Sei sulla pagina 1di 43

Universit degli Studi "G. d'Annunzio" Chieti-Pescara Facolt di Scienze Sociali Cattedra di Sociologia dellArte Prof.

Aldo Marroni

Bibliografia di Sociologia dell'Arte (2000-2009) testi apparsi direttamente in italiano o disponibili in traduzione

a cura di UGO DI TORO Dottore di Ricerca e Cultore della Materia (email: ugoditoro@virgilio.it)
La seguente bibliografia non stata redatta per rispondere ad un criterio di esaustivit ma si ritenuto opportuno attenersi ad un rigoroso e dettagliato invito alla conoscenza della disciplina e dei suoi vasti ambiti di applicazione. Allampiezza dellinformazione ci si auspica possano contribuire le schede libro che accompagnano i volumi per quelli che ne sono sprovvisti si confida nella collaborazione di volenterosi che in tal modo potranno migliorare, il presente lavoro, scrivendo al curatore. Abbiamo ritenuto, altres, assai utile indicare per ogni volume il codice ISBN per facilitarne la ricerca con i mezzi informatici e, per coloro che ne fossero interessati, la reperibilit presso le librerie o biblioteche di Istituti on line. Si sono privilegiati quei testi che per ragioni metodologiche, o per ambiti disciplinari, riescano ad offrire una panoramica aggiornata e sufficientemente ampia a quegli studenti che intendessero sostenere una tesi in Sociologia dellArte . Dalla presente rassegna bibliografica sono state escluse, volontariamente, le riviste del settore, o di settori affini.

Febbraio 2009

2 ABBATE F., Sua signoria mangia in oro. Roberto Longhi e la sociologia dell'arte, Galatina (Lecce), Congedo 2004. ISBN: 8880865455. ANTINUCCI F., Comunicare nel museo, Roma-Bari, Laterza 2004. ISBN: 88420722320. [Il museo comunica poco e male: esporre fisicamente i pezzi
non basta a raggiungere l'obiettivo, primario per l'esistenza stessa della struttura museale, di trasmettere cultura ai visitatori. Applicando la teoria della comunicazione a quei particolari segni che sono le opere d'arte, questo volume analizza sistematicamente il museo e denuncia come la sua struttura e organizzazione siano incompatibili con le esigenze di una comunicazione efficace. Occorre aprire il museo alle enormi potenzialit connesse ad un uso appropriato e intelligente delle nuove tecnologie e cominciare finalmente a esporre per comunicare. Il volume accompagnato da un DVD video che mostra come si costruiscono efficaci apparati comunicativi.].

BACHTIN M., L' opera di Rabelais e la cultura popolare, Torino, Einaudi 2001. ISBN: 8806160605. [In questo studio pionieristico e profondamente
innovativo l'interpretazione dell'opera di Rabelais consente a Bachtin di far luce sulle fonti e sull'evoluzione della cultura popolare: Gargantua et Pantagruel diventa la chiave per esplorare gli splendidi santuari dell'arte comica popolare del Medioevo e del Rinascimento. Obiettivo primario di quest'indagine di comprendere la lingua delle forme e dei simboli carnevaleschi, quella appunto di cui si serve Rabelais. Definendo realismo grottesco il sistema di immagini della cultura comica popolare, Bachtin nota come in esso l' elemento basso, materiale e corporeo, costituisca un principio profondamente positivo. Egli mette cos a confronto il canone grottesco e quello classico di rappresentazione del corpo, soffermandosi sul primo non per sostenerne la priorit, ma perch essa ha determinato la concezione figurativa della cultura comica e popolare.].

B AJ E., VIRILIO P., Discorso sull'orrore dell'arte, Milano, Eluthera 2007. ISBN: 8889490349. [L'orrore dell'arte l'orrore che l'arte
contemporanea prova per se stessa oppure l'orrore che produce nel pubblico?

3
Baj, pittore, e Virilio, urbanista, si interrogano reciprocamente sullo statuto e la percezione dell'arte e dei luoghi che la ospitano e la espongono. Il destino attuale dell'arte, la sua evoluzione, sembrano essere una delle dimensioni privilegiate per cogliere l'atmosfera dei tempi, anzi il mercato dell'arte ha preannunciato la new economy e molte altre virtualit.].

B ASSO P., Il dominio dell'arte: semiotiche delle teorie estetiche, Roma, Meltemi 2002. ISBN: 88835315832. [Lo statuto delle opere d'arte, i
regimi di fruizione, le pratiche e gli effetti estetici: sono questi gli oggetti della ricerca di Pierluigi Basso, che tenta di mettere a fuoco una rete di rapporti e di reciproche interrogazioni tra semiotica strutturale e interpretativa, tra sociologia sociosemiotica dellarte per profilare una nuova ed originale articolazione tra due grandi tradizioni intellettuali rimaste reciprocamente indifferenti, e giungere ad una sfaccettata caratterizzazione del dominio artistico sotto legida di una semiotica delle culture.].

B AUDRILLARD J., La societ dei consumi, Bologna, il Mulino 2008. ISBN: 8815125156. ["Baudrillard, ovvero le seduzioni dell'immaginario
come potenza che muove il mondo, lo distrugge e lo ricrea di continuo": cos stato scritto in occasione della recente scomparsa di un pensatore al quale il linguaggio contemporaneo deve alcune parole chiave, tra cui almeno quelle di "simulacro" e "iperrealt". Il consumo per Baudrillard un processo di comunicazione che trasforma gli oggetti in simboli di un codice inteso a classificare e contrassegnare. Nuove gerarchie sociali rimpiazzano cos le vecchie differenze di classe. Il consumatore vive le proprie scelte come libere, e tuttavia egli stesso - vittima della coazione a distinguersi - cessa di essere persona per farsi oggetto tra gli altri. Sullo sfondo, un sistema di produzione che postula la perpetua eccedenza dei bisogni rispetto ai beni. Un'opera fondativa anticipatrice di tanti studi sul consumo mediatico che non ha perso nulla della sua forza profetica.].

4 BAXANDALL M., Forme dell'intenzione, Torino, Einaudi 2000. ISBN: 8806126032. [Rifacendosi a quadri famosi di Picasso, Chardin, Piero della
Francesca, Baxandall esplora i fondamenti e le ragioni d'essere della critica d'arte, cercando di ristabilirne i meccanismi corretti: quelli che ci consentono di godere al meglio di un'opera.].

B AXANDALL M., Pittura ed esperienze sociali nell'Italia del Quattrocento, Torino, Einaudi 2000. ISBN: 8806158104. [Il libro di
Baxandall ricostruisce i criteri interpretativi e i modi di fruizione dell'opera d'arte figurativa facendo ricorso a quella sorta di archeologia del giudizio com' stata felicemente definita - che va al di l della storia del gusto per diventare una storia delle esperienze e delle abitudini percettive. In questa ricerca, innovativa anche sul piano metodologico, Baxandall esamina contratti, lettere, registrazioni contabili per individuare le strutture del mercato dell'arte quattrocentesco. Mostra quindi come il modo di guardare della vita quotidiana di una societ nei suoi momenti sociali, religiosi e commerciali, si rifletta negli stili pittorici. Giunge infine alla definizione delle abitudini visive del pubblico del '400, proponendo inoltre un esame dei termini usati dal miglior critico d'arte dell'epoca, Cristoforo Landino, per descrivere la pittura di Masaccio, Filippo Lippi, Andrea del Castagno e Beato Angelico. Sono il pubblico e, in particolare, i singoli gruppi sociali nelle loro caratterizzazioni, gli autentici protagonisti dello studio di Baxandall.].

B AXANDALL M., Ombre e lumi, Torino, Einaudi 2003. ISBN: 8806166360. [In "Ombre e lumi" Baxandall, storico dell'arte docente
all'Universit di California, analizza le ombre e la conoscenza visiva da esse prodotta, passando in rassegna la scienza cognitiva contemporanea, le teorie della percezione visiva del XVIII secolo e la storia dell'arte. Dopo aver descritto le caratteristiche fisiche e le diverse variet di ombre, l'autore ricostruisce il dibattito tra empirismo e innatismo sorto nel Settecento sul ruolo delle ombre nella percezione della forma, per poi offrire una panoramica dei moderni studi condotti nell'ambito delle teorie cognitive.].

B ECKER H. S., I mondi dellarte, Bologna, il Mulino 2004. ISBN: 8815101846. [Questo studio colloca al centro dell'attenzione non l'opera
d'arte o l'artista, ma quell'insieme di persone, risorse e vincoli che costituisce l'ambiente in cui prende vita la produzione artistica. Questa un'attivit collettiva, una catena di cooperazione di cui l'artista solo un anello. Egli si rif ad artisti del passato, chiama in causa artigiani e fabbricanti di materiali, intermediari, pubblici contemporanei e futuri. Cos concepita, l'opera d'arte si disvela nel processo della sua genesi materiale e cognitiva, segnato da molteplici decisioni e interpretazioni che fanno del "mondo dell'arte" complessivamente inteso, il suo vero "autore".].

B ENHAMOU F., L' economia della cultura, Bologna, il Mulino 2004. ISBN: 8815098221. [A dispetto dei vincoli imposti da una situazione non
proprio favorevole per i bilanci pubblici, l'economia della cultura vede oggi i suoi spazi ampliarsi, anche a seguito di una sempre maggiore domanda di qualit della vita e di un incremento delle attivit legate al tempo libero: due tendenze che negli ultimi anni hanno caratterizzato le societ in tutti i paesi avanzati, fra cui anche l'Italia. L'economia della cultura esce quindi dalle biblioteche per acquisire uno statuto pi definito come strumento utile nella soluzione di problemi di natura istituzionale, gestionale, finanziaria. Concepita per una prima informazione ad uso di coloro che intendono approfondire gli aspetti economici della produzione, del consumo e delle politiche culturali, questa rapida ma puntuale introduzione offre numerosi spunti di riflessione su una possibile "via nazionale" all'economia della cultura. (Nuova edizione aggiornata.)].

BERTASIO D., Solitudine e condivisione nell'arte, Napoli, Liguori 2003. ISBN: 8820734855. [Lorientamento sociologico nello studio dei fenomeni
artistici consiste nella ricerca di correlazioni e funzioni che descrivano e spieghino lemergere e leclissarsi delle nuove tendenze estetiche e di mercato, dei gusti collettivi e dei modelli organizzativi di questo importante settore

6
culturale. In questo modo, anche la sociologia dellarte diviene parte di un sistema di legittimazione intellettuale che trascura i lati pi oscuri della situazione in cui larte cerca di sopravvivere.].

B ERTASIO D., TESSAROLO M., VERDI L., ZORINO M.R., L'arte e il silenzio. Aspetti e problemi della comunicazione artistica, Milano, Guerini Editore 2005. ISBN: 8881071851. BERTASIO D., (a cura di), Arte o spettacolo?, Milano, Franco Angeli 2006. ISBN: 8846477545. [In un mondo che pone enfaticamente al centro
della propria natura la comunicazione, sostenere che l'arte abbia poco a che fare con essa pu sembrare sovvertire un ordine e ci costa fatica intellettuale. per questo che la presenza dei critici, dei curatori e di altri attori accanto agli artisti data per scontata, spesso invocata, proprio per la loro presunta capacit di restituire una semantica condivisibile che le forme in s non necessariamente hanno. Ecco allora che la poetica dell'artista incontra e si confonde con sensibilit diverse, che 'sveleranno', nei casi migliori, non tanto il difficile equilibrio fra il reale e l'ideale che il vero artista persegue, bens la visione di chi interpreta. Se assumiamo che per l'artista comunicare non sia un obiettivo primario, per chi lo ? proprio in tal senso che si aprono mille interrogativi e si possono proporre mille risposte. Non certamente un caso che, pur partendo da livelli di osservazione differenti, gli autori concentrino la loro attenzione sul ruolo che nel contesto artistico hanno assunto la divulgazione e l'informazione pubblicitaria, avvertano l'importanza di proporre uno schema teorico sui modelli di fruizione correnti, si interroghino sul ruolo creativo delle nuove tecnologie, o, ancora, analizzino i sottili intrecci fra sistema dell'arte ed economia.].

