Sei sulla pagina 1di 12

Anno II - Numero 68 - Gioved 21 marzo 2013

Direttore: Francesco Storace

Roma, via Filippo Corridoni n. 23

I E R I L A PRI M A RI UNI ONE D E L C O M I TATO PRO M OTO RE PE R L A C O ST I T U E N T E

ECONOMIA

DAI NOSTRI GIOVANI IDEE E FORZA


PER RICOMINCIARE A SPERARE A DESTRA
di Francesco Storace
e questi ragazzi e ragazze li guardate in faccia, ammirate le loro facce pulite. Se li ascoltate mentre parlano di destra e de La Destra, ne restate coinvolti dalla loro voglia di ricominciare. La sberla elettorale ci ha fatto male, ma il gruppo di giovani che il comitato centrale ha chiamato a promuovere una costituente di un soggetto politico, o di un movimento, o alla ridefinizione del nostro partito, e' davvero in gamba e in futuro ne sentiremo parlare. Ho trascorso molte ore della mia giornata di ieri con loro, poi sono rimasti soli a discutere di valori da proporre alla discussione e delle modalit con cui coinvolgere la nostra base e il mondo accanto a noi. Ho raccomandato loro di preparare un progetto serio per una discussione libera, bella, appassionante, partecipata. Il dibattito a cui ho partecipato per la prima parte non si e' soffermato su congressi e camarille tipiche della partitocrazia italiana. Durante una pausa, uno di loro mi ha chiesto che senso ha dividere in due lo 0,6 delle politiche: una frustata in pieno volto, l'ho avvertita cos. Anche per questo ho detto

Adesso anche gli svedesi ci umiliano


di Igor Traboni
opo i tedeschi, con la seconda maggiore banca teutonica che ieri laltro ha chiesto di fare in Italia come a Cipro (e come gi fece il socialista Giuliano Amato), ovvero prendere i soldi dai conti correnti dei cittadini, ora siamo diventati lo zimbello anche degli svedesi. Il maggior pericolo per la ripresa dell'area euro costituito dall'Italia e non da Cipro, ha infatti detto il signor Anders Borg che dalle parti di Stoccolma non un signore qualsiasi e neanche un tennista pensionato, ma nientepopodimeno che il ministro delle Finanze della Svezia, Paese che comunque non fa parte dell'euro. Secondo Borg, per quanto le situazioni di Cipro e della Spagna (bont sua, ha incluso anche gli iberici) siano preoccupanti, lo sono meno di quella dell'Italia che deve ancora riuscire a formare un nuovo governo. Per questo secondo il ministro svedese la Penisola rappresenta il "maggiori fattore di rischio" a carico dell'economia di Eurolandia. Indirettamente Borg ha invece ridimensionato il caso Cipro, affermando innanzitutto che fronteggia problemi simili a quelli che hanno avuto, e superato, paesi vicini della Svezia come Islanda e Lettonia. Peraltro, considerando poi che Cipro non neppure grandissima, il salvataggio dell'isola sarebbe comunque un "problema limitato". Semmai Stoccolma vede in questa vicenda una conferma del suo scetticismo a partecipare all'Unione bancaria a cui puntano i paesi dellUnione Europea. E soprattutto vede nellItalia un pericolo per tutta lEuropa. Ma la storia del prelievo forzoso chiesto dai tedeschi sui conti correnti italiani ha fatto molto rumore anche ieri, tanto che dovuto intervenire il presidente dell'Associazione Bancaria Italiana, Antonio Patuelli, a respingere con forza l'ipotesi ipotizzata dal capo economista di Commerzbank Joerg Kramer. "Non se ne parla nemmeno", afferma, a margine dell'esecutivo Abi a Milano. "Non se ne par-la nem-meno", scandisce ancora il banchiere. Ora, per, oltre che ai tedeschi, bisogna spiegarlo anche agli svedesi.

Si lavora alle tesi da discutere e su come coinvolgere la base D

loro di preparare il terreno per innovare nelle idee e nella leadership, avendo cura di far capire bene al Paese il fascino di valori incancellabili. Ma che vanno coniugati con il saper comunicare. Altrimenti restiamo una destra che fa cultura e non politica. Se ne saremo capaci, prepareremo adeguatamente la riscossa del nostro mondo, che ha subito una brutta battuta

d'arresto, dalla quale non si esce strillando in politichese. A chi mette fretta, chiedo chi ha urgenza di prendere il posto di chi..., come se questa fosse la soluzione del nostro problema. Il problema e' rappresentato da identit che faticano a trovare consenso a destra come a sinistra, svuotate da contenitori molto pi grandi. La soluzione sta nella ricerca di strade serie per

uscire dalla grave crisi che percuote il Paese. Gli slogan servono per le manifestazioni, non per prendere voti. E per prendere voti serve una politica originale e non una scimmiottatura di quella che prende i consensi del momento. Altrimenti ci saremmo chiamati Dc e non Msi. Non voglio morire democristiano, ma non mi interessa neppure vivere da grillino. Vo-

glio vedere la destra italiana al governo dell'Italia, mondata dagli errori commessi. Le nostre migliori giovani leve possono testimoniare che non c' solo la contaminazione del potere a dominare le scelte politiche, ma anche l'entusiasmo per idee che non mutano per la moda del momento. Modernit e tradizione non sempre sono destinate a fare a pugni.

NUOVO GOVERNO Consultazioni: oggi i big da Napolitano

Sono stati ascoltati dal Procuratore militare Marco de Paolis. Disposte nuove perizie sullincidente

I mar interrogati in Procura


di Federico Campoli

I
Il capo dello Stato Giorgio Napolitano ha iniziato ieri le consultazioni per formare il nuovo Governo. I primi a salire sul Colle sono stati i presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Piero Grasso, i quali hanno ribadito la necessit di accelerare i tempi. Le consultazioni sono quindi proseguite con alcune forze minori e, nel pomeriggio, con Sel e Scelta Civica Ma la giornata clou sar quella odierna, quando il presidente della Repubblica ricever Pdl e Lega insieme, il Pd e i grillini. Giuseppe Sarra a pag. 2

due mar, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, si sono presentati ieri alla Procura militare di Roma. Sono stati ascoltati dal procuratore Marco de Paolis, riguardo al servizio anti-pirateria che stavano svolgendo, quando sono stati accusati di aver ucciso due pescatori indiani, scambiati per aggressori. I due fucilieri di marina si sono presentati in uniforme e sono entrati a piedi nelledificio, senza rilasciare dichiarazioni alla stampa. Intanto, la Procura di Roma ha avviato una perizia sul computer di bordo dellEnrica Lexie, la nave sulla quale i soldati stavano svolgendo il loro servizio. Si tratta di un accertamento tecnico sulla strumentazione, che servir a ricostruire la dinamica dei fatti e a far luce sulla vicenda. Saranno recuperati tutti i dati utili,

tra i quali conversazioni tra il comandante dellequipaggio e larmatore, le comunicazioni con gli organismi italiani, fotografie dellintera vicenda. Ma per quanto potr essere accurata, la ricostruzione dei fatti rimarr comunque parziale. Mancano infatti le autopsie sui cadaveri dei pescatori, le perizie balistiche, le prove di sparo sulle armi utilizzate al momento dei fatti e i resoconti dei testimoni. Intanto, continua la disputa tra Roma e Nuova Delhi sul caso mar. Il primo ministro indiano, Manmohan Singh, tornato a farsi sentire, attaccando lItalia. Ha dichiarato che la decisione della Farnesina di trattenere in Patria i due militari del Reggimento San Marco al termine del loro permesso una grave violazione delle norme diplomatiche. Singh ha inviato anche una lettera al Chief Minister of Kerala, Oommen Chandy, ha specificato che tutte le opzioni

diplomatiche e legali verranno accuratamente considerate, per fare in modo che i due mar facciano ritorno in India e vengano sottoposti a processo. La lettera stata resa pubblica dal Times of India, e si conclude con la considerazione del premier indiano, in cui si legge che la decisione italiana getta unombra sulle relazione dei due Paesi. Intanto, la situazione del nostro ambasciatore, Daniele Mancini, prosegue senza grandi novit. E ancora privo dellimmunit diplomatica (garantita dallarticolo 29 della Convenzione di Vienna). Sulla vicenda si espressa anche Catherine Ashton, responsabile Ue per la politica estera, che ha criticato fortemente la decisione della Corte Suprema indiana. Nel frattempo, i giudici tornano a sfidare le norme internazionali, estendendo il divieto di lasciare il paese riferito al diplomatico italiano.

Politica

Vaticano

Giustizia

Regione Lazio

Societ

Ma quante gaffes per i grillini


Federico Colosimo pag. 2

Il Papa ha incontrato i leader religiosi


pag. 3

Rizzoli resta dentro ma ha la sclerosi


pag. 4

La giunta Zingaretti nasce tra le proteste


pag. 7

Romics 2013 a tutto fumetto


Francesca Ceccarelli pag. 12

Qtntq6xfSXk9rC/cutxucza8bTjqFAkt31hGRoBx4O030RqkMjSDiQ==

Gioved 21 marzo 2013

Attualit HERPES
di Luca Casciani

Giornata decisiva per la nascita del nuovo Governo, oggi al Colle Pdl, Pd e M5S

Consultazioni: Napolitano stringe


Nella giornata di ieri il Capo dello Stato ha incontrato i presidenti delle camere e le forze politiche minori
ountdown per il nuovo Governo. Alle 9 e 30 al Quirinale sar il turno della terza forza politica parlamentare, il Movimento Cinque Stelle. Ad incontrare il Presidente della Repubblica Napolitano lex comico Beppe Grillo che dovrebbe essere accompagnato dal cofondatore del movimento Gianroberto Casaleggio. Dopo i due esponenti del M5S, sar la volta della delegazione di Pdl e Lega. Infine, alle 18 il Capo dello Stato incontrer il leader del Partito Democratico, Pierluigi Bersani. Ieri stato il turno dei presidenti delle camere e delle forze politiche minori. "Con Napolitano abbiamo raggiunto la concorde determinazione della necessit assoluta di dare un Governo al Paese". Lo ha detto il neo presidente del Senato, Pietro Grasso, al termine del colloquio di 45 minuti

con il Capo dello Stato. La presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, ha definito proficuo lincontro con il Capo dello Stato e "abbiamo convenuto che c' bisogno di un Governo il prima possibile e quindi il

presidente esplorer le strade per arrivare a questo scopo". Successivamente Napolitano ha incontrato i presidenti del gruppo misto a Montecitorio e a Palazzo Madama, la rappresentanza della Svp, la minoranza linguistica della Valle d'Aosta, Fratelli dItalia, Sel e Scelta Civica. La numero uno del gruppo misto al Senato, Loredana De Petris, ha chiesto che si parta "con una proposta di governo innovatrice nelle persone e nel programma". Al termine del colloquio con Napolitano il presidente del gruppo misto alla Camera, Pino Pisicchio, ha riferito che ''bisogna mettere al riparo il Paese dalla gravit della situazione che rischia di ricadere sulle spalle dei ceti sociali pi deboli''. In rappresentanza di Fratelli dItalia, Guido Crosetto incontrando il Presidente della Repubblica ha spiegato:

"Non siamo disposti a inciuci, ma siamo disponibili a lavorare concretamente per il bene del Paese". "Due mesi fa - ha spiegato il segretario del Svp Theiner - abbiamo stipulato un accordo con il Pd. Bersani sarebbe la persona adatta". Aria di elezioni per il senatore Laniece della minoranza linguistica della Valle dAosta che ha sottolineato come ''indispensabile che un eventuale governo vari almeno la riforma della legge elettorale". Per il leader di Sel, Nichi Vendola: "Bisogna dire no a chi immagina di trascinare il paese in una infinita campagna elettorale". ''Crediamo sia possibile e doveroso ha detto il portavoce di Scelta Civica Oliviero - dare risposte di governabilit con l'assunzione di responsabilit delle principali forze politiche''. Giuseppe Sarra

Signora Boldrini, gli ultimi sono tra noi L

Lo scoop di Chi ritrae i neodeputati seduti a mangiare e bere allegramente

Pure i grillini nella buvette del Senato


Intanto Grillo tappa la bocca ai due consulenti per la comunicazione
Noi non metteremo mai piede nel ristorante della Camera, il coro unanime dei grillini alla vigilia delle elezioni. Altro che mensa dei dipendenti o pranzi al sacco. La foto del noto settimanale Chi non lascia alcun dubbio. Seduti intorno al tavolo, nella buvette del Senato a mangiare senza sosta, ci sono proprio loro, i neoeletti deputati del Movimento Cinque stelle, i nuovi cittadini (cos vogliono essere chiamati). Una volta li chiamavano anticasta. Ora, i grillini, sconfessano la loro natura e provano lebbrezza di gustare i privilegi della tanto odiata casta. Serviti e riveriti dai camerieri in livrea che, con guanti bianchi, curano il servizio nei minimi dettagli. Cibi prelibati, costosissimi, a poche manciate di

euro, serviti su dei meravigliosi piatti di porcellana con marchiato lo stemma del Palazzo del potere. Sono proprio loro, i neo cittadini di Montecitorio. Da traditori a golosoni. Negli ultimi giorni, i deputati di M5s, ne stanno combinando di tutti i colori. Quelli che solo pochi giorni fa gridavano allo spreco di carta e di soldi pubblici, ci sono cascati. Come gran parte degli onorevoli, da sempre odiati e biasimati. Lhanno criticata a lungo sul blog del loro leader, il moralizzatore Beppe Grillo e ora vanno a mangiarci. Si riempiono la pancia e la bocca, i grillini. E pagano il conto con la tessera parlamentare. C chi mangia nella buvette del Senato e chi non pu parlare. Dopo il fuoco di fila di interviste a

ridosso della loro nomina avvenuta solo 3 giorni fa - Daniele Martinelli e Claudio Messora, consulenti per la comunicazione dei gruppi parlamentari del Movimento 5 Stelle, chiudono (gi) i canali di informazione e polemizzano con la stampa. Ma come possibile? Nominati come uomini che proteggeranno i deputati e i senatori di M5s dai media locali in qualit di comunicatori non comunicano. Cercher di evitare che si presti il fianco ad attacchi strumentali di cui sono pieni i giornali da settimane. Detto, fatto. Assunti luned mattina, in silenzio stampa da mercoled. Sembra un paradosso per dei comunicatori. Eppure questa la decisione presa. Dalla regia, come sempre, dal guru Gianroberto Casaleggio, pro-

babilmente. Non hanno ancora presentato alcun disegno di legge, ma i parlamentari pentastellati non hanno perso tempo per collezionare figuracce. Ingenui e forse poco preparati, in meno di una settimana, i grillini stupiscono, in modo negativo, giorno dopo giorno, ora dopo ora. Un record, per,

lo hanno gi fatto registrare. Sono loro, infatti, i primatisti delle pi grandi gaffes della 17ma legislatura. Forse, avranno pensato i due leader, lunico modo per interrompere la sequenza di figuracce, tacere. Il silenzio, sicuramente lunica cosa che viene bene loro. Federico Colosimo

