Sei sulla pagina 1di 9

Corso di FISICA II (Ingegneria Meccanica e dell’Autoveicolo)

a.a. 2013/14 - ESERCIZI SUL CALCOLO VETTORIALE

1 Gradiente

Calcolare il gradiente delle seguenti funzioni di due oppure di tre variabili:

1. f ( x, y ) = x 2 + 2 xy xy 2 ;

2. f ( x, y ) = ye 2x 2 ;

3. f ( x, y ) = y 2 e x ;

4. f ( x, y ) = log ( x 2 + y 2 );

x

5. f ( x, y ) = e y ;

6. xy 2 + yz 3 z 2 ;

f ( x, y, z ) =

f ( x, y, z ) =

7. y sin z +

x sin y ;

8. x 2 + y 2 + z 2 ;

f ( x, y, z ) =

9. f ( x, y, z ) = ln r , con r = x 2 + y 2 + z 2 .

10. Si calcoli la derivata direzionale del campo f = x 2 yz + 4 xz 2 nella direzione v = u x 2 u y u z .

2 Laplaciano

Calcolare il laplaciano dei seguenti campi scalari:

1. xy 2 + yz 3 z 2 ;

f ( x, y, z ) =

f ( x, y, z ) =

2. y sin z +

x sin y ;

3. x 2 + y 2 + z 2 ;

f ( x, y, z ) =

4. f ( x, y, z ) = ln r , con r = x 2 + y 2 + z 2 .

1

3 Divergenza

Calcolare la divergenza dei seguenti campi vettoriali:

1. F ( x, y, z ) = + xy u x + yz u y + xz u z ;

2. F ( x, y, z ) =

3. F ( x, y, z ) = x cos z u x + y

( x 2 + yz ) u x + xyz u y + ( x + y 2 z ) u z ;

sin z u y + z cos y u z .

4 Rotore

Calcolare il rotore dei seguenti campi vettoriali:

1. F ( x, y, z ) = + xy u x + yz u y + xz u z ;

2. F ( x, y, z ) =

3. F ( x, y, z ) = x cos z u x + y sin z u y + z cos y u z .

( x 2 + yz ) u x + xyz u y + ( x + y 2 z ) u z ;

5 Campi conservativi

1. Le forze centrali sono conservative, vale pertanto la condizione di irro-

( xu x + y u y + z u z ) verifica

tazionalit`a. Mostrare che: F =

kq

1 q 2

verifica tazionalit`a. Mostrare che: F = − kq 1 q 2 ( x 2 + y

(x 2 +y 2 +z 2 ) 3

2

tale condizione.

2. La forza `e legata al potenziale dalla relazione F = − ∇ U . Trovare la

forza corrispondente al potenziale U ( x, y, z ) = 1 2 k ( x 2 + y 2 + z 2 ) + C , dove C `e una costante arbitraria.

3. Trovare le costanti a e b affinch´e il campo vettoriale v = ( axy + z 3 ) u x + x 2 u y + bxz 2 u z sia irrotazionale.

6 Equazione di continuit`a

L’equazione di continuit`a per un fluido incomprimibile `e · v = 0. Mostrare

che v =

velocit`a accettabile.

r

3 , dove r = x 2 + y 2 + z 2 e r = xu x + y u x + z u z `e un campo di

r

2

Soluzioni

Gradiente

Per determinare il gradiente delle funzioni date `e importante ricor dare che in un sistema di riferimento cartesiano il gradiente di una funzione f ( x, y, z ) `e il vettore che ha per componenti le derivate parziali prime, cio´e:

f ( x, y, z ) = f u x + f u y + f u z ;

∂x

∂y

∂z

(1)

dove u x , u y e u z sono i versori lungo gli assi x, y e z .

Nel nostro caso abbiamo che:

1. Per la funzione

f ( x, y ) = x 2 + 2 xy xy 2 ;

le sue derivate parziali prime sono:

ed il gradiente `e:

∂f

∂x

= 2 x + 2 y y 2 ;

∂f

= 2 x 2 xy ;

∂y

∂f

∂z

= 0 ;

f ( x, y ) = (2 x + 2 y y 2 ) u x + (2 x 2 xy ) u y ;

2. Per la

funzione f ( x, y ) = ye 2x 2 , il gradiente `e:

f ( x, y ) = +4 xye 2x 2 u x + x 2 e 2x 2 u y ;

(2)

(3)

(4)

(5)

3. Per la funzione f ( x, y ) = y 2 e x , il gradiente `e:

f ( x, y ) = y 2 e x u x + 2 ye x u y ;

4. Per la

funzione f ( x, y ) = log ( x 2 + y 2 ), il gradiente `e:

f ( x, y ) = +

x x 2 + y 2 u x + x 2 +

2

2

x

y 2 u y ;

3

(6)

(7)

5. Per la funzione

x

f ( x, y ) = e y , il gradiente `e:

1

f ( x, y ) = + y e x y u x

gradiente `e: 1 ∇ f ( x, y ) = + y e x y u

1 2 e x

f ( x, y ) = + y e x y u x − 1 2

y

y u y ;

