Sei sulla pagina 1di 26

Calcolo di tubo evaporatore per applicazioni termoelettriche

Giuseppe Francesco Nallo s184071


Corso di Complementi di Termodinamica Applicata e Termouidodinamica Multifase
1
CONTENTS 2
Contents
1 Lista dei simboli 3
2 Introduzione 4
2.1 Parametri in ingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
2.2 Ipotesi di base . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
2.3 Metodologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
3 Analisi dello scambio termico 6
3.1 Calcolo preliminare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
3.2 Suddivisione in zone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
3.2.1 Determinazione del titolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
3.2.2 Determinazione del usso termico critico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
3.3 Analisi delle varie zone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
3.3.1 x<0: convezione termica monofase nel liquido (Dittus-Boelter) . . . . . . . . . . 8
3.3.2 0<x<xcr: saturated nucleate boiling (Gungor-Winterton) . . . . . . . . . . . . . 8
3.3.3 xcr<x<1 (Mikopolskii) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3.3.4 x>1 (Dittus-Boelter) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3.4 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3.4.1 Coeciente di scambio termico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3.4.2 Temperatura di parete e temperatura del uido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
3.4.3 Dryout . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
4 Calcolo delle cadute di pressione 13
4.1 Formulazioni generali della caduta di pressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
4.2 Analisi delle varie zone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.2.1 x<0: monofase liquido . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.2.2 0<x<xcr: CISE / Friedel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4.2.3 xcr<x<1: modello omogeneo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
4.2.4 x>1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
4.3 Iterazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
4.4 Risultati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
4.4.1 Prolo di pressione lungo il tubo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
4.4.2 Contributo dei vari termini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
5 Anamento dei risultati 20
5.1 Prolo di temperatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
5.1.1 Estrapolazione lineare nei tratti monofase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
5.1.2 Prolo di temperatura corretto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
5.2 Coeciente di scambio termico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
5.3 Tabella riassuntiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
6 Approfondimenti 24
6.1 Confronto fra risultati di Friedel e del modello omogeneo per il termine di attrito nella
regione pre-crisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
6.2 Grado di vuoto in funzione del titolo in funzione della pressione . . . . . . . . . . . . . . 24
1 LISTA DEI SIMBOLI 3
1 Lista dei simboli
d diametro interno del tubo [m]
A
g
frazione della cross-section del tubo occupata dal vapore [m
2
]
A
l
frazione della cross-section del tubo occupata dal liquido [m
2
]
A
tot
cross-section del tubo [m
2
]
G portata areica [kg/m
2
s]
usso termico [W/m
2
]

c
usso termico critico [W/m
2
] (anche detto CHF)
h
s
sottorareddamento in ingresso [J/kg]
p pressione di esercizio [bar]
L lunghezza complessiva del tubo [m]
viscosit dinamica [Ns/m
2
]
k conducibilit termica [W/mK]
c
p
calore specico a pressione costante [J/kgK]
tensione superciale [N/m]
Re numero di Reynolds, Re =
Gd

Re
l
numero di Reynolds relativo alla sola portata di liquido, Re
l
=
(1x)Gd

l
Bo Boiling number, Bo = /(G)
Pr numero di Prandtl, Pr =
cp
k
We numero di Weber
Fr numero di Froude
M peso molecolare [g/mol]
P
cr
pressione critica [bar]
P
r
rapporto fra pressione e pressione critica, P
r
= P/P
cr
[bar]
grado di vuoto, = A
g
/A
tot
C
f
coeciente di attrito di Fanning
C
f,go
coeciente di attrito di Fanning nel caso in cui tutta la portata fosse vapore
C
f,lo
coeciente di attrito di Fanning nel caso in cui tutta la portata fosse vapore
T
w
temperatura di parete [K]
T
b
temperatura di bulk del uido [K]

tt
parametro di Martinelli turbolento-turbolento
2 INTRODUZIONE 4
2 Introduzione
In questo lavoro si conduce lanalisi ed il calcolo delle cadute di pressione e del coeciente di scambio
termico per un tubo di un generatore di vapore ad attraversamento forzato subcritico. Il moto dellac-
qua ascendente ed il usso termico imposto. Lobiettivo quello di caratterizzare le regioni del tubo
in base ai meccanismi di scambio termico, ed inoltre di calcolare la caduta di pressione complessiva
causata dallattraversamento della lunghezza del tubo.
2.1 Parametri in ingresso
Dati geometrici
Diametro interno D
i
= 12, 16 [mm]
Lunghezza 2 passaggio L
2
= 15, 80 [m]
Lunghezza 3 passaggio L
3
= 10, 40 [m]
Lunghezza 4 passaggio L
4
= 14, 10 [m]
Numero totale tubi 336 + 336 + 264 + 264
Rugosit relativa del tubo

