Sei sulla pagina 1di 4

ELETTRODI INDICATORI Devono apprezzare rapidamente e in modo riproducibile variazioni di concentrazione del singolo ione (analita).

Pur non esistendo quello ideale ce ne sono quelli molto vicini. Elettrodi indicatori metallici Si dividono in : Elettrodi indicatori a membrana ELETTRODI INDICATORI METALLICI Sono suddivisi in : Elettrodi indicatori di I specie Elettrodi indicatori di II specie Elettrodi indicatori Redox

Elettrodi indicatori I specie Sono indicatori avente l'elettrodo immerso nella soluzione del catione del metallo. C' una sola reazione: Mn+ + ne = M0(s) Es: Zn/Zn2+ Cu/Cu2+ E il suo potenziale si calcola:
Eind = E 0 0, 059 lg n
1 [ M 2+

Molti metalli si prestano alla formazione di questi indicatori ma alcuni di essi non sono riproducibili es/ Fe, Cr, W, Co, Ni. Per molti metalli il grafico E/pM d pendenze diverse da quello teorico

Ci dovuto a:

tensioni deformazione del metallo formazione di ossidi superficiali

Elettrodi indicatori II specie Per poter calcolare il potenziale non solo del metallo (cationi per quelli di I specie) c' la possibilit di calcolarlo in funzione della anione che formano con il catione stesso 1) sali poco solubili 2) complessi stabili. Per un elettrodo ad Ag c' possibilit di risposta in modo ripetibile alla concentrazione di ioni J- se immerso in una soluzione satura di Ag . Intervengono ad equilibri: 1) Ag (s) Ag+ + 12) Ag+ + Ag (s) E = 0,799V La somma di questa equazione ci d: Ag Applicando l'equazione Nersit

Cos si nota come il potenzaile dell'elettrodo ad Ag dipende dal p . Quindi in una soluzione satura di Ag un elettrodo di Ag funziona come elettrodo di 2 a specie per lo ione J-, il segno di questi elettrodi opposto a quelli di I specie

Hg si comporta come elettrodo indicatore di II specie per il calcolo di Y4-. La reazione : Hg Y- + 2 Hg (l) + Y 4E = 0,21V E per il potenziale dell'elettrodo indicatore avremo:

Poich Kg di HgY2- = 6,3 . 1021 la concentrazione del complesso rimane inalterata (costante) per un vasto intervallo di concentrazione di Y4-. L'equazione risultante

Si pu validamente applicare l'elettrodo a Hg come elettrodo di 2a specie nelle titolazioni con EDTA. ELETTRODI INDICATORI PER SISTEMI REDOX Bisogna usare l'elettrodo formato da metallo inerte alla reazione redox e per questo si scelgono platino, oro, palladio, carboni. Essendo inerte l'elettrodo non prende parte alla reazione che dipende unicamente dal sistema redox interessato. Un elettrodo di Pt immerso in una soluzione formata da Cl+3/Cl+4 da la seguente reazione Eind =

Per questo il Pt si presta bene all'uso di E.indicatore per titolazioni di soluzioni standard di Cl(IV) CERIMETRIA