Sei sulla pagina 1di 7

Le rappresentanze sindacali dei Poligrafici

al Corriere della Sera


(estratto dalle schede introduttive a Inventario dellarchivio sindacale del Corriere della Sera a cura di
Giancarlo Martinelli, Tesi di laurea, Universit degli studi di Pavia, a. a. 2009-2010)
Fino alla promulgazione della legge 300 del 1970 (Statuto dei lavoratori), al Corriere
della Sera, cos come nelle altre grandi fabbriche italiane, la contrattazione
aziendale era assicurata dalla presenza delle Commissioni Interne.
Le Commissioni interne, prima forma di rappresentanza dei lavoratori in una unit
produttiva, dopo una comparsa in forma spontanea a Schio nel 1883 e a Torino nel
1901, vengono riconosciute per la prima volta con l accordo sindacale del 27 ottobre
1906 tra la Fiom e la Ditta Itala di Torino, che riconosceva agli operai il diritto di
eleggere una commissione che, insieme alla direzione della fabbrica, aveva il compito
di risolvere tutte le controversie e tutti i conflitti di qualsiasi natura". Abolite il 2
ottobre 1925 dall'accordo di Palazzo Vidoni fra Confindustria e Confederazione delle
Corporazioni Fasciste, le Commissioni interne vennero reintrodotte il 2 settembre
1943 durante il governo Badoglio. In quell'occasione venne stipulato un accordo - il
cosiddetto patto Buozzi Mazzini - fra le Confederazioni dei lavoratori dell'industria e la
Confederazione degli industriali che reintroduceva nel campo delle relazioni industriali
l'istituto delle Commissioni interne, e attribuiva alle stesse anche poteri di
contrattazione collettiva a livello aziendale. Laccordo, ratificato nellottobre 1944
dalla Cgil unitaria, prevedeva che alle elezioni delle Commissioni interne potessero
partecipare tutti i lavoratori e non solamente, come nel periodo prefascista, gli iscritti
al sindacato. Gli accordi successivi - sottoscritti il 7 agosto 1947, l'8 maggio 1953 e il
18 aprile 1966 cercarono di limitare i compiti e i poteri delle commissioni interne,
soprattutto in materia contrattuale.
L accordo interconfederale del 1966 prevedeva che le Commissioni interne venissero
elette, a suffragio universale e voto segreto, nelle aziende con pi di 40 dipendenti.
La ripartizione dei seggi avveniva con criterio proporzionale. Le liste elettorali,
distinte tra operai e impiegati, potevano essere presentate da qualsiasi gruppo di
lavoratori, anche non iscritti al sindacato, tramite raccolta di firme. Il numero dei
componenti della Commissione era determinato con criterio direttamente
proporzionale al numero dei lavoratori occupati in ciascuna unit aziendale. I membri
della Commissione godevano della tutela sindacale e del diritto a non essere licenziati
o trasferiti sino a un anno dalla cessazione della carica. I compiti erano fissati
dallarticolo 3: la Commissione doveva concorrere a mantenere i normali rapporti tra i
lavoratori e la Direzione dellazienda per il regolare svolgimento dellattivit produttiva
in uno spirito di collaborazione e reciproca comprensione, controllare lesatta
osservanza delle norme di legislazione sociale e di igiene e sicurezza del lavoro,
intervenire presso la Direzione per lesatta applicazione dei contratti di lavoro e degli
accordi sindacali e infine esaminare con la Direzione regolamenti interni, turni e orari
di lavoro. Nel corso del biennio 1969 -1971 le Commissioni interne vengono sostituite
da nuovi organismi: i Consigli dei delegati o Consigli di fabbrica, sorti in seguito alle
critiche dei lavoratori al sistema di rappresentanza, giudicato da molti troppo legato
ai vincoli imposti dalle organizzazioni sindacali
L accordo interconfederale del 1966 prevedeva che le Commissioni interne venissero
elette, a suffragio universale e voto segreto, nelle aziende con pi di 40 dipendenti.
La ripartizione dei seggi avveniva con criterio proporzionale. Le liste elettorali,
distinte tra operai e impiegati, potevano essere presentate da qualsiasi gruppo di
lavoratori, anche non iscritti al sindacato, tramite raccolta di firme. Il numero dei
componenti della Commissione era determinato con criterio direttamente
proporzionale al numero dei lavoratori occupati in ciascuna unit aziendale. I membri
della Commissione godevano della tutela sindacale e del diritto a non essere licenziati
o trasferiti sino a un anno dalla cessazione della carica. I compiti erano fissati
dallarticolo 3: la Commissione doveva concorrere a mantenere i normali rapporti tra i
lavoratori e la Direzione dellazienda per il regolare svolgimento dellattivit produttiva
in uno spirito di collaborazione e reciproca comprensione, controllare lesatta
osservanza delle norme di legislazione sociale e di igiene e sicurezza del lavoro,
intervenire presso la Direzione per lesatta applicazione dei contratti di lavoro e degli
accordi sindacali e infine esaminare con la Direzione regolamenti interni, turni e orari
di lavoro. Nel corso del biennio 1969 -1971 le Commissioni interne vengono sostituite
da nuovi organismi: i Consigli dei delegati o Consigli di fabbrica, sorti in seguito alle
critiche dei lavoratori al sistema di rappresentanza, giudicato da molti troppo legato
ai vincoli imposti dalle organizzazioni sindacali