d
= 0.002
Portata totale
W
tot
= 1050[t/h] = 291, 67[kg/s]
Dati in ingresso e in uscita
Pressione ingresso 2 passaggio P
i
= 195 [bar]
Temperatura ingresso 4 passaggio T
i
= 613 [K]
Temperatura uscita 4 passaggio T
o
= 673 [K]
2.2 Ipotesi di base
1. Si considerano i tre passaggi come un unico tubo di lunghezza
L
tot
= 15, 8 + 10, 4 + 14, 1 = 40, 3 [m]
In tal modo si trascurano le perdite concentrate associate al deusso fra un passaggio e laltro.
qui opportuno notare che il reale arrangement dei tubi, di tipo serie-parallelo, comporta che
le perdite di questo tipo non siano generalmente trascurabili.
2. Si ipotizza la portata totale equipartita fra i singoli tubi, ottenendo
W
singletube
= 291, 76/(2 336 + 2 264) = 0, 243[kg/s]
Si tratta di una ipotesi valida in prima approssimazione.
3. Si assume che il usso sia scambiato uniformemente lungo tutta la lunghezza del tubo. In
realt, come si vede in gura, tale usso sar disuniforme, con un massimo in corrispondenza dei
bruciatori. La gura stata scelta anche il quanto rappresentativa della procedura seguita per
la determinazione del usso critico con la correlazione di Bowring.
4. Si ipotizza lassenza di fenomeni di disequilibrio termodinamico quali il subcooled boiling. A
livello applicativo, tale ipotesi si traduce nel calcolare lentalpia alla quota z da un bilancio
globale.
2 INTRODUZIONE 5
2.3 Metodologia
La procedura seguita stata quella di partire dallanalisi con delle ipotesi sulle grandezze termodi-
namiche fondamentali, ipotesi progressivamente rimosse al procedere delle iterazioni. In particolare, il
procedimento seguito pu essere riassunto come segue:
suddivisione della lunghezza del tubo in 100 tratti;
calcolo assumendo pressione costante: determinazione delle propriet del uido rappresentative
di ciascun tratto in funzione della pressione (e della temperatura, nei tratti monofase). In prima
approssimazione si assume un andamento lineare della temperatura del uido nei tratti monofa-
sici;
determinazione delle quattro zone, in seguito al calcolo del usso termico ottenuto dal bilancio
globale (calcolando per il momento lentalpia di uscita alla pressione in ingresso);
calcolo del coeciente di scambio termico in ciascuna delle quattro zone e determinazione della
temperatura di parete;
calcolo delle cadute di pressione con le propriet calcolate alla pressione costante;
iterazioni: calcolo delle propriet per ciascun tratto alla pressione corretta, e progressivo aggior-
namento del valore di input no a che lerrore relativo fra la caduta di pressione totale calcolata
in una iterazione e nella successiva diventa minore di 0.01;
con il dato della caduta di pressione complessiva possibile ricalcolare il valore dellentalpia in
uscita dal tubo, e quindi del usso termico;
una volta che anche il punto precedente ha portato ad una convergenza sodisfacente si esegue
una validazione dei proli di temperatura usando Xsteam;
inserendo i nuovi proli di temperatura si studia cosa accade alle cadute di pressione ed alle
propriet calcolate
si continua ad iterare no ad una soddisfacente convergenza globale del foglio di calcolo.
Ad ogni iterazione si tenuto conto delle variazioni nelle zone di interfaccia fra le varie regioni.
Tali zone sono particolarmente delicate e non sempre si denota una transizione smooth fra le zone
caratterizzate mediante correlazioni dierenti.
Restano le ipotesi di usso termico costante: non vengono tenute in conto le conseguenze di un
usso variabile con la coordinata assiale, come quello che ci si aspetterebbe a causa della presenza dei
bruciatori in corrispondenza del secondo passaggio. Inoltre non si cerca di analizzare nel dettaglio i
fenomeni di disequilibrio termico.
3 ANALISI DELLO SCAMBIO TERMICO 6
3 Analisi dello scambio termico
3.1 Calcolo preliminare
Entalpia in uscita, calcolata per il momento alla pressione in ingresso
h
out
= h(400C,195bar)=2834,22e3[kJ/kg]
possibile determinare la portata specica per ciascun tubo:
G =
W
singletube
D
2
i
/4
=
0, 243
1, 16e 4
= 2094, 8[kg/m
2
s]
Velocit in ingresso e in uscita

out
= (400[C], 195[bar])=86,87[kg/m^3]
V
in
= G/
in
= 3, 29[m/s]
V
out
= G/
out
= 24, 11[m/s]
Dal bilancio entalpico complessivo sul tubo
P = W
singletube
h = 306680, 58 [W]
In base allipotesi di usso costante si pu scrivere
=
W
singletube
D L
= 199203, 88 [W/m
2
]
Lequazione implementata su excel per il calcolo dellentalpia alla ne di ogni tratto sar quindi
h
n+1
= h
n
+
P
n.tratti W
Si cos valutata lentalpia media del uido in uscita dal tratto n-esimo (o, equivalentemente, in
ingresso al tratto (n+1)esimo).
Inne, la temperatura di bulk del uido alla quota z determinata, a seconda delle zone:
-da una estrapolazione lineare fra la temperatura in ingresso e la temperatura di saturazione alla
pressione calcolata in corrispondenza del tratto in cui il titolo diventa positivo, nella zona del liquido
sottorareddato
-da una estrapolazione lineare fra temperatura in uscita e temperatura di saturazione alla pressione
calcolata in corrispondenza del tratto in cui il titolo diventa maggiore di 1, nella zona del vapore
surriscaldato
-come Tsat(P) nella zona bifase.
La scelta di estrapolare linearmente forzata dallassenza, nel pacchetto di propriet dellacqua
usato in excel, di una relazione T(p,h). Sono infatti note due coordinate termodinamiche e, se le nec-
essarie relazioni fossero disponibili, si dovrebbe poter trovare qualsiasi altra. Come ultimo renement
del calcolo, si user lo script Xsteam di MATLAB (in cui contemplata una relazione T(p,h)) per
determinare i proli corretti di temperatura nei tratti monofase). Si veda per questo la sezione 5.
3 ANALISI DELLO SCAMBIO TERMICO 7
3.2 Suddivisione in zone
3.2.1 Determinazione del titolo
Il valore dellentalpia media in ingresso ad ogni tratto pu essere impiegato per determinare il titolo
medio. Lespressione riportata scritta in funzione di z[m] e non di n.
x(z) =
h(z) h
l,sat
h
v,sat
h
l,sat
Si usa quindi la formulazione con la quale il valore di x non necessariamente compreso fra zero
ed uno. Una prima suddivisione in zone pertanto eettuata in base al titolo, nel modo seguente:
x<0: liquido sottorareddato
In base alla denizione di titolo termodinamico, tale zona si estende no alla quota z in cui
lentalpia media del uido, calcolata come indicato nella sez. 2.1, raggiunge il valore dellentalpia
del liquido saturo. Non si tiene quindi in conto il fenomeno di disequilibrio termodinamico per
cui, a titolo poco inferiori e poco superiori ad uno, coesistono liquido sottorareddato e bolle di
vapore, noto come subcooled nucleate boiling.
0<x<1: miscela bifase liquido-vapore
x>1: vapore surriscaldato
3.2.2 Determinazione del usso termico critico
La fenomenologia dello scambio termico cambia radicalmente fra pre-crisi e post-crisi. Il calcolo termico
deve tenerne conto sfruttando due correlazioni dierenti. pertanto necessario denire una boundary
fra la zona di forced convective heat transfer through liquid lm e la zona di drop ow/liquid decient
region.
Ci si aspetta nel caso presente una crisi di tipo dryout, dal punto di vista qualitativo perch il
usso non troppo elevato e la portata sucientemente elevata.
Per la previsione del CHF sono disponibili due tipi di correlazioni:
1. correlazioni locali:
c
= f(P, D, G, h
in
, x
loc
);
2. correlazioni globali:
c
= f(P, D, G, L
totbollente
, h
in
).
Alla prima categoria appartiene un compendio dei risultati sperimentali ottenuti denominato CHF-
Look up table. Si tratta di una banca dati normalizzata, valida per tubi verticali rareddati con acqua.
I dati forniti sono validi per D=8mm, ma applicando un fattore correttivo possibile ricondursi al caso
in esame. Tale strumento fornisce un titolo critico di circa x
cr
0, 5, corrispondente a z
cr
17, 32 m.
Un esempio della seconda tipologia oerto dalla correlazione di Bowring, sintetizzata dallespres-
sione seguente

