Sei sulla pagina 1di 20

Salmo 30(29)

Ti esalter Signore
perch mi hai liberato


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
2
Salmo 30(29)

Ti esalter, Signore, perch mi hai liberato
e su di me non hai lasciato esultare i nemici.
Signore Dio mio,
a te ho gridato e mi hai guarito.
Signore, mi hai fatto risalire dagli inferi,
mi hai dato vita perch non scendessi nella tomba.

Cantate inni al Signore, o suoi fedeli,
rendete grazie al suo santo nome,
perch la sua collera dura un istante,
la sua bont per tutta la vita.
Alla sera sopraggiunge il pianto
e al mattino, ecco la gioia.

Nella mia prosperit ho detto:
Nulla mi far vacillare!.
Nella tua bont, o Signore,
mi hai posto su un monte sicuro;
ma quando hai nascosto il tuo volto,
io sono stato turbato.

A te grido, Signore,
chiedo aiuto al mio Dio.

Quale vantaggio dalla mia morte,
dalla mia discesa nella tomba?
Ti potr forse lodare la polvere
e proclamare la tua fedelt?
Ascolta, Signore, abbi misericordia,
Signore, vieni in mio aiuto.

Hai mutato il mio lamento in danza,
la mia veste di sacco in abito di gioia,
perch io possa cantare senza posa.
Signore, mio Dio, ti loder per sempre.


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
3
Il canto della Risurrezione


Il salmo 29 un canto di ringraziamento
che sgorga da un cuore riconoscente
verso il Signore che lo ha liberato dalla morte,
un inno alla grandezza di Dio che trasforma langoscia in gioia,
la tristezza in festa, il lamento in danza.
Tutto il salmo si muove su un gioco di contrasti,
di ombra e di luce, di morte e di vita, di dolore e di gioia.
il canto della risurrezione,
della scoperta che Dio vita e gioia e trasforma ogni cosa,
anche la pi terribile e oscura, in luce e gioia.
Inoltre il salmo 29 il salmo delluomo nuovo, destinato alla gloria,
il salmo che pu essere posto in bocca a Cristo
che esce glorioso dal sepolcro il mattino di Pasqua.
Il mattino della risurrezione
diviene simbolo della luce della redenzione e della gloria
di Cristo risorto e di tutti i risorti,
che con lui avanzano nella via della vita.
Ogni uomo che si trova nella prova deve pregare con questo salmo,
ricordando che dopo la tentazione e la notte
viene la luce della risurrezione.










w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
4
Mi hai liberato


Ti esalter, Signore,
perch mi hai liberato
e su di me non hai lasciato esultare i nemici.
(Sal 29)


Lasofferenzaeildolore
cileganoeciimprigionanoinlegamidimorte,
ipeccaticicircondanocomenemici
prontiaghermirelanostravita
easoffocarcinellelorospire.
MailSignorecihaliberati
sorgendosulnostroorizzontecomesoledisalvezza.

IlSignorechesorgevittoriosodalsepolcro,
sconfiggendoinemiciintorpiditiinunsonnomortale;
egliescedalbuiodelsepolcro
perportareatuttigliuomini
laforzaelalucedellaredenzione,lasualibert.
Lalibertnonaverepicatenechecitiranneggiano,
prigionichesichiudonointornoallanostravita,
stringendolatrainferriateinvisibiliefortissime.
Eglilehainfrante,lehadistrutte,
deridendoleaspettativedeinemici.


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
5
Signore mio Dio,
a te ho gridato e mi hai guarito,
Signore, mi hai fatto risalire dagli inferi,
mi hai dato vita
perch non scendessi nella tomba.
(Sal 29)


Signore, in te spera il mio cuore,
si ravvivi il mio spirito.
Custodiscimi e rendimi la vita.
Ecco, la mia infermit
si cambiata in salute!
Tu hai preservato la mia vita
dalla fossa della distruzione
perch ti sei gettato dietro le spalle
tutti i miei peccati.
(Is 38,16-17)


Egli perdona tutte le tue colpe,
guarisce tutte le tue malattie,
salva dalla fossa la tua vita,
ti corona di grazia e di misericordia.
(Sal 102,3-4)

IlSignore,risalendoluistessodagliinferi,
mostraanoituttilavia
attraversocuifarpassarenoitutti
dallamorteallavita.