La Commissione interna del Corriere della Sera (1945 -1971)


La Commissione Interna del Corriere della Sera gi attiva subito dopo il 25 aprile
1945, tiene le prime elezioni a maggio durante la gestione commissariale del Corriere:
dagli esiti dello scrutinio la Commissione di Fabbrica risulta composta da 20 membri
corrispondenti ad altrettanti reparti o mansioni, tra i quali due rappresentanti degli
impiegati e uno dei giornalisti. Sulla spinta della partecipazione delle donne alla
Resistenza e in largo anticipo rispetto alle discussioni sulla rappresentanza di genere,
sia le operaie che le impiegate pur essendo in numero molto esiguo hanno diritto ad
eleggere una propria rappresentante.
La composizione della Commissione del maggio 1945 si discosta, tanto nei numeri,
quanto per la presenza di una rappresentanza di genere, da quella prevista dall
accordo del 2 settembre 1943 (Buozzi Mazzini) che prevede un massimo di 9
membri, senza distinzione tra i sessi. Nelle successive elezioni, numeri e
rappresentanza si adegueranno a quanto previsto dall accordo del 1943 e dagli
accordi interconfederali del 7 agosto 1947, 8 maggio 1953 e 18 aprile 1966.
La prima Commissione del dopoguerra, oltre ad affrontare le emergenze postbelliche, i
casi personali, le questioni salariali, si occupa anche della gestione tra i dipendenti del
referendum sullepurazione di poligrafici e giornalisti che si erano compromessi con il
regime fascista. Tra i suoi membri annovera attivisti comunisti, socialisti e
democristiani che fanno riferimento alle cellule di partito aziendali. Si tratta di
personalit che hanno avuto un ruolo attivo nella lotta antifascista condotta allinterno
del Corriere. Tra questi Ugo Zacchetti, responsabile della cellula comunista clandestina
nel 1943 e Guido Serra, presidente del Comitato di agitazione e responsabile della
cellula del PSI.
Dall aprile 1949, con la nascita del Comitato di redazione, organismo di
rappresentanza dei giornalisti, istituito a livello nazionale con il contratto di lavoro
giornalistico stipulato nel 1947 tra FIEG e FNSI, la Commissione rappresenta
esclusivamente i lavoratori inquadrati nel contratto nazionale dei poligrafici, settore
quotidiani.
La sua attivit abbraccia tutta la complessa articolazione della vita aziendale: dalla
gestione della mensa al progetto di istituzione di un infermeria interna,
dallorganizzazione del lavoro alle attivit assistenziali. In alcune occasioni la
Commissione esercita anche unattivit di controllo e vigilanza democratica sulla
linea politica del giornale, ben esemplificata dai comunicati emessi nel 1946 in
occasione della sostituzione del direttore Mario Borsa con il pi moderato Guglielmo