c
=
A

+ 0.25dGh
s
C

+L
valida per tubi verticali percorsi da acqua nel seguente range di condizioni:
2 < p < 190 bar;
2 < d < 45 mm;
0, 15 < L < 3, 7 m;
136 < G < 18600 kg/m
2
s.
Come si vede, la lunghezza del tubo in esame ben oltre il range previsto da Bowring. Il titolo di
crisi previsto risulta essere x
cr
= 0, 175, in corrispondenza quindi della sezione con z = 10, 881 m.
3 ANALISI DELLO SCAMBIO TERMICO 8
Eettuando il calcolo con una correlazione pi adatta al caso in esame, e cio la seguente
x
cr
= 32, 302
0,125
G
0,333
D
0,07
exp(0, 00795p)
avente range di validit
9, 8 < p < 19, 6 MPa;
200 < G < 5000 kg/m
s
s;
4e 3 < d < 32e 3 m,
e chiaramente appartenente alla prima tipologia, si ottiene:
x
cr
= 0, 232 z
cr
= 12, 09 m.
Fra i tre risultati ottenuti, il pi realistico senzaltro quello fornito dalla CHF look-up table.
Tuttavia linterpolazione risulta dicoltosa, e si preferisce quindi usare come discrimine fra la zona
pre-crisi e quella post-crisi lultimo valore riportato.
3.3 Analisi delle varie zone
3.3.1 x<0: convezione termica monofase nel liquido (Dittus-Boelter)
Nella prima regione monofase (liquido sottorareddato) possibile ricorrere alla celebrata correlazione
di Dittus-Boelter:
Nu
d
= 0.023Re
4/5
d
Pr
n
con n=0.4 in quanto si sta fornendo calore al uido.
Ci si aspetta un coeciente di scambio approssimativamente costante, che porta ad una variazione
non signicativa della quantit T
w
T
sat
. La variazione di h in questa regione infatti dovuta unica-
mente allinuenza della temperatura sulle propriet termosiche del uido sottorareddato. Il valore
calcolato passa da circa 2,5e4 a circa 3,5e4 [W/m
2
K], e questo lieve aumento causa una diminuzione
della dierenza T
w
T
sat
.
Si confrontano in Fig.2 il prolo di temperatura ottenuto con quello atteso nella regione in esame.
3.3.2 0<x<xcr: saturated nucleate boiling (Gungor-Winterton)
In questa regione si manifestano i coecienti di scambio termico pi signicativi. Si susseguono la
fase di saturated nucleate boiling e quella di forced convective boiling. Le correlazioni che forniscono
il valore di h per questa regione devono quindi tenerne conto. Lapproccio di modelli quali quello di
Chen di suddividere i due contributi:
h
b
= h
FC
+h
NB
= fh
l
+sh
pool
laddove h
b
rappresenta il coeciente di scambio termico in ow boiling. h
NB
rappresenta la
componente di boiling ed h
fc
quella di convezione forzata. h
l
ed h
pool
rappresentano rispettivamente
il coeciente di scambio termico che si avrebbe nel caso monofase con la sola portata liquida nel tubo
e quello di pool boiling. Il fattore f maggiore di uno, e tiene conto del fatto che le velocit, e quindi
il coeciente di scambio per convezione forzata, sono molto maggiori nel caso bifase rispetto al caso
monofase. Il fattore s, o fattore di soppressione, minore di uno, riduce il termine di ebollizione nucleata
considerando che nel caso di forced convective boiling lo strato limite di liquido surriscaldato allinterno
del quale le bolle di vapore crescono pi sottile rispetto al caso di pool boiling.
Per evitare le dicolt associate allimplementazione di un modello iterativo si scelto di fare i
calcoli con la correlazione di Gungor-Winterton [3]. Essa strutturata allo stesso modo,
h
B
= Eh
l
+Sh
nb
3 ANALISI DELLO SCAMBIO TERMICO 9
con la dierenza che in h
nb
non compare la T di parete. E, detto enhancement factor, il cor-
rispettivo di f, mentre S ancora una volta denominato suppression factor e rappresenta chiaramente
il corrispettivo di s.
In particolare la correlazione strutturata come segue:
h
l
=
k
l
d
_
0.023Re
4/5
d,l
Pr
n
l
_
h
NB
= 55Pr
0.12
(log(Pr))
0.55
M
0.5

