Sei sulla pagina 1di 4

July 17th, 2012

Published by: M5SRENEWS

5 STELLE REGGIO E. NEWS


Trasporto pubblico: S lo Stato taglia, ma basta SCEGLIERE!
Source: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2012/07/ trasporto-pubblico-si-lo-stato-taglia-ma-basta-scegliere.html By Giovanni Favia on July 17th, 2012 By Giovanni Favia on July 17th, 2012

Il Trasporto Pubblico Locale sta vivendo anni bui, e a cascata lo scarso servizio si ripercuote sulla qualit di vita dei cittadini. Che non possono neanche contare troppo sull'auto, visto i prezzi di carburante e assicurazioni. Quindi? Quindi bisogna SCEGLIERE. E sono scelte che vanno fatte dalla politica. Abbiamo ricevuto conferma, attraverso una risposta dellAssessore Alfredo Peri, dei tagli che gravano sul futuro del Trasporto Pubblico Locale: il colpo per il trasporto pubblico locale forte. A dicembre 2011 laccordo Governo-Regioni per il TPL prevedeva il trasferimento di 1600 milioni di (le Regioni ne mettevano altri 148 stornati dalledilizia sanitaria) complessivi per gli enti locali. Successivamente, a febbraio, laccordo per lefficientamento del TPL ha portato questa cifra a 1.200 mln di . Per le Regioni, un colpo durissimo. Ma il peggio era in l da venire. Con la spending review del 6 luglio la cifra stata tagliata di altri 700 milioni , passando quindi a soli 500 ! E chiaro che cos il trasporto pubblico locale rischia di essere spazzato via. La somma meno di un terzo di quanto concordato solo otto mesi fa. E per lanno prossimo il taglio previsto ancora pi pesante, 1 miliardo. Sarebbe per sbagliato per pensare che, nella nostra Regione, questi tagli significhino addio al TPL . Qui le cifre sono diverse: taglio di circa 30 milioni per il 2012, 60 per il 2013 . Cifre importanti, certo, ma non fondamentali in un budget complessivo ben pi grande. Cosa significa questo? Significa che con scelte politiche differenti le risorse ci sono. Eccome. Basti pensare a come vengono ripartite le risorse per nuovi investimenti su autostrade e ferrovie. La nuova intesa-quadro Governo-Regioni che identifica le opere prioritarie della Regione, firmata un paio di settimane fa, destina 2,7 MILIARDI alle autostrade, e solo 300 milioni alle ferrovie . E chiaro che invertendo questo rapporto, cambiando quindi le scelte politiche, le risorse ci sono. Le scelte da cambiare sono parecchie: la Regione investe fior di milioni in opere inutili come il People Mover di Bologna, il TRC di Rimini, il Passante Nord,

Pare aprirsi uno spiraglio di speranza per la tormentata tratta ferroviaria Bologna - Porretta Terme - Pistoia. Dopo due anni di sostanziale indifferenza delle istituzioni, dalla commissione di gioved nata la proposta di istituire un Comitato Tecnico, a composizione mista fra Emilia-Romagna e Toscana, che valuti e presenti soluzioni alternative per la tratta entro 90 giorni. Da tempo ormai, infatti, il tratto toscano della tratta era coperto da un servizio sostitutivo di autobus, chiaramente penalizzante per la scomodit e il trasbordo. LAssessore Alfredo Peri sar cos costretto ad un maggiore impegno visto che in tutto questo tempo aveva trovato il modo di incontrarsi col suo collega toscano solo una volta la scorsa settimana, mentre lAppennino sembrava diventato una barriera invalicabile per gli utenti. Resta il fatto che secondo la nostra opinione lunica soluzione davvero efficace sarebbe quella di invertire il rapporto di investimenti fra asfalto e ferro , puntando con decisione sulla ferrovia e sul trasporto pubblico. Sarebbe un segnale di attenzione per le zone pi periferiche del nostro territorio, e per lAppennino in particolare. I nostri amministratori hanno promesso attenzione per la montagna - ricordate il millantato Assessorato alla montagna? - ma concretamente stanno lasciando che Poste, Tribunali e presidi ospedalieri abbandonino lAppennino, spopolandolo e impoverendolo in maniera, forse, irreversibile.

Amianto nelle scuole di Parma, le cifre parlano chiaro: il nostro censimento


Source: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2012/07/ amianto-nelle-scuole-di-parma-le-cifre-parlano-chiaro-il-nostro-censimento.html By Giovanni Favia on July 17th, 2012

Uno spiraglio per la ferrovia BolognaPistoia?