B ERTOLINI M., BAYER R., L'estetica di Bergson: immagine, forma e ritmo nel Novecento francese , Milano, Mimesi 2002. ISBN 8884831105. [Immagine, forma e ritmo costituiscono alcuni dei nodi
fondamentali attraverso i quali si delinea il pensiero estetico del primo Novecento francese. Autori come Focillon, Bayer e Souriau, qui oggetto di un articolato studio, sviluppano la loro riflessione morfologica a partire da una

7
approfondita lettura critica dei testi di Henri Bergson, come testimonia in particolare il saggio Lestetica di Bergson di Raymond Bayer, qui tradotto per la prima volta in italiano.].

B ORDONI C. (a cura di), Introduzione alla sociologia dellarte. Antologia storica e metodologie critiche, Napoli, Liguori 2005. ISBN: 8820738023. [Figlia degenere dell'Illuminismo, sposa sterile del
Positivismo, finita a convivere, pi per bisogno che per libera scelta, con il Marxismo e infine costretta a prostituirsi con i regimi assolutisti del xx secolo, la sociologia dell'arte sembrava aver concluso il suo ciclo storico. Giudicata, spesso frettolosamente, di mero supporto strumentale, coadiuvata nel suo destino declinante dalla cieca incomprensione dei suoi critici engags, preoccupati di conservare il suo carattere neutrale, incapaci di definirne eternamente lo statuto in maniera inequivocabile, a torto considerata una disciplina ambigua nella scelta delle metodologie critiche funzionali al suo scopo, restato sempre troppo generico e scientificamente superficiale].

BOSEL R. (a cura di), L'arte e i linguaggi della percezione: l'eredit di Sir Ernst H. Gombrich, Milano, Electa 2004. ISBN: 8837028822. [Si
tratta della pubblicazione degli Atti del convegno sull'opera di Gombrich relativa alla percezione dell'immagine d'arte. L'opera dello studioso austriaco, la sua capacit di attingere a competenze diverse, il suo stesso itinerario di formazione e ricerca, intellettualmente e culturalmente variegato, rappresentano un termine di confronto esemplare. Il volume indaga i problemi posti dalla produzione e dalla percezione delle immagini e dei loro significati e mette in luce il contesto culturale in cui vennero formandosi temi e interessi che sarebbero rimasti centrali nella riflessione di Gombrich.].

B OURDIEU P., Campo del potere e campo intellettuale, Roma, Manifestolibri 2002. ISBN: 8872853028. [In due rari testi degli anni
settanta Pierre Bourdieu, il grande intellettuale francese recentemente scomparso, indaga la figura sociale dellintellettuale e dellartista, i suoi rapporti

8
con il potere e con il contesto storico, aprendo una nuova prospettiva allindagine sociale. I due saggi che compongono questo volume costituiscono unacuta provocazione contro chi, per poter vendere il proprio prodotto, deve riaffermare la propria gratuit. Essi prendono di mira tutta una visione della letteratura e del ruolo degli intellettuali, che chiude gli occhi di fronte a quellimmenso mercato di beni simbolici e immateriali che costituisce la cultura. Il volume curato e introdotto da Marco dEramo che, in un breve saggio e attraverso unintervista, ricostruisce limportanza dellapproccio di Bourdieu ai campi del sapere come fattori di potere e di stratificazione di classe.].

B OURDIEU P., La distinzione. Critica sociale del gusto, Bologna, il Mulino 2002. ISBN: 8815080694. [Alla sua pubblicazione questo lavoro
di Bourdieu fu accolto con interesse, perch proponeva in modo radicalmente nuovo le eterne riflessioni su estetica, arte e cultura. Discorsi che prendono volentieri la tangente dell'astrattezza venivano concretamente rivisitati - sulla base di una capillare ricerca empirica - come problema di scelte e preferenze dei diversi soggetti sociali. A circa vent'anni di distanza dall'edizione originale, viene riproposto questo saggio.].

B OURDIEU P., Il mestiere di scienziato. Corso al college de France 2 0 0 0 - 2 0 0 1 , Milano, Feltrinelli 2003. ISBN: 8807103419.
[L'autonomia che la scienza aveva conquistato nei confronti del potere politico, religioso ed economico, oggi indebolita. I meccanismi sociali che sono andati instaurandosi, la logica della competizione, la sottomissione agli interessi economici e alle seduzioni mediatiche, rischiano di incrinare la fiducia nella scienza. Un'analisi storica e sociologica dei meccanismi sociali che orientano la pratica scientifica, contraria alla relativizzazione della conoscenza e fautrice di una riappropriazione da parte degli scienziati della loro autonomia. "Il mestiere di scienziato" (uscito in Francia poche settimane prima della morte di Bourdieu con il titolo "Science de la science et rflexivit") compendia e rielabora le sue lezioni dell'ultimo corso al Collge de France.].

9 B OURDIEU P., Il mondo sociale mi riesce sopportabile perch posso arrabbiarmi , Roma, Nottetempo 2004. ISBN: 8874520182. [Nel
1990, il grande sociologo francese Pierre Bourdieu rispondeva alle domande di Antoine Spire in una trasmissione televisiva. Poche settimane prima di morire, Bourdieu ha rivisto il testo per la pubblicazione. In queste pagine, Bourdieu spiega il suo pensiero, le sue parole chiave. Che cos' la sociologia, che cos' la comprensione sociologica del mondo, la libert dell'individuo nello spazio sociale? Bourdieu, avvolto dal fuoco di domande degli intervistatori, risponde, si difende, si confida, si racconta, e concetti come habitus, iIIusio, svelamento, spazio sociale, guerra del gusto, strategie di condiscendenza - che possono sembrare ostici - entrano nella nostra vita quotidiana, nel nostro modo di capire le cose.].

B OURDIEU P., La fotografia. Usi e funzioni sociali di un'arte media, Rimini, Guaraldi 2004. ISBN: 8880492977. [Nonostante siano passati
pi di trent'anni dalla prima edizione di quello che ormai un classico della sociologia moderna, dedicato agli "usi sociali di un'arte media", cio alla fotografia, l'arte fotografica non solo non ha mai conosciuto un declino, ma al contrario ha trovato nuove modalit di espressione, che rispecchiano una vertiginosa evoluzione tecnologica.].

B OURDIEU P., Questa non un'autobiografia. Elementi di autoanalisi, Milano, Feltrinelli 2005. ISBN 8807103931. [Il modello di analisi che
Bourdieu contrappone alla biografia unapplicazione coerente della prospettiva teorica delineata nelle sue opere: una vita un incontro di storie diverse; la storia delle sperienze sociali che hanno modellato lhabitus dellindividuo e le sue risorse, la storia degli spazi di gioco in cui lindividuo si trovato a operare. La vera comprensione, dice Bourdieu, diversa dalla lettura scolastica e anche dalla lettura feticista, che pretende di fissare unortodossia. Occorre capire come la vita e lopera di quellautore sono state possibili, perch ha studiato quei problemi e non altri, il modo in cui li ha studiati. Un libro

10
fondamentale per comprendere lopera di Bourdieu e, per chi ancora non lo conoscesse, un buon punto di partenza per cominciare la sua scoperta.].

B OURDIEU P., Le regole dell'arte. Genesi e struttura del campo letterario , Milano, Il Saggiatore 2005. ISBN: 8842810754. [La
costruzione di un universo letterario e artistico del tutto indipendente dai burocrati di stato, dalle accademie e dai canoni di gusto da loro imposti ha avuto luogo solo nell'Ottocento. Bourdieu ne descrive la struttura e le varie configurazioni, ponendo le basi di una "scienza delle opere", il cui oggetto non dato semplicemente dall'opera ma anche dal suo contesto sociale. Influenzato dal marxismo e dallo strutturalismo, Bourdieu si dedica qui in particolare alla sociologia dei processi culturali, affrontando vari temi: il potere della scrittura; la bohme e l'invenzione di un'arte di vivere; la rottura con la borghesia; Flaubert e Baudelaire; l'invenzione dell'estetica "pura"; arte e denaro; l'invenzione dell'intellettuale...].

B OURDIEU P., La riproduzione , Rimini, Guaraldi 2006. ISBN: 8880492993. [Durato oltre dieci anni, coerente e rigoroso tentativo di
costruire una teoria generale delle azioni di violenza simbolica e delle condizioni sociali della dissimulazione di questa violenza, rappresenta la summa del Maggio e del movimento studentesco in Francia, in Italia, in Europa. La forza e i limiti del Movimento emergono con chiarezza. Questa nuova edizione della traduzione italiana della celebre e discussa opera si avvale di una introduzione di Giovanni Bechelloni che la contestualizza rispetto al lavoro di ricerca della verit del mondo sociale al quale Bourdieu, uno dei pi discussi rifondatori delle scienze sociali, si dedicato lungo tutta una vita.].

BOURDIEU P., I delfini, Rimini, Guaraldi 2006. ISBN: 8880492985. ["I


delfini" (Les Hritiers, 1964) il libro controverso che segn l'ingresso di Pierre Bourdieu (1930-2002) sulla scena intellettuale francese, europea e mondiale. Un libro che fu letto e discusso dagli studenti prima ancora che dai professori e dai sociologi accademici. Un libro di rottura - per come costruito e per quello che

11
dice - che non fu del tutto compreso e che oggi pu essere letto nel contesto dell'intrigante itinerario intellettuale di un grande studioso, di un rifondatore della sociologia come conoscenza.].

B OURDIEU P., Ragioni pratiche, Bologna, il Mulino 2009. ISBN: 8815128085. [Nei diversi capitoli del volume l'autore ripercorre i temi
affrontati nelle sue principali opere, dall'arte alla letteratura, dall'istituzione scolastica alla burocrazia e allo stato, dall'economia dei beni simbolici al fondamento della morale. Ne emerge un quadro sfaccettato dove dalla multiforme variet delle pratiche osservate l'autore sa trarre e riconoscere gli elementi strutturali dell'azione sociale. Indice del volume: Spazio sociale e spazio simbolico; Il nuovo capitale; Per una scienza delle opere; Spirito di Stato. Genesi e strutture del campo burocratico; E' possibile un atto disinteressato?; L'economia dei beni simbolici; punto di vista scolastico; Un fondamento paradossale della morale.].

BOVONE L., MORA E., Saperi e mestieri dell'industria culturale, Milano, Franco Angeli 2003. ISBN 8846451570. [Il volume, scritto da studiosi
esperti di diversi settori produttivi (moda, giornalismo on line, pubblicit on line), mostra come i lavoratori delle industrie culturali sviluppino delle specifiche culture professionali e aziendali, che per hanno alcuni tratti comuni Questo lavoro cerca di documentare come la collocazione di alcuni beni e servizi nellambito dellindustria culturale sia giustificata non tanto dal tipo di prodotto considerato, quanto dalle relazioni tra gli attori coinvolti e dalle forme organizzative e culturali in cui esse hanno luogo]

B URCKHARDT J., La civilt del Rinascimento in Italia, Roma, Newton Compton 2008. ISBN: 8854110000. ["Splendido fiore sbocciato in mezzo
al deserto": cos Burckhardt definisce il Rinascimento italiano, preso a modelle di vita politica e cultura. Profondamente critico nei confronti del proprio tempo, del progresso, dell'ottimismo e delle orgogliose certezze borghesi di cui aveva intuito l'intima fragilit, Burckhardt orienta la propria ricerca verso quest'epoca,

12
considerata in continuo e vitale rinnovamento. Sebbene possa apparire discutibile l'affermazione della maturit e della pienezze storica, in senso moderno, raggiunte dallo Stato rinascimentale, la comprensione reale dello spirito del periodo rende comunque l'interpretazione di Burckhardt straordinariamente organica, e conserva ancora oggi il suo valore.].