2/3
E = 1 + 24000Bo
1.16
+ 1.37
_
1

tt
_
0.86
S = (1 + (1.15e 6)E
2
Re
1.17
l
)
1
con

tt
=
_
1 x
x
_
0.9
_

l
_
0.5
_

g
_
0.1
parametro di Martinelli turbolento-turbolento.
Risulta evidente dalla fenomenologia dello scambio termico in questa regione che ci che aumenta
lecacia dello scambio termico in convezione forzata rispetto al solo liquido, e cio la velocit pi alta,
a sua volta dovuta al restringimento della sezione (anulare) di passaggio del liquido, anche la causa
della riduzione dellecacia del meccanismo di formazione delle bolle rispetto al caso di pool boiling.
Non quindi sorprendente il fatto che il fattore di enhancement E compaia anche nellespressione di
S, al denominatore. Ci si aspetta inoltre che E aumenti con il titolo, comportando una corrispondente
riduzione in S. Si riportano di seguito i graci per questi due parametri in funzione della coordinata
assiale z. Si noti che i valori sono numericamente pochi a causa della correlazione utilizzata per il
titolo di crisi termica, che fornisce un risultato estremamente basso, e di conseguenza limita la fascia
di z interessata da questo meccanismo di scambio.
Figure 1: Andamento dei parametri E ed S con la coordinata assiale nella regione bifase pre-crisi
In questa regione ci si aspetta una variazione non troppo signicativa del coeciente di scambio
termico. Landamento h(z) riportato nella sezione 2.4.
3 ANALISI DELLO SCAMBIO TERMICO 10
3.3.3 xcr<x<1 (Mikopolskii)
Il usso termico cui il tubo evaporatore sottoposto relativamente costante, mentre la portata
areica G considerevole. pertanto ragionevole pensare che la crisi termica sia di tipo dryout, cio
asciugamento del lm di liquido a parete, piuttosto che di tipo DNB. Per questo tipo di fenomenologia
possono essere usate correlazioni della forma
Nu = aRe
b
Pr
c
Y
d
con
Re
g
=
Gd

g
_
x + (1 x)

l
_
Y = 1 0.1
__

g
1
_
(1 x)
_
0.4
che richiamano quella di Dittus-Boelter con un fattore correttivo. In particolare in questo caso
opportuno usare i coecienti ricavati da Miropolskii
a = 0, 023; b = 0, 8; c = 0, 8; d = 1
3.3.4 x>1 (Dittus-Boelter)
In questultima regione si pu nuovamente usare la correlazione di Dittus Boelter, con le propriet
calcolate per il monofase.
3.4 Risultati
I risultati qui presentati non tengono conto delle cadute di pressione. Nella sezione .... sar eettuato
un confronto fra i valori calcolati tenendo in conto le cadute di pressione lungo il tubo.
3.4.1 Coeciente di scambio termico
!
#!!!!
$!!!!
%!!!!
&!!!!
'!!!!
(!!!!
)!!!!
*!!!!
+!!!!
#!!!!!
!
"
#
$
%
&
'
(
)

+
,-./01 234,1
567819 86.:18;6.
<0-=>-9?
,-./01 234,1
567819 86.:18;6.
<:4267?
@0A B6-0-./
C4D>74D19
.>8014D1 B6-0-./E
567819 86.:18;:1
B6-0-./
Figure 2: Coeciente di scambio termico in funzione del titolo termodinamico
3 ANALISI DELLO SCAMBIO TERMICO 11
3.4.2 Temperatura di parete e temperatura del uido
!
"
#

!
%
#

!
&
#

!
'
#

!
(
#

!
!
#

!
)
#

!
*
#

!
+
#

#
",%#+
%,'"*
&,!%)
',*&!
!,#'(
),%('
*,'!&
+,!)%
"#,**"
"%,#+
"&,%++
"',(#*
"(,)")
"!,+%!
"*,"&(
"+,&''
%#,((&
%",)!%
%%,+)"
%',"*
%(,&*+
%!,(+*
%),*#)
%+,#"!
&#,%%(
&",'&'
&%,!'&
&&,*(%
&(,#!"
&!,%)
&),')+
&*,!**
&+,*+)
! #$%
&

#
'
%

-
.
/
0

-
1
.
/
0

234 56789
:939;7<4
=6>9?5
234 56789
@A;7<4
l 0 4 ! N!kODUC!! ON !O POOL AND CON\LC!! \L 8O! L! NG
WAUANU LUlU
1LN|vAH| A1| UN
|u| d lemp
x= T
\
vCpOu|
\
OO|e tem
\

I
` U|yOut '
H

U


WC. | t emp
| u| Ctemp
bCt
L| qu| C
OOtemp

x =
| u| C
t emp
U
.
_. . - -
+
'
.
. . ,
.
.