Il commento - Dopo le recenti e ulteriori malefatte di alcuni togati

Anche ai giudici servirebbe un Veni Creator Spiritus


Veni Creator Spiritus linvocazione che i Cardinali che sono entrati in Conclave per eleggere il successore di Benedetto XVI hanno rivolto allo Spirito Santo perch si posasse su di loro e illuminasse la loro scelta che mi sembra sia stata ottima. Per noi credenti possibile credere che se invochiamo lo Spirito Santo questi possa scendere su di noi ma altrettanto possibile, sempre per noi credenti, chiedere che lAlito di Dio si posi su chi ha il gravoso compito di Giudicare, a volte anche senza ulteriore appello, il comportamento degli uomini. Non voglio sembrare blasfemo se dico che forse lo Spirito Santo pi che sui Cardinali, che mi pare abbiano le idee chiare sul cosa fare, debba scendere sulle teste di tanti Magistrati che soprattutto in questo periodo sono pi che mai attivi nel voler distruggere una parte politica piuttosto che applicare una Giustizia Giusta. Vorrei non entrare nel merito di quanto sta accadendo in queste ore al Tribunale di Milano o nella Procura di Napoli ma inevitabile non notare come certe persone che dovrebbero stare al di sopra delle parti si stiano cimentando nel peggiore degli spettacoli che una Istituzione possa

dare al Paese. Se al caso Berlusconi, che vede la PM rossa (di capelli e non solo) contrapporsi anche alla scienza medica pur di avere ragione, aggiungiamo il De Gregorio di turno che, guarda caso a pochi giorni dallo scadere della sua immunit parlamentare, confessa di essere stato comprato, se a questi casi poi ci mettiamo il proscioglimento di Francesco Storace e di Angelucci per non aver commesso il fatto il quadro completo. Nel caso Storace ancora una volta dopo solo 9,

anni per la seconda volta in poche settimane, ci troviamo davanti ad una assoluzione completa, e non per avvenuta prescrizione, di un politico che ha avuto, comunque, lonest di dimettersi appena indagato (ingiustamente) e pagando un prezzo politico altissimo, allora capiamo come le leve della giustizia vengono utilizzate per fini politici. Ecco perch ormai non ci rimane che chiedere lintervento dello Spirito Santo che illumini le coscienze (ammesso che le abbiano) di certi personaggi che non si fanno scrupolo di approfittare del loro ruolo per fare della bassa politica. LItalia stanca di queste manovre e noi siamo preoccupati perch ora al fianco della sinistra, che manovra certe leve, ci sar anche la volont forcaiola dei nuovi arrivati che non vedono lora di mettere in funzione le loroghigliottine mediatiche per accalappiare ancora pi gente che non capisce che non pi tempo di Guru e di comici appassiti. Alla gente normale, che vorrebbe un Italia normale, per vivere una vita normale, non rimane che dire: Veni Creator Spiritus e sperare che almeno da lass Qualcuno ci ascolti. Massimo Visconti

elezione della signora Boldrini a Presidente della Camera, se da una parte rappresenta un passo in avanti nella qualit delle persone vista la scarsa caratura, morale e politica, di chi lha preceduta sulla stessa poltrona, da un altro, invece, fa salire la nostra preoccupazione per quando sar il caso di affrontare temi scottanti quali integrazione e microcriminalit. Se gi oggi difficile, troppo, risolvere i problemi legati allarrivo di stranieri da ogni dove, uomini e donne che non siamo in grado di accogliere perch lavoro non c ed ancor meno possibilit di mantenerli ad oltranza, cosa accadr nei prossimi mesi quando il peso istituzionale della signora Boldrini si far sentire nelle sedi opportune? Da alto commissario per i rifugiati e nel corso della sua carriera dalla parte degli ultimi, si sempre impegnata a favore di questi dimenticando, o facendo finta di dimenticare, che lItalia versa in un grave stato di crisi occupazionale e, pur volendo, non ha risorse per far fronte a questi arrivi incontrollati e che, per forza di cose, vanno, in gran parte ad ingrossare le fila della criminalit. Non un mistero per nessuno che, dopo la cosiddetta primavera araba, i ragazzi che arrivavano a Lampedusa avevano tutti un cellulare e dei numeri ai quali fare riferimento, molto spesso di connazionali gi integrati in quel mondo bastardo e maledetto legato alla vendita di stupefacenti. A Perugia, solo per fare un esempio, molti di quei ragazzi sono diventati padroni del centro storico della meravigliosa citt umbra e vendono, senza problemi, droga di ogni tipo, e morte, in pieno giorno. La signora Boldrini si preoccupata di farli entrare ma non di seguire il loro percorso nella nostra nazione. Se i risultati sono questi, abbiamo tutte le ragioni per essere preoccupati di quello che ci aspetta. Mi fa piacere avere un Presidente della Camera che si schiera dalla parte degli ultimi, ma sarebbe il caso di farle capire che, in Italia, di cosidetti ultimi ne abbiamo quanti ne vuole, basta cercarli invece di ignorarli.
Luca Casciani, ogni mattina, dal Luned al Venerd, dalle 10.00 alle 13.30 su RTR 99 Radio Ti Ricordi www.rtr99.it

Gioved 21 marzo 2013

Attualit

Elogi a Francesco anche dai rappresentanti delle altre chiese, non solo cristiane

Il Papa come il buon samaritano


E intanto il vice presidente Usa, Joe Biden, rivela: Vicini ad un pontefice americano
di Igor Traboni apa Francesco ha incontrato ieri, nella Sala Clementina del Vaticano, quelli che lui stesso ha definito come i 'delegati fraterni', cio i rappresentanti delle altre chiese cristiane. All'incontro hanno partecipato anche rappresentanti di altre religioni. "Dobbiamo essere vicini agli uomini e alle donne che pur non riconoscendosi in nessuna tradizione religiosa sono in cerca della verit, della bont e della bellezza, che verit, bont e bellezza di Dio" ha detto tra laltro il pontefice argentino, per poi ag-

giungere: "Confido che potremo proseguire fraternamente il proficuo dialogo che il Concilio auspicava e che si realizzato portando non pochi frutti. Confermo sin d'ora la mia ferma volont di proseguire nel cammino del dialogo ecumenico. La Chiesa cattolica consapevole dell'importanza della promozione dell'amicizia e del rispetto tra uomini e donne di diverse tradizioni religiose". Al termine dellincontro con i rappresentanti delle altre comunit cristiane e delle altre religioni c stata in particolare una lunga stretta di mano tra Papa Francesco e il Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Se-

gni. Molto caloroso anche il saluto del Papa al patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I, successore di Sant'Andrea Apostolo: "Lunit tra i cristiani pi importante delle

nostre preoccupazioni - ha detto al termine dellincontro il patriarca - uno dei presupposti fondamentali affinch la nostra testimonianza cristiana sia credibile agli cocchi e dei lontani.

Per la sua realizzazione necessario che il dialogo teologico intrapreso prosegua. Il patriarca ecumenico di Costantinopoli, Bartolomeo I, ha chiamato il Papa il buon samaritano. La crisi economica mondiale - ha detto poi il patriarca - esige in modo imperativo l'organizzazione di un'azione umanitaria per la quale avete una grande esperienza grazie all'azione di 'buon samaritano' in America Latina dove e avete sperimentato, come pochi altri, l'amarezza della sofferenza e della miseria umana". Intanto, come era prevedibile, iniziano ad emergere alcuni particolari, pi o meno veritieri, del Conclave che ha

portato allelezione di Jorge Mario Bergoglio. Con il cardinale Sean O'Malley gli Stati Uniti sono stati vicini ad avere il primo Papa americano. E' quanto ha rivelato il vice presidente Joe Biden, parlando con i giornalisti subito dopo il suo rientro a Washington da Roma dove ha assistito alla messa inaugurale di Papa Francesco. "Abbiamo quasi fatto il colpaccio, abbiamo avuto la nostra possibilita', ci siamo andati molto, molto vicini", ha detto il vice presidente americano, che durante la sua permanenza a Roma ha avuto un incontro con la delegazione dei cardinali americani che hanno partecipato al Conclave.

Iraq, tempo di ricostruzione ma c posto soltanto per le ditte cinesi, turche e francesi

Nassiriya dimentica la strage dei carabinieri


Neanche una targa commemorativa sul luogo dellattentato terroristico
vernatore della regione di DhiQar, Taled Al-Hassan, ha ringraziato il sacrificio dellItalia: Avete contribuito a pacificare la regione subito dopo la guerra del 2003. Anche grazie a voi e ai vostri soldati ora il sud dellIraq gode della tranquillit necessaria al rilancio delleconomia. E precisa: Ma un vero peccato che al posto vostro ci siano ora ditte turche, francesi, cinesi, sudcoreane, britanniche. Eh s, per lItalia non c posto. Per ordine di Parigi ha aggiunto Taled Al-Hassan hanno aperto un nuovo consolato. Cos i nostri uomini daffari non sono costretti a rischiare la vita sulla via di Bagdad ancora colpita dagli attentati. Il visto lo possono ottenere direttamente qui. E per questo motivo, ha ribadito che la cosa ovviamente facilita anche le ditte francesi. Infatti le imprese transalpine si sono appena aggiudicate la costruzione del nuovo stadio, per un importo di 95 miliardi di dollari, ed anche lappalto per un ponte sullEufrate per un valore di 28 miliardi. A Bagdad e nelle regioni curde indipendenti al nord, invece, a farne da padrona per la ricostruzione ci sono i turchi e i cinesi. Il Governatore ha ribadito come cerano stati dei contatti con una ditta edile italiana per la ricostruzione di 6 chilometri di sponde sul lungo Eufrate. Un buon affare. In questo momento non ci mancano i soldi. LIraq produce oltre 3 milioni di barili di greggio al giorno. Il governo centrale pronto ad investire con generosit. Taled Al-Hassan ha sottolineato: Per alla fine gli italiani si sono tirati indietro. E non abbiamo capito il perch. Avremmo voluto affidare loro anche la partecipazione alla costruzione di quattro ospedali. Per gli impiegati della Camera di Commercio gli italiani hanno una grande umanit. Persone che sapevano come trattare i civili. Niente a che vedere con il militarismo aggressivo degli americani. Peccato per che della loro presenza resti poco o nulla. Una memoria distante e forse neppure quella. Anche lambasciata italiana conferma lassenza di nostri imprenditori a Nassiriya: Gli italiani sono concentrati specie nelle regioni curde. Abbiamo aperto un consolato e si pensa di avviarne anche uno onorario a Bassora, che non avr tuttavia lautorit per concedere visti.

di Giuseppe Sarra

assiriya, 12 novembre 2003 ore 10 e 40 (8:40 in Italia). Una data che rester impressa nella memoria di ogni cittadino. Un camion cisterna pieno di esplosivo si scagli contro la Base Maestrale dei Carabinieri. Una strage, 28 morti (19 italiani e 9 iracheni). Eppure in Italia, alcuni vigliacchi dellestrema sinistra inneggiavano lattentato con slogan vili: 10,

100, 1000 Nassiriya. A dieci anni dallattentato, dalle macerie della palazzina che ospitava i militari della Operazione Babilonia stata ricostruita la Camera di Commercio. Neppure una targa commemorativa. Come se non fosse successo nulla quel maledetto 12 novembre. Ad oggi il presidente Abu Zine chiede al governo italiano soltanto gli indennizzi per i danni subiti nellattentato del 2003. Dalle colonne del Corriere della Sera il go-

LEX SINDACO DI GENOVA NEI GUAI

Marta Vincenzi rischia grosso

AVEVA 62 ANNI E DA ALCUNE SETTIMANE SI TROVAVA RICOVERATO IN TERAPIA INTENSIVA AL SAN GIOVANNI DI ROMA

morto il capo della Polizia Antonio Manganelli


morto il capo della Polizia Antonio Manganelli, 62 anni. Era ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale San Giovanni di Roma dal 24 febbraio scorso ed era stato operato d'urgenza per la rimozione di un ematoma celebrale, prodottosi in conseguenza di un'emorragia. Antonio Manganelli, era nato ad Avellino l'8 dicembre 1950. Laureato in Giurisprudenza presso l'Universit degli studi di Napoli, si era specializzato in Criminologia Clinica presso la facolt di Medicina e Chirurgia dell'universit di Modena. Dagli anni '70 ha operato costantemente nel campo delle investigazioni, acquisendo particolare esperienza e preparazione tecnica nel settore dei sequestri di persona a scopo di estorsione prima ed in quello antimafia poi.

Ha lavorato al fianco dei pi valorosi magistrati e di organi giudiziari investigativi europei ed extraeuropei, dei quali diventato negli anni un solido punto di riferimento, legando il suo nome anche alla cattura di alcuni dei latitanti di maggior spicco delle organizzazioni mafiose. E' stato docente di Tecnica di Polizia Giudi-

ziaria presso l'Istituto Superiore di Polizia e autore di pubblicazioni scientifiche in materia di sequestri di persona e di tecnica di polizia giudiziaria, tra cui il manuale pratico delle tecniche di indagine 'Investigare' (Cedam), scritto con il prefetto Franco Gabrielli, all'epoca direttore del Sisde. Ha diretto il Servizio Centrale di Protezione dei collaboratori di giustizia ed stato questore di Palermo e di Napoli. Nel 2000 stato nominato dal Consiglio dei Ministri prefetto di 1 classe, con l'incarico di direttore centrale della Polizia Criminale e vice direttore generale della Pubblica Sicurezza. Dal 3 dicembre 2001 stato vice direttore generale della Pubblica Sicurezza con funzioni vicarie. Il 25 giugno 2007 il Consiglio dei ministri lo aveva nominato Capo della Polizia.

i svolto solo due giorni fa, in Procura, il confronto tra lex sindaco di Genova e Sandro Gambelli, ex dirigente per la Protezione Civile, nellambito dellinchiesta-stralcio sullalluvione del 2011. Il confronto allamericana durato poco pi di 1 ora. Gambelli ha mantenuto ferma la sua posizione: La Vincenzi ha taroccato la ricostruzione dellalluvione che ha causato 6 morti due delle quali bambini per coprire linefficienza della sua amministrazione. Accuse pesanti, come un macigno. E una bugia, la replica dellex Presidente della Provincia di Genova, che ha poi aggiunto: Ingegnere Gambelli, come fa a dire queste cose?. Dopo il botta e risposta, a riprendere la parola, ancora Gambelli. Lei (la Vincenzi ndr) era presente alla riunione ed era seduta accanto allassessore (Francesco Scidone ndr), lo ricordo benissimo. Concord con noi la menzogna. A dir poco agitata, al termine del confronto, la Vincenzi ha risposto alle domande dei giornalisti in maniera seccata: Sono allibita, dimostrer la mia innocenza. Super Marta, cos ribattezzata la Vincenzi, per, stranamente a piede libero. Stranamente, si intende, solo perch, di fronte a tali accuse, qualsiasi cittadino comune del Belpaese sarebbe gi stato sbattuto in carcere. Preventivamente, per accuse non ancora provate. E questa la differenza, questa la giustizia italiana che, ancora una volta, si Federico Colosimo mostra non uguale per tutti.

Gioved 21 marzo 2013

Attualit
La malattia cronica che ha colpito lex editore del Corsera

La chiamano giustizia
Il vergognoso caso di Angelo Rizzoli, in galera con braccio e gamba destra paralizzati, fatica a muoversi e gli viene negata anche la fisioterapia - Dopo oltre un mese, ancora nessun interrogatorio
Io agli arresti in un morto Stefano Cucchi. Quindici ospedale dove nesletti singoli, sempre occupati. E steso su uno di quei letti, suno viene a curarRizzoli, con una cannula nel mi. Questo lallarme braccio per fargli arrivare lilanciato da Angelo quidi. E una vergogna, quello Rizzoli, ex editore del Corriere che sta subendo. E uno schifo, della Sera arrestato, lo scorso quello che sta succedendo. 14 febbraio, con laccusa di La carcerazione preventiva bancarotta fraudolenta e ora terribile anche per la guardetenuto allinterno dellOspedasigilli Severino. Ma ai magidale (reparto penitenziario) strati italiani non importa niente. Sandro Pertini di Roma. Angelo Rizzoli Sei malato, hai 70 anni, hai la Il produttore cinematografico, sclerosi multipla? Vai in carcere. dallet di 18 anni, convive con Punto e basta. La custodia cautelare deve la sclerosi multipla. Una malattia cronica che colpisce il sistema nervoso centrale. Dopo 36 tenere in conto che la persona imputata cogiorni di carcere, Rizzoli ora fatica anche a stituzionalmente intesa come non colpevole muoversi. Ha il braccio e la gamba destra pae, come si diceva una volta, forse meglio ralizzati, Rizzoli. Da oltre un mese, per, non avere un colpevole fuori che un innocente pu fare n riabilitazione n fisioterapia. Non dentro. La pensa cos anche il Vice Capo del gli concesso. Limprenditore, allet di 70 Dap (Dipartimento Amministrativo Penitenziaanni, soffre anche di diabete mellito, cardiopatia rio), Luigi Pagano. (ha avuto anche un infarto), insufficienza renale Eppure, i magistrati continuano a fare il bello cronica prossima alla dialisi, ipertensione are il cattivo tempo. Dovrebbe essere lextrema teriosa, pancreatite e ha una pregressa mieloratio la carcerazione preventiva. Dovrebbe, patia che comprime il midollo cervicale e agproprio cos, ma non lo . Il caso Tanzi, il caso grava lemiparesi del braccio destro. Tutto cerCrespi, ne sono la dimostrazione pi lampante tificato dai medici curanti e riscontrato dalla degli ultimi mesi. Grazie a questa Casta, quella perizia del gip. dei giudici, in Italia presiede una giustizia coSiamo ai limiti del paradosso. I pm lo hanno matosa, sfasciata, terremotata. sbattuto in carcere, hanno chiuso la chiave e lo E cos Rizzoli solo uno dei tanti resta in carhanno abbandonato. Sono passati 36 giorni cere. Quantomeno fino a domenica. Perch se dallarresto. Nessun interrogatorio, solo 20 il gip ed i pm troveranno il tempo, sabato 23 minuti di chiacchiere con il gip. Aveva fretta, marzo, dopo 38 giorni di carcerazione preracconta Rizzoli. Ha rifiutato la stampella, ha ventiva, forse lo interrogheranno. I suoi legali, chiesto il bastone, Rizzoli. Per alcuni giorni, gli subito dopo, chiederanno gli arresti domiciliari. stato negato anche quello. Non pu fare la Come negarglieli? doccia, lex editore del Corriere della Sera, riIntanto, a Rizzoli, affetto da sclerosi multipla, schia di cadere. Ma resta in carcere. Anzi, in continua a essere negata anche la fisioterapia. un ospedale penitenziario. Nel reparto dove Federico Colosimo

