Sei sulla pagina 1di 5

Trilusquino

Trilusquino

Titolo:
O Zero
http://www.trilusquino.com/2015/09/03/o-zero/

AUTORE: Trilusquino
SITO: http://www.trilusquino.com
w w w. t r ilu s q u in o . c o m

info@t rilusquino.com

Pagina 1

Trilusquino

A chiunque chiedi che o zero


Te dice niente, nullo, de poco valore
Ma ascorta me, che te sbaji davero
Nun te ferma p a presunzione, stomo granne e pieno damore
Fa er cantante e co sto nome c annato n cariera
Perch sei uno zero je dicevano
Ha tirato avanti er carozzone pure pe te a la su maniera
E ne i mijori anni da nostra vita e pe mille spiagge tutti o seguivano
Poi pure ave n sosia ma tu sei er primatista, sei de n artro pianeta
Tu sei na cosa granne e raffinato come a seta
Co 113 facce stai seduto sullartare de li artisti
Sei testimone de tanti amori e mejo de te chi lha mai visti
Ancora nun ci e spalle ar muro
E a tutti dice amico, perch ce vo manna sempre pi s
Manichini, novi santi e a li vojeur li porta de sicuro
A Zerolandia co n granne sogno se va lass
Dar Piper Club co er progetto magnifico ciai estasiato
Grazie a Don, stanima granne, amico assoluto diventato
lurtimo gueriero, pe a gente come noi, dar Colosseo che f
Aspettanno domani io nun me venno, ma famme sogna armeno tu
Voja de vive volesse er cielo co lamore
Ma pe carit, noi solo pe du sordi annamo avanti
Mo c rimasto de vennece er pelo sur core
E Ave Maria, co r Padre Nostro pregamo n tanti
Rischiamo de mori qui perch amore nun damo
Ne la trappola e ner caos mijoramo se er jolly pescamo
Ma co er coraggio de le idee continuamo a naviga
Si lesempio de Renato riuscimo a marca
Lui ce ama cos tanto, che na promessa sempre mplora
Da omo a omo fermate, fallo pe te e nun manna a pelle n malora
Lartra sponda guai a sarta, se sei ar verde o sei depresso
a pace sia co te fijo mio, a vita n dono e n'a getta ner cesso
Fori tempo ancora nun semo pe fortuna
Li giorni passeno co li probblemi, ma grazie a te nun c tortura
Ecco noi, felici e perdenti ancora qui
Si ciai fantasia metti e ali, che er nostro monno sta l

w w w. t r ilu s q u in o . c o m

info@t rilusquino.com

Pagina 2

Trilusquino

Resisti, a fabbrica dei sogni sta drentro de te


Pure si sei de periferia e sogni ner buio, dipenne da te
E si te nventi er Ciak mijore po solo che ariva
E co a tua idea ortre ogni limite levento poi mbrocca
Mai dire mai se de pura luce sei pieno
Prova a fa lequilibbrista e ne leterna sfida sta sereno
Pure si ciai n oscuro futuro, vola arto e pijala ala leggera
Nun arza e mani, ma usa er talento e regalete na sera
Chiedi de pi, da de matti e nun fa er baratto
Aa fine accade, che co sto triangolo prenni er domicijo coatto
Fa da te, metti pi nafta e niente te po ferma
Co a zeronave vai a limbarco, che leden sta a aspetta
Infiniti treni passeranno e noi su li marciapiedi aspetteremo
Nei giardini che nisuno sa pregheremo
Neri n faccia sbattemose, tanto nun basta sai
Pericolosamente amici, finimo n mezzo ai guai
Che strano gioco sta vita libbera
Madame, prenneme e dimme che mameresti
E dije no, mamma no! Vojo vive na vita vera
Ma tu chi sei, pe dimme come me voresti?
Si sei professore allora movete e stamo pi nsieme
Nun facile, ma mejo pe te che a sta bella giovent vada bene
Niente trucco stasera o se sona o se more o chiamo mamm
Sinn sta notte balorda ar cinema o ar motel, lammucchiata dovemo fa
Io vivo a vita mia e nun vojo arrenneme mai
Ci storie da dimentica ma nun cancellate er mi monno, pure se nun se fa giorno mai
sto a sorride sempre, pure si ci vizzi e desideri
Cor vento de ricordi vojo na maggia, pe tutti li zeri der monno quelli veri
Ma ci n sospetto, chi pi chi meno sta seminanno frenesia
Omo no, nun dormono tutti, vive chi vive a regola mia
Nun accetta souvenir o rose, pe via de li martiri
Sergente no, semo eroi unici e tu che sei mi fratello, fa che tammiri
Dovremo mpara a vive, magara come er maestro continua a nsegna
A braccia aperte, co ostinato amore, anche si na vorta nun ce basta pe cambia
Svejete Reggina e spargi sta voja dama pe nun soffri
a medicina semplice, tutto inizia sempre da n si

