Sei sulla pagina 1di 22

0

LA GESTIONE ELETTRONICA DI TESTI


IN GRECO ANTICO DOPO LINTRODUZIONE DEL
NUOVO STANDARD UNICODE
Brevi note a cura di Edoardo Scarpanti
aggiornate al 21 dicembre 2004

Contenuti del presente documento:


1. Premessa
2. La gestione di testi in greco antico prima della rivoluzione
Unicode
3. Che cos lo standard Unicode
4. Inserimento, trattamento e condivisione di testi in greco antico dopo
lintroduzione dello standard Unicode. Con una postilla: le scritture
dellEgeo
5. Prospettive di sviluppo nelluso di Unicode da parte dei linguisti
6. Risorse reperibili in Internet
7. Brevi indicazioni bibliografiche

0. Premessa
I primi punti del presente documento non illustrano direttamente le
indicazioni pratiche per linserimento di testi in greco antico in un
programma di videoscrittura, ma ne ricostruiscono piuttosto il recente
sviluppo storico (punto 1) e le caratteristiche tecniche (punto 2), perci
chi fosse interessato soltanto ad unapplicazione pratica potr utilmente
ometterne la lettura e fare subito riferimento, invece, al punto 3
(Inserimento, trattamento e condivisione di testi in greco antico dopo
lintroduzione dello standard Unicode) e al punto 5 (Risorse reperibili in
Internet).
1. La gestione di testi in greco antico prima della rivoluzione
Unicode
Come ben sa chi si trovato nella necessit di dover inserire testi in
greco antico in documenti creati con il proprio elaboratore, la gestione dei
caratteri di questa lingua allinterno dei pi diffusi programmi di
videoscrittura sempre stata piuttosto difficoltosa. Nei confronti di tale
problema, sono state proposte numerose e svariate soluzioni, talvolta
anche pregevoli, che hanno portato nel tempo alladozione di molti diversi
sistemi di codifica e di trattamento dei testi greci, che presentavano per
tutti alcuni limiti fondamentali:
1) nessun sistema (o quasi) era compatibile con gli altri, impedendo
cos in buona parte gli scambi di materiale tra studiosi che utilizzassero
sistemi differenti e rendendone allo stesso tempo particolarmente
difficoltosa, o parzialmente inutile, la pubblicazione e la condivisione in
Internet su pagine Web;
2) molti sistemi di scrittura non erano pi utilizzabili dopo il passaggio,
da parte dellutente, ad un sistema operativo pi evoluto (ad esempio,
passando da MS-DOS a Windows 3.1x, Windows 95, 98, 2000 / NT, XP
ecc.) o, semplicemente, ad un nuovo programma di videoscrittura (come
Word 95, 2000, ecc.); in tali circostanze, inoltre, i testi faticosamente
elaborati in greco antico venivano spesso perduti per sempre;
3) alcuni sistemi presentavano un funzionamento estremamente
macchinoso e di faticoso apprendimento, che inoltre, una volta acquisito
dallutente, poteva essere utilizzato solo ed esclusivamente per quel
singolo sistema.

Il motivo di questa caotica situazione era piuttosto semplice: come


noto, qualsiasi carattere utilizzato in un documento di testo creato con un
programma di videoscrittura (ad esempio Word 95) viene visto
dallutente sullo schermo nella forma che esso assumer anche al momento
della stampa e che riportata sulla tastiera, la forma cio leggibile, mentre
viene visto e trattato dallelaboratore non come un carattere alfabetico,
ma come un numero. Cos, ad esempio, il carattere A (la prima lettera
dellalfabeto latino, maiuscola) viene effettivamente visualizzato sullo
schermo del computer ed eventualmente stampato come A, ma viene
allo stesso tempo trattato dallelaboratore (e dunque anche memorizzato)
come 01000001 (numero binario che corrisponde al pi familiare
numero decimale 65). Dunque, il carattere 65 A, il 66 B, e
cos via (il 64 il celebre @), ma fino a dove? Il computer, sino ad
oggi, ha utilizzato questo standard, chiamato ASCII esteso (nella
versione ISO-8859-1 per le lingue occidentali), che assegnava infatti ad
ogni carattere visibile sullo schermo un numero binario di otto cifre totali
di lunghezza (come appunto il nostro 01000001, decimale 65, cio
A). Questo rendeva possibile lelaborazione di un massimo di 256
numeri binari diversi composti dalle otto cifre a disposizione (da 00000000
sino a 11111111), e dunque di un massimo di 256 diversi caratteri
alfabetici ad essi corrispondenti. Una singola cifra di un numero binario
detta, in termini informatici, bit, e dunque lo standard ASCII esteso che
ho qui riassunto era uno standard che utilizzava delle cifre di 8 bit (che, a
loro volta, corrispondono ad un byte), e dunque, in termini informatici,
esso era uno standard a 8 bit.
In realt, 256 caratteri sono pochissimi: una volta inclusi i caratteri
dellalfabeto latino (maiuscoli, minuscoli, accentati, con diacritici, ecc.), le
cifre arabe, i segni di interpunzione, gli operatori matematici, i segni di
valuta e molti altri ancora, di fatto non restava spazio per altri caratteri. Per
quanto ci interessa, in particolare, i caratteri dellalfabeto greco antico
avrebbero richiesto invece molto spazio: non era infatti necessario
prevedere solo, ad esempio, un singolo carattere per la lettera alfa, ma
anche unalfa con spirito aspro, una con spirito dolce, una con spirito dolce
e accento acuto, una uguale ma con accento circonflesso, e via dicendo. La
soluzione, conseguentemente, fu quella di creare speciali set di caratteri
(speciali font, dunque), diversi da quelli normalmente usati per la scrittura
delle lingue occidentali (come erano i noti font Times New Roman,
Arial, Courier New, eccetera), ma al contrario appositamente studiati
per contenere, al posto dellalfabeto latino (e dunque sostituendone tutti i

