Sei sulla pagina 1di 1

I bombardamenti atomici di Hiroshima e Nagasaki in Giappone furono due attacchi nucleari operati sul finire della Seconda guerra

mondiale. Il mattino del 6 agosto 1945 alle 8.16, l'Aeronautica militare statunitense lanc i la bomba atomica "Little Boy" sulla citt giapponese di Hiroshima, seguita tre gi orni dopo dal lancio dell'ordigno "Fat Man" su Nagasaki. Il numero di vittime di rette stimato da 100.000 a 200.000[1], quasi esclusivamente civili. Per la gravi t dei danni diretti ed indiretti causati dagli ordigni, e per il fatto che si tra ttato del primo e unico utilizzo in guerra di tali armi, i due attacchi atomici vengono considerati fra gli episodi bellici pi significativi dell'intera storia d ell'umanit. Il ruolo dei bombardamenti nella resa dell'Impero giapponese, cos come gli effett i e le giustificazioni, sono stati oggetto di innumerevoli dibattiti. Negli Stat i Uniti prevale la convinzione che i bombardamenti atomici siano serviti ad acco rciare la Seconda guerra mondiale di parecchi mesi, risparmiando le vite di mili oni di soldati (sia alleati sia giapponesi) e di civili, destinati a perire nell e operazioni di terra e d'aria nella prevista invasione del Giappone. In Giappon e, l'opinione pubblica, invece, tende a sostenere come i bombardamenti siano cri mini di guerra perpetrati per accelerare il processo di resa del governo militar e giapponese. Universalmente condivisa comunque la presa di coscienza della grav it dell'evento, che non pi stato replicato.