Emanuel e nel 1948 nella risposta a un articolo di Indro Montanelli apparso sul
quotidiano LItalia. In occasione del cambio del direttore la Commissione interna
incontra infatti la propriet ottenendo la dichiarazione formale che il giornale,
anche con il nuovo direttore, sar indipendente, repubblicano, democratico e
progressista, dichiarazione che verr ribadita in un successivo incontro con il
neodirettore Emmanuel. La portata della dichiarazione viene per ridimensionata il 30
ottobre, quando i redattori del Corriere, solidali con Emanuel, votano un ordine del
giorno per affermare di non riconoscere ad alcuno la facolt di controllare e censurare
la loro opera della quale rispondono soltanto alla propria coscienza e al direttore del
giornale.
Tutto il ciclo produttivo di quotidiani e periodici rientra nelle competenze della
Commissione fino al gennaio 1962, quando viene inaugurato il nuovo stabilimento di
via Scarsellini per la stampa in rotocalco dei periodici del Corriere. Il personale del
nuovo stabilimento, infatti, inquadrato in un diverso contratto, quello dei grafici
periodici, adotter una nuova e autonoma rappresentanza di fabbrica che continuer a
lavorare, in coordinamento con la rappresentanza di via Solferino sui temi riguardanti
ambedue gli insediamenti produttivi. Nel 1961 le correnti sindacali che concorrono
alla formazione della Commissione Interna, composta di 7 membri, 5 operai e 2
impiegati, in carica per un anno, sono le Confederazioni dei poligrafici di CGIL, CISL
e UIL.
Lultimo verbale di scrutinio presente nellarchivio sindacale mostra che nel 1969 il
numero dei componenti della Commissione sale a 9, in seguito allincremento di due
rappresentanti degli impiegati.
Dal 1945 al 1969 la partecipazione dei lavoratori al voto sempre molto alta, cos
come sono sostanzialmente costanti i rapporti di forza tra le tre organizzazioni
sindacali, ben rappresentati dal dato del 1969: i votanti sono 1422 su 1518 aventi
diritto e la Cgil risulta la prima organizzazione con 697 voti, seguita da Cisl e Uil
accreditate di 335 e 241 voti. Tra i motivi della costante partecipazione dei lavoratori
vi sono sicuramente lefficacia dellazione sindacale, tanto dal punto di vista delle
condizioni retributive, quanto da quello delle condizioni di lavoro, ma anche un alto
tasso di politicizzazione e sindacalizzazione dei lavoratori, grazie al costante lavoro di
proselitismo e di informazione dei nuclei aziendali di PCI, DC, PSI, i cui iscritti e
dirigenti sono quasi sempre anche attivisti e dirigenti sindacali. La Commissione
interna del Corriere viene sostituita tra la fine del 1971 e linizio del 1972 dal Consiglio
di Fabbrica.



