversi
Capitale sociale
Fondo sovrapprezzo azioni

1.000.000,00
500.000,00

Alternativamente:
30/10

Azionisti c/sottoscrizione

a
a
a

1.500.000,00

30/10

Diversi
Immobile
Banca c/c

Azionisti c/sottoscrizione

1.500.000,00
750.000,00
750.000,00

Punto 4 Fornitura Cliente MI.NOX. s.a.p.a.


Importo totale:
IVA 20%
Totale fattura

175.000 +
35.000 =
210.000

Spese di trasporto:
Venditore
Operazione
Sede venditore stazione di partenza
Immagazzinamento + carico sul vagone
Viaggio ferroviario
Scarico dal vagone & stoccaggio temporaneo
Consegna magazzino MI.NOX.
Totale

Imponibile

Acquirente
Importo IVA
inclusa

IVA

750
600

1.350

150
120

270

1.140
720
1.320
3.180

Poich la clausola di regolamento negoziata "porto franco", significa che noi procediamo a saldare integralmente le
spettanze del vettore di trasporto, anche per la parte non di nostra competenza.
In pratica pagheremo al vettore 4.800, cos composte: spese di trasporto di nostra competenza per 1.620 (1.350
+ 270) + le spese di competenza del compratore ( 3.180).
Per quanto attiene la rilevazione contabile, dovremo registrare:
(a) i costi di trasporto di nostra competenza + il credito verso l'Erario per l'IVA;
(b) conguagliare la nostra posizione nei confronti dell'acquirente: infatti sar nostro diritto rivalerci nei suoi
confronti per le somme che gli abbiamo anticipato pagando per suo conto le spese di trasporto di sua
competenza.
In definitiva, nostro credito verso il cliente "MI.NOX. s.a.p.a." sar pari a:
210.000 + 3.180= 213.180 euro
Regolamento:
(1) pagher cambiario: 213.180 x 70% = 149.226 (Cambiali attive)
(2) contanti, al netto dello sconto 3%:
213.180 x 30% = 63.954
sconto: 63.954 x 3% = 1.918,62
accredito c/c: 63.954 1.918,62 = 62.035,38
REGISTRAZIONE:
6/11

Crediti verso cliente MI.NOX.

a
a
a

Diversi
Prodotti finiti c/vendite
IVA nostro debito

210.000,00
175.000,00
35.000,00

10/11

Diversi
Spese di trasporto
IVA nostro credito
Crediti verso cliente MI.NOX.

Debiti verso fornitori (Trasporto)

4.800,00
1.350,00
270,00
3.180,00

10/11

Debiti verso fornitori (Trasporto)

Banca c/c

4.800,00

15/11

Diversi
Effetti attivi
Cassa
Sconti passivi

Crediti verso cliente MI.NOX.

213.180,00
149.226,00
62.035,38
1.918,62

Punto 5 Fallimento cliente ER.GA. s.r.l.


Innanzitutto occorre chiudere la posizione di factoring con MPS (negoziato con la clausola pro-solvendo).
10/12

Crediti ceduti a Factoring

parziale

totale

150.000,00

Societ di Factoring c/crediti ceduti

10/12

Debiti v/Factor

a
a
a

112.500,00
Interessi passivi di factoring
Banca c/c

1.125,00
111.375,00

A ben vedere, la somma da restituire non quella (integrale) registrata a debito in contabilit perch essa stata
determinata considerando anche gli interessi passivi sull'anticipazione che tuttavia non stata sfruttata per l'intero
periodo. Visto che siamo al 10 dicembre e che gli interessi erano stati conteggiati sino al 10 febbraio, occorre
scontarli di 60 gg.
Quindi:
112.500,00 x 6 x 60
I = ------------------------ = 1.125 interessi da scontare
36.000
poi necessario stralciare il credito verso ER.GA. dalla contabilit, utilizzando la tecnica contabile che consente di
evidenziare l'operazione in conto economico:
10/12

Perdita su crediti

Credito verso cliente ER.GA.