*
.
"
_
+
o
"_ t "
-_

a
* .
. *

,
.
.
,

, w -
.
+
l a ,

__ ,
'

b| Dg| e- LOnveO| ve
hCSe heCt t|CDS1e|

UO L| qu| CCe! ' O| eDt
! . Ow |eg. OD
AnDu|Cr
!| ww| lh
eDtm DmeDt
OODveOt | veheCt
!mDS!e|t h|Ough
O|OeC
ADDu| C|
| | qu| C! | | m
b| ug bClu|Ct eC
I .Ow DUO|eCle
DO| | | Dg
buDD. y
! | Ow
bu| | | ng
b| Dg .e- OnveOt | ve
phCSe heCt t |CDS!e|
| l qu| C t o | l qu| C
keg|oas o| heat traas|er |a coavect|ve bo|||ag.
Whi|st the |iquid i s being heated up to the saturation temperature and the
wa|| temperature remains be|ow that necessary |or nuc|eation, the process
o| heat trans|er i s s|o|e p|ase coocec||ce |ea| |raos]er |o ||e ||a|1 p|ase
(region A). At some point a|ong the tube, the conditions ad|acent to the wa||
are such that the |ormation o| vapour |rom nuc|eation sites can occur.
lnitia||y vapour |ormation takes p|ace in the presence o| subcoo|ed |iquid
(region ) and this heat trans|er mechanism is known as sa|coo|e1 oac|ea|e
|o|||o. ln the subcoo|ed boi|ing region, , the wa|| temperature remains
Figure 3: Andamento dei proli di temperatura [2]
evidente leetto dellipotesi (4) sullultimo tratto del prolo di temperatura di parete in monofase
sottorareddato: non considerando il subcooled boiling, assente la zona di temperatura di parete
costante con temperatura di bulk che cresce. Il prolo di T
w
si comporta infatti come se il coeciente
3 ANALISI DELLO SCAMBIO TERMICO 12
di scambio termico fosse quello di convezione forzata monofase no al momento in cui il titolo diventa
maggiore di zero.
3.4.3 Dryout
Rispetto alla previsione per tubi verticali lisci, in base alle correlazioni usate il fenomeno del dryout
si verica in anticipo. Nel graco che segue si vuole apprezzare laumento nella temperatura di parete
dovuto al deterioramento dello scambio termico nella regione post-crisi. Si noti che nel caso in esame
la crisi termica sembra essere particolarmente poco drammatica, con un incremento della temperatura
di parete di soli
!"!#$
!"&#$
!"'#$
!"(#$
!)*#$
!)+#$
!),#$
!

#
$
%

& #'%
-.
-/
012341256 73895125 /:;9;7<=
>:485 8:7?58@?5 A512 24170>54
2A4:3<A 9;B3;6 C9D
9;B3;6 65C8;572 45<;:7
64E:32
Figure 4: Proli di temperatura della parete e di bulk in funzione della coordinata assiale, nella zona
bifase
4 CALCOLO DELLE CADUTE DI PRESSIONE 13
4 Calcolo delle cadute di pressione
4.1 Formulazioni generali della caduta di pressione
Per un tubo di diametro d ed inclinazione si pu scrivere in generale la seguente espressione per la
cadura di pressione:

dp
dz
=
4
d
+gsin +G
2
d
dz
_
1

_
.
I tre termini sono rispettivamente: attrito, gravit, accelerazione spaziale. Si noti che il secondo
termine pu essere nullo ( il caso dei tubi orizzontali), mentre il terzo si presenta in genere quando
un riscaldamento del uido ne provoca una variazione di densit.
In forma integrata, e quindi utile nei calcoli nel caso in esame (in cui si discretizzata la coordinata
assiale dividendo cos il condotto in 100 tratti) la formulazione appena vista si scrive, per un tratto di
tubo di lunghezza z:
p = p
in
p
out
=
4
d
z +gsinz +G
2
_
1

out

in
_
Nel caso bifase la formulazione analoga, ma deve tenere conto della coesistenza di liquido e vapore.
In genere si scrive la formulazione detta a fasi separate, che prevede il calcolo del grado di vuoto (void
fraction) . Il grado di vuoto rappresenta il rapporto fra la cross section occupata dal vapore e quella
complessiva del tubo e si esprime come segue:
=
A
g
A
g
+A
l
=
1
1 +
1x
x
g

l
S
dove S rappresenta la slip ratio:
S =
U
g
U
l
.
Si riportano di seguito la forma dierenziale delle cadute di pressione per deusso bifase per un
tubo di diametro d ed inclinazione :

dp
dz
=
4
d
+ [
g
+ (1 )
l
] gsin +G
2
d
dz
_
x
2

g
+
(1 x)
2
(1 )
l
_
.
Introducendo la slip density

s
=
g
+ (1 )
l
ed il reciproco della momentum density
1

m
=
x
2

g
+
(1 x)
2
(1 )
l
la forma integrata si scrive
p = p
in
p
out
=
4
d
z +
s
gsinz +G
2
_
1

m,out

m,in
_
.
Dalle espressioni appena riportate emerge la principale dicolt associata al calcolo delle cadute
di pressione in bifase, e cio la determinazione del gradi di vuoto. I modelli disponibili sono in genere
correlazioni che consentono di determinare la slip ratio S. Unaltra insidia, meno evidente ma non per
4 CALCOLO DELLE CADUTE DI PRESSIONE 14
questo meno problematica, rappresentata dal termine di attrito. Infatti lo shear stress a parete, ,
viene correlato al fanning friction factor, nel caso monofase, nel modo seguente:
=
C
f
G
2
2
Tuttavia, le correlazioni disponibili forniscono il friction factor monofase.
Nelle sezioni che seguonoaso per caso saranno esposte le metodologie utilizzate caso per caso.
4.2 Analisi delle varie zone
4.2.1 x<0: monofase liquido
In questa zona il calcolo pu essere eseguito facilmente ricorrendo alla formulazione integrata monofase.
In particolare il termine di attrito viene calcolato in base alla formulazione di Waggener per il friction
factor:
f
B
= 0, 0055
_
1 +
3
_
20000

d
+
10
6
Re
_
laddove non va dimenticato che
f
B
= 4C
f
.
4.2.2 0<x<xcr: CISE / Friedel
In questa regione si usa la correlazione CISE per il grado di vuoto. Si tratta di una correlazione
indipendente dal ow pattern e quindi particolarmente comoda in una zona in cui si ha transizione da
bubbly ow ad annular ow, passando per slug ow. Una correlazione come quella basata sul modello
drift ux invece ow-pattern dependent, e valida solo per il deusso di tipo bubbly e slug.
La correlazione CISE fornisce la slip ratio S in funzione dei parametri y, E
1
, E
2
.
S = 1 +E
1
_
y
1 +yE
2
yE
2
_
0.5
con
y =