I Consigli di Fabbrica


La nascita dei Consigli di fabbrica, organismi di rappresentanza sindacale dei
lavoratori a livello aziendale che sostituiscono le Commissioni interne, avviene alla
fine degli anni Sessanta. In quel periodo, in seguito alla diffusione nella societ
italiana dei fermenti rivoluzionari e delle spinte verso un cambiamento sociale in senso
egualitario e antiautoritario, nate con il maggio Sessantotto in Francia, tutte le forme
dellorganizzazione sociale vengono messe in discussione allinterno di un quadro di
generale rifiuto delle gerarchie generazionali. Nelle fabbriche, in particolare, vengono
messe in discussione: l organizzazione del lavoro e i suoi tempi, il sistema di
rappresentanza dei lavoratori, giudicato da molti troppo legato ai vincoli imposti dalle
organizzazioni sindacali; il sistema dei diritti individuali; le divisioni tra i lavoratori
basate su scala gerarchica, professionale, generazionale, culturale. Con la vertenza
per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici dellautunno 1969 si apre una stagione
di lotte sindacali che produce cambiamenti sostanziali nelle forme della
rappresentanza dei lavoratori e considerevoli conquiste in campo legislativo.
Il 20 maggio 1970, viene infatti ratificata la Legge 300, nota come "Statuto dei
lavoratori": in essa vengono introdotte per legge le Rappresentanze Sindacali
Aziendali, nominate dalle Organizzazioni sindacali e il diritto di Assemblea. Lo Statuto
crea inoltre un sistema coerente di tutela dei diritti individuali dei lavoratori, dal
divieto di licenziamento senza giusta causa al divieto di ogni forma di discriminazione
religiosa, sindacale e politica.
Contemporaneamente, nel corso del biennio 1969-1971 le Commissioni interne, in
genere elette sulla base di liste approvate dalle organizzazioni sindacali vengono
sostituite da nuovi organismi: i Consigli dei delegati o Consigli di fabbrica. I Consigli
sono incentrati sulla figura del delegato, lavoratore che, eletto a suffragio universale
su scheda bianca, rappresenta un reparto o gruppo operaio omogeneo,
indipendentemente dallappartenenza a un sindacato. I delegati troppo numerosi per
potersi trasformare in dipendenti privilegiati esonerati di fatto dal lavoro, restano
operai come gli altri, conservando con i loro elettori un rapporto quotidiano che
assicura una rappresentativit reale(1). Le circostanze della loro nascita si
differenziano sensibilmente da azienda a azienda, cos come il rapporto che si instaura
tra consigli e organizzazioni sindacali. Secondo lo storico Sergio Turone il nuovo
istituto, nato in contrapposizione al sindacalismo tradizionale, vi si inserito poi nella
misura in cui lo ha condizionato (2). La complessit e non univocit della genesi dei
Consigli di fabbrica sottolineata anche da Antonio Pizzinato, segretario generale
della Cgil dal 1986 al 1988: In molte grandi aziende di antica tradizione e forza
sindacale, furono le stesse commissioni interne -1969/1971- ad essere promotrici
dellelezione dei delegati. Gli stessi componenti delle Commissioni interne fecero parte
del primo Consiglio di fabbrica sino al primo rinnovo dei Consigli di fabbrica. Cos molti
Statuti erano frutto della complessa storia sindacale di quella data azienda, oltrech
delle sue caratteristiche produttive e professionali (3). Dopo una prima fase nella
quale molti consigli si costituiscono sulla spinta della base operaia i sindacati
confederali accolgono i nuovi organismi come struttura di base della propria
organizzazione. Si tratta di un processo che avviene inizialmente attraverso
lemanazione di note operative su compiti e modalit di elezione dei Consigli da parte
di singole federazioni di categoria. In seguito il Patto Federativo stretto tra Cgil, Cisl
e Uil il 3 luglio 1972 riconosce i Consigli come istanza sindacale di base con poteri di
contrattazione sui posti di lavoro alla [loro] formazione concorrono in primo luogo gli
iscritti alle tre Confederazioni e i lavoratori non iscritti che, su iniziativa delle stesse,
per loro libera scelta intendono parteciparvi: pertanto in tale organismo e, dove
esiste, nellesecutivo deve essere assicurata la rappresentanza delle forze sindacali
che operano nellazienda stessa e che costituiscono la Federazione.
I Consigli svolgono la loro attivit sino agli inizi degli anni Novanta, quando, a partire
dal 1993 vengono progressivamente sostituiti da un nuovo organismo, le
Rappresentanze sindacali unitarie (RSU), istituite da Cgil Cisl e Uil con l Intesa quadro
il del 1 marzo 1991. Elette a scrutinio segreto e su liste di organizzazione, da tutti i
lavoratori aventi diritto, le RSU vengono recepite dal Governo per larea del pubblico
impiego e dalla Confindustria per il settore privato nel Protocollo del 23 luglio 1993.
Dalla firma dellaccordo alla fine del 1994 vengono poi siglati , quattro accordi
interconfederali per disciplinarne lintroduzione nei diversi settori produttivi. A
differenza del settore pubblico dove le rappresentanze sono interamente elettive per i
lavoratori del settore privato la composizione delle nuove rappresentanze deriva per
2/3 da elezione da parte di tutti i lavoratori e per 1/3 da designazione o elezione da
parte delle organizzazioni stipulanti il CCNL, che hanno presentato liste, in proporzione
ai voti ottenuti.







