Sei sulla pagina 1di 28

S.S. 16 Km 771.

500 70056 Molfetta (Ba)


Tel. 080 3381416 fax 080 3384183
www.ristorantenettuno.it E-mail:info@ristorantenattuno.it

Dire
Rivista di informazione e cultura

LA Euro 1,50

NUOVA
febbraio 2011 N. 99

a
Tel./fax 080 3921786 e - mail : diretta.nuova@libero.it Abbonamento 12 numero : Euro 15 (città) Euro 30 (Italia), Euro 50 (sostenitore)

Politica: sono rimasti in due

Biscegliesi, bravi a fare la differenziata

Polizia Municipale: il bilancio del 2010


Anno XIII - n. 99 (839) Gennaio 2011 - Redazione e Amministrazione: Via Virgilio, 12 - 70052 Bisceglie

SPECIALE SANITà: inchiesta sui medici di base

Febbraio,
....

mese dell’amore. Già, l’amore ai tempi di In-


ternet, che ci ha fatto dire che anche Cupido
per i biscegliesi è caduto nella rete (leggete le
storie a pag. 14 e ve ne accorgerete). L’amore
ai tempi del bunga bunga, delle dame fisse,
di quelle che se non ce l’hai... che politico
sei? L’amore piccolo (quello che, dicono Elio
e le Storie Tese, “sotto la quarta non è amo-
re”) che scorda l’Amore Grande (ricordiamo
il coro delle vergini ne Il mio canto libero di
Battisti?).
Mi viene in mente l’ultimo film di Antonio
Albanese, l’astutissimo Qualunquemente, in
cui tale Cetto, boss mafioso dal largo harem,
torna in Italia per fare il sindaco (ci riuscirà
promettendo “Pelo” a tutti). Dopo una lunga
latitanza in sud America cerca di convincere
la moglie ad accettare in casa la sua nuova
dama bronzata, Cosa, e la figlioletta di cui non
ricorda il nome. Ma, rischiando di rovinare la
campagna elettorale, rinuncia con leggerezza
al fuoco della nuova passione.
Ho letto non ricordo dove che la superficie
dell’amore moderno è come un dipinto di
Pop Art: arte resa prodotto, o prodotto reso
arte. E’ stereotipata, replicabile e dipinta a co-
lori intensi. Ha tre dimensioni:
- l’apparire
- l’esigere
- la fretta
... e un’unica valenza, quella strumentale.
Dopo aver rinunciato all’amor patrio e a quel-
lo parentale, gli italiani di Città abolirebbero
anche il sentimento Amore in sé per sé. Ma
qui siamo a Bisceglie, non sul set di un film,
né in una metropoli massificante. Del Senti-
mento, in tutte le sue forme, ne abbiamo an-
fax 080 3962023
cora troppo bisogno. Per fortuna.
SOMMARIO
POLITICA SPECIALE salute SCUOLA & CULTURA

L'Mpa rinuncia al Terzo Polo e ricuce i


Speciale Natale Noi italiani siamo dei servi: questo si inse-
Dica 33: il sondaggio 7
rapporti con Spina 4 gna al liceo 14
Dica 33: parla il medico 7
Pronta la lista civica Nuova Generazione 5 Bullismo a scuola 15
Voglio fare il garzone in Farmacia 8
Sono rimasti in due 6 Rotaract e Pegaso svelano la ricetta del
Verità e bugie sull'influenza 9 divertimento 16
I numeri della prevenzione a Bisceglie 9 Ridare vita all'ex orfanotrofio Bombini 19
ATTUALITA’
Biscegliese colpita da Aviaria 9 La Puglia e la Shoah 20
Nuova vita all'imprenditoria sociale 5
Olocausto: ultimo grido 20
RUBRICHE 14
La Fabbrica di Nichi in piazza per il no
al casello autostradale Il Filo di Lana 20
5
Notizia flash: I fatti di Gennaio 12
Zagare e Sangue 21
In arrivo la piscina comunale 6
SPORT:
-Bisceglie Calcio: terzo posto saldo 24 2011: l'anno del 3 D 22
Housing Sociale 6
- Olimpiadi: Un salto nel vuoto 28 A Bisceglie vergine si diventa 22
Commissione locale per il paesaggio 6
- La mia storia non è l'apice 28 Dai trappeti ai frantoi 23
Polizia Municipale: il bilancio del 2010 11

11 - ASD Olimpia Basket: è notte fonda Nel vino la verità 23


Bisceglie sulla cattiva strada
28
13 -Bisceglie Calcio a 5: Douglas già Nasce il primo servizio ciclo-turistico 27
Piano straordinario per il Lavoro
dimenticato? 29
Avvocato gratis per i poveri 13 29
- ASD Nettuno: dove sei finito?

Assistenza specialistica nelle scuole 16 Lettere al Direttore 30 ERRATA CORRIGE:

Il volontariato va in vacanza? 16 Si precisa, a proposito dell'articolo


RIFLESSIONI "Io Canto" con
Sulla data dei saldi, negozianti divisi 17 cristiano turtur,
apparso sul num 98 de "La Diretta
La legge del più forte 10 Nuova", (pag 16),
S. Antonio Abate e la messa per animali 17
che Cristiano Turtur è allievo
Gratta che ti passa 10 dell'Accademia Orfeo e non, come
Quale destino per l'Orto Botanico? 18
erroneamente riportato, della Nuova
Se il migliore amico diventa il PC 14 Accademia Orfeo. Si sottolinea inoltre
che l'errore è stato causato della
Sugli imbecilli che fanno "boom" 15 redazione centrale e si esime pertanto da
ogni responsabilità Grazia Pia Attolini,

in aumento la differenziata collaboratrice e firmataria del suddetto


elaborato.

Felicia Antonino

B
isceglie città virtuosa, si classifica al primo pari al 20,92% del totale. Rispetto al
posto in tutta la BAT, per percentuale 2009, in cui Bisceglie si era attestata
di raccolta differenziata. Il totale RSU intorno al 17,30 %, abbiamo fatto
prodotta nel 2010, così come si evince dai dati notevoli passi in avanti. Tenendo
riportati sul sito dell'Assessorato all'Ambiente conto che la media nel nostro bacino
della Regione Puglia www.rifiutiebonifica. di utenza è di 18,9 %, siamo due punti
puglia.it, è di 27.532.144 Kg, di cui 21.771.680 Kg al di sopra della media. I mesi in cui i
di indifferenziata e 5.760.464 Kg di differenziata, biscegliesi sono più virtuosi sono quelli
di Agosto, Settembre ed Ottobre.
In media ogni cittadino produce da 40
differenziata
Città della BAT a 50 kg di rifiuti al mese con picchi a
in %
Luglio e Agosto ed è proprio da questi
bisceglie 20,92 mesi in poi che i biscegliesi hanno
trinitapoli 20,91 mostrato maggior sensibilità per la
differenziata. Più virtuosi di noi sono i
barletta 18,43 molfettesi, che differenziano il 32,49% e
trani 15,31 i coratini con il 22,21%.
andria 14,67 Se la città ha dimostrato di avere questa
sensibilità ecologica, lo si deve anche alla
canosa di puglia 12,79 sollecitudine che l’on. Sergio Silvestris, cui
san Ferdinando 11,34 è stato affidato il compito di organizzare e quella degli scarti vegetali presso fruttivendoli
margherita di savoia 5,49 potenziare la raccolta differenziata, dimostra e fiorai. Il merito va anche all’Amministrazione
sempre in tema di ambiente. In quest’anno che, nonostante i numerosi atti di vandalismo
spinazzola 2,51 solare si è effettuata la raccolta del vetro perpetrati nei confronti dei cassonetti, ha
minervino Murge 2,33 presso tutti i bar e ristoranti della città, nonché deliberato per il ripristino degli stessi.

2
Candidati sindaci e
consiglieri: tutti a leggere
il Libro delle Facce
Pochi conoscono però come sfruttare le potenzialità del web 2.0 ferrara_serena@libero.it

S
trano mese questo Gennaio appena e virtuali.
concluso. Da un lato chi si è fatto Già, virtuali, ma nel senso
carico di ricordare la Shoah e si è informatico del termine,
rattristato pensando al Natale finito, laddove anche la politica
dall’altro chi si è svagato pianifi- cittadina ha finalmente
cando frivolezze per il Carnevale compreso che con il web e i
e il San Valentino alle porte. Da un social network non c’è dav-
lato l’Italia istituzionale che si gloria di festeggia- vero nulla da scherzare.
re i 150 anni del geografico stivale, dall’altro chi La Puglia, prima incuba-
della Calzatura nazionale non ne può più. Troppo trice della comunicazione
fuori moda. politica on line, non poteva
Ognuno, in cima alle ansie ha però messo i propri che arrivare in anticipo (è
problemi. Come sempre, c’è da dire. la prima volta che il re-
Tra un lacrima, un sorriso (e qualche giorno di sto del Paese ci riconosce
Influenza), si arriva a Febbraio senza nulla di un primato) a sfruttare
grande da potersi raccontare. Nulla di sensazio- le specificità dei social
nale, nonostante i sensazionalismi quotidiani di network: formalizzare le
tv, internet e carta stampata. Fai lo zapping con reti di relazioni interper-

Editoriale
il telecomando e, tra un programma sul delitto sonali, mescolando l’agilità
di Avetrana e l’altro sul Festival di Sanremo che dell’informale alla solidità
arriva, ti ritrovi chi litiga, da anni, sull’impellenza del formale. omonimo all’opposizione. Tra i suoi messaggi,
di decapitare il Governo. Sull’onda di Obama, un superesperto di 2.0 che nulla di più che le attività istituzionali (video
Dichiarazioni di escort e storie sulle notti brave conta 1,5 milioni di friends su Facebook, candi- compresi). Il rapporto con il popolo del web
del Presidente offuscano la realtà di un Paese che dati sindaci e consiglieri si rincorrono sul “Libro si mantiene freddo, ma non c’è ombra di cam-
dimentica di avere un bel cancro da curare che si delle facce” a suon di post, di clic, di tag ed altri pagna elettorale, eccetto che nell’immagine
chiama disoccupazione. monosillabi del nuovo linguaggio della società del profilo (quella ufficiale, per intenderci), in
E mentre a livello nazionale ci si accanisce sul multimediale. cui al contrario del suo avversario (in vesti da
raffreddore (il leitmotiv è: con una soglia di tre Dietro non c’è nessuna impresa specializzata in normali cittadino), presenta la fotografia di un
voti, Berlusconi può davvero governare?) piutto- comunicazione politica, nessuno spin doctor o manifesto elettorale.
sto che trovare un vaccino contro il Grande Male, political consultant, nessuna presti-digitazione Non conosciamo i tempi di iscrizione al social
a livello locale ci si fa i fatti propri, scordando o idea di “nuova narrazione collettiva” (il co- network dei due candidati (cosa da cui potreb-
capra e cavoli, pecore e lupi, bunga bunga e altri siddetto storytelling, come lo chiamano i teorici be dipendere il numero di amici maturati), ma
specchi della miseria morale di tutta l’italica gente. dei nuovi principi della retorica)… eppure tutti una cosa è certa: né l’uno né l’altro hanno capito
Tutto questo, per prepararsi alla prossima tornata sono lì, con un loro “profilo”, alla ricerca di nuovi davvero come funzioni il web.
elettorale. “amici” o “fans”. Un sito web personale dove raccontarsi, inseri-
Il candidato Napoletano tuona dall’alto di un Francesco Napoletano, al momento in cui scri- re iniziative e illustrare il programma elettorale
manifesto elettorale che lui non ha “bisogno di viamo, ha un profilo su Facebook che conta 1.224 (come quello, ad esempio, del parlamentare UE
tante liste” perché gli “basta la stima della gente”; amici. E tutti quotidianamente attivi nel fornirgli Sergio Silvestris: http://www.sergiosilvestris.
il candidato Spina, suo unico concorrente, se ne fa consigli, idee e porre domande sulla sua ipotetica eu)? A tre mesi dalle urne, manco a parlarne.
un baffo e continua ad intessere alleanze. Materiali sindacatura. Ma il candidato primo cittadino, Una mail che garantisca contatti certi (e soprat-
sicuramente più attivo sulla tutto risposte) agli elettori? Neanche l’ombra.
piazza reale che sul web, non Eppure Vendola, maestro della crossmedialità,

rrrscrprlitica
ripaga le tante attenzioni dei con un profilo su Twitter, una pagina (più
biscegliesi in rete e si limita a formale del profilo) Facebook che “piace” a
“postare” laconici comunicati 373.525 utenti, un sito web aggiornatissimo
politici. Comunque il suo e un canale Youtube dall’albore dei tempi,
Parla il Profeta del Dolmen
profilo, piuttosto informale, qualcosina anche ai nostri avrebbe dovuto

S
appare curato dal punto di insegnarla.
ilvio Berlusconi, Francesco Spina e Gianfranco Fini hanno
vista personale: sono inserite Ci consoliamo constatando la maggiore inte-
il numero 3. Ma ciascuno di loro, essendo nato in una data
le sue citazioni preferite, i pa- rattività dei candidati consiglieri alle prossime
diversa, ha forse scritto per il 2011 un destino diverso.
renti tra le “persone in eviden- amministrative e dei consiglieri comunali in
Per il Sindaco Francesco Spina, nato il 04/03/1967 sotto il
za” e persino le foto delle sue carica: su Facebook ne mancano 10 all’appello
segno dei Pesci, le previsioni indicano molto di buono per i mesi
vacanze (...come è cambiato il ma i presenti (vedi il Pd, che in ambito di co-
a venire. Ogni iniziativa sarà sostenuta: validi presupposti con-
mondo: qualche anno fa l’ex municazione è un passo avanti agli altri gruppi
sentono la realizzazione di un progetto. Le controversie in corso
sindaco minacciò di denun- consiliari) sono piuttosto attivi e aggiornano il
troveranno chiarimenti a garanzia del percorso intrapreso.
ciare l’allora direttore de La loro profilo con cognizione.
Per Silvio Berlusconi, nato il 29/09/1936 sotto il segno della
Diretta per aver pubblicato Degli assessori abbiamo tracce di tutti, meno
Bilancia, le cose non andranno altrettanto bene. Malgrado
una foto in cui compariva con che di Giuseppe Stregapede e Saverio Mon-
l'impegno, gli sviluppi delle vicende personali e delle relazioni
la figlia tra le braccia!). trone.
pubbliche saranno negativi, rendendogli impossibile gestire
Diversa la strategia di France- L’invito ai politici locali?
più ruoli paralleli.
sco Spina, che sul suo profilo E’ a connettersi, perché anche questa (anzi più
Gianfranco Fini, nato il 03/01/1952 sotto il segno del Ca-
Facebook ( “Francesco Spina di tutte questa) è “democrazia diretta”. Poi,
pricorno, vivrà un anno altalenante. Cambiamenti improvvisi
Sindaco”, gestito certamente però, che scendano in campo, tra la gente e ci
creeranno incertezze, indicandogli un cambio di strategia.
non da lui) conta a sorpresa raccontino qualcosa che non abbia a che fare
meno amici (851) del suo con la virtualità.

3
L’Mpa rinuncia al terzo polo e
ricuce i rapporti con Spina
Serena Ferrara

Sempre più chiaro il quadro delle coalizioni


in vista delle elezioni di Maggio
specifiche dei rappresentanti cittadini del partito». zoppi».
Del resto il titolare de “La Lampara” una sua
esperienza di successo in campo turistico ce Quali sono i termini del preaccordo? Ci sarà
l’ha e delle sue (o di chi per lui) proposte una una lista tutta Mpa?
futura eventuale amministrazione potrebbe ben «E’ ancora tutto da vedersi. Ma, fosse per me,
avvantaggiarsene. proporrei una candidatura unica dell’Mpa in altra
Ma, a questo punto, che fine fa quella coraggiosa lista, così da concentrare le energie su un unico nome
e lavorare affinché scatti il consigliere. Questo lo dico a

I
proposta di «alternativa politica, senza bandiere di
l Movimento per le Autonomie ha concluso partiti – parole tratte da un altro comunicato, conferma del fatto che quel progetto di rinnovamento
l’accordo. Il dado è tratto: alle prossime questa volta dell’ancora ancora anonimo dal basso di cui mi feci promotore a suo tempo ha
elezioni amministrative affiancherà il comitato nato tra indipendenti dell’Mpa e altri ancora una sua anima. E’ chiaro che l’interesse di un
Sindaco Spina. cittadini - pronto a sviluppare un programma candidato sindaco è sempre quello di creare quante
Insomma l’Mpa riparte da zero, laddove i credibile di cose fattibili ma soprattutto utili e più liste possibili, ma così si disperdono voti e non si
rapporti con il sindaco della Puglia Prima necessarie alla città?» raggiungono i numeri per amministrare».
di Tutto si erano interrotti tempo addietro Lo abbiamo chiesto a Dario Galantino, prima
per «equivoci ed incomprensioni» – cita un vera anima di quel tentato “nuovo”. Considerato il fatto che per legge i consiglieri
comunicato stampa datato 16 Gennaio. Una serie «La verità è che non eravamo pronti. All’indomani si ridurranno, passando da 30 a 24, e che il
di incontri tra il primo cittadino e il coordinatore di ogni riunione, in città si sapeva già tutto». proliferare delle liste civetta riduce i margini di
provinciale Tonio Di Lollo (che dall’anno nuovo consenso per tutti i candidati consiglieri, c’è in
ha frattanto ceduto il coordinamento regionale Qualche talpa? effetti da pensarci due volte prima di lanciarsi
all’ex parlamentare Udeur Rocco Pignataro) «Direi piuttosto gente disinteressata o che nutriva in una simile impresa. La tua posizione, nel caso
avrebbero consentito la stesura di «un progetto altri interessi. Poi, le talpe ci sono sempre. Così di una lista tutta Mpa, quale sarà?
che possa portare la città ad uno sviluppo ulteriore quando il Sindaco ci ha proposto di rientrare, ci «Non posso suicidarmi per portare la bandiera di
soprattutto dal punto di vista turistico e socio- abbiamo pensato. Inutile girare a vuoto se mancano qualcun altro. Se i margini non ci saranno, vorrà dire
culturale, attraverso l’utilizzo delle competenze gli strumenti e i soldati, quando ci sono, sono che proseguirò per la mia strada».

pronta la lista civica sono rimasti


"Nuova Generazione" Felicia Antonino in due Dino Cosmai

I
Spazio ai giovani papabili sindaci sono rimasti in due.
Vogliamo da entrambi un programma
serio e fattibile da valutare per il bene

D
opo il risultato ottenuto alle consultazioni parlamentare europeo Sergio Silvestris, il collettivo di questa Bisceglie. Non posso
provinciali della Bat dai sostenitori presidente della BAT Francesco Ventola, il non rivolgere un pensiero alla sinistra,
di Francesco Ventola presidente e vicepresidente del consiglio regionale della all’opposizione. È innegabile, che c’è
dopo lo scioglimento della lista civica a suo Puglia in quota Pdl, Nino Marmo e Gigi un problema di comunicazione, lo si
supporto i simpatizzanti di Ventola non vogliono Antonucci consigliere provinciale di Nuova evince dai manifesti affissi in città. Mi
disperdersi. La lista civica di centro-destra Nuova Generazione. riferisco in particolare all’immagine di
Generazione nasce come costola del Pdl. 22 i biscegliesi che hanno firmato le accettazioni F. Napolitano in posa staliniana d’epoca.
L’incontro si è effettuato Sabato 22 Gennaio di precandidatura, 5 dei quali sono donne. Facesse attenzione F. Napoletano a chi lo
presso il CentroTuristico Mastrogiacomo. Tra quelli di nostra conoscenza citiamo Michele consiglia. Per non parlare della mancanza
Presenti il senatore Francesco Amoruso, il Di Pierro, consigliere comunale nella lista di contatto, di presenza fisica tra la gente,
BAT, il dj Mimmo Valente, l'organizzatore la condivisione, l’ascolto dei tanti problemi
di eventi Tonio Belsito, Angelo Consiglio che attanagliano la gente. Manca tutto
dell’associazione Borgo Antico, il dirigente questo, lo si sente, lo si percepisce. Non
sanitario Giuseppe Mastrototaro e il tecnico bastano e, aggiungo non servono i tanti
di controllo impianti termici Giuseppe Rana manifesti, serve di più il guardarsi negli
(che hanno fatto parte della lista “Ventola occhi. Per favore vediamoci, fatevi vedere
Presidente” alle scorse elezioni provinciali), in piazza. È la gente che lo chiede! Ed
il cuoco Giuseppe Frizzale, il carabiniere anche io…
e direttore della Banda Città di Bisceglie
Benedetto Grillo, il sindacalista Edoardo
Acquaviva, dipendente della società di trasporti quattro stelle “Hotel Villa”.
Stp, il consulente informatico Mauro Di Pilato Questi, ad oggi, i candidati certi. Anche “Nuova
e quattro giovani donne: l'architetto di interni Generazione” farà parte della pletora di liste
Angela Pedone, il gestore della tabaccheria (ad oggi ne contiamo 22) che appoggiano Spina
di via Giuliani Pamela Ricchiuti, Stefania sindaco, chiedendone la riconferma per il
Pellegrini che gestisce un call center a Trani e prossimo quinquennio. I programmi già stilati
Valentina Ruggieri, ancora studentessa liceale, in 10 punti, ci fanno sapere i responsabili della
che insieme alla famiglia gestisce l’albergo a lista, saranno ufficializzati entro fine mese.