caratteri), le lettere dellalfabeto greco antico e, oltre a queste, tutti gli


opportuni segni diacritici (accenti, spiriti, dieresi, ecc.) variamente
combinati con esse. Lutente doveva, perci, utilizzare per i testi in greco
esclusivamente tali speciali font, come Greek, Sgreek, Athenian,
Korinthus ecc. A questo punto, risulta piuttosto semplice illustrare la pi
importante differenza fra il vecchio standard ASCII esteso ed il nuovo
Unicode.
Chi creava questi speciali font per il greco classico assegnava, come si
visto, alle 256 posizioni dello standard ASCII esteso i caratteri greci,
gli accenti e gli spiriti opportuni, al posto delle lettere occidentali:
purtroppo, per, chi disegnava nuovi font non teneva in nessuna
considerazione, in genere, i font gi esistenti, cosicch ogni nuovo font
assegnava posizioni differenti ed apparentemente casuali (dunque codici
ASCII differenti, fra le 256 possibilit) ai medesimi caratteri (lettere,
spiriti o accenti), con le prevedibili conseguenze di reciproca
incompatibilit fra i vari sistemi di scrittura. Anche minime differenze di
attribuzione e piccoli spostamenti delle corrispondenze tra numero e
carattere rendevano, di fatto, i diversi font fra loro assolutamente
incompatibili.
I numerosi font ASCII studiati per il greco classico hanno avuto talvolta
vita breve e scarsa diffusione, talaltra invece si sono diffusi piuttosto
largamente, come nel caso di Greek, Sgreek, Greek Old Face,
Athenian, Araxnion, Platone2, Korinthus e di pochi altri.
Ovviamente, le comuni tastiere europee non permettevano linserimento
immediato dei caratteri variamente accentati con la pressione di un
semplice tasto. Un sistema molto semplice, che ha avuto molto successo
ed ancora molto diffuso anche in importanti raccolte di testi greci su
Internet (come ad es. il Thesaurus Linguae Graecae), il cosiddetto Beta
Code. Tale sistema prevede che gli accenti e gli spiriti vengano aggiunti
dopo la vocale interessata semplicemente digitando i seguenti tasti:
/
\
=

accento acuto
accento grave
accento circonflesso

(
)
|

spirito aspro
spirito dolce
iota sottoscritto

Cos, ad esempio, la parola viene digitata come


a)/nqrwpoj. Ovviamente, la parola visualizzata correttamente in
caratteri greci solo se si possiede e si sta utilizzando in quel momento un
font creato per Beta Code, come era il popolare font Sgreek (che oggi

per funziona con difficolt con Word 2000) o come il nuovo SP-Ionic
(che ugualmente presenta gravi problemi di visualizzazione con i pi
recenti programmi di videoscrittura). Anche chi non disponeva di tali font
poteva, comunque, individuare dai semplici caratteri latini la parola greca
corrispondente, una volta imparate le debite corrispondenze.
Furono poi introdotti e commercializzati anche alcuni piccoli
programmi, da installare sul proprio computer e da avviare dopo lapertura
del programma di videoscrittura, che permettevano linserimento delle
lettere accentate con delle semplici (o meno semplici) combinazioni di
tasti anche diverse da quelle di Beta Code. Tali programmi (in genere si
trattava di macro per Word) erano, necessariamente, differenti e non
compatibili fra di loro, ed in genere ogni programma funzionava solo con
il font insieme al quale era stato commercializzato. Il pi celebre fra questi
programmi fu, probabilmente, Wingreek, sostituito in seguito da Son of
Wingreek (esso funzionava, tra gli altri, con i font Greek Old Face,
Greek, Korinthus, Milan, ecc.). Tra gli altri programmi concorrenti,
si pu ancora ricordare Greek Keys (font Attika, Athenian,
Kadmos, Xanthippe), di cui esiste la versione aggiornata Greek Keys
2002. Il popolare font Sgreek, invece, non necessitava di nessun
particolare programma, dato che funzionava semplicemente con la
combinazione di tasti dello standard Beta Code, pur con qualche piccola
differenza.
Come ovvio, esisteva poi unultima soluzione, piuttosto drastica: la
semplice trascrizione del testo originale greco nei caratteri dellalfabeto
latino di un normale font occidentale. Anche in questo caso, tuttavia, si
presentavano numerose difficolt, per la mancanza sulle tastiere
occidentali di segni diacritici che permettessero di distinguere
opportunamente vocali lunghe e brevi, spiriti e accenti. Ancora una volta
furono proposti numerosi sistemi, nuovamente incompatibili fra di loro, in
base ai quali si riportano qui di seguito alcuni esempi della trascrizione
della parola :
trascrizione semplice, senza accenti
trascrizione con accenti
tr. Beta Code con font a caratteri latini

anthro^pos
nthro=pos
a)/nqrwpoj

Tutte le difficolt sino a qui evidenziate sono oggi definitivamente


superate grazie allintroduzione di un nuovo standard, che sostituisce il
vecchio ASCII esteso, conosciuto come Unicode.

2. Che cos lo standard Unicode


La rivoluzione operata dal nuovo standard Unicode tanto semplice
quanto importante: ogni carattere alfabetico non viene pi associato dal
computer ad un numero binario di otto cifre binarie totali (otto bit, da
00000000 a 11111111 con solo 256 possibili caratteri come avveniva nello
standard ASCII), ma viene fatto corrispondere ad un numero binario molto
pi esteso. Lo standard Unicode pu essere definito come un sistema
aperto, dato che il numero totale delle cifre binarie che esso utilizza pu
essere continuamente aumentato nelle nuove versioni che vengono
periodicamente pubblicate: cos, se inizialmente lo standard considerava
numeri di 16 cifre binarie con pi di 35.000 posizioni per caratteri diversi
(gi con un enorme salto in avanti rispetto allo standard ASCII a 8 cifre
binarie), le nuove versioni successivamente elaborate possono utilizzare 32
cifre ed oltre, con la possibilit teorica di individuare svariate centinaia di
migliaia di differenti caratteri, sufficienti (anzi sovrabbondanti) a
contenere tutti i sistemi di scrittura, moderni o antichi, oggi conosciuti.
Ogni carattere individuato da un numero, che ovviamente non viene
visualizzato come binario (32 cifre di seguito sarebbero un po
scomode) o decimale, ma come una cifra esadecimale, dunque molto
sintetica. Per utilizzare lo stesso esempio che ho citato in precedenza, il
carattere A dellalfabeto latino, che veniva indicato dal precedente
standard ASCII con il numero 65, viene indicato nel nuovo standard
Unicode con il numero 41 (nei numeri esadecimali compaiono,
ovviamente, non solo le cifre arabe, ma anche le prime sei lettere
dellalfabeto latino: cos, ad esempio, il carattere j corrisponde al
numero 6A).
Per quanto riguarda il greco antico, il nuovo standard Unicode pu
finalmente riservare ai caratteri di questa lingua un ampio spazio,
specificamente ad essi destinato, permettendoci dunque di individuare un
singolo numero che contraddistingue universalmente e senza ambiguit
ogni differente combinazione di un carattere greco con i propri accenti e
segni diacritici, rendendone finalmente possibile lo scambio fra tutti i
sistemi operativi e fra tutti i programmi di videoscrittura del mondo. Cos,
ad esempio, il carattere (alfa minuscola con spirito dolce ed accento
acuto) corrisponde, in tutti i sistemi operativi compatibili con Unicode,
allo stesso numero (esadecimale) 1F04. Lutente, di conseguenza, pu
scegliere di utilizzare per il testo greco i programmi di videoscrittura, i
sistemi di ausilio alla digitazione ed i font che egli preferisce, o persino di

