Sei sulla pagina 1di 8

1

REGIONE DEL VENETO


AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N 16
C.F. e P.I. 00349050286

Unit Operativa Anestesia e Rianimazione
Direttore dr. Claudio Mongiat
Tel.: 049/97188334 Fax: 049/9718368
e-mail:claudio.mongiat@sanita.padova.it


IOP/RIA14


Pag. 1/8









CATETERE VENOSO
PERIFERICO
POSIZIONAMENTO E GESTIONE










Rev. Data Descrizione delle
modifiche
Copia
contollata
Redazione e
Verifica
Approvazione
0 05/10//2009 Prima emissione SI Turrin Orietta
Rostellato Leonardo
Dott. Claudio Mongiat
1 16/09/2010 Revisione documento SI Turrin Orietta
Rostellato Leonardo
Dott. Claudio Mongiat










2


Istruzione Operativa di Anestesia e Rianimazione ULSS16
Piove di Sacco

CATETERE VENOSO PERIFERICO
POSIZIONAMENTO E GESTIONE



IOP/RIA 14

Pag. 2 / 8




1. Oggetto e scopo
Per cateterismo venoso periferico si intende lintroduzione di un un catetere attraverso una
via venosa degli arti superiori o inferiori si esegue allo scopo di garantire un accesso venoso a
breve termine che permetta la somministrazione continua ed intermittente di:
farmaci,
liquidi,
sangue e suoi derivati.


2. Campo di applicazione
LUnit Operativa di Anestesia e Rianimazione dellO.C. di Piove di Sacco;
Gruppo Operatorio dellO.C. di Piove di Sacco;
Tutte le UU.OO. del Presidio Ospedaliero di Piove di Sacco e lAssistenza Domiciliare.


3. Responsabilit
Personale coinvolto compiti e responsabilit:

compiti
personale coinvolto
Medico Coordinatore Infermiere OSS
Approvvigionamento del materiale necessario R R/C C
Informazione allutente sulla procedura R R
Esecuzione della procedura R R C
Valutazione della procedura R R
R= Responsabile C= Collaboratore


4. Documenti
Protocollo per cateterismo venoso periferico


5. Indicatori
Numero eventi avversi conseguenti allinadeguatezza delle procedure e/o modello
organizzativi.


6. Contenuto
Criteri per un corretto posizionamento e gestione del cateterismo venoso periferico
3
















Premessa

I cateteri venosi periferici (CVP) sono i dispositivi pi usati per laccesso vascolare. Laccesso venoso
periferico (AVP) permette il collegamento della superficie cutanea e una vena del circolo periferico: basilica,
cefalica, e in difficolt di reperimento delle precedenti si possono utilizzare vene della mano, dei piedi
(ultimissima scelta per complicanze), o in caso durgenza la giugulare esterna. I CVP sono realizzati in
materiale biocompatibile e assemblati in modi diversi a seconda della specialit (una via, due vie, ecc.)
Sono indicati per terapie a breve termine o per terapie intermittenti. Una buona gestione del catetere pu
aiutare a prevenire infezioni sia locali sia sistemiche.


Obiettivi:

Uniformare conoscenze e comportamenti nella gestione dellaccesso Arterioso in ambito ospedaliero
Prevenire le complicanze meccaniche ed infettive legate alla presenza del sistema
Favorire lautoapprendimento, laggiornamento e linserimento dellinfermiere neoassunto
Mantenere la perviet di una via venosa
Assicurare una via di accesso per il prelievo di campioni di sangue, infusioni o somministrazioni di
farmaci
Disporre rapidamente di una via venosa di grosso calibro in situazioni di emergenza di fronte alla
necessit di somministrare un volume elevato di liquidi in poco tempo



Caratteristiche tecniche dei catete venosi periferici

I cateteri venosi periferici devono garantire la stabilit dellaccesso venoso, la massima biocompatibilit e la
protezione da complicanze infettive e trombotiche. Inoltre deve essere possibile luso discontinuo.
La misura del diametro esterno di un catetere espressa in french (1 french corrisponde a 3mm), la misura
del diametro interno indicata in gauge (corrisponde al numero di cateteri che entrano in un cm
2
), mentre la
lunghezza del catetere espressa in cm e/o in mm.
I cateteri si possono classificare in relazione al tempo di permanenza:
a breve termine per 3 o 4 giorni, sono cateteri a punta aperta, di teflon con un diametro compreso tra
i 14 e 24 gauge, usati prevalentemente in ambito ospedaliero
a medio termine, sono cateteri usati in ambito ospedaliero ed extraospedaliero con un tempo di
permanenza di 4 settimane (non presenti nella nostra realt lavorativa)
E importante la scelta del catetere in base alluso che si intende farne, al rischio di complicanze,
allesperienza delloperatore nellinserire il catetere e allaccessibilit del patrimonio venoso del paziente.