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
6
Cristo,mortoperlasalvezzadelmondo,
discesonellosheol,negliinferi,
nellabissoprofondodelletenebreedeldolore,
nelcuoredellaterradoveognicosadivieneoblio,
dovetuttosiperdeingoiatodallamorte,
dovenelgrandesilenzioognisperanzasvanisce.
Dalluogosenzaritorno
DioharichiamatosuoFiglio
edeglirisalitocantandoilsuoinnodilode,
intonandoilsuocantodivittoria,
portandocons,comeintrionfo,
tutticolorochehannoaffidatoaluilalorovita.

Anche Cristo morto


una volta per sempre per i peccati,
giusto per gli ingiusti,
per ricondurvi a Dio.
Messo a morte nella carne,
ma reso vivo nello spirito.
E in spirito and ad annunziare la salvezza
anche agli spiriti che attendevano in
prigione
(1Pt 3,18-19)

LadiscesaagliinferidiGes
elasuarisalitapressoilPadre,
segnanolamorteerisurrezionedelmondo
cheinCristovieneredento.


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
7
Cos,risalendoalcielo,
CristoritornanellebracciadelPadre
portandoconstuttiisuoiamici
salvatidalsuoamorechehavintolamorte.

Sono risorto e sono sempre con te,


hai posto su di me la tua mano,
stupenda per me la tua saggezza.
Alleluia.
(dalla Liturgia)


Io pongo innanzi a me il Signore,
sta alla mia destra, non posso vacillare.
Di questo gioisce il mio cuore,
esulta la mia anima,
anche il mio corpo riposa al sicuro,
perch non abbandonerai la mia vita nel sepolcro,
n lascerai che il tuo santo veda la corruzione.
Mi indicherai il sentiero della vita,
gioia piena nella tua presenza,
dolcezza senza fine alla tua destra.
(Sal 15, 811)




Ti esalter o Signore,
perch mi hai liberato
(Sal 29)


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
8
LarisurrezionediCristosipone
comespartiacquedellastoria,
comelimitecheseparailtempodellavita
daquellodellamorteedelpeccato.
ChisiponefuoridallarisurrezionediGes
nellamorteenelletenebre;
chiinvecerientra,attraversolafedeinlui,
passaneltempodiCristo,neltemponuovo,
segnatodallavitaeternaedallalucediCristo,
ilsuovessillogloriosodivienecosilvessillodeisalvati
allacuiombrasirifugiaogniredento.
NellarisurrezionediCristo,
uncantonuovovieneinnalzatodallumanitredenta,
ilcantodeiliberati,
dicolorochesonouscitidalletenebredelpeccato
ehannointrapresoconCristolascalataalcielo,
ascendendoconluipressoilPadre.


va dai miei fratelli e di loro:
Io salgo al Padre mio e Padre vostro,
Dio mio e Dio vostro.
(Gv 20,17)








w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
9

Pasqua,
Pasqua del Signore
O tu, che solo sei veramente tutto in tutti!
Di ogni creatura gioia, amore, cibo, delizia,
per mezzo tuo sono state fugate le tenebre della morte,
la vita data a tutti,
le porte dei cieli spalancate
O Pasqua divina!
O Pasqua, luce del nuovo splendore!
Non si spegneranno pi
le lampade delle nostre anime.
Divino e spirituale
brilla in tutti il fuoco della grazia,
nel corpo e nellanima alimentato
dalla risurrezione di Cristo.
Ti preghiamo, o Cristo,
Dio e Signore,
Re eterno degli spiriti,
stendi le tue mani protettrici
sulla tua santa Chiesa
e sul tuo popolo santo;
difendilo, custodiscilo, conservalo.
Leva lo stendardo sopra di noi
e concedici di cantare con Mos
il cantico della vittoria,
perch tua la gloria e la potenza in eterno

(Ippolito di Roma)




w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
10
Al mattino


Cantate inni al Signore, o suoi fedeli,
rendete grazie al suo santo nome,
perch la sua collera dura un istante,
la sua bont per tutta la vita.
Alla sera sopraggiunge il pianto
e al mattino ecco la gioia.
(Sal 29)