Ecco cos la sclerosi multipla


L
a sclerosi multipla (SM), chiamata anche sclerosi a placche, sclerosi disseminata o polisclerosi, una malattia autoimmune cronica demielinizzante, che colpisce il sistema nervoso centrale causando un ampio spettro di segni e sintomi.[1] La malattia ha una prevalenza che varia tra i 2 e 150 casi per 100 000 individui. stata descritta per la prima volta da Jean-Martin Charcot nel 1868. La sclerosi multipla colpisce le cellule nervose rendendo difficoltosa la comunicazione tra cervello e midollo spinale. Le cellule nervose trasmettono i segnali elettrici, definiti potenziale d'azione, attraverso lunghe fibre chiamate assoni, i quali sono ricoperti da una sostanza isolante, la guaina mielinica. Nella malattia, le difese immunitarie del paziente attaccano e danneggiano questa guaina. Quando ci accade, gli assoni non sono pi in grado di trasmettere efficacemente i segnali. Il nome sclerosi multipla deriva dalle cicatrici (sclerosi, meglio note come placche o lesioni) che si formano nella materia bianca del midollo spinale e del cervello. Anche se il meccanismo con cui la malattia si manifesta stato ben compreso, l'esatta eziologia ancora sconosciuta. Le diverse teorie propongono cause sia genetiche, sia infettive; inoltre sono state evidenziate delle correlazioni con fattori di rischio ambientali. La malattia pu manifestarsi con una vastissima gamma di sintomi neurologici e pu progredire fino alla disabilit fisica e cognitiva. La sclerosi multipla pu assumere varie forme, tra cui quelle recidivanti e quelle progressive. Al 2013, non esiste una cura nota. Alcuni trattamenti farmacologici sono disponibili per evitare nuovi attacchi e prevenire le disabilit. La prognosi difficile da prevedere e dipende da molti fattori, mentre la speranza di vita di circa da 5 a 10 anni inferiore a quella della popolazione sana.

Gioved 21 marzo 2013

5
Le associazioni dei consumatori hanno calcolato quanto ci costeranno Tares, aumento dellIva e addizionali varie

Economia
Domani lo stop di metro e autobus

Mercato delle case ancora fermo

assa capacita' economica delle famiglie che non riescono ancora ad affrontare i prezzi delle case, seppur in costante calo, e stretta della banche sulle erogazioni dei mutui. Il mercato immobiliare italiano non sembra ancora avere esaurito il potenziale recessivo. Infatti, le compravendite residenziali toccheranno, nel 2013, il punto piu' basso degli ultimi 20 anni. E' quanto stima Nomisma nel rapporto sul mercato immobiliare. Quest'anno, prevede il centro studi, le compravendite saranno pari a 416.127, con un calo del 6.3 per cento rispetto al 2012 attestato sulle 444.018 operazioni. Prosegue, dunque, la contrazione del mercato considerando che l'anno passato ha registrato una diminuzione di compravendite del 25.8 per cento rispetto al 2011. Una risalita, emerge dal rapporto, e' prevista per il 2014 (con 452.614 compravendite) per poi proseguire nel 2015 (con 504.003 compravendite). "Non c'e' allineamento ha spiegato Luca Dondi, responsabile settore immobiliare di Nomisma - tra la capacita' reddituale delle famiglie ed i prezzi attuali di mercato, nonostante il calo dei prezzi delle case". Una domanda potenziale per il mercato immobiliare di ben 800mila famiglie intenzionate ad acquistare una casa ma per l'80 per cento dipendenti dall'erogazione di credito da parte delle banche che continua a registrare una forte contrazione.

Prepariamoci a sborsare altri 421 euro di nuove tasse

venerd 22 marzo, lo sciopero

stato confermato per domani,

naltra stangata in arrivo per i consumatori italiani, gi tartassati da un anno di (non) governo dei tecnici. Una stangata che peser per almeno 421 euro euro sulle tasche delle famiglie italiane tra Iva, Tares e addizionali varie. Lo hanno calcolato Adusbef e Federconsumatori, che non a caso parlano di una pressione fiscale su ''livelli insostenibili oltre il 45% (secondo altri calcoli, invece, durante il governo dei tecnici di Mario Monti la pressione fiscale in Italia avrebbe superato di gran lunga il 50%).. Gli aumenti del 2013 rappresentano, per le due associazioni dei consumatori ''un vero e proprio salasso che equivale a circa un mese di spesa alimentare di una famiglia

media''. Aggiungendo gli aumenti del 2012, con l'Imu e gli aggravi sulle accise, l'incremento vola addirittura 1.905 euro. Secondo le rilevazioni dell'Osservatorio nazionale Federconsumatori, l'aumento dell'Iva in programma dal primo luglio prossimo (che in molti, comprese alcune forze politiche, hanno per chiesto di bloccare e sar una delle prime patate bollenti per il nuovo governo) peser per 207 euro, la Tares per 51 euro e le addizionali territoriali per 163 euro. In totale, dunque, le famiglie dovranno sborsare in media quei 421 euro in pi di cui dicevamo allinizio. "Tutto ci - commentano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti delle due associazioni di consumatori -- non fa che ac-

crescere la nostra forte preoccupazione circa la situazione delle famiglie, costrette a molte rinunce per mantenere una condizione economica dignitosa, a volte appena al di sopra della soglia di povert". Per questo, secondo i consumatori, " ormai improrogabile una decisa azione di Governo (che ci auguriamo venga nominato al pi presto), a cui spetter il grave compito di risollevare le sorti delle famiglie e dell'intero Paese. In tal senso, la prima e fondamentale operazione da compiere scongiurare l'aumento dell'Iva da luglio che peser sulle tasche delle famiglie per 207 euro negli ultimi 6 mesi del 2013 (pari, in termini annui, ad aggravi di +414 euro)". Igor Traboni

nazionale del trasporto pubblico di 24 ore, con rispetto delle fasce di garanzia, proclamato da Cgil, Cisl, UILtrasporti, UGLtrasporti, Faisa Cisal e Fast a seguito della rottura delle trattative per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro scaduto da cinque anni. Lo rende noto l'Agenzia per la mobilit di Roma. Il servizio di trasporto, dal centro alla periferia, sara quindi garantito solo da inizio servizio e sino alle ore 8.30 e dalle 17 alle 20. Tra le 8.30 e le 17 e dalle 20 a fine servizio, sono a rischio le corse di autobus, tram, filobus, metropolitane e ferrovie RomaLido, Termini-Giardinetti e RomaViterbo. Inoltre, nella notte tra domani gioved 21 e venerdi 22 sono a rischio le corse delle linee notturne dalla N1 alla N27. Anche i servizi al pubblico di Agenzia per la mobilita risentiranno dello sciopero: dunque i servizi dello sportello al pubblico e del Contact Center di piazza degli Archivi 40, allEur, non potranno essere garantiti per l'intera giornata. Dal contact center (numero unico della mobilita 06.57003) saranno rilasciate solo le informazioni telefoniche relative al trasporto pubblico locale, poiche l'attivita e gestita da un fornitore esterno. In caso di adesione allo sciopero del personale interno, invece, le attivita dello Sportello al pubblico potrebbero non essere garantite per l'intero turno (8.30 - 16.30). Quelle del Numero Unico 06.57003 potrebbero non essere garantite (ad esclusione di quelle relative al Tpl) nella fascia oraria 8.00 18.00, mentre il Numero Verde Disabili 800.154.451 potrebbe non essere garantito per l'intero servizio (8.00-18.00)

