Sei sulla pagina 1di 4

ACSI

Co.Re.Sa. Ente di Promozione Sportiva


Riconosciuto dal CONI ai sensi
del D.Lgs. N° 242/1999

Comitato Regione Sardegna giochi di soft air

Operation
Poseidon
Matzaccara-Flementepido 22-23 maggio 2010

Antefatto
Co.Re.Sa. Operation Poseidon
Comitato Regione Sardegna giochi di soft air
22-23 maggio 2010

Analisi geo-politica

Lo scenario politico-territoriale
Territori intrisi dalla guerra continua e snervante…
Scenari bellissimi, distrutti e sfregiati dal permanente esplodere di ordigni
azionati da estremisti coinvolti senza neanche saperlo in diatribe politico-
religiose che non finiscono mai.
Questo è lo scenario offerto dalle due storiche fazioni in lotta da sempre
per questioni così antiche che ormai si sono perse nella memoria dei più
anziani…
Siamo in uno dei più belli angoli naturali del mondo, che però vive
costantemente sotto assedio: le terre dell'Himael e del Taffhetar…
Descriviamo più da vicino queste due realtà.

Himael
Nazione ricca di giacimenti petroliferi e giacimenti diamantiferi.
Riconosciuta dalla comunità internazionale nel 1956, dopo lunghe e
sanguinose lotte per il dominio dei propri territori. Fiorenti città e sfarzosi
edifici vengono edificati in pochissimo tempo dopo la guerra. Gli spazi
rubati al deserto vengono subito trasformati in ricchi paesi popolati dai
coloni.
L'economia alimentata dall'industria “dell'oro nero” e dagli scambi continui
col Sud Africa per quanto concerne i diamanti, è altrettanto alimentata dal
potere militare che domina sulla nazione e sui territori limitrofi a
salvaguardia del proprio tenore di vita.
Questa è una realtà sempre e comunque sotto controllo dal fortissimo
potere centrale che affida le proprie scelte tattico-strategiche alle abili
mani del proprio servizio segreto denominato “MOSS” (Military
Organizzation Security Service).

Taffhetar
Nazione dai trascorsi travagliati, storia di un popolo perennemente in
guerra per la conquista del territorio da cui far partire il proprio
sviluppo.
L'ignoranza e l'analfabetismo regnano sovrani in molte di queste terre, gli
scontri per la sopravivenza sono all'ordine del giorno.
Con il paese vicino, l'Himael, l'odio è profondo, antico e radicato.
Comunità intere vengono forgiate dalla nascita ad un odio esasperato
verso i propri vicini dll'Himael. I bambini che impugnano le armi fanno parte
di uno scenario quotidiano.
Si tratta di un popolo facile preda di coloro ai quali serve una mano
armata di pronto impiego, di terroristi, di persone che per qualche dollaro
sono disposte pure all'ultimo sacrificio pur di vedere la propria famiglia
con un pasto assicurato al giorno.
E' un paese diviso da diverse etnie, religioni contrastanti, fattori questi che
non aiutano un processo di identità nazionale…

Antefatto PAG. 1
Co.Re.Sa. Operation Poseidon
Comitato Regione Sardegna giochi di soft air
22-23 maggio 2010

I nemici dell’Himael

Abhu Hanza
Terrorista di fama internazionale, detto “il diavolo”, protagonista di molti
attentati nei quali parecchie persone hanno perso la vita.
Dice di essere un prediletto dal signore per l'eliminazione degli infedeli, di
fatto, le fonti lo dimostrano, i suoi fatti di sangue non alimentano che le
proprie finanze. Svariate proprietà terriere nel mondo arabo, ville ai
Carabi, nelle Filippine, in Angola, in Camerum e in Messico.
Numerosi gli scambi con i signori del cartello colombiano e cosa ancor più
spaventosa è un tremendo amante delle armi di distruzione di massa. La
decadenza del Comunismo e lo smantellamento di depositi nucleari in
Russia sono diventati episodi che nelle sue mani hanno fruttato morti e
denaro al mercato nero internazionale.
E' inoltre un acerrimo nemico dell'Himael e del suo stato sociale ecco
perché viene perennemente braccato dagli agenti del MOSS.

Abdul Raschid
Detto “il pazzo”, braccio destro di Abhu Hanza, un carnefice ed un
sanguinario. A lui si devono in Camerum ed in Angola ed in Cile lo sterminio
di interi villaggi che non volevano stringere il “patto col diavolo.”