Source: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2012/07/unospiraglio-per-la-ferrovia-bologna-pistoia.html

Sono bastati pochi giorni al nuovo Assessore di Parma Michele Alinovi per marcare la differenza fra unamministrazione seria e attenta alle problematiche della salute dei cittadini, e una giunta che opera solo per la facciata: in una settimana di controlli lamministrazione a 5 stelle di Parma ha trovato 11 edifici scolastici con tetti in cemento-amianto. Non c voluto molto. Eppure per il nostro inutile censimento regionale, che continuo a rimarcare essere fatto male e solo a scopi di facciata, le scuole col problemaamianto a Parma sarebbero solo 3. Vi immaginate cosa potrebbe significare, in tutta lEmilia-Romagna, una tale disparit di cifre? Che invece d i 544, gli edifici pubblici ancora da sanare, potrebbero invece essere 2.200! Per non parlare degli edifici privati, sui quali si sceglie di chiudere tutte e due gli occhi. Incredibile come ancora questo allarme lasci indifferenti i nostri amministratori,

July 17th, 2012


che continuano a snocciolare le loro cifre prive di ogni significato, ignorando che questa non una lotta politica, ma un diritto alla salute che non conosce colore. ANDREA DEFRANCESCHI Capogruppo Gruppo Assembleare Movimento 5 Stelle-Beppegrillo.it Emilia-Romagna

Published by: M5SRENEWS


logica del profitto ovvia in unazienda privata ma Poste Italiane detenuta dal Ministero dellEconomia, dallo Stato. E lo Stato non pu abbandonare i propri cittadini, come gi ha fatto in parte con le linee ferroviarie, e sta facendo con i Tribunali, le scuole e i servizi sanitari. Chiediamo alla Regione che, almeno una volta, dia seguito alle numerose promesse di aiuto alla Montagna, di valorizzazione e di parole simili, con le quali sistematicamente, a partire dalla Vicepresidente Simonetta Saliera, la nostra Giunta si riempie la bocca.

Divanopoli e Omsa, che brutto intreccio!


Source: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2012/07/ divanopoli-e-omsa-che-brutto-intreccio.html By Giovanni Favia on July 17th, 2012

Altro che spending review...


Source: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2012/07/ altro-che-spending-review.html By Giovanni Favia on July 17th, 2012

La sentenza di primo grado ha condannato Franco Tartagni, presidente della Atl Group di Forl, a un anno per sfruttamento di manodopoera irregolare. Atl che, lo ricordiamo, ha recentemente acquisito lo stabilimento di OMSA e sta facendo fare corsi a 140 operaie ex-Omsa. E una sentenza storica, una bellissima notizia per gli imprenditori italiani onesti. Noi da anni ci siamo impegnati per far conoscere il problema del mobile imbottito, specialmente nel forlivese con la Consigliera di Destinazione Forl Raffaella Pirini (Video maggio 2010: youtu.be/K2N5LBpU8cM Un articolo del gennaio 2011: www.beppegrillo.it/listeciviche/ liste/forli/2011/01/mobile-imbottito---chi-non-vuole-risolvere-ilproblema.html ). Purtroppo siamo ben lontani dallaver risolto il problema delle lavoratrici OMSA, eppure il 22 febbraio scorso il nostro Assessore Gian Carlo Muzzarelli aveva parlato di progetto di reindustrializzazione serio e fondato . Diciamo che le prerogative non sono le migliori, visto lo sfruttamento di manodopera straniera che ha portato alla condanna . Alla luce di questa sentenza forse la Regione dovrebbe riconsiderare se il progetto e la realt imprenditoriale che ci stanno dietro siano affidabili. Non possiamo permetterci di mostrarci condiscendenti verso lillegalit . Cercheremo di porre la massima attenzione sulla questione per impedire che alla OMSA ci siano episodi di sfruttamento.

Le Poste abbandonano i piccoli paesi


Source: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2012/07/leposte-abbandonano-i-piccoli-paesi.html By Giovanni Favia on July 17th, 2012

