Sei sulla pagina 1di 80

Eni S.p.A.

Divisione Refining & Marketing


TIPOLOGIA DI DOCUMENTO REVISIONE DATA VALIDITA PAGINA

SPECIFICA TECNICA
CODICE / TITOLO

19/12/2007

1/1

NT0746_ST_GEN_REV0 Criteri di Progettazione (SPC.SN.MEC.0008 Rev.0): Meccanizzazione P&I Diagrams

LISTA DI DISTRIBUZIONE

UNITA DIRETTAMENTE INTERESSATE ALLAPPLICAZIONE: RAF LI Raffineria di Livorno RAF PV Raffineria di Sannazzaro RAF TA Raffineria di Taranto RAF VE Raffineria di Venezia STAD TO Stabilimento di Robassomero Raffineria di Gela S.p.A.

UNITA COMUNQUE COINVOLTE/INTERESSATE: INDLOG/GEDE INDLOG/COPRES INDLOG/TECIND INDLOG/TEIND HSEQ

0
REV

SNAMPROGETTI
REDAZIONE

TEIND
VERIFICA

TEIND
APPROVAZIONE

TEIND n.057-2007
PROTOCOLLO

AREA DI ARCHIVIAZIONE:

INDUSTRIALE

Eni

S.p.A. Divisione Refining & Marketing

CRITERI DI PROGETTAZIONE
MECCANIZZAZIONE DEI P&I DIAGRAMS

SPC.SN.MEC.0008 Rev.0 Novembre 2007

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0508 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 2 di 79

CONTENUTO
U

1.
TU UT TU

GENERALITA'
UT

1.1.
TU UT TU

Scopo e campo di applicazione


UT

1.2.
TU UT TU

Unit di misura
UT

1.3.
TU UT TU

Abbreviazioni
UT

2.
TU UT TU

PROCESSO DI LAVORO
UT

2.1.
TU UT TU

Meccanizzazione
UT

2.2.
TU UT TU

Elaborati prodotti
UT

3.
TU UT TU

P&I D. DEI SISTEMI PRIMARI E SECONDARI APPARECCHIATURE E MACCHINE


UT

3.1.
TU UT TU

Meccanizzazione
UT

3.2.
TU UT TU

Suddivisione dei flussi ai refrigeranti ad aria


UT

4.
TU UT TU

P&I D. DEI SISTEMI PRIMARI E SECONDARI - LINEE E RELATIVI COMPONENTI


UT

4.1.
TU UT TU

Determinazione delle condizioni di progetto e di esercizio


UT TU

4.2.
TU UT

Definizione dei dati per preparazione delle classi tubazioni


UT

4.3.
TU UT TU

Numerazione delle linee


UT TU

4.4.
TU UT

Meccanizzazione delle linee e dei relativi componenti


UT

5.
TU UT TU

P&I D. DEI SISTEMI PRIMARI E SECONDARI STRUMENTAZIONE


UT

5.1.
TU UT TU

Valvole di regolazione
UT

5.2.
TU UT TU

Valvole di sicurezza
UT

5.3.
TU UT TU

Strumentazione su linee/apparecchiature
UT

5.4.
TU UT TU

Valvole SDV (ON-OFF)


UT

6.
TU UT TU

P&I D. DISTRIBUZIONE SERVIZI


UT

6.1.
TU UT TU

Meccanizzazione
UT

6.2.
TU UT TU

Schemi antincendio
UT

7.
TU UT TU

P&I D: INTERCONNESSIONE
UT

7.1.
TU UT TU

Meccanizzazione
UT

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 3 di 79

1.
U

GENERALITA'
U U

1.1.

Scopo e campo di applicazione

1.1.1.

Il presente documento ha lo scopo di fornire i criteri con cui il Progettista IMP deve effettuare la meccanizzazione dei P&I D. dei sistemi primari, secondari, interconnessione e distribuzione servizi necessari per lo sviluppo della progettazione di impianti petroliferi e chimici nell'ambito delle attivit e delle competenze di ogni servizio.
Unit di misura
U

1.2.

1.2.1.

Le unit di misura da adottare nella meccanizzazione dei P&I D. sono quelle definite nel sistema internazionale (SI) ad eccezione delle unit di misura delle pressioni. Nel caso che nei sopra citati documenti non vengano definite alcune unit di misura, varr quanto contenuto nella normativa di adeguamento al sistema internazionale (SI).

1.2.2.

1.3.
U

Abbreviazioni

AUS IMP MEC PRC SMAUT SPEC. PIPING DN P&I D. RdA P.P. T.P. T.E. Cv

Tecnologie di base Sistemi Ausiliari Ingegneria Impiantistica Apparecchiature Meccaniche e Macchine Unit Tecnologica o di Processo competente Strumentazione e controllo Specificazione Componenti Piping Diametro Nominale Piping and Instrument Diagram Richiesta di Approvvigionamento Pressione di progetto Temperatura di progetto Temperatura di esercizio Coefficiente di efflusso (per valvole)

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 4 di 79

2.
U

PROCESSO DI LAVORO
Meccanizzazione
U

2.1.

2.1.1.

La meccanizzazione consiste nel completare i P&I D. con tutte le informazioni di base necessarie per lo sviluppo dei lay-out di dettaglio delle tubazioni e la definizione qualitativa dei componenti di tubazioni e strumentazione, con il grado di dettaglio necessario per l'acquisto. In tale ambito, l'Unit IMP: classifica tutte le tubazioni, attribuendo le specifiche dei materiali e numerando le stesse al fine di una ordinata gestione dei materiali, della costruzione e dei rivestimenti; include i dettagli meccanici e funzionali provenienti dalla progettazione delle apparecchiature e delle macchine, dai disegni dei fornitori, dalla definizione della strumentazione; prepara i P&I D. di distribuzione servizi e di interconnessione.

2.1.2.

Il processo di meccanizzazione viene eseguito in tre fasi distinte: U

I Fase: a) meccanizzazione dei P&I D. dei sistemi primari e secondari. In questa fase vengono svolte tutte le attivit di meccanizzazione dei P&I D. ad esclusione di quelle legate alla disponibilit di dati dai Fornitori. Ad esempio, non sono normalmente disponibili le dimensioni delle valvole di regolazione, delle valvole di sicurezza, degli accoppiamenti alle macchine e package, ecc.;
U

b) definizione dei P&I D. di distribuzione servizi e di interconnessione al fine del dimensionamento dei collettori. II Fase: a) aggiornamento dei P&I D. dei sistemi primari e secondari in funzione dei dati disponibili dai Fornitori;
U U

b) aggiornamento dei P&I D. di distribuzione servizi e di il dimensionamento dei collettori. U U

interconnessione con

III Fase: a) completamento di tutti i P&I D. (dei sistemi primari e secondari, di distribuzione e di interconnessione) in funzione dei disegni finali ricevuti dai Fornitori.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 5 di 79

2.2.
U

Elaborati prodotti

2.2.1.

Gli elaborati prodotti a fronte di questa attivit sono: - P&I D. dei sistemi primari e secondari (per quanto di competenza dell'Unit IMP); - P&I D. di distribuzione servizi; - P&I D. di interconnessione; - Elenco linee; - Insiemi di Progetto. Elenco linee E' l'elenco ordinato di tutte le tubazioni per impianto, servizio e numero progressivo per permetterne una rapida individuazione in tutte le fasi della progettazione e della costruzione. Tale elenco viene ottenuto compilando, nella prima fase di meccanizzazione, il Foglio Dati del piano delle specifiche. Nell'elaborato sono indicati: tipologia del fluido e numero progressivo; descrizione del punto di origine e di destinazione di ogni linea; diametro nominale; classe tubazioni; tipo finitura linea; temperatura di esercizio e di progetto; pressione di progetto; fluido da usare per il collaudo (se diverso dall'acqua) e relativa pressione; saldatura.

2.2.2. 2.2.2.1.

2.2.2.2.

2.2.3. 2.2.3.1.

Insiemi di Progetto Gli "insiemi" sono la raccolta delle soluzioni tipiche scelte per il Progetto per quanto riguarda l'assemblaggio e l'installazione di sfiati, dreni, connessioni con strumenti, ecc. Gli "insiemi" normalmente riguardano: sfiati e drenaggi; drip ring; prese di pressione; tipico per prese di pressione sulle apparecchiature; prese per aria strumenti; prese di temperatura; flange tarate con rispettive connessioni e tabella dei tratti diritti a monte e valle da rispettare nell'installazione; orientamento delle connessioni sulle flange tarate. Vedere documentazione per installazione tipici di strumentazione, sfiati e dreni.

2.2.3.2.

2.2.3.3.

In tutti i casi dove si prevede un utilizzo frequente dei dreni anche dopo i collaudi (es.: drenaggi gruppi di regolazione), devono essere previsti insiemi valvolati, con una valvola per rating 600# e con due valvole per rating 900#.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 6 di 79

3.
U

P&I D. DEI SISTEMI PRIMARI E SECONDARI - APPARECCHIATURE E MACCHINE


Quanto descritto in questa sezione deve essere inteso come completamento di quanto eventualmente gi rappresentato nei P&I D. ricevuti da PRC.

3.1.
U

Meccanizzazione

3.1.1.

La meccanizzazione delle apparecchiature e delle macchine consiste nel fornire i dettagli meccanici di tutti i componenti, ad esempio rappresentando tutti i corpi degli scambiatori (vedere fig.1), i serpentini dei forni, ecc. e fornendo tutti i dati necessari per la loro identificazione. A tal fine, il P&I D. viene completato aggiungendo, se non gi predisposta nella parte inferiore dell'elaborato, una tabella contenente tutti i dati relativi a tutte le apparecchiature/macchine presenti sull'elaborato. Oltre alla descrizione del servizio, si indicano: Scambiatori a fascio tubiero: Pressione di progetto e temperatura di esercizio e progetto su entrambi i lati mantello/tubi e coibentazione. Refrigeranti ad esercizio/progetto. Recipienti: aria: Pressione di progetto, temperatura di

3.1.2.