Anno II - Numer o 57 - Venerd

di Igor Traboni co Storace decideremo. Scherer, a, lo si voo Storace danne cola, Scherer, Scola, Scola, Francesc di per Il punto di partenz italiana. anzi durissimi, qualunque pubScola, per i politici dotati Scola, Ouellet, blicazione di ono i magistrati glia o no, la destra interceore di cognati in uno scioglistoi lavonella sua ttazion a dequeste SchererNon gombranti. Gianfra leggeremo.n Se perde di fascino questo cidere l'agen a di quelE non ci alla relada della nco Fini ha molto zata, si dovr rando e lingua, ma la sequenz chiuso la sua adontare se forma organiz politica. Fino sabato potrebbe avcarriera politica se ne facendo terrr a che ci chiede che zione lo che in effetti anche grazie conto anche la vuol dire che strada sarann o Cappel di cendella alle a valori no i quei senten comitato impres mobiliari di Gianca e imze al nostro politici come quella smarrisce anche inform atissim venire oggi allinter data lettura della situarlo Tulliani. Di di ieri per rapprei abitua verr la mia sulla Vendola, govern ti trale. Dir Unipol - la conda sul caso riferimento? E Sistina, quando come fece nuoatore della Puglia, Nichi ti quella D'Alema tempo e, tenter di nna di Berper lelezione del imprese del e delle zione general sentarli, sono sufficien lusconi a un prima votazione XVI. addietro compagno di quello che ntari che - arisposte anno per la ore di Benedetto preconsu sua sorella, potete legger izzare dozzina di parlame o i nove vo Papa, success pubblicazion "scosse"dare e a pagina 2. altrui, dando se sorprese, vatielezioni poPdl e della famosa o alle Oggi, invece, l'idea le re accadut ancora stanno nel A meno di clamoro sono tutti concordi intercettazion di essere tutta lattenzione formar dalla tori molto assume e di mi eletti i osserva Fassin informati centra ta su va conodeputat canisti ed e' evidente che su fatti dilitiche, un clamo roso terna come la Meloni che a cui non ho alpalazzo ilit il tema giuscoop de di giustiLEspresso. sponsab zione di Giorgia nellindicare questa , con litaliano stizia campe zia. Potrem Il settimanale e senza ne di sottrarmi, allinizio o d'ora gger fino a intenzio debenedetcuna in avanti tiano, ha infatti - lo dico con simpatia pompi probabile quando non essere legittim ipotesi sul scoper sui 60 voti (comun troppo sar risolto. ati proporr a alcune ri retro pensieri zatore della politica to che il moralizmettere sceglier Angelo Scola dato Il disagio sociale in discussione di terza forsimo dai 77 necessa o Destra italiana e trionfat Poi, Lato e le soluzioni l'opera futuro. posamente parla que non lontanis delle elezioni del ore da discutere; magistrato che cammin Liberamente, ne? Qui ci politiche con o. al Soglio), il brasilian la riforma del il suo si candid il suo M5s, za della coalizio sui per lelezione non sta messo Walter Vezzoli sistema istituzi ze di un ad una straalle elezioni e Odilio Scherer meglio. Beppe , autista di Beppe convienea onale; il rapcome nelsiterrito sono solo le debolez fatica a di origini tedesch suo autista-factotu Grillo, il Grillo - Foto tratta che il rio no Marc Ouellet t porto dove che francofo comuni con e ia ha m, Walter Vezzol l'Europ dal sito de LEspr indaga ordinar vecchio mondo 25, il canades infito fino al lha coltisorella della i e la esso stinati a passar a sono de, ma con numeri giorno prima? Walter Vezzol moglie, Armon della libert seme ni diventare nuovo... e in secondo sui 15. A seguire i che, nella piazza E' da ia Parvin, forsono al centro america accersi due essere i piano fino a dovr tare o no la sereni di San Giovan da quando di un comple vato sin La discussione che nitamente pi piccoli,filippino Tagle e infatti, il nome ni, a Roma, davant rossa sso t di quelsiccio giro di capito - credo y, il non comprenderale toghe la giudice di di un resort extra i a 80mila persone, solo poche investimenti immobe mas(non lha ancora mata seria e non si esaurir Dolan e OMalle Vendo da 30 ettari nno che lusso uno dei paradis settimane fa, il la che iliari in di lavori. con tanto di schede accolto a braccia non e' affare da costruire festeggiava con genovese ha chi, pur i fiscali pi noti sololui - in una sola giornata lungherese Erdo, sulle colline loro decidere della baia Papaga presentato cos: comico al mondo, il Costa Rica. tare il lotto dei e parlare nei pa-nostra, pensa casa chi governa il inil rentado prima me, fa la logistic Sta con aperte Ma dovremo far bianche per comple Paese. posto. Nel resort, yo, la pi bella del -e a, mi protegge, lia proTredici, infatti, sesia un partito E' oggettivame anche dopo - che chiss il nostro ci saranno ville sotto controllo. sono le societ ha tutto prossimi mesi quellItacapace 115 cardinali. della sentenzain cui militava nte una sinera, peraltro che potranno lussuose, E un ragazzo formida aperte nel Paese dellAm fumata ancora prima tuazione sgrade avere di proscioglime Ma gli ammin come quello erica centrale. fonda che Dopo questa Convole quella a 750 metri quadra una superficie fino istratori, di queste bile. nto per Quattro di anche alqueste, per, e di quasi tutti i ). la in cui viviamo sanit puglie prima matiche societ risultato immatr di emozionarsi ti coperti su unarea secondo tradizion fantoi carmain questo mose? propria di 5000 dordine , in tutto, sono icolate la formula della sedute di domani mento. Partiti Ecco, questo Dovr essere un dibattito tre. metri quadri. lascolto di parole che manca, clavi, nelle due i voti sociedad anonim con so di dei Paese Una legittima quello di Enrico Il nome possono vegi concentrare poche parole, viene po pi rispetto con pochi consen giudici speculazione gari un disturbato anche che solo da noi Cungi, un italiano residen ma, gli altri (ancora dinali potrebbero Scola, non riconducibili a. In a finanziaria in campo immob si e partiti sar la forma gli soltanto: ancora te in Costa Rica senza se e senza da questi propriet unica o di noi rispetto a una apciascun con molti consen , nire. Qualunque iliare, non c atteggiament su due nominativi proprio i voti che 1996, venne coinvo che, e nti o ordini di dalla rete e i giudiziari.emerge o futuro, a dubbio. E del primo scrutinio di fatti, sul web, no. Grosso modo diventare Papa gi dunque, al momenstabile. E impossibile, lto in unindagine nel stranieri) e movime degli italiani), le Per ragliati dai giudic si asserdel mio impegn questa la prima non visto il buon esito cui a uno tocca quanto per narcotraffico. Arresta to, sapere chi per caso ricominper potrebbe mancherebbero dei grillini. reazione i. Per caquello personalismi; quefinanziate. Ma le partenenza (nel che scevro da quellItalia voglio rit, i reati e un secondo che neppure Ouellet, Ma se non c agli altri non 3 mesi nel carcere to, Cungi, ha passato che hanno fatto pendere possiamo immag abbia racone si mi e se Non lintenzi tra domani e gioved. proprio tra uno niente capita nascon ci sono Non per intuito, indicazioni arrivate di Angelo Scola, romano di Rebibb da mai. Il dere, perch far inarlo. ciare a parlare. che essere n Scherer vanno perseg presidente Napolista almeno Non risultano voti e quindi ma per dati scorretto ricorso a prestaia. gazebo o Non detto, per, uiti. nome affidabili per giusto tano la bilancia a favore certi. Gli amministrator perch in effetti da pochi preferenza. ammorbidirsi mo da ho, - che sarebbe conti la forza del divisi possano amatissi che appare tristem Ma quel del consiglio lit e non come lautista condanne a suo i di queste societ dirlo Milano la persona un semplic o due giorni ad una larga tenuti superiore e la sorella della factotum ente evilarcivescovo di carico. prevale Tadjik, la cognat ? Nader limportanza di del- re non assimilabili italiani, fin qui molti stranieri, dente e' una la magistratura far moglie? A che cosa servon a r, ben visto da e rientrare alla grande anche gli altri Scola probabilmente situazione in piazza in un giorno di ie di Lelusione fiscale che potrebb Ratzinge e' vicepr ovvero la sorella del grillo parlante, mia, o gerarch o gioco queste comizio atorismo In eza dalle cui emerge il societ? Non sidente - farebb pu si sa. Ci che na eletdi sua moglie cos come lafrican lontani dal conserv amicizia con don conosciuta in giro. classico due sia per la sua lontanan della Curia roma per chi vuole non essere un reato, certo, per, Parvin e su trenta di campag propabene pi il filippino Tagle, nte del a pesi e due misure che inviare il suo e quella potere una di queste, la il tempo degli e dalla sua antica visto 64 anni, preside e e dai giochi di zatore della politicaatteggiarsi a moralizha progetti chiari. almeno ultimo . Ma siccome torale. Non c solo a e Peter Turkson, carisma ciellino, dai atto fine intellettualismo Da oggi in poi insegna proprio ai giudic Ecofeudo, o della Giustizi a dover moGiussani e il mana, sia per un ciascuno di mai le contraddizioni , esistono ugualmente i, sconosciuti, come umilt ganda spicciola Pontificio consigli fumo negli occhi noi sar autoriz dialogo che non loro che e' sbagli scrivendo tanta di ordine morale impegno poinvece come il Papa unaper tura al o prozato Beppe Grillo, con tivare il nostro . della Pace. fin dei conti un solito buonism dere eguali proces a chiepotrebbe comunnuare cosi'. Cos ato conti- ascoltare chi ha pi tto il senso progressisti: in sfociata per nel della bisogna e poi far comodo litico, ma soprattu Nazione. A sparigliare i giochi prima votazione l'Italia si e conesce inoltre a capo da offrire ad la a pezzi. dalla non nemico potrebb le altre pedine 8 MARZO, UOM gressista. Scola e ha idee ed energie della missione per nno que entrare gi o a, anche di diocesi del mondo altri INI PRO E DONN quando si muovera che non si pu nomina grande contenuti, dovrem nome a sorpres pi dalla mondo sui un molti Qui, iniziare qualche evenad e che E CONTRO olti gli orpelli consum Il risultato partita. Senza sullo scacchiere, E qui dovremmo unesperienza pastoral fermare adesso. giocare la nuova quelli mai fatti. Stato. ono. o graquelle inutili mimose istici e problema di cappello ai carbene chiarire un del segretario di a cardinali non possied elettorale non labbiam concetto. Di piagnistei. Il nostro deputati tualmente fare tanto ogni indicazione. lotto analizp di Scola, gi patriarc marzo una gran tutto hanno bisogno nove sviato Lunico handica e, i favoriti bella festa, un dito, vero, e occorrepi imnon non avere ca vescovo di dinali per aver le donne, ontefic domeni ancora protto Toto-P tributo giusto e prima Ma tranne che di una e nostro soprattu Il e li a pag. 3 dei a Venezia meritato per le zarne le cause. giornata lanno in Parlamento. isti Per anche ieri, o dalla pattuglia Francesca Ceccarel i percorsi donne, le nostre dedicata a loro. Perch che anche la un po tutti i conclav di Igor Traboni Grosseto, costituit iano portanti saranno donne: blema evitare scorsa quando Messe tive da decina lo appogg si affidi fidanzate, figlie, mamme mogli, 24 ore che cambian non sono uti a Roma per le 28 italiani. Una successivi, le prospet prossima volta lItalia Sono si sono intratten degli , nonne, le lacrime, grillini. sorelle, amiche. fedeli (nel caso attuale delle cose. o lo stato el pomeriggio di individuare. Dopo a 160 onorevoli con i rispettivi Chi dice donna Essere nata ciare. ieri finali... da 24 ore hanno dice tanto, praticam donna, un privilegio Berlusconi la forza di ricominchi, lo anche il cardina arrivato a Roma queste le comiche giocoforza mandat con le vietnamita Jeandecision dove, o E, se non ci fossero, ente tutto. gi un enorme impegno , ma anche da la e delle gerarch Baptiste Pham bisognerebbe . Vuole dire ie di non incontra Come, Minh Man . E pi la stampa. Si inventarle. A scapito fare il triplo della re adesso ci sono cos parlato di una fatica, della categoria, tutti eccessiva invadenza da parte arriviamo perfino a dimostrare appena per riuscire cui la data di inizio i cardinali elettori, per a dire che, una dei cronisti ma, del Conclave spesso accade, volta inventate, quel comeEconomia quanto si vale. Rischian la met di imminente. Lannun data per o pag. 2 la verit sta nel fessacchiotto do, spesso, cio, per, non di Federico Colosim ta immemezzo: gli statunitensi non di Adamo andrebb di ricevere nientaltr neppure ieri, al arrivato La notizia rimbalza hanno mai lesinato o che e ricondotto termine della quinta dove una alla conduzione critiche ad altri e pi miti sul sedere da un superioruna pacca gregazione general Condiatamente in India, gerarchica della consigli, giusto e molesto e. Insomma, non allOnu non Chiesa e questo ha dato per non rovinare o uno schiaffo MassimiAnniversari baste ore e ore sono fonte diplomatica non poco fastidio larmonia. Quelin faccia da un alvatore Girone e di confron attesa della . to tra i cardina della I tedeschi, soprattu larmonia che in marito violento. che si stanno incontra ancora ufficiale in li, liano Latorre, i fucilieri Di certo non la effetti, tto nei primi giorni ha ndo oramai da mediatamente success per oltre nostro governo sono in donne, non ci sarebbe senza le regola, ma questa imdel scorso, italiani luned detenuti nota di per Marina assolvere ad un sta ivi allannuncio neanche che i due mauasi sette milioni ra accusati dimissioni da atto tutto somper lanticamera la prassi. E il rispetto diventando delle mato burocratico. invece affermato economica, addirittu parte di Joseph del cervello. Laun anno in India perch un'iml, come che grossa difficolt Ratzinger, hanno preteso sciamo perdere contro mesi prima. giusto venisse accorda sarebbe rinai dovranno tornare lItalia e Il che la dice lunga pagg. 4-5 chiarezza sul gesto rispetto a dodici tutto di aver fatto fuoco to ad ogni con di Bont-Signorelli sul clima che si ne che i asiatici e nazionale, rivendic del con- 2,5 mln in pi materiale (langelo il discorso essere umano di da accordi presi in queste fasi chiama respira e di una recessio barcazione di pescator sesso ando anche un durante la del focolare, Colpa della crisi 2,4% te anche del pre non lasceconoscere i famosi diritto a ecc), comunque non passa attravers femminile, come gi avvenuto clave, riunioni il pil calato del Condi averne uccisi due, imprescindibile o una giornata concessa per alle quali partecip non si arresta. Con attualmente Su questultimo atti del Vatileaks. senza una donna, precedente licenza gi data per acin cui un uomo Roma ano anche una quarantina ranno l'Italia, dove punto, in effetti, regala un mazzo In effetti ora ma dove lo di cardinali che nel 2012 e una flessione dell'1%. I dati , concesso arrivata una prima il periodo natalizio. mettiamo il sorriso ieri di fiorellini gialli hanno almeno perato gli 80 si trovano in permesso re ai due fase di ammorbidimen (il pi di una un altro conten, si anni e che dunque suquisita per il 2013 anche dall'Istat apre consenti ieri si da che tapre la giornata bambina per parte comprati al semaforo delle volte forniti to Cappella Sistina del Vaticano: padre quel dall'India nella ), consapevole sulla congiuntura, non entreranno. e te la onale, considerato ha informato Lombar primo rapporto tavoce della sala illumina per tutto che lindomani si sono pressoch Ma che di votare. "L'Italia legge zioso internazi non parlare poi dei rapno con quelli del si Lo stampa, ha infatti di porla ". il resto delle 24 sar gi dimenintreccia la stante firmato ricostru decisivi straniero che, zione fatta dalla per orientar ammesso che nelle Congre e sostenibile, ore? I figli so pezz precedente, per ticato di quanta ti pag. 8 organi dello Stato le decisioni dei il Governo indiano maggior parte re gazioni general a con la quale fatica sul Benessere equo dei vaticanisti e core, tutti colleghi che invece e poi di una controversia di Federico Campoli e India, resi pi complica e i si sta parlando anche di di un Italia contro e dal Cnel, a fotografa indistintamente, tenere alta la bandiera si faccia a nella nota della Farnesin formale instaurazione nica clave entreranno. o in porti tra Italia in ConVatileak sempre dall'Istat ma un bambino potere del mondo non vicenda Finemcca i due Stati, i due si annuncia che i mar resterann dellessere resto Tra i vecchi saggi pi in affanno: il degli affari econom s. Cos come anche al massimo ti porta Donne. Perch assolutamente internazionale tra ente dalla recente sono soprattutto ci un Paese sempre 12 elicotteri Agusta del 5% questa fatica, in in aria. campata non faranno rientro Italia. L'Italia ha ribadito formalm cardinali italiani. dellacquisto dei famiglie e' calato dintorni. E questu ici della Chiesa, Ior e Clandestini le figurine di Ralph edicola per nella quotidianit. fucilieri di Marina nonostante le smentit E allora, su d'acquisto delle del permesso con la nota verbale dallIndia. ltimo un fattore spacca-tutto. Le posizioni anti Nellattivit di quasi un giovane e ufficiali e abbasta stensione per in India alla scadenza in una nota al governo indiano, Vuoi mettere invece di ditutti i giorni. Dedicare Man- per ora sospeso intanto affidato alle italiane pi forti, doverose da parte nza fra il 2007 e il 2011; gli americani. dall'Ambasciatore sii legge la delicatezza emerse anche una giornata della sala stampa ed e non lavora. I due mar hanno Insomma: la to, strada per linizio loro concesso", ieri, e: consegnata oggi di una Barbie? alle donne, come vaticana, ilit di giungere quattro non studia un primo commen Quelle che poi aggiung del Conclave a dei tedeschi e degli sono soprattutto quelle reggere in Italia riconoscere cini, la propria disponib soluzione della agenzie di stampa i della decisione godella Farnesina, punto pare spianat questo poi, diventano donne bambine, conche manca loro qualcosa che ancora sembra la americani. Questi che Quello punto una dal ritenuto a. Cos come quella i felicissim e illuminano ultimi al famiglia, anche ad un accordo per "L'Italia ha sempre arbi- dicendos il nuovo Papa. pag. 10 tutti i giorni, mica prio dovete compra . Se proper caso il ruolo della indiane violasse gli controversia, anche attraverso un di poter cos tornare Straniero. uno di Barbara Fruch re dei fiori, co. Ma pure in questo maAttualit ne vernativa e dotta delle Autorit maschietti, al massim solo. Noi comprateli in una di vista economi internazionale gravanti trato internazionale o una risoluzio sera qualunque. lavoro militare. essere messi davvero obblighi di diritto Siena niamo la sera davanti o, ci illumiPer ringraziare di cominciamo ad re il principio delto indice di deprivaaverle a fianco giudiziaria". sull'India, in particola Esteri solo se c la Champi alla tv. Ma ogni giorno. Perch luccio, con il cosiddetsoglia di povert giurisdizione degli la ons. si donne l'immunit dalla Rifiuti zione - ovvero sempre, non solo Romeo Valenti 7%. l8 marzo. ni cresciuto di un altro Micol Paglia pag. 2 Emiliano Stella pag. 3 Federico Campo li pag. 5 Ugo Cataluddi pag. 8

Scoperte tredici socie un italiano gi finito t, alcune fanno capo alla cogna ta, al in carcere in unin dagine di narcotrafficsuo fedelissimo autista-factotum di Federico Colosim e ad o Il progetto di o ville e resort di lusso empi duri,

GRILLO, IL MOR CHE SPECULA IN ALIZZATORE COSTA RICA


AMERICA

CLAMOROSO SCO Direttore: France OP DE LESPRES sco Storace SO NEL PARADISO FISCALE DEL CENT RO

8 marzo 2013

Roma, via Filippo co Storace Direttore: Frances

Corridoni n. 23

La condanna di

Roma, via Filippo 12 marzo 2013 60 - Marted Corrid oni n. 23 Anno II - Numero

MILANO LARCIVESCOVO DI

forza discu re tere la Rida giust come priorit. E are izia il Paese va ri capaci di emozion valo pezzi aa di Frances

o centrale di interce ttazioni Verso il comitat SE I MAGISTRATI NE SERIA CUS DET DIS TAN UNA O SIO LAGENDA ALLA FUTURO TRO POLITI NOS SUL CA loro la scelta e rappresentanza di far

Berlusconi per la pubblicazione

de La Destra di sabato

prossimo

CONCLAVE OGGI IL VIA AL UA SI PAPA Q A SCOLA ENTR

E SU 60 POTREBBE CONTAR

I O SOLO ALCUNI ITALIAN ARI MANCHEREBBER VOTI: PER I 77 NECESS

Anno II - Numero 61 - Mercole

d 13 marzo 2013

ROSSO e NERO

Verso il Conclav: nelle Congregazioni si parla anche di Vatileaks e Ior e con lasse Germ ania-Usa

I cardinali stran ieri la spuntano

Un Paese ridotto allo stremo Q

in Italia I due mar restano


S

Vendola rovinato dal cognato. Pure lui

Sospetti sul suicidio del funzionario Mps

Arabi e Israeliani divisi anche sui bus

Malagrotta chiude, lemergenza resta

per la loro appassionata difesa deli hanno messo nove la mia onorabilit. anni per capire finalLa politica non mi mente che le mie ha arricchito e ne mani sono pulite, che vado fiero. i ladri vanno cercati E' particolarmente altrove. I primi a saperlo sa- importante la deranno probabilmente oggi cisione del Gup, quanti mi seguono col nostro che avrebbe poquotidiano ogni giorno, per- tuto tranqu illach non credo che sar su mente chiudere la molti giornali di stamane: ieri pratica con la presi svolta l'udienza prelimi - scrizione. Quella nare su un'orrenda accusa di sarebbe stata la corruzione che mi insegui va fine a cui era dedal 2007 per fatti risalen Boccassini e Napoli ti al stinata una causa 2004, quando ero preside Cav tra due fuochi nte della Regione Lazio. In prati- insensata, immotivata, nella quale ca, si sosteneva l'esisten za di non c' stato uno una sa tangente - questo vuol straccio Mancia e Traver di domandire corruzione - versata a da a cui dover rivivi nel ricordo mio favore dal gruppo An- spondere in almegelucci. "Il fatto non sussiste ", no un interrogaha sentenziato il giudice Eb- torio. Un fardello destra Giovani di ner, che pero' ponend o coragg iosaza Sapien aggrediti alla mente fine anche a questa mi trascinavo dal giorno in cui ricevetti un avviso di persecuzione. garanzia con stampata l'accusa La chiamo cos perch non terribile di corruzi i sbarch glialtro one: corc' Riprendono termine per definirla. reva il luglio del 2007, avevo dusa prima di qualunq a LampeMa ue con- appena fondato La Destra, al siderazione, voglio ringraz iare gli avvocati Naso e Reboa Senato ero iscritto al gruppo misto dopo aver lasciato Al-

di Francesco Storace

Dopo il Laziogate cade un'altra imputazione. Ma il giudice che sbaglia non

NOVE ANNI PER SCOPRIRE LE NOSTRE MANI PULITE


paga mai
in questo Paese. nendo la convocazione delMa la doman da l'udienz a preliminare svolta non me l'ha posta ieri con il mio totale proscio nessuno. In verit gliment o grazie ad un giudice c'era stato un ma- pi scrupo gistrat o che in Sempre loso di lei. ieri, il presidente Nasede istrutto ria politan o ha ricevuto una deaveva chiesto per legazio ne del Pdl sulla queben due volte l'ar- stione giustizia. Non pretendo chiviazione della tanto. Ma signor presidente mia posizione, il della Repubblica, lei presiepubblico ministe- de il CSM: ebbene, ci sar ro Pisani. Mal glie- qualcun o che chieder conto ne incolse, perch alla dottoressa Bonaventura chi preten deva degli errori commessi in mio che io andassi a danno? normale che ci voprocesso per cor- gliano sette anni per il Laruzione era una ziogate e nove per un'accusa donna, Maria Bo- di corruzione per stabilir e naventura. Chi ? che c' un magistrato che ha E' una specie di torto due volte rispetto a un mio giudice natu- imputa to rale, un magistrato ragione che ha due volte ? che mi voleva in Non avremo preso voti alle galera per il Laziogate ve- elezioni politiche, ma la dinendo clamorosame nte gnit e la reputazione non me smentita con l'assoluzione de- la tolgono, questi signori macisa nei miei confronti dalla gistrati. Chiss se quando sbaCorte d'appello di Roma; eb- gliano, visto che non pagano bene, la Bonaventura lo mai, sono almeno capaci di stesso giudice che aveva det- chiedere scusa. Ha tempo, to no al pm Pisani anche sull'accusa di corruzione, impo- dottoressa Bonaventura, per farlo: non si prescrive.

