Sei sulla pagina 1di 1

www.fiscoediritto.it http://twitter.

com/fiscoediritto

CORTE DI CASSAZIONE – SENTENZA DEL 29 MARZO 2011, N. 12795

Fatto e Diritto
p.1. Con ordinanza del 24/09/2010, il Tribunale di ........... respingeva la richiesta di riesame
proposta da (..) (madre dell'indagato) avverso il decreto di sequestro preventivo emesso in data
3/07/2010 dal g.i.p. del medesimo Tribunale per i reati di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, artt. 5 e 10, e
art. 640 c.p., comma 2, e art. 480 c.p.. In particolare, il Tribunale, in ordine alla rilevata eccezione
di incompetenza territoriale relativamente al reato di truffa aggravata (reato più grave fra quelli
contestati), rilevava che la medesima non appariva fondata con la seguente motivazione: "è pur vero
che i reati configurati a carico dell'indagato appaiono connessi tra loro, in quanto riferibili,
logicamente e cronologicamente, ad un identico disegno criminoso; pare però che il reato più grave,
per quanto rappresentato nell'ipotesi accusatoria e negli atti disponibili, se anche posto in essere
attraverso l'induzione in errore dei Funzionali della motorizzazione civili di ........., fosse stato
perpetrato ai danni dell'erario, poichè l'immatricolazione in Italia, ottenuta sulla base di falsa
documentazione, delle autovetture importate e rivendute a clienti nazionali senza assolvere l'obbligo
di versamento dell'Iva, procurava all'indagato o ad altri soggetti un ingiusto profitto in danno
dell'erario; secondo la prospettazione emergente dagli atti il reato deve pertanto ritenersi consumato
nel luogo in cui veniva conseguito dall'indagato il vantaggio fiscale (ossia quello in cui gli oneri
fiscali dovevano essere assolti)". ……..

°°°°°°°°°°°°
LA VERSIONE INTEGRALE E’ DISPONIBILE AL SEGUENTE LINK:

http://www.fiscoediritto.it/page/CORTE-DI-CASSAZIONE-e28093-SENTENZA-DEL-29-
MARZO-20112c-N-12795.aspx

°°°°°°°°°°°°

Tutto il materiale contenuto nel presente documento è reperibile gratuitamente in Internet in siti di libero accesso.
FiscoeDiritto.it offre un servizio gratuito ai propri visitatori, così come gratuito è tutto il materiale presente.
FiscoeDiritto.it vuole crescere ed offrire servizi sempre migliori. Abbiamo quindi bisogno anche del tuo aiuto: visitando
i siti sponsor parteciperete al sostentamento di questo sito. Se invece vuoi vedere il tuo banner sulle pagine di questo
sito contattaci a info@fiscoediritto.it