crearne di proprio gusto, senza problemi di passaggio da un computer


allaltro. In pi, il nuovo standard non sostituisce il vecchio ASCII e i
nuovi font creati per Unicode mantengono nelle prime 256 posizioni tutti i
caratteri occidentali che erano previsti nello standard precedente e lutente,
in questo modo, libero di utilizzare nel medesimo documento font vecchi
e nuovi, alternandoli senza problemi.
Tutto ci ha permesso di risolvere definitivamente tutti gli ostacoli
precedentemente evidenziati per linserimento di testi in greco antico nel
vecchio standard ASCII esteso. Infatti oggi:
1) lo standard Unicode permette di creare testi perfettamente
compatibili con tutti i sistemi operativi ora prodotti, con la possibilit di
condividere i propri documenti senza alcun problema tramite supporto
magnetico, posta elettronica o ancora mediante la pubblicazione su
Internet in pagine Web;
2) il passaggio da parte dellutente ad un nuovo sistema operativo non
creer in futuro alcun problema, cos come ladozione di un diverso
programma di videoscrittura ed anche il passaggio a qualunque nuovo
font, poich tutti saranno compatibili con Unicode;
3) i sistemi (programmi) ideati per inserire i caratteri greci muniti di
diacritici utilizzando le normali tastiere resteranno, necessariamente,
alquanto macchinosi, ma finalmente i testi greci cos faticosamente
prodotti saranno perfettamente compatibili con i testi prodotti con altri
sistemi di digitazione.
E stato creato anche uno speciale font che comprende tutti i caratteri,
decine di migliaia, previsti oggi dalla versione pi recente dello standard
Unicode: il font Arial Unicode MS. Tale set di caratteri, ovviamente,
occupa un certo spazio in memoria e potrebbe rendere lutilizzo dei
programmi di videoscrittura leggermente pi lento negli elaboratori pi
vecchi e meno potenti. Il ricorso a questo font, comunque, non
necessario a chi non abbia limmediata necessit di scrivere un documento
che contenga contemporaneamente tutti i sistemi di scrittura delle lingue
oggi note ovviamente molto pi semplice utilizzare singoli font, molto
pi contenuti nelle dimensioni, che siano studiati per le esigenze di singole
lingue: cos, per le lingue occidentali si continua normalmente ad usare le
versioni aggiornate e allargate, compatibili con Unicode, di popolari font
come Times New Roman, Arial, Courier New eccetera. Per le

esigenze dei grecisti sono gi stati prodotti e commercializzati (o distribuiti


gratuitamente) diversi font specifici, sempre compatibili con Unicode, che
contengono sia i caratteri latini sia i caratteri greci nelle loro varie
combinazioni, come Palatino Linotype, Gentium, Vusillus Old Face,
Vusillus, Cardo, Titus Bistream Unicode, Athena, Code 2000
ad altri ancora. La resa grafica di questi font naturalmente diversa, come
si evince da alcuni esempi qui di seguito riportati, ma la loro reciproca
compatibilit assicurata:
Aspetto del font Palatino Linotype:

(normale)

(corsivo)

(grassetto)
Aspetto del font Cardo:

(normale)

(corsivo)

(grassetto)
Aspetto del font Titus:

(normale)

(corsivo)

(grassetto)
Aspetto del font Galatia SIL:

(normale)

(corsivo)

(grassetto)
Fra i piccoli programmi che permettono linserimento dei caratteri greci
dotati di diacritici utilizzando la normale tastiera occidentale e che
funzionano con il nuovo standard Unicode, segnalo qui Antioch, sinora
il migliore, Keyman, e Ukeys for Word. I vecchi programmi, come
Son of Wingreek, che utilizzavano lo standard ASCII esteso,
ovviamente non sono pi utilizzabili con il nuovo standard e si prevede
che non ne verranno pubblicate in futuro versioni aggiornate che
funzionino con i nuovi sistemi operativi.
Ovviamente, ogni carattere di un font Unicode pu essere inserito in un
testo anche singolarmente, ad esempio utilizzando la funzione inserisci

