Sei sulla pagina 1di 15

Capitolo 2 Il sistema UMTS - servizi e architettura

Questo capitolo fornisce una descrizione complessiva del sistema UMTS, analizzandone in particolare i requisiti, i servizi offerti, larchitettura di rete e la struttura protocollare, secondo quanto definito in ambito 3GPP dal comitato di specifica tecnico RAN.

2.1 Requisiti e principali innovazioni del sistema


Come gi accennato, UMTS stato di fatto progettato per rispondere ad una serie di requisiti qui elencati:

capacit di supportare servizi a larga banda, con un significativo sviluppo dei servizi diffusivi e punto-multipunto accanto ai classici servizi punto-punto; disponibilit di nuovi terminali di peso e dimensioni limitati, a basso costo e di semplice uso per lutente; garanzia di diversi livelli di qualit di servizio (QoS) per la vasta gamma di servizi disponibili; assegnazione efficiente delle risorse di rete attraverso luso di schemi a bit rate variabile, di due modalit di accesso radio e la possibilit di controllare significativi livelli di asimmetria di servizio (ovvero differenza di capacit tra uplink e downlink); introduzione di una tariffazione flessibile, in funzione non solo della durata della connessione ma anche della quantit di dati trasferita e della qualit di servizio richiesta; offerta di nuove velocit di trasporto a seconda dellambiente di servizio e delle caratteristiche di mobilit.

Per soddisfare queste caratteristiche, stato necessario sviluppare uninterfaccia radio innovativa, senza per trascurare la parte di rete fissa (la Core Network), che

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura supporta il sistema di accesso alla rete. Infatti le core network dei sistemi di comunicazione mobile di seconda generazione sono state ottimizzate per il trasporto vocale tramite connessione a circuito, mentre UMTS deve essere in grado di fornire anche il trasferimento dati nella modalit a pacchetto. Un primo passo verso lintroduzione della commutazione a pacchetto si avuto con GPRS ( General Packet Radio Service). Si quindi pensato di realizzare per UMTS une vidente separazione tra gli elementi della rete che si occupano della gestione delle risorse radio da quelli che regolano il flusso dati allinterno della rete fissa. In questo modo si in grado di passare dai vecchi sistemi (GSM, GPRS) a quelli nuovi di terza generazione, riutilizzando il sistema di rete con diverse tecnologie di accesso sullinterfaccia radio (figura 2.1).

Figura 2.1 : Architettura logica del dominio a pacchetto GPRS - UMTS

Per la parte di rete fissa, gli studi eseguiti hanno portato ad adottare come sistema di trasporto una soluzione mista ATM/IP. ATM (Asynchronous Transfer Mode) infatti in grado di fornire diversi livelli di QoS con connessioni a circuito, mentre IP (Internet Protocol) supporta il trasferimento a pacchetto e, grazie alla sua grande diffusione, permette una facile interazione con una moltitudine di altri sistemi.

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura

2.2 Servizi e classi di QoS


I servizi di rete sono considerati end-to-end, ovvero vanno da un terminale ad un altro. Ogni servizio end-to-end caratterizzato da una certa qualit di servizio, fornita allutente dalla rete. Per realizzare una QoS di rete necessario instaurare un servizio di trasporto (Bearer Service) che parta dalla sorgente e giunga fino al destinatario del servizio. Un Bearer Service include tutti gli aspetti necessari a garantire la qualit di servizio richiesta. Tra questi aspetti si ricordano in particolare la segnalazione, il trasporto dei dati dutente e le funzionalit di gestione della QoS. UMTS presenta unarchitettura stratificata dei servizi di trasporto: il Radio Bearer di livello N offre il suo servizio utilizzando i servizi forniti dagli (N-1) livelli sottostanti. In figura 2.1 si illustra tale architettura.