(8)

6. Per la funzione f ( x, y, z ) = xy 2 + yz 3 z 2 , il gradiente `e:

f ( x, y, z ) = + y 2 u x + (2 xy + z 3 ) u y

+ (3 yz 2 2 z ) u z ;

(9)

7. Per la funzione f ( x, y, z ) = y sin z + x sin y , il gradiente `e:

f ( x, y, z ) = sin y u x + (sin z + xcosy ) u y + yxcosz u z

8. Per la funzione f ( x, y, z ) = x 2 + y 2 + z 2 , il gradiente `e:

f ( x, y, z ) =

x

y

x + y 2 + z 2 u x + x 2 + y 2 + z 2 u y

2

+

+

z

x 2 + y 2 + z 2 u z ;

;

(10)

(11)

9.

Per la funzione f ( x, y, z ) =

ln r , con r = x 2 + y 2 + z 2 , il gradiente `e:

f ( x, y, z ) = +

x

y

x 2 + y 2 + z 2 u x + x 2 + y 2 + z 2 u y +

z

x 2 + y 2 + z 2 u z .(12)

10. Ricordando che la derivata direzionale `e data da: v · ∇ f ; nel nostro caso abbiamo che:

1

v · ∇ f = 3 8 z 2 + 4 xyz x 2 z 2 x 2 y 16 xz

(13)

Laplaciano

Per determinare il laplaciano dei campi scalari dati `e importante r icordare che in un sistema di riferimento cartesiano il laplaciano di una funzione f ( x, y, z ) `e dato da:

2 f ( x, y, z ) = ∂x 2 f 2

+ 2 f + 2 f

∂y 2

∂z 2 .

(14)

N.B. Il laplaciano di una funzione non `e un vettore.

Nel nostro caso abbiamo che:

4

1. Per la funzione

f ( x, y, z ) = xy 2 + yz 3 z 2 ;

le sue derivate parziali prime sono:

∂f

∂y

∂f

∂z

∂f

∂x

= y 2 ;

= (2 xy + z 3 ) ;

= (3 yz 2 2 z ) ;

le sue derivate parziali seconde sono:

e il laplaciano `e;

2 f ( x, y, z ) =

2 f

∂z 2

2 f

∂x 2 2 f

∂y 2

= 0 ;

= 2 x ;

= 6 yz 2 ;

2 f + 2 f + 2 f

∂x 2

∂y 2

∂z 2

= 2 x + 6 yz 2 ;

(15)

(16)

(17)

(18)

2. Per la funzione f ( x, y, z ) = y sin z + x sin y , il laplaciano `e:

2 f ( x, y, z ) = x sin y y sin z ;

(19)

3. Per la funzione f ( x, y, z ) = x 2 + y 2 + z 2 , il laplaciano `e:

2 f ( x, y, z ) =

2

x 2 + y 2 + z 2 ;

(20)

4. Per la funzione f ( x, y, z ) = ln r , con r = x 2 + y 2 + z 2 , il laplaciano `e:

2 f ( x, y, z ) = +

1

x 2 + y 2 + z 2 .

(21)

5

Divergenza

Per determinare la divergenza dei campi vettoriali dati `e importa nte ri- cordare che in un sistema di riferimento cartesiano, di uno spazio eucli- deo tridimensionale, la divergenza di un vettore continuo e differenziabile F ( x, y, z ) = F 1 u x + F 2 u y + F 3 u z `e la seguente funzione scalare:

∇ · F( x, y, z ) = F 1

∂x

+ ∂F 2 + ∂F 3

∂y

∂z

.

Nel nostro caso abbiamo che:

1. Per il campo vettoriale

F ( x, y, z ) = + xy u x + yz u y + xz u z ;

(22)

(23)

con: F 1 = + xy , F 2 = + yz , F 3 = + xz , le sue derivate parziali sono:

F 1

x = y ;

F 2

y = z ;

F 3

z = x ;

e la divergenza `e:

∇ · F( x, y, z ) = F ∂x 1

+ ∂F 2 + ∂F 3

∂y

∂z

 

(24)

= y + z + x ;

(25)

2. Per il campo vettoriale F( x, y, z ) = ( x 2 + yz ) u x + xyz u y + ( x + y 2 z ) u z , la divergenza `e:

∇ · F( x, y, z ) = 2 x +

xz + y 2 ;

(26)

3. Per il campo vettoriale F( x, y, z ) = x cos z u x + y sin z u y + z cos y u z , la divergenza `e:

∇ · F( x, y, z ) = cos z + sin z + cos y .

6

(27)

Rotore

Per determinare il rotore dei campi vettoriali dati `e importante ricordare che in un sistema di riferimento cartesiano, di uno spazio euclideo tr idi- mensionale, il rotore di un vettore continuo e differenziabile F( x, y, z ) = F 1 u x + F 2 u y + F 3 u z `e il seguente campo vettoriale:

∇ × F ( x, y, z ) = F ∂y 3

∂F 2 ∂z

u x + F ∂z 1

∂F 3 ∂x

u y +

Nel nostro caso abbiamo che:

1. Per il campo vettoriale

+ ∂F 2 ∂F 1

∂x

∂y

F ( x, y, z ) = + xy u x + yz u y + xz u z ;

u z .