4

POSIZIONAMENTO DEL CATETERE VENOSO PERIFERICO


Informazione

E diritto del Paziente (se cosciente) essere preventivamente informato, ci pu essere fatto dallinfermiere e
dal medico per le rispettive conoscenze e competenze, questo pu anche servire a ridurre lansia che pu una
risposta vasomotoria con conseguente vasocostrizione.
Deve essere spiegato:
in che cosa consiste la manovra e le modalit di esecuzione,
quali sono gli operatori che posizioneranno il CVP e quelli che si prenderanno cura della gestione
successiva,
quali sono i vantaggi e le possibili complicanze.
La decisione della sede di impianto deve considerare il buon funzionamento del catetere .



Accesso Venoso Periferico

La scelta della vena e le modalit di posizionamento del catetere possono condizionare il risultato della
terapia infusionale.
Ogni qualvolta che si procede allincannulamento di una vena periferica bisogna verificare che le vene:
Siano superficiali, palpabili e sufficientemente sviluppate
Non siano dolenti, non presentino ematomi e non siano sclerosate.
E preferibile non usare le vene di un braccio o arto inferiore, edematoso o ipofunzionante (es.
braccia o arto inf. con problemi neurologici, plegici o braccia che abbiano subito uno svuotamento
ascellare in seguito a mastectomia)
E bene scegliere il braccio non dominante per evitare di rendere il paziente dipendente od
ostacolarne i movimenti cos come meglio non utilizzare vene vicine alle articolazioni mobili, per
ridurre il rischio di fuoriuscita del catetere dalla vena.
Bisogna inoltre utilizzare cateteri di calibro inferiore rispetto alla vena scelta per ridurre il rischio di
flebite.
Negli adulti meglio posizionare il catetere negli arti superiori. Nel caso sia stato necessario metterlo in un
arto inferiore occorre riposizionarlo appena possibile.
Nei bambini piccoli invece le sedi migliori per il posizionamento del catetere sono le mani, il dorso del piede
e il cuoio capelluto.
Si raccomanda inoltre di non radere il punto destinato alla puntura venosa perch la rasatura pu facilitare lo
sviluppo di uninfezione attraverso la moltiplicazione di batteri nelle microabrasioni che si possono creare; le
zone molto pelose vanno eventualmente rasate con forbici o rasoi elettrici.

Fattori di rischio e complicanze

I fattori di rischio per le complicanze associate allincannulamento venoso periferico sono:
i precedenti interventi chirurgici o traumi allestremit
anomalie congenite alle estremit
malattie vascolari periferiche
diabete
Somministrazione di soluzioni che abbiano un Ph e unosmolarit con compatibile con il liquido
ematico
infezioni in atto delle estremit
assunzione di farmaci anticoagulanti e vasopressori.
Le complicanze possibili sono:
Flebiti
formazione di ematomi
trombosi venosa
Infiltrazione e stravaso ( linvolontaria somministrazione sottocute di un farmaco o di una soluzione)
5
infezione della cute e del tessuto sottocutaneo

Igiene delle mani

Quando si deve inserire un catetere in vena importante osservare le procedure per ligiene delle mani
lavandosi con saponi antisettici e acqua. Bisogna rispettare le procedure di igiene delle mani prima e dopo
aver palpato il sito di inserimento, inserito il catetere, cambiato la medicazione o dopo aver fatto qualunque
altra manovra sul catetere.



Antisepsi cutanea

Prima dellinserimento del catetere e durante i cambi delle medicazioni, disinfettare la cute con un
antisettico dopo averla pulita. Va preferita una soluzione a base di clorexidina al 2%; pu essere usata tintura
di iodio, uno iodoforo o alcool al 70%.
Prima di inserire il catetere occorre far asciugare lantisettico in particolare se si usa lo iodo povidone
bisogna aspettare almeno 2 minuti prima di procedere con linserimento.



Anestesia locale

Si pu eseguire lanestesia locale sulla sede di inserimento della cannula venosa utilizzando della crema
EMLA (lidocaina e prilocaina) applicandola circa 20 minuti prima indipendentemente dallo stato del
paziente sveglio o sedato e va rimossa almeno 10 minuti prima di pungere il paziente . Tale provvedimento
da preferire nel posizionamento del CVP nei pazienti in et pediatrica.