Pressione di progetto, temperatura di esercizio/progetto, diametro interno, lunghezza del recipiente da tangente a tangente e coibentazione. Pressione di progetto, temperatura di esercizio/progetto, diametro interno, lunghezza della colonna da tangente a tangente e coibentazione. Pressione di progetto, temperatura di esercizio/progetto, diametro interno, lunghezza del reattore da tangente a tangente e coibentazione. Pressione di progetto, temperatura di esercizio/progetto, diametro interno, altezza e coibentazione. Pressione di progetto, temperatura entrata/uscita e coibentazione. di esercizio di

Colonne:

Reattori:

Serbatoi: Forni: Filtri: Silenziatori:

Portata massima, pressione differenziale con filtro pulito e sporco. Pressione di progetto, temperatura di esercizio/progetto.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 7 di 79

Pompe:

Pressione differenziale, temperatura di esercizio, massima pressione di aspirazione e portata. di

Compressori e Ventilatori: Pressione di aspirazione e mandata, temperatura aspirazione/ mandata, numero di giri e potenza motore. Turbine: Eiettori:

Pressione di progetto, temperatura di esercizio, pressione della condensa e numero di giri. Pressione di progetto, temperatura di esercizio/progetto e coibentazione.

3.1.3.

I dati necessari per la compilazione delle tabelle sono da ricavare dalle specifiche di progetto delle apparecchiature e delle macchine emesse da PRC o dalle specifiche meccaniche emesse dalla Unit competente. Qualora si dovessero notare incongruenze tra la specifica di Progetto ed il P&I D. (pu accadere che le temperature e/o pressioni non siano coerenti con i relativi circuiti e/o sistemi) l'Unit interessata deve essere coinvolta per la risoluzione del problema. Nella Tabella 3.1.4.a sono precedentemente descritto. riportati alcuni esempi raffiguranti quanto

3.1.4.

3.1.5.

Oltre a quanto sopra descritto, sui bocchelli di apparecchiature/macchine collegati a tubazioni e/o strumenti, devono essere indicati i rispettivi diametri e rating, quando diversi da quelli delle tubazioni collegate. Tutti gli spurghi, drenaggi e sfiati dovranno essere flangiati e provvisti di doppia valvola di blocco e con diametro non inferiore a 1, con esclusione di quelli relativi ai servizi. Tutti gli attacchi alle colonne e/o recipienti in pressione per strumentazione, servizi e bonifiche ecc. dovranno essere muniti di saracinesche o valvole di intercettazione poste alla radice e dovranno avere flangiatura ANSI 600# per diametri fino a 1-1/2 ed in accordo al rating di linea per diametri superiori. Tutte le apparecchiature devono avere un adeguato collegamento a P.O.. per le bonifiche doppia valvola, disco a 8 e spurgo come da figura 2 (per rating 900# lo stacco alla radice dellapparecchio deve avere doppia valvola). Tutti gli scambiatori devono avere il dreno a P.O. (lato HC) come le colonne e i recipienti (doppia valvola alla radice). Vedere punto 3.1.8. Tutti gli scambiatori dovranno essere provvisti di collegamenti allo scopo di poter eseguire le prove idrauliche; tali collegamenti devono essere previsti flangiati con valvola e muniti di flangia cieca. Tutti gli scambiatori dovranno avere prese termometriche e monometriche flangiate in entrata ed uscita.

3.1.6

3.1.7

3.1.8

3.1.9

3.1.10

3.1.11

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 8 di 79

3.1.12

Si dovranno prevedere opportuni tronchetti di drenaggio muniti di valvola di blocco, tubo filettato e tappo. I refrigeranti ad acqua devono essere progettati in relazione alla temperatura massima di esercizio del fluido trattato compreso vapore a bassa pressione (circa 180) per la loro eventuale bonifica. Le tubazioni di uscita dellacqua di refrigerazione dai refrigeranti dovranno essere munite di by-pass (da 2) della valvola di intercettazione per consentire la regolazione fine della portata. Tutti i refrigeranti ad acqua devono avere uno stacco sulla linea di entrata per il controlavaggio (almeno 2 e da 4 per tubazioni da 6 in poi). Prevedere uno stacco valvolato anche sulla linea di uscita acqua mare per eventuali collegamenti supplementari. Prevedere inoltre degli stacchi valvolati dai collettori principali, dalla parte superiore, per le linee di ingresso e di uscita acqua mare per ogni singolo apparecchio.

3.1.13

3.1.14

3.1.15

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 9 di 79

Tabella 3.1.4.a - Esempio di alcune tabelle descrittive K-..... DESCRIZIONE COMPRESSORE


U

V-..... DESCRIZIONE RECIPIENTE


U

K-..... DESCRIZIONE SCAMBIATORE


U

TEMP. DI ASPIR. PRESS. DI ASPIR. PRESS. DI MANDATA TEMP. DI PROGETTO VELOCITA COMPR. POTENZA MOTORE

= ........C = ........ bar = ........ bar = ........C = ... ... RPM = ........ KW

P.P. T.E T.P. DIA. INT. LUNGHEZZA DA TANGENTI COIBENTAZIONE

= ........ bar = ........C = ........C = ........ mm = ........ mm = SI / NO P.P. T.P. bar C T.E. ENT./USC. C COIBENTAZIONE

MANTELLO ....... ....... ....... SI / NO

TUBI ....... ....... ....... SI / NO

C-..... DESCRIZIONE COLONNA


U U U U U

P-..... DESCRIZIONE POMPA


U U U U

H-..... DESCRIZIONE FORNO


U U U

P.P. T.E T.P. DIA. INT. LUNGHEZZA DA TANGENTI COIBENTAZIONE

= ........ bar = ........C = ........C = ........ mm = ........ mm = SI / NO

P T.E MAX PRES. ASPIR. PORTATA

= ........ bar = ........C = ........ bar = ........ m3 / h


P P

P.P. T.E. ENT. T.E. USC. COIBENTAZIONE N. DI BRUCIATORI N. DI TUBI CATALITICI

= ........ bar = ........C = ........C = ........C = ....... = .......

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 10 di 79

Figura 1 - Rappresentazione unifilare di alcuni tipi di scambiatori

Note: - I tipi di scambiatori sopra indicati sono i pi comunemente utilizzati. - Ricordarsi di verificare e sistemare, se necessario, gli schemi per posizione bocchelli e tipi di scambiatore dopo il ricevimento del disegno dall'Unit interessata.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 11 di 79

Figura 2

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 12 di 79

3.2.
U

Suddivisione dei flussi ai refrigeranti ad aria

3.2.1.

La suddivisione dei flussi ed il dimensionamento dei subcollettori relativi vengono definiti da PRC non appena stato definito il dimensionamento termico (e quindi il numero di fasci) dei refrigeranti ad aria. La figura 3 riporta un esempio di meccanizzazione delle tubazioni relative ad un refrigerante ad aria. Ai fini di stime veloci (offerte, premeccanizzazioni per elenchi materiali per convenzioni, ecc.) o comunque per un primo orientamento in assenza di altre informazioni, possono essere applicati i seguenti criteri di suddivisione e dimensionamento dei relativi subcollettori. Oltre a quanto successivamente indicato, bisogna considerare eventuali prescrizioni contrattuali o di esercizio quali ad esempio: possibilit di intercettare ogni fascio (per manutenzione), possibilit di marciare con sezioni parzializzate, ecc. I criteri di suddivisione del flusso variano in funzione dello stato del prodotto in entrata, individuabile sulle relative specifiche di processo, che pu essere: gas o liquido: flusso monofase; misto : flusso bifase.

3.2.2.

3.2.3.

3.2.4. 3.2.4.1.

Flusso monofase Il flusso in entrata/uscita bocchelli deve essere equamente suddiviso tramite l'utilizzo di collettori, con le seguenti modalit: con un collettore di alimentazione ed uno di prelievo, per refrigeranti con lunghezza del fascio 60 m (esempio A) con due collettori di alimentazione e due di prelievo, per refrigeranti con lunghezza del fascio > 60 m (esempio B).

Per ogni unit di refrigerazione dovr essere prevista la possibilit di escludere e smontare separatamente, per manutenzione o sostituzione, singoli banchi di tubi, senza che si renda necessario distogliere dal servizio lintera attrezzatura. 3.2.4.2. Per il dimensionamento dei collettori devono essere applicate le seguenti prescrizioni: a) collettori di alimentazione
U U

Questi collettori vengono dimensionati rispettando il rapporto dato da b/F = 1,31 dove : b = sezione del collettore da definire; F = sommatoria delle sezioni del 50% dei bocchelli in entrata al refrigerante (vedere esempi); b) collettori di prelievo
U U

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 13 di 79

Questi collettori vengono dimensionati rispettando il rapporto dato da b/F = 2,36 dove: b = sezione del collettore da definire; F = sommatoria delle sezioni del 50% dei bocchelli in uscita dal refrigerante. 3.2.4.3. Per garantire un'accettabile suddivisione dei flussi, la ripartizione in entrata/uscita deve essere realizzata come indicato nell'esempio D.

ESEMPIO "A"

ESEMPIO "B"

ESEMPIO "C"

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 14 di 79

ESEMPIO "D"

3.2.5. 3.2.5.1.

Flusso bifase Il flusso in entrata deve essere suddiviso in modo da mantenere le due fasi il pi possibile miscelate e garantire quindi una buona efficienza di scambio nei refrigeranti. Le modalit di ripartizione del flusso e di dimensionamento dei collettori di alimentazione sono le stesse previste per refrigeranti con flusso monofase, con le seguenti precisazioni per facilitare una miscelazione delle due fasi: a) indispensabile garantire una buona simmetria; b) indispensabile realizzare cambi di direzione e/o innesti su piani perpendicolari tra loro (esempio E); c) per ogni unit di refrigerazione dovr essere prevista la possibilit di escludere e smontare separatamente, per manutenzione o sostituzione, singoli banchi di tubi, senza che si renda necessario distogliere dal servizio lintera attrezzatura. Dopo aver dimensionato i collettori ed aver eseguito le opportune verifiche di Stressanalysis, la distribuzione ottenuta deve essere sottoposta a PRC che provvede a verificare i tipi di moto presunti nelle varie sezioni ed a calcolare le perdite di carico. Una distribuzione accettabile quella che risulta dall'equilibrio dei vari fattori influenti.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 15 di 79

3.2.5.2.

