Sei sulla pagina 1di 2

Materiale informativo ed educativo dausilio per il corso di formazione per lavvio della raccolta differenziata.

Per riciclaggio dei rifiuti si intende tutto l'insieme di strategie volte a recuperare materiali dai rifiuti per riutilizzarli invece di smaltirli. Possono essere riciclate materie prime, semilavorati, o materie di scarto derivanti da processi di lavorazione, da comunit di ogni genere (citt, organizzazioni, villaggi turistici, ecc), o da altri enti che producono materie di scarto che andrebbero altrimenti sprecate o gettate come rifiuti. Il riciclaggio previene lo spreco di materiali potenzialmente utili, riduce il consumo di materie prime, e riduce l'utilizzo di energia, e conseguentemente l'emissione di gas serra. Il Riciclaggio un concetto chiave nel moderno trattamento degli scarti ed un componente insostituibile nella gerarchia di gestione dei rifiuti. Quindi riduzione, riutilizzo del materiale tal quale, riciclaggio della materia costituente il materiale raccolto e recupero sono i nuovi quattro imperativi che si impongono per affrontare correttamente il problema dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Dallunione europea e dal governo italiano sono stati definiti degli obiettivi minimi sulla diffusione e quantit della raccolta differenziata, per esempio entro la fine del 2012 la stessa deve raggiungere la percentuale del 65%. chiaro che la scuola svolge un ruolo di fondamentale importanza nellattuazione di progetti mirati a incrementare la percentuale di rifiuti differenziati; per questa ragione si deciso di introdurre la raccolta differenziata in ambito scolastico e per attuarla nel miglior modo possibile necessario intraprendere un percorso formativo sui rifiuti riciclabili e sulle categorie alle quali gli stessi appartengono. Di seguito si riportano le varie classificazioni dei rifiuti e delle semplici regole da seguire relative allesclusione di parti di questi. LA CARTA Carta e cartone sono materiali diffusissimi nel mondo moderno, e sono utilizzati per gli scopi pi diversi: libri, riviste e giornali; carta, cartoncino e cartone impiegati negli imballaggi; carta per usi igienici; carta moneta; rivestimento delle pareti (carta da parati); cartongesso. In Italia il Consorzio che si occupa del riciclo e il recupero degli imballaggi di origine cellulosica il Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica). Nel contenitore di raccolta della carta possono essere sversati: - Giornali, libri e riviste; - Fotocopie; - Cartoni piegati e imballaggi di cartone; - Scatole per alimenti; - Tetrapak. Non possono essere assolutamente conferiti nel contenitore della carta: - Copertine plastificate; - Carta oleata e unta; - Carta carbone; - Carta per fax; - Pergamena; - Fazzoletti o tovaglioli usati.

LA PLASTICA. Il riciclaggio dei materiali plastici assume un'importanza primaria se si considera che la plastica ottenuta attraverso la raffinazione del petrolio. L'esauribilit di questa risorsa e il suo alto costo di estrazione rendono necessario uno sforzo comune per aumentare sensibilmente la quota di plastica ottenuta dal processo di riciclaggio. La famiglia di materiali plastici utilizzati per gli imballaggi e per altri prodotti di uso quotidiano piuttosto ampia; per riconoscerli sufficiente individuare il codice sull'etichetta o stampigliato a caldo sul prodotto. Rientrano nella categoria della plastica riciclabile: - Bottiglie; - Shampoo; - Flaconi per detergenti; - Cellophane; - Vaschette in polistirolo; - Imballaggi vari. Non possono essere differenziati tutti gli altri tipi di plastica, come i tubetti di dentifricio, videocassette, CD, DVD, giocattoli e polistirolo per imballaggi. IL VETRO. Riciclare il vetro permette di: ridurre le attivit di cava, evitare la produzione dei residui tossici della fusione, risparmiare energia. Nei punti di raccolta del vetro possono essere sistemati i seguenti materiali: - Bottiglie; - Vasi; - Bicchieri, anche in cristallo. Non possono essere riciclati: - Oggetti in ceramica e in porcellana; - Lampade; - Neon; - Specchi. LALLUMINIO. Nei contenitori di raccolta dellalluminio devono essere conferiti: - Lattine; - Scatolette; - Contenitori metallici. Non fanno parte dei rifiuti riciclabili: - Contenitori etichettati t e f; - Bombolette spray. SI RICORDA INFINE CHE: Tutti i rifiuti riciclabili sporchi, ad esempio i tetrapak, le bottiglie di plastica, i barattoli vanno lavati prima di essere messi nei sacchi. Se in un sacco c del materiale sporco, la societ che si occupa dello smaltimento non lo accetta ed stato allora inutile aver fatto la raccolta differenziata.