Roma, via Filippo Corrido IL LEADER DE LA DESTRA ni n. 23 PROSCIOLTO ANCHE DA UN'O RRENDA ACCUSA DI CORRUZ IONE

Direttore: Francesco Storace

Magistratura, forte richiamo di Napolitano

leanza nazionale. Mi sentivo davvero solo. Solo con la mia famiglia e la mia coscien za. Da allora, ogni giorno di questi lunghissimi anni stato scandito dalla frenesia di arrivare alla verit, senza urlare, attendendo invano un magistrato che mi chiedesse conto

Cercateci e ci troverete ovunque.


Allindirizzo www.ilgiornaleditalia.org , con un portale all news ed un giornale sfogliabile e scaricabile on-line. Siamo anche su Facebook allindirizzo www.facebook.com/ilgiornaleditalia.portale. Siamo anche abili cinguettatori, su Twitter, @Giornaleditalia. Tutti i nostri video sul canale Youtube, Il giornale dItalia. Se volete scriverci, potete farlo allindirizzo e-mail: redazione@ilgiornaleditalia.org

di Igor Traboni

LA PRIMA FUMATA NERA


dopo un proficuo Patriarcato a Venezia, sono stati in qualche modo riaffermati anche dal cardinale decano Angelo Sodano che, nellomeli a della messa pro eligendo ha in effetti tracciato un identikit assai vicino a quello di Scola, parlando come riferiamo a pagina 2 della necessit di un Papa generos o e dedito in particolare alle sfide che attendono la Chiesa, a partire dalla nuova evangelizzazione. Eppure gli stranieri non demordo no e ancora ieri un cardinale nordamericano, rimasto per anonimo , ha riferito che in Conclave si parler anche dei rapporti di Scola con la politica. Insomma, ad alcuni stranieri, imbeccati alla grande da una decina di porporati italiani progressisti che non a caso stanno disperata mente convergendo su Gianfranco Ravasi, non piacerebbe lorigine ciellina di Scola.

VIA AL CONCLAVE CON IL PROF ILARSI DELLA SFIDA TRA SCOL A

del perch il gruppo Angelucci aveva finanziato la mia campagna elettorale. Gli avrei risposto che avevano finanziato anche altri soggett i politici di orientamento diverso , che tutto era avvenuto attraverso trasparenti bonifici bancari, che non tutto illegale

E SCHERER

MARO Cosa nasconde limprovviso coraggio del Ministro Terzi?


alvatore Girone e Massimiliano Latorre restano a casa. La decisione, comunicata luned dal ministro Terzi ha suscitato una forte reazione da parte del Governo indiano e una serie di interrog ativi sui possibili retroscena. Il primo ministro indiano, Manmo han Singh, ha definito inaccettabile la presa di posizione della diplomazia italiana, ribadendo che il Govern o indiano reagir e far tutto ci che deve essere fatto per riportare i due mar in India affinch vengano process ati a New Delhi. I due militari hanno accolto la notizia con sorpresa e gioia. Anche se, Latorre ha ribadito che per ora non c proprio niente da festeggiare. La nostra vicenda non ancora conclusa. Servizio a pag. 7

utto come previsto: ieri sera alle 19 e 41 la prima fumata stata nera. Per cui, nella migliore delle ipotesi, se ne riparler oggi (in programma quattro scrutini, voluta la salita al Colle due al mattino e altrettanti al podei vertici del Pdl per meriggio) per conoscere il nome far notare a Napolitano il del successore di Benedetto rischio che sta correndo la XVI. deTutto come previsto anche nel mocrazia in Italia sul caso Berlusegreto del Conclave, in quella Cappella sconi. Alfano ha porto le proprie Sistina dove i 115 cardinali elettori rimostranze al Capo dello Stato, sono entrati nel primo pomerigg a cui la Costituzione assegna io ane unora dopo, poco dopo le 17.30, che la carica di Presidente del stato decretato l extra omnes, Consiglio superiore della anche una breve ma intensa Maovvero il tutti fuori dal luogo grangistratura. Nel tardo pomerig depu- dinata) era tutto uno gio sfidarsi tra tato alla scelta del Pontefice. il Presidente della Repubb centinaia di fedeli gi in trepida lica I cardinali hanno anche pronunci ha convocato il Comitato di ato attesa, con le bandiere Preitaliane il fatidico e Pondeo , vovec ac iuro, brasiliane sidenza del Csm. Napolitano preminenti sulle altre. ha ovvero il prometto, obbligo e sollecitato il rispetto di rigorose giuro E in effetti tutto dovrebbe risolversi di tenere tutto in segreto, mentre norme di comportamento in nella grande sfida tra litaliano da Angelo una piazza San Pietro bagnatissima Scola parte di chi indaga e giudica, e il brasiliano Odilio Scherer, (poco prima su Roma si era scatenata guardandosi dallattribuirsi con il primo entrato in Cappella misSisioni improprie e osservan do scrupolosamente i principi Anniversari del Sanit giusto processo, con particolare attenzione per le garanzie da riconoscere alla difesa. Emiliano Stella a pag. 3 Micol Paglia a pag. 6 Paolo Signorelli a pag. 9

stina con un pacchetto di voti praticamente doppio rispetto al latinoamericano, ovvero una sessantin a rispetto a poco meno di trenta, ma non ancora sufficienti a raggiung ere quella maggioranza richiesta di 77 cardinali su 115. I favori per Scola, larcivesc ovo di Milano tornato nella sua Lombard ia

1975: la lunga agonia di Sergio Ramelli

7 arrestieccellenti Continuano i suicidi in Lombardia di chi non ce la fa


Barbara Fruch a pag. 9

Crisi

Puglia

Indagine riaperte a carico di Vendola


a pag. 10

Mafia e spending review

Tagliati i sussidi ai picciotti in galera


a pag. 10

Gioved 21 marzo 2013

Esteri

Il ministro delle finanze si incontrato con il vicepresidente russo. Nessun risultato positivo

Cipro, salta laccordo con Mosca


Dopo aver abbandonato lipotesi del prelievo forzoso, proposto dallUe, Nicosia coinvolge Mosca. Ma i vertici del Cremlino e ciprioti non sono giunti a nessuna conclusione utile

Medio Oriente

Turchia, doppio attentato ad Ankara


M
ipro riuscita a sfuggire al prelievo forzoso tanto voluto dallUe. In pratica, laccordo sarebbe consistito nel rilascio di circa 10 miliardi da parte di Bruxelles e in cambio Nicosia avrebbe obbligato i cittadini con un conto corrente ad acquistare azioni bancarie, per una somma totale di circa 6 miliardi. La proposta ha da subito scatenato il panico sullisola. Nei giorni precedenti i dibattiti in Parlamento, si potuto assistere a scene di paura. Infinite code agli sportelli, fuga di grandi capitali (principalmente russi), proteste ad alta tensione. Addirittura, il Parlamento ha deciso di chiudere le banche per tamponare le corse al ritiro dei fondi. Una scena gi tristemente nota con la crisi Argentina. Ma alla fine, il governo, guidato da Nicos Anastasiades, ha detto no alle politiche di austerity Ue. Uno schiaffo a Bruxelles, visto che questo presidente si presentato come un fautore delle scelte europeiste pro-austerity. Ma ora sorge un dilemma. Gi da qualche

settimana, mentre si cercavano gli accordi con la troika, dallaltra parte Nicosia tentava di stabilire un contatto con Mosca. Sono mesi che la Russia si trova dentro ai problemi economici del paese. Nellagosto del 2012, Cipro chiese aiuto a Putin per una somma di 5 miliardi di euro. Una richiesta che fece infuriare i vertici europei. Anche per il rischio contagio. Anche la Grecia avrebbe potuto infatti pensare di stringere i legami con Mosca e abbandonare la nave europea. Ma lira di Bruxelles and a buon fine. Adesso siamo punto e a capo. Ma le proposte poste dai russi non hanno esaltato le aspettative cipriote. La Gazprom, la grande societ di gas cosacca (una delle pi importanti al mondo), si era addirittura proposta di risanare il debito dellisola. In cambio, per, avrebbe chiesto lacquisizione dei diritti di esplorazione per i gas naturali. Di certo, accettare sarebbe stata una mossa assolutamente priva di lungimiranza. In ogni caso, il ministro delle Finanze cipriota, Mikael Sarris, volato a Mosca per in-

contrare il vicepresidente russo, Anton Siluanov, dichiarando che si sarebbe trattenuto per tutto il tempo necessario. La Russia si alquanto irritata per la mancata consultazione dei vertici del Cremlino da parte dellUe, sulla questione del salvataggio dellisola. Anche per questo adesso sta cercando una soluzione con Nicosia, senza per, coinvolgere Bruxelles. Ma ancora, questo accordo, sembra ancora lontano da raggiungere. La discussione stata molto franca, abbiamo evidenziato quanto la situazione sia difficile ha dichiarato Sarris ai media, aggiungendo che la discussione continuer per trovare una soluzione. Al termine dellincontro il risultato stato per un nulla di fatto. Nel frattempo, per, il presidente cipriota, Nicos Anastasiades, ha dato il via a nuovi incontri con i rappresentanti dellUe, della Bce e del Fmi. La troika, dopo il mancato accordo sulle misure di austerity, sta facendo notevoli pressioni affinch Cipro proponga unalternativa. Federico Campoli

entre la Turchia si trova ad un passo dallaccordo sul cessate il fuoco con Abdullah Ocalan, leader del Partito dei Lavoratori Curdo, le bombe continuano ad esplodere. Si sono verificate due violente esplosioni nella capitale del Paese, Anakara. Una al Ministero della Giustizia, unaltra davanti ad una sede dellAkp, il partito islamista al Governo (la stessa del premier turco Recep Tayyip Erdogan). Si tratta di un segnale di importante risalita della tensione nel paese. Nelle esplosioni rimasta ferita la moglie di un dipendente del ministero. Ancora non si hanno certezze sulla paternit dellattentato. Certo che in questo momento la Turchia non sta a cuore a nessuno. Il Pkk (Partito dei lavoratori curdo) vicino ad un accordo con il governo, ma non si esclude che al suo interno ci siano degli elementi ostili ad una tregua, che tentino di far salire la tensione e far saltare i possibili accordi di pace. Allo stesso tempo, possibile che gli stessi militanti ancora in lotta con Ankara agiscano sotto lauspicio di Damasco, ufficiosamente in guerra con la Turchia. Ma la pista dei separatisti non lunica. Si potrebbe ipotizzare anche una rivalsa dellestrema sinistra, che da qualche tempo ha deciso di combattere il premier definito un islamista nazionalista. Non bisogna dimenticare che lattentato compiuto il 3 febbraio scorso contro unambasciata americana stato rivendicato dal Fronte-partito Rivoluzionario di liberazione popolare. Un gruppo notoriamente di estrema sinistra. Ma le piste non si concludono qui. Sempre sulla scia dellostilit agli accordi di pace, potrebbero invece esserci i cosiddetti lupi grigi, una setta islamista e nazionalista, che da sempre compiono gravi attentati. Questi estremisti potrebbero opporsi allintesa tra il governo e i nemici separatisti. F.Ca.

Il Presidente Usa visita la Terra Santa. E il primo viaggio del suo secondo mandato

Obama:Siamo i migliori alleati di Israele


Il Capo di Stato americano auspica pace in Terra Santa, poi va ad ammirare le batterie anti-aeree Iron Dome. Neranyahu soddisfatto. Intanto, la limousine dellinquilino della Casa Bianca si rompe
l presidente americano, Barack Obama, cerca di rinsaldare il legame con Netanyahu. La pace deve arrivare in Terra Santa uno dei primi appelli lanciati dallinquilino della Casa Bianca. Nonostante il messaggio di pace, il Presidente Usa stato comunque accompagnato a visitare una batteria antiaerea Iron Dome, di progettazione israelo-americana. Unottima occasione per ribadire come Israele abbia il diritto a difendersi di fronte a qualsiasi minaccia. Dopo che il rieletto premier israeliano riuscito a garantire un governo, il Capo di Stato statunitense ha deciso di compiere il suo primo viaggio in Israele. E la prima tappa del viaggio allestero del secondo mandato, specifica Obama. Poi tira fuori dal cappello largomento democrazia, elemento in comune con lo Stato ebraico. Gli Stati Uniti sono al fianco di Israele, perch nel nostro interesse nazionale. Questo si sapeva gi da tempo. Ma

nel momento in cui gli americani hanno interesse nel destabilizzare lIran, riescono a mettere da parte anche lastio con un Primo Ministro che non piace. In particolare, si parla dei rapporti che intercorrono tra Obama e Netanyahu, che fino a qualche tempo fa erano gelidi. Ma il Presidente americano ha capito che, senza il sostegno del suo amico di Tel Aviv, non pu ottenere dei risultati soddi-

sfacenti, soprattutto nel Medio Oriente. Per questo le prime parole che linquilino ha pronunciato sul suolo di Sion erano in ebraico. Shalom, tov lihiot shuv ba-Aretz, cio Salve -(letteralmente shalom vuol dire pace)- bello essere di nuovo in Terra (Santa). I funzionari dello Stato ebraico hanno accolto queste prime parole con un sorriso e con lunghi applausi. Obama ha rinsaldato

lalleanza con Israele, ribadendo i legami indissolubili che legano i due paesi. Il presidente statunitense ha aggiunto che gli Stati Uniti sono fieri di essere i migliori alleati di Tel Aviv. Inoltre, ha aggiunto di essere fiducioso che questa alleanza duri per sempre. Interessante notare che Obama ha definito gli Stati Uniti i migliori alleati di Israele, un po come se riconoscesse il ruolo di

forza superiore che gioca lo Stato ebraico, rispetto agli States. E Netanyahu esce soddisfatto da questo incontro. Grazie per essere al fianco di Israele in questo momento di cambiamento storico ha dichiarato il Primo Ministro dello Stato ebraico, durante il breve discorso di benvenuto allaeroporto Ben Gurion. Nonostante le parole di pace, i sorrisi, gli abbracci e i gesti di amicizia, la visita di Barack Obama inizia con degli intoppi imbarazzanti. La televisione israeliana ha dato la notizia che la limousine blindata del Presidente Usa sarebbe rimasta bloccata in aeroporto. Il motivo? A causa di una svista sarebbe stata rifornita di diesel, anzich di benzina. Un errore imbarazzante, che avvicina il presidente Obama ai comuni mortali. Il guasto, non ha causato ulteriori problemi. Una nuova vettura di rappresentanza arrivata direttamente dalla Giordania e il viaggio ha potuto riprendere il suo andamento, senza ulteriori ritardi. F.Ca.