Il Consiglio di fabbrica del Corriere della Sera (1971 1993)




Il Consiglio di fabbrica del Corriere della Sera viene istituito alla fine del 1971 su
iniziativa della Commissione interna uscente in base alle modalit di elezione e
funzionamento dei nuovi organismi di rappresentanza aziendale definite dai sindacati
provinciali dei Poligrafici e Cartai di Milano nella Nota operativa per la costituzione del
Consiglio di fabbrica, del 15 settembre 1971. La nascita ufficiale del nuovo organismo,
che rappresenta tutti i lavoratori del Corriere della Sera inquadrati nel Contratto
nazionale dei poligrafici e delle agenzie di stampa, viene sancita il 2 novembre 1971
con lapprovazione da parte dellassemblea dei lavoratori del documento Costituzione
del Consiglio di Fabbrica , contenente statuti, regolamento e programma del nuovo
organismo. La parte programmatica di questo documento riassume in poche pagine
tutti i temi della discussione politico sindacale del tempo: lotta alla nocivit e difesa
della salute in fabbrica; difesa delloccupazione; politiche sociali; salario aziendale
diretto (retributivo) e indiretto (normativo); inquadramento unico e perequazione
delle differenze normative e salariali esistenti tra operai e impiegati.
La parte statutaria stabilisce le norme di funzionamento ed elezione del nuovo
organismo. Il Consiglio dura in carica due anni e risulta composto dai delegati di
gruppo omogeneo, eletti su scheda bianca in ragione di 1 ogni 50 lavoratori,
compreso un rappresentante per gli uffici di Roma e Napoli, e dai Rappresentanti
sindacali (RSA) che vengono nominati dalle sezioni sindacali in ragione di 6 per
corrente. Le due cariche, entrambe sul piano di assoluta parit, sono incompatibili,
mentre il delegato revocabile in qualsiasi momento dallassemblea che lo ha eletto.
Il Consiglio di Fabbrica nomina un Comitato Esecutivo, con durata di un anno, di fatto
controllato dalle Organizzazioni sindacali poich risulta composto di 15 membri di cui
6 delegati e 3 RAS per corrente .
Le prime elezioni si tengono alla fine del 1971. Il nuovo organismo composto da 44
delegati e 18 rappresentanti sindacali, tra i quali figurano tutti i leader della
Commissione Interna uscente: Guerrino Bellinzani e Dante Gatti per la CGIL,
Giancarlo Buscaglia per la Uil e Giulio Intiglietta per la Cisl.
Il 15 febbraio 1972 viene siglato con lAzienda Corriere della Sera il protocollo di
riconoscimento del Consiglio di Fabbrica, che estende a tutti membri le tutele previste
dallo Statuto dei lavoratori, determina il monte ore permessi disponibile e conferma,
come condizione di miglior favore, listituto gi esistente dei Fuori Organico. Si tratta
di un organismo composto da 4 membri del comitato esecutivo, scelti con criterio di
preferenza per i delegati di gruppo omogeneo, che vengono sollevati dagli obblighi
del lavoro in fabbrica, per consentire lespletamento del lavoro sindacale. I Fuori
Organico, rappresentano il vero e proprio esecutivo poich svolgono compiti di
ordinaria amministrazione e di organizzazione della contrattazione aziendale e
mantengono i rapporti con la controparte aziendale e le organizzazioni sindacali.