4
Nuova vita all'imprenditoria sociale
Stilato un protocollo d'intesa tra Comune e confcooperative Bat
Serena Ferrara

C
onfcooperative Puglia – delegazione Bat e occupazione, famiglie, disabilità, turismo, primo Pugliese – per questa opportunità; non accade spesso
Comune si impegnano per creare nuova settore». che le organizzazioni di categoria siano coinvolte
occupazione, agevolando la nascita di E di «sfruttare le opportunità della globalizzazione, nella coprogettazione di azioni per il territorio e
nuove cooperative in tutto il territorio. ovvero l’apertura mondiale dei mercati, per far si nella ricerca di nuova occupazione. Ci poniamo
Da un lato si punta alla valorizzazione delle che i prodotti di questo territorio giungano il più immediatamente degli obiettivi: produrre energia
risorse naturali, di cultura e tradizione, pesca, lontano possibile - ha parlato invece il delegato rinnovabile dal comparto agricolo e agroalimentare
agricoltura e più in generale di tutto ciò che di Confcooperative Puglia Andrea Pugliese, che e raccordare due settori produttivi diversi, pesca
sia espressione del territorio, dall’altro si vuole giustamente ha notato come - i cinesi potranno e agricoltura, che hanno a che vedere l’uno con il
spingere i giovani a distogliere gli occhi dalla anche essere concorrenziali su ogni piano, ma le mare l’altro con la terra. Vorremmo che questa best
crisi e insegnargli a fare impresa. ciliegie di Bisceglie non le produrranno mai». practise che ci accingiamo ad inaugurare, divenisse
Tramite il protocollo d’intesa firmato a Palazzo Occhio puntato dunque sulle cooperative di un esempio di buona progettualità in altre città, non
di Città lo scorso 17 Gennaio, Confcoopertive e produttori e sull’industria della lavorazione, ma solo della Bat».
Comune di Bisceglie scelgono insomma di fare anche su green economy, inclusione lavorativa
sinergia, coniugando le esigenze della solidarietà delle persone svantaggiate, housing sociale,
a quelle dello sviluppo economico e sociale del credito e finanza, con particolare attenzione agli i SERVIZI A DISPOSIZIONE
territorio. Istituti di Credito locali. DEI COOPERATORI
«La filosofia – spiegava il Sindaco Spina nel Dalla loro i due enti si impegneranno alla
corso della conferenza stampa di presentazione realizzazione di seminari, iniziative promozionali assistenza contabile, organizzativa e
del protocollo - è quella del coinvolgimento dei e corsi di formazione professionale nel campo amministrativa, assistenza allo start-
protagonisti del territorio nella promozione delle sue dell’imprenditoria e management. Forniranno up e alla costituzione di reti con altri
risorse. E promuovere un territorio oggi significa inoltre a tutti i cooperatori una serie di servizi operatori (anche di altre aree geografiche),
lavorare osmoticamente e trasversalmente su tutti (vedi box). predisposizione di statuti per nuove
i fronti: sistema produttivo e sistema ambiente, «Ringrazio il Sindaco – ha poi aggiunto Andrea iniziative, assistenza in materia di finanza
agevolata e formazione, consulenza alla
costituzione di consorzi e all’utilizzo di

LA FABBRICA DI NICHI IN
fondi regionali, nazionali e comunitari,
attivazione di iniziative di ricerca industriale
e sviluppo sperimentale.

PIAZZA per IL NO AL CASELLO


Silvia La Franceschina

che risulterebbero in parte ritenuto di realizzarne uno qui.


a carico del Comune di L’idea, poi, che l’uscita autostradale possa
Bisceglie, con l’accensione di essere vantaggiosa perché si assicurerebbe il
un mutuo di circa 5 milioni traffico commerciale destinato al nuovo porto
di euro, coinvolgendo, di Molfetta, è addirittura vana. Infatti la strada
quindi, i cittadini stessi; provinciale Bisceglie-Ruvo che dovrà collegare
insomma 15 milioni di euro la città al casello non è assolutamente adatta
di cui 5 messi dal Comune e alla circolazione di mezzi pesanti per via della
altri 5 dalla Provincia Bat. Il estrema tortuosità e per via della limitata
restante a carico della società portata, in termini di peso dei mezzi stessi, che
Autostrade, dopo il rifiuto può sopportare.
dell’ente intercomunale E infine, costruire un casello autostradale per
Area Vasta, che gestisce incrementare il turismo cittadino, non è una
fondi europei Fesr dirottati buona motivazione per la sua messa in opera,
dalla Regione Puglia, di dal momento che i problemi legati al turismo
finanziare quest’opera. non sono certo dovuti alla mancanza di uno
Inoltre, e non di minore svincolo autostradale che porti il nome della
Il casello autostradale, come sarà importanza, la presenza nostra città. Un casello autostradale non è mai
del casello porterebbe alla stato di per sé un’attrazione turistica!

N
on si ferma la battaglia, portata avanti distruzione e la cementificazione di una vasta A questo si collegano anche le riflessioni fatte
dalla Fabbrica di Nichi ormai da area di agro biscegliese, tra l’altro di grande sul PUG, nella considerazione che nuove aree
mesi, per impedire la costruzione del valore archeologico, con espropriazioni edificabili costituirebbero un inutile consumo
casello autostradale di Bisceglie. Domenica 23 annesse: distrutti ettari di terra coltivati a del territorio, che invece necessita di servizi, più
Gennaio, a partire dalle ore 10.30, in piazza ciliegio in favore delle colate di asfalto, a pochi aree verdi e spazi collettivi per diventare una
Vittorio Emanuele, la Fabbrica di Nichi ha metri dal Dolmen della Chianca. città a vocazione turistica e più vivibile. Viene
allestito un gazebo per esprimere e ricordare ai A chi sostiene la necessità del casello per fatto rilevare che la percentuale di appartamenti
cittadini ancora una volta tutte le motivazioni migliorare i collegamenti della città, la vuoti della nostra Città è del 22%; un valore
per le quali il casello autostradale in questa città Fabbrica risponde che Bisceglie è servita che non può che aumentare grazie ai nuovi
non ha motivo di nascere. oggi da 5 uscite della superstrada SS16 e può appartamenti della zona PEEP, e al ritorno di
E' stato anche possibile leggere le note contare sulla presenza di due caselli nelle città molti molfettesi (circa 2.000 a Bisceglie) nella
principali delle osservazioni al redigendo limitrofe di Trani e Molfetta. Aggiungerne propria città grazie al suo PUG recentemente
Piano Urbanistico Generale (Pug) sollevate da un terzo all’interno di una tratta di soli 14 approvato.
Legambiente e Wwf. km, regalandolo sostanzialmente alla società Basta cemento, quindi.
I fondamentali punti di contestazione, su cui “Autostrade per l’Italia”, risulta insensato. Ciò di cui c’è bisogno è il verde, tanto verde.
insistono i membri della Fabbrica, contemplano Società che, peraltro, provvede autonomamente
intanto i costi di costruzione e di manutenzione, alla costruzione dei propri caselli, e non ha mai

5
In arrivo la Piscina Comunale Felicia Antonino

Manca solo l’allacciamento fognario e l’agibilità. Entro Febbraio la consegna

L
a storia di un’opera pubblica è quasi sempre (826.331 euro provenienti da fondi PRU e
lunga e quasi mai l’amministrazione che 1.197.337 euro provenienti da fondi FAS) e i fondi
ha iniziato l’iter burocratico ne vede la comunali che ammontano a 150.000 euro.
conclusione. È il caso della piscina comunale Ad aprile 2010 si parlò di consegna dell'opera
di via Ugo La Malfa, prevista dal PRU del pubblica nell'arco dell’ anno. E siamo ora
Quartiere San Pietro. Sono trascorsi più di dieci agli sgoccioli. La struttura (composta di
anni da quando se ne cominciò a parlare. quattro volumi principali: vasca grande,
Solo nel 2004 il progetto, firmato dall’architetto vasca polivalente, blocco spogliatoi, blocco
Michele Sgobba, fu approvato dal regione Puglia. direzione - hall - bar e servizi) è quasi ultimata.
Ma è solo il 18 Aprile 2010 che la realizzazione Mancano il collegamento alla fogna cittadina
ha preso piede con la posa da parte del Sindaco e le autorizzazioni necessarie all’agibilità.
Spina della prima pietra. Il costo complessivo L’inaugurazione è prevista per la metà di questo
dell’opera è stato di 4.706.716 euro. La parte più mese.
consistente della cifra 2.533.047 euro è stata La piscina sarà intitolata a Silvio Di Liddo, la non
investita dalla ditta appaltatrice, l'azienda di ancora diciottenne promessa del nuoto italiano
Modugno Tecnodelta Costruzioni, le restanti che la leucemia ha sottratto alla vita un anno fa
spese sono state finanziate con fondi regionali (il 4 Febbraio 2010).

HOUSING SOCIALE Mariaserena Mansueto


commissione
Alloggi a favore delle fasce deboli... ma non troppo
locale per il
Felicia Antonino paesaggio
L
a discussione a livello nazionale in reddito, gli anziani in condizioni sociali o
merito ad un bisogno abitativo sempre economiche svantaggiate, gli studenti o gli Da oggi il Comune si avvale del parere
più emergente va avanti da tempo, immigrati regolari. Questo vuol dire dare di un pool di esperti per il rilascio
ma le risposte concrete ed effettivamente la possibilità a queste categorie di affittare
realizzate sono poche e insufficienti. una casa a un costo che non superi il 30% o delle autorizzazioni paesaggistiche
Oggi per le Amministrazioni comunali è il 25% del proprio reddito, permettendo loro
giunto il momento di dare una svolta alla una vita dignitosa.

F
politica di edilizia popolare attraverso L’ampia fascia di persone coinvolte da
ino a ieri era il Ministero, attraverso la Soprintendenza,
l’affitto sociale, per agevolare quelle fasce questo bisogno costituisce la famosa “zona
ad intervenire “a posteriori” sugli interventi edilizi,
che non sono sufficientemente povere per grigia”, la classe emergente del Paese che
dopo l’autorizzazione paesaggistica rilasciata
avere diritto ai contributi pubblici per il produce, che studia, che lavora. In altre
dall’ente competente alla gestione del vincolo, ossia la
canone di locazione, ma nemmeno così parole una fascia eterogenea che viene
Regione. Dal 1 Gennaio 2010, la legge prevede che siano
ricche per potersi permettere una casa di troppo spesso, purtroppo, sfruttata dal
i Comuni ad interagire con la Soprintendenza e rilasciare
proprietà. mercato illecito degli affitti in nero.
le autorizzazioni, previo esame delle domande da parte
E’ questo il caso della città di Bisceglie, che Il programma approvato dall' Amministra-
di una commissione competente in materia.
ha recentemente approvato un programma zione Comunale prevede un accordo fra
E' da 12 Agosto 2010 che il Consiglio Comunale ha
di “Housing sociale”. pubblico e privato per realizzare alloggi a
approvato il regolamento che disciplina la composizione,
In generale questo tipo di politica, già canone sostenibile su terreni che saranno
l'organizzazione e il funzionamento della Commissione
diffusa in alcuni Paesi europei, permette di ceduti gratuitamente da privati a fronte del
Locale per il Paesaggio.
garantire casa ad affitto moderato per tutte diritto di edificabilità su una restante parte
Con atto monocratico, il Sindaco Spina ha designato i 5
quelle categorie sociali che appartengono annessa al lotto ceduto.
esperti: avv. Nancy Pasquale (coordinatrice), ing. Vitto-
alla cosiddetta fascia debole: per esempio i L’area su cui sorgeranno questi alloggi è
rio Pappolla, arch. Giovanni Nacci, ing. Silvio Patruno,
nuclei familiari o le coppie giovani a basso stata individuata in via Padre Kolbe, un
ing. Massimiliano Mastrototaro.
quartiere in continua crescita, contando
Il compito della Commissione, che si è riunita per la prima
un numero complessivo di 230 alloggi,
volta il 28 Gennaio (il nulla osta della Regione è difatti
in parte locati dai proprietari a canone
arrivato solo da poche settimane) è quello di esprimere
calmierato ed altri assegnati direttamente
il parere nel procedimento di rilascio di autorizzazioni
dal Comune.
paesaggistiche. L'articolo 3 del regolamento cita: «la CLP
Un’importante progetto, quello dell’housing
è composta da cinque esperti in possesso di diploma di laurea
sociale, specie a favore di quelle famiglie
attinente alla tutela paesaggistica, alla storia dell'arte e dell'ar-
gravemente a rischio che hanno subito il
chitettura, al restauro, al recupero e a riuso dei beni architetto-
forte impatto della crisi economica.
nici e culturali, alla progettazione urbanistica ed ambientale,
Queste politiche di welfare locale
alla pianificazione territoriale, alle scienze agrarie e forestali e
finiscono per essere imprescindibili,
alla gestione del patrimonio naturale. I componenti della CLP
laddove la povertà finisce per diventare
durano in carica non più di 5 anni. Il mandato è revocabile e,
emarginazione. Molto spesso si tratta di
alla scadenza, è rinnovabile una sola volta».
persone a cui non basterebbero dei semplici
Nel regolamento è inoltre previsto che i componenti della
sussidi economici, ma che necessitano
CLP non possano presenziare all'esame e alla valutazione
di aiuti concreti anche per non restare
dei progetti da essi elaborati o all'esecuzione dei quali
nell’ombra.
siano comunque interessati. In questo caso, dovranno
Ci auspichiamo che questo nuovo metodo
assentarsi sin dalla fase di dibattito.
di intervento riduca il popolo degli
“invisibili”.

6
Dica 33 Serena Ferrara

Il nostro sondaggio sui


medici di famiglia in città l'80% dei biscegliesi è soddisfatto
del rapporto con il proprio medico di base

33.
Negli ultimi due mesi lo ha del nostro campione dichiara che il suo medico non ha dubbi: la migliore soluzione è la guardia
pronunciato, al di là di uno è sempre disponibile, anche fuori dagli orari medica, a meno che non si tratti di casi gravi.
stetoscopio, il 69% dei biscegliesi, ambulatoriali, almeno telefonicamente. Allora, nonostante le code siano spesso ben più
più donne (77,4%) che uomini (59,4 %). E Ma cosa accade al restante 80% in caso di lunghe di quelle dell’ambulatorio, è il Pronto
nella gran parte dei casi ricevendo un ottimo indisponibilità del dottore? Soccorso la soluzione ideale (30%).
servizio. Pochissimi, soprattutto giovani, quelli che Ultimo dato positivo di questa indagine
L’80% dei biscegliesi, senza differenze tra maschi si danno al fai-da-te (7% ); gli uomini, meno piuttosto sorprendente, è che i biscegliesi sono
e femmine, è soddisfatto del suo rapporto con il legati al rapporto umano, non rifiutano l’idea buoni pazienti anche quando si tratta di acquisti:
medico di base e non si pente della scelta fatta a di rivolgersi ad un altro medico privato (30%), non sostituiscono il farmacista al medico e
suo tempo alla Asl. Il vecchio medico di famiglia, mentre solo il 14% delle donne accarezza l’idea. chiedono sempre consigli, anche se i farmaci
quello che conosce a perfezione la storia clinica Un quarto della popolazione, di entrambi i sessi, non richiedono prescrizione.
e personale di ciascuno dei suoi pazienti, resta
insomma un punto di riferimento, anche se a
detta del 31,8% degli assistiti, nel tempo si è
persa un po’ la confidenza.
La causa? Troppi pazienti, il che impedisce al

Speciale Salute
medico di dedicarsi con passione ad ogni caso.
Degli ambulatori nessuno si lamenta, tranne
che per le code, che costringono a lunghe attese
ma non scoraggiano le consultazioni (il 55%
degli uomini e il 40% delle donne dichiara di
aspettare il proprio turno ben oltre la mezz’ora).
La cosa da fastidio soprattutto ai pensionati che,
nonostante il maggior tempo libero, la coda in
anticamera proprio non la vogliono fare.
Da un sondaggio da noi effettuato su un
campione di 346 cittadini (di cui 160 uomini e
186 donne) tra il 10 e il 27 Gennaio, emerge che
i frequentatori più entusiasti dello studio del
“dottore” sono di sesso maschile e generalmente
hanno più sessant’anni di età. Più critiche, ma
sempre abbastanza paghe, si rivelano le donne,
che tra figli, nipoti, spesa e faccende domestiche
tollerano meno i tempi morti dell’anticamera.
Se proprio potessero cambiare qualcosa nel
rapporto con il medico curante, renderebbero
più flessibili gli orari delle visite (35%), in
modo da conciliare le mille cose di ogni giorno.
Stessa cosa per i giovani che, pur frequentando
meno gli ambienti ambulatoriali, qualche volta
lamentano un servizio insufficiente (10%).
Un dato che ci fa piacere è che circa il 20% del
campione non chiede alcun miglioramento al L’altra faccia della medaglia
servizio prestatogli, almeno in ambulatorio.
Quando si parla invece di assistenza a domicilio,
la percentuale dei soddisfatti cambia e non
DICA 33: PARLA IL MEDICO Serena Ferrara
di poco: il 14% di uomini e donne la ritiene
addirittura insoddisfacente. E se in media
un terzo degli intervistati non si lamenta, gli Raccolti i dati del sondaggio sul rapporto tra cittadini e medici di fiducia, abbiamo interpellato uno
anziani sono al contempo i più delusi (25%) e i dei 39 medici di base della città, il dott. Mario Lucio Dell’Orco, vice segretario provinciale della
più contenti (39%) e non hanno mezze misure. FIMMG (il sindacato più rappresentativo dei Medici di Medicina Generale), nonché componente
Tra gli interpellati c’è anche chi il medico in casa del consiglio direttivo e segretario dell’Ordine dei Medici della Barletta-Andria-Trani, per conoscere
non lo ha mai visto arrivare (il 7% non ha mai l’altra faccia della medaglia.
fatto richiesta del servizio) e si tratta soprattutto Medico dall’età di 24 anni e Medico di Medicina Generale da quando di anni ne aveva 26, conta su
di uomini, giovani e anziani. un’esperienza professionale più che trentennale; cosa che ci ha permesso di porgli anche domande
Le mamme, che più spesso dei papà contattano sull’evoluzione del rapporto medico-paziente negli anni.
il pediatra affinché visiti il bambino a letto
con la febbre, a volte ne eccepiscono la poca Partiamo dal sondaggio. Molti pazienti ad attendere il proprio turno (che, comunque, non
sollecitudine. Significativo il caso di una signora lamentano code nelle sale di attesa. C’è una è dissimile da quello di qualunque ufficio pubblico o
che circa un mese fa pare aver contattato il soluzione? privato) mentre il medico spesso sfora anche di diverse
medico per una urgenza: misurata la febbre a «La soluzione c’è ed è anche prevista dalla convenzione: ore rispetto all’orario di chiusura».
suo figlio, il termometro era balzato oltre i 39.5. le visite su appuntamento, che consentono al medico di
Ma il dottore, in altro affaccendato, l’avrebbe lavorare meglio e di avere certezza di tempi; idem per E che ne pensa di una segretaria che velocizzi
liquidata via cornetta suggerendo un antipiretico l’assistito. Purtroppo i fatti dicono il contrario: specie l’iter delle prescrizioni?
senza aver neanche parlato con il paziente. nel Sud Italia, questo modo di visita è impraticabile. «Sicuramente. Va detto anche che la ASL può
Nonostante qualche paziente particolarmente Dei pochi che ci hanno provato, solo pochissimi fornire un incentivo economico. Nei fatti sono
sconfortato, al proprio medico curante quasi hanno continuato. Nel nord Italia invece pare sia più
nessuno rinuncerebbe. Anche perché il 20% continua a pag. 8
semplice. Il risultato è che i pazienti sono costretti

7
DICA 33: PARLA IL MEDICO
continuazione da pag. 7 parlando) che ne ha 500. In genere un
MMG quando comincia ha pochissime
pochi i MMG che hanno personale dipendente. Le scelte che si vanno incrementando (quando
remore dei MMG, sono sostanzialmente di 3 tipi: si incrementano) nel corso degli anni; in
il primo economico; il secondo normativo (oggi, per pratica deve prevedere che la sua attività
assumere personale dipendente occorrono una serie di sia in netta perdita nei primi anni. Ci sono
requisiti e di incombenze, che spesso fanno desistere poi risvolti di tipo previdenziale. Oggi
dall’impresa); il terzo è che una segretaria, per quanto difficilmente si accede alla convenzione
preparata e professionale, può alterare quel rapporto prima di 35 – 40 anni di età, per cui
interpersonale cui il MMG tiene forse più che lo si arriva all’età pensionistica con
stesso assistito». contributi contenuti».