Figura 2.2 : Architettura di QoS in UMTS

Il traffico passa attraverso diversi servizi di trasporto lungo il suo cammino da un TE allaltro. Il servizio end-to-end utilizzato dallutente quindi realizzato come combinazione di: un TE/MT local Bearer Sevice, un UMTS Bearer Service e un External Bearer Service. Dato per linteresse a descrivere il sistema UMTS, si pone lattenzione sul solo UMTS Bearer Sevice che introduce il concetto di qualit di servizio in UMTS. Il servizio di trasporto UMTS costituito da due elementi: il Radio Access Bearer (RAB) service e il Core Network Bearer (CNB) service. Il primo deve

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura garantire il trasporto dellinformazione sullinterfaccia radio assicurando la QoS richiesta. Il secondo invece deve portare il servizio al di fuori del sistema UMTS. Dovendo offrire una vasta gamma di servizi con caratteristiche molto diverse, fondamentale che UMTS associ ad ognuno di essi una certa qualit di servizio. Nel fissare le classi di QoS si devono prendere in considerazione le restrizioni e le limitazioni proprie dellinterfaccia radio, senza per definire meccanismi complessi come quelli delle reti fisse. La tabella 2.1, tratta da [5], illustra le classi di QoS per UMTS. Sono definite quattro differenti classi di QoS: 1. Conversational class: E utiliz zata per il trasporto di traffico real time. Tra i servizi tipici di questa classe ci sono quelli voce, voce su IP e di videoconferenza. Le caratteristiche principali della Conversational class sono un ritardo di trasferimento molto basso, determinato dai tempi di percezione umana delle immagini e della voce, una variazione limitata di questo ritardo, il mantenimento delle relazioni temporali tra le varie entit (come campioni, pacchetti) del flusso dati. 2. Streaming class: Viene usata per il trasporto di traffico real time unidirezionale sia audio che video. Come per la Conversational, questa classe caratterizzata dal mantenimento delle relazioni temporali tra le varie entit che compongono il flusso dati e da una limitata variazione del ritardo di trasferimento. La variazione ammessa risulta per molto pi grande di quella data dai limiti della percezione umana. Non ci sono invece particolari requisiti finalizzati a mantenere basso il ritardo di trasferimento. 3. Interactive class: Si applica questo schema quando un utente (sia esso umano o macchina) richiede dati ad un apparato remoto. Esempi di interazione umana con un apparato remoto sono: il web browsing, la ricerca su data base e laccesso ad un server di rete. Esempi di interazione di macchine sono invece la ricerca di misure e linterrogazione automatica di data base. Le caratteristiche di questa classe sono la necessit di una risposta per lutente in seguito ad una interrogazione effettuata ad un apparato remoto, il contenimento del round trip delay in tempi ragionevoli, il trasferimento dei dati in modo trasparente (con un basso tasso derrore). 4. Background class: Viene utilizzata nel caso in cui lutente finale, tipicamente un computer, invia o riceve file dati in background. Alcuni esempi sono la consegna di Email, la spedizione di SMS, il download di informazioni da un database.

10

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura Questa classe quella meno sensibile ai tempi di consegna poich lutente non ha la necessit di ricevere dati in tempo reale. Al contrario per la Background class richiede la massima affidabilit e integrit sulla trasmissione dei dati.

Traffic class

Fundamental characteristics

Conversational Streaming class class streaming RT conversational RT - Preserve time relation (variation) - Preserve time between relation information (variation) entities of the between stream information entities of the - Conversational stream pattern (stringent and low delay) - voice

Interactive class Interactive best effort

Background Background best effort

- Destination is not expecting - Request response the data pattern within a certain time - Preserve payload content - Preserve payload content - background download of emails

Example of the application

- streaming video - Web browsing

Tab. 2.1 : Classi di QoS di UMTS

Traffic class Maximum bitrate (kbps) Delivery order Maximum SDU size (octets) Delivery of erroneous SDUs Residual BER SDU error ratio Transfer delay (ms) Guaranteed bit rate (kbps) Traffic handling priority Allocation/Retention priority Source statistic descriptor

Conversational class < 2 048 Yes/No <=1500 or 1502 Yes/No/5*10 , 10 , -3 -3 -4 5*10 , 10 , 10 , -6 10 10 , 7*10 , 10 , -4 -5 10 , 10 80 maximum value < 2 048
-2 -3 -3 -2 -2

Streaming class < 2 048 Yes/No <=1500 or 1502 Yes/No/5*10 , 10 , 5*10 3 -3 -4 -5 , 10 , 10 , 10 , -6 10 10 , 10 , 7*10 , -3 -4 -5 10 , 10 , 10 250 maximum value < 2 048
-1 -2 -3 -2 -2 -

Interactive class < 2 048 overhead Yes/No <=1500 or 1502 Yes/No/4*10 , 10 , -8 6*10 10 , 10 , 10
-3 -4 -6 -3 -5