simbolo di Word oppure copiando un carattere dallapplicazione Mappa


Caratteri. Visualizzando lintera griglia dei caratteri contenuti in un font,
si noter comunque come i caratteri dellalfabeto greco privi di accenti si
trovino nel gruppo denominato Basic Greek (Greco di base nelle
versioni italiane, codici Unicode da 0370 a 03FF), mentre gli stessi
caratteri in combinazione con i propri accenti e segni diacritici sono
collocati nellarea Greek Extended (Greco esteso, codici Unicode da
1F00 a 1FEE). Ci dovuto ad un ripensamento avvenuto nel corso
dellelaborazione dello standard Unicode. Nella versione 1, infatti,
compariva soltanto larea Basic Greek ed i segni di accento dovevano
essere inseriti dopo la digitazione del carattere vocalico, al quale venivano
automaticamente sovrapposti dal programma di videoscrittura (sistema
noto come Normalization Form D), prelevandoli dal gruppo denominato
Combinig Diacriticals (Segni diacritici di combinazione): come
risultato, i caratteri complessi erano gestiti dal computer come se si
trattasse della sequenza di due o pi caratteri; cos, ad esempio, il segno
era memorizzato come una sequenza di tre segni, cio alfa, spirito dolce e
accento acuto. Tale complesso sistema, in seguito, fu abbandonato a partire
dalla versione 2 di Unicode, preferendo invece adottare, come si visto,
caratteri gi pre-composti dalla vocale e dagli appropriati segni diacritici
(Normalization Form C), cosicch il segno trattato come un singolo
carattere (codice 1F04). Oggi, di fatto, sarebbe possibile utilizzare
entrambi i sistemi, sebbene il vecchio sistema dei Segni diacritici di
combinazione sia fortemente scoraggiato dalle pi importanti istituzioni
che hanno adottato lo standard Unicode.
3. Inserimento, trattamento e condivisione di testi in greco antico
dopo lintroduzione dello standard Unicode. Con una postilla: le
scritture dellEgeo
Lutente che desiderasse creare e gestire documenti in greco antico
utilizzando le potenzialit offerte dal nuovo standard Unicode deve,
anzitutto, assicurarsi di possedere un sistema operativo e programmi che
permettano di utilizzare tale standard. Nellelenco che segue compaiono i
sistemi operativi e i programmi compatibili con Unicode, citati nella prima
versione cronologicamente compatibile; tutte le versioni successive e pi
aggiornate sono, ovviamente, compatibili, mentre tutto quanto stato
prodotto in precedenza , purtroppo, non compatibile (parzialmente o in
tutto) con il nuovo standard:

1) per i computer basati su Windows, la compatibilit inizia con: il


sistemi operativi Windows 95 (con difficolt), Windows 98, 2000, NT, ME
e XP; i programmi di videoscrittura Word 97 e Word 2000, 2003 etc.; i
browser per Internet Netscape 4.5 e Internet Explorer 4.0;
2) per i computer basati su Macintosh, la compatibilit inizia con: i
sistemi operativi OS X; i browser per Internet OmniWeb 4.0 e Mozilla
0.9.6; i programmi di videoscrittura SUE, Pepper, Mellel, Nisus, TextEdit,
mentre sembra che la versione di Word per Mac per ora presenti problemi
nella gestione di Unicode.
3) tra gli altri sistemi, sono compatibili le versioni pi aggiornate di
Linux (da 2.2.x in poi) e di Unix.
In secondo luogo, lutente deve possedere almeno un font, compatibile
con Unicode, che comprenda i caratteri greci con tutte le possibili
combinazioni di diacritici. Come ho gi notato, i font oggi gi disponibili
sono molti: Palatino Linotype, Vusillus Old Face, Vusillus,
Gentium, Cardo, Titus Bistream Unicode, Athena, Code 2000
ad altri ancora (vedi oltre). E inoltre possibile utilizzare anche lo speciale
font che comprende tutti i caratteri previsti dallo standard Unicode, Arial
Unicode MS. Per essere utilizzabile, un font deve venire ovviamente
installato sul computer in una posizione dove il programma di
videoscrittura lo possa automaticamente reperire; cos, ad esempio, in un
sistema come Windows XP il carattere andr copiato nella cartella
c:/windows/fonts. Per inciso, un font un file che ha estensione .ttf, e
dunque il font Cardo apparir sul computer come file cardo.ttf.
Dopo essersi accertati di possedere un sistema operativo compatibile ed
un font utilizzabile, il passo successivo consiste nella scelta di un
programma che permetta linserimento dei segni diacritici sui caratteri
greci utilizzando la normale tastiera occidentale: come ho gi notato, oggi
il migliore programma in commercio Antioch, ma altri ancora sono
disponibili. Tali programmi, che devono essere eseguiti dopo lavviamento
del proprio programma di videoscrittura (ad es. Word), sono oggi
facilmente personalizzabili dallutente: ad esempio, per inserire un accento
acuto su di una vocale, si pu scegliere di premere un certo tasto della
tastierina alfanumerica che collocata sulla destra delle normali tastiere;
oppure, chi utilizza un computer portatile e dunque sprovvisto di tastierina
alfanumerica, pu decidere di usare allo stesso scopo il tasto alt pi il
tasto A; o ancora, chi era abituato alle combinazioni di tasti dei vecchi

10

programmi come Wingreek o Son of Wingreek pu benissimo


continuare ad utilizzarle senza problemi, o ancora scegliere di servirsi dei
tasti del sistema Beta Code, e cos via. Un secondo programma analogo
Keyman, che non presenta le stesse potenzialit di personalizzazione di
Antioch, ma ha il pregio di funzionare anche sulle tutte le applicazioni
diverse da Word. Una differente possibilit, valida solo per le recenti
versioni di Windows, consiste nellutilizzare la tastiera per il greco
politonico gi inclusa negli strumenti addizionali forniti da questo sistema
operativo. La scelta dei tasti per linserimento dei segni diacritici ,
tuttavia, in questo caso particolarmente infelice e la tastiera risulta di
difficile utilizzazione. Per attivare tale funzionalit, lutente dovr
selezionare (ad es. in Windows XP) pannello di controllo > opzioni
internazionali e della lingua > lingue > installa i file delle lingue con
alfabeti non latini; quindi dallo stesso men lingue > dettagli >
aggiungi, avendo laccortezza di aggiungere la tastiera per il greco
politonico.
Si noti, inoltre, che anche lutente che si trovasse a dover utilizzare un
computer con un programma di digitazione non personalizzato da lui, e di
cui non conosce il funzionamento, o persino un computer dove non fosse
installato alcun programma del genere, potrebbe, in caso di necessit,
inserire caratteri greci accentati digitando il loro codice Unicode: in Word
2000, ad esempio, possibile farlo digitando il codice e premendo dopo di
esso il tasto alt pi il tasto X. Cos, il codice 1F04 ci dar come
risultato il corrispondente carattere greco . Anche nel caso in cui nel
computer non sia installato nessun font per il greco antico, il carattere
apparir come un quadratino vuoto al suo interno: esso, tuttavia, verr
ugualmente memorizzato in maniera corretta dallelaboratore (il quale
memorizza i codici, non la forma dei caratteri) e quindi sar di nuovo
visibile una volta che il documento verr riaperto con il nostro solito
computer. Unaltra possibilit di emergenza, pi pratica, quella di
inserire i caratteri scegliendoli dalla Mappa Caratteri oppure utilizzando
la funzione di Word inserisci > simbolo, anche in questo caso senza che
sia necessario installare programmi particolari.
I testi in greco antico cos creati saranno facilmente condivisibili con
altri utenti, purch ovviamente essi abbiano gi adottato sistemi operativi
sufficientemente aggiornati da accettare lo standard Unicode. In
particolare, le potenzialit della condivisione di testi greci in Internet
saranno notevolmente ampliate: i testi potranno, infatti, essere facilmente
scaricati da siti Web e scambiati per posta elettronica. Per quanto riguarda,