Col. Raffha Salim


Nella catena di comando della Nazione del Taffhetar, questo personaggio
ricopre un ruolo veramente importante.
E' il secondo per importanza dopo il ministro della difesa, e spesso lo
sostituisce in tutto. E' colui che in ogni modo contrasta il processo di pace
Taffhetar-Himael, sostenitore accanito delle teorie del “diavolo”.
Con le proprie milizie, copre i continui spostamenti di Abhu Hanza e gli
fornisce sorveglianza speciale per i suoi sporchi traffici.

Il rapimento che ha scioccato il mondo


Pochi giorni fa, degli estremisti simpatizzanti la causa del Taffhetar, hanno
rivendicato il rapimentio del noto chimico di fama internazionale, il Dott.
Joseph Moi.
Si tratta infatti di un chimico illustre, londinese, medio borghese, laureato
ad Haward con il massimo dei voti.
Dopo la famosa scoperta sulle cellule staminali, e sul composto
denominato “certus” vince il nobel per la ricerca nel 1998 e da allora
insieme ad un team anglo-americano si dedica allo studio delle fonti
alternative sulle biomasse.
Ultimamente però, gli studi vertevano sulla possibilità di creare un
batterio, che in un qualche modo igieinizzasse e potabilizzasse grossi
quantitativi d'acqua maleodorante infettata da organismi di ogni tipo, in
brevissimo tempo. Si apriva così per nazioni sottosviluppate ed a corto di
risorse idriche potabili una nuova speranza…
Di lui però, non si hanno più notizie, ed i servizi segreti del MOSS,
ipotizzano una sua prigionia nei territori controllati da Abhu Hanza.

Antefatto PAG.2
Co.Re.Sa. Operation Poseidon
Comitato Regione Sardegna giochi di soft air
22-23 maggio 2010

Le informazioni dei nostri servizi

Si stringono i coltrolli intorno agli ambienti frequentati da Abhu Hanza.


I servizi segreti del MOSS, hanno avuto ottime informazioni, dai loro agenti
infiltrati, riguardo i nuovi rifugi del ricercato numero uno dall'Himael.
Il terrorista internazionale, pare frequenti in questi ultimi mesi i territori
del Taffhetar, dove gode sempre di protezione da parte delle milizie di
stato…
Sicuramente sta creando nuovi campi di addestramento per giovani
terroristi o peggio ancora per formare ed indottrinare nuovi kamikaze.
La conoscenza di tali rifugi potrebbe essere una stupenda occasione per la
cattura del “diavolo” e dei suoi sporchi progetti di morte.
Forse dietro il rapimento del Dott. Moi, c’è il suo zampino...
Inoltre molti dei colpi di mortaio che logorano le frontiere himaeliane,
provengono dalle terre del Taffhetar; gli esperti del MOSS, stanno
valutando non solo la cattura di Abhu Hanza, ma addirittura una completa
invasione lungo costa per eliminare finalmente la minaccia bellica gravante
sulle proprie città.
Sicuramente, voi, reparto scelto del MOSS, esperti di tattiche, guerriglia e
sabotaggi sotto copertura in territorio nemico, siete la nostra migliore
unità di combattimento per compiere questi tipi di azioni in scenari di questo
tipo.
Siete gli unici infatti a poter preventivamente liberare la spiaggia e le prime
forze antiaeree per una invasione anfibia da parte delle nostre truppe…

Siete anche gli unici a poter scovare Abhu Hanza in un così vasto territorio
rimanendo nell'ombra.

Questa chiamata sancisce i vostri ordini di missione e le varie regole


d’ingaggio e modalità di svolgimento degli obj.

ORDINI DI MISSIONE:
1. infiltrazione in territorio nemico con profilo stealt grazie ai
nostri agenti infiltrati operativi da tempo in Taffhetar;

2. cattura o eliminazione di Abhu Hanza;

4. scoprire eventuali nuovi piani da parte del “diavolo”

3. nuova infiltrazione lungo costa a mezzo di gommoni tattici per


preparazione del territorio per l’invasione anfibia da parte dei
reparti del MOSS.

NOME IN CODICE DELLA MISSIONE:


“OPERATION POSEIDON”

DURATA DELLA MISSIONE:


24 ORE

DATA DI MISSIONE:
22-23 MAGGIO 2010

Antefatto PAG. 3