Background class < 2 048 overhead Yes/No <=1500 or 1502 Yes/No/4*10 , 10 , -8 6*10 10 , 10 , 10
-3 -4 -6 -3 -5

1,2,3 1,2,3 Speech/unknown 1,2,3 Speech/unknown 1,2,3 1,2,3

Tab. 2.2 : Parametri dei Radio Access Bearer

11

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura Il fattore principale di distinzione tra le classi la sensibilit al ritardo di trasferimento: si passa quindi dalla Conversational class, molto sensibile al ritardo, alla Background class, che quella con i minor requisiti in termini di ritardo. Mentre le prime due classi sono adatte al trasporto di traffico real-time, le ultime due sono pensate per le tradizionali applicazioni Internet, dal momento che offrono un minore tasso derrore tramite opportuni schemi di codifica e ritrasmissione. La tabella 2.2 mette in evidenza i possibili valori degli attributi dei servizi di trasporto dellaccesso radio (Radio Access Bearer Service) per ogni classe di servizio.

2.3 Architettura generale


Larchitettura generale di UMTS pu essere modellata secondo un punto di vista sia fisico sia funzionale. Gli aspetti fisici sono studiati ricorrendo al concetto di dominio mentre quelli funzionali sono modellati in base al concetto di strato. Per dominio si intende un insieme di entit fisiche tra le quali sono definiti dei punti di interconnessione. Strato invece fa riferimento ad un particolare aspetto dei servizi offerti da uno o pi domini.

2.3.1 Divisione in Domini


Una prima divisione di base dellarchitettura di UMTS si ha tra i terminali e linfrastruttura di rete. Questo porta a definire due macro domini: l User Equipment Domain e lInfrastructure Domain. La figura 2.3 illustra i domini del sistema in esame.
Home Network Domain [Zu] Cu Uu Iu [Yu]

Serving Net work Domain USIM Domain Mobile Equipment Domain User Equipment Domain Access Network Domain Core Network Domain Infrastructure Domain

Transit Network Domain

Figura 2.3 : Domini e punti di interconnessione

12

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura 2.3.1.1 Il dominio User Equipment Questo dominio comprende una moltitudine di apparecchiature con funzionalit differenti. Infatti ci possono essere terminali compatibili con una o pi interfacce di accesso esistenti, come per esempio quelli dual standard UMTS-GSM. LUser Equipment pu a sua volta essere suddiviso in due sotto domini chiamati Mobile Equipment Domain (ME) e User Services Identity Module Domain (USIM). Linterfaccia tra ME e USIM denominata Cu. Il dominio ME gestisce la trasmissione radio e contiene le applicazioni. Questi pu essere ulteriormente composto da varie entit che realizzano la connessione tra diversi gruppi funzionali. Il dominio USIM invece contiene i dati e le procedure per lidentificazione priva di ambiguit. Queste funzioni sono racchiuse in una carta intelligente (smart card) propria di un dato utente ed indipendente dallME che lutente usa. 2.3.1.2 LInfrastructure Domain Questo dominio formato dallAccess Network Domain, che caratterizzato dallessere in diretto contatto con lUE, e dal Core Network Domain. LAccess Network Domain costituito da entit fisiche che gestiscono le risorse di accesso alla rete e fornisce allu tente un meccanismo per accedere al dominio di rete fissa. In UMTS questo dominio definito UTRAN (UMTS Terrestrial Radio Access Network) ed lunit che maggiormente differenzia il sistema in esame da GPRS. Linterfaccia tra questo dominio e il Core Network Domain chiamato Iu mentre quello con il dominio UE definito Uu. Il dominio di rete fissa fornisce il supporto per i servizi di telecomunicazione. Questo supporto include funzionalit quali il controllo delle caratteristiche della rete e i meccanismi di trasferimento della segnalazione e dei dati dutente. Il Core Network Domain organizzato in tre sotto domini che vengono qui solo citati: il Serving Network Domain, lHome Network Domain e il Transit Network Domain.

2.3.2 Divisione in Strati


Il seguente paragrafo mostra le interazioni tra i domini in UMTS. La stratificazione riportata in figura 2.4 stata introdotta per realizzare un certo grado di indipendenza dellinterfaccia radio dalle parti restanti del sistema. A questo proposito si p ossono individuare i seguenti strati:

lAccess stratum (AS); il Non Access stratum (NAS).