PROCEDIMENTO


Materiale necessario per cateterismo venoso periferico

Guanti non sterili a misura delloperatore
Laccio emostatico
Disinfettante (base di iodio povidone o clorexidina)
Catetere venoso periferico del calibro adatto al patrimonio venoso del paziente, al tipo di infusione e
alla quantit da infondere
Garze sterili
Pomata analgesica o lidocaina 2% (solo per pazienti pediatrici)
Dispositivi di protezione individuale per loperatore
Cerotti di cellulosa seta o tela
Medicazione Trasparente in poliuretano (tegaderm o similari) o cerotto traspirante (soffix-med o
similari)) per la medicazione in garza e cerotto
Flacone con deflussore per infusione da infondere
1 fiala di soluzione fisiologica da 10 ml
1 siringa da 10 nml
tappo Luer-lock
6




Spiegazione del procedimento


1. Procurare tutto il materiale occorrente
2. Se il paziente cosciente, spiegare la procedura e scegliere la sede del posizionamento in accordo
col paziente onde favorire un maggior comfort
3. Se possibile far assumere al paziente una posizione comoda in modo da agevolare loperatore
nellesecuzione della manovra
4. Eseguire il lavaggio antisettico delle mani
5. Indossare i guanti
6. Posizionare il laccio emostatico (avendo cura di accertarsi delleventuale intolleranza al lattice e
usare quindi lacci emostatici dedicati).
7. Se possibile necessario chiedere al paziente di aprire o chiudere il pugno, massaggiare larea in
direzione del flusso venoso o picchiettare procedendo dalla zona distale alla prossimale
8. Disinfettare la cute con garze sterili imbevute di antisettici in modo circolare, cominciando dal
centro della zona scelta, verso la periferia
9. Lasciare asciugare per qualche minuto e non toccare la zona
10. Inserire lago con la mano dominante con il foro rivolto verso lalto, allineato alla vena.
Linserzione dellago deve avvenire fino ad ottenere il reflusso di sangue. Langolo di
inserzione del catetere da 0 a 5 per i vasi superficiali e da 5 a 15 per i vasi pi profondi.
11. Pungere nel momento stesso in cui la mano non dominante tira la pelle, mantenendola tesa.
12. Una volta comparso il sangue allinterno del connettore del catetere spingerlo delicatamente in
avanti per 1 cm circa
13. Tenere fermo il mandrino e far avanzare delicatamente il catetere fino allinserimento completo
14. Rimuovere il laccio emostatico
15. Rimuovere lentamente il mandrino tenendo il catetere in sede e contemporaneamente esercitare
una delicata pressione sulla vena allaltezza della punta del catetere
16. Mantenendo il catetere in sede e adottando sempre una tecnica asettica, connettere il catetere alla
siringa contenente fisiologica (Iniettarne 10ml e chiudere con tappino luer-lock) o connettere al
deflussore facendo iniziare linfusione.
17. Medicare con medicazione trasparente in poliuretano (tegaderm o similari) o cerotto traspirante
(soffix-med o similari)) per la medicazione in garza e cerotto.
18. Se stato applicato un deflussore fissarlo con cerotto in cellulosa, seta o tela.
Scelta del tipo di medicazione da applicare al sito di inserzione

- Medicazione in poliuretano trasparente
La principale caratteristica di questo tipo di medicazione quella di permettere una ispezione immediata e
continua del sito dinserzione, ci deve predisporre gli operatori a procedere alla rimozione della
medicazione appena si evidenziano segni di flogosi.

- Medicazione in garza e cerotto
La medicazione in garza meglio tollerata dai pazienti che presentano allergie alla colla dei cerotti.
Inoltre la garza essendo traspirante favorisce un ambiente pi asciutto del sito di inserzione con una minore
colonizzazione microbica.
Questa pi soggetta a sporcarsi e bagnarsi e non permette una visione immediata del sito di inserzione; i
dati che si possono rilevare sono il dolore riferito dal paziente o alla digitopressione. Tale medicazione la
prima da applicare dopo il posizionamento del catetere arterioso.






7



Registrazione

Lavvenuto posizionamento deve risultare:
a) Nella cartella infermieristica per le informazioni riferite ai modi e tempi di gestione con indicato la sede ,
data di posizionamento, catetere utilizzato, eventuali sostituzioni.