Poste Italiane ha inviato ad AGCOM un piano di "ristrutturazione" aziendale che non promette nulla di buono. In pratica, la chiusura degli uffici postali anti-economici. Cio moltissimi uffici dei piccoli paesi, di pianura e di montagna. Sono oltre 1.100 in tutta Italia, 130 solo in Emilia-Romagna. Ecco l'elenco Non siamo stati con le mani in mano e abbiamo subito preparato un'interrogazione. Il piano di tagli annunciato da Poste Italiane desta infatti una fortissima preoccupazione soprattutto per quanto riguarda i paesini pi isolati e le zone di montagna. La razionalizzazione nelle citt pu anche essere comprensibile, ma sguarnire un paese isolato dellufficio postale pu essere davvero la morte della frazione abitata. Specialmente in montagna lufficio postale rappresenta un presidio fondamentale. Garantisce comunicazione, aiuto nel rapporto con lufficio tributi e, in qualche modo, quasi una rappresentanza istituzionale. La Regione non ha veri e propri poteri diretti, ma credo dovrebbe cercare di convocare un tavolo con gli Enti Locali e Poste Italiane per trovare una mediazione: la

Questa revisione della spesa rischia di essere un massacro per la nostra sanit specialmente perch applicata 'dall'alto', senza un confronto con le realt territoriali. Siamo sempre stati contrari, vedi i casi di Cona, Comacchio, Castelvetro e altro, alla scomparsa dei piccoli ospedali in favore delle grosse concentrazioni. Soprattutto dopo che negli anni addietro si era molto investito sui piccoli ospedali! Ora che viene confermata la gestione regionale, almeno su questo punto, non possiamo stare tranquilli perch la Regione Emilia-Romagna ha, appunto, chiarito che la sua idea di riorganizzazione quella che ha portato ad obbrobri come Cona. Inoltre ci sembra che la scusa della revisione della spesa stia essendo utilizzata come uno strumento di lotta di potere. L'aggregazione fra strutture dell'Ospedale Maggiore di Bologna e il Sant'Orsola (ad esempio) sta dando vita ad una vera e propria occupazione da parte dei Primari di matrice universitaria, quelli del Sant'Orsola, che scalzeranno i colleghi del Maggiore destinandoli in molti casi al prepensionamento. Questo comporter, a cascata, uno stop alla crescita professionale di molte figure professionali. Naturalmente siamo preoccupati per le possibili ripercussioni negative sull'utenza. Per questo abbiamo depositato un'interrogazione corposa e documentata all'attenzione di Giunta e Assessore. Emblematica la situazione della montagna, da cui i presidi si allontaneranno sempre di pi. A Porretta Terme (BO), ad esempio il reparto di ostetricia-ginecologia pare destinato a chiudere. Veramente assurdo, e vergognoso, se contiamo che solo due anni fa quell'ospedale costato 28 milioni di euro. Queste scelte non possono prescindere da un indirizzo politico: se si vuole abbandonare la montagna, e in generale la periferia, a se stessa lo si dica - senza trincerarsi dietro altre scuse. I nostri Appennini pagheranno un prezzo salato per questa scelta. LEGGI LA NOSTRA INTERROGAZIONE

S all'autoassicurazione, si conferma la nostra idea


Source: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2012/07/siallautoassicurazione-si-conferma-la-nostra-idea.html

July 17th, 2012


By Giovanni Favia on July 17th, 2012

Published by: M5SRENEWS


Inoltre, i prodotti industriali di cui si parla sono stati fabbricati pi di un ventennio fa. Infine, esiste un accordo interno tra RLS e datore di lavoro (RER) per trattare le lane di vetro presenti negli edifici regionali alla stessa stregua dell'amianto. Dalle considerazioni sopra esposte,appare evidente come nell'atto di sindacato ispettivo citato non si riportino nostre opinioni, ma i fatti accaduti e delle richieste di informazioni e valutazioni alla Giunta regionale, esercitando una tipica prerogativa del consigliere regionale. Saremo ben lieti di condividere tutti gli aggiornamenti sullo stato dell'arte del settore da lei rappresentato e assicuriamo, fin d'ora, l'attento esame di ogni dato scientifico, studio, pubblicazione o anche, semplicemente, materiale illustrativo che lei ci vorr sottoporre. Al momento tuttavia non ci risulta possibile, per motivi organizzativi, e allo stato attuale non sarebbe nemmeno utile, mettere in agenda un incontro. Ringraziandola dell'attenzione, colgo occasione per porgerle i pi cordiali saluti. Giovanni Favia Consigliere Regionale Movimento 5 stelle di beppegrillo.it Mail: gfavia@regione.emilia-romagna.it

Guarda un po'. L'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo (ISVAP) ha disposto il divieto alla societ rumena Societatea de Asigurare Reasigurare City Insurance S.A. di stipulare polizze per strutture sanitarie ( leggi il documento ). Quindi il Movimento 5 Stelle aveva visto giusto quando quando present il progetto di legge che prevede l'autoassicurazione per le strutture sanitarie pubbliche ( http://aldemetra.regione.emiliaromagna.it/oggetti/doc/IX/OG2012016561.pdf ). Ora la Regione dovrebbe intervenire per bloccare i premi assicurativi e farsi rimborsare quanto gi versato e procedere immediatamente ad approvare quanto richiesto dal Movimento 5 Stelle, affinch casi del genere non vengano a ripetersi.