LAccess stratum, che specifico di UMTS, localizzato tra il confine del Serving Core Network domain e il Mobile Equipment dellUE. Esso fornisce i protocolli e le

13

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura funzioni per la trasmissione dei dati sullinterfaccia radio e per la gestione dellinterfaccia radio stessa. Questo strato offre i servizi al Non Access stratum attraverso i seguenti Services Access points (SAP) (meglio descritti al paragrafo 3.7.1 del capitolo 3):

General Control SAP; Notification SAP; Dedicated Control SAP.

Il Non Access stratum invece comprende quei protocolli per instradare e trasmettere dalla sorgente alla destinazione i dati generati da utenti o dalla rete, oltre a tutte le funzioni quali lautenticazione e la localizzazione, come specificato in [4] e in [15].

Non-Access Stratum
Iu
proto cols

Radio protocols (1)

Radio protocols (1)

Iu
proto cols

(2)

(2)

UE

Access Stratum UTRAN Radio Iu (Uu)

CN

Figura 2.4 : Stratificazione del sistema UMTS

Se si considera il modello di Access stratum con maggiore attenzione (figura 2.5), si distinguono le entit finali dellAS, che forniscono i servizi ai livelli superiori, dalle entit locali, che forniscono i servizi rispettivamente sullinterfaccia Uu e Iu. In particolare l Uu stratum comprende un insieme di entit, di cui il livello RRC (Radio Resource Control) svolge un ruolo di supervisore, come si pu vedere dalla figura 2.6. I protocolli sulle interfacce Uu e Iu sono divisi in due gruppi:

protocolli del piano utente: sono quei protocolli che implementano i servizi RAB, trasportando i dati dutente attraverso lAccess Stratum; protocolli del piano di controllo: sono i protocolli per il controllo dei RAB e della connessione tra lUE e la rete sotto diversi aspetti (il controllo delle risorse trasmissive, la gestione degli handover). Includono anche un particolare meccanismo per il trasporto in modalit trasparente dei messaggi del NAS.

14

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura

Non-Access Stratum (NAS)


GC Nt DC GC Nt DC

Access Stratum (AS) end AS entity Relay


GC Nt DC GC Nt DC GC Nt DC GC Nt DC

end AS entity

Uu Stratum (UuS)

Iu Stratum

UE Radio (Uu)

UTRAN Iu

Core Network

Figura 2.5 : SAPs tra gli strati

UE GC Nt DC GC Nt DC

UTRAN

RRC

RRC

RLC / MAC / PHY

RLC / MAC / PHY

Radio (Uu) Figura 2.6 : Modello dellUu stratum

15

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura

2.4 UTRAN
LUTRAN costituito da un insieme di Radio Network Subsystem (RNS) connessi alla Core Network attraverso linterfaccia Iu. A livello funzionale questa interfaccia ha una doppia valenza in quanto integra sia linterfaccia che collega lUTRAN alla CN a circuito ( Circuit Service) sia quella che collega lUT RAN alla CN a pacchetto (Packet Service). Un RNS comprende un controllore (Radio Network Controller RNC) e uno o pi Node B. Un Node B connesso allRNC attraverso linterfaccia Iub e sovrintende ad un insieme di celle che possono supportare entrambe le modalit di trasmissione (FDD e TDD). Allinterno dellUTRAN, RNC differenti possono essere collegati tra loro tramite linterfaccia Iur. La figura 2.7 illustra in dettaglio la struttura dellUTRAN.

Core Network Iu RNS Iur RNC Iub Node B Iub Node B Iub Node B RNC Iub Node B RNS Iu

UTRAN

Figura 2.7 : Componenti e interfacce nellUTRAN

Questa architettura offre la capacit di gestire la mobilit allinterno dellUTRAN. Infatti sia il Node B sia lRNC sono in grado di gestire l handover e la macrodiversit. Queste due funzionalit possono essere coordinate a livello di Node B (nel caso di celle appartenenti allo stesso Node B), oppure possono essere gestite a livello di RNC mediante limpiego dellinterfaccia Iub (nel caso di celle appartenenti a Node B diversi, ma controllati dallo stesso RNC) o della Iur (nel caso di celle appartenenti a RNS diversi). Fra RNS diversi lhandover pu anche essere effettuato tramite la CN (usando linterfaccia Iu) ma, in questo caso, non pu esservi macrodiversit perch questultima realizzata mediante i protocolli radio limitati al Radio Network Controller.