11

comunque, i browser per Internet (come Internet Explorer, Netscape


ecc.), allo scopo di visualizzare pagine create con lo standard Unicode
necessario talvolta indicare al programma di applicare lopportuno sistema
di codifica. In poche parole, il computer non sempre sa con quale
standard stato creato il testo di una pagina Web e normalmente regolato
per aprire pagine create con lo standard ASCII. Nelle recenti versioni di
Internet Explorer, ad esempio, si dovr utilizzare il men visualizza >
codifica > Unicode. Se anche in questo caso il testo greco non si
visualizza correttamente, si dovr indicare ad Internet Explorer di usare un
font di caratteri che funzioni a tale scopo, come Cardo o Palatino,
aprendo il men strumenti > opzioni internet > generale > caratteri.
Quanto si scritto sin qui vale, dunque, per il greco alfabetico. Un
discorso a parte, pi complesso, va fatto invece per le scritture sillabiche
dellEgeo. Esiste anzitutto, ovviamente, la possibilit di utilizzare per tali
scritture semplicemente normali font ad esse dedicati che si servano ancora
dello standard ASCII (a 256 caratteri), come ad esempio il recente font
Cypriot (scaricabile da: http://www.ancientscripts.com), il vecchio
Linear A e diversi altri: per il momento ancora questa la soluzione pi
pratica, ma per comprendere come usufruire in futuro anche per queste
scritture delle potenzialit di interscambio offerte da Unicode pu essere
utile fare alcune precisazioni.
Secondo il sistema di codifica Unicode (UTF-32), i codici Unicode a
16 bit (con 65536 combinazioni, dal carattere Unicode 0000 a FFFF)
comprendono i caratteri delle lingue occidentali e orientali moderne,
compresi il cinese e il giapponese, e di alcune lingue antiche fra cui anche
il greco, il copto, il sanscrito etc. (i primi fra questi caratteri rappresentano
lalfabeto latino ed equivalgono esattamente, come si gi visto, al
vecchio standard ASCII ad 8 bit, con 256 combinazioni, dal carattere
Unicode 0000 a 00FF). Tali gruppi di codici costituiscono il cosiddetto
Basic Multilingual Plane (ovvero piano 0): tuttavia, con una certa
sorpresa da parte degli ideatori di Unicode, si scopr che queste
combinazioni non erano sufficienti e si fu in seguito costretti ad
aggiungere una nuova serie di codici, questa volta formati da ben 32 bit
(con centinaia di migliaia di posizioni possibili), per contenere ulteriori
scritture orientali, sistemi di scrittura antichi fra cui letrusco e i sillabari
dellEgeo e tutte le aggiunte future; poich inizialmente non si sospettava
affatto di dover utilizzare tale area a 32 bit e la prospettiva di andare oltre
il Basic Multilingual Plane sembrava lontanissima, significativamente si
diede ad essa il nome informale di Astral Plane (ufficialmente

12

Supplementary Multilingual Plane, o piano 1). Tale area supplementare


comprende lo spazio, tra gli altri, per:
lineare B, sillabario (88 caratteri)
lineare B, ideogrammi (123 car.)
cifre egee (57 car.)
sillabario cipriota classico (55 car.)

codici Unicode 10000-1007F


codici Unicode 10080-100FF
codici Unicode 10100-1013F
codici Unicode 10800-1083F

A questi set di caratteri si aggiungono per ora i segni per ugaritico,


gotico, scritture italiche, notazione musicale bizantina etc., mentre in
progetto, tra tanti, linserimento di lineare A, geroglifico cretese e
ciprominoico. Linnovazione (forse troppo) recente; la compatibilit con
il piano supplementare prevista solo a partire dai sistemi operativi
Windows 2000/XP e Mac OS 10.2 e non ancora possibile con diffusi
programmi di videoscrittura come Word 2000 e successivi. In ambiente
Windows, alcuni possibili sostituti in questo senso fortunatamente
esistono: anzi tutto SC Unipad, un editor per ambiente Unicode, che
permette di usare senza problemi tutti i caratteri del piano supplementare,
comprese le scritture egee (SC Unipad non utilizza i normali font e
comunque non permette una formattazione della pagina); analogamente, il
piano supplementare pu essere gestito anche dallapplicazione WordPad,
gi inclusa in tutte le versioni di Windows, che rispetto a SC Unipad
permette di gestire una seppur semplice formattazione della pagina e di
salvare i file in formato RTF: in tal modo, tra laltro, possibile anche
recuperare successivamente tali file inserendoli in Word e aggirando cos
le limitazioni appena esposte a cui soggetto il popolare word-processor;
ovviamente, con WordPad rimane la necessit di trovare un font adatto
(per ora i font disponibili non includono i caratteri ciprioti). Per quanto
riguarda Mac, sembra che si possano utilizzare soltanto i programmi di
scrittura TextEdit e SUE, attivando lutility Character Palette (men
fonts > extras).
Lindustria del software sino ad oggi ha prodotto soltanto tre font per
Windows compatibili con Unicode che includono alcune parti dellarea
supplementare; essi sono:
a) Alphabetum, che per nella versione 6.2 comprende purtroppo
soltanto la parte del piano supplementare dedicata fra laltro a gotico e
ugaritico e non quella delle scritture egee;
b) Code 2001 (ver. 0.915), che, specificamente dedicato al solo piano
supplementare e per ora utilizzabile solo in una versione di prova,
comprende i segni del sillabario cipriota, ma collocati temporaneamente