Medici di base “ricchi”, un mito da sfatare? Visite a domicilio sono più oggi o
«Purtroppo per noi il mito va sfatato. Il discorso è in passato?
molto complesso e lo stesso medico può sapere con «Sicuramente oggi: ciò è connesso
precisione quello che ha realmente percepito in un all’aumento dell’età media della popolazione,
anno solo quando il suo commercialista gli compila che determina patologie multiple e situazioni di
la dichiarazione dei redditi. Per avere un’idea, occorre fragilità». di creare criticità altrove inimmaginabili».
Speciale Salute

dire che la ASL liquida, per ogni assistito, una cifra


annuale compresa fra 50 e 60 euro (la cifra varia in Vero che il rapporto con il paziente è più E nel caso degli anziani?
base all’anzianità del medico e all’anzianità dei suoi impersonale di un tempo? «L’utilizzo dei generici negli anziani, che vivono
assistiti), per cui i compensi lordi di un medico con «Oggi, rispetto ad un recente passato, gli obblighi spesso da soli pur essendo affetti da parecchie
1.000 assistiti sarebbero di 50 – 60.000 euro l’anno. normativi e burocratici sono drammaticamente patologie, è un grosso problema. Cambiare ogni
Questi però sono solo gli “incassi”, da i quali bisogna aumentati; questo può indurre nell’assistito una mese colore della scatola e forma della compressa
sottrarre gli oneri previdenziali (che variano dal 6 percezione di “spersonalizzazione” del rapporto, certamente non lo aiuta ad eseguire la terapia
all’11%), le tasse (Irpef e Irap), le spese dello studio sicuramente non voluto, anzi contrastato, dal medico prescritta in maniera corretta. D’altra parte se
...: la cifra si riduce insomma a meno della metà. Va curante». prescriviamo un farmaco “di marca” lo costringiamo
aggiunto anche che i MMG non hanno tredicesima a pagare differenze di prezzo che spesso non può
né trattamenti di fine rapporto. Non hanno diritto Paziente e farmaco generico: è migliorato il permettersi».
a ferie o indennità di malattia breve (si pagano in rapporto?
proprio il sostituto). «Anche in questo caso il discorso non può essere Le nuove tecnologie hanno creato pazienti
C’è poi un altro elemento che condiziona pesantemente liquidato in poche battute. Sicuramente il farmaco più informati o pazienti che presumo nodi
i nostri compensi: se infatti è previsto un medico per generico è una formidabile opportunità di risparmio e saperne di più?
ogni 1.000 abitanti, è vero anche che un medico appropriatezza; purtroppo però l’Italia, giunta ultima «Sono vere entrambe le situazioni; purtroppo però
può avere fino a 1.500 pazienti. Pertanto per ogni ad adoperare questi farmaci, anziché avvalersi della vale nettamente la seconda. Ma anche qui il discorso
medico con 1.500 assistiti, ce n’è uno (statisticamente esperienza pluriennale di altri Paesi, è stata capace è complesso».

Voglio fare il garzone in farmacia


Grazia Pia Attolini
Seconda puntata dell’inchiesta sulle professioni giovanili a Bisceglie.
Dopo “voglio fare il cameriere” , è il “ragazzo della farmacia” a farci aprire gli occhi su come funzioni
il meccanismo dei “lavoretti” nella nostra città. Un fenomeno su cui la stampa locale non si è quasi
mai spinta, se non in maniera occasionale.
Noi abbiamo voluto aprire gli occhi e far capire ai lettori su cosa si basa la nostra economia. Il “dove
andremo a finire” lo lasciamo al buonsenso dei nostri lettori.
Non siamo qui per fare previsioni, ma per mettere sotto una lente di ingrandimento i dati di fatto.
Appaganti o amari che siano.

I
l garzone. Si tratta di una figura che a detta memoria (imparano presto il nome dei farmaci)
dei farmacisti non esiste più: «Far lavorare e la loro età media è di 16 anni.
un minorenne non è possibile, andremmo contro Dopo averne contatti diversi, vi raccontiamo una
le normative, perché ormai tutti devono avere un delle storie più significative.
regolare contratto. Andremmo anche contro i nostri «Ho lavorato per circa 1anno e mezzo – ci spiega
interessi, perché in caso di controllo la mora sarebbe G.- sia nel periodo estivo e sia nel periodo invernale, Ovviamente ero pagato “a nero”, come ogni garzone
molto alta. Quando si parla di “garzone” ci si riferisce per 3 giorni a settimana. Un’attività non molto che si rispetti, altrimenti sarei stato magazziniere,
a un aiutante non preparato professionalmente che impegnativa. A volte è capitato che nel periodo estivo commesso o tirocinante (e dunque laureato). A me
si occupa di mansioni semplici; il ragazzino che lavorassi anche 4 giorni a settimana, ma sempre e andava bene, anche perché al di là dei soldi è un bella
dopo la scuola metteva a disposizione la propria solo di pomeriggio. Principalmente giravo per medici esperienza, stai a contatto con molta gente preparata,
buona volontà in cambio di qualche moneta, è realtà a correggere ricette, però potevo fare altro: riporre impari a rispettare i dottori, le persone in attesa e a
remota, solo un ricordo». Queste sono le parole medicine, rifornire la cassettiera di farmaci, fare conoscere i farmaci».
di farmacisti della nostra città. Ci risulta però consegne a domicilio, mettere ordine in farmacia e Al di là dello sfruttamento della forza lavoro
che così non è! I “garzoni” esistono ancora e lo a fine serata smantellare le buste, i cartoni avanzati giovane, mi preme portare all’attenzione di tutti
fanno principalmente per necessità economica. e chiudere la vetrina. Inizialmente la mia paga il senso di responsabilità dei ragazzi intervistati.
Generalmente sono uomini, sanno rivolgersi ammontava a 20 euro a settimana (perché dovevo Allora, è proprio una gioventù bruciata quella
al pubblico in modo posato, hanno una buona ancora imparare) poi col tempo arrivammo a 50. moderna?

8
Le minacce dell’inverno:
verità e bugie sull’influenza
Parla il primario dott. Tommaso Fontana Serena Ferrara

M
al di pancia e spossatezza, dolori membri che si occupano di stabilire la presenza di
articolari diffusi, nausea, inappetenza una epidemia e alcune grandi case farmaceutiche
e l’impressione che la cosa migliore, produttrici di vaccini. Del resto l’H1N1 è una vecchia
in quel momento, sarebbe quella di mollare conoscenza dell’uomo e tanto stupore non poteva che
tutto e infilarsi sotto le coperte, con corredo di lasciare interdetti».
termometro, borsa d’acqua calda, telecomando
della tv e scatola di fazzoletti. Sarebbe a dire?
Con le temperature e la pressione atmosferica «Siamo entrati in contatto con questo tipo di virus
che fanno su e giù, anche quest’anno l’influenza, più di 120 anni fa. Gli indizi ci vengono dalla
la maggiore seccatura dell’inverno, sta mietendo prima epidemia influenzale moderna mai studiata,
le sue vittime tra grandi e piccini. la Spagnola del 1918-19 (un’altra suina), in cui si
verificò una strana coincidenza: gli ultrasettantenni
«Nessun dato eccezionale da segnalare – ci spiega non venivano colpiti dal virus. Questo perché già in
tuttavia il primario del reparto di Malattie passato, con ogni probabilità nell’epidemia degli anni Come avviene la scelta dei ceppi per la com-

Speciale Salute
Infettive al Vittorio Emanuele II, dott. Tommaso ’80 dell’800, avevano maturato gli anticorpi per quel posizione dei vaccini?
Fontana – anche quest’anno per i biscegliesi si tratta genere di virus. In questo secolo, il virus dell’H1N1 «Per realizzare un vaccino vengono innanzitutto
di un’influenza leggera». ha subito solo piccolissime modifiche». monitorati i ceppi di virus che si sviluppano
nell’emisfero australe durante l’inverno (quando cioè
“Anche” quest’anno? E che fine ha fatto la Veniamo al presente. Quali sono i ceppi virali da noi è estate). Quindi si isolano dalla superficie del
“pandemia” di H1N1 che ha scosso il mondo dell’anno? virus le emoagglutinine, proteine che coprono i virus
intero nel 2010? «Basta prendere un foglietto illustrativo dell’ e li legano alle cellule. Queste vengono purificate,
«Si è trattato più che altro di una grande montatura ultimo Isiflu V, il vaccino influenzale, per capire rese inattive e combinate con lipidi naturali. I
mediatica, utile tuttavia a ridurre sensibilmente i quali tipi di virus stiamo fronteggiando. Si tratta vaccini sono dunque assolutamente sicuri, perché le
decessi per complicazioni influenzali, che ogni anno si dell’H1N1 (la suina) dello scorso anno e dell’H3N2 particelle di virus isolate sono solo quelle in grado di
aggirano intorno agli 8.000 casi. Lo scorso anno, grazie (un virus che sostituì l’H2N2 dopo l’ Asiatica del produrre i giusti anticorpi nell’organismo. Non c’è
ad una grande campagna informativa e di vaccinazioni, 1957-58), due varianti dei virus di tipo A, quelli motivo, come molti pediatri fanno, di sconsigliare
sono scese a 5.000. Quella del 2010 è stata la prima dell’influenza aviaria. L’aviaria è un’influenza non ai piccoli pazienti il vaccino. Anzi, tra i primi ad
epidemia vissuta in cinemascope nel mondo intero. trasmissibile direttamente dai volatili all’uomo, usufruire del sistema di profilassi dovrebbero essere
Oltre al fatto che di epidemia si può parlare solo quando ma che necessita dell’intermediazione dei suini, in medici e bambini».
la percentuale delle vittime si aggira attorno al 20% grado di essere infettati sia da virus umani che da
della popolazione (e in Italia, su 50 milioni di abitanti virus aviari e di fungere da serbatoio biologico della Siamo ancora in tempo per vaccinarci?
non siamo di certo arrivati a 9 milioni di casi) e che malattia, ibridando i geni. Nel vaccino di quest’anno, «In realtà ai primi di Febbraio è un po’ tardi,
di pandemia si parla invece in presenza di un nuovo poi, sono stati scelti anche antigeni del ceppo B/ considerando che il sistema immunitario impiega circa
virus, sta di fatto che anche l’OMS, ha riconosciuto Brisbane/60/2008, lo stesso antigene contenuto nel due settimane per produrre gli anticorpi sufficienti
che c’erano grandi conflitti di interesse tra i 15 vaccino trivalente per la campagna 2009-2010». a proteggere l’organismo dai tipi di virus e che il
picco influenzale si registra ogni anno tra Gennaio e
Febbraio. Ma, dal momento che la protezione dura dai
6 ai 12 mesi, può convenire ancora vaccinarsi entro

I numeri della prevenzione la prima decade del mese».

a Bisceglie Grazia Pia Attolini


biscegliese colpita
Parla il dott. Manni, responsabile dell’ Ufficio Igiene da aviaria
Finisce in rianimazione a Trani

«A
nche quest’anno pediatri e medici di base

N
hanno fatto richiesta di vaccini in proporzione
ulla di così eclatante: di casi del genere ce
al numero di pazienti da sottoporre alla
ne sono ogni anno. La 25enne intubata nel
terapia, in media tra i 300 e i 500 ciascuno. Non tutti i
reparto di rianimazione dell'ospedale di
medici di famiglia hanno aderito a questa campagna; i loro
Trani dopo aver contratto l'influenza A, accusava
pazienti, ma c’è da dire che si tratta di un numero esiguo,
in realtà anche i sintomi di una polmonite acuta.
hanno pertanto usufruito del servizio ASL per sottoporsi
Già ricoverata presso il reparto di Ginecologia e
alla vaccinazione. Non è ancora possibile quantificare i
Ostetricia del Vittorio Emanuele II (e non, come
vaccinati dell’anno, dal momento che la campagna non
raccontato dai media, rivoltasi all’ospedale a causa
è ancora conclusa. È però presumibile che, a causa del
di disturbi gastro-intestinali), era stata sottoposta
clima di psicosi creatosi nei confronti della vaccinazione
a cesareo e poi trasferita presso il reparto Infettivi.
antinfluenzale dell’anno scorso, molte persone quest’anno
Il peggioramento delle condizioni ne hanno reso
abbiano preferito esonerarsi».
necessario il trasferimento presso il San Nicola
Pellegrino di Trani e l’intubazione. Le condizioni
Vaccino si o vaccino no?
della donna, mai davvero gravi, sono rapidamente
«L’unico modo serio per fronteggiare l’influenza è la
migliorate e, questione di giorni, la neo-mamma
prevenzione, che è rappresentata dal vaccino. Il vaccino non è
tornerà ad abbracciare il suo bebé, che gode invece
obbligatorio per nessuno, si fa leva sul buon senso del singolo.
di ottima salute.
E’ buona norma vaccinare soprattutto i cosiddetti soggetti a Alessio Di Liddo
rischio, cioè ultra 65enni, bambini con più di 6 mesi, adulti
affetti da particolare patologie e donne incinte».

9
La legge del
piu' forte Dino Cosmai

rappresentanza sindacale. pensiero “forte” del signor Marchionne ha in


Questi, sono (o dovrebbero essere) per realtà fallito. Grande manager che sa fare soldi in
alcuni sindacati i principi a cui deve (o borsa (speculazione) ma che fa vertiginosamente
dovrebbe) attenersi chi ha (o dovrebbe calare le vendite delle auto FIAT.
avere) la responsabilità del futuro di Ma stiamo ai fatti, non tutti ancora scontati e
migliaia di lavoratori. Parte del sindacato guardiamo con attenzione a cosa e come farà
ha fatto nella vicenda Mirafiori la parte di Marchionne. Il SI senza consenso a quel tipo
quel Maraja che tanto si impietosì per una di contratto l’ha incamerato. (E meno male che
tigre affamata, che gli si dette in pasto! Per Pomigliano doveva essere un caso isolato! Quante
non parlare poi dell’assenza del Governo, Pomigliano ci vorranno ancora perché alcuni

H
o cominciato il nuovo anno con il in una vicenda che deve (o dovrebbe) per diritto - sindacati si sveglino?) Eppure, un dato positivo
proposito di non farmi più coinvolgere dovere interessare lo Stato nel suo insieme. in questa vicenda c’è. È che la società dormiente
da qualsiasi avvenimento che mi si La vicenda è amara e presuppone un cambiamento. ha scoperto che le fabbriche con gli operai ci
fosse presentato. Poi, purtroppo, ho “sentito” Che va gestito, non evitato! E qui non commento sono ancora, come anche le famose catene di
la tracotanza del signor Marchionne: «vi chiedo il “contributo” del Presidente del Consiglio, montaggio. Finalmente le industrie e i lavoratori
di votare SI al mio piano. Se votate NO, perdete perché si commenta da sè. D’altronde questa sono entrati nel dibattito pubblico a testa alta e,
tutti. Se vince chi si oppone … perde. Io, vinco Italia ha 150 anni, come potrebbe interessare il vanno ascoltati. Marchionne, e non solo lui, ha
sempre, comunque!». Minacciando anche, il signor nostro Presidente? Il referendum ormai è fatto e il parlato di globalizzazione per meglio far digerire
Marchionne, di fare le valige e di andarsene risultato è sotto gli occhi di tutti. Il SI a Marchionne il suo piano-contratto. Peccato che lui e politici,
dall’Italia come se questo non fosse già avvenuto, ha vinto, ma … non è stato quello che si aspettava. anche di sinistra (?), sanno prendere solo il peggio
e non solo per la FIAT. I voti sotto "ricatto" parlano e ci dicono che molti dalla tanto decantata globalizzazione.
Siamo nel pieno di un certo Darwinismo lavoratori sono andati dalla FIOM a dire che, si, Forse sarebbe il caso di esportare molti Landini,
sociale: vige la legge del più forte. Qui viene hanno votato ma, se senza "ricatto" avrebbero non solo in Cina, e seriamente cominciare a parlare
sovvertito l’impianto democratico del paese detto un secco NO! Questa è storia. di diritti dell’individuo umano, transnazionali,
Italia. Quel poco di democratico che c’è ancora. Non solo, ma il totale dei NO, pur non vincendo se globalizzazione giusta e seria deve essere.
Dimenticando uno dei primi fondamenti della la conta, ha superato e di molto gli iscritti alla Anche perché questa sorta di “evoluzione”del
Repubblica: … l’inalienabilità del diritto al lavoro FIOM; se poi calcoliamo i voti dei colletti bianchi, darwinismo sociale, la legge del più forte, sta
dignitoso, la dignità della persona, delle esigenze quelli che non sanno neanche lontanamente cosa toccando troppi settori della nostra vita. Non si
materiali dell’individuo e, non ultimo, la libera vuol dire catena di montaggio, è chiaro che il può non essere indignati.

Gratta che ti passa


Anche alle poste di Bisceglie si tenta la fortuna
Serena Ferrara

S
i attiverà presto uno dei 7.000 distributori dalla posta per tentare la fortuna con la lotteria
automatici di gratta-e-vinci che Poste istantanea.
Italiane stanno installando sul territorio di La pensione è troppo bassa? Gratta gratta, che
tutta la penisola. ti passa.
Un francobollo, una raccomandata, due biglietti Da oggi potrai smettere di affliggerti con i mille
per solleticare la sorte. Li troverai in un distributore rimandi della parola “crisi” e lasciarti tentare
all’ingresso dell’ufficio centrale di Poste Italiane, anche tu dalla Dea Bendata non solo recandoti dal
appena varcata la porta scorrevole che ti da il tabaccaio di fiducia ma anche all' ufficio postale.
benvenuto agli sportelli. L'idea è nata da un accordo fra il Consorzio
E, così, se la lunga fila ti annoia, la macchinetta Lotterie Nazionali (ex Lottomatica Spa) e Poste
ti abbaglia. Si inganna l’attesa, sperando Italiane e, dopo una sperimentazione nelle città
nell’impresa. di Milano e Roma, la rete dei distributori ha
Una greve notizia ti ha maldisposta? Passa allora raggiunto in poco più di tre mesi praticamente
tutta la penisola. Inclusa Bisceglie e le città se fosse per me (in materia ignorante incallita),
limitrofe, sempre molto ricettive alle novità in vieterei per legge ogni genere di lotteria e gioco
tema di tagliandi, vernice grigia e gratta-e-vinci. d’azzardo? Meglio di no, non ne ho l’autorità.
Una Puglia, la nostra, tanto giocatrice che non fa Piuttosto un consiglio: tenetevi forti, perché per
più notizia scoprire che le tabaccherie (l’ultimo il futuro non si escludono accordi anche per
caso a Trani, lo scorso Dicembre) subiscono furti portare il Superenalotto alle Poste. Il tutto, con la
non di danaro ma di tagliandi per la lotteria benedizione dei Monopoli di Stato, che vigilano
istantanea. sul settore e garantiscono al Fisco fiumi di denaro
E così pensionati (meno avvezzi dei tabaccai) e derivanti dal relativo prelievo erariale.
casalinghe, già hanno imparato il trucco: anziché Rassegnatevi, perché é invece certo l’arrivo in
una manciata di spiccioli, chiedono “il biglietto”. tempi brevi delle lotterie anche al supermercato.
Male che vada, ci avranno rimesso il resto. Tra circa un mese, dopo il via libera ufficiale della
Alla notizia, sono seguite le indignazioni di alcuni Commissione Europea, chi farà la spesa potrà
cittadini, che non tollerano simili tentazioni in “investire” alla cassa fino a un massimo di 5
tempi di recessione e ristrettezze per tutti. euro e cercare la fortuna anche tra una scatola di
Che dire loro, che il Mercato è Mercato? Che pennette, un sugo pronto e una baguette.

LA
NUoVa

ire a
10
p
p
polizia municipale: il bilancio del 2010
Serena Ferrara

N
on è un periodo facile, quello che la Poli- come rilievi di sinistri stradali, affollate manifestazioni S. Sebastiano, che Bisceglie celebra solo dal 2007, è
zia Municipale sta vivendo a Bisceglie da pubbliche, servizi di pronto soccorso». stata davvero un momento di festa. Tra canti e pre-
alcuni anni a questa parte. Sottodimensio- Ad alleviare i 30 agenti del Comando, è però inter- ghiere, auguri e brindisi, il Sindaco Spina ha colto
nata (siamo ancora fermi a 30 unità, nonostante venuta la tecnologia. Impianti di videosorveglian- l’occasione per attribuire meritate onoreficienze
un concorso in ballo), caricata ogni anno di nuove za, precursori del tasso alcolemico in dotazione a agli agenti Angelo Preziosa, Mauro Amoruso e
responsabilità e ruoli sempre più ampi, spesso fa tutte le vetture di servizio e Vista-red, per il rilievo Leonardo Garofoli, in ricordo dell’atto di eroismo
fatica a svolgere le funzioni di “regolatore della automatico delle infrazioni semaforiche, hanno da compiuto il 1 Giugno scorso. Nell’occasione, i tre
vita sociale” che le attribuiamo di giorno in giorno. un lato ridotto le infrazioni (si è passati da 14.827 vigili salvarono due anziani rimasti intrappolati
«Oltre a regolare il traffico e contrastare i comportamen- del 2009 a 14.583 verbali per violazioni al Codice nel loro appartamento in via Bovio, a causa di un
ti di guida pericolosi, tutela i consumatori e garantisce il della Strada), dall’altro ridotto il verificarsi degli incendio scatenato dal corto circuito alla presa del
rispetto delle regole del commercio, vigila sull’ambiente episodi di microcriminalità. frigorifero.
e contrasta l’abusivismo edilizio, presidia le aree pubbli- Gli incidenti, ahimè, non sono calati (da 138 siamo
che, informa ed educa gli studenti, sanziona e difende saliti a 153), ma lo stretto margine di incremento
i più deboli dalle piccole e grandi prevaricazioni». E’ non permette di fare ipotesi sul perché. - 14.583 verbali di infrazione al codice della strada,
così, tra orgoglio e malcelata stanchezza, il Co- Sta di fatto una cosa: se il Comandante, che con per un introito di circa 582.600 euro;
mandante alla Polizia Municipale dott. Michele l’Amministrazione pur lavora a stretto contatto - 84 infrazioni ai regolamenti comunali e alla legi-
Dell’Olio ha descritto il lavoro che i vigili urbani ogni giorno, ha fatto richiesta ufficiale di assunzio- slazione che disciplina il commercio;
sono chiamati a svolgere da oltre un secolo, in ne di agenti a tempo determinato, significa che il - 725 atti provenienti dalla Procura della Repub-
città come in periferia e nell’agro. E d’estate anche punto di saturazione non è poi troppo lontano. blica di Trani ed altri enti;
lungo la litoranea. Qui, oltre al traffico impazzito, Ma la festa di S. Sebastiano non è stata solo note di - 632 pratiche per la richiesta di contributi, rivalse
migliaia di autovetture si aggiungono ai «20.000 amarezza. Ai dati (di seguito riportati) del lavoro ospedaliere, recupero spese di giustizia e cancel-
veicoli che circolano quotidianamente in un contesto svolto, sono seguiti i ringraziamenti del Sindaco lazione dalla camera di commercio;
viario spesso inadeguato e carente di aree di sosta e dell’Amministrazione. Un grazie particolare è - 2936 pratiche di accertamenti anagrafici;
soprattutto nell’ambito del centro urbano. Ci si chiede poi stato rivolto alla PM dal sig. Angelo De Cillis, - 51 sequestri di veicoli circolanti senza assicu-
maggiore visibilità nell’espletamento dei servizi – con- padre del Caporal Maggiore Capo Pierdavide razione;
tinua Dell’Olio nell’annuale relazione di bilancio De Cillis (il militare biscegliese morto ad Herat - 39 ritiri di carte di circolazione;
delle attività, che viene letta in occasione delle nell’attentato del Luglio scorso). Il sig. De Cillis - 99 motocicli e ciclomotori fermati;
celebrazioni di S. Sebastiano, patrono dei Vigili ha chiesto attenzione agli organi di stampa affin- - 18 restituzioni di autovetture rubate;
Urbani – Concordo pienamente. Il presidio costante ché scrivessero della sua gratitudine ad agenti, - 98 abusi edilizi accertati;
di alcune aree del territorio, costituisce senza dubbio la Comandante e Sindaco, per tutte le attenzioni - 153 incidenti verbalizzati, di cui 3 mortali, 2 con
migliore formula per prevenire infrazioni e assicurare che gli hanno rivolto in occasione del funerale del feriti grafi e 92 con feriti di lieve entità.
la percezione di sicurezza da parte dei cittadini. Ma nostro ultimo martire di guerra.
molto spesso ci sono interventi che richiedono priorità, Bilanci e considerazioni a parte, la ricorrenza di

biscegliesi sulla cattiva strada Serena Ferrara

In aumento gli incidenti stradali nel 2010. Cittadini più spericolati?