La risposta ad Assovetro... sulla lana di vetro


Source: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2012/07/larisposta-ad-assovetro-sulla-lana-di-vetro.html By Giovanni Favia on July 17th, 2012

Defibrillatori in ogni impianto sportivo, ora!


Source: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2012/07/ defibrillatori-in-ogni-impianto-sportivo-ora.html

Qualche settimana fa avevamo presentato un atto ispettivo per verificare la situazione in merito ad un problema di inquinamento ambientale all'interno degli uffici della Regione (LEGGI: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/ emiliaromagna/2012/06/lana-di-vetro-negli-ufficiregionali.html). A seguito di questa interrogazione abbiamo ricevuto una lettera, da parte del Direttore di Assovetro Giorgio De Giovanni, che sollevava dubbi sulla fondatezza delle nostre argomentazioni e documentazioni. Ecco la nostra risposta: Gentile Direttore di Assovetro Giorgio De Giovanni, le scrivo in merito all'interrogazione, oggetto assembleare 2880, da lei citata nella sua mail del 28 giugno. Come possibile ricavare dall'esame del testo i punti centrali dell'interrogazione sono: - la violazione dei doveri del datore di lavoro/RER ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs. 81/2008 con possibili ricadute sulla salute dei lavoratori presenti negli edifici oggetto di interventi; - il mancato coordinamento tra il Servizio "Patrimonio" e l'Area "Prevenzione e Protezione" della RER; - il possibile danno di immagine e credibilit, per la RER, qualora la notizia venga riportata dai media, in considerazione della circostanza che la stessa RER impegnata in campagne pubbliche volte alla rimozione dei manufatti in amianto. Le valutazioni riportate sulle situazioni di rischio, legate alla presenza di lana di vetro, sono citazioni di istituti scientifici internazionali e non propri giudizi.

By Giovanni Favia on July 17th, 2012

"Ogni palestra o impianto sportivo, di qualunque ordine e grado, deve avere un defibrillatore funzionante e un operatore in grado di farlo funzionare". E' quanto abbiamo chiesto oggi in una risoluzione presentata in regione ( LEGGI LA RISOLUZIONE . Oggi un giorno particolare, sarebbe stato il ventiseiesimo compleanno di Piermario Morosini, e da pochi giorni abbiamo appreso che, forse, col defibrillatore avrebbe potuto essere qui a festeggiarlo. La vita umana non ha prezzo ma, in questo caso, non parliamo neanche di cifre stratosferiche. Comprare, installare e formare un tecnico in grado di usare un defibrillatore costa circa un migliaio di euro per cui la spesa senz'altro sostenibile. Magari con l'aiuto di sponsor privati, perch no. La Regione ha gi attivo un progetto sperimentale, troppo piccolo e troppo lento, per. Ricordiamo che, al di l dei casi con pi alta risonanza mediatica, il defibrillatore salva vite in continuazione . Il 21 maggio in una partitella di calcio a 5 a Bazzano (BO), un portiere di 32 anni s'era accasciato al suolo. Il suo cuore stato riattivato dal macchinario. Di fronte a queste situazioni crediamo che la Regione possa fare uno sforzo per adeguare velocemente gli impianti e i

July 17th, 2012


campi sportivi. Dall'approvazione della risoluzione, che speriamo sia ampiamente condivisa, abbiamo lasciato un anno di tempo.

Published by: M5SRENEWS

Ops, ora i suoi daranno del buffone anche ad Errani?


Source: http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2012/07/ siamo-soddisfatti-perche-grazie-alla.html By Giovanni Favia on July 17th, 2012

Siamo soddisfatti perch, grazie alla nostra richiesta, la Giunta ha proposto di istituire una Commissione di Indagine e Studio addirittura con una 'supercommissione' di esperti internazionali. Molto bene, sar senz'altro occasione per approfondire alcuni aspetti ancora non chiari. LEGGI LA RICHIESTA Adesso ci piacerebbe sapere cosa scriveranno e commenteranno tutti gli sputasentenze che si sono sbizzarriti nelle prese in giro, additando la nostra richiesta come complottista. Alcuni sono dell'area politica della Maggioranza che sostiene il Presidente Vasco Errani, come l'avranno presa?