13

nella Supplementary Private Use Area-A (Unicode F0040-F007F): in tale


area i caratteri sono prelevabili solo con applicazioni apposite come Babel
Map e per di pi manca il sillabogramma <ka>. Una nuova versione di
prova (0.916) presenta invece notevoli problemi di utilizzo con il sistema
operativo Windows XP.
c) Penuturesu, che riporta solo i caratteri sillabici del lineare B.
Il gi citato programma SC Unipad, invece, comprende gi un proprio
font interno che funziona perfettamente con lintero piano supplementare.
4. Prospettive di sviluppo nelluso di Unicode da parte dei linguisti
Ladozione del nuovo standard Unicode apre ai linguisti, ed alle
applicazioni pratiche della linguistica computazionale in particolare,
grandissime prospettive. E ora possibile creare, analizzare e condividere
testi in qualunque sistema di scrittura conosciuto, antico o moderno. Lo
standard comprende tutti i sistemi di scrittura antichi, come i sistemi
egiziani (geroglifico, ieratico, demotico ed in svariati stili), semitici, greci,
lalfabeto copto, molti tipi di rune, svariate scritture indiane, ecc. sino ai
rongorongo dellisola di Pasqua; sistemi moderni, tra cui il cinese ed il
giapponese e molti altri; ed ancora sistemi artificiali, come lalfabeto
fonetico internazionale (IPA) compresi i suoi periodici aggiornamenti.
Tutto ci, lo ripeto, indipendentemente dal font che si decide di utilizzare e
dallelaboratore che si possiede.
In pi, lo standard Unicode un sistema aperto: periodicamente,
infatti, vengono pubblicate nuove versioni dello standard, che
comprendono le nuove sezioni che, di volta in volta, sono state aggiunte.
Allo sviluppo di Unicode all'interno dei sistemi operativi Windows non ha
fatto ancora sufficientemente seguito, purtroppo, un'analoga diffusione nei
sistemi operativi Macintosh. Ci particolarmente vero per quanto
riguarda i caratteri del greco antico (politonico), ma anche per la semplice
gestione dei documenti in greco moderno (monotonico). E' stata
recentemente diffusa nel Web anche una petizione (novembre 2003 marzo 2004), indirizzata ai dirigenti della Apple Computers, perch nelle
prossime versioni dei sistemi operativi Macintosh vengano risolte tali
gravi lacune:
http://alfebiite.ee.ic.ac.uk/~dkaponis/osxpetition/
Per una discussione sempre aggiornata di questo particolare problema,
si pu consultare:
http://unicode.helmug.gr/

14

Negli ultimi mesi importanti istituzioni e progetti di ricerca hanno


ufficialmente adottato il nuovo standard Unicode: fra questi, vale la pena
ricordare pubblicazioni quali il Thesaurus Linguae Grecae e il Lexicon of
Greek Personal Names, raccolte di testi on-line come Perseus, centri fra i
quali il Summer Institute of Linguistics (SIL) e lAmerican Philological
Association e progetti come Titus dellUniversit di Francoforte.
5. Risorse reperibili in Internet
E possibile reperire in Internet praticamente tutte le risorse necessarie
per scrivere e gestire testi in greco antico con il nuovo standard Unicode.
Mi limito a suggerire qualche indicazione di massima, notando per che,
nel caso di Internet, i singoli siti possono rapidamente cambiare indirizzo,
contenuto o scomparire del tutto e che, conseguentemente, le presenti
indicazioni sono da considerarsi realmente valide soltanto al momento in
cui sono state scritte.
a) Informazioni generali sullo standard Unicode
Il sito ufficiale dello standard Unicode, gestito dallUnicode
Consortium, fornisce moltissime informazioni, ivi compresi gli elenchi
(charts) di tutti i caratteri dei vari sistemi di scrittura con i relativi codici
Unicode, gli aggiornamenti dello standard Unicode (al momento in cui
scrivo, lultima versione pubblicata Unicode 4), riferimenti a siti dove si
possono scaricare font e programmi di digitazione per il greco, e molto
altro ancora:
http://www.unicode.org
Alcuni studiosi, o semplici appassionati, hanno steso utili commenti su
Unicode e sulle sue potenzialit per i classicisti ed i linguisti. Alcuni si
possono consultare, ad esempio, in:
http://faculty.bbc.edu/rdecker/default.htm
http://www.arts.cornell.edu/classics/Faculty/Rusten/unicode/
review.htm
http://www.mauriziopistone.it/discussioni/classici.html (in italiano)
http://www.alanwood.net/unicode/
http://php.iupui.edu/~cplaneau/Copyright_Requirements/
Display_Greek_30.html
http://komputilo.org/~crculver/nephelokokkygia/archives/000059.php

15

E stato realizzato anche un valido e dettagliato libro elettronico


sullutilit di Unicode per lo studio del greco classico con particolare
riferimento alla pubblicazione dei testi su Internet, Unicode Polytonic
Greek for the World Wide Web, liberamente consultabile al seguente
indirizzo:
http://www.stoa.org/unicode/
b) nuovi font per il greco antico, compatibili con Unicode
Il font Titus Cyberbit Basic (o Titus Bistream Unicode) un set di
caratteri davvero ottimo, molto ampio, capace di rispondere anche alle
esigenze dei semitisti e dei linguisti in genere. E stato prodotto dalla
Bistream espressamente per il progetto Titus dellUniversit di
Francoforte, che ne promuove la diffusione gratuita. Esso comprende, oltre
al greco politonico, allebraico, allarabo ed a tutti i caratteri dellalfabeto
fonetico IPA, anche i caratteri per numerosi sistemi di scrittura antichi,
come il siriaco, larmeno, letiope, il georgiano, lalfabeto runico e molti
altri ancora. Il font Titus Cyberbit Basic ha il grande pregio di possedere
nei caratteri latini una forma grafica molto simile a quella del font pi
comunemente utilizzato per le scritture occidentali, cio Times New
Roman, pur adoperando uno spazio interlinea leggermente maggiore ed
una forma corsiva forse eccessivamente inclinata (ancora pi simile a
Times New Roman il font per greco politonico Galatia SIL, descritto
pi sotto). Simili inconvenienti sono superabili, ovviamente, se si utilizza
tale carattere per lintero documento e non solo per le porzioni dove
compare il testo in greco antico.
Prelevabile da:
http://titus.fkidg1.uni-frankfurt.de/indexe.htm
Versione testata: 3.0 (1862 kb).
Il font Code 2000, sviluppato da James Kass, un ampio set di
caratteri contenente molti sistemi di scrittura antichi, disponibile in
versione shareware. E in via di sviluppo anche il nuovo font per il piano
supplementare Code 2001, scaricabile per ora soltanto in una ridotta
versione beta (di prova), gratuitamente.
Prelevabile da:
http://home.att.net/~jameskass/ (per Code 2000)
http://home.att.net/~jameskass/code2001.htm (per Code 2001)
Versioni testate: Code 2000 1.13 (3082 kb); Code 2001 0.915 (113 kb).