Era il giorno della Parasceve
e gi splendevano le luci del sabato.
Le donne che erano venute con Ges dalla Galilea
seguivano Giuseppe; esse osservarono la tomba
e come era stato deposto il corpo di Ges,
poi tornarono indietro e prepararono aromi e oli profumati.
Il giorno di sabato osservarono il riposo secondo il comandamento.
Il primo giorno dopo il sabato, di buon mattino, si recarono alla tomba,
portando con s gli aromi che avevano preparato.
Trovarono la pietra rotolata via dal sepolcro
ma, entrate, non trovarono il corpo del Signore Ges.
Mentre erano ancora incerte,
ecco due uomini apparire vicino a loro in vesti sfolgoranti.
Essendosi le donne impaurite e avendo chinato il volto a terra,
essi dissero loro: Perch cercate tra i morti colui che vivo?
Non qui, risuscitato.
Ricordatevi come vi parl quando era ancora in Galilea,
dicendo che bisognava che il Figlio dell'uomo fosse consegnato
in mano ai peccatori, che fosse crocifisso e risuscitasse il terzo giorno.
(Lc 23,54 - 24,1-7)


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
11
IlmattinodiPasqua
ilprimomattinodelnuovotempo,
comenelprimogiornodellacreazione,
quandoDiosquarciletenebreconlasualuce,
primiziadituttalacreazione,
cosCristohasquarciatoletenebredelmondo,
illuminandolanotteconlasualuceelasuagloria
dirisortoediportatoredivita.
Comeilsolechesorgesulmondo,
cosCristoescedalsepolcro,
comeunosposodallastanzanuziale,
comechi,dopoilriposodelsabato,
riprendeilcamminogioiosoetrionfante.

L pose una tenda per il sole


che esce come sposo dalla stanza nuziale,
esulta come prode che percorre la via.
Egli sorge da un estremo del cielo
e la sua corsa raggiunge laltro estremo:
nulla si sottrae al suo calore.
(Sal 18,6-7)

IlsolediCristo
illuminalanuovacreazione
efagermogliare
conlasualuceeilsuocalore
lavita.


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
12
La notte,
fin dal principio, madre del giorno,
era stata per Ges il riposo dopo la sua grande opera,
dopo i dolori e le sofferenze della sua passione.
Come madre,
lo aveva accolto e assopito,
dopo la sera drammatica del dolore,
tra le sue braccia oscure e silenziose.
La notte di Pasqua notte di pace
e di preparazione,
notte di mistero e di trepidazione.



O notte, pi chiara del giorno!
O notte pi luminosa del sole!
O notte pi bianca della neve,
pi illuminante delle nostre fiaccole,
pi soave del Paradiso.
O notte che non conosce tenebre;
tu allontani il sonno,
e ci fai vegliare con gli angeli.
O notte, terrore del demonio,
notte pasquale,
attesa per un anno!
Notte nuziale della Chiesa
che dai la vita ai nuovi battezzati
e rendi innocuo il demonio intorpidito.
Notte in cui lerede
introduce gli eredi nelleternit.

(Asterio dAmasea)


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
13
La sera simbolo della caduta,
e della cacciata di Adamo.
Povera stirpe umana,
resterai a lungo nel pianto!
Ma il Signore, sepolto la sera,
esce dal sepolcro al mattino;
allora si alza per i fedeli la luce,
che si era nascosta per i peccatori.
(Agostino)



Adamo si nascose nel Paradiso di sera.
La sera figura di questa vita di lacrime
nella quale gemiamo tutti,
da Adamo in poi,
ed anche figura della morte del Cristo.
Il mattino la risurrezione del Cristo,
la risurrezione delle anime
e il mattino eterno
della comunione dei secoli.
(Girolamo)




Alla sera sopraggiunge il pianto
e al mattino, ecco la gioia.
(Sal 29)




w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
14
LagioiapasqualediCristorisorto
lagioiadicoluichetornanellacasadelPadre
peresseredaluiabbracciato,
comeuneroedopolavittoriasulnemico
chetorna,principevittorioso,nelpalazzodelRe.
Noisiamostatidaluiliberatidallaschiavitdelnemico
esiamosuapropriet,suoischiaviesudditi,
malaservitdiCristopernoigioia,
ilsuoserviziopernoigloria.
EssereschiavidelSignore
significaessereveramenteliberi,
perchsolocomeservidiDio
possiamoreputarcirealmente
padronidinoistessiedelmondo.
E,noncontentodiquesto,
ilSignorecirendecoerediconlui,
attribuiscelavittoria,chetuttasua,ancheanoi,
fadinoideglieroiedeiprodi,
rivestendocidellasuacorazzaedellesuearmi,
coprendocidelsuomantodiporpora,
incoronandocidelsuodiademadigloria.