B URKE P., Sogni, gesti, beffe. Saggi di storia culturale, Bologna, il Mulino 2000. ISBN: 8815076905. [In questo volume l'autore ha riunito
nove saggi che documentano un tipo di studi, assai diffuso nei paesi di lingua inglese, che va sotto il nome di "cultural studies". In questa prospettiva il volume presenta una serie di capitoli di dibattito storiografico, e una serie di analisi specifiche, esemplari delle possibilit e degli ambiti degli "studi culturali". Seguono pagine dedicate alla storiografia della mentalit, al tema della funzione sociale della storia e a un saggio di storia culturale dei sogni.].

B URKE P., Cultura e societ nell'Italia del Rinascimento, Bologna, il Mulino 2001. ISBN: 8815081100. [La traduzione di questo famoso saggio
sul Rinascimento italiano fu pubblicata nel 1984 da Einaudi ed da anni fuori commercio. Nel frattempo Burke ha preparato una seconda edizione, in larghissima parte rifatta, ed questa nuova versione che il Mulino presenta oggi, nella convinzione che questo libro sia tuttora un contributo di assoluto rilievo alla storia sociale della cultura italiana del Quattro e del Cinquecento. Perch in Italia nei secoli XV e XVI l'arte, la letteratura, la musica presero quella determinata forma; quale fu la ragione che favor la straordinaria fioritura artistica che va sotto il nome di Rinascimento? Dopo aver ricapitolato le interpretazioni che, a partire da Vasari, sono state tentate, per rispondere a sua volta Burke ricorre a un'originale serie di analisi anche quantitative che mettono a fuoco chi erano gli artisti, quale era il ruolo dei mecenati e dei committenti, quali erano gli usi sociali delle opere d'arte, come venivano accolte dal pubblico di allora, quale era il gusto artistico dominante e il sistema di valori dell'epoca, infine qual era la dinamica del mutamento artistico in Italia, in rapporto anche ad altri paesi. In sintesi, una minuziosa rassegna delle condizioni sociali e culturali che resero possibile il Rinascimento.].

13

B URKE P., La storia culturale, Bologna, il Mulino 2006. ISBN: 8815112928. [In questo breve volume, Burke ripercorre l'evoluzione degli
studi sulla storia della cultura a partire dall'Ottocento, ne delinea le caratteristiche attuali e ipotizza i suoi possibili sviluppi futuri. Il volume prende le mosse da due grandi classici ritratti di un'epoca, "La cultura del Rinascimento in Italia" di Burckhardt e "L'autunno del Medioevo" di Huizinga, e segue le diverse incarnazioni della storia culturale nella sociologia (Weber), nella storia dell'arte, nella storia della cultura popolare. Dopo aver trattato della risposta marxista all'approccio culturale, Burke si concentra sulla stagione presente, segnata a partire dagli anni Settanta dall'influenza dell'antropologia e di grandi studiosi come Bachtin, Elias, Foucault e Bourdieu, e caratterizzata dalla messa a fuoco di una vasta serie di tematiche nuove come la storia del corpo, la memoria, la costruzione delle identit individuali e collettive. Infine Burke ragiona sugli sviluppi della storia culturale, ipotizzando che in futuro essa si estenda tra l'altro anche alla storia della politica, della violenza, delle emozioni.].

C ANASTRARI P., ROMEO A., Second life. Oltre la realt il virtuale, Milano, Lupetti 2008. ISBN: 8883912632. [Second Life si propone
come una realt che riesce a oltrepassare i vincoli della "finitezza" della vita reale. In essa gli individui creano una seconda vita che corre parallela alla prima. Da una parte cadono le barriere della distanza sociale e dall'altra si creano nuovi vincoli d'appartenenza. Il volume intende fornire una panoramica di alcuni ambiti significativi di Second Life: comunicazione, politica, consumi, moda, arte, concetto di spazio e tempo, cos come vengono vissuti al suo interno. Il testo, frutto di una ricerca, muove da un presupposto fondamentale, anche se artefatto: analizzare Second Life e quindi i suoi abitanti attraverso le loro relazioni senza fare un rimando alle identit reali esistenti. Una riflessione sociologica che si awale del contributo di studiosi provenienti da diversi ambiti della sociologia, che diventa un'indispensabile chiave di lettura di un fenomeno cos coinvolgente. Il filo conduttore dei saggi che oggi Second Life, per quanto artificiale o virtuale possa sembrare, in realt entra con forza nel tessuto

14
dell'esperire quotidiano, fondendosi con La vita reale e facendo emergere un individuo nuovo: una nuova forma di essere sociale che si awale di strumenti come appunto Second Life - emblema di una ipertecnologia - per ritrovare, invece, il senso di una vita caratterizzata dalle relazioni face to face. Insomma un uomo che attraverso la globalit del virtuale ritorna al suo essere locale.].

C ARLO A., L'arte come dramma sociale, Napoli, Liguori 2005, ISBN: 8820737344. [Il presente volume contiene una serie di saggi sul tema del
rapporto tra economia, potere ed arte. Le analisi generali si alternano ad interpretazioni specifiche del Decamerone , del gotico, di Michelangelo, Masaccio, Van Eyck e Luca Signorelli.].

CASTORIADIS C., Finestra sul caos. Scritti su arte e societ, Milano, Eluthera 2007. ISBN: 8889490381. [Ben prima che s'aprisse il dibattito
sulla "crisi dell'arte contemporanea", Castoriadis, uno dei pi innovativi filosofi del Novecento, aveva posto con singolare lucidit la questione del senso e del futuro della creazione artistica. La sua diagnosi era preoccupante: l'attuale collasso della creativit implica nello stesso tempo anche il passato e il futuro. Il passato perch "dove non c' presente non c' neppure passato". Il futuro perch "memoria vivente del passato e progetto di un futuro valorizzato scompaiono insieme". In quest'ultimo quarto di secolo nulla venuto a infirmare quella diagnosi. I testi inclusi nella presente antologia (sulla musica, la funzione della critica, l'arte come "finestra sul caos"...) raccolgono le riflessioni dell'autore sui rapporti tra la creazione artistica, la societ democratica e l'enigma dell'opera d'arte, affrontando anche il rapporto paradossale tra il creatore e la collettivit.].

CHILVERS I., (a cura di) Dizionario dell'arte, Milano, Baldini Castoldi Dalai 2008. ISBN: 8860731151. [ la prima traduzione italiana del The
Oxford Dictionary of Art, pubblicata in accordo con la Oxford University Press. Uno strumento utile per quanti vogliano addentrarsi nel complesso e sfaccettato mondo dell'arte realizzato da un team di esperti storici dell'arte. L'utente facilitato da una serie di rimandi e di ampliamenti all'interno delle singole voci.

15
Da ogni argomento altri se ne aprono in modo da rendere lo sguardo il pi ampio possibile. Dall'archeologia all'arte contemporanea il dizionario offre un'ampia panoramica internazionale prendendo in considerazione movimenti, artisti, tecniche, linguaggi. Uno strumento agile e di facile consultazione attraverso il quale chiunque pu pensare di addentrarsi in un mondo sfaccettato e complesso. I contenuti delle singole voci spaziano dall'arte alla letteratura con una stimolante impostazione storica e geografica.].

CHIMIRRI G., Lineamenti di estetica: filosofia dell'opera d'arte, Milano, Mimesis 2001. ISBN 8884830486. [Il volume si propone come un breve
trattato di estetica filosofica, nel quale vengono esposti i concetti ed i problemi da sempre discussi nella storia del pensiero, quali il processo di formazione dellopera darte (ispirazione, invenzione, imitazione, tecnica); la dialettica di interpretazione e di interdipendenza fra artista , critica, pubblico e societ; la struttra della bellezza; il rapporto dellarte con la religione e con la morale.]

C IMINELLI M. L., Immagini in opera. Nuove vie in antropologia dell'arte, Napoli, Liguori 2007. ISBN: 8820740993. [I saggi di questo
volume evidenziano le valenze operative dellarte: sia nellarena sociale e politica contemporanea, cui appartengono anche le tradizioni, sia nel campo cognitivo e religioso. A lungo confinata ai soli territori esotici delle culture primitive e limitata da uneccessiva dipendenza dalle categorie interpretative occidentali, la riflessione antropologica sullarte e sullestetica trova oggi un nuovo respiro teorico, e un nuovo fascino.].

C IVOLANI E., La sovversione estetica. Arte e pensiero libertario tra Ottocento e Novecento, Milano, Eluthera 2000. ISBN: 8885060447.
[Larte , nella sua complessit, un fattore gravido di implicazioni sul piano sociale : artefice di valori non solo estetici, credenze, simboli propulsivi di una diversa visione del mondo. Dunque larte pu darsi, nella sua continua ricerca di nuove forme espressive, come sovversione estetica ma anche sociale. Questo volume si occupa, per lappunto, di alcuni luoghi di incontro tra i due tipi di

16
sovversione. In particolare tratta dei principali testi dedicati allarte dai principali teorici della forma pi estrema di sovversione sociale : lanarchismo. Ma tratta anche di alcune correnti artistiche (come il realismo, il neoimpressionismo, il simbolismo, il futurismo, il dadaismo, il surrealismo) e di alcuni singoli artisti, anarchici o solo occasionalmente di tendenza libertaria, al fine di cogliere elementi di analogia o divergenza nellinterpretazione sociale del fenomeno estetico.].

C LIFFORD J., Strade. Viaggio e traduzione alla fine del secolo XX, Torino, Bollati Boringhieri 2008. ISBN: 8833919005. [Finita la
certezza della identit (il civilizzato da una parte, il primitivo e il selvaggio dall'altra) e compromessa la stabilit dei luoghi (il pi piccolo villaggio in cui pu recarsi il ricercatore popolato da turisti, oltre che da altri antropologi!) si pu dire che tutto diventi oggetto dello studio antropologico. Si pensi alla mescolanza di etnie e di culture che si incrocia in un aeroporto, al sovrapporsi di tradizioni e di modernit, in breve alle articolazioni contemporanee della "diaspora", cui dedicato uno dei saggi pi importanti del libro. Rispetto al precedente "I frutti puri impazziscono" (Bollati Boringhieri 1993), qui pi accentuato lo spostamento del centro dell'interesse nel senso del viaggio, del passaggio di frontiera, con conseguente contaminazione, ibridazione, vicendevole influenza e trasformazione delle culture. A questo mutamento dell'oggetto stesso della ricerca antropologica corrisponde uno stile di esposizione interpretativo, mediante il quale l'autore mette in gioco se stesso nei suoi rapporti con le realt sempre in movimento di cui fa parte, che lo comprendono e lo modificano. Cosicch non stupir trovare qui alcuni scritti autobiografici e altri animati da una vera e propria ricerca letteraria.].

C LIFFORD J., Ai margini dell'antropologia. Interviste, Roma, Meltemi 2004. ISBN: 8883533305. [Cosa spinge a diventare antropologi? Quali
sono le direzioni verso cui si muove l'antropologia contemporanea? Cinque interlocutori di rilievo in diverse aree di ricerca sono impegnati in queste pagine in un prolifico e stimolante scambio di idee con James Clifford - personaggio chiave degli studi antropologici, autore di saggi che spaziano dal tema dell'arte a

17
quello dell'identit, dagli studi museali alla ricerca sul campo - invitandolo a ricostruire differenti aspetti e momenti della sua carriera. Cinque dialoghi dai quali emerge l'esigenza di conservare un atteggiamento costantemente critico e aperto di fronte a un mondo che cambia e si muove a velocit impressionante.].