GESTIONE DELLACCESSO VENOSO PERIFERICO



Controllo funzionalit e medicazioni

Prima e dopo qualsiasi procedura clinica come per esempio linserimento del catetere, il cambio della
medicazione e la palpazione fondamentale lavarsi le mani.
Luso dei guanti non sostituisce il lavaggio delle mani.
E necessario rispettare la tecnica asettica per linserimento e la gestione del CVP.
Per linserimento di un CVP si raccomanda di utilizzare come antisettico la clorexidina 2% in alcol, in
alternativa si pu usare lo iodiopovidone al 10% purch vengano rispettati i tempi di efficacia del prodotto
secondo le indicazioni dellazienda produttrice.
Per ridurre il rischio di flebite si deve riposizionare il catetere ogni 72-96 ore. Se per il patrimonio venoso
limitato e non vi sono segni obiettivi di flebite il catetere pu essere lasciato in sede pi a lungo. In questo
caso necessario tenere sotto stretto controllo il paziente e il sito di inserimento.
Bisogna rimuovere subito il catetere quando si sospetta una flebite e quando il catetere non pi necessario.
Quando un catetere viene inserito in emergenza bisogna riposizionarlo al massimo entro 24 ore perch
potrebbero non essere state seguite tutte le procedure di asepsi .
Se non viene usato, il catetere pu essere lavato con soluzione fisiologica senza eparina purch si usi la
tecnica appropriata. Il Catetere deve essere lavato con soluzione fisiologica con chiusura in pressione
positiva.
Per ridurre il rischio di infezioni si consiglia di rispettate i tempi stabiliti dal produttore per rimuovere i
cateteri.
Nei pazienti pediatrici, in assenza di complicanze si pu lasciare il catetere in sede fino al termine della
terapia endovenosa, perch nei bambini pi difficile trovare vene periferiche per riposizionarlo.
La prima medicazione deve essere fatta con garza sterile e cerotto e deve essere sostituita dopo 24 ore con
una medicazione trasparente in poliuretano, per poter controllare il sito di inserimento. Se si utilizzano garza
e cerotto la sostituzione deve avvenire agni 72 ore.
Le medicazioni in poliuretano trasparenti sono raccomandate poich permettono lispezione visiva e
sistematica del sito di inserimento.
Se il paziente suda abbondantemente o il sito di accesso sanguina consigliabile fare la medicazione con
garza e cerotto traspirante, da rinnovare ogni 24 ore.
Se il paziente intollerante o allergico conviene usare garza e cerotto anzich le medicazioni in poliuretano
trasparenti anche se il sito di inserimento non ha secrezioni.
La medicazione deve essere cambiata ogni 72 ore.
Il sito di inserimento deve essere controllato e palpato ogni 24 ore indipendentemente dalla situazione clinica
del paziente e dal momento in cui stato inserito il catetere, per poter essere pronti ad intervenire in caso di
complicanze. Linfermiere deve sempre registrare lispezione, anche se negativa.



Rimozione del catetere venoso periferico

Il catetere viene rimosso:
8
quando c la fuoriuscita del catetere dalla sede dinserimento
quando vi siano fenomeni di stravaso o infiltrazione
quando ci sono segni chiari di infezione cutanea (edema e arrossamento) nel punto di inserzione.
E importante tenere presente di:
rimuovere immediatamente qualsiasi catetere intravascolare che non sia necessario
non cambiare di routine i cateteri venosi periferici per ridurre lincidenza di infezioni.
Quando si rimuove il catetere importante esercitare una leggera compressione sulla sede di
inserzione per qualche minuto, per evitare la formazione di ematomi. Il tempo varia in base ai
tempi di coagulazione del paziente e ai siti di inserzione e relativo calibro dei cateterini.



Standard di risultato

Soddisfazione dellutente
Collaborazione del paziente per la corretta gestione dellaccesso venoso periferico
Assenza di complicanze: infezioni, occlusioni, fuoriuscita accidentale del catetere
Mantenimento del sistema per tutto il tempo necessario alla cura del paziente.









BIBBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

1. Maria Luisa Parra Moreno, Susana Arias Rivera, Andrs Esteban de la Torre Il paziente
critico MASSON- Aprile 2005
2. Sito internet www.clinicavirtuale.altervista.org/.../gestione_catetere_venoso_periferico.pdf
Ottobre 2009
3. Sito internet: www.ulss16.padova.it/.../po_inserzione_catetere_venoso_periferico.pdf