153
infortuni, di cui 3 con morti e limiti di velocità, si effettuano sorpassi azzardati e Da noi sono ormai solo un ricordo. Con 18 sinistri,
56 con feriti, per un totale di si commettono infrazioni al Codice della Strada per il Sabato è diventato un giorno tranquillo, poco
437 persone coinvolte, per lo eccesso di superficialità. Ciò non toglie che spesso e meno del Martedì (17 incidenti) e dal giorno del
più di età compresa tra i 31 e i 50 anni. volentieri le condizioni della strada e la scarsa visibi- riposo per eccellenza, la Domenica (15 incidenti).
Ma cosa accade sulle strade di Bisceglie? Il più lità in corrispondenza di bivi e quadrivi abbia spesso Merito non solo delle rotonde, degli impianti di
delle volte accade che si corre, si superano i un ruolo importante nel determinare l’occorrenza videosorveglianza e dei Vista RED per il rilievo
dei sinistri. automatico delle infrazioni semaforiche. La mag-
Gli incroci più pericolosi, come confermato dal rappor- giore attenzione alla guida in stato di ebbrezza
La pole position degli incidenti to annuale della Polizia Municipale, sono quelli tra via o condizioni di sonno nel cuore della notte è
Cavour e via G. Di Vittorio (alle spalle dell’ospedale), conseguenza soprattutto del potenziamento di
tra via Benedetto Croce e via G. Monterisi, tra via S. controlli nei week-end, con interventi speciali che
Martino e via Terlizzi (una strada chiusa che raggiun- riguardano soprattutto la stagione estiva.
ge impianti sportivi
privati). Tutti incroci
purtroppo privi di
Gli incidenti nel 2010 a Bisceglie
rotatorie. Laddove le
rotonde sono inve-
ce state realizzate, la
percentuale dei tam-
ponamenti si è drasti-
camente ridotta.
Tra i dati curiosi, emer-
ge che, per chi guida, è
il Giovedì il giorno in
assoluto più pericolo-
so (quest’anno si sono
verificati 29 incidenti),
seguito a ruota dal Ve-
nerdì (28 incidenti). Le
stragi del Sabato sera?

11
n I FATTI di gennaio
o
Marco Tempesta
Descrivere la vita di una cittadina di media gran-
dezza come Bisceglie, significa mettere in evidenza
alcuni parametri salienti che emergono, per la loro
peculiarità, dal solito tran tran quotidiano. Ecco in

t
estrema sintesi, quel che è accaduto nel mese di No-
vembre a Bisceglie
ATTUALITA’
- Riapre il Monastero di S. Chiara, dopo la
chiusura al culto dovuta ad incomprensioni

i
tra la Madre Badessa e l’Arcivescovo. La

CRONACA
chiesa ospita una nuova parrocchia dedicata
a S. Vincenzo De Paoli.

- Sequestrati a Bisceglie 15 kg di datteri da - Il fan club noto su face book “Bisceglie

z
uomini della capitaneria di porto di Molfetta. nel Cuore” ha svolto il primo torneo di
Quattro persone sono state denunciate. beneficenza di burraco, in onore del dialetto
L’operazione, a contrasto della pesca illegale biscegliese, mantenuto vivo dal fan club.
del dattero.
- Quaranta nuovi operatori del soccorso, in un

i
- Arrestato un 21enne foggino che aveva corso autorizzato dalla ASL BAT che ha avuto
drogato e rapinato un biscegliese. Il rapinatore negli anni precedenti un notevole successo.
ha fatto altre vittime nel Nord barese,
adescandole via internet. - La scuola materna di via Padre Kolbe sarà
dedicata ai giudici Falcone e Borsellino. Lo
ha comunicato il sindaco Spina alla sorella

e
- Scoperto sulla Murgia un ennesimo
deposito di auto rubate a Bisceglie. I ladri del giudice Falcone, in occasione di una
provvedevano a smontare le auto per ricavare manifestazione organizzata dal locale liceo
pezzi di ricambio. Sono state rinvenute Da Vinci.
diverse carcasse e una notevole quantità di
pezzi già classificati per tipologia. - Ultimata la sistemazione di Corso Umberto
e di strade limitrofe, riqualificate in modo
- Un diciannovenne biscegliese si rifiuta da essere più funzionali alle necessità degli
di pagare la consumazione ed entra in utenti. A breve saranno riasfaltate altre 30
colluttazione col proprietario del bar. strade cittadine.
Arrestato dai carabinieri.

f
- Cominciati anche i lavori di riqualificazione
- Morta la nonnina di Bisceglie, alla veneranda della piazza della Stazione, che si doterà di
età di 102 anni. Emigrata in America, Maria una nuova fontana e nuovo verde.
Carmela Reino ved. Todisco, si è spenta a
Bisceglie assistita dalla famiglia Di Pierro, - Le strade della zona 167 sono allo studio
della commissione di toponomastica, per

l
essendo rimasta senza parenti in vita.
essere rinominate in maniera adeguata.

Politica - Nasce Bisceglie A.s.s.e.t., associazione per


lo sviluppo socio economico del territorio. Il
dott. Alessandro Ricchiuti assume la carica di

a
- Con decorrenza 1º gennaio 2011, tutti gli presidente. L'ass. realizzerà un database che
atti e provvedimenti amministrativi per i raccolga le professionalità della città.
quali è previsto l'obbligo di pubblicazione
saranno pubblicati all'Albo Pretorio on line
consultabile sul sito istituzionale del Comune
di Bisceglie. CULTURA

s - Il sindaco Spina, in seno all'ANCI, è stato


nominato membro della Commissione Servizi
Pubblici Locali, Partecipazione dei Comuni,
Catasto ed Edilizia. La nomina comporterà
- Nuovo successo del biscegliese Cosimo
Ferrucci in Cina, dove è riuscito a migliorare
il suo precedente primato, strappando
consecutivamente 33 elenchi del telefono con

h
l’accesso a cospicui finanziamenti pubblici per la sola forza delle mani.
servizi da realizzare nella città di Bisceglie.
- Il brano “Oltre” di Erica Mou, cantautrice
- E’ stato deposto un mazzo di fiori sotto la biscegliese, è approdata il 23 gennaio
targa di Giorgio Perlasca nella via omonima, al Sundance di Park City. "Oltre" è la colonna
da parte dell’associazione Giovane Italia, per sonora del film "I baci mai dati" di Roberta
commemorare l’uomo che salvò migliaia di Torre film che si sta confrontando con altri
ebrei dai campi di concentramento. 94 film in anteprima mondiale, provenienti
da 29 paesi.
- Richiesta rinvio a giudizio del segretario
cittadino dei Comunisti italiani di Bisceglie, - Si è conclusa la seconda edizione del contest
Emanuele Arcieri, che dovrà eventualmente on line “Scopri lo Scorcio!” ideato dalla Pro
rispondere per aver redatto e affisso manifesti Loco Unpli di Bisceglie e che ha visto la parte-
"offensivi della reputazione del Sindaco, avv. cipazione di ben 239 utenti. Sono risultati vin-
Francesco Spina". L’udienza preliminare da- citori Roberto Grosso 1°classificato, Vincenza
vanti al G.U.P. presso il Tribunale di Trani si De Cesare, coadiuvata dal fratello Nicola, e al
terrà il 18 luglio 2011. terzo posto Marianna Preziosa.

12
PIANO STRAORDINARIO
PER IL LAVORO Nicola Silvestris

Presentato il Piano straordinario per il


lavoro in Puglia dal Governatore Vendola

L
a Regione Puglia, ha varato un piano 38.335, verranno immessi per la prima volta nel a 10.800 donne, nei settori dell’imprenditoria
straordinario per il lavoro, che pare debba mondo del lavoro. Insomma un esercito, se così lo femminile, per l’inserimento lavorativo delle
integrarsi in quelle che sono le prospettive vogliamo paragonare, che comprende lavoratori migranti, per la formazione delle donne ed incentivi
ed i programmi perseguiti dall’Istituzione in cassa integrazione, occupati, lavoratori all’assunzione, per i servizi di conciliazione vita-
regionale nei confronti della classe giovanile e di atipici, imprese, disoccupati, donne disoccupate, lavoro, per il lavoro a part-time delle donne.
determinate fasce sociali. Un piano, questo, che si donne imprenditrici, donne occupate, giovani
concretizza in 43 interventi direzionati su sei assi disoccupate, apprendisti, persone disabili per l’inclusione sociale
produttivi, con un potenziale di 52 mila assunti disoccupate, immigrati e richiedenti asilo,
o soggetti reintegrati nei processi produttivi, per lavoratori socialmente utili, giovani laureati, Interventi (47 milioni di euro) finalizzati a
un investimento totale pari a 340 milioni di euro. ricercatori, manager ed imprenditori, c’è n’è per contrastare la povertà ed a promuovere l’inclu-
Come ha dichiarato il Presidente della Regione, tutti, che vale da solo lo 0,6% del Pil regionale sione di almeno 11.600 persone in difficoltà. Le
il lavoro non è mai stato così difficile come in 2009. In dettaglio si è provveduto a tracciare una azioni promosse riguarderebbero l’assunzione
questo secolo, la precarietà tra l’altro non ha specie di “mappa di guerra” che comprende una di persone disabili e in condizioni di povertà,
mai visto degli sconfinamenti così devastanti, serie di interventi così schematizzati: l’inserimento lavorativo di immigrati, rifugiati e
insomma una maledizione che purtroppo fa male richiedenti asilo, il reimpiego dei cassaintegrati,
alla nostra generazione e anche all’economia. per i giovani la formazione di cassaintegrati e lavoratori in
Quest’intervento dovrebbe perlomeno spezzare mobilità, l'utilizzo dei cassaintegrati presso la
questa routine che si è creata e che continua Il pacchetto è ampio di risorse, 112,6 milioni Pubblica Amministrazione.
a diffondersi, cercando di garantire sicurezza di euro che saranno impiegati per formazione,
e stabilità specialmente alla classe giovanile, lavoro e impresa. Gli interventi, rivolti a 15.400
pilastro principale della futura società. Secondo per la qualità della vita
destinatari, saranno mirati alla formazione
il piano regionale, si sono sperimentate nuove e all’occupazione di giovani diplomati, alla
forme di azioni, che possono generare sviluppo ed Interventi (32,9 milioni di euro) destinati al
formazione per l’apprendistato, alla formazione lavoro per la qualità della vita a 5.150 persone,
occupazione, dove i protagonisti principali sono interregionale, al reddito di continuità per i
i giovani e le donne. Per quanto riguarda i fondi, nelle figure professionali del lavoro di cura
lavoratori atipici, al microcredito. domiciliare (il famoso Progetto R.O.S.A), a nuove
270 dei 340 milioni di euro, saranno destinati ad
interventi relativi alla manovra occupazionale, figure professionali nel settore del lavoro di cura
mentre i restanti 70 a progetti che salvaguardino per le donne domiciliare assistenti all’infanzia, alla formazione
gli attuali livelli occupazionali. Dei 52 mila interregionale per l’occupazione legata alla
cittadini ai quali è rivolto questo intervento 13.700 Gli interventi (32,9 milioni di euro) saranno valorizzazione e al recupero delle antiche
sono già occupati, mentre la restante parte cioè finalizzati a garantire migliori condizioni di vita maestranze, ad interventi nell’ambito del turismo,
all' impiego dei lavoratori socialmente utili nella
pulizia delle spiagge, all'occupazione in ambito
portuale, all’occupazione rivolta all’incremento
della raccolta differenziata.
avvocato gratis per i poveri per lo sviluppo e
l’innovazione
La proposta del Pd di Bisceglie Felicia Antonino
70,5 milioni di euro che si destineranno a 3.385
posti ad alta densità di conoscenza, per i giovani e
i ricercatori pugliesi, per la formazione di manager

U
n avvocato gratuito per far valere i ed imprenditori, investimenti in attività di ricerca
diritti dei meno abbienti. È la proposta industriale e formazione, dottorati di ricerca, borse
che il Pd avanza a favore dei cittadini di ricerca, aiuto alle imprese innovative di nuova
biscegliesi con un basso reddito familiare. costituzione, aiuti alle piccole imprese innovative
Il servizio di orientamento e informazione di operative, innovazione per l’occupazione.
natura legale gratuita dovrebbe essere a cura
del Comune e di avvocati locali. per la qualità del lavoro
«Diversi cittadini- spiega l' avv. Bartolo Cozzoli-
impossibilitati ad affrontare spese legali, preferiscono
34,9 milioni di euro che si investiranno nella
mostrare acquiescenza rispetto a palesi situazioni di
legalità, nella sicurezza del lavoro e nell’emersione
ingiustizia».
del lavoro nero. Interventi destinati a 5.700
Per questo motivo il gruppo consiliare Pd
potenziali fruitori. Formazione continua per
ha avanzato al Sindaco Francesco Spina la
dipendenti, apprendisti e atipici, aiuti alla
richiesta di un protocollo d’intesa tra Comune
diffusione delle tecnologie dell’informazione
di Bisceglie, Ordine degli Avvocati di Trani e
nelle reti di piccole e medie imprese, servizi di
Associazione Avvocati Biscegliesi per garantire incontrare professionisti competenti in grado di
consulenza in materia di innovazione, emersione
il servizio gratuito di assistenza legale ai meno fornire loro risposte legali in tema di giustizia
del sommerso in agricoltura, campagna
abbienti. civile, penale, amministrativa, fiscale. I diritti
straordinaria di formazione, di diffusione delle
Il patrocinio gratuito a spese dello Stato è del quotidiano, relativi alla famiglia, alla casa,
azioni di prevenzione della salute e sicurezza sui
previsto dalla nostra Costituzione, ma molti alla sanità, alla scuola, al fisco, alla sicurezza
luoghi di lavoro, formazione dei rappresentanti
cittadini non ne sono consapevoli o non sanno non sono di certo conosciuti da tutti i cittadini,
territoriali per la sicurezza.
quali strade intraprendere per usufruirne. quindi è bene che l’amministrazione si faccia

Cozzoli auspica la nascita di veri e propri carico di aiutare i biscegliesi e a dare risposta

consultori legali gratuiti, dove i cittadini possano su problemi i natura legale.

13
Se il migliore amico diventa il computer
Tre storie biscegliesi che ci fanno riflettere sui pericoli del web Cristina Giovenale

amicizie “vere”. I consigli della signora Antonia Non sappiamo dirvi né


non hanno funzionato: Roberta ha delimitato come sta andando né come
definitivamente i suoi confini geografici entro e finirà la storia fra Antonio
non oltre quelli della scrivania. e Sara, non sappiamo dirvi
cosa potrebbe succedere se
dovesse esserci un black-out a
LA STORIA DI ELENA
casa di Roberta, né tanto meno dove
e con chi sia adesso Mario. Ma una cosa è certa e
Elena ha 34 anni e fa l’astetista a Bisceglie. Da
queste storie parlano da sé: tutti possono rimanere
qualche anno è sposata con Mario, operaio, ed è
ammaliati dalla ragnatela informatica, dapprima
madre di una bimba di quattro.
vista come scudo per le proprie insicurezze, poi
E’ lei a raccontarci la sua storia, la più incredibile
vera prigione dorata, che finisce per sostituire la
tra le tre. Tutto risale a quest’estate, quando, di
vita reale a quella virtuale. Patologie psichiatriche
ritorno dalle vacanze con la famiglia, suo marito
quali l’amicodipendenza - dipendenza dai social
ha deciso di lasciarla. Poche e sentenziose le frasi
network - e la IAD-Internet addiction desorder - la
profferite da Elena: «Questo maledetto computer
dipendenza da internet – sono un rischio per tutti,
fa danni, ma se una persona non vuole non si

F
tanto più che il confine tra realtà e virtualità si sta
acebook, popolare e gettonatissimo social lascia infinocchiare». Adesso Elena e la sua bimba
assottigliando sempre di più.
network, è una finestra sul mondo o un vivono a casa della nonna.
baratro da cui lanciarsi? Quello che può
sembrare un passatempo può degenerare in una
malattia con esiti a dir poco disastrosi.
Nel gergo di qualunque età, che sia quello dei
giovanissimi o quello dei meno giovani, sono gli
noi italiani siamo dei servi.
slang made-in-Facebook ad avere il dominio della
comunicazione: richiedere amicizie, messaggi questo si insegna al liceo
privati, postare in bacheca, cliccare mi piace.
Non si parla d’altro. Sono passati i tempi in
cui quando ci si incontrava per strada ci si Maurizio Viroli presenta il suo ultimo libro
accordava via citofono, i tempi in cui le ragazzine Felicia Antonino
palpitavano nell’attesa di un solo squillo dal

«S
ragazzo desiderato, costruendo dietro questo tipo una corte dove regnano servilismo e adulazione,
i può essere servi felici come Arlecchino,
di segnali milioni di sogni adolescenziali. cortigiani e buffoni. La sola esistenza di un uomo
che ha doppio salario, mangia due volte
Eppure Facebook è nato solo nel 2004 e fino a un dotato di un fortissimo potere distrugge la libertà dei
e beve due volte, perché servitore di due
paio di anni fa o poco più, nessun biscegliese ne cittadini e li trasforma in persone con la mentalità
padroni. E si può essere uomini liberi». E’ così che
conosceva ancora le potenzialità e i pericoli. del servo: cieca devozione agli uomini potenti,
Maurizio Viroli, autore de "La libertà dei servi"
Vi raccontiamo tre storie biscegliesi che illustrano disponibilità alla menzogna, mancanza di rettitudine
(Laterza, 2011) ha spiegato il concetto di libertà
meglio di ogni parola quanto questa nuova società e di coraggio, attitudine all’inganno e arroganza».
civile ad alunni e docenti del Liceo da Vinci, in
virtuale abbia influito sulla vita quotidiana dei All’osservazione fatta dallo studente Garofoli:
occasione dell’incontro con l’autore organizzato
nostri cittadini. «ho avuto l’impressione che nel suo libro non ci sia
dal Presidio del Libro di Bisceglie il 20 Gennaio
scorso. rispetto per le istituzioni», l’autore ha risposto:
LA STORIA DI ANTONIO Un intervento in grado di monopolizzare «Non discuto su ciò che il Governo fa o farà. Dico
l’auditorio, affrontando con disinvoltura un solo che in Italia vige la libertà dei servi perché si è
Antonio (nome di fantasia) è un ragazzo di 27 tema piuttosto delicato (quello che lui chiama affermato un potere enorme. In Italia c’è un potere
anni, ha un lavoro e degli amici, ma un problema: “il sistema deal corte” nell’Italia contemporanea) che non c’è in nessun altro stato liberale».
la timidezza. Grazie alle chat di Badoo, Facebook in questo momento politico.Ma andiamo con Alla studentessa Marianna Lopopolo, che
e Meetic è riuscito a metter su una nuova ordine. obiettava: «per avere un governo liberale devono
comitiva. Maurizio Viroli vive negli Stati Uniti, dove è esserci leggi che gli uomini stessi fanno», Viroli
La prima ragazza conosciuta via chat si trattava professore di Teoria Politica a Princeton, ma non ha risposto: «le leggi non le fa il popolo ma chi lo
di Francesca – nome di fantasia - anche lei di è mai stato lontano dall’Italia,di cui ha un’idea rappresenta, quindi il potere del popolo è limitato
Bisceglie; la loro storia d’amore non è durata però piuttosto singolare. Per lui la nazione è fatta di dalla Costituzione. Ognuno deve muoversi entro i
più di un paio di mesi: Francesca non era affatto sudditi e non di cittadini. Citando Cicerone, ha limiti costituzionali:è la libertà che lo esige. Nessun
la persona conosciuta on-line. Adesso, per sua sottolineato che se si è sottoposti ad un padrone presidente in America può affermare che la Corte
fortuna, è fidanzato con Sara, conosciuta senza che ti costringe a fare ciò che non vuoi, non sei Suprema non ha il potere di giudicarlo».
l’aiuto di nessuna chat. più un uomo libero, ma acquisti l’anima del Non è mai stato citato il nome di Berlusconi, ma
servo, come accade qui da noi. E chiamando ogni frase sembrava riferita a lui.
LA STORIA DI ROBERTA in giudizio Rousseau, ha poi detto che se un E a controbattere alle affermazioni antigovernative
popolo libero ubbidisce ad un capo e non ad di Viroli? E a dire che la scuola non è l’istituzione
Roberta è una casalinga, madre di tre figli di un padrone, è servo delle leggi per non farsi giusta per entrare in merito ai fatti della politica?
età compresa tra i 13 e i 19 anni, uno dei quali servo di uomini. O che, per lo meno, agli alunni va data un visione
lavora all’estero come cameriere. Antonia, Quindi essere liberi non vuol dire non volere le bilaterale della situazione, chi c’era?
madre di Roberta, parla di lei come di una leggi: il liberismo vero è il culto di un sistema Nessuno: non il Sindaco, non un assessore, non
persona dinamica, di quelle donne in grado di politico in cui a nessuno è permesso di avere un un dirigente, non un politico di centro destra.
amministrare la vita di tutti, compresa quella della potere enorme. Parlando con il preside prof. Saverio Mongelli,
sua anziana mamma. Quando il potere sovrano non ha limiti, quando ho avuto un’ulteriore conferma: il dirigente
A seguito di alcuni problemi familiari, ci racconta il sovrano è al di sopra della giustizia, si ha la alla cultura era stato invitato a proporre un
la signora Antonia, Roberta si è totalmente spenta, tirannia. Chi ha denaro, chi ha alle spalle un rappresentante delle istituzioni che mostrasse
trovando rifugio tra le pagine del web. Aveva partito di massa, chi può muovere l’opinione l’altra faccia della medaglia.
deciso di incontrare un uomo conosciuto via chat, dei media ha troppo potere nelle proprie mani Ma anche in questo caso il Comune ha fatto
ma è stata sua madre a fermarla, spingendola ad e diventa alla fine un tiranno. «L’Italia è diventata scena muta.