16

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura Ogni RNS responsabile delle risorse del suo insieme di celle. Per ciascuna connessione tra UE e UTRAN, esiste un RNS definito come Serving RNS, il cui compito quello di instaurare e gestire la connessione esistente. In caso di una temporanea carenza di risorse radio, come mostrato in figura 2.8, possibile che il S-RNS sia supportato da un altro RNS, chiamato Drift RNS. Questultimo deve essere in grado di fornire un certo numero di risorse al primo.

C o re N e tw o rk

Iu DRNS C e lls Iu r SRNS

UE

Figura 2.8 : Serving e Drift RNS

2.4.1 Funzioni dellUTRAN


Vengono adesso elencate e brevemente descritte le funzioni principali svolte dallUTRAN:

Trasferimento dei dati dutente: questa funzione permette di trasferire i dati dutente attraverso lUTRAN tra le in terfacce Iu e Uu. Funzioni relative al controllo dellaccesso al sistema: permettono allutente di connettersi alla rete UMTS per poter usufruire dei servizi offerti. Laccesso al sistema pu essere effettuato sia dal terminale mobile sia dalla rete. Tra queste funzioni si identificano: i) Controllo dellaccesso: il suo compito quello di accettare o rifiutare nuovi utenti, cercando di evitare situazioni di sovraccarico in base a misurazioni di interferenza e adeguata gestione delle risorse. Questa funzione svolta dal Serving RNC attraverso linterfaccia Iu e viene eseguita ogni volta che un utente tenta di accedere alla rete, durante gli handover e durante linstaurazione o riconfigurazione dei RAB. ii) Controllo della congestione: deve monitorare, rilevare e risolvere situazioni in cui il sistema prossimo alla congestione. Per questo motivo dovranno essere prese velocemente delle decisioni in grado di riportare il sistema ad uno stato di stabilit.

17

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura iii) Trasmissione delle informazioni di sistema: questa funzione fornisce ai terminali mobili tutte le informazioni necessarie sullAccess stratum e il Non Access stratum di cui ogni UE si serve per svolgere le sue operazioni allinterno della rete.

Cifratura e decifratura dei canali radio: deve proteggere i dati trasmessi da intercettazioni non autorizzate. Questa funzione localizzata nellUE e nellUTRAN. Funzioni relative alla mobilit: i) Handover: gestisce la mobilit sullinterfaccia radio. Si basa su misure dei livelli di potenza ricevuti e serve a garantire il mantenimento della QoS richiesta dalla Core Network. ii) Rimpiazzo del SRNS: coordina le attivit della rete quando il ruolo di un SRNS sta per essere preso da un altro RNS. Il cambio di SRNS iniziato dallSRNS ed localizzato nel RNC e nalla CN (vedere figura 2.9). iii) Posizione dellUE : consente di stabilire la posizione geografica di un certo terminale mobile.

C o r e N e tw o r k

C o r e N e tw o r k

Iu DRNS Iu r SRN S SRN S

Iu RNS

C e ll s

UE B e f o r e S R N S R e lo c a tio n

UE A f te r S R N S R e lo c a tio n

Figura 2.9 : Rimpiazzo del SRNS

Funzioni relative alla gestione e al controllo delle risorse radio: i) Configurazione delle risorse radio: gestisce le risorse radio della rete, configurando opportunamente le celle e i canali di trasporto comuni. ii) Monitoraggio dei canali radio: effettua misurazioni sui canali radio della cella di interesse e su quelle adiacenti e le traduce in stime sulla qualit del canale.