CIFARE,
SACERDOTIEPROFETI,
CIFAFIGLI.

EilPadreabbracciaanchenoi
ecifasedereconCristoallasuadestra.


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
15
La danza


Quale vantaggio dalla mia morte,
dalla mia discesa nella tomba?
Ti potr forse lodare la polvere
e proclamare la tua fedelt?
Ascolta, Signore, abbi misericordia,
Signore, vieni in mio aiuto.
Hai mutato il mio lamento in danza,
la mia veste di sacco in abito di gioia,
perch io possa cantare senza posa.
Signore, mio Dio, ti loder per sempre.
(Sal 29)

LuomostatocreatoperlalodediDio,perlagioiaelafelicit,
fattoperdanzareenonperillutto,
perilcantoenonperillamento.
Lasuavitadevediventareognigiornodipi
lodeegioiaperilCreatore,
festaedanzaperColuichecihasalvati.
Lamorte,chesemprenellanostravita
presenteecispaventa,
conilsuobuioangoscioso,nonfattapernoi,
perchlamortesenzalode,
letenebrenonhannocanto.
Senoiveniamodallapolvere,
Cristocihacondottiincielo,
seuntempolamorteeralanostraeredit,
orasiamoeredidelParadiso.


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
16
In verit, in verit vi dico:
voi piangerete e vi rattristerete,
ma il mondo si rallegrer.
Voi sarete afflitti,
ma la vostra afflizione si cambier in gioia.
La donna, quando partorisce,
afflitta, perch giunta la sua ora;
ma quando ha dato alla luce il bambino,
non si ricorda pi dellafflizione
per la gioia che venuto al mondo un uomo.
Cos, anche voi, ora siete nella tristezza,
ma vi vedr di nuovo
e il vostro cuore si rallegrer
e nessuno vi potr togliere la vostra gioia.
(Gv 16,20-22)



Dice il Cristo:
Fino ad ora ho bevuto le tristezze
della condizione umana,
ma ora giunta la fine della tristezza,
ormai non berr pi questa coppa amara,
ma il vino dellallegrezza nel Regno del Padre mio,
allorch cambier il mio lutto in gioia.
E voi che berrete il mio calice, sarete tristi con me,
ma la vostra tristezza si cambier in gioia.

(Baldovino di Ford)




w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
17
Noisiamochiamatiamanifestaresempre,
nellanostravitaquotidiana,
lagioiadellarisurrezione,
rendendovivainnoilalucediCristorisorto,
dandospazioinnoiallaforzadiCristo
cheilsuoSpirito,
ildonogioiosodellaredenzione,
ilConsolatoreperfetto,
lagioiaperenne,ladeliziadeicuori,lasalvezzadelmondo.
loSpiritochefadinoidegliuomininuovi,
lasuaforzachecirendesanti,
checifabrillarediluce,checifadanzare.
Vibrandoallunisonoconlui,
noisaremocomeCristoeconCristo
solechesorgesuldoloredelmondo,
capacidiilluminareediscaldareconilnostroamore
letenebrechericopronolaterra.

Hai mutato il mio lamento in danza,


la mia veste di sacco in abito di gioia,
perch io possa cantare senza posa.
Signore, mio Dio, ti loder per sempre.
(Sal 29)


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
18
Ti esalter, Signore

Ti esalter, Signore, perch mhai liberato
e su di me non hanno esultato i miei nemici.

Signore, a te ho gridato,
ho gridato e tu mi hai guarito,
dagli inferi mi hai tratto,
e mhai ridato la tua vita.

Cantate al Signore, o fedeli,
e la sua santit ricordate:
la collera dura un istante,
la sua bont per tutta la vita.

A sera ospite il pianto
e al mattino ritorna la gioia.
Allora ho detto al mio cuore:
Con Dio mai potr vacillare.

Mutasti in danza il mio pianto,
il mio sacco in veste di gioia.
A te canter, o Signore,
ti loder, Dio mio, per sempre.










w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
19


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m
20















































Preghiamo con i Salmi Basilica di S. Cecilia in Trastevere


w
w
w
.
m
a
r
c
o
f
r
i
s
i
n
a
.
c
o
m