14
Bullismo a scuola? Serena Ferrara
I rimedi: i genitori tornino a
fare i genitori, gli insegnanti
siano più attenti. Il resto della
Non è un gioco ma un precursore della criminalità comunità dia il buon esempio

lo spettatore) e soprattutto di sia un’arte “nobile e difficile”,


strategie di intervento: necessario, come diceva Don Tonino Bello.
che queste le “terapie” riguardino Invito tutti i cittadini, pertanto, a
prima professori e genitori, in guardare nella propria quotidianità,
secondo luogo il resto della per capire laddove gli stili di vita ci
popolazione scolastica «perché il spingono al terrorismo verbale, a vivere
bullo – proseguiva il prof Achille o far vivere in un perenne stato d’ansia,
Miglionico – senza il pubblico chi è vittima di strategie di persuasione.
non ha ragione d’essere. Il docente, L’aggressività è un segno di debolezza,
in quanto leader di un gruppo, è la vendetta e i muscoli non sono solo
chiamato ad orientare le azioni del diseducativi, ma, alla lunga, anche
gruppo classe. Allo stesso tempo, improduttivi».
già nel ruolo, evoca due forme di
antileaderaggio. Quella di tipo Alfa,
più smaccata ed aggressiva, richiama
al complesso di Edipo ed è basata sulla LIBERE

«L
gelosia. Quella di tipo Beta, più fine e
a violenza è un vantaggio evolutivo che
ha consentito all’uomo di diffondersi nella per questo più pericolosa, è invece basata sull’invidia, indignAZIONI
biosfera. E’ inutile fingere che non ci sia, sul complesso di Caino».
perché solo riconoscendola la si può gestire. L’etica, A spiegare invece in dettaglio i risultati ottenuti Sugli imbecilli che fanno "boom"
al contrario, è un’invenzione, forse la più grande tramite il monitoraggio di 4.000 studenti delle
dell’uomo». scuole medie sulla città di Andria, è stato invece Dino Cosmai

P
E’ con queste parole forti che il dott. Achille il dott. Paolo Miglionico, psicopedagogista,
asseggiando per Bisceglie, non si può non
Miglionico, psichiatra e presidente Sieb, ha iniziato counselor e presidente del Sieb Spagna, che ha
notare una certa imbecillità ormai sfacciata.
la sua dissertazione sul fenomeno “aggressività fatto presente come il fenomeno abbia raggiunto
Si, perché l’idiozia ha un suono particolare,
tra i banchi di scuola”, affrontato nel convegno dimensioni incredibili: nelle nostre scuole, i casi
che nelle feste di fine d’anno assume il rumore
“Bullismo: fenomeno e rilievi”organizzato dal di bullismo riguardano il 70% degli studenti.
dei botti.
dirigente del 3° circolo didattico prof. Vito «Ciò che preoccupa – affermava il dott. Paolo
Con il rumoreggiamento si comincia almeno un
Amatulli il 19 Gennaio, nel plesso di via Amando Miglionico – non è tanto il dato in sé, quanto il fatto
mese prima per terminare a Carnevale. E si gioca
Vescovo. che gli educatori nella maggior parte dei casi non siano
a fare il tiro al bersaglio: in primis i cassonetti
Un incontro di grande rigore scientifico, rivolto in grado di riconoscere il fenomeno. D’altra parte i
“nuovi”, poi se capita qualche portone isolato o,
al corpo docente, ma cui hanno preso parte genitori hanno le loro grosse responsabilità, per aver
come è accaduto il 23 Dicembre nei pressi della
anche i dirigenti scolastici dott. Antonio Bombini delegato tutta l’educazione alla scuola, giustificando
Misericordia, anche gli abitacoli delle auto. Che
(I circolo) e dott.ssa Francesca Castellini (IV gli atti di violenza come semplici ragazzate».
spettacolo.
circolo), il Sindaco Spina, l’assessore alla Pubblica Per tenere l’attenzione alta sul fenomeno, il Sieb si
Certo, la fa prevenzione, dove è possibile, si fa.
Istruzione avv. Vittorio Fata, i consiglieri è pertanto fatto promotore di un’iniziativa pilota
Sequestri, multe e altre sanzioni esistono: ma la
comunali Onofrio Caputi e Pietro Casella. che partirà proprio tra le scuole della Bat: uno
prevenzione culturale?
Nell’incontro si è parlato di indicatori osservabili sportello d’ascolto virtuale in cui i ragazzi, due
Questa sì, è difficile da portare avanti. E allora,
del bullismo (l’isolamento della “vittima” e la sua volte a settimana, possano entrare in contatto con
come se ne esce da questo fuoco di imbecillità?
improvvisa fobia scolastica), di cyber bullismo esperti e risolvere i loro casi, spesso non rivelati
Al di là dell’indignarmi sull’aspetto economico,
(un fenomeno gravissimo, perché permettere neanche ai genitori.
sperpero di centinaia di euro per assolutamente
al carnefice di reggiungere il perseguitato in La seconda parte dell’incontro è stata invece
niente in cambio, io una modesta soluzione l’avrei.
qualunque luogo e in qualsiasi momento), di dedicata alle esperienze di vita vissuta da docenti
Ecco, io prenderei tutti gli imbecilli che gioiscono
ruoli sociali all’interno della gang (il bullo, e formatori.
alla visione della fiammata, del fumo, arrivando
la spalla, il gregario, la vittima, il difensore, Interessante, a questo proposito, l’intervento
magari anche all’orgasmo dello scoppio finale, e
dell’ass. Vittorio Fata, che ha portato le sue
li manderei in prima linea nei vari teatri di guerra
personali vicissitudini istituzionali al tavolo
del mondo. Facendo tornare indietro i nostri
del dibattito. Raccontando il caso di una madre
soldati, che ne sono certo, sarebbero entusiasti di
rivoltasi a lui per chiedere intercessione per la
questo scambio. In quei teatri, i nostri imbecilli
Il bullismo nelle promozione di suo figlio, studente di scuola media
troverebbero tutti i botti che vogliono anche sotto
primaria con due bocciature sul curriculum. La
nostre scuole signora ometteva che il figlio non era neanche mai
il loro sedere. E chissà - il forse è d’obbligo con gli
idioti - cambierebbero parere!
stato educato ad entrare in orario a scuola come
Quanti? tutti i compagni. Un caso limite, che ha portato
- 69% gli alunni che dichiarano di essere l’ass. Fata a concludere che: «il nostro compito di
stati vittime di persecuzioni amministratori è quello di mettere in rete le scuole
- 61% ragazzi che dichiarano di aver fatto per creare attenzione sul fenomeno, ma soprattutto di
prepotenze mettere in rete la famiglia con la scuola; è necessario
convincere i genitori che, prima di ergersi ad avvocati
Cosa? difensori dei propri figli, dovrebbero tornare a fare i
- 35% dichiara di aver subito offese genitori, ad educare ed esercitare la patria potestà».
- 21% dichiara di esser stato picchiato Traendo spunto dal fenomeno del bullismo, il
- 5% dichiara anche di esser stato vittima Sindaco Spina ha invece parlato di violenza tra
di furti gli adulti. Un fenomeno che assume proporzioni
Dove? rilevanti soprattutto nel mondo della politica,
- 37% degli studenti ha subito violenza in che «troppo spesso da il cattivo esempio ai giovani.
classe Minacce, ingiurie, calunnie e altre forme di violenza
- 44% dichiara che a violenza è avvenuta via verbale, fanno troppo spesso parte della strategia
sms, nei bagni di scuola o fuori dall’aula di noi politici. E’ questa la mia testimonianza di
uomo politico, convinto, tuttavia, che la politica

15
ASSISTENZA SPECIALISTICA
NELLE SCUOLE di BISCEGLIE Mariaserena Mansueto

Decine gli alunni disabili in attesa da Settembre

in seguito a questo ritardo?» il della formazione, adeguatamente preparati per


responsabile della cooperativa il settore della disabilità.
dott. Venditti ci risponde: «Il Per gli alunni con handicap grave è stata
ritardo non è dipeso da noi ma predisposta l’erogazione di assistenza
dagli uffici di competenza che si superiore alle tre ore normalmente previste,
sono occupati della gara d’appalto. con la possibilità da parte degli educatori e del
Le domande per la richiesta di questo personale competente di poter seguire gli alunni
servizio sono state presentate entro il sia nelle attività pomeridiane (P.O.N.), sia in

E
bbene, dopo mesi dalla partenza dell’anno 31 Agosto e, purtroppo, l’assegnazione del vincitore attività extrascolastiche, anche domiciliari, nel
scolastico prende il via il Servizio di della gara è avvenuta solo il 3 Gennaio. I nostri tempi pieno rispetto dei vari bisogni di ogni singolo
Assistenza Specialistica nelle scuole di tecnici di reclutamento del personale e di impartizione utente e in conformità al PEI (Piano Educativo
ogni ordine e grado, nell’ambito territoriale delle direttive hanno fatto sì che il Servizio partisse il Individualizzato).
di Trani-Bisceglie. Come previsto dal Piano 10 dello stesso mese, dunque la settimana successiva. Infine, il dott. Venditti ci informa di una novità di
Sociale di Zona, sottoscritto dai rispettivi Inoltre, per ovviare a questo inconveniente, attraverso questo Servizio. Si tratta di una programmazione
sindaci, dagli assessori di competenza e dal la pianificazione con l’Ufficio di Piano si sono di 600 ore in attività estive, rivolte anche queste
dirigente dell’Ufficio di Piano, il Servizio di determinate le modalità e i termini del Servizio di all’utenza disabile, in cui verranno sfruttati
Assistenza Specialistica per l’Autonomia e la Assistenza, con la decisioni di allargare la fruizione spazi comunali (da preventivare a breve) per
Comunicazione comprende lo svolgimento di di tale diritto non solo a disabili gravi ma anche ad realizzare laboratori di informatica, teatrali,
attività di vario genere a favore degli alunni con un’utenza medio/grave, con il conseguente aumento attività di ippoterapia e quant’altro. Bambini e
particolari bisogni riconoscibili da condizioni di del numero degli alunni ai quali verrà garantito il ragazzi portatori di handicap saranno affiancati
disabilità, con specifico riguardo all’integrazione Servizio». a normodotati per accrescere le capacità di
scolastica degli stessi. Si noti infatti che il numero degli alunni autonomia e integrazione della persona affetta
Interpellato il soggetto al quale è stato aggiudicato complessivi nell’ambito territoriale è pari a 130 da disabilità.
il servizio, la Cooperativa Sociale Prometeo di soggetti, di cui 54 del Comune di Bisceglie. Questi
Trani, alla domanda «Quale giustificazione ultimi potranno beneficiare dell’assistenza di
viene fornita alle famiglie di questi alunni tredici operatori, laureati in psicologia e scienze

Il volontariato
va in vacanza? Ardito Fabrizio

Nella nuova legge di stabilità, tagliati i fondi per le ONLUS.


A Bisceglie cosa accade?

0
S 100
e il nostro è uno dei Paesi meno colpiti positiva è l’istruzione (che permette la ricerca e
dalla crisi economico-finanziaria in atto, la quindi alla società di progredire); il volontariato
maggior parte del merito va alle famiglie
italiane, più inclini al risparmio e restie all’
indebitamento. La restante parte del merito va
rientra tra le esternalità positive, in quanto a
fronte di un costo irrisorio (400 milioni per lo
Stato Italiano sono briciole), produce cultura, 5 x
al solido sistema di volontariato su cui l’Italia solidarietà e sostegno al sistema.
si basa: persone che spendono il tempo libero In tutta Italia, dopo l’approvazione della legge ma ci facciamo forza».
per aiutare gli altri senza retribuzione e che di stabilità, si sono scatenati forum di protesta, E se alcune associazioni da poco nate (e che
quindi permettono alla “Macchina Italia” di capannelli digitali, giornali e associazioni, anche quindi non hanno ancora diritto al 5x1000),
andare avanti. perché ad un così netto rigore nei riguardi come la onlus I Care sono fiduciose che la crisi
Qualcosa, però, anche in questo campo è dell’associazionismo, fa da contrappunto un passerà e verrà ampliato il fondo, più agguerriti
andata storta. Il cosiddetto 5x1000, un sistema aumento dei fondi alle scuole paritarie di 95 sono i responsabili dell’Associazione Tandem,
di devoluzione di parte delle tasse agli enti milioni. che definiscono il taglio come «un furto, dato che
di volontariato, quest’anno si è letteralmente Voci che sembrano inascoltate da tutte le parti, si ruba a chi fa volontariato». «Se fosse necessario –
prosciugato. La combinazione della legge di ma che ci sono. proseguono - incroceremo le braccia per 10 giorni,
stabilità e del decreto “Milleproroghe” ha ridotto E a Bisceglie? Partiamo col dire che alcune 2 settimane… anche un mese: poi il Governo vedrà
il fondo dai previsti 400 a soli 100 milioni di euro. associazioni hanno una rete nazionale o come le cose in Italia vanno avanti».
Frutto dei tagli orizzontali operati dal Tesoro regionale alle spalle e che quindi possono meglio Disobbedienza civile, ma anche proposte: in
per mantenere i conti in ordine e non rischiare ammortare questi tagli. Ci sono però molte altre internet girano petizioni su vita.it e iononcisto.
infrazioni per lo sforamento dei parametri di realtà puramente locali. L’associazione Progetto org alle quali molte associazioni locali hanno
Maastricht. Uomo, per esempio, confessa che oltre il 75% già aderito.
Ora, in ogni facoltà di economia, vi direbbero delle sue attività dipende dal 5x1000: limitare i Ci si chiede: davvero ridurre i fondi a chi opera
che è obbligatorio in questi periodi fare dei fondi potrebbe voler dire, se non costringerli a nel volontariato è la via più giusta per ridurre
tagli per ridurre le spese dello Stato, ma che chiudere bottega, per lo meno limitare di molto la spesa e gli sprechi in Italia? Non sarebbe stato
è assurdo tagliare su settori che producono le il loro raggio di azione. Dichiarano però: «Non più giusto “pizzicare” tutte le voci di spesa non
cosiddette “esternalità positive”, ovvero quei ci disperiamo. Faremo delle scelte e saremo costretti dipendenti dallo Stato?
costi che realizzano un beneficio maggiore a a razionalizzare le attività. Noi, come penso le altre Alle cifre dei prossimi bilanci, l’ardua
quello atteso. Esempio classico di esternalità realtà locali, viviamo la precarietà della società intera, sentenza.

16
sulla Data dei saldi, negozianti divisi
Silvia La Franceschina

S
aldi, saldi, saldi! ciale del paese. Si vorrebbe ritardare il periodo delle «L’unica salvezza per il cliente è quella di affidarsi
L’anno nuovo vendite di fine stagione, ad esempio facendole iniziare sempre ad uno stesso commerciante. In una parola:
è sempre atte- ad esempio il 20 Gennaio. In questo modo da un lato FIDELIZZARE. Solo così si possono evitare delu-
so con trepidazione si eviterebbe di frustrare il cliente che ha acquistato sioni».
anche perché – dicia- un capo a Dicembre e se lo ritrova in vetrina quasi
molo! - è questo il mo- a metà prezzo solo dopo pochi giorni; d’altra parte si
mento in cui fiondarsi consentirebbe agli operatori di ridimensionare il ruolo Leo Carriera nominato nel
finalmente nei negozi dei saldi a quello originario di smaltimento della merce Consiglio della Camera di
con leggerezza, per invenduta piuttosto che svendita anticipata di prodotti
comprare quella cosa di stagione». Commercio della Provincia di Bari
lì, vista in vetrina, che ci piace e ossessiona da
mesi ma non abbiamo osato acquistare al suo E per combattere i centri commerciali, come
prezzo pieno, attentatore di coronarie. fare? Qui il cliente, tra i tanti vantaggi, trova
Per legge anche Bisceglie ha dovuto adeguarsi anche quella serenità nell’acquisto che manca
ai provvedimenti regionali, che hanno fissato ormai nei negozietti di città, dove il più delle
l’inizio della stagione dei saldi al 6 Gennaio. Ma volte i commercianti risultano eccessivamente
cosa pensano effettivamente i commercianti delle invadenti.
vendite a prezzo dimezzato immediatamente «E’ vero, bisogna però considerare lo stato dei nego-
dopo il Natale? zianti, ancora sotto shock per la sconfitta schiacciante
Ne abbiamo parlato con il direttore provinciale subita da outlet e ipermercati. Ma non tutto è perduto.
della Confcommercio, Leo Carriera, portavoce Con una attiva collaborazione con le amministrazioni
delle esigenze dei commercianti, chiedendogli, cittadine è possibile recuperare gli antichi splendori.
tanto per cominciare, l’andamento delle vendite Quando una città è ben tenuta e sempre attiva, quan-
all’inizio del 2011. «Tranne alcune eccezioni – ci ha do funziona bene il turismo, anche il commercio ne
spiegato Carriera - la partenza è stata un po’ stentata, guadagna».
complice sicuramente la crisi economica generale ed
anche una minore propensione all’acquisto in favore di E il consumatore come si può tutelare da even-
altre priorità maggiormente legate alla gestione delle tuali raggiri (quando ad esempio ritrova l’anno
spese familiari. E poi non si può far finta di nulla: la successivo, un capo che l’anno precedente era Anche Bisceglie entra nel Consiglio della
presenza dei centri commerciali a pochi chilometri, stato scontato al 70% a fine stagione, venduto al Camera di Commercio di Bari.
rappresenta una seria minaccia per l’attività commer- prezzo quasi originario) ? Il nuovo direttivo che il 26 Gennaio scorso ha
eletto Alessandro Ambrosi Presidente, conta
anche Pantaleo Carriera, Presidente Confcom-
mercio Bisceglie e Direttore Generale della
Confcommercio della Provincia di Bari.
Sant’Antonio Abate e Carriera, stretto collboratore di Ambrosi, sta
già rimboccandosi le maniche per contribuire

la messa per animali


alle attività dell'ente.
Serena Ferrara Alessio Di Liddo

Un rito entrato nella tradizione anche a Bisceglie

In occasione della ricor- Qualcuno ha portato a benedire la propria tar-


renza di Sant’Antonio taruga, qualcun altro il micio o un variopinto
Abate, protettore degli pappagallo. Qualche bambino, non avendo
animali (17 Gennaio), nessun animale domestico da condurre in chie-
sono stati in tanti anche sa, ha scelto di fantasticare e con sé ha portato
quest’anno gli allevatori il proprio peluche. A scalare le classifiche, per
e i privati cittadini che quantità di presenze, sono però stati cani e
hanno partecipato con cavalli (i 15 cavalli, di cui 2 pony provengono
i propri animali al rito dalla Scuderia “Amici del Cavallo”, che da
della benedizione degli sempre dimostra una partecipazione di massa
animali, svoltosi presso all’evento).
la parrocchia S. Pio. «Il primo anno ho benedetto 4 topi e due gatti – ha
Un cerimoniale spetta- commentato don Franco Di Liddo, parroco di
colare, tanto antico per S. Pio. – Se quest’anno siamo in tanti, significa che
la tradizione contadina, abbiamo compiuto interessanti passi in avanti sul
quanto moderno, dal fronte delle relazioni uomo-animale».
momento che i “pet”, gli Particolare di questa speciale festa cristiana, la
animali da compagnia, presenza a Bisceglie di Sua Beatitudine Arcive-
sono i veri protagonisti scovo Basilio I, Primate della Chiesa Autonoma

Q
uello della benedizione degli animali delle celebrazioni solo da recente. Ortodossa Italiana. L’Arcivescovo Basilio, giunto
è un rito che a Bisceglie si rinnova da Così come Piazza San Pietro a Roma si è tra- da Roma in occasione della Settimana dell’Unità
10 anni, prendendo sempre più piede sformata in una grande fattoria, tra mandrie di Cristiana, ha affiancato don Franco (di cui è
tra i concittadini cattolici che amano i propri capre, pecore e mucche, asini e cavalli, allo stesso ospite in questi giorni) nella celebrazione della
amici pennuti o a quattro zampe, compagni di modo la parrocchia di San Pio ha fatto festa a messa aperta agli animali.
avventure e a volte persino confidenti. decine di cuccioli e padroni.