Il flusso in uscita non richiede particolari modalit di suddivisione. I collettori di prelievo possono essere dimensionati con le stesse modalit previste per refrigeranti con flusso monofase, oppure con soluzioni analoghe a quelle previste per i relativi collettori di alimentazione. Per quanto riguarda l'attendibilit dei valori ottenuti applicando i criteri indicati nei precedenti paragrafi si f osservare che: a) per le linee in ingresso il calcolo fornisce valori leggermente in difetto per le basse e medie pressioni e valori in eccesso per le alte pressioni; b) per le linee in uscita il calcolo fornisce valori attendibili per le basse e medie pressioni e valori in eccesso per le alte pressioni.

3.2.6.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 16 di 79

Figura 3 - Esempio di meccanizzazione dei refrigeranti ad aria

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 17 di 79

Figura 4 TIPICO REFRIGERANTE AD ARIA

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 18 di 79

4.
U

P&I D. DEI SISTEMI PRIMARI E SECONDARI - LINEE E RELATIVI COMPONENTI


Determinazione delle condizioni di progetto e di esercizio
U

4.1.

4.1.1. 4.1.1.1.

Pressione di progetto Si assume come pressione di progetto, in un sistema di tubazioni soggetto a pressione interna, il maggiore tra i seguenti valori: a) la pressione di progetto dell'apparecchiatura, compressore e/o pompa non centrifuga alla quale il sistema collegato; b) la pressione non inferiore a quella di shut-off od a quella risultante dalla somma della pressione max. di aspirazione pi 1,2 volte la max. pressione differenziale, nel caso di tubazioni in mandata pompa centrifuga non protetta da valvola di sicurezza, fino all'ultima valvola di intercettazione (questo criterio quello normalmente applicato, salvo diversa richiesta da parte del Cliente). Qualora il valore della pressione di intervento delle valvole di sicurezza presenti nel sistema tubazioni/apparecchiature risulti inferiore ad a) e/o b), questo deve essere assunto come pressione di progetto.

4.1.1.2. 4.1.1.3.

In un sistema di tubazioni con pressione interna < 0 Pa e con pressione esterna atmosferica, si assume come pressione di progetto il vuoto assoluto. La pressione di progetto viene utilizzata per la progettazione di tutto il sistema tubazioni a partire dalla macchina operatrice (od apparecchiatura) situata a monte del sistema stesso, fino a comprendere l'ultima valvola posta prima dell'ingresso nell'apparecchiatura con pressione di progetto inferiore. Nei sistemi comprendenti gruppi di valvole regolatrici, la pressione di progetto assunta per il tratto a monte della valvola regolatrice viene applicata fino alle relative valvole di intercettazione a valle della valvola regolatrice stessa ed includendo la valvola di "by-pass". Per i tratti di tubazioni incamiciate oltre alla pressione interna si deve considerare anche la condizione di tubo con pressione agente nell'intercapedine e quindi esternamente al tubo stesso. Nel caso che la linea interna risulti soggetta ad una pressione inferiore di quella della linea esterna, si assume come pressione di progetto della linea interna il vuoto assoluto pi la pressione esterna alla.camicia. Per gli scaricatori di condensa va considerata e mantenuta la pressione della linea del vapore fino alla valvola di intercetto inclusa, installata a valle dello stesso scaricatore.

4.1.1.4.

4.1.1.5.

4.1.1.6.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 19 di 79

4.1.2. 4.1.2.1.

Temperatura di progetto Di norma, e salvo diversa richiesta da parte del Cliente, la temperatura di progetto del fluido in una tubazione viene definita come la maggiore fra le temperature operative +30 C, in particolare: a) se il fluido proviene da apparecchiature aventi differenti temperature di progetto in funzione della zona di collegamento (ad esempio, a seconda dell'altezza, nel caso di colonne di frazionamento) queste sono definite nella relativa specifica di processo ed a questa si deve fare riferimento per determinare la temperatura di progetto della tubazione in esame; b) quando una tubazione collega due apparecchiature aventi temperature di progetto differenti, come temperatura di progetto del fluido viene sempre assunta quella dell'apparecchiatura a monte.

4.1.2.2.

Si assume come temperatura di progetto del materiale costituente la tubazione: a) nel caso di tubazioni coibentate esternamente, o di giunti flangiati non previsti dalle normative applicabili, la temperatura la medesima assunta per il fluido convogliato; b) nel caso di tubazioni rivestite internamente o refrattariate, la temperatura del materiale metallico la medesima assunta per il fluido convogliato sempre che l'esperienza in situazioni simili non consenta l'assunzione di temperature inferiori che possono essere dedotte dal calcolo del singolo caso specifico; c) in tutti gli altri casi (tubazioni non coibentate e/o non rivestite) la temperatura la medesima assunta per il fluido convogliato (quando questa risulti essere 38 C) oppure (per temperature superiori) pu essere ottenuta riducendo la temperatura assunta per il fluido convogliato utilizzando i coefficienti ammessi dalle normative applicabili (Es.: per ASME B31.3 vedere paragr. 301.3.2 "Uninsulated Components"); d) Nel caso di linee di sfiato prolungato di prodotti che espandendo raffreddano a < -29 C, occorre prevedere la temperatura di progetto a monte della valvola di espansione uguale a quella prevista a valle.

4.1.3. 4.1.3.1.

Temperatura di esercizio Si definisce temperatura di esercizio di una tubazione la temperatura corrispondente a quella del fluido convogliato nelle condizioni normali di esercizio. La suddetta temperatura viene applicata nella determinazione degli spessori di coibentazione e nell'analisi delle sollecitazioni termiche. Nel caso di tubazioni soggette ad accompagnamento vapore e/o incamiciate, si assume quale temperatura di esercizio una delle seguenti:

4.1.3.2.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 20 di 79

a) temperatura pari al 70% della temperatura di esercizio del vapore, nel caso di tracciatura convenzionale senza impiego di cemento termoconvettore e nel caso che detta temperatura sia maggiore di quella di esercizio del fluido di processo; b) temperatura di esercizio del vapore, nel caso di tracciatura con impiego di cemento termoconvettore e/o nel caso di tubazione incamiciata; c) temperatura di esercizio del fluido di processo (punto 4.1.3.1.), se uguale o superiore alla temperatura di cui ai punti a) e b).

4.1.4.

Superamento dei valori ammissibili per periodi di breve durata Per periodi di breve durata, nelle tubazioni in esercizio possono venire superati i valori delle sollecitazioni, entro i limiti che vengono definiti dalle normative applicabili (Es.: per ASME B31.3 vedere paragr. 302.2.4 "Allowances for Pressure and Temperature Variations").

4.1.5.

Tubazioni convoglianti fluidi dissimili Nel caso di tubazioni convoglianti intermittentemente fluidi molto dissimili (ad esempio tubazioni percorse da fasi di rigenerazione, catalizzatori o simili) ed aventi temperature e pressioni di progetto molto diverse, si considerano le varie coppie di valori di temperatura e pressione possibili, assumendo come valori di progetto quelli che comportano la situazione di sollecitazione pi severa. Se tale situazione si verifica per brevi periodi, si considera quanto descritto nel paragrafo 4.1.4.

4.2.
U

Definizione dei dati per preparazione delle classi tubazioni

4.2.1. 4.2.2.

I dati necessari per la preparazione delle classi tubazioni sono quelli richiesti nei Fogli Dati ricevuti da processo. Questi dati sono ricavabili dai P&I D., dalle specifiche di processo delle apparecchiature e dalle tabelle informazioni dei servizi, ricevuti da PRC. I Fogli Dati costituiscono la base per l'elaborazione delle classi tubazioni da parte di specifiche piping che provvede a raggruppare tutte le linee secondo i dati funzionali di Progetto, in modo da definire le caratteristiche meccaniche e costruttive necessarie alla realizzazione delle stesse.

4.2.3.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 21 di 79

4.3.
U

Numerazione delle linee

4.3.1.

Tutte le linee del sistema tubazioni (sia di processo che dei servizi) devono essere identificabili attraverso un sistema di numerazione del tipo seguente:

Temperatura di esercizio

12 - 40 - P13 - 77 A - I
Pressione di progetto (relativa)

Ove, nell'ordine, sono indicati: - diametro nominale linea - codice impianto di appartenenza - codice fluido convogliato - numero progressivo di linea - codice classe tubazioni - codice di coibentazione/verniciatura - pressione di progetto (vedere paragrafo 4.1.1.) - temperatura di esercizio (vedere paragrafo 4.1.3.) 4.3.1.1. La temperatura di progetto viene indicata solo nel caso in cui essa risulti superiore al valore ottenuto dalla temperatura di esercizio pi 30C, come previsto dai programmi software gestione materiale piping. In questo caso sul P&I D. verr rappresentato un rombo come da esempio "A", modificando sull'emissione finale dell'elenco linee da specifiche piping il valore di temperatura di progetto. Nel caso di linee coibentate a freddo, ma con una temperatura di esercizio compresa tra +1C e +15C, sul P&I D. verr rappresentato un rombo come da esempio "B". In fase di input dati deve essere inserita una temperatura di esercizio di 0C, modificando sull'emissione finale dell'elenco linee da specifiche piping il valore di temperatura di esercizio e quello di temperatura di progetto. Nel caso di linee coibentate a freddo con temperature inferiori allo 0C, sul P&I D. verr rappresentato un rombo come da esempio "C", modificando sull'emissione finale dell'elenco linee da specifiche piping il valore di temperatura di progetto. T.P.
da 1a 15

4.3.1.2.