Gioved 21 marzo 2013

Italia

DA ROMA E DAL LAZIO

Sei assessori su dieci donne. E le province del Lazio escluse alzano immediatamente la voce

Nasce la giunta Zingaretti. Ed subito polemica


Storace: Farla tutta esterna credo sia un azzardo. Valuteremo sul campo Santori: Un altro schiaffo ai cittadini, lennesimo assist allantipolitica
l presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha varato la Giunta, con 6 assessori donna su 10. Massimiliano Smeriglio e' il vicepresidente e assessore alla Formazione, universita', scuola e ricerca; Concettina Ciminiello l'assessore alla Semplificazione, trasparenza e pari opportunita'; Michele Civita l'assessore alle Politiche del territorio, della mobilita' e dei rifiuti; Guido Fabiani, economista e rettore dell'Universita' Roma Tre, l'assessore alle Attivita' produttive e sviluppo economico; la scrittrice Lidia Ravera l'assessore alla Cultura e sport. Fabio Refrigeri e' l'assessore alle Infrastrutture, alle politiche abitative e all'ambiente; Sonia Ricci l'assessore all'Agricoltura; Alessandra Sartore l'assessore al Bilancio, patrimonio e demanio Lucia Valente l'assessore al Lavoro e Paola Varvazzo l'assessore alle Politiche Sociali. Rimangono al presidente Zingaretti le deleghe: Europa, Turismo, Economia del mare e Protezione civile "Avevamo detto che avremmo cambiato tutto: abbiamo cominciato eleggendo tutti consiglieri nuovi, continuiamo con la scelta degli assessori" ha detto Nicola Zingaretti. "Sono orgoglioso della Giunta che presentiamo - ha aggiunto il presidente della Regione Lazio - per la qualita' delle persone e perche' e' stata formata esclusivamente sui

due principi chiave che vogliamo portare nella Regione: il merito e la competenza". Tra i primi a commentare la nomina della nuova giunta, Francesco Storace: E ' sua la prerogativa di fare la giunta. Farla tutta esterna credo sia un azzardo. Valuteremo sul campo, ha detto il leader de La Destra e grande sfidante di Zingaretti alle ultime regionali, commentando all'Adnkronos le scelte fatte per la nuova giunta. Dal canto suo, Fabrizio Santori, consigliere regionale de La Destra, ha detto: "La giunta Zingaretti ha capito perfettamente il momento politico e la sua Giunta nasce all'insegna della morigeratezza e del risparmio dei costi della politica. Una bella giunta fatta tutta di assessori esterni e che rappresenta ancora una volta uno schiaffo ai cittadini e l'ennesimo assist all'antipolitica, alla faccia dei moralismi che hanno contraddistinto fino ad oggi la sinistra", conclude Santori. Ma intanto gi monta la polemica dalle Province del Lazio escluse dalla nuova giunta, in particolare da Frosinone, dove il pd chiedeva un posto da assessore per Mauro Buschini. E ora non si escludono ulteriori frizioni, tutte interne al partito democratico regionale. Igor Traboni

Nucleare, entro il 2030 sar smantellato limpianto di Borgo Sabotino

Parcheggi e alberghi in una delle strade pi belle di Roma

Pedopornografia

Fermato 52enne con filmati di minori

Ue, via libera alla bonifica della centrale di Latina

Progetto via Giulia Il ministro dice no

a Commissione Europea ha dato il via libera alla bonifica della centrale nucleare di Latina che ha cessato la propria attivit il 1 dicembre del 1987. Per completare l'iter autorizzativo spiega la Sogin Spa, proprietaria e gestore della centrale - ora prevista la convocazione della Conferenza dei Servizi per raccogliere i pareri delle istituzioni, nazionali e locali, coinvolte e dell'Autorit di sicurezza nucleare, Ispra. Al termine il ministero dello Sviluppo economico, sottolinea la societ, emetter il decreto per questa importante prima fase dello smantellamento della centrale nucleare di Latina. Molte le attivit in corso che sono state programmate nella centrale di Latina nellanno solare: progettazione del nuovo impianto di trattamento degli effluenti liquidi; rimozione e decontaminazione degli involucri delle soffianti dell'edificio reattore; realizzazione dell'impianto per l'estrazione e il condizionamento dei fanghi radioattivi e degli impianti tecnologici

nel deposito temporaneo; smantellamento di parte dell'edificio controllo e di un edificio minore. In un secondo momento, saranno avviate le attivit per lo svuotamento e la decontaminazione della piscina che conteneva il combustibile irraggiato. Tra i principali lavori realizzati evidenzia la Societ di Stato responsabile della bonifica ambientale dei siti nucleari la Sogin ha completato lo smantellamento delle condotte del circuito primario, del pontile e dell'edificio turbine. Inoltre, gi stata realizzata la nuova rete piezometrica, la nuova linea di scarico degli effluenti attivi ed stato costruito il deposito temporaneo dei rifiuti radioattivi. A garanzia della sostenibilit ambientale - sottolinea la Sogin - gli interventi sono progettati, realizzati e monitorati in modo da non produrre alcun impatto, sia radiologico sia convenzionale, sull'ambiente. La fine del processo di smantellamento dellimpianto pontino previsto per il 2030. Giuseppe Sarra

fermare quello che a tutti gli effetti potrebbe rivelarsi uno scempio nel centro storico di Roma interviene direttamente il ministro dei Beni Culturali, Lorenzo Ornaghi. Il progetto, da realizzarsi in project financing, che prevedeva la costruzione di appartamenti, parcheggi, urban center e un albergo, in Via Giulia, una delle strade pi belle e pi rappresentative della Capitale, non sta incontrando il favore n dellopinione pubblica, n dei residenti. E da oggi un ostacolo in pi pu esser rappresentato dallo stesso Ornaghi che in una telefonata ha espresso tutte le sue perplessit al sindaco Alemanno. Nonostante liter autorizzativo, tuttora in corso, che tramite la direzione regionale aveva dato il proprio benestare al progetto, il titolare ai Beni Culturali ha comunicato ad Alemanno che si arrogher il di-

ritto di assumere la decisione finale, che con ogni probabilit propender per il no. Sar quindi, il Consiglio Superiore dei Beni culturali che rifar l'istruttoria prima di pronunciarsi definitivamente. Il sindaco dal canto suo non polemizza con lo stop del ministero e si dice favorevole ad un confronto. Sulla stessa lunghezza donda anche lassessore competente Dino Gasperini secondo il quale necessario giungere ad una soluzione condivisa. A contestare duramente il piano presentato dalla societ Cam, ci hanno pensato anche alcuni intellettuali e volti noti del piccolo e grande schermo, tra cui spicca lattore Carlo Vedone, i quali hanno firmato una lettera-appello promossa dal nuovo Coordinamento per la tutela di via Giulia, inviata direttamente al Presidente del Consiglio e appunto al Mibac. U.Ca.

n bancario di 52 anni di Roma - S.A le sue iniziali, sposato e senza figli stato fermato con laccusa di detenzione di ingente materiale pornografico. Gli uomini della Polizia Postale e delle Comunicazioni del Lazio, in collaborazione con quella di Viterbo, hanno eseguito lordinanza di custodia cautelare emessa dal gip Riccardo Amoroso. Luomo stato trovato in possesso di due pc, dove nascondeva 105mila filmati e un centinaio di cd e dvd pedopornografici. Nella collezione cerano anche immagini di neonati e file audio. Il funzionario di banca era gi noto alle forze dellordine. Due anni fa, gli agenti della Polizia Postale di Viterbo effettuarono una perquisizione nella abitazione di S.A che aveva condiviso e si era procurato materiale digitalizzato di natura pe-

dopornografica (cinque immagini aventi ad oggetto minori in atti sessuali). Vennero sequestrati due computer e un centinaio di cd e dvd. A seguito delle indagini svolte, S.A risultava lunico utilizzatore del materiale informatico sottoposto a sequestro e lintestatario della linea telefonica attraverso la quale erano state effettuate le connessioni sulla Rete Internet. Dopo il sequestro del 2011, luomo finito sotto la lente degli inquirenti. Attraverso una serie di pedinamenti, fino alla banca dove lavorava e nella quale si intratteneva oltre l'orario di lavoro, stato accertato che il 52enne non ha avuto alcun incontro con minori. Gli investigatori stanno esaminando il materiale sequestrato per identificare le vittime. G.S.

Gioved 21 marzo 2013

Italia DAL SUD

Tragedia a Napoli: la scuola rimane chiusa per lutto dopo la morte del piccolo Patrizio
arrivato allospedale Antonio Cardarelli ormai senza vita - Le maestre: Abbiamo fatto di tutto per salvarlo
di Carola Parisi

Soffocato da un boccone di mozzarella

n grande cartellone attaccato con lo scotch ricorda la tragedia e annuncia dintesa con le istituzioni la decisione di chiudere la scuola per un giorno, ieri, per rispetto e solidariet nei riguardi del dolore della famiglia del piccolo Patrizio. Una storia drammatica. Un bimbo di quattro anni morto marted, poco dopo le 15 all'ospedale Cardarelli di Napoli, dove era stato portato d'urgenza dopo essere rimasto soffocato da un boccone di mozzarella. Il piccolo Patrizio, 5 anni a luglio, era alla mensa della scuola Minucci di via Bernardo Cavallino, al Vomero, e stava pranzando, come tutti i giorni, con i compagni e le maestre. Subito dopo avere inghiottito il boccone fatale il bimbo ha mostrato i segni di soffocamento. Molti i tentativi delle

mata al 118 e la richiesta daiuto alla farmacia di fronte la scuola. Le loro urla hanno richiamato due persone che lavorano nei negozi di fronte alla scuola, una cartoleria e una pizzeria, che hanno subito caricato il bimbo in macchina e lo hanno portato al vicino Cardarelli. Ogni soccorso successivo stato per inutile: Patrizio arrivato in Pronto Soccorso gi senza vita. I genitori, avvisati immediatamente, sono giunti in ospedale, dove hanno ricevuto la terribile notizia. Poco dopo si sono recati per a scuola.

L la disperata reazione dei parenti che hanno dato in escandescenze, inveendo contro le maestre che erano in quel momento classe. La sede scolastica stata presidiata dalla polizia e solo cos la situazione si calmata. Sul posto sono giunti l'assessore comunale alla Scuola e il presidente della Municipalit Vomero-Arenella. impensabile ha commentato la mamma di un piccolo alunno che in una scuola dove c' una mensa non ci sia almeno una persona capace di fronteggiare una situazione come quella

accaduta in questo caso. Di fronte c' una farmacia e poco pi su una clinica dice ancora la donna e sarebbe bastato chiedere soccorso a loro e forse il piccolo a quest'ora sarebbe ancora vivo. La procura ha aperto un'inchiesta sul bambino di 4 anni morto soffocato a scuola presso l'Istituto Sabatino Minucci di Napoli. Il magistrato ha gi ascoltato le maestre, le addette alla refezione e i bidelli, per ricostruire esattamente quanto accaduto nella mensa dell'istituto comprensivo del quartiere Vomero.

maestre di salvarlo. Alla polizia hanno raccontato di avergli dato un colpo sulle spalle, poi di avergli messo le dita in bocca, infine di averlo ab-

bracciato con forza per fargli uscire la mozzarella, di averlo messo a testa in gi e infine di averlo steso sul fianco. Tutto stato inutile. Poi la chia-

Altro caso a Brescia, bimbo muore dopo 3 mesi


La madre del piccolo, di soli tre anni, indagata con l'accusa di omicidio colposo

SALERNO

Caso Claps: un mostro e deve marcire in carcere


Le parole di Filomena, mamma della sedicenne uccisa ventanni fa a Potenza, in aula per linizio del processo dappello
anilo Restivo ha partecipato nel Palazzo di Giustizia di Salerno alludienza del processo di appello dellomicidio di Elisa Clap (avvenuto a Potenza nel 1993) dove lui lunico imputato. Maglioncino celeste e jeans, Restivo, accompagnato dagli agenti penitenziari, entrato in aula senza dire nulla. Quella di ieri davanti alla Corte d'Assise d'Appello di Salerno stata un'udienza tecnica per fissare il calendario delle udienze e per la costituzione delle parti civili. Restivo innocente e spera che al pi presto si trovi il colpevole per lomicidio di Elisa. addolorato per la sua famiglia, lo ha detto allesterno del tribunale lavvocato Alfredo Bargi che difende Danilo Restivo. In primo grado limputato stato condannato a 30 anni di reclusione con il rito abbreviato. Per l'appello, il nuovo collegio difensivo ha optato per la richiesta di rinnovazione del dibattimento su cui oggi la Corte espressa ieri rinviando . Dall'11 gennaio Restivo in Italia - ieri stato trasferito da Rebibbia al carcere di Salerno - in quanto stato applicato il mandato di arresto

n bambino di origini ghanesi di 3 anni morto ieri all'ospedale San Gerardo di Monza, dopo tre mesi di agonia. Il piccolo, poco prima di Natale, era stato ricoverato d'urgenza dopo che un cucchiaio di minestra gli aveva occluso la trachea. Era stato portato in un primo momento agli Spedali Civili di Brescia, per poi essere trasferito nel centro specializzato di Monza. Il piccolo viveva con la famiglia a Cortine di Nave, nel Bresciano. La Procura ha aperto un'in-

chiesta a carico della madre, finita sul registro degli indagati con l'accusa di omicidio colposo. Gli inquirenti intendono chiarire se la morte del bimbo sia in qualche modo riconducibile alla negligenza o all'imprudenza della donna. Dopo il decesso del bambino, avvenuto nella notte tra domenica e luned, stata eseguita l'autopsia all'Istituto di medicina legali degli Spedali Civili a Brescia. Dopo i funerali, la salma del piccolo sar trasportata in Ghana, suo paese dorigine. C.P.

PALERMO: IL RAGGIRO DELLE BOLLETTE

Migliaia di persone truffate, 72 le finte agenzie sequestrate


Il blitz della Guardia di Finanza ha portato allarresto di due imprenditori siciliani

Roma, via Filippo Corridoni n.23 Tel. 06 37517187 - 06 45449107 Fax 06 94802087 email: redazione@ilgiornaleditalia.org Direttore responsabile

Francesco Storace
Direttore editoriale

europeo spiccato tre anni fa. E' stata concessa la consegna temporanea dall'Inghilterra dove Restivo sta scontando in carcere una pena definitiva a 40 anni di reclusione per l'omicidio di Heather Barnett. Restivo ha ribadito la sua innocenza come ha sempre fatto. La famiglia Claps, invece, certa della colpevolezza e si aspetta che il processo chiarisca perch ci sono voluti 17 anni per trovare i resti della ragazza. Intanto anche Filomena, la mamma di Elisa Claps, era in aula ieri. Non ha quasi mai smesso di guardare in faccia Danilo Restivo: Io

sono un moscerino, lui un gigante ma io non ho paura di Danilo Restivo e voglio incontrarlo, voglio parlargli. Pensavo di incontrare i genitori di Restivo, pensavo che venissero - ha aggiunto - ma n qui n in Inghilterra cerano. Dopo due anni volevo vedere quel mostro e quel serpente che hanno concepito. Ribadisco che voglio incontrare a quattrocchi Danilo Restivo - ha concluso - glielo chieder se mi daranno lopportunit di farlo. So solo che deve marcire in un carcere inglese, quello il suo posto. C.P.

antissime contestazioni. Centinaia di cittadini chiamati a rispondere del mancato pagamento di tasse e bollette. Molti di loro si sono visti tagliare luce, acqua e gas. Eppure avevano tutti regolarmente pagato. Bollettini pagati solo sulla carta per. Gli uomini della guardia di finanza di Palermo hanno sequestrato 72 finte agenzie postali private che hanno truffato per milioni di euro migliaia di persone. Nell'ambito dell'operazione denominata 'Lost pay' sono stati denunciati anche due titolari dei network di franchising delle agenzie postali abusive con le accuse di truffa ed appropriazione indebita. L'imprenditore palermitano Nunzio Giangrande e della catanese Graziella Torrisi. Adesso i finanzieri del Gruppo di Palermo, diretto dal maggiore Antonio Squillacioti, dovranno accertare se i mancati pagamenti sono dovuti ad un errore nel cervellone elettronico delle agenzie oppure se dietro ci sia un illecito. Si tratta di agenzie che hanno aperto in mezza Italia sotto le insegne "Servizi postali" e "Posta pi". Il pubblico ministero Paolo Guido ne ha disposto il sequestro

a Palermo, Messina, Catania, Trapani, Agrigento, Roma. Non solo in Sicilia, anche a Macerata, Lecce, Reggio Calabria, Modena e l'Aquila. Nello specifico, solo uno dei network sottoposti a sequestro ha movimentato, in soli 18 mesi, circa 30 milioni di euro, riferiti, per lo pi, ad operazioni effettuate da ignari cittadini che hanno subito, poi, la sospensione di servizi di primaria importanza a causa di bollettini risultati non pagati. Contestualmente sono stati sottoposti a sequestro probatorio anche quasi 180 conti correnti dove venivano depositati i proventi della truffa. Le 72 agenzie sequestrate avrebbero effettuato i servizi di pagamento in maniera totalmente abusiva, in quanto - sebbene in possesso dell'autorizzazione ministeriale per la prestazione di servizi postali 'propriamente detti' (spedizione plichi, raccomandate ecc.) - non sono risultate munite anche delle autorizzazioni prescritte dalla legge per poter effettuare i servizi di pagamento. Le indagini proseguono circa il possibile riciclaggio dei proventi della maxi truffa. C.P.