150.000,00

Utilizzo Fondo svalutazione crediti

100.000,00

10/12

Fondo svalutazione crediti

Esempio di soluzione seconda parte


In grassetto i conti che devono essere riportati in bilancio in base alle consegne dell'esercizio. In corsivo, invece, i
conti che completano il bilancio in via del tutto discrezionale (conti a scelta dello studente):
STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2011
Impianti

1.450 Capitale sociale

3.800

Magazzino prodotti finiti


Magazzino materie prime
Perdita d'esercizio
Banca c/c
Crediti verso clienti
Denaro in cassa

850
600
120
1.890
2.200
120

1.200
1.500
620
1.000
1.100
635

Risconti attivi
Terreni
Titoli BTP

215 Ratei passivi


2.050 Fondo TFR
720 Fondo rischi su crediti

Totale attivit

Riserva sovrapprezzo azioni


Riserva legale
Riserva straordinaria
Fondo amm.to impianti
Debiti v/fornitori
Mutuo passivo

10.215 Totale passivit

10
600
50
10.515

CONTO ECONOMICO DEL 2011


Materie prime c/acquisti
Materie prime c/esistenze iniziali
Ammortamento impianti
Fitti passivi
Interessi passivi su mutuo
Accantonamento fondo rischi su crediti

900
250
250
350

Materie prime c/rimanenze finali


Prodotti finiti c/rimanenze finali
Prodotti finiti c/vendite
Utile su titoli

90 Interessi su titoli (ricavi)


15 Plusvalenze da alienazione

600
850
1.400
6
12
13

Quota TFR

173 Ricavi per vendita sfrisi di produzione

80

Rivalutazione fondo TFR


Energia elettrica
Lavorazioni di terzi su nostri prodotti

77 Fitti attivi
130 Sconti attivi
890 Resi su acquisti

28
6
10

Totale costi

3.125 Totale ricavi


Perdita d'esercizio
Totale a pareggio

ESPLICITAZIONE DELLE IMPLICAZIONE DEI VINCOLI IMPOSTI DAL TESTO DELL'ESERCIZIO


2. gli schemi di bilancio devono bilanciare
totale attivit patrimoniali = totale passivit patrimoniali
totale sezione costi = totale sezione ricavi
3. il risultato economico dell'esercizio deve essere negativo per 120
sezione costi del CE > sezione ricavi del CE per 120
lo stesso valore va riportato nell'attivo dello stato patrimoniale contabile
4. il capitale di rischio conferito deve ammontare a 5.000
5. la riserva sovrapprezzo azioni ammonta a 1.200
capitale di rischio conferito = capitale sociale + riserva sovrapprezzo azioni

3.005
120
3.125

capitale sociale = cap. rischio riserva sovrapp. azioni = 5.000 1.200 = 3.800 (passivo SP)
riserva sovrapprezzo azioni = 1.200 (passivo SP)
6. Le rimanenze finali di prodotti finiti ammontano a 850
prodotti c/rimanenze finali 850 (ricavi CE)
prodotti c/rimanenze finali deve essere uguale al magazzino prodotti finiti 850 (attivit SP)
7. il valore contabile residuo degli impianti ammonta a 450
valore contabile residuo impianti = costo storico (attivit SP) fondo ammortamento (passivit SP) = 850 (dati a
scelta)
quota ammortamento impianti (costi CE) (dati a scelta ma inferiore al fondo ammortamento)
8. il consumo delle materie prime nel corso dell'esercizio 2011 ammonta a 550
consumo materie = esistenze iniziali di materie (costi CE) + materie c/acquisti (costi CE) rimanenze finali di
materie (ricavi CE) = 550 (dati a scelta)
rimanenze finali di materie deve essere uguale al magazzino materie prime (attivit SP)
9. il capitale netto contabile ammonta a 7.000
capitale netto = capitale sociale + riserve risultato d'esercizio = 7.000
7.000 = 3.800 + 1.200 + altre riserve 120 = 2.120 (da attribuire ad altre riserve)