4.3.1.3.

T.E. P.P.

-1 P.P.

P.P.

Esempio "A"

Esempio "B"

Esempio "C"

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 22 di 79

4.3.2.

Diametro nominale linea In questo campo si definisce il diametro nominale della linea espresso nella forma richiesta dalla normativa di progettazione applicabile al Progetto.

4.3.3.

Codice impianto E' un codice numerico o alfanumerico per la codifica di unit di impianto.

4.3.4.

Codice fluido convogliato E un codice della tipologia di fluido che passa allinterno della linea e viene definito a progetto.

4.3.4.1.

Il codice del tipo di fluido convogliato in una linea viene individuato con un codice letterale, costituito da una o due lettere.

4.3.5. 4.3.5.1. 4.3.5.2. 4.3.5.3.

Numero progressivo di linea Ad ogni linea di processo o di servizio viene attribuito un codice che pu essere, a seconda delle esigenze, sia numerico che alfa-numerico. Ogni cambio di codice impianto e di codice fluido corrisponde ad un cambiamento del numero di linea. I componenti tubazioni aggregati ad ogni apparecchiatura (livelli, sfiati, drenaggi, ecc.) devono essere individuati con un numero di linea (trim line) da indicare sotto la sigla dell'apparecchiatura. Il numero viene attribuito con gli stessi criteri indicati nei punti precedenti.

4.3.6.

Codice classe tubazioni La codifica del numero di linea viene definito a progetto allinterno della specifica generale di numerazione documenti.

4.3.6.1. 4.3.6.2.

Ad ogni classe tubazioni viene attribuito da specifiche piping un codice. Una classe tubazioni rappresenta il raggruppamento di tutti le tubazioni aventi gli stessi dati di progetto e vincoli funzionali quali, tipo di materiale, sovraspessore di corrosione, rating, ecc.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 23 di 79

4.3.7. 4.3.7.1.

Codice di coibentazione/verniciatura Per tutte le linee del sistema tubazioni (sia di processo che dei servizi) deve essere definito il tipo di finitura che deve essere applicato. I codici da utilizzarsi sono definiti a progetto.

4.3.8. 4.3.8.1.

Cambiamenti del numero di linea nell'ambito di un Impianto/Complesso Una volta fissato un numero di linea, questo deve essere mantenuto per quanto possibile, ad es.: da bocchello a bocchello, da bocchello a valvola di sicurezza, collettori su pipe-rack. Gli stacchi da un collettore comportano generalmente il cambiamento del numero di linea, con le seguenti eccezioni: a) b) c) d) stacchi che vanno alla pompa principale e di riserva; stacchi che vanno in parallelo alla stessa apparecchiatura. stacchi in prelievo e/o in alimentazione piatti di una colonna; I by-pass di gruppi di regolazione.

4.3.8.2.

4.3.8.3.

Considerare inoltre che: a) lo stacco di collegamento tra una linea e una valvola di sicurezza deve avere un numero di linea diverso da quello della linea dal quale si diparte; b) le derivazioni che si staccano dalle linee interrate mantengono lo stesso numero di linea fino alla flangia fuori terra, in corrispondenza della quale sar indicato sia il cambio di numero che quello di rivestimento (ed eventualmente di specifica); c) nel caso di una linea parzialmente tracciata con vapore devono essere previsti due numeri di linea: uno con i dati della tracciatura e l'altro con i dati "base".

4.3.8.4.

I cambiamenti del numero di linea vengono eseguiti: tra flangia e flangia (quando non cambia anche il rating delle flange); su riduzione (in questo caso il cambio verr effettuato sul diametro maggiore); in corrispondenza di intersezioni; su tubazione.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 24 di 79

4.3.9. 4.3.9.1.

Criteri per la numerazione delle linee in ingresso e/o in uscita di valvole ad angolo, valvole a tre vie, valvole di sicurezza, aspirazione pompe,ecc. Valvole ad angolo: numero di linea identico in ingresso ed in uscita.

4.3.9.2.

Valvole a tre vie: numero di linea identico per le tre linee, oppure variare solo quella in derivazione.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 25 di 79

4.3.9.3.

Valvole di sicurezza: numeri di linea diversi tra ingresso ed uscita.

TIPICO PSV DI PROCESSO CON RATING 600#

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 26 di 79

TIPICO PSV DI PROCESSO CON RATING 900#

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 27 di 79

TIPICO SCHEMA DI MONTAGGIO PSV DOPPIE DI PROCESSO CON RATING 600#

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 28 di 79

TIPICO SCHEMA DI MONTAGGIO PSV DOPPIE DI PROCESSO CON RATING 900#

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 29 di 79

4.3.9.4.

In presenza di una valvola con un elevato delta P, si dovr indicare a monte ed a valle di questa, la pressione di progetto e la temperatura di esercizio, con cambio del numero di linea indipendentemente dal cambio o meno della classe.

GRUPPO DI CONTROLLO CON RATING 600#

TIPICO GRUPPO DI CONTROLLO CON RATING 900#

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 30 di 79

4.3.9.5.

Aspirazione pompe Sulle linee di aspirazione pompe quando sono installate due opi pompe in serie o in parallelo e si verificano cambi di pressione di esercizio o cambio di rating bisogna cambiare il numero di linea partendo dalla valvola di blocco dellla linea di aspirazione compresa fino al bocchello della pompa, mantenendo i dati delle linee di mandata.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 31 di 79

4.3.9.6.

Linee in entrata/ uscita scambiatori Le linee in entrata e uscita scambiatori saranno realizzate in accordo alle seguenti figure 1/2/3.

FIGURA 1 TIPICO PER REFRIGERANTE AD ACQUA MARE CON SISTEMA DI CONTROLAVAGGIO

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 32 di 79

FIGURA 2 TIPICO DI UNO SCAMBIATORE

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 33 di 79

FIGURA 3 TIPICO DI UNO SCAMBIATORE ESCLUDIBILE E CON POSSIBILITA DI ESSERE MANUTENZIONATO

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 34 di 79

4.3.10.

Cambiamenti del numero per linee interessate a pi impianti Se una linea interessata a due o pi impianti, sia che questi ultimi siano posti su di una o pi isole, la numerazione della linea dovr seguire i seguenti criteri: Caso A Isola comprendente due o pi impianti con limiti di batteria non individuabili: la linea manterr lo stesso numero di individuazione e lo stesso codice dell'impianto di origine per tutto il suo percorso (vedere esempio A). Isola comprendente due impianti aventi limiti di batteria individuabili: la linea manterr il numero di individuazione e lo stesso codice d'impianto di origine fino al limite batteria definito, per poi assumere un nuovo numero d'individuazione e il codice d'impianto di arrivo (vedere esempio B). Linea di processo attraversante due o pi isole: la linea manterr lo stesso numero di individuazione e lo stesso codice d'impianto di origine fino al limite batteria dell'isola di arrivo, per poi assumere un nuovo numero di individuazione e il codice dell'impianto di arrivo. Normalmente in questi casi, il limite di batteria si fa coincidere con la mezzeria della strada (vedere esempio C). Collettori generali dei servizi: dato il loro numero limitato consigliabile mantenere invariato, per tutta la linea, il numero d'individuazione, cambiando al limite batteria di ogni isola (mezzeria strada) il codice d'impianto assumendo quello dell'impianto pi significativo nell'ambito dell'isola stessa (vedere esempio C). Le derivazioni (sub-collettori) dai collettori principali verranno numerate dallo stacco sul collettore, attribuendo come numero di individuazione il numero successivo a quello del o dei collettori principali e come codice d'impianto quello appartenente al pi significativo nell'ambito dell'isola stessa (vedere esempio C). Linee che durante il loro percorso cambiano numero: occorre indicare sugli schemi i relativi numeri di disegno e di linea di riferimento, affinch sia possibile effettuare i collegamenti (vedere esempio D).

Caso B -

Caso C -

Caso D -

Caso E -

Caso F -

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 35 di 79

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 36 di 79

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 37 di 79

4.4.
U

Meccanizzazione delle linee e dei relativi componenti

4.4.1.

La meccanizzazione delle linee e dei relativi componenti consiste nel fornire tutti i dettagli e le indicazioni necessarie per la loro identificazione e specificazione, al fine di permettere sia la corretta stesura dei layouts delle tubazioni e i relativi conteggi materiali con emissione delle RdA. A tal fine, il P&I D. viene completato aggiungendo, sulle linee e sui relativi componenti, le seguenti informazioni: a) Limiti di competenza In caso di linee collegate ad impianti o apparecchiature/ macchine forniti packages (es.: compressori forniti completi di ausiliari e linee di connessione) sul P&I D. devono essere indicati: - i limiti di competenza (triangolo rovesciato); - il diametro di connessione; - il tipo di accoppiamento richiesto (BW: saldato oppure FLG: flangiato); - lo spessore od il rating. Esempio di indicazione:

4.4.2.

b) Cambi di classe I cambi di classe sulla linea e/o sugli accoppiamenti tra linea ed apparecchiatura/macchina devono essere indicati sui P&I D. Nel caso il cambio di classe sia limitato al cambio materiale (con rating invariato) non si riscontrano particolari problematiche.
U U