COSSI G IANUGO M., Il contributo dei classici alla sociologia dell'arte, Roma, Aracne 2005. ISBN: 8854801879. [Un contributo teorico per la
discussione e l'elaborazione di un'epistemologia delle arti visive propriamente sociologica; un commento delle argomentazioni estetiche e socio-culturali espresse dai Padri della Sociologia.].

C OSTA M., Teoria e sociologia dell'arte, Napoli, Guida 2009. ISBN: 8860420873.

C UCHE D., La nozione di cultura nelle scienze sociali, Bologna, il Mulino 2006. ISBN: 8815110534. [Centrale nella riflessione sulle scienze
sociali, il concetto di cultura ci permette di concepire, al di l di tutte le differenze, l'unit dell'umanit. L'uomo essenzialmente permeato di cultura. Nella sua evoluzione, durata quindici milioni di anni, si verificata una straordinaria regressione degli istinti, "sostituiti" progressivamente dalla cultura, cio da quell'adattamento immaginato e controllato dall'uomo che si rivela molto pi funzionale dell'adattamento genetico, in quanto molto pi flessibile e pi facilmente trasmissibile. E' a questa accezione ampia che rimanda il libro qui presentato in una nuova edizione - nel seguire l'origine, gli usi, le trasformazioni del concetto di cultura e nel ridefinirne il ruolo all'interno dell'odierno dibattito sul multiculturalismo.].

C URRERI A LIBRANDI G., Oltre il punto di fuga Un'analisi storicoartistica della Prospettiva Lineare, Roma, Armando Editore 2005. ISBN: 8883585364.

18 D'A MATO F., Sound Tracks Tracce, convergenze e scenari degli studi musicali, Roma, Meltemi 2002. ISBN: 8883531302. [I saggi raccolti,
muovendo dall'intreccio tra sociologia dell'arte, sociologia della cultura e media studies, riflettono sull'attuale idea di musica, di genere e sul ruolo delle nuove tecnologie in questo settore.].

D AL L AGO A., GIORDANO S., Mercanti d'aura Logiche dell'arte contemporanea , Bologna, il Mulino 2006. ISBN: 8815112941.
[Perch i quadri dipinti da uno scimpanz sono stati quotati pi di tante opere di artisti famosi? Perch un orinatoio divenuto l'emblema dell'arte del Novecento? Perch tanti artisti d'oggi operano con i paradossi della logica, pi che con i pennelli? Perch la riproduzione di una zuppa Campbell ha un enorme valore nel mercato artistico, se opera di Andy Warhol, ma considerata un sintomo di disordine mentale, se l'autore internato in un manicomio svizzero? Perch i grandi falsari hanno spesso un'idea tradizionalista della pittura? Perch qualcuno che si taglia con una lametta in una galleria d'arte considerato un artista contemporaneo, ma non lo un cuoco o uno stilista? Partendo da questi interrogativi il volume offre una lettura disincantata ma appassionata delle logiche sociali, economiche e culturali dell'arte contemporanea. Nella prospettiva degli autori, l'arte l'insieme di mondi in cui, per riprendere Walter Benjamin, si produce, si vende e si compra l'"aura", cio la definizione di qualcosa come "arte". "Aura" non soltanto l'invenzione di critici ingegnosi, di mercanti abili e investitori oculati: il significato profondo, per quanto riposto e a volte stravagante, della societ capitalistica o di mercato, anche se in nuove forme postmoderne o immateriali. Cos, sotto le apparenze di un mondo che fa alzare il ciglio ai moralisti di sempre, l'arte ci mostra come gli esseri umani lavorano, danno valore ai loro simboli, sono attratti o respinti, trionfano o perdono in quel grande gioco che chiamiamo societ.].

D ANTO A. (introduzione di Marco Senaldi), L'abuso della bellezza, Milano, Postmedia 2008. ISBN: 8874900376. [Un secolo fa, la bellezza

19
era considerata quasi allunanimit lo scopo supremo dellarte e persino sinonimo deccellenza artistica. Tuttavia, oggi la bellezza vista come un crimine estetico e gli artisti sono spesso messi all'indice dai critici se le loro opere sembrano mirare al bello. Negli anni pi recenti, alcuni artisti, critici e curatori hanno iniziato a considerare la bellezza sotto altri punti di vista. La discussione che ne risulta spesso confusa, con eruditi che guardano talvolta alla bellezza come ad un tradimento del ruolo autentico degli artisti, altre volte si lavora duro per trovare la bellezza in ci che apparentemente disgustoso o grottesco. Il critico darte e filosofo Arthur Danto spiega, in questo libro, come sia stata messa a punto la ribellione contro la bellezza e come lavanguardia modernista l'abbia spodestata. Danto sostiene che i modernisti avessero ragione a negare che la bellezza fosse vitale per larte, ma anche vero che la bellezza essenziale alla vita umana e che non fosse necessario escluderla per sempre dallarte.]

D E GENNARO M. I., Analisi sociologica delle arti applicate da Pugin a Morris, Napoli, Florio 2002. ISBN: 8885663567. D E M AMBRO S. RICARDO, Il canone metamorfico. Saggio sulla pittura del manierismo fiammingo e olandese, SantOreste, Apiron 2002. ISBN: 8885978371. [La pittura fiamminga e olandese famosa, nel
Rinascimento, per l'abilit di artisti come Jan van Eyck e Hans Memling di imitare puntualmente le forme della natura fu oggetto, nel corso del Cinquecento, di un'intensa rielaborazione dei propri metodi e mezzi operativi, proponendo non soltanto una continua sperimentazione sul piano tecnico ed esecutivo, ma anche una straordinaria variet di stili e tendenze figurative. Nel Manierismo nederlandese l'attenzione degli artisti sembra essersi decisamente spostata dall'imitazione dei fenomeni naturali all'emulazione delle opere precedenti, per cui maestri come Pieter Bruegel, Hendrick Goltzius e molti altri potranno essere lodati dagli scrittori contemporanei in virt delle loro impareggiabili capacit metamorfiche: l'imitazione delle maniere altrui diventa, cos, un criterio ricorrente nella valutazione delle creazioni pittoriche. Il volume

20
di Ricardo de Mambro Santos affronta questo problema fondamentale della cultura figurativa cinquecentesca, fornendo, da un lato, un itinerario interpretativo rigoroso quanto stimolante ed esaminando, dall'altro, alcuni esempi emblematici della produzione pittorica nordica, analizzata sulla base delle coeve testimonianze iconografiche e letterarie.].

DE MAMBRO S. RICARDO, Arcadie del vero. Arte e teoria nella Roma del Seicento , SantOreste, Apeiron 2001. ISBN: 8885978355.
[Considerato un importante documento della tendenza classicista inaugurata a Roma da Annibale Carracci, nei primi anni del Seicento, il Trattato della pittura di Giovan Battista Agucchi stato a lungo interpretato dagli storici dell'arte sulla base di una simile premessa ermeneutica. Le pagine di Ricardo de Mambro Santos propongono un puntuale riesame delle posizioni teoriche agucchiane, analizzate in stretta connessione con la produzione artistica di Carracci e Caravaggio, nell'intento di sottolinearne la comune attenzione nei confronti della sfera fenomenica. In tal modo, lo studioso potr cogliere gli aspetti pi innovativi dell'opera di questi maestri, restituendo alla riflessione di Agucchi una matrice esegetica ancora lontana dalla dottrina rigorosamente selettiva del bello codificata da Giovan Pietro Bellori. Un'ampia raccolta di scritti agucchiani e la pubblicazione di uno studio inedito di Carlo Volpe arricchiscono ulteriormente il quadro critico delineato nel presente volume.].

D E M AMBRO S. RI C A R D O , Le virt romane. Temi e motivi dello stoicismo nell'arte nordica del Cinquecento, Roma, Edilazio 2005. ISBN: 888748550X. [Incidenza del pensiero stoico nella produzione
artistica fiamminga e olandese attraverso un'indagine serrata, piacevole e puntuale di questa complessa stagione creativa.].

D E M ICHELI M., Le avanguardie artistiche del Novecento, Milano, Feltrinelli 2003. ISBN: 8807810298. [Con un saggio efficace, che unisce
al rigore degli argomenti la ricchezza dell'informazione, Mario De Micheli rievoca gli "anni eroici" delle avanguardie, svolge un'indagine sulle cause che

21
hanno provocato il fenomeno dell'arte moderna nella determinazione specifica dei suoi caratteri e delle sue tendenze. Il libro, rifuggendo sia da una semplice cronaca dei movimenti, sia da un astratta descrizione delle dottrine, esamina le idee, le teorie, le poetiche nel loro concreto divenire e soprattutto nel fuoco dell'esercizio creativo dei maggiori protagonsti dell'arte moderna. Ne risulta un saggio organico, serrato, in cui i motivi dominanti nel cono dell'arte d'oggi si dispongono in modo criticamente evidente, offrendo al lettore la chiave di un'interpretazione non esteriore, n metafisica, dell'arte moderna. Ai pregi del saggio si aggiunge inoltre la parte documentaria, in cui sono raccolti i testi programmatici dei vari movimenti, i manifesti, tradotti integralmente, e molti per la prima volta.].

D E P AZ A., Dizionario di scienze umane. Lessico essenziale dalla filosofia alla critica d'arte , Napoli, Liguori 2004. ISBN: 8820735253 . [Quest'opera si rivolge, in primo luogo, a un pubblico
consapevole del fatto che la cultura contemporanea una cultura vivente nella misura in cui stabilisce relazioni e legami fra diversi settori e discipline, oltre le frontiere stabilite da una mal intesa concezione specialistica e accademica del sapere, che lascia spesso inappagato il desiderio di ogni individuo di trovare significati nuovi ai percorsi conoscitivi che sta compiendo. Tale Dizionario intende, quindi, presentarsi come un contributo rivolto a dare i fondamenti di base a una sensibilit interdisciplinare intenzionata a comprendere le molteplici fisionomie della condizione umana nella determinatezza storica e sociale dell'epoca in cui viviamo.].

ELIACHEFF C., HEINICH N., Madri e figlie. Una relazione a tre, Torino Einaudi 2003. ISBN: 8806165348. [Madri ingiuste, madri gelose, madri
narcisistiche, madri depresse, madri sostitute, madri amanti, madri insoddisfatte, madri colpevoli: Caroline Eliacheff, psicanalista, e Nathalie Heinich, sociologa, utilizzando gli strumenti delle loro diverse discipline, indagano la complessa ragnatela del rapporto madri-figlie prendendo in esame, per, non personaggi reali o casi clinici, ma la letteratura e il cinema. Le storie narrate in Madame

22
Bovary, Anna Karenina, L'amante, La lettera scarlatta, Ragione e sentimento, Cenerentola, Cappuccetto rosso e Bellissima, Lezioni di piano, Marnie, Il mio piccolo genio, Tacchi a spillo, insieme a quelle di tanti altri capolavori, sono scandagliate nel tentativo di costruire un immaginario comune che spieghi i difficili e intricati processi di un legame che solo con la presenza di un terzo (la figura paterna, ovviamente) pu davvero funzionare. Attraverso una lettura originale dei casi esemplari di coppie irreali ma celebri, le due autrici offrono al lettore il ventaglio di tutte le relazioni possibili, mostrando come evolvano, di generazione in generazione, la trasmissione dei ruoli, la costruzione delle identit, il confronto con la sessualit, la perdita, l'invecchiamento e la morte. Madri e figlie unisce al brio espositivo il rigore teorico: un libro dove si apprendono questioni psicanalitiche, si rileggono, in una chiave del tutto inedita, opere d'arte famose e, forse, si impara a conoscere meglio i meccanismi di un rapporto fondamentale.].