Guido Paglia
Societ editrice Amici del Giornale dItalia Amministratore Roberto Buonasorte Direttore Generale Niccol Accame Marketing e Pubblicit Daniele Belli

Progetto grafico e impaginazione Raffaele Di Cintio Nicola Stefani

Sito web www.ilgiornaleditalia.org

Per la pubblicit su Il Giornale dItalia rivolgiti a Eco Comunicazione e Marketing via di San Bartolomeo 9 Grottaferrata (Rm) 06 94546475

Gioved 21 marzo 2013

Italia DAL NORD

Una maxi-truffa ai danni dello Stato sgominata dalla Guardia di Finanza di Torino

Emigranti morti, la pensione la riscuotono i parenti


Sono 87 i casi scoperti che riguardano persone decedute e da molto tempo ormai assenti dallItalia
di Francesca Ceccarelli

a Guardia di Finanza di Torino ha portato a termine una grande operazione anti evasione: scoperti 87 casi di emigrati deceduti la cui pensione continuava ad essere riscossa dai parenti. Il comune denominatore laver lasciato da molti anni il Piemonte per trasferirsi definitivamente allestero, in Europa, in Sud America, in Australia o negli Stati Uniti, portandosi in dote la pensione maturata in Italia dopo una vita di lavoro. Nulla in contrario se non che molti di loro continuavano ad incassare regolarmente il vitalizio, pur essendo parecchio in l con gli anni. Ecco i primi sospetti della Finanza. Sospetti fondati visto che dopo una stretta collaborazione con i funzionari della locale Direzione Provinciale dellINPS, si verificata la sussistenza di truffe ai danno dello Stato. Le indagini sono partite con un iniziale elenco di circa 400 nominativi,

tutti soggetti in et avanzata. Essenziale anche la collaborazione in alcuni casi degli Uffici diplomatici nei Paesi esteri. Infatti proprio le Ambasciate e i Consolati sono deputati a ricevere le comunicazioni anagrafiche dei nostri connazionali per aggiornare le relative posizioni. Ecco quindi le prime conferme con i relativi certificati di avvenuto decesso del soggetto pensionato. Alla fine delle ricerche sono risultate 87 le persone anziane oramai scomparse da tempo il cui decesso, in alcuni casi anche a distanza

di decenni, non era stato per segnalato allINPS, consentendo ai parenti, per tempo delegati, di continuare a ritirare il vitalizio grazie alla clausola del de cuius. Paradossalmente un ostacolo allaccertamento delle posizioni dei singoli pensionati scaturita dalla regolare operativit del conto corrente di accredito, assicurata dallo stesso delegato che ha continuato a riscuotere ed impiegare i ratei di pensione. Diversamente, infatti, non appena lEnte previdenziale percepisce che vi sono delle anomalie per la

quale lerogazione viene temporaneamente sospesa, in attesa dei successivi accertamenti sul conto del titolare. Lindagine condotta dalle Fiamme Gialle e coordinata dalla dott.ssa Laura Longo, Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Torino, ha consentito di individuare un ammontare di circa 300.000 euro di erogazioni indebitamente percepite e di sbloccare 1.628.000 euro relativi a ratei pensionistici temporaneamente accantonati nella cassa sede, che cos sono potuti rientrare nella piena disponibilit dellEnte previdenziale. Per concludere ovvia la revoca in modo definitivo degli 87 trattamenti pensionistici che ha alleggerito lo stato con un risparmio di spesa su base annuale di oltre 330.000 euro. Per quanto riguarda il piano della responsabilit penale il risultato eclatante: poich i fatti scoperti sono stati commessi allestero e da soggetti l residenti, non sono perseguibili in Italia.

Vuole una casa popolare, sequestra direttore Acer successo ieri mattina attorno alle 9,15, orario in cui gli uffici entrano in piena attivit e cominciano ad accogliere i clienti. E proprio allora che un uomo armato di coltello della lunghezza di 30 centimetri ha raggiunto gli uffici dell'Acer (Azienda Casa Emilia Romagna) di Via Costituzione a Reggio Emilia, barricandosi dentro con lo scopo di tenere sotto sequestro il direttore. Essendo il luogo dellaccaduto a nemmeno 500 metri dal liceo scientifico Aldo Moro, si temeva anche che il folle gesto potesse coinvolgere le scolaresche al momento impegnate nel normale svolgimento delle lezioni. Scattato subito lallarme: sul posto sono subito arrivati i carabinieri del nucleo radiomobile di Reggio Emilia e del nucleo investigativo del comando provinciale che hanno preso in mano le redini della situazione. Attimi di panico tra i corridoi dell'ufficio dove i presenti erano totalmente in bala del-

luomo. Solo dopo circa un'ora i militari sono riusciti a bloccare il sequestratore riscendo a disarmarlo. Il direttore dell'Acer tenuto sotto sequestro fortunatamente non essere stato ferito in alcun modo. Il colonnello Paolo Zito, comandante provinciale dei carabinieri di Reggio Emilia ha coordinato in toto le indagini che si sono presto concluse. L'autore del gesto un cittadino italiano di 57 anni, originario e residente in provincia di Reggio Emilia: dopo essere stato condotto presso la caserma del comando provinciale dei carabinieri di Reggio Emilia, stato ripetutamente interrogato dai militari per ricostruire l'accaduto e capire i motivi del gesto.

La criminalit straniera ancora protagonista nella citt di Milano

Strage di Erba: processo verso la riapertura

on solo larea del milanese ma quella Bergamasca coinvolta da una serie di operazioni anti racket: sono circa dieci i provvedimenti di cattura in corso di esecuzione portati avanti dai carabinieri di Milano nei confronti di soggetti cinesi. Gli interessati sono stati ritenuti appartenenti a un'associazione per delinquere responsabile di numerosi reati tra i quali quello di traffico di sostanze stupefacenti. L'inchiesta, coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, si colloca come prosecuzione dell'operazione China blue: da oltre tre anni infatti le forze dellordine lombarde hanno iniziato una strenua lotta nei confronti del fenomeno del banditismo giovanile, in particolare quello cinese. Questultima operazione ha portato finalmente alla completa disarticolazione del gruppo criminale, dedito a gravi reati, tra cui numerosi episodi estorsivi e rapine ai danni di ristoratori, titolari negozi di parrucchiere e centri massaggi, all'interno dell'omonima comunit asiatica di Milano. Gli arresti sono stati molteplici e sono stati eseguiti nelle province di Milano, Bergamo, Varese, Torino, Cuneo e Prato. Di sicuro c ancora molto da fare per eliminare il fenomeno dal tessuto sociale milanese e italiano ma questi sono piccoli grandi passi in avanti che non possono che fare onore alle nostre forze dellordine. F.Ce.

lamorosi sviluppi nella situazione giuridica di Rosa e Olindo Romano, condannati all'ergastolo per la strage di Erba avvenuta nel dicembre del 2006: i legali della coppia, infatti, hanno ufficialmente dichiarato di lavorare alla revisione del processo. Nella strage di Erba vennero uccise a colpi di spranga e con diverse coltellate quattro persone, tra cui un bambino. Nonostante la condanna all'ergastolo per i due colpevoli, i legali della coppia, si sono rimessi in moto per poter arrivare clamorosamente a una revoca della sentenza, anche se nel loro caso la condanna espressa gi quella definitiva. Per cercare di supportare la propria tesi i legali useranno come dichiarazioni fondanti anche le parole di Azouz Marzouk, che in quella strage perse la moglie Raffaella e il figlioletto Youssef. Luomo poche settimane fa in un'intervista era tornato a ribadire, come gi fatto anche in una precedente occasione, di essere convinto dell'estraneit ai fatti di Rosa e Olindo. Il tunisino, infatti, che nel frattempo si rifatto una vita con una ragazza italiana da cui ha avuto una bambina e che tornato a vivere nel proprio Paese di origine. "Rosa e Olindo non sono i colpevoli,- ha dichiarato Marzouksono solo dei poveretti che stanno pagando per la loro ingenuit". F.Ce.

Gioved 21 marzo 2013

10

Cultura

Il grande appuntamento si rinnova nel capoluogo piemontese ed gi boom di iscrizioni

Torino, capitale delleditoria


Dal 16 al 20 maggio nei padiglioni del Lingotto tutte le maggiori case editrici del mondo
di Francesca Ceccarelli nche questanno si rinnova lappuntamento con il Salone Internazionale del Libro ospitato al Lingotto di Torino. Da celebre stabilimento Fiat a centro espositivo, congressuale e commerciale ristrutturato da Renzo Piano. Dai 100.000 visitatori e 553 espositori della prima edizione nel 1988, il Salone cresciuto fino alle oltre 300.000 presenze di pubblico e pi di 1.200 espositori attuali. Nel 2011 i visitatori sono stati 305.481, 1.300 i convegni e dibattiti, 2.728 i giornalisti, fotografi e video operatori accreditati, oltre 3.000 gli articoli e servizi giornalistici e radiotelevisivi. Il Salone di Torino diventa la pi grande libreria d'Italia nonch festival culturale e punto di riferimento per gli operatori del settore. Non solo unoccasione per i lettori di godere degli ultimi lavori in circolazione ma anche unim-

portante vetrina dove gli editori piccoli e medi hanno la stessa visibilit dei grandi marchi. I titoli pi belli e curiosi, i volumi introvabili e le ultime novit, e-book, audiolibri, fumetti, multimedia, tutto a portata di mano. E ancora sezioni tematiche pensate ad hoc come l'Incubatore, che aiuta i giovani editori presenti sul mercato da meno di due anni a farsi conoscere, Dimensione Musica, dedicata ad esplorare i confini fra il libro e il mondo delle sette

note, Book to the future, dove il libro supera i confini tradizionali per esplorare il mondo dell'eBook, della musica, del digitale. Il Salone anche un mix culturale a 360: oltre mille presentazioni editoriali, convegni, appuntamenti, dibattiti, spettacoli e pi di 2.000 relatori e ospiti in cinque giorni. Premi Nobel, scrittori, scienziati, filosofi, storici, giornalisti, artisti, blogger, personalit del mondo dello spettacolo, della politica, della spiritualit. Tutto volto a mostrare le ten-

denze del mondo contemporaneo con le sue sfide e i suoi confronti. Ogni anno un tema diverso: l'intelligenza del cuore; Una Fiera, mille culture; La natura; Il tempo delle scienze, della storia, delle religioni; Il colore tra scienza, arte e letteratura; Ridere una cosa seria; Il sogno; L'avventura; I confini; La bellezza; Io, gli altri; La memoria, svelata; La memoria, seme del futuro; Primavera digitale. Il tema 2013 sar l creativit in tutte le sue sfaccettature. C poi l'Inter-

14 ARTISTI, 1800 METRI QUADRATI ED UN INVESTIMENTO DI 600 MILA EURO

Biennale 2013: Vice versa


il nome dello spazio che rappresenter lItalia nella 55esima edizione

rancesco Arena, Massimo Bartolini, Gianfranco Baruchello, Elisabetta Benassi, Flavio Favelli, Luigi Ghirri, Piero Golia, Francesca Grilli, Marcello Maloberti, Fabio Mauri, Giulio Paolini, Marco Tirelli, Luca Vitone, Sislej Xhafa. Ecco i nomi dei 14 artisti scelti da Bartolomeo Pietromarchi per il Padiglione Italia alla prossima Biennale di Venezia. Milleottocento metri quadrati, 600mila euro (somma decisamente ridotta rispetto agli altri anni) per campionare l'arte italiana contemporanea: questo "Vice versa, il Padiglione Italia della 55esima edizione dellesposizione Internazionale dArte che si svolger dal 1 giugno al 24 novembre 2013. Poche sorprese riguardo i nomi scelti. A cominciare dal numero, che, come anticipato da tempo, si pone a met strada fra quello del padiglione Beatrice&Beatrice del 2009 e quello del 2007. Poche sorprese anche sulle scelte. Sette stanze ospiteranno la mostra degli artisti scelti: nomi conosciuti anche a livello internazionale scelti per una "esplorazione dei caratteri fondanti della nostra identit culturale e artistica contemporanea", come chiarisce il curatore Bartolomeo Pietromarchi. Pi interessante lidea, che sembra destinato a costruire un padiglione leggibile, dopo lanarchia confusionaria dellesperienza Sgarbi. Il titolo sar Vice versa, ispirato ad un concetto teorizzato da Giorgio Agamben nel volume Categorie italiane. Studi di Poetica (1996), in cui il filosofo sostiene che per interpretare la cultura italiana sia necessario individuare una serie di concetti polarmente coniugati capaci di descriverne le caratteristiche di fondo. E nellinterpretarlo Pietromarchi creer, nelle sette stanze, un dialogo tra due artisti su uno specifico tema. Il paesaggio per

national Book Forum per lo scambio dei diritti di edizione, traduzione e trasposizione audio-video delle opere letterarie, che grazie al sostegno della Regione Piemonte e dell'Ice permette ogni anno di realizzare migliaia di incontri fra 600 operatori professionali di 20 Paesi. O l'Adapt Lab, che trasforma i libri di successo in sceneggiature cinematografiche. Uno spazio dedicato anche ai pi piccoli: sono oltre 40.000 i bambini e ragazzi fino ai 18 anni che ogni anno vengono al Salone: a loro dedicato il Bookstock Village, un'area di oltre 4.000 metri quadri piena di iniziative, incontri, librerie, giochi e laboratori per formare i lettori di domani. Un impegno portato avanti grazie allausilio di scuole e istituzioni che durante lanno portano avanti progetti come Nati per leggere, per insegnare alle famiglie l'importanza della lettura fin dalla culla, o l'iniziativa Adotta uno scrittore che porta celebri autori nelle scuole superiori del Piemonte. La promozione e il progetto culturale sono affidati alla Fondazione per il

Libro, la Musica e la Cultura: Presidente Rolando Picchioni, mentre il direttore editoriale lo scrittore Ernesto Ferrero. Ogni anno inoltre dedicato uno spazio speciale a un Paese ospite, presente con un proprio stand: dopo Catalogna, Olanda, Svizzera, Canada, Grecia, Brasile, Portogallo, Lituania, Israele, Egitto, India e Russia, Romania, Spagna, questanno sar la volta del Cile. Dal 2005 c poi Lingua Madre, lo spazio dedicato al meticciato culturale con uno sguardo particolare ai Paesi emergenti del mondo.Ma il Salone non si esaurisce solo allinterno della fiera: centinaia di eventi nelle strade, piazze, scuole, fabbriche dismesse, parchi dei quartieri di Torino. E ancora incontri con gli autori, reading, caccie al tesoro letterarie, giochi, spettacoli vari. Anche il sociale non manca: con il progetto Voltapagina gli scrittori del Salone entrano nelle carceri di Saluzzo, Asti e al minorile Ferrante Aporti di Torino per incontrarne gli ospiti in un progetto di promozione umana e culturale attraverso la lettura.