(28)

(29)

con: F 1 = + xy , F 2 = + yz , F 3 = + xz , le sue derivate parziali sono:

F 1

y = x ,

F 2

y = z ,

F 1

x = y ,

F 2

x = 0 ,

F 1

z = 0 ;

F 2

z = y ;

F 3

x = z ,

F 3

y = 0 ,

F 3

z = x

;

(30)

e il rotore `e:

∇ × F ( x, y, z ) = F ∂y 3

∂x

∂F 2 ∂z

+ ∂F 2 ∂F 1

∂y

u x + F ∂z 1

∂F 3 ∂x

u y +

u z = y u x z u y xu z ;

(31)

2. Per il campo vettoriale F( x, y, z ) = ( x 2 + yz ) u x + xyz u y + ( x + y 2 z ) u z ,

il rotore `e:

∇ × F( x, y, z ) = (2 yz xy ) u x + ( y 1) u y +

( yz z ) u z ;

(32)

3. Per il campo vettoriale F( x, y, z ) = x cos z u x + y sin z u y + z cos y u z , il rotore `e:

∇ × F( x, y, z ) = z sin y u x x sin z u y + y cos xu z .

7

(33)

Campi conservativi

1. Si tratta di valutare la seguente quantit`a:

con

∇ × F ( x, y, z ) = F ∂y 3

∂F 2 ∂z

u x + F ∂z 1

∂F 3 ∂x

u y +

+ ∂F 2 ∂F 1

∂x

∂y

u z ;

e

F =

kq 1 q 2

− ∂F 1 ∂x ∂y u z ; e F = − kq 1 q 2

( x 2 + y 2 + z 2 ) 3

2

( xu x + y u y + z u z ) ;

kq 1 q 2 x

F 1 =

u y + z u z ) ; − kq 1 q 2 x F 1

(

x

2

+ y 2 + z 2 ) 3

2

kq 1 q 2 y

= ( x 2 + y 2 + z 2 ) 3 2 − kq 1

(

x

2

+ y 2 + z 2 ) 3

2

kq 1 q 2 z

y ( x 2 + y 2 + z 2 ) 3 2 − kq 1

(

x

2

+ y 2 + z 2 ) 3

2

F 1

, ∂z =

F 2

, ∂z =

;

;

.

+ kq 1 q 2 3 xz

F 2 =

F 3 =

Le sue derivate parziali sono:

F 1

∂y =

F 2

∂x =

+ kq 1 q 2 3 xy

5

( x 2 + y 2 + z 2 )

2

+ kq 1 q 2 3 xy

5

( x 2 + y 2 + z 2 )

2

5

( x 2 + y 2 + z 2 )

2

+ kq 1 q 2 3 yz

5

( x 2 + y 2 + z 2 )

2

F

3

∂x =

+

kq 1 q 2 3 xz

5

( x 2 + y 2 + z 2 )

2

F

3

, ∂y =

+

kq 1 q 2 3 yz

2 + z 2 ) 2 F 3 , ∂y = + kq 1 q 2

( x 2 + y 2 + z 2 ) 5

2

;

;

.

(34)

(35)

(36)

(37)

(38)

(39)

Iniziamo a considerare la componente lungo u x del rotore:

∂F 3 ∂F 2 =

∂y

∂z

+

kq 1 q 2 3 yz

5

(x 2 + y 2 + z 2 )

2

+

kq 1 q 2 3 yz

5

(x 2 + y 2 + z 2 )

2

= 0 ;

(40)

e analogamente per le altre componenti. Pertanto il rotore `e nullo, ovvero la condizione di irrotazionalit`a `e verificata.

8

2. Essendo forza `e legata al potenziale dalla seguente relazione F = − ∇ U ; si ha che

F = k ( xu x + y u y + z u z ) ,

che descrive la forza elastica.

3. In questo caso abbiamo che:

× v = (2 a) xu x + (3 b) u y + 0 u z .

Che si annulla per a = 2 e b = 3.

Equazioni di continuit`a

Si ha che:

· v = d

x

Equazioni di continuit`a Si ha che: ∇ · v = d x dx ( x 2

dx

( x 2 + y 2 + z 2 ) 3

2

+ d

y

v = d x dx ( x 2 + y 2 + z 2 ) 3

dy

( x 2 + y 2 + z 2 ) 3

2

+ d

z

3 2 + d y dy ( x 2 + y 2 + z 2 )

dz

( x 2 + y 2 + z 2 ) 3

2

=

= x 2 + y 2 + z 2 3 x 2

+ x 2 + y 2 + z 2 3 y 2 + x 2 + y 2 + z 2 3 z 2

5

( x 2 + y 2 + z 2 )

2

= 0 .

(41)

(42)

Quindi v rappresenta un campo di velocit`a accettabile.

9