FACCIOLI P., (a cura di), In altre parole: idee per una sociologia della comunicazione, Milano, Franco Angeli 2001. ISBN 8846432088.
[Nuove riflessioni sulla comunicazione per immagini, debitamente ancorate a poliedriche esperienze di ricerca sul campo, costituiscono il contenuto di questo volume pronto a segnare unulteriore tappa nel cammino della sociologia visuale. Il percorso affrontato parte dalle diverse riflessioni su un nucleo centrale il raporto tra lo sguardo e la visione volto ad approfondire il ruolo dellimmagine nel processo della conoscenza del mondo: dal ruolo della vista nella conoscenza, a quello delle immagini nella comunicazione sociale.]

F ERNANDEZ E. MIGGIANI M., Arte sesso societ. Per una lettura sociologica dell'erotismo nella storia dell'arte, Roma, Meltemi 2000. ISBN: 8883530268. [L'eros ha sempre avuto con l'opera d'arte un
rapporto privilegiato. Nell'espressione artistica la metafora e il segno di un erotismo suggerito o esplicito offrono una possibilit, forte ma raramente utilizzata, per comprendere in profondit il sistema di norme e valori delle realt sociali. Questo volume analizza alcuni momenti chiave dell'arte figurativa sia

23
per cogliere i cambiamenti di forma e significato che si sono verificati nel modo di rappresentare l'elemento erotico, sia per dimostrare come a questi cambiamenti corrispondano altrettanto nette trasformazioni della realt sociale, in particolare nel modo di concepire il rapporto tra i sessi, la struttura familiare, la condizione della donna.].

FINOCCHI R., Arte e non arte. Per una sociologia dell'estetica, Roma, Meltemi 2005. ISBN: 8878810010. [Lintento di questo lavoro di
evidenziare alcune linee di tendenza della produzione culturale nel campo dellestetica, ovvero di mettere in evidenza come, nel corso del tempo, il sistema delle arti (ci che considerato arte e, viceversa, ci che non considerato arte) sia mutato in simbiosi con il sistema sociale e con il sistema cilturale.].

F OGLI A., Il marketing dellarte: strategia di marketing per artisti, musei, gallerie, case d'asta, show art, Milano, Franco Angeli 2005. ISBN: 8846467108. [Il libro offre ad artisti ed organismi artistici, (musei,
gallerie, monumenti, case dasta, mostre mercato, associazioni, enti pubblici) ad operatori artistici, (collezionisti, studiosi, imprenditori, galleristi) uno schema di riferimento ed una metodologia per confrontarsi efficacemente con il mercato, valorizzare lofferta, riscontrare e soddisfare la domanda darte.]

G RAZIOLI E., Arte e pubblicit, Milano, Bruno Mondatori 2001. ISBN: 8842497061. [Parte essenziale e caratterizzante del nuovo paesaggio urbano
prima, segno stesso della modernit poi, la pubblicit ha incarnato la strategia commerciale del visivo fino a diventare uno dei cardini della societ e della cultura di massa, per aspirare infine a essere uno dei luoghi privilegiati della creativit postmoderna. L'arte, da parte sua, dapprima astratta respinge la pubblicit, per poi assumerla e cambiarla in una sorta di simbiosi che arriva a far dubitare di poterla distinguere sia nelle strategie formali e visive che in quelle mercantili e comunicazionali. Teorie ed esempi specifici ricostruiscono il

24
dibattito sui rapporti arte-pubblicit in un'epoca trasformata che ancora cerca la propria definizione.].

H EINICH N., La sociologia dellarte, Bologna, il Mulino 2004. ISBN: 8815097341. [Il volume offre un'ampia panoramica degli studi sui rapporti tra
arte e contesto sociale per quanto riguarda la letteratura, la musica e le arti figurative, senza tralasciare lo spettacolo e le arti applicate. Grande spazio riservato, oltre che ai contributi di sociologi in senso stretto, anche agli studiosi di storia sociale. Un contributo alla sociologia della cultura, un'escursione nel territorio dei "cultural studies" che illumina la dimensione sociale dell'esperienza artistica.].

IMAGE L A B (a cura di), Comunicazione e immagine. Il brand Piero Guidi, Napoli, Liguori 2007. ISBN: 8820735050. [Questo testo intende
ripercorrere le modalit intraprese da Piero Guidi nel valorizzare il proprio marchio con esiti talvolta positivi e talvolta meno proficui, ma sempre nella direzione di una progettualit che non trascura i legami dellazienda con il proprio territorio e che non dimentica di abbinare la passione per la moda ad una sensibilit particolare per il mondo dellarte.].

K RIS E., KURZ O., La leggenda dell'artista, Torinio, Bollati Boringhieri 2004. ISBN: 8833911274. [In un libro che avrebbe fatto la delizia di
Teofrasto, tanto ricca la documentazione aneddotica che la sostanzia, Kris e Kurz si mettono sulle tracce dei caratteri genetici e determinativi della figura dell'artista, non solo nella civilt occidentale, trovando nelle varie epoche e paesi consonanze sorprendenti. Campo d'indagine e banco di prova dell'analisi appunto la tradizione aneddotica, che per l'Occidente risale almeno a Duride di Samo, discepolo di Teofrasto, e scende fino alle grandi raccolte biografiche settecentesche. Una tradizione che - mostrano gli autori - si svolge intorno ad alcuni poli fondamentali, ove si tendono a mettere in luce ben determinati aspetti della vita e della personalit dell'artista: umile origine, intervento di un caso fortunato, autodidattismo nativo, estro incontenibile. L'artista anzitutto un

25
"enfant prodige" baciato dalla sorte, estraneo ma innalzato dal basso al sommo della piramide sociale. E la sua la vita bizzarra, trasgressiva di un bizzoso: che sceglie a volte la miseria, e a volte adulato dai potenti; dipinge assorto nelle citt assediate e s'immerge in zuffe coi rivali, in beffe al pubblico; geloso delle sue opere e per un nulla le distrugge; lavora con foga incredibile, come Tintoretto, o si adagia nella contemplazione, come Leonardo. Insomma, la vita di un personaggio da leggenda che, nella variet e imprevedibilit delle sue reazioni, racchiude e cristallizza il mistero di quella particolarissima forma di magia che la creazione d'immagini.].

L IPOVETSKY G., Il tempo del lusso, Palermo, Sellerio 2007. ISBN: 8839822543. [Gilles Lipovetsky in questo interessante saggio d una visione
ampia e insieme critica del fenomeno del lusso, sostanzialmente lasciando aperta la dicotomia tra lusso eterno e lusso emozionale come ama chiamarlo []. Lautorevolezza dellautore consente di lanciare, sul mercato italiano, una proposta intelligente e, in qualche modo, provocatrice, auspicando che le due anime del business della moda e del lusso possano, almeno una volta, fermarsi, guardarsi intorno e dentro, dialogare e riprendere il cammino magari un po meno vittime o schiave del mercato e della vanit.].

LOMBARDI C., La ballerina immaginaria. Una donna nella letteratura e sulla scena nell'et dell'industrialismo 1832-1908, Napoli, Liguori 2007. ISBN: 8820740524. [La ballerina immaginaria uno dei miti artistici
ed erotici della cultura industrialista, del costume e delle sue arti. La ballerina entra nella letteratura e nell'arte dell'Ottocento, nel teatro di danza e nelle storie che racconta.].

L UGLI A., PINNA G., VERCELLONI V., Tre idee di museo, Milano, Jaca Book 2005. ISBN: 8816406917. [Ogni museo unico e irripetibile, deve
tendere ad una propria organizzazione, a propri sistemi di raccolta e di gestione scientifica delle collezioni. In questo volume sono riuniti tre brevi saggi, di tre autori che guardano al museo da tre punti di vista diversi e da aree culturali

26
differenti ma che interpretano la museologia come la scienza che non si limita a sovrintendere alla creazione, all'organizzazione e alla gestione dei musei, ma che discute sulle teorie della comunicazione museale, del ruolo sociale e culturale e della valenza politica di queste istituzioni.].

M ALIZIA P., Tracce di societ. Sull'azione sociale contemporanea: sull'azione sociale contemporanea, Milano, Franco Angeli 2005. ISBN 8846463854. [Forme della contemporaneit, tracce dellagire sociale
fra struttura ed azione nel quadro della societ dellincertezza: questo in estrema sintesi il tema conduttore del volume. I principali temi affrontati sono l identit colletiva, i problemi sociali come lagire interculturale ed azioni situate costituenti momenti specifici di interesse sciologico e sociale Un capitolo della parte seconda del volume dedicato alla sociologia dellarte: Arte e societ. Temi di sociologia dellarte e della musica.]

MARANI PIETRO C., PAVONI R., Musei. Trasformazioni di un'istituzione dall'et moderna al contemporaneo, Venezia, Marsilio 2006. ISBN: 8831790145. [Il testo traccia l'evoluzione del museo dalla met del Settecento
a oggi. Dal ruolo del museologo, al cambiamento della definizione di museo, il concetto di pubblica utilit, la specificit dei musei americani e di quelli italiani, come esempi di due diverse concezioni e strategie, fino alle differenti opzioni odierne che spaziano dalla spettacolarit allo stretto rapporto del museo con la comunit locale, dalla concezione del museo come strumento di marketing territoriale alla conferma del suo ruolo "sacrale". Una serie di schede illustra sinteticamente casi esemplari di musei, differenti per tipologie e identit, al fine di fornire strumenti di lavoro e approfondimento.].

MARRONI A., L' enigma dell'impuro. La sfida dell'estetico nella societ, nella sessualit e nell'arte , Roma, Carocci 2007. ISBN: 8843043463. [L'autore si propone di enucleare l'incombenza dell'impuro negli
eccessi dell'estetica e nelle dinamiche sociali, nelle pratiche inconsuete dell'arte e della sessualit, mettendo alla prova una "curiosa" immaginazione filosofica

27
nel dare forma - come suggeriva Francesco Bacone - a possibili matrimoni e divorzi illegali fra concetti tra loro apparentemente molto distanti. L'impuro pensato dentro la cornice concettuale dell'enigma, cio della sospensione di ogni verit stabile e immutabile. L'impuro e l'enigma, a loro volta, sarebbero incomprensibili senza la forza dell'estetico, senza la sfida lanciata dal sentire eccessivo ed estremo, contro ogni forma di conciliazione. Questo studio un contributo all'interpretazione di quei fenomeni sociali e culturali che la tradizione occidentale ha spesso collocato ai margini della riflessione filosofica.].

M ARRONI A., Matre sentir. Melchiorre Delfico e il problema del bello, Chieti, Noubs 2002. ISBN: 8887468168. M ARRONI A., (a cura di), P. Klossowski, Simulacri letterari. Il puro e limpuro della parola, Milano, Mimesis 2004. ISBN 8884832772.
[Tra il 1945 e il 1950 Klossowski svolge unintensa attivit di recensore e di critico, pubblicando lavori su Rilke, Jouve, Blanchot, Parain, Batalille, Gide, Kafka, Barbey dAurevilly. Il problema della scrittura sembra ossessionarlo e questo argomento lo provoca particolarmente quando in relazione al problema della colpa e del peccato, del puro e dellimpuro. Cos la parola pura e la parola impura? Un silenzio puro esiger necessariamente una parola impura; mentre un silenzio impuro solleciter una parola carica di puro silenzio, divenuto per impuro e falso. La parola impura si fa carico di tutte quelle impulsionalit del corpo che invece un linguaggio puro vorrebbe sopprimere. Rilke, posseduto da potenze che lo condizionano durante la redazione delle sue elegie, Kafk, alle prese con le sue lotte spirituali, Jouve, affascinato dal potere salvifico del peccato, Parain teorico di un linguaggio che redime proiettandoci oltre la morte: sono questi i temi che Klossowski affronta in questi quattro magistrali saggi.].

