Sei sulla pagina 1di 5

Tweet Tweet 3 2 Share

Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Comunicati Stampa Bamboo business in Italy, una possibile filiera corta
Bamboo business in Italy, una possibile filiera
corta
Il passato giugno stato inaugurato, nella sede friulana del CATAS, il primo convegno sullo
sfruttamento del bamb nellottica della filiera corta con lambizioso obiettivo di contribuire a
favorire uneconomia pi sostenibile non solo dal punto di vista ambientale ma anche sociale,
perch oggi pi che mai- lanalisi del ciclo di vita dei materiali (LCA) non pu progredire senza
integrare anche aspetti legati al concetto di responsabilit sociale dimpresa (CSR).
PERCHE BAMBOO BUSINESS NELLOTTICA DI FILIERA CORTA?
Come da programma il convegno partito con unimportante premessa: In Italia la carenza di
materia prima legnosa -in particolare di quella pregiata- e il conseguente aumento del prezzo di
mercato -dovuto principalmente a politiche protezionistiche sempre pi stringenti di specie a rischio
destinzione per leccessivo sfruttamento delle foreste tropicali- sono due aspetti dello stesso
problema, il quale potrebbe essere concretamente risolto in modo sostenibile avviando un processo
di sfruttamento del bamb. Secondo la Promolegno lattuale domanda interna di legname pregiato
viene coperta solo per il 12% da foreste europee, mentre il resto proviene da Paesi extra UE e -di
questo legname- il 30% purtroppo ancora importato illegalmente.
LECELLENZA DELLA RICERCA E IL CONTRIBUTO DEI RELATORI Il CATAS ha offerto ai relatori
del menzionato convegno la magnifica opportunit di presentare una panoramica generale sulle
enormi potenzialit dellaffascinante graminacea e di illustrare i vantaggi economici conseguibili con
lintroduzione di una filiera corta per la produzione di materia prima per il comparto del legno-arredo
e non solo.
Il tema promosso da Sustainable Technologies- unimpresa di R&S con vocazione internazionale-
ha doviziosamente coinvolto importanti ricercatori italiani, del settore della green economy, e
consulenti di sustainable business management.
La partecipazione ha superato le aspettative degli organizzatori, i quali presagiscono interessanti e
concrete prospettive a medio termine per un ampio ventaglio di portatori dinteresse tra cui:
investitori, coltivatori di materie prime, eco designer.
Vi proponiamo una sintesi degli argomenti trattati rimandandovi al sito del promotore per ulteriori
approfondimenti e per ricevere aggiornamenti.
Mario A. Rosato ingegnere e CEO di Sustainable Technologies- ha inaugurato la serie dinterventi
scientifici introducendo il tema del convegno Bamboo business in Italy, una possibile filiera corta.
come la naturale evoluzione del progetto Bamboo carbon sink, vincitore di numerosi premi
internazionali tra cui il recentissimo Corporate Social Responsibility Excellence Award
insignito dallassociazione ambientalista britannica Partners in Protecting the Planet. Ha illustrato i
vantaggi ambientali ed industriali del business dettagliando lentit e la tipologia degli
investimenti necessari a supportarlo.
Romano Giovanardi cattedratico alluniversit di Agraria di Udine- ha illustrato, in modo esaustivo
gli aspetti agronomici di possibili coltivazioni di bamb in Friuli V.G., sfatando alcuni dei pi
comuni pregiudizi nutriti nei confronti della graminacea, come: linvadenza e limpossibilit della
pianta di colonizzazione alle nostre latitudini.
Daniele Trebbi agronomo ricercatore e responsabile della divisione Bioma Technologies
(www.biomatechnologies.it/) di Geneticlab SRL, attualmente leccellenza in materia di genetica -non
solo vegetale ma anche umana- ha illustrato le tecniche di riproduzione di piante a partire da
piccole porzioni di materiale genetico vivo per massimizzare la produzione di biomassa vegetale
Architettura Ecosostenibile su
Axor Hansgrohe produce il primo
miscelatore che consuma solo...