w w w. t r ilu s q u in o . c o m

info@t rilusquino.com

Pagina 3

Trilusquino

Mo finisco a favola mia, rimembrando qua vorta che tho ncontrato


A Roma a n bar dellEur stavi seduto e er prezzo der coraggio m mancato
Armeno na parola te volevo di, ma chiss quanta gente tha mportunato
E co li mii miti fantasmi me ne so annato e n abbraccio gajardo me so negato
Io qui te dedico ste righe, nellarchivio de la mia coscienza
Oramai nun smetterei pi de scrive sta riverenza
Ho dato a voce mia, piena de stima e dammirazzione
E si te voj cercame e nun passer mai pi nemozzione
Er finale tutto qua
Grazie Rena
Te vojo bene Sorci
Ciao N
Titoli de coda - Sipario

Trilusquino
pe tutti Noi

Puoi scegliere di seguirmi anche su:

YouTube
Facebook
Twitter
Google +
Slideshare
Scribd

Disclaimer:
Qualora siano pubblicati nomi e/o soprannomi, immagini, foto e qualsiasi contenuto
coperto da marchio registrato o sotto tutela della propriet intellettuale (es. diritti dautore
copyright) essi sono da intendersi appartenenti ai rispettivi proprietari e quindi soggetti
alle leggi in vigore.
Ogni nome o soprannome, riferimenti, citazioni e fatti sono da intendersi strettamente ed
esclusivamente legati alla creazione delle poesie.
Non sono da intendersi come direttamente connessi alla vita privata delle persone citate o
per etichettare qualcosa o qualcuno; inoltre non intendono creare discriminazioni, danni di
qualsiasi natura o schernimento nei loro confronti.

w w w. t r ilu s q u in o . c o m

info@t rilusquino.com

Pagina 4

Trilusquino

NOTE PER IL LETTORE E POSSESSORE:


LICENZE DUSO
Quest'opera stata rilasciata sotto la licenza Creative
Commons Attribution - NonCommercial-NoDerivs 2.5 Italy.
Per leggere una copia della licenza visita il sito web:
http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.5/it/ o
spedisci una lettera a Creative Commons, 171 Second Street,
Suite 300, San Francisco, California, 94105, USA.
This opera islicensed under a Creative Commons Attribuzione
- Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia License.
Tu sei libero: di riprodurre, distribuire, comunicare al
pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e
recitare quest'opera allo stesso modo.
Attribuzione Devi attribuire la paternit dell'opera nei modi
indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in
modo tale da non suggerire che essi avallino te o il modo in
cui tu usi l'opera.

Non commerciale Non puoi usare quest'opera per fini


commerciali.

Non opere derivate Non puoi alterare o trasformare


quest'opera, ne' usarla per crearne un'altra.

w w w. t r ilu s q u in o . c o m

info@t rilusquino.com

Pagina 5