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 38 di 79

Nel caso il cambio di classe sia reso necessario da un cambio nelle condizioni (rating), esso deve essere realizzato sulla base delle seguenti considerazioni: 1) la condizione pi gravosa deve essere estesa fino alla prima intercettazione(valvola e/o disco ad otto); 2) per permettere l'installazione, la flangia di accoppiamento e la valvola di intercettazione devono avere lo stesso rating; 3) il materiale del tratto di linea fino alla prima intercettazione, guarnizioni comprese, deve essere compatibile con il fluido convogliato nella linea/apparecchiatura/ macchina con le condizioni pi gravose; 4) la flangia assegnata alla specifica di rating minore avr rating e tipo faccia della specifica con il rating maggiore ma conserver spessore e materiale della specifica di appartenenza, prevedendo nella classe di linea flange con varie opzioni come da esempio sotto indicato: a) per le piping class in serie 150# bisogna prevedere lopzione (3) per le flange normali, lopzione (31) per le flange con jack screw e lopzione (3) per il disco a 8 per la serie 300#. Per la serie 600# bisogna prevedere lopzione (5) per le flange normali, lopzione (51) per le flange con jack screw e lopzione (5) per il disco a 8. b) per le piping class in serie 300# bisogna prevedere lopzione (5) per le flange normali, lopzione (51) per le flange con jack screw e lopzione (5) per il disco a 8, con modalit simili per rating superiori. c) queste opzioni delle flange e dei dischi a 8 devono essere definite di volta in volta in base alle esigenze del progetto dei rating richiesti. La scelta dellopzione sul disco a 8 da applicare solo quando il disco a 8 va installato su un bocchello di una apparecchiatura. d) per la definizione delle scelte vedere le seguenti tabelle riepilogative per flange valvole e altri componenti.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 39 di 79

Tabella riepilogativa posizione valvole


DESCRIZIONE Gate Gate Rating 300 Gate sw x thd Gate THD Gate CR1_critical valve Gate Double Block valve FLG_FLG Gate Double Block valve BW_FLG Gate Welded BW Gate Rating 600 Gate FLGD 1-1/2 Gate FLGD 1-1/2 (300) Gate FLGD 1-1/2 (600) Gate Criogenic Ball RB Ball FB Ball RB CR1_critical valve Ball FB CR1_critical valve Ball RB temp above 180 C Red port Criogenic Ball RB Welded BW Ball FB Welded BW Ball RB temp above 180 C Ball RB Position switch Ball FB Position switch Ball RB thd x pe Ball RB FLGD 1-1/2 Ball RB THD Ball FB TSO CR1_critical valve Ball FB TSO Ball RB CR1_critical valve above 180 C Ball Double Block valve BW_FLG Ball Double Block valve FLG_FLG Ball FB thd x pe Ball FB FLGD 1-1/2 Ball FB THD Ball FB Rating 300 POS. 1 3 11 12 13 19 20 21 24 31 33 35 37 7 8 17 18 54 55 57 58 59 93 94 70 71 72 73 74 75 76 79 80 81 82 83 DESCRIZIONE Ball FB Rating 600 Ball FB CR1_critical valve above 180 C Globe Globe CR1_critical valve Globe FLGD 1-1/2 Globe Welded Globe sw x thd Globe THD Globe Rating 300 Globe Rating 600 Globe valve with Mechanical STOP Globe valve with CV Globe criogenic Globe FLGD 1-1/2 Globe FLGD 1-1/2 (600) Angle globe valve Y Globe valve Y Globe CR1_critical valve Plug Plug Rating 300 Plug Rating 600 Needle valve Butterfly Butterfly CR1_critical valve Diaphragm valve Check Check CR1_critical valve Check diff from 6 (Swing) Check diff from 6 (Nozzle check) Check Rating 300 Check Rating 600 Check Automatic Vent Valve Check Air Inlet Realise Valve Check Dual plate BPC Piston valve POS. 85 92 4 15 30 40 41 42 43 45 46 47 48 51 52 05 44 49 9 90 91 77 2 14 89 6 16 53 60 63 65 66 67 99 98

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 40 di 79

Tabella riepilogativa posizione flange


DESCRIZIONE Flange Flange Rating 300 Flange Rating 600 Flange Rating 600 RF Flange with Jack Screw Flange FF in SPC. RF Flange RF in SPC. FF Flange RF in SPC. RJ Flange RJ in SPC. RF Long Weld Neck Slip-on (Diverso tipo di flg) WN (Diverso tipo di flg) Lap joint (Diverso tipo di flg) Dielectric flange Dielectric flange Rating 300 Dielectric flange Rating 600 Flange with Jack Screw Rating 300 Flange FF in SPC. RF Rating 300 Flange RF in SPC. FF Rating 300 Flange RF in SPC. RJ Rating 300 Flange RJ in SPC. RF Rating 300 Long Weld Neck (Diverso tipo di flg) Rating 300 Slip-on (Diverso tipo di flg) Rating 300 WN (Diverso tipo di flg) Rating 300 Lap Joint (Diverso tipo di flg) Rating 300 Reducing Flange Galv Reducing Flange Galv Rating 300 Flange with Jack Screw Rating 600 Flange FF in SPC. RF Rating 600 Flange RF in SPC. FF Rating 600 Flange RF in SPC. RJ Rating 600 Flange RJ in SPC. RF Rating 600 Long Weld Neck (Diverso tipo di flg) Rating 600 Long Weld Neck (Diverso tipo di flg) Rating 600 Slip-on (Diverso tipo di flg) Rating 600 WN (Diverso tipo di flg) Rating 600 Flange Rating 150RF in spcec Rating 300 POS. 1 3 5 50 11 12 17 18 19 1 15 14 16 21 23 26 31 32 37 38 39 33 35 34 36 41 43 51 52 57 58 59 53 55 54 56 13

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 41 di 79

Nella figura 3 vengono rappresentati alcuni esempi di cambio di classe nel caso di cambio di condizioni. c) Numeri degli insiemi di Progetto Gli sfiati ed i drenaggi, eccetto quelli richiesti per il collaudo delle linee, e tutti gli strumenti devono essere rappresentati sul P&I D., indicando inoltre il relativo numero di insieme (attribuito sulla specifica degli insiemi di Progetto). Nella figura 4 vengono illustrati alcuni esempi di indicazione del numero di insieme.
U U

d) Componenti non coperti dalle classi tubazioni I componenti non coperti dalle classi tubazioni (Out Computer Program) devono essere identificati sul P&I D. con l'indicazione del relativo numero di marca manuale (od il numero della specifica di progetto) e descrizione.
U U

e) Valvole azionate manualmente In prossimit di valvole azionate manualmente si deve indicare il tipo (VS, VD, VDR, ecc.) ed il relativo numero di posizione (01, 04, 06, ecc.), ricavabili dalla relativa classe tubazioni.
U U

f)
U

Filtri Indicare il tipo di filtro (TS: filtro temporaneo, SY: filtro ad Y, FT: filtro a T) con il rispettivo numero di Standard, o specifica di progetto, ricavabili dalla relativa classe tubazioni.
U

Sui filtri a T prevedere un drenaggio e relativo numero di insieme. Sulla linea di aspirazione compressori deve essere previsto un filtro temporaneo. Questo filtro ha di norma delle caratteristiche particolari per cui la sua definizione deve essere concordata con PRC, MEC e con il Fornitore del compressore. g) Riduzioni Indicare i diametri e tipo delle riduzioni (CR: riduz. concentrica, ER: riduz. eccentrica, SN: nipplo di riduzione). I nippli di riduzione vengono utilizzati solo su linee con DN 2" (50) ed inferiori, mentre su linee con DN superiori devono essere utilizzate riduzioni eccentriche. Ad esempio, nel caso venga richiesta una riduzione di diametro da 3" ad 1", essa deve essere realizzata: ER 3" x 2" e SN 2" x 1".
U U

Le riduzioni eccentriche vengono preferite a quelle concentriche in quanto consentono l'allineamento della quota di fondo tubo, facilitando cos l'installazione della linea su pipe-rack/pipe-way e l'eventuale inserimento di scarpette ed altri supporti. Al fine di ridurre il pi possibile i tipi di componenti impiegati, viene generalizzato l'uso delle riduzioni eccentriche. Le riduzioni concentriche sono da utilizzare solo dove richieste per esigenze funzionali (ad es.: linee ad alta pressione di impianti Urea). h) Limiti batteria
U U

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 42 di 79

Per tutte le linee convoglianti fluidi di processo e/o di servizio ai limiti di batteria di un impianto, o di un gruppo di impianti concatenati, devono essere considerati, in accordo con PRC, AUS e SMAUT i criteri di sezionamento degli impianti in funzione delle esigenze di: avviamento, esercizio, manutenzione, misurazione e garanzie. Devono quindi essere previsti dei gruppi di intercettazione costituiti da valvole di blocco, strumenti ed eventuale disco a otto. k) Sistema scarico condense Sul P&I D., per le linee e per le apparecchiature interessate, deve essere sviluppato il sistema di scarico condensa (scaricatori di condensa e relativi gruppi valvolati di intercettazione), indicando tutti gli scaricatori di condensa richiesti (vedere figura 4). Durante la fase di meccanizzazione deve essere compilato il Foglio Dati relativo al dimensionamento degli scaricatori.
U U

i)
U

Continuazioni su altri elaborati


U

1) Sul P&I D., per ogni linea di processo in ingresso/uscita dall'elaborato, deve essere riportata la descrizione della provenienza o destinazione, con indicazione del relativo numero di disegno. (vedere figura 5). 2) Sul P&I D., per ogni linea di servizio in ingresso/uscita dall'elaborato, deve essere riportato il codice del sistema di appartenenza (LC, UN, IA, HS, ecc.) con indicazione, nella tabella "Disegni di riferimento", dei relativi P&I D. distribuzione servizi (vedere figura 6). j)
U

Linee in ingresso/uscita da stoccaggi di idrocarburi leggeri Sulle linee di riempimento e scarico da stoccaggi di idrocarburi leggeri (propano, propilene, iso-butano, ecc.) deve essere indicato un drenaggio. Esso deve essere previsto dopo la prima valvola di blocco, nel tratto di linea compreso tra la suddetta valvola ed il manifold. Il drenaggio in oggetto deve essere di DN 2" (50) e valvolato. A valle della suddetta valvola deve essere indicato un tratto di tubazione (DN 2") con lunghezza minima 600 mm; quindi viene prevista una riduzione a DN 3/4" (20) ed una seconda valvola con la nota che lo scarico deve essere portato a terra ed in zona di sicurezza.
U

l)