Ghirri/Vitone, la storia per Mauri/Arena, la dialettica tra tragedia e commedia per Golia/Xhafa (che esporranno in esterno), le tradizioni per Maloberti/Favelli, lillusione per Paolini/Tirelli, la libert per Bartolini/Grilli, la tensione tra frammento e sistema per Baruchello/Benassi. Artisti in dialogo, la nostra arte sempre stata dialettica ha spiegato Pietromarchi -, non sar un percorso obbligato e si potr girare permeabilmente tra stanza e stanza, da questi dialoghi dovr nascere questo senso omogeneo di tematiche importanti sulla nostra storia recente, che ci restitituiscano unidea complessiva e precisa sulle caratteristiche di fondo artistiche ed estetiche. Carola Parisi

Gioved 21 marzo 2013

11

Societ

Alla posta, dal medico, in auto: in Italia la met delle persone aspetta in fila, in media, almeno 20 minuti

Una vita passata in coda: si perdono 400 ore lanno


L85% dei cittadini considera lo stare incolonnati fonte di stress - il tempo bruciato costa 40 miliardi di euro
di Carola Parisi

Oh no! Guarda che fila! Tutti abbiamo pronunciato, almeno una volta nella vita, questa frase. Stare in fila capita a tutti. In auto, alla posta, al museo, dal medico: in qualsiasi posto ci sia da aspettare sicuramente ci sar anche una fila da fare. Ma come si pu quantificare il tempo perso nelle attese in coda? Unindagine della britannica casa daste online Madbit.com, svela che almeno cinque anni della vita media di un individuo "bruciata" attendendo qualcosa. Di questo tempo, sei mesi si passano incolonnati alla cassa del supermercato, in banca, al semaforo. In Italia le cose non cambiano. Il tempo perso in coda viene quantificato in 400 ore lanno. Un Paese, il nostro, in perenne attesa dove, nel migliore dei casi, la met dei cittadini aspetta, in media, ben pi di venti minuti prima di parlare con qualcuno agli sportelli dellamministrazione pubblica. Delle circa 400 ore lanno perse in attesa del proprio turno, ovviamente 190 se vanno in un ufficio pubblico. Le

LA MUSICA CONTINUA AD ESSERE LA MIGLIORE COMPAGNA DI VIAGGIO

altre, stando alle diverse statistiche pubblicate in materia, sono bruciate al volante e distribuite asimmetricamente lungo lo stivale: 227 a Roma, 140 a Palermo, 98 a Milano. Ma, come si dice: "il tempo denaro". E a quantificare la preziosa risorsa ci ha pensato il Codacons, stabilendo che il tempo perso in file e code costa ai consumatori almeno 40 miliardi di euro. A fare il punto delle ore perse e della derivazione storicoantropologica della coda, stato Marco Manag, autore del saggio "Italiani in fila. "Lat-

titudine allattesa svela molto dell'indole profonda di un Paese", spiega Manag. L86% degli italiani considera lo stare incolonnati per ore in ospedale o allanagrafe ragione di stress, eppure solo il 75% ammette daverne davvero paura. Il Regno Unito, primo nella classifica del tempo perso in coda (che include anche Germania e Giappone), considera una certa dose di attesa naturale come il maltempo. Il posto dove, senza ombra di dubbio, siamo disposti (ma non per questo meno nervosi) a fare la fila, in automobile.

Nelle grandi citt questo diventa un vero problema, al punto che le abitudini di ogni cittadino vengono modificate in base alla fila che si deve affrontare tutte le mattine per andare a lavoro. A Roma ad esempio, un pendolare passa quotidianamente circa 105 minuti nel traffico. Lungo il percorso di andata e ritorno, deve infatti destreggiarsi tra: le code interminabili del Grande Raccordo Anulare, che implicano ritardi in media di 50 minuti nell'arco della giornata; i rallentamenti lungo arterie di collegamento, come via Ti-

burtina, gi eletta strada pi congestionata d'Italia del 2011, via Cassia e via Aurelia, inclusi tra i 30 e i 40 minuti; i cortei che spesso bloccano le vie del centro, come via Nazionale, scenario delle principali manifestazioni, che rallentano il transito per ulteriori 10-15 minuti. Anche al nord la situazione ugualmente pesante e a Milano siamo intorno ai 70 minuti quotidiani passati nel traffico tra il tratto dell'A4 Milano-Bergamo e le proverbiali tangenziali, che nelle ore di punta (tra le 7.00 e le 9.00 e tra le

18.00 e le 19.00) sono spesso del tutto bloccate, con ritardi di circa 40 minuti nell'arco della giornata. Non va meglio una volta arrivati in citt: gli ingorghi sulle circonvallazioni lungo il perimetro dell'Area C (la zona a traffico limitato), rubano altri 30 minuti alla vita del pendolare. Un paradosso di Napoli, dove i pendolari passano "solo" 50 minuti in coda. I rallentamenti si concentrano soprattutto lungo la direttrice Casoria - Centro Direzionale, ma anche sulle arterie che portano dall'aeroporto di Napoli Capodichino e dalla stazione di Napoli Centrale verso Sorrento e la costiera Amalfitana, per un totale di 30 minuti nell'arco della giornata. Non mancano vie congestionate nel centro: il traffico lungo Corso Umberto I e le vie circostanti genera ritardi di 20 minuti circa. Alla fine dei conti, secondo alcuni studi, la media sconfortante si aggira su circa 75 minuti persi ogni giorno "imbottigliati" tra le lamiere che, seppure nei comfort delle auto pi accessoriate, sono sempre difficili da digerire.

Stressati al volante? Canta che ti passa


Sono 24 milioni gli automobilisti che trascorrono il tempo alla guida con la radio accesa - Il pi ascoltato: il pop

Posto che vai fila che trovi


Gli scoppi dira, alcuni contenuti altri decisamente manifesti sono una costante della coda. Di solito la rabbia si concretizza nellinsulto, nello sbattere qualcosa per terra, nellurlare, nellinveire (in base alla fantasia dellarrabbiato). Mentre limpiegato si limita allostilit. Le reazioni ad una coda dipendono dagli astanti. C chi preferisce usare il tempo per leggere, chiamare un amico, fare una passeggiata (tanto prima o poi verr il mio turno) e c invece chi si lamenta, chi sbuffa (di solito in faccia al primo che gli capita a tiro), chi cerca negli altri dei complici per fare le proprie dimostranze. Poi ci sono quelli che si isolano e di solito sono i demofobici, quelli che, in sostanza, la vedono come Sartre: Linferno sono gli altri. Per cui pi riescono a sprofondare nella lettura, nella riflessione e meditazione (magari cullata dalliPod che annulla il vociare) meno problemi hanno. A fargli da contraltare coloro che si lamentano, in continuazione. Non perdono occasione per dire la loro. Arriva una nuova persona? E loro ripetono quello che hanno appena detto alle dieci precedenti: Eh, certo che ci fanno penare, eh?. Non un lamento vero e proprio, un lamento da passivi aggressivi. E la passivit, in genere, si tramuta in aggressivit attiva quando capita che arrivi il fomentatore. Il fomentatore di base un narcisista che pensa

a musica continua ad essere la migliore compagna di viaggio degli italiani: serve a combattere la noia, senza rischiare una crisi di nervi in mezzo al traffico. Lo conferma un sondaggio di Direct Line, compagnia di assicurazione via internet: circa 24 milioni di automobilisti (il 62% del totale) trascorrono il tempo alla guida con la radio accesa. Il genere preferito? La musica pop in pole position (la predilige il 39% del campione) e, a seguire, il rock (22% con punte del 28% nella fascia di et 18-34 anni), la musica classica (9%), la disco music (9%), il jazz e il blues (entrambi all'8% delle preferenze). Insignificante, invece, la quota di chi ama i brani italiani (3%) e di chi ascolta mix di generi diversi (3%). Se la maggior parte dei forzati del traffico accende lo stereo per ascoltare musica, c'

pure chi al volante preferisce i programmi di intrattenimento e i notiziari sulla viabilit (entrambe le voci al 9%) e chi ascolta un programma comico (8%) per farsi quattro risate nel bel mezzo di una coda. Pochi quelli che si sintonizzano su canali di cronaca (3%) e trasmissioni religiose (1%) Dalle statistiche ai consigli. Ascoltare musica in macchina senz'altro un piacevole passatempo, ma Direct Line ricorda pure che la radio pu trasformarsi in una pericolosa fonte di distrazione alla guida. Secondo uno studio inglese, infatti, se canticchiare in macchina favorisce la concentrazione, alzare il volume a palla, giocherellare con la radio o con il lettore mp3, discutere animatamente, sono abitudini da evitare: distolgono la mente dalla strada e aumentano il rischio incidente. C.P.

di essere al di sopra di tutto e tutti e che alza la voce chiedendo rispetto (in realt gli piace sentirsi parlare). Se la fila composta per la maggior parte da demofobici il fomentatore avr poco successo. Subito verr snobbato. Se invece, come di solito accade, gli altri aspettatori sono passivi aggressivi ecco che scatta la sommossa popolare. Perch il passivo non ha il coraggio di lamentarsi a gran voce, ma se c qualcuno che lo fa per lui, allora accetta di fargli da gregario. E via con il brusio di fondo mentre il fomentatore lancia invettive contro limpiegato di turno, contro gli altri che sono pecore a stare l in coda e contro il governo (che tanto non guasta mai) di solito dopo aver fatto sapere alluniverso che lui non ha tempo da perdere che ha un lavoro e non accetta di essere trattato cos. Stare in coda un modo come un altro per capire la natura umana. C.P.

Gioved 21 marzo 2013

12

Fumetti

Torna lappuntamento con il fumetto nella Capitale ed subito fermento tra i cultori del genere

Romics 2013, tutti in postazione: si parte


Una nuova edizione ricca come sempre di sorprese e iniziative imperdibili per i pi piccoli e non solo
di Francesca Ceccarelli

edizione di primavera di Romics 2013 ormai alle porte. La rassegna del fumetto, dellanimazione e dei games che si terr dal 4 al 7 aprile alla Fiera di Roma ha monopolizzato questanno ventiquattromila

metri quadri di spazio per concerti, anteprime, incontri e dibattiti, tutti dedicati ai fanatici del fumetto e delle serie tv. Un'edizione che si preannuncia talmente ricca da concedere, nonostante la crisi, il bis in autunno, precisamente dal 3 al 6 ottobre. Tra le sorprese di quest'anno il Movie Village, una sala da tremila posti dedicata ai grandi kolossal cinematografici che si fondono con le serie tv, il fumetto, l'animazione e i videogames. Sono in programma anche preview dei grandi titoli della prossima stagione (come "Fast & Furious 6" e "Wolverine limmortale"), oltre a proiezioni esclusive, grazie alle collaborazioni con Universal e Fox. Zombiemania, unaltra novit: si tratta di un omaggio alle creature protagoniste di moltissime serie tv e fumetti degli ultimi tempi, che verranno celebrate con una maratona della serie tv "Walking Dead". Per gli appassionati di Superman invece, il primo supereroe americano, Romics ne onorer la fama con una mostra di disegni e immagini di copertina. E ancora in collaborazione con iLikeTv (ilike.tv), sono stati organizzati due talent show per

giovani creativi: "A mano libera", per disegnatori di fumetti, e "Su la maschera", dedicata al fenomeno del cosplay ,ovvero la moda di travestirsi come un personaggio noto del mondo dei fumetti o delle serie tv e di interpretarne il comportamento. E ancora, proprio per celebrare la moda dellimitazione fumettistica Romics rilancia il Cosplay Romics Award, che premier il miglior "sosia" del proprio supereroe preferito con un biglietto per il Giappone.

Gli appassionati del genere potranno avere sempre i propri supereroi a portata di smartphone e i-phone

Un mito che non tramonta mai: a Roma dedicata una mostra ad hoc su questo settore delleditoria

Arriva Marvel Unlimited app


Lapplicazione permetter di accedere a tutti i fumetti migliori direttamente dal proprio dispositivo portatile

Se Non sono solo nuvolette


La Biblioteca Nazionale Centrale ha organizzato un percorso per tutti gli amanti di questa ritrovata forma di arte
I fumetti non pi solo un passatempo per i pi piccoli ma diventata una vera e propria forma darte della letteratura italiana e non solo. Fino all11 maggio stata allestita alla Biblioteca Nazionale Centrale di Roma a Castro Pretorio, proprio per dare lustro al settore la mostra Non sono solo nuvolette. Per loccasione sono state raccolte le tavole di cinque grandi autori che hanno rappresentato il meglio della maturit del fumetto italiano: Guido Crepax, Hugo Pratt, Andrea Pazienza, Francesco Tullio Altan eTiziano Sclavi. Curata da Luigi De Angelis e Matilde Mezzoprete, la mostra raccoglie un repertorio inedito di questi grandi autori, mai esposte, e ora visibili grazie a riviste che tra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta hanno segnato levoluzione del fumetto dautore e la sua affermazione come genere letterario autonomo. Lorigine si ha nel 1965 con Linus, la rivista fondata da Giovanni Gandini e diretta poi da Oreste del Buono. Un punto di partenza- dichiara il fumettista satirico Melanton, autore dellintroduzione al piccolo catalogo che accompagna lesposizione di una nuova espressione della letteratura italiana. Su Linus videro la luce Valentina, la conturbante protagonista nata dalla fantasia di Guido Crepax e altri personaggi mitici. Corto Maltese di Hugo Pratt nacque tra

ppassionati di fumetti Marvel? Allora la nuova applicazione disponibile in App Store far senzaltro al vostro caso. Si chiama Marvel Unlimited, app e consentir di accedere ad oltre 70 anni di famosi e fantastici fumetti. Gli utenti potranno finalmente godere del formato digitale per sfogliare i migliori fumetti di sempre. Inoltre la tecnologia Smart Panel dar la possibilit di leggere i fumetti anche quando non si connessi ad una rete WiFi o 3G, rendono lesperienza ancora migliore. Per chi non ancora iscritto al servizio, potr comunque vedere in anteprima ogni numero presente in archivio. Il Marvel Digital Comics Unlimited un archivio di oltre 13000 fumetti messi a disposizione sul loro portale al costo di $60 allanno o $10 al mese. I fumetti sono quindi leggibili direttamente dal proprio iPhone o iPad ad altissima risoluzione ed anche in modalit offline. Sono inclusi nellarchivio le prime edizioni di Spider-Man, degli X-Men e dellIn-

credible Hulk, oltre ai recenti Avengers, SheHulk e DareDevil. Larchivio ovviamente sar costantemente aggiornato. Marvel Unlimited localizzata in inglese ed compatibile con iPhone 3GS, iPhone 4, iPhone 4S, iPhone 5, iPod Touch (terza generazione), iPod touch (4a generazione), iPod touch (5a generazione) e iPad. Richiede liOS 5.1 o successive. Questa app ottimizzata per iPhone 5. F.Ce.

DALLA REALT ALLA FINZIONE: IL GRANDE BUSINESS MAN APPLE VERR CREATO DA MARI YAMAZAKI

Steve Jobs nuovo soggetto made in Japan


ar proprio Steve Jobs il protagonista di un nuovo manga giapponese che porter la firma della celebre disegnatrice Mari Yamazaki. Ancora poche le notizie che trapelano al riguardo, ma al momento su internet ha fatto la comparsa una bozza in bianco e nero nella quale rappresentato il fondatore della Apple di profilo. Indiscrezioni comunque che sono apparse sul web parlano di una serie che ricalcher la biografia di Jobs scritta daWalter Isaacson. Un disegnatore deccezione Yamazaki, diventato famoso in Giappone e nel resto del mondo soprattutto la serie "Thermae

Romae", fumetto e poi cartone animato che racconta le storie di un antico romano, l'ingegnere Lucio, che viene licenziato dal datore di lavoro perch i suoi progetti delle terme non sono moderni e al passo coi tempi. Mentre riposa in una vasca, Lucio viene risucchiato dall'acqua e finisce nel Giappone dei nostri giorni, dove imparer le tecniche di costruzione delle terme moderne. Al suo ritorno nell'antica Roma, sfruttando quanto appreso, diventer famoso e aprir le sue strutture. Non resta che aspettare curiosi luscita di questo nuovo lavoro. Morgan

le pagine di Sgt. Kirk, rivista nata nel 1967 e dedicata al mondo dellavventura, che pubblic La ballata del mare salato, precursore del graphic novel. Nel 1977 arriva Il Male, fondato da Pino Zac e luogo prediletto per la penna graffiante di Altan. Ma bisogna ricordare anche il Corriere dei Piccoli, su cui esord nel 1975 il pap di Dylan Dog, Tiziano Sclavi, e Frigidaire, nata nel 1981 ospitando i deliri di Andrea Pazienza e del suo liceale bolognese Zanardi. La mostra solo una prima puntata di un racconto su questo enorme patrimonio nascosto e tuttora da esplorare; in programma infatti altri appuntamenti per discutere e approfondire il tema. Tra aprile e maggio stata poi fissata la presentazione de Il tempo materiale, romanzo di Giorgio Vasta disegnato da Luigi Ricca per Tunu - anche editore del fortunato Italia da fumetto di Francesco Fasiolo - tra le voci di un discorso sulla collana di fumetti Libeccio, edita da Round Robin e curata dallassociazione antimafia DaSud. F.Ce.