1
,
=

1
x

1
x +
g
(1 x)
,
E
1
= 1.578Re
0.19
_

g
_
0.22
,
E
2
= 0.0273WeRe
0.5
_

g
_
0.08
,
Re =
Gd

l
,
4 CALCOLO DELLE CADUTE DI PRESSIONE 15
We =
G
2
d

l
.
Nellapplicare la formula risultato per tutti i tratti che il radicando nellespressione di S fosse
minore di 1. Si pertanto assunto S = 1, che implicitamente indica che il grado di vuoto viene
calcolato mediante il modello omogeneo.
Tuttavia, per maggiore essibilit del foglio di calcolo, si scelto in questa zona di non usare il
modello omogeneo anche per il calcolo del termine di attrito della caduta di pressione. Si usa invece la
correlazione di Friedel, che fornisce un moltiplicatore di attrito bifase liquid only, cio da moltiplicare
per la caduta di pressione calcolata in monofase come se tutta la portata fosse costituita da liquido
per ottenere la caduta di pressione nel caso bifase. In formule:

2
lo
=
(dp/dz)
F
(dp/dz)
lo
.
Si riportano di seguito i dettagli della correlazione:

2
lo
= E +
3.24FH
Fr
0.045
We
0.035
,
E = (1 x)
2
+x
2

l
C
f,go

g
C
f,lo
,
F = x
0.78
(1 x)
0.224
,
H =
_

g
_
0.91
_

l
_
0.19
_
1

g

l
_
0.7
,
Fr =
G
2
gd
2
h
,
We =
G
2
d

h
,
dove
h
quella calcolata in base al modello omogeneo, e cio

h
=
_
x

g
+
1 x

l
_
1
.
Tale modello non funziona bene nel caso in cui

l
g
> 1000. Tuttavia, nella regione interessata,
si ben lontani da questo valore. Tale rapporto isulta infatti, alla quota z=9.269 [m] (presa come
rappresentativa), circa pari a 2.16.
4.2.3 xcr<x<1: modello omogeneo
In questa regione si ha moto di gocce di liquido a T = T
sat
disperse nella fase vapore. Si tratta del
classico caso in cui il modello omogeneo applicabile. Si inoltre confortati in questa scelta dal fatto
di essere nel range di G e

l
g
in cui tale modello applicabile.
Il grado di vuoto pertanto calcolato dalla denizione, ponendo S=1:
4 CALCOLO DELLE CADUTE DI PRESSIONE 16
=
A
g
A
g
+A
l
=
1
1 +
1x
x
g

l
.
Si sceglie qui di utilizzare il modello omogeneo anche nel calcolo delle cadute di pressione per
attrito. Lo shear stress a parete viene in questo caso calcolato come
= f
G
2
2
h
laddove
h
la densit omogenea (denita nella sottosezione precedente) ed f il coeciente di
attrito di Fanning, calcolato dalla gi vista formula di Waggener, nella quale il Re viene sostituito da
Re
h
=
Gd

h
,
con la viscosit omogenea espressa come

h
=
_
x

g
+
1 x

l
_
1
in base alla formulazione di Isbin. Tale formulazione generalmente considerata la meno attendibile
fra quelle a disposizione, sebbene sia la pi semplice da ricordare per la sua somiglianza con quella della
densit omogenea. Nei calcoli stata pertanto usata la formulazione proposta da Beattie e Whalley:

h
=
g

h
+
l
(1
h
)(1 + 2.5
h
).
Si vede come usare il modello omogeneo signichi studiare le cadute di pressione come in presenza
di un deusso monofase equivalente, laddove le propriet termosiche sono quelle mediate.
4.2.4 x>1
In questa regione si procede come al punto 4.2.1.
4.3 Iterazioni
Per giungere ad una globale convergenza del foglio di calcolo si scelto di ricorrere ad un procedimento
iterativo di tipo trial-and-error. Alla sezione 2.4 il procedimento seguito descritto nel dettaglio. Si
riportano di seguito i risultati relativi alle iterazioni relative alle cadute di pressione.
Il primo prolo di pressione stato ricavato con le propriet calcolate, per tutti i tratti, alla pressione
di ingresso. I valori di pressione ottenuti sono stati quindi sostituiti ai guess values per ciascun tratto
(ovvero 195 bar costanti). Excel ricalcola cos le propriet per ciascun tratto alla nuova pressione di
ingresso, ed il risultato un nuovo prolo di pressione... and so on and so forth. Per capire quando
arrestare le iterazioni si pone come condizione che lerrore percentuale alliterazione n+1, espresso
come
=
|p
tot,n
p
tot,n+1
|
p
tot,n
sia inferiore all1%. Il graco che segue mostra la rapida convergenza del procedimento (literazione
zero, o guess phase, non riportata in quanto renderebbe illeggibile il graco: si ha infatti p
tot,0
= 0).
4 CALCOLO DELLE CADUTE DI PRESSIONE 17
Figure 5: Convergenza del procedimento iterativo
Durante questa operazione stato necessario prestare attenzione agli spostamenti di quota prodotti
nelle interfacce fra le varie regioni.
Per avere unidea delle dierenti velocit con cui convergono i contributi dei vari tratti, e quindi,
indirettamente, dellinuenza dellerrore commesso nel valutare le propriet sulla caduta di pressione
nel singolo tratto, si riportano di seguito gli errori percentuali relativi alle cadute di pressione registrate
nelle varie zone, al passaggio dalla quinta alla sesta iterazione.
!"#$%&" "!!%!" !"()*$+%
(,-.,/0 10203456 !"#$%&''
7,34568 9:6;<:,5, &#")!%&*!
7,34568 905=;<:,5, &'"#+%&*+
+490:6 10203456 &,"-!%&*+