Collegamenti tra linee di servizio e linee di processo Se non gi rappresentato, il sistema di collegamento tra linee di servizio (vapore, acqua, aria e azoto e le linee di processo o apparecchiature/macchine) da realizzarsi nei seguenti modi:
U U

1) quando viene richiesto un utilizzo continuo, il collegamento viene realizzato con un innesto sulla linea, o con un accoppiamento diretto sul bocchello, indicando sul P&I D. due valvole di blocco, una valvola di ritegno e la nota che le valvole devono essere installate alla distanza minima dalla linea di processo o dall'apparecchiatura/ macchina;

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 43 di 79

2) quando viene richiesto un utilizzo discontinuo, il collegamento viene realizzato, a seconda dei casi: - un tronchetto rimovibile; - una manichetta flessibile; - curva flangiata girevole; - innesto sulla linea e/o accoppiamento con bocchello apparecchiatura/macchina. Nel caso in cui viene richiesto un collegamento con innesto, o accoppiamento, sul P&I D. deve essere indicato un dreno da posizionare tra la valvola di radice e la valvola di blocco. m) Linee incamiciate Le linee incamiciate devono essere indicate sul P&I D. come da esempio riportato sulla figura 7. Sia alla linea di processo che alla linea "riscaldante" (camicia) deve essere attribuito un numero di linea. La linea di processo viene numerata con la sigla del fluido convogliato e con codice di coibentazione/verniciatura N, mentre la linea di camicia viene numerata con la sigla del fluido riscaldante e codice di coibentazione/verniciatura W.
U U

n) Collegamenti con linee esistenti (tie-ins) I collegamenti con linee esistenti devono essere indicate sul P&I D. come da esempio riportato sulla figura 8. Le modalit di esecuzione dei collegamenti vengono definite in fase di meccanizzazione. A tal fine, deve essere compilato il Foglio Dati. Le connessioni (tie-ins) devono essere numerate progressivamente e senza lasciare numeri liberi. I collegamenti che devono essere realizzati prima che le nuove linee vengano installate devono avere un numero di connessione (linea) indipendente, in modo da permettere la realizzazione separata della documentazione necessaria per la loro realizzazione (disegni di montaggio, isometrici, elenchi materiali, ecc).
U U

o) Spurghi, dreni e sfiati (colonne e recipienti) Tutti gli spurghi, drenaggi e sfiati dovranno essere flangiati e provvisti di doppia valvola di blocco e con diametro non inferiore a 1, con esclusione di quelli relativi ai servizi come da esempio riportato sulla figura 9 e al precedente paragrafo 3,1,8. figura 2.
U U

p) Vapore bonifica apparecchiature Tutte le tubazioni di vapore per bonifica collegate al recipiente di processo dovranno essere munite di doppia valvola con spurgo intermedio e disco a otto e VDR (in conformit allo schizzo allallegato) ed essere inoltre indipendenti da quelle di servizio; queste ultime dovranno essere provviste di dischi a otto in acciaio di qualit. Ogni derivazione dal collettore stesso dovr dipartirsi dalla generatrice superiore del collettore e dovr avere una valvola di intercettazione con accoppiamento flangiato per future sostituzioni. Per le linee con rating 900# prevedere le doppie valvole vicino al bocchello dellapparecchiatura in conformit al tipico rappresentato nella figura 10. Il vapore di bonifica e riscaldamento tubazioni e recipienti, deve essere derivato da collettori indipendenti dalla rete LS a 3.5 bar, oppure se necessario dalla rete
U U

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 44 di 79

MS a 13 bar opportunamente ridotto ed attemperato. Dovranno essere previsti scaricatori di condensa con recupero della condensa su collettore generale. q)
U

Azoto bonifica linee/apparecchiature Tutte le linee o apparecchiature che devono essere bonificate con azoto vanno meccanizzate come da esempio riportato sulla figura 11.
U

r)
U

Tipico per refrigerante ad acqua mare con sistema di controlavaggio Tutti i refrigeranti ad acqua mare con sistema di controlavaggio saranno meccanizzati come da esempio riportato al paragrafo 4.3.9.6. figura 1.
U

s)

Tipico di uno scambiatore Per tutti gli scambiatori la meccanizzazione sar fatta come da esempio riportato al paragrafo 4.3.9.6. figura 2.
U U

t)

Tipico di uno scambiatore escludibile e con possibilit di essere manetunzionato Per tutti gli scambiatori escludibile e con possibilit di essere manetunzionati la meccanizzazione sara fatta come da esempio riportato al paragrafo 4.3.9.6. figura 3.
U U

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 45 di 79

Figura 3 - Esempi di cambio di specifica

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 46 di 79

Figura 4 - Esempio di meccanizzazione

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 47 di 79

Figura 5 - Esempio di continuazione per linee di processo

Figura 6 - Esempio di continuazione per linee di servizio

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 48 di 79

Figura 7 - Esempio di meccanizzazione linea incamiciata

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 49 di 79

Figura 8 - Esempio di meccanizzazione tie-ins

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 50 di 79

Figura 9 - TIPICO DEI VENT SU COLONNE E/O APPARECCHIATURE

Figura 10 - TIPICO VAPORE DI BONIFICA APPARECHIATURE

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 51 di 79

Figura 11 - TIPICO DI UN SERVIZIO PER AZOTO

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 52 di 79

4.4.3. 4.4.3.1.

Meccanizzazione delle linee di aspirazione/mandata pompe Le linee di aspirazione devono essere meccanizzate sui P&I D. indicando: a) una valvola di blocco; il diametro di questa valvola viene scelto in funzione del diametro dei bocchelli e delle linee come di seguito specificato:
U U

quando il diametro del tubo uguale o maggiore di un diametro di quello del bocchello della pompa, la valvola di blocco deve avere lo stesso diametro della linea; quando il diametro del tubo maggiore di due o pi diametri di quello del bocchello della pompa, il diametro della valvola deve essere di un diametro pi piccolo di quello della linea (vedere tabella 4.4.3.3.a).
U

b) un filtro, del tipo:


U

1) a "Y", per tubazioni con DN " 12", oppure a "T", per DN 14" e superiori. Questo filtro viene normalmente previsto da PRC; 2) a cestello e rete, per tubazioni con DN 1-" e superiori. Questo filtro viene previsto da IMP quando non sussistono particolari requisiti, tranne quello di evitare l'ingresso di corpi estranei nel corpo pompa durante il flussaggio linea prima della messa in marcia dell'impianto. Il filtro in oggetto deve avere una sezione di passaggio netta non inferiore a 3 volte la sezione delle linee ad esso collegato. 4.4.3.2. Le linee di mandata devono essere meccanizzate sui P&I D. indicando: a) una valvola di ritegno; questa valvola deve essere indicata tra la pompa e la valvola di blocco. Essa viene utilizzata come protezione da sovra pressioni e per un eventuale riflusso di liquido in caso di arresto con valvola di blocco aperta.
U U

b) una valvola di blocco. Il diametro di queste valvole viene scelto in funzione del diametro dei bocchelli e delle linee come di seguito specificato:
U U

quando il diametro del bocchello uguale o minore di un diametro di quello della linea, il diametro delle valvole di blocco e di ritegno deve essere uguale a quello del bocchello; quando il diametro del bocchello minore di due o pi diametri di quello della linea, il diametro delle valvole di blocco e di ritegno deve essere di un diametro pi grande di quello del bocchello (vedere tabella 4.4.3.3.a).

4.4.3.3.

Nella tabella 4.4.3.3.a vengono indicati alcuni esempi di dimensionamento delle valvole descritte nei punti precedenti.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 53 di 79

Tabella 4.4.3.3.a - Esempi diametri valvole


ASPIRAZIONE DN LINEE 6 8 8 8 10 12 DN BOCCHELLO 4 4 6 8 6 6 DN VALVOLA 6 6 8 8 8 10 DN BOCCHELLO 4 4 6 8 4 10 MANDATA DN VALVOLE 4 6 6 8 6 10

4.4.3.4.

Sulle pompe, e relative riserve, convoglianti fluidi con temperatura superiore ai 200 C, oppure quando viene previsto l'accompagnamento con vapore, sulla linea di mandata deve essere indicato un by-pass sul gruppo "valvola di ritegno / valvola di blocco". Tale by-pass deve essere valvolato, flangiato ed avere un diametro di 3/4", eccetto quando diversamente indicato. Prevedere la tubazione dell'acqua di raffreddamento ad ogni pompa che richieda di essere raffreddata. Questo dato rilevabile, oltre che sul disegno della macchina, anche dal "Data-Sheet" della stessa. In genere, per una pompa media, il consumo di acqua si aggira attorno ai 10 15 litri/minuto; pertanto un tubo da " pi che sufficiente per portare tale quantit. Su tutte le pompe dosatrici, dove non previsto un dispositivo di by-pass sulla pompa, verificare con PRC e MEC l'eventuale necessit di prevedere una valvola di sicurezza. Sulle linee di aspirazione pompe delle torri di raffreddamento deve essere previsto un idrocono, che deve essere incluso nella fornitura delle pompe in quanto deve essere calcolato e costruito inmodo tale da evitare fenomeni di cavitazione nelle pompe in oggetto. Per le macchine operative sugli impianti petroliferi prevedere dreni a monte ed a valle delle stesse. Essi servono particolarmente in fase di steam-out delle linee di aspirazione/mandata pompe sia in fase di avviamento (prima dellimmissione di idrocarburi) sia dopo la fermata (per eliminare gli idrocaruri residui prima di mettere recipienti e tubazioni in contatto con latmosfera). Lo steam-out non viene normalmente utilizzato per la bonifica delle sezioni di reazione degli impianti petroliferi e nelle sezioni dove la presenza di acqua pu causare problemi nelle successive operazioni di avviamento o manutenzione (sezioni

4.4.3.5.

4.4.3.6.

4.4.3.7.