Il miscelatore Axor Starck Organic stabilisce
un nuovo standard di consumo a 3,5 litri al
minuto grazie al particolare diffusore: una vera
e propria micro-doccia con 90 ugelli capaci di
dare corpo e piacevolezza anche a un flusso
d'acqua minimo.
Affitti a Lucca
Airbnb
Prenota da 39! a notte!
Marted 02 Luglio 2013 00:00 Scritto da Redazione
More 4 Mi piace Mi piace
Home Architettura Design Materiali Curiosit Normative Turismo Lavoro Contatti
cerca... Cerca

Segui Segui @ArchitetturaEco @ArchitetturaEco
143mila Mi piace Mi piace
Bamboo business in Italy, una possibile liera corta http://www.architetturaecosostenibile.it/comunicati/stampa/b...
1 di 5 25/04/14 18:45
a scopo industriale come ad esempio nei settori: energetico, alimentare, cosmetico e come materia
prima in generale.
Giovanna Barbaro architetto esperto di LCA e consulente di Sustainable Technologies- ha
articolato lintervento in tre parti. Nella prima parte, ha presentato le propriet fisiche, chimiche e
meccaniche del bamb gigante, sia dal punto di vista della canna grezza che dei prodotti ottenuti
dalla sua industrializzazione, sulla base sia di test pubblicati da importanti laboratori di ricerca e
certificazione materiali. Nella seconda parte, ha riassunto lo stato dellarte dellindustrializzazione
del bamb soffermandosi sullimportanza di conoscenze specifiche, diverse da quelle richieste per
lo sfruttamento delle piantagioni da legno, segnalando le fasi del processo che possono influire
direttamente sulle prestazioni meccaniche e sulle caratteristiche estetiche del prodotto finito. Nella
terza ed ultima parte, larchitetto ha presentato una selezione di esempi che testimoniano, in modo
inequivocabile, come in Europa il bamb sia molto apprezzato, specialmente in architettura e
nellindustrial design, sia per limpiego della canna grezza e sia dei suoi derivati.
Alessandro Braida - socio APCO-CMC e consulente in materia di management, finanza, controllo
e responsabilit sociale d'impresa- ha delineato una panoramica sugli strumenti per la valutazione
della sostenibilit economico-finanziaria dellinvestimento nella filiera corta del bambu'. Infine, si
soffermato sul quadro di finanziamenti privati e pubblici, tra i quali quelli della Camera di
Commercio di Udine e della rete SEED, che guardano con interesse ai progetti di business
incentrati sulla sostenibilit e in particolare alle evoluzioni delle imprese attraverso forme di
aggregazioni a rete.
Silvia Stefanelli responsabile dei progetti di energia rinnovabile per la Direzione Centrale
Ambiente Energia e Politiche per la Montagna della Regione Friuli V.G. e consulente riguardo le
politiche del clima per la riduzione dei gas serra per la Commissione Europea- ha illustrato le
opportunit nel mercato volontario dei crediti di carbonio agroforestale e i meccanismi molto
rigorosi messi a punto con il progetto europeo CARBOMARK. In ultima analisi, la dottoressa
Stefanelli non ha escluso che in futuro anche il bamb possa essere inserito nel mercato locale dei
crediti di carbonio, in virt della possibilit di fabbricare prodotti durevoli. In fine, ha richiamato
lesempio citato da Sustainable Technologies: Ecoplanet, unente britannico di venture capital etico,
che dal 2010 ha investito 10 milioni di euro per il mercato dei crediti di carbonio proprio da
piantagioni di bamb, quindi un valido precedente in Europa.
Bamboo business in Italy, una possibile liera corta http://www.architetturaecosostenibile.it/comunicati/stampa/b...