Figure 6: Errore relativo fra la quinta e la sesta iterazione nei vari tratti
Salvo la curiosit accademica di vericare per quali tratti la convergenza sia pi rapida, il risultato
appena mostrato conforta riguardo laccuratezza raggiunta dopo poche iterazioni.
I successivi ranamenti relativi alla variazione dellentalpia in uscita (si veda la sezione 2.4) ed
i proli di temperatura hanno una inuenza relativamente bassa, pertanto si sceglie di omettere i
risultati del procedimento iterativo corrispondente. Tuttavia si noti che il valore riportato in gura 6
dierisce, proprio per questi accorgimenti, da quello denitivo.
4 CALCOLO DELLE CADUTE DI PRESSIONE 18
4.4 Risultati
4.4.1 Prolo di pressione lungo il tubo
Si riporta di seguito landamento della pressione lungo il tubo, ottenuto una volta completate tutte le
operazioni di iterazione e renement (comprese quelle descritte nella zezione 5).
0 5 10 15 20 25 30 35 40 45
184
186
188
190
192
194
196
z [m]
p

[
b
a
r
]


Liquido monofase
Correlazione di Friedel
Modello omogeneo
Vapore monofase
Figure 7: Andamento della pressione in funzione della coordinata assiale lungo il tubo
La pressione in uscita dal tubo risulta pari a 184,1 [bar].
4 CALCOLO DELLE CADUTE DI PRESSIONE 19
4.4.2 Contributo dei vari termini
Si ritiene opportuno riportare i contributi di pressione separatamente. In questa sede si rappresenta
non la caduta di pressione cumulata, bens quella relativa al singolo tratto.
!"#$$$
!"$$$$
!&#$$$
!&$$$$
!#$$$
$
!
"

$
%
&
'

( $)'
'()*+,-./
'() 0,*1
'()*22
Figure 8: Componenti della caduta di pressione per ciascun tratto
evidente che il contributo di accelerazione presente ma trascurabile in tutte le regioni. Nella
regione di liquido monofase i termini di gravit e di attrito sono confrontabili; con laumentare del
titolo per la densit media del uido diminuisce, mentre aumenta la velocit e con essa le perdite per
attrito. Queste ultime diventano largamente preponderanti gi nei primi tratti della regione bifase.
Alluscita dal tubo il rapporto
pattrito
ptot
risulta pari a 0,95.
5 AFFINAMENTO DEI RISULTATI 20
5 Anamento dei risultati
5.1 Prolo di temperatura
5.1.1 Estrapolazione lineare nei tratti monofase
In questa sezione si riporta la procedura seguita per tener conto del fatto che, a causa della variazione
nel calore specico, lestrapolazione lineare della temperatura nei tratti monofase non soddisfacente.
Ci particolarmente vero per il tratto con x>1.
Sfruttando la correlazione T(p,h), assente nel pacchetto di excel utilizzato per il resto dei calcoli ma
implementata nello script Xsteam di MATLAB, stato possibile determinare allinizio di ogni tratto
landamento della temperatura in funzione della pressione, calcolata come si visto, e dellentalpia,
calcolata dal bilancio tratto per tratto.
0 1 2 3 4 5 6 7
610
615
620
625
630
635
640
z [m]
T

[
K
]


T(p,h)
26 28 30 32 34 36 38 40 42
630
635
640
645
650
655
660
665
670
675
z [m]
T

[
K
]