4.4.3.8.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 54 di 79

criogeniche, in presenza di acciai austenitici, zone compressori). In questi casi si usa azoto gassoso. Per questa operazione devono essere previsti dreni a monte della valvola di aspirazione ed a valle della valvola di mandata di ogni pompa che tratti idrocarburi o chemical con scarico a P.O. e/o fognatura. (Vedere tipico A paragrafo 4.3.9.5). Va comunque sempre considerata la posizione degli sfiati nei punti alti e dei dreni nei punti bassi delle linee. Quando previsto il "venting" delle pompe a blow-down, per presenza di sostanze tossiche o per presenza di GPL, prevedere anche uno sfiato atmosferico (vedere tipico B paragrafo 4.3.9.5). Quando, per i liquidi inquinati da sostanze tossiche, previsto il drenaggio del corpo verso CD (Closed Drain), collegare a CD anche il dreno a monte del filtro di aspirazione conservando il dreno atmosferico (vedere figura tipico C paragrafo 4.3.9.5).

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 55 di 79

4.4.4. Meccanizzazione tipici delle tenute pompe 4.4.4.1. Per la meccanizzazione delle tenute pompe vedere allegati tipici (da definire)

TIPICO BARILOTTO TENUTE DOPPIE HOLD (DEFINIRE I B.L.)

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 56 di 79

PARTIC. SISTEMA RILEVAZIONE PERDITE PER TENUTA A SECCO PER GPL (HOLD)

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 57 di 79

PARTIC. SISTEMA RILEVAZIONE PERDITE PER TENUTA A SECCO PER LIQUIDI

(HOLD)

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 58 di 79

TIP. TENUTA POMPA LIQUIDO

(HOLD) DEFINIRE I B.L.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 59 di 79

TIP. TENUTA POMPA HC

(HOLD) DEFINIRE I B.L.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 60 di 79

4.4.5. 4.4.5.1.

Meccanizzazione delle linee di aspirazione/mandata compressori Sulle aspirazioni di tutti gli stadi dei compressori si deve prevedere il montaggio di filtri temporanei del tipo a cono (vedere punto f del paragrafo 4.4.2.). La relativa specifica di Progetto deve essere compilata da specifiche piping. Per le linee collegate ai compressori alternativi, devono essere analizzate le oscillazioni di pressione. Queste analisi possono essere eseguite con il simulatore analogico, o con altri strumenti di calcolo, prendendo in considerazione i seguenti elementi di circuito: a) linea di aspirazione fino al circuito I fase; b) tutte le linee con refrigeranti e separatori intermedi se di fornitura della Committente; c) linea di mandata dal cilindro ultima fase fino al 1 apparecchio o collettore di grande capacit. In generale, la massima oscillazione di pressione deve essere minore del 7% della pressione media sulla flangia di mandata (vedere API Std. 618). Per rientrare nei limiti fissati di oscillazione di pressione si potr ricorrere ad alcune delle seguenti modifiche: a) b) c) d) e) variazione dello sviluppo lineare delle tubazioni; inserimento di diaframmi; inserimento di polmoni smorzatori; variazione del diametro delle linee; modifiche dello schema di collegamento del circuito.

4.4.5.2.

4.4.5.3.

Per arrangiamento tipico di un compressore alternativo vedere dettaglio A.

4.4.6. 4.4.6.1.

Meccanizzazione delle linee di immissione/scarico vapore a turbine Sulla linea di immissione vapore devono essere indicate due valvole: una da posizionare in prossimit dello stacco dal collettore (valvola di radice) ed una da posizionare in prossimit dell'ingresso in turbina. A monte di quest'ultima viene installato un opportuno sistema di scarico condensa. Inoltre deve essere previsto un filtro permanente. Sulla linea di scarico vapore deve essere indicata una valvola di intercettazione. Questa valvola normalmente preceduta da una valvola di sicurezza, progettata in base alle condizioni di progetto massime previste per lo scarico. Tutti i punti bassi della cassa della turbina sono provvisti di scaricatori di condensa o drenaggi manuali. Gli scaricatori di condensa vengono generalmente previsti sulle turbine che hanno una partenza in automatico, mentre per quelle turbine con partenza non in automatico sono da prevedere i drenaggi manuali.

4.4.6.2.

4.4.6.3.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 61 di 79

DETTAGLIO A TIPICO DI UN COMPRESSORE ALTERNATIVO

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 62 di 79

4.4.7. 4.4.7.1..

Prese campione Le prese campione sono del tipo non raffreddato o raffreddato. La scelta relativa viene effettuata da PRC. Nelle figure 18 e 19 vengono raffigurati alcuni esempi di meccanizzazione dei componenti in oggetto. Le prese campione raffreddate devono essere identificate con una sigla indicante: numero di impianto, codice componente (SC) e numero progressivo (per impianto). Eccetto quando diversamente indicato, gli stacchi per le prese campione raffreddate vengono previsti con DN 3/4"; la valvola finale deve essere del tipo a spillo con DN ".

4.4.7.2.

Figura 18 - Esempio di meccanizzazione per prese campione

Figura 19 - Esempio di meccanizzazione per prese campione raffreddate

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 63 di 79

5.
U

P&I D. DEI SISTEMI PRIMARI E SECONDARI - STRUMENTAZIONE


La meccanizzazione della strumentazione di competenza IMP limitata ai componenti in linea e/o su apparecchiatura. La definizione della parte funzionale (loop, schemi di regolazione) di competenza SMAUT.

5.1.
U

Valvole di regolazione

5.1.1.

Le valvole di regolazione vengono meccanizzate indicando sul P&I D.: tipo, sigla, azione (FC, FO), DN, rating e tipo di accoppiamento (vedere figura 20). I dati relativi alle valvole in oggetto (diametro, rating, temperatura, pressione, materiale del corpo valvola, classe tubazioni, ecc.) sono ricavabili dalle specifiche di Progetto emesse dall'Unit SMAUT. Qualora si dovessero rilevare delle incongruenze tra la specifica della valvola ed il P&I D., l'Unit SMAUT deve essere coinvolta per la risoluzione del problema. Quando una valvola di regolazione viene prevista con accoppiamenti filettati, sul P&I D. devono essere indicate due coppie di flange da inserire a monte ed a valle della stessa. Dette flange devono essere posizionate sempre sul lato maggiore degli eventuali nippli di riduzione. Pertanto, i nippli di riduzione verranno a trovarsi tra la valvola di regolazione e la coppia di flange, con l'estremit inferiore filettata sulla valvola. Per le valvole con DN 2" (50) deve essere sempre previsto il relativo gruppo composto da valvole di intercetto e di by-pass, mentre per quelle con DN > 2" (50) il gruppo viene previsto solo quando richiesto da particolari esigenze di processo o quando non pu essere interrotta la marcia e viene definito da PRC. Il dimensionamento delle sopra citate valvole di intercetto e di by-pass viene definito in funzione del DN della relativa valvola di regolazione secondo quanto indicato nella tabella 5.1.5.a; in base alle seguenti considerazioni: a) il dimensionamento delle valvole di intercetto viene definito su una base puramente economica, in quanto la scelta di un DN intermedio tra quello della linea e quello della valvola di regolazione non ne compromette la funzionalit; b) il dimensionamento delle valvole di "by-pass" viene definito in funzione del Cv della valvola di regolazione, al fine di eguagliarne il funzionamento nel caso di sostituzione di quest'ultima.

5.1.2.

5.1.3.

5.1.4.

5.1.5.

5.1.6.

Nel caso di valvola di regolazione senza il relativo gruppo di intercettazione/by-pass, sul P&I D. la valvola deve essere indicata con il relativo volantino per la manovra manuale. Deve essere indicato un drenaggio valvolato nel tratto a monte di ogni valvola di regolazione, posizionandolo tra la valvola stessa e la valvola di intercetto.

5.1.7.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 64 di 79

In alcuni casi (es.: linee ad alte pressione) pu essere necessario prevedere un ulteriore drenaggio anche a valle della valvola di regolazione; questi casi sono da verificare con PRC. 5.1.8. Per valvole con DN uguale o superiore a 2", usare sempre riduzioni eccentriche in quanto facilitano il drenaggio evitando il formarsi di depositi (vedere punto g del paragrafo 4.4.2.).

Figura 20 - Esempio di meccanizzazione per valvole di regolazione

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 65 di 79

Tabella 5.1.5.a - Dimensionamento delle valvole di intercettazione e di by-pass sui gruppi di regolazione Tutti i diametri nominali sono espressi in pollici.
DN VALVOLA DI REGOLAZIONE 1/2 3/4 1 1 1/2 2 3 4 6 8 10 12 14 DN VALVOLA DI: Intercettazione By-pass Intercettazione By-pass Intercettazione By-pass Intercettazione By-pass Intercettazione By-pass Intercettazione By-pass Intercettazione By-pass Intercettazione By-pass Intercettazione By-pass Intercettazione By-pass Intercettazione By-pass Intercettazione By-pass 1/2 1/2 1/2 3/4 3/4 1/2 3/4 3/4 1/2 1 3/4 1 1 3/4 1 1/2 3/4 1 1/2 1 1 1/2 1 1/2 3/4 1 1/2 1 1 1/2 1 1 1/2 1 1/2 2 2 2 1 2 1 1/2 2 1 1/2 2 2 3 3 2 1 2 1 1/2 2 1 1/2 3 2 3 3 4 4 3 2 4 3 4 4 6 6 4 3 6 4 6 6 8 8 6 4 8 6 8 8 10 10 8 6 10 8 10 10 12 12 12 10 12 12 14 14 1 1 1/2 2 DN LINEA 3 4 6 8 10 12 14

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 66 di 79

5.2.
U

Valvole di sicurezza

5.2.1.