18

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura iii) Controllo della divisione e della ricombinazione dei flussi dati: permette la trasmissione e la ricezione dello stesso flusso di informazioni attraverso pi canali fisici da o verso un determinato terminale mobile, introducendo cos nel sistema la macrodiversit e la possibilit di effettuare il soft-handover. Questa funzione localizzata completamente nellUTRAN. iv) Instaurazione e rilascio dei Radio Bearer: responsabile dellinstaurazione e del rilascio delle connessioni end-to-end. v) Allocazione e deallocazione dei Radio Bearer: consente di gestire i canali fisici in base alla qualit di servizio dei Radio Access Bearer. vi) Funzione dei protocolli Radio: fornisce la possibilit di trasferire dati dutente e segnalazione attrave rso linterfaccia radio della rete UMTS adattando i servizi alla trasmissione radio. Questa funzione include la multiplazione dei diversi servizi di utenti differenti sui Radio Bearer, la segmentazione e il riassemblaggio dei dati, la consegna affidabile a seconda della QoS richiesta. vii) Controllo della potenza: realizza il controllo della potenza trasmessa per minimizzare linterferenza e garantire unadeguata qualit della trasmissione. viii) Codifica e decodifica di canale: la codifica introduce informazioni ridondanti nel flusso dei dati da trasmettere sul canale; attraverso la decodifica si possono rilevare e correggere in ricezione gli errori introdotti dal mezzo trasmissivo. Questultima cerca di ricostruire il flusso informativo utilizzando la ridondanza aggiunta dalla codifica di canale. Entrambe queste operazioni sono localizzate nellUE e nellUTRAN. ix) Controllo della codifica di canale: genera le informazioni di controllo richieste dalle funzioni di codifica e decodifica. x) Gestione dellaccesso casuale all a rete: deve rilevare i vari tentativi di accesso alla rete da parte di un mobile e rispondere adeguatamente a tali richieste, risolvendo eventuali contese verificatesi sul canale radio. Nel caso in cui sia consentito laccesso, si proceder alla richiesta per lallocazione di risorse adeguate.

2.4.2 Architettura dei protocolli dellUTRAN


Larchitettura dei protocolli dellUTRAN illustrata in figura 2.10. Lobiettivo principale di questa struttura di rendere indipendenti i vari livelli dai diversi piani, per agevolare future modifiche delle pile protocollari. Si individua una prima suddivisione verticale tra il piano di controllo e quello dutente. Nel primo transita linformazione di segnalazione mentre nel secondo linformazione dutente. C poi una sec onda suddivisione orizzontale tra il Radio Network Layer e il Transport Network Layer. Tutti i problemi relativi allUTRAN

19

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura sono visibili solo nel primo livello mentre il secondo rappresenta la tecnologia di trasporto che stata scelta per essere utilizzata dallUTRAN. Il Transport Network Layer fornisce al livello superiore essenzialmente due tipi di canali di trasporto. Il primo canale dedicato al trasporto di dati (data bearer): sia relativi ai flussi informativi dei protocolli radio sulle interfacce Iur e Iub (AAL2/ATM), sia ai flussi di utente (data streams) a cicuito (AAL2/ATM) e a pacchetto (IP/AAL5/ATM) sullinterfaccia Iu. Il secondo canale invece adibito al trasporto della segnalazione ed basato su SS#7/AAL2/ATM (o su IP/AAL5/ATM). La segnalazione relativa ai protocolli applicativi di rete che provvedono a stabilire, ri-stabilire e rilasciare i bearer richiesti, oltre a gestire tutte le procedure legate alla mobilit. I canali di segnalazione possono essere sia pre-stabiliti tramite procedure di gestione, sia realizzati su richiesta tramite procedure di segnalazione. In questultimo caso si ricorre ad un protocollo di segnalazione definito genericamente Access Link Control Application Protocol (ALCAP).

Radio Network Layer

Control Plane Application Protocol

User Plane Data Stream(s)

Transport Network Layer

Transport Network User Plane

Transport Network Control Plane

Transport Network User Plane

ALCAP(s) Signalling Bearer(s) Signalling Bearer(s) Data Bearer(s)

Physical Layer

Figura 2.10 : Architettura dei protocolli nelle interfacce dellUTRAN

Senza entrare nei dettagli, si elencano i diversi protocolli applicativi, definiti per ognuna delle interfacce:

RANAP (Radio Access Network Application Part) sulla Iu. RNSAP (Radio Network System Application Part) sulla Iur. NBAP (Node B Application Protocol) sulla Iub.

20

2 Il sistema UMTS - servizi e architettura Informazioni pi dettagliate su questi protocolli si possono trovare nelle specifiche [24]. Le figure 2.11 e 2.12 mostrano in modo pi particolareggiato lintera struttura protocollare di UMTS tra lUE e la Core Network, sia nel piano dutente che in quello di controllo.

Figura 2.11 : Architettura protocollare di UMTS nel piano utente

Figura 2.12 : Architettura protocollare di UMTS nel piano di controllo

21