17
Quale destino Per
l'orto Botanico?
Parla il Wwf Roberta Monopoli

D
opo essere stato abbandonato per anni di “Pedone Store”, che ha sposato la causa e pubblico in orari e giorni da definire.
a se stesso, oggi, il Giardino Botanico di donato con cuore diversa strumentazione al L’orto botanico attende dunque di tornare al cen-
Bisceglie potrebbe diventare una risorsa Wwf). Il 31 Dicembre 2010 è però scaduta la tro del dibattito amministrativo. (Si tenga pre-
turistica e un’opportunità didattica notevole. convenzione tra Comune e Wwf, motivo per cui sente che siamo in tempo di campagna elettorale:
il nuovo presidente Antonio Civita, ha chiesto una scelta forte dell’amministrazione potrebbe
La storia dell’Adozione all’Amministrazione Comunale non solo il rin- avere risvolti politici non indifferenti, ndr).
novo della stessa, ma anche di farsi carico della
Facciamo una breve cronistoria. Il Giardino Bo- manutenzione ordinaria del Giardino Botanico. Le prospettive per il futuro
tanico Comunale “Carlo Veneziani-Santonio”, La motivazione è più che evidente: trattandosi
orto di proprietà comunale, fu dato in conven- di verde pubblico, è giusto che si avvalga di Il dott. Mauro Sasso, che nel frattempo è stato
zione al WWF di Bisceglie il 5 Agosto 2009, risorse pubbliche. eletto consigliere regionale del WWF Italia,
all’epoca presieduto dal dott. Mauro Sasso. La richiesta, che per ora non ha ricevuto risposte, afferma che: «l’iniziale scommessa di recuperare il
Grazie all’ impegno di attivisti dell’associazione è giustificata dal fatto che l’ Associazione non ha giardino botanico si è fatta frattanto più seria, gra-
e volontari, in particolare utenti del centro poli- attività a scopo di lucro all’interno del Giardino zie al progetto di riqualifica proposto da autorevoli
valente per anziani di Bisceglie (che continuano Botanico, per cui non possiede risorse da cui esperti dell’Università di Bari, che intendono conser-
ad operare in quanto nuovi iscritti alla sezione attingere per pagare operai e materiale. vare la raccolta di piante per studenti di Agraria e
del WWF di Bisceglie) è stato salvato da uno «Né ci potrà mai essere un privato – scrive il presi- studiosi di Botanica. Ora il WWF Puglia ha chiesto
stato di degrado infelice, doloroso. dente Civita in una missiva al Sindaco -che, mosso un incontro al Sindaco per trovare un accordo, al
I cinque anni di abbandono non sono passati da un potenziale rientro economico, potrà reggere le di là della convenzione, sulla realizzazione di questo
tuttavia indenni: parte della pregiata collezione spese di un Giardino che si estende su una superficie progetto, base necessaria per siglare l'accordo con
di specie vegetali è andata perduta. Ma, cosa di quattromila mq2, tanto più che il testamento dei WWF Oasi e WWF Puglia».
importante, il Giardino Botanico è tornato fru- coniugi Veneziani esclude un utilizzo a scopo di In tale prospettiva il WWF-Oasi ha espresso la
ibile tutte le domeniche e nelle giornate in cui lucro dello stesso». disponibilità a far rientrare il Giardino Botanico
l’associazione organizzava attività di educazio- Il WWF di Bisceglie,ovviamente, si renderebbe nel sistema Oasi del WWF Italia, e dunque a
ne ambientale. disponibile a garantire supporto tecnico- scienti- farlo diventare una risorsa turistica di grande
fico per potature e per operazioni tecniche che ri- rilievo. L’ecoturismo in Italia è in aumento e
Cosa accade oggi? Bisceglie, già impegnata sul fronte del Gal per
chiedano una particolare conoscenza scientifica.
Per tenere in vita l’Orto Botanico, il WWF di L’associazione, inoltre, si impegnerebbe a curare trovare nuove prospettive su questo fronte,
Bisceglie si è accollato in questi anni tutte le la “tabellazione” delle aiuole, a monitorare lo male non farebbe a riflettere seriamente, ma
spese di manutenzione, ordinaria e straordina- stato delle piante, ad effettuare piccoli lavori di soprattutto in tempi brevi, su come spendere
ria, comprese quelle per l’acquisto di materiale manutenzione, ad organizzare eventi culturali le sue potenzialità.
e di attrezzature (va notato, però, l’impegno nel Giardino Botanico e a garantire l’apertura al

Rotaract club Trani e Pegaso svelano


la ricetta del divertimento Pinuccio Rana

I ragazzi di Villa Pegaso fanno sport e si divertono con X-box Kinect

A
vete mai giocato alla Xbox di Trani, presieduto dalla Dott.ssa Federica Liso,
kinect? Allora, fatelo e poi che ha donato alla Pegaso questa console di
riflettete su quanto sia difficile gioco Xbox kinect in data 23 Dicembre.
all’inizio e su come ci si senta scoordinati Il Rotaract Club si è fermato a “Villa Pegaso”
e incompetenti, quasi stupidi. Questo carico di doni grazie ad una raccolta fondi
aggeggio non ha joystick, ma è il corpo organizzata in piena autonomia, senza chiedere
del giocatore a mettere in movimento nulla alla Associazione Pegaso, ma per spirito
il personaggio del gioco, che può di vera solidarietà e sostegno a realtà territoriali
essere personalizzato ad immagine e così utili e necessarie, come “Villa Pegaso”.
somiglianza dei chi gioca! Se è difficile Le buone prassi e le piccole reti di collaborazione
per i normodotati lo è ancor più per i sono presenti nel nostro territorio, senza andare
disabili. a migliaia di km da noi e fanno capire che è
I ragazzi di Villa Pegaso si sono possibile fare della vera solidarietà e lavorare
cimentati con grande entusiasmo bene in sinergia.
e ottimi risultati, senza lamentare Villa Pegaso a Bisceglie è una Casa Famiglia
di essere incapaci, ma divertendosi per disabili maggiorenni (fondata dieci anni
come pazzi e creando in Casa un vero fa dalla Associazione Pegaso onlus, ubicata in
clima da “sala giochi”….la disabilità via Imbriani 324) dove, nelle ore pomeridiane,
è davvero una questione di punti di si svolgono attività educative e laboratoriali,
vista!! E questo grazie al Rotaract Club ricreative e di puro divertimento.

18
RIDARE VITA ALL’EX ORFANOTROFIO
BOMBINI. UN ESEMPIO DI SUCCESSO Grazia Pia Attolini

Due giovani parrocchiani mettono in piedi nei locali una rievocazione


storica allo scopo di sensibilizzare la città alle sorti della struttura

N
i giorni 26 e 29 Dicembre 2010 e prendeva il nome di Casa della fanciulla
2 e 5 Gennaio 2011 la Parrocchia Bombini. Prima di alloggiare nei locali
di San Lorenzo ha accolto Per le dell’ex convento, era situato presso la
vie di Bethlem: un tuffo nella Betlemme chiesa di S. Nicolò del Porto. Attraverso
di un tempo, tra venditori e mercanti, un Decreto del 1813 i locali del soppresso
re e sacerdoti, con la possibilità per il convento tornarono in vita ospitando
pubblico di passeggiare tra le vie della l’orfanotrofio. Dal 1982, anno di chiusura
“città” partecipando attivamente alla della Casa per inagibilità, i locali sono
scena, comprando pesce, qualche frittella stati lasciati nel più totale abbandono.
o un po’ di cappelletti. A rendere speciale Ma a breve dovrebbero convertirsi
questo evento, l’ambientazione e la in un grande polo di assistenza socio-
modalità di visita, elementi strettamente sanitaria, così come predetto dal Sindaco
connessi tra loro. A far da sfondo alla Spina in tempi non sospetti. Quando
ricostruzione storica, i locali dell’ex paventò l’ipotesi, nel 1999, il Sindaco era
orfanotrofio Bombini. Per anni in stato commissario prefettizio della Ipab Casa
di abbandono, sono stati rispolverati e della Fanciulla Bombini. Con il protocollo
aperti al pubblico, che per l’occasione ha d’Intesa firmato dal primo cittadino nel
potuto usufruire di una visita guidata e 2009, l’Arcidiocesi si accollerà le spese di
recuperare tracce di una storia locale a ristrutturazione dell’immobile, in cambio
pochissimi conosciuta. di una concessione di mezzo secolo e
dell’utilizzo delle strutture a fini sociali.
LA STORIA DELL’
ORFANOTROFIO L’INIZIATIVA
BOMBINI in DETTAGLIO

Per capire meglio di cosa stiamo parlando Non solo una rievocazione storica, si
facciamo un passo indietro nel tempo. Il diceva, in quanto la manifestazione si
convento fu fondato nel 1479 e soppresso è articolata secondo gli schemi della
nel 1811, nel 1817 la sede fu ceduta tradizionale visita guidata all’interno delle
all’Orfanotrofio Bombini, in vita già da strutture dell’ex orfanotrofio femminile.
quasi un secolo (1741) per volontà del La scelta di non lasciare il pubblico libero
medico Pietro Antonio Bombini, che, di “passeggiare” è stata dettata da un
morto senza figli, aveva donato tutti i lato dall’intento di spiegare il significato
suoi beni per la fondazione di un istituto di ogni personaggio della tradizione
per orfane. L’orfanotrofio per questo popolare, dall’altro dall’esigenza di
sottolineare la funzione
delle varie stanze all’epoca
dei Francescani.
Risulta evidente come
l’iniziativa, promossa da
due abili e intraprendenti
parrocchiani, sia stata
significativa in linea con
la riqualificazione del
posto. Narrare ai visitatori
come erano adibiti
prima i locali, vuol dire
recuperare un passato
per alcuni dimenticato
(adulti e anziani) e per
altri inesistente (i giovani).
Le sorti della struttura
sono in balia dei giorni e
chissà se l’anno prossimo,
di questi tempi, staremo
qui a raccontarvi della
seconda edizione de Le
vie di Betlemme o, ancora
meglio, dell’attivazione di
qualche progetto che porti
alla sua rinascita.

LA
NUoVa

ire a
19
LA PUGLIA E LA SHOAH Zaccaria Gallo

Ventisette Gennaio. “ Giornata della memoria”

M
olti i modi e le occasioni per celebrare Ma questo è altro discorso.
questo evento. Tutto dunque è partito dal rinvenimento di un la Casa Rossa di Alberobello
Nelle istituzioni, nelle scuole, alla documento, scritto da un giovane apprendista
televisione e alla radio, sui giornali e nei teatri. sarto, Sebastiano D’Orio, che ebbe l’occasione di la conversazione.
Il Circolo Unione di Bisceglie e l’Unitre di Bisceglie entrare molte volte nella Casa Rossa e di poter poi Ma il merito di questa serata è anche quello di
lo fannocon una bella serata di approfondimento testimoniare, con una serie di pro-memoria, quello aver fatto conoscere due artisti austriaci passati
e di cultura. L’invito è accattivante: La Puglia e la che direttamente vide e gli incontri che fece. per la Casa Rossa: il musicista Charles Abeles e
Shoah – Il transito degli ebrei dal 1940 al 1943. Dalla relazione e da ciò che si conosce, ne viene fuori lo scrittore Hermann Hakel.
Ne parla il prof. Pasquale Gallo, docente di un quadro meno fosco e un po’ più rassicurante Dopo aver tratteggiato la loro figura e la loro
lingua tedesca all’Università di Bari, portando di quello che ci si poteva aspettare. I detenuti storia personale, bei momenti sono stati quelli
studi e immagini, dati e testimonianze di quello godevano di una certo regime di tolleranza. Non in cui la pianista Vanna Sasso ha eseguito di
che avvenne nella nostra regione dal 1940 all’8 risulta che ci fossero particolari episodi di violenza Abeles uno splendido valzer, conosciuto come
Settembre del ’43. Fino al momento in cui, in altre e tortura. Ma non bisogna sottovalutare mai che “Valzer Felicità”.
parti d’Europa e d’Italia, l’antisemitismo non la vita degli ebrei, anche in quella struttura, non Invece, di Hakel il gruppo di lettura drammaturgica
diventò così virulento da portare alla più grande dovette essere molto buona. Euterpe 2010, guidato da Zaccaria Gallo (Maria
tragedia della storia: l’olocausto. Intanto avevano dovuto lasciare le loro case, il loro Antonietta Masciopinto, Enzo Ciani, Lucrezia
Nel periodo precedente, dunque, centinaia di lavoro, i loro famigliari. E poi la fame , il freddo Dell’Olio e una stupenda Pia Ferrante) ha letto
ebrei furono “trattenuti” all’interno di alcune e comunque la perdita della libertà individuale alcune toccanti poesie.
strutture appositamente ricavate per accoglierli: non possono non aver inciso sull’anima di tutte Con gli stessi attori e lettori, ho voluto, comunque,
a Manfredonia, a Gioia del Colle, nelle Isole quelle persone, colpevoli solo di appartenere ad proporre due frammenti del mio lavoro teatrale
Tremiti, ad Alberobello, in una ex scuola agraria, una razza e a una religione diversa. “ Il Giusto” e una lettura del resoconto del sarto
chiamata “ la Casa Rossa”. Paradossalmente molti di loro con l’8 Settembre Sebastiano D’Orio.
Chi oggi si recasse in quel posto, a parte un resort, riuscirono a salvarsi. Molti altri, invece, Perché? Perché della Shoah, comunque si stava
non potrà non notare il degrado in cui versa nell’illusione che la guerra fosse finita, se ne parlando!
quella struttura, che tra l’altro fu adoperata, dopo tornarono al Nord, dove furono arrestati e passati E anche perché, se è vero che Adorno sosteneva
la guerra, sempre per “ trattenere”ex fascisti e poi nelle camere a gas di Auschwitz e di Dachau. che sarebbe stato difficile scrivere poesia dopo
“donne indesiderabili”. Questa “diversità” di trattamento degli ebrei in Auschwitz, altri hanno detto che invece non
Ed è il solito peccato di incuria di alcuni italiani. Puglia è stata forse il dato più interessante di tutta solo è possibile scrivere poesia o racconti o libri
o testi teatrali, ma che è necessario, soprattutto se
riteniamo che sia l’amore a muovere la poesia.

IL FILO DI LANA
La Shoah è stato il più tragico capitolo della
intera storia umana, in quanto ha rappresentato
Fabrizio Rigante il trionfo dell’odio cieco sull’amore. Ma ha anche
dimostrato che l’amore non è sentimento da
Paolo Jorio racconta l'epopea degli italiani in Usa relegare nella sfera degli affetti personali: ha anche
una dimensione impegnativa nella società e deve
dunque essere testimoniato a chi oggi o non vuole
ricordare o fa finta che nulla sia successo.
conclusione della manifestazione
organizzata dal Club Unesco di
Bisceglie per celebrare la 97ª Giornata
Mondiale delle Migrazioni indetta
OLOCAUSTO:
dalla Chiesa Cattolica Italiana.
Testimonial dell'evento, il Past Vice L’ULTIMO GRIDO
Presidente dell'Aereoporto Pearson
-Toronto, Vito Lotito, pugliese Gaia Di Pierro
emigrato in Canada 40 anni fa.
Trattasi del primo appuntamento Le forti braccia del mio cuore tremano come foglie,
sui Diritti Umani previsti dal Club nel guardare ancora lo struggente spettacolo di vuote spoglie.
di Bisceglie per celebrare il 2011 Ai nostri corpi hanno strappato le anime,
Unesco, Anno Internazionale della alle nostre bocche hanno rubato le parole,
Chimica e della Filosofia. ai nostri occhi hanno tolto la luce,
Emozionanti sono state le letture ai grembi i vagiti,
del libro, a opera di Zaccaria Gallo, alla vita i suoi colori.
Pia Ferrante ed Enzo Ciani, mentre Rombi di sparo lacerano i cuori ormai infranti
Pina Catino: fotografie degli italiani emigrati in Usa
i canti dei migranti sono stati affidati a e lasciano scorrere le lacrime di vetro sui visi dei piccoli agnelli.
Elisabetta Sasso e a Vanna Sasso. Sguardi che urlano,
Se nella litografia era virtualmente contenuto il giornale La fotoreporter Pina Catino, Presidente corpi senza identità,
illustrato, nella fotografia si nascondeva il film sonoro del Club Unesco Bisceglie – intervenuta mani che pregano di essere slegate dalla prigione della vita.
(Walter Benjamin). all’evento insieme a Jorio e al Sindaco Spina Non siamo più esseri umani ,

L
– ha curato una mostra fotografica che da un ma ombre che bisbigliano nella notte.
eggendo il libro di Paolo Jorio, Il Filo lato omaggia le testimonianze iconografiche, Parlare, sorridere, amare
di lana, presentato giovedì 13 Gennaio dall’altro il tema della Chimica. sono azioni che non ci appartengono più.
presso il liceo scientifico da Vinci, L’unico verbo coniugato è l’imperativo.
possiamo immaginare un film sonoro. Tema Paolo Jorio ha condotto “Radiodue 3131” e “La Sono troppo laceranti le lame di cristallo che affondano nel cuore
del libro è l’emigrazione degli italiani negli topolino amaranto”. Ha scritto diversi reportage come coltelli nella carne di ignoti cervi.
Stati Uniti: un viaggio attraverso l’intensità e curato circa duecento documentari d’arte. Il sole abbaglierebbe il cristallo
delle emozioni, i sentimenti, la fragilità e la Collabora con “Viaggi” di “Repubblica”, ha e i miei occhi sono troppo deboli per sopportare una luce
forza dell’essere umano. all’attivo pubblicazioni d’arte e un manuale sul forte al punto tale da aprire gli abissi della mia anima di paglia
La presentazione de Il Filo di lana, patrocinata giornalismo radiofonico. Dal 2003 è Direttore del schiacciata da uno stivale di ferro.
da Regione Puglia e Comune, segna la Museo del Tesoro di San Gennaro, Napoli.