MARRONI A., (a cura di), Pierre Klossowski La moneta vivente, Milano, Mimesis 2008. ISBN: 8884836649. [Considerato il maestro dellerotismo

28
del Novecento, il filosofo-scrittore francese con il saggio qui pubblicato, intende esplorare lorigine della mercificazione del corpo. Secondo Klossowski il corpo pu essere sottratto alla convenzionale logica procreativa unicamente se accede a una trasgressiva economia commerciale che si realizza nella perversione erotica. Solo la moneta vivente riesce a inaugurare un differente rapporto di scambio nel quale lerotismo, a partire dallesperienza di Sade, diventa un enigma pulsionale e fantasmatico che introduce al sentire eccessivo ed estremo. Per tale motivo la moneta vivente anche una moneta estetica.].

M AZZI M. C., In viaggio con le muse. Spazi e modelli del museo, Firenze, EDIFIR 2005. ISBN: 8879702351. [Un percorso che si offre di
accompagnare il lettore attraverso il dedalo (spaziale e temporale) che si viene a creare tra l'oggetto d'arte ed il suo "contenitore-scrigno", il museo appunto, luogo di diletto, intrattenimento e ricreazione dell'animo. Il testo si compone di due parti: una prima, d'introduzione, offre un profilo di tipo storico culturale della nascita di alcune tra le pi note collezioni museali del mondo, attraverso settanta schede monografiche corredate da una serie di dati tecnici; una seconda parte, di taglio normativo, prende in esame le problematiche di conservazione.].

M INUCCIANI V., Il museo fuori dal museo. Il territorio e la comunicazione museale, Milano, Lybra Immagine 2005. ISBN: 8882230732. [Il fenomeno museale oggi ha confini molto labili nei confronti
di altre manifestazioni di divulgazione culturale; sfaccettato e contraddittorio; sempre pi raramente pu permettersi di rimanere chiuso in se stesso, in senso fisico ma anche e soprattutto in senso concettuale. Questo libro vuole fornire un piccolo contributo da questo particolare punto di vista, proponendo interpretazioni anche molto diverse di questo uscire del museo da se stesso. Sotto questa espressione, dunque, trovano spazio fenomeni quali l'ecomuseo e il museo diffuso, il centro visita e il museo naturalistico di ultima generazione; ma anche considerazioni sulla vera missione del museo, nuove prospettive aperte dalla tenologia sulla comunicazione museale.].

29 M ONACI S., Il futuro nel museo. Come i nuovi media cambiano l'esperienza del pubblico, Milano, Guerini e Associati 2005. ISBN: 8883356861. [Come saranno i musei del futuro? Ma, soprattutto, come
cambiano in rapporto ai nuovi media e alle trasformazioni che essi determinano nelle istituzioni dedicate alla conservazione e alla tutela del patrimonio culturale? Vedere, toccare, interagire con le opere oggi possibile sia nel museo, grazie alle mediazioni delle opere realizzate attraverso applicazioni interattive, sia da lontano attraverso le connessioni Internet ai musei on line. Un nuovo pubblico, virtuale, ha la possibilit di fruire in modo nuovo delle opere d'arte. Cattedrali dell'et dell'informazione o snodi di incontro per i flussi del turismo globale, i musei si preparano a soddisfare un nuovo pubblico e nuovi bisogni, in cui si intrecciano cultura, comunicazione e intrattenimento.].

MORIN E., Lo spirito del tempo, Milano, Bruno Mondatori 2001. ISBN: 8842497061. [Parte essenziale e caratterizzante del nuovo paesaggio urbano
prima, segno stesso della modernit poi, la pubblicit ha incarnato la strategia commerciale del visivo fino a diventare uno dei cardini della societ e della cultura di massa, per aspirare infine a essere uno dei luoghi privilegiati della creativit postmoderna. L'arte, da parte sua, dapprima astratta respinge la pubblicit, per poi assumerla e cambiarla in una sorta di simbiosi che arriva a far dubitare di poterla distinguere sia nelle strategie formali e visive che in quelle mercantili e comunicazionali. Teorie ed esempi specifici ricostruiscono il dibattito sui rapporti arte-pubblicit in un'epoca trasformata che ancora cerca la propria definizione.].

PALTRINIERI R., Consumi e globalizzazione, Roma, Carocci 2004. ISBN: 88430300571. [Che cosa significa oggi vivere in una societ globale
permeata dalla cultura del consumo? Siamo noi che usiamo gli oggetti o ne veniamo inconsciamente usati? Questi e altri ancora sono solo alcuni dei quesiti - esaminati nel corso del libro - che pongono l'urgenza di formulare nuove chiavi di lettura utili a comprendere il ruolo dei consumi nella societ contemporanea.].

30

P ATELLA G., Estetica culturale. Oltre il multiculturalismo, Roma, Meltemi 2005. ISBN: 8883534352. [Come intendere l'estetica nell'et del
multiculturalismo? L'estetica accademica pronta a rispondere alle sfide del nostro tempo? Quali conseguenze ha sull'estetica l'incontro con le problematiche legate agli studi culturali? Queste sono le domande principali cui questo libro cerca di rispondere. Facendo interagire la riflessione estetica con la prospettiva degli studi culturali si riesce cos a pensare le categorie estetiche in termini di pratiche culturali, dando vita a una teoria dei beni simbolici, o una scienza degli artefatti culturali, aperta verso tutte le forme della cultura, della societ e del sentire contemporanei.].

P ATELLA G., Giambattista Vico tra Barocco e Postmoderno, Roma, Meltemi 2005. ISBN: 8884833981. [Della cultura barocca, tutt'altro che
buia e polverosa, Vico parla in modo insospettato alla sensibilit contemporanea, contribuendo a delineare i tratti di una nuova pratica culturale, basata sul potenziamento delle facolt connettive come l'immaginazione, la memoria, l'ingegno, e di una nuova visione del sapere fondata sull'apporto paritetico delle diverse facolt e discipline umane. cos - sostiene l'autore che il pensiero barocco di Vico entra curiosamente in relazione con i nostri tempi postmoderni, gettando su di essi nuova luce e ricevendone contemporaneamente nuova attualit.].

P ATELLA G., Bellezza, arte, vita. L'estetica mediterranea di George Santayana , Roma, Mimesis 2001. ISBN: 8884830141. [Il libro si
propone di rileggere il pensiero estetico del filosofo ibero-americano, di presentarlo compiutamente per la prima volta al lettore italiano, seguendolo da vicino nelle sue fasi pi importanti, di interrogarlo senza preconcetti ed avanzare alcune personali ipotesi interpretative, che possono inoltre fornire degli spunti di riflessione per lattuale interrogazione estetico-filosofica. Vengono cos approfonditi i capisaldi della meditazione di Santayana sulla bellezza, sullarte e pi in generale sulla dimensione del sentire, che un ruolo

31
preponderante occupa allinterno del suo pensiero. Lintento che muove il libro non certo quello di annunciare il ritorno di un inattuale, quanto piuttosto di far emergere uno sguardo nuovo verso quellantico sentire mediterraneo cui lestetica di Santayana fornisce un notevole contributo, facendoci scoprire unesperienza pi ampia del sentire e una visione pi articolata della ragione e della vita.].

P ERNIOLA M., I situazionisti. Il movimento che ha profetizzato la Societ dello spettacolo , Roma, Castelvecchi 2005. ISBN: 8876150684. [Questo libro ripercorre la storia e il pensiero dei Situazionisti,
cio del movimento a cui si rifanno tutti gli anarchici, i manipolatori e i sabotatori del sistema dei media.].

P ERNIOLA M., L' arte e la sua ombra, Torino, Einaudi 2000. ISBN: 8806147374. [L'arte contemporanea pu ancora essere "grande"? Molti ne
dubitano: il mondo dell'arte sembra infatti dominato da interessi mercantili che riducono l'arte alla produzione e alla promozione di opere da sfruttare economicamente. In questo documentato volume, che costituisce un utile strumento di aggiornamento sulla problematica attuale dell'arte, Mario Perniola discute con competenza e familiarit le tendenze artistiche (posthuman, realismo psicotico, arte estrema) e i movimenti culturali (postmoderno, cyberpunk) pi recenti e pi provocatori.].

PERNIOLA M., Contro la comunicazione, Torino, Einaudi 2004. ISBN: 8806168207. [Si tratta di un pamphlet contro la comunicazione
massmediatica e i suoi effetti deleteri nella cultura, nella politica e nell'arte. Essa sembra trasformare l'inconcludenza e la confusione da fattori di debolezza in prove di forza; inoltre, nel suo rivolgersi direttamente al pubblico, saltando tutte le mediazioni essa ha un'apparenza democratica, ma in realt una forzatura che omologa ogni differenza. Il volume si interroga sulle origini, sui dispositivi e sulla dinamica della comunicazione di massa, individuando un'alternativa a questo tipo di modello comunicativo in un'economia dei beni

32
simbolici che, pur restando vicina ai bisogni, non sia vittima del guadagno immediato e del successo ad ogni costo.].

P ERNIOLA M., Il sex appeal dell'inorganico, Torino, Einaudi 2004. ISBN: 8806169963. [Musica rock e architettura decostruttiva, fantascienza e
realt virtuale, droga e look, cyberpunk, metaletteratura, performances sportive e teatrali fanno parte di una stessa cultura, la cui chiave di accesso costituita dall'esperienza dell'essere umano come una cosa che sente propria. Tutti questi aspetti annunciano il passaggio da una sessualit organica, orgiastica, fondata sulla differenza dei sessi, guidata dal desiderio e dal piacere, ad una sessualit neutra, inorganica, artificiale, espressa da una eccitazione astratta, sempre disponibile e priva di riguardo nei confronti della bellezza, dell'et e delle forme. Un'analisi di questo nuovo tipo di sentire sessuale nelle sue affinit e diversit rispetto alle perversioni.].

P ERNIOLA M.. Del sentire, Torino, Einaudi 2002. ISBN: 8806162543.


[Alla fine del Novecento si affermato un nuovo tipo di potere: la sensologia. Essa impone un universo affettivo impersonale, nel quale tutto si d come gi sentito. Attraverso una rapida esposizione delle idee di alcuni grandi pensatori vengono prese in esame varie forme di affettivit: dalla passione, che fonda la sfera privata della soggettivit, al trasporto, che lancia la persona in un'abbagliante mondanit; dal sentimento, che purifica l'individuo introducendolo in climi rarefatti e sublimi, alla sapienza poetica, che lo immerge in sensazioni corpose e primitive. Nessuno di questi modi di sentire tuttavia in grado di porsi come alternativo al mondo sensologico contemporaneo.].

P ERNIOLA M., Del sentire cattolico, Bologna, il Mulino 2001. ISBN: 8815082050. [In questo libro l'autore si rif a una tradizione del pensiero
cattolico, poco appariscente ma costante, che privilegia l'esperienza sull'osservanza, l'attenzione nei confronti dell'affettivit e della sensibilit, per trovare una dimensione religiosa che risulti meno incompatibile con il mondo attuale, con meno ortodossia e pi ecumenismo. Giova forse ripartire dal tardo Cinquecento, da un clima culturale che per certi versi ricorda quello attuale

33
quanto a incredulit verso la trascendenza, tramonto dei valori, espressioni nichiliste, da due pensatori come Guicciardini e Ignazio di Loyola che, pur essendo ignoti l'un l'altro, ebbero intuizioni spesso molto affini.].

PERNIOLA M., La societ dei simulacri, Milano, Mimesis 2009. ISBN: 8884837979. (in pubblicazione).

P OLI F., CORGNATI M., Dizionario dell'arte del Novecento. Movimenti, artisti, opere, tecniche e luoghi, Milano, Bruno Mondadori 2008. ISBN: 8861591663. [Questo dizionario sull'arte contemporanea offre
un'informazione storico-critica, sintetica ma esaustiva, sui principali movimenti e personalit artistiche dall'Impressionismo alle tendenze pi recenti. Un'analisi dell'arte a livello internazionale, ma con una particolare attenzione alla situazione italiana. Ogni voce collegata alle altre attraverso un sistema di rimandi tematici e comprende una bibliografia specifica. Sono state scelte, inoltre, 29 opere tra le pi significative del Novecento che vengono riprodotte a colori con una lettura storico-critica. Nel volume sono quindi inserite 12 voci di grande ampiezza che si riferiscono ai principali movimenti (Impressionismo, Cubismo, Realismo...).].