Le valvole in oggetto vengono previste per proteggere i circuiti dal possibile innalzamento di pressione al di sopra dei valori previsti. Quanto sopra pu verificarsi a causa di: - errori di manovra; - ipotesi di incendio; - mancanza di energia. Nel P&I D., in corrispondenza delle valvole di sicurezza deve essere indicato il relativo valore di taratura della pressione di intervento e, sia sull'ingresso che sull'uscita: diametro, rating e tipo di accoppiamento (vedere figura 21). I dati relativi alle valvole di sicurezza (diametri, rating, valore di taratura, temperatura, pressione, materiale del corpo valvola, classe tubazioni, ecc.) sono ricavabili dalle specifiche di Progetto emesse dall'Unit SMAUT. Qualora si dovessero rilevare delle incongruenze tra la specifica della valvola ed il P&I D., l'Unit SMAUT deve essere coinvolta per la risoluzione del problema. Su ogni circuito in fase liquida soggetto a riscaldamento e che pu essere intercettato va prevista una valvola di espansione termica (normalmente con DN 3/4"x 1"). Ad esempio, tale valvola viene normalmente prevista: sulle derivazioni dai serbatoi che possono essere intercettate; tra l'entrata e l'uscita di uno scambiatore, quando entrambe le linee sono munite di valvole di blocco; su ogni sezione di linea nella quale il prodotto allo stato liquido pu essere intrappolato tra due valvole di blocco.

5.2.2.

5.2.3.

5.2.4.

Per gli scarichi di queste valvole verificare se il tipo di prodotto pu essere scaricato all'atmosfera (od a terra) o se deve scaricare in un circuito chiuso. La destinazione deve essere comunque indicata sul P&I D. Gli scarichi delle valvole di sicurezza dovranno essere convogliati nel collettore esistente dellimpianto. Lo scarico delle valvole di sicurezza da attrezzature con presenza HS dovr essere convogliato separatamente. 5.2.5. Per linstallazione delle valvole di sicurezza con relativo by-pass e spurghi di controllo si faccia riferimento agli standard di Raffineria.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 67 di 79

Figura 21 - Esempio di meccanizzazione per valvole di sicurezza

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 68 di 79

5.3.
U

Strumentazione su linee/apparecchiature

5.3.1.

La strumentazione indicata sulle apparecchiature o sulle linee deve essere sviluppata in fase di meccanizzazione in accordo alle specifiche di Progetto emesse dall'Unit SMAUT e da tipici emessi con una specifica a progetto. Livelli Dalla specifica "Montaggio strumenti su recipienti" emessa da SMAUT si individua il tipo di connessione con l'apparecchiatura ed il relativo diametro, il tipo di connessione allo strumento ed il relativo diametro, il tipo di montaggio standard. In caso di installazione non standard, viene allegato uno sketch che illustra il particolare tipo di montaggio con indicate le elevazioni dei bocchelli sull'apparecchiatura e le elevazioni degli strumenti riferite alla elevazione del livello normale (o punti di intervento nel caso di interruttori di livello) del fluido contenuto nell'apparecchiatura. Sul P&I D. i livelli indicati devono essere sviluppati inserendo i tubi porta livelli, i diametri, le valvole ed i dreni, quando non gi previsti sul livello stesso, e la destinazione degli stessi. Prese pressione e temperatura, flange tarate, ecc. In fase di meccanizzazione viene inserito il relativo numero di insieme. Per le prese di temperatura deve essere controllato il DN minimo richiesto sulla linea (vedere esempio sotto rappresentato). Nella figura 22 viene rappresentato un esempio di meccanizzazione della strumentazione. Le connessioni per le prese di temperatura sulle linee di processo saranno da 1.1/2 flangiate ANSI B 16.5 con finiture in accordo alla specifica di linea. Lattacco al processo sar 1.1/2 ANSI 600# RF. Potranno essere filettate per i condotti fumi, pareti forni e circuiti ausiliari macchine.

5.3.2. 5.3.2.1.

5.3.2.2.

5.3.3. 5.3.3.1.

5.3.4. 5.3.5.

TI

3 E.R. 8 x 4 x 3

3 E.R. 8 x 4 x 3

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 69 di 79

Figura 22 - Esempio di meccanizzazione della strumentazione

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 70 di 79

5.4.
U

Valvole SDV (ON-OFF)

5.4.1.

Le valvole in oggetto vengono previste per il sezionamento tra lapparecchiatura e il resto dellimpianto e deve essere fatto come da figura 17.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 71 di 79

6.
U

P&I D. DISTRIBUZIONE SERVIZI


Meccanizzazione
U

6.1.

6.1.1.

I P&I D. distribuzione servizi vengono preparati, meccanizzati e gestiti da IMP, mentre il dimensionamento viene eseguito da PRC. In essi vengono rappresentati i collettori principali convoglianti i servizi richiesti per l'impianto e la relativa distribuzione ad ogni utenza, rispettando la disposizione planimetrica. I contenuti di questi schemi sono gli stessi previsti per i P&I D. dei sistemi primari e secondari con l'aggiunta, quando richieste, delle seguenti informazioni: a) strumentazione fiscale e gruppi di intercettazione, che devono essere indicati ai limiti di batteria e la cui definizione deve essere effettuata in collaborazione tra PRC e SMAUT. Essa connessa alla necessit/opportunit di rilevare i dati di consumo anche in relazione a problemi contrattuali; b) tutti i componenti presenti nei sistemi cui si riferisce il P&I D. (valvole, apparecchiature, docce/lavaocchi, hose-reels, strumenti, ecc.) eccetto quanto relativo alle singole utenze, che viene riportato sul P&I D. dei sistemi primari e secondari; c) descrizione della provenienza o destinazione di ogni utenza, con indicazione del numero di disegno del relativo P&I D. dei sistemi primari e secondari (vedere figura 23); d) stazioni manichette di servizio, di cui deve essere rappresentato un tipico, come stacco dal collettore, e deve essere richiamato il numero della tabella, rappresentata a parte. Su questa tabella deve essere indicato il numero della stazione, la posizione (riferita alla piantana rack e/o struttura o riferita all'apparecchiatura che si deve servire), la quantit di stazioni ed il numero di linea (vedere figura 24). Tutte le stazioni dei servizi devono avere le selle portamanichette con colorazione diversa (rosso per antincendio) per ogni tipologia; Limpianto deve essere dotato di manichette flessibili per acqua, vapore, azoto e aria. per il servizio azoto, gli attacchi devono essere di tipo rapido a Per ogni struttura passerella e/o piano di lavoro dovranno essere previste a piano terra o al primo piano stazioni di servizi, quali: azoto, aria servizi, vapore LS e/o MS. Le tubazioni adduzione dellacqua e del vapore dovranno essere dotate di drenaggio convogliato a piano campagna. Le prese per le manichette di vapore dovranno essere derivate con linee indipendenti dalle altre, con collettori propri ed essere alimentate con vapore LS a 3,5 bar. Tutti i servizi aria, azoto, vapore MS e LS, acqua, ecc. devono essere opportunamente identificati con targhette segnaletiche ben visibili. e) per servizi tipo: acqua di raffreddamento alle macchine, acqua di flussaggio, vapore di quench, ecc. di distribuzione alle utenze, rappresentare, per ogni tipo di

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 72 di 79

utenza, sul P&I D. dei tipici ed una tabella indicante la sigla dell'apparecchiatura/ macchina e il diametro della connessione (vedere figura 25); f) sul P&I D. distribuzione vapore rappresentare: - un tipico per le appendici di scarico condensa e per gli scaricatori di condensa; - una tabella da compilarsi secondo (vedere figura 26).

g) Gli scaricatori di condensa da steam-tracing e da tubazioni di vapore dovranno essere del tipo atto a consentire il maggior recupero della condensa, convogliandola in un unico collettore. Ogni scaricatore dovr essere dotato di filtro, di valvole di intercettazione, spurgo e by-pass per la manutenzione (tutto flangiato).

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 73 di 79

Figura 23 - Esempio di distribuzione alle utenze

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 74 di 79

Figura 24 - Esempio di meccanizzazione per stazioni manichette di servizio

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 75 di 79

Figura 25 - Esempio di rappresentazione dei tipici di distribuzione

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 76 di 79

Figura 26 - Esempio di rappresentazione dei tipici di distribuzione vapore

DETTAGLIO 1 - TIPICO PER SCARICATORE DI CONDENSA

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 77 di 79

DETTAGLIO 2 - TIPICO PER SCARICATORE DI CONDENSA

DETTAGLIO 3 - TIPICO PER SCARICATORE DI CONDENSA

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 78 di 79

6.2.
U

Schemi antincendio

6.2.1.

Gli schemi antincendio vengono preparati, meccanizzati e gestiti da IMP utilizzando come base la planimetria generale del Complesso o di Impianto e con i dati predisposti da PRC. In essi vengono rappresentati i collettori principali e la relativa distribuzione ad ogni utenza, rispettando la sequenza planimetrica. I contenuti di questi schemi sono gli stessi previsti per i P&I D. dei sistemi primari e secondari. Sugli schemi devono essere riportati i dettagli degli idranti, dei monitors, hose reels, ecc. che sono definiti da PRC.

6.2.2.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.

Eni S.p.A.
Divisione Refining & Marketing

$
SPC.SN.MEC.0008
Rev. 0 Data

NT0746_ST_GEN_REV0

Nov. 2007
Foglio 79 di 79

7.
U

P&I D: INTERCONNESSIONE
Meccanizzazione
U

7.1.

7.1.1.

I P&I D. interconnessione vengono preparati, meccanizzati e gestiti da IMP, mentre il dimensionamento viene eseguito da PRC. In essi vengono rappresentate le linee di connessione tra i vari impianti e/o gli "Off-sites", rispettando la sequenza planimetrica. I contenuti di questi schemi sono gli stessi previsti per i P&I D. dei sistemi primari e secondari.

Cod. modulo : MDT.GG.QUA.0516 Fg. 01/Rev. 1.94 - Cod.file: CRIDESBI.DOT - File dati:NT0746_ST_GEN_REV0.doc Documento RISERVATO di propriet Eni Divisione R&M. Esso non sar mostrato a Terzi n utilizzato per scopi diversi da quelli per i quali stato inviato.