20
ZAGARE E SANGUE Serena Ferrara Non c’è nessun editore puro in campo,
ma padri e padroni. Ne deriva una
l'informazione in terre di mafia raccontata situazione che chiude in una morsa
inesorabile i diritti di autonomia e libertà
da Vincenzo Arena che dovrebbero essere i motori della buona
informazione. […]Con una forza lavoro

C
osimo Cristina, Mauro De Mauro, che spesso è […]costituita da volontari
Giovanni Spampinato, Peppino che saranno sfruttati, spremuti, senza
Impastato, Mario Francese, Mauro retribuzione o sottopagati a tre o cinque
Rostagno, Pippo Fava, Beppe Alfano: otto
euro ad articolo *
giornalisti, «che non voglio definire eroi – precisa
l’autore - per non scadere nella retorica» morti nella
.
*(Caselli,G.C. 2008, Prefazione a “Giornalismi&Mafie.
Sicilia dell’ultimo trentennio del secolo scorso Alla ricerca dell’Informazione Perduta” , in “Zagare e
e cancellati dalla memoria collettiva. Insomma, Sangue”, pag. 123)
ammazzati due volte per aver testimoniato
l’inferno, senza inarcare la schiena al potere.
Il potere politico della mafia e quello mafioso sarà emblematico in funzione preventiva […].
della politica connivente, basato sul rapporto L’importante è non collegare, non tirare somma, non
“dominazione-sottomissione”, «perché sin dalle sbirciare dietro l’apparenza, non contestualizzare».
sue origini – scrive – è sempre la mafia che impone Insomma «non è importante che si faccia silenzio, ma
le sue condizioni ai politici. Non viceversa». che si pratichi un giornalismo “passivo”». Ed è per
Oggi, lungi dall’essersi estinta, Cosa Nostra questo che Cosa Nostra «dopo essersi infiltrata fra i
agisce più in silenzio («ha mandato a scuola i politici, dopo aver penetrato pacchetti azionari e aver
suoi picciotti, si è affinata» dice l’autore) ed è intaccato anche parte dell’alta finanza, ha compreso
riuscita a penetrare come non mai nell’editoria, che era opportuno darsi anche all’antimafia». E
spegnendo quelle voci ribelli che hanno scritto, chiaramente all’editoria.
filmato, raccontato a testa alta, senza rinunciare La vera minaccia alla criminalità organizzata,
al desiderio di vivere liberi per paura di ci scrive Arena? E’ il web, un media scivoloso
morire. e incontenibile, potente come nessun altro, che
Vincenzo Arena, concittadino giornalista però, per miopia della classe politica, carenze
dalle “antiche” esperienze politiche, debutta infrastrutturali e competenze disomogenee della
in libreria con questo saggio Zagare e Sangue 2010 – collana “Nuova voci – I saggi”), che è popolazione, resta in gran parte insfruttato.
– l’Informazione è Cosa Nostra (Albratros, precisamente un traslato della sua esperienza L’autore però si spinge oltre al rapporto tra
di giornalista/cittadino combattente. informazione, circuiti politico-istituzionali e
Il 28enne direttore responsabile del strutture delinquenziali e giunge a dare una
Il decalogo del buon settimanale Mediapolitika potrebbe soluzione concreta per l’estirpamento del cancro
anche smentire il legame tra la sua della criminalità organizzata.
giornalista antimafia archiviata militanza nella politica locale e Una soluzione che si chiama Lavoro e che ha
il successivo percorso professionale, ma a bisogno di un humus di cultura, costruito tra i
tratto da “Zagare e Sangue”, V. Arena, Albatros, 2010
me pare di vedere tutto il suo impegno tra banchi della scuola elementare come nelle aule
la gente riversato in queste 250 pagine di delle università. «In Sicilia, come nel resto del
testimonianze tradotte e interpretate. Meridione, senza politiche sociali appropriate, senza
1 Essere cacciatore di verità
Della vecchia tessera di partito, dunque, adeguati investimenti per lo sviluppo economico, sen-
Arena non si è servito per ottenere il za infrastrutture ed occupazione, qualsiasi battaglia
2 Ascoltare il territorio e consumare le suole
ticket d’ingresso in una illustre redazione, contro “la piovra” sarà persa in partenza».
ma, rendiamogliene merito,
3 Oltre la cronaca. Testimoniare la bellezza e
per un nobilissimo scopo: far
l’inferno
capire che “l’informazione è
Cosa sua”, ovvero che scrivere
4 Superare la soglia del silenzio e della paura
da “indipendente” si può,
soprattutto se si è maturata una
5 Mai più soli. Pretendere la vicinanza di
consapevolezza speciale, tramite
istituzioni, colleghi, associazioni di categoria
un vissuto esperienziale come
nel percorso di denuncia.
il suo.
Zagare e Sangue è un saggio
6 Schiena dritta e libere coscienze. Al bando il
intenso e sudato, che tra le
“parallelismo” e la connivenza con politici e
righe nasconde tutta la tensione
poteri forti
idealistica (non ideologica)
repressa o castrata da Arena
7 Lontani da “editori legati” e da conflitti di
negli ultimi intensi anni di vita
interesse
romana.
Ma veniamo al libro, che
8 Seguire le tracce dei “buoni maestri”,
racconta dello strano rapporto
cronisti di borgata e dai giornalisti senza nomi
tra giornalismo e mafia. Quello
altisonanti che hanno fatto risuonare forte il
che Arena ci spiega è che la mafia,
nome della loro dignità
oggi «organizzazione malavitosa
ad incidenza globale […] nata come
9 Essere dissacranti e irriverenti: nulla di più fa
forma di giustizia alternativa a
infuriare i potenti
quella dello stato» vuol leggere di sé
sui giornali e sulle agenzie stampa,
10 Essere cross mediali, ovvero rendere la
perché «certe notizie non danno
convergenza dei mezzi di comunicazione,
fastidio, anzi possono addirittura
convergenza antimafia dei mezzi di
essere utili: se il giornalista descrive
comunicazione
particolari impressionanti di
un omicidio mafioso, quel pezzo

21
2011: l’anno del 3D Bartolomeo Pasquale

Alla scoperta del tunnel blu

N
ovità per l’intrattenimento casalingo, esigenze degli utenti. Il regalo che il 2011 porta
che sempre di più si fregia delle ai cineamatori, è una sala 3D, in cui il grande
nuove tecnologie per soddisfare le schermo si fa tridimensionale. Ma cosa ti dà in più il 3D? Sicuramente danno
L’innovazione, introdotta prima dai colossi i brividi le scene che si allungano fino quasi a
proprietari delle multisala, riguarda però toccare lo spettatore e a renderlo protagonista
oggi uno locali dei storici della città: il cinema della pellicola; senza dubbio la possibilità
Politeama Italia di via Montello. di circondarsi di suono grazie al sistema
La sala (delle due è la Sala A) ospita circa Dolby surround ha il suo bell’effetto. Ma
500 persone ed è già attrezzata per le visioni sappiate che alla lunga gli occhialini stretti e
delle stereoscopie. Ad inaugurare il nuovo la grafica smagliante (dovuta agli anaglifi, che
proiettore è stato il film Le cronache di Narnia sovrappongono due immagini) possono arrecare
3, mentre in questi giorni, dopo i dilaganti disturbi visivi.
consensi di pubblico di Che bella giornata, il In più, nel caso in cui capitasse di perdere
film di Checco Zalone, è in proiezione il film l’oggetto della tridimensione, può accadere che il
Animal United 3D. senso dell’orientamento nella scena venga meno
La novità del Politeama ha già riscosso i suoi e si avvertano nausea e altri problemi. Occhio,
buoni consensi, visto che la mania per la terza quindi, a non esagerare. E valutate bene, se del
dimensione sembra ormai aver contagiato 3D siete amanti, a fare acquisti del tipo schermi
tutti i cinefili, senza distinzione di età, sesso tv in 3D e consolle di nuova generazione che
e formazione culturale. Esemplare in questo permettano di giocare in 3D. A casa, senza
senso il picco raggiunto dai film Avatar di i giusti accorgimenti, affaticare l’occhio per
James Cameron e Alice in Wonderland fra la garantirsi una visione spettacolare, potrebbe
fine del 2009 e l’inizio del 2010. avere effetti ancor più spiacevoli.

a bisceglie Vergine si diventa Roberta Monopoli

Un convegno formativo-culturale sull’olio extravergine d’oliva


presso l’Arci Open Source

I
l valore nutrizionale e le proprietà tera- una tarantella del Gargano accompagnato dal prodotti tipici. La Puglia, in questo senso, si sta
peutiche dell’olio d’oliva sono note sin dai suo organo diatonico, sorta di antenato della muovendo con il PSR (Piano di Sviluppo Rura-
tempi antichi, tanto che Omero lo definì fisarmonica. le), per finanziare tutte quelle attività connesse
“oro liquido”. A questo piacevole intermezzo musicale è segui- al concetto di ruralità, che va ben oltre quello
Nasce da Giuseppe Colangelo, socio Open to il dibattito, moderato dalla dott.ssa Nadia Di di agricoltura.
Source, l’idea di organizzare una giornata in- Liddo, durante il quale Enzo Galantino, dopo Istituzionale e informale allo stesso tempo è
formativa e culturale sul prodotto di punta del aver illustrato gli scenari internazionali della stato l’intervento di Gianni Porcelli, Direttore
nostro territorio: l’olio extravergine d’oliva. produzione olearia, ha annunciato che a Mono- del Gal Ponte Lama, che ha detto la sua senza
L’evento, rivolto non agli addetti ai lavori ma poli è stato messo a punto un nuovo metodo di peli sulla lingua: «Da noi è sempre mancata la
ai semplici consumatori, ha avuto luogo Dome- analisi dell’olio che entrerà in vigore in Europa promozione del territorio. Qui, per esempio, non
nica 23 Gennaio presso l’Arci Open Source e si entro il 1 Aprile 2011, aprendo un nuovo capitolo dovreste vendere birre ma bombino bianco. Serve
è articolato in tre fasi intervallate da momenti per l’agricoltura italiana. una rivoluzione culturale che parta dalla formazione
culturali molto graditi all’eterogeneo pubblico Quindi Mauro Bombini, produttore di olio della popolazione locale per fare in modo che i nostri
intervenuto. extravergine biologico, ha elencato le regole figli non debbano lasciare la Puglia per trovare un
La prima fase dell’incontro ha visto protagonisti d’oro per ottenere un buon olio d’oliva. Prima lavoro».
Enzo Galantino e Mauro Bombini, due esperti tra tutte, quella di molire le olive entro le 48 ore Curioso è stato l’ intervento di Leo dell’Olio,
assaggiatori di olio extravergine d’oliva, dalla raccolta. maestro pasticcere, che ai presenti ha spiegato
che dopo aver dato cenni del vocabolario E’ stata poi la volta di Pino Africano, nutrizio- come conservare il gusto dei dolci sostituendo ai
specifico dell’assaggio, hanno proposto nista e provocatore per professione, che, con il grassi animali l’olio extravergine d’oliva.
la degustazione di un olio di alta suo fare noto al grande pubblico, ha fatto notare A tirare le somme di quanto detto durante il
qualità e di un olio che quanto poco sappiamo di un alimento così convegno ci ha pensato il dott. Alessandro Ric-
presentava difetti. Degna importante per la nostra salute e per la nostra chiuti, esperto di economia, che ha sintetizzato
di nota la partecipazione economia. La presenza in etichetta di informa- i vari interventi e concluso dicendo che l’unico
dei numerosi presenti zioni sulle proprietà benefiche dell’ extravergine modo per salvarsi dalla crisi è attivare una fitta
che hanno posto – concludeva aprile - farebbe crescere di sicuro collaborazione tra tutti gli attori del settore.
domande, fatto le vendite. La serata si è risolta in bellezza con un Happy
osservazioni e Altro siparietto, questa volta teatrale, in com- Hour a base di olio extravergine d’oliva e una
infine sottoposto ai pagnia di Valentina Vecchio (attrice-narratrice selezione musicale a cura di Marco Valente dal
due assaggiatori campioni biscegliese) e della sua “leggenda dell’Ulivo”. titolo “Jazz has a rock soul”.
del proprio olio. Quindi Franco Mastrogiacomo, responsabile Erri De Luca aveva ragione, quando scriveva
A seguire, un fuoriprogram- dell’Asse IV-PSR Puglia, ha sottolineato l’impor- che: «Il Sud è civiltà spalancata sul mare più bello del
ma, ossia l’esibizione del tanza di responsabilizzare l’agricoltore, affinché mondo, è terra di magnifiche produzioni agricole, di
maestro Giovannangelo diventi custode e promotore del nostro paesag- attrazioni irripetibili in ogni borgo: il Sud sta seduto
De Gennaro, che ha intonato gio, ulteriore risorsa da “vendere” a fianco dei su un tesoro e crede di doverlo cercare altrove».

22
DAI TRAPPETI AI FRANTOI
L'evoluzione tecnologica del processo produttivo
dell’olio d’oliva nel secolo scorso
Preside Giuseppe Di Pierro

D
urante il secolo immutato. Nei frantoi furono costruite
scorso si apporta- cisterne rivestite internamente di lastre di
rono diverse inno- pietra (piscine o posture), ove veniva versato
vazioni nelle attrezzature e conservato l’olio prodotto, fino alla vendita metodo della macinazione.
dei “Trappeti”, che in parte e consegna dello stesso. Le foglie ed altre impurità vengono espulse e
modificarono il procedimen- All’atto della consegna, l’olio veniva travasato quindi ammucchiate fuori dell’apparato, mentre
to di estrazione dell’olio d’oliva. con apposite elettropompe dalle piscine ai a fine ciclo la sansa, residuo della lavorazione,
Il processo di innovazione si svolse serbatoi metallici posti sui mezzi di trasporto. viene privata dai noccioli delle olive, già
in fasi successive. L’ultima grande evoluzione è avvenuta però alla frantumati e raccolti a parte per essere venduti
Una prima spinta alla meccanizzazione era in atto fine del secolo scorso con l’introduzione delle quale combustibile. La parte rimasta viene
già negli anni '30. macchine continue. venduta ad altre industrie olearie, direi di secondo
In primo luogo fu automatizzato il vascone, che Queste sono dotate di un frangitore delle olive, grado (sansifici), che provvedono all’estrazione
fu dotato di un impianto elettromeccanico che di un gramolatore (della pasta ottenuta dalla dell'olio residuo con processi chimici, che a loro
permetteva l’autonomo movimento delle macine. frangitura) e di un estrattore di olio che a fine volta producono l’olio rettificato.
Quindi furono eliminati gli animali adibiti a ciclo fuoriesce dalla centrifuga (separatore). Queste nuove attrezzature permettono di
movimentare le ruote. Ovviamente l’olio estratto e l’acqua di vegetazione trasformare oltre 1.300 quintali di olive al giorno
I torchi in legno furono sostituiti da torchi vengono direttamente convogliati nei rispettivi per ogni linea di lavorazione.
metallici, anche se le operazioni di avvitamento depositi. Le poche decine di quintali trasformati nei
erano ancora fatte a mano dagli operai. A monte della macchina continua è installata una Trappeti Ipogei sono rimaste un ricordo storico
Per dare maggiore pressione ai torchi fu macchina defogliatrice e lavatrice delle olive. per noi ottuagenari.
impiantato un argano meccanico (detto vinci), Tutto il processo è automatizzato. Conl’ammodernamento degli impianti per la
all’estremità della fila dei torchi. Sull’argano Dopo il prelievo dai depositi con appositi lavorazione vi è stato un cambiamento dei luoghi
si avvolgeva una lunga corda metallica che a secchioni (coppini), montati su carrelli elettrici, atti ad ospitare i vari opifici. Si è passati dai
sua volta veniva agganciata ad apposito palo. le olive vengono versate in una tramoggia. Con Trappeti Ipogei, ai grandi cameroni, dagli ampi
Il movimento rotatorio dell’argano permetteva l’ausilio di un nastro trasportatore si carica la spazi a piano terra del secolo scorso ad appositi
alla corda di avvolgersi e ritirarsi al fine di tirare macchina defogliatrice, che provvede a liberarle capannoni o stabilimenti oleari.
a fasi alterne il famoso palo. Sostituiva in sostanza da tutti i corpi estranei, a lavarle e a versarle nel Cambiando le strutture, anche il nome di questi
il lavoro manuale degli operai nelle fasi finali frangitore, che a sua volta riduce le olive in una opifici si è italianizzato: non più trappeti, bensì
di avvitamento dei torchi. In tal modo si dava poltiglia, simile a quella ottenuta con il vecchio frantoi oleari.
maggiore pressione ai fiscoli ottenendo una
maggiore quantità di olio.

Nel vino, la verità


Ma già negli anni '40 i torchi vennero sostituiti
con presse idrauliche di due tipi: le ammaccatrici,
a bassa pressione, provvedevano ad una prima Fabrizio Rigante
spremitura; le presse, più potenti, raggiungevano
anche la pressione di 350 atmosfere (Kg x cmq).
L’olio estratto da queste ultime era di colore verde Margherita Pasquale racconta la storia
denso ed era detto verdolino.
Le operazioni di spremitura della pasta dell’arte pugliese in un ceppo di vite
avvenivano in due fasi successive prima i
fiscoli appena riempiti venivano compressi

I
dalle ammaccatrici, successivamente venivano
prelevati e passati sotto le presse. n vino veritas, dicevano gli Antichi Romani. aveva collaborato
A sua volta l’olio non veniva più separato a mano, Nel vino c’è la verità. Un proverbio una vera e propria
come in passato, ma attraverso i separatori, confermato dal percorso storico-artistico équipe di studiosi:
macchine centrifughe ove veniva convogliato affrontato dalla dott.ssa Margherita Pasquale archeologi, enologi,
il liquido raccolto dalle presse. La centrifuga – socio del Rotary Club Bisceglie, direttore agronomi e storici
provvedeva a separare l’olio dall’acqua di storico dell’arte presso la Soprintendenza per i dell’arte.
vegetazione, che fuoriusciva da due tubazioni Beni Architettonici e il Paesaggio delle Province Con la sua solita gioia
distinte: l’olio veniva raccolto in appositi di Bari e Foggia nonché direttrice del Castello di divulgare, Margherita
recipienti, mentre l’acqua di vegetazione veniva di Trani –, che il 28 Gennaio ha ripercorso, Pasquale ha mostrato e
scaricata direttamente in pozzi detti morchiai. su invito del Rotary Club Bisceglie, la storia analizzato intere carrellate
Il resto del processo di lavorazione rimaneva dell’arte della Puglia tramite le apparizioni del immagini (in particolare
vino nelle più belle opere d’arte custodite nella della Puglia medioevale),
nostra regione. interpretando per ciascuna
L’idea di presentare una la simbologia cristologica,
rassegna di immagini filosofica o politica della
aventi per tema la vite, l’uva rappresentazione.
e il vino nasce in seguito Dal pavimento del
alla sua collaborazione con Duomo di Otranto a
l’Accademia Italiana della l’Abbazia Garganica
Vite e del Vino, per la quale di Monte Sacro, dalla Basilica Barese di San
realizzò il volume Storia Nicola alle cattedrali di Otranto e Altamura,
regionale della vite e del per passare dalla Chiesa Brindisina di Santa
vino. Le copie del volume Maria del Casale ai castelli di Federico II. Un
sono state ahimè distrutte piacevolissimo percorso tra storia e identità che
da un’alluvione. Alla non poteva concludersi al meglio: con un buffet
realizzazione del progetto assortito di vini rossi, crostate, taralli e uva.

23
Bisceglie calcio: La mia storia
terzo posto saldo non è l’apice
Neroazzurri a meno cinque dal Cerignola Esclusiva con il dimissionario
Bartolomeo Pasquale
Nico Ventura

S
embra ormai un discorso aperto a Bartolomeo Pasquale
Sallustio entrambi classe 1992 che hanno
tre formazioni quello relativo alla già fatto vedere attraverso vari gol ed
promozione diretta in serie D che assist di che pasta sono fatti.
annovera fra le protagoniste (oltre a Da annotare nel taccuino gli ultimi cinque
Manfredonia e Martina) anche il Bisceglie risultati della formazione di Enzo Del
di Enzo Del Rosso, il quale alla distanza Rosso: il 7 Gennaio i biscegliesi vengono
ha però risentito dei carichi di lavoro e battuti 1-2 dal Tricase con gol di Ferrante,
dell’ossessività dell’opinione pubblica Striano e Cardascio; due giorni dopo la
scivolando leggermente dalla prima alla vittoria a Terlizzi contro i rossoblu del
terza posizione e raggranellando solo sei nuovo corso di Pino Giusto: 3-1 il finale
punti in cinque partite. Piccolo ruolino con svantaggio iniziale e successivo
di marcia che tuttavia la fa restare in scia recupero con Di Pinto, Malerba con un
della formazione tarantina con la distanza eurogol ed il giovane Minenna. Stesso
di una sola lunghezza. risultato contro il Locorotondo con gol
Sul fronte mercato è stata dolorosa la di Persia, Masi e doppietta di Di Pinto
partenza di Daniele Sisalli, destinazione (arrivato alla soglia dei 15 centri). Ancora
Fasano, il quale durante il periodo di dopo sconfitta 1-0 col Fasano e poker
crisi societaria (vedi numero di Dicembre vincente in casa nell’ultima contro il
ndr) batteva grancassa viste le grandi Racale.
prestazioni offerte nel girone d’andata. Il prossimo turno sulla carta risulta
A rimpiazzarlo, due giovani di sicuro facile: contro il Manduria, ultimo in

N
affidamento prelevati dalle giovanili del classifica e vittima del recupero roboante
Barletta: Nicola Minenna (preso però in graduatoria di un Manfredonia ancora essuno poteva pensare alla crisi del settimo anno,
tramite il Boca S. Lazzaro) ed Andrea nel pieno del bailamme economico. fino al 14 Gennaio quando Nico Ventura, storico
tecnico dell’Olimpiadi calcio a 5, ha deciso di
rescindere il contratto che lo lega alla società biancoazzurra
Sport

Olimpiadi Calcio a 5: dalla stagione 2004-05.


In esclusiva per “La Nuova Diretta” l’ormai ex allenatore

un salto nel vuoto


biscegliese ha lanciato parole al miele per tutti i componenti
del collettivo:
B. P.
Qual è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso?
Sciacqua avvicenda Ventura «Per una scelta così difficile non c'è mai un solo motivo, mai una
sola goccia. Certo, dopo le cessioni di Sheva e Diego, l'infortunio
di Alex è stata una tegola che ha ulteriormente ridotto il nostro

E
potenziale ed affossato il morale del gruppo. C'era la necessità di
ravamo rimasti a una scossa all'ambiente ed ho provato a darla io».
Dicembre, con un
pizzico di ottimismo Per cosa ipoteticamente lei si sentirebbe in colpa?
e di fiducia che non guasta «In queste situazioni le responsabilità vanno sempre condivise,
mai, nei confronti di una quindi anche io ho le mie e me le prendo; ma non me ne vogliate,
squadra che sta tentando le tengo per me. Certo tutto quello che ho fatto, l'ho fatto per il
di risalire la china in un bene della squadra e della società».
campionato difficilissimo
da esordiente. Con l'organico a disposizione anche dopo il mercato di
Gennaio, l'Olimpiadi riuscirà a restare in A2?
Tuttavia nel mese di «La squadra si è indebolita, mentre molte concorrenti alla salvezza
Gennaio l’Olimpiadi si sono rinforzate. Si dovrà gettare il cuore oltre l'ostacolo ed
calcio a 5 si è abbandonata attingere a risorse di tipo non squisitamente tecnico: sono certo che
letteralmente a sé stessa i miei ragazzi faranno il tutto per tutto, ma non sarà facile».
inanellando quattro sconfitte in altrettante arrivate contro l’Acireale per 7-2 (Olimpiadi
gare e provocando, evento clamoroso senza Friselli, Sasso e D’addato), contro Lei si vedrebbe sulla panchina di un'altra squadra che
nel sodalizio, la rescissione contrattuale l’ex fanalino di coda Città del Golfo per non sia l'Olimpiadi?
del tecnico Nico Ventura prima di patire 2-3 (reti di Ricco, Friselli, Bachega, Da «Dopo 7 anni pensare di allenare in un'altra società non è facile,
la debacle contro il Modugno, in data costa ed iniziale autogol di Magueran), ma non posso escludere nulla. Mi auguro solo di far parte di
15 gennaio. L’acquisto del laterale italo- contro il Modugno, nella prima di Luciano un progetto ambizioso, aldilà della società e della categoria...
argentino Javier Fernandez non ha neppure Sciacqua, per 7-1 (fra i pali l’esordio del Vedremo».
scaldato gli animi grigi dei componenti giovane Belsito), e a Napoli contro il Caffè
della squadra (scossi dalle cessioni di Diego Marigliano. Cosa augura allo sport biscegliese e specialmente
e De Cillis) e della tifoseria, pressoché allo Quest’ultimo è stato il match col passivo all'Olimpiadi?
sbando. Per la serie “piove sul bagnato” più pesante visto il risultato finale di «Domanda su cui si potrebbe scrivere un libro... allo sport
troviamo anche l’infortunio di Alex contro 12-2 dove l’Olimpiadi segna con Ricco, biscegliese auguro che un giorno possa ritrovarsi attorno a valori
il Città del Golfo ,una distrazione alla coscia direttamente da corner, e Dell’Olio. condivisi, al di là della disciplina e dei protagonisti, senza stupidi
destra che ha ammutolito in quella serata il L’ultima partita del mese di Gennaio ha campanilismi che non portano a nulla; e preferisco fermarmi
Paladolmen e che si è posto come ulteriore visto un’altra eloquente batosta casalinga qua. Quanto all'Olimpiadi, spero che la cavalcata compiuta
ostacolo al tanto sospirato traguardo della contro il Putignano per 0-6. Le speranze di insieme (dalla serie C alla serie A2) possa essere solo un punto
salvezza anticipata. Per il pivot brasiliano salvezza sono ormai ridotte al lumicino. di partenza per mille altri successi, non soltanto l'apice di una
stagione praticamente finita. Prossimo turno, esterno, contro il Fasano storia incredibile».
A dover di cronaca, le sconfitte sono il prossimo 12 Febbraio.