P OLI F., Il sistema dell'arte contemporanea. Produzione artistica, mercato, musei, Roma-Bari, Laterza 2007. ISBN: 8842081973.
[Nascita e sviluppi del mercato dell'arte contemporanea internazionale. Il prodotto artistico. Le strutture di vendita. Gallerie, fiere, case d'asta. La domanda. I collezionisti. I musei d'arte contemporanea. Le grandi manifestazioni espositive critici d'arte. Riviste, cataloghi e editoria d'arte. Gli artisti. Una trattazione al tempo stesso chiara e sistematica del rapporto esistente fra valore estetico e valore economico, in una societ dove anche la produzione artistica tende a essere sempre pi condizionata dal mercato e dalla moda.].

RELLA F., MATI S., Nietzsche: arte e verit. Una introduzione, Milano, Mimesis 2008. ISBN 8884835534. [Una presentazione complessiva

34
del pensiero di Nietzsche articolata in modo completamente nuovo: scavalcando ogni dimensione manualistica. I temi dellarte e del suo rapporto con la verit, dellenigmaticit dellapparenza, le grandi idee di eterno ritorno e di oltreuomo (intese come vie di fuga dal nichilismo europeo), e infine la riproposizione del modello tragico di conoscenza vengono discussi a angolati attraverso un dialogo aperto e progressivo, che si propone di fornire ai lettori alcune inedite possibilit di orientamento allinterno del labirinto nitzchiano.].

R UNCIMAN W.G., L'animale sociale, Bologna, il Mulino 2004. ISBN: 8815102003. ["L'animale sociale" una vivace difesa della sociologia che
vuol far cambiare idea "a quanti pensano che i sociologi siano un cenacolo di sedicenti arbitri dell'ordine sociale esistente, senza essere n abbastanza intelligenti per dirsi filosofi, n abbastanza eruditi per dirsi storici". E' con queste parole che Runciman apre la propria trattazione, animato dalla convinzione che per la ricerca sociologica la nostra sia un'epoca molto stimolante, grazie ai tanti progressi realizzati in demografia, linguistica, economia, antropologia biologica, genetica, psicologia cognitiva e dello sviluppo. Ormai abbandonate le semplificazioni dogmatiche del marxismo, del darwinismo sociale, del comportamentismo e dello strutturalismo, rapidamente tramontata la meteora del postmodernismo, si delinea finalmente un nuovo paradigma - qui illustrato e discusso - nell'ambito del quale diventa possibile per la sociologia formulare e verificare ipotesi storiche e comparative in linea con standard scientifici condivisi da tutte le discipline che ambiscono a spiegare perch gli esseri umani "sono come sono e fanno quello che fanno".].

R USSO G., I teatri della cultura. Percorsi esperienziali e pratiche di consumo, Milano, Franco Angeli 2005. ISBN:8846466112. [Il libro
individua nel teatro una possibile lente per decifrare l'acceso mosaico della produzione culturale contemporanea, nell'ipotesi che esso sia uno degli elementi propulsori delle spinte innovatrici e creative dell'attuale industria culturale. Nel panorama del capitalismo culturale, caratterizzato dal singolare intreccio di economia e cultura che "da grandi fabbriche, si trasformano in un immenso

35
palcoscenico", il rileggere le dinamiche di produzione e consumo dell'oggetto culturale-teatro, permette di evidenziare come i principali aspetti della produzione culturale siano rinvenibili in alcune parole chiave: spettacolo, intrattenimento, consumo e, soprattutto, experience.].

S NCHEZ C., Arte ed eros nel mondo classico , Torino, Bollati Boringhieri 2006. ISBN: 8833917207. [Nel mondo classico il pensiero
religioso, i costumi sociali, la disparit tra i ruoli maschili e femminili, l'incontro-scontro tra uomini e donne, diedero vita a una particolare arte erotica, il cui studio pu aiutare a comprendere la complessa natura di queste societ. Questo non quindi un saggio sulla sessualit nel mondo greco e romano, ma una percorso nell'immaginario visivo dell'erotismo classico, in cui i testi vengono trattati come illustrazioni allo scopo di capire, spiegare, e soprattutto far parlare le immagini. Offrire, ad esempio, al pubblico il corpo nudo degli atleti (quello delle donne sarebbe arrivato pi tardi) fu un avvenimento sorprendente e dalle conseguenze enormi. Forn infatti ai greci un'identit culturale che contribu al loro periodo di splendore. In un universo in cui l'omosessualit e la schiavit erano fortemente presenti, Roma impose una morale sessuale del tutto originale, in cui non manc un tocco di senso dell'humour. Carmen Snchez si serve di terrecotte, bassorilievi, sculture, vasi e altri reperti archeologici custoditi nei musei per mostrare come fosse la vita quotidiana del tempo e le relazioni tra greci e romani.].

SCHUBERT K., Museo. Storia di un'idea. Dalla Rivoluzione francese a oggi, Milano, Il Saggiatore 2004. ISBN: 8842811637. [Pur facendo
riferimento ai momenti salienti dell'istituzione dei musei, l'autore si propone di delineare una breve storia del "concetto" di museo. Nella prima parte analizza l'idea di museo dalla Rivoluzione francese alla realizzazione del Centre Pompidou, spazio espositivo che ha determinato una svolta radicale nella concezione e nel significato dell'istituzione museale. Nella seconda approfondisce il tema attraverso gli avvenimenti internazionali degli ultimi vent'anni. Il museo non un'oasi di pace lontana dalla politica, al contrario:

36
un'analisi delle condizioni e della gestione dei musei rivela chiaramente i grandi cambiamenti culturali e sociali della vita di un paese.].

SCIOLLA L., Sociologia dei processi culturali, Bologna, il Mulino 2007. ISBN: 8815118387. [La crescita dellinteresse per i fenomeni culturali
riguarda ormai tutte le scienze sociali. Lantropologia si occupa sempre pi spesso delle societ complesse, avvicinandosi cos alla sociologia, mentre prosperano discipline come leconomia della cultura e la psicologia culturale, per non parlare dei cultural studies, che hanno conosciuto una grande espansione. Come sempre, fenomeni cos impetuosi avvengono disordinatamente. Ci rende particolarmente apprezzabile questa limpida introduzione, proposta in una nuova edizione che ne valorizza lefficacia didattica.].

S TRASSOLDO R., (a cura di), Muse demotiche. Ricerche di sociologia dellarte, Udine, Forum Edizioni 2002. ISBN: 8884200725. STRASSOLDO R.,. (a cura di), Muse neotecniche. Ricerche di sociologia dellarte, vol. 2, Udine, Forum Edizioni 2002. ISBN:88842008537. S TRASSOLDO R., (a cura di), Muse Polifile, Ricerche di sociologia dell'arte, vol. 3, Udine, Edizioni Forum 2005. ISBN: 8884202973.
[Il volume mira ad approfondire le potenzialit dell'approccio all'arte tramite specifiche ricerche, tra cui spiccano, in particolare, alcuni studi sul rapporto tra arte e natura.].

T ODOROV T., La letteratura fantastica, Milano, Garzanti 2000. ISBN 881166978-2. [Apparso in Francia nel 1970, questo studio sul fantastico
ormai divenuto uno strumento di lavoro e un punto di riferimento indispensabile per studenti e studiosi. Partendo dalla classificazione proposta da Northrop Frye in Anatomia della critica, Todorov adotta la categoria del fantastico come

37
strumento di indagine di un genere letterario fiorente nell'Ottocento, la cui funzione sociale stata assunta nel Novecento dalla psicoanalisi. Il fantastico, dice Todorov, non altro che la scelta che il lettore compie fra la spiegazione naturale e quella sovrannaturale di un fatto insolito. Prendendo in esame i testi esemplari del fantastico lAurlia di Grard de Nerval, le Mille e una notte, Il crollo della casa degli Usher di Poe, il Manoscritto trovato a Saragozza di Jan Potocki, le opere di Gauthier, di Lewis, di Hoffmann e di diversi autori del genere poliziesco e del feuilleton Todorov propone una vasta gamma di sottoclassificazioni del fantastico e al loro interno distingue i temi dell'io dai temi del tu, recuperando in modo dialettico i luoghi emblematici affrontati dalla narrativa fantastica. Il mondo del doppio, della metamorfosi, della follia, ci che un secolo positivista come lOttocento ha rimosso, si sono tradotti per noi nellinquietante scoperta freudiana della sessualit, della nevrosi, della psicosi e della morte.].

T ODOROV T., Elogio del quotidiano. Saggio sulla pittura olandese del Seicento , SantOreste, Apeiron 2000. ISBN: 8885978231. [La
bellezza pu risiedere anche nel gesto pi umile. Quando Steen e Ter Borch, De Hooch e Vermeer, Rembrandt e Hals ci aiutano a scoprire la bellezza delle cose nelle cose, non si comportano affatto come alchimisti intenti a trasformare in oro non importa quale porzione di fango. Questi artisti hanno compreso, tuttavia, che una donna che attraversa il cortile o una madre che spella una patata possono essere belle quanto le divinit dell'Olimpo, e ci invitano a condividere tale convinzione: ci insegnano a vedere meglio il mondo, non a cullarci in dolci illusioni; non inventano la bellezza, ma la scoprono (e permettono anche a noi di scoprirla). Minacciati oggi dalle nuove forme di degradazione della vita quotidiana, siamo tentati, nell'osservare le loro opere, di ritrovarvi il senso e la bellezza dei nostri gesti pi elementari.].

TODOROV T., Elogio dell'individuo. Saggio sulla pittura fiamminga del Rinascimento, SantOreste, Apeiron 2001. ISBN: 8885978347. [In un
dato momento della storia della pittura europea, gli individui si introducono nell'immagine: non gli essere umani in generale, n le personificazioni di questa

38
o quest'altra categoria morale o sociale, bens persone particolari, dotate di un nome e di una biografia (che noi talvolta ignoriamo nei giorni nostri); in altre parole, sorge allora il genere del ritratto. Non vediamo pi in questi dipinti personaggi riconducibili a meri schemi, intenti ad agire come dei segni, ma al contrario esseri ordinari, che potremo ancora incontrare tutti i giorni uscendo di casa. Questa rivoluzione si prodotta all'inizio del XV secolo, in modo esemplare nel Nord Europa, nelle contrade allora appartenenti alla Francia o, pi esattamente, a uno dei suoi domini il ducato di Borgogna che acquista, in questo periodo, una notevole autonomia. Siccome la maggior parte dei pittori coinvolti in questo movimento provenivano da una stessa regione le Fiandre siamo soliti affermare che le loro opere appartengono all'"arte fiamminga". In questi dipinti vediamo raffigurate le prime persone che ci assomigliano, bench i volti dei nostri contemporanei dimostrino raramente il grado di concentrazione e di intensa interiorit che contrassegna questi nostri remoti antenati.].

T ODOROV T., Noi e l'altro. Interviste. Roma, Datanews 2007. ISBN: 8879813447. [Todorov affronta temi di grande rilievo con un taglio
dissacrante. La guerra, la democrazia, la paura dellaltro, i totalitarismi, lEuropa, la morale, la scienza sono oggetto della sua riflessione. Dalle sue analisi controcorrente esce una visione del mondo con al centro luomo e la sua ragione. In questo binomio uomo e ragione risiede la possibilit di una convivenza pi alta ed anche di una democrazia nuova. Una risposta coraggiosa alla fine delle ideologie, divenuta vera e propria fine delle idee con il ritorno invadente del potere delle religioni che minacciano di distruggere lo Stato laico e di cancellare lIlluminismo.].