16

Il font Palatino Linotype gi incluso nel set dei caratteri di


Windows 2000 e Windows XP e non per ora ottenibile separatamente.
Per informazioni:
http://www.microsoft.com/typography/default.mspx
Il font stato sviluppato per Microsoft da una societ tedesca
specializzata, la Heidelberger Druckmaschinen AG, che ne possiede i
diritti di copyright insieme alla Microsoft stessa.
Versione testata: 1.40 (479 kb).
Il font Cardo, un ottimo set di caratteri Unicode creato da David
Perry, comprendeva gi nelle versioni iniziali le aree necessarie alla
gestione del greco politonico, dellebraico biblico, di molti segni speciali e
dei caratteri IPA. Nel novembre 2004 stata creata una nuova versione
beta (0.98), che aggiunge rispetto alle precedenti molti segni per la
papirologia, la musicologia e lepigrafia greca e per la prima volta include
le porzioni dellarea supplementare relative ad alcune scritture antiche. La
pubblicazione della versione definitiva (1.0) prevista per il febbraio
2005. Il font liberamente scaricabile da1:
http://scholarsfonts.net/cardofnt.html
http://members.telocity.com/~perryd/cardofnt.html
Versioni testate: 0.71 (379 kb); 0.98 (708 kb).
Il font Gentium comprende una vasta parte dei set di caratteri utili per
i classicisti e per i linguisti in generale, ivi compresi ovviamente i caratteri
del greco politonico e i caratteri dellalfabeto fonetico internazionale. Di
recente elaborazione, il font avr probabilmente una buona diffusione fra
gli studiosi, essendo nato e poi diffuso in collaborazione con lautorevole
SIL (Summer Institute of Linguistics). Il font viene distribuito insieme con
una versione identica (GentiumAlt), che per ha il pregio di adottare per
laccento circonflesso greco la forma lunata e non la forma a tilde, caso
quasi unico fra i font qui analizzati. "Gentium" e "GentiumAlt", inoltre,
sono compatibili anche con i sistemi operativi Macintosh OS X. Un altro
set di caratteri sviluppato dal SIL e compatibile anche con i sistemi
Macintosh, pi limitato nelle dimensioni ed espressamente dedicato al
greco antico, Galatia SIL, che comprende caratteri greci di gradevole
aspetto e, soprattutto, caratteri latini dal disegno praticamente identico a
quello dei caratteri di Times New Roman. I tre font sono disponibili
gratuitamente presso:
http://scripts.sil.org/
1

Il font Cardo ispirato, nei caratteri dellalfabeto latino, alle forme create da Aldo Manuzio per ledizione del
De Aetna di Pietro Bembo. Cfr. D. Perry, The Cardo font, <http://scholarsfonts.net/index.html> (19/01/2005).

17

http://www.sil.org/
Versioni testate: Gentium 1.01 (343 kb); Galatia SIL 2.00 (129 kb).
Il font Vusillus Old Face incluso nel pacchetto del programma di
digitazione Antioch (per cui vedi sotto, punto c); la nuova versione
Antioch 2 (dal 2002) comprende invece il font Vusillus. Sviluppati da
Ralph Hancock, questi font sono disponibili nella versione completa
soltanto a pagamento. Lutente registrato pu, inoltre, scaricare ulteriori
font quali Garamond Classical, GR Times, GR Cambridge, GR
Oxford, GR Lucida Sans, GR Uncial ed altri ancora.
Versioni testate: Vusillus Old Face 001.003 (143 kb); Vusillus 1.0 (273
kb).
Il font Athena Unicode stato creato per la American Philological
Association ed distribuito gratuitamente:
http://www.greekkeys.cornell.edu/#AthenaUnicode
http://users.ox.ac.uk/~ball0087/download/athena_u3.zip
Versione testata: 1.0 (159 kb); si noti per che tale versione presenta
alcuni problemi di visualizzazione con Word 2000.
Una nuova versione dello stesso font stata invece creata
appositamente per Macintosh, e non compatibile con Windows: si tratta
di New Athena Unicode, disponibile gratuitamente.
http://ist-socrates.berkeley.edu/~pinax/greekkeys/unicodeMac.html
Per quanto riguarda infine lunico font che sinora comprende tutti i
caratteri dello standard Unicode, Arial Unicode MS, esso viene gi
fornito con i pacchetti Office 2000 e Front Page 2000. Si noti, tuttavia, che
linstallazione di tale font non automatica, ma deve essere compiuta
manualmente dallutente in un secondo momento, prelevando lapposito
file dal CD-ROM originale di Windows. Lutilizzo estensivo di Arial
Uniocode MS comunque sconsigliato, date le sue notevoli dimensioni, e
ad esso si potr utilmente ricorrere quando i caratteri ricercati non sono
reperibili in nessun altro set di caratteri per Unicode. Per informazioni:
http://www.microsoft.com/typography/default.mspx
Versione testata: 1.00 (22730 kb).
In generale, molti font Unicode utili per il greco e le lingue classiche,
vecchi o nuovi che siano, si possono reperire su Internet. I font citati, in
una parte dei casi, si sono rivelati compatibili solo con i sistemi basati su
piattaforme Windows. Ulteriori font, non analizzati in queste pagine ed in
alcuni casi compatibili anche con altri sistemi operativi, sono ad esempio:

18

Alkaios (per Mac e Windows), Alphabetum, Silver Humana, Aisa


Greek, MG Old Times UC Pol, Caslon (anche per Unix),
Monospace, Porson, CN Arial, Fixedsys Excelsior, Free
Monospaced, Free Serif, Legendum, Lucida Grande (per Mac) e
Thryomanes (che per non prevede accenti combinati con le lettere
maiuscole), Everson Mono Unicode (per Mac). Fra i tanti siti dai quali
possibile scaricare set di caratteri, segnalo in particolare:
http://www.omniglot.com/links/fonts.htm
http://www.unizh.ch/~luciush/diverse/
greekfonts/docs/alkaios.sit (Alkaios per Mac)
http://www.geocities.com/timessquare/alley/1557/fonts1.htm
http://www.scholarsfonts.net/
http://www.mauriziopistone.it/discussioni/linguasulweb.html
http://users.ox.ac.uk/~ball0087/
http://www.microsoft.com/typography/default.mspx
http://www.tlg.uci.edu/~opoudjis/unicode/unicode.html
http://www.alanwood.net/unicode/fonts_macosx.html (font per Mac)
http://www.unizh.ch/~luciush/diverse/greekfonts/#unicode
Sono state sviluppate anche alcune utili pagine di test, allo scopo di
permettere allutente di verificare direttamente la compatibilit del proprio
sistema operativo e delle proprie applicazioni con la gestione di testi
elettronici elaborati secondo lo standard Unicode, ivi compresi i testi in
greco politonico. Fra le pagine di questo tipo, segnalo:
http://www.tlg.uci.edu/help/UnicodeTest.html
c) programmi per facilitare la digitazione dei caratteri con diacritici
---- il programma Antioch commercializzato al prezzo di 50
dollari. Il pacchetto, scaricabile da Internet, comprende il font greco
Vusillus Old Face, un font per lalfabeto copto, uno per lalfabeto
ebraico ed ancora altre utilit. Purtroppo, il font ebraico nella prima
versione del programma non funziona se viene utilizzato con le recenti
versioni di Word. Il programma, finch non viene registrato con il
pagamento, utilizza soltanto la versione corsiva del font greco e visualizza
allavvio un apposito messaggio che ne richiede la registrazione. E in fase
di elaborazione una seconda versione del programma Antioch, che
dovrebbe permettere, tra laltro, di risolvere i problemi relativi alluso dei
caratteri ebraici con le ultime versioni di Word. Tale versione, sin qui
disponibile in un formato provvisorio, comprende il nuovo font Vusillus.

19

Il programma Antioch (per Windows) scaricabile da:


http://www.users.dircon.co.uk/~hancock/antioch.htm
Versioni testate: Antioch 1.13.b, Antioch 2 2.00.20 (beta).
---- il programma Keyman, per Windows, shareware:
http://www.tavultesoft.com/keyman
fra le tastiere (combinazioni di tasti) gi pronte da utilizzarsi con
Keyman, si segnalano:
http://members.aol.com/~AtticGreek/ (a cura di Manuel Lopez)
http://scholarsfonts.net/kbdsonly.exe (a cura di David Parry)
---Polytonistis della Magenta Software, anche noto come
Accentuator, shareware, per Windows:
http://www.magenta.gr/en/polytonistis_uc/en_polytonistis_uc.htm
---- Unicode Keys for Word, ovvero Ukeys; di non semplicissimo
utilizzo, per Windows:
http://www.myriobiblos.gr/support/unicodekeys4wd.zip (programma:)
---- Multikey, molto efficiente, freeware, per Windows:
http://www.oeaw.ac.at/kal/multikey/
---- Greek Keys Unicode, per Mac:
http://socrates.berkeley.edu/~pinax/unicodeMac.html
---- Gk Unicode Keyboard, per Mac, che sembrerebbe una versione
migliorata del precedente, freeware:
http://www.opoudjis.net/Play/GkUnicode.html
---- Alkaios Keyboard, per Mac, freeware:
http://www.opoudjis.net/Play/GkUnicode.html

6. Brevi indicazioni bibliografiche


Balboni, P.
2002 Le sfide di Babele. Insegnare le lingue nelle societ complesse,
Torino, Utet.

20

Busa, R.
1987 Manuale di informatica linguistica, Milano, Vita e Pensiero.
Calvani, A. - Rosso. L.
1994 Informatica per educatori: introduzione alluso del computer nella
formazione umanistica, Roma, Garamond.
Colombo, C.
2000 Informatica per umanisti. Teoria e applicazioni, Milano, I.S.U.
Universit Cattolica.
Decker, R. J.
2004 Unicode Resources for the Biblical Studies,
<http://faculty.bbc.edu/rdecker/default.htm> 26/01/2004.
Di Sparti, A.
2004 Un computer non pi calcolatore. Linguistica e informatica,
Palermo, Sellerio.
Ferrari, G.
1991 Introduzione al Natural Language Processing, Bologna, Calderini.
Ferrero, M.
2004 SQL. La guida tascabile al linguaggio di interrogazione dei
database, Milano, Apogeo - Feltrinelli.
Gigliozzi, G.
1997 Il testo e il computer. Manuale di informatica per gli studi letterari,
Milano, Bruno Mondadori, 19972 (19951).
Gillam, R.
2002 Unicode Demystified: a Practical Programmers Guide to the
Encoding Standard, Addison-Wesley.
Graham, T.
2000 Unicode: A Primer, Foster City CA., M & T Books - John Wiley &
Sons.
Hunston, S.
2002 Corpora in Applied Linguistics, Cambridge, Cambridge University
Press.

21

Jurafsky, D. - Martin, J.
2000 Speech and language processing. An introduction to natural
language processing, computational linguistics, and speech
recognition, Upper Saddle River N.J., Prentice Hall.
Perry, D. J.
2001 Word Processing in Classical Languages. Latin, Germanic, Greek,
<http://members.telocity.com/~perryd> 12/12/2003.
2005 Cutting-edge processing for scholars. Version 8,
<http://members.telocity.com/~perryd> 26/05/2005.
Rossini Favretti, R. (a c. di)
2000 Linguistica e informatica. Corpora, multimedialit e percorsi di
apprendimento, Roma, Bulzoni.
Rourke, P. T.
2003 Unicode Polytonic Greek for the World Wide Web. Version 0.9.7,
<http://www.stoa.org/unicode/> 20/11/2003.
The Unicode Consortium
2000 The Unicode Standard. Version 3.0, Reading MA., Addison-Wesley.
2003 The Unicode Standard. Version 4.0.0, Boston MA., Addison-Wesley.
-----------------------------------Edoardo Scarpanti
via Sottoriva, 1
46100 Mantova
tel. 3483230058
e-mail: edoardo.scarpanti@tin.it