24
ASD Olimpia Basket: Bisceglie calcio a 5:
è notte fonda Domenico Aurora Douglas già
dimenticato?
Esonerato coach Ciracì, squadra affidata a Galli
Jubansky esordisce con gol e
giocate

B
rutto momento in casa Ambrosia: cinque si arrendono ad un canestro di Ruini a 4” Bartolomeo Pasquale
sconfitte consecutive (otto in nove dalla sirena dopo aver sciupato un vantaggio

I
gare) costano l’esonero a coach Ciracì, di 13 punti in chiusura di terzo quarto. 57-59 n casa Bisceglie calcio a 5 si vedono (quasi) tutti,
allenatore esperto, che tanto di buono ha fatto a il punteggio finale dove pesano molto alcune dall’alto verso il basso. Il terzo posto a quota 33
Bisceglie in questi due anni e mezzo portandola scelte discutibili dei direttori di gara. La gara punti è il piazzamento record mai conseguito
dalla C Dilettanti alla serie A. Nessuno, a successiva vede per l’ultima volta coach Ciracì nel girone d’andata per la formazione di Leopoldo
Novembre, mese in cui la squadra aveva in panchina, esonerato dopo il 70-64 subito in Capurso (superato il 5° piazzamento delle stagioni
raggiunto la vetta della classifica, avrebbe terra tarantina. 2006-2007 e 2009-2010).
immaginato un simile epilogo ma purtroppo Una squadra apparsa molle e con l’evidente Unico rimpianto di questa stagione è stato il non aver
si vive di risultati e se questi non arrivano la paura di perdere nei momenti cruciali onorato al meglio i derby contro il Putignano. Dopo
scelta più facile, anche se dolorosa, è quella di dell’incontro. Solo per la cronaca i 14 punti di il clamoroso 8-5 del girone d’andata, nel match di
cambiare coach. Le ultime quattro partite di Gori. Squadra affidata a Galli, coach lombardo, ritorno i neroazzurri sono stati sconfitti per 1-3. Dopo
Ciracì si sono tramutate in altrettante sconfitte. in passato sulle prestigiose panchine di Varese l’ultima gara contro l’Asti, prima del giro di boa del
La prima contro il Ruvo capolista per 65-60. A e Rimini. Esordio amaro per per il nuovo torneo, il Bisceglie sbarca a Città S. Angelo contro
nulla sono valsi i 17 punti di un ottimo Gori. allenatore. Contro il Trapani vicecapolista, l’Acqua e sapone dell’ex Zaramello, trionfando con
Sette giorni dopo, altra sconfitta, stavolta in vantaggio di 5 punti a 100” dallo scadere, un risultato tennistico: 0-6 con una quaterna di Dao,
clamorosa, contro il fanalino di coda Palestrina, il Bisceglie s’inchina alla squadra siciliana e Mocelin ed il neo acquisto Jubansky che col suo
nella quale il Bisceglie non è riuscito ad arginare prolunga la serie nera. Paura di vincere ancora secondo gol consecutivo sale agli onori della cronaca
la guardia predestina Ricciardi, autore di ben una volta fatale nei momenti decisivi per i ed inizia a diventare un idolo per la tifoseria, tale da
34 punti, la metà della sua squadra visto il nerazzurri. non far rimpiangere Nicolodi.
punteggio finale di 69-67. Da citare, tra le fila Prossimo turno a Sant’Antimo il 5 Febbraio Successivamente arriva la vittoria per 4-2 in un
biscegliesi, i 17 punti di Raschi. contro una squadra che sta attraversando un match difficoltoso contro l’Augusta con reti di Dao
Sette giorni dopo altra sconfitta di misura, tra buon momento di forma e di risultati. Fischio (2), Pedotti ed ancora Jubansky. Più sofferti i tre
le mura amiche, contro il Latina. I nerazzurri d’inizio alle ore 18. punti conquistati sette giorni dopo contro l’Atiesse
Quartu Sant’Elena, con i rossoblu cagliaritani passati
in vantaggio al settimo con Matheus e poi ripresi da

Sport
ASD NETTUNO: Dao e Gustavo. Ancora del brasiliano ex Luparense
il gol decisivo a 55 secondi dal termine con una lesta

dove sei finito?


zampata.
Contro il Putignano (1-3 con centro di Pedotti) si
Domenico Aurora ritorna invece sulla terra. Tristezza che giunge anche
per l’infortunio del capitano Pedotti, vittima di uno
Momento difficile per la squadra, penultima in classifica strappo muscolare notevolmente doloroso che ha
portato allo sbando la squadra, infilata per tre volte
da Bruno e da Adelmo.

L
L’ultima partita del mese di Gennaio ha visto in
a classifica parla da sola. 14 punti insieme firma il momentaneo 3-3. Su tiro libero il calendario la proibitiva trasferta contro la Luparense.
al Rutigliano frutto di sole 3 vittorie, 5 gol vittoria degli ospiti grazie alla perfetta Senza sorprese il risultato che vede il Bisceglie
pareggi e ben 10 sconfitte. Quello che realizzazione di Basile. sconfitto per 4-1. Di Jeffe su rigore il gol della
fino a qualche anno fa avevamo chiamato il Le altre due sconfitte di Gennaio arrivano in bandiera nerazzurra. Il Bisceglie in settimana avrà
“fortin Nettuno” ora è diventato un campo trasferta contro avversari quotati. Senza storia quindi molto da lavorare per preparare al meglio la
dove molte squadre riescono a portare a casa il 6-2 subito a Sammichele e l’8-3 contro la difficile trasferta di San Martino di Lupari contro la
i 3 punti. Il campionato non è ancora finito, corrazzata - capolista Martina Franca, vincitrice Luparense di Vampeta. Prossimo turno casalingo il
mancano ancora 12 partite, tra cui tante da anche della coppa Puglia. 5 Febbraio contro i felsinei del Kaos Futsal.
disputare contro avversari alla portata della Certamente i punti necessari al
squadra del presidente Papagni. La certezza raggiungimento della salvezza
che vien fuori da questa breve analisi è che la non vanno cercati in queste
squadra deve assolutamente invertire la rotta partite ma si pensi alla sconfitta
per non compromettere quanto di buono fatto contro il Salinis, al pareggio
nelle ultime due stagioni. casalingo contro il Città di Bari,
Per quanto concerne il futsal giocato, nel mese tutte situazioni nelle quali il
di Gennaio si sono disputate 4 partite con Nettuno ha buttato all’aria tre
altrettante sconfitte per il Nettuno che portano punti preziosissimi. Come detto
a 5 la serie di debacle consecutive. Le prime due in precedenza mancano 12
arrivano addirittura tra le mura amiche contro partite al termine della stagione,
il Salinis e il Pellegrino Sport Altamura. sei delle quali da disputare in
La prima termina 2-3, con i biscegliesi in casa. È necessario che il Nettuno
vantaggio dopo la prima frazione di gioco per ritrovi quella compattezza e
2-1 grazie alle reti di Papagni ed Evangelista. quella facilità di giocare tra
Nella ripresa gli ospiti ribaltano il punteggio le mura amiche che l’hanno
con una doppietta del bomber Tedeschi. Sette contraddistinto nell’ultima
giorni dopo altra sconfitta di misura contro il stagione, in modo da poter
Pellegrino Altamura, stavolta per 3-4. Sempre raggiungere l’obiettivo minimo
costretto a rincorrere, nulla può in Nettuno di quest’annata: la salvezza.
contro la caparbietà di una squadra vogliosa Prossimo appuntamento il 5
di rimanere in zona playoff. Il primo tempo Febbraio al campo Nettuno
si chiude sul punteggio di 2-3 con Papagni e contro il Noci. Fischio d’inizio
Ricchitelli che cercano di risollevare le sorti fissato alle 16.
dell’incontro. Nella ripresa ancora Ricchitelli

25
LA DIRETTA nuova
Organo editoriale della
Il Direttore risponde
Ass. Culturale no profit
“ G. B. Ferrara ” Per richieste e segnalazioni scriveteci a: diretta.nuova@libero.it

Direttore responsabile Caro direttore,


Serena Ferrara credo che lei abbia già fatto caso al fatto che il piazzale in via La Marina adibito a parcheggio è
chiuso per lavori pubblici. Noi abitanti ed esercenti della zona non siamo stati avvisati in alcun
modo del disagio che questo ci poteva causare. È trascorso oltre un mese e gli interventi non sono
Vicedirettore
ancora iniziati. Mi chiedo: perché chiudere quell’area pubblica se la zona delimitata non è stata
Pasquale Stipo utilizzata? E poi le sembra appropriato farlo proprio in vista delle feste natalizie? Non si poteva
attendere ancora qualche mese (ne sono già trascorsi 2)? Quante multe sarebbero state risparmiate!
Art Director O la cosa è stata programmata proprio per appioppare multe a chi ha necessità di lavorare, quindi
Felicia Antonino USPI di caricare e scaricare nelle vicinanze degli esercizi? Quando inizieranno questi lavori e soprattutto
quando finiranno?
Il problema dei disagi per i residenti e per le piccole realtà commerciali è un fatto concreto. I lavori
Coordinatore di Redazione pubblici ingombranti, rumorosi e duraturi nel tempo, che ostacolano il normale accesso ai negozi e
Silvia La Fanceschina ai pubblici esercizi e che disturbano la loro attività non è una novità per via La Marina. Numerose
volte la strada è stata interessata da lavori pubblici. Appena veniva ripristinata la normale viabilità,
si presentava una nuova esigenza di cantierizzare. Il che portava altri disagi.
Comitato di Redazione
Possibile che non si riescano a programmare più lavori nello stesso tempo in modo da risparmiare
Fabrizio Ardito tempo, denaro e soprattutto disagi ai cittadini?
Grazia Pia Attolini Isabella M.
Domenico Aurora
Leonardo Cosmai Gentile lettrice,
Alessio Di Liddo il problema dei parcheggi in generale riguarda tut-
ta la città. Quello di via La Marina lo è più di altri.
Giuseppe Di Pierro
Lei ha osservato come quell’area era fondamentale
Zaccaria Gallo per i residenti e per i commercianti. Non ha posto
Cristina Giovenale invece in evidenza la sua importanza strategica
Vito Losciale anche per tutti coloro che, provenendo da quar-
Mariaserena Mansueto tieri lontani, si recano al Municipio o all’Ufficio
Postale. Per questi è una vera tragedia trovare un
Roberta Monopoli parcheggio anche a pagamento. C’è di più.
Bartolomeo Pasquale Via M. A. De Leone, posta all’incrocio tra via
Fabrizio Rigante Gramsci e via Storelli, è stata da poco riaperta
Nicola Silvestris al traffico, dopo una intera stagione di lavori di
manutenzione straordinaria, dovuti ad urgenze
Marco Tempesta
della palazzina che si affaccia sulla strada. Bene, all’indomani dello smantellamento del cantiere, il parcheggio di
via De leone è stato rimesso in funzione. Senza le strisce blu che, Codice della Strada vuole, dovrebbero segnalare
Stampa
la presenza di un parcheggio a pagamento. Senza strisce, il parcheggio dovrebbe essere gratuito. Ma provi a la-
NuovoCentro Stampa-Molfetta scare per due o tre minuti la sua auto senza grattino: si vedrà appioppata una bella multa. E neanche le conviene
contestare: la spesa varrebbe più dell’impresa. Insomma, a due euro a due euro, i gestori del parcheggio pubblico,
stanno facendo fortuna in questi primi giorni dell’anno. Con l’assenso della Polizia Municipale che, pur avendo
Chiuso il 31/1/ 2011 contattato il dirigente della Arcobaleno, consiglia di pagare «tanto si tratta di una cooperativa. Più che del bene
a chi ci lavora, non farete».
Redazione e Amministrazione Ma torniamo a via La Marina. Non si conoscono i tempi dei lavori, ma, visto che l’area servirà da deposito attrez-
zature per tutti i lavori del centro storico, si prevede una lunga stagione di disagi. Senza compensazioni di alcun
tipo, nè morbidezza da parte delle forze dell’ordine. Vuole proprio un consiglio spassionato? Giri a piedi, usi i mezzi
Via Virgilio 12 – Bisceglie (Ba) pubblici e, se il tempo lo permette, pedali! Farà apparire meno tristi le nuove rastrelliere che fronteggiano la Chiesa
Tel – Fax: 080 392 17 86 di S. Luigi, farà bene all’ambiente, al portafoglio, all’umore. E magari smaltirà qualche panettone di troppo.
e-mail: diretta.nuova@libero.it
Offerta di spazi pubblicitari
Registrato al Tribunale di Trani
al n° 296 del 06/02/2003 per messaggi politici elettorali
elezioni 8 Maggio 2011
foto e articoli sono protetti da la Diretta dichiara la propria disponibilità a pubblicare, sul proprio giornale, messaggi politici
copyright, possono essere utilizzati ai sensi dell'art. 7 della Legge 22 febbraio 2000, n. 28 e sue modifiche.
solo dietro richiesta alla redazione
Precisa quanto segue:
• sarà assicurato l'accesso a tutti i partiti o movimenti politici che ne abbiano fatto richie-
sta tempestivamente, garantendo agli stessi una pari quantità di spazio in relazione alla
disponibilità ed ai limiti posti dalla legge. In caso di richieste eccedenti per quantità, le
stesse saranno soddisfatte in base all'ordine di arrivo delle richieste in relazione alla dispo-
nibilità, fermi sempre i limiti posti dalla legge e dal Garante.
• la prenotazione ed il materiale per la pubblicazione dovranno pervenire agli uffici de
“La Diretta nuova” o anche via email all'indirizzo diretta.nuova@libero.it tre giorni lavo-
rativi prima della fine del mese precedente all'uscita della pubblicazione
• Le tariffe sono le seguenti

Bianco/Nero: Quadricromia Redazionale a pagina intera


«“La Diretta settimanale”
fondata nel 1993 • ¼ pag € 80,00 ¼ pag € 120,00 b/n € 270,00
da Maurizio Rana & C.» • ½ pag € 150,00 ½ pag € 200,00 colore € 380,00
• 1 pag € 250,00 1 pag € 360,00

26
volontariato: SCelta di vita
Misericordia d'Italia festeggia i 15 anni con un concorso letterario

Misericordia d'Italia sez. di Il concorso sarà dedicato alla memoria di Anto-


Bisceglie festeggia quest'anno nio Dell'Olio, giovane volontario deceduto in
il quindicinale della un tragico incidente stradale all'età di 21 anni.
fondazione.
Un avvenimento cui
Pioniere anonimo del volontariato organizzato
a Bisceglie, ha dedicato, nella sua breve giovi-
stop ai test
l'associazione di
volontariato intende
nezza, tutto il suo tempo libero per il prossimo.
L'elaborato, redatto in formato word, dovrà
sugli animali

V
dare risalto con una avere una lunghezza compresa tra un minimo
serie di manifestazioni di 3 e un massimo di 5 cartelle. olete festeggiare un San Valentino
che si svolgeranno tra Data ultima per la consegna presso la sede socia- veramente speciale, che non sia
il 2 e 3 Aprile. Tra le più significative, segnaliamo le, il 15 Marzo 2011. La valutazione, insindaca- consumismo sfrenato e gadget
la conferenza sul volontariato che si svolgerà nel bile, sarà curata da una apposita Commissione inutili da riporre in un cassetto?
pomeriggio di Sabato 2 presso la sede EPASS e composta da un docente di lettere, dal Padre Fate un inno al sentimento che lega uomo e
la Cerimonia Religiosa di Domenica 3. Correttore dell'Associazione e da un membro animali, coloro che da millenni ci rendono
Nell'ambito di queste manifestazioni, al fine di interno all' Associazione. la vita più leggera e sincera.
promuovere le attività di Volontariato presso le La premiazione verrà effettuata durante l Con- Dite stop ai test sugli animali, acquistando
scuole superiori, il direttivo ha deciso di indire ferenza di Sabato 2 Aprile. prodotti BioErmi presso la bottega
un concorso letterario a premi. L'elaborato che di prodotti biologici Naturalmente.
gli studenti potranno produrre dovrà riguardare Sgrassatori, sciogli calcare, detergenti
il tema: per vetri, detersivo lavatrice, piatti e
per ulteriori informazioni rivolgersi presso la pavimenti, lavastoviglie e sbiancabio:
sede sociale in P.zza Gen. C.A. Dalla Chiesa 10 o adatti per ogni esigenza, utilizzano
il volontariato sul territorio telefonare al num. 080 3921880 solamente schiumogeni di origine vegetale
utilità e prospettive e-mail: mise.bisceglie@alice.it e mai petrolchimica, data la scarsa
biodegradabilità e l’impatto ambientale di
questi ultimi.

NASCE IL PRIMO SERVIZIO


Acquistando prodotti Bioermi, certificati
ICEA per LAV, oltre a contribuire alla
salvaguardia dell’ambiente, sosterrete la
CICLO-TURISTICO A BISCEGLIE Lega Nazionale per la Difesa del Cane,
che da oltre mezzo secolo opera su tutto il
territorio opera per evitare maltrattamenti
Silvia La Franceschina e evitare sperimentazioni sugli animali da

È
compagnia.
nato a Bisceglie il primo servizio cittadino Per il primo appuntamento, quello di Domenica Tutta la linea BioErmi è inoltre l’ideale per
di ciclo-turismo, una maniera di viaggiare 30 Gennaio, l’itinerario scelto è stato racchiuso chi soffre di allergie a prodotti caseari,
particolarmente economica, che esce fuori sotto un titolo accattivante: Pedalando tra i falsi derivati da latte e latticini, irritazioni e
dai canoni e dai consueti itinerari del turismo di storici. Il programma ha previsto un’escursione nel dermatiti scaturite da reazioni a ingredienti
massa. Un modo affascinante e avventuroso per centro storico e la visita ad alcuni siti di rilevanza di origine animale, in quanto utilizzano
spostarsi, dedicato a quanti sono accomunati da storica (Castello, Palazzo Ammazzalorsa, Porto, solo tensioattivi derivati da cocco e mais.
una spiccata sensibilità ambientale, da una grande Palazzo Schinosa-Tupputi, Cattedrale, Villa Per quest’anno regalatevi un San Valentino
passione per la bicicletta come mezzo di trasporto Fiore, Villa Milazzi-Curtopassi). E dopo tanto diverso: fate un piccolo gesto d’amore
e come stile di vita, da una vivace curiosità per pedalare, ascoltare, parlare e magari fotografare, rivolto a chi non ve lo rinnegherà mai.
i luoghi sconosciuti al grande pubblico e da una il servizio ciclo-turistico ha proposto un pranzo
grande adattabilità alle situazioni impreviste. biologico organizzato da CicloMurgia, partner
Ogni mese Biciliæ e Pro Loco Bisceglie porteranno che si occupa del servizio d'assistenza tecnica alla
in bici chiunque ne avesse voglia, forestiero e bicicletta, con la collaborazione dell’associazione
concittadino, alla scoperta delle bellezze della Futuro Anteriore.
città, tra Natura e Storia del territorio urbano e
rurale. Per info: biciliae@gmail.com

LAUREA
Auguri alla neo dottoressa
Graziana Di Leo
laureatasi lo scorso 6 Dicembre presso la
Facoltà di Medicina e Chirurgia (corso
di laurea in Educatore Professionale
Sanitario) del Policlinico di Bari.
Ottenendo la votazione di 110 Graziana Di
Leo ha discusso la tesi in Psichiatria dal
titolo Impulsività e Disturbi di Personalità.
A Graziana Di Leo vanno gli auguri dei
suoi genitori e di tutta la sua famiglia, dei
suoi amici e colleghi e della redazione.

27
Via G. Pasquale, 7 - Bisceglie (BT)
Tel/fax 080 9648096 e-mail: sergio.tritto@fastwebnet.it