2 di 5 25/04/14 18:45
CONTRIBUTI DAL PUBBLICO Il convegno stato onorato con la partecipazione di distinti designer
e industriali del settore legno arredo del panorama friulano con proiezione internazionale e
rappresentanti locali delle associazioni di coltivatori agroforestali. In particolare riportiamo
limportantissimo contributo del dott. Gaetano Castro ricercatore del CRA (Unit di Ricerca per le
Produzioni Legnose fuori Foresta di Casale Monferrato) eccellenza italiana di fama mondiale- il
quale ha precisato che il problema della marcatura CE dei prodotti derivati dal bamb non di sola
rilevanza nazionale, perch interessa il sistema normativo europeo (CEN). Ha annunciato che
stato creato un gruppo ad hoc con lo scopo di predisporre norme specifiche per il bamb, per
colmare lattuale lacuna e dunque permettere la marcatura CE dei prodotti derivati da questo
materiale.
COME PARTECIPARE AL PROGETTO BAMBOO BUSINESS
Il progetto si fonda su un corposo business plan, integrato da unampia campionatura di prodotti di
bamb, la cui visione messa a disposizione da Sustainable Technologies coordinatrice del
progetto in Italia- di tutti coloro i quali intendano esplorare le opportunit economiche del bamboo
business, nonch valutare la formula pi conveniente di partecipazione con i seguenti apporti di:
capitale, know how oppure di entrambi.
Per ulteriori informazioni vi invitiamo a compilare senza impegno il seguente modulo:
http://www.sustainable-technologies.eu/?page_id=138&lang=it Locandina dell'evento scaricabile
sul sito di Sustainable Technologies
Per concludere vi lanciamo alcune riflessioni. Primo: se il bamb considerato una pianta agricola
nei Paesi dove cresce spontaneo, dai quali lo stiamo importando, allora perch non pu esserlo
anche per la nostra economia locale? A maggior ragione ora, limpiego del bamb, come materia
prima potrebbe contribuire a frenare la deforestazione. Ricordiamo che anche il mais una
graminacea non autoctona, ma da secoli stata naturalizzata per scopi agricoli e, in fine, oggi
-essendo gli insilati usati negli impianti di biogas- anche sfruttata come combustibile.
Ti trovi su Architettura Ecosostenibile Comunicati Stampa Bamboo business in Italy, una possibile filiera corta
Bamboo business in Italy, una possibile liera corta http://www.architetturaecosostenibile.it/comunicati/stampa/b...
3 di 5 25/04/14 18:45
Vendita Piante Online
verdenergia.ws
Palme, Bamboo, Sempreverdi, Rare,
Verdenergia vendita OnLine
Affitti a Lucca
Offerte Box Doccia
Trasforma vasca in doccia
Canne di bamboo ingrosso
Lavora con gli Animali
Soffitti termoattivi
Isolamento Termico
Bamboo business in Italy, una possibile liera corta http://www.architetturaecosostenibile.it/comunicati/stampa/b...
4 di 5 25/04/14 18:45
Ultimi articoli inseriti
Bollette, contratti, agevolazioni. A tutela dei
consumatori nasce Energieperte.it
Labitare temporaneo per i popoli nomadi: levoluzione
delle tende tradizionali
Architettura e biomimesi: la natura come risorsa per il
progetto
Edifici mobili: 2 esperimenti audaci di case su ruote
Aggiornati via email
Ricevi gratuitamente i nostri articoli
Inserisci la tua email
Iscriviti al servizio
Social Life

Pubblicit Staff Comunicati Stampa SiteMap Copyright 2014 Architettura ed Ecosostenibilit: Bioarchitettura per la riduzione dei consumi energetici.. Tutti i diritti riservati.
Architettura Ecosostenibile Ltd - Iscritta alla company House con il numero 8427689 - SEO a cura di Vincenzo Galliano
I contenuti sono distribuiti con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.
Bamboo business in Italy, una possibile liera corta http://www.architetturaecosostenibile.it/comunicati/stampa/b...
5 di 5 25/04/14 18:45