Le successive modifiche statutarie sono documentate dalle carte delle Serie Elezioni,
statuti, regolamenti e Notes dei Coordinatori del Consiglio di Fabbrica.. Il
cambiamento pi significativo avviene gi con le elezioni del 1974: i RAS (o RSA)
scendono a 12 e il rapporto con i delegati nel comitato esecutivo viene ribaltato a
favore di questi ultimi, che divengono 9 con 6 rappresentanti sindacali. In seguito si
registra una costante azione della Cgil volta alla diminuzione o anche alla totale
eliminazione dei RAS che scenderanno a 9 nel 1978 e a 6 nel 1980, per poi
stabilizzarsi definitivamente a 9. Anche il comitato esecutivo viene ridimensionato:
sar composto da un numero di membri oscillante tra i 9 e i 12 sempre con rapporto
favorevole ai delegati di gruppo omogeneo
Il 23 giugno 1989, lassemblea del Consiglio di fabbrica decide di costituire un unico
organismo di rappresentanza che comprende, oltre ai delegati eletti nella sede di
Roma, anche quelli del nuovo stabilimento di Rcs Quotidiani di Padova.
Nel 1991 laccordo siglato il 1 marzo tra Cgil Cisl e Uil che prevede la creazione di
una nuova forma di rappresentanza sindacale aziendale, le Rappresentanze Sindacali
Unitarie (RSU), apre la crisi del Consiglio di fabbrica. I delegati si dividono sulla
scelta se procedere alle nuove elezioni, previste a maggio, tenendo conto dellaccordo
stretto tra le tre Confederazioni sindacali, oppure proseguire secondo le modalit
consuete. Nonostante la posizione fortemente critica della Cisl aziendale che sfocer in
aperto dissenso nel corso dellanno successivo, lassemblea del Consiglio di fabbrica
opta per il rinnovo dellorganismo. La decisione, presa a maggioranza, non senza
conseguenze. La fine del Consiglio matura in un clima di crescente tensione tra le
Organizzazioni sindacali aziendali, in particolare tra Cgil e Cisl. Il ruolo di primo piano
assunto nellautunno 1992 dal Consiglio di fabbrica del Corriere nella protesta del
Movimento dei Consigli Unitari (4) contro la manovra finanziaria del governo Amato e
la carenza di democrazia sindacale, spinge la Cisl, in dissenso con liniziativa, a
ritirare i propri delegati il 3 febbraio 1993. Subito dopo giunge la disdetta di tutti gli
accordi in materia di rappresentanza da parte della direzione di Rcs Quotidiani (5).
Dopo un periodo di trattative tra sindacati aziendali e territoriali, il 27 settembre 1993
le assemblee generali approvano con 9 voti contrari il regolamento della nuova RSU di
Rcs Quotidiani Milano che viene eletta a novembre dello stesso anno in sostituzione
del decaduto Consiglio di fabbrica.

La RSU in carica, eletta a novembre 2011 composta da 12 delegati compresi
i due delegati alla sicurezza ( Rls ).

1 Cfr. S. Turone, Storia del sindacato in Italia, Roma-Bari, Laterza, 1998, urone, cit. p. 398.
2 Turone, cit. p.398.
3 Antonio Pizzinato, introd. a: M. Bergamaschi, Statuti dei consigli di fabbrica : il settore metalmeccanico milanese,
1970-1980 , Milano, F. Angeli, CERISS-FIOM 1986, p.8.
4 Cfr. Archivio Sindacale Corriere della Sera, Serie: Movimento dei consigli unitari.
5 Cfr. Archivio Sindacale Corriere della Sera, Serie 1 : Statuti, elezioni, regolamenti, Unit 2 Caducamento
Consiglio di fabbrica.