TODOROV T., Avanguardie artistiche e dittature totalitarie, Firenze, Le Monnier 2007. ISBN: 8800206468. [Le avanguardie artistiche,
sviluppatesi tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, avevano come principio cardine il concetto di arte 'fattuale' secondo cui la realt circostante la materia prima a disposizione dell'artista per creare l'opera totale. I teorici di fascismo, nazismo e comunismo, applicando lo stesso principio alla realt sociale, hanno considerato l'arte uno degli strumenti per modellare stati e popoli

39
nuovi. Avanguardie e dittature totalitarie risultano quindi accomunate da un'ambizione impossibile: il monopolio di un processo creativo totalizzante e la cancellazione di tutte le norme preesistenti.].

TODOROV T., Lo spirito dell'Illuminismo, Milano, Garzanti 2007. ISBN: 8811600669. Quale pu essere il fondamento intellettuale e morale della
nostra societ, dopo la morte di Dio e il crollo delle utopie? La nostra identit di uomini moderni si formata nei decenni che hanno preceduto la rivoluzione francese, grazie a un movimento che ha toccato la filosofia e la politica, le scienze e le arti, il romanzo e l'autobiografia. E proprio da questa straordinaria esperienza, suggerisce Lo spirito dell'illuminismo, che dobbiamo ripartire per orientarci dopo le grandi tragedie del XIX e XX secolo, senza precipitare nell'irrazionalismo identitario e fondamentalista Da grande storico della cultura. Tzvetan Todorov identifica i cinque termini chiave dell'illuminismo: autonomia, laicit, verit, umanit e universalit, a partire dai quali ricostruisce il progetto del secolo dei lumi. Attraverso il continuo confronto tra passato e presente. Todorov cerca in quell'atteggiamento gli elementi che possono esserci utili oggi, in un'epoca che ci pone nuove sfide. E, in un'esposizione sintetica e brillante, che si muove abilmente tra riflessione filosofica e attualit, sottolinea i legami profondi tra l'illuminismo e l'eredit europea.].

T OTA A. L., Sociologie dell'arte. Dal museo tradizionale all'arte multimediale, Roma, Carocci 2002. ISBN: 8843022989. [Vi sono
mostre che non si riescono ad allestire senza mobilitare la diplomazia internazionale ed altre che scatenano conflitti laceranti con le minoranze etniche che vogliono rappresentare. Vi sono monumenti che commemorano guerre da dimenticare e quadri che una donna non vorrebbe possedere. Sociologie dell'arte traccia un percorso attraverso le tensioni sociali e politiche, le discriminazioni e le dinamiche conflittuali che investono l'arte nella contemporaneit e mostra allo stesso tempo che cosa significhi fare ricerca sociologica in ambito artistico, quali ne siano gli strumenti, i metodi e le specificit rispetto ad altre discipline. Nella postmodernit l'arte diviene "fabbrica di senso", laboratorio della societ civile, luogo della memoria attraverso cui definire socialmente le identit di

40
genere, le appartenenze etniche e di classe sociale. Dal punto di vista sociologico, l'arte non mera collezione di oggetti, ma un insieme di atti di consumo che arricchiscono l'opera di molteplici e talora imprevisti significati. Se da una parte la societ a costruire l'arte, dall'altra anche l'arte a sua volta costruisce la societ: attraverso i pezzi di memoria individuale e collettiva che riproduce, come attraverso le ritrascrizioni del passato che contribuisce a legittimare. I testi artistici diventano cos materiali da costruzione, pezzi di materia simbolica con cui si producono i significati.].

TRANSFORINI M.A., Nel segno delle artiste. Donne, professioni d'arte e modernit, Bologna, il Mulino 2007. ISBN: 8815116093. [Nel 1989
per le strade di New York apparvero grandi manifesti raffiguranti l'odalisca nuda di Ingres con una maschera di gorilla inferocito sul capo. La maschera era la firma delle "Guerrilla Girls", un gruppo di artiste anonime, e i manifesti interpellavano i passanti in questi termini: "Le donne devono essere nude per entrare al Metropolitan Museum? Meno del 5% degli artisti nella sezione di arte moderna sono donne, ma l'85% dei nudi sono femminili". Le gesta delle "Guerrilla Girls", ribadite alla Biennale di Venezia del 2005, sono la punta mediatica di una lunga stagione di conflitti e denunce sul silenzio e l'invisibilit delle donne nelle arti. Alla tradizionale domanda sulla scarsit delle grandi artiste una storica dell'arte ha risposto ricordando l'analoga carenza di grandi pianisti jazz lituani o di grandi tennisti esquimesi. Fuor di provocazione, si tratta di capire se e quanto le asimmetrie di genere contribuiscono a definire ci che arte oppure non lo , chi merita di essere ricordato oppure dimenticato. Dispiegando un'ampia quanto inesplorata documentazione, questo volume pionieristico si incarica anche di sconfessare il mito della creativit minore e accessoria delle donne.].

V ERCELLONE F., BERTINETTO A., GARELLI G., Lineamenti di storia dell'estetica. La filosofia dell'arte da Kant al XXI secolo, Bologna, il Mulino 2008. ISBN: 8815125566. [Il volume ricostruisce la vicenda
storica dell'estetica moderna a partire dalla sua origine come "filosofia

41
dell'arte", dal pensiero tardosettecentesco fino ai pi recenti sviluppi in ambito analitico e continentale. Grazie al costante confronto che vi viene stabilito fra l'estetica e le altre scienze (umane e naturali), gli autori si propongono anche di ripensare le questioni cruciali della disciplina: la determinazione dell'oggetto estetico, la definizione del bello al di l dei confini dell'arte, il rapporto tra percezione e rappresentazione artistica e cos via. Si tratta dunque di uno strumento di studio rivolto non soltanto agli studenti dei corsi di laurea che prevedono l'insegnamento dell'estetica, ma anche a chiunque voglia confrontarsi con i diversi modi in cui la modernit ha pensato in termini filosofici il fenomeno dell'arte.].

VETTESE A., Ma questo un quadro? Il valore dell'arte contemporanea, Roma, Carocci 2005. ISBN: 8843035495. ["Ma questa arte?", ci si
chiede di fronte a quella contemporanea, nell'epoca in cui registra il suo massimo grado di attenzione: record di prezzi alle aste, mostre sempre pi numerose, costruzione di musei-cattedrali. Siamo in un nuovo rinascimento o in presenza di una stanca accademia della provocazione? Se nella nostra cultura il concetto di "arte" indissolubilmente legato a quello di "valore", chi lo determina e con quali criteri? L'autrice fornisce spunti di riflessione su questi temi, tracciando una visione dell'arte contemporanea quale manifestazione del pensiero e del fare coerente al tempo di cui espressione, rivelatrice profonda dei mutamenti sociali, politici, tecnologici, culturali e spirituali.].

VIRILIO P., L'orizzonte negativo. Saggio di dromoscopia, Genova, Costa & Nolan 2000. ISBN: 8874370164. [Un grande sociologo e politologo,
che non dimentica di essere stato pittore e urbanista, affronta con vent'anni di anticipo quelli che sono diventati oggi non solo concetti comuni, ma realt del mondo contemporaneo: la fine del concetto classico di citt, la sua "desertificazione", la scomparsa dei legami sociali che costituivano la societ civile.].

42 V IRILIO P., L'arte dell'accecamento, Milano, Raffaello Cortina 2007. ISBN: 8860300991. [Un saggio sull'accecamento, estetico e politico,
nell'"illuminismo" della nostra contemporaneit caratterizzata dalla sovraesposizione massmediatica, dove il sensibile diventato il fotosensibile e l'oggettivit una teleobiettivit. questa l'ultima provocazione di Paul Virilio, dopo le riflessioni sul simulacro, sulla velocificazione del tempo, sulla dematerializzazione dello spazio pubblico, sull'ordinariet dell'incidente e della catastrofe nella perenne condizione collettiva di "panico freddo" subentrata alle tensioni della "guerra fredda". Nella societ della globalizzazione, in cui la visione dell'osservatore si trasferisce agli innumerevoli canali video che illuminano il suo abitare, in una fatale distrazione dal mondo circostante, dalla percezione in situ e in visu, "l'arte di vedere" diventa infatti la prima vittima. E l'arte contemporanea, essa stessa mediatica e audiovisiva, non pi, come sosteneva Paul Klee, ci che rende maggiormente visibile, bens l'arte di un accecamento. Paul Virilio, tra gli autori pi originali nel panorama filosofico contemporaneo, noto principalmente per i suoi studi sullo sviluppo della tecnologia in relazione al potere, all'urbanistica, all'arte.].

WACKERNAGEL M., Il mondo degli artisti nel Rinascimento fiorentino. Commitenti, botteghe e mercato dellarte, Roma, Carocci 2001. ISBN: 88430192502. [Testo fondamentale per penetrare i rapporti tra artisti
e la societ in cui vissero. Dai committenti al funzionamento delle botteghe, dalla percezione pubblica dellarte allanalisi dei fatti economici relitivi alla produzione artistica.]

Z ANKER P., Augusto e il potere delle immagini, Torino, Bollati Boringhieri 2006. ISBN: 8833916871. [Intrecciando storia, archeologia,
filologia e analisi delle opere darte e letterarie, Zanker ricostruisce qui il progetto dellimperatore Augusto con un geniale uso propagandistico di immagini e simboli, di restituire unidentit politica e morale ai romani, dopo la crisi dellet tardo repubblicana. Egli mostra "come un mutamento del sistema politico possa condurre allo sviluppo di un nuovo linguaggio visivo, che riflette

43
e nello stesso tempo condiziona in modo essenziale levoluzione della mentalit"; e come il successo di questo programma di rinnovamento augusteo e il frutto di perfetto sistema di propaganda: "Le immagini dei poeti e degli artisti parlano di un mondo felice, in cui un grande sovrano governa in pace un impero universale. E come dimostra non da ultimo la pubblicit, che continua a utilizzarle, alcune di queste immagini conservano ancora intatto il proprio potere di suggestione".].

Z ANKER P., La maschera di Socrate. L'immagine dell'intellettuale nell'arte antica, Torino, Einaudi 2009. ISBN 8806197231. [Cittadino
esemplare o eroe dell'intelletto, rappresentante della tradizione o guida in mezzo alle nuove inquietudini spirituali: i modi in cui si presenta l'intellettuale antico sono caratterizzati da una variet di volti e sfaccettature che trovano esatta corrispondenza nella molteplicit dei ruoli che di volta in volta egli chiamato a svolgere.In un percorso che parte dall'Atene di et classica per approdare alle grandi trasformazioni occorse nella tarda antichit, Paul Zanker interroga le effigi di Omero e di Menandro, di Cicerone e di Marco Aurelio (ma anche di Carneade o di Cristo), trattandole a tutti gli effetti alla stregua di fonti storiche: non, quindi, come riproduzioni fotografiche atte a soddisfare la curiosit di vedere quale fosse la fisionomia dei grandi personaggi del passato, ma come visualizzazioni di valori e di ideali diffusi, testimonianze dell'evolversi del concetto di cultura a seconda delle epoche e dei contesti sociali.].

ZOCCHI A. M., Oltre la sociologia dell'arte. La famiglia e la scultura di Henry Moore e Cordelia von den Steinen, Firenze, Polistampa 2003. ISBN: 8883046536. ["C chi non solo ha rappresentato la famiglia con la
scultura, ma ne ha fatto un tema centrale della propria produzione. il caso, ad esempio, del compianto Henry Moore, uno dei maggiori esponenti della scultura contemporanea, e della giovane, meno nota, Cordelia von den Steinen che nelle sue pregevoli sculture offre un'immagine della famiglia realistica e, nello stesso tempo, pacificata e pacificante. Una famiglia decisamente incentrata sulla figura femminile...".].