T(p,h)
Figure 9: Confronto fra proli di temperatura del uido estrapolati linearmente e proli calcolati in
funzione di pressione ed entalpia nei due tratti monofase
Loperazione stata eseguita perch la zona a titolo maggiore di uno interessa una parte consid-
erevole del tubo evaporatore, ed era lecito pensare che lerrore nel calcolo delle propriet (funzione
5 AFFINAMENTO DEI RISULTATI 21
di p e T) risultante dallapprossimazione lineare potesse essere signicativo. Leetto sulla caduta di
pressione totale invero trascurabile:
=
|p
lin
pcorr|
p
lin
=
11.12611.003
11.126
= 1, 1 [%].
5.1.2 Prolo di temperatura corretto
Tenendo conto delle cadute di pressione e di quanto detto nella sezione 5.1.1 il prolo risultante il
seguente:
5 AFFINAMENTO DEI RISULTATI 22
!"#
!%#
!&#
!'#
!(#
!!#
!)#
!*#
!+#
! #$%
& #'%
,-./
,0-./
Figure 10: Proli di temperatura corretti
Tale prolo viene confrontato con uno trovato in letteratura e di seguito riportato. La dierenza
fra i due proli risiede, pi che nella dierente grandezza usata per le ascisse, nel fatto che in quello
sotto riportato la crisi termica di tipo DNB.
Figure 11: Proli di temperatura attesi per ow boiling in tubo verticale (il tipo di crisi dierente)
5 AFFINAMENTO DEI RISULTATI 23
Pi che dalletichetta x=DNB, che potrebbe essere fuorviante (in letteratura i termini 2CHF,
DNB, dryout vengono spesso confusi ed utilizzati in modo improprio per indicare lonset della crisi
termica ) si trae questa conclusione dalla presenza del lm boiling. Questo meccanismo di scambio
termico assente nel caso di crisi termica di tipo dryout, in cui si ha una liquid decient region con
drop ow.
Si sottolinea qui lanomalia del risultato ottenuto: in presenza di un basso usso termico imposto
e di una portata areica G relativamente elevata ci si aspetta una crisi termica di tipo dryout. Tale
meccanismo per avviene in genere a titoli elevati, a dierenza del caso in esame.
opportuno ricordare che la denominazione corretto attribuita al prolo di temperatura qui
presentato non del tutto appropriata. Oltre allerrore intrinseco nelle correlazioni usate per il calcolo
di h, e quindi di Tw, si ricorda che resta valida lipotesi 4.
5.2 Coeciente di scambio termico
Il trend del coeciente di scambio termico non varia signicativamente se si considerano le cadute di
pressione. Si evita pertanto di riportarne il graco nella versione aggiornata.
5.3 Tabella riassuntiva
Nella seguente tabella si sceglie, per chiarezza, di riportare i principali outputs dellanalisi condotta.
!"#$%&''# )*+,-.- /#.-"& 0$*12 %*
+*)0"#
3456767 89 :7;;7 <;89=>? 6@A? BCDEF G=H;
&967>I87 89 @;J867 K4@6 !"#!$%&' LHG=
3456767 75?8J7 ! DBMECN G=HO:
D
;P
Q>@;;4 6?5:8J4 R !)*%#+,- <H:
D
346?9S7 J4:I>?;;8T7:?96? J?U@67 7> V>@8U4 3646 FWXNNBCW <
+7;;8:4 T7>45? U?> J4?VV8J8?96? U8 ;J7:A84 6?5:8J4 K:7Y MBBDF <HO:
D
ZP
[7U@67 U8 I5?;;849? J4:I>?;;8T7 \I646 WBCM A75
35?;;849? 89 @;J867 U7> 6@A4 I4@6 WNE]W A75
1864>4 U8 J58;8 YJ5 BCDFX ^
_@467 J@8 ;8 T?58T8J7 >7 J58;8 O4TT?54 ;8 T?58V8J7 9?>
657664 8::?U8767:?96? I5?J?U?96?P
SJ5 WWCD :

Figure 12: Tabella riassuntiva dei risultati ottenuti
6 APPROFONDIMENTI 24
6 Approfondimenti
6.1 Confronto fra risultati di Friedel e del modello omogeneo per il termine
di attrito nella regione pre-crisi
Come si detto, per una complicazione intrinseca nella correlazione di CISE, la slip ratio stata
assunta pari ad uno, con una ipotesi propria del modello omogeneo. Si per scelto di non usare
tale modello per il calcolo della componente di attrito della caduta di pressione in una formulazione
monofase equivalente, bens di usare il modello di Friedel, che fornisce un moltiplicatore di attrito
bifase. Ci particolarmente giusticato dal fatto che in questa regione il ow pattern generalmente
tale da non consentire lapplicazione del modello omogeneo.
!"##
!%##
""##
"%##
&"##
&%##
' '(& ) )(& % %(& *# *#(& ** **(&
!
"

$
%
%

&
'

(
)
'
&

*
+
$
,
(

-
.
$
/

0 -1/
+,-./.0
12324.5.267 32/.0
Figure 13: Caduta di pressione per attrito calcolata con Friedel e con il modello omogeneo
evidente che i risultati ottenuti sono quasi coincidenti. Ci pu essere ricondotto al fatto che,
a prescindere dal ow pattern, nel caso in esame si hanno G=2092.9>2000[kg/m
2
s] e, in media,

L
g
=3.17<10. Si pertanto nel range di applicabilit del modello omogeneo.
6.2 Grado di vuoto in funzione del titolo in funzione della pressione
Si eettua tale estrapolazione graca nella zona post-crisi, in cui il modello omogeneo adeguato a
predire il grado di vuoto. Tuttavia, come si detto in precedenza, il modello omogeneo stato in
realt applicato anche nella regione pre-crisi, quindi il graco qui riportato potrebbe essere completato
no a titolo nullo senza peccare di incoerenza.
Dallespressione del grado di vuoto nel modello omogeneo (con S=1),

h
=
1
1 +
_
1x
x
g

l
_,
risulta evidente come, a parit di titolo, ad un aumento del rapporto

l
g
corrisponda un aumento del
grado di vuoto. Vericando di rispettare sempre la condizione per cui

l
g
<10, si scelto di far variare
la pressione cercando di ottenere il plot presentato da [1] e qui di seguito riportato, per comletezza.
6 APPROFONDIMENTI 25
Figure 14: Andamento del gradi di vuoto con il titolo, e dipendenza parametrica dal rapporto

l
g
[1].
Il risultato coerente, essendo noto che il rapporto di cui sopra diminuisce allaumentare della
pressione (come si pu facilmente vericare, ad esempio, dal diagramma p-v per lacqua ).
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1
0
0.2
0.4
0.6
0.8
1
thermodynamic quality
v
o
i
d

f
r
a
c
t
i
o
n


p=150 bar
p=140 bar
p=195 bar
calculated pressure profile
!
Figure 15: Grado di vuoto in funzione del titolo nella regione post-crisi, a varie pressioni
6 APPROFONDIMENTI 26
Bibliograa
1. P. B. Whalley, Boiling, Condensation, and Gas-Liquid Flow, Oxford press, 1987.
2. J. G. Collier, J. R.Thome, Convective boiling and condensation, Oxford press, 1994.
3. K. E. Gungor, R. H. S. Winterton, A general correlation for ow boiling in tubes and annuli
in International Journal of Heat and Mass Transfer, Vol. 29, 1986.
4. F. P. Incropera, D. De Witt, Fundamentals of Heat Transfer, 7th ed., Wiley.
5. D.C. Groeneveld et al., The 2006 CHF look-up table in Nuclear Engineering and Design 237,
2007.